Sei sulla pagina 1di 3

PRIMI PIATTI

Spaghetti alla Carbonara


Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo:
Facile 15 min 10 min 4 persone Basso

Il Vicolo della Scrofa, per chi conosce Roma, è una delle


stradine più caratteristiche e ricche di simboli. Proprio in
una trattoria di questa strada, da cui il nome del vicolo, pare
sia stata realizzata la prima Carbonara, nel 1944. La storia
più attendibile infatti racconta l'incontro tra gli ingredienti
a disposizione dei soldati americani e la fantasia di un
cuoco romano. Il risultato fu il prototipo degli spaghetti alla
carbonara: uova, bacon (poi guanciale) e formaggio. Man a
mano la ricetta è evoluta fino a quella che tutti conosciamo
oggi e possiamo apprezzare a casa di amici romani veraci
(e voraci!), nelle trattorie come nei ristoranti stellati della
Capitale, in tutta Italia e all'estero, nelle innumerevoli
versioni: con o senza pepe, con un tuorlo per persona o
l'aggiunta di almeno un uovo intero, con guanciale o
pancetta tesa.
Il condimento per la carbonara si prepara in una manciata
di minuti. Pensate che occorrono soltanto guanciale
speziato tagliato a striscioline, una crema dorata a base di
tuorli (nella nostra versione) e tanto Pecorino grattugiato al INGREDIENTI
momento.
Nella sua semplicità e nella ricchezza delle materie prime, Spaghetti 320 g
la ricetta degli spaghetti alla carbonara è parente stretta di Guanciale 150 g
altri due capisaldi della cucina genuina italiana: l'
Tuorli di uova medie 6
amatriciana e la gricia! Strizza l'occhio anche alla pasta alla
Pecorino romano 50 g
zozzona, un piatto robusto che unisce il meglio delle
Sale fino q.b.
preparazioni di base della cucina laziale. Fate un tuffo nella
Roma popolare insieme a noi e scoprite come realizzare dei Pepe nero q.b.

cremosissimi spaghetti alla carbonara, fateci sapere se la


nostra versione vi piace e... aspettiamo la vostra!

PREPARAZIONE

Per preparare gli spaghetti alla carbonara cominciate mettendo sul fuoco una pentola con l’acqua salata per
cuocere la pasta. Nel frattempo eliminate la cotenna dal guanciale (1) e tagliatelo prima a fette e poi a
striscioline spesse circa 1cm (2). La cotenna avanzata potrà essere riutilizzata per insaporire altre preparazioni.
Versate i pezzetti in una padella antiaderente (3) e rosolate per circa 15 minuti a fiamma media, fate
attenzione a non bruciarlo altrimenti rilascerà un aroma troppo forte.

Nel frattempo tuffate gli spaghetti nell’acqua bollente (4) e cuoceteli per il tempo indicato sulla confezione.
Intanto versate i tuorli in una ciotola (5), aggiungete anche la maggior parte del pecorino previsto dalla
ricetta (6) la parte restante servirà per guarnire la pasta.

Insaporite con il pepe nero (7), amalgamate tutto con una frusta a mano (8). Aggiungete un cucchiaio di
acqua di cottura per diluire il composto e mescolate (9).

Intanto il guanciale sarà giunto a cottura, spegnete il fuoco e tenetelo da parte (10). Scolate la pasta al dente
direttamente nel tegame con il guanciale (11) e saltatela brevemente per insaporirla. Togliete dal fuoco e
versate il composto di uova e pecorino (12) nel tegame, saltate la pasta per amalgamare

e se dovesse risultare troppo asciutta potete aggiungere poca acqua di cottura (13). Servite subito gli
spaghetti alla carbonara insaporendoli con il pecorino avanzato (14) e il pepe nero macinato (15).

CONSERVAZIONE
Si consiglia di consumare subito gli spaghetti alla carbonara.

Si sconsigliano forme di conservazione

CONSIGLIO
Come potete arricchire questa ricetta? Innanzitutto rispettando i vostri gusti, in cucina è sempre
importantissimo! Altrimenti eccovi delle validissime alternative. Per esempio in alternativa agli spaghetti si
possono usare anche rigatoni o mezze maniche e invece del guanciale provate con della pancetta tesa
utilizzando un grasso in padella, dell'olio o del burro. Poi sostituite il Pecorino o fate a metà con del
Parmigiano grattugiato. E per finire, per rendere ancora più corposa la vostra carbonara, non ci sarà bisogno
di aggiungere la panna! Potete semplicemente aggiungere poca acqua di cottura della pasta oppure usare
una combinazione di uova intere e tuorli: sperimentate per trovare la consistenza che più preferite!