Sei sulla pagina 1di 240

Centri Fanuc

Manuale di Uso e Programmazione


Giorgio Cerberi

17
R.F. Celada s.p.a.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


2
R.F. Celada s.p.a.

Premessa

I. L’utilizzo di macchine utensili a controllo numerico deve essere preceduto dalla lettura e
completa comprensione delle norme relative alla sicurezza, le quali si possono reperire sui
manuali forniti con il macchinario.
II. Il seguente manuale serve come aiuto veloce alla programmazione di Centri di Lavoro
(verticali o orizzontali) con controllo numerico Fanuc della serie 0, 16/18/21, 16i/18i/21i,
160i/180i/210i, 30i/31i/32i e 15MB per la spiegazione approfondita e dettagliata di tutte le
funzioni riferirsi sempre ai manuali forniti con la macchina.
III. I CN della serie 16/160/18/180, 0i/16i/160i/18i/180i, 21i/210i e 30i/31i/32i possono usare i
programmi della serie 15, per consentire questo mettere il parametro 0001.1 a 1
IV. Il seguente manuale fornisce notizie su quasi tutti i codici G disponibili con un CN Fanuc :
questo non significa che tutte le macchine con il CN Fanuc hanno attivate tutte le funzioni, in
quanto le stesse potrebbero essere delle opzioni attivabili in qualsiasi momento previo
pagamento.
V. I codici G e M possono essere modali oppure non modali, i primi una volta programmati
rimangono attivi anche per i blocchi a seguire i secondi sono validi solo per il blocco nel quale
vengono specificati.
VI. Il presente manuale utilizza le quote espresse in MM, quindi presuppone che i controlli della
serie 16/18/21/0i/16i/18i/160i/180i/21i/210i/30i/31i/32i abbiano il parametro (DPI) 3401.0 =1
e i controlli della serie 0 abbiano il parametro (NPRD) 16.3 = 1 e i controlli della serie 15
(15i) abbiano il parametro (DPI) 2440.0 = 1 (2400.0 = 1), quindi la quota 1 vuol dire un mm e
non un millesimo, nel caso i parametri siano a 0 per programmare un mm digitare “1.” o
“1.0”.
VII. Sui controlli della serie 16/18/21/0i/16i/18i/160i/180i/21i/210i/30i/31i/32i con il parametro
(CLR)3402.6=1 si cancellano tutte le informazioni modali, ritornando allo stato accensione
macchina, quando viene letto M2, M30 o quando si preme il tasto RESET
VIII. L’autore del presente manuale e la RF Celada S.p.A. non si assumono nessuna
responsabilità su danni causati a persone o cose derivanti dall’uso non responsabile del
presente manuale, usare tutte le precauzioni possibili per evitare qualsiasi problema.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


3
R.F. Celada s.p.a.

SOMMARIO
PARTE I - PROGRAMMAZIONE
1 GENERALE...................................................................................................................................11
1.1 MACCHINA VERTICALE.............................................................................................................11
1.2 PIANI DI INTERPOLAZIONE.........................................................................................................11
1.3 MOVIMENTO ASSI MACCHINA ORIZZONTALE............................................................................12
1.4 MOVIMENTO MACCHINA A 5 ASSI TIPO MILLAC 630HV..........................................................12
1.5 ASSI CONTROLLATI....................................................................................................................13
1.6 INDIRIZZI...................................................................................................................................13
1.7 CALCOLO PARAMETRI DI TAGLIO..............................................................................................14
2 CODICI G E M..............................................................................................................................15
2.1 ELENCO CODICI G......................................................................................................................15
2.2 ELENCO CODICI M.....................................................................................................................18
2.2.1 Codici M per Yasda (640V o 950V)...................................................................................18
2.2.2 Codici M per Bridgeport XR (XP3)....................................................................................20
2.2.3 Codici M per Bridgeport GX (P3)......................................................................................22
2.2.4 Codici M per She Hong......................................................................................................24
2.2.5 Codici M per HWACHEON...............................................................................................26
2.2.6 Codici M per KAFO...........................................................................................................28
3 DEFINIZIONE GRAFICA..........................................................................................................29
3.1 PREMESSA..................................................................................................................................29
3.2 DEFINIZIONE PEZZO GREZZO.....................................................................................................29
3.3 DEFINIZIONE RAGGIO UTENSILE................................................................................................29
4 GESTIONE UTENSILE...............................................................................................................31
4.1 CHIAMATA UTENSILE.................................................................................................................31
4.1.1 Posto fisso (vedere le specifiche della macchina)..............................................................31
4.1.2 Random (vedere le specifiche della macchina)..................................................................31
5 CODICI PRELIMINARI.............................................................................................................32
5.1 UNITÀ DI MISURA G20, G21.....................................................................................................32
5.2 PIANO DI LAVORO G17, G18, G19............................................................................................32
5.3 MOVIMENTI ASSOLUTI E INCREMENTALI G90, G91..................................................................32
6 ORIGINI PEZZO E MACCHINA..............................................................................................33
6.1 ORIGINI PEZZO...........................................................................................................................33
6.2 CARICAMENTO ORIGINI PEZZO DA PROGRAMMA.......................................................................33
6.3 PARAMETRI CHE INFLUISCONO SULLA VISUALIZZAZIONE ORIGINI............................................34
6.4 COORDINATE RISPETTO ALLO ZERO MACCHINA G53 G28 G30................................................34
7 CORRETTORI UTENSILE........................................................................................................35
7.1 TABELLE UTENSILI.....................................................................................................................35
7.1.1 Tipo tabelle.........................................................................................................................35
7.1.2 Caricamento correttori utensili da programma.................................................................36
7.2 CORRETTORE LUNGHEZZA UTENSILE G43 H….........................................................................37
7.3 CORRETTORE RAGGIO UTENSILE D.. (M)...................................................................................37
7.4 CORRETTORE LUNGHEZZA UTENSILE NELLA DIREZIONE ASSE UTENSILE G43.1 (SOLO SERIE 15)
.........................................................................................................................................................38

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


4
R.F. Celada s.p.a.

7.5 ANNULLAMENTO CORRETTORI IN LUNGHEZZA G49.................................................................38


8 MOVIMENTI................................................................................................................................39
8.1 MOVIMENTI LINEARI G01, G00.................................................................................................39
8.1.1 Esempio n°1........................................................................................................................39
8.2 MOVIMENTI ANGOLARI G01 A… (OPZIONE)............................................................................40
8.3 COMPENSAZIONE RAGGIO UTENSILE G41, G42, G40................................................................41
8.3.1 Esempio n°2........................................................................................................................42
8.4 ARROTONDAMENTO O SMUSSATURA DELLO SPIGOLO “,R” “,C”..............................................43
8.4.1 Esempio n°3........................................................................................................................43
8.5 INTERPOLAZIONI CIRCOLARI G02 E G03 CONOSCENDO IL RAGGIO...........................................44
8.5.1 Esempio n°4 (cerchio con raggio).....................................................................................44
8.6 INTERPOLAZIONI CIRCOLARI G02 O G03 CONOSCENDO IL CENTRO CERCHIO...........................45
8.6.1 Esempio n°5 (cerchio con il centro cerchio)......................................................................45
8.6.2 Esempio n°6 (ingresso dolce cerchio completo)................................................................46
8.7 CERCHI INTERNI CON INGRESSO DOLCE G12.2 O G13.2 (OPZIONE)..........................................47
8.7.1 Esempio n°7........................................................................................................................47
8.8 INTERPOLAZIONE ELICOIDALE (OPZIONE)..................................................................................48
8.8.1 Esempio n°8........................................................................................................................49
8.8.2 Esempio n°9........................................................................................................................49
8.9 INTERPOLAZIONE A SPIRALE E SPIRALE CONICA (OPZIONE)......................................................50
9 SOTTOPROGRAMMI.................................................................................................................51
9.1 RICHIAMO SOTTOPROGRAMMA ESTERNO..................................................................................51
9.2 RICHIAMO SOTTOPROGRAMMA INTERNO...................................................................................52
9.3 FINE SOTTOPROGRAMMA...........................................................................................................53
9.4 RICHIAMO DI PIÙ VOLTE DI UN SOTTOPROGRAMMA..................................................................53
9.5 ANNIDAMENTI...........................................................................................................................54
9.6 RICHIAMO DI UN SOTTOPROGRAMMA DA UNA MEMORIA ESTERNA..........................................54
9.7 ESEMPIO N°10............................................................................................................................55
10 CONVERSIONE COORDINATE.............................................................................................57
10.1 TRASLAZIONE ORIGINE G52....................................................................................................57
10.2 FATTORE SCALA G51, G50......................................................................................................58
10.3 SPECULARITÀ G51.1, G50.1....................................................................................................59
10.4 ROTAZIONE G68, G69.............................................................................................................60
10.5 ROTAZIONE TRIDIMENSIONALE G68 (SOLO SERIE I)................................................................61
10.6 COPIA O ROTAZIONE SOTTOPROGRAMMA G72.1 O G72.2 (SOLO SERIE I)..............................62
10.7 COORDINATE POLARI G16, G15 (OPZIONE).............................................................................64
11 CICLI FISSI................................................................................................................................66
11.1 ELENCO CICLI..........................................................................................................................66
11.2 PARAMETRI..............................................................................................................................66
11.3 RITORNO A R (G99) O A Z (G98)............................................................................................66
11.4 ASSOLUTO ED INCREMENTALE................................................................................................66
11.5 CICLO G81 (CENTRATURA).....................................................................................................67
11.5.1 Esempio............................................................................................................................67
11.6 CICLO G83 (FORATURA CON SCARICO TRUCIOLO)..................................................................68
11.7 CICLO G73 (FORATURA CON ROTTURA TRUCIOLO).................................................................68
11.8 CICLO G84 (MASCHIATURA DESTRA)......................................................................................68
11.8.1 Maschiatura rigida (maschio bloccato in pinza).............................................................68

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


5
R.F. Celada s.p.a.

11.8.2 Maschiatura rigida con rottura o scarico truciolo (maschio bloccato in pinza) (ciclo non
disponibile per serie 15)..............................................................................................................69
11.8.3 Maschiatura non rigida (maschio bloccato nel compensatore).......................................69
11.8.4 Maschiatura rigida dopo aver ruotato il piano 3D..........................................................69
11.9 CICLO G74 (MASCHIATURA SINISTRA)....................................................................................70
11.9.1 Maschiatura rigida sinistra (maschio bloccato in pinza)................................................70
11.9.2 Maschiatura rigida sinistra con scarico o rottura truciolo (maschio bloccato in pinza)
(ciclo non valido per serie 15)....................................................................................................70
11.9.3 Maschiatura non rigida sinistra (maschio bloccato nel compensatore)..........................70
11.9.4 Maschiatura rigida sinistra dopo aver ruotato il piano 3D.............................................70
11.10 ESEMPIO N°11........................................................................................................................72
11.11 CICLO G82.............................................................................................................................74
11.12 CICLO G76.............................................................................................................................74
11.13 CICLO G87.............................................................................................................................74
11.14 CICLO G85.............................................................................................................................75
11.15 CICLO G86.............................................................................................................................75
11.16 CICLO G88.............................................................................................................................75
11.17 CICLO G89.............................................................................................................................75
11.18 ESEMPIO ARCO DI FORI CON COORDINATE POLARI................................................................76
11.19 ESEMPIO CERCHIO DI FORI CON COORDINATE POLARI...........................................................76
11.20 ESEMPIO RETTA DI FORI CON COORDINATE POLARI..............................................................76
12 4° ASSE........................................................................................................................................77
12.1 DENOMINAZIONE ASSI.............................................................................................................77
12.2 FORMULA PER IL CALCOLO DELL’AVANZAMENTO CON IL 4° ASSE.........................................77
12.3 ESEMPIO N°12 (SOLO 4° ASSE)................................................................................................79
12.4 ESEMPIO N°13 (SOLO 4° ASSE)................................................................................................81
12.5 INTERPOLAZIONE CILINDRICA G7.1 O G107...........................................................................82
12.5.1 Trasformazione dello sviluppo in angolo rotazione asse circolare.................................82
12.5.2 Esempio d’interpolazione cilindrica su un D150.............................................................83
12.5.3 Esempio di interpolazione cilindrica su un D100 (su Hwacheon)...................................84
13 ALTA VELOCITÀ......................................................................................................................85
13.1 CONTROLLO LOOK-HEAD G08............................................................................................85
13.2 BUFFER REMOTO A AD ALTA VELOCITÀ G05 P01.................................................................85
13.3 CONTORNATURA AD ALTA VELOCITÀ G05 P10000 (HPCC)..................................................86
13.3.1 Ampliamento G05 P10000 con HAS-3 su Yasda.............................................................86
13.4 INTERPOLAZIONE RACCORDATA DEL PROFILO G05.1 Q2........................................................88
13.5 CONTORNATURA AD ALTA VELOCITÀ SEMPLICE G05.1 Q1....................................................88
13.6 CONTORNATURA ALTA VELOCITÀ CON MODIFICA PARAMETRI G05.1 Q1 R….......................89
13.7 CONTORNATURA ALTA VELOCITÀ G100 SU SHE HONG..........................................................90
13.8 INTERPOLAZIONE LINEARE AD ALTA VELOCITÀ G05 P2.........................................................91
13.9 FINE PROCESSO ALTA VELOCITÀ.............................................................................................91
13.10 INTERPOLAZIONE NURBS G06.2............................................................................................92
13.11 CONTROLLO DELLA VELOCITÀ DI AVANZAMENTO................................................................93
14 VARIE..........................................................................................................................................94
14.1 SOSTA G4................................................................................................................................94
15 PROGRAMMAZIONE PARAMETRICA...............................................................................95
15.1 PREMESSA................................................................................................................................95

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


6
R.F. Celada s.p.a.

15.2 TIPI DI VARIABILI.....................................................................................................................95


15.3 USO DELLE VARIABILI.............................................................................................................95
15.4 OPERAZIONI.............................................................................................................................95
15.5 SALTI DI CONDIZIONE..............................................................................................................96
15.6 SALTO INCONDIZIONATO.........................................................................................................96
15.7 RIPETIZIONI.............................................................................................................................96
15.8 MACROISTRUZIONI..................................................................................................................98
15.9 ALCUNE VARIABILI DI SISTEMA...............................................................................................99
15.10 ESEMPIO N°12 (CONTORNATURA).......................................................................................100
15.11 ESEMPIO N°13 (TRONCO DI CONO)......................................................................................101
15.12 ESEMPIO N°14 (ASOLA IN PARAMETRICA)...........................................................................102
15.13 ESEMPIO N°15 (MACRO-ISTRUZIONE PER TASCA RETTANGOLARE).....................................104
15.14 ESEMPIO N°16 (MACRO-ISTRUZIONE PER RETTA DI FORI)...................................................108
15.15 ESEMPIO N°17 (MACRO-ISTRUZIONE PER CERCHIO DI FORI)...............................................109
15.16 ESEMPIO N°18 (PROGRAMMA CON 4°ASSE).........................................................................111
16 VITA UTENSILE (OPZIONE)................................................................................................114
16.1 DESCRIZIONE.........................................................................................................................114
16.2 IMPOSTAZIONE DATI VITA.....................................................................................................115
16.3 ESEMPIO PROGRAMMA..........................................................................................................117
17 PROVA.......................................................................................................................................118
17.1 DISEGNO N°1 PER PROVA DI PROGRAMMAZIONE..................................................................118
PARTE II - UTILIZZO
1 MONITOR E TASTIERA..........................................................................................................119
1.1 MONITOR.................................................................................................................................119
1.2 TASTIERA FANUC....................................................................................................................120
2 OPERAZIONI PRELIMINARI................................................................................................122
2.1 PREMESSA................................................................................................................................122
2.2 ACCENSIONE............................................................................................................................122
2.3 ROTAZIONE DEL MANDRINO IN MDI.......................................................................................122
2.4 CARICAMENTO UTENSILI IN MAGAZZINO DA MDI..................................................................122
3 AZZERAMENTO UTENSILI...................................................................................................123
3.1 AZZERAMENTO UTENSILI IN MANUALE...................................................................................123
3.1.1 Presetting con naso mandrino..........................................................................................123
3.1.2 Presetting con utensile pilota...........................................................................................123
3.1.3 Tabella posizioni utensili in magazzino su centro Bridgeport.........................................124
4 AZZERAMENTO PEZZO.........................................................................................................125
4.1 ZERO PEZZO IN MANUALE.......................................................................................................125
4.1.1 Parametri che influiscono sulla visualizzazione origini..................................................125
4.1.2 Zero pezzo in X e Y...........................................................................................................125
4.1.3 Zero pezzo nel centro tastando i 2 lati per asse...............................................................125
4.1.4 Zero pezzo in Z.................................................................................................................126
5 CREAZIONE E MODIFICA PROGRAMMA........................................................................127
5.1 PROTEZIONE EDITOR.............................................................................................................127
5.1.1 Scelta DEVICE.................................................................................................................127

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


7
R.F. Celada s.p.a.

5.1.2 Creazione di una DIRECTORY........................................................................................127


5.2 CREAZIONE PROGRAMMA........................................................................................................128
5.2.1 Su Serie 30........................................................................................................................128
5.2.2 Su tutti gli altri.................................................................................................................128
5.3 NUMERAZIONE AUTOMATICA DEI BLOCCHI.............................................................................128
5.4 PER INSERIRE UN BLOCCO.......................................................................................................129
5.5 APERTURA DI UN PROGRAMMA DA MODIFICARE.....................................................................129
5.5.1 Su serie 30i scegliendo dalla Directory...........................................................................129
5.5.2 Su tutte le serie (compreso serie 30i senza cambiare Directory).....................................129
5.6 INSERIMENTO DI UN COMMENTO O TITOLO PROGRAMMA.......................................................129
5.7 MODIFICA DI UN BLOCCO........................................................................................................130
5.8 CANCELLARE UN DATO...........................................................................................................130
5.9 CANCELLARE UN BLOCCO INTERO...........................................................................................130
5.10 CANCELLARE PIÙ BLOCCHI (I BLOCCHI DEVONO ESSERE NUMERATI)...................................130
5.11 CANCELLARE UN PROGRAMMA.............................................................................................131
5.12 CANCELLARE TUTTI I PROGRAMMI........................................................................................131
5.13 CANCELLARE ALCUNI PROGRAMMI.......................................................................................131
5.14 RINOMINARE UN PROGRAMMA..............................................................................................131
5.15 FUNZIONI ESTETE DI EDITAZIONE (OPZIONE).........................................................................132
5.15.1 Duplicare un programma...............................................................................................132
5.15.2 Copia incolla (no serie 15 e 30i)....................................................................................132
5.15.3 Copia incolla in un nuovo programma (no serie 15 e 30i)............................................132
5.15.4 Taglia incolla in un nuovo programma (no serie 15 e 30i)...........................................132
5.15.5 Copia incolla o taglia su serie 15 e 30i.........................................................................133
5.15.6 Unisci due programmi (no serie 15 e 30)......................................................................133
5.15.7 Unisci due programmi su serie 30i................................................................................133
5.15.8 Sostituzione di parole e indirizzi....................................................................................133
6 TRASMISSIONE DATI.............................................................................................................134
6.1 ALCUNI PARAMETRI CHE INFLUISCONO SULLA TRASMISSIONE...............................................134
6.2 TRASMISSIONE SERIALE RS232...............................................................................................135
6.3 TRASMISSIONE DATI DA E VERSO MEMORY CARD..................................................................136
6.3.1 Tutte le serie tranne 30i e 0iD guardando i file dal lato CARD......................................136
6.3.2 Tutte le serie tranne 30i guardando i file dal lato PROG................................................136
6.3.3 Serie 0iD...........................................................................................................................137
6.3.4 Serie 30i............................................................................................................................138
6.4 TRASMISSIONE DATI DA E VERSO USB (OPZIONE)..................................................................139
6.5 TRASMISSIONE DATI DA E VERSO RETE (OPZIONE).................................................................139
7 PROVA GRAFICA (OPZIONE)...............................................................................................142
7.1 PROVA PERCORSO UTENSILE....................................................................................................142
7.2 PROVA CON FIGURA SOLIDA....................................................................................................142
8 ESECUZIONE PROGRAMMA................................................................................................143
8.1 ESECUZIONE DI UN PROGRAMMA BLOCCO-BLOCCO................................................................143
8.2 ESECUZIONE DI UN PROGRAMMA IN AUTOMATICO..................................................................143
8.3 STOP PROGRAMMA E RIPOSIZIONAMENTO...............................................................................143
8.4 RIPARTENZA DOPO UN RESET O DOPO RIACCENSIONE.............................................................143
8.5 ESECUZIONE DI UN PROGRAMMA IN CICLO CONTINUO CON CAMBIO PALLET.........................146
9 SONDE MISURAZIONE LUNGHEZZA E RAGGIO UTENSILE (OPZIONALI)...........147

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


8
R.F. Celada s.p.a.

9.1 PREMESSA................................................................................................................................147
9.2 AZZERAMENTO UTENSILI CON SONDA RENISHAW OTS SU HARDINGE GX............................147
9.3 AZZERAMENTO UTENSILI CON RENISHAW O MARPOSS SU YASDA.........................................149
9.3.1 Premessa..........................................................................................................................149
9.3.2 Descrizione generale........................................................................................................149
9.3.3 Programmi per punte.......................................................................................................149
9.3.3.1 Misurazione manuale................................................................................................................................................149
9.3.3.2 Misurazione automatica senza lunghezza nota..........................................................................................................149
9.3.3.3 Verifica con tolleranza negativa e positiva................................................................................................................150
9.3.3.4 Verifica rottura utensile.............................................................................................................................................150
9.3.4 Programmi per bareni......................................................................................................150
9.3.4.1 Misurazione manuale................................................................................................................................................150
9.3.4.2 Misurazione in automatico del raggio.......................................................................................................................150
9.3.4.3 Ricerca angolo prima placchetta................................................................................................................................151
9.3.4.4 Misurazione lunghezza e raggio................................................................................................................................151
9.3.4.5 Verifica tolleranza negativa e positiva.......................................................................................................................151
9.3.4.6 Verifica rottura utensile.............................................................................................................................................151
9.3.5 Programmi per frese........................................................................................................152
9.3.5.1 Misurazione lunghezza..............................................................................................................................................152
9.3.5.2 Verifica usura utensile negativa e positiva................................................................................................................152
9.3.5.3 Verifica rottura utensile.............................................................................................................................................152
9.4 AZZERAMENTO UTENSILI CON LASER BLUM SU YASDA (OPZIONE)........................................153
9.4.1 Calibrazione.....................................................................................................................154
9.4.2 Misurazione lunghezza utensile nel centro di rotazione..................................................155
9.4.3 Misurazione lunghezza e raggio utensile.........................................................................157
9.4.4 Controllo integrità tagliente.............................................................................................159
9.4.5 Controllo forma sfera.......................................................................................................161
9.4.6 Rottura utensile................................................................................................................163
9.5 AZZERAMENTO UTENSILI CON SONDA OKUMA SU MILLAC CON FANUC 15I..........................165
9.5.1 Taratura sonda.................................................................................................................165
9.5.2 Misurazione della lunghezza utensile..............................................................................165
9.5.3 Controllo rottura utensile.................................................................................................165
9.5.4 Esempio controllo con S1.0 o S2.0...................................................................................166
9.5.5 Con utensile gemello........................................................................................................166
10 SONDE PER MISURAZIONE E ZERO PEZZO..................................................................167
10.1 PREMESSA..............................................................................................................................167
10.2 TASTATORE RENISHAW OMP40 E OMP40-2 SU BRIDGEPORT.............................................168
10.2.1 Operazioni preliminari...................................................................................................168
10.2.2 Calibrazione ed esempi di utilizzo per Bridgeport-Hardinge (OMP40_2)....................168
10.2.3 Calibrazione ed esempi utilizzo per Bridgeport pre Hardinge (OMP40)......................172
10.2.3.1 Calibrazione Z......................................................................................................................................................... 172
10.2.3.2 Calibrazione SFERA TASTATORE in XY.............................................................................................................173
10.2.3.3 Calibrazione disassamento sfera TASTATORE rispetto centro mandrino...............................................................174
10.2.3.4 Macro per zero pezzo solo asse X...........................................................................................................................175
10.2.3.5 Macro per zero pezzo solo asse Y...........................................................................................................................176
10.2.3.6 Macro per zero pezzo solo asse Z............................................................................................................................177
10.2.3.7 Macro per zero pezzo in un foro e poi in Z..............................................................................................................178
10.2.3.8 Macro per zero pezzo in uno spigolo e poi in Z.......................................................................................................179
10.2.3.9 Macro per zero pezzo nel centro in Y di un albero e poi in Z..................................................................................180
10.3 TASTATORE RENISHAW SU MILLAC 630VH.........................................................................182
10.3.1 Operazioni preliminari...................................................................................................182
10.3.2 Da fare sempre prima l’utilizzo.....................................................................................182
10.3.3 Da fare sempre dopo l’utilizzo.......................................................................................182
10.3.4 Calibrazione tastatore in X e Y con la Z perpendicolare (testa a 0°)............................182
10.3.5 Calibrazione tastatore in Z............................................................................................182

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


9
R.F. Celada s.p.a.

10.3.6 Calibrazione tastatore con la testa girata di 90°...........................................................183


10.3.7 Misurazione foro e disassamento centro foro................................................................183
10.3.8 Misurazione lunghezza , centro e spostamento dal centro.............................................183
10.3.9 Misurazione di una faccia del pezzo X, Y o Z................................................................183
10.3.10 Allineamento pezzo asse C...........................................................................................184
10.3.11 Azzeramento pezzo automatico....................................................................................185
10.3.12 Esempio........................................................................................................................185
10.4 TASTATORE RENISHAW SU YASDA.......................................................................................186
10.4.1 Operazioni preliminari...................................................................................................186
10.4.2 Calibrazione sonda........................................................................................................186
10.4.3 Descrizione generale......................................................................................................187
10.4.4 Misurazione fori.............................................................................................................189
10.4.5 Misurazione esterna.......................................................................................................189
10.4.6 Tastatura punto singolo.................................................................................................189
11 PROGRAMMAZIONE CONVERSAZIONALE (OPZIONI).............................................190
11.1 TIPI DI SISTEMI CONVERSAZIONALI.......................................................................................190
11.2 DESCRIZIONE GENERALE.......................................................................................................190
11.3 ATTIVAZIONE.........................................................................................................................190
11.4 NOTE GENERALI.....................................................................................................................190
11.5 SCHEMA COMPILAZIONE PROGRAMMA TIPO MANUAL GUIDE I........................................191
11.6 CONVERSIONE DI UN PROGRAMMA DA MANUAL GUIDE I A ISO.....................................193
11.7 ESEMPIO DI PROGRAMMA MANUAL GUIDE I....................................................................194
11.8 SCHEMA COMPILAZIONE PROGRAMMA TIPO MANUAL GUIDE..........................................197
11.9 ESEMPIO DI PROGRAMMA MANUAL GUIDE......................................................................199
11.10 SCHEMA COMPILAZIONE PROGRAMMA TIPO C.A.P.............................................................202
11.11 ESEMPIO DI PROGRAMMA TIPO C.A.P.................................................................................204
11.12 HARTROL.............................................................................................................................205
12 PARAMETRI MACCHINA....................................................................................................226
12.1 DESCRIZIONE.........................................................................................................................226
12.2 BACKUP E RESTORE DEI PARAMETRI.....................................................................................226
12.3 DISTINZIONI TRA PARAMETRI................................................................................................226
12.4 PROCEDURA PER MODIFICARE UN PARAMETRO.....................................................................227
12.5 PARAMETRI TRATTATI NEL PRESENTE MANUALE..................................................................228
13 VARIE........................................................................................................................................231
13.1 VARIE SU YASDA...................................................................................................................231
13.1.1 Gestione cambio utensile su Yasda verticale.................................................................231
13.1.2 Ripristino dopo cambio utensile senza utensile su Yasda verticale...............................231
13.1.3 Gestione refrigerante aria/olio attraverso il mandrino su Yasda verticale...................232
13.1.4 Gestione refrigerante aria/olio esterno (BLUEBE) su Yasda verticale.........................232
13.2 VARIE SU HARTFORD............................................................................................................233
13.2.1 Password DUAL SCREEN.............................................................................................233
13.2.2 Ripristino password di fabbrica.....................................................................................233

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


10
R.F. Celada s.p.a.

PARTE I - PROGRAMMAZIONE

1 GENERALE
1.1 Macchina Verticale

1.2 Piani di interpolazione

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


11
R.F. Celada s.p.a.

1.3 Movimento assi macchina orizzontale

1.4 Movimento macchina a 5 assi tipo Millac 630HV

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


12
R.F. Celada s.p.a.

1.5 Assi controllati

Descrizione 16i-MA, 18i-MA, 0/00-C, 0-Mate C 15MB


160i-MA 180i-MA 0D
Assi base 3 assi 3 assi 3 assi 3 assi 3 assi
controllati
Estensione assi Max. 8 assi Max. 6 assi Max. 4 Max. 4 Max. 7assi (max.10
controllati (incluso asse (incluso asse assi (PMC assi (PMC assi in totale)
C) C) non non
incluso) incluso)
Assi base
controllati 2 assi 2 assi 2 assi 2 assi 2 assi
simultaneamente
Estensione assi posizionamento,
controllati interpolazione
simultaneamente lineare,
Max. 4 Max. 3 avanzamento Jog e
Max. 6 assi Max. 4 assi
assi assi avanzamento
incrementale sono
controllati in tutti gli
assi assieme

1.6 Indirizzi

Descrizione
Gli indirizzi sono delle lettere che hanno un significato preciso vedi il seguente elenco.
Lettera Descrizione Esempio
T identifica l’utensile T10
S numero di giri S1000
G codici preparazione operazione G02 o G2
M funzioni ausiliarie M03 o M3
N numero di blocco (max.5 cifre) N1000
F avanzamento assi F350
X Y Z A B C assi X10.35 Z100
A comando angolare A180.5
IJK centro del cerchio I10 J30.4
R raggio R250
O nome del programma principale (max.8 cifre) O1234
P nome di richiamo del sottoprogramma esterno M98 P1000
X pausa (espresso in secondi) G4 X2
L ripetizioni sottoprogramma (da 1 a 9999) L90
H correttore lunghezza utensile H20
D correttore raggio utensile D10
; fine blocco G0 X0;
. punto decimale X10.567
/ blocco barrato (quando attivo il blocco non viene eseguito) /G0 X0 Y0
% codice di fine programma
(…….) commento scritto tra parentesi tonde (SPIANATURA)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
13
R.F. Celada s.p.a.

1.7 Calcolo parametri di taglio

Descrizione
Con la lettera S si indica il numero di giri di rotazione mandrino e con la lettera F si indica la
velocità di avanzamento assi.

Il costruttore dell’utensile sia per il calcolo della S che della F bisogna deve fornire :
per la S la velocità di taglio
per la F l’avanzamento a tagliente

S= = Giri al minuto

F= = mm al minuto (per frese)

F= = mm al minuto (per punte o bareni)

Esempio: calcolare il numero di giri e l’avanzamento di una fresa D12 che ha un velocità di taglio
di 180 m/min, un avanzamento a tagliente di 0.2 mm/z e 3 taglienti

180∗1000
=4775→giri /min
S= π∗12

F = 4775∗0 . 2∗3=2865→mm /min

LEGENDA :

S = numero di giri
F = avanzamento
Vc = velocità di taglio
Df = diametro fresa
fz = avanzamento a tagliente
Z = numero di taglienti
fg = avanzamento al giro

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


14
R.F. Celada s.p.a.

2 CODICI G e M
2.1 Elenco codici G

Codice Gruppo Descrizione Altro


G0 movimento lineare assi in rapido M
G1 interpolazione lineare assi in lavoro M
G2 interpolazione circolare oraria
01
G3 interpolazione circolare antioraria
G2.2, G3.2 interpolazione involuta 0
G2.3, G3.3 interpolazione esponenziale 0
G4 sosta in sec.
G5 alta velocità
G7 interpolazione con asse ipotetico 0
G7.1 (G107) interpolazione cilindrica 0
00
G8 controllo blocchi in avanti 0
G9 arresto preciso
G10 inserimento parametri e compensazioni da programma
G11 chiude il G10
G12.1 modo interpolazione in coordinate polari 0
25
G13.1 cancella G12.1 M, 0
G15 cancella i comandi in coordinate polari M, 0
17
G16 comandi in coordinate polari 0
G17 piano di interpolazione XY asse utensile Z M
G18 02 piano di interpolazione XZ asse utensile Y M
G19 piano di interpolazione YZ asse utensile X M
G20 unità di misura in pollici
06
G21 unità di misura in mm
G22 attiva barriera M, 0
04
G23 disattiva barriera 0
G25 disattiva G26 M, 0
24
G26 attiva controllo fluttuazione mandrino 0
G27 verifica punto di riferimento
G28 ritorno al punto di riferimento
G29 ritorno dal punto di riferimento
00
G30 ritorno dal 2° al 4° punto di riferimento
G30.1 ritorno al punto di riferimento flottante 0
G31 salto
G33 01 filettatura 0
G37 misura automatica dell’utensile 0
00
G39 arrotondamento spigolo 0
G40 annulla compensazione raggio M
G41 07 compensazione raggio a sinistra
G42 compensazione raggio a destra
G40.1(G150 19 cancella il modo controllo della direzione normale
M, 0
)
G41.1(G151 attiva il modo controllo della direzione normale a sinistra 0

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


15
R.F. Celada s.p.a.

)
G42.1(G152 attiva il modo controllo della direzione normale a destra
0
)
G43 08 compensazione lunghezza utensile (+)
G44 08 compensazione lunghezza utensile (-)
G45 incremento correttore utensile 0
G46 decremento correttore utensile 0
00
G47 doppio incremento correttore utensile 0
G48 doppio decremento correttore utensile 0
G49 08 cancella compensazione lunghezza utensile M
G50 cancella la scala M, 0
11
G51 attiva la scala 0
G50.1 disattiva specularità M, 0
22
G51.1 attiva specularità 0
G52 spostamento origine
00
G53 coordinate rispetto allo zero macchina
G54 M
G55
G56
origini pezzo standard
G57 14
G58
G59
G54.1 origini pezzo opzionali 0
G60 00 posizionamento unidirezionale
G61 arresto esatto
G62 avanzamento automatico sugli spigoli
15
G63 maschiatura
G64 arrotondamento spigoli M
G65 00 richiamo macro singolo
G66 richiamo macro
12
G67 cancella richiamo macro M
G68 attiva rotazione del piano 0
16
G69 disattiva rotazione del piano M, 0
G70 ciclo utente
G71 ciclo utente
G72 ciclo utente
G73 ciclo di foratura con rottura truciolo
09
G74 ciclo di maschiatura rigida sinistra
G75 ciclo utente
G76 09 ciclo di barenatura
G77 ciclo utente
G78 ciclo utente
G79 ciclo utente
G80 09 chiude ciclo fisso M
G81 ciclo di foratura in un colpo solo
G82 ciclo di alesatura
G83 ciclo fisso di foratura con scarico truciolo
G84 ciclo fisso di maschiatura rigida destra
G85 ciclo fisso di alesatura
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
16
R.F. Celada s.p.a.

G86 ciclo fisso di barenatura


G87 ciclo fisso di controbarenatura
G88 ciclo fisso di barenatura
G89 ciclo fisso di barenatura
G90 quote in assoluto M
03
G91 quote in incrementale M
G92 azzeramento nel punto in cui ci si trova
00
G92.1 preset del sistema di coordinate pezzo 0
G94 avanzamento in mm al minuto M
05
G95 avanzamento in mm al giro 0
G96 velocità di taglio costante
13
G97 numero di giri fisso M
G98 10 dopo ciclo fisso ritorna all’ultima Z programmata M
G99 10 dopo ciclo fisso ritorna alla quota R
G100
G120-G199 00 richiamo macro utente
G210-G255 richiamo macro utente

Avvertenze
1. Se il bit 6 (CLR) del parametro 3402 è messo a 1,quando si accende il controllo o si premere
reset, i codici G vengono messi nello stato seguente :
a. I codici modali vengono messi nello stato indicato con M della tabella precedente
b. G20 e G21 non cambiano all’accensione e con reset
c. Per G22 e G23 non cambiano stato con reset e all’accensione è attivo quello deciso dal
bit 7(G23) del parametro 3402
d. Il bit 0(G1) del parametro 3402 decide cosa rendere attivo dopo l’accensione e reset tra
G1 e G0 (se 1 è attivo G1)
e. Il bit 3(G91) del parametro 3402 decide cosa rendere attivo dopo l’accensione e reset tra
G91 e G90 (se 1 è attivo G91)
f. I bit 1(G18) e 2(G19) del parametro 3402 decide cosa rendere attivo dopo l’accensione e
reset tra G17, G18 o G19 ( se 1 è 0 e 2 è 0 è attivo G17, se 1 è 1 e 2 è 0 è attivo G18, se
1 è 0 e se 2 è 1 è attivo G19)
2. i codici del gruppo 00, tranne che G11 e G10, sono attivi solo nel blocco specificato
3. se viene specificato un codice non compreso nella tabella o opzionale compare l’allarme N.010
4. se nello stesso blocco vengono specificati codici dello stesso gruppo ha efficacia l’ultimo
specificato
5. se, dopo aver specificato un ciclo fisso, viene programmato un codice del gruppo 01, il ciclo
fisso viene chiuso come quando si programma un G80.
6. i codici del gruppo 01 non sono influenzati dai cicli fissi
7. il gruppo di G60 dipende dal bit 0(MDL) del parametro5431 ( se è 0 G60 è del gruppo 00, se è 1
il gruppo è 01)
8. con “0” sono contrassegnati i codici G non disponibili nella Serie 0

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


17
R.F. Celada s.p.a.

2.2 Elenco codici M


2.2.1 Codici M per Yasda (640V o 950V)
Codice Descrizione Altro
M00 stop programma (il mandrino viene fermato)
stop programma opzionale (da attivare o disattivare con selettore o
M01
tasto su pannello operativo)
M02 fine programma, stop mandrino e refrigerante
M03 rotazione mandrino oraria
M04 rotazione mandrino antiorario
M05 stop mandrino
M06 cambio utensile
M07 attiva aria attraverso il mandrino
M08 refrigerante standard ON
M09 tutti i refrigeranti OFF
M10 freno 4°asse ON
M11 freno 4° asse OFF
M12 controllo rottura utensile e chiamata utensile gemello se esiste vita
M16 assegnare numero a utensile nel mandrino
M17 pulizia mandrino ON
M18 pulizia mandrino OFF
M19 orientamento mandrino
M22 magazzino utensili fuori
M23 magazzino utensili dentro
M24 mandrino agganciato
M25 mandrino sganciato
se il softkey Collettore Micronebbia è su ON il refrigerante
M26
Micronebbia dal collettore viene avviato
M27 disattiva M26
M29 attiva maschiatura rigida (M29 S….)
fine programma, stop mandrino e refrigerante, resetta info modali e
M30
riavvolge il programma
M31 immagine speculare asse X ON
M32 immagine speculare asse Y ON
M33 immagine speculare asse Z ON
M34 annulla M31, M32 e M33
M36 apertura coperchio BLUM
M37 chiusura coperchio BLUM
M38 apertura aria BLUM
M39 chiusura aria BLUM
M40 partenza warm-up automatico
M41 stop warm-up automatico
M48 cancella M49
M49 blocco al 100% della velocità del mandrino
M50 attiva refrigerante attraverso il mandrino
M51 attiva misto aria-olio BLUEBEE esterno
M52-M59 codice M libero
M60 cambio pallet
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
18
R.F. Celada s.p.a.

M68 annulla M69


M69 blocco del potenziometro dell’avanzamento al 100%
M74 abilita scrittura del numero di giri attuale nella #1032
M75 selezione gamma alta
dopo misurazione del pezzo con sistema di misura se viene riscontrato
un errore nelle quote ci sono 2 possibilità:
M77  se la macchina ha la vita utensile viene caricato un utensile
gemello altrimenti viene generato un allarme
 se non c’è la vita utensile viene generato un allarme
M78 cancella M77
M79 controllo pezzo con sistema di misurazione Yasda
M83 uscita forche sollevamento pallet
M84 rientro forche sollevamento pallet
M85 attiva movimento asse pallet U con il volantino
M86 attiva movimento asse pallet V con il volantino
M87 cancella M85 e M86
M98 chiamata sottoprogramma
M99 fine sottoprogramma
selezione utensile forato per consenso refrigerante attraverso il
M116
mandrino e pulizia cono prima del riposizionamento nel magazzino
selezione utensile forato per consenso refrigerante attraverso il
M117 mandrino e ma nessuna pulizia cono prima del riposizionamento nel
magazzino
M140 con M7 (micronebbia solo aria)
M141 con M7 (micronebbia poco olio)
M142 con M7 (micronebbia medio olio)
M143 con M7 (micronebbia tanto olio)
selezione controllo assorbimento mandrino M150 10% fino a M172
M150-M172
120%
M173 cancella M150-M173
richiamo programma come sottoprogramma memorizzato su Card o
M198
HD
M300 cancella M301, M302, M303 e M304
M301 sgrossatura alta velocità
M302 semifinitura alta velocità
M303 finitura alta velocità
M304 superfinitura alta velocità
M552 contatore opzionale ON
M553 contatore opzionale OFF
M820 disattiva tasto DRY RUN
M821 attiva tasto DRY RUN
attiva cambio utensile senza utensile nel mandrino, valido solo una
M993
volta
attiva cambio utensile senza utensile nel magazzino, valido solo una
M994
volta
M995 attiva cambio utensile senza utensile nel magazzino, valido fino a M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


19
R.F. Celada s.p.a.

2.2.2 Codici M per Bridgeport XR (XP3)

Codice Descrizione Altro


M00 stop programma (il mandrino e il refrigerante vengono fermati)
stop programma opzionale (da attivare o disattivare con selettore o tasto
M01
su pannello operativo, il mandrino e il refrigerante vengono fermati)
M02 fine programma, stop mandrino e refrigerante
M03 rotazione mandrino oraria
M04 rotazione mandrino antiorario
M05 stop mandrino
M06 cambio utensile
M08 refrigerante standard ON
M09 tutti i refrigeranti OFF
M10 freno 4°asse ON (se K2.2=1 il blocco/sblocco avviene in automatico)
M11 freno 4° asse OFF
M13 rotazione mandrino oraria + refrigerante standard
M14 rotazione mandrino antioraria + refrigerante standard
M15 bloccare utensile nel mandrino
M16 sbloccare utensile nel mandrino
M18 refrigerante attraverso il mandrino
M19 orientamento mandrino (se K6.0=1 viene mantenuto l’orientamento)
M21 attiva specularità asse X
M22 disattiva specularità asse X
M23 attiva specularità asse Y
M24 disattiva specularità asse Y
M26 convogliatore ON
M27 convogliatore OFF
M28 convogliatore marcia inversa per 5 secondi
M29 attiva maschiatura rigida (M29 S….)
fine programma, stop mandrino e refrigerante, resetta info modali e
M30
riavvolge il programma
M31 caricare potenziometro
M32 scaricare potenziometro
M35 freno 5° asse ON (se K2.2=1 blocco/sblocco automatico)
M36 freno 5° asse OFF
M37 misto olio/aria disinserito
M39 attiva funzione test
disattiva blocco al 100% dell’avanzamento assi con AICC/HPCC
M46
(annullato con M2,M30 e RESET)
M47 blocco al 100% dell’avanzamento assi e mandrino
M48 cancella M47 e M49
M49 blocco al 100% della velocità del mandrino (disponibile se K11.7=0)
M51 Azionare l’indicizzamento (all’inizio di una suddivisione di programma)
M52 Azionare l’indicizzamento (all’inizio di una suddivisione di programma)
M53 impulso inserito
M54 commutare sensore da Misurazione Utensile a Verifica
M55 commutare allo stato Laser Latch – cancellabile con M75/RESET
M56 soffio aria ON
M57 aria/olio ON
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
20
R.F. Celada s.p.a.

M58 inserire bloccaggio pezzo di lavoro


M74 commutare sensore da Verifica a Misurazione Utensile
M75 cancella M55
M76 soffio aria OFF
M77 aria/olio OFF
M78 cancella M58
M98 richiamo sottoprogramma
M99 fine sottoprogramma
M301 accendi presetting Renishaw
M302 accendi tastatore Renishaw
M303 spegni M301 o M302

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


21
R.F. Celada s.p.a.

2.2.3 Codici M per Bridgeport GX (P3)

Codice Descrizione Stand./Opz.


M00 stop programma (il mandrino viene fermato) S
stop programma opzionale (da attivare o disattivare con selettore o
M01 S
tasto su pannello operativo)
M02 fine programma, stop mandrino e refrigerante S
M03 rotazione mandrino oraria S
M04 rotazione mandrino antiorario S
M05 stop mandrino S
M06 cambio utensile S
M08 refrigerante standard ON S
M09 tutti i refrigeranti OFF S
M10 freno 4°asse ON O
M11 freno 4° asse OFF O
M13 rotazione mandrino oraria + refrigerante standard S
M14 rotazione mandrino antioraria + refrigerante standard S
M15 cancella M13 o M14 S
M16 aria attraverso il mandrino OFF S
M17 aria attraverso il mandrino ON S
M19 orientamento mandrino S
M20 cancella M19 S
M21 attiva specularità asse X S
M22 attiva specularità asse Y S
M23 disattiva specularità asse XY S
M24 lampada zona lavoro ON S
M25 lampada zona lavoro OFF S
M26 selezione Presetting (disattiva tastatore) O
M27 selezione Tastatore (disattiva presetting) O
M29 attiva maschiatura rigida (M29 S….) S
fine programma, stop mandrino e refrigerante, resetta info modali e
M30 S
riavvolge il programma
codici M utente (M34 ON M35 OFF; M36 ON M37 OFF; M38 ON
M34-M39 O
M39 OFF)
M41 gamma bassa (K5.0=1, parametro 3706.4=1) O
M42 gamma alta (K5.0=1, parametro 3706.4=1) O
M48 attiva potenziometri S e F S
M49 disattiva potenziometri S e F S
M51 refrigerante convogliatore ON S
M52 refrigerante convogliatore OFF S
M53 refrigerante attraverso il mandrino ON O
M54 refrigerante attraverso il mandrino OFF O
M68 convogliatore trucioli ON O
M69 convogliatore trucioli OFF O
M71 magazzino a riposo / tasca giù S
M72 magazzino fuori / tasca su S
M73 aggancio utensile S
M74 sgancio utensile S
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
22
R.F. Celada s.p.a.

M75 cerca utensile nel magazzino S


M76 attiva cambio utensile S
M77 disattiva cambio utensile S
M80 auto spegnimento S
M81 braccio cambio utensile in Home Position (2° magazzino) O
M82 braccio cambio utensile sull’utensile (2° magazzino) O
M83 braccio cambio utensile SU (2° magazzino) O
M84 braccio cambio utensile GIU (2° magazzino) O
M85 cerca utensile nel magazzino (2° magazzino) O
M86 attiva cambio utensile (2° magazzino) O
M87 disattiva cambio utensile (2° magazzino) O
M90-M93 codici M utente (M90 ON M91 OFF; M92 ON M93 OFF) O
M98 chiamata sottoprogramma S
M99 fine sottoprogramma S
M101 cambio pallet (PALLET A in macchina) P
M102 cambio pallet (PALLET B in macchina) P
M106 refrigerante misto aria-olio ON O
M107 refrigerante misto aria-olio OFF O
M110 freno 5° asse ON O
M111 freno 5° asse OFF O

S standard
O opzione
P macchina con cambio pallet

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


23
R.F. Celada s.p.a.

2.2.4 Codici M per She Hong

Codice Descrizione Altro


M00 stop programma (il mandrino viene fermato)
stop programma opzionale (da attivare o disattivare con selettore o tasto
M01
su pannello operativo)
M02 fine programma, stop mandrino e refrigerante
M03 rotazione mandrino oraria
M04 rotazione mandrino antiorario
M05 stop mandrino
M06 cambio utensile
M07 aria/olio ON O
M08 refrigerante standard ON
M09 tutti i refrigeranti OFF
M10 blocco utensile
M11 sblocco utensile
M12 lavaggio vasca ON
M13 lavaggio vasca OFF
M17 apertura porta magazzino P
M18 chiusura porta magazzino P
M19 orientamento mandrino (se K6.0=1 viene mantenuto l’orientamento)
M20 attiva oltrecorsa asse Y P
M21 disattiva oltrecorsa asse Y P
M22 index I start
M23 index II start O
M24 freno 4° asse ON O
M25 freno 4° asse OFF O
M29 attiva maschiatura rigida (M29 S….)
fine programma, stop mandrino e refrigerante, resetta info modali e
M30
riavvolge il programma
M31 sblocco pallet APC
M32 blocco pallet APC
M33 pallet su APC
M34 pallet giu APC
M35 rotazione oraria cambio pallet APC
M36 rotazione antioraria cambio pallet APC
M37 cambio pallet su APC
M38 cambio pallet giu APC
M50 soffio aria ON (M09 OFF) O
M53 pulizia cono ON
M54 pulizia cono OFF
M58 refrigerante attraverso il mandrino (M09 OFF) O
M60 cambio pallet APC
M61 monitoraggio potenziometro ON
M62 monitoraggio potenziometro OFF
M63 monitoraggio carico ON
M64 monitoraggio carico OFF
M65 comando index antiorario
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
24
R.F. Celada s.p.a.

M68 convogliatore ON
M69 convogliatore OFF
M70 attiva specularità asse X
M71 attiva specularità asse Y
M72 disattiva specularità assi X e Y
M73 blocco potenziometro avanzamento al 100%
M74 disattiva M73
M75 blocco potenziometro mandrino al 100%
M76 disattiva M75
M82 magazzino posto fisso in posizione di riposo
M83 magazzino posto fisso in posizione di cambio utensile
M86 continua cambio utensile random
M96 rotazione magazzino in direzione oraria di un posto
M97 rotazione magazzino in direzione antioraria di un posto
M98 richiamo sottoprogramma
M99 fine sottoprogramma

O codice opzionale
P solo per macchine a portale
APC solo per macchine con cambio pallet

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


25
R.F. Celada s.p.a.

2.2.5 Codici M per HWACHEON

Codice Descrizione Altro


M00 stop programma (il mandrino viene fermato)
stop programma opzionale (da attivare o disattivare con selettore o
M01
tasto su pannello operativo)
M02 fine programma
M03 rotazione mandrino oraria
M04 rotazione mandrino antiorario
M05 stop mandrino
M06 cambio utensile (30 utensili opzione)
M07 aria/olio ON (opzione)
M08 refrigerante standard ON
M09 tutti i refrigeranti OFF
M10 blocco 4° asse (opzione)
M11 sblocco 4° asse (opzione)
M12 refrigerante attraverso il mandrino (opzione)
M16 cambio utensile con utensile largo (30 utensili)
M19 orientamento mandrino (se K6.0=1 viene mantenuto l’orientamento)
M20 disattiva specularità asse X e Y
M21 attiva specularità asse X
M22 attiva specularità asse Y
M29 attiva maschiatura rigida (M29 S….)
fine programma, stop mandrino e refrigerante, resetta info modali e
M30
riavvolge il programma
M31 convogliatore ON
M32 convogliatore inversione marcia per alcuni secondi
M33 convogliatore OFF
M37 apertura porta magazzino ATC
M38 chiusura porta magazzino ATC
M48 blocco al 100% del potenziometro avanzamenti
M49 disattiva M48
M50 soffio aria ON (opzione)
M52 ATC apertura porta + orientamento mandrino + tasca avanti (ordine)
ATC apertura porta + orientamento mandrino + tasca avanti
M53
(conferma)
M55 aria su presetting
M57 apertura porta magazzino ATC
M58 chiusura porta magazzino ATC
M62 ATC cambio modo ON
M63 ATC cambio modo OFF
M81 tasca magazzino avanti una posizione (30 utensili)
M82 ATC 1 ciclo completo (30 utensili)
M83 tasca magazzino indietro una posizione (30 utensili)
M85 sblocco utensile (8 utensili)
M86 blocco utensile (8 utensili)
M90 tasca mandrino + orientamento
M98 richiamo sottoprogramma
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
26
R.F. Celada s.p.a.

M99 fine sottoprogramma


M100 inizializza magazzino (40 utensili)
M140-M147 codici M liberi

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


27
R.F. Celada s.p.a.

2.2.6 Codici M per KAFO

Codice Descrizione Altro


M00 stop programma (il mandrino viene fermato)
stop programma opzionale (da attivare o disattivare con selettore o
M01
tasto su pannello operativo)
M02 fine programma
M03 rotazione mandrino oraria
M04 rotazione mandrino antiorario
M05 stop mandrino
M06 cambio utensile
M07 aria/olio ON (opzione)
M08 refrigerante standard ON
M09 tutti i refrigeranti OFF (M7, M8 e M12)
M10 blocco 4° asse (opzione)
M11 sblocco 4° asse (opzione)
M12 refrigerante attraverso il mandrino (opzione)
M16 cambio pallet automatico
M17 rotazione oraria APC a 0°
M18 rotazione antioraria APC a 180°
M19 orientamento mandrino
M21 attiva gamma bassa
M22 attiva gamma alta
M29 attiva maschiatura rigida (M29 S….)
fine programma, stop mandrino e refrigerante, resetta info modali e
M30
riavvolge il programma
M62 tavola pallet giu
M63 tavola pallet su
M64 sblocco pallet
M65 blocco pallet
M68 convogliatore ON
M69 convogliatore OFF
M70 cancella funzione specchio
M71 specchio asse X
M72 specchio asse Y
M82 asse X e Y sullo zero macchina e ATC in attesa
M83 braccio a 90°, eseguire M82 e M19 dopo questo comando
M84 sblocco utensile
M88 blocco utensile
M89 braccio a 0°, eseguire prima M88
M90 tasca su
M98 richiamo sottoprogramma
M99 fine sottoprogramma

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


28
R.F. Celada s.p.a.

3 DEFINIZIONE GRAFICA
3.1 Premessa

La definizione grafica è valida per tutte le macchine che hanno l’opzione della GRAFICA
SOLIDA, tale opzione permette di verificare graficamente il percorso utensile su un solido 3D.

3.2 Definizione pezzo grezzo


Sintassi

G10 L90 P… X… Y… Z… I… J… K…

G10L90 scrittura parametri per definire il pezzo grezzo


P tipo di grezzo:
tutte le serie escluso 0iD - P0 parallelepipedo, P1 cilindro o tubo
serie 0iD – P0 cilindro o tubo, P1 parallepipedo
X punto minimo in X per il parallelepipedo o centro per il cilindro (assoluto rispetto
allo zero pezzo)
Y punto minimo in Y per il parallelepipedo o centro per il cilindro (assoluto rispetto
allo zero pezzo)
Z punto minimo in Z per il parallelepipedo e per il cilindro (assoluto rispetto allo zero
pezzo)
I lunghezza totale dell’asse X per parallelepipedo (incrementale rispetto a X)
raggio esterno per cilindro o tubo
J lunghezza totale dell’asse Y (incrementale rispetto a Y)
raggio interno per tubo oppure 0 per cilindro
K lunghezza totale dell’asse Z (incrementale rispetto a Z)

3.3 Definizione raggio utensile


Sintassi

G10 L91 P0 R… (K…)

G10L91 scrittura parametri per definire la dimensione dell’utensile


P0 asse lavoro mandrino impostato sull’asse Z
R raggio utensile
K modifica lunghezza utensile:
per tutte le serie tranne 0iD inserire solo se serve
per la serie 0iD non esiste più e la lunghezza è uguale al valore K del grezzo

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


29
R.F. Celada s.p.a.

Esempio parallelepipedo e utensili

Tutte le serie tranne 0iD Solo 0iD


… …
(PARALLELEPIPEDO) (PARALLELEPIPEDO)
G10L90P0X-30Y-10Z-30I60J20K30 G10L90P1X-30Y-10Z-30I60J20K30
(FRESA D10) (FRESA D10)
T1M6 T1M6
G10L91P0R5K0 G10L91P0R5
… …
… …
(FRESA D63) (FRESA D63)
T2M6 T2M6
G10L91P0R31.5K0 G10L91P0R31.5
… …

Esempio cilindro

Tutte le serie tranne 0iD Solo serie 0iD


… …
(CILINDRO) (CILINDRO)
G10L90P1X0Y0Z-80I20K80 G10L90P0X0Y0Z-80I20K80
… …

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


30
R.F. Celada s.p.a.

4 GESTIONE UTENSILE
4.1 Chiamata utensile
4.1.1 Posto fisso (vedere le specifiche della macchina)

Txx M6 dove xx è il numero dell’utensile da chiamare

4.1.2 Random (vedere le specifiche della macchina)

Metodo 1

Txx M6 dove xx è il numero dell’utensile da chiamare e M6 è il codice di cambio utensile


Tyy yy è il numero utensile da preparare

Metodo 2

Txx dove xx è il numero dell’utensile da chiamare


M6 codice di cambio utensile
Tyy yy è il numero utensile da preparare

Metodo 3

M6 Txx dove xx è il numero dell’utensile da chiamare e M6 è il codice di cambio utensile


Tyy yy è il numero utensile da preparare

Note
 Per le She Hong costruite prima di Aprile 2004 veniva usato il Metodo1, per le macchine
costruite successivamente a tale data viene usato il Metodo3
 Per tutte le altre case viene usato in linea di massima il Metodo1, salvo indicazioni diverse
fornite dal costruttore

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


31
R.F. Celada s.p.a.

5 CODICI PRELIMINARI
Premessa
I codici G servono per programmare le istruzioni che deve compiere il centro di lavoro. La lettera G
è seguita da un numero che identifica il codice. Tali codici possono essere modali (cioè è attivo
finchè non viene programmato un altro che lo sostituisce o annulla).
Se un codice è composto dal numero 0 e poi un altro numero, lo zero può essere omesso, quindi, per
esempio G00 e G0 hanno lo stesso significato .

5.1 Unità di misura G20, G21


Descrizione
L’unità di misura di un CN può essere impostata in millimetri o in pollici

Sintassi
G20 l’unità di misura è in Pollici
G21 l’unità di misura è in Millimetri

5.2 Piano di lavoro G17, G18, G19


Descrizione
Il piano di interpolazione degli assi può essere cambiato a secondo dove viene montato l’utensile, in
modo da tenere il piano perpendicolare all’asse utensile

Sintassi
G17 il piano di interpolazione è su XY, l’utensile è montato sull’asse Z
G18 il piano di interpolazione è su XZ, l’utensile è montato sull’asse Y
G19 il piano di interpolazione è su YZ, l’utensile è montato sull’asse X

5.3 Movimenti assoluti e incrementali G90, G91

Descrizione
Gli assi possono essere mossi in assoluto (le quote sono riferite allo Zero Pezzo), oppure in
incrementale (le quote sono riferite alla posizione in cui si trova l’utensile).

Sintassi
G90 movimenti in assoluto (rispetto allo Zero pezzo)
G91 movimenti in incrementali ( rispetto all'ultimo punto raggiunto)

Esempio


G90 X15 Y10 (1)
X50 Y50 (2)
G91 X50 (3)
X18 Y-20 (4)
G90 X150 (5)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
32
R.F. Celada s.p.a.

6 ORIGINI PEZZO e MACCHINA


6.1 Origini pezzo
Descrizione
Nel programma, prima di iniziare a muovere gli assi, bisogna specificare dove si trova il pezzo
rispetto allo Zero della Macchina, questa operazione si fa richiamando un codice che identifica
l’Origine (Zero Pezzo), tutte le quote del programma saranno riferite sempre all’ultima origine
richiamata. Prima di richiamare un’origine bisogna sempre disattivare i seguenti codici G68(G69),
G51(G50) e G51.1(G50.1).
Le quote rispetto allo Zero Macchina verranno registrate nella tabella origini (pagina WORK o
LAVORO) nella fase di attrezzamento della macchina .

Nel caso si debbano lavorare più


pezzi si devono utilizzare più
origini, come nella figura

Sintassi
G54, G55, G56, G57, G58 e G59 origini di lavoro standard
G54.1 P1 a G54.1 P48 origini di lavoro estese (opzionali)

6.2 Caricamento origini pezzo da programma


Descrizione
Oltre che a scrivere direttamente le origini nella tabella origine, si possono scrivere anche
inviandole dal programma. Questa procedura dà la sicurezza che le origini interessate vengano
sempre caricate alla partenza di ogni programma. Con questa operazione si sovrascrivono i valori
caricati nella tabella origini se usati con G90 o aggiunti/sottratti se usati con G91.

Sintassi
G10 L2 P1 X.. Y.. Z.. A.. B.. carica origini standard da G54 a G59
G10 L2 codice per caricare i valori nelle origini standard
P.. inserire numero corrispondente all'origine (da P1 = G54 a
P6 = G59, P0 = G53)
X.. Y.. Z.. A.. B.. C.. inserire i valori rispetto allo Zero macchina da inserire nella
tabella origini

G10 L20 P1 X.. Y.. Z.. A.. B.. carica origini opzionali da G54.1 P1 a P48
G10 L20 codice per caricare i valori nelle origini opzionali
P.. inserire numero corrispondente all'origine (da P1 = G54.1 P1 a
P48 = G54.1 P48)
X.. Y.. Z.. A.. B.. C.. inserire i valori rispetto allo Zero macchina da inserire nella
tabella origini

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


33
R.F. Celada s.p.a.

6.3 Parametri che influiscono sulla visualizzazione origini


1201.5 parametro che determina se le quote assolute cambiano subito alla modifica di
un’origine oppure dopo un richiamo automatico (no serie 30i)
0 i valori assoluti cambiano solo dopo il richiamo dell’origine in AUTOMATICO o
MDI
1 i valori assoluti cambiano immediatamente quando si modifica un’origine

Nota: sulla serie 0iD il bit 5 del parametro 1201 non esiste e si comporta come se
fosse sempre a 1

1201.7 parametro che determina se dopo un RESET, M2 o M30 la macchina ritorna in G54
oppure no
0 non ritorna alla G54, quindi mantiene attiva l’ultima origine richiamata (mettere
anche il parametro 3407.6 a 1)
1 ritorna sempre alla G54

6.4 Coordinate rispetto allo Zero macchina G53 G28 G30

Descrizione
Nel caso si debba posizionare gli assi non rispetto allo Zero Pezzo ma rispetto allo Zero Macchina,
in modo che tali spostamenti siano sempre gli stessi anche cambiando Zero Pezzo si devo utilizzare
i codici che seguono.

Sintassi
G53 X.. Y.. Z.. A.. B.. spostamento programmato rispetto allo Zero macchina
G28 G91 X.. Y.. Z.. A.. B.. coordinate rispetto al 1° punto di riferimento
G30 G91 X.. Y.. Z.. A.. B.. coordinate rispetto al 2° punto di riferimento

Avvertenze
I. Tutti e tre i tipi G28, G30 e G53 annullano la compensazione lunghezza utensile di
conseguenza, dopo aver programmato uno di questi 3 codici, se l’utensile deve ancora
lavorare, riprogrammare il G43 H.. Z.. (vedi dopo) nel primo movimento in Z successivo
diversamente avverrà una collisione.
II. Lo spostamento degli assi avverrà in rapido anche senza programmare G0.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


34
R.F. Celada s.p.a.

7 CORRETTORI UTENSILE
7.1 Tabelle utensili
7.1.1 Tipo tabelle

Sul cn FANUC esistono 3 tipi di tabelle utensili a secondo del modello del controllo e dall'opzione
attivata :
TIPO A : tabella unica, dove si possono usare indifferentemente i correttori sia per lunghezza
sia per raggio

OFFSET O0001 N00000


NO. DATA NO. DATA
001 0.000 1.000000 009 0.000
002 –2.000 010 –7.500
003 0.000 011 12.000
004 5.000 012 –20.000
005 0.000 013 0.000
006 0.000 014 0.000
007 0.000 015 0.000
008 0.000 016 0.000
ACTUAL POSITION (RELATIVE)
X 0.000 Y 0.000
Z 0.000
_
TIPO B : tabella composta da 2 colonne affiancate. Ogni riga è un correttore composto dalla
Lunghezza e dal Raggio.
TIPO C : tabella composta da 4 colonne affiancate. Ogni riga è un correttore composto dalla
Lunghezza e Usura Lunghezza, e dal Raggio e Usura Raggio.

OFFSET O0001 N00000


NO. GEOM(H) WEAR(H) GEOM(D) WEAR(D)
001 0.000 0.000 0.000 0.000
002 100.000 0.000 5.000 -0.010
003 0.000 0.000 0.000 0.000
004 120.000 -0.200 3.500 0.000
005 0.000 0.000 0.000 0.000
006 0.000 0.000 0.000 0.000
007 0.000 0.000 0.000 0.000
008 0.000 0.000 0.000 0.000
ACTUAL POSITION (RELATIVE)
X 0.000 Y 0.000
Z 0.000

I dati possono essere inseriti nelle tabelle utensili con due metodi :
1. Digitandoli direttamente nella tabella dalla pagina OFFSET
2. Via programma con i codici G10

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


35
R.F. Celada s.p.a.

7.1.2 Caricamento correttori utensili da programma

TIPO A
G10 L10 P.. R.. caricamento geometria + usura

TIPO B e C
G10 L10 P.. R.. caricamento lunghezza
G10 L11 P.. R.. caricamento usura lunghezza (solo C)
G10 L12 P.. R.. caricamento raggio
G10 L13 P.. R.. caricamento usura raggio (solo C)

P.. numero correttore


R.. valore correttore

Avvertenze
I. Con G90 o G91, sulla riga del G10, si decide se il valore deve essere introdotto così com’è
oppure se deve essere aggiunto o sottratto al valore esistente in tabella

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


36
R.F. Celada s.p.a.

7.2 Correttore lunghezza utensile G43 H…


Descrizione
Nel primo movimento in Z bisogna richiamare il correttore di lunghezza utensile, diversamente c’è
il rischio di collisione.

Sintassi
G43 H… Z… attivazione correttore in lunghezza in direzione positiva il valore letto nella
tabella utensili viene sommato alla posizione attuale
H… numero correttore (numero dell'offset della tabella utensili)
Z… movimento in Z per compensare il correttore

Avvertenze
I. quando la macchina legge il correttore lo compensa subito, se la Z si trova vicino al fine corsa
la macchina rischia di andare in oltre corsa, quindi programmare uno spostamento verso il
basso pari della lunghezza utensile se si è vicini al fine corsa.

7.3 Correttore raggio utensile D.. (m)

Descrizione
Quando si deve contornare un profilo, è utile usare la compensazione raggio con G41 o G42
(descritti in seguito), il raggio che deve essere utilizzato va dichiarato richiamando il numero del
correttore come segue.

Sintassi
Dn chiamata correttore raggio

n numero del correttore

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


37
R.F. Celada s.p.a.

7.4 Correttore lunghezza utensile nella direzione asse utensile G43.1


(solo serie 15)
Descrizione
Quando si deve lavorare con il fianco della fresa che segue l’angolo della parete della figura che si
vuole costruire al posto di chiamare il correttore della lunghezza utensile con G43 si usa il modo
che segue.

Sintassi
G43.1 H… Z… attivazione correttore in lunghezza

Esempio per Millac 630HV con fanuc 15i


T1;
M6;
G90 G56 G0 A10. C130. S7000 M3;
G43.1 X0 Y257.763 Z400. H1;
Z287.188;
G91 G1 C80. F500;
G90 G0 Y263.237 Z287.188 A-10.;
G91 G1 C80. ;
G90 G0 X0 Y260.408 Z272.188 A10. ;
G91 G1 C-80. ;
G90 G0 X0 Y260.592 Z272.188 A-10. ;
G91 G1 C80. ;
G90 G0 Z400. ;
G53 ;
G91 G49 Z#[2000 + 4111] (SVINCOLO CON CALCOLO SENZA CORRETTORE) ;
G28 G91 Z0. ;
M30 ;

7.5 Annullamento correttori in lunghezza G49

Descrizione
Quando si vuole annullare il correttore in lunghezza di deve programmare il codice che segue.

Sintassi
G49 annulla il correttore lunghezza

Avvertenze
I. Programmando G49 il CN elimina immediatamente la lunghezza utensile con movimento in
direzione negativa sull'asse Z .

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


38
R.F. Celada s.p.a.

8 MOVIMENTI
8.1 Movimenti lineari G01, G00
Descrizione
Per spostare gli assi in modo lineare ci sono due tipi di programmazione, uno consente di muovere
gli assi con un avanzamento programmato, l’altro muove gli assi in rapido.
In rapido gli assi si muovono lungo una linea retta se il parametro 1401 bit 1 è a 1, se è a 0 gli assi si
muovono in modo indipendente

Sintassi
G01 (G90/G91) X… Y… Z… F… spostamento assi con avanzamento
programmato
G00 (G90/G91) X… Y… Z… spostamento assi con avanzamento rapido

8.1.1 Esempio n°1

O0001(COMMENTO);
(FRESA D20) ;
T1 M6 (CHIAMATA UTENSILE SU MACCHINA A CESTELLO) ;
S1000 M3 (ROTAZIONE MANDRINO) ;
G54 G0 X20 Y25 M8 (RICHIAMO ORIGINE E POSIZIONAMENTO IN RAPIDO X E Y) ;
G43 Z2 H1 (RAPIDO DELLA Z E CARICAMENTO CORRETTORE LUNGHEZZA) ;
G1 Z-10 F50 (LAVORO ASSE Z) ;
X80 F200 (PASSATA) ;
Z2 F1000;
G0 Z100 M5 (SVINCOLO ASSE Z) ;
G53 Y0 (SVINCOLO Y RISPETTO ALLO ZERO MACCHINA) ;
M30 (FINE PROGRAMMA) ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


39
R.F. Celada s.p.a.

8.2 Movimenti angolari G01 A… (opzione)


Descrizione
Questo codice si utilizza quando si hanno da programmare movimenti lineari conoscendo l’angolo.

Sintassi
G1 A… movimento angolare A da 0° a 360° (quando è montato un asse rotante che viene
programmato con la lettera A bisogna programmare “,A” per gli angoli sul piano di
lavoro e “A” per programmare l’asse rotante)

Esempio

G1 X120 Y10 (1) ;
A116.5 Y50 (2);
X70 (3);
A225 Y30 (4);
X10 (5);

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


40
R.F. Celada s.p.a.

8.3 Compensazione raggio utensile G41, G42, G40


Descrizione
Quando bisogna contornare un profilo si deve attivare la compensazione raggio in modo che il CN
possa posizionare il raggio utensile tangente al movimento.
L’attivazione della compensazione raggio deve avvenire nel blocco, o in quello precedente, al
contatto con il profilo, e deve essere disattivato in un blocco fuori dal profilo.
Il punto di vista deve essere tenuto alle spalle del movimento programmato.

Sintassi

G41 Dn compensazione raggio a sinistra


G42 Dn compensazione raggio a destra

G40 annulla la compensazione raggio

n numero correttore raggio

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


41
R.F. Celada s.p.a.

8.3.1 Esempio n°2

O0002 (COMPENSAZIONE RAGGIO);


T1 M6 (FRESA D32) ;
S1000 M3 ;
G54 G0 G90 X-80 Y-50 ;
G43 Z2 H1 D1 ;
G1 Z-20 F1000 M8 ;
G41 X-50 Y-25 F200 ;
Y25 ;
X50 ;
Y-25 ;
X-50 ;
G40 X-80 Y-50 ;
G0 Z100 M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


42
R.F. Celada s.p.a.

8.4 Arrotondamento o smussatura dello spigolo “,R” “,C”


G01 X.. Y.. ,R.. arrotondamento dello spigolo del valore programmato in R
G01 X.. Y.. ,C.. smusso dello spigolo del valore programmato in C

G02 (G03) X… Y… I… J…(R…) ,R (,C) arrotondamento o smusso alla fine di un arco di cerchio

8.4.1 Esempio n°3

O0003 (CONTORNATURA) ;
T5 M6 (FRESA D10) ;
S1000 M3 ;
G54 G0 G90 X-15 Y0 ;
G43 Z2 H5 D5 ;
G1 Z-10 F1000 M8 ;
G41 X0 Y0 F400;
Y25, C10 ;
X80, R20 ;
Y-25, R20 ;
X0, C10 ;
Y0 ;
G40 X-15 Y0 ;
G0 Z200 M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


43
R.F. Celada s.p.a.

8.5 Interpolazioni circolari G02 e G03 conoscendo il raggio

Descrizione
Questi codici si usano per “disegnare” degli archi conoscendo il punto di partenza, il punto di arrivo
e il raggio dell’arco da costruire. L’arco può essere eseguito sui tre piani G17, G18 e G19. Con
questo tipo di codice si possono eseguire degl’archi fino 359.9999° massimo, per fare cerchi
completi bisogna usare il sistema con centro cerchio

Sintassi
G02(G03) (G90/G91) X… Y…(Z…) R… movimento circolare con i punti di arrivo e il raggio
noti

G02 (G2) movimento circolare in senso orario


G03 (G3) movimento circolare in senso antiorario
X… Y… Z… coordinate di fine cerchio. Con piano G17 usare X e Y, con
piano G18 usare X e Z , con piano G19 usare Y e Z.
R.. raggio cerchio, se il raggio compie un arco <180° il raggio ha
segno positivo, se compie un arco >180° il raggio ha il segno
negativo

8.5.1 Esempio n°4 (cerchio con raggio)

O0004 (CERCHIO CON RAGGIO);


T1 M6(CAMBIO UTENSILE) ;
T2 (MACCHINA CON CAMBIO UTENSILE RANDOM) ;
S3000 M3 ;
G54 G0 G90 X75 Y-15 ;
G43 Z2 H1 D1 ;
G1 Z-5 F1000 M8 ;
G42 X60 Y0 F300 (P1) ;
Y16.18 (P2) ;
G3 X41.18 Y35 R32.016 (P3) ;
G1 X0 (P4) ;
G40 X-15 Y50 ;
G0 Z200 M5 ;
G53 Y0 ;
M30 ;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
44
R.F. Celada s.p.a.

8.6 Interpolazioni circolari G02 o G03 conoscendo il centro cerchio

Descrizione
Questi codici si usano per “disegnare” delle circonferenze o degli archi conoscendo il punto di
partenza, il punto di arrivo e il centro del cerchio da costruire. L’arco o la circonferenza possono
essere eseguiti sui tre piani G17, G18 e G19.

Sintassi
G02(G03) (G90/G91) X…Y…(Z…)I... J… (K...) movimento circolare con i punti di arrivo e il
centro noti

G02 (G2) movimento circolare in senso orario


G03 (G3) movimento circolare in senso antiorario
X… Y… Z… coordinate di fine cerchio. Con piano G17 usare X e Y, con
piano G18 usare X e Z , con piano G19 usare Y e Z.
I… J… K… distanza dal punto di partenza al centro cerchio. Con piano
G17 usare I e J, con G18 usare I e K, con G19 usare J e K.
(obbligatorio)

8.6.1 Esempio n°5 (cerchio con il centro cerchio)

O0005 (CERCHIO CON CENTRO CERCHIO) ;


T2 M6 ;
S3000 M3 ;
G54 G0 G90 X75 Y-15 ;
G43 Z2 H2 D2 ;
G1 Z-5 F1000 M8 ;
G42 X60 Y0 F300(P1) ;
Y16.18 (P2) ;
G3 X41.18 Y35 I-30 J-11.18 (P3) ;
G1 X0 (P4) ;
G40 X-15 Y50 ;
G0 Z200 M5 ;
G53 Y0 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


45
R.F. Celada s.p.a.

8.6.2 Esempio n°6 (ingresso dolce cerchio completo)

O0006 (INGRESSO DOLCE) ;


T1 M6 (FRESA D10) ;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X-70 Y0 ;
G43 Z2 H1 D1 ;
G1 Z-10 F1000 M8 ;
G41 X-60 Y-10 F300;
G3 X-50 Y0 R10 ;
G2 X-50 Y0 I50 J0 ;
G3 X-60 Y10 R10 ;
G1 G40 X-70 Y0 ;
G0 Z200 M5 ;
G53 Y0 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


46
R.F. Celada s.p.a.

8.7 Cerchi interni con ingresso dolce G12.2 o G13.2 (opzione)


Descrizione
Si usano questi codici nel caso si deve realizzare la fresatura di un foro per portarlo in misura
precisa (G12.2 giro orario, G13.2 giro antiorario).

Sintassi
G12.2 (G13.2) X… Y… (Z…) I… (J… K….) Dn fresatura foro

X… Y… Z… centro del cerchio (XY G17, XZ G18, YZ G19)


I… J… K… raggio del cerchio, obbligatorio(I G17, J G18, K G19)
Dn correttore raggio utensile (obbligatorio)

8.7.1 Esempio n°7

O0007 (FRESATURA FORI) ;


T10 M6 (FRESA D10);
T1 ;
S2000 M3 ;
G54 G0 G90 X50 Y40 ;
G43 Z2 H10 ;
G1 Z-16 F1000 M8 ;
G12.2 I22.5 D10 F200 ;
G0 Z2 ;
G0 X120 Y40 ;
G1 Z-16 F1000 ;
G12.2 I22.5 D10 F200;
G0 Z200 M5 ;
G53 Y0 ;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
47
R.F. Celada s.p.a.

M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


48
R.F. Celada s.p.a.

8.8 Interpolazione elicoidale (opzione)


Descrizione
Con l’interpolazione elicoidale si possono muovere assieme 3 assi, e viene utilizzato nel caso si
deve fare un foro utilizzando una fresa o nel caso di realizzazione di filetti tramite utensili a
filettare.
Nel movimento 2 assi compiono una circonferenza e 1 esegue un movimento lineare.
Si può usare la compensazione raggio che verrà applicata solo all’arco ma non può essere attivata
nel blocco che specifica l’interpolazione elicoidale.

Sintassi con R
G02(G03) (G90/G91) X… Y… Z… R… interpolazione elicoidale con raggio

G02 (G2) interpolazione circolare oraria


G03 (G3) interpolazione circolare antioraria
X… Y…Z… coordinate di fine cerchio. Con piano G17 usare X e Y, con
piano G18 usare X e Z , con piano G19 usare Y e Z.
Z…Y… X… posizione della profondità. Con piano G17 usare Z, con piano
G18 usare Y e con piano G19 usare X.
R… raggio dell’arco

Sintassi con I e J
G02(G03) (G90/G91) X…Y…Z…I…J…(K…) interp. elicoidale con centro cerchio

G02 (G2) interpolazione circolare oraria


G03 (G3) interpolazione circolare antioraria
X… Y…Z… coordinate di fine cerchio. Con piano G17 usare X e Y, con
piano G18 usare X e Z , con piano G19 usare Y e Z.
Z…Y… X… posizione della profondità. Con piano G17 usare Z, con piano
G18 usare Y e con piano G19 usare X.
I… J… K… centro del cerchio. Con piano G17 usare I e J, con piano G18
usare I e K, con G19 usare J e K (obbligatorio)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


49
R.F. Celada s.p.a.

8.8.1 Esempio n°8

O0008 (FILETTO M80 PASSO 2 CON UTENSILE A FILETTARE) ;


T1 M6 ;
S1000 M3 ;
G54 G90 G0 X0 Y0 ;
G43 Z2 H1 D1 ;
G1 Z-33 F1000 ;
G41 X40 Y0 F200 ;
M98 P1000 L17 (RICHIAMO DEL SOTTOPROGRAMMA O1000 PER 17 VOLTE) ;
G0 G90 G40 X0 Y0 ;
Z50 M5 ;
M30 ;

O1000(SOTTOPROGRAMMA INTERPOLAZIONE ELICOIDALE CON R) ;


G3 G91 X-80 Y0 Z1 R40 ;
X80 Z1 R40 ;
M99 ;

O1000(SOTTOPROGRAMMA INTERPOLAZIONE ELICOIDALE CON I E J) ;


G3 G91 X0 Y0 Z2 I-40 J0 ;
M99 ;

8.8.2 Esempio n°9


O0009(TASCA);
T20 M6;
S2000 M3;
G0 G54 G90 X0 Y0 ;
G43 Z2 H20 D20;
G1 Z0 F1500;
G41 X12.5 Y0 F500;
M98 P1001 L50 ;
G3 G90 X12.5 Y0 I-12.5 J0;
G1 G40 X0 Y0;
G0 Z200;
G53 Y0;
M30;

O1001;
G3 G91 X0 Y0 Z-1 I-12.5 J0;
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


50
R.F. Celada s.p.a.

8.9 Interpolazione a spirale e spirale conica (opzione)


Descrizione
Con l’interpolazione a spirale si esegue un cerchio che aumenta o riduce il suo raggio mentre gira
attorno ad un centro.
Con l’interpolazione a spirale conica, oltre che a eseguire un cerchio che aumenta o riduce il suo
raggio mentre gira attorno ad un centro, viene anche modificata la coordinata lineare.

Sintassi per spirale


G02(G03) (G90/G91)X…Y…(Z…)I…J…(K…)Q…L… interpolazione con centro cerchio

G02 (G2) interpolazione circolare oraria


G03 (G3) interpolazione circolare antioraria
X… Y…Z… coordinate di fine cerchio. Con piano G17 usare X e Y, con
piano G18 usare X e Z , con piano G19 usare Y e Z.
I… J… K… centro del cerchio. Con piano G17 usare I e J, con piano G18
usare I e K, con G19 usare J e K
Q… incremento o decremento del raggio ad ogni giro
L… numero di giri

Avvertenze
I. si può specificare o solo Q o solo L
II. se si specifica L e Q ma i valori sono contraddittori , Q ha la precedenza
III. L deve essere un valore intero per specificare 4 giri più 90° scrivere L5

Sintassi per spirale conica


G02 (G03) X…Y…Z…I…J…(K…)Q… L… interpolazione con centro cerchio

G02 (G2) interpolazione circolare oraria


G03 (G3) interpolazione circolare antioraria
X… Y…Z… coordinate di fine cerchio. Con piano G17 usare X e Y, con
piano G18 usare X e Z , con piano G19 usare Y e Z.
I… J… K… centro del cerchio e decremento o aumento dell’altezza. Con
piano G17 usare I e J per il centro cerchio e K per la differenza
di altezza ad ogni giro, con piano G18 usare I e K per il centro
cerchio e J per la differenza di altezza ad ogni giro, con G19
usare J e K per il centro cerchio e I per la differenza di altezza
ad ogni giro
Q… incremento o decremento del raggio ad ogni giro (se si
specifica anche L ma il valore è discrepante con Q,
quest’ultimo ha la precedenza)
L… numero di giri (valore intero per specificare 4 giri più 90°
scrivere L5)
Avvertenze
I. Si può specificare solo Q o solo L o solo I (o J o K per l’incremento/riduzione dell’altezza)
II. se si specifica L e Q ma i valori sono contraddittori , Q ha la precedenza
III. se si specifica Q e I (o J o K per l’incremento/riduzione dell’altezza) ma i valori sono
contraddittori , Q ha la precedenza
IV. L deve essere un valore intero per specificare 4 giri più 90° scrivere L5

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


51
R.F. Celada s.p.a.

9 SOTTOPROGRAMMI
Descrizione
Un sottoprogramma è una parte di programma che può essere richiamata e ripetuta più volte.
Il richiamo può essere fatto dal programma principale o da un altro sottoprogramma.
Il sottoprogramma è un programma esterno, di nome diverso da qualsiasi altro programma o
sottoprogramma, e deve necessariamente finire con M99.
Sui controlli della Serie i che lo supportano i sottoprogrammi possono essere inseriti in coda al
programma principale vedi paragrafo Sottoprogrammi Interni.

9.1 Richiamo sottoprogramma esterno


Descrizione
Si possono creare un numero infinito di sottoprogrammi esterni al programma principale (il limite è
la memoria della macchina). I sottoprogrammi esterni non sono nient’altro che programmi che
vengono chiusi con M99.

Sintassi

M98 P1000 richiamo del sottoprogramma O1000 per una volta.

M98 <PROVA> richiamo sottoprogramma PROVA solo per serie 30i/31i/32i

Esempio

O0001 (PROGRAMMA PRINCIPALE)



M98 P1000 (RICHIAMO DEL SOTTOPROGRAMMA O1000)


M98 P2000 (RICHIAMO DEL SOTTOPROGRAMMA O2000)

M30 (FINE PROGRAMMA PRINCIPALE)

O1000 (SOTTOPROGRAMMA O1000)



M99 (FINE SOTTOPROGRAMMA O1000)

O2000 (SOTTOPROGRAMMA O2000)



M99 (FINE SOTTOPROGRAMMA O2000)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


52
R.F. Celada s.p.a.

9.2 Richiamo sottoprogramma interno


Solo per la serie i (ove permesso), mettendo il parametro 6005.0 a 1 (dopo la modifica di questo
parametro si dovrà spegnere e riaccendere il controllo), i sottoprogrammi possono essere inserirti in
coda al programma principale in modo da avere un unico file da gestire.
Nota: per ricevere il programma senza interrompere la trasmissione su M30, M02 o M99 mettere il
parametro 3201.6=1

Sintassi

M98 Qxxxx richiamo del sottoprogramma, scritto dopo M30, che inizia dal blocco Nxxxx

Esempio

O0002 (PROGRAMMA PRINCIPALE)



M98 Q1000 (RICHIAMO SOTTOPROGRAMMA N1000)

M98 Q2000 (RICHIAMO SOTTOPROGRAMMA N2000)

M30
N1000 (INIZIO SOTTOPROGRAMMA N1000)


M99 (FINE SOTTOPROGRAMMA N1000)
N2000 (INIZIO SOTTOPROGRAMMA N2000)


M99 (FINE SOTTOPROGRAMMA N2000)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


53
R.F. Celada s.p.a.

9.3 Fine sottoprogramma

M99 fine del sottoprogramma, ritorno nel livello precedente e partenza dal blocco
successivo al blocco di richiamo
M99 P.. fine del sottoprogramma, ritorno nel livello precedente e partenza dal blocco
specificato nella P (vedi esempio 1), può essere usato anche nel programma
principale (vedi esempio 2)

Esempio 1
O0005(PRINCIPALE) O1000 (SOTTOPROGRAMMA)
… …
M98 P1000 …
… …
N32 … …
M30 M99 P32

Esempio 2
O0005(PRINCIPALE)

M98 P1000

N32 …

/M30 mentre è attivo il blocco barrato il programma arrivato al blocco M99 salterà
M99 P32 al blocco N32, quando il blocco barrato verrà disattivato il programma
terminerà

9.4 Richiamo di più volte di un sottoprogramma


Sintassi

M98 Pxxxx Lnnnn richiamo del sottoprogramma “Oxxxx” (max 4 cifre) per “nnnn” volte (max
9999). Per 1 volta non specificare L

M98 Qxxxx Lnnnn richiamo del sottoprogramma “Nxxxx” (max 4 cifre) per “nnnn” volte (max
9999). Per 1 volta non specificare L

M98 Pnnnnxxxx richiamo del sottoprogramma “Pxxxx” (sempre 4 cifre) per “nnnn” volte
(max 9999). Per 1 volta non specificare nnnn (serie 0/16/18)

Esempio

M98 P2000 L10 richiamo del programma O2000 quale sottoprogramma, per 10 volte. Il
programma O2000 deve avere come fine programma M99 (serie 15).

M98 P100001 richiamo del programma O0001 quale sottoprogramma, per 10 volte. Il
programma O0001 deve avere come fine programma M99 (serie 0/16/18).

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


54
R.F. Celada s.p.a.

9.5 Annidamenti
Descrizione
Con la parola annidamenti si intende la possibilità di richiamare un sottoprogramma da un altro
sottoprogramma che a sua volta ne può richiamare un altro, ecc. Ogni richiamano è detto livello, ci
possono essere al massimo 4 livelli di sottoprogramma.

Esempio

principale 1°livello 2°livello 3°livello 4°livello


O0001 O1001 O1002 O1003 O1004
… … … … …
M98 P1001 M98 P1002 M98 P1003 M98 P1004 …
… … … … …
M30 M99 M99 M99 M99

9.6 Richiamo di un sottoprogramma da una memoria esterna


Descrizione
Sulle macchine con Data Server, floppy disk o memory card c’è la possibilità di archiviare i
programmi, oltre che sulla memoria, anche su un hard disk chiamato Data Server, per poter
richiamare un sottoprogramma fare come segue.

Sintassi

M198 Pxxxx Lnnnn richiamo del sottoprogramma “xxxx” (max 4 cifre) per “nnnn” volte (max
9999). Per 1 volta non specificare L (serie 15)

M198 Pnnnnxxxx richiamo del sottoprogramma “xxxx” (max 4 cifre) per “nnnn” volte (max
9999). Per 1 volta non specificare nnnn (serie 0/16/18)

Avvertenze
I. È necessario che vi sia installata una memoria esterna per poter usare tale funzione
II. Impostare il parametro 20 a 4 per Memory Card, 5 per HD, 0 per la seriale e 17 per la
porta USB; se il controllo è della serie 30i impostare lo stesso valore del parametro 20
anche sul parametro 21
III. Nel parametro 6030 è possibile specificare un numero diverso da 198 per il codice M di
richiamo (per la serie 15 usare il parametro 2431)
IV. Il sottoprogramma richiamato non può essere editato in macchina, deve essere editato
dall’unità esterna
V. Per lavorare in DNC con un programma memorizzato sulla memory card mettere il
parametro 138.7=1
VI. Nota per il nome del programma
a. per tutte le serie diverse da 0iD con il parametro 3404.2 (SBP) se impostato a 0
numero del file se impostato a 1 (consigliato) indicare il numero del programma
b. per la serie 0iD indicare sempre il numero del programma

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


55
R.F. Celada s.p.a.

9.7 Esempio n°10

O0010(PROG-PRINCIPALE);
N1 (FR D63 SPIANATURA);
T1 M6;
T2 (PREPARAZIONE T SUCCESSIVO SOLO PER MACCHINE RANDOM);
S1250 M3;
G54 G90 G0 X-35 Y24;
G43 H1 Z5;
G1 Z0 F1000 M8;
X175 F800;
Y79;
X-35;
G0 Z5 M9:
N2 (FR D16 INSERTI PER SGROSSATURA CONTORNO);
T2 M6 ;
T3;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X130 Y-30 ;
G43 Z2 H2 D2;
G1 Z0 F1000 M8;
M98 P1000 L6 (RICHIAMO-DEL-SOTTOPROGRAMMA-PER-INCR.-SGROSSATURA);
G0 Z2;
N3 (FR D8 MD PER FINITURA);
T3 M6 ;
T1 ;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
56
R.F. Celada s.p.a.

S2000 M3;
G54 G90 G0 X130 Y-30;
G43 Z2 H3 D3;
G1 Z0 F1000 M8;
M98 P1003 L3(RICHIAMO-SOTT.-PER-INCREMENTO-FINITURA);
G0 Z100 M5;
G53 Y0 ;
M30;

O1000(INCR.-SGR-PROFILO);
G1 G91 Z-5 F1500;
G90;
M98 P1006;
M99;

O1003(INCR-FIN-PROFILO);
G1 G91 Z-10 F500;
G90;
M98 P1006;
M99;

O1006(PROFILO);
G1 G41 X100 Y0;
X40;
G3 X0 Y40 I-40 J0;
G1 Y100 X0, C20;
X140 Y100, R15;
Y40;
X120;
G3 X100 Y20R-20;
G1 Y0;
G40 X130 Y-30;
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


57
R.F. Celada s.p.a.

10 CONVERSIONE COORDINATE
10.1 Traslazione origine G52
Descrizione
Questo codice si utilizza quando si vuole spostare l’origine rispetto ad una delle origini dalla G54
alla G59.
Lo spostamento è sempre riferito all’ultima origine pezzo definita prima del G52 (sia con G90 che
G91) e non sarà applicata alle origini successivamente richiamate. Per ritornare sull’origine pezzo
iniziale bisogna annullare il G52.
Prima di spostare l’origine disattivare la rotazione, se attiva, altrimenti non avviene lo spostamento.
Il parametro 1202.3 se è impostato a 0 con RESET non annulla se è impostato a 1 annulla.

Sintassi

G52 X…Y…Z…A…B… spostamento, in modo assoluto, dell'origine attiva.


X…Y…Z…A…B… inserire l'entità dello spostamento.

G52 X0 Y0 Z0 A0 B0 annullo lo spostamento origine.

Esempio
O0011 (TRASLAZIONE ORIGINE) ;
T11 M6 ;
S2000 M3 ;
G54 G90;
G52 X25 Y25;
G0 X-15 Y-15 ;
G43 Z2 H11 D11 ;
M98 P1000 (CONTORNO PEZZO 1) ;
G52 X25 Y85 ;
M98 P1000 (CONTORNO PEZZO 2) ;
G52 X125 Y85 ;
M98 P1000 (CONTORNO PEZZO 3) ;
G52 X0 Y0 (ANN. TRASLAZIONE);
G0 Z150 M5 ;
M30 ;

O1000 ;
G0 X-15 Y-15 ;
G1 Z-10 F1000 M8 ;
G41 X0 Y0 F200 ;
Y30 ;
X30,C15 ;
Y0 ;
X0 ;
G40 X-15 Y-15 ;
G0 Z10 ;
M99 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


58
R.F. Celada s.p.a.

10.2 Fattore scala G51, G50


Descrizione
Questo codice si usa quando si vuole realizzare un riduzione o un ingrandimento di un profilo.
Il fattore di scala è comune per tutti gli assi quando il parametro 5400.6=0
Il fattore di scala è individuale quando il parametro 5400.6=1
Gli assi interessati dalla scala saranno quelli che hanno valore 1 nel parametro 5401.0
Altri parametri da impostare 5400.7 mettere a 1

Sintassi

G51 X...Y...Z...P… attivazione fattore scala comune per tutti gli assi specificati.
X Y Z centro scala (se mancano viene considerata la posizione
attuale), P.. fattore scala (valore in millesimi da 1 a 999999; se
non si specifica P viene usato il valore del parametro 5411).
G51 X…Y…Z…I…J…K… attivazione fattore scala individuale per ogni asse.
X Y Z centro scala, I scala X, J scala in Y e K scala in Z
(valori da +-0.001 a +-999 con segno negativo viene applicata
anche l’immagine speculare, >1 aumenta <1 diminuisce p.e.:
I0.5 dimezza I2 raddoppia, se I J o K manca il valore è quello
del parametro 5421)
G50 annulla scala

Esempio
O0011 (SCALA) ;
T1 M6 ;
G0 G54 G90 X-30 Y-30 S1000 M3;
G43 Z2 H1 D1 ;
M98 Q1000 ;
G52 X125 Y0 ;
G0 X-30 Y-30 ;
G51 X0 Y0 P500 ;
M98 Q1000 ;
G50 ;
G52 X200 Y0 ;
G0 X-30 Y-30 ;
G51 X0 Y0 P2000 ;
M98 Q1000 ;
G50 ;
G52 X0 Y0 ;
G0 Z150 M30 ;
N1000(PROFILO) ;
G1 Z-10 F1000 M8 ;
G41 X0 Y0 F200;
Y100 ;
X100,C20 ;
Y0 ;
X0 ;
G40 X-30 Y-30 ;
G0 Z10 M99 ;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
59
R.F. Celada s.p.a.

10.3 Specularità G51.1, G50.1


Descrizione
Questo codice si utilizza quando si vuole realizzare una figura specchiata rispetto al programma
nominale.

Sintassi

G51.1 X.. Y.. attivazione specularità. L'asse indica attorno a quale asse viene
attivata la specularità, il valore indica dove si trova l’asse
attorno al quale ruota la figura
G50.1 X0 Y0 annulla la specularità solo per gli assi specificati

Esempio

O0012(SPECCHIO);
T1 M6 ;
S1000 M3 ;
G0 G54 G90 X0 Y-10 ;
G43 Z2 H1 D1 ;
M98 P1000 ;
G52 X-20;
G51.1 X0 ;
M98 P1000;
G50.1 X0;
G52 X0;
G0 Z100 M5;
M30;

O1000(PROFILO);
G0 X0 Y-10 ;
G1 Z-10 F1000;
G42 X0 Y0 F200;
X30;
Y30, C15;
X0;
G40 Y40;
G0 Z2;
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


60
R.F. Celada s.p.a.

10.4 Rotazione G68, G69


Descrizione
Questo codice serve a programmare una figura ruotata rispetto al piano XY con G17 o XZ con G18
e YZ con G19. Disattivare sempre prima di richiamare o spostare un’origine.
(Opzionale su Bridgeport GX)

Sintassi

G68 (G90/G91) X.. Y.. (Z..) R.. attiva rotazione attorno agli assi specificati e dell'angolo
specificato nella R (5400.0=0 R è assoluto =1 R è rispetto G90
o G91, nel 5410 mettere il valore di default)
G69 annulla la rotazione

Esempio

O0013(ROTAZIONE);
T1 M6 ;
S1000 M3 ;
G54 G90 ;
G68 X0 Y0 R30;
G0 X-15 Y-15 ;
G43 Z2 H1 D1 ;
G1 Z-10 F1000 M8;
G41 X0 Y0 F200;
Y30;
X30 ,C15 ;
Y0 ;
X0 ;
G40 X-15 Y-15 ;
G0 Z2 M9 ;
G69 ;
G0 Z200 M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


61
R.F. Celada s.p.a.

10.5 Rotazione tridimensionale G68 (solo serie i)


Descrizione
Quando bisogna ruotare il piano in modo tridimensionale, quindi ruotare X Y e Z assieme, bisogna
usare il codice che segue.

Sintassi

G68 (G168) X… Y… Z… I… J… K… R… attiva rotazione tridimensionale (G168 per


Okuma Howa Millac630VH)
G69 disattiva rotazione tridimensionale

X… Y… Z… centro della rotazione con spostamento momentaneo dell’origine


I… J… K… asse sul quale deve essere attivata la rotazione (I1 per X, J1 per Y e K1 per Z)
R… angolo di rotazione

Avvertenze
I. Per ruotare più assi con angoli diversi programmare più G68 consecutivi (max 2 volte)

Esempio

O1111 (MILLAC 640VH);


T1;
M6;
S500 M3;
G54 G90 G0 X0. C90. A-45. ;
G168 (G68) X0. Y30. Z-20 I1 J0 K0 R-45.;
G168 (G68) X0. Y0. Z0. I0 J0 K1 R90.;
G0 G90 X50. Y35. ;
G43 Z100. H1 ;
G73 G99 R2. Z-70. Q10. F600 ;
X-50.;
Y-35. ;
X50.;
G80 Z50. ;
G69 ;
G0 Z100.;
A-90. C0.;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


62
R.F. Celada s.p.a.

10.6 Copia o rotazione sottoprogramma G72.1 o G72.2 (solo serie i)


Descrizione
Quando si deve ripetere più volte un sottoprogramma con un passo costante e/o si deve ruotare si
può usare il codice che segue (il primo blocco del sottoprogramma deve essere un movimento
assoluto quindi assieme al nome del sottoprogramma inserire tale movimento, vedi esempi).

Sintassi per rotazione


G72.1 G17 P… L… X… Y… R…
G72.1 G18 P… L… X… Z… R…
G72.1 G19 P… L… Y… Z… R…

P… numero del sottoprogramma da ripetere


L… numero ripetizioni
X… Y… Z… centro della rotazione rispetto al piano specificato (sempre assoluto)
R… rotazione sul piano specificato con G17 o G18 o G19

Sintassi per copie


G72.2 G17 P… L… I… J…
G72.2 G18 P… L… I… K…
G72.2 G19 P… L… J… K…

P… numero del sottoprogramma da ripetere senza O


L… numero ripetizioni
I… J… K… passo tra le ripetizioni (I per X, J per Y e K per Z)

Esempio copia su cerchio


O0201(COPIA G68);
O0068(COPIA CERCHIO); T1 M6 ;
T1 M6; S1000 M3;
S1000 M3; G54 G90 G0 X50 Y50;
G54 G90 G0 X0Y0; G43 H1 D1 Z2;
G43 H1 D1 Z20; M98 Q1000 L6;
G72.1 P1000 L6 R60; G0 G90 Z200;
G0 Z1000 ; M30;
M2 ; N1000;
G68 G91 X0 Y0 R60;
O1000 G0 G90 X40 Y0; G90;
G0 Z2; G0 X40 Y0;
G1 Z-5 F50; G1 Z-5 F500;
G91 G41 X0 Y5 F200; G41 Y5 F2000;
X-10; X30;
G3 X0 Y-10 R5; G3 Y-5 R5;
G1 X20 ; G1 X50;
G3 X0 Y10 R5 ; G3 Y5 R5;
G1 X-10 ; G1 X40;
G40 X0Y-5 ; G40 X40 Y0;
G90 G0 Z2 ; G0 Z2 ;
M99 ; M99;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
63
R.F. Celada s.p.a.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


64
R.F. Celada s.p.a.

Esempio copia su retta

O0069(COPIA RETTA) ;
T3 M6 ;
S1000 M3 ;
G54 G0 G90 X-10 Y-10 ;
G43 Z20 H3 D3 ;
G72.2 P1001 L5 I60 ;
G0 Z150 M5 ;
M30 ;

O1001 G0 G90 X-10 Y-10 ;


G0 Z2 ;
G1 Z-10 F1000 ;
G41 X0 Y0 F200;
Y30 ;
X30, C15 ;
Y0 ;
X0 ;
G40 X-10 Y-10 ;
G0 Z20 ;
M99 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


65
R.F. Celada s.p.a.

10.7 Coordinate polari G16, G15 (opzione)


Descrizione
Con questa opzione si possono programmare punti definiti da rette (raggio polare tramite X) e
angoli (angolo polare tramite Y). E’ possibile specificare G0, G1, e G2 o G3 con il raggio.

Sintassi
G16 G17(G18, G19) G90(G91) attiva le coordinate polari
G15 disattiva le coordinate polari

G16 attiva coordinate polari


G17, G18 o G19 piano di lavoro, il primo asse del piano specificato è il raggio
polare il secondo asse del piano di lavoro è l’angolo polare
G90 o G91 se assoluto il centro del cerchio polare è lo zero pezzo attivo,
se incrementale il centro del cerchio polare diventa il punto in
cui ci si trova
G15 disattiva

Esempio assoluto

O500 (POLARI ASSOLUTO);


T1 M6;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X50 Y40 ;
G43 Z2 H1 ;
G52 X15 Y18 ;
G90 G17 G16 ;
G0 X50 Y38.66 (1);
G1 Z-10 F100 ;
X50 Y75.069 (2);
G15 ;
G52 X0 Y0;
G0 Z100 M5 ;
M30 ;

Esempio incrementale

O501(POLARI INCREMENTALI) ;
T1 M6;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X15 Y18 ;
G43 Z2 H1 ;
G91 G17 G16 ;
G0 G90 X50 Y38.66 (1);
G1 Z-12 F100 ;
X50 Y75.069 (2);
G90 Z2 ;
G15 ;
G0 Z100 M5 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


66
R.F. Celada s.p.a.

M30 ;
Esempio

O502 (POLARI) ;
T1 M6 ;
S1000 M3 ;
G54 G90 G0 X50. Y0. ;
G43 Z2. H1 D1 ;
G17 G90 G16 ;
G0 X50. Y0. ;
G1 Z-10. F1000 ;
G42 X20. Y0. ;
G91 Y45. ;
Y45. ;
Y45. ;
Y45. ;
Y45. ;
Y45. ;
Y45. ;
Y45. ;
G90 G40 X50. Y0. ;
G15;
G0 Z50 M5 ;
M30 ;

Esempio

O503 (POLARI);
T1 M6;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X50 Y0;
G43 Z2 H1 D1;
G16 G17 G90;
G0 X50 Y0;
G1 Z-10 F1000;
G42 X20 Y0;
Y45;
G3 X20 Y135 R20;
G1 Y180;
Y225;
G3 X20 Y315 R20;
G1 Y0;
G40 X50 Y0;
G15;
G0 Z50 M5;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


67
R.F. Celada s.p.a.

11 CICLI FISSI
11.1 Elenco cicli

G81 foratura in una sola volta con ritorno in rapido


G83 foratura con scarico truciolo
G73 foratura con rottura truciolo
G84 maschiatura destra
G84.2 maschiatura dopo aver ruotato il piano 3D
G74 maschiatura sinistra
G82 foratura/alesatura con sosta sul fondo e ritorno in rapido
G76 barenatura con stacco parete
G85 alesatura con ritorno in lavoro
G86 alesatura con ritorno in rapido e mandrino fermo
G87 alesatura con lavoro in salita
G88 alesatura con stop mandrino e ritorno in manuale
G89 alesatura con ritorno in lavoro e sosta sul fondo
G80 annulla qualsiasi ciclo fisso sopra elencato (pure G0, G1, G2 e G3 annullano il ciclo)

11.2 Parametri

G… R… Z… Q… P… F… K(L)…
G codice ciclo
R avvicinamento e ritorno in rapido dell’asse lavoro mandrino alla quota inizio lavorazione
Z punto finale asse lavoro mandrino con avanzamento di lavoro
Q ogni quanti mm deve essere scaricato/rotto il truciolo
P sosta in millesimi (es.: programmare 1000 per 1 secondo)
F avanzamento di lavoro
K numero ripetizioni ciclo per serie diverse da serie 15 (con K0 non esegue il ciclo)
L numero ripetizioni ciclo per serie 15 (con K0 non esegue ciclo)

11.3 Ritorno a R (G99) o a Z (G98)

G99 ritorno dell'asse Z, alla fine del ciclo,


alla quota programmata nella R

G98 ritorno dell'asse Z, alla fine del ciclo,


alla quota programmata nella Z precedente
al ciclo (salto staffa)

11.4 Assoluto ed incrementale

G90 assoluto
G91 incrementale

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


68
R.F. Celada s.p.a.

11.5 Ciclo G81 (centratura)


Descrizione
Foratura in una sola volta con ritorno in rapido

Sintassi
G81 R… Z… F… ciclo fisso

R = avvicinamento in rapido (assoluto)


Z = profondità foro (assoluto)
F = avanzamento

11.5.1 Esempio

N1(PUNTA DA CENTRO) ;
T1 M6;
T2 ;
S1000 M3 ;
G0 G54 G90 X-20 Y20 ;
G43 H1 Z2 ;
G81 R2 Z-3 F100 M8 ;
M98 P1000 ;
N2(PUNTA D10) ;
T2 M6;
T1 ;
S1000 M3 ;
G0 G54 G90 X-20 Y20 ;
G43 H2 Z2 ;
G81 R2 Z-30 F100 M8 ;
M98 P1000 ;
G0 Z150 M9 ;
G53 Z0 Y0 ;
M30 ;

O1000 (FORI) ;
X20 ;
Y-20 ;
X-20 ;
G80 ;
M99 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


69
R.F. Celada s.p.a.

11.6 Ciclo G83 (foratura con scarico truciolo)


Descrizione
Foratura con scarico truciolo e ritorno in rapido.
Con il parametro 5115 si imposta a quanti millesimi (in MM su serie 30 e 0iD) si deve fermare la
punta ad ogni rientro dopo lo scarico.

Sintassi
G83 R… Z… Q… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
Q = ogni quanti mm viene scaricato il truciolo
F = avanzamento

11.7 Ciclo G73 (foratura con rottura truciolo)


Descrizione
Foratura con rottura truciolo e ritorno in rapido
Con il parametro 5114 si imposta a quanti millesimi (in MM su serie 30 e serie 0iD) si deve alzare
la punta ad ogni rottura.

Sintassi
G73 R… Z… Q… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
Q = ogni quanti mm viene rotto il truciolo
F = avanzamento

11.8 Ciclo G84 (maschiatura destra)


Consiglio
Se si imposta l’avanzamento in mm/giro con il G95, nel blocco precedente il ciclo fisso, in F si può
impostare il passo del filetto da realizzare, ricordarsi di mettere G94 assieme a G80 per ripristinare i
mm/min. Se si usa l’avanzamento in mm/min con il G94 calcolare la F moltiplicando il numero di
giri con il passo.

11.8.1 Maschiatura rigida (maschio bloccato in pinza)

Sintassi
M29 S…. sincronismo
G84 R… Z… J… P… F… ciclo fisso

M29 = indica la maschiatura rigida


S = numero di giri
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
J = velocità di ritorno in percentuale (impostare 5021.4 = 1 e 5202.6 = 0)
P = sosta sul fondo (millesimi)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


70
R.F. Celada s.p.a.

F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)

11.8.2 Maschiatura rigida con rottura o scarico truciolo (maschio bloccato in


pinza) (ciclo non disponibile per serie 15)

Sintassi
M29 S…. sincronismo
G84 R… Z… J… P… Q… F… ciclo fisso

M29 = indica la maschiatura rigida


S = numero di giri
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
J = velocità di ritorno in percentuale (impostare 5021.4 = 1 e 5202.6 = 0)
P = sosta sul fondo e ad ogni scarico (millesimi)
Q = ogni quanti mm deve scaricare il truciolo (par.5200.5=1) o rottura (par.5200.5=0) con il
parametro 5213 si imposta il valore di rientro o stacco (sulla serie 0iD la Q è valida solo se il
parametro 5104.6 è a 1)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)

11.8.3 Maschiatura non rigida (maschio bloccato nel compensatore)

Sintassi
G84 R… Z… P… F… ciclo fisso

R = avvicinamento in rapido (assoluto)


Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)

11.8.4 Maschiatura rigida dopo aver ruotato il piano 3D

Sintassi
G84.2 R… Z… J… (P…) (Q…) F… S…
R = avvicinamento in rapido
Z = profondità foro (assoluto)
J = velocità di ritorno in percentuale (impostare 5021.4 = 1 e 5202.6 = 0)
P = sosta sul fondo e ad ogni scarico (millesimi)
Q = ogni quanti mm deve scaricare il truciolo (par.5200.5=1) o rottura (par.5200.5=0) con il
parametro 5213 si imposta il valore di rientro o stacco (sulla serie 0iD la Q è valida solo se il
parametro 5104.6 è a 1)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)
S = numero di giri

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


71
R.F. Celada s.p.a.

11.9 Ciclo G74 (maschiatura sinistra)


11.9.1 Maschiatura rigida sinistra (maschio bloccato in pinza)

Sintassi
M29 S…. sincronismo
G74 R… Z… J… P… F… ciclo fisso
M29 = sincronismo maschiatura
S = numero di giri
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
J = velocità di ritorno in percentuale (impostare 5021.4 = 1 e 5202.6 = 0)
P = sosta sul fondo e ad ogni scarico (millesimi)
Q = ogni quanti mm deve scaricare il truciolo (par.5200.5=1) o rottura (par.5200.5=0) con il
parametro 5213 si imposta il valore di rientro o stacco (sulla serie 0iD la Q è valida solo se il
parametro 5104.6 è a 1)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)

11.9.2 Maschiatura rigida sinistra con scarico o rottura truciolo (maschio


bloccato in pinza) (ciclo non valido per serie 15)

Sintassi
M29 S….
G74 R… Z… J… P… Q… F… ciclo fisso

M29 = sincronismo maschiatura


S = numero di giri
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
J = velocità di ritorno in percentuale (impostare 5021.4 = 1 e 5202.6 = 0)
P = sosta sul fondo e ad ogni scarico (millesimi)
Q = ogni quanti mm deve scaricare il truciolo (par.5200.5=1) o rottura (par.5200.5=0) con il
parametro 5213 si imposta il valore di rientro o stacco (sulla serie 0iD la Q è valida solo se il
parametro 5104.6 è a 1)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)

11.9.3 Maschiatura non rigida sinistra (maschio bloccato nel compensatore)

Sintassi
G74 R… Z… P… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)

11.9.4 Maschiatura rigida sinistra dopo aver ruotato il piano 3D

Sintassi

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


72
R.F. Celada s.p.a.

G84.3 R… Z… P… F… S…
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
F = avanzamento (F = S * passo filetto con G94 oppure F = passo filetto con G95)
S = numero di giri

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


73
R.F. Celada s.p.a.

11.10 Esempio n°11

O0014(PROGRAMMA-PRINCIPALE);
T1 M6(PUNTA-DA-CENTRO);
T2;
S1500 M3;
G0 G54 G90 X20 Y-25 ;
G43 Z15 H1 ;
G81 G99 R2 Z-2 F100 M8;
M98 P1010;
G99 X80 Y-75 R-13 Z-17;
M98 P1011;
M9;
T2 M6(PUNTA-D6.8);
T3;
S900 M3;
G0 G54 G90 X20 Y-25;
G43 Z15 H2 ;
G73 G99 R2 Z-35 Q5 F100 M8;
M98 P1010;
G99 X80 Y-75 R-13;
M98 P1011;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


74
R.F. Celada s.p.a.

M9;
T3 M6(MASCHIO-M8);
T1;
S500 M3 ;
G0 G54 G90 X20 Y-25 ;
G43 Z15 H3 ;
G95 (AVANZAMENTO IN MM/GIRO);
M29 S500 (SINCRONISMO);
G84 G99 R3 Z-35 F1.25 M8;
M98 P1010;
G99 X80 Y-75 R-12;
M98 P1011;
M9;
G94 (AVANZAMENTO IN MM/MIN);
G53 Z0;
M30;

O1010(FORI-A-Z0);
X50;
G98 X80;
M99;

O1011(FORI-A-Z-15);
X50;
G98 X20;
G80 (DISATTIVA-IL-CICLO-FISSO);
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


75
R.F. Celada s.p.a.

11.11 Ciclo G82


Descrizione
Foratura con sosta sul fondo e ritorno in rapido

Sintassi
G82 R… Z… P… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
F = avanzamento

11.12 Ciclo G76


Descrizione
Barenatura con stacco dalla parete sul fondo foro

Sintassi
G76 R… Z… P… Q… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
Q = stacco dalla parete incrementale la direzione dipende dai parametri:
Serie 16i, 18i e 21i 5101.5(RD2) e 5101.4(RD1) .5=0 e .4=0 stacco in X+
.5=0 e .4=1 stacco in X-
.5=1 e .4=0 stacco in Y+
.5=1 e .4=1 stacco in Y-
Serie 30i, 31i e 32i e 0iD 5148 mettere: -1 per X-, 1 per X+, -2 per Y- e 2 per Y+
F = avanzamento

11.13 Ciclo G87


Descrizione
Barenatura con lavorazione in tirata

Sintassi
G87 R… Z… P… Q… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
Q = stacco dalla parete incrementale la direzione dipende dai parametri:
Serie 16i, 18i e 21i 5101.5(RD2) e 5101.4(RD1) .5=0 e .4=0 stacco in X+
.5=0 e .4=1 stacco in X-
.5=1 e .4=0 stacco in Y+
.5=1 e .4=1 stacco in Y-
Serie 30i, 31i e 32i e 0iD 5148 mettere: -1 per X-, 1 per X, -2 per Y- e 2 per Y (su asse
mandrino)
F = avanzamento

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


76
R.F. Celada s.p.a.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


77
R.F. Celada s.p.a.

11.14 Ciclo G85


Descrizione
Alesatura con ritorno in lavoro (per modificare in percentuale l’avanzamento di ritorno modificare
il parametro: 5121 per serie 16i, 18i e 21i o 5149 per serie 30i, 31i e 32i e 0iD)

Sintassi
G85 R… Z… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
F = avanzamento

11.15 Ciclo G86


Descrizione
Alesatura con stop mandrino sul fondo e ritorno in rapido

Sintassi
G86 R… Z… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
F = avanzamento

11.16 Ciclo G88


Descrizione
Alesatura con stop del mandrino sul fondo e ritorno in manuale

Sintassi
G88 R… Z… P… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
F = avanzamento

11.17 Ciclo G89


Descrizione
Alesatura con ritorno in lavoro e sosta sul fondo (per modificare in percentuale l’avanzamento di
ritorno modificare il parametro: 5121 per serie 16i, 18i e 21i o 5149 per serie 30i, 31i e 32i e 0iD)

Sintassi
G89 R… Z… P… F… ciclo fisso
R = avvicinamento in rapido (assoluto)
Z = profondità foro (assoluto)
P = sosta sul fondo (millesimi)
F = avanzamento

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


78
R.F. Celada s.p.a.

11.18 Esempio arco di fori con coordinate polari


T10 M6 ;
S1000 M3 ;
G54 G90 G0 X25 Y15 ;
G43 Z2 H10 ;
G52 X10 Y15 ;
G17 G90 G16 ;
G81 X15 Y10 R2 Z-10 F100 M8 ;
G91 Y20 ;
Y20 ; G91 Y20 K3;
Y20 ;
G15 G80 ;
G0 G90 Z100 M5 ;
G52 X0 Y0 ;
M30 ;

11.19 Esempio cerchio di fori con coordinate polari


T10 M6;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X0 Y0;
G43 Z2 H10;
G52 X60 Y62;
G16 ;
G81 X50 Y30 R2 Z-10 F100 M8;
G91 Y45 K7 ;
G15 G80;
G0 G90 Z100 M5;
G52 X0 Y0;
M30 ;

11.20 Esempio retta di fori con coordinate polari


T10 M6;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X10 Y10;
G43 Z2 H10 ;
G16 G91 ;
G81 G90 R2 Z-10 F100 M8;
X20 Y45 ;
X40 ;
G91 X20 K2;
X60 ;
G15 G80;
G0 G90 Z100 M5;
G52 X0 Y0;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


79
R.F. Celada s.p.a.

12 4° ASSE
12.1 Denominazione assi
Descrizione
Quando si ha la necessità di lavorare particolari su più facce, come alberi o flange o scatolati, viene
sicuramente comodo acquistare la tavola rotante, con un solo asse chiamato 4°asse o con due assi
chiamati uno 4° e l’altro 5°asse, la quale viene comandata dal controllo come un assi aggiuntivi.

Sintassi
Axxx nome asse quando ruota attorno la X
Bxxx nome asse quando ruota attorno la Y
Cxxx nome asse quando ruota attorno la Z

xxx posizione angolare in gradi centesimali (0° a 360° in assoluto e +/- 360° incr.)

12.2 Formula per il calcolo dell’avanzamento con il 4° asse


Formula muovendo solo 4°asse (A)

F = ( 360 / ( π * D )) * f
F avanzamento da programmare (mm/min)
D diametro di lavoro (mm)
f avanzamento lineare (mm/min)

Esempio
Calcolare l’avanzamento da impostare per la lavorazione un diametro di 100mm con avanzamento
di 250mm/min :

F = ( 360 / (3.14*100)) *250 = 286 mm/min

L’avanzamento da programmare è F286

Formula muovendo 4°asse e un asse lineare (A e X)

SQRT (A² + X²)


F= ---------------------------------------- *f
SQRT (( π * D * A) / 360 )² + X²

SQRT radice quadrata


F avanzamento da programmare (mm/min)
A angolo di lavoro del 4°asse (gradi)
X movimento dell’asse X (mm)
D diametro della lavorazione (mm)
f avanzamento voluto (mm/min)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


80
R.F. Celada s.p.a.

Esempio
Calcolare l’avanzamento da impostare per la lavorazione un diametro di 100mm con avanzamento
di 250mm/min su un angolo di 180° per 150mm :

SQRT (180² + 150²)


F= ----------------------------------------------- * 250 = 269 mm/min
SQRT (( π * 100 * 180) / 360 )² + 150²

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


81
R.F. Celada s.p.a.

12.3 Esempio n°12 (solo 4° asse)

O0019(QUARTO ASSE) ;
N10 (FRESA D63 SPALLAMENTO RETTO) ;
T10 M6 ;
T1 ;
S1250 M3 ;
M25 (SBLOCCA FRENO 4° ASSE) ;
G0 G54 G90 X3.5 Y57 A0 ;
G43 Z5 H10 ;
G1 Z0 F1000 M8 ;
M98 P1000 L4 ;
G0 Z50 M5 ;
N1 (PUNTA DA CENTRO) ;
T1 M6 ;
T2 ;
S1000 M3 ;
M25 (SBLOCCA FRENO 4° ASSE) ;
G0 G54 G90 X10 Y0 A0 ;
G43 Z5 H1 M8 ;
G81 R2 Z-3 F1000 K0;
M98 P1001 L4 ;
G80 G90 ;
M5 ;
N2 (PUNTA D6.7) ;
T2 M6 ;
T3 ;
S1200 M3 ;
M25 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


82
R.F. Celada s.p.a.

G0 G54 G90 X10 Y0 A0 ;


G43 Z5 H2 M8 ;
G73 R2 Z-15 Q5 F1000 K0 ;
M98 P1001 L4 ;
G80 G90 ;
M5 ;
N3 (MASCHIO M8) ;
T3 M6;
T10 ;
M25 ;
G0 G54 G90 X10 Y0 A0 S500 M3;
G43 Z5 H3 M8 ;
M29 S500 ;
G84 Z-12 R5 F625 K0;
M98 P1001 L4 ;
G80 G90 ;
G53 Z0 Y0 (SVINCOLO) ;
M30 ;

O1000 (FRESATURA) ;
M25 ;
G0 G91 A90 ;
M24 ;
G90 G1 Y-57 F350 ;
X38.5 ;
Y57 ;
G0 X3.5 ;
M99 ;

O1001 (POSIZIONE FORI) ;


M25 ;
G91 A90 X40 M24 ;
X-20 ;
X-20 ;
G90 ;
M99 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


83
R.F. Celada s.p.a.

12.4 Esempio n°13 (solo 4° asse)

O0020 (ELICA);
T1 M6 (FRESA D10) ;
S2000 M3 ;
M25 ;
G54 G0 G90 X-6 Y0 A0 ;
G43 H1 Z2 ;
G1 Z-10 F1000 M8 ;
X5 F100 ;
M98 P1200 L4 ;
G90 Z5 F1000 ;
G53 Z0 Y0 ;
M5 ;
M30 ;

O1200 (ELICA) ;
G1 G91 A360 X100 ;
M99 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


84
R.F. Celada s.p.a.

12.5 Interpolazione cilindrica G7.1 o G107


Descrizione
Con questa opzione si possono eseguire raccordi interpolando l’asse A (asse rotante) e l’asse X
(asse lineare) come nella costruzione di camme.

Sintassi

G91 G17 X0 A0 piano di lavoro XA quando A è parallelo alla Y (parametro 1022=6 e


parametro 1006 bit 0 a 1)
G7.1 (G107) A… attivazione interpolazione cilindrica con specifica raggio del cilindro
G7.1 (G107) A0 disattivazione interpolazione cilindrica

Codici G ammessi
G40(G41-G42) compensazione raggio, al momento di attivare l’interpolazione cilindrica la
macchina deve essere in G40 se poi si usa la compensazione raggio
disattivarla prima di disattivare l’interpolazione cilindrica.
G1 movimenti lineari in lavoro, non è ammesso il G0
G02(G03) interpolazione circolare oraria o antioraria da specificare solo con R (I e J non
sono ammessi)

Esempio sintassi
...
G91 G17 X0 A0 (ATTIVA IL PIANO DI LAVORO XA);
G7.1 A50. (ATTIVA E SPECIFICA IL RAGGIO DEL CILINDRO IN QUESTO CASO 50MM);
G1 G90 G41 X... A… (RISPETTARE LA SINTASSI PRIMA Z POI C) ;
...
G2(G3) X... A... R... (RISPETTARE LA SINTASSI, I E J NON SONO VALIDE) ;
...
G1 G40 X… A…;
G7.1 A0 (DISATTIVA) ;
...
G17 X0 Y0 (RITORNA SUL PIANO DI LAVORO XY);

12.5.1 Trasformazione dello sviluppo in angolo rotazione asse circolare

Per usare il codice G107 trasformare le coordinate lineari che ci sono sul disegno in gradi
centesimali, tali valori si ottengono prima calcolando lo sviluppo del cilindro attorno il quale si
vuole eseguire la lavorazione e di seguito calcolando i singoli spostamenti angolari.
Per calcolare lo sviluppo di un diametro bisogna usare la seguente formula:
2 r * 3.14159 cioè DIAMETRO * 3.14159
Se per esempio dobbiamo lavorare un cilindro diametro 150 il suo sviluppo sarà:
150*3.14159=471.2385 mm
Se poi dobbiamo trasformare la lunghezza di 35 mm in gradi da usare sull’asse A la formula sarà:
[35/471.2385]*360=26,738°
quindi per comandare uno spostamento di 35mm su un cilindro di 150mm bisogna comandare uno
spostamento incrementale di A26.738

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


85
R.F. Celada s.p.a.

12.5.2 Esempio d’interpolazione cilindrica su un D150

Calcoli: A-
Sviluppo(Sv):
Sv=150*3.14=471.2385
(1) = [30/Sv]*360=22.918
(2) = [90/Sv]*360=68.755
(3) = [150/Sv]*360=114.592 X- X+

O1127 (INTERPOLAZIONE CILINDRICA);


N1(BULINO);
T1 M6 ;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X-100 Y0 A0;
G43 Z80 H1 D1 M8;
G91 G17 X0 A0;
G107 A75.0 ;
G1 G90 X-100 A0 F2000;
G1 Z75 F50 ;
G2 X-70 A22.918 R30 F200 ;
G1 A114.592 ;
G2 X-130 A114.592 R30 ; A+
G1 A22.918 ;
G2 X-100 A0 R30 ;
G1 Z80 F2000;
G1 X-80 A68.755 F2000;
G1 Z75 F50;
G3 X-120 A68.755 R20;
G3 X-80 A68.755 R20 ;
G1 Z80 F1000;
G107 A0 ;
G0 Z200 M9;
G17 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


86
R.F. Celada s.p.a.

12.5.3 Esempio di interpolazione cilindrica su un D100 (su Hwacheon)

O0027 (INTERPOLAZIONE CILINDRICA);


T1 M6 ;
S1000 M3;
G54 G90 G0 X-20 Y0 A0;
G43 Z60 H1 D1 M8;
G91 G17 X0 A0;
G107 A50.0 ;
G1 Z50 F50;
G1 G90 G42 X-20 F2000 ;
A30 ;
G2 X-50 A60 R30 ;
G1 X-70 ;
G3 X-80 A70 R10 ;
G1 A150 ;
G3 X-70 A190 R75 ;
G1 X-30 A230 ;
G2 X-20 A270 R75 ;
G1 A360 ;
G1 Z60;
G40 ;
G107 A0 ;
G0 Z200 M9 ;
G17 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


87
R.F. Celada s.p.a.

13 Alta velocità
Descrizione
Quando si deve lavorare ad alta velocità di avanzamento, come nel caso di costruzione di uno
stampo, per migliorare le prestazioni in avanzamento del centro di lavoro si deve utilizzare i codici
che seguono.
Il blocco che contiene il codice di attivazione o disattivazione deve essere un blocco da solo.
L’utilizzo corretto delle funzioni spiegate in questo capitolo richiede alcune precauzioni e
avvertenze, leggere sempre prima il manuale Fanuc.

13.1 Controllo LOOK-HEAD G08


Descrizione
Per permettere una ottimizzazione dell’esecuzione di un programma si può attivare la funzione di
lettura in avanti del programma in modo che in CN si calcoli ed esegua accelerazioni/decelerazioni
in modo da rispettare sia l’avanzamento programmato che il profilo. La macchina deve essere
predisposta dal costruttore.

Sintassi

G08 P1 attiva la lettura


G08 P0 disattiva la lettura

13.2 Buffer remoto A ad alta velocità G05 P01


Descrizione
Quando si vuole lavorare ad alta velocità un programma trasmesso da un PC esterno con la seriale
RS232 (lavorazione in DNC) bisogna attivare il G05 come segue.

Sintassi

G05 P01 attiva alta velocità con buffer remoto


G05 P00 disattiva G5 P01

Avvertenze
a. Impostare il parametro 7510 a 3 per definire il numero degli assi controllati
b. Dopo aver attivato l’alta velocità si possono specificare solo indirizzi X, Y, Z, e/o F
c. I movimenti sono solo incrementali

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


88
R.F. Celada s.p.a.

13.3 Contornatura ad alta velocità G05 P10000 (HPCC)


Descrizione
Per poter utilizzare un processore RISC, in modo che durante le lavorazioni ad alta velocità il
profilo non venga rovinato dalle ripetute accelerazioni/decelerazioni, bisogna attivare il G05P10000
detto anche HPCC.

Sintassi

G05 P10000 attiva alta precisione nel controllo profilo


G05 P0 disattiva G05P10000

Avvertenze
a. Si possono specificare i seguenti codici : G0, G1, G2, G3, G17, G18, G19, G38 (vedi
note sul manuale Fanuc), G40, G41, G42, G90, G91, D, F, N, I, J, K, R, /, M, S, T, B,
M98, M198
b. Mettendo il parametro 8403 a 1 si possono specificare G0, le funzioni ausiliarie, i
richiami di sottoprogrammi e il richiamo delle macro con codici M e T
c. Impostare il parametro 8485 per poter usare o no i seguenti codici : interpolazione
elicoidale, interpolazione involuta, scala, rotazione e ciclo fisso di maschiatura
d. Codici da specificare o che devono essere attivi prima di attivare HPCC : G13.1, G15,
G40, G40.1, G50, G50.1, G64, G69, G80, G94, G97 e M97
e. L’HPCC non può essere eseguita in blocco singolo
f. L’HPCC non può essere eseguita in MDI
g. Programmare le quote sempre con il punto decimale anche se sono valori interi, il
parametro 3401.0 a 1 è ignorato
h. Non può essere fatta la ripartenza
i. Non possono essere specificate macroistruzioni
j. La compensazione raggio G41 o G42, se serve, deve essere attivata dopo G05P10000 e
disattivata con G40 prima di G05 P0

13.3.1 Ampliamento G05 P10000 con HAS-3 su Yasda

Descrizione
L’opzione HAS-3 è una funzione avanzata di controllo dell’alta velocità per la lavorazione di
profili sculturati, la Yasda ha creato 4 codici M per parametrizzare l’alta velocità a secondo della
lavorazione da fare (sgrossatura, semifinitura, ecc.)

Sintassi HAS-3

G05 .1 Q3 X0 Y0 Z0 attiva HAS-3 per gli assi specificati


G05 .1 Q0 disattiva

Codici M Yasda

M301 sgrossatura con massima velocità (tempo basso – qualità bassa; errore cord. 0.05 )
M302 semi-finitura con massima velocità (tempo basso – qualità bassa; errore cord. 0.01)
M303 finitura con alta precisione (tempo alto – qualità buona; errore cord. 0.005)
M304 superfinitura con alta precisione (tempo altissimo – qualità estrema; errore cord. 0.001)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
89
R.F. Celada s.p.a.

M300 cancella i codici da M301 a M304


Esempio programma


M303
G05 P10000 attiva alta velocità
G05.1 Q3 X0 Y0 Z0 attiva HAS-3 (contornatura 3D ad alta velocità)
… percorso utensile
… percorso utensile
… percorso utensile
G05.1 Q0 disattiva HAS-3
G05 P0 disattiva alta velocità
M300

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


90
R.F. Celada s.p.a.

13.4 Interpolazione raccordata del profilo G05.1 Q2


Descrizione
Per raccordare i segmenti che costituiscono una curva generata da un CAD-CAM si può utilizzare
la funzione seguente. Una volta attivata la funzione i punti di inizio e fine di ogni segmento
vengono raccordati al fine di realizzare una movimento circolare più vicino possibile alla realtà.

Sintassi

G05.1 Q2X0Y0Z0 attiva il modo di interpolazione raccordata del profilo per gli assi specificati
in questo blocco
G05.1 Q0 disattiva G05.1

Avvertenze
a. Questa funzione può essere attivata e disattivata con HPCC attivo, il parametro (CDSP)
8485.5 deve essere a 1
b. La funzione viene eseguita quando gli elementi che seguono sono tutti soddisfatti :
i. Il tratto di lavorazione deve essere più breve del parametro 8486
ii. L’angolo tra le rette consecutive deve essere maggiore del parametro 8487
iii. Il tratto deve essere maggiore del parametro 8490
iv. Modi ammessi : G1, G13.1, G15, G40, G64, G80, G94
v. La funzione è attiva solo per gli assi specificati con G5.1 Q2
vi. Se uno o più di questi elementi non è soddisfatto il blocco viene eseguito senza
accordatura
c. Tutte le funzioni ausiliarie M, compreso M98, M99 e M198, cancellano la funzione

13.5 Contornatura ad alta velocità semplice G05.1 Q1


Descrizione
È una funzione simile ma meno potente dell’HPCC. Questa funzione abilita il controllo a leggere
fino a 15 blocchi avanti. Non necessita di opzioni hardware particolari.

Sintassi

G05.1 Q1 attiva l’alta velocità, da mettere prima di G43


G05.1 Q0 disattiva l’alta velocità

Avvertenze
 Attivare il codice G5 prima del codice G43 (compensazione lunghezza utensile),
diversamente la macchina va in allarme
 per l’uso corretto conviene leggere il manuale Fanuc

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


91
R.F. Celada s.p.a.

13.6 Contornatura alta velocità con modifica parametri G05.1 Q1 R…


Descrizione
È una funzione simile ma meno potente dell’HPCC. Questa funzione abilita il controllo a leggere
fino a 15 blocchi avanti e modifica i parametri relativi alle accelerazioni, decelerazioni, velocità di
esecuzione archi di cerchio, ecc. Questa funzione è valida solo per Bridgeport dalla serie 18i M.

Sintassi

G05.1 Q1 R… attiva l’alta velocità, da mettere prima di G43


G05.1 Q0 disattiva l’alta velocità

R con R si sceglie quale configurazione dei parametri si vuole utilizzare


partendo dalla R1 dove la macchina è più veloce, meno precisa e più nervosa
arrivando alla R10 dove la macchina è meno veloce, più precisa e più
morbida. Per visualizzare le 10 configurazioni fare come segue: premere
OFS/SET poi + + poi PR-LEV

Avvertenze
 Attivare il codice G5 prima del codice G43 (compensazione lunghezza utensile) e dopo un
G49, diversamente la macchina va in allarme (prestare attenzione all’uso di G49)
 F max 20000
 Si possono richiamare sottoprogrammi

Esempio

O0020(G5.1 Q1 R1-10)
T1M6
S3000M3
G54G90G0G49X-30Y-30
G5.1Q1R1
G43Z2H1
G1Z-10F5000
G1G41X0Y0F10000
Y50
G2X100Y100R150
G1X150Y50
G3X100Y0R30
G1G40X-30Y-30
G5.1Q0
G0G49Z200
G0Z200M5
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


92
R.F. Celada s.p.a.

13.7 Contornatura alta velocità G100 su She Hong


Descrizione
È una funzione simile ma meno potente dell’HPCC. Questa funzione abilita il controllo a leggere
fino a 15 blocchi avanti e modifica i parametri relativi alle accelerazioni, decelerazioni, velocità di
esecuzione archi di cerchio, ecc. Questa funzione è valida su She Hong.

Sintassi

G100 Q0 a Q10 cambia parametri


G05.1 Q1 attiva l’alta velocità
G05.1 Q0 disattiva l’alta velocità

Q1 – Q11

Esempio

O0020(G100)
T1M6
S3000M3
G54G90G0X-30Y-30
G43Z2H1
G1Z-10F5000
G100Q1
G5.1Q1
G1G41X0Y0F10000
Y50
G2X100Y100R150
G1X150Y50
G3X100Y0R30
G1G40X-30Y-30
G5.1Q0
G100Q0
G0Z200
G0Z200M5
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
93
R.F. Celada s.p.a.

M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


94
R.F. Celada s.p.a.

13.8 Interpolazione lineare ad alta velocità G05 P2


Descrizione
Quando si deve lavorare ad alta velocità un percorso utensile formato da tante piccole rette, si può
utilizzare la funzione seguente.

Sintassi

G05 P2 attiva l’interpolazione lineare ad alta velocità


G05 P0 disattiva la funzione

Avvertenze
a. Possono essere comandati solo movimenti incrementali degli assi X, Y, Z, C
b. Può essere specificato l’avanzamento F
c. Si può scegliere il periodo di interpolazione tramite il parametro 7501, più il periodo è
basso più la velocità e la precisione aumentano
d. Possono essere controllati fino a 4 assi (X, Y, Z, C)
e. Può essere eseguita solo l’interpolazione lineare
f. I comandi sono sempre in incrementale anche se si programma G90
g. quando si attiva la funzione non devono essere attivi i seguenti codici : G41, G42,
G12.1, G51, e G68
h. Il blocco singolo e il feed hold viengono disabilitati
i. Non sono ammesse variabili macro, macro istruzioni, blocco barrato, commenti e altri
codici G diversi da G05 P0

13.9 Fine processo alta velocità


Descrizione
Durante una qualsiasi esecuzione dell’alta velocità G05… il CN controlla tale processo, se durante
il controllo succede qualche anomalia il CN ferma il processo e genera 2 allarmi.
Numero Messaggio Descrizione
000 SPEGNERE IL CNC Parametri relativi:
179 ERRATA IMPOSTAZIONE velocità di trasmissione del buffer (par.133)
PARAMETRO N.7510 numero assi controllati (par.7150)
selezione assi ad alta velocità durante la lavorazione ad
alta velocità (par.7510.0)
Per continuare spegnere e riaccendere il CN

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


95
R.F. Celada s.p.a.

13.10 Interpolazione nurbs G06.2


Descrizione
Con il seguente codice si possono eseguire lavorazioni utilizzando direttamente le curve NURBS
generate da un sistema CAD-CAM. Questa funzione può essere utilizzata solo all’interno di una
lavorazione ad alta velocità con G5P10000.

Sintassi
G06.2 P… K… X… Y… Z… R… F… attiva funzione NURBS
G05P0 disattiva funzione NURBS

P… rango della NURBS da specificare nel primo blocco da P2 a P4 se non specificato


viene utilizzato P4
K… nodo
X… Y… Z… punto di controllo
R… peso (se non specificato viene assunto un peso 1.0)
F… avanzamento di lavoro
Avvertenze
a. Possono essere usati al massimo 3 assi e devono essere specificati nel primo blocco
b. Non possono essere specificati comandi diversi da quelli specificati nella sintassi
c. La compensazione raggio utensile non è compatibile, quindi comandare un G40 prima
del G06.2 …

Esempio


G05P10000 ;
G90 ;

G06.2 K0 X0 Z0 ,
K… Y… Z… ;
K… Y… Z… ;
K… ;
K… ;
G1 Y… ;
G06.2 K… X… Z… ;


G05P0 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


96
R.F. Celada s.p.a.

13.11 Controllo della velocità di avanzamento

G09 X… Y… Z... Arresto preciso. Rallenta e esegue il controllo della posizione prima di
eseguire il blocco successivo (attivo solo nel blocco specificato).

G61 Arresto preciso. Come G09 solo che rimane attivo finché non si
comanda G62, G63 o G64.

G62 Riduzione avanzamento nell’esecuzione di spigoli interni con la


compensazione raggio attiva (G41 o G42), rimane attivo fino a G61,
G63 e G64.

- normalmente, quando è attiva la compensazione raggio,


indipendentemente dal codice G attivo, l’avanzamento viene ridotto
nell’esecuzione di interpolazioni circolari interne

G64 Arrotondamento spigolo. Alla fine del blocco non rallenta ma esegue
immediatamente il blocco successivo. Rimane attivo fino a G61, G62
o G63.

G63 modo maschiatura alla fine del blocco non rallenta ma esegue immediatamente il blocco
successivo. Il potenziometro F e il tasto ARRESTO CICLO sono
disattivati. Si disattiva con G61, G62 o G64.

G60 spostamento unidirezionale (parametro 5440 per specificare l’entità


dello spostamento), quindi la macchina raggiunge tale posizione
sempre dalla stessa parte. E attivo solo nel blocco programmato.

F avanzamento di lavoro lineare, durante un’interpolazione circolare


interna con compensazione raggio attiva, il controllo calcola
l’avanzamento con la seguente formula:

f ∗Rc
F=
Rp

dove f è l’avanzamento lineare, Rc è il raggio percorso dal centro


fresa, Rp è raggio programmato, se Rc è molto piccolo l’avanzamento
tende a 0 con la conseguenza che la macchina tende a fermarsi. Con il
parametro 1710 si può impostare un tasso minimo per il calcolo
dell’avanzamento e quindi limitare la riduzione dell’avanzamento.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


97
R.F. Celada s.p.a.

14 VARIE
14.1 Sosta G4
Descrizione
Quando si vuole fermare gl’assi della macchina per un periodo ben preciso si può programmare una
sosta

Sintassi

G4 X… X = tempo in secondi, sono ammessi decimali (valori da 0.001 a 99999.999)


G4 P… P = tempo in millesimi, non sono ammessi decimali (valori da 1 a 99999999)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


98
R.F. Celada s.p.a.

15 PROGRAMMAZIONE PARAMETRICA
15.1 Premessa

Lo scopo dell'uso delle variabili all'interno del programma o delle macroistruzioni è quello di
rendere i programmi più efficienti nella realizzazione, per esempio per fare operazioni che non
hanno un ciclo fisso si può realizzare una macroistruzione che faccia l'operazione solo modificando
pochi parametri all'interno del programma principale.
Prima di poter utilizzare la programmazione parametrica è consigliato conoscere bene la
programmazione normale.
L'utilizzo delle variabili è identificato dal simbolo # che precede il numero della variabile.

15.2 Tipi di variabili

#0 variabile con valore sempre nullo (non può avere nessun


valore).
#1 - #33 Variabili locali. Queste variabili sono utilizzabili solo
all'interno di macro istruzioni. All'accensione hanno valore
nullo.
#100 - #149 (#199) Variabili comuni. Queste variabili sono utilizzabili in
qualsiasi programma e essendo auto-cancellanti hanno valore
nullo all'accensione.
#500 - #531 (#999) Variabili comuni. Queste variabili sono utilizzabili in
qualsiasi programma e rimangono in memoria anche dopo lo
spegnimento del controllo.
Da #1000 Variabili di sistema. Queste variabili si usano per leggere o
scrivere vari dati nel CN ( es. leggere i dati dell'utensile).

15.3 Uso delle variabili

Con le variabili si possono assegnare valori come le coordinate assi, numero di giri, numero di
utensile, ecc.
Nella variabile a sinistra della virgola verrà assegnato il valore risultante dall'espressione a destra
del segno uguale.

15.4 Operazioni

#100=1 assegnazione
#101=#100+1 o #100=#100+#101 somma
#500=#100-20 sottrazione
#1=#500/#100 divisione
#522=#100*3 moltiplicazione
#100=SIN[30] o #100=SIN[#130] seno di un angolo in gradi
#100=COS[#120] coseno di un angolo in gradi
#100=TAN[50] tangente di un angolo in gradi
#100=ATAN[#100]/[#102] arcotangente. Specificare le lunghezze dei due lati.
#2=SQRT[#500] radice quadrata
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
99
R.F. Celada s.p.a.

#100=ABS[#102] assoluto
#125=ROUND[#102] arrotondamento. Es.: #1=1.246, se ROUND è usato in un
comando logico o aritmetico, in un IF o in WHILE il valore
sarà 1.0, se invece è in un comando NC tipo X[ROUND[#1]] il
valore sarà 1.247
#130=FIX[#2] arrotondamento per difetto
#122=FUP[#100] arrotondamento per eccesso

15.5 Salti di condizione


IF[#100EQ10]GOTO100 se #100 è uguale a 10 salta al blocco 100
IF[#100NE#102]GOTO100 se #100 è diverso a #102 salta al blocco 100
IF[#1GT#2]GOTO100 se #1 è maggiore a #2 salta al blocco 100
IF[#10GE10]GOTO100 se #10 è maggiore o uguale a 10 salta al blocco 100
IF[#110LT0]GOTO100 se #110 è minore a 0 salta al blocco 100
IF[#100LE10]GOTO100 se #100 è minore o uguale a 10 salta al blocco 100

Esempio IF

#101=100 (N RIPETIZIONI)
#102=0 (CONTATORE)
N200 (INIZIO RIPETIZIONE)
IF[#102GT#101]THEN#3000=1(ALLARME)



#102=#102+1 (INCREMENTO CONTATORE)
IF[#102NE#101]GOTO200

M30

15.6 Salto incondizionato


GOTO200 salta al blocco N200

15.7 Ripetizioni

WHILE[salto condizione]DO1(2,3) mentre la condizione si verifica esegue tutto ciò che è


compreso tra WHILE e END ( con DO e END si può inserire
solo 1, 2 o 3 e si possono fare fino a 3 annidamenti)
END 1 (2,3) chiusura WHILE

Esempio WHILE

#101=100 (N RIPETIZIONI)
#102=0 (CONTATORE)
WHILE[#102NE#101]DO1 (INIZIO RIPETIZIONE)
IF[#102GT#101]THEN#3000=1(ALLARME)


Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
100
R.F. Celada s.p.a.

#102=#102+1 (INCREMENTO CONTATORE)


END1

M30

Esempio DO

#101=100 (N RIPETIZIONI)
#102=0 (CONTATORE)
DO1 (INIZIO RIPETIZIONE)
IF[#102GT#101]GOTO300


#102=#102+1 (INCREMENTO CONTATORE)
END1
N300

M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


101
R.F. Celada s.p.a.

15.8 Macroistruzioni

G65 P…. "argomenti" Richiamo singolo. Verrà richiamato il programma specificato


dopo P e gli si passano i valori specificati negli argomenti.
G66 P…. "argomenti" Richiamo modale. Verrà richiamato il programma specificato
dopo P e gli si passano i valori specificati negli argomenti, il
richiamo è attivo anche per i blocchi successivi fino a G67.
G67 chiusura fine richiamo modale con G66

Gli argomenti sono delle lettere seguite da un numero, tali numeri verranno assegnati alle variabili
Corrispondenti come segue:

A = #1 I = #4 T = #20
B = #2 J = #5 U = #21
C = #3 K = #6 V = #22
D = #7 M = #13 W = #23
E = #8 Q = #17 X = #24
F = #9 R = #18 Y = #25
H = #11 S = #19 Z = #26

Esempio


G66 P9100 A10 B200 V1000 richiamo del programma O9100 e passaggio di A, B e V
X100 richiamo del programma O9100 e passaggio di A, B e V
G67 fine richiamo

O9100 programma richiamato con G66



#100 = #1*2 utilizzo degli argomenti
G0 X#100 Y[#2+5] F#22 utilizzo degli argomenti

M99 fine sottoprogramma

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


102
R.F. Celada s.p.a.

15.9 Alcune variabili di sistema


L’elenco completo può essere visionato sul manuale di programmazione Fanuc

#1000x lettura/scrittura correttore utensile con tabella Tipo A (x = n. correttore)

#1100x lettura/scrittura lunghezza utensile con tabella Tipo B (x = n. correttore)


#1000x lettura/scrittura raggio utensile con tabella Tipo B (x = n. correttore)

#1100x lettura/scrittura lunghezza utensile con tabella Tipo C (x = n. correttore)


#1000x lettura/scrittura usura lunghezza utensile con tabella Tipo C (x = n. correttore)
#1300x lettura/scrittura raggio utensile con Tipo C (x = numero correttore)
#1200x lettura/scrittura usura raggio utensile con Tipo C (x = numero correttore)

#3000= “n” (“commento”) visualizzazione di un massaggio errore con fermata macchina in


allarme.
“n” = numero dell’allarme (da 1 a 9999) a scelta dell’utente, quando la
macchina arriva a questo blocco, verrà interrotta la lavorazione e nella
pagina della diagnostica verrà visualizzato il commento (max. 31
caratteri) .

#3006= “n” (“commento”) visualizzazione di un massaggio operatore con fermata macchina.


“n” = numero del messaggio (da 1 a 9999) a scelta dell’utente, quando
la macchina arriva a questo blocco, verrà interrotta la lavorazione e
nella pagina dei messaggi operatore verrà visualizzato il commento
(max. 60 caratteri)

#4107 lettura numero abbinato alla lettera D (correttore raggio)


#4109 lettura numero abbinato alla lettera F (avanzamento)
#4111 lettura numero abbinato alla lettera H (correttore lunghezza)
#4113 lettura numero abbinato alla lettera M (funzione ausiliaria)
#4114 lettura numero abbinato alla lettera N (numero blocco)
#4115 lettura numero abbinato alla lettera O (numero programma)
#4119 lettura numero abbinato alla lettera S (numero di giri)
#4120 lettura numero abbinato alla lettera T (utensile)

Esempio:

M6 T1

#100 = #4120 ( nella variabile 100 verrà memorizzato 1 che è il numero abbinato alla T)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


103
R.F. Celada s.p.a.

15.10 Esempio n°12 (contornatura)

O0015(CONTORNATURA);
#100=100 (LATO X);
#101=50 (LATO Y);
#102=20 (ALTEZZA);
#103=5 (N PASSATE IN Z);
#104=6 (RAGGIO FRESA);
(***INIZIO CONTI***);
#100=#100/2 (COORDINATA X);
#101=#101/2 (COORDINATA Y);
#105=#100+#104+5 (DISTANZA SICUREZZA X);
#106=#101+#104+5 (DISTANZA SICUREZZA Y);
#107=#102/#103 (INCREMENTO Z);
#110=0 (AZZERATORE CONTATORE);
(***FINE CONTI***);
T1 M6 ;
S1000 M3;
G0 G90 G54 X-#105 Y-#106;
G43 Z2 H1 D1;
G1 Z0 F1000 M8;
N10;
G1 G91 Z-#107 F1000;
G90;
G41 X-#100 Y-#101 F500;
Y#101;
X#100;
Y-#101;
X-#100;
G40 X-#105 Y-#106;
#110=#110+1;
IF[#110NE#103]GOTO10;
G0 Z150 M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


104
R.F. Celada s.p.a.

15.11 Esempio n°13 (tronco di cono)

O0016(TRONCO CONO);
#100=70 (DIAMETRO DI PARTENZA);
#101=30 (ANGOLO) ;
#102=110 (ALTEZZA CONO) ;
#103=5 (RAGGIO FRESA) ;
#104=50 (NUMERO PASSATE) ;
#105=0 (CENTRO CONO IN X) ;
#106=0 (CENTRO CONO IN Y) ;
#107=0 (PARTENZA IN Z) ;
#108=1000 (AVANZAMENTO IN Z) ;
#109=200 (AVANZAMENTO IN XY) ;
(*****INIZIO-CALCOLI*****) ;
#100=#100/2 (RAGGIO DI PARTENZA);
#110=#102/#104 (INCREMENTO IN Z) ;
#111=#110*TAN[#101] (AUMENTO RAGGIO) ;
#112=#100+#103+5 (DISTANZA DI SICUREZZA IN X) ;
#130=0 (CONTATORE PASSATE) ;
(*****FINE CALCOLI*****) ;
T1 M6;
S1000 M3;
G54 G90 ;
G52 X#105 Y#106 Z#107 ;
G0 X#112 Y0 M8 ;
G43 Z5 H1 D1 ;
G1 Z0 F#108 ;
WHILE[#130NE#104]DO1 ;
G1 G91 Z-#110 F#108 (INCREMENTO IN Z) ;
G90 ;
#100=#100+#111 (AGGIORNAMENTO RAGGIO) ;
#112=#112+#111 (AGGIORNAMENTO DISTANZA DI SICUREZZA X) ;
G1 G41 X#100 Y0 F#109 ;
G2 X#100 Y0 I-#100 J0 ;
G1 G40 X#112 Y0 ;
#130=#130+1 (AGGIORNAMENTO NUMERO DI PASSATE) ;
END1
G0 Z150 M5 ;
G52 X0 Y0 Z0;
M30 ;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
105
R.F. Celada s.p.a.

15.12 Esempio n°14 (asola in parametrica)


Nota: necessita che le opzione G68 e G52 attiva

O0017(ASOLA);
(FRESA D18 FORANTE) ;
T20 M6 ;
S2000 M3 ;
G54 G90 G0 X0 Y0 ;
G43 Z100 H20 ;
G65 P9800 X50 Y25 Z10 R2 W0 Q3 V1 T80 U20 F500 C3 A0 D32(CHIAMATA MACRO) ;
G0 Z100 M9 ;
M30 ;

Descrizione parametri macro

X(#24) = CENTRO ASOLA IN X (VALORE ASSOLUTO)


Y(#25) = CENTRO ASOLA IN Y (VALORE ASSOLUTO)
Z(#26) = PROFONDITA' IN Z (VALORE REALE PROFONDITA' ASOLA)
R(#18) = AVVICINAMENTO RAPIDO DELL'ASSE Z
W(#23) = INIZIO PROFONDITA' ASOLA
Q(#17) = NUMERO PASSATE IN Z PER LA SGROSSATURA
V(#22) = NUMERO PASSATE IN Z PER LA FINITURA
T(#20) = LUNGHEZZA ASOLA
U(#21) = LARGHEZZA
F(#9) = AVANZAMENTO DI LAVORO
C(#3) = MODO DI LAVORO (1 - SGROSSATURA, 2 - FINITURA, 3 - SGR + FIN)
A(#1) = INCLINAZIONE ASOLA
D(#7) = NUMERO CORRETTORE RAGGIO UTENSILE
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
106
R.F. Celada s.p.a.

O9800(MACRO-ASOLA);
#105=#26/#17 (INCREMENTO IN Z PER SGR) ;
#106=#26/#22 (INCREMENTO IN Z PER FIN) ;
#107=0 (AZZERAMENTO CONTATORE PASSATE) ;
G40 G90 G80 G69 ;
G52 X#24 Y#25 ;
G0 X0 Y0 ;
G68 X0 Y0 R#1 ;
#100=#20-#21 (LUNGHEZZA DI PROGRAMMAZIONE ASOLA) ;
G0 X[#100/2] Y0 (POSIZIONAMENTO NEL CENTRO DELL'ASOLA) ;
G0 Z#18 (DISTANZA DI SICUREZZA IN Z) ;
G1 Z#23 F#9 (Z DI PARTENZA LAVORO) ;
IF[#3EQ2]GOTO2 ;
(SGROSSATURA);
WHILE[#107NE#17]DO1 ;
G1 G91 X-#100 Z-[#105/2] F#9 ;
X#100 Z-[#105/2] ;
#107=#107+1 (AGGIORNAMENTO CONTEGGIO PASSATA) ;
END1 ;
X-#100 ;
G90 X0 Y0 Z#23 F1000 ;
IF[#3EQ1]GOTO3 ;
N2 (FINITURA);
#107=0 (AZZERAMENTO CONTATORE) ;
WHILE[#107NE#22]DO2 ;
G1 G91 Z-#106 F#9;
G90;
G1 G41 X0 Y[#21/2] D#7;
X-[#100/2] ;
G3 X-[#100/2] Y-[#21/2] I0 J-[#21/2] ;
G1 X[#100/2] ;
G3 X[#100/2] Y[#21/2] I0 J[#21/2] ;
G1 X0 ;
G40 X0 Y0;
#107=#107+1 (AGGIORNAMENTO CONTEGGIO PASSATE);
END2 ;
N3 ;
G0 Z#18 (RITORNO ALLA Z DI AVVICINAMENTO);
G69 G90 ;
G52 X0 Y0;
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


107
R.F. Celada s.p.a.

15.13 Esempio n°15 (macro-istruzione per tasca rettangolare)


Nota: necessita che le seguenti opzioni siano attive : G68, G52, arrotondamento spigolo e
interpolazione elicoidale.

O0018(TASCA RETTANGOLARE);
(FRESA D16 INSERTI) ;
T22 M6 ;
S2000 M3 ;
G54 G90 G0 X0 Y0 ;
G43 Z100 H22 D52 ;
G65P9032 X50 Y30 Z0 R2 U80 V40 W-10 D52 I2 F100 E50 B0.2 A0 T0 C10 Q200;
G0 Z100 M9 ;
M30 ;

Descrizione parametri macro


X = #24 CENTRO TASCA IN X (VALORE ASSOLUTO)
Y = #25 CENTRO TASCA IN Y (VALORE ASSOLUTO)
Z = #26 INIZIO PROFONDITA’ TASCA IN Z (VALORE ASSOLUTO)
R = #18 AVVICINAMENTO RAPIDO DELL'ASSE Z (ASSOLUTO RISPETTO ALLA Z)
U = #21 LUNGHEZZA ASSE X
V = #22 LUNGHEZZA ASSE Y
W = #23 PROFONDITA' TASCA (VALORE RISPETTO ALLA Z)
D = #7 NUMERO CORRETTORE RAGGIO FRESA
I = #4 NUMERO PASSATE IN Z
F = #9 AVANZAMENTO NELLO SVUOTAMENTO
E = #8 AVANZAMENTO NELL’INCREMENTO
B = #2 SOVRAMETALLO PARETI (SE NON SERVE METTERE B0)
A = #1 ANGOLO ROTAZIONE TASCA
T = #20 MODO DI LAVORO (0=SGR+FIN 1=SGROSSATURA, 2=FINITURA)
C = #3 RAGGIO SPIGOLO TASCA (SE NON SERVE METTERE UGUALE A R FRESA)
Q = #17 AVANZAMENTO FINITURA
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
108
R.F. Celada s.p.a.

O9032(TASCA-RETT-INGR-EL);
G90G40G69;
(SETTAGGIO VARIABILE 149 TIPO TABELLA);
(1 SE TABELLA OFFSET A TABELLA UNICA PER L E R);
(2 SE B TABELLA UNICA PER L E R CON USURA);
(3 SE C TABELLA CON L E USURA, R E USURA);
#149=1 ;
IF[#149EQ1]GOTO101;
IF[#149EQ2]GOTO102;
IF[#149EQ3]GOTO103;
N101;
#7=#[2000+#7] ;
GOTO104;
N102;
#7=#[11000+#7]+#[10000+#7];
GOTO104;
N103;
#7=#[13000+#7]+#[12000+#7];
N104;
(VERIFICHE-DATI-INVIATI);
IF[#21EQ#0]GOTO1021(ALLARME-SE-U=0);
IF[#22EQ#0]GOTO1022(ALLARME-SE-V=0);
IF[#23EQ#0]GOTO1023(ALLARME-SE-W=0);
IF[#26LT#23]GOTO1026(ALLARME-SE-Z<W);
IF[#4EQ#0]GOTO1004(ALLARME-SE-I=0);
IF[#9EQ#0]GOTO1009(ALLARME-SE-F=0);
IF[#8EQ#0]GOTO1008(ALLARME-SE-E=0);
IF[#20GT2]GOTO1020(ALLARME-SE-T-E'-MAGGIORE-DI-2);
IF[#20LT0]GOTO1020(ALLARME-SE-T-E'-MINORE-DI-0);
IF[#20EQ1]GOTO20(SE-T=1-SALTA-AL-BLOCCO20);
IF[#17EQ#0]GOTO1017(ALLARME-SE-Q=0);
N20;
IF[#101EQ0]GOTO1007(ALLARME-SE-OFFSET-R=0);
IF[#3LT#101]GOTO1003(ALLARME-SE-C<R-FRESA);
IF[[#3*2]GT#22]GOTO1103(ALLARME SE 2C MAGG U);
IF[[#3*2]GT#21]GOTO1103(ALLARME SE 2C MAGG V);
IF[[#21/2]LT[#101*2]]GOTO1107(ALLARME-SE-IL-D-FR-E'->=1/2-LUNGHEZZA-TASCA);
IF[[#22/2]LT[#101*2]]GOTO1107(ALLARME-SE-IL-D-FR-E'->=1/2-LARGHEZZA-TASCA);
(CALCOLO-DATI);
#104=ABS[#23]/#4(INCREMENTO-IN-Z);
#106=FUP[#104](NUMERO-SPIRALI);
#109=[#21/2]-#101-#2(MEZZO-LATO-X-UTILE);
#110=[#22/2]-#101-#2(MEZZO-LATO-Y-UTILE);
#111=[#101*2]*0.7(ALLARGAMENTO-TASCA-IN-X-CON-R);
#120=ABS[ABS[#109]-ABS[#110]](DIFFERENZA-TRA-Y-E-X);
#125=#3-#101(REGISTRO-SPIGOLO-MENO-R-FRESA);
#105=#26(REGISTRAZIONE-INIZIO-Z);
#130=0(CONTATORE-PASSATE);
(INIZIO);
G52X#24Y#25;
G0X0Y0(POSIZIONAMENTO-CENTRO-TASCA);
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
109
R.F. Celada s.p.a.

G68X0Y0R#1;
Z[#26+ABS[#18]](DISTANZA-DI-SICUREZZA);
IF[#20EQ2]GOTO3(SE-T=2-SALTA-ALLA-FINITURA);
WHILE[#130NE#4]DO1(LOOP);
IF[#110GT#109]GOTO1(SE-Y-E’-MAGGIORE-DI-X-SALTA-A-N1);
#107=#120(CCX);
#108=0(CCY);
#126=FUP[#110/#111];
GOTO11;
N1;
#107=0(CCX);
#108=#120(CCY);
#126=FUP[#109/#111];
N11;
#127=#125/#126(INCR-R-SPIGOLO);
#128=0;
G1Z#105F#8;
#105=#105-#104(CALCOLO-Z-PASSATA);
G1X0Y0F#8 ;
Z#105 (INCREMENTO-IN-Z) ;
Y#108F#9 ;
X-#107 ;
Y-#108 ;
X#107 ;
X0 ;
(#109=#109-#101) ;
N2DO2(SVUOTAMENTO) ;
#107=#107+#111(NUOVA-X);
IF[#107GE#109]GOTO4;
#108=#108+#111(NUOVA-Y);
#128=#128+#127 ;
G1Y#108F#9 ;
X-#107,R#128 ;
Y-#108,R#128 ;
X#107,R#128 ;
Y#108,R#128 ;
X0;
END2;
N4;
#128=#128+#127;
G1Y#110F#9;
X-#109,R#128;
Y-#110,R#128 ;
X#109,R#128 ;
Y#110,R#128 ;
X0 ;
G91Y-0.2 ;
G90 ;
G0Z#18;
G0X0Y0;
#130=#130+1;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
110
R.F. Celada s.p.a.

END1;
(FINE SGROSSATURA);
IF[#20EQ1]GOTO99(SE-T=1-NONESEGUIRE-LA-FINITURA);
N3(FINITURA);
G0X0Y[[#22/2]-[#101*2]];
#130=0;
G1Z#26F#8;
WHILE[#130NE#4]DO3;
G1G91Z-#104;
G90;
G1G41X[#101*2]D#7;
G3X0Y[[#22/2]]R[#101*2]F#17;
G1X-[[#21/2]],R#3 ;
Y-[[#22/2]],R#3 ;
X[[#21/2]],R#3 ;
Y[[#22/2]],R#3 ;
X0 ;
G3X-[#101*2]Y[[#22/2]-[#101*2]]R[#101*2];
G1G40X0;
#130=#130+1;
END3;
G0Z#18;
(FINE-FINITURA);
GOTO99;
(ALLARMI);
N1003#3000=3(R#SPIGOLO#MINORE#R#FRESA);
N1004#3000=4(INSERIRE#N#PASSATE#I);
N1007#3000=7(RAGGIO#FRESA#=#A#0);
N1008#3000=8(INSERIRE#AVANZAMENTO#E);
N1009#3000=9(INSERIRE#AVANZAMENTO#F);
N1017#3000=17(INSERIRE#AVANZAMENTO#Q);
N1020#3000=20(VALORE#T#ERRATO);
N1021#3000=21(INSERIRE#LUNGHEZZA#U);
N1022#3000=22(INSERIRE#LARGHEZZA#V);
N1023#3000=23(INSERIRE#PROFONDITA#W);
N1026#3000=26(Z#DEVE#ESSERE#>#DI#W);
N1103#3000=103(R#SPIGOLO#TROPPO#GRANDE);
N1107#3000=107(RAGGIO#FRESA#TROPPO#GRANDE);
N99(FINE-MACRO-E-RESET-G52-E-G68);
G69;
G52X0Y0;
M99;
%

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


111
R.F. Celada s.p.a.

15.14 Esempio n°16 (macro-istruzione per retta di fori)

O0011(RETTA FORI) ;
T1M6 ;
S1000M3 ;
G54G90G0X0Y0 ;
G43H1Z100 ;
G73R2Z-20F1000Q5K0 ;
G65P9021X10Y10I20J45K4 ;
G80 ;
G0Z150M5 ;
M30 ;

Descrizione parametri macro

X = centro assoluto asse X del primo foro


Y = centro assoluto asse Y del primo foro
I = distanza dei fori
J = angolo della retta
K = numero di fori

O9021(MACRO-RETTA) ;
IF[#24EQ#0]THEN#3000=24(MANCA X) ;
IF[#25EQ#0]THEN#3000=25(MANCA Y) ;
IF[#4EQ#0]THEN#3000=4(MANCA I) ;
IF[#5EQ#0]THEN#3000=5(MANCA J) ;
IF[#6EQ#0]THEN#3000=6(MANCA K) ;
#130=0(CONTATORE) ;
#131=#4(SALVATAGGIO PASSO X) ;
X#24Y#25(PRIMO FORO) ;
#130=#130+1(CONTO PRIMO FORO) ;
WHILE[#130NE#6]DO1 ;
X[#24+[#4*COS[#5]]]Y[#25+[#4*SIN[#5]]] ;
#4=#4+#131(INCREMENTO I) ;
#130=#130+1(INCREMENTO FORI FATTI) ;
END1 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


112
R.F. Celada s.p.a.

M99 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


113
R.F. Celada s.p.a.

15.15 Esempio n°17 (macro-istruzione per cerchio di fori)

O0010(FORI);
T1M6 ;
S1000M3;
G65P9019A100B8C30D73E360X0Y0T1R2Z-20F500W50Q5M29S1000;
G0Z150M5 ;
M30;

Descrizione parametri macro

A = diametro del cerchio


B = numero di fori
C = angolo di partenza
D = tipo ciclo fisso (D73=G73, D83=G83,ecc.)
E = angolo totale di lavoro (incrementale)
X = centro del cerchio in X
Y = centro del cerchio in Y
T = numero utensile usato
R = avvicinamento in rapido
Z = profondità della lavorazione
F = avanzamento (per le maschiature mettere il passo)
W = salto staffa (se non serve non inserire)
Q = rottura o scarico truciolo
M= 29 per maschiatura rigida (mettere solo per fare maschiature rigide)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


114
R.F. Celada s.p.a.

S= numero giri

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


115
R.F. Celada s.p.a.

O9019(CERCHIO DI FORI) ;
IF[#1EQ#0]THEN#3000=1(MANCA DIAMETRO-A);
IF[#2EQ#0]THEN#3000=1(MANCA NUMERO FORI-B);
IF[#3EQ#0]THEN#3000=1(MANCA ANGOLO PARTENZA-C);
IF[#7EQ#0]THEN#3000=1(MANCA CICLO-D) ;
IF[#8EQ#0]THEN#3000=1(MANCA ANGOLO TOTALE-E) ;
IF[#24EQ#0]THEN#3000=1(MANCA CC-X) ;
IF[#25EQ#0]THEN#3000=1(MANCA CC-Y) ;
IF[#20EQ#0]THEN#3000=1(MANCA NUMERO UTENSILE-T);
IF[#18EQ#0]THEN#3000=1(MANCA AVVIC. RAPIDO-R);
IF[#26EQ#0]THEN#3000=1(MANCA PROFONDITA-Z) ;
IF[#9EQ#0]THEN#3000=1(MANCA AVANZAMENTO-F) ;
IF[#19EQ#0]THEN#3000=1(MANCA GIRI-S) ;
IF[#17EQ#0]THEN#17=ABS[#26]+ABS[#18](MANCA ROTT./SCARICO-Q);
IF[#23EQ#0]THEN#23=#18 (SE MANCA W ALLORA W=R);
IF[#23LT#18]THEN#23=#18(SE W è PIU PICCOLA DI R ALLORA W=R);
#130=0(CONTATORE);
#110=#8/#2(ANGOLO INCREMENTALE);
G80G90 ;
G52X#24Y#25;
G0X[[#1/2]*COS[#3]]Y[[#1/2]*SIN[#3]] ;
G43Z#23H#20;
IF[#13NE29]GOTO2;
G95;
M29S#19;
N2 G#7R#18Z#26F#9Q#17 ;
#130=1 ;
WHILE[#130NE#2]DO1 ;
#111=[#1/2]*COS[#3](CENTRO FORO X) ;
#112=[#1/2]*SIN[#3](CENTRO FORO Y) ;
X#111Y#112 ;
#3=#3+#110(NUOVO ANGOLO) ;
#130=#130+1(AGGIORNA N FORI) ;
END1;
G94;
G80Z#23;
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


116
R.F. Celada s.p.a.

15.16 Esempio n°18 (programma con 4°asse)

O0001(PRINCIPALE);
M61 (PALLET A);
M98 P1001 (PROGRAMMA PER PALLET A);
M62 (PALLET B);
M98 P1001 (PROGRAMMA PER PALLET B);
M99;

O1001(PROGRAMMA DI LAVORO);
M98 P8000 (SOTTOPROGRAMMA PER CARICARE LE ORIGINI);
T1 M6 ;
T2;
S1000 M3;
M11 (SBLOCCO 4° ASSE);
G54 G90 G0 X25 Y37.5 B0 M10;
G43 Z50 H1 M8;
M98 P2000 (SOTTOPROGRAMMA CENTRINO);
G55 (ORIGINE SECONDA FACCIA DEL PALLET);
M98 P2000;
G56 (ORIGINE TERZA FACCIA DEL PALLET);
M98 P2000;
G57 (ORIGINE QUARTA FACCIA DEL PALLET);
M98 P2000;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
117
R.F. Celada s.p.a.

M9;
(PUNTA D6.7 HSS);
T2 M6 ;
T3;
S1200 M3;
M11 (SBLOCCO 4° ASSE);
G54 G90 G0 X25 Y37.5 B0 M10;
G43 Z50 H1 M8;
M98 P3000 (SOTTOPROGRAMMA FORO);
G55 (ORIGINE SECONDA FACCIA DEL PALLET);
M98 P3000;
G56 (ORIGINE TERZA FACCIA DEL PALLET);
M98 P3000;
G57 (ORIGINE QUARTA FACCIA DEL PALLET);
M98 P3000;
M9;
(MASCHIO M8);
T3 M6 ;
T1;
M11 (SBLOCCO 4° ASSE);
G54 G90 G0 X25 Y37.5 B0 M10;
G43 Z50 H1 M8;
M98 P4000 (SOTTOPROGRAMMA MASCHIATURA);
G55 (ORIGINE SECONDA FACCIA DEL PALLET);
M98 P4000;
G56 (ORIGINE TERZA FACCIA DEL PALLET);
M98 P4000;
G57 (ORIGINE QUARTA FACCIA DEL PALLET);
M98 P4000;
M9;
M99;

O2000 (CENTRINO);
M11;
G0 X25 Y37.5 B0 M10;
G99 G81 R2 Z-3 F500 K0;
M98 P5000 (SOTTOPROGRAMMA COORDINATE FORI);
M99;

O3000 (FORATURA);
M11;
G0 X25 Y37.5 B0 M10;
G99 G73 R2 Z-20 Q5 F500 K0;
M98 P5000 (SOTTOPROGRAMMA COORDINATE FORI);
M99;

O3000 (MASCHIATURA);
M11;
G0 X25 Y37.5 B0 M10;
M29 S500;
G99 G84 R2 Z-15 F625 K0;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
118
R.F. Celada s.p.a.

M98 P5000 (SOTTOPROGRAMMA COORDINATE FORI);


M99;

O5000 (COORDINATE);
X25 Y37.5 ;
Y112.5 ;
X75 ;
Y37.5;
M99;

O8000 (ORIGINI);
G10 L2 P1 X-200 Y-150 Z-100 B0 (G54) ;
G10 L2 P2 X-200 Y-150 Z-100 B90 (G55) ;
G10 L2 P3 X-200 Y-150 Z-100 B180 (G56) ;
G10 L2 P4 X-200 Y-150 Z-100 B270 (G57) ;
M99;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


119
R.F. Celada s.p.a.

16 VITA UTENSILE (OPZIONE)


16.1 Descrizione

Per utilizzare un utensile controllando la durata a livello di tempo o utilizzi si deve usare la vita
utensile.

Parametri da configurare:

 parametro 6800 per definire i gruppi e gli utensili per gruppo:

Numero massimo di gruppi e Numero massimo di gruppi e


di utensili senza opzione 512 di utensili con opzione 512
coppie coppie
6800.0 6800.1
Numero Numero
Numero di Numero di
massimo di massimo di
gruppi gruppi
utensili utensili
0 0 16 16 64 32
0 1 32 8 128 16
1 0 64 4 256 8
1 1 128 2 512 4

 parametro 6800.2 per decidere il tipo di controllo:


a. 6800.2=0 controllo numero di utilizzi (massimo 9999)
b. 6800.2=1 controllo tempo utilizzo (massimo 4300 minuti)

 parametro 6810 per decidere il numero dal quale iniziano gli utensili con vita, se per
esempio si imposta 6810=1000 per chiamare un utensile del gruppo 2 bisogna scrivere
T1002

 parametro 6801.6=1 per attivare la gestione estesa, quindi si possono impostare i gruppi e la
vita direttamente dalla tabella Vita Utensili che si trova in Offset Setting

Chiamata correttori

Per chiamare il correttore lunghezza utensile specificare H99 e per chiamare il raggio utensile usare
D99

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


120
R.F. Celada s.p.a.

16.2 Impostazione dati vita


Descrizione
Per impostare le famiglie e i dati di vita ci sono 2 modi il primo è l’impostazione diretta nella
tabella della vita utensile il secondo metodo è tramite programma.

Impostazione direttamente da tabella


 Mettere il parametro 6801.6 a 1
 Mettere il selettore MODE su MDI
 Premere il tasto Offset Setting
 Premere il tasto > sul monitor
 Premere il softkey Vita U.
 Scegliere il gruppo da compilare
 Premere il softkey EDIZ
o In TIPO scegliere 1 per il conteggio utilizzi o 2 per il conteggio minuti
o In VITA mettere il numero di utilizzi o i minuti
o In CONT mettere 0
o Eseguire i 2 passaggi seguenti per aggiungere utensili al gruppo:
 Selezionare il T e digitare il numero dell’utensile da aggiungere poi premere
il softkey INSERIS
 In H inserire il correttore per la lunghezza e in D inserire il correttore per il
raggio
o Premere il softkey FINE per uscire ( se si vuole eliminare un utensile o un gruppo
premere il softkey DELETE poi scegliere <CRSR> per eliminare solo l’utensile
evidenziato o premere il softkey GRUPPO per eliminare tutto il GRUPPO)
 Eseguire il programma chiamando il gruppo come specificato in seguito, quando la vita
scade compare il messaggio TOOL LIFE END, per ripristinare la vita andare nella pagina
VITA U. mettere il selettore MODE su MDI e premere il softkey RIPOS.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


121
R.F. Celada s.p.a.

Sintassi per caricare i valori e sovrascrivere i valori esistenti

O7777(INSERIMENTO);
G10L3;
P1 L10 Q1;
T… H… D…; utensili del gruppo 1 con una vita di 10 utilizzi cadauno
T… H… D…;

P2 L30 Q2 ;
T… H… D…; utensili del gruppo 2 con una vita di 30 minuti cadauno
T… H… D…;

G11;
M30;

Descrizione
P numero gruppo
L durata tempo o utilizzi
Q tipo controllo Q1 utilizzi, Q2 tempo
T, H, D numero utensile, suo correttore lunghezza e raggio

Sintassi per caricare solo i valori descritti

O7778(MODIFICA);
G10L3P1;
P1 L20 Q2;
T… H… D…; utensili del gruppo 1 al quale verrà modificato il tipo e il valore della vita
T… H… D…;

G11;
M30;

Sintassi per cancellare tutti i valori

O7779(CANCELLA);
G10L3P2;
P1 ;
P2 ; gruppo ai quali verranno cancellati tutti i valori
P3 ;

G11;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


122
R.F. Celada s.p.a.

16.3 Esempio programma


Dati
Impostare 16 gruppi con 16 utensili
Gli utensili T1 e T11 fanno parte della stesso gruppo 1 con un controllo di durata di 40 minuti
cadauno.
Gli utensili T4 e T14 fanno parte della stesso gruppo 2 con un controllo di utilizzi di 10 volte
cadauno.
Il numero limite della chiamata utensili e 1000

Impostazione parametri
6800.0=0
6800.1=0
6810=1000
6801.6=1
6801.2=1

Programma per configurazione vita

O1000(MEMORIZZAZIONE);
G10 L3;
P1 L40 Q2;
T1 H1 D101;
T11 H11 D111;
P2 L10 Q1;
T4 H4 D104;
T14 H14 D114;
G11;
M30;

Programma di lavoro

O0001(LAVORAZIONE);
T1001 M6;
S…. M3;
G54 G90 G0 X0 Y0;
G43 Z2 H99 D99;
G1Z-… F…;

T1002 M6;
S…. M3;
G54 G90 G0 X0 Y0;
G43Z…H99 D99;
G1 Z-… F…;

M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


123
R.F. Celada s.p.a.

17 PROVA
17.1 Disegno n°1 per prova di programmazione

Dati esercizio:
T Descrizione D N° Tagl. Vc fz/fg S F
1 Fresa a inserti per spianatura 63 5 180 0.35
2 Fresa a inserti 20 4 180 0.2
3 Fresa a candela in metallo duro 16 6 120 0.05
4 Fresa a candela in metallo duro 18 3 120 0.05
5 Punta da centro in HSS 12 - 50 0.1
6 Punta in metallo duro 10.25 - 150 0.15
7 Maschio HSS/TIN 12*1.75 - 50 -
8 Punta HSS 9.8 - 40 0.1
9 Alesatore HSS 10 - 20 0.1

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


124
R.F. Celada s.p.a.

PARTE II - UTILIZZO
1 MONITOR e TASTIERA
17.2 Monitor

Descrizione

Tasti SOFTKEY la pressione di uno di questi tasti abilita la funzione


visualizzata a monitor

Tasti LIVELLO SOFTKEY la pressione di uno di questi tasti permette la visualizzazione di


ulteriori softkey (per il 15M il tasto di sinistra serve per il
Menu Funzioni e il tasto di destra serve per il Menu
Operazioni)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


125
R.F. Celada s.p.a.

17.3 Tastiera Fanuc


Descrizione

Tasto RESET premuto resetta il CNC, cancella un allarme CNC, ferma il centro se in lavoro

Tasto HELP premuto compare una schermata di aiuto

Tasti INDIRIZZI premere per inserire caratteri alfabetici, numerici e speciali

Tasto SHIFT serve per inserire i caratteri dei tasti con più funzioni. Es.: premendo SHIFT
poi P si inserisce C

Tasto INPUT serve per inserire i dati scritti nella riga buffer nella posizione evidenziata dal
cursore (non utilizzabile in EDIT).

Tasto CAN serve per cancellare l'ultimo carattere scritto nella riga buffer

Tasti EDIT
INSERT inserisce i dati scritti nella riga buffer nel programma che si sta editando
ALTER sostituisce il dato evidenziato dal cursore con il dato scritto nella riga buffer
DEL cancella il dato evidenziato
Tasti FUNZIONE

POS visualizza la pagina con le coordinate Macchina, Programma e Relative


Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
126
R.F. Celada s.p.a.

PROG visualizza la pagina del programma in EDIT o MDI


OFFSET SETTING visualizza la pagina Correttori o Origini o Parametri Utente o, premendo il
softkey freccia destra e poi OPR PN, il pannello Operatore (configurato dal
costruttore della macchina) o MACRO per visualizzare e modificare le
variabili macro.
SYSTEM visualizza la parte del CNC dedicata ai PARAMETRI macchina o alla
DIAGNOSTICA o PMC (PMCLAD o PMCPMR o PMCDGN)
OPR MESS visualizza la pagina ALLARMI o MESSAGGIO o STORICO
GRAPH visualizza la pagina della grafica se attiva

Tasti CURSORE Freccia di destra o di sinistra serve per spostarsi di un carattere alla volta
Freccia su e giù serve per spostarsi alla riga precedente o alla riga successiva

Tasti PAGINA Serve per cambiare velocemente le pagine

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


127
R.F. Celada s.p.a.

18 Operazioni preliminari
18.1 Premessa

Le procedure che seguiranno seguono una linea generale, quindi alcune operazione andranno
aggiustate in base alla macchina utilizzata

18.2 Accensione
1. Aprire l’aria
2. Girare l’interruttore generale su ON
3. Premere il tasto I sul pannello operatore
4. Attendere accensione CN
5. Rilasciare le emergenze e dove previsto premere il tasto accensione motori
6. Premere il tasto BUZZER per tacitare il cicalino (dove presente)
7. Se la macchina ha gli encoder in assoluto non serve fare le referenze e la macchina è pronta
per lavorare , diversamente proseguire con la procedura
8. Chiudere le porte
9. Mettere il potenziometro dei rapidi al 50%
10. Mettere il selettore MODE su ZRN
11. Premere Z+ poi X+ e in fine Y+ oppure AVVIO CICLO

18.3 Rotazione del mandrino in MDI


1. Chiudere le porte
2. Mettere il selettore MODE su MDI
3. Premere il tasto PROG poi il softkey MDI
4. Premere S digitare il numero di giri desiderato
5. Premere M digitare 3
6. premere eob e premere il tasto INSERT
7. premere AVVIO CICLO
8. Per fermare il mandrino premere il tasto RESET

18.4 Caricamento utensili in magazzino da MDI


1. Chiudere le porte
2. Selettore MODE su MDI
3. Premere il tasto PROG poi il softkey MDI
4. Digitare Txx M6 (xx = numero utensile)
5. Premere il tasto EOB per mettere il ";" di fine blocco
6. Premere il tasto INSERT
7. Mettere il potenziometro F al 100%
8. Chiudere la porta operatore
9. Mettere la chiave su AUTOMATICO (dove c’è)
10. Premere AVVIO CICLO (la macchina esegue il ciclo di cambio utensili, se l'utensile
chiamato non è già nel mandrino)
11. Aprire la porta operatore
12. Girare il selettore (o premere il tasto) MODE su HANDLE
13. Premere il pulsante di sgancio utensile posizionato nei pressi della testa
14. Inserire l'utensile nel mandrino e ripremere o rilasciare il pulsante per agganciare l'utensile
15. Eseguire i passi dal 3 al 13 per gli altri utensili
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
128
R.F. Celada s.p.a.

19 AZZERAMENTO UTENSILI
19.1 Azzeramento utensili in manuale
Per misurare la lunghezza degli utensili ci sono 2 metodi.

19.1.1 Presetting con naso mandrino


1. Premere il tasto POS
2. Visualizzare le quote REL
3. Mettere il selettore MODE su VOLANTINO
4. Selezionare l'asse Z e sfiorare con il naso mandrino un punto da prendere come riferimento
(blocchetto o pezzo)
5. Digitare Z e premere ORIGIN per azzerare la coordinata dell'asse Z
6. Chiamare in MDI l'utensile da misurare (vedi Caricamento Utensili)
7. Sfiorare il punto di riferimento
8. Premere il tasto OFS/SET poi il softkey COMPEN o OFFSET su serie 30
9. Scegliere il correttore in Lunghezza dell’utensile da azzerare
10. Digitare Z e premere il softkey INP. C (ENTR C)* (il valore visualizzato in Z viene inserito
dove si trova il cursore)
11. Eseguire i passi dal 6 al 10 per gli altri utensili

19.1.2 Presetting con utensile pilota


1. Premere il tasto POS
2. Visualizzare le quote REL
3. Mettere il selettore MODE su VOLANTINO
4. Selezionare l'asse Z e sfiorare con l'utensile pilota (utensile con lunghezza 0) un punto da
prendere come riferimento (blocchetto o pezzo)
5. Digitare Z e premere ORIGIN per azzerare la coordinata dell'asse Z
6. Chiamare in MDI l'utensile da misurare (vedi Caricamento Utensili)
7. Sfiorare il punto di riferimento
8. Premere il tasto OFS SET poi il softkey COMPEN o OFFSET per serie 30
9. Scegliere il correttore in Lunghezza dell’utensile da azzerare
10. Digitare Z e premere il softkey INP.C (ENTR C)* (il valore di Z viene inserito dove si trova
il cursore)
11. Eseguire i passi dal 6 al 10 per gli altri utensili

* se il softkey INP C (ENTR C) non c’è, al posto di digitare Z, digitare il valore letto in Z e premere
INPUT

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


129
R.F. Celada s.p.a.

19.1.3 Tabella posizioni utensili in magazzino su centro Bridgeport


1. Premere tasto EDIT su pannello operatore
2. Premere tasto CUSTOM
3. Premere la freccia sulla sinistra del monitor
4. Premere il softkey ATC RANDOM [F3]
5. Ci sono diverse funzioni :
a. Ripristinare tutti gli utensili nelle tasche con lo stesso numero (quindi nella tasca 1 ci
sarà l’utensile 1 nella 2 ci sarà il 2 ecc. ) dopo questa operazione tutti gli utensili
andranno ripristinati nel magazzino
i. Premere il softkey SETUP
ii. Verrà formulata la domanda di conferma operazione
iii. Premere il softkey SETUP per confermare
b. Abbinamento di un utensile ad una tasca (gli utensili possono andare dal T1 al
T9999)
i. Posizionare il cursore sulla tasca nella quale si vuole inserire l’utensile
ii. Digitare il numero dell’utensile
iii. Premere INPUT
iv. Se l’utensile esiste, cancellarlo con DEL
c. Cancellare un numero di utensile
i. Scegliere l’utensile con il cursore
ii. Premere il tasto DEL
d. Definizione utensile sovradimensionato (diametro > 75mm)
i. Scegliere l’utensile sovradimensionato
ii. Premere il softkey O/SIZE (verrà visualizzato un “*” e gli utensili adiacenti
verranno cancellati )
e. Sbloccare tasca O/SIZE
i. Scegliere l’utensile già sovradimensionato
ii. Premere il softkey NORMAL (il simbolo “*” verrà cancellato)
iii. Ripristinare le tasche adiacenti inserendo gli utensili che erano stati cancellati
f. Definizione tasca fissa (l’utensile verrà sempre riposto nella stessa tasca senza
cancellare gli utensili adiacenti)
i. Scegliere l’utensile desiderato
ii. Premere il softkey FIXED (verrà visualizzato il simbolo “#”)
g. Sbloccare tasca FIXED
i. Scegliere l’utensile
ii. Premere il softkey FREE (il simbolo “#” verrà cancellato)
h. Definizione tasca bloccata (nessun utensile verrà riposto in una tasca bloccata)
i. Scegliere la tasca
ii. Premere il softkey LOCK (verrà visualizzato il simbolo “@”)
i. Sbloccare tasca LOCK
i. Scegliere la tasca
ii. Premere il softkey FREE

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


130
R.F. Celada s.p.a.

20 AZZERAMENTO PEZZO
20.1 Zero pezzo in manuale
20.1.1 Parametri che influiscono sulla visualizzazione origini

1201.5 parametro che determina se le quote assolute cambiano subito alla modifica di
un’origine oppure dopo un richiamo automatico (no serie 30i)
0 i valori assoluti cambiano solo dopo il richiamo dell’origine in AUTOMATICO o
MDI
1 i valori assoluti cambiano immediatamente quando si modifica un’origine

1201.7 parametro che determina se dopo un RESET, M2 o M30 la macchina ritorna in G54
oppure no
0 non ritorna alla G54, quindi mantiene attiva l’ultima origine richiamata (mettere
anche il parametro 3407.6 a 1)
1 ritorna sempre alla G54

20.1.2 Zero pezzo in X e Y

1. Caricare un utensile di diametro noto


2. Sfiorare un lato del pezzo da azzerare
3. Premere il tasto OFS/SET
4. Premere il softkey WORK(LAVORO)
5. Evidenziare l'asse dell'origine che si vuole azzerare
6. su tutti tranne serie 15
I. Digitare X o Y, a secondo del lato che si stà sfiorando, più o meno il valore del raggio
noto poi premere il softkey MISURA (se si usa un tastatore tridimensionale che
considera il raggio della sfera o un comparatore nel centro foro digitare 0)
II. Su serie 15 digitare la quota rispetto allo Zero Macchina (calcolando il raggio noto),
che si può leggere nella finestra sulla destra dello schermo, premere INPUT

20.1.3 Zero pezzo nel centro tastando i 2 lati per asse

1. Caricare un utensile tastatore


2. Sfiorare il lato del pezzo da azzerare
3. Premere il tasto POS poi premere il softkey REL
4. digitare la lettera dell’asse che si vuole azzerare poi premere il softkey ORIGIN (poi EXEC
su serie 30), a coordinata RELATIVA dell’asse andrà a 0
5. Sfiorare il lato opposto e leggere la quota misurata
6. Premere il tasto OFS/SET poi premere il softkey WORK(LAVORO)
7. Evidenziare un asse dell'origine che si vuole azzerare
8. su tutti tranne serie 15
I. Digitare X o Y, a secondo del lato che si stà sfiorando, più o meno metà del valore
letto poi premere il softkey MISURA
II. Su serie 15 digitare la quota rispetto allo Zero Macchina calcolando il raggio noto),
che si può leggere nella finestra sulla destra dello schermo, premere INPUT

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


131
R.F. Celada s.p.a.

20.1.4 Zero pezzo in Z

1. Con l'utensile pilota (nel caso di azzeramento utensili rispetto all’utensile pilota) o il naso
mandrino (nel caso di azzeramento utensili con il naso mandrino)
2. Sfiorare il pezzo dove si vuole fare lo zero
3. Premere il tasto OFS/SET
4. Premere il softkey WORK(LAVORO)
5. Digitare Z0 e premere MISURA* (per serie 15 digitare la quota rispetto allo Zero Macchina)

* se si sfiora con l’utensile pilota o il naso mandrino uno spessore appoggiato al pezzo, al posto di
digitare Z0 digitare Z + l’altezza dello spessore e poi premere MISURA.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


132
R.F. Celada s.p.a.

21 CREAZIONE E MODIFICA PROGRAMMA


21.1 Protezione EDITOR
La scrittura dei programmi può essere protetta da :
1. una chiave fisica sul pannello operatore
2. una chiave software che si trova premendo
a. OFFSET/SETTING
b. +
c. OPR PN
d. PAGE
e. scegliere KEYSET
f. con il cursore <- -> scegliere AREST per proteggere o AVIAM per proteggere
3. per i programmi da 8000 con il parametro 3202.0 e per i 9000 con il parametro 3202.4

21.1.1 Scelta DEVICE

1. Mettere il selettore MODE su EDIT


2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey FOLDER
4. premere il softkey (OPRT)
5. premere il softkey DEVICE CHANGE
6. scegliere tra le seguenti possibilità
a. CNC MEM memoria del controllo
b. MEM CARD
c. EMB ETHER rete
d. DTSVR hard disk della macchina
e. DTSVR HOST hard disk
f. MEMORY CARD memoria esterna
7. una volta scelto la DEVICE si può scegliere e modificare un programma, oppure creare una
DIRECTORY oppure inserire un nuovo programma.

21.1.2 Creazione di una DIRECTORY

1. Mettere il selettore MODE su EDIT


2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey FOLDER
4. premere il softkey (OPRT)
5. premere il softkey DEVICE CHANGE
6. scegliere la DEVICE desiderata premendo il softkey corrispondente (si possono editare i file
solo in CNC MEM e DTSVR)
7. se si vuole cambiare directory evidenziare la scritta RETURN TO UPPER FOLDER e
premere INPUT fino a trovare la directory desiderata
8. digitare il nome della nuova directory e premere il softkey CREATE FOLDER
9. evidenziare la directory creata e premere INPUT per entrarci

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


133
R.F. Celada s.p.a.

21.2 Creazione programma


21.2.1 Su Serie 30

Ci sono 2 metodi per creare un programma:

1. creazione programma senza cambiare directory


a. mettere il selettore MODE su EDIT
b. premere il tasto PROG
c. entrare in un programma qualsiasi
d. digitare il nome del programma p.e.: O1000 e premere il tasto INSERT
e. compilare il programma

2. creazione programma cambiando directory


a. mettere il selettore MODE su EDIT
b. premere il tasto PROG
c. premere il softkey FOLDER
d. evidenziare RETURN TO UPPER FOLDER e premere INPUT fino a quando si
trova la directory desiderata
e. evidenziare la directory creata e premere INPUT per entrarci
f. digitare il nome del programma p.e.: O1000 e premere il softkey CREATE
PROGRAM
g. premere INPUT per entrare

21.2.2 Su tutti gli altri

1. Mettere il selettore MODE su EDIT


2. Premere il tasto PROG (su serie 15 premere PROG finchè compare il softkey
TEXT(TESTO) e premerlo)
3. Digitare Oxxxx e premere il tasto INSERT (xxxx = numero programma)
4. Premere EOB poi INSERT per chiudere il blocco
5. Proseguire con la compilazione del blocco

21.3 Numerazione automatica dei blocchi


1. mettere il selettore MODE su MDI
2. premere il tasto OFS/SET
3. premere il softkey SETTING
4. portare con il cursore su SEQUENCE NO.(SEQUENZA NO.)
5. digitare 1 per attivare (0 per disattivare) e premere INPUT
6. andare nel programma digitare N1 e digitare il blocco e premere eob
7. premere INSERT per inserire il blocco e far comparire il numero di blocco successivo

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


134
R.F. Celada s.p.a.

21.4 Per inserire un blocco


1. Digitare il blocco (es.: G1 X200 Y30 F300 ; )
2. Premere il tasto INSERT

Avvertenze
a. si possono digitare alcuni blocchi prima di premere INSERT, per dividere i blocchi è
necessario mettere ";" (eob), quando si preme INSERT il CN inserisce i blocchi
andando a capo dopo ogni ";"
b. il CN inserisce il blocco dove si trova il cursore

21.5 Apertura di un programma da modificare


21.5.1 Su serie 30i scegliendo dalla Directory

1. Mettere il selettore MODE su EDIT


2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey FOLDER
4. premere il softkey (OPRT)
5. premere il softkey DEVICE CHANGE per scegliere la posizione del file da modificare
6. scegliere la directory
7. evidenziare il programma da modificare
8. premere il softkey MAIN PROGRAM (a sinistra del nome compare il simbolo @)
9. premere INPUT per entrare nel programma

21.5.2 Su tutte le serie (compreso serie 30i senza cambiare Directory)

1. Mettere il selettore MODE su EDIT


2. premere il tasto PROG (su serie 15 premere PROG finchè compare il softkey
TEXT(TESTO) e premerlo)
3. digitare Oxxxx (xxxx numero del programma)
4. premere la freccia cursore giù (su serie 15 premere il softkey + poi FRWRD
SEARCH(CERCA AVANTI) o BKWORD SEARCH(CERCA INDIETRO))

21.6 Inserimento di un commento o titolo programma


Racchiudere un commento dentro parentesi tonde (commento), se il commento è messo dopo il
numero del programma questo verrà visualizzato nella lista di tutti i programmi assieme al
programma stesso.

Nota
 Sulla serie 30i per visualizzare i commenti nella lista de programmi premere il softkey
DETAIL ON e per non vederli premere DETAIL OFF.
 Sullo 0ì per inserire le parentesi tonde premere (OPRT) -> + -> + -> C-EXT

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


135
R.F. Celada s.p.a.

21.7 Modifica di un blocco


1. Portare il cursore sull'elemento da modificare
2. digitare il nuovo valore
3. premere il tasto ALTER per sostituire

Nota per serie 30i : per modificare un singolo carattere premere il softkey CHANGE EDITOR in
modo da poter modificare singolarmente i caratteri senza dover riscrivere tutta la parola, alla
pressione di CHANGE EDITOR si attiva la funzione di inserimento se si vuole attivare la funzione
di sovrascrittura premere il softkey INPUT MODE, quando si è finito di modificare ripremere il
softkey CHANGE EDITOR per ritornare alla configurazione originale.

21.8 Cancellare un dato


1. Portare il cursore sull'elemento da modificare
2. premere il tasto DEL

21.9 Cancellare un blocco intero


Su tutti tranne serie 15
1. Portare il cursore all'inizio del blocco da cancellare
2. premere il tasto EOB per digitare ;
3. premere il tasto DEL

Avvertenza : premendo il tasto DEL dopo aver digitato un carattere, il CN cancella tutto
finché non trova il carattere digitato.

Su serie 15 e serie 30i


1. Portare il cursore su inizio del blocco da cancellare
2. premere il softkey SELECT(SELEZ)
3. evidenziare tutto quello che si vuole cancellare
4. premere il softkey CUT(TAGLIA)
5. premere il softkey EXEC(ESEC)

21.10 Cancellare più blocchi (i blocchi devono essere numerati)


1. Portare il cursore sul numero del primo blocco da cancellare
2. digitare il numero dell’ultimo blocco da cancellare
3. premere il tasto DEL

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


136
R.F. Celada s.p.a.

21.11 Cancellare un programma


Su tutti tranne serie 15
1. Leggere prima le avvertenze
2. mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il tasto PROG
4. digitare Oxxxx (xxxx numero del programma da cancellare)
5. premere il tasto DEL
Su serie 15
1. Leggere prima le avvertenze
2. mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il tasto PROG
4. aprire il programma da cancellare
5. premere il softkey + finchè compare il softkey DELETE PROGRAM e premerlo
6. premere THIS

Avvertenze
a. Fare attenzione perché i programmi cancellati non possono essere ripescati, nel caso vanno
riscritti di nuovo, impostando il parametro 3202.5(CPD) a 1 viene chiesta una conferma.
b. fare attenzione che generalmente nei programmi da 8000 a 9999 vengono registrati dei
programmi di macroistruzioni utilizzati per sonde, presetting e altro, se questi
programmi vengono cancellati alcune funzioni del controllo non funzioneranno più
fino al ripristino dei file cancellati
c. i programmi da 8000 (3202.0) a 9999 (3202.4) possono essere protetti da modifica e
cancellazione, quindi se si esegue questa procedura il CN visualizzerà un allarme nel caso lo
siano.

21.12 Cancellare tutti i programmi


1. Leggere prima le avvertenze del paragrafo “Cancellare un programma”
2. mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il tasto PROG
4. digitare O-9999
5. premere DEL

21.13 Cancellare alcuni programmi


1. Leggere prima le avvertenze del paragrafo “Cancellare un programma”
2. mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il tasto PROG
4. digitare Oxxxx (xxxx numero del primo programma da cancellare)
5. digitare “,” poi Oyyyy (yyyy numero dell’ultimo programma da cancellare)
6. premere il tasto DEL per cancellare i programmi da xxxx a yyyy

21.14 Rinominare un programma


1. Aprire il programma da rinominare
2. portare il cursore su Oxxxx (xxxx numero del programma)
3. digitare il Oyyyy (yyyy nuovo numero) e premere il tasto ALTER

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


137
R.F. Celada s.p.a.

21.15 Funzioni estete di editazione (opzione)


21.15.1 Duplicare un programma

Su tutti tranne serie 15


1. Mettere il selettore MODE su EDIT
2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey OPRT
4. premere la freccia di destra sul monitor
5. premere il softkey EX-EDT
6. controllare che sia selezionato il programma da copiare e premere il softkey COPY
7. premere il softkey ALL
8. digitare il numero del nuovo programma senza O e premere INPUT
9. premere il softkey EXEC

Su serie 15
1. Aprire il programma da copiare
2. premere + finchè compare il softkey COPY PROGRAM (COPIA PROGRAMMA) e
premerlo
3. digitare Oxxxx (xxxx = numero del nuovo programma)
4. premere il softkey EXEC(ESEC)

21.15.2 Copia incolla (no serie 15 e 30i)


1. Eseguire i passi da 1 a 6 della procedura “Duplicare un programma”
2. portare il cursore all’inizio della parte da copiare e premere il softkey CURS-
3. portare il cursore alla fine della parte da copiare e premere il softkey –CURS
4. premere INPUT e premere il softkey EXEC(ESEC) (la parte verrà copiata nel programma
O0000)
5. entrare nel programma dove si vuole copiare e portare il cursore sul punto d’inserimento
premere il softkey UNISCI poi il softkey –CURS e poi il softkey ESEC

21.15.3 Copia incolla in un nuovo programma (no serie 15 e 30i)


1. Eseguire i passi da 1 a 6 della procedura “Duplicare un programma”
2. portare il cursore all’inizio della parte da copiare e premere il softkey CRSR-
3. portare il cursore alla fine della parte da copiare e premere il softkey –CRSR
4. digitare il numero del programma senza O nel quale si vuole incollare la parte copiata e
premere INPUT
5. premere il softkey EXEC(ESEC)

21.15.4 Taglia incolla in un nuovo programma (no serie 15 e 30i)

1. Eseguire i passi da 1 a 5 della procedura “Duplicare un programma”


2. controllare che sia selezionato il programma da copiare e premere il softkey
MOVE(MUOVI)
3. portare il cursore all’inizio della parte da copiare e premere il softkey CRSR-
4. portare il cursore alla fine della parte da copiare e premere il softkey –CRSR
5. digitare il numero del programma senza O nel quale si vuole incollare la parte copiata e
premere il tasto INPUT
6. premere il softkey EXEC(ESEC)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


138
R.F. Celada s.p.a.

21.15.5 Copia incolla o taglia su serie 15 e 30i

1. Aprire il programma dal quale si vuole copiare


2. portare il cursore all’inizio della parte da copiare
3. premere il softkey SELECT(SELEZ)
4. evidenziare quello che si vuole copiare e premere il softkey COPY(COPIA)
5. portare il cursore dove si vuole inserire la parte copiata (anche in un altro programma) e
premere il softkey PASTE(INCOLLA)

21.15.6 Unisci due programmi (no serie 15 e 30)

1. Eseguire i passi da 1 a 5 della procedura “Duplicare un programma”


2. controllare che sia selezionato il programma da copiare e premere il softkey
MERGE(UNISCI)
3. portare il cursore nel punto in cui si vuole inserire il programma copiato e premere il softkey
-CRSR
4. digitare il numero del programma senza O che si vuole incollare e premere il tasto INPUT
5. premere il softkey EXEC(ESEC)

21.15.7 Unisci due programmi su serie 30i

1. Entrare nel programma nel quale si vuole inserire un altro programma


2. premere il softkey (OPRT)
3. premere il softkey +
4. premere il softkey INSERT PROGRAM
5. portare il cursore dove si vuole inserire il programma e premere il softkey CURSOR POS
oppure premere il softkey BOTTOM se si vuole inserire alla fine
6. scrivere il nome del programma da inserire
7. premere il softkey EXEC

21.15.8 Sostituzione di parole e indirizzi

1. Eseguire i passi da 1 a 5 della procedura “Duplicare un programma”


2. premere il softkey CHANGE(CAMBIA)
3. digitare la parola o l’indirizzo da cambiare
4. premere il softkey BEFORE(PRIMA)
5. digitare la nuova parola o indirizzo
6. premere il softkey AFTER(DOPO)
7. premere il softkey EXEC(ESEC) per sostituire tutto o premere il softkey 1-EXEC(1-ESEC)
per sostituire la prima parola trovata o premere SKIP(SALTA) per saltare alla prima parola
senza cambiarla

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


139
R.F. Celada s.p.a.

22 TRASMISSIONE DATI
22.1 Alcuni parametri che influiscono sulla trasmissione

Parametro Valore Descrizione Note


0 Trasmissione tramite Interfaccia Seriale
4 Trasmissione tramite Memory Card
0020 5 Trasmissione tramite HD
9 Trasmissione tramite Ethernet integrato
17 Trasmissione tramite USB
0021 5 Trasmissione tramite HD
0100.3(NCR) 1
Manda a capo una volta ad ogni riga
0100.2(CRF) 0
La trasmissione non viene interrotta premendo
0100.6(IOP) 1 il tasto RESET ma solo premendo il softkey
STOP
1 Velocità di trasmissione a 50 baud rate
2 Velocità di trasmissione a 100 baud rate
3 Velocità di trasmissione a 110 baud rate
4 Velocità di trasmissione a 150 baud rate
5 Velocità di trasmissione a 200 baud rate
0103
6 Velocità di trasmissione a 300 baud rate
0113
7 Velocità di trasmissione a 600 baud rate
0123
8 Velocità di trasmissione a 1200 baud rate
9 Velocità di trasmissione a 2400 baud rate
10 Velocità di trasmissione a 4800 baud rate
11 Velocità di trasmissione a 9600 baud rate
12 Velocità di trasmissione a 19200 baud rate
0138 1 Utilizzo memory card per DNC abilitato
Viene generato un allarme se si prova a
3201.2(REP) 0
registrare un programma già esistente
Se durante la registrazione viene incontrato il
3201.5(N99) 0 codice M99 e il parametro 3201.6 è a 0 la
trasmissione viene ultimata
Se durante la registrazione viene incontrato il
3201.6(NPE) 0 codice M02, M30 o M99 la trasmissione viene
ultimata
L’emissione e immissione, la modifica, la
3202.0(NE8) 1 cancellazione e la visualizzazione sono
disabilitate
L’emissione e immissione, la modifica, la
3202.4(NE9) 1 cancellazione e la visualizzazione sono
disabilitate
Permette la ricerca e la visualizzazione di un
3202.6(PSR) 1
programma protetto

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


140
R.F. Celada s.p.a.

22.2 Trasmissione seriale RS232

Premessa
Prima di poter trasmettere i programma da un PC alla macchina e viceversa bisogna configurare la
trasmissione sia sulla macchina, con i parametri dedicati e scegliendo il Canale di trasmissione
configurato nella pagina Prepara di OFFSET SETTING, sia sul PC, installando un software di
trasmissione e configurarlo in modo da collegarsi alla macchina (velocità di trasmissione, data bit e
bit di stop devono essere identici sulle 2 periferiche). In fine collegare un cavo seriale con la
seguente configurazione :

25pin 9pin
TNC -------- PC
1 ----------- 1 carcassa e calza cavo
2 ----------- 2
3 ----------- 3
4 ----------- 8
5 ----------- 7
6 ----------- 4
7 ----------- 5
20 ----------- 6

connettore lato CN 25pin maschio


connettore lato PC 9pin femmina

Su tutti tranne serie 15


1. Premere il tasto PGM MDI
2. Mettere il selettore MODE su EDIT
3. Digitare Oxxxx (xxxx = numero del programma)
4. Premere la freccia di destra del monitor finchè compare PUNCH(SCRIVI) o
READ(LEGGI)
5. Premere PUNCH(SCRIVI) per trasmettere o READ(LEGGI) per ricevere

Su serie 15
1. Mettere il selettore MODE su EDIT
2. Premere il tasto PGM MDI finchè compare il softkey TEXT(TESTO) e premerlo
3. Premere il softkey + finchè compare PUNCH(SCRIVI) e READ(LEGGI)
a. se si premere PUNCH (SCRIVI)
i. premere ALL(TUTTO) per trasmettere tutti i programmi
ii. premere THIS(QUESTO) per trasmettere solo il programma visualizzato
b. se si premere READ (LEGGI)
i. premere ALL(TUTTO) per ricevere più programmi
ii. premere 1 PROGR per ricevere un programma con NEW(NUOVO) verrà
creato un nuovo programma con ADD(AGGIUN) si aggiunge il programma
in coda al programma aperto

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


141
R.F. Celada s.p.a.

22.3 Trasmissione dati da e verso Memory Card


Premessa
La trasmissione dati con una memory card è possibile sui controlli provvisti di uno slot sul monitor.
Impostare il parametro del canale di trasmissione a 4 (premere OFS/SET poi PREPRA per
visualizzare i Canali)

22.3.1 Tutte le serie tranne 30i e 0iD guardando i file dal lato CARD

Da MEMORY CARD a CN
1. Inserire la carta nello slot
2. attivare la modalità EDIT
3. premere il tasto PROG
4. premere il softkey PROG
5. premere la freccia sulla destra del monitor
6. premere il softkey CARD (sul monitor devono comparire i file della carta, se non
compaiono controllare i parametri relativi alla trasmissione dati, attivare il 4° canale)
7. premere il softkey (OPRT)
8. ci sono 2 possibilità :
a. Premere il softkey F READ se si vuole digitare il numero NO. del file
b. Premere il softkey N READ se si vuole digitare il N° PROGR.
9. digitare il valore a secondo di a. o b.
10. premere il softkey SETT F
11. premere il softkey ESEC

Da CN a MEMORY CARD
1. Inserire la carta nello slot
2. attivare la modalità EDIT
3. premere il tasto PROG
4. premere il softkey PROG
5. premere la freccia sulla destra del monitor
6. premere il softkey CARD (sul monitor devono comparire i file della carta, se non
compaiono controllare i parametri relativi alla trasmissione dati, attivare il 4° canale)
7. premere il softkey (OPRT)
8. premere il softkey SCRIVI
9. digitare il N° FILE senza O (p.e.: per O1111 digitare 1111)
10. premere il softkey SETT O
11. premere il softkey ESEC

22.3.2 Tutte le serie tranne 30i guardando i file dal lato PROG
Questa procedura è più semplice ma il nome del programma deve essere lo stesso del file
1. Inserire la carta nello slot
2. Mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il tasto PROG
4. premere il softkey PROG
a. su serie 0iD premere il softkey + e poi il softkey I/O
5. digitare il nome del programma da ricevere o inviare poi:
a. se si vuole ricevere premere LEGGI (READ)
b. se si vuole inviare premere SCRIVI (PUNCH)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
142
R.F. Celada s.p.a.

6. premere il softkey ESEC

22.3.3 Serie 0iD

Da Memory Card a CN

1. verificare che il parametro 20 sia impostato a 4


2. introdurre la memory card nello slot sul lato sinistro del monitor
3. attivare modalità EDIT e premere il tasto PROG
4. premere il softkey DIR
5. premere il softkey (OPRT)
6. premere il softkey +
7. premere il softkey UNITA’
8. premere il softkey M-CARD (vengono visualizzati i programmi della card)
9. premere il softkey +
10. esempio di trasmissione del file N°3 avente il nome file O0002
a. premere il softkey LEGGI
b. digitare 3 poi premere il softkey SETT F oppure digitare 2 poi premere il softkey
SETT O
c. premere il softkey ESEC
Nota : se esce il messaggio “NOME PROGRAMMA GIA’ UTILIZZATO” al punto
b.) specificare un numero di programma diverso da 2 e che non esistente nella
memoria del controllo
11. premere il softkey +
12. premere il softkey UNITA’
13. premere il softkey CNCMEM

Da Memory Card a CN cambiando il nome del programma

Eseguire i passaggi dal 1. al punto 9. come in “Da Memory Card a CN”


10. esempio trasmettere il file O0002 modificando il nome in O0555
a. premere il softkey N INPUT
b. digitare O0002 poi premere il softkey F NAME
c. digitare 555 poi premere il softkey SETT O
d. premere il softkey ESEC
11. premere il softkey +
12. premere il softkey UNITA’
13. premere il softkey CNCMEM

Caricare un programma nella Memory Card

Eseguire i passaggi dal 1. al punto 9. come in “Da Memory Card a CN”


14. esempio ricezione programma O0002
a. premere il softkey SCRIVI
b. digitare 2 poi premere il softkey SETT O
c. premere il softkey ESEC
15. premere il softkey +
16. premere il softkey UNITA’
17. premere il softkey CNCMEM

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


143
R.F. Celada s.p.a.

Cancellare un file sulla Memory Card

Eseguire i passaggi dal 1. al punto 9. come in “Da Memory Card a CN”


10. esempio cancella il N°3 con nome O0002
a. premere il softkey F DEL
b. digitare 3 poi premere il softkey SETT F oppure digitare O0002 e premere il softkey
NOME F
c. premere il softkey ESEC
11. premere il softkey +
12. premere il softkey UNITA’
13. premere il softkey CNCMEM

22.3.4 Serie 30i

Scelta destinazione file


1. Mettere il selettore MODE su EDIT
2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey FOLDER
4. scegliere la directory che deve ricevere e trasferire i file
5. premere il softkey (OPRT)
6. premere il softkey +
7. premere il softkey FORE CHANGE per scegliere la directory attuale

Trasmissione da memory e controllo


1. Mettere il selettore MODE su EDIT
2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey FOLDER
4. premere il softkey (OPRT)
5. premere il softkey +
6. premere i softkey READ
7. digitare il nome del file p.e.: O550 e premere P SET
8. premere il softkey EXEC per trasferire

Trasmissione da controllo a memory


1. Mettere il selettore MODE su EDIT
2. premere il tasto PROG
3. premere il softkey FOLDER
4. premere il softkey (OPRT)
5. premere il softkey +
6. premere i softkey PUNCH
7. digitare il nome del file p.e.: O550 e premere P SET
8. premere il softkey EXEC per trasferire

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


144
R.F. Celada s.p.a.

22.4 Trasmissione dati da e verso USB (opzione)


Descrizione
Solo per la serie 30i e la serie 0iD è possibile avere una porta USB alla quale collegare un drive
esterno (penna, HD, ecc.) tramite il quale sarà possibile trasferire al CN o ricevere da CN i
programmi.

Utilizzo
L’utilizzo è uguale a quello descritto per l’uso della memory card, rispettare le indicazioni per i
diversi controlli.

22.5 Trasmissione dati da e verso Rete (opzione)


Descrizione
La seguente procedura spiega la trasmissione dati dalla rete cliente al controllo oppure all’hard disk
della macchina, i programmi memorizzati sull’hard disk non possono essere modificati in macchina
ma solo sul PC.

Configurazione RETE con protocollo FTP

Nella descrizione per configurare una rete tra un PC e il CN, sarà utilizzato come esempio il
protocollo FileZilla Server 0.9.41 (versioni diverse potrebbero differire nelle schermate).
 Impostazione lato PC
o mettere un indirizzo di rete fisso p.e.: 192.168.0.200
o nel firewall abilitare la porta 21
o installare il software FileZilla Server
o lanciare il programma, alla prima schermata non modificare nulla e premere OK
o dal menu EDIT scegliere il menu USERS
 in GENERAL
 premere ADD
 digitare un nome (p.e. HARDINGE) e premere OK
 spuntare l’opzione ENABLE
 spuntare l’opzione PASSWORD e inserire FANUC-10
 in SHARED FOLDER
 premere ADD
 scegliere una cartella da condividere con il controllo
 evidenziare il percorso e la cartella condivisa e in FILES spuntare
READ e WRITE
 premere OK per confermare
 Impostazione sul CN
o abilitare la scrittura dei parametri (MDI -> OFS/SET -> PWE =1)
Nota: prestare molta attenzione nella modifica dei parametri e prima eseguire
sempre un BACKUP o prendere nota del valore originale del parametro da
modificare
o premere il tasto SYSTEM
o cercare i parametri 20 e 21 ed inserire 9
o procedere in base al controllo:
 su 0iD
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
145
R.F. Celada s.p.a.

 premere più volte il softkey +


 premere il softkey INTEG
o se nel campo UNITA’ DISPON. non c’è scritto INTEGRAT
o premere il softkey (OPRT)
o premere il softkey EM/PCM
o premere il softkey ESEC
 premere il softkey COMUNE
 nella prima pagina (1/2) settare i seguenti parametri
o INDIR IP 192.168.0.201 (indirizzo CN)
o SUBNET MASK 255.255.255.0
 premere il softkey FTPTRN
 nella prima pagina (1/6) settare i seguenti parametri
o NOME HOST 192.168.0.200 (indirizzo PC)
o PORT NUMBER 21 (porta aperta nel firewall)
o USER NAME HARDINGE
o PASSWORD FANUC-10
 nella seconda pagina (2/6) settare il seguente parametro
o LOGIN FOLDER /
 premere il softkey (OPRT)
 premrere il softkey HOST
 premere il softkey CON1
 su altri controlli
 premere più volte il softkey + fino al softkey ETHPRM
 premere il softkey ETHPRM
 premere il softkey (OPRT)
 premere il softkey EMBEDD
 nella prima pagina (1/7) settare i seguenti parametri
o INDIRIZZO IP 192.168.0.201 (indirizzo PC)
o SUBNET MASK 255.255.255.0
 nella terza pagina (3/7) settare i seguenti parametri
o PORT NUMBER 21
o INDIRIZZO IP 192.168.0.200
o USERNAME HARDINGE
o PASSWORD FANUC-10
o LOGIN DIR /
o disabilitare la scrittura dei parametri (MDI -> OFS/SET -> PWE = 0) e premere
RESET

Verifica connessione (collegare il cavo di rete)


 Su 0iD
o mettere in modalità EDIT
o premere il tasto PROG
o premere il softkey DIR
o premere il softkey (OPRT)
o premere il softkey +
o premere il softkey UNITA’
o premere il softkey ETHINT per vedere i file nella cartella condivisa
 su altri controlli
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
146
R.F. Celada s.p.a.

o mettere in modalità EDIT


o premere il tasto PROG
o premere il softkey +
o premere il softkey HOST
o premere il softkey +
o premere il softkey EMBEDD per vedere i file nella cartella condivisa

Da rete a NC
1. a macchina ferma e in modalità EDIT premere il tasto PROG
2. premere 2 volte il softkey +
3. premere il softkey HOST
4. premere il softkey (OPRT)
5. premere il softkey EMBEDD
6. digitare il numero del file letto dall’elenco a video
7. premere il softkey +
8. premere il softkey LEGGI e poi il softkey ESEC
Da NC a rete
1. a macchina ferma e in modalità EDIT premere il tasto PROG
2. digitare il numero del programma tipo “O1200”
3. premere il softkey +
4. premere il softkey SCRIVI
5. premere il softkey ESEC

Da rete a hard disk


9. a macchina ferma e in modalità EDIT premere il tasto PROG
10. premere il softkey +
11. premere il softkey HOST
12. premere il softkey OPRT
13. premere il softkey BOARD
14. digitare il numero del programma tipo “O1000”
15. premere il softkey +
16. premere il softkey GET e poi il softkey ESEC
Da hard disk a rete
6. a macchina ferma e in modalità EDIT premere il tasto PROG
7. premere il softkey +
8. premere il softkey HD-DIR
9. digitare il numero del programma tipo “O1200”
10. premere il softkey +
11. premere il softkey PUT
12. premere il softkey ESEC

Da NC a Hard Disk
1. premere il tasto PROG
2. premere il softkey DIR
3. digitare il numero del programma tipo “O1234”
4. premere il softkey +
5. premere il softkey SCRIVI
6. premere il softkey ESEC

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


147
R.F. Celada s.p.a.

23 PROVA GRAFICA (OPZIONE)


23.1 Prova percorso utensile
1. Caricare il programma in EDIT
2. Premere il tasto AUTO
3. Premere il tasto GRAPH fino che compare la scritta GRAFIC CORSA
4. Premere il softkey ESEC
5. premere il softkey (OPRT)
6. Premere il softkey AUTO per poco poi premere RESET
7. Premere il softkey AVVIAR
Per centrare la figura fare come segue:
8. Proseguendo la procedura precedente premere il tasto Freccia Sinistra sul monitor
9. Premere il softkey SCALA
10. Premere il softkey (OPRT)
11. Muovere il centro con i softkey Frecce
12. Premere il softkey ESEC

23.2 Prova con figura solida


1. Caricare il programma in EDIT
2. Premere il tasto AUTO
3. Premere il tasto GRAPH fino che compare la scritta GRAFIC SOLID o ANIME GRAPH
4. Se non si è descritto il grezzo nel programma impostare le dimensioni del grezzo
modificando i parametri come segue:
a. In X Y e Z inserire le quote dello spigolo in basso e a sinistra del parallelepipedo che
verrà visualizzato
b. In I J e K mettere le dimensioni (valori incrementali) rispetto a X(I) Y(J) e Z(K)
c. su serie 0iD impostare i seguenti parametri:
i. COORDINATE GRAF = 4
ii. ANGOLO ROTAZ. come segue:
1. VER 250
2. OR 0
3. CEN 180
5. Premere il softkey ESEC
6. Premere il softkey (OPRT)
7. Premere il softkey AVVIO (A.ST o F.ST) per iniziare la grafica

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


148
R.F. Celada s.p.a.

24 ESECUZIONE PROGRAMMA
24.1 Esecuzione di un programma blocco-blocco
1. Mettere il selettore MODE in EDIT
2. Scrivere il numero del programma preceduto da O (p.e.: O1000)
3. Premere il tasto freccia giù (su serie 15 premere il softkey FRWRD SEARCH(CERCA
AVANTI))
4. Mettere il potenziometro F maggiore di 0
5. Se si vogliono ridurre i rapidi e non esiste un apposito potenziometro premere il tasto
OFFSET SETTING poi freccia destra sul monitor premere il softkey OPR PN e ridurre a
monitor i rapidi o usare il potenziometro dei RAPIDI dove esiste
6. Mettere il selettore MODE su MEM
7. Premere il tasto PGM MDI
8. Premere il softkey CHECK(CONTR)
9. Premere il tasto BLOCCO SINGOLO
10. Chiudere la porta
11. Premere il tasto AVVIO CICLO ad ogni blocco

24.2 Esecuzione di un programma in automatico


Fare come per "Esecuzione Blocco-Blocco" , tranne che al punto 9, il tasto BLOCCO
SINGOLO non deve essere attivo.

24.3 Stop programma e riposizionamento


1. Mettere il parametro 7001.0 a 1
2. Durante la lavorazione premere il pulsante FEED HOLD ma non premere RESET
3. Mettere il selettore MODE in HANDLE o JOG e girare la chiave su MANUALE poi
muovere gli assi per allontanarsi dal pezzo
4. Se si vuole aprire le porte fermare la rotazione del mandrino e poi aprire le porte
5. Per ripartire chiudere le porte e riavviare il mandrino (se fermato)
6. Girare la chiave su AUTOMATICO
7. Mettere il selettore MODE su MEM (automatico) e mettere in blocco singolo (SBK)
8. Abbassare il rapido (o spegnere il rapido a secondo della tastiera) e l’avanzamento poi
premere il pulsante di AVVIO CICLO
9. Aprire il potenziometro dell’avanzamento e attendere che venga riposizionato l’utensile, gli
assi vengono mossi assieme
10. Togliere il blocco singolo e proseguire premendo di nuovo AVVIO CICLO

24.4 Ripartenza dopo un reset o dopo riaccensione


Premessa
Questa procedura è stata provata sul controllo 0iD, per gli altri controlli potrebbe essere necessario
modificare la procedura oltre che avere l’opzione attiva.
Per eseguire una ripartenza andrà specificato il numero di blocco o il numero di sequenza, che
differenza c’è tra le 2 specifiche:
a. N blocco: numero memorizzato automaticamente dal controllo e visualizzato a video con la
sigla BC

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


149
R.F. Celada s.p.a.

b. N sequenza: numero scritto dal programmatore per marcare un blocco del programma (es.:
N100)
In linea di massima utilizzare il numero di blocco (BC) per evitare di numerare tutti i blocchi,
prestare attenzione che il contatore BC si azzera ogni volta che si esegue un programma in AUTO o
in MDI, nel caso si desidera numerare manualmente il blocco dal quale ripartire, accertarsi che tale
numero sia univoco.

Parametri

Parametro Valore Descrizione


7310 Specificare l’ordine di movimento assi
Consigliato su macchina a 3 assi X=1, Y=2, Z=3
Consigliato su macchina a 4 assi A=1, X=2, Y=3, Z=4
Consigliato su macchina a 5 assi B=1, C=2, X=3, Y=4, Z=5
7300bit7 1 Gli ultimi codici M, S, T e B vengono attivati in automatico quando si preme
7300bit6 0 avvio ciclo per riposizionare gli assi
Possibilità modifica codici modali tramite la funzione OVERSTORE

Restrizioni
 Se la macchina ha assi indessati posizionarli prima di eseguire la procedura di
riposizionamento
 Non è possibile eseguire la procedura di ripartenza in corrispondenza dei seguenti codici
o interpolazione cilindrica
o filettatura (G32 e G33)
o maschiatura rigida

Procedura
1. Fermare la lavorazione e resettare il controllo
a. premere il tasto freccia sinistra posto sul monitor
b. premere il softkey PROG
c. prendere nota del numero di blocco raggiunto che si trova scritto in alto a sinistra
(p.e: BC:000000149) oppure il numero di sequenza scritto nel programma (p.e.:
N123)
2. se necessario intervenire in MANUALE per ricondizionare l’utensile e spostare gli assi
3. se l’utensile con il quale si vuole ripartire non è in macchina richiamarlo da MDI
N.B: da questo momento non premere più RESET in caso contrario ripetere la procedura
4. in modalità MANUALE mettere l’utensile in una posizione tale da evitare collisioni durante
il riposizionamento
5. abilitare il tasto ripartenza predisposto dal costruttore della macchina
a. su SHE HONG
i. premere insieme i tasti FN5 e PRSTN (quest’ultimo deve rimanere
illuminato)
b. su HARDINGE GX
i. premere il tasto OFFSET/SETTING più volte
ii. premere il softkey +
iii. premere il softkey OPRPN
iv. selezionare la scritta SRNSET
v. con la freccia sinistra selezionare ON
6. mettere in AUTOMATICO (MEM)
7. premere 2 volte il tasto PROG

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


150
R.F. Celada s.p.a.

8. premere il tasto freccia sinistra posta sul monitor


9. premere il softkey VERIF
10. premere il softkey (OPRT)
11. premere il softkey RIAVVOL
12. premere il tasto freccia destra posta sul monitor finché compaiono i softkey TIPO-P e TIPO-
Q
13. digitare il numero di blocco letto in BC ad inizio procedura, preceduto dalla lettera B, nel
nostro caso sarà B149 oppure il numero di sequenza letto nel blocco dal quale ripartire N123
14. premere il softkey TIPO-Q e attendere la comparsa della schermata RIPART e la scritta
REPAR inizia a lampeggiare
15. spegnere il tasto ripartenza
a. su SHE HONG
i. premere insieme i tasti FN5 e PRSTN (quest’ultimo non deve essere
illuminato)
b. su HARDINGE GX
i. premere il tasto OFFSET/SETTING più volte
ii. premere il softkey +
iii. premere il softkey OPRPN
iv. selezionare la scritta SRNSET
v. con la freccia destra selezionare OFF
16. premere il tasto PROG una volta e compare la schermata RIPART con la scritta REPAR che
lampeggia, se non compare procedere come segue
a. premere il tasto PROG più volte
b. premere il tasto freccia sinistra
c. premere il softkey +
d. premere il softkey RIPART
17. attivare il BLOCCO SINGOLO e premere AVVIO CICLO una volta
18. se sono stati impostati i parametri come suggerito precedentemente, quando si preme
AVVIO CICLO , la macchina attiva automaticamente gli ultimi codici M, S, T e B letti nel
programma, nel caso si voglia intervenire impostando valori diversi procedere come segue:
a. premere il softkey OPRT
b. premere il softkey OVRSTOR
c. digitare il codice e il valore desiderato poi premere il softkey ENTRAT (se per
esempio si vuole inserire S1000 e M3, digitare S1000 poi premere ENTRAT e
digitare M3 poi premere ENTRAT)
d. nel caso si introducono valori errati premere CANCELLA e ripetere il passo
precedente
e. premere AVVIO CICLO per attivare i nuovi parametri
f. premere il softkey OVRSTOR per uscire dalla modifica parametri
19. nella schermata RIPART lampeggiano dei numeri, uno su ogni asse, indicando la sequenza
di movimento (per modificare la sequenza modificare il parametro 7310),
20. ridurre gli avanzamenti RAPIDI e quelli di lavoro per sicurezza, in ogni caso la velocità di
avanzamento assi è quella prevista per il DRY RUN
21. premere AVVIO CICLO per muovere gli assi uno alla volta e raggiungere il punto calcolato
22. premere AVVIO CICLO fino a quando la scritta REPAR scompare
23. premere PROG e poi il softkey VERIF.
24. se tutto è OK, disattivare il BLOCCO SINGOLO e premere AVVIO CICLO per proseguire
il ciclo

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


151
R.F. Celada s.p.a.

24.5 Esecuzione di un programma in ciclo continuo con cambio pallet


1. Il programma interessato non deve avere il codice M30 alla fine del programma ma il codice
M99 per poter ripetere il programma in continuo
2. Il programma interessato deve avere il codice M61 (pallet A) o M62 (pallet B) nel momento
in cui si vuole fare il cambio del pallet
3. Una volta che il centro ha letto il codice M61 o M62, per far fare il cambio pallet
fisicamente, l'operatore deve premere il pulsante WORK SET FIN posizionato nella zona di
carico pezzo
4. Per la messa in ciclo del programma fare come descritto in "Esecuzione di un programma in
automatico"

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


152
R.F. Celada s.p.a.

25 SONDE MISURAZIONE LUNGHEZZA E RAGGIO


UTENSILE (OPZIONALI)
25.1 Premessa
I. Le sonde di azzeramento pezzo o utensili sono di vari tipi e vari modelli, questa parte del
manuale cerca di spiegare alcuni di questi tipi, riferirsi sempre ai manuali forniti con il centro
per un utilizzo corretto in quanto le macroistruzioni, anche se usate con lo stesso CN e con la
stessa sonda ma su macchine diverse, possono avere numeri di richiamo differenti.
II. Tutte le sonde durante il loro funzionamento, si appoggiano alle variabili comuni del gruppo
#500 a #549, queste variabili non vanno modificate diversamente c’è il rischio di collisioni
o misurazioni errate, leggere sempre il manuale fornito con le sonde.

25.2 Azzeramento utensili con sonda Renishaw OTS su Hardinge GX


AVVERTENZE
 Prima di usare le sonde verificare che i parametri 5006.6 e 6006.4 siano a 0 e la variabile
#112 del programma O9750 sia a 0 diversamente fare come segue:
o Se il parametro 5006.6 è a 1 mettere la variabile #112 (O9750) a 1
o Verificare, in aria ed in blocco singolo, il ciclo di calibrazione della lunghezza,
prestando attenzione che l’asse Z non esegua un movimento verso il basso pari alla
lunghezza del master collidendo con la sonda, diversamente, se non ci sono
specifiche particolari da parte del costruttore, settare a 0 i parametri 5006.6, 6006.4 e
la variabile #112
 Se nella macro O9750 s'impostano i parametri #138 e #139 inserendo rispettivamente
lunghezza massima e minima dell'utensile da misurare, quando si usano le macro per
misurare la lunghezza è possibile omettere l'inserimento della lunghezza approssimativa sia
nel correttore sia nella macro tramite il parametro Y, se invece i parametri si metto a 0 è
obbligatorio specificare la lunghezza approssimativa nel correttore o nella Y (in ogni caso è
consigliato specificarlo)
 Per eseguire calibrazioni e misurazioni ottimali eseguire i programmi con l'avanzamento al
100%

CODICI M da inserire nelle macro

M27 attiva il ricevitore


M34 attiva il canale 1 del ricevitore per il dialogo con il presetting
M35 spegne il canale 1
M36 attiva il canale 2 del ricevitore per il dialogo con il tastatore
M37 spegne il canale 2

CALIBRAZIONE SONDA PRESETTING OTS


Per verificare il collegamento e il funzionamento eseguire il seguente programma e durante il
movimento dell'asse Z (con il G31) flettere il PRESETTING per fermarne il movimento, se l'asse Z
non si arresta ricercare la causa prima di proseguire

O0030 (TEST PRESETTING)


G28 G91 Z0
G90
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
153
R.F. Celada s.p.a.

G4 X1.
M27
G4 X1.
M34
G4 X1.
G1 G31 G91 Z-100 F100
G90
G4 X1.
M35
G4 X1.
M30

PREPARAZIONE PRELIMINARE
1. Controllare con un comparatore l'allineamento dello stilo
2. Settare i parametri della macro O9750 come desiderato seguendo la descrizione del manuale
Renishaw H-2000-6537.00.A
3. Montare l'utensile master del quale bisogna misurare la lunghezza e il diametro in modo
preciso
4. Inserire nel correttore lunghezza utensili la lunghezza precisa del master (misurata dal naso
mandrino)
5. Avvicinare il master a circa 10mm sopra lo stilo e nel centro di XY
6. eseguire il seguente programma:

O100 (CALIBRAZIONE OTS)


(D = diametro dello stilo)
(R = diametro del master)
(T = numero correttore dove è scritto la lunghezza del master)
G65 P9855 D12.7 R20 T30
M30

MISURAZIONE LUNGHEZZA UTENSILE

Eseguire il seguente programma:

O0101 (LUNGHEZZA)
T..M6 (questa riga può essere eseguita in MDI)
(B1 = misurazione lunghezza utensile può essere omesso perché valore di default)
(Y = lunghezza approssimativa dell'utensile da misurare)
G65 P9857 B1 Y100
M30

MISURAZIONE LUNGHEZZA E RAGGIO UTENSILE


Eseguire il seguente programma:

O0102 (LUNGHEZZA + RAGGIO)


T..M6 (questa riga può essere eseguita in MDI)
(B3 = misurazione lunghezza e raggio utensile)
(D = diametro dell'utensile)
(Y = lunghezza approssimativa dell'utensile da misurare)
G65 P9857 B3 D20 Y100
M30
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
154
R.F. Celada s.p.a.

25.3 Azzeramento utensili con Renishaw o Marposs su Yasda


25.3.1 Premessa
Alcuni modelli di Yasda hanno un controllo supplementare, chiamato Mascot o Mini Mascot, che
serve per la gestione degli utensili e dei pallet, quindi per fare lo scambio dati utensili tra Fanuc e
Mascot viene scritto, nella macro di cambio utensile, H10 e D10 dove H scambia i dati lunghezza e
D i dati raggio utensili.

25.3.2 Descrizione generale

Descrizione
Il codice di richiamo della macro cambia in base al tipo di misurazione da eseguire di seguito
mostro la macro generale con tutti i parametri possibili

Sintassi
G65 P…. A… B… H… V… I… J… Q…;

P numero del programma macro da richiamare


A numero inserti
B angolo primo inserto da misurare rispetto a M119
H tolleranza positiva (lunghezza)
V tolleranza negativa (lunghezza)
I tolleranza positiva (raggio)
J tolleranza negativa (raggio)
Q numero misurazioni

Per H, V, I, e J inserire sempre valori assoluti, se non specificati hanno valore 0.025 mm.

25.3.3 Programmi per punte

25.3.3.1 Misurazione manuale

1. In MDI richiamare l’utensile da misurare


2. costruire ed eseguire il seguente programma :
H10 (VEDI PREMESSA);
G65 P9310 Q1;
M30;

25.3.3.2 Misurazione automatica senza lunghezza nota

Descrizione
Verrà eseguita una misurazione partendo dal cambio utensile con F1000

Sintassi
Txxx M6 (xxx = NUMERO UTENSILE DA MISURARE) ;
H10 ;
G65 P9320 Q1 ;
M30 ;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
155
R.F. Celada s.p.a.

25.3.3.3 Verifica con tolleranza negativa e positiva

Descrizione
Verrà eseguita una verifica della lunghezza utensile in negativo e/o in positivo se non viene
superata la tolleranza verrà aggiornata la lunghezza utensili altrimenti il centro si ferma o, se
definito, verrà utilizzato un utensile gemello

Sintassi
Txxx M6 ;
H10 ;
G65 P9330 H… V… Q1 ;
M30 ;

25.3.3.4 Verifica rottura utensile

Descrizione
Verrà eseguita una misurazione per controllare l’integrità della lunghezza utensile, se esce dalla
tolleranza in negativo e/o positivo la macchina si arresta e genera un allarme.

Sintassi
Txxx M6;
H10;
G65 P9430 H… V… Q1 ;
M30;

25.3.4 Programmi per bareni

25.3.4.1 Misurazione manuale

Descrizione
Chiamare l’utensile in MDI, portare la placchetta del bareno a 8mm dalla sonda, digitare il
correttore utensile Dxx, premere M1 e eseguire il programma che segue.

Sintassi
H10;
G65 P9350 Q1;
M30;

25.3.4.2 Misurazione in automatico del raggio

Descrizione
Con questa macro verrà eseguita una misurazione che parte dal cambio utensile con F1000

Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9350 Q1;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


156
R.F. Celada s.p.a.

25.3.4.3 Ricerca angolo prima placchetta

Descrizione
Con questa macro verrà cercato l’angolo della prima placchetta per la misurazione di tutti i taglienti
del bareno. L’angolo inserito in B è rispetto a M119.

Sintassi
G65 P9300 B… ;

25.3.4.4 Misurazione lunghezza e raggio

Descrizione
Con questa macro verrà eseguita la misurazione della lunghezza e del raggio utensile.

Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9360 B… A… Q1;
M30;

25.3.4.5 Verifica tolleranza negativa e positiva

Descrizione
Con questa macro verrà eseguita la verifica di usura lunghezza e/o raggio con correzione automatica
se rientra nelle tolleranze o fermata macchina se le supera.

Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9370 B… A… H… V… I… J… ;
M30;

25.3.4.6 Verifica rottura utensile

Descrizione
Con questa macro verrà eseguita la verifica di integrità dell’utensile in lunghezza e/o raggio, se
supera le tolleranze la macchina si ferma e và in allarme.

Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9470 B… A… H… V… I… J… ;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


157
R.F. Celada s.p.a.

25.3.5 Programmi per frese

25.3.5.1 Misurazione lunghezza

Descrizione
Con questa macro si esegue la misurazione della lunghezza utensile
Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9365 B… A… Q1;
M30;

25.3.5.2 Verifica usura utensile negativa e positiva

Descrizione
Con questa macro verrà eseguita la verifica di usura lunghezza con correzione automatica se rientra
nelle tolleranze o fermata macchina se le supera.

Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9375 B… A… H… V… Q1;
M30;

25.3.5.3 Verifica rottura utensile

Descrizione
Con questa macro verrà eseguita la verifica di integrità dell’utensile in lunghezza e/o raggio, se
supera le tolleranze la macchina si ferma e và in allarme.

Sintassi
Txxx M6;
H10 D10;
G65 P9475 B… A… H… V… Q1;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


158
R.F. Celada s.p.a.

25.4 Azzeramento utensili con laser Blum su Yasda (opzione)


Descrizione
Sulle Yasda verticali tipo YBM950V la misurazione dell’utensile può essere eseguita tramite il
sistema Laser Blum.
La Yasda ha realizzato alcuni programmi (macro-istruzione) per eseguire le operazioni di
misurazione e calibrazione, queste macro istruzioni utilizza no le variabili per fare i calcoli
necessari, consultare il manuale del costruttore per registrare e non modificare accidentalmente tali
variabili.

Settaggio parametri preliminari

Blum
Il programma O8935 è il programma che usa Yasda per caricare tutti i valori di base controllare i
seguenti parametri:
#135 decide se scrivere i valori misurati nella GEOMETRIA (#139=1) o nell’USURA (#139=0)
#113 lunghezza master (valore stampato sul master)
#114 raggio master (valore stampato sul master)
#115 altezza stilo rettificato (valore stampato sul master)

Blum NT
Il programma O8971 contiene la configurazione dell’utente, in questo programma controllare i
seguenti parametri
#630=3 lingua messaggi in italiano
#626= lunghezza master (valore stampato sul master)
#627= diametro master (valore stampato sul master)
#628= altezza stilo rettificato (valore stampato sul master)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


159
R.F. Celada s.p.a.

25.4.1 Calibrazione

Descrizione
Operazione da fare la prima volta che si usa, dopo una collisione o ogni volta che si riscontrano
delle anomalie durante la misurazione degli utensili.

Tipo software Blum

Sintassi

G65 P9501 S… Z… Y…

S numero giri (valore da 3000 a 6000, consigliato 1000)


Z svincolo su asse Z (quota macchina)
Y soffio aria (1 soffia , 0 non soffia)

Esempio
Il programma O991 dovrebbe essere già nella memoria della macchina altrimenti costruire il
seguente ed eseguirlo in automatico

O991;
T1 M6 (UTENSILE MASTER);
G65 P9501 S1000 Z0 Y0;
M30;

Tipo software Blum NT

Sintassi

G65 P9601 H… A… R… Z… X… Y…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
A numero di misurazioni
R tolleranza errore massimo misurato
Z spostamento in Z, rispetto alla punta, per misurazione raggio
X spostamento in X, rispetto al centro di rotazione, per misurazione lunghezza
Y pulizia Y1 si, Y0 no

Esempio (Blum NT)


Il programma O971 dovrebbe essere già nella memoria della macchina altrimenti costruire il
seguente ed eseguirlo in automatico

O971;
T1 M6 (UTENSILE MASTER);
M3S3000;
G65 P9601 H1. A3. R0.01 Z0 X0 Y1;
M5;
M30;
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
160
R.F. Celada s.p.a.

25.4.2 Misurazione lunghezza utensile nel centro di rotazione

Descrizione
Questa operazione serve per misurare la lunghezza di qualsiasi utensile, fresa o punta.

Tipo software Blum

Sintassi

G65 P9502 H… A… R… S… W… Z… Y…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
A numero ripetizione misurazione
R errore massimo tra le misurazioni
S numero di giri (da 3000 a 6000, consigliato 3000)
W eventuale valore da sommare o sottrarre alla L misurata
Z quota di svincolo su asse Z (quota macchina)
Y soffio pulizia prima della misurazione (1 soffia, 2 non soffia)

Esempio

In tabella utensile mettere lunghezza approssimativa nel n° correttore uguale al n° utensile, poi
eseguire il programma seguente:

O992 ;
T12 M6 (UTENSILE DA MISURARE);
G65 P9502 H#4120 A3 R0.005 S3000 W0 Z0 Y0 ;
M5 ;
M30 ;

Tipo software Blum NT

Sintassi (Blum NT)

G65 P9602 H… B… W… S… A… R… Y…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
B tipo misurazione (-3=misura NT, -2=verifica NT, -1=integrità NT, 0=misura, 1=integrità,
2=verifica, 3=misura NT)
W eventuale valore da sommare o sottrarre alla L misurata
S usura massima ammessa
A numero ripetizioni
R errore massimo tra le misurazioni
Y soffio pulizia prima della misurazione (1 soffia, 2 non soffia)

Parametri di ritorno
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
161
R.F. Celada s.p.a.

#600=16 per B=+/-1 o B=+/-2 la tolleranza S è stata superata


Esempio (Blum NT)

Se l’utensile da misurare è nuovo,in tabella OFFSET sulla lunghezza mettere 0.

O972 ;
T10 M6 (UTENSILE DA MISURARE);
M3S3000;
G65 P9502 H#4120 B3. W0.S0.05A3.R0.01 Y1 ;
M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


162
R.F. Celada s.p.a.

25.4.3 Misurazione lunghezza e raggio utensile

Descrizione
Questa operazione serve per misurare la lunghezza e il raggio di fresa cilindriche.

Tipo software Blum

Sintassi

G65 P9503 A… B… C… D… E… H… M… Q… R… S… U… W… Z…

A numero ripetizione misurazione


B distanza dal centro fresa per misurare la lunghezza
C numero taglienti
D numero correttore raggio utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
E quota di inizio misurazione del raggio dalla punta utensile (valore positivo)
H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
M direzione di misurazione (“-1” misurazione in direzione Z-, “+1” misurazione in direzione
Z+)
Q tolleranza radiale
R errore massimo tra le misurazioni
S numero di giri (da 3000 a 6000, consigliato 3000)
U eventuale valore da sommare o sottrarre al raggio misurato
W eventuale valore da sommare o sottrarre alla L misurata
Z quota di svincolo su asse Z (quota macchina)

Parametri di ritorno

#108=0 utensile è in tolleranza Q


#108=1 utensile non è in tolleranza Q

Esempio

In tabella utensile mettere lunghezza e raggio approssimativi nei n° correttori uguali al n° utensile,
poi eseguire il programma seguente:

O993 ;
T11 M6 (UTENSILE DA MISURARE);
G65 P9503 A3 B4.9 C3 D#4120 E0.5 H#4120 M-1 Q0.02 R0.01 S3000 U0 W0 Z0 ;
IF [#108 EQ 0]GOTO10 ; se non è fuori tolleranza salta al blocco 10 altrimenti genera l’allarme
#3006=1 (ERRORE-RADIALE-RUNOUT-ECCEDE-TOLLERANZA) ;
N10 ;
M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


163
R.F. Celada s.p.a.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


164
R.F. Celada s.p.a.

Tipo software Blum NT

Sintassi

G65 P9603 H… D… B… S… T… E… M… Z… X… C… Q… W… U… A… R… I… J…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
D numero correttore raggio utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
B tipo misurazione (-3=misura NT, -2=verifica NT, -1=integrità NT, 0=misura, 1=integrità,
2=verifica, 3=misura NT)
S usura massima in lunghezza
T usura massima sul raggio
E cosa misurare (0=lunghezza+raggio, 1=lunghezza, 2=raggio)
M funzione speciale
Z spostamento in Z, rispetto alla punta, dove misurare il raggio utensile
X spostamento in X, rispetto al centro, dove misurare la lunghezza
C numero di taglienti
Q tolleranza ammessa di disassamento
W valore da aggiungere o sommare alla lunghezza misurata
U valore da aggiungere o sommare al raggio misurato
A numero do misurazioni
R errore massimo tra le misurazioni
Y pulizia 1 si 0 no

Parametri di ritorno

#600=16 per B=+/-1 o B=+/-2 la tolleranza S o T è stata superata


#600=15 la tolleranza Q è stata superata

Esempio

Se l’utensile da misurare è nuovo, in tabella OFFSET sulla lunghezza mettere 0.

O973;
T15M6;
M3S3000;
G65P9603H#4120D#4120B-2.S0.5T0.05E0.M-1.Z1.X7.8C3.Q0.1W0.U0.A3.R0.01I-0.1J3.Y1.;
M5;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


165
R.F. Celada s.p.a.

25.4.4 Controllo integrità tagliente

Descrizione
Questa operazione serve per controllare l’integrità dei taglienti fresa.

Tipo software Blum

Sintassi

G65 P9505 D… C… E… F… H… Q… V… Z… Y…

D numero correttore raggio utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
C numero taglienti
E quota di inizio misurazione del raggio dalla punta utensile (valore positivo)
F avanzamento in misurazione
H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
Q tolleranza usura
V lunghezza di scansione
Z quota di svincolo su asse Z (quota macchina)
Y soffio aria prima del controllo (1 soffia, 0 non soffia)

Parametri di ritorno

#108=0 utensile è in tolleranza Q


#108=1 utensile non è in tolleranza Q

Esempio

L’utensile deve essere già misurato in L e R, poi eseguire il programma seguente:

O995 ;
Tx M6 (x = numero utensile da misurare);
G65 P9505 D#4120 C4 E1 F100 H#4120 Q0.05 V10 Z0 Y0 ;
IF [#108 EQ 0]GOTO10 ; se non è fuori tolleranza salta al blocco 10 altrimenti genera l’allarme
#3006=2 (ERRORE-TAGLIENTE-ROTTO) ;
N10 ;
M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


166
R.F. Celada s.p.a.

Tipo software Blum NT

Sintassi

G65 P9605 H… D… C.. Q… Z…V… A… F… Y…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
D numero correttore raggio utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
C numero taglienti
Q tolleranza ammessa di disassamento
Z inizio scansione tagliente, quota rispetto alla punta
V lunghezza da scansionare o passo per utensili a filettare
A numero di posizioni da scansionare per utensili a filettare
F velocità di avanzamento
Y soffio aria (1 soffia, 0 non soffia)

Parametri di ritorno

#600=15 la tolleranza Q è stata superata

Esempio

L’utensile deve essere gia stato presettato sia come lunghezza che raggio.

O0975;
T2M6;
M3S2000;
G65P9605H#4120D#4120C3.Q0.05Z1.V5.A0.F100.;
M5;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


167
R.F. Celada s.p.a.

25.4.5 Controllo forma sfera

Descrizione
Questa operazione serve per controllare l’integrità della sfera su una sferica o toroidale.

Tipo software Blum

Sintassi

G65 P9507 B… C… E… F… H… I… K… Q… V… Z…

B raggio inizio controllo


C numero taglienti
E raggio sfera o spigolo (valore positivo)
F avanzamento in misurazione
H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
I angolo inizio scansione (>0°)
K angolo finale scansione (>I)
Q tolleranza forma
V proseguimento lineare scansione dopo il raggio
Z quota di svincolo su asse Z (quota macchina)

Parametri di ritorno

#108=0 utensile è in tolleranza Q


#108=1 utensile non è in tolleranza Q

Esempio

L’utensile deve essere già misurato in L e R, poi eseguire il programma seguente:

O997 ;
Tx M6 (x = numero utensile da misurare);
G65 P9507 B0 C2 E4 F100 H#4120 I20 K90 Q0.1 V5 Z0 ;
IF [#108 EQ 0]GOTO10 ; se non è fuori tolleranza salta al blocco 10 altrimenti genera l’allarme
#3006=2 (ERRORE-TAGLIENTE-ROTTO) ;
N10 ;
M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


168
R.F. Celada s.p.a.

Tipo software Blum NT

Sintassi

G65 P9607 H… Q… C… X… I… J… K… V… F… Y…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
C numero taglienti
Q tolleranza ammessa di disassamento
X raggio inizio scansione
I angolo inizio scansione
J raggio spigolo
K angolo fine scansione
V lunghezza da scansionare dopo il raggio
F velocità di avanzamento
Y soffio aria (1 soffia, 0 non soffia)

Parametri di ritorno

#600=15 la tolleranza Q è stata superata

Esempio

L’utensile deve essere gia stato presettato come lunghezza.

O0977;
T20M6;
M3S2000;
G65P9607H#4120Q0.5C2.X0.I25.J5.K90.V2.F100.;
M5;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


169
R.F. Celada s.p.a.

25.4.6 Rottura utensile

Descrizione
Questa operazione serve per controllare l’integrità di un utensile.

Tipo software Blum

Sintassi

G65 P9508 B… H… M… Q… S… Z… Y…

B raggio inizio controllo


H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
M direzione di misurazione (+1 misura in Z-, -1 misura in Z+)
Q tolleranza rottura
S numero di giri (da 3000 a 6000, consigliato 3000)
Z quota di svincolo su asse Z (quota macchina)
Y soffio aria prima del controllo (1 soffia, 0 non soffia)

Parametri di ritorno

#108=0 utensile è in tolleranza Q


#108=1 utensile non è in tolleranza Q

Esempio

L’utensile deve essere già misurato in L e R, poi eseguire il programma seguente:

O997 ;
Tx M6 (x = numero utensile da misurare);
G65 P9507 B0 C2 E4 F100 H#4120 I20 K90 Q0.1 V5 Z0 ;
IF [#108 EQ 0]GOTO10 ; se non è fuori tolleranza salta al blocco 10 altrimenti genera l’allarme
#3006=2 (ERRORE-TAGLIENTE-ROTTO) ;
N10 ;
M5 ;
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


170
R.F. Celada s.p.a.

Tipo software Blum NT

Sintassi

G65 P9608 H… X… M… Q… W… Y…

H numero correttore lunghezza utensile, con la variabile #4120 viene caricato in automatico a
secondo del numero abbinato alla T del cambio utensile
X raggio al quale fare il controllo
M direzione di misurazione -1=luce->buio 1=buio->luce
Q tolleranza ammessa di rottura
W correzione in lunghezza
Y soffio aria (1 soffia, 0 non soffia)

Parametri di ritorno

#600=19 utensile rotto

Esempio

L’utensile deve essere gia stato presettato come lunghezza.

O0978;
T20M6;
M3S3000;
G65P9607H#4120X0.M1Q0.5W0.;
M5;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


171
R.F. Celada s.p.a.

25.5 Azzeramento utensili con sonda Okuma su Millac con Fanuc 15i
25.5.1 Taratura sonda

La taratura va eseguita tutte le volte che viene ripristinata una nuova sonda o quando si ha il
sospetto che la stessa abbia qualche problema.

1. Montare nel mandrino l’utensile Master (utensile con lunghezza nota)


2. In MDI digitare e eseguire un M54 per aprire il coperchio della sonda
3. Con il volantino portare il Master nel centro della sonda e a circa 50 mm in Z
4. In MDI digitare e eseguire G100 Zxxx (xxx = lunghezza del Master)

25.5.2 Misurazione della lunghezza utensile

1. In MDI richiamare l’utensile da misurare


2. in MDI digitare e eseguire G101 Hh Ii Jj Rr

dove:
G101 macro di misurazione lunghezza utensile (obbligatorio)
h numero correttore lunghezza utensile, normalmente uguale al numero dell’utensile
(obbligatorio)
i valore dello spostamento in X rispetto al centro, per misurare frese di diametro
maggiore di 30mm . Valore sempre positivo
j valore dello spostamento in Y rispetto al centro, per misurare frese di diametro
maggiore di 30mm. Valore sempre negativo.
r valore del raggio della sfera per frese sferiche.

25.5.3 Controllo rottura utensile

Con la sonda presetting si può controllare l’integrità di un utensile durante la lavorazione.

Nel programma di lavoro, quando si vuole controllare l’utensile, si deve digitare il seguente blocco:
G102 Hh Ss Ii Jj Rr

dove:
G102 richiamo macro di verifica utensile
h numero correttore
s ci sono 3 modi di controllo S0, S1.0 e S2.0
S0 = se l’utensile è rotto il CN segnala un allarme sonoro e un allarme video (TOOL
BROKEN). Per ripartire premere RESET, sostituire l’utensile con uno buono e
presettato.
S1.0 = se l’utensile è rotto, andando a verificare la variabile #100, si può provocare il
cambio pallet e interrompere la lavorazione.
S2.0 = se l’utensile è rotto verrà visualizzato un allarme a video poi dopo aver
resettato e premuto AVVIO CICLO, tramite la verifica della variabile #100, si può
provocare il cambio pallet
i, j, r hanno lo stesso significato come in G101

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


172
R.F. Celada s.p.a.

25.5.4 Esempio controllo con S1.0 o S2.0

Programma
O1000 (PROGRAMMA PRINCIPALE) ;

T10 ;
M6 ;
… (LAVORAZIONE PEZZO) ;
N100 G102 H10 S1.0 (S2.0) ;
N101 IF[#100 EQ 1] GOTO 999 ;
N102(LAVORAZIONI NEL CASO L’UTENSILE NON E’ ROTTO) ;
…;
N999 ;
M60 ;
M30 ;

Spiegazione
Al blocco N100 viene eseguita la verifica dell’utensile.
Nel blocco N101 viene verificata la variabile #100 se l’utensile è rotto questa variabile assume
come valore 1 quindi si salta al blocco N999 per forzare il cambio pallet, se l’utensile è buono la
variabile #100 assume come valore 0 quindi il programma prosegue con il blocco N102.

25.5.5 Con utensile gemello

Se viene generato un allarme, dopo aver verificato l’utensile, e se l’utensile è stato chiamato tramite
la gestione vita utensile (T1001 per chiamare l’utensile 10 del gruppo 1 al posto di T10 e basta), alla
successiva chiamata dell’utensile, verrà chiamato l’utensile gemello.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


173
R.F. Celada s.p.a.

26 SONDE PER MISURAZIONE e ZERO PEZZO


26.1 Premessa
I. Le sonde di azzeramento pezzo o utensili sono di vari tipi e vari modelli, questa parte del
manuale cerca di spiegare alcuni di questi tipi, riferirsi sempre ai manuali forniti con il centro
per un utilizzo corretto in quanto le macroistruzioni, anche se usate con lo stesso CN e con la
stessa sonda ma su macchine diverse, possono avere numeri di richiamo differenti.
II. Tutte le sonde durante il loro funzionamento, si appoggiano alle variabili comuni del gruppo
#500 a #549, queste variabili non vanno modificate diversamente c’è il rischio di collisioni
o misurazioni errate, leggere sempre il manuale fornito con le sonde.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


174
R.F. Celada s.p.a.

26.2 Tastatore Renishaw OMP40 e OMP40-2 su Bridgeport


26.2.1 Operazioni preliminari

1. Verificare ed aggiustare il run-out in modo che abbia l’errore più basso possibile (vedere
istruzioni Renishaw)
2. procurarsi un anello calibrato (tipo il tampone di azzeramento micrometri per interni)
3. rilevare approssimativamente la lunghezza del tastatore dal naso mandrino
4. eseguire le 3 calibrazioni come di seguito

Codice M per accensione e spegnimento

OMP40-2 (Hardinge) OMP40 (no Hardinge) Descrizione


M36 M54 Accende presetting
M37 M74 Accende tastatore
M27 Accende il ricevitore

26.2.2 Calibrazione ed esempi di utilizzo per Bridgeport-Hardinge (OMP40_2)

VERIFICA FUNZIONAMENTO
Prima di usare le sonde verificare che i parametri 5006.6 e 6006.4 siano a 0 diversamente metterli.
Per verificare il collegamento e il funzionamento eseguire il seguente programma e durante il
movimento dell'asse Z (con il G31) flettere il TASTATORE per fermarne il movimento, se l'asse Z
non si arresta ricercare la causa prima di proseguire.

O0030 (TEST TASTATORE)


G28 G91 Z0
G90
G4 X1.
M27
G4 X1.
M36
G4 X1.
G1 G31 G91 Z-100 F100
G90
G4 X1.
M37
G4 X1.
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


175
R.F. Celada s.p.a.

CALIBRAZIONE L TASTATORE

 Controllare il run-out della sfera


 Fissare sulla tavola un anello calibrato
 Creare un'origine (p.e.: G54) con il naso mandrino che sfiora un piano di riferimento
 Avvicinare il tastatore a circa 10mm dal piano di riferimento
 Eseguire il seguente programma:

O0200 (CALIBRA Z OMP40)


G54 (ORIGINE AZZERATA SUL PIANO DI RIFERIMENTO)
(C1 = calibrazione lunghezza tastatore)
(Z = movimento del tastatre entro il quale deve toccare il piano)
G65 P9023 C1 Z-10
M30

CALIBRAZIONE SFERA E CENTRO XY

 Portare in centro del mandrino perfettamente nel centro dell'anello (se desiderato azzerare
un'origine p.e.: G54)
 Scendere in Z per permettere alla sfera di toccare il diametro interno
 Eseguire il seguente programma composto dal richiamo di 2 macro:

O0201 (CALIBRAZIONE SFERA OMP)


G54 G1 X0 Y0 F1000
(C2 = calibrazione posizione sonda in X e Y)
(C3 = calibrazione raggio sfera)
(D = diametro dell'anello calibrato)
G65 P9023 C2 D50.002
G65 P9023 C3 D50.002
M30

ZERO PEZZO NEL CENTRO DI UN FORO

 Portare la sonda nel centro del foro


 Scendere in Z per poter tastare il diametro
 Eseguire il seguente programma:

O0202 (CENTRO FORO)


(D = diametro approssimativo del foro)
(S = numero dell'origine da scrivere)
G65 P9023 D17 S55
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


176
R.F. Celada s.p.a.

ZERO PEZZO IN Z

 Avvicinare il tastatore sopra il piano da azzerare


 Eseguire il seguente programma:

O0203 (MISURA SUPERFICIE)


(S = numero dell'origine da scrivere)
(Z = direzione e movimento entro il quale verrà toccato il piano)
G65 P9023 S55 Z-10
M30

Nota: se al posto di Z si imposta X o Y si azzerano X o Y

ZERO PEZZO NEL CENTRO DI UN PERNO

 Avvicinare il tastatore sopra e nel centro del perno


 Eseguire il seguente programma:

O0204 (MISURA PERNO)


(D = diametro del perno)
(Z = profondità di tastatura)
(S = numero dell'origine da scrivere)
G65 P9023 D65 Z-15 S55
M30

ZERO PEZZO CENTRO TASCA

 Portare il tastatore nel centro


 Scendere in Z alla profondità di tastatura
 Eseguire il seguente programma:

O0205 (MISURA CAVA)


(M1 = accensione sonda)
G65 P9023 M1
(X1 = direzione di tastatura in X)
(D = larghezza in X)
(S = numero dell'origine da scrivere)
(M2 = non accendere e non spegnere la sonda)
G65 P9023 X1 D57 S55 M2
(X = direzione di tastatura in Y)
(D = larghezza in Y)
(S = numero dell'origine da scrivere)
(M2 = non accendere e non spegnere la sonda)
G65 P9023 Y1 D14 S55 M2
(M3 = spegnimento sonda)
G65 P9023 M3
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


177
R.F. Celada s.p.a.

ZERO PEZZO CENTRO PIASTRA

 Portare sonda nel centro della piastra e distante in Z circa 10mm


 Eseguire il seguente programma:

O0206 (CENTRO PIASTRA)


(M1 = accensione sonda)
G65 P9023 M1
(X1 = direzione di tastatura in X)
(D = larghezza in X)
(S = numero dell'origine da scrivere)
(Z = profondità di tastatura)
(M2 = non accendere e non spegnere la sonda)
G65 P9023 X1 D72 S55 Z-15 M2
(X = direzione di tastatura in Y)
(D = larghezza in Y)
(S = numero dell'origine da scrivere)
(Z = profondità di tastatura)
(M2 = non accendere e non spegnere la sonda)
G65 P9023 Y1 D19 S55 Z-15 M2
(M3 = spegnimento sonda)
G65 P9023 M3
M30

ZERO PEZZO IN Z E NEL CENTRO DI UNA PIASTRA

 Eseguire il seguente programma:

O0207(0 Z E PIASTRA)
T30M6 (CHIAMATA TASTATORE)
G55 (ATTIVA ORIGINE PREVENTIVAMENTE FATTA CIRCA NELLA POSIZIONE
FINALE)
G65P9023M1 (ACCENDI SONDA)
G43H30Z200 (CARICA CORRETTORE LUNGHEZZA SONDA)
G65P9770X0Y0F2000 (POSIZIONAMENTO SICURO IN X0 E Y0)
G65P9770Z10F1000 (POSIZIONAMENTO SICURO A Z10)
G65P9023D72X1S55M2Z-15 (AZZERA LATO X)
G65P9023Y1D178S55M2Z-15 (AZZERA LATO Y)
G65P9770Y20F1000 (POSIZIONAMENTO SICURO A Y0)
G65P9023Z-10M2 (AZZERA Z)
G65P9023M3 (SPEGNIMENTO SONDA)
G91G28Z0 (SVINCOLO)
M30

ALTRI PARAMETRI

I = sposta lo zero pezzo in X del valore inserito in I


J = sposta lo zero pezzo in Y del valore inserito in J
K = sposta lo zero pezzo in Z del valore inserito in K

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


178
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3 Calibrazione ed esempi utilizzo per Bridgeport pre Hardinge (OMP40)

26.2.3.1 Calibrazione Z

1. Staffare un anello calibrato sulla tavola della macchina


2. Sfiorare con il naso mandrino il piano superiore dell’anello (se il naso mandrino non arriva
sul blocchetto aiutarsi con un blocchetto Jonshon p.e.: 100mm)
3. premere OFS/SET poi il softkey LAVORO selezionare l’origine da usare per la calibrazione
(p.e.:G59), scrivere Z100 (100 è l’altezza del blocchetto) poi premere il softkey MISURA
4. in OFS/SET premere il softkey COMPEN evidenziare il correttore dove inserire la
lunghezza approssimativa del tastatore (p.e. scegliere il 30 in geometria lunghezza) digitare
il valore e premere INPUT
5. chiamare l’utensile prescelto per il TASTATORE (p.e.: T30 M6) poi caricare il
TASTATORE.
6. avvicinare il tastatore al piano dell’anello
7. creare ed eseguire il programma seguente:
O7001(CALIBRA Z)
T30M6 (CHIAMATA TASTATORE)
G28G91Z0
G90
G80G40
G59 (ORIGINE AZZERATA CON IL NASO MANDRINO)
G1G43H30Z200F5000 (AVVICINAMENTO CON CARICAMENTO CORRETTORE)
M54 (SONDA ON)
G65P9021 (MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z30F3000 (AVVICINAMENTO SICURO)
G65P9017Z0T30 (CALIBRAZIONE)
G65P9014Z200 (SVINCOLO SICURO)
M74 (SONDA OFF)
G65P9022 (MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

8. controllare che nel correttore 30 il valore sia cambiato

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


179
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.2 Calibrazione SFERA TASTATORE in XY

1. Centrare l’anello il più preciso possibile e registrare la posizione in un’origine, p.e.: nella
G59
2. Portare il tastatore circa nel centro dell’anello
3. creare ed eseguire il seguente programma:

O7003(CALIBRA XY)
T30M6
G28G91Z0
G90
G80G40G0
G59X0Y0 (POSIZIONAMENTO NEL CENTRO ANELLO)
G1G43H30Z200F5000 (AVVICINAMENTO E CARICAMENTO COMPENSATORE)
M54 (SONDA ON)
G65P9021 (MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z-10F3000 (DISCESA SICURA NELL’ANELLO)
(D=DIAMETRO FORO ANELLO)
G65P9015D52.001 (CALIBRAZIONE)
G65P9014Z200F5000 (SVINCOLO SICURO)
M74 (SONDA OFF)
G65P9022 (MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

4. nella #500 verrà memorizzato il raggio sfera in X+, nella #501 verrà memorizzato il raggio
sfera in X-, nella #502 verrà memorizzato il raggio della sfera in Y+ e nella #503 verrà
memorizzato il raggio della sfera in Y-. Questi valori non devo essere modificati.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


180
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.3 Calibrazione disassamento sfera TASTATORE rispetto centro mandrino

1. Realizzare un foro alesato in un pezzo


2. creare ed eseguire il seguente programma:

O7002(DISASSAMENTO CENTRO)
T30M6 (CHIAMATA TASTATORE)
G28G91Z0
G90
G80G40G0
G59X0Y0 (POSIZIONAMENTO CENTRO FORO)
G1G43H30Z200F5000 (AVVICINAMENTO E CARICAMENTO CORRETTORE)
M54 (SONDA ON)
G65P9021 (MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z-10F3000 (DISCESA SICURA NEL FORO)
G65P9016D30 (CALIBRAZIONE )
G65P9014Z200 (SVINCOLO)
M74 (SONDA OFF)
G65P9022 (MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

3. in #504 verrà memorizzato il disassamento in X e in #504 verrà memorizzato il


disassamento in Y. Questi valori non devo essere modificati.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


181
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.4 Macro per zero pezzo solo asse X

O6001(ZERO X)
#554=1 (ORIGINE S)
(*********************)
(***ISTRUZIONI***)
(AVVICINARE LA SONDA IN XY DOVE SI VUOLE TOCCARE IL PEZZO)
(AVVICINARE LA SONDA IN Z DOVE SI VUOLE TOCCARE IN X)
(ANDARE IN OFS/SET -> LAVORO)
(SCEGLIERE ORIGINE PRESCELTA IN #554)
(X0 MISURA)
(Z160 MISURA DOVE 160 è LUNGHEZZA TASTATORE)
(SPOSTARE ASSE X NELLA DIREZIONE OPPOSTA ALLA TASTATURA)
(MODIFICARE LA VARIABILE INIZIO PROGRAMMA)
(PREMERE RESET)
(METTERE LA CHIAVE MOVIMENTI A 0)
(PREMERE AUTO)
(PREMERE AVVIO CICLO)
(******************)
T30M6
G28G91Z0
G90
G[53+#554]G40G80
G1G43H30Z200F5000
M54(SONDA ON)
G65P9021(MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z0F3000(AVVICINAMENTO SICURO)
G65P9013X0S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE X0)
G65P9014Z200F5000(SVINCOLO ASSE Z)
M74(SONDA OFF)
G65P9022(MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


182
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.5 Macro per zero pezzo solo asse Y

O6002(ZERO Y)
#554=1 (ORIGINE S)
(*********************)
(***ISTRUZIONI***)
(AVVICINARE LA SONDA IN XY DOVE SI VUOLE TOCCARE IL PEZZO)
(AVVICINARE LA SONDA IN Z DOVE SI VUOLE TOCCARE IN Y)
(ANDARE IN OFS/SET -> LAVORO)
(SCEGLIERE ORIGINE PRESCELTA IN #554)
(Y0 MISURA)
(Z160 MISURA DOVE 160 è LUNGHEZZA TASTATORE)
(SPOSTARE ASSE Y NELLA DIREZIONE OPPOSTA ALLA TASTATURA)
(MODIFICARE LA VARIABILE INIZIO PROGRAMMA)
(PREMERE RESET)
(METTERE LA CHIAVE MOVIMENTI A 0)
(PREMERE AUTO)
(PREMERE AVVIO CICLO)
(******************)
T30M6
G28G91Z0
G90
G[53+#554]G40G80
G1G43H30Z200F5000
M54(SONDA ON)
G65P9021(MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z0F3000(AVVICINAMENTO SICURO)
G65P9013Y0S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Y0)
G65P9014Z200F5000(SVINCOLO ASSE Z)
M74(SONDA OFF)
G65P9022(MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


183
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.6 Macro per zero pezzo solo asse Z

O6003(ZERO Z)
#554=1 (ORIGINE S)
(*********************)
(***ISTRUZIONI***)
(AVVICINARE LA SONDA IN Z DOVE SI VUOLE TOCCARE)
(ANDARE IN OFS/SET -> LAVORO)
(SCEGLIERE ORIGINE PRESCELTA IN #554)
(Z160 MISURA DOVE 160 è LUNGHEZZA TASTATORE)
(MODIFICARE LA VARIABILE INIZIO PROGRAMMA)
(PREMERE RESET)
(METTERE LA CHIAVE MOVIMENTI A 0)
(PREMERE AUTO)
(PREMERE AVVIO CICLO)
(******************)
T30M6
G28G91Z0
G90
G[53+#554]G80G40
G1G43Z200H30F5000
M54(SONDA ON)
G65P9021(MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z50F3000(AVVICINAMENTO SICURO A Z50)
G65P9018Z0S#554Q150 (TASTATURA E IMPOSTAZIONE Z0)
G65P9014Z200F5000(SVINCOLO SICURO A Z200)
M74(SONDA OFF)
G65P9022(MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


184
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.7 Macro per zero pezzo in un foro e poi in Z

O6000(ZERO FORO)
#554=3(ORIGINE S)
#555=62(DIAMETRO FORO)
#556=70(DIAMETRO TASTATURA Z)
(***ISTRUZIONI***)
(AVVICINARE LA SONDA NEL CENTRO FORO)
(AVVICINARE LA SONDA ALLA Z0)
(ANDARE IN OFS/SET -> LAVORO)
(SCEGLIERE ORIGINE PRESCELTA IN #554)
(X0 MISURA)
(Y0 MISURA)
(Z160 MISURA DOVE 160 è LUNGHEZZA TASTATORE)
(MODIFICARE LE VARIABILI INIZIO PROGRAMMA)
(PREMERE RESET)
(METTERE LA CHIAVE MOVIMENTI A 0)
(PREMERE AUTO)
(PREMERE AVVIO CICLO)
(******************)
T30M6
G28G91Z0
G90
G80G40G0
G[53+#554]X[#556/2]Y0
G1G43Z200H30F5000
M54(SONDA ON)
G65P9021(ACCENSIONE SONDA)
G65P9014Z50F5000(AVVICINAMENTO SICURO A Z50)
(P9018 MACRO PER ZERO PEZZO IN Z)
(Z=INSERNDO UN VALORE VERRà CONSIDERATO COME SOVRAMETALLO)
(S=NUMERO ORIGINE)
(Q=MOVIMENTO IN Z ENTRO IL QUALE DEVE TOCCARE IL PEZZO)
G65P9018Z0S#554Q150(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Z0)
G65P9014Z10(SVINCOLO SICURO A Z10)
G65P9014X0Y0(POSIZIONAMENTO SICURO NELE CENTRO FORO)
G65P9014Z-10(INGRESSO SICURO NEL FORO)
(P9019 MACRO TASTATURA FORO)
(D=DIAMETRO FORO)
(S=NUMERO ORIGINE)
G65P9019D#555S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE X0Y0 NEL CENTRO FORO)
G65P9014Z10(SVINCOLO SICURO A Z10)
G65P9014X[#556/2]Y0(POSIZIONAMENTO SICURO E PRECISO PER RIFARE Z0)
G65P9018Z0S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Z0)
G65P9014Z200F5000(SVICOLO SICURO A Z200)
M74(SONDA OFF)
G65P9022(SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
185
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.8 Macro per zero pezzo in uno spigolo e poi in Z

O6005(ZERO SPIGOLO XY Z)
#554=2(ORIGINE S)
(******************)
(***ISTRUZIONI***)
(AVVICINARE LA SONDA NELLO SPIGOLO IN ALTO A SX)
(AVVICINARE LA SONDA ALLA Z0)
(ANDARE IN OFS/SET -> LAVORO)
(SCEGLIERE ORIGINE PRESCELTA IN #554)
(X0 MISURA)
(Y0 MISURA)
(Z160 MISURA DOVE 160 è LUNGHEZZA TASTATORE)
(MODIFICARE LE VARIABILI INIZIO PROGRAMMA)
(PREMERE RESET)
(METTERE LA CHIAVE MOVIMENTI A 0)
(PREMERE AUTO)
(PREMERE AVVIO CICLO)
(******************)
T30M6
G28G91Z0
G90
G80G40G0
G[53+#554]
G1G43Z200H30F5000
M54(SONDA ON)
G65P9021(MACRO ACCENSIONE SONDA)
G65P9014X20Y-20F5000(POSIZIONAMENTO SICURO A XY DI TASTATURA Z0)
G65P9014Z50F3000(AVVICINAMENTO A Z50)
G65P9018Z0S#554Q150(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Z0)
G65P9014Z50F5000(SVINCOLO A Z50)
G65P9014X-20Y20(POSIZIONAMENTO IN XY FUORI DAL PEZZO)
G65P9014Z-3.5(PROFONDITA ALLA QUOTA DI TASTATURA)
G65P9012X0Y0S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE X0 Y0)
G65P9014Z200F5000(SVINCOLO SICURO A Z200)
M74(SONDA OFF)
G65P9022(MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


186
R.F. Celada s.p.a.

26.2.3.9 Macro per zero pezzo nel centro in Y di un albero e poi in Z

O6004(ZERO YZ ALBERI)
#554=1(ORIGINE S)
#555=30(DIAMETRO ALBERO)
#556=50(POSIZIONE TASTATURA Z0 FINALE)
(******************)
(***ISTRUZIONI***)
(AVVICINARE LA SONDA NEL CENTRO ALBERO)
(AVVICINARE LA SONDA ALLA Z0)
(ANDARE IN OFS/SET -> LAVORO)
(SCEGLIERE ORIGINE PRESCELTA IN #554)
(Y0 MISURA)
(Z160 MISURA DOVE 160 è LUNGHEZZA TASTATORE)
(MODIFICARE LE VARIABILI INIZIO PROGRAMMA)
(PREMERE RESET)
(METTERE LA CHIAVE MOVIMENTI A 0)
(PREMERE AUTO)
(PREMERE AVVIO CICLO)
(******************)
T30M6
G28G91Z0
G90
G80G40G0
G[53+#554]Y0
G1G43H30Z160F5000
M54(SONDA ON)
G65P9021(MACRO SONDA ON)
G65P9014Z50F3000(AVVICINAMENTO SICURO A Z50)
G65P9018Z0Q160S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Z0)
G65P9014Y-#555(SPOSTAMENTO SICURO IN Y-)
G65P9014Z-[#555/2](DISCESA SICURA A Z DI TASTATURA)
G65P9013Y0S148(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Y0 IN G54.1P48 SU UN LATO)
#551=#[#106](MEMORIZZAZIONE VALORE Y ORIGINE G54.1P48)
G65P9014Z10(SVINCOLO SICURO A Z10)
G65P9014Y#555(SPOSTAMENTO SICURO A Y+)
G65P9014Z-[#555/2](DISCESA SICURA A Z DI TASTATURA)
G65P9013Y0S148(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Y IN G54.1P48 SU LATO
OPPOSTO)
#552=#[#106](MEMORIZZAZIONE VALORE Y0 ORIGINE G54.1P48)
G65P9014Z50(SVINCOLO SICURO A Z50)
#553=#551+[[ABS[#551]-ABS[#552]]/2](CALCOLO VALORE ORIGINE NEL CENTRO
PEZZO IN Y)
G10L2P#554Y#553(IMPOSTAZIONE Y0 IN ORIGINE DEFINITIVA)
G[53+#554]G90(ATTIVAZIONE ORIGINE)
G65P9014Y0(MOVIMENTO SICURO A Y0)
G65P9014X#556
G65P9014Z10
G65P9018Z0Q50S#554(TASTATURA E IMPOSTAZIONE Z0 NEL CENTRO PEZZO)
G64P9014Z200(SVINCOLO A Z200)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
187
R.F. Celada s.p.a.

M74(SONDA OFF)
G65P9022(MACRO SPEGNIMENTO SONDA)
G28G91Z0
G90
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


188
R.F. Celada s.p.a.

26.3 Tastatore Renishaw su Millac 630VH


26.3.1 Operazioni preliminari

1. Montare nel mandrino il palo calibrato di lunghezza nota (es.200mm)


2. Sfiorare la tavola
3. Premere POS ed evidenziare le quote RELATIVE
4. Premere Z e digitare il risultato della somma lunghezza palo + lunghezza dal centro
rotazione testa al naso mandrino (il risultato deve essere la distanza del centro di rotazione
della testa dalla tavola)
5. Portare la Z in Home Position (guardare le quote MACHINE)
6. Trasferire la quota in Z della RELATIVE nella variabile #503

26.3.2 Da fare sempre prima l’utilizzo

Eseguire il programma O9026 per accendere la sonda :


1. Caricare la sonda nel mandrino
2. Premere il selettore MODE su MDI
3. Digitare “G65 P9026 ;“e premere INSERT
4. Chiudere la porta e premere AVVIO CICLO

26.3.3 Da fare sempre dopo l’utilizzo

Prima di scaricare la sonda eseguire il programma O9027 :


1. MODE su MDI
2. Digitare “G65 P9027 ;” e premere INSERT
3. Chiudere la porta e premere AVVIO CICLO

26.3.4 Calibrazione tastatore in X e Y con la Z perpendicolare (testa a 0°)

1. Montare e fissare un anello calibrato sulla tavola


2. Montare un comparatore bi-millesimale nel mandrino, centriamo l’interno dell’anello e
azzeriamo le posizioni RELATIVE in X e Y
3. Togliere il comparatore dal naso mandrino e in MDI orientare il mandrino eseguendo M19
4. Montare la sonda Renishaw e ritornare in X0 e Y0 rispetto alle posizioni RELATIVE
5. Inserire la sfera del tastatore per circa 10mm all’interno dell’anello
6. In MDI eseguire il seguente programma :
G65 P9100 Bb Dd ; b = diametro sfera d = diametro anello
7. La macchina tasta, in automatico, su quattro punti e per 2 volte l’anello

26.3.5 Calibrazione tastatore in Z

1. Usare come riferimento la tavola o un blocchetto Jonson montato sulla tavola


2. Posizionare il Renishaw a circa 10mm dal riferimento
3. In MDI eseguire il seguente programma :
G65 P9100 Hh ; h = altezza blocchetto o 0 se si misura sulla tavola
4. La macchina esegue due volte la tastatura

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


189
R.F. Celada s.p.a.

26.3.6 Calibrazione tastatore con la testa girata di 90°

Eseguire la procedura come descritta nella calibrazione in X e Y solo il centro.

26.3.7 Misurazione foro e disassamento centro foro

1. Portare il tastatore +/- nel centro e all’interno del foro da misurare


2. Creare un’origine in X, Y ,e Z (quest’ultima non è obbligatorio)
3. Costruire ed eseguire il seguente programma :
G90 G54 (RICHIAMO ORIGINE FATTA AL PUNTO 2);
G65 P9101 Dd ; d = diametro approssimativo del foro da misurare
4. I dati ottenuti dalla tastatura vengono caricati nelle seguenti variabili comuni :
#510 coordinate in X del centro
#511 coordinate in Y del centro
#512 coordinate in Z
#515 diametro misurato
#517 spostamento in X del centro rispetto all’origine attiva
#518 spostamento in Y del centro rispetto all’origine attiva
#519 spostamento in Z del centro rispetto all’origine attiva

26.3.8 Misurazione lunghezza , centro e spostamento dal centro

1. Portare il tastatore +/- nel centro e sopra il pezzo da misurare


2. Creare un’origine in X, Y ,e Z
3. Costruire ed eseguire il seguente programma :
G90 G54 (RICHIAMO ORIGINE FATTA AL PUNTO 2);
G65 P9104 Ww Kk Qq ;
M30 ;
Dove :
w lunghezza approssimativa
k profondità di tastatura
q direzione di tastatura
con testa a 0° Q1 tasta in X Q2 tasta in Y
con testa a 90° Q1 tasta in Y Q2 tasta in Z
4. I dati ottenuti dalla tastatura vengono caricati nelle seguenti variabili comuni :
#510 coordinate in X del centro
#511 coordinate in Y del centro
#512 coordinate in Z
#515 lunghezza misurata
#517 spostamento in X del centro rispetto all’origine attiva
#518 spostamento in Y del centro rispetto all’origine attiva
#519 spostamento in Z del centro rispetto all’origine attiva

26.3.9 Misurazione di una faccia del pezzo X, Y o Z

1. Portare il tastatore +/- nel centro e sopra il pezzo da misurare


2. Creare un’origine in X, Y ,e Z
3. Costruire ed eseguire il seguente programma :
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
190
R.F. Celada s.p.a.

G90 G54 (RICHIAMO ORIGINE FATTA AL PUNTO 2);


G65 P9105 Zn (Xn, Yn) T0. Qq ;
M30 ;
Dove :
n distanza di sicurezza
0. quota di tastatura rispetto all’origine attiva
q direzione di tastatura
con testa a 0° : Q1. tasta in X+, Q2. in X-, Q3. in Y+, Q4. in Y-, Q5. in Z- e Q6. in Z+
con testa a 90°: Q1. tasta in X+, Q2. in X-, Q3. in Y+, Q4 in Y-, Q5. in Z+ e Q6. in Z-
Con i valori in grassetto verrà generato l’allarme 017
4. I dati ottenuti dalla tastatura vengono caricati nelle seguenti variabili comuni :
#510 coordinate in X della faccia
#511 coordinate in Y della faccia
#512 coordinate in Z
#517 spostamento in X del centro rispetto all’origine attiva
#518 spostamento in Y del centro rispetto all’origine attiva
#519 spostamento in Z del centro rispetto all’origine attiva

26.3.10 Allineamento pezzo asse C

1. Portare il tastatore +/- nel centro e sopra il pezzo da misurare


2. Creare un’origine in X, Y ,e Z
3. Costruire ed eseguire il seguente programma :
G90 G54 (RICHIAMO ORIGINE FATTA AL PUNTO 2);
G65 P9106 Xn Yn Zn Im Jm Km Rr Qq ;
M30 ;
Dove :
n coordinate del primo punto di tastatura
m coordinate del secondo punto di tastatura
r distanza di sicurezza in Z
q modo della tastatura
Q1. dopo aver tastato la sonda si allontana di I+R ruota il pezzo per allinearlo a X
e Y e carica la rotazione nella tabella origine per l’origine attiva
Q2. dopo la tastatura carica i valori nelle variabili comuni #514, #517, #518 e
#519
4. I dati ottenuti dalla tastatura vengono caricati nelle seguenti variabili comuni :
#514 coordinate asse C dal piano
#517 spostamento in X del centro rispetto all’origine attiva
#518 spostamento in Y del centro rispetto all’origine attiva
#519 angolo rotazione

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


191
R.F. Celada s.p.a.

26.3.11 Azzeramento pezzo automatico

1. Costruire ed eseguire il seguente programma :


G65 P9200 Ww Xn Yn Zn Cn ;
M30 ;
Dove :
w numero dell’origine (W54. per G54, W1001 per G54.1 P1)
n scostamento dell’origine rispetto al centro del pezzo

26.3.12 Esempio

O1111;
G54 G0 G90 X0 Y0 ;
G65 P9106 X40. Y50. Z-20. I42. J48. K-18. R100. Q2 (MISURA DEL PIANO) ;
G65 P9200 W54. C0 (SETTAGGIO ORIGINE C);
G91 G28 Z0;
G90 G54 G0 X0 Y0 ;
G65 P9104 W168. K-20. Q2. (TROVO CENTRO IN Y) ;
G65 P2000 W54. Y0 (SETTAGGIO ORIGINE IN Y) ;
#540 = #516 (SETTAGGIO LARGHEZZA PEZZO IN Y) ;
G91 G28 Z0 ;
G90 G54 G0 X0 Y0 ;
G65 P9104 W76. K20. Q1. (TROVO CENTRO IN X) ;
G65 P9200 W54. X0 (SETTAGGIO ORIGINE IN X) ;
#541 = #516 (SETTAGGIO LARGHEZZA PEZZO IN X) ;
G91 G28 Z0 ;
G90 G54 G0 X0 Y0 ;
G65 P9105 T0. Q5. (TROVO ORIGINE IN Z) ;
G65 P9200 W54. Z0 (SETTAGGIO ORIGINE IN Z);
G91 G28 Z0;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


192
R.F. Celada s.p.a.

26.4 Tastatore Renishaw su Yasda


26.4.1 Operazioni preliminari

1. Questa operazione va eseguita quando la sonda è nuova, oppure dopo la sostituzione


dell’astina o della batteria.
2. Montare il Renishaw nel mandrino
3. Posizionare il comparatore bi-millesimale (fornito dalla Yasda) sulla tavola in modo da
toccare la sfera del Renishaw (non caricare troppo il comparatore max 0.05mm)
4. Allentare le viti in testa al Renishaw
5. Facendo ruotare a mano il tastatore e agendo sui grani, posti radicalmente al corpo della
sonda, centrare il Renishaw (max eccentricità 0.003mm)
6. Bloccare le viti di testa controllando che non si stari

26.4.2 Calibrazione sonda

1. Nella #500 impostare la lunghezza approssimativa del Renishaw dal naso mandrino
2. Nella #501 impostare il diametro della sfera del Renishaw
3. Montare il calibro di azzeramento della sonda (fornito da Yasda) ,controllare l’allineamento
con un comparatore. Vedi figura :

4. Portare la sfera nel centro in X e Y (errore max. 4mm) e in Z con la sfera all’interno di 5mm
5. Costruire ed eseguire il programma :
G10 L2 P6 Zz (z = QUOTA MACCHINA DELLA SONDA CHE SFIORA IL MASTER);
G59 ;
G65 P9190 Rr (r = DIAMETRO DEL FORO DEL MASTER SCRITTO SULLO STESSO);
M30 ;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


193
R.F. Celada s.p.a.

26.4.3 Descrizione generale

Descrizione
Il codice di richiamo della macro cambia in base al tipo di misurazione da eseguire di seguito
mostro la macro generale con tutti i parametri possibili

Sintassi
G65 P…. X… Y… Z… I… J… K… R… U… W… S… C1. Q… D… E… T… H… B… F0 ;

P numero del programma macro da richiamare


XYZ posizione della misurazione rispetto all’origine attiva
IJK posizione secondo punto di tastatura
R diametro foro da misurare o larghezza da misurare (approssimativo)
U metodo di tastatura vedi tabella nella pagina successiva
W tolleranza sul raggio
S tolleranza sul centro con P9110 o tolleranza punto tastato con P9130
C1. corregge origine
Q numero misurazioni
D distanza tra due punti tastati
E tolleranza su D
T numero correttore utensile da correggere
H salto staffa
B scostamento dal centro nel caso sia utilizzato H
F0 stampa misurazione

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


194
R.F. Celada s.p.a.

U1. U2. U3. U4. U5.


U1.5 U2.5 U3.5 U4.5 U5.5

U6. U7. U8. U9.


U6.5 U7.5 U8.5 U9.5

U9.1 U9.2 U9.3 U9.4


U9.15 U9.25 U9.35 U9.45

U11. U12. U13. U14. U15.


U11.5 U12.5 U13.5 U14.5 U15.5

U16. U17. U18. U19.


U16.5 U17.5 U18.5 U19.5

U19.1 U19.2 U19.3 U19.4


U19.15 U19.25 U19.35 U19.45
Y
Movimento per trovare il centro del foro
Movimento per misurare un diametro
X

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


195
R.F. Celada s.p.a.

26.4.4 Misurazione fori

1. Portare il tastatore +/- nel centro e all’interno del foro da misurare


2. Creare un’origine in X, Y ,e Z es. G54 (quest’ultima non è obbligatorio)
3. Costruire ed eseguire il seguente programma :
G90 G54 (RICHIAMO ORIGINE FATTA AL PUNTO 2);
G65 P9110 X0 Y0 Z-10 Rr U8.5 Ww C1. Q3 F0. ;
M30;
Dove :
XY centro del foro in X e Y
Z posizione misurazione in Z
R diametro foro da misurare
U tipo misurazione (vedi tabella)
W tolleranza sul raggio

26.4.5 Misurazione esterna

1. Portare il tastatore +/- nel centro e all’interno del foro da misurare


2. Creare un’origine in X, Y ,e Z es. G54 (quest’ultima non è obbligatorio)
3. Costruire ed eseguire il seguente programma :
G90 G54 (RICHIAMO ORIGINE FATTA AL PUNTO 2);
G65 P9110 X0 Y0 Z-10 Rr U11.5 Ww C1. Qq F0. ;
M30;
Dove :
XY posizione di partenza in X e Y
Z posizione misurazione in Z
R dimensione da misurare
U tipo misurazione (vedi tabella)

26.4.6 Tastatura punto singolo

Sintassi per X
G90 G54;
G65 P9130 X0 I-20. J20. K-7. S0 C1. F0;
M30;

Sintassi per Y
G90 G54;
G65 P9130 Y0 I-20. J20. K-7. S0 C1. F0;
M30;

Sintassi per Z
G90 G54;
G65 P9130 Z0 I-20. J20. K-7. S0 C1. F0;
M30;

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


196
R.F. Celada s.p.a.

27 PROGRAMMAZIONE CONVERSAZIONALE (opzioni)


27.1 Tipi di sistemi Conversazionali
Esistono diversi tipi di sistemi conversazionali e tutti hanno lo scopo di semplificare la
programmazione in quanto, con l’aiuto di maschere d’inserimento, genereranno dei codici G atti al
richiamo di macro istruzioni prevaricate nel sistema, per eseguire operazioni, che con i codici
standard Fanuc, non possono essere eseguite in modo semplice, per esempio cerchi di fori,
spianature, svuotamenti tasche, ecc.

I tipi di sistemi sono:


1. MANUAL GUIDE installabile su controlli della serie non i
2. MANUAL GUIDE i installabile su controlli della serie i
3. C.A.P. riconoscibile perché per entrarci bisogna premere il sofkey CAP
4. Hartrol CYCLE simile al CAP ma sviluppato solo da She Hong per le sue macchine

27.2 Descrizione generale


Di MANUAL GUIDE ci sono 2 tipi il tipo MANUAL GUIDE i e il MANUAL GUIDE per
capire quale dei 2 tipi è installato quando nella modo Manual Guide si compila un ciclo se questo
crea una macro tipo Gxxxx siamo nel MANUAL GUIDE i se invece crea una macro tipo Gxxx
siamo nel MANUAL GUIDE.
Con l’opzione MANUAL GUIDE si riesce a programmare velocemente, a bordo macchina, il
percorso di qualsiasi particolare, senza dover conoscere la programmazione ISO (anche se è
preferibile conoscerla per velocizzare la programmazione ulteriormente).
Con il MANUAL GUIDE si possono eseguire tutti i tipi di operazioni come sgrossature, finiture,
filetti, ecc.
Questa parte del manuale non prevede la spiegazione completa del MANUAL GUIDE, ma solo un
approccio con una prova di programmazione, per una conoscenza approfondita leggere i manuali
della Fanuc.
Il sistema C.A.P. è una implementazione del programma ISO in modo da poter programmare
operazioni non complesse come tasche, asole, spianature, forature, ecc. semplicemente compilando
una maschera del ciclo desiderato.

La scritta SK nella descrizione vuol dire SOFTKEY (tasti sulla cornice del monitor che attivano la
funzione descritta nel monitor al di sopra del tasto stesso).

27.3 Attivazione
Nel caso del MANUAL GUIDE (qualsiasi tipo) il costruttore della macchina avrà previsto una
chiave o un pulsante per entrare nella programmazione conversazionale, nel caso del C.A.P. in
EDIT si dovrà premere il softkey C.A.P ed in fine nel caso di Hartrol andrà premuto il tasto
CUSTOM poi il softkey CYCLE

27.4 Note generali


 La profondità nei cicli è considerata assoluta, indipendentemente dallo 0 pezzo in Z, la Z
iniziale e finale verranno specificate nella descrizione della figura da lavorare.
 Nelle finiture prestare attenzione alla distanza di sicurezza in Z in quanto è una distanza
considerata dal piano di lavorazione e non dallo zero pezzo, tale avvicinamento avviene in
rapido.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


197
R.F. Celada s.p.a.

27.5 Schema compilazione programma tipo MANUAL GUIDE i


1. Premere il tasto MANUAL GUIDE
2. mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il tasto PROG
4. premere il SK “NUOVO P”
5. digitare il N° del programma da creare, esempio “1234”
6. premere il SK “CREA”
7. premere il SK “>”
8. premere il SK “START” o “INIT”
9. scegliere con le freccie cursore “GREZZO”
10. scegliere il tipo di grezzo desiderato, esempio “PARALLELEPIPEDO” e premere “SELEZ”
11. per esempio per un parallelepipedo 200*200*50 con lo 0 pezzo nel centro, compilare la
schermata come segue:
a. LARGHEZZA = 100
b. PROFONDITA’ = 100
c. ALTEZZA = 50
d. ORIGINI PEZZO X = 50
e. ORIGINI PEZZO Y = 50
f. ORIGINI PEZZO Z = 0
12. premere il SK “INSER”
13. digitare i blocchi contenenti le normali informazioni come un programma ISO standard, per
esempio :
a. T1 M6 ;
b. M3 S1000 ;
c. G0G54G90X…Y… ;
d. G43 Z… H1 D1 ;
14. premere il SK “CICLO” per scegliere il ciclo desiderato (muoversi con le freccie cursore) tra :
a. FORATURA
1. CENTRATURA
2. FORATURA
3. MASCHIATURA
4. ALESATURA
5. BARENATURA
6. BARENATURA FINE
7. BARENATURA POSTERIORE
b. SFACCIATURA (spianatura)
1. SFACCIATURA (SGROSSATURA)
2. SFACCIATURA (FINITURA)
c. CONTORNATURA
1. CONTORNATURA PARETE ESTERNA (SGROSSATURA)
2. CONTORNATURA PARETE ESTERNA (FIN. FONDO)
3. CONTRONATURA PARETE ESTERNA (FIN. LATERALE)
4. CONTRONATURA PARETE ESTERNA (SMUSSATURA)
5. CONTRONATURA PARETE INTERNA (SGROSSATURA)
6. CONTRONATURA PARETE INTERNA (FIN. FONDO)
7. CONTORNATURA PARETE INTERNA (FIN. LATERALE)
8. CONTORNATURA PARETE INTERNA (SMUSSATURA)
9. CONTORNATURA PARZIALE (SGROSSATURA)
10. CONTORNATURA PARZIALE (FIN. FONDO)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
198
R.F. Celada s.p.a.

11. CONTRONATURA PARZIALE (FIN. LATERALE)


12. CONTORNATURA PARZIALE (SMUSSATURA)
d. LAVORAZIONE TASCHE
1. LAVORAZIONE TASCHE (SGROSSATURA)
2. LAVORAZIONE TASCHE (FIN. FONDO)
3. LAVORAZIONE TASCHE (FIN. LATERALE)
4. LAVORAZIONE TASCHE (SMUSSATURA)
e. LAVORARIONE GOLE
1. LAVORAZIONE GOLE (SGROSSATURA)
2. LAVORAZIONE GOLE (FIN. FONDO)
3. LAVORAZIONE GOLE (FIN. LATERALE)
4. LAVORAZIONE GOLE (SMUSSATURA)
5. LAVORAZIONE GOLE (ASSE C)
15. dopo aver evidenziato il ciclo premere il SK “SELEZ”
16. con le freccie cursore SU/GIU scegliere il campo da compilare e premere INPUT (i campi con *
sono facoltativi)
17. premere il SK “INSER” per inserire il ciclo
18. a secondo del ciclo compilato comparirà la maschera “FIGURA DA FRESARE” per inserire le
coordinate di lavoro, per esempio se si è scelto un ciclo di foratura comparirà la maschera
“POSIZIONE FORI” con tutti i cicli dedicati alla lavorazione di fori come GRIGLIA, ARCO,
CERCHIO, PUNTI ARBITRATI, ecc.
19. scegliere il ciclo desiderato premere INPUT
20. compilare il ciclo e premere il SK “INSER” per inserire il ciclo (fare attenzione al parametro
POSIZIONE BASE il quale indica la quota Z del piano di lavoro, quindi le coordinate di Z
descritte nel ciclo di foratura come la Z di profondità e la Z di avvicinamento saranno valori
incrementali rispetto a questo parametro)
21. continuare il programma per le lavorazione successive
22. ultimare il programma inserendo il codice M30
23. premere il SK “>”
24. premere il SK “COR UT” per inserire i dati utensili come lunghezza, raggio e forma
a. CORRE. UTENSILI
1. Lunghezza e Raggio
b. DATI UT. (per ogni utensile da visualizzare durante la prova grafica) :
1. scegliere il N° utensile
2. scegliere il tipo di utensili con i SK dedicate
3. compilare i campi spostandosi orizzontalmente con il cursore
c. premere il SK “CHIUDI” per uscire e salvare i dati
25. mettere il selettore MODE su AUTO
26. premere il SK “RIAVVIO”
27. premere il SK “SIMULA”
28. premere il SK “START” per lanciare la prova grafica con macchina ferma, se la grafica non
viene visualizzata correttamente premere il SK “>” e manipolare la grafica con i SK poi
riprovare.
29. per eseguire la lavorazione del programma premere il tasto AVVIO CICLO

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


199
R.F. Celada s.p.a.

27.6 Conversione di un programma da MANUAL GUIDE i a ISO


1. Premere il tasto per passare nel sistema MANUAL GUIDE
2. mettere il selettore MODE su EDIT
3. premere il SK “LISTA O”
4. scegliere il programma da convertire e premere INPUT
5. mettere il selettore MODE su AUTO
6. premere il SK “>”
7. premere il SK “CNV NC”
8. digitare un numero per il nuovo programma
9. premere il SK “CREA”
10. premere il SK “START”
11. attendere la completa conversione

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


200
R.F. Celada s.p.a.

27.7 Esempio di programma MANUAL GUIDE i

O0027(PRINCIPALE-CROCE)
G1902B200.D200.H82.I100.J100.K2. (SOLIDO-PER-GRAFICA)
G28G91Z0.
G90
(FR.D63)
T1M6
T2
S1000M3
G54G90G0X-140.Y-100.
G43Z2.H1D1
G1021L50.F3000.E5000.W2.P2.V2000.C5.M10.A1.B3.Z2. (SFACCIATURA-PIANO)
G1220T1.B0.H0.V0.U200.W200.
G28G91Z0.
G90
(FR.D32)
T2M6
T3
S1000M3
G54G90G0X-130.Y0
G43Z2.H2D2

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


201
R.F. Celada s.p.a.

G1060T28.2S75.L24.J10.K0.2H0.2F3000.V3000.E1000.W2.C2.P1.R2.Q1.X2.Z2.
(CONTORNATURA)
M98P28(SOTTOPROGRAMMA-PROFILO-CROCE)
G0Z2.
X0Y0
G1040L16.J2.K0.2H0.2F3000.V3000.E100.W2.B2.C2.Z2.(SVUOTAMENTO)
G1221T3.B0.L-30.H0.V0.R35. (DEFINIZIONE-TASCA-CIRCOLARE)
G0Z2.
G28G91Z0.
G90
(FR.D16)
T3M6
T4
S1000M3
G0G90G54X0Y0
G43Z2.H3D3
G1061T30.S75.L12.F3000.V3000.E3000.W2.C2.P1.R2.Q1.X2.Z2.(FINITURA-PROFILO)
M98P28 (SOTTOPROGRAMMA-PROFILO-CROCE)
G1065T30.S35.L12.F3000.V3000.E1000.W2.C2.P2.R2.Q3.X2.Z2.(FINITURA-TASCA)
G1221T3.B0.L-30.H0.V0.R35. (DEFINIZIONE-TASCA-CIRCOLARE)
G28G91Z0
G90
(PT.CE)
T4M6
T5
S1000M3
G54G90G0X0Y0
G43Z2.H4D4
G1000W1.I3.L-2.C2.F2000.Z2.(CICLO-CENTRATURA)
G1210B0.H0.V75.A0.C-75.(PUNTI-ARBITRARI)
G80
G1000W1.I2.J2.L-2.C2.F2000.Z2.(CICLO-CENTRATURA)
G1214B-30.H-60.V-60.U120.W120.I2.J2.K0.M90.(RETTANGOLO-PUNTI)
G80
G28G91Z0
G90
(PT.D10.75)
T5M6
T6
S1000M3
G54G90G0X0.Y75
G43Z2.H5D5
G1001W4.Q5.I3.L-60.K0.C2.F2000.Z2. (CICLO-FORATURA)
G1210B0.H0.V75.A0.C-75.(PUNTI-ARBITRARI)
G80
G28G91Z0.
G90
(MS.M12)
T6M6
T7
G0G54G90X0Y75.
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
202
R.F. Celada s.p.a.

G43Z2.H6D6
G1002W1.D1.75I3.L-50.C2.Z2.R2.S1000. (CICLO-MASCHIATURA)
G1210B0.H0.V75.A0.C-75.(PUNTI-ARBITRARI)
G80
G28G91Z0
G90
(PT.D20)
T7M6
T1
S2000M3
G54G90G0X-60.Y-60.
G43Z2.H7D7
G1001W4.Q5.I2.J2.L-55.K0.C2.F2000.Z2.(CICLO-FORATURA)
G1214B-30.H-60.V-60.U120.W120.I2.J2.K0.M90.(RETTANGOLO-PUNTI)
G80
G28G91Z0
G90
M30

O0028(PROFILO-CROCE-CREATO-CON-FIGURA)
G1200T2.H-90.V0.B0.L-30.
G1201H-90.V15.K3.D25.L0.M0.T1.
G1205H-80.V25.R10.I-80.J15.K2.T1.
G1201H-45.V25.K1.C-25.L0.M0.T1.
G1205H-25.V45.R20.I-45.J45.K3.T1.
G1201H-25.V80.K3.D90.L0.M0.T1.
G1205H-15.V90.R10.I-15.J80.K2.T1.
G1201H15.V90.K1.C25.L0.M0.T1.
G1205H25.V80.R10.I15.J80.K2.T1.
G1201H25.V45.K7.D25.L0.M0.T1.
G1205H45.V25.R20.I45.J45.K3.T1.
G1201H80.V25.K1.C90.L0.M0.T1.
G1205H90.V15.R10.I80.J15.K2.T1.
G1201H90.V-15.K7.D-25.L0.M0.T1.
G1205H80.V-25.R10.I80.J-15.K2.T1.
G1201H45.V-25.K5.C25.L0.M0.T1.
G1205H25.V-45.R20.I45.J-45.K3.T1.
G1201H25.V-80.K7.D-90.L0.M0.T1.
G1205H15.V-90.R10.I15.J-80.K2.T1.
G1201H-15.V-90.K5.C-25.L0.M0.T1.
G1205H-25.V-80.R10.I-15.J-80.K2.T1.
G1201H-25.V-45.K3.D-25.L0.M0.T1.
G1205H-45.V-25.R20.I-45.J-45.K3.T1.
G1201H-80.V-25.K5.C-90.L0.M0.T1.
G1205H-90.V-15.R10.I-80.J-15.K2.T1.
G1201H-90.V0.K3.D0.L0.M0.T1.
G1206
M99

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


203
R.F. Celada s.p.a.

27.8 Schema compilazione programma tipo MANUAL GUIDE


1. Premere il tasto MANUAL GUIDE
2. premere il tasto EDIT
3. premere il tasto PROG
4. digitare il N° del programma da creare, esempio “O1234”
5. premere il INSERT
6. premere il softkey INIZ per inserire il pezzo grezzo, servirà per la successiva prova grafica,
compilare i campi seguenti e premere ogni volta INPUT e alla fine INSERT per inserirlo nel
programma:
a. COORDINATE W scegliere con i softkey l’origine di lavoro
(G54,G55,ecc.)
b. FORMA P scegliere tra RETT (rettangolo) e CILIN (cilindro)
c. ORIGINE X digitare dove il centro del disegno rispetto zero pezzo
d. ORIGINE Y come sopra ma per Y
e. ORIGINE Z come sopra ma per Z
f. LARGHEZZA I lunghezza totale
g. PROFONDITA J larghezza totale
h. ALTEZZA K altezza totale
7. proseguire il programma digitando le solite informazioni ISO per chiamare e posizionare
l’utensile desiderato come per esempio:
T1 M6;
T2;
S1000 M3;
G0 G54 G90 X… Y…;
G43 Z… H1 D1;
8. premere il softkey CICLI (se non compare premere la freccia softkey a sinistra sul monitor poi
EDIT) per scegliere tra:
a. FORO
i. FORATURA
ii. BARENATURA
iii. MASCHI (maschiatura)
iv. MSCRGD (maschiatura rigida)
b. SCHEMA
i. PUNTI
ii. LINEA
iii. GRIGLIA
iv. QUADRO
v. CERCHI
vi. ARCO
c. FACCIA (spianatura)
i. QUADRO
ii. CERCHI
d. LATO (contornatura)
i. QUADRO
ii. CERCHI
iii. OVALE
iv. S LATO (un solo lato)
v. CONTOR
e. TASCA
i. QUADRO
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
204
R.F. Celada s.p.a.

ii. CERCHI
iii. OVALE
iv. GOLA
v. CONTOR
vi. GOLA C
9. dopo aver scelto il ciclo desiderato, compilarlo in tutti i campi premendo ogni volta INPUT per
confermare e poi INSERT per inserirlo nel programma. Tra i parametri dei cicli ci sono i
seguenti che meritano una descrizione :
a. TIPO sgrossatura o finitura
b. PUNTO FINALE Z quota finale in Z
c. RIMOZIONE quanto materiale c’è da togliere rispetto alla Z finale
d. PASSO DI RIMOZIONE profondità di passata
e. FINITURA FONDO sovrametallo in Z
f. FINITURA LATO sovrametallo in XY
g. PROF. DI TAGLIO (%) percentuale del diametro fresa usato
h. RIMOZIONE LATO quanto materiale c’è da togliere sulle pareti
10. dopo aver compilato e inserito un ciclo di foratura, compaiono i softkey SCHEMA per inserire
le coordinate di lavorazione, scegliere e compilare il ciclo desiderato se il ciclo di foratura deve
essere usato per più SCHEMI, inserire SI nel parametro CONTINUA in modo da non chiuderlo
11. se in TASCA si sceglie GOLA C o CONTOR o se in LATO si sceglie CONTOR dopo aver
compilato e inserito il ciclo scelto compariranno i softkey per descrivere il percorso de profilo
da lavorare con aiuto grafico. I softkey sono i seguenti:
a. INIZIO primo punto che determina l’inizio del profilo
b. LINEA retta
c. ARCO O cerchio orario
d. ARCO A cerchio antiorario
e. SMUSSO smusso
f. RACCOR raccordo
g. FINE inserire dopo il blocco dell’ultimo punto del profilo
h. TANGEN se premuto prima di LINEA o ARCO quest’ultimo sarà tangente
all’elemento precedente
i. RICALC ricalcala il percorso dopo un modifica del profilo
12. altri softkey di EDIT:
a. UTENSILI chiamata utensile, sconsiglio l’uso è meglio il classico: T1 M6
b. MSF permette di inserire codici MSF in alternativa digitarli direttamente
c. COMP permette di attivare la lunghezza utensile e/o la compensazione raggio
d. POSTIN permette di programmare un posizionamento come G0/G1, G91 X…
Y…
e. CONTOR permette di programmare un profilo
13. compilare il programma con le operazioni desiderate
14. chiudere il programma con M30
15. per compilare le origini o i dati utensili premere la freccia softkey sinistra sul monitor poi
premere il softkey EDIT poi premere 2 volte la freccia softkey destra e scegliere tra:
a. CO LAV origini
b. OFFSET utensili
16. per fare la prova grafica:
a. premere il tasto AUTO
b. premere il softkey CONTR
c. premere il softkey ANIMAZ o PERCOR
d. premere il softkey ESEGUI
17. dopo aver piazzato la macchina premere AVVIO CICLO per eseguire il programma.
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
205
R.F. Celada s.p.a.

27.9 Esempio di programma MANUAL GUIDE

O0004(,,200610201055)
G300W1.P1.X138.Y98.Z0I280.J200.K30.A3.S4.B2.M3.
T1M6
S1000M3
G43G0G54G90Z50H1D1
G0X-30Y-30
Z2
G224P1.Z-30.S5.D0.200B30.J5.H0C70.F1000.E2000.L3.W1.U1.A1.M5.N90.R1.X5.Y90.
G100X0Y0E1.
G101X0Y120.Q2.B3.N120.
G103X30.Y150.R30.I0J150.Q2.E30.M30.N150.
G102X60.Y180.R30.R30.I60.J150.Q2.E30.M60.N180.
G101X181.Y180.Q2.B1.M191.
G105X191.Y170.R10.I181.J170.B2.
G101X191.Y160.Q2.B7.N160.
G103X241.Y110.R-50.R-50.I191.J110.Q2.V191.W110.M241.N110.
G101X251.Y110.Q2.B1.M261.
G105X261.Y100.R10.I251.J100.B2.
G101X261.Y25.Q2.B7.N0
G104X236.Y0I25.
G101X0Y0Q2.B5.M0N0
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
206
R.F. Celada s.p.a.

G106P1.
G0Z2.
G231P1.Z-15.B15.J5.H0D0.200C70.F1000.E1000.X93.Y105.R30.L3.W1.
G0Z50.
T2M6
S1000M3
G43G54G90G0Z50H2D2
X-30Y-30
Z2
G224P3.Z-30.B30.H0F1000.E2000.L3.W1.U1.A1.M5.N90.R1.X5.Y90.
G100X0Y0E1.
G101X0Y120.Q2.B3.N120.
G103X30.Y150.R30.I0J150.Q2.E30.M30.N150.
G102X60.Y180.R30.R30.I60.J150.Q2.E30.M60.N180.
G101X181.Y180.Q2.B1.M191.
G105X191.Y170.R10.I181.J170.B2.
G101X191.Y160.Q2.B7.N160.
G103X241.Y110.R-50.R-50.I191.J110.Q2.V191.W110.M241.N110.
G101X251.Y110.Q2.B1.M261.
G105X261.Y100.R10.I251.J100.B2.
G101X261.Y25.Q2.B7.N0
G104X236.Y0I25.
G101X0Y0Q2.B5.M0N0
G106P1.
G0Z2.
G231P2.Z-15.B15.H0D0.200C70.F1000.E1000.X93.Y105.R30.L3.W1.
G231P3.Z-15.B15.J15.H0F1000.E1000.X93.Y105.R30.L3.W1.
G0Z50.
T3M6
S1000M3
G43G54G90G0Z50H3D3
X113Y158
Z2
G232P1.Z-20.B20.J5.H0D0C70.F1000.E1000.X88.Y158.U50.R10.L3.W1.A0
G232P1.Z-20.B20.J5.H0D0C70.F1000.E1000.X30.500Y50.500U50.R10.L3.W1.A90.
G232P1.Z-20.B20.J5.H0D0C70.F1000.E1000.X106.870Y18.730U50.R10.L3.W1.A45.
G0Z50.
T4M6
S1000M3
G90G54G43G0Z50H4D4
X17Y19.5
G99G81Z-3.R2.F1000K0
G200X17.Y19.500A41.B19.500C65.D19.500E72.500F35.H80.500I51.500J136.K19.500L160.M19
.500Q2.
G201W1.X190.Y15.500A45.N4.P15.Q1.
G0Z50.
T5M6
S1000M3
G90G54G0G43Z50H5D5
X17Y19.5
G99G73Z-35.R2.Q5.F1000K0
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
207
R.F. Celada s.p.a.

G200X17.Y19.500A41.B19.500C65.D19.500E72.500F35.H80.500I51.500J136.K19.500L160.M19
.500Q1.
G0Z50.
T6M6
S1000M3
G0G90G54G43Z50H6D6
X17Y19.5
G243I2.M1.Z-35.R2.P0F1750.S1000.K0
G200X17.Y19.500A41.B19.500C65.D19.500E72.500F35.H80.500I51.500J136.K19.500L160.M19
.500Q1.
G0Z50
T7M6
S1000M3
G0G90G54G43Z50H7D7
X190Y15.5
G99G83Z-35.R2.Q10.F1000K0
G201W1.X190.Y15.500A45.N4.P15.Q1.
G0Z50.
T8M6
S1000M3
G0G90G54G43Z50H8D8
X190Y15.5
G99G76Z-35.R2.Q0.200P0F1000K0
G201W1.X190.Y15.500A45.N4.P15.Q1.
G0Z50.
M30

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


208
R.F. Celada s.p.a.

27.10 Schema compilazione programma tipo C.A.P.


1. mettere il MODE su EDIT
2. premere il tasto PROG
3. digitare il N° del programma da creare, esempio “O1234”
4. premere il tasto INSERT
5. premere il tasto EOB poi il tasto INSERT
6. digitare i blocchi contenenti le normali informazioni come un programma ISO standard, per
esempio :
T1 M6 ;
M3 S1000 ;
G0G54G90X…Y… ;
G43 Z… H1 D1 ;
7. per inserire un ciclo nel programma fare come segue:
 premere il SK C.A.P. per entrare nel sistema di programmazione guidata
 scegliere tra i SK per scegliere il tipo di lavorazione da eseguire
 scegliere tra i SK l’operazione desiderata e compilare la maschera che compare
confermando i parametri con INPUT (il ciclo viene inserito automaticamente nel
programma)
 premere il SK FIGURE (se disponibile) per scegliere il modello del percorso da
seguire e compilare la maschera che compare confermando i parametri con INPUT
(il ciclo viene inserito automaticamente nel programma)
 premere FINE per ritornare al programma o scegliere SUCC. F per inserire altri
cicli
I cicli e le figure disponibili, nella prima pagina dei softkey, sono i seguenti:
FORATURA
CENTRATURA
FORATURA
MASCHIATURA
ALESATURA
BARENATURA
BARENATURA FINE
BARENATURA POSTERIORE
FIGURA
PUNTI
LINEA UGUALE
LINEA NON UGUALE
GRIGLIA
QUADRO
CERCHIO
ARCO UGUALE
ARCO NON UGUALE
SFACCIATURA (spianatura)
SFACCIATURA (SGROSSATURA)
SFACCIATURA (FINITURA)
FIGURA
QUADRATO
CERCHIO
LAVORAZIONE TASCHE
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
209
R.F. Celada s.p.a.

LAVORAZIONE TASCHE (SGROSSATURA)


LAVORAZIONE TASCHE (FIN. FONDO)
LAVORAZIONE TASCHE (FIN. LATERALE)
LAVORAZIONE TASCHE (SMUSSATURA)
LAVORAZIONE TASCHE (CENTRATURA)
LAVORAZIONE TASCHE (FORATURA)
FIGURA
FIGURA FISSA – QUADRO
FIGURA FISSA – CERCHIO
FIGURA FISSA – OVALE
LAVORARIONE GOLE
LAVORAZIONE GOLE (SGROSSATURA)
LAVORAZIONE GOLE (FIN. FONDO)
LAVORAZIONE GOLE (FIN. LATERALE)
LAVORAZIONE GOLE (SMUSSATURA)
LAVORAZIONE GOLE (CENTRATURA)
LAVORAZIONE GOLE (FORATURA)
FIGURA
FIGURA FISSA – LINEA
Nella seconda pagina dei softkey si trovano le seguenti opzioni:
PROCESS (compilare solo i campi che si vuole inserire nel programma)
F avanzamento
DIR senso di rotazione
S numero di giri
CLT refrigerante
NUM numero utensile
H correttore lunghezza utensile
D correttore raggio utensile
LEN direzione di compensazione lunghezza utensile
DIA direzione di compensazione raggio utensile
G CODE (aiuto sui codici G iso)
Digitare il numero del codice G del quale si desidera avere un aiuto (es. 81
per il G81) poi premere INPUT, scegliere tra il SK TESTO o GRAF per
commutare l’aiuto tra testo e grafico
M CODE (aiuto sui codici M)
Digitare il numero del codice M del quale si desidera avere un aiuto (es. 6 per
il M6) poi premere INPUT
COUNTUR (programmazione profilo)
NEW creare un nuovo profilo
EDIT modificare l’ultimo profilo creato
LINEA
ARCO ORARIO
ARCO ANTIORARIO
RACCORDO
SMUSSO
MODIFI (modifica i dati introdotti)
RICALC (ricalcala il percorso dopo una modifica del programma)
GRAPH (visualizza la grafica del programma)
NC CNV (converte il profilo in codice ISO)
STOP (esce dalla definizione del profilo)
8. dopo aver terminato con il C.A.P. proseguire il programma con il linguaggio ISO
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
210
R.F. Celada s.p.a.

27.11 Esempio di programma tipo C.A.P.

1. Creare un file in ISO e compilare i soliti blocchi iniziali


2. portare il cursore nel punto in cui si vuole inserire il percorso realizzato con il C.A.P.
3. premere < sul monitor e poi premere C.A.P.
4. premere > sul monitor e poi premere CONTOR
5. premere il SK NUOVO per iniziare a disegnare il profilo
6. inserire gli elementi come da tabella seguente:

Premere il SK dell’elemento poi inserire il valore e confermare con


PUNTO INIZIALE X: -40 INPUT
Y: 0 INPUT
OK
ARCO ORARIO R: 40 INPUT
I: 0 INPUT
J: 0 INPUT
OK
LINEA TANGENZA: ULTIMO OK
ARCO R: 15 INPUT
I: 100 INPUT
J: 0 INPUT
TANGENZA: ULTIMO OK
LINEA TANGENZA: ULTIMO OK
ARCO ORARIO X: -40 INPUT
Y: 0 INPUT
R: 40 INPUT
I: 0 INPUT
J: 0 INPUT
TANGENZA: ULTIMO OK
7. premere > sul monitor
8. premere il SK CNV NC e confermare con SI
9. premere < per tornare al programma ISO

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


211
R.F. Celada s.p.a.

27.12 Hartrol

COME ENTRARE

Per entrare nella modalità d’inserimento dei cicli su un centro di lavoro She Hong con il sistema
Hartrol fare come segue:
1. Nel pannello operatore in MODE attivare EDIT
2. Premere il tasto PROG
3. Scegliere un programma diverso da quello che si vuole modificare
4. Premere il tasto CUSTOM
5. Premere la freccia sinistra sul monitor per 2 volte

6. Premere la freccia di destra sul monitor per 1 volta

7. Premere il softkey CYCLE

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


212
R.F. Celada s.p.a.

MENU DISPONIBILI

O SET da premere, dopo aver digitato il numero senza la “O”, del programma che si vuole
modificare o creare
MENU per visualizzare i cicli fissi, dopo aver premuto MENU compariranno altri 4 softkey
che dividono per tipo i cicli di lavorazione.

Per iniziare a compilare un ciclo bisogna prima premere il softkey del gruppo poi
digitare il numero del ciclo e premere INPUT successivamente compilare i campi
proposti e infine premere il softkey INSERT per inserire il ciclo nel programma.
I gruppi sono:
HOLES maschere per calcolo punti per i cicli di foratura
(cerchio fori, griglia, arco, ecc.)
FACE cicli di spianature
SIDE contornature rettangolari, circolari, asole sia esterne che interne
POCKET svuotamenti tasche rettangolari, circolari, asole e cave
TXT2GR se il cursore si trova su un codice G generato dal sistema dopo aver scelto e
compilato un ciclo (solo quelli inseribili con Hartrol) e si preme questo softkey, viene
riaperta la maschera d’inserimento con i dati della macro attuali in modo che si possa
fare un nuovo inserimento con valori differenti (in questo caso modificare i valori poi
premere INSERT) oppure per modificare la macro attuale e sovrascriverla (in questo
caso modificare i valori e premere ALTER).

MODIFICA PROGRAMMA

Se si vuole modificare una riga di programma si può agire in 2 modi.


1. Rimanendo in Hartrol
a. evidenziare la riga da modificare
b. riscriverla con le modifiche necessarie
c. premere il tasto ALTER
2. passare nel lato Fanuc
a. evidenziare l’elemento da modificare
b. digitarlo corretto
c. premere ALTER

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


213
R.F. Celada s.p.a.

CREAZIONE PROGRAMMA

Esempio di creazione del programma O0008 per la realizzazione di un cerchio (D140) di fori (M8).
L’inserimento sarà fatto in 2 momenti il primo classico inserimento di tutto il programma escluso i
cicli Hartrol e nel secondo momento l’inserimento dei cicli nella modalità Hartrol
1. Attivare le modalità EDIT
2. Premere PROG
3. Digitare O8 e premere INSERT
4. Compilare il seguente programma nel modo classico
G10 L90 P0 X-80 Y-80 Z-10 I160 J160 K10;
T1 M6;
S1000 M3;
G10 L91 P0 R3.4;
G54 G90 G0 X0 Y0 ;
G43 H1 Z3 M8;
G81 R3 Z-15 F100 K0;
G0 Z150 M5;
T2 M6;
S1000 M3;
G10 L91 P0 R4;
G54 G90 G0 X0 Y0 ;
G43 H2 Z3 M8;
M29 S1000;
G84 R3 Z-10 F1250 K0;
G0 Z150 M5;
M30;
5. A questo punto dobbiamo scegliere un programma diverso per poi modificare il programma
O0008 in Hartrol, per fare questo digitare O9 e poi freccia giu.
6. Premere il tasto CUSTOM
7. Premere il softkey CYCLE (se non compare premere la freccia sx del monitor 2 volte e poi
la freccia dx sul monitor 1 volta)
8. Digitare 8 poi premere il softkey O SET (dovrebbe comparire il programma e il messaggio
“PROGRAM SELECT OK!” se così non fosse caricare un programma diverso nel lato
Fanuc)
9. Portare il cursore al blocco “G81 R3 Z-10 F100 K0;”
10. Premere il softkey MENU
11. Premere il softkey HOLES
12. Digitare 5 poi premere INPUT
13. Premere il softkey INIT se si vuole cancellare tutti i dati inseriti
14. Compilare i seguenti campi:
X -> 0
Y -> 0
R -> 70
A -> 45
N -> 4
Q -> 1
15. Premere il softkey INSERT (se tutti i parametri obbligatori sono stati inseriti il ciclo verrà
inserito nel programma e la maschera chiusa, diversamente la maschera rimarrà aperta
visualizzando un messaggio tipo “DATA LACK-Y” cioè manca valore Y quindi inserirlo e
poi ripremere il softkey INSERT)
16. Il codice “G204 X0. Y0. R70. A45. N4. Q1.” verrà inserito nel programma
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
214
R.F. Celada s.p.a.

17. Spostare il cursore su “G84 R3 Z-10 F1250 K0;” e ripetere i passaggi per l’inserimento del
ciclo G204
18. Terminato l’inserimento dei cicli desiderati si può ritornare nel lato Fanuc, caricare il
programma O0008 e provarlo come solito

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


215
R.F. Celada s.p.a.

ELENCO CICLI

Il codice inserito nel programma d’esempio (G204 X… ecc.) serve per richiamare il
sottoprogramma che eseguirà l’operazione richiesta (il cerchio di fori), quindi, prestando molta
attenzione, si può digitare direttamente il codice rimanendo nel lato Fanuc senza passare in Hartrol.
Se si commettono errori o mancanze verranno segnalati solo durante la prova o l’esecuzione del
programma, in questo caso verrà visualizzato un messaggio generico tipo “3001 valore immesso
errato”

HOLES (fori)
Cicli dedicati al calcolo punti di
foratura, in tutti questi cicli si troverà
il parametro Q che serve per
annullare o no il ciclo di foratura
descritto prima (Q1 annulla Q2 non
annulla), quindi se di devono
eseguire delle forature su più figure
mettere Q2 a tutte e Q1 all’ultima.

1. POINT inserire le coordinate X e Y per ogni foro che si vuole eseguire (max 8 posizioni)
G200 X Y A B C D E F H I Q J K L M N P

X coordinata X primo foro


Y coordinata Y primo foro
A coordinata X secondo foro
B coordinata Y secondo foro

N coordinata X ottavo foro
P coordinata Y ottavo foro
Q 1 annulla ciclo 2 non annulla ciclo

2. LINE1 retta di fori a passo equidistanti in quanto il parametro W viene messo di default a 1
G201 X Y A N P Q L B C D E W1

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


216
R.F. Celada s.p.a.

X coordinata X del 1° foro e fulcro per un’eventuale rotazione con A


Y coordinata Y del 1° foro e fulcro per un’eventuale rotazione con A
A rotazione retta (positivo in senso orario e 0° su X+)
N numero di fori
P passo tra i fori (se si imposta L non serve, impostando entrambe comanda P)
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
L lunghezza retta (non serve se si imposta P)
B n° foro da omettere
C n° foro da omettere
D n° foro da omettere
E n° foro da omettere
W 1 passo fori equidistante 2 non equidistante (vedi 6. LINE2)

3. ARC1 arco di fori a passo equidistante in quanto W viene messo a 1 di default


G205 X Y R A P N Q B C D E W1

X coordinata X del centro arco


Y coordinata Y del centro arco
R raggio dell’arco
A angolo primo foro (positivo in senso orario e 0° su X+)
P passo angolare
N numero di fori
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
B n° foro da omettere
C n° foro da omettere
D n° foro da omettere
E n° foro da omettere
W 1 passo fori equidistante 2 non equidistante (vedi 7. ARC2)

4. GRID griglia di fori


G202 X Y U V I J K L Q B C D E

X centro in X del 1° foro, riferimento per U e fulcro rotazione per K e L


Y centro in Y del 1° foro, riferimento per U e fulcro rotazione per K e L
U lunghezza in X (sempre positivo)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
217
R.F. Celada s.p.a.

V lunghezza in Y (sempre positivo)


I n° fori in X
J n° fori in Y
K angolo rotazione asse X (assoluto rispetto a 0° su X+)
L angolo rotazione asse Y (incrementale rispetto a K)
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
B n° foro da omettere
C n° foro da omettere
D n° foro da omettere
E n° foro da omettere

5. CIRCLE cerchio di fori


G204 X Y R A N Q B C D E

X coordinata X del centro cerchio


Y coordinata Y del centro cerchio
R raggio del cerchio
A angolo primo foro (positivo in senso orario e 0° su X+)
N numero di fori
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
B n° foro da omettere
C n° foro da omettere
D n° foro da omettere
E n° foro da omettere

6. LINE2 retta di fori non equidistanti in quanto W viene messo a 2 di default


G201 X Y A B C D E F H I J K L Q W2

X coordinata X del 1° foro e fulcro per un’eventuale rotazione con A


Y coordinata Y del 1° foro e fulcro per un’eventuale rotazione con A
A rotazione retta (positivo in senso orario e 0° su X+)
B passo
C passo
D passo
E passo
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
218
R.F. Celada s.p.a.

F passo
H passo
I passo
J passo
K passo
L lunghezza retta (non serve se si imposta P)
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
W 1 passo fori equidistante 2 non equidistante (vedi 2. LINE1)

7. ARC2 arco di fori non equidistanti in quanto W viene messo a 2 di default


G205 X Y R A B C D E F H Q I J K L W2

X coordinata X del centro arco


Y coordinata Y del centro arco
A angolo 1° foro (positivo in senso orario e 0° su X+)
B passo
C passo
D passo
E passo
F passo
H passo
I passo
J passo
K passo
L lunghezza retta (non serve se si imposta P)
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
W 1 passo fori equidistante 2 non equidistante (vedi 3. ARC1)

8. SQUARE cornice di fori


G203 X Y U V I J K L Q B C D E

X centro in X del 1° foro, riferimento per U e fulcro rotazione per K e L


Y centro in Y del 1° foro, riferimento per U e fulcro rotazione per K e L
U lunghezza in X (sempre positivo)
V lunghezza in Y (sempre positivo)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
219
R.F. Celada s.p.a.

I n° fori in X
J n° fori in Y
K angolo rotazione asse X (assoluto rispetto a 0° su X+)
L angolo rotazione asse Y (incrementale rispetto a K)
Q 1 annulla ciclo (G80) 2 non annulla
B n° foro da omettere
C n° foro da omettere
D n° foro da omettere
E n° foro da omettere

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


220
R.F. Celada s.p.a.

FACE (spianatura)
Cicli dedicati ad
eseguire spianature su
figure rettangolari,
circolari e ad anello

1. SQUARE1 spianatura di un rettangolo unidirezionale in quanto il valore default di W è 1


G210 P W Z B J H L X Y U V C F M N A E

P 1 sgrossatura 2 finitura
W 1 unidirezionale 2 bidirezionale 3 anello
Z quota in Z fine lavorazione
B materiale d’asportare (solo se P1)
J profondità di passata (solo se P1)
H sovrametallo per finitura (solo se P1)
L distanza di sicurezza in Z oltre B
X centro in X rispetto 0 pezzo
Y centro in Y rispetto 0 pezzo
U lunghezza in X
V larghezza in Y
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo)
F avanzamento
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
N distanza di sicurezza radiale in uscita
A rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
E vertice sul quale avviene l’attacco 1X+Y- 2X+Y+ 3X-Y- 4X-Y+

2. SQUARE2 spianatura di un rettangolo bidirezionale in quanto il valore default di W è 2


G210 P W Z B J H L X Y U V C F M N A E

P 1 sgrossatura 2 finitura

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


221
R.F. Celada s.p.a.

W 1 unidirezionale 2 bidirezionale 3 anello


Z quota in Z fine lavorazione
B materiale d’asportare (solo se P1)
J profondità di passata (solo se P1)
H sovrametallo per finitura (solo se P1)
L distanza di sicurezza in Z oltre B
X centro in X rispetto 0 pezzo
Y centro in Y rispetto 0 pezzo
U lunghezza in X
V larghezza in Y
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo)
F avanzamento
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
N distanza di sicurezza radiale in uscita
A rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
E vertice sul quale avviene l’attacco 1X+Y- 2X+Y+ 3X-Y- 4X-Y+

3. SQUARE3 spianatura ad anello di un rettangolo in quanto il valore default di W è 3


G210 P W Z B J H L X Y U V C F M N A E

P 1 sgrossatura 2 finitura
W 1 unidirezionale 2 bidirezionale 3 anello
Z quota in Z fine lavorazione
B materiale d’asportare (solo se P1)
J profondità di passata (solo se P1)
H sovrametallo per finitura (solo se P1)
L distanza di sicurezza in Z oltre B
X centro in X rispetto 0 pezzo
Y centro in Y rispetto 0 pezzo
U lunghezza in X
V larghezza in Y
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo)
F avanzamento
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
N distanza di sicurezza radiale in uscita
Q materiale da togliere su ogni lato di X rispetto a U
R materiale da togliere su ogni lato di Y rispetto a V
A rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
E vertice sul quale avviene l’attacco 1X+Y- 2X+Y+ 3X-Y- 4X-Y+

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


222
R.F. Celada s.p.a.

4. CIRCLE1 spianatura di un cerchio unidirezionale in quanto il valore default di W è 1


G211 P W Z B J H L X Y R C F M N E

P 1 sgrossatura 2 finitura
W 1 unidirezionale 2 bidirezionale 3 anello
Z quota in Z fine lavorazione
B materiale d’asportare (solo se P1)
J profondità di passata (solo se P1)
H sovrametallo per finitura (solo se P1)
L distanza di sicurezza in Z oltre B
X centro in X rispetto 0 pezzo
Y centro in Y rispetto 0 pezzo
R raggio grezzo
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo)
F avanzamento
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
N distanza di sicurezza radiale in uscita
E vertice sul quale avviene l’attacco 1X+Y- 2X+Y+ 3X-Y- 4X-Y+

5. CIRCLE2 spianatura di un cerchio bidirezionale in quanto il valore default di W è 2


G211 P W Z B J H L X Y R C F M N E

P 1 sgrossatura 2 finitura
W 1 unidirezionale 2 bidirezionale 3 anello
Z quota in Z fine lavorazione
B materiale d’asportare (solo se P1)
J profondità di passata (solo se P1)
H sovrametallo per finitura (solo se P1)
L distanza di sicurezza in Z oltre B
X centro in X rispetto 0 pezzo
Y centro in Y rispetto 0 pezzo
R raggio grezzo
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo)
F avanzamento
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
223
R.F. Celada s.p.a.

N distanza di sicurezza radiale in uscita


E vertice sul quale avviene l’attacco 1X+Y- 2X+Y+ 3X-Y- 4X-Y+

6. CIRCLE3 spianatura ad anello di un cerchio in quanto il valore default di W è 3


G211 P W Z B J H L X Y R C F M N Q E

P 1 sgrossatura 2 finitura
W 1 unidirezionale 2 bidirezionale 3 anello
Z quota in Z fine lavorazione
B materiale d’asportare (solo se P1)
J profondità di passata (solo se P1)
H sovrametallo per finitura (solo se P1)
L distanza di sicurezza in Z oltre B
X centro in X rispetto 0 pezzo
Y centro in Y rispetto 0 pezzo
R raggio grezzo
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo)
F avanzamento
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
N distanza di sicurezza radiale in uscita
Q raggio cerchio interno
E vertice sul quale avviene l’attacco 1X+Y- 2X+Y+ 3X-Y- 4X-Y+

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


224
R.F. Celada s.p.a.

SIDE (contornatura)

Cicli dedicati ad eseguire


contornature di figure
rettangolari, circolari e
asole

1. SQUARE1 contornatura rettangolare (esterna in quanto il valore default di M è 1)


G220 M P Z S I D B J H F E L X Y U V Q R K W A N

M 1 esterno 2 interno
P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso
Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento
L distanza di sicurezza rispetto a B
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
U lunghezza in X
V larghezza in Y
Q 1 raggio 2 smusso per lavorazione spigoli
R valore raggio/smusso
K distanza sicurezza radiale
W 1 per G41, 2 per G42
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
N 1 per approccio lato destro, 2 per approccio lato sinistro

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


225
R.F. Celada s.p.a.

2. CIRCLE1 contornatura circolare (esterna in quanto il valore default di M è 1)


G221 M P Z S I D B J H F E L X Y R K W N

M 1 esterno 2 interno
P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso
Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento
L distanza di sicurezza rispetto a B
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
R valore raggio/smusso
K raggio ingresso/uscita dolce
W 1 per G41, 2 per G42
N 1 per approccio lato destro, 2 per approccio lato sinistro

3. TRACK1 contornatura asola (esterna in quanto il valore default di M è 1)


G222 M P Z S I D B J H F E L X Y U R W A N K

M 1 esterno 2 interno
P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso
Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
226
R.F. Celada s.p.a.

H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)


F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento
L distanza di sicurezza rispetto a B
X centro e fulcro in X assoluto rispetto 0 pezzo del cerchio di sinistra
Y centro e fulcro in Y assoluto rispetto 0 pezzo del cerchio di sinistra
U interasse tra i due centro cerchio
R valore raggio asola
W 1 per G41, 2 per G42
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
N 1 per approccio lato destro, 2 per approccio lato sinistro
K raggio ingresso/uscita dolce

4. ONE SIDE lavorazione di un lato solo esterno


G222 P Z S I D B J H F L W X Y U M N A

P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso


Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
F avanzamento di lavorazione
L distanza di sicurezza rispetto a B
W G41 lato Y-, G42 lato Y+, G42 lato Y-, G41 lato Y+
X centro in X del lato
Y centro in Y del lato
U lunghezza lato
M distanza di sicurezza radiale in ingresso
N distanza di sicurezza radiale in uscita
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)

5. SQUARE2 contornatura rettangolare (interna in quanto il valore default di M è 2)


G220 M P Z S I D B J H F E L X Y U V Q R K W A N
M 1 esterno 2 interno
P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso
Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


227
R.F. Celada s.p.a.

D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore


punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento
L distanza di sicurezza rispetto a B
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
U lunghezza in X
V larghezza in Y
Q 1 raggio 2 smusso per lavorazione spigoli
R valore raggio/smusso
K distanza sicurezza radiale
W 1 per G41, 2 per G42
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
N 1 per approccio lato destro, 2 per approccio lato sinistro

6. CIRCLE2 contornatura circolare (interna in quanto il valore default di M è 2)


G221 M P Z S I D B J H F E L X Y R K W N
M 1 esterno 2 interno
P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso
Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento
L distanza di sicurezza rispetto a B
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
R valore raggio/smusso
K raggio ingresso/uscita dolce
W 1 per G41, 2 per G42
N 1 per approccio lato destro, 2 per approccio lato sinistro

7. TRACK2 contornatura asola (interna in quanto il valore default di M è 2)


G222 M P Z S I D B J H F E L X Y U R W A N K

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


228
R.F. Celada s.p.a.

M 1 esterno 2 interno
P 1 sgr fondo/parete 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso
Z quota in Z fine lavorazione
S materiale laterale d’asportare (no su P4)
I passo incremento radiale (no su P3 e P4)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento
L distanza di sicurezza rispetto a B
X centro e fulcro in X assoluto rispetto 0 pezzo del cerchio di sinistra
Y centro e fulcro in Y assoluto rispetto 0 pezzo del cerchio di sinistra
U interasse tra i due centro cerchio
R valore raggio asola
W 1 per G41, 2 per G42
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
N 1 per approccio lato destro, 2 per approccio lato sinistro
K raggio ingresso/uscita dolce

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


229
R.F. Celada s.p.a.

POCKET (tasche)

Cicli dedicati ad eseguire


svuotamenti di tasche
rettangolari, circolari,
asole e cave

1. SQUARE svuotamento tasca rettangolare


G230 P Z B J H D C F E L W X Y U V R A K S Q

P 1 sgrossatura 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso 5 foratura


Z quota in Z fine lavorazione
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi,no
su P5)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato, no su P5)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi, no su P5)
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo) (no
su P3, no su P5)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento (no su P5)
L distanza di sicurezza in Z rispetto a B
W 1 per G41, 2 per G42 (no su P5)
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
U lunghezza in X
V larghezza in Y
R valore raggio spigoli
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
K raggio ingresso/uscita dolce (no su P1, no su P2, no su P5)
S tipo ciclo di foratura 1 G81, 2 G83, 3 G73 (solo su P5)
Q ogni quanti mm scaricare/rompere il truciolo (solo su P5 e no con S1)

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


230
R.F. Celada s.p.a.

2. CIRCLE svuotamento tasca circolare


G231 P Z B J H D C F E L K W X Y R S Q

P 1 sgrossatura 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso 5 foratura


Z quota in Z fine lavorazione
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi,no
su P5)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato, no su P5)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi, no su P5)
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo) (no
su P3, no su P5)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento (no su P5)
L distanza di sicurezza in Z rispetto a B
K raggio per ingresso/uscita dolce (solo su P3 e P4)
W 1 per G41, 2 per G42 (no su P5)
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
R raggio tasca
S tipo ciclo di foratura 1 G81, 2 G83, 3 G73 (solo su P5)
Q ogni quanti mm scaricare/rompere il truciolo (solo su P5 e no con S1)

3. TRACK svuotamento asola


G232 P Z B J H D C F E L R X Y U K W A

P 1 sgrossatura 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso 5 foratura


Z quota in Z fine lavorazione
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi,no
su P5)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato, no su P5)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi, no su P5)
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
231
R.F. Celada s.p.a.

C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo) (no


su P3, no su P5)
F avanzamento di lavorazione
E avanzamento nell’incremento (no su P5)
L distanza di sicurezza in Z rispetto a B
R raggio lati asola
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo del raggio di sinistra
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo del raggio di sinistra
U interasse dei due raggi
K raggio per ingresso/uscita dolce (solo su P3 e P3)
W 1 per G41, 2 per G42 (no su P5)
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
S tipo ciclo di foratura 1 G81, 2 G83, 3 G73 (solo su P5)
Q ogni quanti mm scaricare/rompere il truciolo (solo su P5 e no con S1)

4. GROOVE svuotamento cava


G233 P Z B J H D C F X Y L U V K M W A N S Q

P 1 sgrossatura 2 fin fondo 3 fin parete 4 smusso


Z quota in Z fine lavorazione
B materiale su fondo d’asportare
J profondità passata in Z (no su P2, su P4 angolo utensile per smussi)
H sovrametallo fondo per finitura (su P4 sovrametallo lato)
D sovrametallo laterale per finitura (no su P3, su P4 diametro inferiore
punta utensile per smussi)
C % impiego diametro fresa (richiamare il correttore prima del ciclo) (no
su P3)
F avanzamento di lavorazione
X centro in X assoluto rispetto 0 pezzo
Y centro in Y assoluto rispetto 0 pezzo
L distanza di sicurezza in Z rispetto a B
U lunghezza in X
V larghezza in Y
K distanza di sicurezza laterale in ingresso
M distanza di sicurezza laterale in uscita
W 1 per G41, 2 per G42
A angolo rotazione piano (assoluto rispetto a 0° su X+)
N 1 attacco sul lato sinistro 2 attacco sul lato destro

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


232
R.F. Celada s.p.a.

28 PARAMETRI MACCHINA
28.1 Descrizione
I parametri permettono di adattare il CN alle caratteristiche della macchina utensile sul quale viene
montato e permettono all’operatore di personalizzare il comportamento di alcune funzione come
meglio crede. Prima di modificare i parametri è consigliato fare un backup in modo da avere
una copia di sicurezza da poter utilizzare per ripristinare tutti i parametri come al momento del
salvataggio.
In caso di dubbi, prima di procedere, contattare l’assistenza.

28.2 Backup e restore dei parametri


Descrizione
Backup
1. Predisporre il CN per il trasferimento dati con Memory Card (il parametro 20 deve essere a 4)
2. Inserire una Memory Card nell’apposito alloggiamento
3. Mettersi in modalità EDIT
4. Premere il tasto SYSTEM poi premere il softkey PARAM
5. Premere il softkey (OPRT) poi il softkey +
6. Premere il softkey SCRIVI poi il softkey TUTTO ed infine il softkey ESEC
7. Su un PC verificare e archiviare il programma CNCPARAM.DAT appena creato

Restore
1. Predisporre il CN per il trasferimento dati con Memory Card (il parametro 20 deve essere a 4)
2. Inserire una Memory Card nell’apposito alloggiamento
3. Mettersi in modalità MDI
4. Premere il tasto OFS/SET poi premere il softkey PREPRA
5. Portare il cursore su SCRITTURA PARAM digitare 1 e premere INPUT
6. Il CN va in allarme visualizzando il messaggio PUO SCRIVERSI PARAMETRO
7. Mettersi in modalità EDIT
8. Premere il tasto SYSTEM poi premere il softkey PARAM
9. Premere il softkey (OPRT) poi il softkey +
10. Premere il softkey LEGGI poi il softkey ESEC
11. Spegnere e riaccendere il CN

28.3 Distinzioni tra parametri


Parametro a Bit
Questi tipi di parametri sono a 8 Bit.
Vengono letti e numerati da destra verso
sinistra partendo da 0 (primo di destra)
Parametro a Bit per asse fino a 7 (ultimo di sinistra), per esempio
il bit TDR è il bit n°5 del parametro 1401
(nella tabella che seguirà il parametro
verrà indicato come: 1401.5).
I valori ammessi sono 1 per attivare il
parametro o 0 per disattivarlo.

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


233
R.F. Celada s.p.a.

Parametro a parola
Questi tipi di parametri sono a parola.
Hanno un unico campo d’inserimento.
I valori ammessi sono:
Parametro a parola per asse Bit
0o1
Bit per asse
Byte Da -128 a 127
Byte per asse Da 0 a 255
Parola Da -32768 a 32767
Parola per asse Da 0 a 65535
Doppia parola
Da -99999999 a 99999999
Doppia parola per asse

28.4 Procedura per modificare un parametro


1. Mettersi in modalità MDI
2. Premere il tasto OFS/SET poi premere il softkey PREPRA
3. Portare il cursore su SCRITTURA PARAM digitare 1 e premere INPUT
4. Il CN va in allarme visualizzando il messaggio PUO SCRIVERSI PARAMETRO
5. Premere il tasto SYSTEM
Attenzione! Da questo punto in poi i parametri sono modificabili liberamente quindi
prestare attenzione a non commettere errori
6. Digitare il numero del parametro da modificare
7. Premere il softkey RIC NO
8. Portare il cursore sul punto di modifica
9. Digitare il valore e premere INPUT
10. Eventualmente modificare tutti i parametri desiderati
11. Premere il tasto OFS/SET poi premere il softkey PREPRA
12. Portare il cursore su SCRITTURA PARAM digitare 0 e premere INPUT
13. Premere il tasto RESET

Esempio
Modificare il parametro 3401 bit 0 in modo da evitare l’inserimento del punto decimale per i valori
interi, per fare ciò il bit deve essere messo a 1.

1. Mettersi in modalità MDI


2. Premere il tasto OFS/SET poi premere il softkey PREPRA
3. Portare il cursore su SCRITTURA PARAM digitare 1 e premere INPUT
4. Il CN va in allarme visualizzando il messaggio PUO SCRIVERSI PARAMETRO
5. Premere il tasto SYSTEM
6. Digitare il numero 3401
7. Premere il softkey RIC NO
8. Portare il cursore sul bit 0 (il primo di destra)
9. Digitare 1 e premere INPUT
10. Premere il tasto OFS/SET poi premere il softkey PREPRA
11. Portare il cursore su SCRITTURA PARAMETRI digitare 0 e premere INPUT
12. Premere il tasto RESET

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


234
R.F. Celada s.p.a.

28.5 Parametri trattati nel presente manuale


Descrizione
A seguire trovate una tabella con i parametri che ho trattato nel manuale e con i valori consigliati da
me, pertanto spetta a voi scegliere se i valori consigliati rispondano alle vostre esigenze.
Per una descrizione dettagliata consultare il manuale Fanuc dei parametri.
La sintassi usata per definire i parametri di tipo a 8 bit è la seguente:
Numero_Parametro.Numero_Bit

Tabella

Parametro Valore Descrizione Serie CN


Parametri Generali
3401.0 1 Tutte
No punto decimale per valori interi
16.3 1 Serie 0
3402.6 1 Reset informazioni modali
3402.0 0 per G00 o 1 per G01 (all’accensione)
3402.3 0 per G90 o 1 per G91 (all’accensione)
3402.1 0 1 0 Piano lavoro
G17 G18 G19
3402.2 0 0 1 (all’accensione)
Visualizzazione Quote
1201.5 1 Le quote assolute sono aggiornate alla modifica delle No serie 30i,
origini 31i e 32i
1201.7 0 L’origine attiva non viene riportata alla G54 dopo
3407.6 1 RESET, M02 o M30.
3104.6 1 Visualizza le quote assolute rispetto punta utensile
Movimenti
1401.1 1 Il movimento G00 viene eseguito interpolato
0 Il movimento G00 viene eseguito in modo indipendente
Sottoprogrammi
6005.0 1 Abilita sottoprogrammi dopo M30 o M02 (dopo modifica
spegnere e riaccendere per attivare)
3201.6 1 Non viene interrotta la trasmissione dati in
corrispondenza di M30 o M02 o M99 ma solo con %
6300 0 M198 per richiamo del sottoprogramma su unità esterna
138.7 1 DNC con memory card ammesso
Conversione Coordinate
1202.3 1 G52 annullato con il RESET
5400.6 0 Fattore scala comune per tutti gli assi
1 Fattore scala individuale
5401.0 Mettere a 1 per indicare su quali assi applicare la scala
5400.7 1 Unità fattore scala in 0.001
5411 Valore di default per il fattore scala P
5421 Valore di default per il fattore scala I J e K
5400.0 0 Angolo di rotazione R sempre assoluto
1 Angolo di rotazione R assoluto se G90 incrementale se
G91
5410 Valore di default per l’angolo di rotazione R
Cicli Fissi
Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it
235
R.F. Celada s.p.a.

5115 Valore in millesimi (mm per serie 30) del pre-arresto


dopo lo scarico nel ciclo G83
5114 Valore in millesimi (mm per serie 30) dello stacco per la
rottura truciolo del ciclo G73
5200.5 1 Attiva scarico truciolo per G84/G74
0 Attiva rottura truciolo per G84/G74
5213 Valore in millesimi (mm per serie30) del pre-arresto o
dello stacco per G84/G74
5101.5 0 Stacco 0 Stacco 1 Stacco 1 Stacco G76 su serie
5101.4 0 X+ 1 X- 0 Y+ 1 Y- 16i, 18i, 21i
5148 Serie 30i, 31i,
-1 X- 1 X+ -2 Y- 2 Y+
32i
5121 Avanzamento di ritorno in G85/G89 (0 = 2 volte F oppure Serie 16i,
da 1 a 20 dove 1 = 100% e 20 = 2000%) 18i, 21i
5149 Avanzamento di ritorno in G85/G89 (da 1 a 2000%) Serie 30i,
31i, 32i, 0iD
Interpolazione cilindrica G07.1 o G107
1022 6 Asse A parallelo all’asse Y
1006.0 1 Tipo asse rotante
Alta velocità
7510 3 Numero assi controllati con alta velocità G05 P01 /P02
8403 1 G00, codici M, richiamo sottoprogrammi, richiamo macro Codici validi
con T e con M sono utilizzabili per alta
8485.0 1 G51 e G68 sono utilizzabili velocità
8485.1 1 G81 è utilizzabile G05P10000
8485.2 1 L’interpolazione elicoidale è utilizzabile (HPCC)
8485.5 1 Il G05.1 Q2 si può attivare/disattivare con G05 P10000 Codici validi
8486 Lunghezza massima della retta per applicare per G05.1Q2
l’interpolazione raccordata interpolazion
8487 Angolo minimo per applicare l’interpolazione raccordata e raccordata
8490 Lunghezza minima per applicare l’interpolazione
raccordata
8491 Deviazione massima ammessa
8492 Deviazione minima ammessa (di solito 1/10 del valore
del parametro 8491)
Posizionamento unidirezionale
5440 Direzione ed extra-corsa per recupero gioco
Vita utensile
6800 Vedi capitolo “Vita Utensile”
Editazione
3202.5 1 Richiesta di conferma prima di cancellare un programma
3202.0 1 Blocca editazione, trasmissione, ricerca, creazione e
visualizzazione dei programmi da 8000 a 8999
3202.4 1 Blocca editazione, trasmissione, ricerca, creazione e
visualizzazione dei programmi da 9000 a 9999
3202.6 1 Permette la ricerca e la visualizzazione di un programma
protetto
3204.2 0 Viene visualizzato il softkey [C-EXT]
Trasmissione

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


236
R.F. Celada s.p.a.

0020 0 Trasmissione tramite Interfaccia Seriale


4 Trasmissione tramite Memory Card
5 Trasmissione tramite HD
9 Trasmissione tramite Ethernet
17 Trasmissione tramite USB
0021 4 Trasmissione tramite Memory Card Serie 30
5 Trasmissione tramite HD Serie 30
0100.3 1
Manda a capo una volta ad ogni riga
0100.2 0
0100.6 1 La trasmissione non viene interrotta premendo il tasto
RESET ma solo premendo il softkey STOP
0103 1 Velocità di trasmissione a 50 baud rate
0113 2 Velocità di trasmissione a 100 baud rate
0123 3 Velocità di trasmissione a 110 baud rate
4 Velocità di trasmissione a 150 baud rate
5 Velocità di trasmissione a 200 baud rate
6 Velocità di trasmissione a 300 baud rate
7 Velocità di trasmissione a 600 baud rate
8 Velocità di trasmissione a 1200 baud rate
9 Velocità di trasmissione a 2400 baud rate
10 Velocità di trasmissione a 4800 baud rate
11 Velocità di trasmissione a 9600 baud rate
12 Velocità di trasmissione a 19200 baud rate
3201.2 0 Viene generato un allarme se si prova a registrare un
programma già esistente
3201.5 0 Se durante la registrazione viene incontrato il codice M99
e il parametro 3201.6 è a 0 la trasmissione viene ultimata
3201.6 0 Se durante la registrazione viene incontrato il codice
M02, M30 o M99 la trasmissione viene ultimata
Esecuzione del programma
7001.0 1 Riposizionamento dopo stop programma con FEED
HOLD e movimento assi in manuale (non resettare)
1410 Velocità massima in DRY RUN
1401.6 0 Rapido disabilitato in DRY RUN
1401.6 1 Rapido abilitato in DRY RUN
Grafica
6500.5 0 Visualizza la posizione corrente sullo schermo
1 Non visualizza la posizione corrente sullo schermo
6501.0 0 Il disegno continua nel sistema di coordinate
1 Il disegno viene fatto nel nuovo sistema di coordinate
6501.1 0 Nella grafica solida non compensa la lunghezza utensile
1 Compensa la lunghezza utensile
6503.1 0 Nella grafica dinamica (con assi bloccati) i codici M, S e
T vengono ignorati
1 Vengono eseguiti

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


237
R.F. Celada s.p.a.

29 VARIE
29.1 Varie su Yasda
29.1.1 Gestione cambio utensile su Yasda verticale

Descrizione
Di seguito verranno elencati 2 dei codici M, da impostare in MDI, usati sulle macchine Yasda per
eseguire un cambio utensile senza utensile diversamente la macchina va in allarme.

Sintassi

M995 cambio utensile senza utensile nel magazzino, rimane attivo fino allo spegnimento
della macchina
M994 cambio utensile senza utensile nel magazzino, rimane attivo solo per un cambio
utensile
M993 cambio utensile senza utensile nel mandrino, rimane attivo solo per un cambio
utensile

29.1.2 Ripristino dopo cambio utensile senza utensile su Yasda verticale

Descrizione
Se si chiama un utensile che non si trova nel magazzino, la macchina scarica l’utensile, ruota il
magazzino poi la macchina genera un allarme. Per ripristinare la macchina eseguire la procedura
che segue.

Procedura
1. portare il selettore su ESAMI
2. premere il tasto MAG. DENTRO (CUSTOM 1 -> ATC -> MG DENTRO)*
3. premere RESET
4. mettere il selettore MODE su MPG e premere AVVIO CICLO (tasto GIALLO
ALLARME)*
5. il led ? si spegne (tasto GIALLO si spegne)*
6. premere M C per vedere lo stato dell’utensile MAG/MANDRINO (mandrino=0 tasca=0)
(selezione schermata successiva)*
7. in MDI digitare “M16 Tx” per assegnare l’utensile al mandrino (x = numero dell’utensile
chiamato)
8. premere AVVIO CICLO
9. premere M C e controllare che sia tutto ok (selezione schermata successiva)*
10. caricare l’utensile nel mandrino

Nota
 le funzioni (…)* sono valide per il Fanuc 31i
 Eseguendo T00 in MDI la macchina perde dalla memoria il numero utensile nel mandrino

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


238
R.F. Celada s.p.a.

29.1.3 Gestione refrigerante aria/olio attraverso il mandrino su Yasda verticale

Descrizione
Quando si ha l’opzione della refrigerazione misto aria/olio attraverso il mandrino, per utilizzarla
bisogna dichiarare l’utensile forato prima del cambio utensile.

Codici M

M116 dichiarazione utensile forato


M140 solo aria
M141 poco olio
M142 medio olio
M143 tanto olio
M7 accensione misto attraverso il mandrino
M9 spegne M7
M50 attiva alta pressione attraverso il mandrino

Esempio

M116 ;
T1 M6 ;

M142 ;
M7 ;



M9 ;

29.1.4 Gestione refrigerante aria/olio esterno (BLUEBE) su Yasda verticale

Descrizione
Quando si ha l’opzione del refrigerante aria/olio esterno ci sono 2 codici per la gestione oltre che
all’interruttore sul pannello operatore.

Codici

M51 attiva refrigerante aria/olio


M9 disattiva M51

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


239
R.F. Celada s.p.a.

29.2 Varie su Hartford


29.2.1 Password DUAL SCREEN
Sulle Hartford con il pannello operatore Touch Screen bisogna loggarsi per poter utilizzare l’intero
sistema, per fare ciò dalla schermata seguente premere ACCOUNT

Dalla maschera che segue premere il tipo di accesso desiderato


Sono abilitate le operazioni relative alla
MANUTENZIONE
Sono abilitate le seguenti operazioni di modifica:
1. Indirizzo IP
2. Modifica SETUP
3. Reset SETUP
4. Cambio PASSWORD
5. Modifica TABELLA UTENSILI
6. Modifica ORA
7. Modifica TRASFERIMENTO DATI
Sono abilitate le seguenti operazioni di modifica:
1. Impostazione ZERO PEZZO
2. Uso DNC

Se non è già stato fatto, in “Login” introdurre la password di fabbrica: 3388

29.2.2 Ripristino password di fabbrica


La password di fabbrica può essere personalizzata, se si dimentica la password personalizzata, per
ripristinare la password di fabbrica, premere la scritta “Forgot Password”, compare una maschera
simile alla seguente

inserire il codice 0438 e premere YES

Manuale per Centri di Lavoro con CN Fanuc e-mail: giorgio.cerberi@celada.it


240