Sei sulla pagina 1di 33

ASLAM – Associazione Scuole Lavoro Alto Milanese

CENTRO DI LAVORO VERTICALE


MOMAC MC 600 CON
CONTROLLO HEIDENHAIN TNC 410

ISTRUZIONI PER USO E PROGRAMMAZIONE


IN FORMATO HEIDENHAIN E IN FORMATO ISO

1
CARATTERISTICHE TECNICHE

2
Per il funzionamento della macchina, osservare tutte le
precauzioni necessarie descritte nel manuale di installazione e
manutenzione.

Osservare scrupolosamente le operazioni di manutenzione


periodiche raccomandate dal costruttore e prescritte nel
manuale sopra accennato.

Per la programmazione completa il linguaggio HEIDENHAIN


fare riferimento alla GUIDA RAPIDA TNC 410. Di seguito
sono descritti solo gli accenni essenziali per iniziare la
programmazione.

3
QUADRO DI COMANDO

Quadro di comando MC 600

4
5
Quadro comando - Parte inferiore – Tastiera per CNC

6
ACCENSIONE DELLA MACCHINA:
Azionare l’interruttore generale posto sull’armadio elettrico e portarlo su ON.
Il display del CN si accende e compare il messaggio: “INTERRUZIONE DELLA TENSIONE”.

Disattivare il pulante EMERGENZA (1) sulla console

Premere CE sulla tastiera (WAIT……)

Quando compare il messaggio: “MANCA POTENZA PREMERE MASTER” premere il tasto 11


(tensione motori)

A questo punto, utilizzando i tasti JOG (7) uno per volta (la direzione non è importante), facendo
attenzione ad evitare collisioni, si muovano gli assi fino a che scompare l’evidenziatore.

La macchina è pronta per operare in modo MANUALE.

MISURAZIONE DEGLI UTENSILI E INTRODUZIONE


DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE NELLA
TABELLA UTENSILI.
La misurazione viene preferibilmente effettuata fuori macchina utilizzando il PRESETTING
ALPHA. Essa consiste nel rilevare il raggio dell’utensile in oggetto e la sua lunghezza intesa come
distanza dal naso mandrino al punto di massimo ingombro.
ATTENZIONE: questo presetting misura il diametro: occorre perciò dividere la misura per 2prima
di inserirla nella tabella utensili.
I dati devono essere introdotti nella TABELLA UTENSILI cui si accede dal menù proposto sotto il
monitor:
- TABELLA UTENSILI
- EDIT: ON
- Inserire R (raggio) L (lunghezza)
- Premere FINE.

Utensili per MC 600

7
Presetting ALPHA per misura utensili

DEFINIZIONE DELLO ZERO PEZZO (ORIGINE DI


LAVORO)
Il Controllo Heidenhain TNC410 prevede un’unica origine di lavoro che può essere traslata infinite
volte durante la lavorazione. Essa coincide con l’origine di una terna di assi cartesiani in cui le
quote programmate hanno valore 0.

Il metodo più accurato per la definizione dell’origine prevede l’impiego di un tastatore 3D (con o
senza sonda sonora) montato sul mandrino con un comune portautensili ISO BT40 che permette di
tastare i punti individuati come riferimento del sistema di assi cartesiani.

Nel caso del nostro tastatore “FH 3D taster”, il quadrante dello strumento è analogico e prevede un
precarico di 2 mm. prima di raggiungere il punto di riferimento da quando la sfera viene a contatto
con il piano da tastare. Nel punto in cui le due lancette segnano 0, l’asse del mandrino passa per il
piano tastato con un errore massimo di alcuni centesimi di millimetro.

8
AZZERAMENTO ASSE X:
Tastare in modo Manuale, (eventualmente con l’ausilio del volantino 17, attivato per l’asse X, per
l’ultima parte dello spostamento, da quando cioè l’orologio comincia a segnare il contatto) il piano
di riferimento e introdurre il dato in macchina:
- X
- 0
- ENTER

AZZERAMENTO ASSE Y:
Tastare in modo Manuale, (eventualmente con l’ausilio del volantino 17, attivato per l’asse Y, per
l’ultima parte dello spostamento, da quando cioè l’orologio comincia a segnare il contatto) il piano
di riferimento e introdurre il dato in macchina:
- Y
- 0
- ENTER

AZZERAMENTO ASSE Z
Tastare in modo Manuale, (eventualmente con l’ausilio del volantino 17 attivato per l’asse Z per
l’ultima parte dello spostamento da quando cioè l’orologio comincia a segnare il contatto) il piano
di riferimento e introdurre il dato in macchina:
- Z
- 0
- ENTER

E’ IMPORTANTE CHE NELLA TABELLA UTENSILI SIA GIA’ STATA INSERITA IN


PRECEDENZA LA LUGHEZZA DELL’UTENSILE USATO PER LA MISURA DELL’ASSE Z E
CHE L’UTENSILE PRESCELTO SIA GIA’ ATTIVO.

Altrimenti introdurre la lunghezza dell’ utensile che sarà stata determinata precedentemente col
presetting. In questo caso occorre assicurarsi che la macchina registri come presenza sul mandrino
un utensile di lunghezza 0. Si scriverà quindi:
- Z
- Misura dell’utensile rilevata sul presetting (es. 127,42)
- ENTER
In mancanza di un tastatore 3D, si può procedere sfiorando il pezzo con utensile di diametro e
lunghezza noti.

CARICAMENTO DEGLI UTENSILI


Caricamento a magazzino.
In modo Manuale ruotare il cestello del magazzino portandolo nella posizione prescelta di carico-
scarico, quindi posizionare il portautensili nel magazzino in modo da ingaggiare la chiavetta di
orientamento nella sede.

Caricamento sul mandrino.


In modo Manuale tenere premuto con la mano sinistra il pulsante sulla testa della macchina e
inserire il portautensili con la mano destra facendo ingaggiare correttamente le chiavette di
trascinamento, quindi rilasciare il pulsante. Solo ora abbandonare il portautensili tenuto con la
mano destra.

ASSICURARSI SEMPRE CHE IL NUMERO DI POSTAZIONE IN MAGAZZINO


CORRISPONDA CON QUELLA COMTENUTA NELLA TABELLA UTENSILI.

9
LAVORAZIONI IN MDI
- Selezionare la modalità di funzionamento MDI premendo il tasto 20 del pannello di controllo.
- Digitare l’istruzione per eseguire la funzione richiesta.
- Premere il tasto n. 6 del pannello superiore: Ciclo Start.:
La macchina esegue l’istruzione impartita.

Es..digitare:
TOOL CALL 1 Enter
S1000 Enter
M03 Enter End
- Ciclo start (6):
La macchina inserisce sul mandrino l’utensile 1, lo fa ruotare a 1000 g/1’ con rorazione
oraria.

M5 Enter End
- Ciclo start (6):
La macchina arresta la rotazione

L X100 Enter
Y100 Enter
G00 Enter End
– Ciclo start (6):
La macchin a si porta in rapido alla posizione X100 Y100.

Se lo schermo MDI contiene già una serie di istruzioni, si può:


- selezionare tra le presenti quella che desideriamo eseguire
- premere il tasto Ciclo start.
La macchina esegue l’istruzione prescelta.

Le righe di istruzione possono essere cancellate premendo il tasto DEL

10
Definizione ZERO PEZZO con tastatore

11
MODIFICA DI UN PROGRAMMA ESISTENTE E
CREAZIONE DI UN NUOVO PROGRAMMA.

Per una informazione completa circa la programmazione in


Heidenhain, consultare la GUIDA RAPIDA TNC 410

Per Iniziare la programmazione:

Selezionare il modo EDIT (18)


Il display visualizza l’ultimo programma elaborato.
Per modificare i dati esistenti muoversi con i cursori “GOTO” fino al blocco ed al carattere
prescelto.
DEL cancella il carattere o il blocco intero a seconda di cosa è evidenziato.
END chiude il blocco modificato.
Le modifiche vengono automaticamente salvate in memoria.

Se il programma da modificare non è l’ultimo elaborato, dalla funzione EDIT premere


PGM_MGT per visualizzare la Directory dei programmi contenuti nella memoria del C.N.
Scegliere il programma da caricare scorrendo la directory e premere SELECT.

Per creare un nuovo programma:


- Selezionare PGM_MGT
- Scrivere il nome del nuovo programma (si vede sul monitor in alto).
- Digitare ENTER
- Specificare l’estensione del programma: H per programma in formato Heidenhain, I per il
programma in formato ISO.

PER LA PROGRAMMAZIONE IN
LINGUAGGIO HEIDENHAIN:
(Rif. Heidenhain - Manuale utente Programmazione Heidenhain)

La prima informazione riguarda la definizione del campo grafico che permette la simulazione
animata delle lavorazioni.
Scorrere con i tasti del monitor verso destra, premere BLK FORM, ENTER.
Inserire le coordinate del punto minimo del formato (X,ENTER, Y,ENTER, Z,END OF BLOCK)
Ci viene proposto automaticamente il punto massimo del formato: inserirne le coordinate
(X,ENTER, Y,ENTER, Z,END OF BLOCK)

Proseguendo::

Per tutti i blocchi successivi ad esclusione di cicli fissi, cerchi e label, il blocco inizia premendo
LINEARE (L: TASTO GRIGIO).

12
Per Impostare un ciclo fisso (es: Foratura).
- premere CYCL DEF
- Selezionare il tipo di ciclo (es. FORATURA)
- Selezionare il tipo di foratura (es. FORATURA PROFONDA)
- Rispondere alle domande da 1.1 a 1.5
- Premere END OF BLOCK.
Successivamente con la funzione L posizionarsi sul foro da eseguire inserendo le coordinate X, Y,
programmare la quota Z di posizionamento (sempre con la funzione L) e richiamare il ciclo fisso
definito con la funzione M99.

Per fresare un profilo con compensazione raggio utensile, si utilizzano le funzioni:


- RL (radium left)
- RR (radius right)
La scelta si esegue a seconda che nella lavorazione del profilo l’utensile che avanza si tiene a
sinistra o a destra del profilo stesso.
Il valore di OFFSET calcolato dal controllo dipende dal valore del Raggio utensile inserito in
tabella utensili.

Per realizzare una traiettoria circolare si definisce:


- in un blocco il centro del cerchio (CC in coordinate X,Y)
- nel blocco successivo: il punto finale dell’arco (in coordinate X,Y), e DR+/- . DR definisce
il senso di rotazione del cerchio: DR-: denso orario, DR+: senso antiorario.

Per avvicinarsi al profilo usare preferibilmente le funzioni APPR


Per distaccarsi da un profilo usare preferibilmente le funzioni DEP.

ESECUZIONE PROGRAMMA
Una volta inserito il programma si può verificarlo attraverso la SIMULAZIONE GRAFICA che
simula esattamente il formato del materiale di partenza, gli utensili impiegati e le lavorazioni di
asportazione

Per l’esecuzione del pezzo da programma si può procedere:


- in esecuzione singola
- in esecuzione continua.

13
ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE IN
FORMATO HEIDENHAIN:

0 BEGIN PGM aslam1 MM


1 BLK FORM 0.1 Z X+0 Y+0 Z-20
2 BLK FORM 0.2 X+135 Y+155 Z+0
3 TOOL CALL 25 Z S1910
4 L Z+250 R0 FMAX
5 L X-20 Y-20 R0 FMAX M3
6 L Z-5 F1000
7 APPR LCT X+10 Y+40 R10 RL F300
8 L Y+90
9 L X+40 Y+120
10 L X+80
11 CC X+80 Y+145
12 C X+105 Y+145 DR+
13 L X+125
14 L Y+30
15 L X+105 Y+10
16 L X+40
17 CC X+10 Y+10
18 C X+10 Y+40 DR+
19 DEPT LCT X-20 Y-20 R10
20 L Z+250 R0 FMAX M2
21 END PRM Aslam1 MM.

14
15
16
17
18
19
20
ALTRI PROGRAMMI SONO DISPONIBILI SEGUENDO GLI ESEMPI DI
ESERCITAZIONE CONTENUTI NELLA RACCOLTA DEL CORSO TNC 426/430

21
PROGRAMMAZIONE IN FORMATO ISO
(Rif. Heidenhain - Manuale utente Programmazione DIN/ISO)

LA PROGRAMMAZIONE IN FORMATO ISO NASCE AGGIUNGEMDO AL NOME DEL


PROGRAMMA IL SUFFISSO: I

Una volta specificato il nome del programma da inserire con il suffisso, il CN chiede se si vuol
ottenere il programma in mm.(millimetri) oppure in inches. Normalmente operiamo in mm.

ELENCO DI ALCUNE PARTICOLARI FUNZIONI USATE NELLA


PROGRAMMAZIONE ISO:

DEFINIZIONE DEL CAMPO GRAFICO:


G30 (proposto dal CN) per inserimento del piano di lavoro (G17 se X-Y) e del punto minimo.
G31 (proposto dal CN) per inserimento del punto massimo
Es: per un parallelepipedo da mm. 100 x 100 sp. 20:
...........
N10 G30 G17 X0 Y0 Z-20 *
N20 G31 X+100 Y+100 20 *
……….

ATTACCO AL PROFILO CON TRAIETTORIA TANGENTE G26:


Richiede il raggio R del cerchio tangente.
Per avvicinarsi al punto X5, Y5 in modo tangente con un raggio di 10:
…….
N100 G01 G41 X+5 Y+5 F300 *
N110 G26 R10 *
………

DISTACCO DAL PROFILO CON TRAIETTORIA TANGENTE G27:


Richiede il raggio R del cerchio tangente.
Per distaccarsi dal profilo nel punto X5, Y5 in modo tangente con un raggio di 10:
…….
N100 G01 X+5 Y+5 *
N110 G27 R10 F300 *
N120 G40 X-30 Y-30 * (per arrivare al punto X-30; Y-30)
………

INSERIMENTO SMUSSO G24:


Richiede R per la misura dello smusso
Es: per uno smusso da 15 x 15 nell’ angolo di coord. X95 Y95:
……
N110 G01 X+95 Y+95 *
N120 G24 R15 *
N130 Y+5 *
……..

ARROTONDAMENTO SPIGOLI G25:


Richiede R per la misura del raggio di arrotondamento
22
Es. eseguire un raccordo di raggio 10 sullo spigolo di coordinate X5, Y85:
……..
N80 G01 X+5 Y+85 *
N90 G25 R10 *
N100 X50 *
……

DEFINIZIONE DELLA TRAIETTORIA CIRCOLARE:


Con coordinate I, J:
- Definizione del centro con le coordinate I, J
- definizione del punto finale in coordinate X e Y
- definizione del senso di rotazione con G 02 o G03
Esempio:
……
N50 I+25 J+25 *
N60 G03 X+45 Y+25 *
………

Con la funzione R (raggio definito):


- senso di rotazione G02 o G03
- Coordinate del punto finale dell’arco
- Raggio
NOTA :
- Si usa R+ quando l’arco di cerchio è < di 180° (es. R+20)
- Si usa R- quando l’arco di cerchio è > di 180° (es. R-20).
Esempio:
……..
N110 G02 X+40 Y+40 R+20 *
……..

TRAIETTORIA CIRCOLARE CON RACCORDO TANGENZIALE G06


L’utensile si sposta su un arco di cerchio che si raccorda tangenzialmente all’elemento del profilo
precedente. Inserire:
- G6
- Coordinate del punto finale dell’arco di cerchio
Es.
……
N70 G01 G41 X+0 Y+25 F300 M3 *
N80 X+25 Y+30 *
N90 G06 X+45 Y+20 *
N100 G01 Y0 *
…..

DEFINIZIONE DELL’UTENSILE G99


Permette di definire la lunghezza ed il raggio utensile :
Es.:
…….
N30 G99 T1 L+50 R+12.5
…….

CICLI FISSI

23
PER LE LAVORAZIONI PIU' COMUNI CHE SI RIPETONO SPESSO COME:
- FORATURA
- MASCHIATURA
- ALESATURA
- FORATURE SU RETICOLO
- FRESATURA DI TASCHE
- FRESATURA DI ISOLE
- SPIANATURA
ED ALTRE ANCORA, SONO PRESENTI NEL CNC I CODDETTI "CICLI FISSI".
ESSI CONSENTONO DI SVELTIRE PARECCHIO LA PROGRAMMAZIONE DI QUESTE
OPERAZIONI.

ALCUNE PRESCRIZIONI:

1) PRIMA DI ESSERE CHIAMATI, I CICLI DEVONO ESSERE DEFINITI: COME?


 O SI CONOSCE IL NUMERO DEL CICLI DA DEFINIRE, ES. G83, G84, ...
 O SI SCHIACCIA IL TASO CYCLE-DEF SULLA TASTIERA DEL CN. IN
QUESTO CASO COMPARE UNA PANORAMICA DELLE FUNZIONI
UTILIZZABILI TRA LE QUALI SCEGLIEREMO QUELLA CHE CI
INTERESSA.

2) UNA VOLTA DEFINITO, IL CICLO DEVE ESSERE RICHIAMATO PER IMPIEGARLO IN


UNA POSIZIONE BEN DEFINITA. COME?
 CON G79 M99. CON QUESTA FUNZIONE SI RICHIAMA IL CICLO DEFINITO
PER ULTIMO. G79 M99 PUO' ESSERE PROGRAMMATO ALLA FINE DEL
BLOCCO DI POSIZIONAMENTO ED E' ATTIVO SOLO IN QUEL BLOCCO.
PER RIPETERE IL RICHIAMO DEL CICLO IN UN'ALTRA POSIZIONE
OCCORRE RISCRIVERE G79 M99 NEL BOCCO SUCCESSIVO CHE INDICA
UNA SECONDA POSIZIONE. G79 M99 NON E' MODALE.
 RICHIAMANDO IL SOTTOPROGRAMMA (ES. L1) CHE HA DEFINITO LA
POSIZIONE

ESEMPIO: FORATURA CON PUNTA D. 6 IN TRE POSIZIONI: X10,Y10 X20Y10 X30Y10


%prova G71 *
N10 G30 G17 X+0 Y+0 Z-20*
N20 G31 X+100 Y+50 Z+0*
N30 T5 G17 S1000 M3 M8;PUNTA D.6*
N40 G00 G90 X+10 Y+10 Z+100*
N50 G00 Z+5*
N60 G200 Q200=+2 Q201=-20 Q206=+150 Q202=+5 Q210=+0 Q203=+0 Q204=+10 Q211=+0*
N70 G79 M99*
N80 X+20 G79 M99*
N90 X+30 G79 M99*
N100 G00 Z+100 M5 M9*
N110 M2*
N99999999 %prova G71 *

PER ESEMPI DI CHIAMATA CICLI CON SOTTOPROGRAMMI CHE DEFINISCOLO LA


POSIZIONE (ES. L1 - L2 ..) VEDERE: ESEMPI DI PROGRAMMAZIONE CNC. ES. PROGR.
03001.I

COORDINATE POLARI
24
Per lavorare con le coordinate polari occorre:
- Definire il polo con le coordinate I e J (sul piano X-Y)
- Definire la lunghezza del raggio R
- Definire la posizione angolare con il parametro H

COORDINATE INCREMENTALI

E’ possibile lavorare in coordinate incrementali anteponendo alla funzione prescelta la lettera I


Es.:
- IX+10 equivale ad uno spostamento di 10 mm. nella direzione X positiva a partire
dall’ultima posizione di X
- IY-40 equivale ad uno spostamento di 10 mm. nella direzione Y negativa a partire
dall’ultima posizione di Y

Per ulteriori funzioni e/o chiarimenti consultare il manuale di programmazione Heidenhain in


formato ISO.

25
PROGRAMMAZIONE DI PROFILO IN LINGUAGGIO ISO

% Aslam1 G71 *
N10 G30 G17 X0 Y0 Z-20 *
N20 G31 X+135 Y+155 Z+0 *
N30 T25 G17 S1910 *
N40 G00 G90 Z+250 *
N50 X-20 Y-20 *
N60 Z-5 M3 *
N70 G01 G41 X+10 Y+40 F300 *
N80 G26 R10 *
N90 G01 Y+90 *
N100 G01 X+40 Y+120 *
N110 G01 X+80 *
N120 G03 X+105 Y+145 I+80 J+145 *
N130 G01 X+125 *
N140 G01 Y+30 *
N150 G01 X+105 Y+10 *
N160 G01 X+40 *
N180 G03 X+10 Y+40 R+30 *
N190 G27 R10 F500 *
N200 G01 X-20 Y-20 G40 *
N210 G00 Z+250 F3000 M2 *
N99999999 % Aslam1 G71 *

26
27
SIMULATORE HEIDENHAIN iTNC530
NOTE PER INIZIARE

Il programma di simulazione del CNC iTNC530 Heidenhain serve per simulare una
programmazione CNC di un centro di lavoro che abbia installato il CNC Heidenhain.
Questo programma può essere installato su qualsiasi PC. Esso è liberamente scaricabile dal sito
Internet di Heidenhain, oppure può essere installato tramite un disco disponibile presso la scuola.

Al termine del caricamento del programma appare:


- lo schermo del CNC con una nota che evidenzia che il programma è dimostrativo (infatti non
possono essere editate più di 100 blocchi)
- una tastiera di comando.
La tastiera di comando deve essere azionata col mouse. La tastiera può essere installata in modo
orizzontale o verticale (è un’opzione del programma). Qui sotto è riportata la tastiera disposta
orizzontalmente

- Per iniziare a lavorare: premere 2 volte il tasto CE


- Lo schermo del CNC si predispone in modo “manuale” La manina sulla tastiera serve per ritornare
in qualsiasi momento in “manuale”.

PER INSERIRE UN PROGRAMMA:


- Premere il tasto Editing
- Premere PGM MGT
- Premere NUOVO FILE
- Digitare il nome del programma seguito da: .I se si vuol il programma in formato ISO
.H se si vuol il programma in formato Heidenhain
- Scegliere se si vuole programmare in millimetri o in pollici.
- A questo punto compare la videata con il programma da compilare.
- Prima di poter passare a qualsiasi altra operazione occorre compilare le due righe del CAMPO
GRAFICO che vengono proposte in automatico

Possiamo scegliere di predisporre una doppia finestra per programmare: a sinistra ci sarà la finestra
per il programma, a destra la finestra per la grafica. Per abilitarla occorre cliccare sull’icona con tre
frecce in circolo e cliccare PGM + GRAFICA e poi cliccare FINE

28
Proseguendo nella stesura del programma:
- Ogni istruzione deve essere confermata dal tasto ENT
- La fine del blocco deve essere confermata da END
- La cancellazione della singola istruzione avviene premendo NO ENT
- La cancellazione dell’intera riga del blocco avviene premendo DEL
- L’inserimento del commento in un blocco deve essere fatto alla fine del blocco stesso digitando ;
(punto e virgola non le due parentesi come per tanti altri programmi). Il carattere ; non si scrive
premendo sulla tastiera del computer il segno di ; ma si scrive digitando Alt+Chiocciolina.
- Durante la programmazione il CN ci propone delle soluzioni: se vanno bene devono essere
completate e confermate con ENT, altrimenti possiamo scrivere sopra i codici che vogliamo inserire.
- Il programma si auto-salva: in qualsiasi momento e senza nessuna operazione di salvataggio.
- Possiamo ritrovare quanto abbiamo programmato richiamando il programma nella directory di
PGM MGT.

Alla fine della programmazione possiamo verificare nella finestra grafica la giustezza di quanto fatto
premendo il tasto RESET + AVVIO.
E’ possibile anche visualizzare il numero di blocco sulla traiettoria dell’utensile attivando la funzione
relativa: VISUAL NR. BLOCCO.

Prima di effettuare la simulazione grafica occorre compilare la TABELLA UTENSILE


La TABELLA UTENSILE si trova nell’icona in basso a destra della videata “MANUALE”
- Cliccare sulla MANINA per andare in “MANUALE”
- Cliccare su TABELLA UTENSILE
- Cliccare su EDIT ON
- Appare una tabella col numero degli utensili: scorrere in su e in giù con le frecce del computer fin
quando si trova il numero voluto
- Sulla riga del numero scrivere il NOME UTENSILE (es. FRESA D. 80), il RAGGIO utensile ed
eventualmente la lunghezza.
- Questo per ogni utensile da inserire.
- Al termine cliccare FINE
- Ci ritroveremo nella videata “MANUALE”

Per effettuare la lavorazione in simulazione:


- Premere il tasto PROVA PROGRAMMA
- Premere PGM MGT
- Selezionare il programma da simulare premendo SELEZ
- A questo punto compare una doppia finestra: a sinistra il programma scelto, a destra la finestra
grafica di simulazione che può essere settata in 3 modi diversi: proiezione in pianta, proiezione su tre
piani, vista in assonometria.
- Cliccare su VISUALIZ UTENSILI (si trova cliccando la terza tendina di questo programma)
- Premere RESET+AVVIO: avrà inizio la simulazione grafica che visualizzerà la lavorazione e gli
utensili mentre lavorano.

29
PROCEDURA PER SCARICARE PROGRAMMI
DAI C.N. AL COMPUTER E VICEVERSA
E’ possibile caricare e scaricare files di programmi dai CN al computer situato nell’ufficio del
laboratorio e viceversa.

CAVI DI TRASMISSIONE SERIALE


Il CN Heidenhain è collegato con un cavo proprio.
OCCORRE COLLEGARE IL CN AL CAVO DI TRASMISSIONE.

SELETTORE
Nell’ufficio, accanto al computer, c’è un dispositivo con un selettore a due posizioni: F o H.
Il selettore su F serve per interagire con i due torni governati da CN Fanuc.
Il selettore su H serve per interagire con il centro di lavoro governato dal CN Heidenhain.
PREDISPORRE IL SELETTORE su F o H a seconda del CN con cui si vuol interagire

CRITERIO GENERALE:
1) Collegare il cavo trasmettitore al CN della macchina
2) Posizionare il selettore (in ufficio) su F o H
3) Preparare il dispositivo che deve RICEVERE
4) Preparare il dispositivo che deve INVIARE e inviare

TRASMISSIONE DATI
- Da Centro di lavoro MOMAC C 600 A COMPUTER e viceversa per progr. Heidenhain
- Da Centro di lavoro MOMAC C 600 A COMPUTER e viceversa per progr. ISO

PER PROGRAMMI IN FORMATO HEDENHAIN

Trasmissione dati DA CN A COMPUTER:


1) Collegare il cavo seriale
2) Selettore su H
3) COMPUTER:
Predisporre il computer alla ricezione di dati:
- dal desktop -> Seimo Importa -> Invio
- RTX -> Invio
- Macchina Selez.: HEIDENHAIN -> Invio
- RIC/TRA -> Invio
- RICEVI NUOVO -> Invio
- Compilare: - Nome file, Disegno, Cod. Ditta, Commento. Va tutto bene?
- Si
4) C.N. HEIDENHAIN
- EDIT
- PGM MGT
- EXT
- TCN -> EXT
- Selezionare programma con freccia Su e giù
- ENTER: inizia la trasmissione e compare FINE a destra.
- A fine trasmissione scompare FINE a al suo posto appare una freccia: premere la freccia per
chiudere la trasmissione.
Il Cn ha trasmesso i dati al computer.
30
Trasmissione dati DA COMPUTER A CN:
1) Collegare il cavo seriale
2) Selettore su H
3) C.N. HEIDENHAIN:
- EDIT
- PGM MGT
- EXT
- EXT -> TCN
- Digitare il programma da ricevere selezionando l’estensione H
- IMPUT
4) COMPUTER:
Predisporre il computer alla trasmissione di dati:
- dal desktop -> Seimo Importa -> Invio
- RTX -> Invio
- RIC/TRA -> Invio
- SELEZIONARE IL FILE DA TRASMETTERE
- TRASMETTI -> Invio
Il Computer trasmette i dati al CN.

PER PROGRAMMI IN FORMATO ISO

Trasmissione dati DA CN A COMPUTER:


1) Collegare il cavo seriale
2) Selettore su H
3) COMPUTER:
Predisporre il computer alla ricezione di dati:
- dal desktop -> Seimo Importa -> Invio
- RTX -> Invio
- Macchina Selez.: HEIDENHAIN ISO-> Invio
- RIC/TRA -> Invio
- RICEVI NUOVO -> Invio
- Compilare: - Nome file, Disegno, Cod. Ditta, Commento. Va tutto bene?
- Si
4) C.N. HEIDENHAIN
- EDIT
- PGM MGT
- EXT
- TCN -> EXT
- Selezionare programma con freccia Su e giù
- ENTER: inizia la trasmissione e compare FINE a destra.
- A fine trasmissione scompare FINE a al suo posto appare una freccia: premere la freccia per
chiudere la trasmissione.
Il Cn ha trasmesso i dati al computer.

Trasmissione dati DA COMPUTER A CN:


1) Collegare il cavo seriale
2) Selettore su H
3) C.N. HEIDENHAIN:
- EDIT
31
- PGM MGT
- EXT
- EXT -> TCN
- Digitare il programma da ricevere selezionando l’estensione I
- IMPUT
4) COMPUTER:
Predisporre il computer alla trasmissione di dati:
- dal desktop -> Seimo Importa -> Invio
- RTX -> Invio
- RIC/TRA -> Invio
- SELEZIONARE IL FILE DA TRASMETTERE
- TRASMETTI -> Invio
Il Computer trasmette i dati al CN.

32
CENTRO DI LAVORO MOMAC MC-600
INTERVENTO IN CASI PARTICOLARI

ASSISTENZA MOMAC:
Ditta VBTEC – Via Boccaccia 1/A – 20022 CASTANO PRIMO (MI)
SIG. CARLO LUALDI
Tel. 0331 880808 – Fax 0331 886344 – mail : momac@vibitech.it

IN CASO DI SUPERAMENTO FINE CORSA SUGLI ASSI:


Premere CE (toglie indicazione allarme)
Premere pulsante GIALLO e TENERLO PREMUTO (si comporta da by-pass)
Premere pulsante VERDE
Premere pulsante asse da muovere per ritorno nel campo di lavoro.

PER FERMARE L’ESECUZIONE CONTINUA DEL CICLO IN LAVORAZIONE E


RIPRENDERE POI DA UN DATO PUNTO:
Premere pulsante ROSSO: la macchina si ferma
Esce la scritta sul monitor: STOP INTERNO
Premere il pulsante sotto STOP INTERNO
Premere GO TO seguito dalla riga del programma da cui si vuol ricominciare
Premere ENTER
Premere pulsante VERDE al macchina si rimette in funzione dal blocco richiesto.

33