Sei sulla pagina 1di 8

NUCLEO Metadati, citazioni e documenti simili su core.ac.

uk
Fornito da periodici di ingegneria e scienze naturali (PEN - International University of Sarajevo)

Periodici di ingegneria e scienze naturali ISSN 2303-4521


Vol.5, No.3, novembre 2017, pp. 314 ~ 321
Disponibile online su: http://pen.ius.edu.ba

Modellazione numerica della muratura omogeneizzata caricata nel piano


Pareti

Sedat Kömürcü 1, Abdullah Gedikli 2


1 Dipartimento di Ingegneria Civile, Università Tecnica di Istanbul
2 Dipartimento di Ingegneria Civile, Università Tecnica di Istanbul

Informazioni sull'articolo ASTRATTO


Storia dell'articolo: Le strutture in muratura sono una delle strutture più antiche del mondo e occupano un
posto considerevole tra tutte le strutture. La modellazione delle strutture in muratura è
Ricevuto il 30 maggio th, 2017 diventata un'esigenza significativa per valutare i punti di forza delle strutture in muratura
Revisionato il 20 agosto th, 2017 esistenti e per realizzare moderne strutture in muratura. In questo studio, i
Accettato il 18 ottobre th, 2017 comportamenti nel piano delle pareti che costituiscono le strutture in muratura vengono
modellati numericamente e analizzati. La tecnica di omogeneizzazione viene applicata per
ottenere i parametri dei materiali utilizzati nei modelli. Vengono analizzati il muro in
Parola chiave:
muratura piena non armata e il muro in muratura con un'apertura. Vengono studiate
Crepa numericamente le propagazioni delle fessurazioni che si possono verificare sotto i carichi
in piano sulle pareti. I meccanismi di frattura che si verificano nelle pareti sotto l'effetto di
Frattura
carichi nel piano sono determinati come risultato delle analisi.
Omogeneizzazione
Opere murarie
Modellazione

Autore corrispondente:

SedatKömürcü,
Dipartimento di Ingegneria Civile,
Università Tecnica di Istanbul,
Ayazağa Campus Ingegneria Civile Edificio della Facoltà, Maslak, 34469 Sarıyer / Istanbul
E-mail: komurcus@itu.edu.tr

1. Introduzione

La muratura è un materiale composito costituito da elementi e malta. È necessario modellare e analizzare le


strutture in muratura per comprenderle che sono esposte a molti pericoli naturali in particolare i terremoti e
per costruire strutture in muratura sicure e moderne. Esistono diverse tecniche di modellazione per
modellare le pareti che costituiscono le strutture in muratura. Le tecniche di modellazione omogenea sono
tecniche adatte e diffuse che riflettono il comportamento generale della muratura. In questo studio, i
comportamenti non lineari dei muri sotto l'effetto di carichi nel piano vengono modellati e analizzati
numericamente. La tecnica di omogeneizzazione viene utilizzata per modellare le pareti in muratura con le
loro strutture composite. I muri in muratura sono stati modellati e analizzati per determinare i meccanismi di
frattura delle pareti. Inoltre,
Esistono molti studi sulla modellazione omogenea di strutture in muratura. Le ricerche hanno lavorato per
produrre modelli di danno omogenei per le strutture in muratura. Gli effetti degli effetti nel piano sulle pareti
in muratura sono stati studiati da molti scienziati. Gli elementi in muratura e la malta vengono modellati
come un unico materiale nella tecnica di modellazione macro. La tecnica di modellazione macro è stata
studiata in [1] e [2]. Le ricerche sono state create modelli di danno ortotropo negli studi [3] e [4]. Lourenço ha
lavorato alla modellazione computazionale di strutture in muratura utilizzando la tecnica di modellazione
macro [5]. Oller sono stati studiati sulla modellazione numerica di pareti in muratura [6]. Il comportamento
della parete del pannello in muratura è stato studiato in [7] e lo studio numerico sulla resistenza della
muratura è stato presentato in [8].

DOI: 10.21533 / pen.v5i3.117 314


Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

2. Omogeneizzazione delle pareti in muratura

La modellazione delle pareti in muratura è un tema speciale a causa delle diverse caratteristiche dei blocchi di muratura e della
malta. Esistono varie tecniche per caratterizzare il comportamento strutturale della muratura. Le strutture in muratura possono
essere generalmente modellate come modelli eterogenei e omogenei. La tecnica di modellazione macro è nota come tecnica di
modellazione omogenea. Gli elementi murari (mattoni, pietra, ecc.) E la malta sono rappresentati come un unico materiale con
omogeneizzazione delle parti murarie. La procedura di modellazione omogenea è mostrata nella Figura 1. La struttura composita
viene prodotta dopo il processo di omogeneizzazione.

Figura 1. Procedura di modellazione macro.

I muri in muratura sono strutture composite che possono essere omogeneizzate utilizzando tecniche avanzate secondo la tecnica
della macro modellazione. È utile utilizzare parti di pareti in muratura che periodicamente si ripetono sulla parete per modellare le
pareti in muratura per omogeneizzazione. Alcune parti di parete in muratura ripetute periodicamente che possono essere
utilizzate per l'omogeneizzazione sono mostrate in Figura 2. Tutte le parti di parete numerate nella Figura 2 sono chiamate parti di
muro elementari.

Figura 2. Determinazione delle parti elementari della parete ripetute periodicamente.

Le parti elementari della parete sono mostrate nella Figura 3. Queste parti elementari della parete possono essere utilizzate per determinare i
parametri del materiale della parete in muratura utilizzando l'analisi numerica.

Figura 3. Parti elementari del muro.


La procedura di omogeneizzazione viene applicata su una parte elementare della parete. L'applicazione della tecnica di
omogeneizzazione è mostrata in Figura 4. Esistono due diverse direzioni per applicare l'omogeneizzazione a causa della
struttura ortotropa delle pareti in muratura. La parte elementare della parete può essere divisa come parti continue sia in
senso verticale che orizzontale. Infine, al termine della procedura di omogeneizzazione si ottiene una struttura composita.

315
Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

Figura 4. Applicazione della tecnica di omogeneizzazione.

3. Modelli agli elementi finiti di pareti in muratura omogeneizzata

In questo studio, l'analisi agli elementi finiti è stata eseguita nel software ANSYS utilizzando la tecnica di
omogeneizzazione su pareti in muratura non rinforzata senza e con un'apertura. Studi sperimentali sono stati utilizzati per
costruire modelli numerici in letteratura [9], [10]. La parte di parete in muratura ripetuta periodicamente utilizzata
nell'analisi e l'unità di muratura utilizzata nel muro sono mostrate in Figura 5.

Figura 5. (a) Parte elementare del muro (b) Unità in muratura.


La parte elementare del muro è stata divisa in fette come mostrato nella Figura 6.

Figura 6. Taglio della parte elementare del muro.


Tutte le unità di materiale nelle fette che si ottengono dalla parte elementare della muratura possono essere considerate molle
elastiche come mostrato in Figura 7.

Figura 7. Rappresentazione primaverile della parte murale dell'elemento.


Il modulo di elasticità della parete omogeneizzata può essere calcolato utilizzando il modello a molla.
L'elemento finito SOLID 65 nel software ANSYS è stato utilizzato per l'analisi degli elementi finiti. Questo
elemento ha 8 punti nodo e ogni punto nodo ha 3 gradi di libertà di spostamento nelle direzioni x, yez. Può

316
Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

mostra i meccanismi sia di trazione che di compressione. I materiali fragili possono essere modellati come roccia, pietra, mattoni,
cemento, ecc. Questo elemento è adatto per modellare il comportamento non lineare delle strutture e le crepe possono essere
determinate nella struttura. La struttura dell'elemento SOLID 65 è mostrata nella Figura 8.

Figura 8. Elemento SOLID 65.


Parametri del materiale utilizzati nel themodelsareshown nel tavolo 1. Parete
i parametri dei materiali sono stati ottenuti con l'omogeneizzazione della parete in muratura e sono stati implementati sul modello a
elementi micro-finiti.

Tabella 1. Proprietà del materiale.

Modulo di
Materiale Elasticità Poisson ' s Ratio Resistenza alla trazione Resistenza alla compressione
[MPa] [MPa] [MPa]
Mattone 16700 0.15 2 10.5
Mortaio 780 0.15 0.25 3
Muro (omogeneo) 3655 0.15 0.25 9
Nell'analisi numerica, l'ipotesi di frattura Willam-Warnke viene utilizzata per il comportamento non lineare della parete in
muratura. L'ipotesi di Willam-Warnke è un'ipotesi adatta per materiali con diversa resistenza alla compressione e alla trazione
come i materiali da muratura. Il caricamento del muro avviene in due fasi. Nella prima fase di carico, la parete è stata caricata con
una pressione verticale di 0,3 MPa sui nodi superiori della parete. Nella seconda fase di carico, lo spostamento orizzontale è dato
ai nodi superiori delle pareti. La prima fase di caricamento viene implementata dividendo per 10 sotto-fasi uguali. La seconda fase
di caricamento è suddivisa in 40 fasi secondarie.

3.1. Muro in muratura senza apertura

Nel software ANSYS la geometria della parete in muratura è stata creata utilizzando la tecnica di modellazione macro. Le unità di
muratura e la malta sono state prodotte come un unico materiale. La figura 9 mostra la geometria e il carico per la parete in
muratura senza apertura.

Figura 9. Geometria e carico della parete in muratura.


Spostamento totale alla fine della 1. fase di carico, tensioni principali minime alla fine della 1. fase di carico,
le tensioni principali minime a δ = 1, lo spostamento totale a δ = 1mm e le sollecitazioni di taglio a δ = 1mm sono mostrate in
Figura 10. La distribuzione continua delle tensioni è determinata tra i mattoni e la malta.

317
Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

Figura 10. Muratura senza apertura: (a) spostamento totale alla fine del 1. gradino di carico, (b) minimo
principal str esses alla fine della 1. fase di carico, (c) tensioni principali minime a δ = 1, (d) spostamento totale a
δ = 1 mm, (d) sollecitazioni di taglio a δ = 1 mm.

La distribuzione delle fessure della parete in muratura non armata da δ = 0,1 mm a δ = 1 mm è riportata in Figura 11.
Le crepe continue sono ottenute con la tecnica della macro modellazione secondo l'analisi agli elementi finiti.

Figura 11. Distribuzioni delle fessure per muro in muratura senza aperture.
Si è visto che le crepe sono iniziate inizialmente dagli angoli superiore sinistro e inferiore destro del muro. Successivamente, si sono
verificate crepe diagonali sul muro.

3.2. Muro in muratura con apertura

Secondo esempio di omogeneizzazione lavorato su parete in muratura con apertura. La figura 12 mostra la geometria e il
carico per la parete in muratura con un'apertura.

318
Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

Figura 12. Muro in muratura con geometria di apertura e carico.

Spostamento totale alla fine della 1. fase di carico, tensioni principali minime alla fine della 1. fase di carico,
tensioni principali minime a δ = 1, spostamento totale a δ = 1mm e sollecitazioni di taglio a δ = 1mm secondo
l'analisi agli elementi finiti è mostrata nella Figura 13.

Figura 13. Muratura con apertura: (a) spostamento totale alla fine del 1. gradino di carico, (b) minimo principale
tensioni alla fine del 1. gradino di carico, (c) tensioni principali minime a δ = 1, (d) spostamento totale a δ = 1 mm,
(d) sollecitazioni di taglio con δ = 1 mm.
Le distribuzioni delle fessure della parete in muratura non armata con apertura sono date da δ = 0,1 mm a δ = 1
mm in Figura 14.

Figura 14. Distribuzioni di fessure per muro in muratura con apertura.

319
Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

Si è visto che le crepe sono iniziate per la prima volta dagli angoli inferiore sinistro e superiore destro della fessura nel
muro. Oltre alle fessure diagonali sul muro, si formano fessure nella parte inferiore destra del muro e in linea con la parte
superiore sinistra dell'apertura. Infine, fessure diagonali si diffondono alle porzioni sinistra inferiore e destra superiore del
muro. E le crepe orizzontali si diffondono verso l'angolo superiore sinistro e inferiore destro del muro. Infine, meccanismo
di rottura della parete in muratura con un'apertura idealizzata come quattro blocchi rigidi collegati da quattro giunti.

4. Risultati e discussione

In questo studio, le pareti in muratura non armata senza e con un'apertura sono state modellate e analizzate utilizzando il
metodo degli elementi finiti. Le distribuzioni delle crepe sono state studiate passo dopo passo sui muri. Il motivo delle crepe può
essere spiegato in termini di effetti interni. La figura 15 (a) mostra i motivi delle crepe sulla parete in muratura non armata. In
primo luogo, le crepe orizzontali che si verificano nelle parti in alto a sinistra e in basso a destra del muro indicate con il numero
(1) sono crepe da trazione o da taglio. In secondo luogo, le crepe che si verificano nelle parti in alto a destra e in basso a sinistra
del muro indicate con il numero (2) sono crepe da compressione. Successivamente, le fessure diagonali che si verificano nella
regione centrale del muro sono rappresentate dal numero (3) sono causate da molteplici influenze.

Figura 15. I motivi delle crepe sui muri in muratura.


La Figura 15 (b) mostra le ragioni delle crepe sul muro in muratura non rinforzato con un'apertura. Le crepe formate negli angoli
superiore destro e sinistro dello spazio mostrato con il numero (1) sono crepe dovute alla trazione. Le crepe negli angoli in basso a
sinistra e in alto a destra di il muro e le crepe nel gli angoli in basso a destra e in alto a sinistra di
l'apertura mostrata con numero (2) arepressurecracks. Le crepe orizzontali sono iniziate dal bordo di
il muro e continua verso l'apertura mostrata con il numero (3) sono crepe.
Spostamento orizzontale della parte superiore del muro e reazione orizzontale della forza del muro sono mostrati i diagrammi dei
due modelli a parete nel figura 16. It è vedere che il muro di muratura non si apre ha
maggiore robustezza della muratura muraria con apertura. Ma, muratura con un
l'apertura rappresenta un comportamento riduttileviortala muratura in muratura senza aprire.

Figura 16. Caricare - curve di spostamento dei modelli di muratura muraria dopo l'analisi.

5. conclusione

La tecnica di modellazione, il modello di materiale e l'ipotesi di frattura formano una combinazione per la modellazione delle
pareti in muratura. Nella tecnica di modellazione omogenea, i parametri del singolo materiale vengono utilizzati come proprietà
media per l'unità di muratura e la malta. Fessurazioni continue possono essere ottenute utilizzando la tecnica di
omogeneizzazione sulle pareti. La resistenza di un muro in muratura con un'apertura è notevolmente a un livello inferiore rispetto
a un muro in muratura senza apertura, ma il muro in muratura con un'apertura rappresenta un comportamento più duttile.

320
Sedat Kömürcü et al. PENVol. 5, n. 3, novembre 2017, pagg.314 - 321

Ringraziamenti
Questa ricerca è stata sostenuta finanziariamente dall'unità dei progetti di ricerca scientifica dell'ITU.

Riferimenti

[1] RD Quinteros, S. Oller, LG Nallim, " Tecniche di omogeneizzazione non lineare per risolvere la muratura
problemi di strutture, " Strutture composite., vol. 94, pagg. 724 - 730, 2012.
[2] HO Köksal, B. Doran, AO Kuruscu, A. Kocak, " Analisi elastoplastica agli elementi finiti di murature a taglio, " Giornale
KSCE di ingegneria civile., vol. 20, pagg. 784-791, 2016.
[3] L. Pela, M. Cervera, P. Roca, " Un modello di danno ortotropo per l'analisi di strutture in muratura, "
Materiali da costruzione e da costruzione., vol 41, pagg. 957-967, 2012.
[4] PB Lourenço, " Un modello di continuità ortotropica per l'analisi delle strutture in muratura, " Paesi
Bassi, TU Delft, Report 03-21-1-31-27, 1995.
[5] Lourenço, " Strategie computazionali per strutture in muratura " Tesi di dottorato, Delft University of
Technology, Paesi Bassi, 1996.
[6] S. Oller, Simulazione numerica del comportamento meccanico di materiali compositi, Barcellona, Spagna, Springer,
2014.
[7] A.Th. Vermeltfoort, TMJ Raijmakers, " Prove di meso shear controllate dalla deformazione su pilastri in muratura, "
Paesi Bassi: Building and Construction Research, Eindhoven, Report B-92-1156, TNO-BOUWrrU,
1992.
[8] A.Th. Vermeltfoort, TMJ Raijmakers, " Prove di meso shear controllate dalla deformazione su pilastri in muratura, "
Paesi Bassi: Building and Construction Research, Eindhoven, Report B-92-1156, TNO-BOUWrrU Part 2
Draft report, 1993.
[9] L. Berto, A. Saetta, R. Scotta, R. Vitaliani, " Comportamento al taglio del pannello in muratura: analisi FE parametriche, "
Giornale internazionale di solidi e strutture., vol. 41 pagg.4383 - 4405, 2004.
[10] A. Drougkas, P. Roca, C. Molins, " Previsione numerica del comportamento, forza ed elasticità di
muratura in compressione, " Strutture di ingegneria., vol 90, pagg.15 - 28, 2015.

321