Sei sulla pagina 1di 65

.

Via A. Grandi, 5C - 20062 Cassano d’Adda (MI)


Tel. 0363-60700 - Fax 0363-60502 - amcs@tele2.it
www.amcselettronica.it

AM 2
Scheda Quadro a Microprocessore per Ascensori e Piattaforme

MANUALE UTENTE
REVISIONE 10

Versione software 1.11


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

2 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

SOMMARIO

1.1.1
TABELLE _________________________________________________ 6
Guasti ____________________________________________________________________________ 6
1.1.1 Lista dei guasti _______________________________________________________________________________________ 6
1.1.2 Classificazione dei guasti _______________________________________________________________________________ 7
1.1.3 Ultimi 32 guasti_______________________________________________________________________________________ 7
1.2 Informazioni immediate _______________________________________________________________ 8
1.3 Tabella di assegnazione dei morsetti ____________________________________________________ 9
1.4 Tabelle di programmazione della memoria _______________________________________________ 10
1.4.1 Tempi _____________________________________________________________________________________________ 10
1.4.2 Funzioni ___________________________________________________________________________________________ 10
1.4.3 Parametri __________________________________________________________________________________________ 13
1.5 Tabelle standard ___________________________________________________________________ 14
1.5.1 Tabella Standard P1 (impianto FUNE tipico) _______________________________________________________________ 15
1.5.2 Tabella Standard P2 (impianto OLEODINAMICO tipico) ______________________________________________________ 16
1.5.3 Tabella Standard P3 (PIATTAFORMA o ‘DOMUS’ tipico) _____________________________________________________ 17

2.2.1
SCHEMI E SPECIFICHE ____________________________________ 18
Specifiche generali _________________________________________________________________ 18
2.2 Specifiche elettriche ________________________________________________________________ 18
2.2.1 Alimentazioni _______________________________________________________________________________________ 18
2.2.2 Ingressi____________________________________________________________________________________________ 18
2.2.3 Uscite _____________________________________________________________________________________________ 18
2.3 Batteria __________________________________________________________________________ 19
2.3.1 Controllo della batteria tramite scheda TC1 ________________________________________________________________ 19
2.4 Schema elettrico riassuntivo __________________________________________________________ 20
2.5 Ingressi di controllo _________________________________________________________________ 21

3.3.1
DESCRIZIONE MORSETTI __________________________________ 22
+12______________________________________________________________________________ 22
3.2 A/B/C ____________________________________________________________________________ 22
3.3 A+/A- ____________________________________________________________________________ 22
3.4 ALT _____________________________________________________________________________ 23
3.5 APA _____________________________________________________________________________ 23
3.6 APG _____________________________________________________________________________ 23
3.7 AR ______________________________________________________________________________ 23
3.8 B _______________________________________________________________________________ 23
3.9 BAT _____________________________________________________________________________ 24
3.10 C _______________________________________________________________________________ 24
3.11 CCO_____________________________________________________________________________ 24
3.12 CCS _____________________________________________________________________________ 24
3.13 CE1/CE2 _________________________________________________________________________ 24
3.14 CEP _____________________________________________________________________________ 24
3.15 CM ______________________________________________________________________________ 24
3.16 CPP _____________________________________________________________________________ 24
3.17 CRP _____________________________________________________________________________ 24
3.18 CS ______________________________________________________________________________ 25
3.19 CS1/RU __________________________________________________________________________ 25
3.20 CT ______________________________________________________________________________ 25
3.21 DS ______________________________________________________________________________ 25
3.22 EM ______________________________________________________________________________ 26
3.23 EXC _____________________________________________________________________________ 26
3.24 FD ______________________________________________________________________________ 26
3.25 FS ______________________________________________________________________________ 26
3.26 GND_____________________________________________________________________________ 26
3.27 ICV/IF____________________________________________________________________________ 27
3.28 IRD/IRS __________________________________________________________________________ 27
3.29 M0-M7 ___________________________________________________________________________ 28
3.30 MAN_____________________________________________________________________________ 28
3.31 OCC (relè OCC) ___________________________________________________________________ 28
3.32 OM ______________________________________________________________________________ 28
3.33 PAP _____________________________________________________________________________ 28
3.34 PCP _____________________________________________________________________________ 28
3.35 PDM/PSM ________________________________________________________________________ 28
3.36 RAP (relè AP) _____________________________________________________________________ 28
3.37 RCP (relè CP) _____________________________________________________________________ 28
3.38 RES _____________________________________________________________________________ 28
3.39 RU ______________________________________________________________________________ 28

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 3


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

3.40 SA ______________________________________________________________________________ 28
3.41 SAR _____________________________________________________________________________ 28
3.42 ST (relè P) ________________________________________________________________________ 28
3.43 TD (relè D) / TS (relè S)______________________________________________________________ 28
3.44 TG (relè G) ________________________________________________________________________ 29
3.44.1 Ritardo TG _________________________________________________________________________________________ 29
3.45 TP (relè P) ________________________________________________________________________ 29
3.46 TS_______________________________________________________________________________ 29
3.47 TM ______________________________________________________________________________ 29
3.48 TSD _____________________________________________________________________________ 29
3.49 V0/V12 ___________________________________________________________________________ 29
3.50 VB ______________________________________________________________________________ 30
3.51 X/Y ______________________________________________________________________________ 30
3.52 Selettore 10 posizioni e pulsanti DATO, SPEEDY, UP e DOWN ______________________________ 31
3.52.1 Disabilitazione del selettore, dei pulsanti e della diagnostica __________________________________________________ 32

4. 4.1
PROGRAMMAZIONE _______________________________________ 33
Preset____________________________________________________________________________ 33
4.2 Codici d'accesso ___________________________________________________________________ 34
4.3 Numero corse _____________________________________________________________________ 35
4.4 Programmazione tramite PC (LIFT PRO) ________________________________________________ 36

5. 5.1
TIPOLOGIE DI IMPIANTO E FUNZIONI SPECIALI________________ 37
Tipologie di impianto ________________________________________________________________ 37
5.1.1 Universale _________________________________________________________________________________________ 37
5.1.2 Prenotato Discesa ___________________________________________________________________________________ 37
5.1.3 Prenotato Salita/Discesa ______________________________________________________________________________ 37
5.1.4 Piattaforma (detta anche “DOMUS” o “Home-Lift”) __________________________________________________________ 37
5.1.5 Duplex ____________________________________________________________________________________________ 38
5.2 Piani vicini e Rallentamento lungo ______________________________________________________ 39
5.3 Fermata ritardata ___________________________________________________________________ 40
5.4 Legge 13 - Allarme__________________________________________________________________ 40
5.5 Timer ad uso generale _______________________________________________________________ 41
5.6 Velocità __________________________________________________________________________ 41
5.6.1 Una velocità ________________________________________________________________________________________ 41
5.6.2 Due velocità ________________________________________________________________________________________ 41
5.7 Valvola Beringer, Valvola Salita e Valvola Soft-Stop per Oleodinamici _________________________ 41
5.8 Inverter ___________________________________________________________________________ 43
Tipo 1 __________________________________________________________________________________________________ 43
Tipo 2 __________________________________________________________________________________________________ 44
5.8.1 Sequenze delle uscite per gli Inverter ____________________________________________________________________ 45

6. 6.1
PORTE __________________________________________________ 46
Porte_____________________________________________________________________________ 46
6.1.1 Esclusione apertura per collaudo________________________________________________________________________ 46
6.1.2 Porte manuali _______________________________________________________________________________________ 46
6.1.3 Porte automatiche ___________________________________________________________________________________ 46
6.1.4 Porte semiautomatiche________________________________________________________________________________ 47
6.1.5 Doppio Accesso _____________________________________________________________________________________ 47
6.2 Apertura porte anticipata _____________________________________________________________ 47
6.3 Pattino retrattile ____________________________________________________________________ 47
6.4 Fotocellule e Costole Mobili ___________________________________________________________ 48
6.5 Zona porte ________________________________________________________________________ 48
6.6 Partenza immediata _________________________________________________________________ 48
6.7 Operatore ON _____________________________________________________________________ 48

7. 7.1
CONTROLLI ______________________________________________ 49
Circuito di sicurezza AM2 ____________________________________________________________ 49
7.2 Controllo di un contatto importante _____________________________________________________ 49
7.3 Dispositivi di riapertura_______________________________________________________________ 49
7.4 Massima corsa_____________________________________________________________________ 50
7.5 Senso di marcia ____________________________________________________________________ 50
7.6 Fondo mobile ______________________________________________________________________ 50
7.6.1 Suoneria per sovraccarico _____________________________________________________________________________ 50
7.6.2 Cancella chiamate in cabina dopo 3 fermate senza interruzione delle fotocellule in impianti senza fondo mobile __________ 50
7.7 Temperatura motore ________________________________________________________________ 51

8. 8.1
SEGNALAZIONI ___________________________________________ 52
Posizione / Arrivo / Prenotazione_______________________________________________________ 52
8.1.1 Indicazione di POSIZIONE_____________________________________________________________________________ 52

4 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

8.1.2 Indicazione di ARRIVO (per impianti UNIVERSALI) _________________________________________________________ 52


8.1.3 Indicazione di PRENOTAZIONE (per impianti PRENOTATI) __________________________________________________ 52
8.2 Segnalazione di difetto ______________________________________________________________ 53
8.3 Direzione _________________________________________________________________________ 53
8.4 Display sulla Scheda ________________________________________________________________ 53
8.5 Fuori Servizio______________________________________________________________________ 53
8.6 Occupato _________________________________________________________________________ 53
8.7 Gong ____________________________________________________________________________ 54
8.8 Segnalazione di cabina al piano _______________________________________________________ 54
8.9 Luce di illuminazione in cabina ________________________________________________________ 54

9.9.1
MANOVRE _______________________________________________ 55
Autolivellamento ___________________________________________________________________ 55
9.2 Emergenza _______________________________________________________________________ 55
9.3 Manovra Interna ___________________________________________________________________ 56
9.4 Manovra Antisismica ________________________________________________________________ 56
9.4.1 Manovra Antisismica senza incrocio tra cabina e contrappeso _________________________________________________ 56
9.5 Prova di fine corsa__________________________________________________________________ 57
9.6 Manovra di Montaggio _______________________________________________________________ 57
9.7 Manutenzione _____________________________________________________________________ 57
9.7.1 Manovra a mano ____________________________________________________________________________________ 58
9.8 Chiamate Automatiche ______________________________________________________________ 58
9.9 Chiamate Manuali __________________________________________________________________ 58
9.10 Rifasamento ______________________________________________________________________ 58
9.11 Pompieri e Antincendio ______________________________________________________________ 58
9.11.1 Antincendio USA (americana) __________________________________________________________________________ 59
9.12 Stazionamento_____________________________________________________________________ 60
9.12.1 Rinvio per stazionamento______________________________________________________________________________ 60
9.12.2 Stazionamento a porte aperte (SPA) o a porte chiuse (SPC) __________________________________________________ 60

10. SCHEDE AUSILIARIE ____________________________________ 61


10.1 A10 _____________________________________________________________________________ 61
10.2 TC1 _____________________________________________________________________________ 61
10.2.1 Prova Invio Messaggi _________________________________________________________________________________ 61

INDICE ALFABETICO ___________________________________________ 62

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 5


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

1.
1.1 Guasti
TABELLE
1.1.1 LISTA DEI GUASTI
La presenza di un guasto sull’impianto viene segnalata con il relativo codice lampeggiante sul display. Se il guasto permane
per almeno due secondi, viene memorizzato.
La scheda è in grado di memorizzare fino ad un massimo di 32 guasti, dopodichè continua sovrascrivendo i meno recenti.
Quando viene data tensione alla scheda, un qualsiasi guasto che si presenti nei primi dieci secondi non verrà memorizzato
neanche se esso permane oltre i dieci secondi stessi.
CODICE TIPO VEDI
DESCRIZIONE GUASTO
GUASTO GUASTO PARAGRAFI
0-7 A2● Blocchi aperti al piano n-esimo dopo il rifasamento 3.18 CS
41 B1● Impulsori IRD o IRS sempre aperti oppure fili interrotti 3.28 IRD/IRS

Imp. IF(ID) non commuta (controllo escluso in alta velocità e impianti a 2


42 B1● 3.27 ICV/IF
piani)
43 B1● Impulsore ICV(IS) non commuta (controllo escluso in impianti a 2 piani) 3.27 ICV/IF
44 B1● Impulsori IRD o IRS sempre chiusi oppure fili a massa 3.28 IRD/IRS

Cambio velocità non avvenuto, teleruttore TG impastato (esce dopo


45 A1 3.6 APG
1,2s)
46 B1 Teleruttore TP o relè RCP impastato (esce dopo 6s) 3.16 CPP
47 B1 Teleruttore TS o TD impastato (esce dopo 10s) 3.48 TSD
48 B1 Teleruttore TG o relè RAP impastato (esce dopo 6s) 3.6 APG
49 A2 Teleruttore TS difettoso oppure fili interrotti (esce dopo 6s) 3.48 TSD, 3.20 CT
50 A2 Teleruttore TD difettoso oppure fili interrotti (esce dopo 6s) 3.48 TSD, 3.20 CT
51 A2 Teleruttore TG difettoso oppure fili interrotti (esce dopo 6s) 3.6 APG

Teleruttore TP difettoso oppure fili interrotti (controllo escluso con


52 A1 3.16 CPP
operatore ON) (esce dopo 6s)
53 A2● Blocchi aperti durante il rifasamento 3.18 CS
Relè RCP guasto oppure fili interrotti (Escludibile aggiungendo 2
54 A 2 ●♦ 3.16 CPP, 6.1 Porte
all’ind.32)
Relè RAP guasto oppure fili interrotti (Escludibile aggiungendo 2 3.6 APG
55 A 2 ●♦ 6.1 Porte
all’ind.32)
Operatore porte guasto -solo in apertura- (Escludibile aggiungendo 2 3.18 CS
56 A 2 ●♦ 6.1 Porte
all’ind.32)
57 B1● Reinserire i codici d'accesso 4.2 Codici Accesso
58 B1■ Memoria da riprogrammare o difettosa (da sostituire) 4.1 Preset
59 B1■ Microprocessore incompatibile con la scheda 4.1 Preset

L’ingresso APA è attivo (ovvero è a massa se non si somma 4 all’ind.28


3.5 APA
61 B1♦ oppure è aperto se si somma 4 all’ind.28) (Escludibile non sommando 8 5.8 Inverter
all’ind.31)
Il contatto importante (controllato dall’ingresso CEP con 2 all’ind.18) non
62 B1● 3.14 CEP
commuta nell’arco di un’intera corsa.
63 B 1 ●♦■ Numero corse esaurito (Escludibile programmando: 99 ind.45) 4.3 Numero corse
64 B/C 1 Temperatura motore troppo elevata 7.7 Temp. motore
65 A1 Contatto CCO o CCS difettoso (controllo escluso in marcia) 7.6 Fondo mobile
66 A1● Ritardo IF (RIF, ind.11) troppo lungo (controllo escluso in manutenzione) 5.3 Fermata ritardata

Fotocellule, costole mobili, CCS, ALT o PAP attivi da più di 30s o


7.3 Dispositivi di
67 A 1 ●♦ difettosi, solo per prenotati. (Escludibile programmando 1 ind.94 – non riapertura
rimane escluso per la CM -)
2.2 Specifiche
68 D Corto circuito sulle uscite elettriche
80 C1● Massima corsa 7.4 Massima corsa
3.23 EXC,
81 C1● Extra-corsa 2.3 Batteria
Ripescaggio difettoso. (Escludibile programmando un numero dispari
82 C 1 ●♦ 9.1 Autolivellamento
all’ind.99)
83 C 1 ●♦ Circuito di sicurezza difettoso (Escludibile aggiungendo 8 all’ind.34) 7.1 Circuito sicurezza

Senso di marcia contrario a quello impostato (apertura di IRD in salita o 7.5 Senso di marcia
84 C1● 3.28 IRD/IRS
di IRS in discesa
Invio SMS/E-mail in corso. Se permane indica il mancato invio di un
90 E Manuale TC1
SMS/E-mail
Inizializzazione modem in corso. Se permane indica la mancata
91 E Manuale TC1
inizializzazione.
92 E Batteria scarica. Manuale TC1

93 E Scheda TC1 assente o difettosa. Manuale TC1

6 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

1.1.2 CLASSIFICAZIONE DEI GUASTI


GUASTI
A = Con questo tipo di guasto si può ritentare. Dopo 5 secondi, se la causa è cessata, l'impianto riprende a funzionare.
B = Con questo tipo di guasto l'impianto resta in blocco fino alla riparazione del guasto e alla mancanza della rete.
C = Questo guasto genera un blocco permanente: l'impianto resta bloccato fino alla riparazione del guasto. E’
necessario inoltre premere il pulsante SPEEDY sulla scheda (con selettore sulla posizione ‘NORMALE’) oppure
andare in preset e reimpostare 0 all’ind.44.
Programmando 2 o 3 all’ind.29, il blocco permanente è IMMEDIATO (possibile sia nei fune che negli oleo).
Programmando 0 o 1 all’ind.29, il blocco permanente avviene dopo il RINVIO AL PIANO BASSO (possibile solo
negli oleo).
D = Questo guasto è solo di segnalazione. L’impianto non si blocca.
E = Questi guasti/indicazioni possono apparire solo se è attivato il telecontrollo (16 all’ind.35).
● = Guasto escluso in manutenzione
♦ = Guasto che si può escludere mediante programmazione
■ = Guasto non memorizzato nella lista degli Ultimi Guasti
Se è attivo il sistema di telecontrollo con TC1, i vari guasti si classificano anche secondo queste due categorie:
1 = L’uscita del guasto è immediata (se attiva). Se è presente scheda TC1, l’invio SMS/e-mail è immediato.
2 = L’uscita del guasto (se attiva) avviene la seconda volta che questo si manifesta. Se è presente scheda TC1, l’invio
SMS/e-mail avviene quando il guasto si verifica per la seconda volta.

1.1.3 ULTIMI 32 GUASTI


Quando si verifica un guasto che permane per almeno due secondi, il suo codice viene memorizzato in una lista in
memoria. Tale lista può memorizzare al massimo 32 codici di guasto, dopodichè vengono sovrascritti i meno recenti.
Per consultare/cancellare la lista guasti, girare il selettore in posizione ‘DIFETTI’.
Se non ci sono guasti memorizzati, sul display appaiono i trattini ‘- - ‘ lampeggianti.
Se invece ci sono guasti memorizzati, viene visualizzato l’ultimo (il più recente). Premendo i pulsanti UP e DOWN è possibile
scorrere tutti i difetti memorizzati. Con UP si visualizzano quelli via via più recenti e con DOWN quelli sempre più vecchi.
NOTA: se si sta visualizzando l’ultimo guasto memorizzato (il più recente) e si preme UP, vengono visualizzati i trattini ‘- -‘.
Analogamente, se si sta visualizzando il primo guasto memorizzato (il più vecchio) e si preme DOWN, vengono visualizzati i
trattini.
Premendo DATO si vede alternativamente il numero totale dei guasti memorizzati e il numero della posizione in elenco del
guasto attuale.
Cancellazione del guasto visualizzato corrente:
è possibile cancellare dalla lista ogni singolo guasto singolarmente. E’ necessario tenere premuto SPEEDY (sul display
apparirà una ‘Cr’, ovvero clear) fino a quando non appaiono i trattini ‘- -‘. Al rilascio di SPEEDY apparirà il guasto
precedente (meno recente).
Cancellazione simultanea di tutti i guasti memorizzati:
per cancellare contemporaneamente tutti i guasti memorizzati, premere insieme i pulsanti SPEEDY + DATO (apparirà
sul display ‘CA’, ovvero clear all) e tenerli premuti fino a quando non appaiono i trattini ‘- -‘.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 7


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

1.2 Informazioni immediate


Durante il normale funzionamento dell’impianto, anche se sta lampeggiando un guasto, si può visualizzare lo stato di alcuni
segnali, semplicemente premendo il pulsante DATO sulla scheda (con il selettore in posizione ‘NORMALE’). Il numero che
apparirà sul display indicherà lo stato attivo di una determinata condizione, secondo la tabella qui sotto. In presenza di più
condizioni attive contemporaneamente, è possibile visualizzarle in sequenza ripetendo la pressione del pulsante DATO entro
5 secondi. Se il DATO rimane rilasciato per più di 5 secondi, si torna a visualizzare la prima informazione immediata (quella
con il numero più basso).
Se nessuna condizione è attiva, il display continua a visualizzare la posizione.

N°: CONDIZIONE ATTIVA: VEDI PARAGRAFI:

40 Colloquio con PC 4.4 Programmazione con PC

41 ALT premuto 3.4 ALT


6.4 Fotocellule e Costole
42 Fotocellula oscurata mobili

43 Pulsante apri-porta premuto (PAP a massa) 6.1 Porte

44 Pulsante chiusura porte premuto (PCP a massa) 6.1 Porte

45 Sovraccarico attivo (CCS a massa o aperto secondo programmazione) 7.6 Fondo mobile

47 Cabina occupata (CCO a massa) 7.6 Fondo mobile

48 Allarme attivo (c’è tensione tra A+ e A-) 5.4 Allarme

49 Emergenza attiva (Em a massa) 9.2 Emergenza

50 Pulsante di salita in manutenzione premuto (PSM a massa) 9.7 Manutenzione

51 Pulsante di discesa in manutenzione premuto (PDM a massa) 9.7 Manutenzione

52 Manutenzione attiva (MAN a massa o aperto secondo programmazione) 9.7 Manutenzione

53 Il morsetto CEP è a massa 9.11 Pompieri

54 Il morsetto CS1 è a massa


56 Linea sicurezze interrotta (CS)
Questo simplex è difettoso per il multiplex, cioè si verifica una delle
seguenti condizioni:
- La cabina è ferma da più di 30sec. senza eseguire la chiamata 1.1 Guasti
58 5.1.5 Multiplex
che le è stata assegnata Manuale CM
- E’ presente un guasto di tipo A
- E’ fermo e IF non è attivo (ovvero fermo fuori piano)
62 E’ stato programmato il telecontrollo (ind.35)
63 Questo simplex è MASTER (ind.32)
64 Morsetto APA attivo

8 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

1.3 Tabella di assegnazione dei morsetti


I morsetti M0-M7, A, B, C e DS assumono significati diversi a seconda della programmazione agli ind.20, 21 e 24 e del tipo di
manovra (ind.16), secondo la seguente tabella:

0 2 1
IND.16
PRENOTATO SALITA/DISCESA PRENOTATO DISCESA UNIVERSALE O MULTIPLEX DOMUS
IND.24 0 1 0 1 0 1 2 3 4
M0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0 C/L0
M1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1 C/L1
M2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2 C/L2
M3 S/L0 S/L0 C/L3 C/L3 C/L3 C/L3 C/L3 C/L3 C/L3 C/L3
M4 S/L1 S/L1 S/L0 S/L0 C/L4 C/L4 C/L4 P0 C/L4 E/L0
M5 D/L1 D/L1 D/L1 D/L1 C/L5 C/L5 P0 P1 C/L5 E/L1
Segnal. cabina
M6 D/L2 D/L2 D/L2 D/L2 C/L6 P0 P1 P2 al piano E/L2
Suoneria per
M7 -- -- D/L3 D/L3 C/L7 P1 P2 P3 sovraccarico E/L3
A (Ind.20) P0 (Ind.20) P0 (Ind.20) P2 P3 (Ind.20) (Ind.20) P0
B (Ind.20) P1 (Ind.20) P1 (Ind.20) P3 P4 (Ind.20) (Ind.20) P1
C (Ind.20) P2 (Ind.20) P2 (Ind.20) P4 FSER (Ind.20) (Ind.20) P2
DS (Ind.21) (Ind.21) (Ind.21) P3 (Ind.21) P5 (Ind.21) (Ind.21) (Ind.21) P3

6 senza pos.
decimali
N° MAX
3 3 4 4 8 6 5 4 (per avere le 4
FERMATE:
pos. decimali
usare una A10)

Legenda: C/Ln = Chiamata/luminosa di cabina


S/Ln = Chiamata/luminosa al piano per salire
D/Ln = Chiamata/luminosa al piano per scendere
E/Ln = Chiamata/luminosa al piano per i Domus
Pn = posizione decimale
FSER = indicazione di fuori-servizio

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 9


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

1.4 Tabelle di programmazione della memoria


1.4.1 TEMPI
VEDI
IND. DATO: SIGLA: DESCRIZIONE:
PARAGRAFI:

0 2-45 ds TIG Durata impulso di GONG 8.7 Gong

6.1 Porte,
1 2-45 s TMA Tempo massimo di apertura 3.6 APG
6.1 Porte, 3.4 ALT,
Attesa da fine apertura (se si apre l'ingresso APG, altrimenti il tempo parte 3.6 APG, 3.34 PCP,
2 2-45 s TAP 6.6 Partenza
dall'inizio apertura) immediata,
8.6 Occupato

3 2-45 s TCH Tempo massimo di chiusura 6.1 Porte

6.1 Porte,
4 2-45 ds TRA Ritardo apertura 6.4 Fotoc. e cost. m.

5 10-99 s TMP Tempo di mancata partenza da inizio chiusura (vedi CS) 3.18 CS

6 10-99 s TMC Massima corsa (si azzera ad ogni commutazione di ICV) - 99 = infinito - 7.4 Massima corsa

6.1.1 Esclusione
7 0-99 CHF Se è pari, attiva l'esclusione apertura con il PCP per prove. apertura

8 0-99 ds RCPV Ritardo cambio piani vicini 5.2 Piani vicini

Occupato acceso durante e dopo la chiusura (0=spento fine TAP no porte 8.6 Occupato,
9 0-99 s TOC 6.1 Porte
manuali)
FUNE: 0-69 = Piccola Velocità; 70-99 = TP sempre ON 2.5 Ingressi controllo
10 0-99 ds TST OLEO: 0-69 = tempo di Stella/Triangolo; 70-99 = TP sempre ON e TG ritardato 3.44 TG
3.45 TP
di (TST-70)ds
Ritardo fermata da intervento impulsore IF e Valvola Salita o Valvola Beringer; 5.3 Fermata ritardata
11 0-99x4 cs RIF 5.7 V.salita/Bering.
Temporizzazione per Inverter 5.8 Inverter
Attesa pre-stazionamento (lo stazionamento si esclude programmando >31
12 0-99x10 s APS 9.12 Stazionamento
all'ind.83)
9.8 Chiamate
13 0-99 min TCHIA Tempo di durata del ciclo di chiamate automatiche Automatiche

0-99 ds Timer ad uso generale (in ds) oppure Valvola Beringer o Salita (in 4cs) oppure 5.5 Timer
14 T1UG 5.7 V.salita/Bering.
opp. x 4cs ritardo per Inverter (in 4cs.) 5.8 Inverter

15 0-99 ds T2UG Ritardo in ds di caduta del pattino (da attivare programmando 32 all’ind.32) 6.3 Pattino retrattile

1.4.2 FUNZIONI
VEDI
IND: DATO: DESCRIZIONE:
PARAGRAFI:
0 Prenotato Salita/Discesa
16 1 Universale 5.1 Tipi di impianto
2 Prenotato Discesa
0 VB = Valvola Salita
1 VB = Valvola Beringer 5.7 Valvole
6.1.5 Doppio
2 VB = Segnalazione Cabina al Piano accesso
3 VB = Apertura secondo accesso ‘AP2’ 8.8 Segnalazione
cabina al piano
17 4 VB = Valvola Soft-Stop 8.7 Gong
8 VB = Fuori Servizio 7.6.1 Suoneria
sovraccarico
12 VB = Suoneria sovraccarico 8.5 Fuori servizio
16 VB = Gong 6.3 Pattino
20 VB = Pattino retrattile
0 CEP = Manovra Pompieri 3.14 CEP
9.11 Pompieri
18 1 CEP = Manovra Antincendio 7.2 Contr. contatto
2 CEP = Controllo di un contatto importante imp.
0 FS = Freccia salita - FD = Freccia discesa 3.24 FD, 3.25 FS
1 FS = Fuori servizio - FD = Gong 8.3 Direzione
8.7 Gong
2 FS = Suoneria sovraccarico - FD = Difetto 7.6.1 Suoneria
3 FS = Pattino retrattile - FD = Difetto sovracc.
6.1.5 Doppio
19 4 FS = Fuori servizio - FD = Segnalazione Cabina al Piano accesso
8 FS = Fuori servizio - FD = Pattino retrattile 8.5 Fuori servizio
6.3 Pattino
12 FS = Fuori servizio - FD = Apertura secondo accesso ‘AP2’ 8.8 Segnalazione
16 FS = Suoneria sovraccarico - FD = Gong cabina al piano
8.2 Difetto
20 FS = Segnalazione Cabina al Piano - FD = Apertura secondo accesso ‘AP2’

10 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

0 A/B/C = Codice binario o Gray della posizione (N.B. collegare a massa il D della A10)
8.1.1 Posizioni
1 A = Gong - B = Suoneria sovraccarico - C = Fuori servizio 8.7 Gong
2 A = Gong - B = Pattino retrattile - C = Fuori servizio 7.6.1 Suoneria
sovracc.
3 A = Gong - B = Segnalazione Cabina al Piano - C = Fuori servizio 6.1.5 Doppio
20 4 A = Fuori servizio - B = Apertura secondo accesso ‘AP2’ - C = Suoneria sovraccarico accesso
8.5 Fuori servizio
8 A = Fuori servizio - B = Apertura secondo accesso ‘AP2’ - C = Gong 6.3 Pattino
12 A = Fuori servizio - B = Pattino retrattile - C = Segn. Cabina al Piano 8.8 Segnalazione
cabina al piano
16 A = Fuori servizio - B = Pattino retrattile - C = Apertura secondo acc. ‘AP2’ 8.2 Difetto
20 A = Gong - B = Difetto - C = Pattino retrattile
0 DS = Display Seriale 8.1.1 Display seriale
1 DS = Fuori Servizio 8.7 Gong
7.6.1 Suoneria
2 DS = Pattino sovracc.
3 DS = Gong 6.1.5 Doppio
21 accesso
4 DS = Segnalazione Cabina al Piano 8.5 Fuori servizio
8 DS = Suoneria sovraccarico 6.3 Pattino
8.8 Segnalazione
12 DS = Difetto cabina al piano
16 DS = Apertura secondo accesso ‘AP2’ 8.2 Difetto

0 Oleodinamico - Porte manuali


1 Oleodinamico - Porte automatiche
22 6.1 Porte
2 Fune - Porte manuali
3 Fune - Porte automatiche
0 Stazionamento a porte aperte (SPA) - Operatore OFF
1 Stazionamento a porte aperte (SPA) - Operatore ON 9.12 Stazionamento,
23 6.1 Porte
2 Stazionamento a porte chiuse (SPC) - Operatore OFF
3 Stazionamento a porte chiuse (SPC) - Operatore ON
0 Nessun morsetto M0-M7 fornisce posizioni decimali (solo chiamate, universale max 8 fermate,
prenotato s/d max 3 fermate, prenotato discesa max 4 fermate, senza posizioni)
1 A seconda del tipo di manovra si hanno le posizioni decimali su morsetti differenti:
Universali  M6/M7/A/B/C/DS danno le posizioni decimali P0-P5 (max 6 fermate)
1.3 Tabella
Pren. Discesa  A/B/C/DS danno le posizioni decimali P0-P3 (max 4 fermate) assegnazione
Pren. Salita/Discesa  A/B/C danno le posizioni decimali P0-P2 (max 3 fermate) morsetti
24 2 M5/M6/M7/A/B danno le posizioni decimali P0-P4 (solo universali, max 5 fermate)
8.8 Segnalazione
cabina al piano
3 M4/M5/M6/M7 danno le posizioni decimali P0-P3 (solo universali, max 4 fermate) 7.6.1 Suoneria
sovracc.
4 M0-M5 danno le chiamate, M6 la segn.cabina al piano e M7 la suoneria (solo universali, max
6 fermate senza posizioni decimali)
N.B. qualora non programmati come posizioni decimali, i morsetti A/B/C e DS assumono le
funzioni programmabili agli indirizzi 20 e 21.
0 Rifasamento manuale - Sblocco manuale Temperatura Motore
1 Rifasamento manuale - Sblocco automatico Temperatura Motore 9.10 Rifasamento,
25 7.7 Temperatura
2 Rifasamento automatico - Sblocco manuale Temperatura Motore motore
3 Rifasamento automatico - Sblocco automatico Temperatura Motore
0 Manutenzione in piccola velocità - con fermata sui rifasatori
1 Manutenzione in piccola velocità - con fermata su IF
26 9.7 Manutenzione
2 Manutenzione in grande velocità - con fermata sui rifasatori
3 Manutenzione in grande velocità - con fermata su IF
0 Arrivo fisso - Occupato fisso
1 Arrivo fisso - Occupato lampeggiante 8.1.2 Arrivo,
27 8.6 Occupato
2 Arrivo lampeggiante - Occupato fisso
3 Arrivo lampeggiante - Occupato lampeggiante
Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati: 1.1 Guasto 61
3.5 APA
1 = ICV lungo 5.8 Inverter
28 0-7 9.1 Autolivellamento
2 = Ripescaggio disabilitato 5.2 Rallentamento
4 = APA è attivo quando aperto lungo
0 Blocco dopo rinvio al piano basso - Rinvio dopo 15’ al piano basso disattivato
1 Blocco dopo rinvio al piano basso - Rinvio dopo 15’ al piano basso attivato**
2 Blocco immediato* - Rinvio dopo 15’ al piano basso disattivato 1.1 Guasti
29 (permanenti),
3 Blocco immediato* - Rinvio dopo 15’ al piano basso attivato** 9.12 Stazionamento
N.B. * nei FUNE è possibile solo il blocco immediato (2 o 3)
** Il rinvio dopo 15’ è possibile solo negli idraulici
Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
2 = Contatto cabina occupata (CCO) assente (CCO fa la fotocellula secondo
accesso) N.B. Se non c’è né il contatto di cabina occupata né la fotocellula
secondo accesso programmare comunque 2.
4 = Sequenza inverter 1
8 = Sequenza inverter 2 6.4 Fotocellule
30 0-22 Valori mutuamente esclusivi (se ne può 7.6 Fondo mobile
12 = Sequenza inverter 3 5.8 Inverter
16 = Sequenza inverter 4 utilizzare solo uno alla volta)
20 = Sequenza inverter 5
N.B.: scegliendo una sequenza per inverter, il morsetto VB viene
automaticamente utilizzato come abilitazione RAB per l’inverter, e la
programmazione all’ind.17 viene ignorata

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 11


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:


PFCG 1 = Prova di fine corsa attivata 9.5 Prova fine corsa
5.1.4 DOMUS
EMD2 4 = Emergenza Domus di tipo 2 3.5 APA
31 0-31 APAB 8 = Attiva la funzione di blocco con guasto 61 quando APA va a GND 5.8 Inverter
6.7 Operatore ON
OPST 16 = L’operatore resta ON anche durante lo stazionamento (se si programma 3.6 APG
operatore ON con 3 all’ind.23) 6.1 Porte
NLTA 32 = Esclusione limite tempo di apertura porte
Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
NOPUL 1 = Disabilitazione selettore-pulsanti-diagnostica (necessari anche codici 3.16 CPP,
d’accesso diversi da 0-0 o 10-10 agli indirizzi 48-49) 3.52.1 Blocco
interfaccia utente
NCP 2 = Controllo porte disattivato (ovvero guasti 54, 55 e 56 esclusi) 6.1 Porte
32 0-63 8.10 Pompieri
PUSA 4 = Manovra antincendio USA 5.1.5 Duplex senza
PPRA 8 = Manovra Pompieri con stazionamento porte aperte CM
SCEN 16 = Questa AM2 è MASTER nel DUPLEX senza CM 6.3 Pattino retrattile

RPATT 32 = Ritardo caduta pattino in ds all’ind.15 attivato


Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
IFVA 1 = Impulsori ID/IS o IF/ICV aperti al piano 3.27 IF/ICV
IFV 2 = Impulsori di tipo IF/ICV (no IS/ID) 9.7 Manutenzione
6.4 Fotocellula
33 0-63 MANGP 4 = In manutenzione TG e TP si attivano insieme 8.1.1 Indicazione di
CM300 8 = L’uscita Y pilota il display seriale CM300 (comunicazione PC disabilitata) posizione
GRAY 16 = Le uscite ABC danno la posizione in codice Gray (con 0 all’ind.20)
FCPM 32 = Fotocellula attiva anche con porte manuali e chiuse
Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
DOM 1 = Impianto ‘DOMUS’ manuale sia in cabina che esterne
MULX 2 = Multiplex 5.1.4 DOMUS
5.1.5 Duplex
DOMX 4 = Impianto ‘DOMUS’ manuale in cabina e automatico esterne 7.1 Circuito di
34 0-63 DOMA 5 = Impianto ‘DOMUS’ automatico sia in cabina che esterne sicurezza
9.11 Pompieri
NO83 8 = Controllo circuito di sicurezza disattivato (ovvero guasto 83 escluso), manovra 9.3 Manovra Interna
interna su CS1 attivata (se non è programmato 16 all’ind.94 né 1 all’ind.35). 3.19 CS1/RU
CEPA 16 = CEP attivo aperto (solo se fa la manovra Pompieri o Antincendio)
CS1C 32 = CS1 chiuso al piano (solo per circuito di sicurezza)
Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
I2C 1 = CS1 fa da ingresso per la fotocellula del secondo accesso (utilizzare questa
opzione se l’ingresso CCO è utilizzato come contatto cabina occupata, cioè
se c’è 0 all’ind.30). E’ necessario sommare 8 all’ind.34 per disabilitare il 6.4 Fotocellule
8.7 Gong
guasto 83. 9.7.1 Manovra a
35 0-63 GONC 2 = GONG anche con prenotazione in cabina mano
5.1.4 DOMUS
MMAN 4 = Manovra a mano attivata 7.6.2 Cancella
DOM2V 8 = ‘DOMUS’ a 2 velocità chiamate in cabina
TELC 16 = Telecontrollo attivato
FOT3 32 = Funzione di cancellazione delle chiamate in cabina dopo 3 fermate senza
interruzione fotocellule attivata

12 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

1.4.3 PARAMETRI
IND: DATO: SIGLA: DESCRIZIONE: VEDI PARAGRAFI:
36 2-8 NP Numero di piani dell’impianto
37 - - Non utilizzato
38 0-14 NS Numero di sotterranei (da 1 a 4) o di piani sopra lo 0 (da 11 a 14) 8.1.1 Indicaz. posizione
39 0-99 FPM Fermata pompieri (se > del n° piani nessuna fermata pompieri) 9.11 Pompieri
40 0-99 PB1 Fermata bassa della prima coppia di piani vicini o a rallentamento
lungo/normale
41 0-99 PB2 Fermata bassa della seconda coppia di piani vicini o a rallentamento
lungo/normale 5.2 Piani vicini
42 0-99 PB3 Fermata bassa della terza coppia di piani vicini o a rallentamento
lungo/normale
 se maggiore del numero di piani nessuna coppia
43 - - Non utilizzato
44 0 SBL Codice di blocco permanente (0 = sblocco) 1.1.2 Guasti (permanenti)
45 00-99 CDm Centinaia e decine di migliaia del numero corse (se 99 corse infinite)
46 00-99 MC Migliaia e centinaia del numero corse 4.3 Numero corse
47 00-99 DU Decine e unità del numero corse
48 0-99 CDAC1 1° codice d'accesso 4.2 Codici d'accesso
49 0-99 CDAC2 2° codice d'accesso
50 1-3 LAP0 Lato di apertura porte al piano 0
51 1-3 LAP1 Lato di apertura porte al piano 1
52 1-3 LAP2 Lato di apertura porte al piano 2 1 = Lato A
53 1-3 LAP3 Lato di apertura porte al piano 3 2 = Lato B 6.1.5 Doppio accesso
54 1-3 LAP4 Lato di apertura porte al piano 4 3 = Lato A + Lato B
55 1-3 LAP5 Lato di apertura porte al piano 5
56 1-3 LAP6 Lato di apertura porte al piano 6
57 1-3 LAP7 Lato di apertura porte al piano 7
58 - - Non utilizzato
… ... ... ...
82 - - Non utilizzato
83 FST 0-7 = Fermata a cui l'impianto va a stazionare dopo il tempo APS ind.12 9.12 Stazionamento
0-99
(se > del n° piani si disattiva lo stazionamento) 9.11 Pompieri

84 PEM Piano di emergenza (se =32 va allo 0 senza aprire, se >n° piani nessun
0-99 9.2 Emergenza
piano di emergenza, cioè va allo 0 e apre)
85 0-99 FPAC1 Fermata SPA in impianto SPC o viceversa
86 0-99 FPAC2 Fermata SPA in impianto SPC o viceversa 9.12 Stazionamento
 se maggiore del numero di piani nessun piano con
stazionamento a porte contrarie
87 - - Non utilizzato
88 - - Non utilizzato
89 0-99 SMT Modalità di funzionamento del Timer ad uso generale 5.5 Timer
90 0-99 DIS0 Simbolo per display seriale per il piano più basso
91 0-99 DIS1 Simbolo per display seriale 8.1.1 Indicazione di
92 0-99 DIS2 Simbolo per display seriale posizione
93 0-99 DIS3 Simbolo per display seriale
FUN1 Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati: 7.3 Dispositivi riapertura
6.1 Porte
EG27 1 = Controllo dispositivi di riapertura disattivato (guasto 67 escluso) 3.5 APA
ZR 4 = l'ingresso APA fa la zona ripescaggio (apertura anticipata 6.2 Apertura anticipata
94 0-21
disattivata) 7.2 Circuito sicurezza
5.5 Timer
FTR1 16 = circuito di sicurezza e manovra interna disabilitati. I morsetti 9.3 Manovra Interna
CS1/RU diventano ingresso/uscita per il Timer ad uso generale. 3.19 CS1/RU
FUN2 Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
95 0-12 GIF 4 = Gong sulla fermata anziché sul cambio velocità 8.7 Gong
G2D 8 = in discesa, due colpi di Gong anziché uno
FUN3 Per attivare più funzioni, programmare la somma dei rispettivi dati:
CCA 2 = CCS attivo aperto 7.6 Fondo mobile
4 = uscite A/B/C negate (solo come codice binario/Gray della posizione) 8.1.1 Indicazione di
96 UBINN
0-63 8 = uscite FS/FD negate (solo come frecce)
posizione
FDSN 8.3 Direzione
UDSN 16 = uscita DS negata (solo come display seriale) 9.7 Manutenzione
MANO 32 = MAN attivo aperto
97 - - Non utilizzato
98 - - Non utilizzato
99 TRIP Tempo massimo di ripescaggio (in secondi). Se si programma un valore
4-30 9.1 Autiolivellamento
fuori da range, viene automaticamente impostato a 12 secondi.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 13


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

1.5 Tabelle
Tabelle standard
La scheda viene fornita con una programmazione standard (TABELLA STANDARD P1) che la configura secondo gli usi più
comuni.
Una volta che la programmazione viene modificata secondo le esigenze dell’utente, è comunque possibile in ogni momento
ripristinare la programmazione standard di fabbrica.
Oltre alla tabella standard P1, sono a disposizione altre due tabelle standard (P2 e P3), richiamabili in ogni momento
dall’utente.
Come reimpostare una tabella standard:
1) Girare il selettore in posizione ‘IMP. STAND.’
2) Se appare sul display il numero ‘48’ significa che è necessario inserire i Codici d’Accesso. Veder paragrafo ... del
preset per maggiori informazioni sulla procedura di inserimento dei Codici d’Accesso.
Se appare sul display ‘P1’ procedere con il punto 3.
3) Quando il led ‘CODICI OK’ è acceso e sul display è visualizzato ‘P1’, selezionare con i pulsanti UP/DOWN la tabella
standard desiderata tra le tre disponibili P1, P2 e P3.
4) Per eseguire la programmazione premere il pulsante DATO (viene visualizzato un count-down ‘3’ – ‘2’ – ‘1’ ) e
tenerlo premuto fino a quando non appare una ‘Pr’ lampeggiante, la quale indica che sta avvenendo la
programmazione.
5) Rilasciare DATO e attendere che la ‘Pr’ termini di lampeggiare. A questo punto, se la programmazione è avvenuta
correttamente viene visualizzata nuovamente la tabella appena programmata (‘P1’ o ‘P2’ o ‘P3’).
Se invece la programmazione non è andata a buon fine, viene visualizzata una ‘Er’ (error) ed è necessario ripetere
la procedura.
N.B.: Quando si reimposta una tabella standard tramite la procedura sopra descritta, I CODICI D’ACCESSO
RIMANGONO COMUNQUE INALTERATI, ovvero nel caso i codici fossero stati ‘10’ – ‘10’ oppure personalizzati
dall’utente, rimarrebbero tali. I Codici d’Accesso possono essere modificati solo in PRESET. La parte della memoria
contenente le informazioni per il funzionamento con TC1 (numeri di telefoni, indirizzi e-mail ecc.) viene invece
sempre soprascritta con le impostazioni di fabbrica.

Le tabelle standard P1, P2 e P3 possono essere personalizzate a richiesta (compresa la programmazione relativa al
telecontrollo con TC1).

14 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

1.5.1 TABELLA STANDARD P1 (IMPIANTO FUNE TIPICO)


TEMPI (IND.0 15) PARAMETRI (IND.36  99)
IND. DATO SIGLA DESCRIZIONE IND. DATO SIGLA DESCRIZIONE
0 15 TIG Durata impulso di GONG = 1,5s 36 8 NP 8 piani
1 6 TMA Tempo massimo di apertura = 6s 37 - - -
2 3 TAP Attesa da fine apertura = 3s 38 0 NS No sotterranei o piani sopra lo 0
3 8 TCH Tempo massimo di chiusura = 8s 39 99 FPM No fermata pompieri
4 4 TRA Ritardo apertura = 0,4s 40 99 PB1
5 15 TMP Tempo di mancata partenza = 15s 41 99 PB2 Nessuna coppia di piani vicini
6 30 TMC Tempo di massima corsa = 30s 42 99 PB3
Esclusione apertura con PCP per 43 - - -
7 91 CHF
prove disattivata 44 0 SBL Codice di sblocco
8 0 RCPV No ritardo cambio piani vicini 45 99 CDm
9 0 TOC Occupato spento alla fine di TAP 46 99 MC Numero corse infinito
10 20 TST Uscita P = piccola velocità 47 99 DU
11 0 RIF No ritardo di IF e Valvola Salita 48 0 CDAC1
Codice d'accesso standard = 00
12 3 APS Attesa pre-stazionamento = 30s 49 0 CDAC2
13 99 TCHIA Chiamate automatiche=99 minuti 50 1 LAP0
14 90 T1UG Ritardo T per il Timer = 9s 51 1 LAP1
15 0 T2UG Ritardo caduta pattino = 0ds 52 1 LAP2
53 1 LAP3
54 1 LAP4 Apertura lato A a tutti i piani
FUNZIONI (IND.16  35)
55 1 LAP5
IND. DATO DESCRIZIONE 56 1 LAP6
16 1 Universale 57 1 LAP7
17 0 VB = Valvola Salita ... - - -
18 0 CEP fa la Manovra Pompieri 83 99 FST Nessun piano di stazionamento
19 0 FS e FD = frecce direzionali 84 99 PEM Nessun piano d'emergenza
20 0 A, B e C = posizione binaria 85 99 FPAC1 Nessun piano con stazionamento a
21 0 DS = display seriale 86 99 FPAC2 porte aperte
22 3 Fune - Porte automatiche 87 - - -
23 2 Stazionamento porte chiuse - Operatore OFF 88 - - -
24 0 Nessuna posizione decimale 89 0 SMT Timer di tipo A
25 2 Rifasamento autom. - Sblocco manuale TM 90 99 DIS0
26 3 Manutenzione in grande con fermata su IF 91 99 DIS1 Nessun simbolo speciale per il
27 2 Arrivo lampeggiante - Occupato fisso 92 99 DIS2 display seriale per i primi 4 piani
Ripescaggio disabilitato - ICV normale – APA attivo 93 99 DIS3
28 2 chiuso
1 = Controllo dispositivi di
29 2 Blocco immediato - No rinvio dopo 15'
riapertura disabilitato (no guasto
CCO fa la fotocellula secondo accesso
30 2 67),
No sequenze inverter. 94 17 FUN1
Prova di extracorsa disabilitata APA fa l'apertura anticipata,
No emergenza domus tipo 2 16 = Timer abilitato (no circuito di
31 0 Guasto 61 escluso sicurezza, no manovra interna)
No operatore ON in stazionamento GONG sul cambio velocità
NO esclusione limite tempo apertura porte
95 0 FUN2
Un colpo di GONG in discesa
Selettore/pulsanti/diagnostica abilitati CCS attivo chiuso
2 = Controllo porte disabilitato (no guasti 54, 55 e ABC non negate
56)
96 8 FUN3 8 = FS e FD negate
32 2 NO Manovra Antincendio USA
NO staz. porte aperte in Manovra Pompieri DS non negata
NO Duplex senza CM MAN attivo chiuso
NO ritardo caduta pattino 97 - - -
1+2 = IF/ICV aperti al piano 98 - - -
Attivazione simultanea di TG e TP in manutenzione 99 12 TRIP Tempo ripescaggio = 12s
disattivata
33 3 NO display CM300 su Y
No codice Gray su ABC
Fotocellula disattivata con porte manuali
Impianto non 'DOMUS' ATTENZIONE: se si riprogramma la memoria con la tabella
Non multiplex P1, viene riprogrammata secondo le impostazioni di fabbrica
8 = Controllo circuito di sicurezza disabilitato (no anche la parte relativa al telecontrollo (ovvero tutto
34 8 guasto 83), manovra interna su CS1 disabilitata disabilitato).
CEP attivo chiuso
CS1 aperto al piano
No fotocellula secondo accesso su CS1.
No GONG per chiamate in cabina nei prenot.
4 = Manovra a mano attivata.
35 4 Telecontrollo disattivato.
NO funzione di cancellazione chiamate in cabina
dopo 3 fermate senza interruzione fotocellule.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 15


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

1.5.2 TABELLA STANDARD P2 (IMPIANTO OLEODINAMICO TIPICO)

TEMPI (IND.0 15)


IND. DATO SIGLA DESCRIZIONE PARAMETRI (IND.36  99)
0 15 TIG Durata impulso di GONG = 1,5s IND. DATO SIGLA DESCRIZIONE
1 6 TMA Tempo massimo di apertura = 6s 36 8 NP 8 piani
2 3 TAP Attesa da fine apertura = 3s 37 - - -
3 8 TCH Tempo massimo di chiusura = 8s 38 0 NS No sotterranei o piani sopra lo 0
4 4 TRA Ritardo apertura = 0,4s 39 99 FPM No fermata pompieri
5 15 TMP Tempo di mancata partenza = 15s 40 99 PB1
6 30 TMC Tempo di massima corsa = 30s 41 99 PB2 Nessuna coppia di piani vicini
Esclusione apertura con PCP per 42 99 PB3
7 91 CHF
prove disattivata 43 - - -
8 0 RCPV No ritardo cambio piani vicini 44 0 SBL Codice di sblocco
9 0 TOC Occupato spento alla fine di TAP 45 99 CDm
10 70 TST Uscita P sempre ON 46 99 MC Numero corse infinito
11 0 RIF No ritardo di IF e Valvola Salita 47 99 DU
12 3 APS Attesa pre-stazionamento = 30s 48 0 CDAC1
13 99 TCHIA Chiamate automatiche=99 minuti Codice d'accesso standard = 00
49 0 CDAC2
14 90 T1UG Ritardo T per il Timer = 9s 50 1 LAP0
15 0 T2UG Ritardo caduta pattino = 0ds 51 1 LAP1
52 1 LAP2
FUNZIONI (IND.16  35) 53 1 LAP3
54 1 LAP4 Apertura lato A a tutti i piani
IND. DATO DESCRIZIONE
55 1 LAP5
16 1 Universale
56 1 LAP6
17 0 VB = Valvola Salita
57 1 LAP7
18 0 CEP fa la Manovra Pompieri
… - - -
19 0 FS e FD = frecce direzionali
83 99 FST Nessun piano di stazionamento
20 0 A, B e C = posizione binaria
84 99 PEM Nessun piano d'emergenza
21 0 DS = display seriale
85 99 FPAC1 Nessun piano con stazionamento a
22 1 Oleodinamico - Porte automatiche
86 99 FPAC2 porte aperte
23 2 Stazionamento porte chiuse - Operatore OFF
87 - - -
24 0 Nessuna posizione decimale
88 - - -
25 2 Rifasamento autom. - Sblocco manuale TM
89 0 SMT Timer di tipo A
26 3 Manutenzione in grande con fermata su IF
90 99 DIS0
27 2 Arrivo lampeggiante - Occupato fisso
91 99 DIS1 Nessun simbolo speciale per il
Ripescaggio abilitato - ICV normale – APA attivo
28 0 chiuso 92 99 DIS2 display seriale per i primi 4 piani
29 1 Blocco dopo rinvio - Rinvio dopo 15' abilitato 93 99 DIS3
CCO fa la fotocellula secondo accesso 1 = Controllo dispositivi di
30 2 No sequenze inverter. riapertura disabilitato (no guasto
Prova di extracorsa disabilitata 67),
No emergenza domus tipo 2
94 1 FUN1
APA fa l'apertura anticipata,
31 0 Guasto 61 escluso Circuito di sicurezza abilitato (no
No operatore ON in stazionamento timer, no manovra interna)
NO esclusione limite tempo apertura porte
GONG sul cambio velocità
Selettore/pulsanti/diagnostica abilitati 95 0 FUN2
2 = Controllo porte disabilitato (no guasti 54, 55 e Un colpo di GONG in discesa
56) CCS attivo chiuso
32 2 NO Manovra Antincendio USA ABC non negate
NO staz. porte aperte in Manovra Pompieri 96 8 FUN3 8 = FS e FD negate
NO Duplex senza CM DS non negata
NO ritardo caduta pattino MAN attivo chiuso
1 = ID/IS aperti al piano 97 - - -
Attivazione simultanea di TG e TP in manutenzione
disattivata 98 - - -
33 1 NO display CM300 su Y 99 12 TRIP Tempo ripescaggio = 12s
No codice Gray su ABC
Fotocellula disattivata con porte manuali
Impianto non 'DOMUS'
Non multiplex
ATTENZIONE: se si riprogramma la memoria con la tabella
34 0 Controllo circuito di sicurezza abilitato
CEP attivo chiuso P2, viene riprogrammata secondo le impostazioni di fabbrica
CS1 aperto al piano anche la parte relativa al telecontrollo (ovvero tutto
No fotocellula secondo accesso su CS1. disabilitato).
No GONG per chiamate in cabina nei prenot.
4 = Manovra a mano attivata
35 4 Telecontrollo disattivato.
NO funzione di cancellazione chiamate in cabina
dopo 3 fermate senza interruzione fotocellule

16 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

1.5.3 TABELLA STANDARD P3 (PIATTAFORMA O ‘DOMUS’ TIPICO


TIPICO)

TEMPI (IND.0 15) PARAMETRI (IND.36  99)


IND. DATO SIGLA DESCRIZIONE IND. DATO SIGLA DESCRIZIONE
0 15 TIG Durata impulso di GONG = 1,5s 36 4 NP 4 piani
1 6 TMA Tempo massimo di apertura = 6s 37 - - -
2 3 TAP Attesa da fine apertura = 3s 38 0 NS No sotterranei o piani sopra lo 0
3 8 TCH Tempo massimo di chiusura = 8s 39 99 FPM No fermata pompieri
4 4 TRA Ritardo apertura = 0,4s 40 99 PB1
5 15 TMP Tempo di mancata partenza = 15s 41 99 PB2 Nessuna coppia di piani vicini
6 30 TMC Tempo di massima corsa = 30s 42 99 PB3
Esclusione apertura con PCP per 43 - - -
7 91 CHF
prove disattivata 44 0 SBL Codice di sblocco
8 0 RCPV No ritardo cambio piani vicini 45 99 CDm
9 0 TOC Occupato spento alla fine di TAP 46 99 MC Numero corse infinito
10 70 TST Uscita P sempre ON 47 99 DU
11 0 RIF No ritardo di IF e Valvola Salita 48 0 CDAC1
Codice d'accesso standard = 00
12 3 APS Attesa pre-stazionamento = 30s 49 0 CDAC2
13 99 TCHIA Chiamate automatiche=99 minuti 50 1 LAP0
14 90 T1UG Ritardo T per il Timer1 = 9s 51 1 LAP1
15 0 T2UG Ritardo caduta pattino = 0ds 52 1 LAP2
53 1 LAP3
54 1 LAP4 Apertura lato A a tutti i piani
FUNZIONI (IND.16  35)
55 1 LAP5
IND. DATO DESCRIZIONE
16 56 1 LAP6
1 Universale
17 57 1 LAP7
0 VB = Valvola Salita
18 … - - -
0 CEP fa la Manovra Pompieri
19 83 99 FST Nessun piano di stazionamento
0 FS e FD = frecce direzionali
20 84 99 PEM Nessun piano d'emergenza
0 A, B e C = posizione binaria
21 85 99 FPAC1 Nessun piano con stazionamento a
0 DS = display seriale
86 99 FPAC2 porte aperte
22 1 Oleodinamico - Porte automatiche
23 87 - - -
2 Stazionamento porte chiuse - Operatore OFF
24 88 - - -
0 Nessuna posizione decimale
25 89 0 SMT Timer di tipo A
2 Rifasamento autom. - Sblocco manuale TM
26 90 99 DIS0
3 Manutenzione in grande con fermata su IF
27 91 99 DIS1 Nessun simbolo speciale per il
2 Arrivo lampeggiante - Occupato fisso
Ripescaggio abilitato - ICV normale – APA attivo 92 99 DIS2 display seriale per i primi 4 piani
28 0 chiuso 93 99 DIS3
29 1 Blocco dopo rinvio - Rinvio dopo 15' abilitato 1 = Controllo dispositivi di
CCO fa la fotocellula secondo accesso riapertura disabilitato (no guasto
30 2 No sequenze inverter. 67),
94 1 FUN1
Prova di extracorsa disabilitata APA fa l'apertura anticipata,
No emergenza domus tipo 2 Circuito di sicurezza abilitato (no
31 0 Guasto 61 escluso timer, no manovra interna)
No operatore ON in stazionamento
GONG sul cambio velocità
NO esclusione limite tempo apertura porte 95 0 FUN2
Selettore/pulsanti/diagnostica abilitati Un colpo di GONG in discesa
2 = Controllo porte disabilitato (no guasti 54, 55 e CCS attivo chiuso
56) ABC non negate
32 2 NO Manovra Antincendio USA 96 8 FUN3 8 = FS e FD negate
NO staz. porte aperte in Manovra Pompieri DS non negata
NO Duplex senza CM MAN attivo chiuso
NO ritardo caduta pattino 97 - - -
1 = ID/IS aperti al piano
Attivazione simultanea di TG e TP in manutenzione
98 - - -
disattivata 99 12 TRIP Tempo ripescaggio = 12s
33 1 NO display CM300 su Y
No codice Gray su ABC
Fotocellula disattivata con porte manuali
1 = Impianto 'DOMUS' manuale sia in cabina che
esterne
Non multiplex
34 1 Controllo circuito di sicurezza abilitato
CEP attivo chiuso
ATTENZIONE: se si riprogramma la memoria con la tabella
CS1 aperto al piano P3, viene riprogrammata secondo le impostazioni di fabbrica
No fotocellula secondo accesso su CS1. anche la parte relativa al telecontrollo (ovvero tutto
No GONG per chiamate in cabina nei prenot. disabilitato).
4 = Manovra a mano attivata.
35 4 Telecontrollo disattivato.
NO 2 velocità in DOMUS
NO cancellazione chiamate in cabina dopo 3
fermate senza interruzione fotocellule.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 17


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

2.
2.1
SCHEMI E SPECIFICHE
Specifiche generali
 Dimensioni: 14,7 x 14,7 mm. Spessore: 30 mm. Peso: 290 gr.
 Software della scheda: contenuto in un microprocessore estraibile e riprogrammabile con tecnologia FLASH.
 Parametri di configurazione impianto: programmabili manualmente (tramite i tasti e il selettore sulla scheda) o tramite
PC in loco o da remoto e mantenuti in modo permanente tramite memoria EEPROM anche in mancanza di
alimentazione.
 Compatibilità elettromagnetica: la scheda ha ottenuto il marchio CE (rilasciato da IMQ) per le norme relative
all’emissione elettromagnetica (EN 12015) e all’immunità elettromagnetica (EN 12016).
 Conformità con le norme sui circuiti di sicurezza: la scheda ha ottenuto l’attestato di conformità (rilasciato da IMQ)
relativamente alle norme EN 81-1 ed EN 81-2 attualmente in vigore.

2.2 Specifiche elettriche


2.2.1 ALIMENTAZIONI
 Alimentazione scheda: 13V+/-15% alternata ai morsetti V0-V12 protetta tramite fusibile da 4A sostituibile. Assorbimento:
400mA massimi.
 Alimentazione per lampade esterne: si ottiene dal morsetto +12 che fornisce 12V raddrizzati ed una corrente massima di
2A. In mancanza della rete, questo morsetto non rimane collegato alla batteria.
 Alimentazione con batteria: collegare una batteria da 12V+/-10% al morsetto BAT. Per il funzionamento vedere il
paragrafo 2.3.
 Riferimenti di massa: GND è lo zero di riferimento per la scheda e tutti gli elementi esterni (lampade, relè, schede
accessorie… escluse sicurezze); OM è lo zero di riferimento della tensione di manovra e dei circuiti di sicurezza; A- è lo
zero di riferimento del circuito di allarme (legge 13). Dopo le prove di isolamento solitamente questi morsetti vanno
collegati tutti insieme e messi a terra.
La temperatura di funzionamento va da 0°C a +50°C.

2.2.2 INGRESSI
Tutti gli ingressi vanno sempre collegati verso il GND. Non vengono danneggiati da tensioni inferiori a 24V. Gli ingressi
principali sono dotati di LED di segnalazione.

2.2.3 USCITE
Le caratteristiche delle uscite a transistor sono specificate nello schema 2.4. Le uscite per i teleruttori di marcia, per i relè
porte, per l'OCC e il CE sono contatti di relè che sopportano 5A massimi.

18 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

2.3 Batteria
Al morsetto BAT si può collegare una batteria da 12V che tenga alimentata la scheda per mantenere attive le funzioni di
allarme (legge 13) e di emergenza. Durante la presenza della rete, la scheda provvede a mantenere carica la batteria tramite
il caricabatteria interno. Se la batteria è collegata al morsetto BAT, si dovrà mantenere chiuso Em durante la mancanza della
rete, anche per evitare che esca il codice di guasto 81 per extracorsa (mancanza della tensione di manovra).
N.B.: in presenza di rete, ai morsetti della batteria non devono essere collegati dei carichi, altrimenti la batteria non viene
caricata correttamente.

2.3.1 CONTROLLO DELLA BATTERIA


BATTERIA TRAMITE SCHEDA TC1
Controllo automatico ogni 72 ore:
E’ possibile effettuare un controllo automatico della carica della batteria ogni 72 ore tramite la scheda TC1. Il sistema
distacca la batteria per circa trenta secondi per effettuare una misura accurata del suo stato di carica.
Per la misurazione la batteria viene connessa ad una resistenza da 15ohm/11W, e se la sua tensione risulta inferiore alla
soglia di 11V DC viene attivato l’invio del messaggio SMS/Email (se abilitato) e viene segnalato sul display della scheda AM2
il codice lampeggiante 92.
Il codice lampeggiante 92 può bloccare o meno l’impianto (è programmabile) e scompare dal display nei seguenti casi:
1) alla successiva misurazione della batteria (quindi dopo 72 ore) se questa risulta carica; 2) se viene tolta la rete; 3) se si
entra in preset.
La scheda TC1 previene l’eccessivo scaricamento della batteria in seguito alla mancanza di rete. La batteria viene protetta
dal danneggiamento non appena la sua carica va al di sotto degli 8,5V. Per maggiori dettagli sul funzionamento con TC1
vedere il Manuale Utente TC1.
Controllo manuale tramite funzione del selettore ‘TEST TC’:
Sempre con l’ausilio della scheda TC1, è anche possibile avviare manualmente la prova della batteria ruotando il selettore in
posizione TEST TC. Con i pulsanti UP/DOWN selezionare Pb (prova batteria) ed avviare la prova premendo il pulsante
DATO. Durante la misurazione sul display lampeggia ‘Pb’. Al termine appare ‘bb’ se la batteria risulta buona oppure ‘Er’ se la
batteria risulta essere scarta oppure se la prova batteria era stata disabilitata tramite programmazione.
Per cancellare Er è necessario spegnere e riaccendere la scheda, altrimenti ritornando in funzionamento normale appare il
codice di guasto 92.
Vedere anche la tabella del selettore 3.52.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 19


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

2.4 Schema elettrico


elettrico riassuntivo
da 24V a 110V continua o alternata

OM VM
AM2 EXC
CRP
+12
Comune lampade 2A max
V0
_
13Vac+15% Fus. 4A Sicurezze
V12
Carica
GND Batteria
_ RAP Apertura 1° accesso
+ BAT RAP1
Commu-
12V tazione
MAN
IRS
+12 interno RCP Chiusura porte / RCP RM
Pattino
IRD EXC
Impulsori principali
IF/ID Porte manuali
Accostamenti
ICV/IS ALT
Cabina occupata/
Fotocellula 2° accesso CCO
Fondo mobile Porte automatiche o Porte cabina
Sovraccarico cabina
CCS CS semiautomatiche
Aperto o chiuso
Puls. apertura porte programmabile ind.96 OM Blocchi
PAP
Puls. chiusura porte CT
PCP
Fotocellula
CM TG Grande
TG
ST velocità TP
Emergenza
EM TP Piccola
TP
Selettore velocità TG
TS TD TSD
Controlli
RCP TP teleruttori CPP TS Salita TS
RAP TG APG
RM MAN DATO UP
Manutenzione TD
PSM Discesa TD
PDM SPEEDY DW
Linea di separazione con un
Temperatura motore isolamento superiore a 3KV
TM
Ap. anticip. / Zona rip. / Blocco 61 CE1 Solo chiamate
APA esterne negli
Controllo sicurezze / Timer /
CS1 CE2 GND universali
Manovra interna / Fotoc. 2° acc.
AR
Allarme ricevuto +12 o +24V
Reset allarme
RES
GND OCC

Manovra Pompieri / Manovra Antincendio


CEP
/ Controllo di un contatto importante
M0 Chiamata e relativa segnalazione
Vmax = 35Vcc (di picco) ... sullo stesso filo / Posizioni decimali /
M6 può fare segnalaz. cab. al piano /
M7 M7 può fare la suoneria
A+
+ FS
Freccia salita / Fuori servizio / Suoneria /
Allarme Pattino / Segnalazione cabina al piano
_ A-
FD Freccia discesa / Gong / Difetto /
6V o 12V Seg. cab. al piano / Pattino / Apertura 2° acc.
SA Segnalazione allarme
Display seriale / Fuori Servizio / Pattino /
Gong / Posizione decimale / SAR Segnalazione allarme ricevuto
Segn. cab. al piano / Suoneria /
Uscite protette dai cortocircuiti
Difetto / Apertura 2° accesso DS Imax = 0,5A A A / Gong / Posizione decimale o Gray / Fuori servizio
Valvola Beringer-Salita-SoftStop / VB Vmax = 60Vcc (di picco)
B / Suoneria / Pattino / Segnal. cabina al piano /
Segn. cab. al piano / Suoneria / B Posizione decimale o Gray / Apertura 2° accesso / D ifetto
Gong / Apertura 2° accesso / C / Fuori servizio / Posizione decimale o Gray / Suoneria / Gong /
Pattino / Fuori servizio / C Segnal. cabina al piano / Apertura 2° accesso / Pat tino
Consenso INVERTER
RU Uscita controllo sicurezze / Timer

Alla CM per multiplex


Ad altra scheda quadro per duplex Y (Uscita non protetta)
Alla TC1 per telecontrollo
(solo Y) Al display7 CM300 per X
posizione seriale Connettore USB per collegamento
con PC (prima disconnettere XY)

20 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

2.5 Ingressi di controllo


Impianto a FUNE
2.5.1 Due velocità e alta velocità 2.5.2 Una velocità
AM2
AM2 TS TD RAP
TS TD RAP
RAP RAP Relè APERTURA porte TSD
TSD RCP RCP
RCP RCP Relè CHIUSURA porte
RCP
RCP TP G TA
G TG Teleruttore GRANDE velocità TA CPP
CPP RAP P Teleruttore
P TP Teleruttore PICCOLA velocità
APG AUSILIARIO
RAP TG S TS
S TS Teleruttore SALITA IF
APG D
D TP
TD Teleruttore DISCESA
ICV

Impianto OLEODINAMICO
2.5.3 TST>69 2.5.4 TST<70 (Stella/Triangolo)

AM2 AM2
TS RD TA TS RD RAP
RAP RAP RAP
TSD TSD
RCP RCP RCP Teleruttore
RCP
STELLA/
RCP TA RCP
G RG Relè GRANDE G RG TRIANGOLO
CPP velocità CPP
P TA T Stella TS
Stella Triangolo
RAP RG RAP RG P Triangolo
S TS
APG APG S TS
D RD Relè DISCESA TS
TA
RD
D RD

2.5.5 Una velocità – Porte automatiche 2.5.6 Una velocità – Porte manuali

AM2
TA TS TD RAP
RAP AM2
TSD TA TS TD
RCP RCP G
TSD
RCP G P TA
CPP CPP
P TA S TS

RAP APG
S TS D RD
APG
D RD

Impianto senza TP
2.5.7 Porte automatiche 2.5.8 Porte manuali
AM2 AM2
TS TD TS TD
TSD TSD
RCP

CPP CPP

RAP TG TG
APG APG

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 21


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

3. DESCRIZIONE MORSETTI
In questo capitolo viene fornito l’elenco alfabetico dei morsetti della scheda con una sintetica spiegazione delle relative
funzioni. Per maggiori dettagli si rimanda ai paragrafo delle singole funzioni.

3.1 +12
Il morsetto +12 può fornire 2A massimi e, in mancanza della rete, non rimane collegato alla batteria. Vedere paragrafo 2.2.1.

3.2 A/B/C
Queste uscite possono avere diverse funzioni combinate, programmabili agli ind.20, 24 e 33:
A
- Codice binario della posizione (1° bit, meno significativo) : programmare 0 all’ind.20 e non sommare 16 all’ind.33.
Vedere paragrafo 8.1.1.
- Codice Gray della posizione (1° bit, meno significativo) : programmare 0 all’ind.20 e sommare 16 all’ind.33. Vedere
paragrafo 8.1.1.
- Gong: programmare 1 o 2 o 3 o 20 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.7 Gong.
- Fuori servizio: programmare 4 o 8 o 12 o 16 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.5 Fuori Servizio
- Posizione decimale: P0, P2 o P3 a seconda del tipo di manovra e della programmazione all’ind.24. Vedere la tabella di
assegnazione dei morsetti 1.3
B
- Codice binario della posizione (2° bit): programmare 0 all’ind.20 e non sommare 16 all’ind.33. Vedere paragrafo
8.1.1.
- Codice Gray della posizione (2° bit): programmare 0 all’ind.20 e sommare 16 all’ind.33. Vedere paragrafo 8.1.1.
- Suoneria per sovraccarico: programmare 1 all’ind.20. Vedere paragrafo 7.6.1 Suoneria per sovraccarico.
- Pattino retrattile: programmare 2 o 12 o 16 all’ind.20. Vedere paragrafo 6.3 Pattino retrattile.
- Segnalazione di cabina al piano: programmare 3 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.8 Segnalazione di cabina al piano.
- Apertura secondo accesso: programmare 4 o 8 all’ind.20. Vedere paragrafo 6.1.5 Doppio accesso.
- Segnalazione di difetto: programmare 20 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.2 Difetto.
- Posizione decimale: P1, P3 o P4 a seconda del tipo di manovra e della programmazione all’ind.24. Vedere la tabella di
assegnazione dei morsetti 1.3
C
- Codice binario della posizione (3° bit, più significativo): programmare 0 all’ind.20 e non sommare 16 all’ind.33.
Vedere paragrafo 8.1.1.
- Codice Gray della posizione (3° bit, più significativo): programmare 0 all’ind.20 e sommare 16 all’ind.33. Vedere
paragrafo 8.1.1.
- Fuori servizio: programmare 1 o 2 o 3 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.5 Fuori Servizio
- Suoneria per sovraccarico: programmare 4 all’ind.20. Vedere paragrafo 7.6.1 Suoneria per sovraccarico.
- Gong: programmare 8 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.7 Gong.
- Segnalazione di cabina al piano: programmare 12 all’ind.20. Vedere paragrafo 8.8 Segnalazione di cabina al piano.
- Apertura secondo accesso: programmare 16 all’ind.20. Vedere paragrafo 6.1.5 Doppio accesso.
- Pattino retrattile: programmare 20 all’ind.20. Vedere paragrafo 6.3 Pattino retrattile.
- Posizione decimale: P2 o P4 a seconda del tipo di manovra e della programmazione all’ind.24. Vedere la tabella di
assegnazione dei morsetti 1.3
Quando A/B/C vengono utilizzati come posizioni decimali tramite opportuna programmazioni all’ind.24, la programmazione
all’ind.20 viene ignorata.
N.B.: nel caso si utilizzino ABC come uscite binarie per la A10, collegare il morsetto D di quest’ultima a massa.

3.3 A+/A-
A+/A-
Sono gli ingressi per il pulsante di allarme. Vedere paragrafi 2.2.1 e 5.4.

22 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

3.4 ALT
E' l'ingresso per il pulsante di ALT. Il morsetto va collegato prima degli accostamenti delle porte manuali (vedere schema
2.4).
Quando viene aperto si interrompe la linea delle sicurezze e la cabina si ferma. Se la cabina si trova entro la zona porte le
apre, altrimenti le mantiene chiuse. A seconda del tipo di impianto, si avrà il seguente comportamento:
- negli universali viene cancellata la chiamata. Alla chiusura dell'ALT la cabina rimane ferma fino alla chiamata successiva.
- nei prenotati lascia tutte le prenotazioni inalterate e, dopo il tempo TAP (ind.2) dalla chiusura dell'ALT, continua la marcia
autonomamente.

3.5 APA
Questo ingresso può avere due funzioni:
Apertura porte anticipata
APA può comandare l'apertura porte anticipata NON programmando 4 all'ind.94 e collegandolo ad un impulsore che si
chiuda ad ogni piano: quando la cabina commuta in piccola e vede chiudersi APA, comincia l'apertura delle porte. In
questo caso la marcia prosegue fino alla fermata anche con il morsetto CS aperto. Il circuito di sicurezza, esternamente,
bypasserà i contatti delle porte. Vedere anche paragrafo 6.2.
Zona ripescaggio
APA può servire per determinare la zona di ripescaggio aggiungendo 4 all'ind.94 e collegandolo ad un impulsore che ad
ogni piano, quando chiuso, determina appunto la zona di ripescaggio insieme ad ID/IS. Per questo, se si programma APA
come zona ripescaggio ma non lo si collega, l'impianto non ripesca mai. Quindi se si desidera avere il ripescaggio ma
non con APA, è necessario programmare quest'ultimo come apertura anticipata. Vedere anche paragrafo 9.1.
Ingresso per blocco con guasto 61
APA può essere utilizzato per esempio come ingresso per il fault dell’inverter. Questa funzione va abilitata sommando 8
all’ind.31, e in questo modo quando APA si attiva(*) l’impianto si blocca immediatamente con guasto 61. L’impianto si
sblocca autonomamente al disattivarsi di APA, ma il guasto 61 resta memorizzato. Quiesto guasto non è attivo nei primi
10 secondi dopo l'accensione e quando l'ingresso Em è a massa.
(*) APA può essere programmato attivo aperto o chiuso all’ind.28 (in particolare sommare 4 affinchè sia attivo quando
aperto).

3.6 APG
E' l'ingresso di controllo del teleruttore della grande velocità TG e del relè di apertura porte AP (vedere schema 2.4).
Deve essere chiuso verso GND:
- In piccola velocità, altrimenti dopo 1,2 secondi l'impianto si ferma segnalando il guasto 45. Questo guasto viene escluso
durante il ripescaggio, quando il morsetto APA è collegato a GND e in DOMUS.
- Quando non c'è il comando di apertura, a impianto fermo, altrimenti dopo 6 secondi l'impianto resta in blocco con guasto
48. Si sblocca chiudendo apg.
- Affinché si abbia la partenza immediata, cioè l'annullamento dell'attesa (TAP) premendo un pulsante in cabina o il PCP.
Vedere paragrafo 6.6.
Deve essere aperto:
- Durante la grande velocità, ovvero quando la scheda attiva TG, altrimenti dopo 6 secondi l'impianto si ferma con guasto
51.
- Durante l'apertura per evitare che, premendo un pulsante in cabina o il PCP, si interrompa l'apertura prima che sia
ultimata, e anche per consentire un tempo di apertura (programmato in TMA, ind.1) maggiore dei 3 secondi minimi. Deve
inoltre essere aperto durante l'apertura per evitare che il tempo TAP (ind.2) parta da inizio apertura anziché dalla fine. Per
questi motivi, il contatto di RAP in serie ad apg serve sempre(*). Se il relè esterno RAP è guasto e quindi APG non si
apre, dopo 4 secondi la scheda da codice di guasto 55 (qualora sia stato attivato il controllo porte tramite
programmazione all’ind.32).
(*)Sommando 32 all’ind.31 si può evitare di mettere in serie all’APG il contatto RAP poiché l’ingresso APG viene
considerato dal software come se fosse sempre aperto durante tutto il tempo programmato all’ind.1 (TMA). L’apertura
quindi rimane comunque attiva per tutto questo tempo. Questa funzione permette di evitare l’uso di un relais esterno per
l’apertura qualora questo servisse solo per interrompere l’APG (per esempio nel caso di operatori elettronici).
Vedere anche gli schemi 2.5 e il paragrafo 6.1.

3.7 AR
E' l'ingresso per il pulsante di allarme ricevuto. Vedere paragrafo 5.4.

3.8 B
Vedere paragrafo 3.2 A/B/C.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 23


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

3.9 BAT
E' l'ingresso al quale collegare la batteria da 12V. Vedere paragrafo 2.3.

3.10 C
Vedere paragrafo 3.2 A/B/C.

3.11 CCO
Questo ingresso può avere due funzioni programmabili all’ind.30:
Contatto di cabina occupata (fondo mobile)
Se è presente il contatto di cabina occupata è necessario programmare 0 all’ind.30. Se è assente programmare 2
all’ind.30. Vedere paragrafo 7.6.
Fotocellula secondo accesso
Se è assente il contatto di cabina occupata (programmando 2 all’ind.30), CCO fa da ingresso per la fotocellula del
secondo accesso. Vedere anche paragrafi 3.15, 3.19, tabelle di programmazione.

3.12 CCS
E’ l’ingresso per il contatto di sovraccarico del fondo mobile. E’ programmabile attivo aperto o chiuso all’ind.96. Vedere
paragrafo 7.6.
CCS può anche servire per la ‘manovra a mano’ (da attivare tramite programmazione), attivandolo insieme all’ingresso MAN
(o con selettore in posizione di ‘Manutenzione’). Vedere paragrafo 9.7.1.

3.13 CE1
CE1/CE2
/CE2
E' l'uscita che dà il comune delle chiamate esterne negli universali. Rimane attivo (contatto chiuso) quando l'occupato è
spento. Può quindi essere utilizzato (anche nei prenotati) per la luce in cabina, con l'aggiunta di un relè esterno.
Vedere schema 2.4.

3.14 CEP
Questo ingresso può avere tre funzioni programmabili all’ind.18:
Manovra Pompieri
Programmare 0 all’ind.18. In questo caso CEP può essere programmato attivo aperto o chiuso all’ind.34 (aggiungendo 16
è attivo quando aperto). Vedere paragrafo 9.11.
Manovra Antincendio
Programmare 1 all’ind.18. In questo caso CEP può essere programmato attivo aperto o chiuso all’ind.34 (aggiungendo 16
è attivo quando aperto). Vedere paragrafo 9.11.
Controllo di un contatto importante
Programmare 2 all’ind.18. Vedere paragrafo 7.2.

3.15 CM
È l’ingresso della fotocellula e/o costole mobili. In caso di doppio accesso, l’ingresso per la fotocellula del secondo accesso
è il morsetto CCO oppure (se CCO deve essere utilizzato per il fondo mobile) si può utilizzare l’ingresso CS1 (previa
opportuna programmazione). Vedere paragrafi 3.19, 6.4 e tabelle di programmazione.

3.16 CPP
E' l'ingresso di controllo del teleruttore della piccola velocità TP e del relè di chiusura porte RCP (vedere schema 2.4).
Deve essere chiuso verso GND:
- Quando non c'è il comando di chiusura, a impianto fermo, altrimenti dopo 6 secondi l'impianto resta in blocco con guasto
46. Si sblocca chiudendo CPP.
Deve essere aperto:
- Durante la piccola velocità nei FUNE e durante tutta la corsa negli IDRAULICI, ovvero quando la scheda attiva TP,
altrimenti dopo 6 secondi l'impianto si ferma con guasto 52.
- Durante la chiusura, altrimenti l'impianto segnala il guasto 54. Questo controllo sulla chiusura si può escludere
aggiungendo 2 all'ind.32, e in questo caso non è necessario porre il contatto RCP in serie a CPP (fatta eccezione nei
MULTIPLEX, dove il contatto RCP in serie a CPP serve sempre).
Vedere anche gli schemi 2.5 e il paragrafo 6.1.

3.17 CRP
E' l'ingresso del comune dei relè porte (vedere schema 2.4).

24 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

3.18 CS
Questo ingresso va collegato dopo i contatti delle porte (vedere schema 2.4). Quando riceve la tensione di manovra, significa
che le porte sono chiuse e la scheda attiva i teleruttori di marcia. Se questo morsetto rimane aperto per oltre il tempo di
mancata partenza TMP (ind.5) dall'inizio della chiusura, la scheda segnala la posizione attuale lampeggiante (guasto 0-
7), apre le porte e cancella tutte le prenotazioni. Questo comportamento si ha anche fuori piano. Se invece questa mancata
partenza si verifica durante il rifasamento, viene segnalato il guasto 53. Se l’operatore porte è difettoso e quindi durante
l’apertura il CS resta sotto tensione per più di 4 secondi, la scheda dà codice di guasto 56 (qualora sia attivato il controllo
porte tramite programmazione all’ind.32). Vedere anche paragrafo 6.1. In ogni caso, dopo 5 secondi si può riprovare
premendo un qualsiasi pulsante di chiamata.

3.19 CS1/RU
Questa coppia ingresso/uscita può avere diverse funzioni:
Circuito di sicurezza
CS1 e RU possono servire da ingresso e uscita per il controllo del circuito di sicurezza non programmando 16
all'ind.94. E’ inoltre necessario non programmare 8 all’ind.34 per abilitare il guasto 83 relativo al circuito di sicurezza.
L’ingresso CS1 è programmabile chiuso o aperto all’ind.34. Vedere il paragrafo 7.1.
Timer ad uso generale
CS1 e RU possono servire per il Timer ad uso generale, programmando 16 all'ind.94 (T1UG darà la temporizzazione in
decimi di secondo del Timer). Vedere il paragrafo 5.5.
Manovra Interna / Manovra Antisismica (solo CS1)
CS1 può servire come ingresso per le Manovra interna e antisismica programmando 8 all’ind.34 e non programmando
16 all’ind.94. Vedere paragrafi 9.3 e 9.4.
Fotocellula secondo accesso (solo CS1)
E’ possibile utilizzare CS1 come ingresso per la fotocellula del secondo accesso se l’ingresso CCO è utilizzato per il
contatto di cabina occupata (quindi se c’è 0 all’ind.30). E’ necessario sommare 1 all’ind.35 e disabilitare il guasto 83
relativo al circuito di sicurezza sommando 8 all’ind.34. Vedere paragrafo 6.4.

3.20 CT
Questo morsetto è il comune dei teleruttori, e va collegato alla fine di tutti i contatti di sicurezza (vedere schema 2.4). Non dà
nessuna informazione diretta alla scheda, ma se rimane aperto quando la scheda attiva TS o TD, non possono attivarsi i
teleruttori corrispondenti e quindi rimane chiuso l'ingresso TSD e di conseguenza, dopo 4 secondi, viene segnalato il guasto
49 (se la scheda aveva attivato TS) o il guasto 50 (se aveva attivato TD).

3.21 DS
Questa uscita può avere diverse funzioni programmabili all’ind.21:
Display seriale
Programmare 0 all’ind.21. Vedere paragrafo 8.1.1.
Fuori servizio
Programmare 1 all’ind.21. Vedere paragrafo 8.5 Fuori servizio.
Pattino retrattile
Programmare 2 all’ind.21. Vedere paragrafo 6.3 Pattino retrattile.
Gong
Programmare 3 all’ind.21. Vedere paragrafo 8.7 Gong.
Segnalazione di cabina al piano
Programmare 4 all’ind.21. Vedere paragrafo 8.8 Segnalazione di cabina al piano.
Suoneria per sovraccarico
Programmare 8 all’ind.21. Vedere paragrafo 7.6.1 Suoneria.
Segnalazione di difetto
Programmare 12 all’ind.21. Vedere paragrafo 8.2 Difetto.
Apertura secondo accesso
Programmare 16 all’ind.21. Vedere paragrafo 6.1.5 Doppio accesso.
Posizione decimale
P3 o P5 a seconda del tipo di manovra e della programmazione all’ind.24. Vedere la tabella di assegnazione dei morsetti
1.3. Quando DS viene utilizzata come posizione decimale tramite opportuna programmazioni all’ind.24, la
programmazione all’ind.21 viene ignorata.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 25


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

3.22 EM
E’ ingresso per l'emergenza. Vedere paragrafo 9.2 Emergenza.

3.23 EXC
Questo ingresso va collegato all'inizio della linea delle sicurezze, preceduto solo dai contatti di extracorsa. Se EXC rimane
aperto per più di 2 secondi, l'impianto si blocca in modo permanente segnalando codice di guasto 81. Si possono verificare
le seguenti situazioni:
- Se si è programmato il blocco immediato (2 o 3 all'ind.29): l'impianto si blocca immediatamente con l'81, e la cabina
resta ferma dove si trova anche se EXC si richiude.
- Se si è programmato il blocco dopo rinvio (0 o 1 all'ind.29): se la cabina si trova ad un piano diverso dallo 0, essa
viene rinviata allo 0 (se EXC si richiude), e poi resta in blocco con l'81.
L'impianto può essere sbloccato solo chiudendo EXC e premendo il pulsante SPEEDY sulla scheda (con selettore in
posizione ‘NORMALE’) .
N.B.: Il codice di guasto 81 si presenta anche quando manca la tensione di manovra +48. Quindi, quando manca la rete e la
scheda rimane alimentata solo con il +12 della batteria, si deve collegare l'ingresso EM dell’emergenza al GND per evitare
che si presenti il blocco 81.

3.24 FD
Questa uscita può avere diverse funzioni programmabili all’ind.19:
Freccia di direzione di marcia (discesa)
Programmare 0 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.3 Direzione.
Gong
Programmare 1 o 16 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.7 Gong.
Segnalazione di difetto
Programmare 2 o 3 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.2 Difetto.
Segnalazione di cabina al piano
Programmare 4 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.8 Segnalazione di cabina al piano.
Pattino retrattile
Programmare 8 all’ind.19. Vedere paragrafo 6.3 Pattino retrattile.
Apertura secondo accesso
Programmare 12 o 20 all’ind.19. Vedere paragrafo 6.1.5 Doppio accesso.

3.25 FS
Questa uscita può avere diverse funzioni programmabili all’ind.19:
Freccia di direzione di marcia (salita)
Programmare 0 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.3 Direzione.
Fuori servizio
Programmare 1 o 4 o 8 o 12 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.5 Fuori servizio.
Suoneria per sovraccarico
Programmare 2 o 16 all’ind.19. Vedere paragrafo 7.6.1 Suoneria.
Pattino retrattile
Programmare 3 all’ind.19. Vedere paragrafo 6.3 Pattino retrattile.
Segnalazione di cabina al piano
Programmare 20 all’ind.19. Vedere paragrafo 8.8 Segnalazione di cabina al piano.

3.26 GND
E' lo zero dell'alimentazione della scheda e delle luminose. E' fisicamente separato da OM (paragrafo 3.32) per facilitare le
prove di isolamento. Vedere anche paragrafo 2.2.1.

26 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

3.27 ICV/I
ICV/IF
/IF
Sono gli ingressi per gli impulsori di fermata e di cambio velocità/contatore piani.
I contatti sui morsetti IF e ICV possono essere aperti o chiusi ai piani a seconda della programmazione all'ind.33, e possono
avere la funzione di IF/ICV oppure di ID/IS sempre tramite programmazione all'ind.33:
Sommare 1 per avere i contatti degli impulsori APERTI ai piani (se non si somma 1 saranno chiusi)
Sommare 2 per avere gli impulsori di tipo IF/ICV (se non si somma 2 saranno di tipo IS/ID)
In altre parole:
per avere ID/IS CHIUSI al piano  non sommare valori aggiuntivi all’ind.33
per avere ID/IS APERTI al piano  sommare 1 all’ind.33
per avere IF/ICV CHIUSI al piano  sommare 2 all’ind.33
per avere IF/ICV APERTI al piano  sommare 3 all’ind.33
NOTA BENE: il morsetto IF corrisponde a IF oppure a ID, il morsetto ICV corrisponde a ICV oppure a IS.
Il loro stato lungo il vano è rappresentato dal seguente grafico:

IF ICV ID IS
Fuori zona

In zona

Zona di Zona di Zona di


Piano 1
FERMATA RIPESCAGGIO RALLENTAMENTO

IRD

Al piano più alto il grafico è


speculare, ma c'è IRS al posto
Piano 0 di IRD e ID che continua invece
di IS.
EXTRACORSA

La lunghezza di ogni zona deve essere maggiore di 60ms, mentre la lunghezza dei fuori-zona deve essere maggiore di
100ms. La sovrapposizione di IS e ID che determina la zona di fermata e l’inizio del ripescaggio, può essere molto piccola,
anche solo pochi millimetri. Per esempio: alla velocità di 1m/s, ogni zona deve essere lunga almeno 6cm, e ogni fuori-zona
almeno 10cm.
Se la scheda non vede almeno una commutazione di questi due morsetti nell'arco di un intero tragitto dal piano più basso
(IRD) a quello più alto (IRS), anche a tappe intermedie, dopo 10 secondi dall'arrivo su IRS l'impianto si blocca e segnala il
codice di guasto 42 per l'ingresso IF (ID) oppure il guasto 43 per ICV (IS). Questi due guasti sono esclusi negli impianti a 2
piani.
Argomenti correlati:
Zona porte  vedere paragrafo 6.5
Fermata ritardata  vedere paragrafo 5.3
Piani vicini e rallentamento lungo  vedere paragrafo 5.2.

3.28 IRD/IRS
Sono gli ingressi degli impulsori di rifasamento in discesa e in salita. Sono attivi quando APERTI.
Devono intervenire solo ai piani estremi, e qualche centimetro dopo ICV, ovvero dopo il tratto di rallentamento. Questi pochi
centimetri devono corrispondere ad almeno 100ms.
IRD deve essere posto al piano più basso dell'impianto e IRS a quello più alto.
Il cattivo funzionamento di questi due impulsori, viene segnalato dai seguenti codici di guasto:
- Guasto 41: se IRD e IRS sono entrambi aperti, viene forzata immediatamente la piccola velocità, e la cabina si ferma al
primo IF, ovvero IS e ID, che incontra. Questo avviene in tutte le manovre, anche in manutenzione dove però non viene
segnalato il guasto 41. Quando la cabina è ferma al piano, rimane in blocco con 41 lampeggiante fino all’eliminazione del
guasto.
- Guasto 44: Se all'arrivo al piano più basso si trova IRD chiuso o a massa, la cabina esegue una regolare fermata e poi
viene inviata automaticamente al piano più alto. Se la volta seguente che la cabina arriva al piano più basso si trova
ancora IRD chiuso o a massa, allora l'impianto si blocca con guasto 44. Comportamento perfettamente duale si ha in
caso di IRS sempre chiuso o a massa.
Quanto appena descritto vale solo durante il servizio normale, in quanto questo controllo viene escluso in manutenzione,
in emergenza e in manovra pompieri.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 27


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

3.29 M0-
M0-M7
Sono gli 8 morsetti delle chiamate e relative segnalazioni. A seconda del tipo di manovra e della programmazione
all’ind.24, possono anche fornire la posizione decimale. Inoltre se si programma 4 all’ind.24, M6 fa la Segnalazione di
cabina al piano e M7 fa la suoneria per sovraccarico. Sono protetti dai corti per Imax=0,5A Vmax=35Vcc di picco.
Vedere la tabella di assegnazione dei morsetti 1.3.

3.30 MAN
Ingresso per la manutenzione. E' programmabile attivo aperto o chiuso all’ind.96. Vedere paragrafo 9.7.

3.31 OCC (relè OCC)


Uscita per le lampade dell'occupato. Vedere paragrafo 8.6.

3.32 OM
E' lo zero della tensione di manovra. Vedere anche paragrafi 2.4 e 2.2.1.

3.33 PAP
E' l'ingresso per il pulsante di apertura porte. L'apertura è consentita quando si è in zona porte e non è ancora iniziata la
marcia. E' funzionante anche in manutenzione.

3.34 PCP
E’ l’ingresso per il pulsante di chiusura porte. Premendo questo pulsante (o un qualsiasi pulsante di chiamata in cabina) si
annulla il tempo di attesa TAP dopo la fine apertura porte, e quindi si chiudono le porte e la cabina parte immediatamente.
Vedere paragrafo 5.8 Partenza immediata.

3.35 PDM/PSM
Sono gli ingressi per i pulsanti sopracabina per la discesa e la salita in manutenzione. Vedere paragrafo 9.7.
ATTENZIONE: quando si attiva la manutenzione tramite il selettore (e non tramite l’ingresso MAN), gli ingressi PDM/PSM
non sono attivi.

3.36 RAP (relè AP)


È' l'uscita che comanda l'apertura delle porte. Vedere paragrafo 6.1.

3.37 RCP (relè CP)


E' l'uscita che comanda la chiusura delle porte. Vedere paragrafo 6.1.

3.38 RES
E' l'ingresso del pulsante di reset dell'allarme. Vedere paragrafo 5.4.

3.39 RU
Vedere paragrafi 7.1 Circuito di sicurezza e 3.19 CS1/RU.

3.40 SA
E' l'uscita che dà la segnalazione lampeggiante per indicare che è stato premuto l'allarme. Vedere paragrafo 5.4.

3.41 SAR
E' l'uscita che dà la segnalazione fissa per indicare che è stato ricevuto l'allarme. Vedere paragrafo 5.4.

3.42 ST (r
(relè P)
E' l'uscita che pilota il teleruttore per la stella/triangolo. Vedere schemi 2.4 e 2.5.4.

3.43 TD (relè D) / TS (relè S)


Sono le uscite della discesa e della salita. Vedere lo schema 2.5 e i paragrafi 3.48 e 7.5 per il controllo del senso di marcia.

28 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

3.44 TG (relè G)
E’ l’uscita della grande velocità.

3.44.1 RITARDO TG
Negli impianti OLEODINAMICI è possibile ottenere un ritardo dell'inserzione della grande velocità: tale ritardo è
programmabile in decimi di secondo all'ind.10 (TST). E' necessario programmare un dato compreso tra 70 e 99, e il ritardo
si ottiene sottraendo a tale dato 70. Per esempio: programmando TST=78 si ottiene un ritardo TG pari a 78-70=8ds. Per non
avere alcun ritardo TG, programmare 70 all'ind.10.

3.45 TP (relè P)
E’ l’uscita della piccola velocità.
TP ha diversi comportamenti a seconda del valore di TST (ind.10), e a seconda se l'impianto è a fune o idraulico:

TST = da 0 a 69 TST = da 70 a 99
Fune TP = piccola velocità TP sempre ON
Idraulico TP e ST = stella/triangolo TP sempre ON e TG ritardato di TST-70ds
Vedere anche paragrafi 3.6 APG e 3.16 CPP.

3.46 TS
E’ l’uscita della salita. Vedere paragrafo 3.43 TD/TS.

3.47 TM
E' l'ingresso per la termoresistenza o contatto termostato che controlla la temperatura del motore. Vedere paragrafo 7.7.

3.48 TSD
E' l'ingresso di controllo dei teleruttori della salita e della discesa (vedere schema 2.4).
Deve essere chiuso verso GND:
- Quando l'impianto è fermo.
Se tsd rimane aperto per più di 10 secondi quando l'impianto è fermo, viene segnalato il codice di guasto 47 e l'impianto
rimane in blocco, anche fuori-piano. Chiudendo il tsd, l'impianto si sblocca e scompare il 47.
- Per poter entrare in PRESET
- Prima di ogni movimento
Deve essere aperto:
- Quando l'impianto è in movimento.
Se non si apre quando la scheda attiva TS o TD, dopo 6 secondi viene segnalato il codice di guasto 49 per il TS o 50 per
il TD, vengono riaperte le porte e cancellate tutte le prenotazioni. Dopo 5 secondi si può ritentare.
Se durante la marcia tsd si chiude per meno di 6 secondi viene azzerato il tempo di massima corsa e la marcia continua
normalmente; se invece tsd si chiude per più di 6 secondi, la cabina si ferma immediatamente segnalando codice di
guasto 49 o 50, come alla partenza, e dopo 5 secondi si può ritentare.
Vedere anche gli schemi 2.5 e i paragrafi 3.23 TD/TS e 7.5.

3.49 V0/V12
Sono gli ingressi per il 13V alternata +/-15%. Vedere anche paragrafo 2.2.1.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 29


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

3.50 VB
Questa uscita a transistor può avere diverse funzioni programmabili all’ind.17:
Valvola salita per oleodinamici
Programmare 0 all’ind.17. Vedere paragrafo 5.7 Valvola Beringer, Valvola Salita e Valvola Soft-Stop per Oleodinamici.
Valvola Beringer per oleodinamici
Programmare 1 all’ind.17. Vedere paragrafo 5.7 Valvola Beringer, Valvola Salita e Valvola Soft-Stop per Oleodinamici.
Segnalazione di cabina al piano
Programmare 2 all’ind.17. Vedere paragrafo 8.8 Segnalazione di cabina al piano.
Apertura secondo accesso
Programmare 3 all’ind.17. Vedere paragrafo 6.1.5 Doppio accesso.
Valvola Soft-Stop per oleodinamici
Programmare 4 all’ind.17. Vedere paragrafo 5.7 Valvola Beringer, Valvola Salita e Valvola Soft-Stop per Oleodinamici.
Fuori servizio
Programmare 8 all’ind.17. Vedere paragrafo 8.5 Fuori servizio.
Suoneria per sovraccarico
Programmare 12 all’ind.17. Vedere paragrafo 7.6.1 Suoneria.
Gong
Programmare 16 all’ind.17. Vedere paragrafo 8.7 Gong.
Pattino retrattile
Programmare 20 all’ind.17. Vedere paragrafo 6.3 Pattino retrattile.
Comando per abilitazione inverter
Sommare 4/8/12/16/20 all’ind.30. Se si programma questa funzione la programmazione all’ind.17 viene ignorata. Vedere
paragrafo 5.8 Inverter.

3.51 X/Y
Queata coppia di morsetti ha diverse funzioni:
Colloquio con la centrale multiplex CM
per la realizzaione di impianti multiplex (dal duplex al quadruplex). Vedere il Manuale Utente della scheda CM.
Colloquio diretto con altra scheda quadro
per la realizzazione di impianti duplex senza CM. Vedere paragrafo 5.1.5 Duplex.
Collegamento con modulo TC1
per telecontrollo. Vedere manuale scheda TC1.
(solo morsetto Y) Uscita per pilotare display seriale a cristalli liquidi CM300
Sommare 8 all’ind.33. Vedere paragrafo 8.1.1 Indicazione di posizione con display seriale CM400.
Si tenga presente che: se viene collegato il PC alla scheda tramite porta USB, è necessario scollegare X e Y. Se si
programma 8 all’ind.33 per utilizzare il display CM300, non è più disponibile il collegamento al PC, il telecontrollo e il
duplex/multiplex.

30 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

3.52 Selettore 10 posizioni e pulsanti DATO,


DATO, SPEEDY,
PEEDY, UP e DOWN
Il selettore, utilizzato unitamente ai quattro pulsanti DATO / SPEEDY / UP / DOWN, permette di accedere rapidamente a
molte funzioni utili.
Nella seguente tabella vengono rappresentate sinteticamente le 10 funzioni del selettore con i relativi significati assunti dai
quattro pulsanti. Per i dettagli si rimanda ai paragrafi relativi ai vari argomenti.

Posizione DATO SPEEDY UP DOWN Indicazioni display Vedi


Selettore paragrafi
0 Informazioni Sblocco - - Posizione / chiamata /
1.2 Info immediate
NORMALE immediate guasti guasto / info supplementari 1.1 Guasti
permanenti

1 Esegue la - Incrementa il Decrementa Destra: posizione attuale


CH. MANUALI chiamata al digit a il digit a Sinistra: piano selezionato 9.9 Chiamate
piano indicato sinistra sinistra per la chiamata manuali
dal digit a (selezione (selezione
sinistra del piano) del piano)
2 Esegue le Esegue le - - Destra: posizione attuale
CH. chiamate chiamate Sinistra:
automatiche a automatiche 9.8 Chiamate
AUTOMATICHE A = all (tutte le chiamate) automatiche
tutti i piani solo ai piani E = estremi (chiamate ai
estremi piani estremi)
3 Apre le porte Chiude le Aziona la Aziona la Destra: posizione cabina
MANUTENZIONE porte salita discesa Sinistra: 9.7 Manutenzione
C = chiude, A = apre
4 Si alterna il n° Cancella il Scorre i Scorre i Guasto memorizzato
DIFETTI totale dei guasti guasto guasti guasti -- = nessun guasto
memorizzati e il attualmente memorizzati memorizzati
memorizzato
n° della visualizzato dal meno dal più
posizione in recente al recente al Cr = clear (appare durante
(lista ultimi 32
elenco del più recente meno la cancellazione di un
guasti memorizzati)
guasto attuale. recente singolo guasto) 1.1.3 Ultimi guasti
Premuto CA = clear all (appare
insieme a durante la cancellazione di
SPEEDY tutti i guasti)
cancella tutti i
guasti
memorizzati.
5 Visualizza il Velocizza lo Incrementa il Decrementa Indirizzo memoria / dato
PRESET contenuto ad scorrimento display (dato il display 4.1 Preset
un dato del display o indirizzo) (dato o
indirizzo indirizzo)
6 - - - - -- = non è programmato il
TEST CAMPO telecontrollo
Manuale TC1
Indicazioni del campo
(vedere manuale TC1)
7 Invia l’SMS di - Incrementa Decrementa C1/C2/C3/C4/E1/Pb
TEST TC prova al lo lo Pb = lampeggia durante la
cellulare scelto scorrimento scorrimento
prova batteria
o l’e-mail al PC per la per la
oppure avvia la selezione tra selezione tra bb = appare al termine della
prova batteria. i cellulari C1- i cellulari C1- prova batteria se questa è
C4 o l’e.mail C4 o l’e.mail buona 2.3.1 Prova batteria
E1 o la prova E1 o la prova Er = appare al termine della 10.2.1 Prova invio
batteria Pb batteria Pb prova batteria se questa è messaggi

scarta, oppure se è Manuale TC1


programmato no prova
batteria (per cancellare Er
bisogna spegnere e
riaccendere, altrimenti
ritornando in servizio
normale appare il guasto 92.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 31


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

Posizione DATO SPEEDY UP DOWN Indicazioni display Vedi


Selettore paragrafi
8 Programma in Incrementa Decrementa P1/P2/P3
IMP. STAND. memoria la lo lo 48 = è necessario inserire
tabella scorrimento scorrimento prima i codici d’accesso
(riprogrammzione standard per la per la
tabella standard) selezionata selezione tra selezione tra 3-2-1 = count-down durante
(tenerlo P1/P2/P3 P1/P2/P3 il quale bisogna mantenere
premuto fino a premuto DATO prima che 1.5 Tabelle
N.B.: quando appare avvenga la programmazione standard
programmando P1, Pr
P2 o P3 i codici Pr = program (lampeggia
lampeggiante) durante la programmazione)
d’accesso non
vengono modificati Er = error (programmazione
fallita)

9 Commutando il selettore sulla posizione 9 (Altre Funz.), si attiva una delle funzioni precedentemente ATTIVATE
ALTRE FUNZ. TRAMITE PROGRAMMAZIONE. F1 è prioritaria su F2.
F1 = PROVA DI FINE CORSA si attiva programmando 1 all’ind.31
F2 = MANOVRA A MANO si attiva programmando 4 all’ind.35 e 0 all’ind.31

F1 = Prova di Premuto - - (vedi F1 lampeggia 3 volte per


Fine Corsa insieme a pulsante indicare che è attiva la
DOWN durante DATO) PROVA DI FINE CORSA.
la marcia, fa Quando smette di
proseguire il lampeggiare, il display torna 9.5 Prova di fine
movimento come in ‘NORMALE’ corsa
della cabina
fino al rilascio
di uno o
entrambi i
pulsanti.
F2 = Manovra a - - Fa salire la Fa scendere F2 lampeggia 3 volte per
Mano cabina in la cabina in indicare che è attiva la
piccola fino piccola fino MANOVRA A MANO.
9.7.1 Manovra a
al primo al primo Quando smette di mano
piano che piano che lampeggiare, il display torna
incontra e incontra e
come in ‘NORMALE’
apre le porte apre le porte

3.52.1 DISABILITAZIONE DEL SEL


ELETTORE, DEI PULSANTI E DELLA
SELETTORE DELLA DIAGNOSTICA
Per evitare manipolazioni o interventi non autorizzati, è possibile disabilitare tutte le funzionalità del selettore e dei 4 pulsanti,
nonché disabilitare la visualizzazione dei guasti e delle informazioni immediate sul display della scheda. L’impianto
funzionerà normalmente e il display darà solo l’indicazione di posizione e chiamata.
Procedura per attivare la disabilitazione:
1) Commutare il selettore in posizione PRESET
2) Sommare 1 all’ind.32
3) Programmare i codici d’accesso agli indirizzi 48 e 49 diversi da 0-0 o 10-10.
4) Commutare il selettore in posizione NORMALE
5) Premere contemporaneamente i pulsanti UP e DOWN per rendere effettivo il blocco.
6) Se ora si ruota il selettore o si preme qualsiasi pulsante sulla scheda non si avrà nessun effetto.
Il blocco resta attivo anche se viene tolta e ridata la rete.
Procedura per la riabilitazione temporanea di tutte le funzionalità:
1) Premere il pulsante DATO e, mantenendolo premuto, inserire con i pulsanti UP e DOWN il primo codice d’accesso
(quello memorizzato all’ind.48)
2) Rilasciare DATO ed ENTRO 5 SECONDI ripremerlo per inserire il secondo codice d’accesso (quello memorizzato
all’ind.49)
3) Rilasciare DATO. Se i codici inseriti sono corretti, si accende il led CODICI OK. A questo punto selettore, pulsanti e
diagnostica sono completamente riabilitati e funzionanti. Entrando in PRESET non sarà più necessario reinserire i
codici d’accesso, e uscendo dal PRESET il led CODICI OK rimane acceso ad indicare che selettore pulsanti e
diagnostica sono ancora abilitati.
4) Quando si ha terminato di lavorare sulla scheda e si desidera ripristinare il blocco, è sufficiente commutare il
selettore in posizione NORMALE e premere contemporaneamente i pulsanti UP e DOWN. Il led CODICI OK si
spegne e il blocco di selettore pulsanti e diagnostica è ripristinato.

32 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

4.
4.1 Preset
PROGRAMMAZIONE
Per accedere alla memoria e poterla programmare, è necessario girare il selettore in posizione ‘PRESET’. La scheda
deve essere alimentata, l’ingresso ‘TSD’ deve essere a massa (impianto fermo) e i pulsanti UP e DOWN devono essere
rilasciati. L’entrata effettiva in PRESET avviene solo dopo 2,5 secondi dalla commutazione del selettore
Una vota girato il selettore, è possibile consultare / modificare tutta o solo parte della memoria a seconda della
programmazione dei CODICI D’ACCESSO (indirizzi 48 e 49):
a) Se i codici sono 0-0 (memoria non protetta): tutti i dati dall’indirizzo 0 al 99 sono visibili e modificabili, compresi gli
stessi codici d’accesso. Il primo indirizzo visualizzato è lo 0 e il led ‘CODICI OK’ è acceso. Si può procedere alla
consultazione / programmazione della memoria: selezionare l’indirizzo desiderato utilizzando i pulsanti ‘UP’ (per
incrementare il display), ‘DOWN’ (per decrementare il display), ‘SPEEDY’ (da premere contemporaneamente ad ‘UP’ o
‘DOWN’ per accelerare), premere il pulsante ‘DATO’ per visualizzare il dato contenuto in memoria all’indirizzo
selezionato e, se si desidera cambiarlo, tenerlo premuto e utilizzare ‘UP’, ‘DOWN’ e ‘SPEEDY’. Rilasciando ‘DATO’, il
display lampeggerà 3 volte, indicando così che la programmazione è stata accettata.
b) Se i codici sono 10-10 (codici disattivati definitivamente, memoria non protetta): tutti i dati dall’indirizzo 0 al 99 sono
visibili e modificabili tranne gli indirizzi 48 e 49 dei codici d’accesso che non sono più accessibili. Il primo indirizzo
visualizzato è lo 0 e il led ‘CODICI OK’ è acceso. Per la programmazione della memoria procedere come al punto a).
c) Se i codici sono diversi da 0-0 e da 10-10 (memoria protetta): il primo indirizzo visualizzato è il 48 e il led ‘CODICI
OK’ è spento. Significa che è richiesto l’inserimento dei codici d’accesso corretti per poter consultare / modificare tutta
la memoria. Se non si inseriscono i codici, è comunque possibile consultare e modificare gli indirizzi relativi ai tempi.
Quindi premendo UP e DOWN in questa situazione verranno visualizzati solo gli indirizzi da 0 a 15 e 48-49. Per la
procedura d’inserimento dei codici d’accesso vedere il paragrafo 4.2. Una volta che i codici sono stati inseriti
correttamente, si accende il led ‘CODICI OK’ e si può procedere come al punto a).
N.B.: quando si gira il selettore su ‘PRESET’, indipendentemente dalla presenza o meno dei codici d’accesso, potrebbe
apparire un numero lampeggiante compreso tra ‘16’ e ‘49’. Significa che il dato a quell’indirizzo è errato o si è
sporcato ed è quindi necessario riscriverlo, facendo attenzione che si tratti di un numero tra 0 e 3 per gli indirizzi da 16 a
31 (funzioni) e di un numero tra 2 e 8 per l’indirizzo 36 (numero piani). Se lampeggiano gli indirizzi dei codici d’accesso
(48 e 49) bisogna reinserire il corretti codici d’accesso.
Dopo questa operazione dovrebbe presentarsi una delle situazioni a), b) o c) sopra descritte.
Se invece continua a lampeggiare lo stesso indirizzo, nonostante sia stato inserito un dato corretto, significa che la
memoria non volatile (NVM) è difettosa. In funzionamento normale, un errore di programmazione e/o la NVM difettosa
vengono segnalati da codice di guasto 58.
Se viene inserito un microprocessore non compatibile con la AM2, verrà visualizzato codice di guasto 59.
Vedere le tabelle di programmazione della memoria al paragrafo 1.4.

Esempio 1: PROGRAMMARE ALL’INDIRIZZO ‘16’ IL DATO ‘1’ (CON CODICI D’ACCESSO = 0-0)
1) Girare il selettore su ‘PRESET’
2) Premere il pulsante UP fino a visualizzare sul display il ‘16’
3) Premere DATO e, mantenendolo premuto, premere UP e/o DOWN fino a visualizzare sul display il ‘1’.
4) Rilasciare DATO. Il valore 1 lampeggia 3 volte sul display . Ora l’indirizzo ‘16’ contiene il dato ‘1’.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 33


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

4.2 Codici d'accesso


I codici d’accesso sono 2 bytes, programmabili agli indirizzi 48 e 49, ciascuno da 0 a 99, che permettono di proteggere
dalla scrittura e consultazione la memoria dall’ind.16 all’ind.99 (cioè funzioni e parametri). Sono invece sempre
consultabili e modificabili i tempi (indirizzi da 0 a 15).
L’utente può scegliere tra tre opzioni:
1) LASCIARE I CODICI DI FABBRICA (0-0)  tutta la memoria non è protetta da lettura e scrittura, non è necessario
inserire i codici prima di accedere alla memoria, gli stessi codici d’accesso non sono protetti e possono essere cambiati
da chiunque in un secondo momento.
2) DISATTIVARE DEFINITIVAMENTE I CODICI (10-10)  tutta la memoria non è protetta da lettura e scrittura, non è
necessario inserire i codici prima di accedere alla memoria, non sarà più possibile in futuro accedere agli indirizzi 48 e 49
e riattivare / modificare i codici d’accesso.
3) INSERIRE CODICI D’ACCESSO PERSONALIZZATI (diversi da 0-0 o 10-10)  gli indirizzi da 16 a 99 della memoria
(funzioni e parametri) sono protetti da scrittura e lettura. Per sbloccarli è necessario inserire prima i propri codici
d’accesso. E’ possibile in ogni momento cambiare i codici d’accesso con altri valori (compresi 0-0 o 10-10) previo
inserimento dei codici d’accesso attuali.
SE ALMENO UNO DEI DUE CODICI D’ACCESSO E’ DISPARI : se in presenza di un difetto viene tolta la rete, quando
questa viene rimessa l’impianto esegue correttamente la prima corsa, dopodiché si blocca per 40 secondi segnalando
codice di guasto 57. Per sbloccare l’impianto è necessario andare in PRESET ed inserire i corretti codici d’accesso. Se i
codici inseriti sono sbagliati, uscendo dal PRESET l’impianto si bloccherà nuovamente con il 57 dopo la prima corsa.
Led ‘Codici OK’:
La scheda è dotata di un led la cui funzione è di indicare quando gli indirizzi da 16 a 99 della memoria sono protetti.
Il led entra in funzione solo con selettore in posizione 5 = PRESET oppure 8 = IMPOSTAZIONI STANDARD, in tutte le
altre posizioni il led non dà alcuna indicazione ed è sempre spento.
Quando è acceso, il led indica che la memoria è sbloccata (accessibile in scrittura e lettura).
Procedura d’inserimento dei codici d’accesso per sbloccare la memoria:
Quando la memoria è protetta dai codici d’accesso (diversi da 0-0 e 10-10), girando il selettore su ‘PRESET’ il primo
indirizzo visualizzato è il 48 (primo codice d’accesso). Procedere come segue:
1) All’ind.48 visualizzato, premere DATO e inserire il primo codice d’accesso. Rilasciando DATO il display visualizza
automaticamente l’ind.49, secondo codice.
2) All’ind.49 visualizzato, premere DATO e inserire il secondo codice d’accesso.
 Se al rilascio del DATO si accende fisso il led ‘CODICI OK’ significa che i codici inseriti sono corretti e la memoria è
sbloccata. Viene visualizzato l’indirizzo 0.
 Se i codici inseriti sono errati, resta visualizzato l’indirizzo 49 e comincia a lampeggiare il led ‘CODICI OK’. Si potrà
procedere ad un nuovo tentativo di inserimento solo quando il led smette di lampeggiare. La durata del lampeggio è
inizialmente di un secondo e raddoppia dopo ogni tentativo di inserimento fallito, fino ad un massimo di 128 secondi.
Durante il lampeggio del led, non è possibile inserire i codici, ed infatti premendo DATO vengono visualizzati i trattini ‘-
-‘. Questo tempo di attesa (lampeggio del led ‘CODICI OK’) viene azzerato solo dopo l’inserimento dei codici corretti,
mentre si mantiene inalterato spegnendo e riaccendendo la scheda.
Modifica dei codici d’accesso:
I due codici d’accesso (indirizzi 48 e 49) possono essere cambiati come qualsiasi altro parametro della memoria, solo
quando il led ‘CODICI OK’ è acceso. Solo se sono stati inseriti i codici d’accesso 10-10, non saranno più né accessibili né
modificabili e quindi la memoria risulterà sempre non protetta.

Esempio 1: IMMETTERE IN UNA SCHEDA NUOVA (che quindi ha i Codici d’Accesso = ‘0’ e ‘0’) I CODICI D’ACCESSO
’11’ e ‘25’
1) Girare il selettore su ‘PRESET’. Il led ‘CODICI OK’ si accende.
2) Premere UP fino a visualizzare l’ind.48 sul display
3) Premere DATO e, tenendolo premuto, premere UP fino a visualizzare il dato ‘11’ sul display, quindi rilasciare DATO. L’11
lampeggia ad indicare che è stato accettato.
4) Premere UP visualizzando l’ind.49 sul display
5) Premere DATO e, tenendolo premuto, premere UP fino a visualizzare il dato ‘25’ sul display, quindi rilasciare DATO. Il 25
lampeggia ad indicare che è stato accettato
6) Uscire dal PRESET. Ora i nuovi codici d’accesso sono ‘11’ e ‘25’.

34 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

Esempio 2: IMMETTERE IN UNA SCHEDA CHE HA CODICI ‘3’ e ‘45’ I NUOVI CODICI ’7’ e ‘8’
1) Girare il selettore su ‘PRESET’. Il led ‘CODICI OK’ è spento e appare l’ind.48.
2) Premere DATO e tenendolo premuto, premere UP fino a visualizzare il dato ‘3’ sul display, quindi rilasciare DATO. Viene
visualizzato automaticamente l’ind.49.
5) Premere DATO e tenendolo premuto, premere UP fino a visualizzare il dato ‘45’ sul display, quindi rilasciare DATO. Il led
‘CODICI OK’ si accende e viene visualizzato l’indirizzo 0 (la memoria è sbloccata).
6) Con UP andare all’ind.48
7) Premere DATO e tenendolo premuto, premere UP fino a visualizzare il dato ‘7’ sul display, quindi rilasciare DATO. Il 7
lampeggia ad indicare che è stato accettato.
8) Andare all’ind.49.
9) Premere DATO e tenendolo premuto, premere UP fino a visualizzare il dato ‘8’ sul display, quindi rilasciare DATO. L’8
lampeggia ad indicare che è stato accettato.
10) Uscire dal PRESET. Ora i nuovi codici d’accesso sono ‘7’ e ‘8’.

4.3 Numero corse


E’ possibile programmare un numero corse terminate le quali l’impianto si blocca, segnalando il codice di guasto 63. Per
sbloccare l'impianto, sarà necessario commutare il selettore in posizione ‘PRESET’, inserire, se richiesto, i codici d’accesso e
quindi inserire un nuovo Numero Corse.
Per ‘corsa’ si intende ogni partenza in grande velocità. Se quindi la cabina si ferma fuori piano e poi riparte in grande,
questa verrà conteggiata come un’altra corsa.
Non è necessario attendere l’azzeramento del numero corse per inserirne uno nuovo.
Il numero corse va scritto ai 3 seguenti indirizzi (ciascuno dei quali programmabile da ‘00’ a ‘99’):
- 45 = contiene CENTINAIA e DECINE DI MIGLIAIA del numero corse
- 46 = contiene MIGLIAIA e CENTINAIA del numero corse
- 47 = contiene DECINE e UNITA’ del numero corse
Se all’indirizzo 45 si mette un 99, il numero corse non viene decrementato, per cui risulterà essere infinito.

Esempio: PROGRAMMARE UN NUMERO CORSE = 75.460 (con Codici d’Accesso=0-0)


1) Girare il selettore su ‘PRESET’. Il led ‘CODICI OK’ si accende e sul display è visualizzato ‘0’.
2) Andare all’ind.45 e programmarvi il dato ‘07’
3) Andare all’ind.46 e programmarvi il dato ‘54’
4) Andare all’ind.47 e programmarvi il dato ‘60’

Esempio: PROGRAMMARE UN NUMERO CORSE INFINITO (con Codici d’Accesso=0-0)


1) Girare il selettore su ‘PRESET’. Il led ‘CODICI OK’ si accende e sul display è visualizzato ‘0’.
2) Andare all’ind.45 e programmarvi il dato ‘99’
3) Agli ind.46 e 47 può esserci un dato qualsiasi.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 35


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

4.4 Programmazione tramite PC (LIFT PRO)


Per programmare la memoria, oltre che tramite la procedura descritta al paragrafo 4.1, si può utilizzare un PERSONAL
COMPUTER. E’ possibile collegare la scheda AM2 al PC senza l’ausilio dell’alimentazione esterna (morsetti V0-V12), in
questo caso il PC fornisce direttamente 5V DC alla scheda alimentando il microprocessore on-board. N.B.: verificare che non
sia programmato 8 all’ind.33 (in questo caso l’uscita Y pilota il display CM300 e la comunicazione con il PC non è
funzionante).
Per interagire con la scheda AM2 è necessario installare sul PC il software “LiftPro” (fornito su CD-ROM).
Il software svolge le seguenti funzioni:
A) Connessione in locale (USB) o in remoto (MODEM) con la scheda.
B) Programmazione parametri dell’impianto (indirizzi di memoria da 0 a 99).
C) Impostazione parametri relativi al telecontrollo e all’invio di SMS/Email.
AM2
D) Editor Modelli (creazione di modelli per le tabelle di programmazione)
E) Monitoraggio ingressi, uscite e chiamate della scheda.
F) Analisi guasti in tempo reale.
Requisiti minimi di sistema
Il programma richiede il sistema operativo Window95 o superiore.
Istruzioni d’uso
A) Connessione con la scheda
E’ possibile collegare la scheda al PC in due modi:
1) Collegamento locale tramite porta USB integrata: utilizzare un cavo USB standard di tipo A-B. La prima volta che la
scheda viene collegata al PC è necessario installare i driver seguendo le indicazioni date dal PC. I driver sono
disponibili sul CD-ROM di installazione del software LiftPro sotto la cartella ’DRIVER’. Una volta installati i driver sul
PC sarà disponibile una nuova porta seriale virtuale COMn (‘n’ indica il numero della nuova porta installata).
2) Collegamento remoto tramite linea telefonica GSM: è possibile collegarsi in remoto alla scheda AM2 dotando
quest’ultima di modem GSM (scheda TC1 accessoria). Per il collegamento remoto è necessario utilizzare un PC a
sua volta dotato di modem interno collegato alla rete telefonica fissa. Tramite il software LiftPro è possibile
contattare telefonicamente la scheda TC1, la quale rileva lo squillo e richiama a sue spese il PC remoto.
B) Programmazione parametri dell’impianto (indirizzi di memoria della scheda da 0 a 99)
Il software consente di creare, modificare, salvare e stampare files contenenti le impostazioni per la programmazione della
scheda. Una volta connessi con la scheda, è possibile inviare tali files (tabelle di programmazione) alla scheda impostando le
caratteristiche dell'impianto.
Procedura base per la connessione:
1. Avviare il software LiftPro.
2. Selezionare il tipo di connessione che si desidera effettuare: locale o remota. Se locale, verificare che il cavo USB sia
inserito tra PC e scheda, quindi cliccare sul pulsante ‘Connetti’. Se remota, verificare che il modem del PC sia
correttamente collegato alla linea telefonica, selezionare il modem del PC da utilizzare (andare nel menù
File/Impostazioni/Modem per effettuare questa impostazione), inserire ‘PASSWORD’ e ‘TELEFONO’ dell’impianto
remoto, quindi cliccare sul pulsante ‘Contatta Impianto’ per realizzare la connessione remota.
3. Stabilita la connessione, selezionare la pagina 'Configurazione Impianto' per programmare la scheda.
4. E' possibile effettuare le seguenti operazioni quando connessi con la scheda:
- leggere il contenuto/memoria della scheda e scaricarla in un file sul PC (tabella di programmazione)
- inviare una tabella di programmazione alla scheda
- confrontare il contenuto della scheda con una tabella di programmazione aperta
In modalità off-line è comunque possibile creare/modificare i files relativi alle tabelle di programmazione.
C) Editor Modelli (creazione di modelli per le tabelle di programmazione)
Questa sezione del software offre la possibilità di modificare le descrizioni associate ai parametri inseriti nelle schede. Si
possono creare dei propri modelli per le tabelle, ad esempio traducendoli in lingue differenti. Di default viene fornito un
modello in lingua italiana (italiano.mod) e un modello in lingua inglese (english.mod). L'Editor Modelli consente anche di
aggiungere valori alle tabelle di programmazione così da poter mantenere una corrispondenza con gli aggiornamenti del
software della scheda.
D) Monitoraggio ingressi, uscite e chiamate della scheda
Una volta connessi con la scheda è possibile visualizzare in tempo reale lo stato degli ingressi e delle uscite della scheda. E'
inoltre possibile effettuare prenotazioni/chiamate. Sono disponibili due visualizzazioni in tempo reale:
- visione dettagliata: rappresentazione sintetica dello stato on/off di tutti gli ingressi e uscite della scheda.
- visione semplificata: rappresentazione grafica della cabina e del suo movimento con indicazione della direzione, della
velocità, dello stato delle porte e dello stato degli ingressi/uscite principali.
E) Analisi Guasti in tempo reale
Visualizzazione di tutti i guasti dell'impianto memorizzati e di quello attualmente in corso (se presente). Possibilità di sblocco
dell’impianto in caso di guasti permanenti. La lista dei guasti viene costantemente letta dalla scheda e visualizzata in tempo
reale.

36 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

5. TIPOLOGIE DI IMPIANTO E
FUNZIONI SPECIALI
5.1 Tipologie di impianto
5.1.1 UNIVERSALE
NIVERSALE
Viene accettata e quindi soddisfatta una sola chiamata alla volta. Si possono realizzare impianti universali fino ad 8 piani.

5.1.2 PRENOTATO DISCESA


Vengono distinte 2 tipi di chiamate: in cabina ed esterne. Vengono accettate tutte le chiamate, ma quelle esterne vengono
soddisfatte solo mentre la cabina sta scendendo. Si possono realizzare impianti prenotato discesa fino a 4 piani.

5.1.3 PRENOTATO SALITA/DISCESA


Vengono distinte 3 tipi di chiamate: in cabina, esterne per salire ed esterne per scendere. Vengono accettate tutte le
chiamate, ma quelle esterne vengono soddisfatte in un ordine che dipende dalla direzione di marcia della cabina.
Si possono realizzare impianti prenotati salita/discesa fino a 3 piani.

5.1.4 PIATTAFORMA (DETTA ANCHE “DOMUS” O “HOME-LIFT”)


Si possono realizzare impianti DOMUS fino a 4 piani. Le chiamate in cabina vanno collegate ai morsetti M0-M3 mentre le
chiamate esterne vanno collegate ai morsetti M4-M7 (vedere tabella 1.3).
Sono possibili tre modi di funzionamento:
1) Manuale (ovvero a uomo presente) sia in cabina che ai piani  sommare 1 all’ind.34
2) Automatico (ovvero universale) sia in cabina che ai piani  sommare 5 all’ind.34
3) Manuale in cabina e automatico ai piani  sommare 4 all’ind.34
Nel funzionamento manuale ogni volta che si rilascia il pulsante di chiamata la cabina si ferma. I pulsanti di cabina possono
essere ripremuti subito, senza attendere lo spegnimento dell’occupato, mentre quelli ai piani possono essere ripremuti
solo dopo lo spegnimento dell’occupato, fatta eccezione per il pulsante che si stava premendo il quale può essere
ripremuto subito. (N.B.: se la cabina si ferma fuori piano e poi si preme il pulsante coincidente con la posizione, la
chiamata viene soddisfatta correttamente). Se vengono premuti due pulsanti di chiamata in cabina contemporaneamente
l’impianto si ferma. La segnalazione dell’occupato è disponibile anche sui morsetti M4-M7, insieme ai pulsanti esterni.
Questo consente alla lampada del pulsante esterno di spegnersi al rilascio del pulsante, indicando così la possibilità di
ripremerlo subito senza attendere lo spegnimento dell’occupato come avviene agli altri piani.
Nel funzionamento automatico viene accettata e soddisfatta una chiamata alla volta. Il pulsante di chiamata va premuto e
rilasciato poiché la chiamata viene memorizzata. E’ anche funzionante l’indicazione di arrivo lampeggiante o fissa.
L’indicazione di posizione è attiva solo in zona porte. In questo modo può essere utilizzata anche come indicazione di cabina
presente.
Se l’impianto è a due velocità (sommando 8 all’ind.35), sono necessari i magneti che azionano gli impulsori IS/ID o ICV/IF,
sia per la fermata che per il rallentamento. Se l’impianto è ad una sola velocità sono necessari solo gli impulsori di fermata
(ed eventualmente quelli per il ripescaggio). In questo caso collegare insieme TG e TP al teleruttore ausiliario.
Non viene eseguito il rinvio per stazionamento al piano FST, mentre rimangono programmabili il rinvio allo 0 dopo 15’ e il
blocco permanente immediato o dopo rinvio al piano basso (ind.29) .
Il rifasamento può essere solo manuale.
L’uscita RU va ON solo quando CEP (con 2 all’ind.18) è a massa e anche IS o ID sono attivi, in tutti i modi di funzionamento.
Il Timer ad uso generale non è disponibile.

Emergenza nei Domus


sono possibili due modalità di emergenza:
Tipo 1: Chiudendo l’ingresso Em non viene attivata l’emergenza automatica, ma vengono disattivate tutte le chiamate sopra
la cabina, permettendo così solo la marcia in discesa dopo aver premuto un pulsante di chiamata sotto la cabina.
Tipo 2: Sommando 4 all’ind.31 l'emergenza negli impianti DOMUS avviene secondo la seguente modalità:
- Se la cabina è ferma al piano rimane in blocco.
- Se è tra un piano e l'altro accetta tutte le chiamate, sia per salire che per scendere, e quando si ferma su una
zona di fermata rimane in blocco.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 37


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

5.1.5 DUPLEX
È possibile realizzare impianti DUPLEX dove ciascun simplex (AM2) può essere un prenotato salita/discesa fino a 3 fermate
o solo discesa fino a 4. Le due AM2 simplex che costituiscono il duplex, sono diversificate dalla programmazione: un simplex
ha il ruolo di MASTER (programmare 16 all’ind.32), mentre l’altro simplex ha il ruolo di SLAVE (NON programmare 16
all’ind.32, programmazione standard di fabbrica). Il MASTER riceve sia le chiamate in cabina che quelle esterne, come un
normale simplex, mentre lo SLAVE riceve solo le proprie chiamate in cabina. E’ quindi il MASTER a smistare tra sé e lo
SLAVE le chiamate esterne in base al livello di disponibilità di ciascuna cabina.
MASTER e SLAVE comunicano tramite i due fili X-Y, che dovranno essere INCROCIATI (cioè l’X di una scheda si collega
all’Y dell’altra).
ATTENZIONE: per poter utilizzare il telecontrollo con TC1 è necessario realizzare l’impianto duplex con la scheda Centrale
Multiplex (CM).

Esempio: DUPLEX PRENOTATO DISCESA A 4 FERMATE

Simplex AM2 (*) Simplex AM2


+12 +12
MASTER SLAVE
M3 (SA) X X (SB)
Y Y
M0
M7 M4 GND GND M3 M0

+V +V +V
C/L3 D/L3 C/L3

C/L0 S/L0 C/L0

CABINA ESTERNE CABINA


Programmazione:

SA (MASTER) SB (SLAVE)
Ind. 16 2 (prenotato discesa) 2 (prenotato discesa)
Ind. 32 +16 (master) no 16 (slave)

(*) Il collegamento tra i morsetti +12 con diodo permette di mantenere alimentata la scheda del simplex MASTER (SA)
qualora venisse spento il quadro per lavori. In questo modo le chiamate esterne rimangono attive e assegnate al simplex
SLAVE (SB). Se è presente una batteria che mantiene accesa SA, questo collegamento non serve.

E’ possibile anche realizzare un duplex salita/discesa fino a 8 piani utilizzando una AM1 come MASTER e una AM2
come SLAVE. Le 8 chiamate di cabina dello SLAVE andranno ai morsetti M0-M7 della AM2 previa programmazione di un 1
all’ind.16 e 2 all’ind.34. Inoltre, con la CM che gestisce le chiamate esterne e le AM2 quelle di ciascuna cabina, si può
arrivare fino al quadruplex s/d a 8 piani.

38 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

5.2 Piani vicini e Rallentamento lungo


Agli ind.40, 41 e 42 è possibile programmare o coppie di piani vicini da percorrere in bassa velocità oppure coppie di piani
con rallentamento lungo/normale.
Rallentamento lungo (si possono avere coppie consecutive)
il rallentamento si definisce lungo quando è superiore a metà piano, cioè quando ha inizio uscendo dall’ICV del piano
precedente a quello di fermata. Se si è programmato IS/ID, il rallentamento inizia uscendo dalla prima barretta IS/ID che
incontra dopo il piano precedente a quello di destinazione (vedere per confronto il caso di rallentamento normale a
pag.25). Insieme al rallentamento, avviene anche la commutazione della posizione.
Il tipo di rallentamento, valido per tutti i piani meno quelli eventualmente programmati agli indirizzi 40, 41 e 42, va
selezionato all’ind.28.
Si possono avere fino a tre coppie di piani a rallentamento lungo in un impianto a rallentamento normale o, viceversa, fino
a tre coppie di piani a rallentamento normale in un impianto a rallentamento lungo. Le tre coppie vanno programmate agli
indirizzi 40, 41 e 42, inserendo un dato pari alla somma del piano inferiore della coppia più 50.
Quando c’è rallentamento misto, è necessario prestare attenzione affinché IF commuti anche passando in grande
velocità.
Piani vicini (NON si possono avere coppie consecutive)
Se si desidera ottenere una coppia di piani vicini da percorrere in bassa velocità, basta programmare ad uno dei tre
indirizzi 40, 41 o 42 il numero della fermata inferiore della coppia.
Il tratto che separa i due piani vicini viene percorso sempre in bassa velocità, tranne ovviamente quando la cabina non
deve effettuare una fermata ad uno dei due.
Quando la cabina deve fermarsi solo al secondo di due piani vicini, il cambio viene comunque eseguito all’ICV del primo,
quindi la cabina esegue un tratto di rallentamento più lungo. Questo problema può essere risolto ritardando il cambio di
velocità di un tempo adeguato (RCPV) programmabile all’ind.8 da 0 a 99 decimi di secondo.
Gli impulsori nel vano sono uguali a quelli degli impianti standard, eccetto per la presenza di due impulsori supplementari
IRS2 e IRD2 che servono quando le coppie di piani vicini sono agli estremi.
Esempi: programmazioni per ottenere diverse combinazioni di piani vicini, normali e a ICV lungo

Piani a Piani a
Piani vicini
rallentamento rallentamento
in piccola velocità Ind.28 Ind.40 Ind.41 Ind.42
normale lungo
Tutti Nessuno Nessuno 0o2 99 99 99
Tutti Nessuno 0/1 e 6/7 0o2 0 6 99
Tutti, esclusi 2/3 2/3 0/1 e 6/7 0o2 0 6 52
Nessuno Tutti Nessuno 1o3 99 99 99
Nessuno Tutti 0/1 e 6/7 1o3 0 6 99
2/3 Tutti, esclusi 2/3 0/1 e 6/7 1o3 0 6 52

Esempio: Due coppie di piani vicini agli estremi. Programmare 0 all'ind.40, 3 all'ind.41 e 99 all'ind.42. E' necessario
aggiungere una coppia di rifasatori supplementari (IRS2 e IRD2) per garantire il cambio di velocità in piccola durante il
rifasamento e in caso di malfunzionamenti.

OM VM
IF ICV IRS IRD IRS2 IRD2
AM2 CT
4
TP
PIANI TG RR2 TG
VICINI
3 ST

TG
TP
TP
IRS2 TS
2
RR2
IRD2 TD
TP RCP
cpp
1
TG RAP RR2
PIANI apg
VICINI
0 TS TD
tsd

(IRS2 e IRD2 sono attivi chiusi)


attivi attivi
aperti chiusi

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 39


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

Se i piani sono tanto vicini da non consentire il posizionamento di IS/ID, si può tentare con IF/ICV e fare il ripescaggio
esternamente alla scheda.
Si deve rispettare la lunghezza minima di ogni zona, che deve essere maggiore di 60ms, e dei fuori-zona, che devono essere
maggiori di 100ms..

Esempio: alla velocità di 60cm/s, le lunghezze minime di ogni zona e fuori-zona sono rappresentate nei seguenti schemi:

ID IS IF ICV

Fuori zona

In zona

16cm

6cm

4cm minimo 2cm


14cm 6cm
minimo 6cm
58cm 2cm
4cm

6cm

16cm

Come si può notare, con IF/ICV, la distanza minima permessa tra i due piani vicini è notevolmente minore rispetto a ID/IS.

5.3 Fermata ritardata


E’ possibile ritardare la fermata di un tempo RIF programmabile all’ind.11 fino ad un massimo di 4 secondi, in intervalli di 4
centesimi di secondo. Ritardare la fermata permette di ridurre il numero dei ripescaggi.
Se si programma un intervallo eccessivo, cioè tale da oltrepassare la zona di fermata, viene segnalato il codice di guasto 66,
e comunque la cabina si ferma uscendo da IF. Il ritardo RIF viene annullato in emergenza, in grande velocità e con piani
vicini quando attraversa in piccola velocità il piano in cui non si deve fermare.
Il controllo del guasto 66 è escluso in manutenzione.

5.4 Legge 13 - Allarme


Premendo il pulsante dell’ALLARME (ingressi A+ e A-) si attiva in modo intermittente la segnalazione di allarme (uscita SA)
che rimane accesa anche dopo aver rilasciato il pulsante.
Premendo il pulsante di ALLARME RICEVUTO (ingresso AR) si spegne la segnalazione d’allarme SA e si attiva a luce fissa
la segnalazione di allarme ricevuto (uscita SAR)
Premendo il pulsante di RESET ALLARME (ingresso RES) oppure con una partenza (esclusi il ripescaggio e il rinvio per
stazionamento), vengono spente entrambe le segnalazioni SA e SAR.
Premendo ALL al piano, si aprono le porte. L’allarme rimane disattivato in movimento.

40 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

5.5 Timer
Timer ad uso generale
E’ disponibile un Timer ad uso generale. Vengono utilizzati l’ingresso CS1 e l’uscita RU, previa programmazione di un 16
all’ind.94 (ATTENZIONE: in questo modo viene disattivato il circuito di sicurezza, e non è possibile avere la manovra interna
né la fotocellula secondo accesso su CS1).
Il ritardo per questo timer, va programmato da 0 a 99 decimi di secondo all'ind.14 (T1UG).
Sono disponibili tre modalità di funzionamento del Timer (TIPO A, B o C), selezionabili all’ind.89 e rappresentate nel
seguente grafico, dove T è il ritardo programmato in decimi di secondo all’ind.14:

(Ingresso aperto)
(Ingresso a massa)
Ingresso CS1

ON

Uscita RU OFF TIPO A: Monostabile


T
(Ind.89 = 0)
T
Uscita RU TIPO B: Ritardo iniziale
(Ind.89 = 1)

Uscita RU TIPO C: Ritardo finale


T
(Ind.89 = 2)

5.6 Velocità
5.6.1 UNA VELOCITÀ
- Se si utilizza la configurazione IF/ICV, nei fune, collegare gli ingressi facendo riferimento allo schema 2.5.2. I morsetti IF
e ICV sono collegati insieme poiché lo stesso impulsore fa sia la fermata attraverso il morsetto IF che l’avanzamento del
selettore attraverso ICV.
- Se si utilizza la configurazione IS/ID, negli oleodinamici, sono necessari entrambi gli impulsori disposti come nel caso di
due velocità, affinché siano possibili il ripescaggio, la fermata e l’avanzamento del selettore. TG, TP, TSD, CPP e APG
vanno collegati come nello schema 2.5.5 o 2.5.6. E’ necessario programmare TP sempre ON, cioè 70 all’ind.10.
I rifasatori devono essere lunghi come gli impulsori di fermata.
E' necessario programmare la manutenzione in grande velocità (2 o 3 all'ind.26).

5.6.2 DUE VELOCITÀ


Se l'impianto è a due velocità, collegare gli ingressi e le uscite dei teleruttori facendo riferimento allo schema 2.5.

5.7 Valvola Beringer,


Beringer, Valvola Salita e Valvola Soft-
Soft-Stop per
Oleodinamici
L'uscita VB dà la Valvola Salita se si programma 0 all'ind.17, la Valvola Beringer se si programma 1 all'ind.17 oppure la
Valvola Soft-Stop se si programma 4 all’ind.17.
Se si programma una sequenza per inverter all’ind.30, l’uscita VB non è più disponibile per pilotare le valvole ma viene
utilizzata per comandare i teleruttori ausiliari e l’abilitazione per l’inverter (cioè la programmazione all’ind.17 viene ignorata).
Si tratta di un’uscita a transistor e può fornire 0,5Amax fino a 50Vcc.
In una corsa l’uscita VB commuta come indicato nel grafico sottostante, dove RIF e T1UG sono tempi programmabili da 0 a
99 x 4 centesimi di secondo agli ind.11 e 14 (RIF è lo stesso tempo della fermata ritardata, paragrafo 5.3, e T1UG è lo
stesso tempo del TIMER1, tranne che quest'ultimo è in decimi di secondo, inoltre RIF e T1UG possono essere utilizzati
anche nelle sequenze per inverter, paragrafo 5.8:

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 41


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

Partenza Arrivo

Salita TS Transistor ON

VB
Valvola Beringer
1 all'ind.17
Discesa TD

VB

Salita TS

VB Valvola Soft-Stop
4 all'ind.17

Discesa TD

VB

Salita TS

VB Valvola Salita
0 all'ind.17

Discesa TD

VB

T1UG T1UG
(ind. 14) IS
N.B.: RIF deve essere maggiore o uguale a T1UG. Se RIF ID
risulta minore di T1UG, quest’ultimo viene impostato
forzatamente uguale a RIF. RIF

Esempio: impianto OLEODINAMICO con avviamento Stella/Triangolo e Valvola Beringer


OM VM

Sicurezze
CT
AM2
TG Grande
RG

ST
STELLA
TS
TP
TRIANGOLO

TS Salita
TS

TD Discesa
RD Beringer
K2 Salita Lenta
TS TRIANGOLO
VB K1 Salita Veloce
RG
K3 Discesa Veloce
RD
K4 Discesa Lenta

42 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

5.8 Inverter
E’ possibile ottenere, tramite programmazione, particolari sequenze in uscita per pilotare direttamente i diversi Inverter
presenti sul mercato.

TIPO 1
OM VM

AM2 CRP
RAB T1 T2
TSD EXC
MAN LINEA
RCP RM SICUREZZE
CPP
RAP ALT
APG
CS
Segnalazione RAB
12 o 24Vdc RAB VB
Cabina al Piano (*) OM T1

CT T1
RSCP T2
T1

TD TS TP TG RM T1 RVI
T2
RVI RSCP
RVI
INGRESSI INVERTER: D S P I G A V
IMPORTANTE: è necessario programmare la manutenzione in grande velocità, ovvero 2 o 3 all’ind.26.
(*) La segnalazione di cabina al piano si può avere dai morsetti M6, FS, FD, VB, B, C o DS. Vedere tabelle di programmazione.

D S P I G A V
T1 T2
S2 S1 S5 S4 S3 SC BB U
Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 1
INVERTER (programmare 4 all’ind.30)
OMRON - L7 W

D S I G A V
T1 T2
3 8 4 9 6 10 U
Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 2
INVERTER (programmare 8 all’ind.30)
NXOPTAA SMS - HYDROVERT W

D S P I G V
1K2 1K2

T1 T2
4 2 9 10 8 6 U
Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 3
INVERTER (programmare 12 all’ind.30)
SMS - TAKEDO 3VF-NXL W

D S I G A V
T1 T2
13 12 9 7 6 15 U
Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 4
INVERTER (programmare 16 all’ind.30)
SANTERNO - SINUS K LIFT W

D S I G A V
T1 T2
24 23 7 25 9 22 U
Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 4
INVERTER (programmare 16 all’ind.30)
GEFRAN – AGy LIFT W

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 43


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

TIPO 2
OM VM

AM2 CRP
RAB T1 T2
TSD EXC
LINEA
RCP SICUREZZE
CPP
RAP ALT
APG
CS
RAB
12 o 24Vdc RAB VB
OM T1

CT T1
T2
T1

TD TS TP TG
T2

INGRESSI INVERTER: D S P G A V
IMPORTANTE: è necessario programmare l’attivazione simultanea di TP e TG in manutenzione, ovvero 4 all’ind.33.

D P A V
T1 T2
REV BASSA 24Vdc CONS. U Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 1
INVERTER (programmare 4 all’ind.30)
PETERLONGO - INVERTEK OPTIDRIVE W
Per PIATTAFORME:
programmare
- manutenzione in piccola
(0 o 1 all’ind.26)
- Domus (ind.34)

D S P G A V
T1 T2
15 14 10 11 21 16 U
Per usare questo inverter
V M impostare la SEQUENZA 5
INVERTER (programmare 20 all’ind.30)
KEB - COMBIVERT F5 GENERAL W

La scheda AM2 dispone di un morsetto, APA, che può essere utilizzato come ingresso per il fault dell’inverter. Quando
APA si attiva(*) la scheda blocca istantaneamente l’impianto segnalando codice di guasto 61. L’impianto si sblocca
autonomamente quando cessa la causa del guasto. Il guasto 61 viene memorizzato nella lista ultimi guasti.
Per attivare questa funzionalità di APA è necessario sommare 8 all’ind.31, tenendo presente che non sono più disponibili
l’apertura anticipata e la zona ripescaggio (vedere anche paragrafo 3.5 APA).
(*) APA può essere attivo aperto o chiuso a seconda della programmazione all’ind.28.
Il guasto 61 non è attivo nei primi 10 secondi dopo l'accensione e quando l'ingresso Em è a massa.

44 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

5.8.1 SEQUENZE DELLE USCITE PER GLI INVERTER

IF
ICV

TS/TD

TG
SEQUENZA 1
TP 4 all’ind.30

Abilitazione RAB

TS/TD

TG
SEQUENZA 2
TP 8 all’ind.30

Abilitazione RAB

TS/TD

TG
SEQUENZA 3
TP 12 all’ind.30

Abilitazione RAB

RIF T1UG
(ind.11) (ind.14)

TS/TD
RIF
TG
SEQUENZA 4
TP 16 all’ind.30

Abilitazione RAB
RIF+T1UG

TS/TD

TG
SEQUENZA 5
TP 20 all’ind.30
RIF
Abilitazione RAB
RIF+T1UG

Se la cabina si ferma durante la corsa, RAB cade dopo il tempo RIF+T1UG.


I tempi RIF e T1UG sono programmabili rispettivamente agli indirizzi 11 e 14 da 0 e 4 secondi in step da 4 centesimi di
secondo.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 45


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

6.
6.1 Porte
PORTE
L’apertura e la chiusura delle porte sono regolate da alcune temporizzazioni programmabili:
- TMA ind.1 (2-45 secondi): tempo massimo in cui rimane attiva l'apertura. L'apertura viene disattivata immediatamente
dal suo fine-corsa solo se sono passati almeno 3 secondi da quando è iniziata.
- TCH ind.3 (2-45 secondi): tempo massimo in cui rimane attiva la chiusura. Il relè di chiusura resta ON per 1,5 secondi
ancora dopo la completa chiusura, che è segnalata dalla tensione di manovra sul morsetto CS, che funge da fine corsa.
È necessario, però, che il tempo massimo di chiusura TCH sia maggiore o uguale alla somma del tempo realmente
impiegato a chiudere più 1,5 secondi supplementari.
La chiusura può rimanere attiva per tutta la corsa qualora venga programmato OPERATORE ON (1 o 3 all'ind.23).
- TRA ind.4 (2-45 decimi di secondo): l'apertura inizia dopo il tempo TRA dall'arrivo. Se durante la chiusura si oscura la
fotocellula, la chiusura si interrompe e dopo il tempo TRA ricomincia l'apertura.
- TAP ind.2 (2-45 secondi): tempo in cui le porte rimangono aperte, cioè tempo che intercorre tra la fine dell'apertura e
l'inizio della chiusura successiva. E' anche il tempo che intercorre tra la fine dell'apertura dell'ultimo servizio e lo
spegnimento dell'occupato (nel caso in cui TOC=0 -ind.9-). Se durante l'apertura APG rimane chiuso, il tempo TAP parte
dall'inizio apertura anziché dalla fine.
Controlli sulle porte (affinché tali controlli siano possibili, non vanno disabilitati all'ind.32, e i tempi di pausa TAP, di
apertura TMA e di chiusura TCH devono essere maggiori di 4 secondi):
- Guasto 54: se il relè esterno di chiusura RCP è guasto oppure i fili sono interrotti, l'ingresso cpp non si apre. Se questa
situazione permane per almeno 4 secondi, si riaprono le porte, vengono cancellate le prenotazioni ed esce il codice di
guasto 54.
Se prima che trascorrano i 4 secondi il cpp si apre per almeno 0,2 secondi, il guasto 54 non viene segnalato.
Dopo 5 secondi dall'uscita del guasto, è possibile ritentare, e se la chiusura va a buon fine il guasto viene cancellato.
- Guasti 55 e 56: se le porte non si aprono, il morsetto CS rimane sotto tensione. Se questa situazione permane per
almeno 4 secondi, vengono cancellate tutte le prenotazioni e la scheda dà codice di guasto a seconda dei due seguenti
casi
- se il relè esterno di apertura RAP è guasto, per cui non si apre l'ingresso apg, la scheda dà codice di guasto 55
- se APG si apre significa che RAP è buono, per cui è l'operatore ad essere difettoso, e la scheda dà guasto 56.
In ogni caso, dopo 5 secondi da quando è uscito il guasto, si può ritentare, e se l'apertura va a buon fine viene cancellato
il guasto.
Sommando 32 all’ind.31 si può evitare di mettere in serie all’APG il contatto RAP poiché l’ingresso APG viene considerato
dal software come se fosse sempre aperto durante tutto il tempo programmato all’ind.1 (TMA). L’apertura quindi rimane
comunque attiva per tutto questo tempo. Questa funzione permette di evitare l’uso di un relais esterno per l’apertura qualora
questo servisse solo per interrompere l’APG (per esempio nel caso di operatori elettronici). Vedere paragrafo 3.6 APG.
Nei prenotati, in presenza di almeno una prenotazione e se non c’è l’operatore ON, se il primo tentativo di chiusura non va a
buon fine vengono riaperte le porte e ripetuto un secondo tentativo di chiusura. Quando la cabina deve stazionare a porte
chiuse, se c’è un ostacolo che, ad esempio, aziona le costole mobili e fa riaprire le porte, dopo 4 tentativi di chiusura
l’impianto si trasforma in stazionamento a porte aperte. Questo evita di continuare ad aprire/chiudere per tempi
eccessivamente prolungati. Effettuando una chiamata l’impianto ritorna con stazionamento a porte chiuse.

6.1.1 ESCLUSIONE APERTURA PER COLLAUDO


Affinché questa funzione sia attiva, è necessario programmare un numero pari all'ind.7 (CHF). Quindi per escludere
l’apertura, bisogna mantenere premuto il pulsante PCP. Le porte rimarranno chiuse anche se si aprono i blocchi.

6.1.2 PORTE MANUALI


Programmando 0 o 2 all'ind.22 si ottengono le porte manuali. In tal caso l'uscita RCP pilota il pattino.
Dall'arrivo dell'ultimo servizio, l'occupato rimane acceso per il tempo TAP. Se è presente il CCO, attivato programmando 0
all’ind.30, il contatto mantiene sempre acceso l’occupato. Il tempo TAP viene annullato con la richiusura delle porte. Dopo la
chiusura l’occupato rimane acceso per il tempo TOC (ind.9). Con le porte manuali i guasti relativi alle porte e i tempi di
apertura e chiusura vengono ignorati.

6.1.3 PORTE AUTOMATICHE


Programmando 1 o 3 all'ind.22 si ottengono le porte automatiche. In tal caso l'uscita RCP pilota la chiusura.

46 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

6.1.4 PORTE SEMIAUTOMATICHE


Se si hanno porte semiautomatiche (automatiche solo in cabina), la programmazione deve essere la stessa di quella per le
porte automatiche, cioè 1 o 3 all'ind.22. I contatti delle porte manuali ai piani (accostamenti) vanno posizionati prima del
morsetto ALT. Vedere schema 2.3. Negli impianti oleodinamici, per consentire il ripescaggio anche con porte di piano
aperte, è necessario non interrompere l'ingresso ALT con i contatti di accostamento. Quindi il morsetto ALT va collegato
prima degli accostamenti (come per le porte manuali, vedere schema 2.4). Per evitare che le porte automatiche di cabina si
chiudano con le porte di piano aperte, è necessario collegare un relè alla fine degli accostamenti e, con un suo contatto
normalmente aperto, interrompere la fotocellula.

6.1.5 DOPPIO ACCESSO


L’uscita per l’apertura delle porte del 2° accesso è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


B 20 4/8
C 20 16
DS 21 16
FD 19 12/20
VB 17 3

Il lato di apertura va programmato per ciascun piano agli indirizzi da 50 a 57 (ind.50 piano 0, 51 piano 1, ecc):
1 = apertura lato A
2 = apertura lato B
3 = apertura lato A + lato B
Per le fotocellule vedere sotto (parafrafo 6.4).

6.2 Apertura porte anticipata


Se NON si programma 4 all'ind.94, l'ingresso APA comanda l'apertura porte anticipata. Va collegato ad un impulsore che
si chiuda ad ogni piano nella zona voluta: quando la cabina commuta in piccola e vede chiudersi APA, comincia l'apertura
della porte. In questo caso la marcia prosegue fino alla fermata anche con il morsetto CS aperto. Il circuito di sicurezza,
esternamente, bypasserà i contatti delle porte.
Per attivare il circuito di sicurezza, si può usare l’uscita RU, la quale viene attivata durante la pre-apertura se NON si
programma 16 all’ind.94. In questo caso si deve pilotare l’ingresso CS1 come descritto al paragrafo 7.1.
Questa funzione è esclusa in manutenzione e nel rinvio per stazionamento. Quando si programma 4 all'ind.94, APA
funziona da zona ripescaggio. Vedere paragrafi 9.1 e 3.5 APA.

6.3 Pattino retrattile


L’uscita per il pattino retrattile è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


B 20 2/12/16
C 20 20
DS 21 2
FD 19 8
FS 19 3
VB 17 20

Il pattino viene attivato all’inizio del servizio, anche se le porte sono ancora aperte, e cade entrando in fermata.
La caduta del pattino può essere ritardata di un tempo programmabile in decimi di secondo all’ind.15. Per attivare questo
ritardo è necessario programmare 32 all’ind.32.
Con le porte manuali è disponibile anche l’uscita CP.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 47


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

6.4 Fotocellul
Fotocellule
ellule e Costole Mobili
L’ingresso per la fotocellula del primo accesso è il morsetto CM, mentre l’ingresso per la fotocellula del secondo accesso è
il morsetto CCO qualora non venga utilizzato come ingresso per il contatto di cabina occupata:
0 all’ind.30  Contatto di cabina occupata presente su ingresso CCO
2 all’ind.30  Contatto di cabina occupata assente e quindi CCO funge da ingresso per fotocellula secondo accesso.
Ne caso sia presente il contatto di cabina occupata su CCO, come ingresso per la fotocellula del secondo accesso si può
utilizzare il morsetto CS1, sommando 1 all’ind.35 e disabilitando il guasto 83 relativo al circuito di sicurezza sommando 8
all’ind.34. In questo caso, ovviamente, CS1 non sarà più disponibile né per il circuito di sicurezza né come ingresso per la
manovra interna. N.B. il comportamento dell’uscita RU rimane in ogni caso invariato.
Aprendo l’ingresso della fotocellula mentre le porte stanno chiudendo, si interrompe subito la chiusura e inizia la riapertura
dopo il tempo TRA programmabile da 2 a 45 decimi di secondo all'ind.4.
Generalmente, quando le porte sono chiuse (cioè al morsetto CS arriva il +48V) e nel caso di porte manuali, gli ingressi delle
fotocellule sono disattivati. E’ però possibile tramite programmazione (sommando 32 all’ind.33) rendere attive le
fotocellule anche nel caso di porte manuali, porte chiuse e cabina fuori piano. In questo caso l’oscuramento delle
fotocellule avrà effetti diversi a seconda del tipo di impianto:
- negli universali e nei domus automatici viene cancellata la chiamata e si mantiene ferma la cabina
- nei domus manuali si mantiene ferma la cabina anche se rimane premuto il pulsante di chiamata. Per riattivare la marcia
si deve liberare la fotocellula, rilasciare il pulsante di chiamata e poi ripremerlo.
- nei prenotati l’oscuramento delle fotocellule ha lo stesso effetto della pressione dell’ALT.

6.5 Zona porte


Per zona porte si intende la spazio del vano entro cui le porte possono aprirsi.
Questa zona è sempre attiva in corrispondenza della zona di fermata (IF o la concomitanza di ID/IS).
Se la cabina parte per un regolare servizio, la zona porte si disattiva quando essa esce dalla zona di fermata.
Se la cabina esce dalla zona di fermata per altri motivi, invece, la zona porte si disattiva solo quando la cabina è uscita da
entrambi gli impulsori. La zona porte si riattiverà soltanto quando entrerà nuovamente in zona di fermata.

6.6 Partenza immediata


Premendo il pulsante di chiusura porte PCP, oppure un qualsiasi pulsante di chiamata in cabina dopo la fine apertura, si
annulla il tempo di attesa TAP, e quindi queste si chiudono e la cabina parte immediatamente.
Sui pulsanti di cabina collegati ai morsetti M0-M7, non ha effetto la partenza immediata se sono già prenotati, oppure se
l’impianto è stato programmato come MULTIPLEX all’ind.34.
Vedere anche paragrafo 3.34 PCP.

6.7 Operatore ON
La chiusura può rimanere attiva per tutta la corsa qualora venga programmato OPERATORE ON (1 o 3 all'ind.23).
E’ possibile fare in modo che l’operatore rimanga ON anche durante lo stazionamento sommando 16 all’ind.31.

48 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

7.
7.1
CONTROLLI
Circuito di sicurezza AM2
Affinché il controllo su circuito di sicurezza sia attivo, è necessario che NON ci sia 16 all'ind.94 (in caso contrario, la coppia
di morsetti CS1/RU servirebbero come ingresso/uscita per il Timer). Il controllo è escluso in manutenzione e in
emergenza.
All'accensione e dopo la manutenzione, l'emergenza o un blocco permanente, questo controllo viene disattivato fino al
termine della prima corsa.
L’ingresso CS1 si deve aprire (chiudere se si programma 32 all’ind.34) almeno una volta per un tempo maggiore di 100ms
entro i primi 4 secondi dalla fermata al piano, cioè dopo che la cabina è entrata sia in IS che in ID. Successivamente CS1
viene ignorato fino all’uscita da entrambi gli impulsori. CS1 deve risultare chiuso (aperto con il 32 all’ind.34) dopo 1,5 secondi
da quando esce sia dall’IS che dall’ID del piano di partenza, dopo di che viene ignorato.
Se una di queste due condizioni non si verifica, l’impianto va in blocco con codice di guasto 83 dopo la prima fermata.
Il blocco per guasto 83 è permanente, cioè è possibile ripristinare l’impianto solo premendo il pulsante SPEEDY. Questo
blocco può essere escluso sommando 8 all’ind.34. In tal caso viene disattivato l’ingresso CS1 ma resta attiva l’uscita RU.
Per il controllo del circuito di sicurezza viene usata anche l’uscita RU la quale va ON solo durante il ripescaggio. In
MANUTENZIONE (tranne che nei Domus), l’uscita RU rimane sempre OFF.
In DOMUS RU va ON solo quando il morsetto CEP (con 2 all’ind.18) viene chiuso a GND insieme all’attivazione di IS e/o ID.

7.2 Controllo di un contatto importante


L’ingresso di controllo di un contatto importante è il morsetto CEP, programmando 2 all’ind.18. Il contatto collegato a CEP
deve fare almeno una commutazione nell’arco di un’intera corsa dal piano più basso (IRD) a quello più alto (IRS). Se questo
non avviene, l’impianto si blocca con codice di guasto 62.

7.3 Dispositivi di riapertura


Il controllo sui dispositivi di riapertura segnala se fotocellule, costole mobili, Alt, pulsate apertura porte PAP o contatto di
sovraccarico CCS rimangono attivi per più di 30 secondi.
Perché questo controllo sia attivo, l'impianto deve essere prenotato (0 o 2 all'ind.16) e l'ind.94 NON deve contenere 1
(altrimenti il controllo viene completamente escluso).
Con almeno una prenotazione, la cabina non può rimanere ferma, cioè con TSD chiuso, per più di 30 secondi, altrimenti
cancella tutte le prenotazioni e rimane in blocco segnalando codice di guasto 67.
Dopo 5 secondi si può ritentare, ma la segnalazione del guasto permane fino all'effettiva partenza della cabina, e cioè fino
all'apertura di TSD.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 49


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

7.4 Massima corsa


Il tempo di massima corsa TMC va programmato da 10 a 99 secondi all'ind.6. E' il tempo entro il quale la cabina può
eseguire una corsa di un piano.
E’ sufficiente programmare un tempo per una corsa di un solo piano poiché questo timer viene azzerato ad ogni
commutazione di ICV. Il timer si azzera anche chiudendo tsd per meno di 4 secondi.
Superato tale tempo massimo, l’impianto va in blocco permanente segnalando codice di guasto 80. Il blocco può essere
immediato (2 o 3 all'ind.29) oppure può avvenire dopo il rinvio al piano 0 (0 o 1 all’ind.29).
L'impianto può essere sbloccato solo premendo SPEEDY sulla scheda oppure andando in servizio di manutenzione.
Durante i servizi di emergenza, manutenzione e in manovra pompieri, questo timer viene disabilitato.

7.5 Senso di marcia


Se la cabina, partendo da un piano intermedio (precisamente da un punto fuori da entrambi i rifasatori), va nella direzione
opposta a quella comandata, quando raggiunge il rifasatore si blocca in modo permanente segnalando codice di guasto 84.
La scheda si accorge del senso di marcia errato quando, attivato il TS vede la cabina entrare prima in IRD, o viceversa
attivato il TD vede la cabina entrare prima in IRS.
Se la cabina si trova già entro un rifasatore (piano estremo) e parte con senso di marcia errato, va in extra-corsa,
segnalando il guasto 81 e non l'84. Questo controllo viene escluso in piccola velocità, in ripescaggio, nel riporto cabina al
piano, nell’emergenza domus e in manutenzione.

7.6 Fondo mobile


Sono disponibili due ingressi per il controllo del fondo mobile: CCO (per il contatto di cabina occupata) e CCS (per il contatto
di sovraccarico). La presenza o meno del contatto CCO va necessariamente programmata all'ind.30: 0 = sì CCO; 2 = no
CCO (in questo caso CCO fa da ingresso per la fotocellula secondo accesso).
Programmando 2 all'ind.96 si avrà CCS attivo aperto, altrimenti è attivo quando chiuso.
Se non viene rispettato l'ordine di attivazione dei due contatti, e cioè CCO  CCS, l'impianto si blocca con codice di guasto
65. Dopo 5 secondi si può ritentare. Il controllo è disattivato durante la marcia, e cioè è attivo solo a cabina ferma al piano.
- CCO (cabina occupata) (se è assente programmare 2 all'ind.30), è attivo con porte aperte
Universali: quando CCO è chiuso, mantiene l'occupato acceso e impedisce di effettuare le chiamate esterne tramite il
contatto CE che ne toglie il comune, anche se le porte sono chiuse.
Prenotati: quando CCO è aperto non consente le chiamate in cabina e cancella tutte quelle già prenotate solo se le
porte sono ancora aperte. CCO non ha invece questi effetti sulle chiamate durante la manovra pompieri.
- CCS (sovraccarico)
Universali: Quando CCS è attivo, mantiene l'impianto fermo con porte aperte e attiva la suoneria. Viene cancellata la
chiamata. CCS non viene considerato durante la marcia, in manovra pompieri e fuori dalla zona porte.
Prenotati: Come negli universali, ma non vengono cancellate le prenotazioni.

7.6.1 SUONERIA PER SOVRACCARICO


SOVRACCARICO
L’uscita per la suoneria per sovraccarico è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


B 20 1
C 20 4
DS 21 8
FS 19 2/16
M7 24 4
VB 17 12

7.6.2 CANCELLA CHIAMATE IN CABINA DOPO 3 FERMATE SENZA INTERRUZIONE


INTERRUZIONE DELLE
DELLE
FOTOCELLULE
FOTOCELLULE IN IMPIANTI SENZA FONDO
FONDO MOBILE
In un impianto privo del contatto di cabina occupata (CCO), si può fare in modo che vengano cancellate tutte le chiamate di
cabina dopo la terza fermata consecutiva senza che siano state mai oscurate le fotocellule. Per attivare questa funzione si
deve programmare 32 all’ind.35.

50 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

7.7 Temperatura motore


Per rilevare la temperatura del motore bisogna collegare all’ingresso TM una termoresistenza che sarà a contatto del motore
stesso. Quando la termoresistenza supera i 4KΩΩ circa oppure si apre l’ingresso TM, scatta il blocco con codice di guasto 64.
Questo blocco può essere permanente, cioè con sblocco manuale con il pulsante SbM (0 o 2 all'ind.25), oppure con
sblocco automatico quando la termoresistenza scende al di sotto di 1,5KΩ Ω circa oppure chiudendo l’ingresso TM a GND
(1 o 3 all’ind.25). Lo sblocco manuale è possibile solo se l’ingresso TM vede una resistenza minore di 1,5KΩ .
Se mentre la cabina si sta muovendo si attiva l’ingresso TM, dopo 1,5 secondi vengono cancellate tutte le chiamate e
visualizzato il guasto 64, e la cabina continua regolarmente la corsa fermandosi al primo piano che incontra, con regolare
rallentamento. In caso di blocco immediato, si aprono le porte per permettere alla gente di uscire, dopo di che si richiudono
(mentre permane il blocco si potranno riaprire solo dall’interno con il PAP). In caso di blocco dopo rinvio al piano basso, la
cabina esegue regolare fermata al primo piano che incontra, ma riparte subito senza aprire le porte verso il piano basso,
dove apre le porte.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 51


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

8.
8.1
SEGNALAZIONI
Posizione / Arrivo / Prenotazione
8.1.1 INDICAZIONE DI POSIZIONE
Posizione DECIMALE
I morsetti M4/M5/M6/M7, A/B/C e DS possono fornire la posizione decimale previa opportuna programmazione all’ind.
24. Vedere la tabella di assegnazione dei morsetti 1.3.
Posizione in codice BINARIO o in codice GRAY
Affinché A/B/C diano la posizione binaria, programmare 0 all’ind.20 e non sommare 16 all’ind.33. Collegando A/B/C
alla scheda ausiliaria A10, si ottiene la decodifica binariodecimale degli 8 piani (da 0 a 7). Il numero programmato dei
sotterranei non influisce su queste uscite (ovvero se per esempio la cabina si trova al piano estremo inferiore ‘-2’, la A10
farà comunque accendere la lampada più bassa). Queste uscite (solo quando utilizzate come codice binario della
posizione) possono essere negate aggiungendo 4 all'ind.96.
Si può ottenere la codifica Gray anziché binaria programmando 0 all’ind.20 e sommando 16 all’ind.33.
Posizione SERIALE su display seriale pilotato dall’uscita DS
L'indicazione di posizione seriale è fornita dall’uscita DS, programmando 0 all’ind.21. Può essere negata programmando
16 allind.96. Cosiste in un treno di impulsi seriali che si ripete in continuazione, ed ha la seguente forma:

1 2
Il numero degli impulsi
brevi tra i due lunghi
rappresenta il codice
trasmesso: nell’esempio
100ms
sono 2.
106,25ms
6,25ms

Nella tabella seguente è riportata la corrispondenza tra numero di impulsi e simbolo visualizzato sul display:
Dall’ind.90 al 93 si possono programmare i simboli con i quali si desiderano indicare i
N° impulsi Simbolo
quattro piani più bassi dell'impianto. Se per esempio si vuole assegnare al piano più basso
0 0 l’indicazione ‘-3’, bisogna programmare 34 all’ind.90 (vedi tabella a fianco). Gli ind.9093
1 1 possono essere utilizzati anche solo in parte (da nessuno a tutti e quattro). Se per esempio i
2 2 piani che si vogliono indicare con simboli ‘particolari’ sono solo due, si devono programmare
... ... (secondo la tabella) solo gli ind.90 e 91, mentre il 92 e il 93 dovranno contenere un numero
7 7 >90. In questo modo gli indirizzi 92 e 93 vengono ignorati. L’indicazione dei piani successivi
32 -1 a quelli programmati agli ind.9093 parte automaticamente da 0, proseguendo con 1,2,3, …
33 -2 Se si desidera invece non partire con lo 0 ma con un altro numero, basta programmare
34 -3 quest’ultimo all’ind.38.
35 UB Esempi:
36 LG
Programmazione ind.9093 e 38
37 G Indicazione dei piani a partire dal più basso
90 91 92 93 38
38 E
39 B 0 1 2 3 4 5 ... 99 99 99 99 0
40 M -1 0 1 2 3 4 ... 32 99 99 99 0
41 Sovraccarico -1 G 1 2 3 4 ... 32 37 99 99 1
42 Fuori servizio -3 -2 UB G 1 2 ... 34 33 35 37 1

Posizione SERIALE su display seriale a cristalli liquidi CM300 pilotato dall’uscita Y


La scheda AM2 può pilotare il display seriale a cristalli liquidi tipo CM300 tramite l’uscita Y. Per attivare questa funzione è
necessario sommare 8 all’ind.33 e in questa configurazione non è possibile utilizzare il collegamento al PC, il
telecontrollo né reallizzare impianti duplex o multiplex. Il display CM300 pilotato da AM2 può visualizzare la posizione, le
frecce e i messaggi di fuori-servizio, sovraccarico, allarme e pompieri.

8.1.2 INDICAZIONE DI ARRIVO (PER IMPIANTI UNIVERSALI)


UNIVERSALI)
La segnalazione di arrivo è fornita direttamente dai morsetti M0-M7. Vedere tabella 3.29.

8.1.3 INDICAZIONE DI PRENOTAZIONE (PER IMPIANTI PRENOTATI)


La segnalazione di prenotazione è fornita direttamente dai morsetti M0-M7. Vedere tabella 3.29.

52 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

8.2 Segnalazione di difetto


L’uscita per la segnalazione di difetto è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


B 20 20
DS 21 12
FD 19 2/3

Questa segnalazione indica la presenza di un guasto. Come specificato nella tabella dei guasti 1.1, questa uscita si può
attivare immediatamente al presentarsi di un guasto (generalmente per i guasti di tipo B, C e D, cioè quelli che bloccano
subito l'impianto) oppure quando il guasto si verifica per la seconda volta (per i guasti di tipo A, cioè quelli per i quali si può
ritentare, esclusi i guasti 45 e 52 con i quali si attiva subito). Questa uscita si attiva anche premendo l'allarme fuori piano
oppure al piano ma con porte chiuse.

8.3 Direzione
L’indicazione di direzione di marcia (frecce) è fornita dalle uscite FS/FD programmando 0 all’ind.19.
La freccia direzionale si accende subito dopo la prima chiamata e si spegne solo all'ultima fermata in quella direzione. Non si
spegne facendo le fermate intermedie.
Al cambio velocità dell'ultima fermata si possono avere quattro situazioni diverse:
- Se era stata fatta solo la chiamata in cabina, la freccia si spegne al cambio velocità;
- Se era stata fatta la chiamata esterna per la direzione opposta, al cambio velocità si spegne la freccia attuale e si
accende l'altra (è indifferente che ci sia o meno anche la chiamata in cabina). Se non viene fatta una chiamata in cabina
entro il tempo TAP (ind.2) dalla fine apertura, la freccia si spegne;
- Se era stata fatta la chiamata esterna per continuare nella stessa direzione, la freccia attuale rimane accesa. Se non
viene fatta una chiamata in cabina entro il tempo TAP (ind.2) dalla fine apertura, la freccia si spegne;
- Se erano state fatte entrambe le chiamate esterne a quel piano, rimane accesa la freccia attuale fino alla fine dell'attesa
TAP, poi si accende l'altra freccia. Se non viene fatta una chiamata in cabina entro il tempo TAP (ind.2) dalla fine
apertura più il tempo di una riapertura, la freccia si spegne.

8.4 Display sulla Scheda


Il display a 2 digit sulla scheda fornisce molteplici informazioni a seconda della modalità di funzionamento e quindi della
posizione del selettore. Fare riferimento alla tabella 3.52.

8.5 Fuori Servizio


L’uscita per il fuori-servizio è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


A 20 4/8/12/16
C 20 1/2/3
DS 21 1
FS 19 1/4/8/12
VB 17 8

Il fuori-servizio si attiva in presenza di guasto, durante la manutenzione, durente il PRESET e durante il rifasamento.

8.6 Occupato
L’occupato (uscita OCC) si accende dopo la prima chiamata e, negli universali, anche entrando in cabina (cioè chiudendo
CCO). Il contatto CCO (se attivato programmando 0 o 1 all’ind.30) mantiene l’occupato acceso anche con le porte chiuse. Si
può spegnere dopo il tempo TOC (programmabile da 0 a 99 secondi all'ind.9) dall’inizio chiusura dell’ultimo servizio oppure,
programmando TOC=0, dopo l’attesa da fine apertura TAP (programmabile da 2 a 45 secondi all'ind.2).
La segnalazione dell’occupato può essere a luce sempre fissa (programmando 0 o 2 all'ind.27) oppure diventare
lampeggiante durante il movimento della cabina (programmando 1 o 3 all’ind.27).

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 53


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

8.7 Gong
L’uscita per il Gong è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


A 20 1/2/3/20
C 20 8
DS 21 3
FD 19 1/16
VB 17 16

All'ind.95 si può programmare se avere il Gong sul cambio velocità oppure sulla fermata, e se avere 1 o 2 colpi di Gong in
discesa (in salita si ha sempre 1 solo colpo di Gong):4  GONG sulla fermata, non 4  GONG sul cambio velocità, 8  2
colpi di GONG in discesa, non 8  1 colpo di GONG in discesa.
All'ind.0 si può programmare la durata dell'impulso di GONG da 2 a 45 decimi di secondo (TIG). Nel caso di due colpi di
GONG, l’intervallo tra uno e l’altro è di un secondo fisso. Negli impianti universali il GONG è sempre attivo sia per le
chiamate in cabina che per le esterne, mentre nei prenotati è sempre attivo per le prenotazioni esterne mentre diventa attivo
per le chiamate in cabina solo programmando 2 all’ind.35. Viene dato un colpo di GONG anche quando l'impianto è fermo a
stazionare ad un piano e vengono fatte riaprire le porte premendo un qualsiasi pulsante.

8.8 Segnalazione di cabina al piano


L’uscita per la Segnalazione di Cabina al Piano è disponibile tramite programmazione su diversi morsetti:

Morsetto Indirizzo Dato


B 20 3
C 20 12
DS 21 4
FD 19 4
FS 19 20
M6 24 4
VB 17 2

La segnalazione di cabina al piano si attiva quando la cabina è entro IF (o nella zona in cui IS e ID sono presenti
contemporaneamente).

8.9 Luce
Luce di illuminazione in cabina
Ci sono diversi modi per ottenere la luce in cabina:
- La luce può essere sempre accesa.
- La luce si può accendere/spegnere insieme all’occupato. In tal caso si deve collegare un relè all’uscita OCC e i contatti
di tale relè azionano la lampada in cabina. Programmare occupato fisso, cioè 0 o 2 all’ind.27.
- La luce si può spegnere dopo un tempo maggiore di quello fornito dall’occupato utilizzando il Timer ad uso generale (per
esempio programmandolo di tipo C, collegando un relè all’uscita RU che piloti la lampada e azionando l’ingresso CS1
con l’occupato), vedere paragrafo 5.5.

54 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

9.
9.1
MANOVRE
Autolivellamento
L’autolivellamento va attivato programmando 0 o 1 all'ind.28. Programmando 0 o 1 all’ind.33 (IS/ID), questa manovra
consente alla cabina di riportarsi entro la zona di fermata sia in salita che in discesa: se scende al di sotto di ID senza
lasciare IS, viene attivato il teleruttore di salita TS; se sale al di sopra di IS senza lasciare ID, viene attivato il teleruttore di
discesa TD. In entrambi i casi si attiva anche il teleruttore ausiliario e la Valvola Salita o Soft Stop o la Valvola Beringer.
Programmando 2 o 3 all’ind.33 (IF/ICV), vengono attivati TS e TP quando la cabina lascia IF sia in alto che in basso
restando entro ICV. In questo caso è necessaria la zona ripescaggio da collegare all’ingresso APA.
All’ind.99 è necessario impostare il tempo (da 4 a 30 secondi) entro il quale la manovra di autolivellamento deve terminare.
Se si impostano valori minori di 4 o maggiori di 30, il tempo viene automaticamente impostato a 12 secondi. Se la manovra
ha durata maggiore del tempo impostato all’ind.99, l’impianto va in blocco permanente immediato (2 o 3 all'ind.29) o dopo
rinvio al piano 0 (0 o 1 all'ind.29) segnalando codice di guasto 82.
Se all’ind.99 viene impostato un valore DISPARI si fa in modo che se il ripescaggio dura più di TRIP, la cabina non si blocca
con l’82 ma viene inviata al piano 0. Se si trova già allo 0 viene inviata al piano 1.
Il rifasamento è prioritario sull’autolivellamento, però se c’è un blocco aperto, per cui non riesce a rifasare, dopo il tempo
TMP (ind.5), viene attivato l’autolivellamento. L’autolivellamento si attiva anche a porte aperte.
La manovra non viene eseguita se:
- è programmato 2 o 3 all'ind.28
- c’è il blocco per guasto 82
- è fuori sia da ID/IF che da IS/ICV
- un teleruttore è impastato
- l’impianto è in manutenzione o in emergenza
- la temperatura motore è troppo alta
- l’ALT è premuto (e quindi anche se è in extra-corsa)
- C'è 4 all'ind.94 (APA fa la zona ripescaggio) e APA è aperto, cioè si è fuori dalla zona ripescaggio.
- E’ programmato il blocco dopo rinvio, si verifica un guasto permanente e non riesce a chiudere le porte ad un piano
diverso dallo 0
Dopo un ripescaggio è necessario che i tre ingressi di controllo TSD, CPP e APG vadano tutti a 0 per almeno una volta prima
di poter eseguire un altro ripescaggio. Questo permette di verificare che nessun teleruttore sia rimasto impastato. Anche
dopo un normale servizio si deve verificare questa sequenza affinché si possa iniziare un nuovo servizio.

9.2 Emergenza
La manovra di emergenza viene disattivata in manutenzione e durante la manovra pompieri. Quando manca la rete e la
scheda resta alimentata dalla batteria, Em deve essere chiuso a massa (GND) per evitare il blocco con codice di guasto 81
(extra-corsa), anche se l'impianto non prevede la manovra di emergenza.
Funzionamento negli IDRAULICI
La fermata di emergenza PEM si programma all’ind.84.
Se in mancanza della rete viene a mancare anche il +12 alla scheda per più di un decimo di secondo, si ha un semplice
rifasamento al piano 0 che termina con un'apertura delle porte. Se PEM=32 e se Em rimane chiuso le porte, al contrario,
non si aprono.
Se invece in mancanza della rete il +12 non viene interrotto, è necessario chiudere l'ingresso Em verso massa (GND)
entro 2-3 decimi di secondo, e ripristinare la tensione di manovra entro 2 secondi. In questo modo inizia la manovra di
emergenza, il cui funzionamento si diversifica a seconda del valore di PEM:
- PEM = 0
La cabina va al piano 0 e apre le porte. Prima di partire per il piano 0 non apre mai le porte, qualunque sia la
posizione in cui si trovava.
- PEM = 32
La cabina va al piano 0, non apre le porte e non dà nemmeno il colpo di GONG. Anche in questo caso non apre le
porte prima di partire, qualunque sia la posizione in cui si trovava.
- PEM > n° fermate dell'impianto, escluso il 32
La cabina va al piano 0 e apre le porte ma, a differenza del caso PEM=0, prima di partire apre le porte nel caso si
trovi ad un piano con porte chiuse.
- PEM = una fermata dell'impianto, escluso lo 0
Si possono avere le tre seguenti situazioni, a seconda della posizione della cabina all'inizio della manovra
d'emergenza:
- Se la cabina si trova sopra al piano PEM, prima di partire non apre mai le porte, qualunque sia la posizione della
cabina, quindi va al piano PEM dove effettua una regolare fermata con apertura delle porte, e poi riparte verso il
piano 0, dove rimane con le porte aperte, anche con programmazione SPC, fintantoché Em rimane chiuso.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 55


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

- Se la cabina si trova al piano PEM, fa un’apertura, poi va piano 0 e apre le porte.


- Se la cabina si trova sotto al piano PEM:
- se è fuori piano va a quello sottostante, dove effettua regolare fermata con apertura, poi va allo 0 e riapre;
- se è al piano, prima di partire apre le porte, poi va allo 0 riapre.
Quando si rilascia Em, si esce dalla manovra di emergenza, ma prima la cabina termina l’azione in atto.
Funzionamento nei FUNE
La fermata di emergenza PEM non ha più importanza.
- Se la cabina è al piano resta ferma, apre le porte e le mantiene aperte fino a che Em rimane attivo.
- Se la cabina è fuori piano attiva la discesa in piccola, si ferma al primo piano che incontra e apre le porte.
Viene mantenuta l’indicazione della posizione.
Funzionamento nei DOMUS
Vedere paragrafo 5.1.4.

9.3 Manovra Interna


Questa manovra è fornita dall’ingresso CS1 programmando 8 all’ind.34 e non programmando 16 all’ind.94 né 1 all’ind.35.
Il funzionamento dell’uscita RU rimane inalterato. La manovra interna si attiva dall'interno della cabina chiudendo l'ingresso
CS1 verso GND. Viene attivato lo stazionamento a porte aperte e disattivato ogni tipo di rinvio automatico. Durante la
manovra interna rimangono attive solo le chiamate interne, il CCO ed eventuali chiamate per manovra pompieri. Viene
invece ignorata ogni chiamata esterna. La manovra interna non può essere eseguita durante il rifasamento o durante la
manutenzione.

9.4 Manovra Antisismica


Attivando l’ingresso CS1 (programmato come per la manovra interna) e tagliando il comune di tutte le chiamate, la cabina si
ferma al primo piano che incontra, apre le porte e le mantiene aperte. Se la cabina era già al piano, apre le porte e le
mantiene aperte.

9.4.1 MANOVRA ANTISISMICA SENZA INCROCIO


INCROCIO TRA CABINA E CONTRAPPESO
CONTRAPPESO
Si utilizza per fare in modo che durante un sisma, la cabina raggiunga il piano più vicino senza mai incrociare il contrappeso.
E’ necessario programmare 4 all’ind.35 (si sfrutta così la logica della Manovra a Mano) e NON programmare 2 né 32
all’ind.96 (cioè CCS e MAN devono essere attivi quando chiusi).
In caso di sisma si attiva l’apposito rivelatore. Se la cabina è ferma al piano, resta in tale stato con porte aperte in fuori-
sevizio (viene attivato l’ALT). Se la cabina è fuori piano, un apposito bistabile (BMC nello schema) indicherà se si trova al di
sopra o al di sotto della metà del vano (quindi al di sopra o al di sotto del proprio contrappeso). Se si trova al di sopra del
contrappeso, vengono attivati MAN, CCS e PSM, in modo che la cabina salga in piccola velocità fino al primo piano che
incontra, dove si fermerà restando con porte aperte e ALT premuto. Se la cabina si trova invece al di sotto del contrappeso,
si attiveranno MAN, CCS e PDM, e la cabina scenderà fino al primo piano che incontra. Programmare 3 all’ind.20 affinchè
l’uscita B segnali cabina al piano.

+V V. Manovra

RIVELATORE RALT
BMC chiuso
di SISMA MAN AM2
RFER RALT
CCS BMC (Bistabile
ALT +12 o 24
Metà Corsa)
Fuori piano RBMC B
PSM RFER BMC aperto
PDM BMC
RBMC

56 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

9.5 Prova di fine corsa


Per poter eseguire questa prova è necessario programmare 1 all’ind.31 e commutare il selettore in posizione ‘ALTRE
FUNZ.’. In questo modo lampeggerà per tre volte ‘F1’ sul display e successivamente verrà visualizzata la posizione attuale
della cabina.
La manovra si esegue nel seguente modo: premendo i pulsanti DW e DATO durante la marcia, si mantiene il movimento
della cabina fino al rilascio di uno o entrambi i pulsanti. Quindi se si mantengono premuti i due pulsanti, la cabina va in fine-
corsa alla velocità che aveva al momento della pressione di entrambi.
Per gli impianti a fune la prova è possibile sia in salita che in discesa, mentre per quelli idraulici lo è solo in salita.
Questa prova è comunque disabilitata (anche se programmata e se il selettore è su ALTRE FUNZ.):
- in manutenzione
- in emergenza
- durante il ripescaggio
- nel caso che uno dei due pulsanti fosse a massa o se venisse premuto prima dell’inizio del movimento della cabina
N.B.: per ragioni di sicurezza, è vivamente consigliato disattivare questa prova programmando 0 all'ind.31 al termine della
prova stessa.

9.6 Manovra di Montaggio


Per attivare la manutenzione in fase di montaggio dell’impianto, collegare a massa i morsetti IRS e IRD e collegare alla
tensione di manovra i morsetti EXC, ALT, CS e CT. Commutare in manutenzione (solo morsetto MAN, non tramite
selettore) e quindi premere il pulsante PSM per salire o PDM per scendere.
La velocità sarà quella programmata per la manutenzione.
ATTENZIONE: la cabina NON SI FERMA ai piani estremi se si mantiene premuto il pulsante, poiché non ci sono i rifasatori.

9.7 Manutenzione
La manutenzione può essere attivata in due modi:
1) tramite gli appositi comandi sopra cabina collegati agli ingressi MAN (attiva la manutenzione), PSM (fa salire la cabina),
PDM (fa scendere la cabina), PAP (apre le porte), PCP (chiude le porte)
2) tramite i comandi sulla scheda: selettore in posizione ‘MANUTENZIONE’ (attiva la manutenzione), pulsante UP (fa salire
la cabina), pulsante DOWN (fa scendere la cabina), pulsante DATO (apre le porte), pulsante SPEEDY (chiude le porte)
IMPORTANTE: per ragioni di sicurezza, i pulsanti sopra cabina PSM-PDM-PAP-PCP sono attivi solo quando si entra in
manutenzione tramite il comando sopra cabina, ovvero solo quando si attiva il morsetto MAN. In questo caso i pulsanti
sulla scheda (UP-DOWN-SPEEDY-DATO) NON sono attivi. Analogamente, se si commuta il selettore in posizione
‘MANUTENZIONE’, si attivano i pulsanti sulla scheda mentre restano inattivi quelli sopra cabina. Il morsetto MAN è
prioritario sul selettore, ovvero con il morsetto MAN attivo viene escluso il selettore sulla scheda e di conseguenza i
pulsanti UP-DOWN-SPEEDY-DATO.
Si entra effettivamente in manutenzione solo dopo un secondo da quando si è attivato l’ingresso MAN oppure girato il
selettore in posizione ‘MANUTENZIONE’, e solo se i pulsanti PDM-PSM e UP-DOWN non sono a massa o chiusi. All’ind.96
si può programmare MAN attivo aperto (programmare 32) oppure chiuso (NON programmare 32).
Una volta entrati in manutenzione, la manovra si svolge nel seguente modo:
- Vengono cancellate tutte le prenotazioni in corso e disabilitate le successive. Si attiva, se programmata, l'uscita di fuori
servizio.
- Nella manovra di manutenzione la cabina si può muovere solo mantenendo premuto uno dei pulsanti sopra cabina PDM
(per la discesa) o PSM (per la salita) (oppure i pulsanti sulla scheda UP o DOWN). Premendo contemporaneamente
PDM-PSM (o UP-DOWN) la cabina resta ferma.
- La cabina si può muovere in grande velocità (2 o 3 all'ind.26) o in piccola velocità (0 o 1 all'ind.26), e ai piani estremi
si ferma (anche con PDM, PSM, UP o DOWN premuti) su IF (1 o 3 all'ind.26) o sui rifasatori (0 o 2 all'ind.26).
- Aggiungendo 4 all’ind.33 si fa in modo che durante la marcia in manutenzione TG e TP si attivino insieme. Questo può
servire per comandare la velocità di ispezione quando si usa il regolatore di velocità. Entrando nei rifasatori cade TG.
- Durante la manutenzione il tempo di massima corsa e l’emergenza sono disattivati e viene cancellato un eventuale
blocco permanente. Con il selettore NON si cancella il blocco permanente.
- Al termine della manutenzione, l’impianto resta inattivo per 5 secondi. Dopo essere usciti dal tetto della cabina e aver
chiuso le porte, si può far salire in piccola la cabina fino alla fermata premendo un pulsante esterno a quel piano. Se
invece si fa una chiamata da un altro piano, la cabina partirà in grande e lo raggiungerà regolarmente. Se l’impianto è
con ICV lungo, in seguito alla prima chiamata coincidente con la posizione dopo la manutenzione la cabina va a rifasarsi.
- Le porte si aprono o si chiudono premendo il PAP o il PCP (oppure SPEEDY o DATO sulla scheda), e si fermano
rilasciando il pulsante. Si chiudono anche premendo PSM o PDM (oppure UP o DOWN sulla scheda), però in questo
caso, a fine chiusura, la cabina va nella direzione del pulsante premuto. L’azionamento delle porte è possibile anche fuori
piano. La fotocellula rimane attiva fino al termine della chiusura

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 57


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

9.7.1 MANOVRA A MANO


Per poter eseguire questa prova è necessario attivarla programmando 4 all’ind.35, disattivare la prova di fine corsa
programmando 0 all’ind.31 e commutare il selettore in posizione ‘ALTRE FUNZ.’. In questo modo lampeggerà per tre volte
‘F2’ sul display e successivamente verrà visualizzata la posizione attuale della cabina.
Premendo i pulsanti UP o DOWN sulla scheda, si può far salire o scendere la cabina portandola al primo piano che incontra
in piccola velocità. La cabina si ferma anche se rimane attivo il pulsante. Alla fermata si aprono le porte. Le porte rimangono
aperte e non succede più niente, anche se si mantiene premuto il pulsante.

9.8 Chiamate Automatiche


Questa funzione permette di effettuare in modo automatico un ciclo di chiamate a tutti i piani o solo ai piani estremi. Per
attivare questa funzione è necessario girare il selettore in posizione ‘CH. AUTOMATICHE’ e successivamente premere il
pulsante DATO sulla scheda per avviare le chiamate a tutti i piani oppure il pulsante SPEEDY per avviare le chiamate ai
piani estremi. Il ciclo di chiamate termina quando si esce dalla funzione girando il selettore, oppure dopo il tempo
programmato all’ind.13. Vedere anche tabella 3.52

9.9 Chiamate Manuali


Questa funzione permette di effettuare chiamate manuali direttamente dalla scheda. Per attivare questa funzione è
necessario girare il selettore in posizione ‘CH. MANUALI’. Sul display destro viene visualizzata la posizione attuale della
cabina, mentre a sinistra è visualizzato lampaggiante il piano a cui si desidera effettuare la chiamata. Per cambiare il piano di
destinazione utilizzare i pulsanti UP e DOWN sulla scheda, e per effettuare la chiamata premere il pulsante DATO (dopo
aver effettuato la chiamata il display a sinistra smette di lampeggiare). Vedere anche tabella 3.52

9.10 Rifasamento
Negli impianti a fune, dopo una mancanza della rete l’impianto si deve rifasare, a meno che la cabina si trovi già ad uno dei
piani estremi. Negli oleodinamici, invece, se la cabina si trova allo 0 o comunque entro IRD, viene inviata al piano 1, mentre
in tutti gli altri casi viene inviata al piano 0.
Il rifasamento può iniziare automaticamente, cioè senza che si debba premere alcun pulsante (2 o 3 all'ind.25) oppure
manualmente, cioè dopo aver premuto un pulsante di chiamata (0 o 1 all’ind.25). Quando ci sono le porte manuali è
necessario programmare anche il rifasamento manuale.
Negli IDRAULICI, si deve programmare il rifasamento AUTOMATICO, poiché all’accensione il rifasamento è prioritario sul
ripescaggio e quindi, se fosse manuale, non sarebbe possibile ripescare fino alla prima chiamata. Se il rifasamento non
avviene perché c’è un blocco aperto o altro, dopo il tempo TMP (ind.5) viene riattivato il ripescaggio.
Negli universali, facendo una chiamata fuori piano coincidente alla posizione, si attiva il rifasamento. Durante il rifasamento
si attiva il fuori-servizio (se programmato).

9.11 Pompieri e Antincendio


Sono disponibili due modalità di funzionamento: POMPIERI (programmando 0 all’ind.18) o ANTINCENDIO (programmando 1
all’ind.18). Per avviare la manovra si deve attivare l’ingresso CEP.
L’ingresso CEP normalmente si attiva chiudendolo verso GND, tuttavia è possibile programmarlo attivo aperto
programmando 16 all’ind.34. La fermata pompieri si programma all’ind.39 inserendo semplicemente il numero del piano
che sarà dotato della chiave pompieri.
Attivando la chiave pompieri, si avranno le seguenti condizioni di funzionamento uguali per entrambe le manovre:
- Tutte le chiamate interne ed esterne vengono cancellate e disattivate.
- Il pulsante di apertura porte PAP rimane attivo.
- I dispositivi di riapertura (fotocellule e costole mobili) vengono disattivati.
- La cabina viene inviata alla fermata pompieri con priorità assoluta secondo i tre casi seguenti:
- Se la cabina viaggiava in direzione opposta alla fermata pompieri, essa si ferma con regolare rallentamento al
primo piano che incontra, ma senza aprire le porte. Dopo 1,5 secondi riparte verso la fermata pompieri.
- Se la cabina viaggiava verso la fermata pompieri, la raggiunge senza fare fermate intermedie.
- Se la cabina era ferma ad un piano, parte immediatamente. Se durante la chiusura viene oscurata la fotocellula,
continuerà ugualmente a chiudere..
Dopo l’arrivo alla fermata pompieri, il funzionamento si diversifica a seconda che la manovra sia di tipo pompieri o di tipo
antincendio nel seguente modo:

58 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

POMPIERI
- le porte si aprono per 5 secondi e poi si richiudono, oppure restano aperte se si programma 8 all’ind.32.
- l’impianto viene messo in FUORI-SERVIZIO
- rimane attivo il pulsante PAP
- disattivando la chiave, si riaprono le porte.
ANTINCENDIO
- le porte si aprono e poi rimangono aperte
- viene riabilitata solo la bottoniera in cabina
- le porte si richiudono facendo una chiamata interna oppure premendo PCP, ma è necessario mantenere premuto il
pulsante fino alla completa chiusura, altrimenti le porte si riaprono e la prenotazione viene annullata
- al temine della chiusura, la cabina parte verso il piano della chiamata, e quando arriva le porte rimangono chiuse
- si possono aprire le porte solo premendo il PAP, ma è necessario tenerlo premuto fino alla completa apertura e per 2
secondi ancora, altrimenti le porte si richiudono
- durante la marcia è possibile cambiare la prenotazione in cabina, in tal caso quella precedente viene cancellata. La
cabina si reca al nuovo piano richiesto rispettando il regolare rallentamento. Questo vale sia nei prenotati che negli
universali. Ogni volta che la cabina si ferma, la chiamata viene cancellata.
- i dispositivi di riapertura (FCM e CCS) rimangono disattivati
- disattivando la chiave per almeno 5 secondi, la cabina viene riportata alla fermata pompieri con le stesse modalità
descritte sopra. Se non si riattiva la chiave entro 5 secondi dopo l’arrivo alla fermata pompieri della cabina, l’impianto
torna in servizio normale.
- Se manca la rete con cabina al piano e la scheda rimane alimentata da una batteria, al ritorno della rete le porte, se non
sono completamente chiuse, si aprono. Tutte le precedenti prenotazioni vengono cancellate. Se la cabina si trova fuori-
piano, vengono accettate tutte le prenotazioni tranne quella coincidente con la posizione della cabina stessa.

Solo la manovra di manutenzione e il rifasamento sono prioritari sulla manovra pompieri. Tutti i dispositivi di sicurezza
rimangono attivi, tranne fotocellule e costole mobili. L’ALT cancella sempre le chiamate.
Lo schema seguente mostra i collegamenti tra la scheda e le chiavi per i Vigili del Fuoco:

PAP
Rivelatore di
incendio

AM2
Chiave pompieri
in cabina PAP A A
1 n = piano
0 B B A10 in cui è
situata la
Chiave chiave
C C
pompieri n
esterna 0 RPF
D
1
CEP (programmare 1 all’ind.18)

+V RPF
Posizione chiave
esterna

In questo modo vengono soddisfatti i punti a) e h) del 5.8.8. della normativa EN81-72. Tutti gli altri punti della normativa
vengono soddisfatti dal software della scheda.

9.11.1 ANTINCENDIO USA (AMERICANA)


Differisce dalla tradizionale manovra antincendio sopra descritta solo per la seguente caratteristica: la chiusura delle porte
avviene solo con il PCP e non più con i pulsanti di cabina, e la prenotazione può essere fatta anche prima di chiudere le
porte. Per attivare la manovra antincendio USA si deve programmare 4 all’ind.32.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 59


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

9.12 Stazionamento
9.12.1 RINVIO PER STAZIONAMENTO
STAZIONAMENTO
Rinvio per stazionamento al piano FST: dopo un tempo APS programmabile all'ind.12 da 0 a 99 x 10 secondi dallo
spegnimento dell’occupato, la cabina viene rinviata alla fermata di stazionamento FST programmata all’ind.83.
Tale rinvio per stazionamento viene disattivato se FST è maggiore del numero di fermate dell’impianto.
Rinvio al piano basso dopo 15 minuti: solo se l’impianto è idraulico, si può attivare il rinvio automatico al piano più basso
dopo 15 minuti dallo spegnimento dell'occupato, programmando 1 o 3 all’ind.29. Quando la cabina è al piano 0 non può
essere più rinviata a nessun altro piano di stazionamento.
Nella manovra pompieri viene disattivato ogni rinvio automatico. Se lo stazionamento è a porte chiuse (vedere paragrafo
9.12.2), a fine rinvio le porte non aprono e non avviene il colpo di Gong.

9.12.2 STAZIONAMENTO A PORTE APERTE (SPA) O A PORTE CHIUSE (SPC)


Dopo aver concluso l'ultimo servizio, la cabina può stazionare a porte aperte (SPA) se si programma 0 o 1 all'ind.23, o a
porte chiuse (SPC) se si programma 2 o 3 all'ind.23. Dopo un rinvio per stazionamento, se l’impianto è SPC, a fine rinvio le
porte non aprono e non avviene il colpo di GONG.
Se l'impianto è SPA, si possono programmare fino a due fermate SPC agli ind.85 e 86. Viceversa, se l'impianto è SPC, le
due fermate programmate a tali indirizzi saranno considerate SPA. Per escludere lo stazionamento a 'porte contrarie',
programmare agli ind.85 e 86 un numero maggiore di 31.

60 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

10.
10.1 A10
SCHEDE AUSILIARIE
E’ una scheda che riceve dalle uscite ABC della AM2 il codice binario della posizione e lo decodifica in 8 uscite decimali
accendendo la corretta lampada. N.B. collegare a massa l’ingresso D della A10 nel funzionamento con AM2.

10.2 TC1
E’ un dispositivo grazie al quale è possibile dotare l’impianto di tre nuove funzionalità, qui di seguito riassunte:
Telecontrollo ascensore
Impostazione da remoto dei parametri di configurazione impianto, visualizzazione in tempo reale dello stato
ingressi/uscite, posizione cabina, diagnostica guasti, chiamate e prenotazioni.
Allarmi su guasto via SMS/Email
Possibilità di inviare messaggi di guasto rilevati sull’impianto per avvisare fino a 4 cellulari ed una Email. Ogni singolo
guasto dell’impianto può essere abilitato o disabilitato per l’invio dei messaggi di guasto.
Controllo e protezione batteria
La scheda TC1 provvede al controllo ogni 72 ore della carica della batteria. In caso di batteria scarica invia un
messaggio di segnalazione guasto ai cellulari/e-mail configurati. TC1 protegge la batteria dall’eccessiva scarica,
distaccandola quando il livello di carica è troppo basso.
La scheda elettronica TC1 è equipaggiata con un modem GSM quad-band con antenna in dotazione. Non necessita di
programmazioni, in quanto è gestita direttamente dalla scheda di controllo (AM1 o AM2) presente nel quadro. Per la messa
in funzione è sufficiente inserire nell’apposito vano una SIM Card prepagata (non protetta da PIN) di un qualsiasi operatore
telefonico.
SUGGERIMENTO: La scheda TC1 può essere utilizzata come strumento di supporto per il manutentore/installatore. In caso
di necessità è facilmente collegabile al quadro tramite i morsetti X,Y,+12,GND consentendo la visione di stato /
configurazione dell’impianto ad un utente remoto.

10.2.1 PROVA INVIO MESSAGGI


Una volta installato il sistema di telecontrollo con TC1, è possibile effettuare manualmente una prova di trasmissione degli
SMS ai numeri di telefono programmati oppure di invio della e-mail al PC.
E’ necessario ruotare il selettore della AM2 in posizione ‘TEST TC’ e selezionare con i pulsanti UP/DOWN uno dei 4 cellulari
(C1/C2/C3/C4) o la e-mail (E1). Premendo il pulsante DATO si avvia la trasmissione del messaggio di prova. Il buon esito
della prova si verifica con la corretta ricezione del messaggio da parte del cellulare o del PC.
Vedere anche la tabella del selettore 3.52.

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 61


AMCS ELETTRONICA AM2 - Manuale Utente

Indice alfabetico
A10 -breve descrizione............... 61 Guasto 47 ...................................29 Porte semiautomatiche ...............47
Alimentazioni .............................. 18 Guasto 48 ...................................23 Posizione binaria...................22; 52
Allarme ....................................... 40 Guasto 49-50........................25; 29 Posizione in codice Gray ......22; 52
Alt ............................................... 23 Guasto 51 ...................................23 Preset ...................................31; 33
Alt -controllo ............................... 49 Guasto 52 ...................................24 Programmazione della memoria .33
Antincendio................................. 58 Guasto 53 ...................................25 Programmazione tramite PC.......36
Apertura porte anticipata ...... 23; 47 Guasto 54 .............................24; 46 Prova batteria..............................19
APG............................................ 23 Guasto 55 .............................23; 46 Prova di fine corsa ......................57
Autolivellamento ......................... 55 Guasto 56 .............................25; 46 Pulsanti -Disabilitazione.............32
Batteria ....................................... 19 Guasto 57 ...................................34 Rallentamento lungo ...................39
Cancella chiamate in cabina....... 50 Guasto 58-59..............................33 Rifasamento................................58
Chiamate automatiche.......... 31; 58 Guasto 61 ...............................6; 23 Rifasatori IRD/IRS.......................27
Chiamate manuali ................ 31; 58 Guasto 63 ...................................35 Rinvio per stazionamento ...........60
Circuito di sicurezza ................... 49 Guasto 64 ...................................51 Ripescaggio ................................55
Codici d'accesso......................... 34 Guasto 65 ...................................50 Ritardo IF ....................................40
Codici segreti.............................. 34 Guasto 66 ...................................40 Ritardo TG ..................................29
Commutatore.............................. 31 Guasto 67 ........... 13; 15; 16; 17; 49 Schema elettrico riassuntivo .......20
Controllo di un contatto importante Guasto 80 ...................................50 Segnalazione di arrivo ................52
................................................ 49 Guasto 81 ................. 19; 26; 50; 55 Segnalazione di cabina al piano .54
Costole mobili............................. 48 Guasto 82 ...................................55 Segnalazione di difetto................53
Costole mobili -controllo ............. 49 Guasto 83 ...................................49 Segnalazione di prenotazione.....52
CPP ............................................ 24 Guasto 84 ...................................50 Selettore .....................................31
Diagnostica -Disabilitazione ...... 32 Home-Lift ....................................37 Selettore -Disabilitazione ...........32
Difetto -segnalazione.................. 53 ICV lungo....................................39 Senso di marcia ..........................50
Direzione di marcia............... 50; 53 Impulsori IF/ICV - ID/IS...............27 Specifiche elettriche....................18
Display seriale ............................ 52 Informazioni immediate...........8; 31 Specifiche generali......................18
Display seriale CM300................ 52 Ingressi di controllo.....................21 Stazionamento ............................60
Display sulla scheda................... 53 Inverter .......................................43 Stazionamento a porte aperte o
Dispositivi di riapertura ............... 49 Legge 13.....................................40 chiuse......................................60
Domus ........................................ 37 LiftPro .........................................36 Suoneria per sovraccarico ....47; 50
Doppio accesso.......................... 47 Lista dei guasti..............................6 Tabella standard –FUNE tipico ...15
Due velocità................................ 41 Luce in cabina ............................54 Tabella standard –
Duplex senza CM ....................... 38 Mancata partenza .......................25 OLEODINAMICO tipico ...........16
Emergenza ................................. 55 Manovra a mano...................31; 58 Tabella standard –PIATTAFORMA
Emergenza Domus..................... 37 Manovra Antisismica...................56 tipica........................................17
Esclusione apertura.................... 46 Manovra di Montaggio ................57 Tabelle di programmazione della
Esclusione limite tempo apertura 46 Manovra Interna..........................56 memoria ..................................10
EXC ............................................ 26 Manutenzione .......................31; 57 Tabelle standard ...................14; 31
Extracorsa .................................. 26 Manutenzione dal quadro ...........31 TC1 –breve descrizione ..............61
Fermata ritardata........................ 40 Massima corsa............................50 TC1 –controllo batteria................19
Fondo mobile.............................. 50 Morsetti (elenco alfabetico).........22 Temperatura motore ...................51
Fotocellule ................ 24; 25; 47; 48 Numero corse .............................35 Tempi..........................................10
Fotocellule -controllo .................. 49 Occupato ....................................53 TEST TC .....................................19
Frecce direzionali ................. 26; 53 Operatore ON .............................48 Timer ad uso generale ................41
Funzioni...................................... 10 Parametri ....................................13 TP sempre ON ............................29
Fuori servizio .............................. 53 Partenza immediata..............23; 48 TSD.............................................29
Gong........................................... 54 Pattino retrattile...........................47 Ultimi guasti ............................7; 31
Guasti ........................................... 6 Piani vicini...................................39 Una velocità ................................41
Guasto 41................................... 27 Piattaforma .................................37 Valvola Beringer/salita/Soft-Stop 41
Guasto 42-43.............................. 27 Pompieri .....................................58 Valvola Soft-Stop ..................30; 41
Guasto 44................................... 27 Porte ...........................................46 Velocità .......................................41
Guasto 45................................... 23 Porte automatiche.......................46 Zona porte ..................................48
Guasto 46................................... 24 Porte manuali .............................46

62 Versione software 1.11 – Revisione 10 05/03/2009


AM2 - Manuale Utente AMCS ELETTRONICA

05/03/2009 Versione software 1.11 – Revisione 10 63


Revisioni del manuale

Revisione 0 12-nov-07 - Versione software 1.00 - Prima versione (provvisoria)


Revisione 1 05-feb-08 - Versione software 1.01 - Aggiornato manuale alla versione software 1.01
Revisione 2 21-feb-08 - Versione software 1.02 - Aggiornato manuale alla versione software 1.02 :
Paragrafo 1.3  NUOVO (Tabella di assegnazione dei morsetti)
Paragrafo 1.4  modificati ind.17, ind.24, ind.33, ind.50-57
Paragrafo 1.5  modificate descrizioni dei suddetti indirizzi nelle tabelle standard
Paragrafo 2.3.1  Aggiunta spiegazione prova batteria tramite selettore su TEST TC
Paragrafo 2.4  modificate descrizioni morsetti M0-M7, A, B, C, VB e DS
Paragrafo 3.2 (A/B/C), paragrafo 3.21 (DS), paragrafo 3.29 (M0-M7), paragrafo 3.50 (VB)
Paragrafo 3.52  aggiunta descrizione TEST TC del selettore
Paragrafo 6.1.5  NUOVO (Doppio accesso)
Paragrafo 8.1.1  Completata descrizione indicazione di posizione
Paragrafo 9.7  Aggiunta descrizione modifica software riguardante la manutenzione (ind.33)
Paragrafo 10.3.1  NUOVO (Prova invio messaggi)
Revisione 3 01-apr-08 - Versione software 1.03 - Aggiornato manuale alla versione software 1.03 :
Paragrafo 1.3  Aggiunta colonna ‘DOMUS’ nella Tabella di assegnazione dei morsetti
Paragrafo 1.4.2  modificati ind.34 e 35
Paragrafo 1.5.3  modificate descrizioni dei suddetti indirizzi nella tabella standard P3
Paragrafo 3.27  modificata spiegazione per la programmazione di IF/ICV
Paragrafo 5.1.4  modificata descrizione DOMUS
Paragrafo 5.1.5  modificate alcune sigle nello schema
Paragrafo 9.7  completata descrizione relativa a TG e TP che si attivano insieme
Revisione 4 26-giu-08 - Versione software 1.05 - Aggiornato manuale alle versioni software 1.04, 1.05 e 1.06
Paragrafo 1.2  Aggiunte nuove info immediate
Paragrafo 1.4.2  (versione 1.06) Modificati ind.17 (Valvola Soft-Stop), ind.32 (disabilitazione selettore
pulsanti e display), ind.33 (display CM300 e posizione in codice Gray)
Paragrafo 1.5  (versione 1.06) modificate descrizioni dei suddetti indirizzi nelle tabelle standard
Paragrafo 1.5  Corretto ‘P’ in ‘Pr’ (indicazione di programmazione in corso)
Schema 2.4  (versione 1.06) modificate descrizioni morsetti VB, A, B, C e Y
Paragrafo 3.2  (versione 1.06) Aggiuna descrizione per codice Gray su ABC
Paragrafo 3.50  (versione 1.06) Morsetto VB: menzionata valvola Soft-Stop
Paragrafo 3.51  (versione 1.06) Morsetto X/Y: modificata descrizione con aggiunta riferimento al display
seriale CM300
Paragrafo 3.52.1  (versione 1.06) NUOVO Disabilitazione selettore/pulsanti/diagnostica
Paragrafo 4.4  (versione 1.06) Aggiunta nota riguardo all’impossibilità di connessione al PC se si
programma 8 all’ind.33
Paragrafo 5.1.4  Aggiornata descrizione Domus
Paragrafi 5.6 e 5.7  Scambiati
Paragrafo 5.7  (versione 1.06) Aggiunta spiegazione nuova funzionalità Valvola Soft-Stop
Paragrafo 6.1.2  Aggiornata descrizione porte manuali
Paragrafo 7.5  Aggiornata descrizione senso di marcia
Paragrafo 8.1  Aggiunta descrizione codice Gray e posizione su display seriale CM300
Indice alfabetico  (versione 1.06) Aggiunte nuove voci
Revisione 5 26-giu-08 - Versione software 1.06 - Aggiornamento definitivo alla versione software 1.06
Paragrafo 1.4  Aggiunto riferimento al codice Gray agli ind.20 e 96
Paragrafo 5.1.4  Aggiunta nota sulla pressione simultanea di due pulsanti di chiamata in cabina
Revisione 6 11-set-08 - Versione software 1.07 - Aggiornamento alla versione software 1.07
Paragrafo 1.2  Corretto errore di digitatura dato 49
Paragrafo 1.4.2  Modificato ind.33 (fotocellule attive anche con porte manuali…)
Paragrafo 1.5  Modificate descrizioni ind.33 nelle tabelle standard
Paragrafo 1.5.3  Il dato standard per l’impianto Domus all’ind.36 (numero piani) è 4 e non 8.
Paragrafi 3.5 e 6.2  Modificata descrizione preapertura.
Paragrafo 6.4  Modificata descrizione fotocellula con porte manuali
Paragrafo 9.1  Menzionata anche valvola Soft-Stop insieme alle altr valvole.
Revisione 7 02-ott-08 - Versione software 1.08 - Aggiornamento alla versione software 1.08
Paragrafo 9.7  Modificata descrizione dell’uscita da manutenzione (negli universali non rifasa più)
Revisione 8 10-nov-08 - Versione software 1.09 - Aggiornamento alla versione software 1.09
Paragrafo 1.4.2  Modificati ind.30, 34 e 35 (CS1 e fotocellula secondo accesso)
Paragrafo 1.5  Modificate descrizioni ind.30 e 35 nelle tabelle standard
Schema 2.4  Modificate descrizioni morsetti CCO e CS1
Paragrafi 3.11, 3.15 e 3.19  Modificata descrizione CCO, CM e CS1
Paragrafo 5.5  Modificata descrizione inizio Timer
Paragrafo 6.1.2  Corretto errore ortografico
Paragrafo 6.1.5  Modificata descrizione Doppio Accesso (fotocellule)
Paragrafo 6.4  Modificata descrizione Fotocellule
Paragrafo 7.3  Cambiato ‘fotocellula’ in ‘fotocellule’
Paragrafo 7.6  Modificata descrizione fondo mobile e cambiato ‘fotocellula’ in ‘fotocellule’
Paragrafo 9.3  Modificata descrizione programmazione Manovra Interna
Revisione 9 07-gen-09 - Versione software 1.10 - Aggiornamento alla versione software 1.10
Paragrafo 1.1  Aggiunto nuovo guasto 61, modificata descrizione guasto 82
Tabella 1.3  Aggiunta nuova colonna per universale 6 fermate
Paragrafo 1.4  Aggiunte nuove funzioni agli indirizzi 17 (morsetto VB), 19 (FS/FD), 20 (A/B/C), 21 (DS),
24 (M0-M7), 30 (sequenze per inverter), 31 (verie nuove).
Paragrafo 1.5  Modificate descrizioni indirizzi di cui sopra nelle tabelle standard
Schema 2.4  Completate legende di alcuni morsetti
Paragrafi 3.2, 3.5, 3.6, 3.21, 3.29, 3.24, 3.25, 3.50  Modificate descrizioni dei morsetti A/B/C, APA, APG,
DS, FS, FD, M0-M7, VB.
Paragrafo 4.2  Corretta descrizione codici dispari.
Paragrafo 5.1.4  Aggiunta nuova emergenza domus.
Paragrafo 5.7  Modificata descrizione valvole (VB).
Paragrafo 5.8  Nuovo paragrafo Inverter.
Paragrafo 6.1  Aggiunta spiegazione esclusione limite tempo apertura
Paragrafo 6.1.5  Aggiunta tabellina programmazioni per Apertura 2° a ccesso
Paragrafo 6.3  Aggiunta tabellina programmazioni per Pattino Retrattile
Paragrafo 6.7  Nuovo paragrafo Operatore ON.
Paragrafo 7.6.1  Aggiunta tabellina programmazioni per Suoneria per sovraccarico
Paragrafo 8.2  Aggiunta tabellina programmazioni per Segnalazione Difetto
Paragrafo 8.5  Aggiunta tabellina programmazioni per Fuori Servizio
Paragrafo 8.7  Aggiunta tabellina programmazioni per Gong
Paragrafo 8.8  Aggiunta tabellina programmazioni per Segnalazione Cabina al Piano
Paragrafo 9.1  Aggiunta spiegazione TRIP dispari nell’autolivellamento.
Paragrafo 9.2  Aggiunto rinvio a paragrafo domus e nota su emergenza fune.
Revisione 10 05-mar-09 - Versione software 1.11 - Aggiornamento alla versione software 1.11
Paragrafo 1.1  Modificata descrizione guasto 61
Paragrafo 1.4.2  Modificato indirizzo 28
Paragrafo 1.5  Modificato ind.28 nelle tabelle standard
Paragrafo 3.5  Modificata descrizione morsetto APA
Paragrafo 5.8  Completata descrizione guasto 61/morsetto APA