Sei sulla pagina 1di 2

La funzione della produzione

Fattori produzione: natura, lavoro, capitale


Fattori fissi: utilizzati più volte nel ciclo produttivo ( diventano obsoleti )
Fattori variabili: utilizzati una sola volta nel ciclo
Funzione della produzione: relazione tecnica tra i fattori produttivi e il prodotto realizzato
Y = f ( x1, x2, x3…xn )
La variazione della produzione all’incremento dei fattori produttivi non è sempre della stessa misura, infatti si
possono verificare 3 possibilità:
1 la produzione cresce in misura proporzionale( rapporto di scala costante )
2 la produzione cresce in misura - che proporzionale ( rapp. decrescente diseconomia di scala )
3 la produzione cresce in misura + che proporzionale ( rapp. Crescente “economia di scala” ) abbattimento del
costo di produzione “maggiorazione del profitto”

Produttività media e marginale

Produttività: rendimento legato alla produzione


Prodotto totale: produzione ottenuta con una determinata quantità del fattore produttivo considerato
Produttività marginale:è la variazione del prodotto totale ke si verifica aumentando di una unità il fatt.produttivo
Produttività media: data dal rapporto tra il prodotto totale e la quantità di fattore utilizzato

La scelta
Il problema delle scelte si presenta all’imprenditore in tutta la sua evidenza nel momento in cui egli è
chiamato a decidere i fattori produttivi.
-I fattoti produttivi hanno produttività diversa;
-Per la legge dei rendimenti decrescenti, la produttività di un fattore tende a diminuire x ogni unità
aggiuntiva;
-è possibile ottenere lo stesso risultato combinando in maniera diversa i fattori produttivi;
-l’imprenditore dispone di una determinata somma da spendere nell’acquisto dei fattori produttivi, e
questi hanno costi diversi.
Cosa e quanto produrre
L’imprenditore al fine di ottenere l’obbiettivo del conseguimento del massimo profitto riduce i costi e
aumenta i ricavi; quanto più la forbice costi-ricavi si divarica, tanto maggiore sarà il guadagno per l’impresa.
L’incremento dei ricavi dipende dal prezzo di vendita e dalla quantità venduta.
Marketing = studiare il mercato…analizzare i gusti e i bisogni del consumatore.
I costi dell’impresa
I costi di produzione nel linguaggio economico sono costituiti dalle somme di denaro pagate per i fattori
produttivi impiegati
Costo-opportunità: il costo dell’impiego di un fattore in un ciclo produttivo è dato dall’opportunità perduta per
non averlo impiegato nel miglio modo alternativo
Costi fissi e costi variabili
Esistono due grandi categorie di costi
Costi fissi = sono quelli che non variano al variare della quantità prodotta ( es. costi per l’assicurazione )

Nel breve periodo Nel lungo periodo

CF

Quantità Quantità
Costi variabili = sono quelli che variano in funzione della quantità prodotta ( es. costi per l’energia )

CT=CF+CV

Costo unitario medio o costo medio (CUM) è dato dal rapporto tra il costo totale e la quantità prodotta
CUM = CT / Q

Costo marginale (CMg) corrisponde alla variazione del costo totale che deriva dalla produzione di una unità
aggiuntiva di prodotto
CMg = CT - CT ( n - 1 )

Costo medio e marginale

Punto fuga
Quant.

OFFERTA
prezzo Curva dell’offerta prezzo

offerta perfettamente rigida

quantità
quantità