Sei sulla pagina 1di 1

Rocco De Cia [4.10.

2017]

Appunti di armonia
III
Regole per il moto delle parti

Nel concatenare gli accordi luno allaltro seguiamo alcuni principi derivati dallarmonia di epoca
barocca, classica e romantica (le radici di tali principi sono per ben pi antiche).

1) Legame armonico. Se fra un accordo e il seguente ci sono note in comune, quelle note vanno
legate (alla stessa voce e alla stessa altezza).

2) Movimento pi breve possibile. Quando una voce si muove, deve realizzare lintervallo pi
piccolo possibile.

3) Moto contrario. Quando il basso sale di grado (ad esempio I-II, oppure IV-V, oppure V-VI),
non possibile realizzare il legame armonico. In tal caso si utilizza il moto contrario: mentre il
basso sale, le altre tre voci scendono alla nota pi vicina dellaccordo seguente.
Il movimento discendente di grado del basso raro, con accordi in stato fondamentale: vale
comunque il medesimo principio (moto contrario delle voci superiori).

4) Risoluzione della sensibile. Nella cadenza perfetta (V-I) necessario risolvere la sensibile:
la terza dellaccordo di V la sensibile, e passando al I deve salire di semitono andando alla tonica.

Scegliamo una concatenazione di gradi secondo quanto detto in Appunti di armonia I Funzioni
armoniche e collegamento fra gradi in stato fondamentale. Procediamo poi secondo quanto detto
in Appunti di armonia II Disposizione a parti strette in stato fondamentale.

>
(a1) (a2) (a3) (a4) (a5) (a6) (a7) (a8) (b1) (b2) (b3) (b4) (b5) (b6) (b7) (b8) (b9) (b10)



I IV II V VI IV V I I VI IV II V III VI IV V I

In (a1) il soprano raddoppia la fondamentale.

Fra (a1) e (a2): legame armonico al soprano, movimento pi breve possibile a contralto e tenore.

Fra (a2) e (a3): legame armonico a tenore e contralto, movimento pi breve possibile al soprano.

Fra (a4) e (a5): moto contrario fra il basso (ascendente) e le tre voci superiori (discendenti).

Fra (a7) e (a8) abbiamo una cadenza perfetta: in (a7) il soprano ha la sensibile, che viene risolta
salendo di semitono alla tonica in (a8).

In (b1) il contralto raddoppia la fondamentale.

Fra (b9) e (b10) abbiamo una cadenza perfetta: in (b9) il tenore ha la sensibile, che viene risolta
salendo di semitono alla tonica in (b10).