Sei sulla pagina 1di 48

INSEGNARE

lastoriadell’arte

a cura di

Angela Ghirardi Claudio Franzoni Serena Simoni Simonetta Nicolini

 INSEGNARE lastoriadell’arte a cura di Angela Ghirardi Claudio Franzoni Serena Simoni Simonetta Nicolini

SSIS Scuola d i Speci a lizzazione p er l’Insegna m ent o Second a ri o - Bologna

Insegnare la st ori a dell’a r t e

a cur a d i

A ngela Ghi r a rdi

Cla ud io Franzoni Serena Si moni Sim onet ta Nicoli ni

la st ori a dell’a r t e a cur a d i A ngela Ghi

INDICE

Angela Ghirardi, Insegnare a insegnare la storia dell’ar te: spiragli di riflessione e un

 

po’

di resoco nto

7

Perco rsi

 

Si

monet ta Nicolini , Fra teo r ia e ma ter ia l i: il m a nu al e e a lcu n i pro b l emi di me- to do per g li in seg n a n ti di sto r ia del l’a r te

2 3

Si

mone Ra mb a ld i, L’in seg na men to del l a stor ia del l’ar te cla ssica

5 3

Cla ud io Fra nzoni, Il mo ndo di In ter n et e l a sto r ia del l’ar te

6 9

Mar i nella Pi gozzi , Foto tech e d’a r te e dida ttica . La real tà u n iver sita ria bo l o g n ese 8 3 Gian Luca Tusini, La rete delle forme. Per una educazione al vedere attivo nell’arte

 

di

ieri e di o gg i

1 0 9

Serena Sim oni , Dida ttica del la sto r ia dell’a r te e prospettiva di g en ere

1 2 3

Testi mo n i anze

Ci nzia Ba ld isser i, Alcu ne rif l essio n i po co do po l a SSIS Feder ico Fioresi , Il m io l a vo ro di in seg n ante do po l a SSIS-Stor ia del l’a r te Chi a r a Gua r nieri, L a mia SSI S e il Cooper ati ve lea r ni ng Paolo Seb asti a no La nzi , Da l la SSI S a ll a scu o l a: in segn am o qu el l o che siamo

1 6 9 1 7 7 1 8 3 1 9 3

Sa m u e l a Mo re t t o , L’ e s p e r i e n z a d e l l’ i n s e g n a m e n t o d e l l a s t o r i a d e l l’ a r t e d o p o l a SSI S Paolo Zor zi , La vora n do in u n Istituto d’a r te

1 9 9 2 0 5

Archi v io

 

a

cura di Led a Pia zza

2 1 1

Bi b liogr a fi a

 

2 5 3

Di da t ti ca d ella stori a dell’ a r te e p rospett iva d i genere

Serena Si m oni

Il n o s t ro i n t e l l e t t o t e n d e p e r s u a n a t u ra a s s a i p i ù a vo l e r c o m - prendere che a vo l er co n oscere ( Ma rc Bloch) 1

1 . L a scu o la nel la rea l tà l iqu ida

Lo scollamento esist ente fra il mond o scolast i co e la rea lt à i n generale è a r - gomento di di b a tt ito qua si quotidi ano, a cui bene o m a le ha t enta t o una r i - sp osta pa r ziale la legge sull’ a utonomia scola st i ca del 1 9 97 , che ha p rev i sto la possib i lit à d a p a r te degli i sti tuti d i p rogett are i n m od o flessib ile e a ut onomo una p ar t e del percor so scola stico, cerca ndo di r isp ond ere così si a a lle r ichieste professi onali d el t err i tor io che a lle esigenze cur r icular i . Questo tentativo di scatto in avanti per adeguarsi a una realtà che pare sem- pre collocat a a ltrove r ispet to a lla scuola è st a to lodevole m a insufficient e: a t - t u a l m e n t e , a l l a d i f f i c i l e r i n c o r sa d e l p a c h i d e r m a s c o l a s t ic o s i va n no a g g i u n- gendo aggrava nti che rischia no di sott ra r re i p ochi resid ui d i ener gia . Fr a que- s t e , l’ i m m i n en t e p ro g e t t o d i r i f o r m a s c o l a st i c a c he c erca d i r a zi ona l i z za re l a str uttura puntando a modifiche sostanziali dell’assetto degli insegnamenti, del p e r s o n a l e e d e i c u r r i c u l a , c o m p re s a l a p ro s s i m a e d r a s t i c a r i d u z i o n e – n e g l i i s t i t u t i s u p e r i o r i – d e l l’ i n s e g n a m e n t o d i s t o r i a d e l l’ a r t e , a c u i s i a g g i u n g e l a chiusura delle SSIS 2 , che avevano in carica la formazione dei docenti in entrata n e l l a s c u o l a . Si t r a t t a d i t r a s f o r m a z i o n i c h e , n o n t e n e n d o c o n t o d e l l e e s p e -

1 M . Bloch, Apol o g ia dell a sto ria , Ei na ud i, Tor ino 1 9 98 , pp. 1 1 - 1 2 : « Infa tt i la na tur a del nostro int ellett o lo p or t a molt o meno a voler sa pere che a voler comprend ere». Nonost a nte questo, lo stor ico r ib a d isce che la stor ia ha il d ir it t o d i essere consid er at a fr a le conoscenze d e- gne di i mp egno solo nella m isur a i n cui essa « ci consent ir à , invece di una semp lice enum er a - zi one, senza nessi e qua si senza lim it i, una cla ssifica zi one r a ziona le e una progressi va i ntelli gi- b ili tà ».

2 Le SSIS (Scuole di Sp eci alizza zi one p er l’ Insegna mento Seconda r i o) sono st at e istit uit e all’ int er no d i alcune Uni versi tà it a lia ne con legge d el 1 9 /11 /1 9 9 9 ed a vv iat e nello stesso a n- no accad em ico.

1

2 4

r i enze p a ssa te e degli ob i et ti v i che ne ha nno sost enut o il percor so, tendono a d aggr avare una situa zione gi à preca r ia. Se la scuola na vi ga in ca t tiva a cque, non se la pa ssano m eglio gli st udenti e

la società, già a ffett i da quei ma li d ella « moder ni tà liqui da» – i ndi v iduat i d a

Zy g m u n t Ba um a n – c h e p oss on o r i a s su m e r s i ne ll a t e n d e n za a l l a t r a s f o r m a -

zi one d egli i nd i v idui i n consum a tori p erennem ente insodd isfa t ti e nella si n-

d rome di et erna present ifica zione 3 . Se la tir anni a d el mom ent o, l’ i nca pacità d i costr ui re rela zi oni col passat o e col futuro, il pensiero breve, l’eccesso informativo, la disaffezione alla differenza

e al senso, la cultura d el disimp egno, d ella di scontinuit à e dell’ ob lio, sono a l-

cuni d ei front i sui qua li si m isur a no ogni giorno gli i nsegnant i, è opp or tuno essere consapevoli d el fa tt o che la posta i n gioco non è solo una b uona for - ma zione. A r i schi o sono l’ empower ment degli a llievi e fut ur i cit ta d i ni – nella loro ca p a cità d i scegliere in m odo consapevole e di a gire, d i conseguenza , in

mod o effica ce – e la st essa d em ocr a zia , a ssi eme alle capa cità d i costr uire per -

c o r s i d i v e r s i d a q u a n t o o f f e r t o e d i i n t e r a g i re c o n g l i a m b i t i s o c i a l i d ov e s i com piono le scelte 4 . Per gli insegna nt i è quind i neces sa r i o r i f lett ere sulle indicazi o ni che p ro- vengono d a ll’a rea peda gogica e degli st udi soci ali: un a r rocca mento sul sap e-

re disciplinare e sulle modalità tradizionali dell’insegnamento è destinato ad ali- mentare un senso d i im potenza dannoso sia p er chi insegna che p er chi st u-

di a, oltre a r isult are del tut to i nefficace a far front e alla rea ltà.

L e S S I S h a n n o c e r c a t o l a s t r a d a d e l l’ i n t e r a z i o n e f r a t e o r i a p e d a g o g i c a e sci enza di sci plinare, gr a zie a gli i nsegna ment i e a lla pr a t ica del t iroci ni o nelle

s c u o l e , p re c e d u t o o s vo l t o p a r a l l e l a m e n t e a l a b o r a t o r i i n t e r n i a i c o r s i : t u t t o questo ha p er m esso di sp er i ment a re – si a sul ca mp o t eor i co che su quello pr a -

ti co – la possib ilità di va r i a pp rocci metod ologi ci a lla di sci pli na e di a ffronta -

re questioni d i t eor ia e pr a ssi dida ttica. L’esperi enza ha si gni ficato a nche r idi -

scutere alcuni fonda m ent i d ella d isciplina r i gua rd anti la d idatt ica e ha st i m o-

la t o un p ensi ero sor veglia t o sulle str a tegie, su contenuti e ob i ett iv i i n rela zi o-

ne a l processo for m a tivo, ott enend o una base di conoscenze e r iflessioni non necessa ri a a uno st or i co d ell’ a r t e, ma a ssoluta ment e fond am entale per un i n- segnante di storia d ell’ a r te.

3 Sulle car att er ist iche della m oder nit à li qui d a e sulle r i ba tt ute di quest a sull’ a tt iv it à for -

mat iva , ci tat e qui e a nche pi ù a vant i , si r im a nda a Z . Ba uma n, Vite di cor sa. Le sfide al l’edu - ca z ion e del la m o der nità l iqu ida . Lez io ne Mag istra l e di Zygm unt Bauman ( 1 3 set temb re 2 0 0 7) , Regi one Em ili a- Roma gna, [ Bologna ] 2 008 .

4 Z . Ba um an, Vite di cor sa

cit ., p. 5 1.

1

2 5

2 . Tra disciplina e dida ttica

Sgomb ra to il ca m po d a ll’ idea di far uscire da lla scuola d egli st or ici dell’ a r -

te 5 e preso atto delle rea li di fficoltà dell’ insegna m ento d ella di sci plina st or ico-

ar tistica nelle scuole – determinate, fra l’altro, dall’esiguo numero di ore a fron- t e d ella complessità d ella ma t eri a – si può cercare di confront a re la t enuta de-

gli ob iettiv i e d elle fina li tà d isci pli na r i con i l p anor am a inqui eta nt e d eli nea t o d a Ba uman. Il fin e non è t a nt o quello di ri d i sc ute re gli or i ent a ment i della stor ia d el- l’ar te m a di circoscr ivere i l problem a a m ont e, cerca ndo di com prend ere qua -

li osta coli possono fra p por si a l r a ggiungim ento d egli ob iett iv i di datt ico-di sci -

pli nar i, e d i fa r int era gi re fa tt iva ment e d ue m ondi sp esso sepa r a t i, quello del-

la p ed a gogia e della storia dell’ a r te.

L’ i p o t e s i è c h e m e t t e n d o a l c e n t r o d e l p r o c e s s o d i i n s e g n a m e n t o a l c u n e p r iorit à com e la “rela zi one, l’ identità” – rea le, cor porea , non v ir tuale – d egli

st ud ent i e la “mot i va zione” così com e i l “desid er i o” , che a d esse sono collega -

ti , si possano proget ta re p ercorsi rea lm ent e effica ci 6 . In ult im a a na lisi , si t r a t -

ta di ab b and ona re un modello di da ttico essenzialmente tr asmi ssi vo o mi me-

t ico, sostituend olo con un altro – “t r a sfor m a tivo” – i n cui l’ insegnant e facili - ta e incor a ggia gli st ud ent i a ela b or are propr i e i dee, a saggi ar ne la t enuta , a d ind iv i duare un p rop r io modo d i vedere il m ond o 7 . Per oper are secondo quest a prosp et tiva è uti le ser v i r si d i st r um enti d ida t -

ti ci funzi ona li a l coinvolgi ment o di ret t o degli student i e alla faci lita zione d el-

l’ a pp rend imento, gi à sperimenta t i con successo, com e il Co o pera tive L ear n ing

e il Pro b lem So l ving , l’ utili zzo – a ll’ inter no del di a logo educa tivo – d el f eed-

b ack, d ella scoper t a- esplora zione e del lavoro di gr up p o 8 . Ma a ltrettanto i m-

5 Questa opinione generalmente condivisa trova d’accordo fra gli altri Cesare De Seta, Per- ché in seg n are l a sto ria del l’a r te, Donzelli , Roma 2 0 08, p. 3 6 .

6 Un’analisi del significato e del successo della pedagogia attivista di J. De wey – basato sul- la centra li tà d ell’ esp eri enza e d el v issuto nell’ a tt iv it à d id at t i ca – è t r a tt a t o nell’ int er vent o di S. Ni colini Fra teoria e m a teria l i: il m a nu a le e al cun i prob l em i di m eto do per g l i in segna n ti di sto- r ia del l’a r te, p ub bli ca t o nel present e t esto. Lo stesso tem a è a na lizza t o da L. Lazott i Fonta na , Co mu n ica zio n e visiva e scuo la . A spetti psicopedag o gici del l in g u agg io visua l e, Fr a nco A ngeli , Mi - lano 1 98 1 e d a M . Da lla ri, C. Fr a ncucci, L’esperienza peda g o g ica dell’a r te, La Nuova Ita li a , Fi - renze 1 99 8. Sull’i m por tanza della rela zi one a ll’i nter no d ella d id a tt ica – v i st a come reci p roci - tà che im pli ca camb i a menti si a nell’ a llievo che nel docent e – si ved a P. Ber tolini , L’esistere pe- dag o g ico. R agio ni e l in iti di una peda go gia co m e scienz a f en o meno lo g ica men te fo ndata , La Nuo- va It a lia , Fi renze 1 9 8 8 . La cent ra lit à d ella mot iva zi one e d el desi d eri o in rela zione a ll’ a tt r ib u- zione d i senso e qui ndi del sapere è a na li zza ta d a R . Ga tt i, Sa per sa pere. La m otivaz ione co m e o biettivo educativo , Ca rocci , Roma 2 00 4.

7 L. Genovese, In seg na re e a pprendere. Tem i e prob l emi di didattica , Monolite, Roma 2 00 6 , p. 2 0 .

8 Per le st r a tegi e d i d a t ti che ind i ca t e si ved a no L. Genovese , S. K a ni zsa ( a cur a di ) , Ma - n u a l e del l a gestio ne dell a cl a sse, Fr anco Angeli, Milano 2 0 05 ; L. Genovese, In seg n are e appren -

1

2 6

p or ta nt e è ri discutere l’a p p roccio m et odologico-di sci plina re sca r ta ndo quello tr ad izi ona le, nozioni sti co e a tt r ib uzionist ico 9 , per indiv i d uare a lt r i percor si in gr a d o di coinvolgere gli a llievi più diret ta mente. Fr a questi ult im i va consid e- r at a – come ved remo – la p rospet tiva d i genere.

Sa p er leggere un’ oper a d’ a r t e, sa p er la st or i cizza re e qui ndi essere in gr ado

di com prenderla , è la t r ia de incontesta b ile degli ob i et tiv i pr im a r i della stor i a

dell’ a r t e 10 . Numerosi sono gli insegna nti che ha nno comp reso l’ i mp or tanza della let -

tur

i nsist e nel p r im o a nno d i st udio d ella d iscip lina sui meccanism i del lingua g- g i o v i s i v o p e r e s s e re i n g r a d o d i s m o n t a re e r i m o n t a re u n’ i m m a g i n e , c o m - prendendone i va lor i espressiv i collegati. Ot t enere quest a pr i ma comp etenza non r i sulta d ifficile gra zie al fatto che si ba sa su una cer ta fa ci lità a p plica ti va e si collega a conoscenze e a b ili tà pregresse 1 1 . Per i mpa ra re a comp rend ere il li ngua ggio vi sivo si p ossono uti lizzare non solo i m magini di opere d’ a r t e m a anche quelle d ella pubb licit à , d el fum ett o,

a dell’i m m a gi ne com e pa sso necessario e alfa bet izza nt e p er gli st ud enti : si

gli still da v i deo e da film, li ngua ggi p iù vi ci ni a l m ondo v i si vo dei r agazzi. Si

t r att a di me zzi giust ifi ca ti dall’ ob iettivo d ell’ a lfab et izzazi one vi siva , un’ a b ili t à

che è d ivent a ta fonda menta le e a p pli ca b i le a tut ti i livelli di una soci età m as-

si va m ent e v isi va come quella at t ua le. Inolt re, l’ a p er t ur a dell a st or i a d ell’a r t e

ad a lt r i li ngua ggi vi siv i cont em pora nei – cinema, fumetto, fotogra fi a – cor ri -

s p o n d e a q u e l l’ i d e a d i s t o r i a d e l l e a r t i “a l p l u r a l e” , c h e a p p a re c o m e l’ u n i c a opzi one percorr ib ile p er r i nnova re la funzi one e i l senso della di sci pli na 1 2 .

I m ateriali e le t ecniche sono un a lt ro ca m po d i i ndagine che non incont r a

for ti resi stenze i n cam po di da t tico, a m eno che non si t r att i d i noiose descri -

zioni v ir t uali: i la b ora tori di educazi one ar ti stica d elle scuole medi e, le v isit e

didattiche ai musei e la par tecipazione ai loro laboratori interni, le uscite in cit-

tà e la visione diretta di opere, edifici e manufatti, la conoscenza diretta a scuo-

dere. Temi e problemi di didattica

e co noscenza , La Nuova It a li a , Fi renze 1 99 3 . 9 L’i solam ent o d ella d iscip lina st ori co- a r tist ica lega ta a m od elli stor iogr a fi ci ta rd ocroci a ni

e p uro-visi bili sti , la sua i mp er mea b ili t à a lle scienze uma ne e il culto del Ma estro e d el Ca p o-

la voro, sono fr a le ca use della m a r ginalit à della di sci pli na st or ico-a r ti sti ca e della sua i neffica -

ce funzione for m a ti va: cfr. C. De Seta , Perch é insegn are l a sto ria dell’ar te

1 0 Si ved a A . R i zzi, Co n sidera z io n i sul l’insegna mento del l a sto r ia del l’a r te, i n « Ri cerc he di

St or ia d ell’ ar t e», 79 , 2 00 3 , p. 8 3 .

1 1 Va d et to però che a lle scuole medi e infer ior i sono ob iett ivi non semp re r a ggiunt i, né ot - tenut i semp re i n mod o consa p evole d a pa r te degli student i. 1 2 C. De Seta r i ba di sce quest a necessit à d ell’ a per tura d ella d isci pli na all’a mb i ent e, a lla cul-

t ur a m ater iale, ad altr i li ngua ggi d el visi vo fr a cui il d esign, l’ur ba ni st ica , fotogr afi a e cinema :

cit., pp. 137-141; L. Dozza, Il lavoro di gr uppo tra relazione

ci t. , p p. 33 -3 4 .

1

2 7

la – che significa tocca re e sa ggia re – di a lcuni oggett i, e i numerosi p rogetti

scolastici in collaborazione col F.A.I. e altri enti finalizzati alla conoscenza e va-

lorizzazione del patrimonio storico-ar tistico del territorio, sono esperienze che

entr ano a far p a r te d i una rea lt à v issuta in p r im a persona dagli stud enti e che

p ropr i o gr azie a questo – possono di ventare signifi cat iv i . In quest o senso r isulta no molto utili le i nizi a ti ve lab or a tor i ali a tt iva t e dal-

la

rete dei musei sul t err it orio che p ropongono – a nche a gli st udent i delle su-

per iori – p ercorsi m ir a ti a l semp li ce app rocci o estetico o a una m anua li tà fi -

na lizzata a lla conoscenza d ei lingua ggi esp ressiv i 1 3 . At ti vat a solo nei cicli d elle

scuole infer i ori e negli i sti tuti d’ a r t e o nei licei a r tist ici p er le sup er i or i , questa

di mensione pr a ti ca ed esteti ca ot tiene qua si semp re ott im i r isulta t i, come d i -

mostr ano a nche i num erosi proget ti di tirocini o effet tuat i d agli specializza nd i della SSIS di St or i a d ell’ a r t e, che si sono a v valsi dei la bor a tor i m usea li o ha n- n o re a l i z z a t o e s p e r i e n ze d i q u e s t o t i p o a l l’ i n t e r n o d e l l e s c u o l e a c c o g l i e n t i 1 4 . Senza m ettere in d iscussione la d ifferenza fra gli ob i et tiv i di da t ti ci p r im ari di Educazione ar tistica e quelli di Storia dell’ar te, occorre forse riconsiderare l’im- p o r t a n z a d e l l a p r a t i c a l a b o r a t o r i a l e e d i u n a p p ro c c i o e s t e t i c o c e n t r a t o s u l - l’ emozione dello “st up ore” , qua ndo sopr a ttutt o può t or na re uti le – a nche i n seconda b a ttuta – per ottenere a lcuni ob ietti v i d isci pli nar i pi ù com p lessi 15 .

Tu t t e l e a t t i v i t à m e n z i o n a t e r i s c u o t o n o u n d i s c re t o s u c c e s s o f r a i r a g a z z i perché risp ondono i n pa r ticola re a l pi a cere d i essere prot a goni sti di un’ esp lo-

ra zione per sona le d ella rea lt à e a l d esider io di conoscere a spett i d ella v ita m a -

t er i ale, che a scuola sono in genere molto a pp re zzat i . In e f f e t t i , è s o l o q u a n d o l a c o n o s c e n z a d e l l a s t o r i a d e l l’ a r t e s i s p o s t a ve r s o o b i e t t i v i p i ù a l t i – l a c a p a c i t à d i p e r i o d i z z a z i o n e , d i r i c o n o s c i m e n t o s t i l i s t i c o , d i s t o r i c i z z a z i o n e e a n c o r a o l t re , q u e l l a d i i n t e r p re t a z i o n e – c h e c o m i n c i a n o i p r i m i e s e m p re p i ù g r a v i i n c i d e n t i d i p e rc o r s o. In s e r i re i f a t t i s i n g o l i i n u n s i -

1 3 Cfr. le moti va zioni est et iche e p ed agogiche a sost egno delle a t ti v it à la b ora t or i a li i n M .

Dallar i , C. Fr ancucci , L’esper ienz a peda g o gica del l’a r te

1 4 A q u e s t o p r o p o s i t o v o r r e i c i t a r e a l c u n e e s p e r i e n z e d i d a t t i c h e e f f e t t u a t e d a g l i s p e c i a - l i z z a n d i d e l l a A 0 6 1 d e l l a S S I S d e l l ’ Un i v e r s i t à d i B o l o g n a , c h e h a n n o c o n g i u n t o c o n s u c - c e s s o c o n o s c e n z e t e o r i c h e e l a b o r a t o r i e f f e t t u a t i d i r e t t a m e n t e n e l l e s c u o l e o a l l ’ i n t e r n o d e i m u s e i d e l t e r r i t o r i o r o m a g n o l o : P. A l u n n i , R i m i n i r o m a n a e i m o s a i c i p a v i m e n t a l i d e l l a “d o - m u s” . Un p e rc o r s o d i d a t t i c o t ra t e o r i a e p ra t i c a , a . a . 2 0 0 8 / 0 9 , re l a t o r e Pr o f. S . R a m b a l d i , c o n l a b o r a t o r i o p e r l ’ e s e c u z i o n e d i m a n u f a t t o m u s i v o e f f e t t u a t o p r e s s o l ’ Is t i t u t o t e c n i c o p e r i l Tu r i s m o “ M . Po l o” d i R i m i n i ; L . A n g e l i n i , Te o r i a e p ra t i c a d e l l a p i t t u ra s u m u r o. Un p e r - c o r s o d i d a t t i c o s u l l ’ a f f re s c o t ra e t à r o m a n a e R i n a s c i m e n t o , a . a . 2 0 0 6 / 0 7 , r e l a t o r e Pr o f . A . Z a c c h i , c o n l a b o r a t o r i o p e r l ’ e s e c u z i o n e d i u n a f f r e s c o p r e s s o i l L i c e o a r t i s t i c o “ S e r p i e r i”

d i V i s e r b a . 1 5 Sulla centra li tà del senti mento d ello «st up ore» e d ella « mer a viglia » nell’esper i enza este-

ti ca dei b ambi ni si veda no le a na li si di M. Da lla ri , C. Fr a ncucci , L’esperien za peda g o g ica del -

cit

1

2 8

s t e m a h a a c h e f a re c o n c a p a c i t à p i ù c o m p l e s s e – i n d i v i d u a re a n a l o g i e e d i f - ferenze, mettere in relazione secondo sistemi di cause-effetti, circoscrivendo gli

u n i e g l i a l t r i , c o s t r u i re re t i d i s i g n i f i c a t o f r a i l p re s e n t e d e l l’ o p e r a , i l s u o p a s - s a t o e i l s u o f u t u ro – c h e i m p l i c a n o r i f l e s s i o n e , p a z i e n z a , s f o r zo e l e n t e z z a . So n o a b i l i t à c h e l a s o c i e t à a t t u a l e t e n d e a s va l u t a re e a c o m p r i m e re , e c h e l a s c u o l a r i c h i e d e s p e s s o i n m o d o f i n a l i z z a t o a s e s t e s s o e , d i c o n s e g u e n z a , p r i vo d i s e n s o. L a t e n d e n z a a d u n a t t e g g i a m e n t o b l a s é n e i c o n f ro n t i d e l l a c o n o s c e n z a – a nt i c i p a t o d a Ge or g Si m m el e t em a t i zza t o d a Ba ud el a i re n ello s g ua rd o m e- tropolitano del flâneur – si è oggi generalizzata e cronicizzata in una sostanziale rinunci a a ind iv idua re le d ifferenze, con l’ effetto d i un di sim pegno nei con- fronti del tutto, che pare galleggiare intorno con lo stesso peso specifico. Guar- d a n d o a i g i ova n i , t rov i a m o p o c h i « a t t o r i p ro t a g o n i s t i » m e n t re p i ù s p e s s o s i incont r a no « spet ta t or i, per a ltro sp esso consa pevoli di essere t a li », cala t i in una d im ensi one quot id ia na in cui « im plodono e si comp enet ra no pa ssat o e pre- sent e» i n mod o d el t ut to i ndi fferenzia to 1 6 . L a s t o r i a , c h e D e Se t a e a l t r i c o n l u i h a n n o g i u s t a m e n t e e p i ù v o l t e i n d i - v i d u a t o c o m e n e s s o p o r t a n t e d e l l a d i s c i p l i n a s t o r i c o - a r t i s t i c a 1 7 , s i è i n v o l u - t a i n u n a s i t u a z i o n e a t t i m a l e : q u a s i n e s s u n o d e g l i s t u d e n t i – a p a r t e q u a l c h e r a g a z z o d i o r i g i n e s t r a n i e r a – h a l a m i n i m a i d e a d e g l i a v v e n i m e n t i c o n t e m - p o r a n e i c h e i n g e n e r a l e v e n g o n o p o s t i s o t t o a i r i f l e t t o r i m a s s - m e d i a t i c i « s o - l o p e r p o c h i m i n u t i » 1 8 , s e n z a u n p r i m a e u n d o p o , a p p i a t t i t i i n u n s o l o p u n - t o p r i v o d i s i g n i f i c a t o. L a s o c i e t à c o n t e m p o r a n e a t e n d e a d e s a l t a r e l’ a t t i m o ,

a c u i s e g u e c o s ì v e l o c e m e n t e i l s e c o n d o s u c c e s s i v o d a m i n a c c i a r e a n c h e i l

“q u i e o r a” 1 9 . C o m e s e n o n b a s t a s s e , l a n u ova s o c i e t à d e l l’ i n f o r m a z i o n e s i b a s a s u u n a

quanti tà esorbit a nte d i segni - infor ma zioni di strib uiti a velocità crescente, at -

1 6 Molt o i nteressanti sono le osser va zioni sulle ca ra t teri st iche d elle nuove gener a zi oni d i P. Lalli, di N. Baiesi, A. Grattarola, E. Guerra, condotte lungo il corso di una ricerca sul rappor to fr a i gi ovani ( il ca mp ione er a di r a ga zzi e r aga zze fra i 1 6 e 2 2 a nni di Bologna , Roma e Mila -

no) e la memor ia d ella Resi st enza: P. La lli , I m o ndi co n tigu i del le comun ica z ioni qu o tidiane. I giova n i: seg reg a ti o integ ra ti? , in N . Ba i esi , E. Guer ra ( a cur a di ) , Inter preti del lo ro tem po. R a- gaz z e e ra g az z i tra scen a qu o tidia n a e ra ppresenta zion e del la stor ia , CLU EB, Bologna 1 99 7 , p p.

13 - 43 ; N. Ba i esi , A . Gra tt a rola , E. Guer r a , Il teatro dell a storia : da l la rappresentaz io ne so g g etti-

va a l l e do ma n de per u n in seg na m en to po ssibil e, ibid . , pp. 8 7 - 13 0 .

1 7 C. De Seta ar gomenta in modo esa ur i ent e il collega m ent o d irett o fr a la stor ia e la sto- ria dell’ar te, riprendendo una convinzione già espressa da G. C. Argan: si veda C. De Seta, Per-

ch é insegn are l a sto r ia dell’a r te

1 8 Si tra t ta d i consid er a zi oni di M . Kunder a , d i T. Hy lla nd Er i ksen e di E. Ta rkow ska , r i-

prese da Z. Bauman, Vite di cor sa … cit . , pp. 1 0 , 23 , 2 4 .

.] occor re oper a re a l moment o

dov uto una cer ta scelt a : la p unt ua li tà d el kairo s – i l t em po dell’occasione – sem b r a cont r a p - porsi a lla linea rit à cumula ti va d el ch ro n o s» : P. La lli, I m o ndi co n tig u i del l e co m u nica zin i qu oti-

cit . , p p. 52 - 6 5 .

1 9 « Gli event i segna la no un’ incer te zza ri spet t o a lla qua le [

1

2 9

ti a t r asfor ma rsi i n una sor t a d i br usio d i fondo ind i sti nto in cui r i sult a di ffi -

ci le creare raccont i, ord ina m ent i, sequenze di sv i lupp o. Come già a veva com -

preso Freud , alla ma ssiccia e i nvasi va p resenza d i st im oli ogni or ga ni smo v i -

vent e rispond e con la sele zione e l’elimi na zione degli eccessi, in modo d a re- gola re la p rop ria d ifesa . Sp o d e s t a t i q u a s i d a l p r e s e n t e , c o n d a n n a t i a d u n p e n s i e r o b r e v e i n u n a rea lt à iper infor m a ti va , pr i vati dei collegamenti significa tiv i col pa ssat o e mes-

si nell’i mpossib i lit à d i progetta re i l fut uro che – se progett a to – p otreb b e ip o-

tecare il presente, i giova ni vengono sollecita t i cont inua mente e d a p iù pa r ti a una “cultur a p resenti st a” che premia solo consumo, velocità , effi cacia . Ma a

pa r t e quest’ ulti m a , a scuola si chiede ai r a gazzi l’ esa tt o contra r i o. Se for se è un b ene per i l mondo scolastico r ap presenta re un mod ello d iffe- rent e r ispett o a quello socia le, è vero comunque che la scuola paga la sua ina t - tualità rispetto all’orientamento generale. Nelle aule si richiedono ai ragazzi co- noscenze, a bilit à , ca r a tt eri sti che d i m etod o, spesso va li de solo a ll’ int erno del

p rop ri o sistema . Ma se ciò non d ivent a cont em por a nea m ente a nche si gnifi -

ca t ivo – ovvero ca pa ce d i ent ra re a fa r p a r te dell’ i denti tà dei r aga zzi e di d a re senso alla loro rela zi one col e nel mondo – tut t o r i schi a di tr asform a rsi i n p il- lole di sap ere da sca rica re, ap pena por t a ti a ter m ine uso e funzione. L’ app ren-

d i mento non è il fr ut to d irett o e gar a nti to d i un’ a zione d i i nsegna m ento, che

r isulta efficace solo qua ndo si a vvale di esperi enze p reced ent i, sp esso del t utt o sponta nee e non scola r i 2 0 .

Alla stessa stregua, il processo di presentificazione e la difficoltà di vivere in

ra p por t o col p a ssa to rendono fr a gi li non solo l’op er a d’a r te come d ocumento

e i l suo inser iment o i n una rete sistem ica d i sap er i e d i si gni fica ti , ma vanifi -

ca no l’ob i et ti vo d ella consa pevole zza del p a t r i m oni o e dell’ a t t i v i t à di t ut ela . Superata la necessit à di cost r uire l’ id enti tà nazionale fr a Ot to e pr i mo Nove- cento – un processo che a veva d a to le b a si p er lo st udio della stor i a dell’ ar te e la creazi one della pr im a legge d i t ut ela d el p a tr im oni o – , oggi si è esa ur i t a a n- che la spinta i deale d ei m ov i menti poli ti ci degli a nni ’ 7 0 che aveva no p or ta to allo studio d ella st or i a e della st or i a d ell’ a r te com e element i significati v i per l’a nali si del p resent e e il collega m ento fr a ci t ta di na nza at t i va e resp onsa b ilit à condi v isa p er la t ut ela d ei b eni cultur ali d el t er r i torio. A scuola , oggi non b a sta elenca re i sit i U N ESCO della prop ria ci tt à e ri - ba di re la necessit à d i salva gua rda re i b eni a r tist ici da l d egr a do. Il p assa to così

com e il senso d ella perdi ta 2 1 a cquistano senso e si legano a lla colletti v i tà solo

2 0 L. Genovese, In segna re e a ppren dere. Temi e pro b lem i di didattica

ci t., p. 2 4.

2 1 Pe r l a p e rd i t a c o m e c a u s a s c a t e n a n t e – a p o s t e r i o r i – d i u n s e n s o d e l p a t r i m o n i o e d e l - l a c o n s a p e vo l e z z a d e l b e n e s t o r i c o a r t i s t i c o c o l l e g a b i l i a l l’ i d e n t i t à n a z i o n a l e , s i ve d a l’ i n t e r - ve n t o d i E . Fr a n c h i i n re l a z i o n e a l s i g n i f i c a t o s i m b o l i c o c h e a s s u n s e i l c ro l l o d e l c a m p a n i l e

1

3 0

qua ndo gli event i v i ssut i vengono ela b or a t i nella m em ori a e d iventa no nar r a - zi one, che a sua volt a si tra sform a in tr a d izi one e i d ent ità 2 2 : parole che acqui - sta no signifi ca t o solo se nascono e crescono a ll’ i nter no d i un processo di for - mazione dell’i d ent ità , che – pr i ma d i essere collett iva – è sem pre e solo indi - v i dua le. Per tutela re occorre possed ere consa p evole zza d el p a ssa to, dei suoi le- ga m i profondi col presente e con l’ id ent ità d i ognuno: una r ichiesta i ncom - prensibile per chi – come i ragazzi – vive schiacciato nel presente e soffre di una sor ta d i « d est r uttur a zione t em por a le» 2 3 .

Erede degli effett i positi vi del passa to ma messa in di ffi coltà dalle ca ra tt e- ristiche del presente, alla didattica contemporanea rimangono solo alcune stra- de percorribili, che passano attraverso l’identità e la centralità degli studenti nel processo form a tivo 2 4 . Ma rco Da llar i ha usa to l’ espressi one di “st up ore” – « ci ò che colpi sce, che provoca un’oscillazione degli stati d’animo, un’alterazione dell’equilibrio emo- ti vo» – p er d efini re l’ em ozione che lega un soggett o all’ op er a d’ a r te. Id ent ifi - cat a come element o ba se d i una p ossibile esperienza esteti ca a lla por tata dei ba mb ini , quest a emozi one – colla uda ta sopra t tutto nei la borat ori – è ben lon- tana d all’a pprocci o a ll’ opera , p iù str ut tura to e r affina to, d egli adulti . A scuo- la v i nce questo tipo d i percor so a dulto, nel quale per ò lo stupore « v i ene spes- so na scosto, censur a t o e nega to da lle sp iega zi oni, d a ll’ inquad r amento del fe- nomeni co all’i nt er no d ei r a ppor ti ca usa -effetto» 2 5 . Ep pure, le p ra ti che la b ora toria li , i l coi nvolgim ento p r a t i co d ei r a ga zzi e la s t i m o l a z i o n e d e l l e e m o z i o n i s o n o e f f i c a c i a n c h e a l l’ i n t e r n o d i u n a d i d a t t i c a i ndir i zzata a stud ent i pi ù gr andi . Il prob lem a è che se questo a pp rocci o v iene isolato da un qua dro d i r i feri mento sosta nzia lm ente stor i co, r ischi a d i rend e-

d i Ve n e z i a n e l 1 9 0 2 : E . Fr a n c h i , It a l i a , u n i n i z i o p re c o c e , c o m u n i c a z i o n e t e n u t a i l 2 2 m a g g i o 2 0 0 9 a l C o n ve g n o « Pe rc h é i n s e g n a re l a s t o r i a d e l l’ a r t e » , Fi re n ze , Pa l a z zo St ro z z i , 2 2 - 2 3 m a g - g i o 2 0 0 9 , o r g a n i z z a t o d a l l’ Is t i t u t o i t a l i a n o d i S c i e n ze u m a n e e d a l l’ Is t i t u t o f r a n c e s e d i Fi -

re n ze . Su l l o s t e s s o a r g o m e n t o m a i n re l a z i o n e a l l e r a z z i e d i b e n i a r t i s t i c i e f f e t t u a t e d a i n a p o -

l e o n i c i i n It a l i a ve d i R . Ba l z a n i , Ne l c ro g i o l o d e l p a t r i m o n i o. C o m e l e o p e re d’ a r t e c a m b i a n o s t a t u t o , i n L’ a r t e c o n t e s a n e l l’ e t à d i Na p o l e o n e , Pi o V I I e Ca n ova , Si l v a n a e d i t o r i a l e , Mi l a n o 2 0 0 9 , p. 2 6 . 2 2 Sul r ap por to fr a event o, m em or i a , na r r a zione, t ra di zione e i d ent it à si r i ma nd a a S. Le-

vi della Torre, Essere fuori luogo. Il dilemma ebraico tra diaspora e ritor no, Donzelli, Roma 1999,

p. 1 3 . 2 3 Per le r icerche sulla perce zione del t em po nei giova ni , condot te da A. Ca va lli nel 1 98 5 ,

si ved a N. Ba i esi , A. Gr a t ta rola, E. Guerr a , Il teatro dell a sto ria

2 4 Consid erat a la di fficolt à d ei gi ovani nel r a pp or t o col p a ssa to, con la st or i a e con le p re-

ced ent i gener azi oni, è im por ta nte consider a re a lcune stra t egi e did a tt iche sugger it e d a ll’ a m bi -

to stor ico e mutuab i li a quello stor ico- a r ti st ico: si ved a N . Ba iesi , A . Gr a tt a rola , E. Guer r a, Il

tea tro del la stor ia

cit., p p. 9 6 -9 7.

cit . , pp. 1 1 8 - 12 9 .

2 5 Su l la d i f f e re n za f r a l’ e s p e r i e nz a e st e t i c a d e i b a m b i ni e q u e l la d e g l i a d u l t i si ve d a n o le

1

3 1

re ir r aggiungi bili a lcuni imp or ta nti ob i et tiv i della stor i a dell’a r te, che – a di f- ferenza d ella di da t tica r i volta a i b a mb i ni – non è solo esper i enza esteti ca, né solo creati vit à . Com e r i solvere questo d iva r io?

Occorre r ipa r t ire da a lcune r iflessi oni lega te a l processo d i conoscenza, i n- tesa com e m essa a r i schio d ell’ i denti tà e d el conosciut o 2 6 . Ma rc Bloch i nsiste sulla differenza fra l’atto della comprensione/interpretazione e quello della co- noscenza , una d iver si tà che r isulta « i llumina nt e ci rca la va lenza d el senso del l a

sto r ia nell’ econom ia psichica » . Gli esser i uma ni i nfa t ti r isultano p i ù p ropensi

a c o n t ro l l a re m e n t a l m e n t e g l i e ve n t i p i u t t o s t o c h e a d a v ve n t u r a r v i s i p o i c h é l’ a zi one del comp rendere, dell’ inter pret a re, è funzionalmente protett iva . Nel da re senso e for ma – ov vero int er preta nd o – il conoscere si t r a sfor ma in un r i - conoscere; all’opp osto, si v i ve un’ a vventur a coi nvolgente qua ndo l’ a zi one d el conoscere d ivent a un processo d isor ienta nt e che int roduce nello sconosci ut o

e d isor ga ni zza ciò che gi à si sa . Per fa re un esem pi o concreto, si pensi all’ Ho u se of Ter ror di Bud a p est, un

museo stor ico che r a ccoglie la memor i a d elle d it ta t ure, nazi sta pr i ma e com u-

ni sta p oi, d el p a ese. Progett a to nel 2 0 0 2 i n colla b or azi one fr a st or i ci e a r ti sti

nella sede d i entra m b i i regim i, il museo mescola la presenza d i documenti –

v id eo, oggetti , scr itt i, regist r a zi oni a udi o – a d i nsta lla zioni mod erne che op e-

ra no sui cinque sensi per suggeri re clim a, si tuazi oni, r icostr uzi oni di a v veni -

menti del p assa to. L’ i m mersi one in un p ercor so poco conosci ut o – sopra tt ut - to quando gli avvenimenti internazionali lasciano il campo a persona ggi e sto- r i a ungheresi – si unisce così a uno sti molo emotivo d i for te im pa tt o, che ca u- sa uno spiazza m ento e un for te coi nvolgiment o d ello sp et ta tore. Queste emo-

z i o n i p re c e d o n o – m a s t i m o l a n o a n c h e – i l m o m e n t o s u c c e s s i vo d e l l’ i n t e r - pretazi one 2 7 . La soluzione dell’ a p parent e d ivar io fr a lo st upore e la necessit à d i sistem a -

ti zzare, fr a la conoscenza come messa a r ischio e l’ int er pret a zione che conso-

lida i l conosciut o, sta quind i nella p ossi b i lit à di « a fferm a re la sup er i or i tà del- l’ idea di comp rensi one su quella d i sp iegazione» 28 , in cui la comp rensione v ie- ne int esa com e un processo a t ti vo e preli m inare a lla si st ema t izzazi one dell’og- get to est et ico e a lla sua successi va i nterpret a zione.

2 6 S. Lev i della Tor re, Essere fu o r i lu o g o

cit ., pp. 6 6 -6 7.

2 7 Mi affid o a ll’esper ienza p er sona le di una vi si ta a l m useo, condott a nel 2 0 0 4. La descr i - zione dello st esso museo, le sensa zi oni e le riflessi oni che esso suscit a sono r ip or t a te a nche d a D. Serafini, Icone del molteplice. Quando i musei incontrano la diversità, in Muse e Psiche. La psi-

co l o gia a l ser vizio dell a f r uizio ne m u sea l e, a cur a di E. Genna ro, sup plemento n. 2 d i « Museo In-for m a » (noti ziar i o d el Sist ema Musea le d ella Prov incia di R a venna ) , X, 2 6 , 2 0 0 6 , pp. 3 5-

36 . Il si to del museo è < w w w. ter ror ha za . hu>.

2 8 M . Dallar i , C. Fr a ncucci , L’esper ienz a peda go g ica del l’a r te

cit . , p. 3 2.

1

3 2

Secondo questa prospettiva, le griglie entro cui si cala la storia dell’ar te con-

v i vono con lo stup ore e la scoper ta, che possono r ient r a re nelle a t ti v ità di dat -

t iche consuet e ed essere uti li a nche a l successivo sta d io interp ret a tivo 2 9 . L’ i m -

por t ante è che la p ra ssi did a ttica si colleghi sem pre all’ i denti tà indi v i dua le del

soggetto in formazione, che risponda in modo aper to alle sue domande di sen- so e r iesca a fa rne sorgere d elle a lt re. Occor re operare sui m eccani smi di im - ma gina zione, causa ndo i n questo modo una messa a r ischio del sé e uno sca r - to d a lla consuet ud ine.

Recuper a re la di mensione d ella mer a v iglia e d ell’ im ma gi nazi one nella pr a -

ti ca di dat ti ca della st ori a d ell’ a r t e sem br a una cont raddizi one a p riori: eppure

è facile trova re r isposte posit ive d a pa r te dei r a ga zzi nella v i sita di ret t a ai m o-

num ent i e ai b eni a r ti st ici della prop r ia citt à , nell’a nali si e nel raccont o della sua str at ifica zione, nel loro coinvolgi ment o di retto i n progetti per la va lor iz-

zazi one dei beni a r t ist ici e na tur a list ici del ter r i torio. Sono a t ti v ità che r isp on-

d ono ad alcuni obiett iv i st ori co- a r t isti ci ma i m pli cano anche una tr a sform a -

zi one d el sa pere in b i ogr a fia e i ncentivano nei ra ga zzi un p rocesso a utonomo

d i conoscenza. Conoscere e frequentare il cosiddetto territorio dell’imprinting – quello del

luogo in cui si è nati – risulta una via vincente per coinvolgere gli studenti, per-

ché l’ esp er i enza corr i spond e gi à ad un tr a tto del prop r io r a cconto b i ogr a fi co.

I particolari della propria città – che sono già di per sé significativi e “differenti”

d a l rest o – a c q ui sta no uno s p e sso re ul t e r iore c he p uò con d ur re i nd i et ro nel tempo, r i mba lzare a d a ltre per sone e st or i e, in modo d a a pri re una fessur a si - gnificat iva i n cui pa ssa t o e presente entr a no i n com unicazi one. Che, in si nte-

si , può significare per i r a ga zzi “vedere” per la pr i ma volt a. Q u e s t o v a r c o c o m u n i c a t i v o h a l a p o s s i b i l i t à d i e s i s t e r e a n c h e o l t re l’ e s p e -

r i e n z a d e l p r o p r i o t e r r i t o r i o e d e i s u o i b e n i : s i r e a l i z z a o g n i q u a l v o l t a l a v i t a

 

m

a t e r i a l e s i s o s t a n z i a n e l l e s p i e g a z i o n i d e l l e t e c n i c h e , d e i p r o b l e m i c o s t r u t -

t

i v i , d e l l a re a l t à e s p e r i e n z i a l e , m e t t e n d o a c o n f ro n t o e c o l l e g a n d o l a v i t a q u o -

t

i d i a n a d e l p a s s a t o e i l v i s s u t o p r e s e n t e . L a m e r a v i g l i a e n t r a i n a t t o a n c o r a ,

q u a n d o p e r m e t t e i l c o l l e g a m e n t o d e l l’ o p e r a e d e l s u o s i g n i f i c a t o – i n t e s i c o -

m e u n a c o m p l e s s i t à n o n d i v i s i b i l e f r a e s p r e s s i o n e e c o n t e n u t o – a l l a s f e r a

d

e l l a p r o p r i a i d e n t i t à , c r e a n d o u n o s c a r t o c o n o s c i t i v o c h e p r e c e d e l’ i n t e r -

p

r e t a z i o n e . No n u l t i m a , s i s o t t o l i n e a n o l’ i m p o r t a n z a e i l f a s c i n o d e l l a n a r r a z i o n e c h e

p

u ò r i s p e t t a re l’ a p p u n t a m e n t o c o n l a m e t o d o l o g i a , c re a n d o u n g r a d o d i a v -

v

i c i n a b i l i t à f r a l’ o g g e t t o d i s t u d i o e l a p ro p r i a e s p e r i e n z a p e r s o n a l e . Mu t u a -

b

i l i d a l l a d i d a t t i c a d e l l a s t o r i a s o n o a d e s e m p i o i l a b o r a t o r i i n c e n t r a t i s u f i n -

t

e n a r r a z i o n i “a u t o b io g r a f i c h e” , i n ve n t a t e d a i r a g a zz i e d a l l e r a ga z ze , c h e re i n -

t

e r p re t a n o – i n m o d o p l a u s i b i l e m a c i rc o s c r i t t o – g l i a t t o r i d i u n d e t e r m i n a -

2 9 M . Dallar i , C. Francucci , L’esper ienz a peda go g ica dell’a r te

cit . , p. 8 4 .

1

3 3

t o m o m e n t o s t o r i c o. I l l a b o r a t o r i o , c o n d o t t o i n q u e s t o m o d o , p e r m e t t e a l d o c e n t e d i c o n t ro l l a re l a c o n o s c e n z a c h e g l i s t u d e n t i h a n n o d i q u e l c o n t e s t o , d e i p re s u p p o s t i , d e i n e s s i c a u s a l i e d e g l i e f f e t t i , m a a l l o s t e s s o t e m p o m e t t e i n g r a d o l o s t u d e nt e d i p e r s o n a l i z za re e a v v i c i na re a s é l’ e sp e r i e n z a – a l t r ui e l on - t a n a – , g r a z i e a u n p ro c e s s o d i r i a t t u a l i z z a z i o n e 3 0 . Pa s sa n d o a l la d i s ci p li n a s t or i c o- a r ti s t i ca s i p os s on o i p o t i z za re p e rc o r si si - milari: la complessa cultura emblematica del Quattrocento ad esempio, o le ca- ra tt er istiche sim b oliche della r i tra ttistica di Pisa nello, possono essere comp re- se a nche tr am ite la crea zi one d i un prop r io em b lem a , cost r uit o sulla falsa r iga d egli esemp i p rop ost i. Si tra tt a cer t a ment e d i una sem plifica zione ma il p ia - cevole processo della crea zione e il legame a lla prop r ia identità consentono ai ra ga zzi di imp ossessar si pi ù facilmente d ei sofisti ca t i meccani sm i e signi fi ca t i che sottosta nno ad un’im ma gine antica . Il rischio da tenere in conto nella pratica di laboratori di questo genere – sia nel caso della storia che della storia dell’ar te – è quello di far scivolare gli stu- denti in un’identificazione impropria, mediante una sovrapposizione della co- scienza di oggi a quella del passato, posto in una distanza temporale oggettiva- mente incolmabile 31 . Ma la funzione del formatore è proprio quella di negoziare questa distanza, di aprire al presente il senso del documento o dell’opera, di agire nell’attività didattica come una sor ta di “motore ermeneutico” 32 . Gli a d olescent i d’ alt r a pa r t e, p ropr i o per loro disposizi one emotiva e cul- t ur ale, si a vventur a no p iù felicemente nel la b ir i nto d ella conoscenza qua ndo quest o può collega r si a l cuore dei loro prob lemi , che sost anzia lm ent e rigua r - d ano il p rocesso di for m a zione delle id entità . Nelle at t iv i tà educat i ve e di da t - t iche la sfera cognit iva non è l’ unica a d essere coi nvolta : i processi psi chici ed emotivi sono altrettanto impor tanti e costituiscono una par te integrante nel si- s t e m a d e l p ro c e s s o f o r m a t i vo 3 3 . Se n z a t o g l i e re n u l l a a l l’ i n t e r p re t a z i o n e , a g l i ob iettivi d i sist em a tizzazione e di ordine – che devono essere le coordi nate en- tro cui ogni d isciplina viene for m ali zzata 3 4 – un’ opzione d i r igua rd o deve es- s e re m a n t e n ut a s u l l’ a p p ro c c i o a l l a c o no s c e n z a, u n p ro c e s s o c h e c i s i a u g u r a

3 0 L’esperienza di quest i la b or ator i è d escr it ta in M. T. Sega , Ricerca stor ica del l e do n ne e di- dattica del l a sto ria , in Generaz io ni. Tra sm ission e della sto ria e tra diz io n i del l e don n e, Rosenb erg & Sellier, Tor ino 1 9 9 3, pp. 1 2 2 - 1 55 , i n pa r t icola re pp. 1 2 6- 1 27 .

3 1 Ga da m er d’a lt r a p a r t e sost iene che l’ogget ti v it à storica è un ingenuo «p resupp osto d el-

lo st or i ci smo» : ci tat o in M . Fer r ar i s, Sto r ia del l’er menuetica, Bom pia ni, Mi la no 1 9 8 8 , p. 26 1 .

3

3

3

2 M . Dallar i , C. Fr a ncucci , L’esper ienz a peda go g ica del l’a r te

3 L. Genovese, In segna re e a ppren dere

4 L. Genovese, Inseg nare e a pprendere

cit . , p. 3 4.

cit . , p. 2 8.

cit . , p p. 2 7 - 2 8: la r a ccoma nda zi one che prov i ene

d a l l’ a m b i t o p e d a g o g i c o è q u e l l a d i n o n t r a d i re , n é b a n a l i z z a re i l s a p e re s c i e n t i f i c o n e l m o - m ent o della tr a sp osi zione d i da t ti ca; a l contr a r i o, è necessa r i a « un’ a t tent a vigi la nza epi st em o-

logica, cioè [ un costante e puntuale monitoraggio della sostanziale corrispondenza tra quan-

to si p rop one in a m b it o d id a tt i co r i spet to a quella che è la form alizza zi one in sede sci ent ifica ,

]

1

3 4

av venga pr i ma d ella comp rensione e che possa agganciar si stretta mente a i bi - sogni, a i desideri, al v i ssut o degli studenti.

3 . Prospettiva di g enere e dida ttica

Una di da t ti ca che t enga cont o d ella d ifferenza d i genere e d elle d i fferenze in gener ale – com prese quelle d i r azza , etni a, reli gi one, e così v i a – r i sponde pienamente a queste necessità pedagogiche e di interazione col processo di for- mazione d elle ident it à che a v v i ene a scuola . S g o m b r a nd o a l c u n i p re g i u d i z i i n c a m p o , va d e t t o c h e c h i s i f a c a r i c o d i uno sguard o d i genere nella dida tt ica – tenendo i n cont o questa pr i m a d iffe- renza , d a cui d iscendono tutt e le a ltre – non si r i volge mai e solo a lle r agazze, né necessa ria m ent e d eve essere un’ insegnant e donna . Inoltre, questa p rospet - t iva non ha com e fi ne l’a t t o “r ip ara tor i o” di recuper are la presenza nella st or i a d ell’a r t e d elle d onne ar ti ste, né p riva la d iscip lina delle propr i e b asi epi stemo- logiche.

Il concetto di gender, nato circa alla metà degli anni ’70, ha avuto un’intensa elab or a zione int erna al pensiero femm ini sta , che ha contr ib uito a concent r a - re l’ attenzi one sulle pressioni sociali eserci ta t e i n p ar ticola re sul genere fem - mini le, i n modo d a defi nir ne modalità e cause così come gli effet ti socia li sul- la vita d elle donne. Ba sa ti sull’ analisi delle costr uzioni soci a li delle car a tter i - st iche bi ologiche ( sesso) , gli studi di genere si sono or i enta ti a ll’i nd iv i dua zio- n e d e l l e d i f f e re n ze – a p p a re n t e m e n t e n a t u r a l i – f r a d o n n e e u o m i n i e d e l l e evoluzi oni che esse ha nno sub it o nel temp o e nello spa zi o 3 5 . Sempre alla ricerca femminista si devono le successive elaborazioni del con- cett o che – sulla spi nta d el p ensi ero d i num erose intellettua li a froasi ati che – hanno problemati zzato la cat egoria, messa a confronto con quelle di razza e di cla sse sociale 3 6 . Il successo di questi studi ha determinato un loro allar ga men- to all’ a mb it o st ori co, psi cologico e soci ologi co, fa vorend o r i cerche ult eri or i e

3 5 Per un’ a na li si a gile di questi studi e delle t em a ti che a d essi collega ti si r im anda a E. Ru-

spi ni, L e identità di g en ere, Ca rocci , Roma 2 00 3. Si ved a inoltre i l testo pi ù cor poso di S. Pi c-

cone St ella , C. Sa ra ceno ( a cur a d i) , Genere. La co str u zion e socia le del f em m in il e e del maschile,

Il Muli no, Bologna 19 9 6 . 36 D. Barazzetti, A confronto con il genere, in C. Leccardi (a cura di), Tra i generi, Guerini Stu-

dio, Milano 2002, pp. 17-28: l’autrice restituisce con chiarezza le differenze del significato del-

le parole gender-genre-sex nei paesi anglosassoni e il significato prevalente in ambito italiano, ri-

costr uendo con sintesi il dibattito che si è aper to nell’ambito femminista internazionale nei confronti della categoria di genere dalla metà degli anni ’70 fino ad oggi. Per uno sguardo sul-

le ulteriori riflessioni che propongono un superamento di questa categoria si veda l’inter vento

1

3 5

la costituzione negli a nni ’ 80 d ei p rim i Wo men’s Stu dies e Gen der’s Stu dies in amb i to univer si tar i o. Successivamente sono sor ti nelle uni versit à i cosi dd etti Men’s Studies, ind ir izzat i a d a pprofond ire la specificit à del genere maschi le al- la luce d elle stesse pressioni socia li e p a tr i a rcali 3 7 .

L’ a cceso d ib a t tit o che si è a p er to sul significato d ella di fferenza sessua le e della d ifferenza d i genere por t a chia r i re che – nel p resent e cont est o – la pro- spettiva che tenia mo i n consider a zione fa r i fer im ento a una d istinzi one b iolo-

gi

ca fra ma schi e fem mi ne, non separ a ta d a ll’ i nsi em e delle ca r a t ter isti che so-

ci

o-cult ur a li che a ssegna no convenzi ona lmente a uom ini e donne com por t a -

menti e stili , r iconosciuti propri di ci ascun gr up po. In re l a z i o n e a l l’ a t t i v i t à d i d a t t i c a 3 8 , o c c o r re s o t t o l i n e a re a l c u n i t e m i s o l l e - v a t i d a g l i s t u d i d i g e n e re , f a c e n d o a l c u n e p re m e s s e . L a p r i m a è c h e l a p r o -

s p e t t i v a d i g e n e re n o n r i g u a rd a s o l o l e d o n n e m a c o i n v o l g e e n t r a m b i i s e s s i

e la loro rela zi one . L’ i d e a d i re ci p roci t à è i nf a t t i i m p li ci t a i n un s i st em a d i d i a-

l e t t i c a c o s t a n t e f r a l e c o m p o n e n t i d i g e n e re 3 9 : n o n e s i s t e u n a c o s t r u z i o n e s o - c i a l e c h e s i r i f e r i s c a a d u n s e s s o s e n z a d e t e r m i n a re i l s u o o p p o s t o e s e n z a m e t -

t e r s i i n re l a z i o n e c o n l’ a l t r o. Pe r q u a n t o i l g e n e re – p i ù c h e u n’ o p p o s i z i o n e

b

i n a r i a – p o s s a e s s e re c o n s i d e r a t o u n a s o r t a d i c o n t i n u u m a i c u i e s t re m i s o -

n

o i l “m a s c h i l e” e i l “f e m m i n i l e” , e n o n o s t a n t e l a g e n e t i c a a b b i a i n d i v i d u a t o

b

e n p i ù d i d u e s e s s i 4 0 , è s e m p re p o s s i b i l e r i l e v a re l e c a u s e s t o r i c h e e c u l t u r a -

3 7 Im por tant e è sott oli nea re che i Men’s Studies, na ti i n area a nglosa ssone negli anni Set -

t a n t a , h a n n o a v u t o u n a ve r a d i f f u s i o n e s o l o d u r a n t e l’ u l t i m o d e c e n n i o d e l ’ 9 0 0 . Su l l’ a r g o - mento si veda: V.J. Seidler, Riscoprire la mascolinità. Sessualità, ragione, linguaggio, Editori Riu-

nit i, Rom a 1 9 92 ; C. Vedova t i, Il silenz io e l a paro l a. Picco lo viag gio intor n o a i Men’s Stu dies tra

Ita l ia e Stati Un iti, in L e paro le del l e pa r i o ppo r tun ità, sup plem ent o d i «Ad ult it à » , 2, Guer i ni ,

Mi lano 19 9 9 ; S. Bella ssa i , M . Ma la testa ( a cura di ), Gen ere e masco linità . Un o sgua rdo sto r ico ,

Bulzoni, Roma 2 0 0 0 ; S. Bella ssa i, Il ma sch ile, l’in visib ile pa r zialità , in E. Por zio Ser ra va lle ( a

cur

a d i), Sa peri e l iber tà. Ma schile e f em min il e n ei lib ri, nell a scu o la e n el la vita . II , A IE, Mila -

no

2 0 0 1 , pp. 17 - 3 6 ; A. A r r u ( a cur a di) , La costr uzion e dell’iden tità ma sch il e nel l’età m o der n a

e c o n t e m p o ra n e a , Bi b l i n k , Ro m a 2 0 0 1 ; S . Be l l a s s a i , L a m a s c o l i n i t à c o n t e m p o ra n e a , C a ro c c i ,

Rom a 2 0 0 4 ; E. Dell’A gnese, E. Ruspi ni ( a cur a di), Masco l inità a l l’ita l ia na. Co str uz io ni, n a r - raz io n i, m u tam en ti, Ut et , Tor i no 2 00 7 .

3 8 Essend o or m a i numerosi a nche i n It a li a gli i nter vent i che t r a tt a no della di d a tt i ca d a l punto di v ist a della d ifferenza di genere, si r i ma nd a ad una b reve sele zi one di testi : M. Cr u- do, Penelope è par tita. Un itinerario didattico sulla differenza di genere, Cres, Roma 1998; L. Ca- r i ati ( a cur a di ), Per u na dida ttica del la dif ferenz a di g enere, Pensa Multi medi a edit ore, Lecce

19 9 9; E. Por zio Serrava lle ( a cura d i), Saper i e l iber tà. Ma sch il e e femm inil e n ei l ib ri, nell a scu o-

l a e nel l a vita. I , AIE, Mi la no 2 0 0 0 ; E. Por zio Ser ravalle ( a cura di ) , Saperi e lib er tà. Ma schile

e femm in il e nei l ib ri, nel la scu ol a e nell a vita. II , AIE, Mi la no 2 0 0 1 ; Co n vo ce diver sa . Peda go-

gia e dif feren z a sessua le e di gen ere, Guer i ni, Mi la no 2 0 01 ; C. Serr a ( a cur a di ) , Rosa &a z z ur ro. Genere, dif feren z a e pa r i o ppo r tu nità nell a scu o l a , Att i del convegno d i Tor i no a cur a d ell’IR -

RE, Rosenb er g & Selli er, Tori no 20 03 .

3 9 Si veda p er quest o E. Ruspi ni, Le identità di g enere

4 0 A .M . Aj ello, L e dif ferenz e di genere n egli studi su appren dim en to e svil u ppo , in Sa per i e li-

cit . , pp. 4 3 - 4 6 .

1

3 6

l i d e i p r o c e s s i c h e i m p o n g o n o , o g g i c o m e u n t e m p o , i r u o l i m a s c h i l i e f e m - m i n i l i . Individuando come obiettivo principale un’azione didattica che risponda al coinvolgimento delle identità indi viduali, a scuola è quind i necessaria un’ope- r a di d ecost r uzione e cont est ua li zzazione dei processi stor i ci e soci ali che han- no determi na to il dua lism o opp osit ivo fra m aschile e femm inile 4 1 . L’ a ssenza stori ca d elle donne da lla scena pub b li ca, la loro sub ord i na zione e rela t iv i zza - zione di r uolo in termini si mb olici e rea li , e la creazi one di un si stema sim b o- l i c o c os t e l l a re d i r i f er i m e n t o 4 2 ( d o n n a - n a t u r a , u om o- cu l t ur a ; d o n n a - i s t i n t o , uom o-r agione, etc.) ha nno per m eato nei secoli la stor ia della cultura , il li n- guaggi o, l’ im m a gi na ri o collet tivo, t a nto qua nt o la p rod uzi one ar tisti ca. L a c ost r u zi o n e, n el t e m p o, d i un a c ul t u r a e d i u n l i ngu a gg i o a p p a re nt e - mente “neutri” – in cui i valori maschili si sono mascherati di universalità – ha av uto un p rofondo effett o non solo sulle donne ma a nche sugli uomi ni . Que- st i, d ovendo par la re a nome di tutti gli esser i um a ni, ha nno i n questo mod o occultato la propria par zialità, delegando par ti integranti della stessa vita ed in- dividualità psichica – perché considerati troppo poco “virili”, come la cura dei f i g l i – o p e r s e g u i t a n d o i m a s c h i n o n a l l i n e a t i a l c o r p o r a t i v i s m o d e l p ro p r i o genere. Molt i stud iosi ha nno t em a tizza to e a na li zza to gli effetti stor ici di que- sto processo d i “ i nv i sibilit à a se stessi” 4 3 . Se i r a g a z z i s o n o i n d o t t i p e r q u e s t e c a u s e a r i p ro d u r re d e l l e i d e n t i t à s t e - reot ipe, mutile d i pa r ti e poco consa p evoli d i sé, anche le ad olescenti sono a l- trett a nto coi nvolt e d a lle st esse p ressi oni soci ali. Le r i cerche i n ca m po d i Ca rol Gi l l i g a n 4 4 – c o n d o t t e n e g l i St a t i Un i t i , n e l l a s e c o n d a m e t à d e g l i a n n i ’ 7 0 – ha nno constat a to qua nt o le r a ga zze tenda no a resti t uire il p ropr i o m ond o i n-

ber tà. I

ter sessuati, in S. Pi ccone St ella , C. Sa r a ceno ( a cur a di) , Gen ere. L a co str u zione so cia l e del f em-

minil e e del m asch ile

4 1 L . Me l a n d r i h a s c r i t t o o t t i m e r i f l e s s i o n i s u l l’ o p p o s i z i o n e m a s c h i l e - f e m m i n i l e , i n d i v i - d u a n d o n e g l i e f f e t t i d i s c r i m i n a t o r i e g l i o b i e t t i v i e s c l u s i v i : s i v e d a n o L’ i n f a m i a o r i g i n a r i a

cit . , pp. 1 6 , 28 ; S. J. Kessler, La co str u z ion e m edica del g en ere: il ca so dei b am bin i in -

ci t., pp. 9 5 - 1 1 7.

(1 9 7 7 ) , Mani festolib r i , Roma 19 97 e Com e n a sce il so g no d’am ore, Bolla ti Bor i nghi eri, Mi la - no 20 02 . R iesce i nt eressa nt e i l fa tt o che a ncora oggi i n numerosi int er vent i i l d ua li smo ven-

ga

sp esso i nter pret a to com e r id uzi one d ella complessit à del m ond o e pr a t ica cost ante d egli es-

ser

i um ani ai fi ni d el p ot ere, t a cendo però l’ evid ent e opp osizi one a si m met r ica uom o-d onna :

così i n S. Della Tor re, Essere f u o ri l u o go

42 M. Foucault, La volontà di sapere, Feltrinelli, Milano 1978, p. 92: l’autore definisce «iste-

r i zzazione del corpo d ella donna» il processo che cost r ui sce il cor p o femm ini le com e un luo-

cit., p p. 8 4 -8 8 .

go

sat uro d i sessua li tà e na tura lment e r ip rod ut ti vo, la cui per t i nenza è lo spa zi o pr i va to, fa-

mi

liare, la non a zione. 4 3 V. J . Seid ler, R isco pr ire l a ma sco linità

cit . , p p. 4 - 1 7 ; S. Bella ssa i, Il ma sch il e, l’in visib i-

l e pa r zial ità, e l ib er tà

e sil enz io nel l a costr uz io ne dell’identità di gen ere, i n C. Leccard i ( a cura di ), Tra i g eneri

p p. 1 71 -1 9 4 . 4 4 C. Gi lligan, Co n vo ce di donn a , Felt r inelli , Mi la no 19 8 7 , pp. 5 8 - 6 1 .

cit . , p p. 1 7 - 3 6; M . S. K imm el, Ma schil ità e omo f o bia . Paura , verg o gn a

ci t. ,

1

3 7

ter no in m odo confor me a l r uolo prescr itto da l sociale. Oggi, si può ver ifi ca - re che le stesse consider azi oni va lgono a nche nella scuola i talia na, luogo “neu- tro” p er eccellenza . A dispet to d i una neutr a lità professata quoti di anam ente e

confusa con un’eccellenza d em ocr a t ica, la scuola è inseri t a i n una rea ltà a n- trop ologica e soci ale fa tt a d i di fferenze b i ologi che e cult ura li, di cor pi sessua - ti, di pressioni, stereotipi, inclusioni ed esclusioni sociali – tutti basate sulla dif- ferenza di genere – che invest ono t a nto gli st ud ent i e le studentesse, qua nto le

e

gli insegnanti 45 . Ne consegue che non si può evitare di considerare il rappor to

fr

a la soggett iv it à d i chi insegna e il suo bi sogno di tr a sm issi one del propr i o

sgua rdo, e la sogget tivi tà d i a lunni e a lunne 4 6 . Crea re p a r i oppor tunit à è un

p rocesso che invest e sia fem mine che ma schi e non va a ssolut a mente confuso col ga ra ntire un’a degua ta scolar izzazi one ad entr a m bi 4 7 .

La di da t tica quind i, che ha fra le prop r ie fi nalit à pi ù alte la for mazi one dei f u t u r i c i t t a d i n i , l’ o f f er t a d i p a r i o p p o r t u ni t à , la f a c i l i t a z i o n e d e l p ro c es s o d i cost r uzione delle i denti tà delle per sone, non si rea lizza i n un vuot o, al r ip a ro da i p rocessi socia li e stori ci . Per ottenere che i r agazzi e le r a gazze siano in gr a - do d i fare scelte responsa b i li e a ut onom e d i v it a – cent r a te sulla coscienza d el- la p rop r ia i ndiv idua lit à sessua t a e sulla consa p evole zza delle prop rie ca pa cit à

cit. , p. 2 8: «gli a llievi, inoltre, sono i nseri ti in una

realt à a nt ropologi ca e soci ale che color a quella psi cologica . Altr a var i a b ile i mp or t a nte, spesso dim ent icata o sott ova lut a ta , è costi tuit a d al sesso o genere, t er m ine quest’ ulti mo che sem p re p i ù s i u t i l i z z a p e r a l l u d e re a l f a t t o c h e l e d i f f e re n ze f r a u o m o e d o n n a n o n a t t e n g o n o s o l a - mente alla sfera b iologica, m a a nche a quella a ntrop ologica- cult ura le e sociale. Essere uom o o d onna non è condi zione indi fferent e né p er gli a llievi né p er gli i nsegna nt i »; si ved a a nche V. Ior i, El oisa o la passio ne dell a co n oscen z a . Le insegna nti e i sa peri nel l a rel az ione edu cativa , Fr a n- co Angeli , Mi lano 1 99 4, pp. 4 7- 6 9 .

cit., p. 1 2 3 : « Il p rob lema

dell’i nsegnamento della stor ia i n una p rospet t iva d i genere, p r im a a ncor a che i n ter mi ni spe- ci fi ci e met od ologi ci , va p ost o in ter mi ni di r a pp or to t r a la sogget ti vit à d ella d ocente, i l b iso- gno d i id ent ifica rsi con ci ò che i nsegna , di t r asmett ere il propr io sgua rdo, e la soggett iv it à d i a lunni e alunne» .

4 7 Sulla presunta ugua gli a nza d i r a ga zzi e r a ga zze nella scuola si veda i nolt re G. Bozzi Ta - ri zzo, B. Ma p elli , Gen er i e o rien ta m en to , in E. Por zio Ser r a va lle ( a cur a di ) Sa per i e l iber tà cit . , II, p p. 1 4 2 - 45 . Per qua nt o r i guard a la scolari zza zi one è orma i a ssod a to che in Ita li a quel- la d e l le d on ne è o r m a i nu m e r i c a m e n t e m a g g i o re , a n c he a i li ve l l i p i ù a l t i d i i s t r u z i o ne , c o n una legger a flessione solo nelle fa coltà d i ingegner ia; nonosta nte i p rofit ti scola st ici d elle don- ne sia no ov unque net t am ent e mi gli or i di quelli dei loro coet a nei , esse non riescono a ncor a a sfond a re quello che è sta t o d efini to il «t ett o d i cr ist a llo» , che le b locca a un cer t o li vello p ro- fessionale e retributivo, senza farle proseguire ulteriormente. Le cause sono state indagate a lun- go e si è comp reso che occor re la vor a re i n m odo pi ù profond o sui m ecca ni sm i d i esclusione-

autoesclusi one e sui r uoli p rescr i tt iv i d ella società . Si ved a per i d a ti d ella scola r izza zi one e la segregazi one for m a ti va S. Uliv i eri , Edu ca re a l femm inile, Edi zioni ETS, Pi sa 1 99 5 , i n pa r ti co- lare i cap. 5 e 6 ; A.M . Aj ello, L e dif f eren z e di gen ere n eg li studi su a ppren dimento e svil u ppo, in

4 5 L. Genovese, Inseg n a re e apprendere

4 6 M .T. Sega , R icerca sto rica del l e don ne e dida ttica del l a sto r ia

1

3 8

e d esider i – è necessa r io mett erli i n gr ado d i r i conoscere gli stereoti pi dei d ue generi, passati e presenti, e di comprendere anche come e perché nascono 48 . La risposta che generalmente viene data nelle aule dai ragazzi e dalle ragazze, quan- do gli a rgomenti propost i vengono a ttr a ver sa ti d a questi t emi – id entità, cor - pi sessuat i, stereotipi, rela zioni – è sem pre d i for te int eresse.

In q uest a o t t i c a , la p ro s p e t t i va d i g en e re a ss u m e un a p r i o r i t à : m e t t e re a l cent ro d el processo educa t ivo il soggetto in for m azi one si gni fica consid er a re e t enere i n conto del suo genere, propr i o i n consi der azione d el fa t t o che gli an- ni a scuola sono la b a se d ello sv ilupp o della per sona li tà e del r a pp or to si gnifi - cat ivo che ogni p er sona ha col sa pere e con la realt à che la circonda 4 9 . Oltre a ci ò, conv iene p rend ere at to che questo ra ppor to non è ugua le e che maschi e f e m m i n e p o n g o n o a l p a s s a t o d o m a n d e s p e s s o d i v e r s e . C o s ì , u n i n s e g n a n t e non p uò esimer si da l testi moni a re il suo sgua rdo “situa t o” , sia che esso si at - test i sulla trad izi one, sia che ponga una dist a nza crit ica da essa e dichiari espli- cit a mente la sua vi si one “p ar zia le” 5 0 . Da ultim o, si deve tenere in conto che la di fferenza di genere precede e at - traversa tutte le altre differenze, già evidenti nella scuola italiana che sempre più accogli e st ud enti e st udentesse p rovenient i d a va r i e p ar ti del mondo. Ut ili zza - re ne ll a p r a t i ca d i d a t t ica una p ro sp et t i va d i gen ere p u ò q ui n d i t o r n a re u t i le anche p er affronta re le p rob lem a tiche e gli i nterrogat iv i sollevati d a un mon- do complesso qua le quello già in at to, m et tendo i n pr at ica un percorso p er i l r aggiungi mento di pa r i opp or t uni tà che tengano in conto d i tutte le d ifferen- ze – p rim a fr a tutt e quella di genere – come già p iù volt e sugger ito d a lla nor - ma t iva inter na zi ona le e it a lia na 5 1 .

4 8 Su l l’ i m p o r t a n z a d e l l’ a n a l i s i e c o n t e s t u a l i z z a z i o n e d e g l i s t e re o t i p i s i ve d a : C . Pa n a re o , Sto riog rafia, g enere ed in seg nam en to del l a sto ria , in Per u na dida ttica del la differenz a di g enere

ci t. , p. 6 5 ; Z . Ba uman a ffer ma che « t ut t i i bisogni di ogni societ à prend ono for ma media nte

l’

“ar t ifici o” di m odelli e pressi oni soci o-cult ur a li (

) ment re usa no le predisposizioni na t ur a -

li

come mat er ia p r ima » , in Vite di cor sa

cit . , p. 13 .

4 9 Così sost i ene M . T. Sega nella Prem essa al suo R icerca stor ica del le do nn e e dida ttica del -

l

a sto ria

cit . , p. 1 2 2 .

5 0 Cat er i na Pana reo i nsist e sulla necessit à di chia r i re il genere del soggett o che i nter roga la

st or i a e ar gom ent a come i l senso della stor ia ca mb i a par ti re da lla colloca zione del soggett o,

defi nend o quest a una lett ura « posi zi ona ta » : Sto riog raf ia, g enere ed insegna m ento del l a sto ria

ci t. , p p. 48 , 6 1- 6 3. Dello st esso a vv iso è M .T. Sega , nel sa ggio i ndica t o a lla not a precedente. 5 1 Si r icord ano b revem ent e a lcuni punti sa lienti r i gua rdo a lla nor mat iva sulle p a r i opp or -

tunit à , a com incia re d a lla quar ta Conferenza m ond ia le sulle donne delle Na zioni Uni te ( Pe- chi no 19 95 ) che ha i ndi v id ua t o var i ob iet tiv i – r igua rda nt i la scuola e la for m a zione – nella

Pi att afor ma Mettere a pu n to sistemi di istr u z ion e e di fo r mazio ne n o n discrim in a to ri, indi r izza -

ta a tutti i governi del mondo. Tali obiettivi sono stati accolti dalla legislazione italiana che, nel Piano n az io n al e per l e Pa r i Oppo r tu nità n el sistema sco l a stico ( 1 99 3 /95 ) , i ndi ca i l punt o di v i - sta di genere com e « uno degli i mp egni cultura li ed ed ucat iv i p r i ncip a li d ella scuola » . Lo stes- so impegno – congiunto ad una politica di pari oppor tunità nella cultura e nella scuola – è sta-

1

3 9

4 . L a didattica del la sto ria del l’a r te in u n a pro spettiva di g enere

Un a p p ro c c i o a l l a d i d a t t i c a d e l la st or i a d e l l’ a r t e s e co n d o un o s g u a rd o d i genere deve sgom b rare i l ca m po d a a lcuni p ossib ili fr a intendi menti . In p r i mo luogo, occorre ev i ta re l’ i nseri mento saltua r io d i quest a prospettiva nella quo- tidianità dell’azione didattica, in quanto – così applicata – risulterebbe del tut- t o i nut ile da l p unt o d i v i sta form a tivo. Solo un a llenam ento cost a nt e nel tem - po di uno sgua rd o “situa t o” p uò tr a sfroma r si in un modo i nter preta t ivo d el mondo vi si bile e della cultur a . E i n quest o, d i sicuro, i m anua li di st or i a d el- l’ar te non ai ut a no. Secondo, non si tr a tt a d i dover scegliere fr a l’or todossi a discip linare e una di datt ica sper i menta le che m et ta in cr isi le b a si ep istem ologiche della stor ia

d ell’a r te. Il punto di v ista d i genere a p re la di sci plina a lle prob lemati che più

a t t ua li c he e m e r gono n e ll’ i nse g na m en t o , i n m o d o d a m a n t e n e re u n l ega m e col pa ssat o e fr a le generazioni, sulla b ase del quale la t ra smi ssione d el sa p ere

d ivi ene sensata . Ana li zzare il pa ssa to e i ndi vi dua re le ca tegor ie dua li e i motiv i che ha nno op posto uom ini e donne – con l’ intento sva luta t ivo e l’ effett o di escludere la

p

fi

cat iva per il lega me che si crea con l’ id entità i ndiv i dua le e i l genere d i ap -

roduzione e il m ondo d i queste ulti me – è un’ oper azione che d iventa si gni -

par tenenza delle r a ga zze e d ei r agazzi: per le p r im e si tr a t ta d i una r i a ssegna -

z i o n e d i u n r u o l o e d e l l a r i c o l l o c a z i o n e d e l p ro p r i o g e n e re – e q u i n d i d e l l a

p ropria i dentit à – i n una st oria da cui si sent ono genera lmente escluse, p er -

mett end o loro di r icost r ui re una genea logia ver so il passat o e il collegam ent o

a una memoria storica femminile. Percorrendo questa strada, si realizza la pos-

si b ilità di scegli ere con p iù lib er t à com e crescere e d i venta re a dult e 5 2 .

t o r i b a d i t o p o i d a u n a Di r e t t i v a d e l C o n s i g l i o d e i Mi n i s t r i n e l 1 9 9 7 ( p u b b l i c a t a i n G . U .

2 1/5 /9 7 n. 11 6 ) , seguit a d a un p rot ocollo d i i ntesa fra i l Dip a r ti mento delle Par i Op p or t uni -

tà e il Mi ni st ero d ell’Istr uzi one, Uni ver sit à e R icerca ( M IU R) che i l 2 0 luglio 2 0 0 0 ha r i b a di -

to l’ ob i et ti vo d ella promozione di una cult ur a a tt enta a lle d ifferenze d i genere e funzi ona le al-

le scelte scolast i che. Un nuovo p rotocollo di int esa fra i l Di pa r t imento Par i Opp or tuni t à e il

MIUR è stato siglato il 18 marzo 2004 per la realizzazione congiunta di azioni di sostegno, mo- nitoraggio e valutazione degli inter venti per la promozione e lo sviluppo della cultura della dif- ferenza d i genere e d elle pa r i op por tunit à uom o- d onna : qui si ind ivi dua no a lcune pr i ori tà fr a cui i l cont r asto a gli st ereot ipi e a i p regi ud izi fondati sulla diversit à di genere e l’int egra zione

dei sist em i di i str uzi one, for m a zione e r icerca sulle tema t i che della p a r it à d i genere, con p a r - t icolare r i guard o a lla for m a zione scienti fi ca e t ecnologi ca delle donne.

ci t. , p. 12 5 : la manca nza

d ei sogget ti femm ini li nei ma nua li « nega a lle raga zze la p ossi b ili tà di a pp a r t enere, a t tr a ver so i l r i conosci mento d i p ropr i e sim ili , a lla d im ensi one storica , le pr i va d i genea logia e m em or i a

s t o r i c a f e m m i n i l e , d e l c o n f ro n t o c o n e s p e r i e n ze va r i e e d i ve r s e d a q u e l l e d e l l o ro o r i z zo n t e

m ater iale per or i ent a r si nelle scelt e fut ure» . Un semp lice esperim ento – nel 2 0 0 7, i n un lab o-

r a tor io SSIS del mi o i nsegna mento d i Di d at t iche e p rosp et ti ve d i genere nella st or i a dell’ a r te

5 2 M . T. Sega , R icerca stor ica dell e do nne e didattica dell a storia

1

4 0

Vi cever sa, quest a prospett iva d id atti ca p erm et te a i ra gazzi di r iconoscere e r i consider are i l pa ssa t o come agito a due, di i dentifica re i r uoli i mp osti all’ a l- tro e a l propri o sesso, di recup era re in loro st essi – senza vergogna o senso d i i nferiorità – quelle par ti che st or i cam ent e non vengono a ccet t a te come ca r at - ter ist iche del p rop r io genere. A nche ciò i mpli ca una maggi ore consa p evole z- za e la possib i lit à d i scegliere i l futuro. Lavor are su questi ob ietti v i r ichiede ogget t iva m ente temp o. Sono, i nfa t ti , soprattutto le discipline storiche – che rispecchiano le società precedenti, in cui la sub ordi nazi one delle d onne è un da to cost ante che inform a cont enut i e cr i - t er i – a incontr a re le maggior i d ifficoltà . A nche la st or i a d ell’ a r t e – studi ata in modo forma list ico, tr a di ziona le e non contest ua lizzato – r ischia d i t rasmett e- re p a ssiva m ent e a gli studenti un m od ello p er p et ua m ente di scr im inat or i o.

Le a ssen ze d elle d onne da lla st or i a e d a lla st or i a d ell’ a r t e sono num erose anche se contrad d ett e da un im ponente lavoro di recup ero storiogr a fico e cr i - t ico d ella loro p resenza e a tti v ità , reali zza to negli ult im i qua r a nt’a nni 5 3 . La r i - cerca , favorit a d a un recente i nteresse ver so i contest i – int esi come rete d i re- la zi oni soci ali, cultur ali e for m a tive – che producono gli ar tist i 5 4 , ha r ib alt a to la perce zione di quest a a ssenza d al ca mpo a r tist ico: le donne a r ti ste r i sult ano num erose, sopra t tutt o da ll’ Ot t ocento i n poi 5 5 . Ma il recupero non b a st a : oc- corre svolgere un’ a zione pa ra llela di d ecostr uzione d ei d iscor si e d elle nor m e della st essa storia dell’a r te 5 6 .

d el Novecent o – rende b ene l’ esclusi one delle donne d a l sap ere t ra sm esso: si è chiesto a i pre- senti di indicare al massimo tre “persone” che si erano studiate nell’intero ciclo scolastico – con- sid er and o tutt i i ca mpi del sapere – che p ot eva no essere r i leva nt i o va lere come mod ello per - sonale, senza doverne giustificare i motivi. Le 21 femmine e i 3 maschi presenti – tutti laureati – ha nno ind icat o 3 2 per sona ggi stor ici: d i questi solo 5 er ano d onne. 5 3 Il p rob lema delle font i non è ind ifferent e m a si r icord a che d a gli a nni Set t ant a in poi, pr ima i n ambit i r ist ret t i e p oi semp re pi ù a lla rga t i, è ini zia t o quel cor so d i ricerche che ha nno f o c a l i z z a t o l’ a t t e n z i o n e s u l l a p ro d u z i o n e d e l l e a r t i s t e , s i a d e l p a s s a t o c h e d e l l a c o n t e m p o r a - neit à. La b ib li ogra fi a a nche in It ali a è oggi ver a ment e molto a m pi a , sudd ivisa fra monogr a fie d e d i c a t e a d a r t i s t e – s p e s s o i n o c c a s i o n e d i m o s t re – , c o l l a n e e d i t o r i a l i s p e c i a l i z z a t e ( c o m e « L’ a l t r a m e t à d e ll’ a r t e » d e ll a c a sa e d i tr i ce Sel en e) , op e re ch e t r a t t a no i n gener a le l’ a r t e d e l le d o n n e – a c o m i n c i a re p i o n e r i s t i c o t e s t o d i L . Ve r g i n e , L’ a l t ra m e t à d e l l’ a va n g u a rd i a 1 9 1 0 - 19 40 , uscito p er la pri ma volta nel 19 8 0 e r i ed it o nel 2 0 0 5 ( Il Sa ggi a tore, Mi lano) – e in se- gui t o num erose p ub bli ca zi oni a ca r a t tere più d ivulga t ivo. 5 4 M . A . Tr a s f o r i n i h a b e n e a n a l i z z a t o q u e s t i t e m i i n a l c u n i s a g g i : Ne l s e g n o d e l l e a r t i s t e . Do n n e , p ro f e s s i o n i d’ a r t e e m o d e r n i t à , i l Mu l i n o , B o l o g n a 2 0 0 7 ; Do n n e a r t i s t e : c h e g e n e re d i pro fessio n e, i n M .A. Tr a sfori ni ( a cur a d i), Ar te e pa r te. Do n ne ar tiste f ra ma rg ini e centro , Fr a n- co Angeli , Milano 2 00 0, pp. 6 9 - 84 . 5 5 Il di zionar io di Chr i s Pett ey s, usci to nel 19 8 5 , ha r i ntr a cci ato l’a t ti vit à d i ci rca 2 1 . 00 0 a r t ist e fr a europee e sta t uni tensi na te p r i ma del 19 0 0 , in M. A. Tr asfori ni, Nel segn o del l e a r ti-

cit ., p. 2 0 . 56 L’opinione e le motivazioni di G. Pollock sulla necessità della decostr uzione sono ripor-

ste

1

4 1

I r isulta t i delle r icerche ha nno a vuto com e conseguenza quella d i mettere sott o a nalisi le font i storiogra fi che e le modali tà di censur a della m em oria del lavoro d elle ar tiste, che divent a p iù sistema tica e con effett i r ileva nt i dall’ i ni - zi o del ’9 00 . La second a const a ta zi one r igua rd a i l fat t o che comunque le a s- senze i n d et er mina ti contesti ed epoche sono un fenom eno a ncor a r ilevante, for se per ca renze oggett ive di docum ent azione m a anche per m otiv i rea li , d e- ter mi nati d a r a gioni stor i che.

Il primo passo è indagare a scuola le ragioni di questa assenza femminile, chiarendo semplicemente che il contesto e la società che hanno determinato il fenomeno appartengono al passato. Si tratta di un’informazione non scontata e non giustificabile come un semplice ritardo storico, riparabile grazie alla mo- dernità civile 57 : così come va analizzata la presenza della produzione ar tistica femminile – là dove la storiografia del passato ha fatto un’ingiusta opera di can- cellazione –, vanno sempre e chiaramente indagati i motivi della sua assenza. Il fatto che la “natura” femminile fosse considerata non adatta alle produzioni in- tellettuali e artistiche – e soprattutto allo sforzo fisico che implicavano alcune ar- ti come la scultura –, e che le rare donne artiste – comunque percepite come ec- cezioni fuori natura – siano spesso entrate nel mondo dell’arte grazie alla me- diazione di un padre o di un marito artista, sono alcune delle cause che devono essere esplicitate per sfatare alcuni luoghi comuni – ma ancora persistenti nel- l’immaginario – come l’incapacità “naturale” delle donne alla creatività 58 . A questi motiv i va nno a ggiunte le consi dera zioni r i gua rdo la loro esclusi o- ne storica da i percor si for mat iv i i n funzi one a r tistica e di docenza , la loro in- t erd izi one a t r at t are a lcuni generi a r ti stici e, a l contr a r io, la loro p resunta p re- d isp osi zione ver so a ltri – consider a ti “m i nor i” – , la reclusione negli sp azi d el pr i vat o, l’ i mp ossi bi lit à di v iaggi are o semp li cemente di percor rere a nche solo le str ad e d ella prop r i a cit t à, di frequent a re se non accom pagnat e i luoghi pub - b lici, com presi i m usei 5 9 .

cit ., p. 31 : in m od o provoca tor i o

l’ a ut r i ce ver i fi ca com e l’ a nt i sem i t ism o venga sempre i nclu so e cond a nna t o nella t r at ta zi o ne scolasti ca m ent re la st or i a d el d omi ni o pa t r ia rca le – nonost a nte la v i olenza e resist enza – ven- ga passato sotto silenzio, come una dimensione “naturale”. Sul fatto che a scuola si trattino con pi ù faci lit à alcuni a r gom ent i, M .T. Sega osser va che i r a ga zzi hanno pi ù fa cili t à a p a rla re del r azzi smo p erché l’ “alt ro” v iene percepi to com e lont a no e non costi tuisce un a tt a cco all’ ident i - t à; d ifferente la loro reazi one nel p a r la re d el r a pp or t o fra uom i ni e d onne, le cui id ent it à ven- gono cost r uit e una a confronto dell’a lt ra: si ved a dell’ autr i ce R icerca sto r ica delle do n ne e di-

da ttica del l a sto ria

5 8 Ancor a nel 1 9 9 7 P. Ci ta t i, in R itra tti di do n ne, Ri zzoli, Mi la no 1 9 9 7 , scr ive: « I r a ppor -

t i t ra i sessi e le a r t i sono mi ster iosi : p erché mai le donne, che dovreb b ero essere imp a st at e di colori, di luci, di ombre, non sanno quasi mai dipingere? Quale proibizione tiene le donne lon- t a ne d alla m usi ca? Nessuno ha ma i r isp osto a queste d om a nde».

cit., in pa r t icola re i cap. III e IV. Un’a na lisi del-

5 7 A. Cava rero, Il principio pa rità , i n Sa peri e liber tà . I

ci t. , p. 1 40 .

5 9 M. A. Trasforini, Nel seg no del l e a r tiste

1

4 2

Un a ltro p roblema d i cui t enere i n cont o r igua rda d iret t amente i contenu- ti d elle op ere d’a r te, che – ta nt o qua nt o un d ocum ento st ori co – si fanno p or - t avoci della cult ur a che le ha p rodotte, d el sist em a soci a le e dei cr iter i di valo- re cont em pora nei . For t una t a mente, r isp ett o a lla pa rola , l’ i mm a gi ne d i p er sé non può ma i essere neutr a 6 0 , m a nonost a nte la sua m a nifest a e inelud ib ile “fi - sicità rappresentativa” non rimane esente dalle disparità e dalle omissioni su cui si sono cost r uit e le soci et à . Le im ma gini va nno a llor a decostr ui te t a nt o qua n- to gli ogget ti di d iscorso p er ti nent i a lle a ltre d iscip line. Vi c e ve r s a , va c o n s i d e r a t o a n c h e c h e l e o p e re d’ a r t e e i n g e n e r a l e t u t t e l e for m e di documenta zi one v isi va p ossono a vere un’ i mpor tante funzi one resti - tuti va della stor ia d el genere femm inile, genera lm ente ta ciuta da lle fonti scr i t - te. Come pi ù volt e osser vat o in a m b ito stor i co, sareb b e ut i le una strett a col- lab ora zi one fr a le due discipline – stor i a e stor ia dell’ a r te – nelle a tti v it à di - da t tiche, sopr a t tut to p er inda gare «ciò che la stor ia scr it ta non dice» 6 1 . Il che, c om u nq u e , n o n si g ni f i c a d e l e g a re l o st u d i o d e ll a st o r i a d e l l’ a r t e a gli s t o r i c i , v isto che le im m agini possiedono un li nguaggi o che non è possib i le decod ifi - ca re e contest ualizza re senza un’a d egua t a prepar azi one e conoscenza d iscip li - nare 62 .

Tor nand o a lla quest ione d ei contenuti delle op ere d’a r te, si d iceva qua nt o i l sessim o e il r a zzi smo che ha nno infor ma to le società d el p a ssa to possano es- sere p alesi i n m olt e d elle imma gini a b i tua lment e presentate i n cla sse. L’ a b ili -

l e p o s s i b i l i t à d i m ov i m e n t o d e l l e a r t i s t e n e l l’ Ot t o c e n t o è s t a t a c o n d o t t a – c o n e s i t i l e g g e r -

m e n t e d i f f e re n t i – d a G . Po l l o c k , Mo d e r n i t à e s p a z i d e l f e m m i n i l e , i n M . A . Tr a s f o r i n i ( a c u r a

d i ) , Ar t e a p a r t e

c i t . , p p. 4 9 - 6 8 . Pe r g l i o s t a c o l i p o s t i

a l l a d o c e n z a d e l l e d o n n e i n It a l i a s i ve d a l’ a r t i c o l o d i M . Mi g n i n i , St o r i a d e l l’ a r t e a l f e m m i -

n i l e . L’ i n s e g n a m e n t o d e l l e d o n n e n e l l i c e o c l a s s i c o d u ra n t e i l f a s c i s m o , i n « R i c e rc h e d i St o r i a d e l - l’ a r t e » , 7 9 , 2 0 0 3 , p p. 6 1 - 6 6 .

cit . , pp. 1 3 5 - 3 6: « L’im -

a Pa r i g i , i n M . A . Tr a s f o r i n i ( a c u r a d i ) , Ar t e a p a r t e

c i t . , p p. 1 7 - 4 7 e d a J . Wo l f f, L’ a r t i s t a e i l f l â n e u r : Ro d i n , R i l k e e G we n Jo h n

6 0 M . T. Sega , R icerca sto rica del l e do nn e e didattica del la sto r ia

m agi ne, a d ifferenza della pa rola, non è m a i neutr a, in essa l’i denti tà sessua le è sempre vi sibi - le, di ce ci ò che sp esso il t est o omett e o cela; può d unque ra pp resent a re una fonte d’ inform a -

zi one im por tante e un elem ent o di p rob lema t izza zi one d el discor so, sop r a t tut to se a na lizza ta

i n una prosp et ti va seri a le». 6 1 C. Panareo, Sto rio gra fia , g enere ed in seg na m en to del la sto ria

cit . , p. 7 2 : fr a i var i esem-

pi

, la st ud iosa cit a l’i mp or t a nza delle i mm a gi ni per ev i ncere la p a r t ecip a zione d elle donne al-

le

sollevazioni popolari, come nel caso della rivoluzione francese o delle Cinque giornate di Mi-

la

no. Dello stesso a v viso è M . T. Sega, che r ib ad isce l’ ut ili tà d elle i mm a gi ni p er i nda ga re i l la -

voro delle donne, gener alm ent e t a ci ut o da i documenti : R icerca sto rica dell e do n ne e didattica

del l a sto r ia

6 2 Su l r i s c h i o d i u n a p p o r t o “a n c i l l a r e” d e l l a s t o r i a d e l l’ a r t e n e i c o n f r o n t i d e l l e a l t r e d i - s c i p l i n e c o m e l a s t o r i a e l a l e t t e r a t u r a , e s u l l’ i m p o s s i b i l i t à d i l e g g e r e l’ i m m a g i n e s e n z a l a n e - c e s s a r i a p r e p a r a z i o n e l i n g u i s t i c a s i v e d a l’ i n t e r v e n t o d i S . Ni c o l i n i a l l’ i n t e r n o d i q u e s t o v o - l u m e .

cit ., pp. 13 5 - 1 3 6 .

1

4 3

tà che uti lizzi a mo nello sm onta re i testi ver bali e nell’i nd ivi dua re le event ua li d iscriminazioni in essi contenut e – si p ensi ad a lcuni scr itti di Cèli ne, d i He- gel, di Ott o Wei ni nger – si b a sa su uno sguardo cri tico che i nspi egab ilm ente v i ene ab ba ndona to nel m omento i n cui si p resent a un’ op era come l’ Ol ympia d i Ma net o le od a lische d i Ingres 63 . Pur essend o la d iscr im ina zione i nequivo-

ca bi lment e sot to gli occhi , ci si li mi ta spesso a d una sp iegazione form a le ed

est et ica dell’oper a , a lla sua cont estualizza zione nel gioco d elle nov ità tecniche,

l i n gui st i c he e d es p re ss i ve, a l su o r i l i e vo a l l’ i nt e r n o d e l l e rel a z i o ni c u l t u r a l i e

ar tist iche dell’epoca . Ma cont em por aneam ente – i n m odo a cr it i co e inconsa -

pevole – si t ra smett ono nella scuola a lcuni p er i colosi st ereotip i e d iscr im ina -

z i o n i c h e s i a g g i u n g o n o a l l’ o c e a n o d e i m e s s a g g i s e s s i s t i ( e r a z z i s t i ) c h e p ro - vengono d ai m ass-m edia 6 4 . Pro p r i o s u l l a b a s e d i q u e s t e o s s e r va z i o n i , va c o n s i d e r a t a l a p o t e n z a d e l l e immagini, sicuramente maggiore di quella delle parole 65 : inutile ricordare qua-

li e quant e sia no st a te le occa sioni nella st or i a in cui si è ri corsi alle im m a gi ni

i n genera le e a lle opere d’ a r te per educare, di v ulga re un progra m m a polit ico o religioso, p er impa r ti re regole e r uoli socia li , reclami zzare un p rodott o. Molt e i mm agini – gr a zie a lle loro ca r a tter ist iche esp ressive – risulta no est rem a m en- t e p o t e n t i n e l l a l o r o p o s s i b i l i t à d i e s s e re m e m o r i z z a t e f a c i l m e n t e e d i s e d i - mentarsi così nell’immaginario , contribuendo alla diffusione dei modelli e dei cont enut i i nscr i tti. Nel ca so sp ecifico d elle im magini dei m anuali d i scuola , si

può concordare sul fatto che esse creino una specie di “canone”, una rete mne- moni ca sedimenta t a e resist ente nel temp o 6 6 . Propri o p er queste r a gi oni è d i gra nd e i mpor t anza ent r are nel mer i to dei

contenut i delle im m agini nella pr a tica didat tica , come d el rest o sa reb be au-

sp i ca b ile la p roget ta zione d i m a nua li scolasti ci molto pi ù sor vegliati d a que-

sto punto di v ista. Contestualizzare ed applicare una prospettiva comparativa diventano quin-

6 3 Per una let t ura d ell’Ol ym pia com e t est imoni a nza d egli “sca m b i” – fr a d enaro e cor p i –

che si d efini scono a gli a lb or i della m od ernit à e vengono str ut tur a ti d a i r a ppor t i d i potere fr a classi e fra i generi si rimanda alla lettura di G. Pollock, Modernità e spazi del femminile, in M.A.

Tr asfor ini ( a cur a d i) , Ar te a pa r te

6 4 Sul per i colo del p a ssa ggi o a cr i ti co dei cont enuti sessist i si soffer ma A. Cavarero, Il prin-

ci t., p. 4 5; sulla sed i m ent a zione a li vello si mb olico d i im -

m agi ni st ereot i pe del fem mi ni le si veda S. Ca bib b o, Do n ne e stor ia f ra medio evo ed età mo der -

cit ., p. 8 9 , e M. Vinella ( a cur a di ), Im m aginar io media l e e stereoti-

cipio parità, i n Sa peri e l ib er tà . I

cit ., pp. 1 7- 2 0.

n a, i n Sa peri e l ib er tà. I

pi di g en ere. Itin era ri dida ttici, Proged it , Bar i 2 00 0 .

6 5 Si sono tenut e i n cont o le consi der azioni d i L. La zot ti Font a na , Comu n ica z io n e visiva e scu o l a. A spetti psico pedag o g ici del l ingu a g g io visua l e, Angeli, Mila no 1 98 1 , pp. 2 0 - 2 1 .

6 6 Le osser va zi oni sulla sedi ment a zione d elle im ma gini nei ma nua li scola sti ci i n r a p por to

all’ indivi duo e la loro tr a sfor m azione in stereot ip i v i si v i in relazione a lla t r a di zi one edi tor iale sono a va nza t e d a M. Fer ret t i in L’u so del le im m agini nei m a nu al i sco la stici di storia dell’a r te, in

1

4 4

d i azi oni ir ri nunciab ili che m et tono i n evi denza gli a m b iti che d eter m inano i contenut i, i r uoli e i m odelli socia li 6 7 . L’ imma gine che si p ossi ed e di sé e della st or i a – e a ggiungiam o d ella stor ia dell’a r te – si condi zionano recip roca ment e e p or tano a consider are qua nto si a necessa ri o lavor a re sull’ ident ità , sopr a ttut to nella scuola 6 8 . Si a usp ica qui ndi che a p profondimenti di questo genere com paia no nei m a nuali e nei percorsi d id a tt ici p er chi a r ire qua nt o gli a sp etti soci ali e cult ura li a bb i a no influi t o sul lavoro delle ar tiste donne e sulla loro assenza – chiarendo i nessi fra produzione ar t isti ca, cont est o e aspett a tive socia li sul r uolo delle d onne – , così com e sul- la creazione e it er a zione d i stereotipi.

Sulla questione del rappor to tra femminile e storia dell’ar te, Linda Nochlin gi à nel 1 96 9 aveva ind ivid ua t o una ser ie d i temi da svi lup p are a livello di da t - t ico, prop rio p erché crocevia t ra lingua ggio a r ti st ico e proi e zi oni degli ord i ni si mb olici – cult ur ali e socia li – sot tostanti . Fr a le 1 4 i pot esi d i la voro suggeri - t e 6 9 , l’ a u t r i c e p o ne va f r a l’ a lt ro l a p rod uz i on e d e l l e d o nn e a r t i s t e , la r a p p re- sent a zione della donna - a ngelo e d onna- d iavolo nell’a r te del XIX secolo, della Sacr a Fa m iglia e d elle gioi e dom est iche intese come va lor i nell’ a r te b or ghese d el XIX secolo, le r a ffigur a zioni delle donne nella pi ttur a p rer a ffaellit a e nella letter at ur a vit tori a na ; aggiungeva inoltre temi come la p rosti tuzione, la p or - nogr afia e l’ i mma gina r i o sessua le, il nud o a tt r a ver so la stor ia con pa r ticola re r i ferim ent o all’a r te del XIX e del XX secolo e i l confronto fr a rea lt à socia li e miti ar ti sti ci. A quest i percor si , più recentem ent e Gi ovanna R a gi oni er i ha a g- gi unt o a lt re unit à di la voro, fr a cui « l’ a r te com e sp ia d ella cond izione femm i - ni le in a lcune civi ltà a nt iche ( Egit t o, Greci a, Etr ur i a, Roma ), i mod elli fem -

cit., p. 90.

6 8 M . T Sega r a cconta del p rocesso d i int er i or i zza zione d i a lcuni st ereot ip i di a ggressiv it à- eroi smo-guerr a – elem ent i chi a ve della costr uzione socia le d ell’ i d ent it à ma schile – d a p a r te d i alcuni r a ga zzi d i scuola m ed ia : cfr. M . T. Sega , R icerca stor ica del le do nn e e dida ttica del la sto ria

. ci t. , p. 1 44 . 6 9 L . No c h l i n , Re p re s e n t i n g Wo m e n , T h a m e s a n d Hu d s o n , Si n g a p o re 1 9 9 9 , p. 1 8 . Ne l

1 9 6 9 , al Vassar College vi ci no a Ne w York, Nochlin p ropose i seguenti ar gom enti di ind a gi - ne: «1. donna come angelo e diavolo nell’ar te dell’Ottocento; 2. il concetto del nudo attraverso

la st or i a con p ar ticola re enfasi sul X IX e XX secolo ( a na t om ia : un nudo d eve essere femm ini -

le? cosa si m ost r a , cosa non si m ost r a ) ; 3 . p or nografi a e im maginar i o sessua le; 4 . il signi fi ca t o

soci a le d el cost ume; 5 . rea lt à socia li e m it o ( es. donne al la voro nelle i ndust r ie e i l Mito del la na scita di Ven ere nei Sa lons) ; 6 . i mm a gi na r io femmi nile nella pub b li ci tà ; 7 . il t ema della pro- stituzione; 8. la Sacra Famiglia e le gioie della domesticità (immaginario della famiglia laica co-

67 S. Cabibbo, Donne e storia fra medioevo ed età moder na, in Saperi e liber tà. I

m

e collegamento di va lore nell’a r t e bor ghese del X IX secolo) ; 9 . la r a pp resenta zione soci a l-

m

ent e consap evole d elle donne d elle cla ssi inferi or i ( qua si sem p re nell’a r t e “ b a ssa” pi ut t ost o

ch e i n qu e ll a “a lt a” ) ; 1 0 . la m i t olo g i a fre ud i a na n ell’ a r t e m o d er na ; Pi c a s so e i l Su r rea l i s mo;

11. Matisse e l’idea di “harem” delle donne; 12. donne come ar tiste; 13. la donna vampiro nel- l’ar te e nella letteratura (in relazione a fattori sociali, psicologici ed economici); 14. donne nel-

la p i ttur a pre- ra ffaelit a e nella let ter a t ur a vit t or i a na».

1

4 5

mi nili nella Bi bb ia e nel mito, la religiosità a l fem mi nile, la com m itt enza e il

col le zi on i sm o f e m m i ni li , l a rea l t à d e l le d onn e- l e d on ne v i st e d a l l’ uom o, un

excur sus sulla m a t ernit à » 7 0 . Com e si p uò com prendere si tra tta d i t emi fra loro d iver si , che si p ossono ra ggr upp are i n a lcuni filoni più a m pi , di cui il pr im o p ropone la fi gur a della donna a t ti va e soggett o della crea zione – com e nel caso d i ar ti ste e colle zioni - st e 71 – o d i t emi i n cui le donne ha nno espresso la p rop r ia soggetti v it à creati - va, soprattutto nel contesto religioso. A questi percorsi aggiungerei anche l’ana- li si d el lavoro delle cr it iche e delle stori che dell’ a r te, così com e l’ ind agi ne dei soggetti, dei linguaggi e delle tecniche in cui le ar tiste hanno sperimentato una novit à d i sgua rdo e di esp erienza.

Un’alt r a i pot esi invece r aggr uppa t em a ti che in gr ado di fa r emergere la ste- reotipia d ella ra ppresenta zione d el femm inile, così com e si è sedi menta t a nel

cor so m aschi le della stor i a dell’ ar t e. Gi à negli a nni Settanta , John Ber ger a f-

fer m ava: « Gli uom ini gua rd a no le donne. Le donne si gua rda no m entre ven-

gono guard ate. Ci ò è det ermi na nte non solo p er la m aggior p a r te dei r ap por -

ti tra uomini e donne, ma anche nel rappor to delle donne con se stesse. La par-

te della d onna che si osser va è m aschile, la p ar te che si sente osser va ta è fem -

mi nile. Così la donna si tr a sfor ma in oggett o – e pi ù preci sam ent e i n ogget to

di v isione: i n veduta » 7 2 . La prob lem a ti zza zione d i questa tem a tica entra nel v ivo d i una ca t egor i a

d e l l a p e rc e z i o n e d i s é e d e l l’ a l t ro , t a l m e n t e p ro f o n d i d a c o s t i t u i re u n a d e l l e p iù i mpor tanti deter mina zi oni delle i dent it à dei soggett i m aschi o e femm ina.

Pe r t e m a t i z z a re q u e s t a re l a z i o n e d i s g u a rd i – s e d i m e n t a t a d a s e c o l i n e l l i n -

guaggio v isivo – si può oper a re sul confront o b i nar i o t r a la figur a fem m inile com e “oggetto” d ella r ap presenta zione e, a l cont ra r i o, come “soggetto” della c re a z i o n e . Qu e s t o m o d e l l o o p p o s i t i vo , c h e è g i à s t a t o s p e r i m e n t a t o i n a l t r i a m b i ti d i s c i p li n ar i 7 3 , t r a d ot t o nel ca m p o fi gu r at i vo p u ò esse re i n da g a t o t r a - mite i l confronto fra la r appresenta zione femm ini le op er ata d a ar t isti d i gene- r i d iver si : lo sgua rd o delle a r ti st e su se stesse e sulle a ltre figure fem mi nili ope-

ra sca r t i da quello dei colleghi , come è già st a to a na lizza t o 7 4 .

70 Le p roposte sono cont enut e i n G. Ragi oneri , Verso un a lettu ra di genere dei do cumen ti fi- gu ra tivi: pro po ste dida ttich e, i n La tel a di Penelo pe. Ar te a l f em minile, « Bollett i no Ani sa », n. 25 , gennaio- agosto, 2 0 06 , pp. 2 0- 2 9.

7 1 Sullo spazi o conqui sta t o d alle donne nel ca mp o d el colle zi oni smo si ved a M .A. Tra sfo-

r i ni, Nel segno del le a r tiste

ci t., p p. 8 2 - 86 .

7

2 J. Ber ger, Qu estion i di sgu a rdi, Il Sa ggia t ore, Mi la no 20 0 7 .

3 M . Za nca n ut ili zza quest e ca tegor i e nel ca mp o della let ter a tur a : L a Do n n a , in L ettera -

tu ra ita l iana. Le qu estio ni, Ei na ud i , Tor i no 1 9 8 6 .

cit., pp. 181-217, che con-

front a i l tema d ella m ater nit à prop osto da Ma r y Cassa t e d a a ltr i ar t ist i ; G. Pollock, Mo der n i-

7

74 Su questo tema ha lavorato L. Nochlin, Representing Women

1

4 6

Emerge poi in parallelo un’altra pista che individua i miti del femminile al- l’ int erno d i confront i i nterd iscipli nar i : oper a ndo t r a stor i a d ell’ a r t e e letter a - tura, fra immagini e storia sociale delle donne – secondo una direttrice già uti- lizzat a a nche in a mb i to lettera rio e st or ico 7 5 – si p ossono ev id enzi a re d isp ar i - tà e sim ili tudini tr a i mm a gi nar i a pp a r tenenti a ca m pi espressiv i di ver si o l’ ef- fett iva contr a dd izione fr a mi to e rea ltà.

Impor tante, come si diceva, è l’individuazione di alcuni temi for temente le- ga t i al genere e a ll’ ident ità : la r app resenta zi one del cor po – sia m a schile che fe m m i ni le – m e r i t ereb b e un a p p ro f o nd i m en t o i n qu a n t o e sp re ss ione p r i m a del genere i nca r na t o e crocevia d i signi fi ca t i cultur a li e di esclusioni sociali . Le ser ie d i ko uroi e di nudi ma schili nell’a nt ica Greci a a cqui sta senso solo se col- locata a ll’i nt erno della società coeva , p er va sa d a una conce zi one ant rop ocen- t r ica dove àn thropo s è equi va lente di soggett o m aschi o- greco- a dulto: solo nel c o n t e s t o d i u n’ i n t e r p re t a z i o n e d e l l a re l a z i o n e a m o ro s a d e f i n i t a d a l l’ o r i e n t a - m e n t o o m o e ro t i c o e d e l l a d o n na c o m e es s ere f u n zi on a l e a l la m er a r i p ro d u - zi one, si p uò com prend ere m eglio gra n p a r te della st a tua r ia classi ca 7 6 . Così, i num erosi nud i fem mi nili la cui ser ie si a vvi a – d a Ma net i n poi – qua ndo na - sce la moder nit à, ind ucono a riflettere sulla loro d estina zi one – un p ub b li co borghese e fondamentalmente maschile – e possono essere letti a testimonianza dei nuov i “sca mb i” – fra denaro e cor p i – st r utt ur ati d ai r a p p or ti d i potere tr a classi socia li e tr a generi 7 7 . A i t em i qui int rod ot ti si p ossono aggiungere anche a lt re prop ost e che en- tr ano più specifica ta m ent e nel mer ito dello sguard o delle a r ti ste: p ossono r i - sultare interessant i, ad esempio, la collocazione e le caratteris tiche dello spazio sociale da cui esse guardano e quello che “ritagliano” nel loro lavoro, poiché an- che quest e di mensioni o scelte – i nconsa pevoli o no – ha nno una stret ta con- nessione col genere. Si p ensi alla d im ensi one d om esti ca p r iv i legiat a a ll’i nter - no d el cor pu s di opere di Ber the Mor i sot e Mar y Cassa t, la cui a pp a r tenenza alla condi zione di donne bor ghesi, nella Fr a nci a di fine ’8 0 0 , d i fatt o i mp edi -

cit ., p p. 3 8 - 4 7, che confront a opere d i Ma r y Ca ssa t e d i Ber t he Mo-

ri sot con quelle d i a lt ri a r t isti coevi ; K. R icci , A scuol a co n Mar y Cassa t

7 5 M . T. Sega tr at ta nd o della fot ogr a fi a e d el confront o fr a questa e le fonti or a li la d efini -

sce « i l ri sult at o d i una m essa in scena secondo codi ci e m od i che fa nno r ifer im ent o a p recisi r it uali sociali : ra cconto e fot ogr a fia sono dunque due for me di ver se d i a ut or a p p resent azi one» ,

i n R icerca sto r ica dell e do nn e e dida ttica del l a stor ia

cit., p. 56. Per la storia del-

la sessua li tà e d elle rela zi oni a ffet t ive ed erotiche nella società greca si r ima nd a a E. Ca nta rel- la, L’am o re è u n dio. Il sesso e la po l is, Feltr inelli , Mi lano 2 0 0 7 ; Secon do n atu ra. L a b isessu a lità n el m o ndo an tico , BU R, Mila no 1 9 8 8; L’a m b ig u o mal a n no. Co n diz io ne e im m ag in e del la do n-

tà e spaz i del f emm inil e

cit. , p p. 4 1- 5 5.

cit . , p. 1 33 .

76 C. Panareo, Storiografia, genere ed insegnamento della storia

na n el l’antichità g reca e ro m a na , Edi tor i R iunit i, Rom a 1 98 1 . 7 7 G . Po l l o c k , M o d e r n i t à e s p a z i d e l f e m m i n i l e , i n M . A . Tr a s f o r i n i , A r t e a p a r t e

c i t . ,

1

4 7

va loro la liber tà dei movimenti e della conseguente scelta dei soggetti, concessa invece a i colleghi im pressioni sti 7 8 .

Pe r q u a n t o r i g u a rd a l’ u t i l i z zo d i i m m a g i n i s t e re o t i p e , t a n t o i l f e m m i n i l e c h e i l m a s c h i l e s o n o s t a t i c o i n vo l t i d a l p ro c e s s o d i d e f i n i z i o n e d i r u o l i e d a l - l a c o s t e l l a z i o n e d i c a r a t t e r i s t i c h e a d e s s i r i f e r i t i : è r i c o r re n t e n e l l e c re a z i o n i o c c i d e n t a l i d i Ot t o e p r i m o Nove c e n t o l a r a p p re s e n t a z i o n e d e l l a d o n n a a r a - b a e d e l l’ h a re m , c o n i l c o ro l l a r i o d i a t t r i b u z i o n i a s s o c i a t i ve e ro t i c h e e d e s o t i - c h e , n a t e e c re s c i u t e i n u n d e t e r m i n a t o c o n t e s t o s p a z i o - t e m p o r a l e , m a p r i ve d i q u a l s i a s i a d e re n z a a l l a ve r i t à s t o r i c a 7 9 . L a p e r s i s t e n z a d i q u e s t o i m m a g i n a - r i o h a f a t t o s ì c h e l o s t e re o t i p o d a l l e o p e re d’ a r t e s i a p a s s a t o t o u t c o u r t a l l i n - g u a g g i o c i n e m a t o g r a f i c o , c o l o n i z z a n d o g r a n p a r t e d e l l’ i m m a g i n a r i o c o l l e t t i - vo o c c i d e n t a l e . Esempi di stereotipi al maschile possono ritrovarsi nella definizione della vi- ri lità prop osta d a i testi di Ma r i net ti e nelle opere d ei futur i sti: una p arossist i - c a m e s s a i n s c e n a l e c u i r a d i c i s t o r i c h e e c u l t u r a l i – a n c o r a p i ù l o n t a n e n e l t e m p o – s on o s t a t e b r i ll an t e m ent e es am i na t e ne ll’ a m b i t o d i a lc u n e r i cerc he stor iche 80 che ne ha nno cont est ua li zza to la na scita fra l’ Europ a e gli St a ti Uni - ti , e le ca use storico- soci a li. Lim it arsi a d una d escr i zione delle nov it à espressi - ve del lingua ggio fut ur ista e collegare il fenomeno a l contesto st or i co e all’ in- t er vent ismo – sor vola nd o sul significato profondo dei r uoli maschi li p roposti

– non p uò che r a ffor za re im plicit a mente la correlazi one fr a a ggressiv it à- v io-

lenza-guerr a-eroism o e genere ma schi le. Occor re rend ere esp licito nell’ a t tiv i - tà di dat tica che non si tr at ta di costa nt i natur a li e bi ologi che m a d i p rod ot ti c u l t u r a l i d i e p o c h e p re c i s e , c h e s i s o n o s e d i m e n t a t i e a n c o r a re s i s t o n o n e l -

l’ im magina rio e nelle p r a tiche socia li.

Propri o l’a na li si d el Fut ur i smo p or t a a lla consi dera zi one d i quant o gli ste- reot ipi maschi li possa no essere i ntroietta ti a nche da lle donne, un tem a che di - mostr a come i l la voro d i m olt e a r t ist e – fa m ose al loro e nel nostro tem po –

n on p o ss a e s s e re a g g i u n t o a l p ro g r a m m a s en za l a c o n su et a o p e r a d i p rob le -

m a ti zzazione. A d im ost r a zione va lga l’esemp io d el Ma n ifesto del l a Do nn a fu -

tu r ista d i Valent ine de Sa int - Poi nt, nel qua le si p ossono r int ra cciare le mede-

ci t. p p. 38 -47 ;

K . Ri cci , A scu ol a co n Ma r y Ca ssa t, in « Qua derni di Via Doga na » , Matr ice. Pen siero dell e do n- ne e pra tich e ar tistich e, a cur a d i D. Fr a nchi, Ma ntova 2 0 04 , p p. 41 - 55 .

7 9 Fondam ent a le p er lo studi o d el fenomeno d ell’ ori ent a li sm o occid ent a le è il li b ro dello st ud i oso pa lesti nese E.W. Sa i d , Or ienta l ism o ( 1 9 78 ) , Felt ri nelli, Milano 1 9 9 9. A questo a g- giungi amo le consid er a zi oni sulla visi one che d i quest i temi ha nno gli occidenta li nel r a ccon- to aut ob i ogr afi co di Fa t im a Mer ni ssi , La ter ra z z a pro ibita, Giunt i , Fi renze 1 9 9 6.

8 0 E. A . Rotundo, Bo dy a n d So ul : Ch a nging Idea ls o f Am erica n Middl e- Class Manh o o d, i n

« Jour nal of Soci a l Hi stor y », 1 6 , 4 , 1 98 3 ; S. Bellassa i , Il masch il e, l’invisibil e pa r z ia l ità

7 8 G. Pollock, Moder n ità e spa z i del f emm inil e, in Trasfor i ni, Ar te a pa r te

cit.

1

4 8

sime caratteristiche stereotipe della virilit à proposte dai colleghi, alle quali vie- ne semplicem ente tr a sfor m ato i l segno da ma schi le i n femm i ni le 8 1 . Secondo un’alt ra diret t r i ce di introi e zione degli stereoti pi, esistono i nvece ar t ist e che hanno assunto e a ssolut izzat o le proie zioni sul femm inile p rodotte dagli uomi ni: è il ca so di Ta m a r a d e Lem pi cka , le cui op ere sono stat e infor - mat e a llo stereotip o seducente della femm e fata le, un tò po s ant i co 8 2 e r i corren- t e ne l l a s t o r i a d e ll’ a r t e . È f a c i l e c h e a n c h e o gg i l e s u e op e re – i n cu i i c o r p i f e m m i n i l i , n u d i e s e n s u a l i ve n g o n o d e s c r i t t i c o m e « i m m o r a l i » – s i a n o v i s t e come m odi di a ffer ma re « in modo di rompente la femm ini li tà , la disi ni b izio- ne, la for te consa pevole zza d i sé, for se a nche l’ a r roganza dell’ a r tista com e del suo cet o» 8 3 . Ma il sospett o è che contenga no stereotipi , che vengono uti lizza - t i s t r a t e g i c a m e n t e d a l l’ a r t i s t a p e r e s s e re a c c e t t a t a p i ù f a c i l m e n t e n e l m o n d o dell’ a r te e ma nt enere la v i sib ili tà conquista ta .

Esistono var i e stra t egie – sopr a ttut t o nel pr i mo Novecento – at tua te d a lle ar tiste per conquis tare e mantenere il proprio posto nella soci età ar tist ica, luo- go maschile per eccellenza . Numerose ha nno lavor at o nei p rim i d ecenni del ’900 sul tema del doppio, della maschera, dell’ibridazione, come Leonora Car- r ingt on, un’ ar tist a sur reali st a che – a lm eno nella p roduzione del p r im o p er i o- d o – decost r uisce il m it o d ella p ropr i a b elle zza fisica att r a ver so l’uso d i i b ri - d azioni e meta m or fosi, fino ad a rr i va re alla sua negazione. Oscur a ndo i l cor - p o ed est eti zza ndo il r isult a to di questo p rocesso, l’a r tista ott i ene la cancella - zione del proprio ingombrante corpo femminile 84 , un procedimento che sem- bra venir messo in atto per poter accedere alla dimensione intellettuale, di per- ti nenza m aschi le. Lo stesso espediente sembra sia stato attivato da altre colleghe della stessa ge- nerazione come Hannah Höch e Frida Kahlo. La prima realizza collages foto-

8 1 Va lenti ne de Sa int - Point pub b lica il Ma nifesto del l a do nna fu tur ista in r i sposta a lle a f- fer mazioni d i F. T. Ma r i nett i, i l 25 ma r zo 1 9 1 2. Il successo d elle sue p a role è rileva b i le in In- ter net – magari in a ssoci a zi one a lla fest a dell’8 mar zo – e rend e chi a ro qua nt a confusi one ci si a ancora sulla r ivend i ca zi one della “ li b er tà ” femm inile a nche d a pa r t e d elle donne. Per una lett ur a contest ua lizza t a d el Ma ni festo, in cui si r ileva l’effet ti vo di sp re zzo delle donne, si r i - m anda a L. Gi achero, Ug ua l i, n on discepol e. Ar tiste nel f utu rism o ital ia no, i n M . A. Tr a sfor i ni (a cur a di ), Don n e d’a r te. Storie e g en era z io ni, Meltemi , Roma 2 0 06 , p p. 3 9 - 5 5 .

8 2 Sulla fi gur a d elle femm e fa ta l e si ved a l’ a na lisi di a lcune opere fra Cinque e Seicento in F. Bor i n, Im m agin i di do n ne, i n Sto r ia dell e don ne. Da l R in a scim ento al l’età m oder n a, a cur a di N . Zem on Da vis e A. Fa r ge, Lat er za , Ba r i 2 0 02 , p p. 22 3 - 2 4 7.

8 3 È l’ int er p reta zi one che ri leva no a lcuni insegna nt i nel percor so di da t ti co Do nn e che di- pin g o no se stesse, i n M . Vi nella , Imm ag in a rio medial e e stero tipi di g enere. Itinera ri dida ttici cit . , p. 9 8.

8 4 La t esi di una negazione d el propr io cor p o d i d onna per poter a ccedere a lla d im ensi one i ntellet tuale e crea t iva è sostenut a d a T. Argna ti , Leo no ra Ca r ring to n . Il su r rea lism o a l fem mi- nil e, Selene ed. , Mila no 19 97 , pp. 13 - 1 4 . Si r im a nd a a questo testo a nche per un’ ana lisi p iù d et taglia t a della produzione d ell’a r t ista .

1

4 9

grafici (fig. 1) in cui la maschera è l’elemento straniante, in contrasto con il cor- po femminile, che può essere reso paradossalmente ancora più deforme grazie all’unione di più par ti, maschili e femminili 85 . Frida Kahlo invece utilizza nel- le opere raffigurazioni di maschere precolombiane (fig. 2) che coprono la figura femminile – se stessa o la sua balia –, oppure duplica direttamente la propria immagine (fig. 3). Talvolta, l’ar tista tematizza il doppio mettendo in scena il proprio corpo – negli autoritratti come nella vita reale – grazie ad un proces- so di teatralizzazione, con un effetto non dissimile dal mascheramento 86 . In sintesi, le a r ti st e – sopr a tt utt o nel pr im o Novecento – p ossono a tt ua re d iver se str a t egie per negozi a re la loro presenza sul merca to e nella d im ensi one p ub b li ca dell’ar te: a lcune cela no o m istifica no i l propr i o cor po d i donna per o t t e n e re l a d i g n i t à d e l l a vo ro i n t e l l e t t u a l e ; a l t re t e m a t i z z a n o i l d o p p i o , re n - d end o v isib ile la contra ddizi one che vivono quoti d ia na ment e fr a la loro rea le i d ent i t à e quella p ub b li ca ; alt re a ncor a – come nel ca so d i Tamar a de Lem - pi cka – ricor rono i nvece all’ i ntroi e zi one di st ereot ip i e p roie zioni m aschi li. A r i prova si può consid er a re il di spositivo cont ra r io: qua nd o le a r tist e d el- le m edesi me gener a zioni non r inuncia no a l prop ri o cor p o, che d iventa un te- ma por tante dei propri lavori magari unitamente all’indagine della propria ses- s u a l i t à , d e l l’ e r o t i s m o e d e l d e s i d e r i o , l a c o n s e g u e n z a è l’ e s t r o m i s s i o n e d a l - l’ a m b i t o a r t i s t i c o e l’ i s o l a m e n t o. L a t o r i n e s e C a ro l R a m a 8 7 , c h e o p e r a n e g l i st essi anni punt and o l’ i nt eresse prop r i o su questi tem i ( fi g. 4 ) , è un’ a r tist a che ha p agat o queste scelte e che solo negli ult im i d ecenni ha ot tenut o il d ov uto r i conosci mento p ub b li co e la notor ietà.

L’ i n s e r i m e n t o d e l l e d o n n e a r t i s t e e d e l l e t e m a t i c h e f e m m i n i l i n e l l a p r o - grammazione è quindi impor tante, ma non va mai disgiunto da un’analisi sor- vegliata. Lo st esso procedi ment o va le a nche quand o si t r att a di prod uzi oni e d i p re s e n ze i n g i u s t a m e n t e t r a l a s c i a t e d a u n a s t o r i o g r a f i a s m a c c a t a m e n t e d i p ar te 88 . Va chia ri to che l’ i nser i mento d i “meda glioni” di donne i llust ri d a a g- gi ungere al cospicuo numero dei colleghi è inutile e d a nnoso, e per va r ie r a -

85 M. Makela, P. Boswell (a cura di), The Photomontages of Hannah Höch, Walker Ar t Cen- t er, Minneapolis 1 99 6.

8 6 Per queste let ture dell’op er a di Ka hlo, in cui i l dopp io è anche segno d i una pola rizza - zione b ina r i a d ell’ id ent it à , si r i ma nd a a S. Simoni, Fr ida dei Sette Do l o r i: il co r po del l’a r tista, i n « Le car t e d el gufo. Da sa pere, sap ere. Donne in rela zione» , Universit à per la for ma zione per manente d egli a d ult i “ B. Ma r a mott i” , 3, Longo, R a venna 20 0 1 , pp. 7 1 - 8 9 ; S. Si m oni , Il so gn o d’amo re. L ea Mel a n dr i e Fr ida Ka h lo, in P. Nob i li, M. P. Pa t uelli e S. Si moni ( a cur a d i) , Le passio n i di L ea . Sto r ia di u n inco ntro ra venn a te, Longo, R a venna 2 00 6 , pp. 2 5 - 6 4 .

87 Numerose sono le monografie uscite su Carol Rama dal 1995 in poi; fra queste si segnala L. Ver gi ne ( a cur a d i) , Ca ro l R ama , Ma zzot ta , Mi la no 1 98 5 e C. Mundi ci ( a cur a di), Ca ro l R ama , Char ta, Mi la no 1 9 9 8.

8 8 C. Panareo, Sto r io g ra fia , g enere ed insegn a mento del la storia

ci t. , p. 4 9 .

1

5 0

gi oni . Deli nea re ind iscri mi na ta mente profili di a r tist e o d i tema ti che femm i -

ni li r i schia d i t r adursi in una st or ia “a ggi untiva” 89 , una sor ta d i corollar i o a lla

Stor ia scri tt a con la ma i uscola : l’ effetto che si può ottenere è di confer mare la ma r ginalit à delle esp erienze a r t ist iche delle donne, v ist e com e una sor ta di en- clave d a prot eggere. La stes sa conseg uenza si ha con un i nser i me nt o i nc id ent ale d i quest e t e- matiche, magari mai affrontate nel corso della programmazione precedente. Di

questi i nser i menti imp ropri a b b iam o t estim oni a nza in a lcuni manua li di sto- r i a d ell’ a r t e at t ua l mente i n uso nelle scuo le, che d a una p a r t e cerca no lod e- volmente di d a re una r isp osta a ll’ i nteresse nei confronti di queste tema t iche, ma dall’altra “scoprono” solo all’ultimo anno di corso – in corrispondenza del- l’ulti mo volum e d el ma nua le – l’esistenza d elle a r ti st e, spesso i nser i te in spa zi apposit i – sep a r ati a nche gr a fica mente da l cor po d el testo – , con p oche im - magini d ei loro lavori e r i dot te a una mer a elenca zi one di nom i, dat e e t itoli

di op ere. Pe r e v i t a re u n a s t o r i a d e l l’ a r t e a g g i u n t i va , n o z i o n i s t i c a e q u i n d i i n e f f i c a c e ,

è u t i l e r i c o rd a re c h e u n a p ro s p e t t i va d i g e n e re c h e a t t r a ve r s i l a s t o r i a d e l l’ a r -

t e c o n s i s t e i n u n p o s i z i o n a m e n t o c o n t i n u o , i n u n o s g u a rd o c o s t a n t e m e n t e s i t u a t o. Va d a s é – c o m e a b b i a m o v i s t o – c h e n o n s i p u ò a f f ro n t a re l a p ro d u - z i o n e d i u n a d o n n a a r t i s t a s o l o p e rc h é è u n a d o n n a , c o m e s e l’ a p p a r t e n e n z a a l g e n e re f o s s e u n a g a r a n z i a s u f f i c i e n t e a l l a s u a c o n s i d e r a z i o n e . Oc c o r re u n e s e rc i z i o i n t e r p re t a t i vo c o n t i n u o e s o r ve g l i a t o , c h e i n t e r ro g h i i l l u o g o d a c u i l’ a r t i s t a p a r l a e d e s p l o r i l e s u e s p e c i f i c i t à l i n g u i s t i c h e , t e c n i c h e e t e m a t i c h e a l l a l u c e d e l l a c o n t e m p o r a n e i t à . In q u e s t o m o d o , l a c o n t i n u i t à n e l l’ a f f ro n t a -

re q u e s t i t e m i , i l m e t o d o c o m p a r a t i vo e l a c o n t e s t u a l i z z a z i o n e , l’ e s e rc i z i o d e l -

l’ i n t e r p re t a z i o n e c r i t i c a , s o n o g l i a r g i n i c h e p o s s o n o e v i t a re l’ e l e n c o e l a n o - z i o n e .

Un’ulteriore proposta di attraversamento della disciplina è individuata nel-

la p rop ost a di t em i, li ngua ggi o tecni che che sono sta t i per la p rim a volt a i m -

messi nella stori a d ell’ a r t e occid enta le d alle d onne, o sono sta ti sem pli cem en- t e r i v ist i i n modo for t ement e i nnova ti vo e p er sona le. Alcune progett ist e d el ’ 90 0 , p ur essend o conosciute in Europa e negli Sta - t i Uni ti , sono a ncor a qua si invi sib i li i n It a li a , nonosta nt e le nov it à del loro la -

vo ro e l’ i m p o r t a n z a c h e q u e s t o h a a v u t o n e l l e r i c a d u t e s u l c o n t e m p o r a n e o.

C a t h a r i n e Be e c h e r, C h r i s t i n e Fre d e r i c k , Er n a Ma ye r, Ei l e e n Gr a y, L i n a B o

Ba rd i, ri sult ano escluse d a i m a nuali di storia dell’a r te perché sono stat e op e-

r a t i ve i n c a m p i c o m e q u e l l o d e l d e s i g n e d e l l’ u r b a n i s t i c a , t r a d i z i o n a l m e n t e consi dera ti a la t o d ella prod uzione a r t isti ca “a lt a” e d i per ti nenza ma schile, in

8 9 S. Ca b ibb o, Do n n e e sto r ia f ra medio evo ed età m o der n a, Saperi e l ib er tà . I

cit . , p. 8 5.

1

5 1

quanto legati alla scienza, alla tecnica e alla tecnologia. Quando alcune di que- s t e d o n ne h a nn o o p e r a t o n el c a m p o – m a gg i or m e nt e c o n s i d e r a t o – d ell’ a r - chitettura, l’appar tenenza al proprio genere o la collaborazione con colleghi og- gi pi ù noti sono sta t e fr a le ca use d ella loro eva nescenza st or i ca . Cha rlot te Perr ia nd 9 0 , colla b or a trice di Le Cor b usier, è stat a fr a le p rim e a espli ci tare la rela zione che esiste fr a gli oggetti e lo spa zi o in rela zione a l gene- re d ei cor pi, capovolgendo i p rincìpi d i una progetta zione solid am ente uni - ver sale e neutr a le. Nel p ensare a i destina ta r i d ei suoi progetti non si rivolge a un’entità collettiva e astratta ma tiene conto singolarmente delle persone – sia- no donne, uomini, b a m b ini – , senza t r a scur a re la relazi one che i ntercor re fr a oggett o, spazio, cor po sessua to, a zi one, d esiderio e necessit à . La stessa impor tanza va riconosciuta a Margarete Schütte-Lihotzky 91 , le cui rea lizzazioni – fra cui la fam osa Fr a nkfur t K üche, una cucina il cui modello è ancora in prod uzi one ( fi g. 5 ) – r isult arono r ivoluzionar ie a gli occhi degli stes- si contempora nei. La sua p roget tazione univa ergonom ia, calcolo dei temp i e d elle mansioni, necessi tà opera t ive e rela zionali d i chi v ive quello sp a zio e usa quell’oggett o, second o un or i zzonte teor i co che consi dera la funzionali tà ma anche le mansioni, le azioni quotidiane, l’attività di cura che si svolge, e il sog- getto (donna) che le conduce. Nei lavori di queste progettiste sono quindi individuabili alcune costanti di grande modernità, a par tire da una concretezza progettuale che considera sem- pre l’esper ienza mat eria le e una ri flessione sulla quot i di anit à . Esse progett ano consi der ando i l cor p o, le azioni e le em ozioni come ori zzont e di r i fer im ento, r ifiuta no crit ica m ent e le for mule e la t r a di zione, e uni scono la r i flessione sui temi dell’archit ett ur a a ll’ a zione poli ti ca 9 2 . In si nt esi, cont ro a d una p roget ta - zione tra d izi ona le degli sp azi ur ba ni e a bi tat iv i , e d egli oggetti – che ha sem - p re t eso a i mpor re un codi ce estetico nor mant e e si è r i volta a un desti na tar i o collettivo e “neutro” (maschile) – questo gr uppo di progettiste ha proposto un si st ema di “sp a zi a li t à p a r t ecip a t a” , che t iene cont o d i t ut ti i soggetti olt re al ma schi o a d ult o, di fa t to a nt icipa nd o un ori ent a mento d ell’ a rchit ettur a e d el

90 C. Perriand, Un art de vivre, Flammarion, Paris 1985 e della stessa autrice Une vie de créa- tion, Edi ti ons Od i le Ja cob, Par i s 1 9 9 8 ; E. Mor t eo, Ch a rlo tte Per ria nd: m o bil i come m eta fore di u n’epo ca , i n «Domus» , 6 97 , sett em b re 19 88 ; C. Benton, Charlo tte Perr ia n d. Mo der n ist Pion e-

e r , De s i g n Mu s e u m , L o n d o n 1 9 9 6 ; E . Ve d re n n e , C h a rl o t t e Pe r r i a n d , A s s o l u i n e , Ne w Yo rk

2 0 0 5 .

9 1 F. Achleit ner, Co str u ire per un m o ndo migl io re, i n L. Minoli ( a cura d i) , Da l l a cu cina a l- la città. Ma r g a rete Schü tte- Lih o tz ky, F. A ngeli, Mi lano 19 9 9 .

9 2 Devo a Pi er a Nobi li la conoscenza d i queste progett iste e le r iflessi oni sca turi te sul loro lavoro, presentate in alcune comunicazioni all’interno del corso «Storia del pensiero delle don- ne» , tenut o presso l’Uni ver si tà per la for m a zione p er m a nent e degli a dulti “ G. Bosi Ma r am ot- ti” di Ravenna : P. Nob i li , Spa z ia l ità pa r tecipa ta, in «Le ca r t e d el gufo. Da sa p ere, sapere. Don- ne i n rela zione» , cit . , pp. 4 5 - 5 7.

1

5 2

d

esi gn cont emp or a nei, indir izza t i a d una progett azione pa r teci pa ta e consa -

p

evole delle d ifferenze.

Rigua rd o a lle innova zi oni che le d onne ha nno ap p or tat o a t emi e li ngua g-

g i , s i p u ò p re n d e re i n c o n s i d e r a z i o n e u n’ a r t i s t a c o m e Fr i d a K a h l o. Di f f i c i l - mente l’ a r tista p uò essere i nser i ta i n una t r a tt a zi one del Sur rea lism o, come lei

st essa ebb e a d ire, e per qua nt o i ter mi ni di n a ïvité o d i “m essi ca ni tà” possa no

essere i riferimenti entro cui collocare formalmente il suo percorso, questi non

n

e e s a u r i s c o n o l’ i n t e r p re t a z i o n e . L e s u e o p e re p o s s i e d o n o a s p e t t i i n n ova t i v i

p

ropri o p er lo sguardo i nusua le a tt ra ver so cui gua rda a temi for t ement e colle-

ga t i a lla p rop r ia b iogr a fia e all’ i dentità sessua le. Il cor p o v i ene demi ti zza to e

p ercep it o come il lim ite rea le p er la sua finit e zza, p er lo stretto r a p por to che

esi ste fr a questo e i l genere: pa r t o, gra v id anza , a b or to e decadenza fisica sono t e m i p o c o o p e r n u l l a a f f ro n t a t i n e l l a p re c e d e n t e p ro d u z i o n e a r t i s t i c a o c c i - dentale (fig. 6), ma che vengono indagati da Kahlo tramite una sensibilità pri- va d i m ed ia zioni, secondo una messa in scena qua si cr udele p er d ett a gli e rea -

li smo. L’i nda gine, che a sseconda la t r a di ziona le d im esti che zza fem mi ni le con

la corporeità, la sua cura, i suoi riti e limiti, risulta per questo molto diversa dal- l’int erpret azione prop ost a d a gli a r t ist i uom ini 9 3 . Esper ienze com e la mat erni tà (e la p ater nità ) , la fam iglia , il pri va t o e la d o-

mesticità sono solo alcuni dei temi, centrali nella vita delle persone, in tendenza

p oco va lut ati d a lla cultur a – tra nne che nelle r a p presenta zioni uffi cia li e i n a l- cune im ma gini r iferi b ili a d et erm ina t i per iod i e contesti stor ici – second o un asse interpretativo che li ha collegati da sempre alla natura e al femminile. Non

a caso, solo d agli a nni ’ 7 0 na scono r i flessioni e op ere d’ a r te – esegui te d a ar ti -

sti di ent ra mb i i sessi , se p ure i n mod o e con ob iet ti v i d i ver si 9 4 – che t em at iz- zano i l cor p o e la d im ensione d el pr i va t o, testim oni ando i cam b ia menti d el

p unt o di v ist a socia le. La messa i n cr isi d i a lcuni r uoli e stereotip i, e un r i n- nova t o int eresse nei confront i d ell’ identit à i ndi vi duale e di genere, sono tr a -

p assati con cont inuit à da quel d ecennio fino a ll’ interessa nt e p roduzi one ar ti -

st i ca cont em por an ea , solennizza t a d a lla cult ur a uffi ci a le con la Biennale ve-

9 3 Per quel che i o sap pi a le im ma gini di un pa r t o e di un a bor t o sono prop ost e per la pr i -

ma volt a d a Fri d a Ka hlo. Queste t em a ti che e altre sono st a t e inda ga t e in S. Si moni, Frida dei

Sette Do l o r i: il co r po del l’a r tista

Kah l o

9 4 Nella gener a zi one op era nt e fra la fi ne d egli a nni ’6 0 e gli a nni ’ 7 0 si sono occupa ti del c o r p o n u m e ro s e a r t i s t e e a l t re t t a n t i a r t i s t i p rove n i e n t i d a l l a B o d y A r t , d a l l’ A r t e c o m p o r t a - mentale, d a ll’A kt i oni zmus e a ltri si ngoli, non a fferent i a nessun gr upp o o t endenza . Per ne- cessar i a sint esi r icord i a m o solo Ma r i na Ab ra m ovic e Ula y, Vit o Acconci, Gi lb er t & Geor ge, Gi na Pa ne, Her m a nn Ni tsch, Carole Schneema nn, Rudolf Schw a r zkogler, Va li e Ex por t , Jo- sep h Beuys, Kett y La Rocca , Günt er Br us, Reb ecca Hor n, Br uce Naum a n. Sulla Bod y A r t ve- d i L. Vergi ne, Bo dy Ar t e sto rie sim il i. Il co rpo co m e l ing u ag g io , Ski r a , Ginev r a - Mila no 2 0 0 0.

ci t. , p p. 7 1 - 8 9 e Id. , Il so g n o d’a m ore. L ea Mel an dri e Frida

ci t. , p p. 2 5- 6 4 .

1

5 3

ne zia na d el 19 95 – non a ca so pr im a ed izione che ha vist o un’a m pi a par teci - pazi one di a r t ist e interna zi ona li – t utta dedicata a l corp o e a ll’ identi tà 9 5 .

L’individuazione di uno sguardo femminile innovativo all’interno della sto- r i a d ell’a r te occid ent a le ci por t a d entro a lla questione se esist a o no un’a r te “al femm inile”. Sicur a m ent e è a r r i schi a to legare le car atterist i che della p roduzio- ne ar ti stica d elle a r ti ste a lla scelt a di a lcuni tem i – legat i all’ inti mo, a l d ome-

st ico, ai b a mbini, a lla ma ter ni tà – o a d alcune ca r a tt er i stiche esp ressi ve come

“d olce zza” o “mor b i de zza” del segno, uti lizzat e d a lla cr i ti ca d i ogni tem po p er

d efini re l’ ar te delle d onne.

La preferenza d ata a d a lcuni t em i – sopr att ut to p er le a r tiste a nt iche e mo- d er ne, fino a lmeno a gli a nni ’7 0 – è spesso fr utto di un insi em e d i fenomeni com plessi, collet t iv i ed ind ividuali , d i necessità sociali e r uoli, p roie zioni di sé

e a s p e t t a t i ve , q u e s t i o n i d i o r i z zo n t e e s t e t i c o e c o n t a t t i a r t i s t i c i , d i l i b e r t à d i e s p re s s i o n e e d i e s p e r i e n z a d i re t t a . L’ i m p o s s i b i l i t à a m u ove r s i c o n l i b e r t à s e non nello spa zio p r iva t o e la d isponib ilità stori ca alle a tt i v i tà tr a d izi ona lmen- te femminili, legate alle cura e alla relazione, sono fattori che hanno giocato un

gr a nd e p eso nelle scelte espressive delle ar ti ste. È com unque im por t ante con-

si dera re che esse ha nno spesso negozi a to la loro v i ta per sona le e p rofessi ona le,

rompend o ta lvolt a convenzi oni e schem i, proponendo – i nconsa p evolm ente

o no – la propr ia sogget t iv it à all’ i nter no del loro lavoro. Vi cever sa , a lcune di

quest e tem a tiche “fem mini li” sono stat e affront a te a nche da i colleghi a r ti sti, in un m odo non per for za stereoti pa t o. Risult a diffi ci le quind i affermare che

esi stano t em i espressa m ent e femm inili o che ci siano t em i di cui lo sgua rd o femm ini le sia l’ uni co d et entore d i senso o di ver ità . Forse non è un caso che su alcuni temi, storicamente privilegiati dalle don- ne, la produzione contemporanea abbia por tato dalla fine degli anni ’80 in poi ad un grande rimescolamento: ar tisti come Bill Viola hanno prodotto lavori introspettivi su avvenimenti come la nascita del figlio e il legame con la madre (fig. 7A-B); altri – come Paul McCar thy, Ma Liuming, il gr uppo misto Multi- plicity 96 – hanno posto l’attenzione sull’autobiografia, sulla diversità, sulle re- lazioni. Sono poi numerosi, sui fronti dei due generi, i lavori che hanno messo in discussione gli stereotipi di genere, sia maschili che femminili: Luigi Onta- ni e Yasumasa Morimura “femminilizzano” la propria immagine operando fra realtà, immaginario e storia dell’ar te (figg. 8-9); Cindy Sherman indaga gli ste-

9 5 Id e n t i t à e a l t e r i t à . Fi g u re d e l c o r p o 1 8 9 5 - 1 9 9 5 , c a t a l o g o d e l l a 4 6 a e d i z i o n e d e l l a Bi e n - n a l e d i Ve n e z i a , a c u r a d i J . C l a i r, Ma r s i l i o , Ve n e z i a 1 9 9 5 . A q u e s t a e d i z i o n e è s e g u i t a q u e l - l a d e l 1 9 9 9 , a c u i è s t a t a i n v i t a t a p e r l a p r i m a vo l t a u n a f o l t a r a p p re s e n t a n z a d i a r t i s t i n o n o c - c i d e n t a l i . 96 R. Rugoff, K. Stiles, G. Di Pietrantonio, Paul McCar thy, London, Phaidon 1996; E. Bat- ti ston, Ma Liu min g : per fo r ma n ces, pain tings, scul ptu res, Da mi a ni , Bologna 2 00 7 ; Mult ip licit y, Use. Uncer tain Sta tes of Eu ro pe, Skira , Mi lano 2 0 0 3.

1

5 4

reotipi del femminile o rivisita in chiave grottesca i cliché della bellezza (fig. 10); Inez van Lamsweerde mescola piccoli dettagli fisici di carattere maschile e femminile alle sue immagini patinate, con un effetto di for te straniamento; Ka- tar zyna Kozyra (figg. 12-13) esplora tramite videoregistrazioni e fotografie le reazioni di uomini e donne, adolescenti e anziani, a cui vengono posti genitali fittizi di sesso opposto 97 o destr uttura gli stereotipi femminili della storia del- l’ar te tramite l’evidenza del proprio corpo malato (fig. 11A-B). Non occorre quindi più una militanza femminista per le artiste contempo- ranee che si occupano nel proprio lavoro di stereotipi femminili, di spazi inter- detti alle donne, di percezione sociale di genere e identità. Non occorre neanche essere più donne per alcuni temi, che vengono trattati – anche se meno fre- quentemente – dagli artisti, in particolare da quelli che sperimentano su se stes- si una qualsiasi differenza: di orientamento sessuale, razza, condizione sociale, et- nia. La soggettività femminile è esplosa restituendo uno sguardo complesso, an- che su temi in cui si segnala una residua assenza da parte dei colleghi: è il caso del tema dello stupro etnico – tematizzato in riferimento alla guerra in Bosnia ini- ziata nel ’92 – su cui ha lavorato un’artista internazionale come la statunitense Jenny Holzer nella serie Lustmord (1993-96) e un’artista più giovane come Šejla Kamericé in Bosnian Girl (2003) (figg. 14A-B, 15) 98 . Solo opere di questo gene- re possono oggi essere definite femminili, non tanto per un’incapacità intelleg- gibile o sensibile dei colleghi uomini, ma – forse – per un pudore a trattare di un’esperienza insostenibile ed esplicitamente collegata alla violenza di genere.

R i gu a rd o a lla quest i one se esi st a un’a r t e i cui car a t ter i esp ressiv i p ossa no consi der ar si fem minili e, d i conseguenza, se le op ere delle donne p ossi edano ca rat terist iche cost a nti e r i leva b i li, le int er p reta zioni sono a ssai d iver se. Alcu- ne ar t iste e fem m iniste stor iche come Judy Chicago e Mi r ia m Schapi ro ha n- no r ivend ica t o negli a nni ’ 7 0 l’ esistenza d i uno sti le « i nna to» nelle d onne, b a - sa t o su un i mm a gi na r io che p r ivilegia le for m e circola ri e che esi st e fuor i d el- le i stituzioni storica mente condizionate. Su quest a i nter preta zi one non si so-

97 G. Maraniello, Luigi Ontani, MAMbo, Bologna 2009; F. Maggia, M. Venanzi, Yasumasa

Mo rimu ra , Ski r a , Mi la no 2 0 07 ; Z . Felix, M . Schwa nd er, Cin dy Sher m a n. Ph o to gra phic wo rks

1 9 7 5 -1 99 5, Schi r mer Ar t Books, Munich 1 9 9 6; M. Herm es, L a f in e dell’in n o cen z a. In ez van

L amsweerde, in « Inter vi sta », 1 2 , feb br a io- ma r zo 1 99 8, pp. 2 4 - 2 6 ; F. Cavallucci , H. Wroble w- ska, Ka tar z yn a Ko z yra , Silva na ed it or i a le, Cini sello Ba lsamo 2 0 0 4 .

9 8 Per J. Holzer si ved a E. De Cecco, G. Romano, Jenn y Hol z er, i n Co n tem po ran ee, Cost a

& Nolan, Milano 2 00 0, pp. 1 19 - 12 5; P. Ta y lor, Jen n y Ho l z er, in G. Dett erer ( a cura di), Ar t Reco l l ectio n. Ar tists’ In ter views and Sta tem en ts in the Nin eties, Dani lo Montana r i & Ex i t & Zo- na Archi ves Ed it or i , Ra venna 1 9 97 , p p. 12 5 - 1 2 9 ; D. Wa ldma n, Jenn y Ho l z er , T he Solomon R. Guggenheim Founda t ion, Ne w York 1 9 9 7 ; < w w w. j enny holzer.com> . Per S. Ka m er i éc, ve-

d i S. Si moni , M . R . Bent ini , No b order, cat a logo d ella m ost r a , MAR , R a venna 2 0 0 2 , pp. 56 ,

1

5 5

no trova te d’ a ccord o a lt re studi ose e cr i tiche d’ a r te, semp re d i area fem mi ni - st a , come Li nd a Nochli n 9 9 e Lisa Ti ckner 1 00 : second o quest’ ulti ma, l’i pot esi di for m e innat e conduce ad una d efinizi one d eter m ini st i ca dell’ id enti tà fem mi - nile, che nei secoli è sta t a una delle cause pr i nci pali di cond a nna d elle d onne alla condi zione di sub alt erni tà . Percorrendo la str a d a di un i nna ti smo esp res- si vo d i genere, si r it or nereb b e a quelle cop pie b i nar ie ( uomo-donna , r a gi one- nat ur a, etc.) che costit uiscono una d elle ba si st or i che d el pa tr ia rcat o. La stessa cr it ica è r ifer ib i le a quel li ngua ggio int erp ret a ti vo e descr it ti vo – utili zza to a nche recent em ente d alla stor iogr afi a e da lla cr i t i ca – che r i gua rd o allo sti le delle a r t iste ut ili zza pa role come “d olce zza , va porosità , morb ide zza” d i s e g n o o d i p i t t u r a . Il l i n g u a g g i o è i n f a t t i u n o d e g l i a s s i p r i n c i p a l i d i t r a - smissione del dua lism o cultura le che ha stor i cam ente legato quest e car a tteri - st i che a lla “na t ur a” d elle don ne. Un b uon cono sci t ore d’ a r t e p ot reb b e a t t ri - b uire la medesi ma aggett ivazione a numerose opere prodotte da uomi ni, così come lo sti le di d iver se op ere d i a r tiste pot reb b e essere defi nito altrett anto “v i- rile”. In sint esi, occor re di sfa r si d i quelle esp ressioni stereoti pe che non corr i - sp ondono se non i ncid ent a lmente a l la voro crea t i vo d i uomi ni e donne.

Un’ ult im a questione i mp or ta nte r igua rd a i l fa tt o che se la cr it ica e la sto- ri ogra fia ar tisti ca ha nno ut ilizza to un lingua ggi o di mi nuti vo e hanno p a ssa t o sotto silenzio il por tato di alcune novità tematiche, espressive e tecniche del la- voro delle ar tiste, si im pone una r i flessi one sui va lor i e sui crit er i che nor m a - no la cultur a 1 0 1 . La parola “storia” , prim a d ella specifica zione “d ell’a r te” , ri sult a p ossedere una rilevanza fondamentale in questa prospettiva: senza nulla togliere allo spe- ci fi co d isci pli na re, occor re por si a lcune doma nde – come già hanno fat to al- tri ambiti disciplin ari – riguardo a “chi agisce la storia” e a “chi” e “perch é” de- termina i criteri di valore. Anche nel caso della trasmissione della storia dell’arte sono stati stab i lizza t i cr it er i di a tt rib uzione d i va lore a d opere, a r tist i, gener i , li nguaggi, esper ienze, che a pp a iono cr ist a llizza t i e a ssa i d ifficili da mettere in discussione, soprattutto nella didattica in aula. Non a caso, una delle resistenze pi ù gr and i d a pa r t e d egli st ud ent i, dur a nt e le at t i v i t à di insegna m ento nella

9 9 La posizi one è d escr it ta b revemente ma senza ind a ga re i moti vi i n L. Nochli n, Repre-

sen ting Wo m en

1 0 0 La di scussi one na cque a tt orno a ll’opera di J. Chi ca go T he Dinn er Pa r ty (1 9 74 - 79 ) ( fi g.

1 6) ed è r ip or tat a i n A . Jones, Sexua l po l itics. Ju dy Ch icag o’s Din ner pa r ty in fem in ist ar t h isto - r y, Univer si ty of Ca lifor ni a Press, Los Angeles 1 9 9 6 , p. 7 2 : nell’oper a Chi ca go cit ava l’ icono- gr a fi a d ell’ Ultima Cena , a llest end o va r i t a voli, ciascuno dedi ca to a per sonaggi femm i nili mi - tologici ( la gr and e Dea ) o rea lmente esi sti t i ( V. Woolf, G. O’Keeffe). Di venuta i t i ner a nt e la

m ost r a fu vist a d a un va sto p ubb li co i nter na ziona le ma fu crit ica ta da cr iti ci conser va t or i e da a lcune fem mi nist e come Li sa Ti ckner.

cit . , p. 3 1 .

1 0 1 S. Cab i b bo, Do n ne e stor ia f ra medio evo ed età m o der na

cit . , p. 8 8 .

1

5 6

SSIS, r iguard a p rop r io la messa in d iscussi one dei valor i esteti ci att r ib uit i d a l- la tr ad izi one. Si tr atta di una gr iglia seletti va che ha sele ziona to d iret tam ente la presenza

e i l la voro d elle a r tist e ma , a nche fino a t em pi recent i, ha em ar ginat o la pro-

d uzi one d egli ar tisti non occid enta li o non app a r tenenti a quei p aesi – com e Russia e Cina – ormai entrati nell’orbita del mercato ar tistico internazionale 102 . Solo un’analisi delle condizioni storiche e culturali può far comprendere i mec- canism i che, i n pa r t icola re agli inizi del Novecento, ha nno deter m inato la ge-

ra rchi a di va lor i esteti ci e i conseguenti fenom eni d i i nclusi one ed esclusi one

d i l i n g u a g gi e p re s e n ze . Pa r a ll e l a m e n t e a l l a d e f i n i zi o n e d i q u e st i va l o r i n o r -

m a n t i , o c c or re c on si d er a re i l con s o l i d a m e n t o d e ll’ a z i one d ei c o sì d et t i g a te- keepers 10 3 – i gua rd ia ni delle p or t e dei m ond i d ell’ a r te com e cr i ti ci , ga lleri sti ,

ar tisti , m ercant i, opini onist i – fi na lizza t a a controllare i d isp osi tiv i d i sele zi o- ne per l’ a ccesso a lla scena a r t isti ca . Uno dei comp iti da affronta re nell’ a zione

di dattica r i gua rd a quind i l’ inda gine d ei moti vi che hanno p erm esso la stori -

cizzazi one o vi cever sa l’ oblio. Inut ile negare la di ffi coltà oggetti va di un ta le a p proccio, che – com e di ce- vamo – non esclude le a lt re metod ologie ma a t tr a ver sa la stor ia dell’ ar t e. Met - t e re i n d i s c u s s i o n e i s a p e r i c o s ì c o m e l i a b b i a m o i m p a r a t i , m a n t e n e r e u n o sguardo si tuato che va luti cr it ica mente il p assa to i n m od o da d ecostr uire li n- gua ggi, opere e contesti in cui esse sono sta te prodotte, e d a ult im o m a ntene- re una dista nza crit ica che per mett a di non id ent ifi car si i n qua nto si prop one

– evitando così un’impropria e attributiva lettura personale 104 – è un lavoro dif-

ficile. Ma è anche un la voro che nelle a ule p uò coinvolgere r agazze e r a gazzi in mod o profondo e significa t ivo, da nd o – a chi i nsegna e a chi i mp ara – una possib i lit à rea le d i senso.

Abstract

L e s f i d e a l l’ e d u c a z i o n e p o s t e d a l l a m o d e r n i t à « l i q u i d a » i m p o n g o n o u n a r i f l e s s i o n e sulla d id a tt ica della stori a dell’a r te p er p ot er affronta re le d iffi coltà ma ni festa t e d a lle

1 02 Un esemp io di qua nt o a ffer mo è la r a ri tà nel pa nor a ma a r t isti co int er na zi ona le di a r ti-

sti , gr afi ci , fum ett ist i, b osni a ci e serb i, che nonost ante la qua lit à d el loro la voro sono imp edi - t i d alle cont ingenze p oli ti che e st or i che ad un esilio fisico e cult ur a le ent ro a l loro p a ese.

1 03 M .A. Tra sfor i ni, Do n ne- ar tiste: ch e genere di pro f ession e? , i n Ar te a pa r te

ci t. , p. 76 .

1 0 4 L a q u e s t i o n e d e l l’ i d e n t i f i c a z i o n e e i l r i s c h i o d i u n a s ov r a p p o s i z i o n e d e l l a n o s t r a c o -

sci enza a quello d elle donne del pa ssa to v iene posta da A . Rossi Dor i a in un i nter vento d el 19 83 , rip reso i n Dida ttica e r icerca nel l a sto ria del l e do nne. Per u n avvio di discu ssion e, in Da re fo r m a al sil enz io , Viella , Rom a 2 0 0 7 , p. 2 7 4- 2 75 .

1

5 7

nuove genera zioni nel r a p p or t o col p a ssa to e col sap ere. Uni re p ed agogia e st oria d el-

l’ar te, mettendo al centro dei processi formativi alcune priorità fra loro collegate – co- me le i d ent i tà d egli studenti e d elle st ud ent esse, il genere, la relazi one, la moti va zio- ne e i l desi d er i o – r i sult ano essere st ra tegie molt o effica ci nella p r a ti ca d id a ttica . In- segna re st or i a d ell’ a r te secondo una p rospet t iva d i genere – la p rim a d ifferenza b io- logica e cultur a le fra ra gazze e r a ga zzi , da cui deriva no tutt e le alt re – è un modo p er colla b or are a tt iva m ent e ai p rocessi di form azi one e di consa pevole zza delle i denti tà ,

e risp ond ere così a una doma nd a d i senso sulla tr a sm issi one d el sa pere e sul r ap p or - t o con la soci et à .

Pa ro l e chia ve: Gend er - Gend er’s Studi es - Men’s St ud ies - Women’s Studies - Di d a t -

ti ca della st or i a d ell’ a r te - Di d a tt ica d i genere - Di da t ti ca della stor ia dell’a r t e e gene-

re - Di d a tt ica d ei musei e d ei b eni cult ur ali - Peda gogia e st or i a d ell’a r te - Di d a t ti ca della storia d ell’a r t e cont em por a nea - Lab orat or i di st ori a dell’a r t e.

Ab stract

The education challenges brought by this modern «liquid» world call for a considera- tion on the didactics of ar t histor y in order to be able to face the difficulties that the ne w generations encounter approaching the past and the learning process. Binding pedagogy and ar t histor y by focusing on some inter-connected priorities of the edu- cational process – such as the students’ identities, their gender, their relationship, their motivation and their desire turn out to be ver y effective learning strategies. Teach- ing ar t histor y following a gender prospective – the first biological and cultural differ- ence between girls and boys, and where all the other differences derive from – is a way to actively promote the formative and conscious processes of the identity and there- fore give sense to the knowledge transference and to the relation with society.

Key wo rds: Gender - Gend er’s St udi es - Men’s St udi es - Women’s St ud ies - Ar t hist o- r y didactics - Gender didactics - Ar t histor y and Gender didactics - Museums and Ar-

ti stic Her it age d id act ics - Educa t iona l t heor y and A r t hist or y - Did a ct i cs of cont em -

p or a r y a r t hist or y - Ar t hi stor y workshop s.

1

5 8

1 5 8 Fig . 1 – Hannah Höch, Un titled ( d a lla ser

Fig . 1 – Hannah Höch, Un titled ( d a lla ser ie Au s einem eth n o g ra ph isch en Museum ) , 1 9 3 0 ; Ha m b ur g, Museum für Kunst und Ge werb e, Phot ogra p hi sche Sa mm lung.

Fig. 2 – Fr id a K a hlo, L a m a sch era , 1 94 5 ;

Ci t tà del Messico, colle zione Dolores Olm ed o.

Sa mm lung. Fig. 2 – Fr id a K a hlo, L a m a

1

5 9

1 5 9 Fig. 3 – Frida Kahlo, Memoria , 1937; Pa r i gi, colle

Fig. 3 – Frida Kahlo, Memoria, 1937; Pa r i gi, colle zi one Mi chel Pet i t j ea n.

Fig . 4 – Carol R a m a , Appassio n ata , 1 9 40 ; Tor i no, colle zione

A nd rea e Pa olo Accornero.

i t j ea n. Fig . 4 – Carol R a m a , Appassio

1

6 0

1 6 0 Fig. 5 – Ma r garet e Schüt t e- Li hot zky,

Fig. 5 – Ma r garet e Schüt t e-

Li hot zky, Fra n kf u r t Kü ch e,

1 9 2 6 .

Fig. 6 – Fr i d a K a hlo, La mia na scita , 1 9 3 2 ; colle zi one p ri va t a .

Fra n kf u r t Kü ch e , 1 9 2 6 . Fig.

1

6 1

Fig . 7 A – Bill Viola , Na ntes Tr iptych , 1 9 9 2 .

Fig . 7 A – Bill Viola , Na ntes Tr iptych , 1 9 9
Fig . 7 A – Bill Viola , Na ntes Tr iptych , 1 9 9

Fig . 7 B – Bi ll Vi ola , Nan tes Tr iptych , 1 9 9 2 .

. 7 B – Bi ll Vi ola , Nan tes Tr iptych , 1 9

1

6 2

1 6 2 Fig . 9 – Ya sum a sa Mor im ur a ,

Fig . 9 – Ya sum a sa Mor im ur a , Po r tra it Fu tag o , 1 9 90 .

Ya sum a sa Mor im ur a , Po r tra it Fu tag o

Fig . 1 0 – Cind y Sher ma n, Untitl ed Fil m Still # 7 , 1 9 7 8 ; Ne w York, Museum of Mod er n A r t .

1

6 3

1 6 3 Fig. 1 1 A – K ata r zyna Kozy ra , Ol

Fig. 1 1 A – K ata r zyna Kozy ra , Ol ym pia , 1 9 9 6 .

1 1 A – K ata r zyna Kozy ra , Ol ym pia , 1

1

6 4

1 6 4 Fig . 1 2 – Ka ta r zy na Kozy r a

Fig . 1 2 – Ka ta r zy na Kozy r a , T h e R ite o f Spr in g, 1 9 9 9 - 2 0 0 2 .

Kozy r a , T h e R ite o f Spr in g , 1

Fig. 1 3 – K ata r zy na Kozy r a, R a g a z z i,

2 0 0 1 - 0 2 .

1

6 5

1 6 5 Fig . 1 4A – Jenny Holzer, Lu stmo rd , 1 9

Fig . 1 4A – Jenny Holzer, Lu stmo rd, 1 9 9 3 - 9 4 .

Fig . 1 4B – Jenny Holzer, Lu stm o rd, 1 9 9 3 - 9 4 .

5 Fig . 1 4A – Jenny Holzer, Lu stmo rd , 1 9 9 3

1

6 6

1 6 6 Fi g . 1 5 – Š e j l a K a

Fi g . 1 5 Š e j l a K a m e r i éc , B o s n i a n Gi rl ,

2 0 0 3 (p hot o by Tar i k Sam a ra h).

La scri t ta sull’ i m m a gi ne ri p or ta i gra ffi t i scr it t i da un a nonim o sold a t o ola nd ese sul

m uro d i una b a racca m i lit a re d i Pot oca ri , a Sreb reni ca ( 1 9 9 4 /9 5 ). Le t r up p e della Roy a l Net her la nd s A r my, in qua nt o p a r te

d elle For ze d i p rote zi one d ella N ATO

( UN PROFOR ) i n Bosnia and Her zegov i na

d ur a nt e i l conflit to d el 1 9 9 2 - 9 5 , er a no

resp onsa b i li d ella p rot e zi one d ell’ a rea d i Sreb reni ca .

i li d ella p rot e zi one d ell’ a rea d i Sreb

Fig. 1 6 – Jud y Chi ca go, T h e Dinn er Pa r ty, 1 9 7 3 - 7 9 .