Sei sulla pagina 1di 8

5a Esercitazione: soluzioni

Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it)


Corso di Microeconomia A-K, a.a. 2010-2011

Premessa. Con riferimento agli esercizi sulla produzione convenzione misurare


in ascissa il fattore lavoro (L) ed in ordinata il fattore capitale; inoltre consuetudine
indicare con w il prezzo del fattore lavoro e con r il prezzo del fattore capitale.
Definizioni. Si definiscano sinteticamente i termini anche con lausilio, qualora
necessario, di formule e grafici.
Def. 1. Ricavo Marginale.
E la variazione di ricavo totale dovuta alla vendita di una unit aggiuntiva di
bene finale.
Def. 2. Costo Marginale.
E la variazione di costo totale dovuta alla produzione di una unit addizionale di
bene finale.
Def. 3. Surplus del produttore.
Dierenza tra il ricavo eettivamente ottenuto e quello minimo, coincidente con
il costo variabile, che il produttore richiederebbe per fornire il bene.
Def. 4. Surplus del consumatore.
Dierenza tra quanto il consumatore disposto a pagare per una data quantit di
un bene e quanto deve eettivamente pagare.
Def. 5. Concorrenza perfetta.
Struttura di mercato caratterizzata da 1) numerosi piccoli compratori; 2) numerosi
piccoli venditori; 3) omogeneit del prodotto venduto; 4) perfetta informazione; 5)
assenza di vincoli nel lungo periodo (mobilit perfetta dei fattori, assenza di barriere
allentrata, etc).
Def. 6. Incidenza di fatto di unimposta.
Variazione nella distribuzione del reddito conseguente allintroduzione di unimposta.

Def. 7. Bene omogeneo.


Beni perfettamente sostituibili, caratterizzati da un saggio marginale di sostituzione costantemente pari ad uno. Sono considerati identici dai consumatori.
Vero/Falso. Si stabilisca se gli enunciati sono veri, falsi, o incerti. Si fornisca una spiegazione (anche grafica se opportuno) e si argomenti compiutamente la
risposta.
Vero/Falso 1. Se la curva di domanda perfettamente anelastica (e quella di
oerta inclinata positivamente), lonere di unaccisa sulla produzione ricade di fatto
sui consumatori.
Vero. Se la curva di domanda verticale, lintroduzione di unaccisa sui produttori non modifica il prezzo percepito dalle imprese n i volumi scambiati; il prezzo
pagato dai consumatori aumenta perdellimporto dellaccisa.
Vero/Falso 2. In concorrenza perfetta, un equilibrio di breve periodo in cui le
imprese subiscono perdite economiche non un equilibrio di lungo periodo.
Vero. Se il prezzo inferiore al costo medio di prduzione le imprese cesseranno
lattiuvit.
Vero/Falso 3. La curva di oerta individuale di unimpresa che non fa il prezzo,
coincide interamente con la curva dei costi marginali.
Falso. La curva di oerta individuale di unimpresa coincide con la curva dei
costi marginali solo per prezzi superiori al minimo dei costi medi.
Vero/Falso 4. Se la curva di oerta perfettamente elastica (e quella di domanda
inclinata negativamente), saranno i produttori a beneficiare di un sussidio sul consumo.
Falso. Se la curva di oerta orizzontale, lintroduzione di un sussidio sul consumo non modifica il prezzo percepito dalle imprese; il prezzo pagato dai consumatori
si riduce dellimporto del sussidio ed i volumi scambiati aumentano.
Vero/Falso 5. Nel breve periodo se il costo marginale inferiore al costo medio,
limpresa dovrebbe smettere di produrre.
Falso. Nel breve periodo limpresa ha convenienza a cessare lattivit se il prezzo
inferiore al valore minimo del costo medio variabile.
Vero/Falso 6. Considerate un mercato perfettamente concorrenziale nel quale
ciascuna impresa, nellequilibrio di breve periodo, ottiene profitti pari a 10. Tale
situazione non pu essere anche un equilibrio di lungo periodo.
Vero. Stante lipotesi di libera entrata, in presenza di profitti positivi altre imprese avranno interesse ad entrare nel mercato.

Esercizi. Si risolvano i seguenti esercizi.

Esercizio 1. Il mercato delle calcolatrici opera in regime di concorrenza perfetta.


La funzione di costo totale della singola impresa : T C(yi ) = 5yi3 10yi2 + 30yi , dove
yi indica la quantit prodotta dalli-esima impresa. (1) Determinare e fornire una
rappresentazione grafica delle funzioni di costo medio e di costo marginale di ciascun
produttore. (2) Calcolare la quantit che la singola impresa produce in condizioni
di equilibrio di lungo periodo. (3) Supponendo che la funzione di domanda del
mercato sia: Y=100-P (dove P indica il prezzo e Y la quantit) calcolate la quantit
complessivamente prodotta ed il prezzo dequilibrio di mercato
Soluzione. (1) I costi marginali (MC) ed i costi medi (AC) di ciascun produttore
sono
C
TC
2
2
M C = dT
dyi = 15yi 20yi + 30 e AC = yi = 5yi 10yi + 30
In ambedue i casi si tratta di parabole. Per la rappresentazione grafica opportuno individuare il vertice delle due parabole (che rappresenta il minimo delle due funzioni).
Il minimo dei costi marginali raggiunto in corrispondenza
dMC
dyi

= 0 30yi 20 = 0 yimin MC =

2
3

con

2
2
M C(yimin MC ) = 15 yimin M C 20yimin MC + 30 = 15 23 20 23 + 30 = 16

In maniera analoga il minimo dei costi medi raggiunto in corrispondenza


dAC
dyi

= 0 10yi 10 = 0 yimin AC = 1

con

2
2
AC(yimin AC ) = 5 yimin AC 10yimin MC + 30 = 5 (1) 10 + 30 = 25

Trattandosi di parabole esse saranno decrescenti per volumi di output inferiori al minimo, crescenti dal minimo in avanti (sappiamo anche che i costi marginali eguagliano
i costi medi in corrispondenza di yimin AC )
MC
AC

MC

AC

25

16

2/3

yi

(2) Dalla condizione di equilibrio di lungo periodo (p=MC=AC) si ottiene la


seguente quantit prodotta dalla singola impresa
M C = AC yi = 1
(3) Dalla condizione di equilibrio di lungo periodo (p=MC=AC) si ottiene il
seguente prezzo di equilibrio di mercato
p = M C p = 25
3

Sostituendo nella curva di domanda si ottengono quindi i volumi complessivamente


scambiati
Y = 100 p = 100 25 = 75

Esercizio 2. In un mercato concorrenziale ciascuna impresa produce con funzione


di produzione q = L0.5 K 0.5 ; nel breve periodo il capitale fisso a pari a: K = 36.
Il prezzo a cui limpresa vende il suo prodotto : P = 32, mentre il costo unitario
del fattore lavoro : w = 16 (quello del capitale r=zero). (1) Calcolate la quantit
ottima di lavoro utilizzata dallimpresa e loutput q* che ne deriva. (2) Limpresa,
nel breve periodo, produce? e, se produce, realizza un profitto? Calcolatelo. (3)
Ricavate la funzione di oerta di breve periodo dellimpresa.
Soluzione. (1) La funzione di produzione nel breve periodo (quando il capitale
fisso)
q = L0.5 (36)0.5 = 6L0.5
da cui

q 2

L=

I costi totali di produzione di breve periodo sono quindi


T C(q) = wL + rK = 16L = 16

q 2
6

= 49 q 2

Dalla funzione di costo totale possibile ricavare il costo marginale


M C(q) =

dT C
dq

= 89 q

Stante il prezzo di mercato e lipotesi di concorrenza perfetta abbiamo che il volume


ottimo di output
P = M C 32 = 89 q q = 36
(2) Il costo medio di breve periodo
AC =

TC
q

= 49 q

Dato che in corrispondenza del livello ottimo ( q = 36) il prezzo superiore al costo
medio di produzione limpresa decider di produrre. Il profitto realizzato
= P q T C(q ) = 32 (36) 49 (36)2 = 576
(3) La funzione di oerta dellimpresa nel breve periodo
p = M C se M C ACmin
dove ACmin il minimo del costo medio. Il valore minimo del costo medio zero (e
si ottiene per un valore nullo di output). Quindi sostituendo abbiamo
p = 89 q se 89 q 0
ovvero
q = 98 p se q 0

Esercizio 3. In Svezia le aziende produttrici di aringhe aumicate operano sostanzialmente in condizioni di concorrenza perfetta. Queste imprese, 11 in totale, hanno tutte
la stessa funzione di costo medio: costante e pari a 12. La funzione di domanda aggregata la seguente:Qd = 50P/2. (1) Illustrate brevemente le caratteristiche di un
mercato di concorrenza perfetta. (2) Determinate la quantit di aringhe aumicate
prodotta in equilibrio da ciascuna impresa
Soluzione. (1) Le condizioni che definiscono un mercato concorrenziale sono le
seguenti:
In concorrenza perfetta il bene venduto da unimpresa sostituto perfetto dei
beni venduti dalle altre imprese presenti sul mercato.
Ciascun venditore (ed allo stesso modo ciascun acquirente) assume come dato
il prezzo di mercato. Tale condizione risulta soddisfatta quando il numero dei
venditori e degli acquirenti elevato.
Le imprese ed i consumatori dispogono di informazione perfetta
Non ci sono vincoli nel lungo periodo (mobilit perfetta dei fattori, assenza di
barriere allentrata, etc).

(2) Un costo medio costante e pari a 12 implica un costo totale di produzione pe


ciascuna singola impresa
T C(qi ) =

AC
qi

T C(qi ) = 12qi

ed un costo marginale
MC =

dT C
dqi

= 12

Quindi il prezzo di equilibrio


P = 12
Sostituendo nella curva di domanda si ottiene la domanda complessva di aringhe
Q = 50 P /2 = 50 6 = 44
Supponendo che sul mercato delle aringhe operino 11 imprese e stante la domanda
di mercato, ciascuna produrr

qi = Q
11 = 4

Esercizio 4. Il mercato del miele opera in regime di concorrenza perfetta. Ciascun


produttore si caratterizza per una funzione di costo totale: T C(yi ) = 10yi2 + 10yi ,
dove yi indica la quantit prodotta dalli-esima impresa. (1) Calcolate e fornite una
rappresentazione grafica di costi medi e marginali per la singola impresa. (2) Indicate
nel grafico precedente la curva di oerta della singola impresa. (3) Supponendo che
il prezzo di mercato sia p = 100, calcolate la quantit di miele prodotta da ciascuna
impresa ed il relativo profitto. (4) Supponete che lo Stato introduca una tassa del
10% sui profitti. Come variano prezzo e quantit di equilibrio di mercato? Come
varia il profitto dellimpresa?
Soluzione. (1) I costi marginali (MC) ed i costi medi (AC) di ciascun produttore
sono
C
TC
M C = dT
dyi = 20yi + 10 e AC = yi = 10yi + 10
5

In ambedue i casi si tratta di rette con intercetta verticale (0; 10). La pendenza dei
costi marginali (pendenza 20) per maggiore di quella dei costi medi (pendenza 10).
Graficamente
MC
AC

MC

AC

20
10

10

yi

(2) La curva di oerta della singola impresa


Curva di off.ta singola impresa
MC
AC

MC

AC

10

yi

(3) Se il prezzo di mercato pari a 100, stante la curva di oerta rappresentata


sopra, ciascuna impresa sceglier di produrre
P = M C 100 = 20yi + 10 yi =

9
2

ottenendo un profitto pari a


= P yi T C(yi ) =

900
2

9
10 81
4 10 2 = 405. 25

4) Una tassa del 10% sui profitti non modifica le decisioni di produzione delle
imprese ma riduce i profiti delle singole imprese del 10%
Esercizio 5. Tutti i produttori di strumenti hanno la stessa funzione di costo di
lungo periodo: T C(yi ) = yi3 2yi2 +4yi dove yi indica loutput delli-esimo produttore.
La domanda di mercato data da Y=100-10p. Ipotizzate libert di entrata nel
mercato. (1) Determinate le funzioni di costo medio di lungo periodo e di costo
marginale per la singola impresa. (2) Determinate il prezzo di equilibrio di lungo
periodo. (3) Determinate la quantit di equilibrio di lungo periodo ed il numero di
produttori attivi sul mercato degli strumenti (nel lungo periodo).

Soluzione. (1) I costi marginali (MC) ed i costi medi (AC) di ciascun produttore
sono
C
TC
2
2
M C = dT
dyi = 3yi 4yi + 4 e AC = yi = yi 2yi + 4
In ambedue i casi si tratta di parabole.
(2) In equilibrio di lungo periodo
p = M C = AC
quindi il volume di output prodotto dalle singole imprese
M C = AC 3yi2 4yi + 4 = yi2 2yi + 4 2yi (1 yi ) = 0 yi = 1
ed il prezzo a cui loutput venduto
p = M C(yi ) p = 3(yi ) 4yi + 4 = 3
(3) In corrispondenza di un prezzo pari a 3, dalla funzione di domanda si ottiene
un volume complessivo di venditre pari a
Y = 100 10p Y = 100 30 = 70
Nel lungo periodo saranno quindi attivi 70 produttori sul mercato.
Esercizio 6. La domanda di camere dalbergo (Y) nellisola di Mallorca data dalla
seguente funzione Y d = 10 p (dove p indica il prezzo di una camera dalbergo).
Loerta di camere dalbergo invece data dalla funzione Y s = p. (1) Determinate
analiticamente il prezzo e la quantit di equilibrio in questo mercato e fornitene una
rappresentazione grafica. (2) Il primo ministro di Mallorca decide di introdurre una
tassa di t = 2 su ogni camera dalbergo (lincidenza di diritto della tassa ricade
sulloerta). Determinate la nuova quantit di equilibrio. Dopo lintroduzione della
tassa, quanto dovranno pagare i consumatori per una camera dalbergo? E quale sar
il prezzo percepito dai produttori per ogni camera dalbergo venduta? (3) Indicate
in un opportuno grafico la perdita netta generata dalla tassa.
Soluzione. Lequilibrio di mercato
Y d = Y s 10 p = p p = 5 e Y = 5
Graficamente rappresentiamo le curve di domanda e di oerta inverse ovvero
pd = 10 Y

e ps = Y

10

Offerta di mercato

Equilibrio di mercato

Domanda di mercato

10

(2) La tassa sulla produzione comporta uno spostamento verso lalto della curva
di oerta inversa di mercato. La nuova curva di oerta inversa
ps0 = Y + t = Y + 2
quindi i volumi ora scambiati sono
pd = ps0 Y = 4
il prezzo pagato dai consumatori diverso da quello percepito dai produttori; in particolare i consumatori pagano (sostituendo nella curva di domanda
pd = 10 Y = 6 > p = 5
I produttori ricevono pd , versano la tassa ed ottengono quindi un prezzo al netto
della tassa pari a
ps = pd t = 6 2 = 4 < p = 5
p

Prezzo
pagato dai
consumatori

Offerta di mercato con la tassa

10

Offerta di mercato

6
5
4

Vecchio equilibrio di mercato


Prezzo percepito dai produttori

Domanda di mercato

10

(3) La variazione di benessere derivante dalimplementazione della tassa rappresentata nella seguente tabella (per le aree indicate fate riferimento al grafico sottostante)
Con tassa
Senza tassa
Variazione

SC
A
A+C+E
-C-E

B
B+D+F
-D-F

Gettito
C+D
+C+D

Benessere Totale
A+B+C+D
A+B+C+D+E+F
-E-F

p
Offerta di mercato

10
E
A
6
5
4

10

Quindi la perdita di benessere dovuta allimplementazione della tassa pari alla


somma dei triangoli E ed F.
8