Sei sulla pagina 1di 30

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica

Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

- 7b -

FRESATURA

Corso di Tecnologia Meccanica A 1

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

FRESATURA
La fresatura è una lavorazione per asportazione di materiale
che consente di ottenere una vasta gamma di superfici
(piani, scanalature, spallamenti, ecc.) mediante l’azione di
un utensile pluritagliente a geometria definita.

Corso di Tecnologia Meccanica A 2


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Moti relativi
Taglio: moto rotatorio posseduto dall’utensile.
Avanzamento: traiettoria relativa utensile pezzo.

Corso di Tecnologia Meccanica A 3

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Moti relativi

FRESATURA FRESATURA FRESATURA


FRONTALE PERIFERICA ASSIALE

Corso di Tecnologia Meccanica A 4


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

FRESATURA PERIFERICA
I taglienti sono disposti lungo la periferia esterna del disco o
cilindro.

Corso di Tecnologia Meccanica A 5

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Modalità di avanzamento

IN OPPOSIZIONE IN CONCORDANZA

Corso di Tecnologia Meccanica A 6


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura discorde
Per fresatura discorde si intende la fresatura nella quale
l’avanzamento risulta in opposizione:
– il tagliente nella parte iniziale striscia sulla superficie;
– vince la resistenza del materiale ed inizia a tagliare;
– lo spessore del truciolo cresce gradatamente.

Corso di Tecnologia Meccanica A 7

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura discorde: forze


Possibile scomposizione della risultante R:

Corso di Tecnologia Meccanica A 8


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura discorde: pro e contro


- Strisciamento iniziale:
– usura del dente della
fresa
– incrudimento del
materiale
– eccessivo riscaldamento
del tagliente
Forza verticale verso l’alto:
– vibrazioni della macchina
– distacco del pezzo
dall’attrezzatura

+ Forza orizzontale opposta all’avanzamento:


– contatto continuo dei fianchi dei filetti della vite e della
madrevite
Corso di Tecnologia Meccanica A 9

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura concorde
Per fresatura concorde si intende la fresatura nella quale
l’avanzamento risulta in concordanza:
– il tagliente inizia a tagliare in modo netto dalla parte a
sezione maggiore (non vi è strisciamento, ma urto);
– lo spessore di truciolo decresce.

Corso di Tecnologia Meccanica A 10


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura concorde: forze


Possibile scomposizione della risultante R:

Corso di Tecnologia Meccanica A 11

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura concorde: pro e contro

+ Assenza strisciamento:
– buona finitura superficiale
– ridotto riscaldamento del
pezzo e del tagliente
– potenza assorbita minore
Forza verticale verso il basso:
– stabilità del bloccaggio

- Forza orizzontale concorde:


– distacco periodico dei fianchi dei filetti della madrevite da
quelli della vite
Urto iniziale:
– rischi di rottura del dente
Corso di Tecnologia Meccanica A 12
Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

FRESATURA FRONTALE
I taglienti sono disposti in modo tale che la loro parte attiva
sia in corrispondenza della base del corpo cilindrico della
fresa.

Corso di Tecnologia Meccanica A 13

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura frontale spianatura

Corso di Tecnologia Meccanica A 14


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura frontale spianatura

Corso di Tecnologia Meccanica A 15

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura frontale: forze


Possibile scomposizione della risultante R:

Corso di Tecnologia Meccanica A 16


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura frontale: forze


Forza parallela alla direzione di moto O:
– nel tratto AB opposta alla direzione di avanzamento
– nel tratto BC concorde alla direzione di avanzamento
Forza ortogonale alla direzione di moto V:
– sposta lateralmente il pezzo

Corso di Tecnologia Meccanica A 17

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura frontale: forze


Per la stabilità della lavorazione la risultante orizzontale deve
opporsi all’avanzamento:
– tratto di ingresso AB > del tratto di uscita BC
– disallineamento dell’asse della fresa

Se D > L (D > 1.3-1.7 L)


sporgenza nel tratto in ingresso ≈ 0.1 D
sporgenza nel tratto in uscita ≈ 0.3 D

Corso di Tecnologia Meccanica A 18


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

D<L
I < W/3

Corso di Tecnologia Meccanica A 19

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura: FRONTALE vs PERIFERICA


Nella fresatura frontale:
– spessore del truciolo pressoché costante: assenza di vibrazioni
– maggiore rigidità (asse della fresa corto)
– solitamente maggior numero di denti in presa: lavorazione più
uniforme

dr

Corso di Tecnologia Meccanica A 20


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Angoli caratteristici fresatura periferica


Le frese sono utensili pluritaglienti, con
taglienti disposti su varie superfici:
– piane
– di rivoluzione
• cilindriche
• coniche
• di forma

Ogni dente (con petto e fianco) è


assimilabile ad un utensile monotagliente.
Ciascun tagliente della fresa lavora ad intermittenza.
Corso di Tecnologia Meccanica A 21

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Frese a denti dritti


Si considera la sezione secondo un piano perpendicolare ai
taglienti e all’asse della fresa.

In questo piano si hanno:


• angolo di spoglia superiore γ
• angolo di taglio β
• angolo di spoglia inferiore α
• angolo di scarico αs

Corso di Tecnologia Meccanica A 22


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Tipologie di profili
PROFILO COSTANTE:
• E’ necessario riaffilare la fresa
solo sul petto del tagliente.
• L’angolo di spoglia effettivo non
cambia, neanche dopo più
operazioni di riaffilatura.

PROFILO PER PIANI:


• E’ possibile ottenere tolleranze
più strette sul diametro.
• Meno rischio di vibrazioni durante
la lavorazione.

Corso di Tecnologia Meccanica A 23

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Angoli caratteristici fresatura frontale

Corso di Tecnologia Meccanica A 24


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Tipologie di frese
Frese cilindriche-periferiche
– superfici piane

Frese cilindrico-frontali
– frese a manicotto
– frese a codolo
– frese a codolo ad
estremità semiferica

Corso di Tecnologia Meccanica A 25

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Tipologia di frese Sgrossatura Finitura

Frese a manicotto
– spianatura di superfici piane
– lavorazione contemporanea di
due superfici ortogonali.

Frese a codolo
– scanalature, anche curvilinee
– contornature esterne ed interne
– cave per linguette.

Frese a codolo semisferiche


– superfici complesse
Corso di Tecnologia Meccanica A 26
Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Tipologia di frese
Frese a disco a tre tagli
– scanalature rettilinee.

Frese per scanalature a T


– l’esecuzione di una scanalatura
a T vuole la prescanalatura
a sezione rettangolare.

Corso di Tecnologia Meccanica A 27

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Spianatura
È la lavorazione
di piani, con eventuali
spallamenti laterali.

Corso di Tecnologia Meccanica A 28


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Frese a codolo

Corso di Tecnologia Meccanica A 29

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Frese a codolo: numero di taglienti

• Il numero di taglienti per la contornitura deve essere quanto


più elevato possibile.
• Il numero di taglienti per l’esecuzione di cave deve essere in
relazione alla profondità di taglio.

Corso di Tecnologia Meccanica A 30


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Frese a codolo: sistema di bloccaggio

Mandrino portapinza con


codolo liscio:

Codolo con piano di bloccaggio


ISO/ANSI:

Codolo filettato BS122 Parte 4


adatto ai mandrini tipo Fastloc:

Corso di Tecnologia Meccanica A 31

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Contornitura
È la lavorazione
di profili mediante frese
“a candela”.

Corso di Tecnologia Meccanica A 32


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Esecuzione di cave
È la lavorazione con cui si ottengono cave, scanalature o
asole di diverse geometrie.

Corso di Tecnologia Meccanica A 33

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Esecuzione di cave
È possibile ottenere scanalature a T o con geometrie
complesse.

Corso di Tecnologia Meccanica A 34


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura a tuffo
Per questo tipo di operazione è necessario ridurre l’avanzamento
con un fattore pari al numero di taglienti.

• Ottima per realizzare


fori fuori allineamento.
• Funziona come un alesatore.

Corso di Tecnologia Meccanica A 35

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Frese con testa semisferica


Si possono avere, modificando al momento della riaffilatura o su
ordine speciale, profili raggiati, smussati, tondi ed arrotondati.

Cave Finitura Sgrossatura

Corso di Tecnologia Meccanica A 36


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Frese sagomate

Frese ad angolo Frese a ¼ di


cerchio

Corso di Tecnologia Meccanica A 37

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Superfici complesse
Si ha, ad esempio, con la lavorazione di superfici di stampi.

Percorso utensile
complesso

Corso di Tecnologia Meccanica A 38


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Applicazioni delle frese a codolo

Corso di Tecnologia Meccanica A 39

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Tipi di frese
Esiste inoltre una
grande varietà di
tipi di frese per
poter realizzare
diverse geometrie

Corso di Tecnologia Meccanica A 40


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Taglio di ingranaggi

Corso di Tecnologia Meccanica A 41

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

La fresatrice universale

Corso di Tecnologia Meccanica A 42


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Elementi caratteristici
Mandrino ad asse orizzontale o verticale

Gruppo sostegno del pezzo


– mensola
– slitta trasversale
– slitta longitudinale

Corso di Tecnologia Meccanica A 43

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatrice universale testa


mandrino verticale

cambio velocità
mandrino ed
avanzamenti
albero porta
fresa

tavola mandrino
porta frese

slitta
spostamento trasversale
manuale
longitudinale

basamento

Corso di Tecnologia Meccanica A 44


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatrice universale
Piattaforma girevole sulla
slitta trasversale

Corso di Tecnologia Meccanica A 45

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatrice orizzontale

Corso di Tecnologia Meccanica A 46


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatrice verticale
Albero verticale
o
inclinabile

Corso di Tecnologia Meccanica A 47

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Le fresatrici moderne

Corso di Tecnologia Meccanica A 48


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Le fresatrici moderne

Corso di Tecnologia Meccanica A 49

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Parametri di taglio
Velocità di rotazione del mandrino n [giri/min]
Velocità di taglio vt [m/min]
Avanzamento al dente az [mm/dente*giro]
Avanzamento al giro a [mm/giro]
Velocità di avanzamento Va [mm/min]

Va
 mm 
Vt
Va = Z ⋅ a z ⋅ n 
az a Vt
az a  min 
Va

t
t

Corso di Tecnologia Meccanica A 50


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Parametri di taglio

Corso di Tecnologia Meccanica A 51

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Corso di Tecnologia Meccanica A 52


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

a
az
Z=8 a = 8 az

L
Corso di Tecnologia Meccanica A 53

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura periferica - Forze e Potenze di taglio


ϕ ϕ
1 1 az
s dθ = ∫ a sinθ dθ = (1 − cos ϕ )
ϕ∫ θ
sθ = a z ⋅ sinθ sm =
0
ϕ 0
ϕ z

2p 2a z p
cos ϕ = 1 − sm = S m = sm ⋅ L
D ϕ D
O
Poiché la sezione del truciolo non
è costante, risulta non costante
θ az
anche il valore della pressione di L
taglio. Anche per questa ci si ϕ
riferisce ad un valore medio ksm. B x

Quindi: smax
p
Tm = k sm S m
A

Corso di Tecnologia Meccanica A 54
Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

ϕ
zc = ⋅z

z : numero di denti della fresa

Fm ⋅ vt ⋅ zc 1
Ptot = Pm ⋅ zc = ⋅ [kW]
60 ⋅1000 η
Corso di Tecnologia Meccanica A 55

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Fresatura frontale – Forze e Potenze


di taglio
sθ = a z sin θ
ϕ2 ϕ2
1 1
sm = ∫
ϕ 2 − ϕ1 ϕ1
sθ dθ =
ϕ 2 − ϕ1 ϕ∫1
a z sin θ dθ
s
az
sm = (cos ϕ1 − cos ϕ 2 )
ϕ 2 − ϕ1
2 ⋅ B1
cos ϕ1 =
D
− 2 ⋅ B2
cos ϕ 2 =
D
2⋅ B
sm = a z ⋅
θ D ⋅ (ϕ 2 − ϕ1 )
S m = sm ⋅ p
Corso di Tecnologia Meccanica A 56
Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Anche in questo caso vale il discorso che poiché la sezione del


truciolo non è costante, risulta non costante anche il valore della
pressione di taglio. Anche per questa ci si riferisce ad un valore
medio ksm.
Quindi vale: Tm = k sm S m

Il valore di ksm però questa volta non è funzione dello spessore


medio del truciolo, bensì dello
spessore medio effettivo som.

Questo vale: som = sm ⋅ sin χ

Fm ⋅ vt ⋅ zc 1
Ptot = Pm ⋅ zc = ⋅ [kW] sm
60 ⋅1000 η som

Corso di Tecnologia Meccanica A 57

Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica


Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Rugosità in fresatura frontale

Analogamente alla tornitura vale: a z2 1


Rmax ≅ Ra ≅ Rmax
8R 4

Rugosità reale
Sperimentalmente si 100
90
verifica che il valore della 80
rugosità reale è superiore: 70 D=25 mm
D=50 mm
60
Rmax

50
D=100 mm
40
30
D=200 mm
20
10
0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5
a

Corso di Tecnologia Meccanica A 58


Università di Brescia – Dipartimento di Ingegneria Meccanica
Tecnologie e Sistemi di Lavorazione

Rugosità teorica in fresatura periferica

P P’

C dr
yc
Per ragioni di simmetria:

az
A
az
B xc =
2
xc
a z2 1
Rmax ≅ Ra ≅ Rmax
Con R si intende il raggio della fresa. 8R 4
Corso di Tecnologia Meccanica A 59