Sei sulla pagina 1di 1

Tecnica di esecuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le prime posizioni del violoncello in relazione con le note musicali che suonan
o sulla prima corda (La3)
L'archetto viene fatto scorrere sulle corde, le dita della mano sinistra possono
agire sulla tastiera premendo sulle corde per diminuirne la lunghezza, modifica
ndo cos la frequenza del suono ottenuto. Come gli altri strumenti ad arco, anche
il violoncello pu essere pizzicato, sollevando le corde con l'ultima falange e ri
lasciandole. Ha il suono pi grave tra gli strumenti del quartetto d'archi e produ
ce un suono molto ricco di armonici.
Tecnica della mano sinistra[modifica | modifica wikitesto]

Diagramma della diteggiatura della prima posizione nel violoncello. In nero le


corde vuote, mentre i numeri indicano le dita; la notazione utilizzata quella al
fabetica anglofona.
Ogni punto della tastiera in cui le dita della mano sinistra si posizionano per
ottenere suoni diversi detto posizione. Le dita sono numerate convenzionalmente
dal "primo" (l'indice) al "quarto" (il dito mignolo). Il pollice nelle prime pos
izioni non tocca mai nessuna corda: viene usato solo come supporto per il manico
per ancorare la mano e contrastare la pressione delle altre quattro dita. Le ci
fre dall'1 al 4 a volte compaiono sulle parti per violoncello, specialmente nell
e edizioni a carattere didattico o in studi tecnici, per indicare quale dito dev
e essere usato. Le posizioni pi lontane dal ponticello sono numerate dalla pi lont
ana dal ponte alla pi vicina e in queste posizioni il pollice ancorato sul retro
del manico del violoncello e le altre quattro dita sono premute di volta in volt
a sulla corda, come in figura. Nelle prime quattro posizioni - e in alcuni casi
anche nella quinta - le dita sono posizionate per suonare le note della scala cr
omatica, cio la distanza fra un dito e il successivo corrisponde a un semitono di
differenza fra le note che essi suonano[16]; queste sono le posizioni basilari
per suonare il violoncello. Per avere una idea dell'estensione di tali posizioni
, si pu considerare che possibile suonare le prime cinque suites per violoncello
solo usando soltanto le prime cinque posizioni. Fa eccezione la sesta che, essen
do scritta per violoncello piccolo, impiega un registro pi acuto. Nelle posizioni
dalla quinta alla settima, poich avvicinandosi al manico la distanza fra le posi
zioni corrispondenti a note diverse diminuisce, possibile suonare note distanti
anche pi di un tono con dita consecutive.
Le posizioni pi acute sono dette posizioni del pollice capotasto (a volte usata a
nche la nomenclatura inglese thumb position). L'espediente di appoggiare il poll
ice sulla corda serve infatti a poter suonare le note sulla parte della tastiera
pi vicina al ponticello che non sarebbero possibili da raggiungere con l'estensi
one delle dita umane ancorando il pollice sul manico. In queste posizioni, il po
llice si appoggia sopra le corde perpendicolarmente ad esse e funziona come un q
uinto dito. Nelle parti per violoncello per indicare il pollice si usa il simbol
o Thumbsymbol.svg, ma in alcune edizioni d'uso trovare anche la lettera Q. L'inv
enzione del pollice capotasto pi tarda rispetto al resto della tecnica: appare pe
r la prima volta solo con la nascita della trattatistica tecnica per questo stru
mento, nel primo metodo per violoncello di Michel Corrette, Mthode, thorique et pr
atique pour apprendre en peu de temps le violoncelle dans sa perfection (Paris,
1741); tuttavia trover ampio uso solo a partire dal XIX secolo.

Potrebbero piacerti anche