Sei sulla pagina 1di 12

02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 53

recensioni

dischi cato a Mario Castelnuovo-Tedesco pone i brani in fattori primi e poi


– spiccano anche alcune interpre- li sintetizza rivestendoli di passio-
Margarita Escarpa tazioni, raffinatissime e particolar- ne o di vigore, di malinconia o di
A través de los siglos mente espressive, di brani che con rimpianto, di nostalgia o di gioia,
Musiche di Mario Castelnuovo- la danza non hanno propriamente di oscurità o di luce…
Tedesco un rapporto diretto; penso al Rondò Archiviato il difficile Rondò d’aper-
Opera Tres, CD 1045-ope, 2008 op.129 e al Capriccio Diabolico, tura, la chitarrista castigliana ci ac-
www.operatres.com ad esempio… compagna attraverso i Secoli con
È proprio col Rondò op. 129 le celebri Variations, lussuosa “ope-
che si apre il disco: Margarita sfo- ra prima” per chitarra del compo-
dera fin da subito le sue armi mi- sitore fiorentino. Belli i contrasti
gliori, un suono avvolgente e vi- agogici tra i movimenti di questa
tale, un senso del fraseggio e dell’ar- vera e propria Suite – più che un
ticolazione di prim’ordine, una cu- ciclo di Variazioni –, bellissima l’ir-
ratissima attenzione al pensiero mu- resistibile pulsazione del Fox-Trot.
sicale dell’autore. Merita forse spen- E poi gli Appunti op. 210, non quel-
dere una parola in più su que- li più visitati e famosi del primo
st’ultimo elemento: Castelnuovo- fascicolo (l’unico che l’autore poté
Tedesco era senz’altro un compo- cesellare nei particolari con l’aiuto
sitore di grandissima preparazione del suo illustre committente Ruggero
tecnica, e gli aspetti compositivi Chiesa) ma quello delle Danze,
della sua arte lo dimostrano fino antiche e moderne, del secondo
nelle più recondite strutture dei suoi fascicolo, pezzi poco noti ai più
Javier Somoza, autore dell’ec- pezzi; non una nota è messa a ca- (non certo a noi che fummo al-
cellente saggio che accompagna so o senza un ben determinato lievi e amici di Chiesa!) e soven-
questo ottimo CD, individua nella progetto, e la bravissima interpre- te da rielaborare nella scrittura, ma
danza il filo rosso che collega i te iberica pare cogliere proprio que- che riservano eccellenti sorprese:
pezzi incisi da Margarita Escarpa, sti aspetti più tecnicamente strut- valga per tutti l’appassionato e
spagnola di Madrid, esponente di turati (è forse la sua anima scien- sensuale Tango qui reso dalla
spicco della scena chitarristica in- tifica a consentirglielo, visto che la Escarpa con perfetta intenzione mu-
ternazionale e già vincitrice di nu- Escarpa ha anche una Laurea in sicale. E ancora un altro ciclo im-
merosi concorsi internazionali tra Matematica…) per reinterpretarli, portante, quello di Escarramán
cui il GFA americano. È una let- filtrandoli attraverso la propria de- op. 177, ispirato al personaggio pi-
tura legittima – quella della dan- licata sensibilità. L’interpretazione caresco di Cervantes (e di altri let-
za, intendo dire – ma perfino un dettagliata e caratteristica, è a no- terati da Quevedo in poi) e alle
poco riduttiva, perché è ben vero stro parere l’elemento di maggio- danze che lo stesso Escarramán
che Margarita ci offre una rilevan- re spicco nel CD che stiamo com- enumera in uno degli Intermezzi
te quantità di pezzi dal titolo co- mentando: Margarita sembra parti- cervantini (viene opportunamente
reutico, ma è anche vero che nel re infatti da una attenta analisi tec- riportato il testo nel booklet). Spicca,
programma – integralmente dedi- nica e musicale dei pezzi; scom- tra tutti i movimenti, l’agilità e la

53
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 54

freschezza che la Escarpa dimostra grale degli Studi di Angelo Gilardino. sogni o alle visioni (e forse in cer-
ne La Guardia Cuydadosa, pezzo Avendo il sottoscritto avuto la ven- ti pezzi a tinte particolarmente
di notevole difficoltà tecnica, ma tura di leggere in passato tutti i folk si sente un certo “eccesso di
come non provare un “brivido tri- sessanta Studi del compositore accademismo”) ma nel complesso
ste” anche durante l’ascolto della vercellese posso garantire che è una scelta interpretativa che de-
accorata Gallarda? E infine Capriccio Porqueddu può, a ragion veduta, clina i messaggi artistici del com-
Diabolico e Tarantella, nella ver- essere considerato un autentico “ti- positore paraguayo con esempla-
sione “segoviana” che tutti da sem- tano” della chitarra! Per i sei CD di re chiarezza. Confessiamo anche
pre conosciamo (probabilmente la Barrios – più o meno trecentot- di avere scoperto un Barrios ine-
registrazione del CD è stata realiz- tanta minuti di musica – Porqueddu dito, quello dei pezzi qui incisi
zata prima ancora che fossero di- si è avvalso della “collaborazione” per la prima volta, tra le cui pie-
sponibili in edizione moderna le di tre diverse chitarre, ha utilizza- ghe si nascondono momenti di
versioni ripubblicate nel rispetto dei to due diverse locations (due chie- grande interesse e di buona sta-
manoscritti); le pagine più langui- se) ed ha impiegato un arco di tura musicale. La nostra assoluta
de e malinconiche del Capriccio tempo di circa diciannove mesi preferenza si conferma però per
conoscono qui una lettura davve- (dal febbraio 2009 al settembre quei brani di ispirazione origina-
ro emozionante da parte della in- 2010). Insomma già soltanto que- le, che risentono probabilmente di
terprete iberica, e l’aggraziata leg- ste cifre possono dare un’idea dell’in- una grande passione per il ro-
gerezza della Tarantella pare per- vestimento di energie profuso. I manticismo pianistico e che si
fettamente in sintonia col sorriso sei CD contengono tutti i brani so- pongono a nostro avviso ai verti-
che Margarita rivolge ai suoi am- listici conosciuti di Barrios, così ci della sua produzione, siano es-
miratori dalla retro-copertina del come compaiono nell’edizione in si influenzati da accenti folklori-
booklet allegato al CD. E da oggi due volumi curata da “Rico” Stover stici o meno. Il bellissimo Choro
c’è senz’altro un ammiratore in per la Mel Bay, cioè in ordine al- da Saudade, alcuni degli Estudios,
più, l’autore di queste note… fabetico, enumerati nei diversi di- la mendelssohniana Barcarola Julia
Francesco Biraghi schi indipendentemente dallo stile Florida, La Catedral – naturalmente
o dai contenuti. Sarebbe però sta- –, i bellissimi Preludi, specie quel-
Cristiano Porqueddu to difficile raggruppare in altra ma- li in tonalità minori, la Mazurca
Agustín Barrios Mangoré. niera, magari più sistematica o lo- Apassionata (sic!). Probabilmente
Complete Music for Solo Guitar gica, i 104 pezzi. La produzione di la titanica impresa di Porqueddu
Brilliant Classics, 9204 (Box 6 Cd), 2010 Barrios è effettivamente classifica- è invece più utile per scoprire
bile secondo stili piuttosto diversi pezzi forse di minore impegno ar-
tra loro: ci sono i brani di ispira- tistico ma di grande effetto stru-
zione popolare, quelli che si ri- mentale, che ancora non si erano
chiamano a epoche e linguaggi affacciati al repertorio corrente:
antichi, quelli di più pura ispira- penso alla deliziosa Diana Guaraní,
zione romantica, e ancora, tra- o al primo dei centoquattro bra-
sversalmente, brani pensati come ni, intitolato semplicemente A mi
Studi, brani “da concerto”, pezzi madre, o alla oscura Romance de
intimisti e forme di danza. Insomma, la india muerta. L’interpretazione
un vero crogiuolo di musica che di Porqueddu risente beneficamente,
conosce per la prima volta una fo- come già accennato, di una for-
tografia grandangolare a trecento- mazione musicale solida e acca-
sessanta gradi. demica, che gli consente di distri-
Fin qui numeri e dati: ora le im- carsi meglio nei brani più struttu-
pressioni. Ciò che colpisce fin da rati ma che non gli impedisce di
Inaspettato e ponderoso giunge subito è l’eccellente qualità della essere convincente anche quando
sulla nostra scrivania il cofanetto registrazione: il suono di Porqueddu, i colori più intensi vengono cen-
di sei CD dedicati a Barrios (Agustín), lirico, definito ed energico, trat- tellinati con apollinea parsimonia.
una formidabile realizzazione di teggia senza reticenza le melodie Nessun momento di fatica o di in-
Cristiano Porqueddu per Brilliant di Barrios, declama con grande bra- certezza tecnica, controllo sempre
Classics, etichetta – non a caso – vura le pagine del più puro vir- eccellente del suono e del ritmo,
specializzata in integrali, monogra- tuosismo, spoglia di eccessivi or- grande virtuosismo al bisogno.
fie et similia. Il chitarrista nuorese pelli le pagine più kitsch per re- Insomma un’impresa non solo ec-
non è del resto nuovo a imprese stituirne l’essenza musicale. Non è cezionale dal punto di vista tec-
mirabolanti: basta ricordare l’inte- una lettura che concede troppo ai nico-strumentale, ma anche per-

54
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 55

fettamente a fuoco sul piano del- spagnola con qualche rara conces- tiche che resero peculiari le musi-
la sapienza interpretativa e della sione alla letteratura tedesca del tem- che delle diverse scuole (italiana,
godibilità all’ascolto. Siamo certi po. L’altro repertorio è quello ese- francese, tedesca), ma anche e so-
che i sei CD di Porqueddu faran- guito dal liuto chiamato oggi “ba- prattutto nella profonda rivoluzio-
no parlare di sé nei quattro an- rocco” (francese con undici ordini ne che investì la manifattura di
goli del globo. di corde, tedesco con undici/tredi- corde permettendo un’evoluzione
Francesco Biraghi ci ordini) poiché si occupa della degli strumenti. Come dimostra lo
letteratura sei-settecentesca con la studioso produttore di corde stori-
Sigrun Richter, liuto caratteristica accordatura detta “in che Mimmo Peruffo, alla fine del
Les accords nouveaux I: Pierre Re minore”. Ovviamente, in ogni secolo XVI dalle corporazioni di
Gaultier “Les Oeuvres”, Rom 1638 periodo la letteratura era dedicata cordai vennero sviluppate almeno
AMBITUS, AMB 97828. 1989 a uno strumento chiamato sempli- tre tipologie di corde: cantini, mol-
cemente “liuto” e non si pensava to rigidi, con tensione molto vici-
alla storiografia musicale; il reper- na al limite di rottura; toni medi
torio del liutista era quindi assai più più elastici, con il limite di rottu-
limitato, cronologicamente, di quel- ra decisamente più lontano; bassi
lo odierno. molto più elastici, che permette-
vano una tenuta di suono mag-
Ordini: 1° 2° 3° 4° 5° 6° giore e una dimensione della cor-
Acc. Rin.le: Sol1 Re1 La Fa Do Sol da di diametro nettamente inferio-
Acc. Bar.ca: Fa1 Re1 La Fa Re La re a quello delle corde di costru-
zione precedente. Una documen-
I bassi vengono accordati dia- tazione importante, proviene, ad
tonicamente esempio, dall’iconografia musicale
L’accordatura rinascimentale pro- caravaggesca (Michelangelo Merisi
posta è quella del liuto tenore. Per detto il Caravaggio 1571-1610): mi
il liuto rinascimentale, infatti, lo sche- riferisco al Suonatore di Liuto nel-
Les accords nouveaux II: Mé- ma dell’accordatura è inteso per in- le due versioni conservate rispetti-
zangeau, Dubuisson, Chevalier, tervalli; a lunghezza vibrante più vamente a San Pietroburgo e a
Bouvier, Dufaut corta corrispondeva una nota di in- New York. Per fare un’analogia
AMBITUS, AMB 97911 tonazione più alta in quanto anche con la vita odierna, l’invenzione di
i liuti, come la maggior parte degli processori veloci e di schermi piat-
strumenti rinascimentali, erano ba- ti ha permesso in pochi anni di
sati sull’estensione delle voci uma- cambiare la dimensione, l’aspetto
ne (soprano, contralto, tenore e e le prestazioni dei computer. Allo
basso); lo schema di accordatura stesso modo, l’invenzione di cor-
del liuto barocco rispecchiava in- de con caratteristiche meccaniche
vece una reale estensione dei suo- diverse rispetto alle precedenti
ni. Le frequenze di riferimento va- permise di modificare la morfolo-
riavano ovviamente da luogo a luo- gia degli strumenti aumentandone
go e ce lo testimoniano, ad esem- le prestazioni soprattutto verso il
pio, altri strumenti come gli orga- registro basso: il liuto in poco tem-
ni; oggi, convenzionalmente, l’ac- po ebbe un numero maggiore di
cordatura barocca è basata su un bassi e divenne perfino “attiorba-
La a 415 HZ. Uno dei motivi per to”; senza l’invenzione di queste
cui nei tre secoli di vita del liuto nuove tecnologie, anche il liuto
Sfogliando le critiche e le re- si mantenne l’uso dell’intavolatura barocco francese sarebbe rimasto
censioni dei dischi di liuto o fre- risiede proprio nella facilità di pas- con sei ordini di corde. L’introdu-
quentando i concerti del settore, ci sare da un’accordatura all’altra, sen- zione delle corde filate, avvenuta
imbattiamo in musiche e strumenti za porsi troppi problemi di lettura in seguito verso la metà del seco-
che propongono fondamentalmen- delle note reali. lo XVII, modificò ancora l’uso di
te due repertori: rinascimentale e Le cause della trasformazione del certi strumenti a favore di altri.
barocco. Quello rinascimentale, in- liuto attorno alla fine del XVI se- Nel corso del XVI secolo si spe-
tenso come sinonimo di cinque- colo e nelle prime decadi di quel- rimentarono marginalmente delle
centesco, è basato sulle musiche del- lo successivo sono da ricercarsi non scordature (cordes avalées) ma in
la scuola italiana, francese, inglese, solo nelle acuite necessità este- Italia, anche nel periodo settecen-

55
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 56

tesco, lo strumento mantenne qua- ni ’70 trovò però radici nelle scuo- Anche il repertorio subì un mu-
si sempre la stessa accordatura “ri- le inglese, capeggiata da Diana tamento. Nel corso della prima metà
nascimentale”, pur aumentando il Poulton, e tedesca che privilegiaro- del secolo XVII in Francia cessa-
numero degli ordini con un mas- no la riscoperta di altri repertori; rono gradualmente le pubblicazio-
simo di quattordici. In Francia, in- quello di transizione tra le due ac- ni di polifonie vocali attestandosi
vece, si verificò una graduale e ir- cordature cominciò a essere affron- sulla sequenza di tre danze, con
reversibile trasformazione nell’ac- tato dagli esecutori con qualche an- caratteristiche ben diverse l’una
cordatura e nella morfologia dello no di ritardo rispetto a quello eli- dall’altra: Allemanda, Corrente, Sara-
strumento che portò all’afferma- sabettiano o barocco tedesco. banda, fatte a volte precedere da
zione di vari tipi di liuto tra cui Come dice la Richter stessa “è un Preludio, che poteva essere tran-
quello del ritratto di Mouton di stata la curiosità a farmi esplora- quillamente improvvisato dall’ese-
François de Troy, Parigi, 1690, da re le vicissitudini dei compositori cutore stesso senza necessariamente
noi analizzato nella recensione del francesi quando vollero creare un essere scritto. Sono danze che per-
disco di Franco Pavan (“il Fronimo” proprio stile nuovo. Così ho segui- dono gradualmente l’obbiettivo co-
n. 146, aprile 2009). Del liuto a to la loro strada sperimentando i reografico fino a diventare una
tredici ordini, perno della lettera- liuti a 10 e 11 ordini; in questo mera speculazione musicale e in-
tura barocca tedesca, ci siamo in- modo ho potuto seguire una nuo- tellettuale.
vece occupati nelle diverse recen- va corrente espressiva nel preludio Particolarmente interessante il re-
sioni sul liutista canadese Michel non misurato, nello stile brisé, nei pertorio proposto dalla Richter
Cardin, autore della registrazione cambi timbrici del liuto nel corso perché con un disco considera
del “Manoscritto di Londra” di Weiss. delle nuove tonalità e accordatu- l’aspetto monografico di un auto-
Con Les Accords Nouveaux I e II re. Nelle mie future ricerche inten- re, Pierre Gautier, mentre con l’al-
di Sigrun Richter ci imbattiamo in do continuare la ricerca su questo tro svolge invece una panoramica
un lavoro sistematico che porta al- nuovo repertorio, di gran valore, sul mondo circostante con com-
la luce un repertorio ancora tutto ma attualmente inesplorato. positori come Mézangeau, Du-
da scoprire: quello del periodo di Cerchiamo allora di capire le va- buisson, Chevalier, Bouvier e Dufaut.
transizione, riferibile temporalmen- rie maniere di intonazione del liu- Pierre Gaultier, uno dei molti
te alla prima metà del secolo XVII to, teorizzate non solo dai liutisti, Gau(l)tier liutisti del tempo (alcuni
ad opera di suonatori francesi. È ma anche da trattatisti come Marin dei quali erano imparentati fra lo-
questo il periodo in cui si speri- Mersenne che parla di Accords ex- ro), pubblicò a Roma nel 1638 un’in-
mentarono diverse soluzioni alter- traordinaires o da editori come tavolatura firmata come Pierre
native all’accordatura rinascimenta- Pierre Ballard, Imprimeur de la mu- Gaultier Orleanois e dedicata sia
le, prima dell’affermazione definiti- sique du Roi, con la sua pubbli- all’ambasciatore Duca di Crumau
va del liuto in “Re minore”. cazione Tablature de Luth de diffé- sia al Papa Urbano VIII. Oltre alla
Le prime pubblicazioni sistemati- rens auteurs, sur les accords nou- dedica, firmata ovviamente da un
che moderne del repertorio france- veaux del 1631. “umilissimo & obbediente Servitore”,
se cominciarono negli anni ’50 con Elenchiamo, tanto per rendere la prefazione in francese contiene
una collana che s’intitolava Corpus un’idea della complessità dell’ar- sia un avviso al lettore sia una se-
Des Luthistes Français a cura del gomento, alcune delle principali rie di avvertimenti sull’uso dei sim-
Centre National de la Recherche intonazioni usate dagli autori e, boli di abbellimento. Questo facili-
Scientifique (CNRS) a Parigi. Sul re- quindi, dalla Richter nella sua in- ta l’esecutore che però dovrà pos-
pertorio francese nel corso delle sue cisione. sedere la conoscenza della termi-
varie trasformazioni vennero pub- nologia di base come accent o
blicati: Robert Ballard, Premier Livre Ordini: 1° 2° 3° 4° 5° 6° tremblement e sapere già dove col-
1611 nel 1963; Deuxième livre Fa1 Re1 Sib Sol Re La() locarli e come svilupparli. Gli sug-
1614 e Pièces diverses nel 1964; Fa1 Re1 Si Sol Re La gerisce cioè quella che è e sarà una
Oeuvres de Dufaut nel 1965 segui- Fa1 Re1 Si() Sol Re La delle caratteristiche costanti e già
te dalle Oeuvres di Mésangeu fino Sol1 Re1 Si Sol Re La consolidate della musica francese
alla pubblicazione di André Souris Fa1 Re1 La Fa Re La barocca, vale a dire l’indicazione si-
e Monique Rollin, Oeuvres de Chancy, stematica e precisa degli abbelli-
Bouvier, Belleville, Dubuisson, L’ultima delle accordature sarà menti; al lettore resta il compito di
Chevalier nel 1967. Altre opere, an- quella che prevalse nella seconda estenderne il significato nel conte-
che teoriche, vennero alla luce in metà del secolo in Francia per re- sto del brano. Nelle 116 pagine del
seguito e molte altre fonti furono stare anche stabilmente nella let- volume si susseguono suites e bra-
accessibili tramite i microfilm. La ri- teratura tedesca nel corso di tutto ni singoli con l’indicazione dell’in-
scoperta moderna del liuto negli an- il secolo XVIII. tonazione esatta dello strumento.

56
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 57

Se nel repertorio inciso Dufaut musiche Daniel) e dal 1964 ad oggi in una
e Mézangeau sono tra i composi- edizione americana (Columbia Music
tori più conosciuti, vere perle mu- Joaquín Turina CO, Washington).
sicali nascono anche da quelli me- Obra para Guitarra La nuova edizione è curata da
no noti come Nicolas Bouvier, con Urtext a cura di Marián Álvarez Marián Álvarez Benito ed è pre-
la Suite in Re minore e i Branles, Benito sentata come un urtext, e quindi
oppure con Dubuisson con Point Schott, ED 9540, 2010 basata su una sola fonte. Nel no-
d’Orgue, Allemanda e Corrente di stro caso si tratta del manoscritto
profonda complessità e durata. definitivo dell’autore, eccezion fat-
Nei due dischi la Richter pone ta per la Sonata op. 61 e l’Homage
in luce tutta la seduzione idioma- à Tárrega basata, in mancanza del
tica del liuto francese, imperniata manoscritto autografo, su un testo
su una estrema attenzione alla me- redatto da un copista collaborato-
lodia che si impone, infarcita di re di Turina.
abbellimenti, nelle difficoltà dello Il volume, di oltre sessanta pa-
stile brisé. Le inégalités, gli accor- gine, ci permette dunque di cono-
di arpeggiati, il fraseggio, la cura scere queste opere così come era-
nella realizzazione degli infiniti ab- no prima della revisione di Andrés
bellimenti, le variazioni nei ritor- Segovia. La definisco “revisione pub-
nelli, si alternano anche a mo- blicata” perché Segovia collaborò
menti di puro virtuosismo nella alla stesura dei pezzi fin dalla lo-
Chaconne o nella Bataille di Gautier, ro nascita e questi antichi mano-
resi con la necessaria padronanza scritti sono già il frutto di un la-
e sprezzatura. voro di approfondito scambio di
La critica inglese ha elogiato idee tra compositore e chitarrista.
senza condizioni questa pubblica- Non a caso esse ci giungono in
zione e noi ci sentiamo piena- manoscritti quasi interamente ese-
mente di sottoscrivere il buon gu- Tra le composizioni scritte per guibili senza ulteriori modifiche. La
sto, la padronanza dello stile e il chitarra nella prima parte del se- differenza con altre composizioni
piacere, anche di risorse culturali, colo scorso, quelle di Joaquín Turina coeve di cui conosciamo antichi ma-
che i due dischi offrono. La Richter (1882-1949) sono ormai riconosciute noscritti è che, nel nostro caso,
utilizza in pieno le sfumature elar- come appartenenti a quello che si l’autore si preoccupò di redigere
gite dai due bellissimi liuti impie- potrebbe definire lo standard qua- una versione definitiva e in quasi
gati: un 10 ordini Joh. Georg litativo più elevato per l’epoca: non tutti i dettagli eseguibile. Malgrado
Houcken e un 11 ordini di Nico è un caso se queste opere ruvide ciò all’atto della pubblicazione
van der Waals. E a proposito di ed immediate abbiano tardato, Segovia intervenne comunque sui
questo grande maestro liutaio, ri- malgrado fossero pubblicate, ad es- testi di Turina in maniera signifi-
cordo come egli sia uno dei gran- sere pienamente accettate dai chi- cativa e aggiunse una minuziosa
di pionieri della rinascita del liu- tarristi contemporanei mentre un diteggiatura. Il lettore curioso di
to. Ancor oggi attivissimo sulla completo ed incondizionato rico- valutare l’apporto di Segovia ad un
scena liutaria, resta un punto di ri- noscimento è arrivato dagli inter- testo di Turina potrà leggere il mio
ferimento per la bellezza della fat- preti più importanti del secondo do- recente articolo sulla Sevillana e la
tura, la nobiltà del suono, la cul- poguerra. La prestigiosa casa edi- sua storia editoriale pubblicato su
tura personale espressa con la per- trice tedesca Schott pubblica in un questa rivista. [N.d.R.: cfr. F. Zigante,
fetta conoscenza di varie lingue e unico volume le opere complete La Sevillana di Joaquín Turina e le
la signorilità con cui egli incarna per chitarra del compositore anda- sue due edizioni, “il Fronimo”, n.
la figura del decano dei costrutto- luso. Delle cinque composizioni ori- 149, gennaio 2010, p. 7-17.] Il ca-
ri di liuto. Per concludere ricor- ginali per chitarra di Turina, già so della Sevillana è certamente estre-
diamo che Sigrun Richter e Nico quattro facevano parte del catalo- mo anche perché Segovia la suonò
van der Waals hanno aperto a go Schott in quanto pubblicate tra per tutta la vita e la sottopose a
Monterone/Sestino, provincia di il 1926 e il 1935 in 4 fascicoli se- manipolazioni continue nel tempo.
Arezzo, un centro di studio e di parati della Edition Andrés Segovia. La parte letteraria del libro è bi-
ricerca sul liuto nel quale orga- La Sevillana op. 29, prima com- lingue (Castigliano e Inglese) ed è
nizzano corsi, incontri e mostre. posizione in ordine di tempo, ini- costituita da una ampia Introducción,
(www.sigrunrichter.de). zialmente – dal 1927 – ha circola- le Notas criticas e infine le Notas
Giorgio Ferraris to in una edizione madrilena (Edición aclaratorias. Nell’introduzione tro-

57
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 58

viamo una breve nota biografica di fraseggio, accenti e colori che La mia risposta in entrambi i casi
su Turina, una presentazione sto- saranno sicuramente di grande sti- è negativa. Non credo che un te-
rica e delle fonti per ogni brano. molo anche per coloro che suo- sto siffatto, puro, senza diteggiatu-
Le Note critiche occupano una de- nano questi brani da molti anni. ra, senza alcuna altra indicazione
cina di pagine e consistono in uno Tra le scelte che per forza di co- che le note e l’articolazione possa
studio sugli interventi di revisione se Marián Álvarez Benito ha do- essere ritenuto sufficiente per un
che Segovia operò sui testi per pub- vuto attuare, l’unica che mi lascia chitarrista in formazione. Sarebbe
blicarli con Schott e Columbia. veramente perplesso è un Fa be- infatti come pensare che uno sti-
Marián Álvarez Benito tuttavia non quadro all’inizio di battuta 83 del le, un mondo fatto di un’idea ben
presenta tutte le differenze tra ma- primo movimento della Sonata op. precisa di suono e di fraseggio,
noscritti ed edizioni bensì un cam- 61. Se è vero che il Fa bequadro possa essere ridotto alla sola mes-
pionario scelto e ordinato in base si trova anche nel manoscritto non sa in fila dei dati che l’autore ha
alla natura dell’intervento. Così ab- autografo preso in esame è anche voluto trasmetterci nei suoi mano-
biamo: Cambios Rítmicos, Cambios vero che nell’edizione revisionata scritti. Gli interventi e le diteggia-
que Afectan a la Dinámica, Cambios da Segovia il Fa risulta diesis in ture di Segovia sono così inutili da
que Afectan a la Articulación, perfetta simmetria con quello che poter essere abbandonati a cuor
Cambios Que Afectan al Tempo e accadrà a battuta 101 nella ripresa. leggero o addirittura non conosciuti
infine Otros cambios. L’ultima se- Soffermandomi sulla questione ho dall’interprete? Non credo, anzi ri-
zione del volume, Notas aclarato- poi notato che Marián Álvarez Benito tengo che siano essi stessi porta-
rias, riferisce degli interventi di menziona un articolo di Angelo tori di un’estetica, fraseggio e suo-
Marin Álvarez Benito su alcune im- Gilardino dove l’autore non rileva no appunto, che fanno parte inte-
precisioni e lapsus calami presen- questa differenza: da tale dettaglio grante del mondo di Turina e sen-
ti nei manoscritti. la curatrice deduce che Gilardino za la quale questa musica rimar-
Sulla parte storica non ci sof- sarebbe in possesso di un suppo- rebbe in qualche modo depaupe-
fermeremo più di tanto: l’unico ri- sto manoscritto autografo. È dun- rata. Se per la musica barocca o
lievo che può essere mosso è che que bastata una verifica con l’illu- del primo Ottocento siamo ormai
certamente Segovia non aspettò il stre collega per appurare che egli quasi tutti orientati ad un ricerca
1932 per eseguire in pubblico il aveva un manoscritto identico a interpretativa che tenga conto del-
Fandanguillo scritto nel 1925. Il fat- quello non autografo usato per la la prassi esecutiva dell’epoca, per-
to che la curatrice non abbia tro- nuova edizione con la sola inte- ché mai per la musica del primo
vato una prova di un recital di stazione cambiata. Sarebbe stato a Novecento dovremmo assumere
Segovia con il brano prima del 1932 questo punto necessario verificare un atteggiamento apparentemente
è sicuramente dovuto alla difficoltà il manoscritto (se esiste ancora) con- più obiettivo e razionale e buttare
nel reperire tutti i programmi che segnato da Segovia a Schott: infat- alle ortiche tutto ciò che è “pras-
il maestro suonò e mi pare anco- ti è noto che Segovia ricopiava le si esecutiva”? Certo gli interventi di
ra più improbabile ipotizzare (sul- sue revisioni per consegnarle all’edi- Segovia vanno anch’essi “interpre-
la base di ricerche di cui non si tore ma è anche vero che in al- tati” e riletti criticamente: gli sfol-
menziona il riferimento bibliogra- cuni casi i manoscritti venivano ri- timenti di note che, per esempio,
fico) che l’onore della prima sia letti e corretti dall’autore stesso; nes- si trovano nella vecchia edizione
toccato a Regino Sainz de la Maza suno può perciò escludere (anzi lo della Rafaga op. 53 appaiono og-
nel 1928. Segovia non attendeva riterrei probabile) che Turina non gi privi di senso. Tuttavia le revi-
mai tanto tempo prima di suona- abbia riletto anche le bozze di sioni di Segovia contengono scel-
re un brano che decideva di in- stampa. Sono pertanto dell’opinio- te di diteggiatura che non posso-
cludere nel suo repertorio e, in- ne che il Fa naturale sia un lapsus no essere lette esclusivamente sul
fatti, risulta che egli incise per la calami di un copista disgraziata- piano della meccanica chitarristica
EMI il Fandanguillo il 20 maggio mente promosso oggi al rango di ma assumono di per sé un signi-
1927. testo definitivo. ficato estetico: di fatto sono già
La nuova stampa delle musiche Conclusa la disamina della nuo- un’interpretazione. Perciò ritengo
è di qualità grafica esemplare e il va edizione, rimangono però al- che la nuova edizione non per-
lavoro della curatrice è eccellente: cuni quesiti. Questa edizione può metterà di dimenticare le vecchie
il testo è presentato senza aggiun- essere messa in mano ad uno stu- revisioni di Segovia: semmai ci
te di diteggiatura e restituisce l’in- dente che si cimenta per la prima permetterà di leggerle con mag-
tegralità dei dettagli che l’autore ave- volta con tale repertorio? E, più in giore consapevolezza, magari ac-
va annotato con precisione mania- generale, la nuova edizione man- cordandole pienamente alla volontà
cale. La musica ne esce notevol- da in pensione definitivamente le di Turina.
mente arricchita di dettagli dinamici, vecchie edizioni Schott e Columbia? Frédéric Zigante

58
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 59

libri Come ben sappiamo, la cono- cento, quindi come un punto di


scenza storico-musicologica della inizio e non di arrivo. Certamente
Salvatore Lombardi - Piero Viti letteratura per e con chitarra si ar- questi sono problemi che verran-
Il duo flauto e chitarra. Storia ricchisce praticamente di giorno in no meglio sviluppati e risolti in
e Repertorio. Catalogo comple- giorno grazie alle acquisizioni di un’auspicabile seconda edizione
to delle opere dall’Ottocento a nuove opere e alle nuove edizio- dell’opera: e meglio ancora in un’edi-
oggi. ni musicali. La diffusione planeta- zione on line che possa accoglie-
Michelangeli editore, Milano, 2010. ria di internet ha facilitato enor- re, ovviamente previo accurato va-
memente la circolazione delle mu- glio critico, i contributi di quanti
siche e lo scambio di conoscenze vorranno fornire ulteriori informa-
tra musicisti e musicologi, ed è dun- zioni alla ricerca. Ciò che esiste
que giusto che ogni tanto si fac- nelle biblioteche pubbliche del mon-
cia il punto, così come hanno fat- do è ormai in larghissima parte ca-
to i nostri due musicisti, su un set- talogato. Meno nota è ovviamente
tore specifico della letteratura stru- la consistenza dei fondi privati di
mentale, cercando di inventariare amatori e collezionisti che spesso
il repertorio conosciuto in quel de- possiedono copie uniche di opere
terminato momento. Imprese di que- altrimenti da considerare perdute.
sto genere corrono sempre il ri- Il volume fornisce l’elenco di un
schio che qualche cosa venga di- gran numero composizioni, molte
menticata per strada, e qualche al- delle quali presumibilmente igno-
tra (o molte altre) si renda dispo- te anche a molti musicisti attivi nel
nibile immediatamente dopo la pub- settore. Questo da solo basta già
blicazione del testo. Si tratta di un a spiegarne la sua utilità pratica.
rischio inevitabile, specialmente se Per ciò che riguarda l’impostazio-
ci si occupa di un repertorio che ne più propriamente scientifica
va dal diciannovesimo secolo ad della catalogazione, molte cose an-
oggi e che dunque si arricchisce drebbero migliorate e modificate,
continuamente di nuove pubblica- naturalmente avendo molto più spa-
zioni. È chiaro che un catalogo di zio a disposizione. Nella sua at-
Salvatore Lombardi, flautista, e questo genere dovrebbe poter es- tuale versione, il catalogo è fun-
Piero Viti, chitarrista, entrambi cam- sere sempre aggiornato in tempo zionale ad una prima ricerca sul
pani, suonano insieme da più di reale e quindi la sua versione idea- repertorio, il che presumibilmente
venticinque anni e costituiscono le sarebbe quella on line. La ver- costituiva fin dall’inizio il suo prin-
dunque un duo di apprezzabile lon- sione cartacea, per quanto ampia cipale scopo.
gevità artistica. La ricerca sulla let- e ben documentata, fissa la situa- Il catalogo delle opere per flau-
teratura per il loro ensemble stru- zione delle conoscenze ad un da- to e chitarra è preceduto da una
mentale è nata dal naturale desi- to momento, il che rende poi qua- concisa ma utile analisi del reper-
derio di ampliare il proprio reper- si automatica la necessità di nuo- torio concepito esplicitamente per
torio ed è venuta crescendo e in- ve edizioni, che ci auguriamo se- l’ensemble dei due strumenti, con
tensificandosi nel corso di questi guiranno negli anni a venire, com- brevi cenni storici sui principali
venticinque anni di comune atti- prendenti aggiunte e correzioni di compositori (chitarristi e non) che
vità. Da qui la riscoperta e la ri- eventuali errori. Gli autori sono ad esso si sono dedicati. Si tratta
proposizione in sede concertistica del resto ben consci, com’è ovvio, dunque di un lavoro assai pratico,
di opere a lungo trascurate o di- di tutti questi problemi: da qui l’in- di facile consultazione, che potrà
menticate, che è andata di pari vito rivolto a colleghi e semplici essere utile a quanti vogliano es-
passo con la richiesta di nuovi la- appassionati affinché segnalino er- sere meglio informati sul reperto-
vori per il duo flauto-chitarra ri- rori ed omissioni presenti nel vo- rio a disposizione del duo flauto-
volta ai compositori contempora- lume. Non staremo dunque qui a chitarra: il che potrebbe essere an-
nei. Frutto di venticinque anni di segnalare tutto quello che ci sem- che il punto di partenza, sia det-
attività è ora questo agile volu- bra mancante o opinabile nei cri- to per inciso, per un’ulteriore in-
metto di 96 pagine contenente il teri di catalogazione in un libro vestigazione sull’intero repertorio
primo tentativo di catalogazione che coscientemente si pone come cameristico con chitarra.
dell’intero repertorio pr flauto e chi- un primo inventario del repertorio Danilo Prefumo
tarra dall’Ottocento ad oggi. flauto-chitarra a partire dall’Otto-

59
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 60

novità editoriali e discografiche

musiche Bèrben, Ancona Sergio Assad (Remembrance,Sonata,


• Alexandre Tansman, Hommage Aquarelle, Jobiniana n. 1, Mara-
à Manuel de Falla per chitarra e caípe) per una e per due chitarre.
Editions Henry Lemoine, Paris orchestra da camera (1954). Re- TONAR MUSIC, TONAR91201
• Celso Machado, 6 Melodias Afro- visione di Angelo Gilardino, Luigi www.tonarmusic.com
brasileiras per 2 e 4 chitarre Biscaldi, Frédéric Zigante. Orche-
• Jean-Pierre Grau, Prélude, ta- strazione di Angelo Gilardino. Petri Kumela
rentelle et habanera Partitura con allegato CD contenente • Carl Philipp Emanuel Bach.
• Thierry Tisserand, Couleurs lati- la registrazione computerizzata (a Transcriptions for guitar. Le tra-
nes cura di Ermanno Brignolo) in due scrizioni sono dell’esecutore stesso.
• David Lacroix, 11 études pour la versioni: completa e minus one. ALBA, ABCD 244
beauté des gestes www.alba.fi
Heinrichshofen, Wilhelmshaven
Ut Orpheus Edizioni, Bologna • Kurt Schumacher, Fine & Gentle. Marco Sartor
• Carlo de Nonno, 3 piccole 12 Elegante Stücke für Gitarre • Red. Si tratta della registrazione
Suites premio per la vittoria al JoAnn Falletta
• Jorge Omar Kohan, 5 Estudios Edition Margaux, Berlin International Guitar Concerto Com-
Tangueros • Edvard Grieg, Lyriske stykker op. petition 2008. Il chitarrista uruguaiano
12. Trascrizione per tre chitarre di suona musiche di Abel Fleury,
Editions Orphée, Columbus, OH, Utz Grimminger. John Dowland, M. M. Ponce, D.
U.S.A. Scarlatti, Tom Eastwood, F. Sor e
• Carlos Barrientos, Bomba Pa’ Yo! Edizioni Esarmonia, Capua (CE) Nikola Starcevic.
• Ilya Shatrov (1879-1952), On the • Raffaele Iervolino, Tarande’ op. FLEUR DE SON CLASSICS, FDS 57998
Hills of Manchuria. Canzone russa 11 www.fleurdeson.com
che ha conosciuto una grande po- • Raffaele Iervolino, Sonata Eduardo
polarità trascritta qui in due ver- (Sonata trascendentale) op. 26 Juuso Nieminen
sioni: per chitarra a 6 corde e per • The Latin American Album.
la chitarra russa a 7 corde. Verlag Neue Musik, Berlin Musiche di Barrios, Sagreras,
• Joseph Haydn, The “Creation” • Thomas Buchholz, Repetitorium Lauro, Guastavino, Villa-Lobos.
Fugue. Sor nel suo Metodo ha tra- TERRAVOX, TVXCD-006
scritto per voce e chitarra l’inizio www.terravox.fi
dell’oratorio “La Creazione”. Il chi- dischi
tarrista e compositore statunitense Duo Trekel-Tröster
Mark Delpriora tenta la trascrizio- Beijing Guitar Duo (Meng Su & • North to South. Musik aus Amerika.
ne per chitarra sola “nello stile di Yameng Wang) Musiche per mandolino e chitar-
Fernando Sor” della Fuga dello stes- • Maracaípe. Le due chitarriste ci- ra di Frederic Hand, G. Gershwin,
so oratorio. nesi, che dopo gli studi in Cina si J. Williams, Eduardo Angulo, Rogerio
sono perfezionate con Manuel Dentelio, Egberto Gismonti, Celso
Guitar Solo Publications, U.S.A. Barrueco, eseguono musiche di Machado, M. D. Pujol.
• Marco Pereira, Nostalgicas 1-5 Radamés Gnattali (Suite Retratos) e THOROFON, CTH 2571

60
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 61

corsi e concorsi

concorsi Scadenza iscrizioni: 20 maggio. Cat. B (nati dal 1991): 15’ max.
Il concorso prevede due cate- Cat. C (nati dal 1986): 20’ max.
XI Concorso chitarristico “Città gorie: I solisti; II musica da came- Per informazioni: Agimus-Lom-
di Voghera” ra (duo di chitarre; canto/chitarra; bardia, via Statale 75, 23829 Varenna
Voghera, 14-15 maggio 2011 violino/chitarra; viola/chitarra; (LC), Italia.
Scadenza iscrizioni: 25 aprile flauto/chitarra; trio o quartetto;
Categorie divise per età (fino a chitarra e archi). XVII Concorso Internazionale
8, 9, 10, 12, 15, 18 anni e senza Eliminatoria (Catt. I e II); a) "Giovani Chitarristi"
limiti di età). Previste categorie an- una composizione di F. Carulli a Mottola (TA), 7-10 luglio 2011
che per due chitarre, gruppi di scelta; b) un programma a libera Cat. A (solisti nati fino al 1999):
chitarre e per formazioni da ca- scelta della durata di 15’ circa. 5’ a scelta.
mera con chitarra. Finale (Catt. I e II): programma Cat. B (solisti nati dal 1996 al
Per informazioni: Chitarrorchestra a libera scelta della durata di 15’ 1998): 8’ a scelta.
Città di Voghera, via Montebianco circa composto da brani originali Cat. C (solisti nati dal 1991 al
18, 27058 Voghera (PV). E-mail: per chitarra, liuto o vihuela (esclu- 1995) 10’ a scelta.
chitarrorchestra@libero.it so XXI sec.). Possibile utilizzare stru- Scadenza iscrizioni: 10 giugno.
www.chitarrorchestra.it menti filologici. Per informazioni: Accademia del-
Giuria: Goran Listes, Stefano la Chitarra, Via Vito Sansonetti 64,
VIII Concorso Europeo di Chi- Magliaro, Stefano Palamidessi, 74017 Mottola (TA). E-mail: info
tarra Classica "Città di Gorizia". Gianfranco Sordi, Eleonora Vulpiani. @mottolafestival.com
Premio Enrico Mercatali Per informazioni: concorsofcarulli www.mottolafestival.com
Gorizia, 27-29 maggio 2011 @gmail.com
Categorie divise per età (fino a XVII Concorso Internazionale
11, 13, 16, 19 anni), concertisti Rassegna/Concorso Giovani di chitarra
senza limite di età, duo-trio-quar- Promesse “Antica Contea di Mottola (TA), 7-10 luglio 2011
tetto, chitarra con altro strumento Civenna” Limite di età: 35 anni.
e ensemble di chitarre. Civenna (CO), 2 giugno 2011 Scadenza iscrizioni: 10 giugno.
Montepremi: € 20.000. Scadenza iscrizioni: 20 maggio. Eliminatoria: a) uno Studio scel-
Scadenza iscrizioni: 9 maggio. Programma libero per tutte le to tra i 20 Studi di Sor/Segovia; b)
Per informazioni: Centro Chi- categorie. 8’ a libera scelta.
tarristico “M. Giuliani”, Corso Italia Cat. A (nati dal 2001): 6’ max. Semifinale: una composizione scel-
51, 34170 Gorizia. Tel. 328 9464270; Cat. B (nati dal 1998); 9’ max. ta tra le seguenti: N. Paganini, Grande
fax 0481 2531154; e-mail: concorso Cat. C (nati dal 1995): 15’ max. Sonata in La maggiore; M. Giuliani,
@ccmg.it Cat. D (nati dal 1992): 18’ max. Gran Sonata Eroica, Sonata op. 15,
www.ccmg.it/concorso Musica d’insieme (gruppi com- Rossiniane; F. Sor Sonata op. 22,
posti da un massimo di 10 ele- Sonata op. 25; J. Turina, Sonata;
III Concorso internazionale “F. menti). Per determinare la catego- Antonio José, Sonata; M. Castel-
Carulli” ria di appartenenza si fa la media nuovo-Tedesco, Sonata; H. Villa-
Roma, 28-29 maggio 2011 dell’età dei componenti. Lobos, Suite Populaire Brésilienne;
Senza Limite di età. Cat. A (nati dal 1996): 10’ max. A. Ginastera Sonata op. 47; A. Gi-

61
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 62

lardino, Sonata n. 1, Sonata n. 2; XLIV Concorso Internazionale Accademia Musicale Chigiana


L. Brouwer, Sonata; D. Bogdanovic, “M. Pittaluga” Siena
Jazz Sonata; R. Dyens, Libra Sona- Alessandria, 26 settembre - 1 ot- Periodo: 4-30 luglio
tine; M. D. Pujol, Elegía por la tobre 2011 Docente: Oscar Ghiglia
muerte de un tanguero. Limite di età: 30 anni. Per informazioni: Accademia
Finale: programma a libera scel- Scadenza iscrizioni: 31 agosto. Musicale Chigiana, via di Città 89,
ta della durata di 25’. Eliminatoria: programma di 20- 53100 Siena. Tel. 0577 22091; fax
Montepremi: € 5000, concerti. 22’ comprendente il Vals op. 8 n. 0577 288124; e-mail: accademia.chi-
Per informazioni: Accademia del- 4 di Agustín Barrios. giana@chigiana.it
la Chitarra, Via Vito Sansonetti 64, Semifinale: Programma di 40-43’
74017 Mottola (TA). E-mail: info comprendente brani di stili diver- Volterra Project
@mottolafestival.com si e almeno uno scelto fra: A. Barrios, Volterra (SI)
www.mottolafestival.com La Catedral oppure Un sueño en Periodo: 10-18 luglio
la floresta. Docenti: Antigoni Goni, Margarita
Claxica 2011 Finale: un concerto per chitarra Escarpa
Castel d’Aiano (BO), 22-24 lu- e orchstra scelto fra: M. Giuliani, Per informazioni: info@volterra-
glio 2011 Concerto op. 30; F. Carulli, Petit guitar.org
Senza limiti di età. concert de société op. 140; L. www.volterraguitar.org
Scadenza iscrizioni: 24 giugno. Brouwer, Concerto elegiaco.
Eliminatoria: programma libero Per informazioni: Comitato pro- XIX International Abel Carlevaro
della durata di 15’. motore Concorso “M. Pittaluga”, “Gitarre & Nature” Festival
Finale: programma libero di 25’ Piazza Garibaldi 16, 15121 Ales- Erlbach (Germania)
contenente almeno due brani di sandria. Tel. 0131 253170; fax 0131 Periodo: 17 luglio-24 luglio
diversi periodi e stili. 235507; e-mail: concorso@pittalu- Docente: Eduardo Fernández
Per informazioni: tel. 3934753056; ga.org Per informazioni: info@gitarreund
e-mail: giordanopassini@ousiarmo- www.pittaluga.org natur.de
nica.it www.gitarreundnature.de
www.ousiarmonica.it corsi
Master class
XXXVI Concorso Internazionale Master class di chitarra Avezzano (AQ)
di Gargnano Bari Periodo: 1-4 agosto
Gargnano (BS), 1-3 settembre 2011 Periodo: 29-30 aprile 2011 Docente: Lorenzo Micheli
Limite di età: 35 anni. Docente: Flavio Cucchi Per informazioni: Associazione
Eliminatoria: a) S. L. Weiss, Per informazioni: tel. 347 6052769; Musicale “Il Fabbro Armonioso”,
Sarabande dalla Suite “L’infidèle” e-mail: orchestradefalla@fastwebnet.it Corso della Libertà, 61 67051
(Chiesa, Suite XXV, p. 268); b) Avezzano (AQ); tel. 0863.21731;
Joaquín Rodrigo, En los trigales. Master class di chitarra fax 0863.455549; e-mail: ilfab-
Semifinale: a) J. S. Bach, una Roma, Museo Nazionale dell’Alto broarmonioso@virgilio.it
delle Suites per liuto o Preludio, Medioevo
Fuga e Allegro BWV 998; b) ese- Periodo: 25-26 maggio Cluster 2011
cuzione di uno o più brani a li- Docente: Goran Listes Convitto regionale F. Chabod,
bera scelta, originali per chitarra, Per informazioni: tel. 338 3424297; Aosta
della durata complessiva non su- e-mail: concorsofcarulli@mail.com Periodo: 20-28 agosto
periore a 10’. www.concorsocarulli.altervista.org Docenti: Lucia Pizzutel, Marco
Finale: esecuzione di un pro- Silletti
gramma a libera scelta, originale Master class di chitarra Scadenza iscrizioni: 30 luglio.
per chitarra, comprendente opere “Casa Luisa e Gaetano Cozzi”, Per informazioni: Associazione
dell’Ottocento classico e del Nove- Zeo Branco, Treviso Tamtando, Rég. Amérique 33, 11010
cento della durata di 25-30’. Periodo: 19-28 giugno Quart (AO). Tel. 338 4367016, 339
Premi: 1° 4.200 €; 2° 1.800 €; Docente: Carlos Bonell 4327308; e-mail: info@tamtando.com
3° 800 €. Assistente Francesca Rossetto
Per informazioni: Incontri chi- Scadenza iscrizioni 15 giugno. VII Corso estivo di musica rina-
tarristici di Gargnano, via Roma Per informazioni: Associazione scimentale, barocca e classica
47, 25084 Gargnano (BS). Tel. Artepensiero, via Zermanese 42, Parzanica (BG)
0365 7988207, 0365 72625; fax 31100 Treviso; tel. 377 4073788; e- Periodo: 21-28 agosto
0365 71354. mail: artepensiero@gmail.com Docente: Paolo Cherici (liuto)

62
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 63

Il corso è aperto anche ai chi- Veroes. (Alle ore 15 mostra • 20 maggio, Ensemble Classica
tarristi. di liuteria). Trio (Fabio Spruzzola, chitar-
Per informazioni: tel. 035 917080, Per informazioni: tel. 02 55187286. ra; Romano Pucci, flauto; Ivano
347 8863567; e-mail: yamafadi@ www.ateneodellachitarra.it Brambilla, clarinetto e man-
gmail.it dolino) con l’Orchestra d'ar-
Biblioteca Vigentina, Corso di por- chi "Guido d'Arezzo".
Incontri chitarristici di Gargnano ta Vigentina 15
Gargnano (BS) • 4 aprile (ore 18.15), Marco Liechtenstein
Periodo: 21-31 agosto Panzarino • 2-9 luglio, “Ligita2011”. Corsi,
Docente: Oscar Ghiglia (chitar- • 11 giugno (ore 16), Marco laboratorio di flamenco, la-
ra), Elena Papandreou (assistente), Panzarino boratorio di liuteria, concerti,
Massimo Lonardi (interpretazione concorso (limitato ai parteci-
della musica rinascimentale e tra- Asti panti effettivi dei corsi).
scrizione di intavolature). Centro Culturale San Secondo, ore Partecipano: Duo Assad, Alvaro
Per informazioni: Incontri chi- 18 Pierri, Carlo Domeniconi, Paul
tarristici di Gargnano, via Roma • 10 aprile, Pablo Lentini Riva O’Dette, Stefan Hackl, Atanas
47, 25084 Gargnano (BS). Tel. Per informazioni: tel. 0141 354030; Ourkouzounov, Tania Chagnot,
0365 7988207, 0365 72625. E-mail: e-mail: info@centrosansecondo.it Mariano Martin e altri.
biblioteca@comune.gargnano.bre- Per informazioni: www.ligita.li
scia.it Lodi
“Stagione internazionale di chitar- Castell’Arquato (PC)
Corsi musicali estivi di perfe- ra classica 2011”, Tempio Civico Festival chitarristico “Città di
zionamento Incoronata, ore 17 Castell’Arquato”
Moneglia (GE) • 10 aprile, Berta Rojas • 7-12 luglio, Partecipano: Piera
Periodo: 24 agosto-2 settembre Dadomo, Vincenzo Torricella
Docente: Aldo Minella Chiesa Santa Chiara Nuova, ore (corsi di chitarra), Giuseppe
Per informazioni: Associazione 21.15 Pepicelli (chitarra e metodo
Musicale “Felice Romani”, tel. 0185 • 13 maggio, Massimo Delle Cese Feldenkrais), Tilman Hopp-
49487 (ore 19-20), 338 9198750; e- • 10 giugno, Esdras Maddalon stock (masterclass), William
mail: info@feliceromani.it Kenengiser (masterclass e con-
Cortile Liceo P. Verri, ore 21.15 certo l’8 luglio).
III International Music Campus • 8 luglio, Virginia Luque Per informazioni: tel. 338 6078817;
Porziano Musica e-mail: vinvtorricella@libero.it
Porziano d’Assisi (PG) Aula Magna Liceo P. Verri, ore 21.15
Periodo: 28 agosto-3 settembre • 16 settembre, Anabel Monte- Rotenburg (Germania)
Docente: Leopoldo Saracino sinos • 17-24 luglio, “Rotenburg Guitar
Assistente: Thomas Ellis Per informazioni: segreteria@ate- Festival 2011”. Corsi per di-
Per informazioni: info@porzia- lierchitarristicolaudense.it lettanti e professionisti, musi-
nomusica.org ca da camera, orchestra di
www.porzianomusica.org Bari chitarre, laboratori, concerti.
Hotel Sheraton, ore 21 Partecipano: Hans Wilhelm
• 28 aprile, Flavio Cucchi Kaufmann, Thomas Müller-
appuntamenti Per informazioni: tel. 347 6052769; Pering, Raphaella Smits, Dirk
e-mail: orchestradefalla@fastwebnet.it Lemmermann.
Milano Per informazioni: Rotenburg
“Incontri con la chitarra”. In ricor- Trento Guitar Festival c/o H. W. Kaufmann,
do di Rocco Peruggini. Palazzina Conservatorio di Musica “F. A. Vagtstr. 6, D-28203 Bremen,
Liberty, ore 20.45 Bonporti”, Auditorium, ore 20.30 Germania. Tel: 0049 421 433 0812;
• 2 aprile, SoloDuo (Matteo Mela • 17 maggio, Gianluca Nicolini, e-mail: info@rotenburger-gitarren-
& Lorenzo Micheli). Apre il flauto-Fabrizio Giudice, chitarra woche.de
concerto Serena Saloni. www.rotenburger-gitarren-
• 9 aprile, Luigi Attademo. Pozzuolo Martesana (MI) woche.de
Apre il concerto Betty Trevisan Chiesa di S. Francesco, ore 21

63
02 Fronimo 154 3 colonne 21-03-2011 13:18 Pagina 64

la bottega della chitarra

Questa rubrica è riservata alle Padova ed eventualmente a Vendo chitarra Renato Barone,
comunicazioni dei nostri abbona- Brescia o Vercelli. Tel. 349 3620309; anno 1998, diapason 650 mm. Tavola
ti. Gli annunci dovranno essere in- e-mail: olivieri.alessio@gmail.com in cedro, fondo e fasce in palis-
viati a “il Fronimo”, via Orti 14, sandro indiano. Ottimo stato. Suono
20122 (Mi). I non abbonati do- Vendo i seguenti strumenti: chitar- potente e definito, eccellente suo-
vranno inviare, insieme all’an- ra Alan Wilcox (1979) con mec- nabilità. Custodia Hiscox inclusa.
nuncio, la fotocopia dell’avvenuto caniche Alessi in avorio, € 4500; Si può provare a Novara o a Milano.
versamento dell’importo relativo chitarra Bernabé E-2 (1991), € € 2.500. E-mail: sabella862@ yahoo.it
all’abbonamento. 1500; tiorba Giuseppe Tumiati
(2002), € 2500. Tel. 329 9734131; Vendo chitarra del liutaio spa-
Vendo chitarra Ramírez, anno e-mail: fabio_rizza @alice.it gnolo Arturo Sanzano, anno
1999, modello Especial, tavola in 2009. Tavola armonica in abete,
abete, fasce e fondo in palissan- Vendo chitarra Daniel Friederich fondo e fasce in dalbergia, tastie-
dro indiano, ben tenuta. Amplificata in abete, anno 1959 e Vicente Arias ra/manico in ebano. Suono caldo
con un sistema Fishman molto bel- 1874, tutta originale e perfettamente e cristallino. Ottima potenza sono-
lo. € 2000. Tel. 333 8555746; de- restaurata: trattative private; inoltre ra, equilibrio polifonico. Condizioni
stefano.paolo@ gmail.com Vicente Orange, anni ‘40, restau- ottime, € 3000 (compresa custodia
rata, € 2000. Documentazione fo- rigida). Tel. 347 1895562; e-mail;
Vendo chitarra Novelli, anno tografica su richiesta. E-mail: davi- fra.luciani@gmail.com
1992, diapason 64 cm., fasce e deficco@alice.it
fondo in acero, tavola in abete.
€ 1500. Tel. 347 7559959. Vendo Ramirez classe 1a (da
concerto) del 1976. Tel. 338-9625943
Chitarra romantica Gennaro
Fabricatore, 1808, Napoli, ottima Vendo chitarra Scandurra co-
suonabilità, restaurata di recente, pia Torres, perfetta, un anno di vi-
ottime condizioni per l’età, bassi ta. Fasce e fondo Palissandro
profondi e presenti, cantini dolcis- Brasiliano chiaro, piano armonico
simi, tastiera stretta ma suonabile. abete, interno fasce cipresso,
Si può provare a sud Milano. E- meccaniche Schaller. Diapason 645
mail: mvbazz@gmail.com mm, suono chiaro e potente. €
7000 (prezzo d’acquisto). Tel. 349
Vendo splendida chitarra Luciano 5200782.
Lovadina, anno 2006, diapason 650
mm, piano in abete rosso di Val Vendo chitarra Luigi Locatto, 1° premio: $ 7000
di Fiemme e fasce e fondo in pa- anno 2004. Tavola armonica in Termine per la presentazione
lissandro brasiliano. Preziose de- abete, fondo e fasce in palissan- della prova eliminatoria:
corazioni in madreperla. Con cu- dro brasiliano, diapason 64. € 4.500. 31 luglio
stodia rigida VGV. € 3.800. La chi- Tel. 0142 925722, 334 1969999 www.barriosworldwide.com
tarra è disponibile per provarla a (Pier Angelo).

64