Sei sulla pagina 1di 35

Università degli Studi di Palermo

Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale


Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Corso di Disegno Assistito da Calcolatore


Prof. T. Ingrassia, Prof. V. Nigrelli
con la collaborazione dell’Ing. V. Ricotta

QUOTATURA

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

NORME
I criteri e le regole per la quotatura dei disegni tecnici sono illustrati nella norma:

UNI ISO 129-1:2011


Disegni tecnici. Quotatura e indicazioni delle tolleranze. Parte 1:Principi
generali

Sostituisce: UNI 3973 – UNI 3974 – UNI 3975 – UNI 3976 – UNI 4820

1
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

DEFINIZIONI E TERMINOLOGIA

Quota: è il valore numerico che definisce quantitativamente una


dimensione nel disegno. Essa deve esser espressa in una ben definita
unità di misura (per il disegno tecnico, in mm).

Quotatura: è l’insieme delle quote e di tutte le informazioni grafiche ed


alfanumeriche necessarie a definire quantitativamente gli elementi
geometrici e il loro posizionamento.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Dal disegno di insieme è possibile ricavare:

- disegni di particolari (detti anche disegni di prodotto finito)


che rappresentano pezzi singoli e che definiscono il prodotto
nel suo stato di utilizzazione tecnica;

- disegni costruttivi (di ausilio alla fabbricazione);

- disegni di collaudo (che mettono in evidenza le dimensioni da


controllare).

2
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Tutte le dimensioni o quote, così come qualsiasi altra informazione


necessaria per definire completamente un pezzo allo stato finito ed
assicurare l’attitudine all’impiego devono essere poste nel disegno tenendo
presenti le esigenze di:

montaggio (quotatura funzionale);


fabbricazione (quotatura tecnologica);
verifica (quotatura di collaudo).

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Anche se sono osservate le regole date, una buona quotatura dipende


da una attenta analisi che si basa sulla conoscenza:

- della funzione del pezzo;

- del processo di lavorazione impiegato per produrlo;

- del metodo con cui sarà controllato nelle sue dimensioni


effettivamente realizzate

3
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Il progettista nell’indicare le quote da riportare sul disegno deve:

pensare che un componente meccanico non è mai da considerare a sé


stante ma facente parte di un meccanismo nel quale assolve una determinata
funzione ed è pertanto necessario individuare con molta attenzione le
QUOTE FUNZIONALI essenziali per il corretto funzionamento;

conoscere la sequenza di operazioni necessarie per ottenere le forme


volute, partendo da un pezzo grezzo, in modo da definire le QUOTE
TECNOLOGICHE, che facilitano il lavoro di chi deve realizzare il pezzo,
fornendogli le indicazioni che più gli servono per impostare la lavorazione;

individuare le QUOTE DI COLLAUDO, di ausilio nelle operazioni che


verificano la rispondenza tra misure reali e le dimensioni riportate sul
disegno.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Tenendo presenti queste categorie di quote, bisognerà sistemare le misure in


modo che ne risulti un complesso atto a definire in modo completo il pezzo
da ogni punto di vista: funzionale, costruttivo e di controllo.

Ne segue, in particolare, che se un dato pezzo può essere prodotto (o


controllato) in più modi, ad ogni procedimento di produzione (o metodo di
controllo) corrisponderà un tipo di quotatura più confacente, ossia più
pratico, perché le quote saranno riferite agli elementi che costituiscono la
base delle diverse operazioni di lavorazione (o di controllo).

La quotatura, quindi, non è qualcosa di assoluto: un modo di quotare un


pezzo se il pezzo è realizzato da una data industria con un certo tipo di
macchine, può non esserlo se realizzato con macchine diverse (da un’altra
industria o meno).

4
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Difficilmente le dimensioni sono rilevate direttamente dai disegni e di norma la


quotatura è necessaria per i seguenti motivi:

facilità e rapidità di lettura delle quote scritte rispetto al rilievo diretto;

difficoltà di rilevare direttamente dal disegno dimensioni inferiori al


millimetro o meno;

distorsione delle forme nelle riproduzioni e nelle copie con conseguente


alterazione delle dimensioni.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

LINEE DI MISURA E DI RIFERIMENTO E CRITERIO DI


INDICAZIONE DELLE QUOTE
Linea di misura, segmento rettilineo o
arco di circonferenza che rappresenta la
distanza o quota che si vuole precisare;
viene tracciata con linea continua fine.
Linee di riferimento che indicano gli
elementi (rette, piani, punti, ecc…) di cui si
vuole precisare la distanza o quota e
vengono tracciate con linee continui fini.
Frecce che indicano gli estremi delle
linee di misura.
La parte numerica o quota che indica il
valore della misura che si vuole precisare.

5
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Linee di riferimento
Hanno lo scopo di collegare una dimensione
dell’oggetto con gli estremi della linea di
misura.

Non devono, per quanto possibile,


intersecare altre linee nel disegno.

Non devono, per quanto possibile,


intersecare le linee di misura.

E’ possibile utilizzare come linee di


riferimento assi, linee di contorno o il loro
prolungamento, possono iniziare dalle
intersezioni fittizie individuate da linee di
contorno.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Linee di riferimento

Per necessità di chiarezza, le linee di riferimento possono essere oblique


all’elemento da misurare, ma parallele tra loro.

6
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Linee di misura

Hanno lo scopo di individuare le dimensioni dell’oggetto limitate, in generale,


dalle linee di riferimento e definite dai valori numerici delle quote.

Non devono coincidere con assi, con linee di contorno e di riferimento.

Non devono, per quanto possibile, intersecare altre linee nel disegno.

Devono essere sempre parallele ai tratti da quotare.

Devono, per quanto possibile, essere tracciate all’esterno della figura.

Devono essere tracciate sufficientemente lontane tra loro e dalle linee di


contorno (minimo 6 mm; normalmente 10 mm).

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Linee di misura
Devono essere disposte le minori vicino alla rappresentazione e quelle maggiori
progressivamente più lontane, al fine di evitare, per quanto possibile,
l’intersezione di esse con le linee di riferimento.

Devono essere, di regola, perpendicolari alle linee di riferimento;


eccezionalmente, per maggior chiarezza, si può ricorrere a linee di riferimento
inclinate e parallele tra loro.

Devono essere tracciate interamente anche se si riferiscono ad elementi


rappresentati con interruzioni.

7
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

ELEMENTI DI UNA QUOTA


Linee di misura
Le linee di misura sono perpendicolari alle linee di riferimento (a).
Le linee di misura non devono coincidere con assi, linee di contorno o linee di
riferimento (b).
Evitare l’intersezione delle linee di misura con qualsiasi altra linea, se ciò non è
possibile, le linee di misura non vanno interrotte.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Frecce
Caratterizzano l’intersezione tra le linee di misura e le linee di riferimento.
Sono costituite da due tratti formanti un angolo di 30° o 90°.
Possono essere aperte o chiuse (piene o vuote).

Chiusa, piena e tratti a 30° Chiusa e tratti a 30° Aperta e tratti a 30°

Aperta e tratti a 90° Tratto obliquo Punto (usato solo se non c’è spazio
per le frecce: può anche essere
usato il tratto obliquo

8
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

Quota
Il valore della quota dovrà essere indicato
nei disegni con un carattere la cui misura sia
completamente leggibile nel disegno
originale così come nelle sue riproduzioni.
La scrittura utilizza preferibilmente
caratteri di tipo B (UNI EN ISO 3098).
Nessuna linea deve attraversare o coprire
il valore della quota.
Evitare, se possibile, di scrivere quote
nelle zone tratteggiate. Se non è possibile,
allora interrompere il tratteggio.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CRITERIO DI SCRITTURA
La UNI 3973 prevedeva due criteri di scrittura (A e B).
La ISO 129-1 ne prevede solo 1 (analogo al criterio A della UNI 3973).

Il valore della quota deve essere posizionato parallelamente alla linea di misura,
in prossimità della sua mezzeria e leggermente al di sopra.
I valori delle quote devono risultare leggibili dalla base o dal lato destro del
disegno (cioè, col foglio orizzontale o ruotato di 90° in senso orario).

9
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CRITERIO DI SCRITTURA
I valori della quota su dimensioni oblique o valori di dimensioni angolari vanno
indicati come negli schemi sottostanti.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CRITERIO DI SCRITTURA
Altre varianti o criteri (es. criterio B della vecchia norma) non sono consentiti:

10
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTE NEI DISEGNI IN SCALA


Nei disegni si indicano sempre le dimensioni dell'oggetto reale.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

POSIZIONI SPECIALI PER I VALORI DELLA QUOTA

Casi particolari di quotatura in


mancanza di spazio.

Quotatura tabellare: il componente ha una


topologia che non cambia al variare delle
dimensioni caratteristiche.

11
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CONVENZIONI PARTICOLARI DI QUOTATURA: SIMBOLI


Per alcune dimensioni si devono usare simboli grafici che identificano la forma
dell’elemento quotato. I simboli devono precedere il valore numerico e sono i
seguenti:
: diametro
: raggio

: quadro

: diametro sferico

: raggio sferico

: arco

: spessore

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CONVENZIONI PARTICOLARI DI QUOTATURA: SIMBOLI

12
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: DIAMETRI
La normativa corrente richiede di usare sempre il simbolo Ø davanti al valore
della quota.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: DIAMETRI
Di una circonferenza si quota sempre il diametro e non il raggio.
Le linee di misura devono essere portate fuori dal contorno del pezzo,
parallelamente ad uno degli assi principali; oppure possono passare per il
centro, formando angoli preferibilmente di 30° e 45° (al massimo 2 linee di
misura).

13
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: RAGGI
Raggi: il simbolo R precede sempre il valore della quota.
La linea di misura ha sempre direzione radiale e si usa una sola freccia
terminale, posta all'interno (cioè, dal lato del centro di curvatura).

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: RAGGI
In mancanza di spazio, la freccia può essere posta all'esterno, ma la linea di
misura va prolungata oltre la freccia, verso il centro di curvatura.

Quando il centro di curvatura di un raggio è


lontano o fuori dal disegno, la linea di
misura può essere interrotta o spezzata
perpendicolarmente.

La linea di misura deve però essere sempre


diretta verso il centro effettivo.

14
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: SFERE, ARCHI, CORDE, ANGOLI


Sfera: il valore della quota è preceduta dai simboli SØ (quota del diametro della
sfera) e SR (quota del raggio della sfera).

La quotatura di un arco, corda e angolo è eseguita come nei seguenti esempi:

arco corda angolo

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: ARCHI
In caso di ambiguità, si introduce una linea di richiamo per connettere la linea
di misura con l’arco soggetto a quotatura.

15
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: SMUSSI
Smusso: è un tratto conico terminale in un
pezzo cilindrico, usato per eliminare lo spigolo
vivo e per facilitare l'accoppiamento con un
foro.
Si quotano:
‐ la lunghezza assiale dello smusso
‐ il semiangolo al vertice

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: SMUSSI
Gli smussi non si quotano mai "in serie" con altre quote, perché sono ottenuti
indipendentemente alla fine della lavorazione del pezzo.

Lo smusso non si quota "in serie"


con la lunghezza del pezzo.

Lo smusso si quota in direzione


assiale, non radiale.

Si quota lo smusso, non il


diametro della faccia terminale.

16
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: QUADRI
Quotatura di terminali a facce piane (quadri).

Quando la vista non chiarisce la forma del


terminale quadrato, si deve usare il
simbolo □.

Quando il disegno chiarisce la forma del


terminale quadrato, il simbolo □ non è
necessario.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA DI ENTITA’ EQUISPAZIATE E/O RIPETUTE


La posizione delle entità equispaziate
si indica così:
n° ripetizioni x passo (=dim. totale).

Se il passo e il numero di ripetizioni


hanno valori simili, si quota
separatamente anche il passo
(soluzione da preferire sempre).

17
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA DI ENTITA’ EQUISPAZIATE E/O RIPETUTE


Si scrive:
8xØ10

Fori ripetuti: si indica la Con fori di tipo diverso che si ripetono, si


quota di 1 foro ed il n. totale possono utilizzare delle lettere di richiamo.
di fori.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA DI PARTI SIMMETRICHE

Nel caso di oggetti di grandi


Nelle viste e nelle sezioni disegnate dimensioni, simmetrici rispetto ad un
solamente fino ad un asse di asse perpendicolare alle linee di
simmetria, le linee di misura devono misura, le linee di misura stesse
superare di poco l’asse. possono essere disposte come nella
figura sopra.

18
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA DI DIMENSIONI NON IN SCALA


Le quote delle parti che non sono disegnate in scala devono essere sottolineate.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

ELEMENTI CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE


Una porzione di superficie con una prescrizione particolare è evidenziata da una
linea mista grossa adiacente alla superficie e parallela ad essa alla minima distanza
necessaria alla chiarezza di interpretazione.
La posizione e l'estensione della parte di superficie interessata devono essere definite
indicando le quote corrispondenti.

Quando la superficie appartiene ad


un solido di rivoluzione l'indicazione
va eseguita in corrispondenza di una
sola generatrice.

19
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

DISEGNI DI INSIEME
Nel caso di quotature di disegni di insieme le quote devono essere raggruppate,
per quanto possibile, in modo da facilitare la relativa lettura; per esempio: le
linee di misura delle parti interne distinte da quelle esterne.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CURVATURA DI PROFILI
I profili possono essere individuati mediante:
Centri e raggi di curvatura.
Quando il centro dell'arco è situato fuori dal limite di una rappresentazione, le
linee di misura dei raggi possono essere spezzate o interrotte, secondo che
debbano o no indicare la posizione del centro.

20
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CURVATURA DI PROFILI
Coordinate.
In questo caso la quotatura viene eseguita mediante l'indicazione delle
coordinate di un determinato numero di punti.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: CONICITA’
E’ il rapporto tra la differenza dei diametri di due sezioni di un cono e la
distanza tra le sezioni stesse.

21
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: CONICITA’
Tre modi diversi per quotare la conicità:

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA: INCLINAZIONE

1:20
5:100 5%

22
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA DI ELEMENTI NORMALIZZATI


Gli elementi contemplati dalla normativa e definiti geometricamente in specifiche tabelle
(viti, dadi, rosette) possono non essere quotati, ma devono in ogni caso essere richiamati
con la specifica designazione normalizzata (ad es. Dado UNI 5448 ‐AM8).

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CLASSIFICAZIONE DELLA QUOTATURA


Possiamo distinguere diversi tipi di quotatura:
da un punto di vista geometrico:
- quote di grandezza
- quote di posizione
- quote di accoppiamento/collegamento
in base alla disposizione:
- quotatura in serie (o in catena)
- quotatura in parallelo
- quotatura con quote sovrapposte (o progressiva)
- quotatura combinata
- quotatura in coordinate
in base allo scopo del disegno:
- quotatura funzionale
- quotatura tecnologica
- quotatura di collaudo

23
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CLASSIFICAZIONE DELLA QUOTATURA


Possiamo distinguere diversi tipi di quotatura:
da un punto di vista geometrico:
- quote di grandezza
- quote di posizione
- quote di accoppiamento/collegamento
in base alla disposizione:
- quotatura in serie (o in catena)
- quotatura in parallelo
- quotatura con quote sovrapposte (o progressiva)
- quotatura combinata
- quotatura in coordinate
in base allo scopo del disegno:
- quotatura funzionale
- quotatura tecnologica
- quotatura di collaudo

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA GEOMETRICA
Ha il compito di definire in modo corretto la forma geometrica dell’oggetto in
tutti i suoi dettagli; bisogna quotare tutte le misure necessarie.

Ogni misura deve essere letta e non ricavata.

Quote geometriche:
- quote di grandezza si riferiscono alle dimensioni di ogni elemento dell’oggetto
rappresentato (es. lunghezza e larghezza, diametro foro, raggio di raccordo, …);
- quote di posizione o di localizzazione individuano la posizione di ogni elemento
dell’oggetto in riferimento agli altri (es. posizione dei fori o di cavità, …);
- quote di accoppiamento si riferiscono a parti che devono essere accoppiate o
collegate tra loro;
- i riferimenti usati per le quote di posizione sono solitamente gli assi, i punti di
intersezione di assi, le superfici di appoggio e le estremità del pezzo.

24
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA GEOMETRICA: ESEMPI


Quote di grandezza e posizione

G = grandezza
P = posizione

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA GEOMETRICA: ESEMPI


Quote di grandezza e posizione

Gli elementi prismatici (es. cavità


rettangolare) sono localizzati in
riferimento alle loro facce. Se la distanza tra i fori è importante, si
I fori e gli elementi cilindrici sono ricade nel caso di “quotatura di
localizzati in base al loro asse. accoppiamento”.

25
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA GEOMETRICA: ESEMPI


Quote di grandezza e posizione

Fori uguali ed equispaziati Fori ad angoli diversi Fori su arco di circonferenza


Per ogni foro, raggio e
posizione angolare sono dati
rispetto alla stessa linea di
riferimento.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA GEOMETRICA
Quote di accoppiamento
Per garantire il corretto accoppiamento tra le parti, si
dovrà fare attenzione alle dimensioni "M".
Queste dimensioni andranno soggette a tolleranza per
ottenere la funzionalità voluta (es. accoppiamento del
pezzo 1 su 2, centraggio dei fori).

M= quote di accoppiamento

26
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CLASSIFICAZIONE DELLA QUOTATURA


Possiamo distinguere diversi tipi di quotatura:
da un punto di vista geometrico:
- quote di grandezza
- quote di posizione
- quote di accoppiamento/collegamento
in base alla disposizione:
- quotatura in serie (o in catena)
- quotatura in parallelo
- quotatura con quote sovrapposte (o progressiva)
- quotatura combinata
- quotatura in coordinate
in base allo scopo del disegno:
- quotatura funzionale
- quotatura tecnologica
- quotatura di collaudo

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

SISTEMI DI QUOTATURA

La norma UNI EN ISO 129‐1 prevede i seguenti sistemi di quotatura:

quotatura in serie (o in catena)

quotatura in parallelo

quotatura con quote sovrapposte (o progressiva)

quotatura combinata

quotatura in coordinate

27
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

SISTEMI DI QUOTATURA
Quotatura in serie
Ogni elemento del pezzo è quotato rispetto
all’elemento vicino. Non si stabilisce alcun
elemento di riferimento.
Si forma una serie di quote parziali senza
alcun piano o punto di riferimento
privilegiato.
Possibile accumulo degli errori costruttivi.
Va bene quando hanno importanza le
singole lunghezze successive tra elementi
vicini e l’accumulo di errori non minaccia la
funzionalità del pezzo.
La quota totale diventa ausiliaria ma per
comodità va lasciata perché fornisce
immediatamente l’ingombro del pezzo.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

SISTEMI DI QUOTATURA
Quotatura in parallelo
Tutte le quote, lungo una stessa
direzione, sono riferite ad
un’origine comune fissata su un
punto o piano significativo per il
pezzo.

Si usa quando hanno


importanza le distanze dei vari
elementi dall’unico riferimento
scelto.

Evita l’accumulo di errori


costruttivi. Permette di stabilire
tolleranze indipendenti.

28
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

SISTEMI DI QUOTATURA
Quotatura con quote sovrapposte (o progressiva)
È una semplificazione del sistema di
quotatura in parallelo.
Usa un’unica linea di misura.
L’elemento origine assume quota 0 (zero).
Usata quando c’è mancanza di spazio o
per definire forme geometriche complesse.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

SISTEMI DI QUOTATURA
Quotatura combinata
È il sistema di quotatura più usato.
Alcune quote risultano disposte in parallelo ed alcune in serie, o anche con
quote sovrapposte.
Si usa quando è necessario utilizzare più elementi di riferimento.

29
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

SISTEMI DI QUOTATURA
Quotatura in coordinate
Coordinate cartesiane Coordinate polari

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

CLASSIFICAZIONE DELLA QUOTATURA


Possiamo distinguere diversi tipi di quotatura:
da un punto di vista geometrico:
- quote di grandezza
- quote di posizione
- quote di accoppiamento/collegamento
in base alla disposizione:
- quotatura in serie (o in catena)
- quotatura in parallelo
- quotatura con quote sovrapposte (o progressiva)
- quotatura combinata
- quotatura in coordinate
in base allo scopo del disegno:
- quotatura funzionale
- quotatura tecnologica
- quotatura di collaudo

30
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA FUNZIONALE
Attribuisce maggiore o minore importanza ai diversi elementi dell’oggetto
in relazione alla loro funzionalità, cioè allo scopo per cui sono stati
progettati:

È necessario conoscere come il pezzo lavora e come viene montato e


utilizzato ed è anche abbinata alla designazione delle tolleranze.

Questo tipo di quotatura distingue le quote a seconda della loro


funzionalità in:

- Quote funzionali
- Quote non funzionali
- Quote ausiliarie

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA FUNZIONALE
Quota funzionale (F): è una quota essenziale alla funzione di un oggetto (es.
distanza tra fori, diametro di perno e foro corrispondente, conicità, …).
Le quote funzionali devono essere scelte nel modo più significativo per
esprimere la funzione dell'oggetto.

Quota non funzionale (NF): è una quota non essenziale alla funzionalità di
un oggetto, ma necessaria per definirne completamente le dimensioni.
Le quote non funzionali devono essere scelte nel modo più significativo in
relazione al loro scopo (per esempio: lavorazione e collaudo).

Quota ausiliaria (Aux): è una quota sovrabbondante, indicata solo a titolo


informativo (fra parentesi).

31
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA FUNZIONALE: ESEMPI


Perno filettato
Funzione = fissaggio rigido alla parete di un attrezzatura o di una macchina

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA FUNZIONALE: ESEMPI


Accoppiamento di
blocchetto (1) su base
(2) tramite viti (3)

I fori nel blocchetto (2) devono consentire il passaggio delle viti diametro foro è quota
funzionale F.
L’interasse (F’) tra i fori passanti in (1) dovrà avere lo stesso valore F’ anche in (2).
La larghezza (F’’) in (2) dovrà consentire l’inserimento del particolare (1) e di
conseguenza sarà maggiore della corrispondente quota F’’ del particolare (1).
Le larghezze F’’ dovranno essere divise in parti uguali dall’asse di simmetria comune ai
due fori.

32
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA FUNZIONALE
Quote ausiliarie
Le quote ausiliarie vanno indicate fra parentesi e non riportano mai tolleranze.

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

QUOTATURA TECNOLOGICA
Ha lo scopo di mettere in evidenza le quote che sono strettamente legate al
procedimento di produzione.
Dipende quindi dal particolare ciclo di lavorazione adottato per produrre un
componente.
È pensata in modo che gli operatori delle macchine utensili trovino direttamente nel
disegno le quote necessarie per le lavorazioni, senza doverle ricavare con calcoli.
La quotatura funzionale e la quotatura di fabbricazione possono coincidere o meno. Si
danno quindi i seguenti casi:
Quotatura funzionale e di fabbricazione Quotatura funzionale e di fabbricazione non
coincidono coincidono
Non vi sono problemi per la determinazione Occorre ricavare le quote di fabbricazione
delle quote di fabbricazione. Si utilizzano indirettamente dalle quote funzionali (trasferimento
direttamente le quote funzionali. di quote). L’obiettivo è quello di studiare una
quotatura che conservi la funzionalità del pezzo e
che rappresenti una soluzione economicamente
valida. In pratica le quote funzionali originarie
vengono sostituite da nuove quote con tolleranze
proprie. Il trasferimento non è sempre possibile: in
alcuni casi è necessario modificare le quote
funzionali o le loro tolleranze.

33
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

COMUNI ERRORI DI QUOTATURA

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

COMUNI ERRORI DI QUOTATURA

34
Università degli Studi di Palermo
Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

COMUNI ERRORI DI QUOTATURA

Università degli Studi di Palermo


Dipartimento dell’Innovazione Industriale e Digitale
Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica
Corso di Disegno Assistito da Calcolatore

COMUNI ERRORI DI QUOTATURA

35