Sei sulla pagina 1di 1
Uso della SCALA PENTATONICA Uso della SCALA PENTATONICA sui collegamenti armonici È necessario distinguere due

Uso della SCALA PENTATONICA

Uso della SCALA PENTATONICA

sui collegamenti armonici

È necessario distinguere due “territori” armonici di applicazione delle pentatoniche:

lambito modale

cioè accordi che non hanno alcun rapporto tonale l’uno con l’altro o, in altre parole, nessuna tonalità o scala comune; esempi:

es.1:

………… ||||

GGGG 7777

||||

AAAA bbbbmmmmiiii7777

||||

FFFF mmmmiiii7777

|||| …………

   
    8 8  

8

    8 8  
    8 8  

8

8
 

es.2:

………… ||||||||

DDDD mmmmiiii7777

||||||||

EEEE bbbbmmmmiiii7777

 

|||||||| …………

lambito tonale

cioè collegamenti armonici con prevalenza di cadenze; esempi:

es.1:

…………

||||

((((DDDD mmmmiiii7777 )))) ||||

GGGG 7777

 

||||

CCCC 7777

|||| …………

(in

maggiore)

(II)-V-I

 

GGGG 7777

 

(cadenza perfetta)

………… ||||

((((DDDD øøøø ))))

||||

||||

CCCC mmmmiiii

|||| …………

(in minore)

es.2:

………… ||||

GGGG

7777

||||

AAAA mmmmiiii7777

 

|||| …………

(in maggiore)

V-VI

 

7777

AAAA bbbb7777

 

(cadenza d’inganno)

………… ||||

GGGG

||||

 

|||| …………

(in minore)

es.3:

………… ||||

FFFF 7777

||||

CCCC 7777

 

|||| …………

(in maggiore)

IV-I

………… |||| FFFF mmmmiiii7777 ((((opp. mmmm6666 )))) |||| CCCC mmmmiiii |||| …………

 

(cadenza plagale)

 

(in

minore)

es.4:

V-III- (VI-II-V)

(cadenza imperfetta)

………… ||||

………… ||||

GGGG 7777 |||| GGGG 7777

EEEE mmmmiiii7777 ((((AAAA 7777 ||||

DDDD mmmmiiii7777

GGGG 7777 ))))

|||| …………

|||| EEEEbbbb 7777((((####5555)))) ((((AAAA bbbb |||| DDDD øøøø GGGG 7777 )))) |||| …………

(in

maggiore)

(in minore)

Un sistema pratico per utilizzare le pentatoniche sulle progressioni degli accordi potrebbe essere quello di iniziare ad

utilizzarne qualcuna tra quelle suggerite in relazione ad un solo accordo (potrebbe essere un 7, un mi7, un 7 o altri colori armonici) e valutarne la sonorità ad orecchio. In altre parole, utilizzando una base ritmica e armonica (tipo l’Aebersold, o il computer oppure una registrazione nostra), suoniamo la pentatonica prescelta e ne ascoltiamo la tensione in rapporto all’accordo sottostante.

In questa fase ci muoviamo come se fossimo in un ambito modale (un sistema accordo-scala che non ha alcun

rapporto con quello che lo precede e che lo segue), ma è da ricordare che ciò che otteniamo in ambito modale è immediatamente applicabile quando ritroviamo lo stesso tipo di accordo-scala in un ambito tonale. Più avanti verranno proposti esempi di questo modo di procedere.

Andando avanti con costanza ci mettiamo in condizione velocemente di percepire la qualità di ciascuna delle tre

pentatoniche suggerite, dalla più consonante alla più tesa; a questo punto potremmo avere la necessità di andare oltre e

di esplorare il terreno dell’uscita dall’ambito tonale che l’accordo possiede. Potremmo, volendo, costruire un sistema

misto di “inside-outside” (dentro-fuori) per creare interesse durante l’assolo.

- Pag. 42 -