Sei sulla pagina 1di 28

Lepisodio di Egeo nella Medea

e il pattern del salvatore di passaggio


nelle tragedie di Euripide
Lidia Di Giuseppe

Lepisodio di Egeo nella Medea di Euripide stato per lungo tempo oggetto di discussione tra i critici, impegnati a rispondere alle questioni sollevate da un famoso passo di Aristotele, Poet. 25, 1461b 19 ss.:
ojrqh; d ejpitivmhsi~ kai; ajlogiva/ kai; mocqhriva,/ o{tan mh; ajnavgkh~ ou[sh~ mhqe;n
crhvshtai tw`/ ajlovgw/, w{sper Eujripivdh~ tw`/ Aijgei`, h] th/` ponhriva/ w{sper ejn Orevsth/, tou` Menelavou.

Il passo aristotelico stato perlopi considerato una critica allentrata di Egeo, che sarebbe stata troppo debolmente collegata col resto
della trama della Medea; come spiega bene Mastronarde 2002, p. 282:
More likely, Aristotle had in mind the fact that not only is there no
preparation whatever for the entrance of Aegeus in particular, but Aegeus journey is not intrinsically related either to Corinth or to Medea
[] and he departs with his ignorance uncured [] Since the plot of
Medea is otherwise concentrated and single, Aegeus arrival stands out
sharply1 . Queste sono le difficolt di interpretazione che, sulla base
1
SCHMID 1940, pp. 365366 e n. 9, riferendosi a Egeo, parlava di mangelhafte Begrndung seines Auftretens, osservando come questa difficolt fosse stata sentita e risolta dagli autori successivi che si ispirarono a Euripide. Infatti, Neofrone (poeta tragico, probabilmente del
IV sec. a. C., autore di una Medea; vd. SNELL, KANNICHT 1986, pp. 92 ss.) porta Egeo a Corinto apposta per interrogare Medea sulloracolo; notevole che, mentre la maggior parte degli

91

92

Lidia Di Giuseppe

del passo di Aristotele, i critici moderni hanno sollevato e esaminato a


proposito del III episodio della Medea, giungendo nel corso del tempo
a una migliore comprensione del passo, anche grazie al diffondersi di
un atteggiamento interpretativo quale quello felicemente espresso da
O. Taplin nel suo famoso The stagecraft of Aeschylus (Oxford 1977):
nel dramma greco le entrate e le uscite sono normalmente ben motivate, ma ci sono eccezioni, che offrono speciali opportunit for surprise
and disjunction [] An entry which is totally unprepared for makes
for a startling new turn of events which upsets expectations and introduce an element of the unpredictable. This is a device particularly associated with Euripides (p. 11). Inoltre, man mano, grazie a una pi
puntuale analisi dellepisodio, sono state messe in rilievo le funzioni
drammatiche a cui la scena tra Medea e il re di Atene assolve. Ancora
una volta, prendiamo a prestito da Mastronarde 2002, p. 283, la felice
sintesi delle opinioni critiche finalmente invalse sulla questione: a) Egeo
fornisce un giudizio dallesterno sullingiustizia del comportamento di
Giasone; b) il suo atteggiamento verso Medea, improntato a relazioni
di filiva e xeniva, ribadisce la collocazione della donna nellambito dellaristocrazia greca; c) il re ateniese offre asilo a Medea, rimuovendo cos uno degli ostacoli alla realizzazione dei suoi piani; d) la preoccupazione di Egeo circa la sua discendenza suggerisce a Medea lassassinio
dei propri figli, o conferma una risoluzione gi formatasi nella mente
della protagonista; e) Medea continua a dimostrare la propria superiorit intellettuale e retorica sui personaggi maschili con cui entra in contatto; f) Egeo, al contrario di Giasone, sar rispettoso verso i giuramenti, mentre Medea se ne servir per i suoi scopi, nascondendo a Egeo le
proprie reali intenzioni; g) Egeo rappresenta un collegamento della vicenda di Medea con Atene e con altri miti gi familiari al pubblico di
Euripide2 .
autori, da Seneca a Grillparzer, soprattutto in epoca moderna, ha semplicemente eliminato il
personaggio, solo P. Corneille, nella sua Medea, abbia sentito la necessit di conservarlo, trasformandolo in un pretendente della figlia di Creonte. In seguito, LESKY 1956, pp. 16364,
ha segnalato blandamente la difficolt, mentre P OHLENZ 1961, p. 294, riteneva esagerato negare il collegamento della scena con le linee direttive della tragedia.
2
Alcune di queste considerazioni sono state sviluppate da ALBINI 1970/71, pp. 3239.
In particolare, Albini osserva che la scena di Egeo occorre in un momento in cui il drammaturgo ha bisogno di alleggerire la tensione accumulata nelle scene precedenti. Inoltre, la pro-

Lepisodio di Egeo nella Medea

93

Il problema dellepisodio di Egeo posto da Aristotele, dunque,


stato abbondantemente sviscerato; esso merita tuttavia ulteriori approfondimenti, a partire dal giudizio di Aristotele, fino a una valutazione
pi approfondita del personaggio di Egeo e della situazione drammatica che si viene a configurare con il suo intervento.
***
Cominciamo dal passo di Aristotele, Poet. 25, 1461b 19 ss. Passando in rassegna i problemi esegetici e le critiche che si possono muovere
contro un poeta, il filosofo biasima gli autori che, senza reale necessit,
si servono della mocqhriva (esemplificata dal personaggio di Menelao
dellOreste di Euripide) e dellajlogiva, a proposito della quale Aristotele si riferisce sempre a Euripide, tw/` Aijgei`. chiaro che il giudizio su
Menelao riguarda il personaggio, la malvagit che dimostra nella tragedia e che Aristotele ritiene evidentemente gratuita, inutile al perseguimento dei fini drammatici dellopera. Ma che intende precisamente
Aristotele quando parla di Eujripivdh~ tw/` Aijgei`? Larticolazione della
frase tale che crhvshtai tw/` ajlovgw/, w{sper Eujripivdh~ tw/` Aijgei` corrisponde a [crhvshtai] th/` ponhriva/ w{sper ejn O
j revsth/, tou` Menelavou.
Mentre nel secondo membro dellespressione troviamo due nomi,
quello del personaggio (Menelao) pi il titolo della tragedia a cui appartiene (lOreste), nel primo leggiamo semplicemente tw/` Aijgei`. Si
pensa comunemente che Egeo indichi solo il personaggio e che sia
sottinteso che la tragedia la Medea, ma non cos scontato che Aristotele non alluda allEgeo (per cui v. n. 17), piuttosto che alla Medea
di Euripide, come del resto aveva notato gi Buttrey 1958, p. 1, e, di
recente, sottolinea anche Mastronarde 2002, p. 282, pur accantonando
subito questa possibilit.
Infatti, se si esamina la Poetica, si scopre che Aristotele, allorch cita
il nome di un personaggio tragico, specifica sempre il titolo della traspettiva che Medea trovi rifugio a Atene dopo linfanticidio suggerisce allo spettatore, rassicurandolo, che lorrendo crimine della protagonista sar seguito dal ristabilimento dellordine.
Infine, Albini sottolinea la necessit per Medea di avere un luogo dove rifugiarsi, proprio perch si tratta di un personaggio la cui carriera mitica non si esaurisce con le vicende trattate nella tragedia.

94

Lidia Di Giuseppe

gedia a cui esso appartiene, a meno che i due nomi non coincidano,
oppure lassociazione del personaggio (o della situazione in cui esso si
trova) con un determinato dramma non sia talmente caratteristica da
rendere inutili ulteriori specificazioni, o, infine, che la citazione non sia
talmente estesa da non lasciare spazio a dubbi3 . Luso del semplice tw/`
Aijgei` da parte di Aristotele farebbe quindi pensare che egli si riferisca
allEgeo, citando il nome del personaggio che contemporaneamente d
il titolo al dramma; se lespressione non si intende cos, bisogna ammettere perlomeno che ambigua, il che sembra in contrasto con la
precisione, pur relativa, dimostrata dal filosofo nelle altre citazioni. In
che senso egli potesse parlare di ajlogiva nellEgeo di Euripide, non
chiaro, perch la tragedia ci giunta in forma frammentaria. Anche se i
critici ritengono generalmente che per ajlogiva Aristotele intendesse una
mancanza di logicit sul piano strutturale della tragedia, non cos sicuro che il termine non potesse riferirsi anche alla caratterizzazione di
un personaggio, cio al suo modo di comportarsi. Aristotele infatti appaia Egeo con Menelao, che viene evidentemente criticato come personaggio, per la sua malvagit4 ; inoltre, il filosofo ha appena parlato
del modo in cui dipingeva i personaggi Zeuxi (25, 1461b 1214) e,
ancor prima (15, 1454a 33 ss.), ha spiegato che anche nella costruzione
dei personaggi bisogna ricercare lajnagkai`on o leijkov~ 5 . In 25, 1461b
20 ss., Aristotele rimprovera appunto a Euripide di essersi servito
della[logon con Egeo mh; ajnavgkh~ ou[sh~, senza una vera necessit poetica. Viceversa, se c un valido fine poetico, il tragediografo pu servirsi anche della[logon, come Aristotele ha spiegato a 24, 1460a 1114:
3

In base a questi criteri si spiegano casi come: a) 11, 1452b 38: si parla del riconoscimento tra Ifigenia e Oreste, avvenuto per mezzo della lettera: che si tratti dellIfigenia Taurica di
Euripide si evince dal fatto che la lettera solo in questo dramma; b) 14, 1453b 2730: come
esempio degli antichi poeti, citato Euripide, per aver portato in scena Medea che uccide i
propri figli: la tragedia evidentemente la Medea; c) 16, 1455a 2629: lassociazione tra il nome del tragediografo, Carcino, e lazione compiuta dal personaggio, Anfiarao che usciva fuori
dal tempio, doveva essere sufficiente a indicare al lettore di quale tragedia si trattasse (senza
contare la possibilit che il dramma si intitolasse per lappunto Anfiarao). La menzione del riconoscimento tra Oreste e Ifigenia in Poliido (16, 1455a 68) di difficile interpretazione, in
quanto sappiamo che Poliido era ditirambografo, ma che abbia scritto anche tragedie risulta
solo da questa testimonianza di Aristotele (vd. SNELL, KANNICHT 1986, pp. 2489).
4
Questa osservazione si trova gi in BUTTREY 1958, p. 1.
5

crh; de; kai; ejn toi`~ h[q esin oJmoivw~, w{sper kai; ejn th/` tw`n pragmavtwn sustavsei, ajei; zhtei`n h]
to; ajnagkai`on h] to; eijkov~

Lepisodio di Egeo nella Medea

95

dei` me;n ou\n ejn tai`~ tragw//divai~ poiei`n to; a[logon, di o} sumbaivnei mavlista to; qaumastovn Se, dunque, a 25, 1461b 19 ss. to; a[logon va rife-

rito alla costruzione del personaggio, pu essere interpretato come


dissennatezza6 : a unaccezione del genere potrebbe rinviare luso di
ajlogiva in parallelo con mocqhriva. Si potrebbe pensare a un rimprovero
analogo a quello mosso dal filosofo al personaggio di Ifigenia nellIfigenia in Aulide di Euripide (sempre a 15, 1454a 3233): tou` de; ajnwmavlou hJ ejn Aujliv/di jIfigevneia, oujde;n ga;r e[oiken hJ iJketeuvousa th/` uJstevr a/.
Come Ifigenia, possibile che anche Egeo fosse rappresentato, a parere
di Aristotele, in modo incoerente, mentre teneva magari un comportamento irragionevole, irresoluto o incoerente. I frammenti conservati
dellEgeo sono talmente esigui da non confermare n smentire questa
ipotesi, che potrebbe tuttavia trovare una, seppur vaga, rispondenza
nel fatto che, a quel che sappiamo della trama (per cui si veda infra),
Medea, divenuta moglie di Egeo, attentava alla vita di Teseo, per evitare che il padre lo riconoscesse. Sebbene queste mene fossero destinate
al fallimento, lampia facolt di azione concessa a Medea sembra una
possibile traccia della debolezza o quantomeno dellingenuit di suo
marito Egeo.
***
Nonostante queste considerazioni, innegabile che Egeo nella Medea arrivi in scena senza una esplicita preparazione da parte dellautore.
Come si visto, il suo intervento risponde a diverse motivazioni drammaturgiche. Alcuni ritengono infatti che il dialogo con Egeo suggerisca
a Medea di uccidere i figli7 , ma pensare che ci accada sic et simpliciter
riduttivo rispetto alla psicologia della protagonista, che ha gi dato
chiari segnali di avversione per i bambini (vv. 36, 98 ss., 112 ss.);
semmai, lincontro con Egeo conferma Medea nellidea di punire il
padre attraverso i figli e fornisce al pubblico unulteriore indicazione

Cos traduce ajlogiva GALLAVOTTI 1999, p. 259, nellindice dei termini tecnici, ma non
nel testo.
7
Su questaspetto insistono P AGE 1964, p. XXIX e ad v. 663 e SCHLESINGER 1966, pp.
46 ss. (ma cfr. anche MASTRONARDE 2002, p. 283).

96

Lidia Di Giuseppe

sulla centralit del ruolo dei bambini8 . Invece, fuor di dubbio che
lintervento del re di Atene risolva il problema di Medea, da lei formulato ai vv. 38688, circa la necessit di trovare un luogo dove rifugiarsi
una volta compiuta la vendetta. Il pubblico conosceva, probabilmente, una versione del mito in cui Medea, dopo linfanticidio, si trasferiva
ad Atene e sposava Egeo (a proposito di questa tradizione, cfr. infra),
ma lincontro a Corinto tra Egeo e Medea non attestato prima della
nostra tragedia, per cui si ritiene generalmente che esso sia uninvenzione di Euripide9 . Euripide non era dunque obbligato a includere Egeo
nelle vicende di Corinto, tanto pi attraverso una soluzione drammaturgicamente azzardata come quella che ha scelto10 . Anche la volont
di tessere le lodi di Atene poteva costituire, in vista di questa scelta,
una motivazione senzaltro importante, ma non certo lunica11 . Pi significativo invece il fatto che Egeo costituisca un modello positivo rispetto ad alcuni aspetti del comportamento di Giasone, come stato
giustamente rilevato sia da Dunkle e Kovacs, che pongono in rilievo alcuni parallelismi tra i due personaggi, sia da Mastronarde, che sottolinea come Egeo, a differenza di Giasone, rispetti i giuramenti12 . Questa
linea di interpretazione non stata per adeguatamente sviluppata. Da
unanalisi pi puntuale del testo emerge infatti che il re di Atene rappresentato in modo tale da costituire lesatto contrario di Giasone, sotto tutti i punti di vista. Esaminiamo gli elementi che dovevano indurre
il pubblico a recepire questa contrapposizione.

Di recente, DAVIES 2005, pp. 151156, ha sottolineato limportanza dellincontro con


Egeo al fine di permettere il passaggio di Medea da generici propositi di vendetta a un piano
ben definito, ravvisando un parallelo per questa situazione nello Pseudolus di Plauto, dove
Pseudolo modifica i suoi piani in vista della loro effettiva realizzazione, in seguito allincontro
con Arpace, giunto inaspettatamente sulla scena.
9
Con leccezione di P AGE 1964, p. XXIX, secondo il quale al pubblico ateniese questo
episodio mitico doveva essere familiare; cfr. MASTRONARDE 2002, pp. 5556.
10
Questa circostanza stata sottolineata anche da KITTO 1950, pp. 19697 e da BUTTREY 1958, p. 2, che osserva come Medea abbia bisogno di un modo per fuggire, piuttosto
che di un rifugio, e come anzi, nel finale della tragedia, dimostri di non necessitare affatto di
aiuti esterni.
11
Questa motivazione era ad esempio ritenuta fondamentale da SCHMID 1940, p. 265 n. 9.
12
DUNKLE 1969, pp. 97107; KOVACS 1993, pp. 5861 (ma cfr. anche infra, n. 21) e
MASTRONARDE 2002, p. 283.

Lepisodio di Egeo nella Medea

97

a) Larrivo di Egeo immediatamente preceduto dal II stasimo: il


Coro si augura di non sperimentare mai amori eccessivi, quindi compatisce Medea per la sua situazione e infine biasima il fedifrago Giasone
con queste parole: ajcavristo~ o[loiq, o{tw/ pavrestin | mh; fivlou~ tima`n
ejmoi; me;n fivlo~ ou[pot e[stai (vv. 65962); leroe un ingrato (ajcavristo~), a cui permesso non onorare i suoi cari. Subito dopo entra
Egeo e saluta Medea: Mhdv eia, cai`re: tou`de ga;r prooivmion | kavllion
oi\de oujdei;~ prosfwnei`n fivl ou~. Questo esordio significativo, perch
indica gi il tenore con cui si svolger lincontro tra Medea e il re di Atene: sin dal principio, Egeo si presenta come un uomo che riconosce la
giusta importanza ai legami personali, rendendo la dovuta cavri~ ai
suoi fivloi. Viceversa, nel corso della tragedia Giasone viene a pi riprese biasimato per la sua slealt (per esempio, ai vv. 2123, 49095,
65962, 698, 1392). Egeo stesso critica a pi riprese le azioni di Giasone (vv. 695, 699 e 707) e, viceversa, nel garantire a Medea che rispetter il loro accordo, definisce se stesso divkaio~ (v. 724), attribuendosi
una virt contraria allajdikiva, pi volte rimproverata a Giasone nel
corso del dramma (vv. 165, 578, 580 ss.). In questo modo, Egeo non
solo fornisce unulteriore voce di condanna del comportamento di
Giasone, obiettiva perch proveniente da uno che estraneo ai fatti
(come fa notare Mastronarde 2002, p. 283; cfr. supra), ma d automaticamente limpressione di essere egli stesso un uomo che non tradirebbe mai i suoi cari. Infatti, egli riconosce subito i suoi legami di filiva
con Medea, rinnegati dal marito della donna, e accetta senza esitazioni
di prestarle laiuto richiesto (vv. 71921). Il pubblico sapeva che avrebbe tenuto fede ai patti e accolto Medea ad Atene. Euripide non
spiega per quale motivo sussista tra Egeo e Medea un rapporto di filiva; i due si conoscono gi, ma nulla sappiamo in proposito. A noi, come probabilmente al pubblico ateniese, viene spontaneo associare il legami di filiva tra Egeo e Medea alla liaison che il mito voleva si stabilisse tra di loro in seguito alla fuga della donna ad Atene13 , che fu anche

13

Che il rapporto di filiva che lega Medea e Egeo sia ambiguo e passibile di essere interpretato tanto come amicizia quanto come legame matrimoniale ha notato MLLER 2001, pp.
48790. La studiosa indica anche alcuni aspetti sotto i quali Egeo complementare a Giasone: malgrado non abbia figli dalla moglie, le resta fedele e cerca laiuto delloracolo di Delfi,

98

Lidia Di Giuseppe

oggetto, come abbiamo accennato, di una tragedia euripidea per noi


perduta, lEgeo (a proposito del quale, cfr. infra)14 .
b) Per ricambiare il favore accordatole da Egeo, Medea promette
alluomo di aiutarlo ad avere figli e gli augura di portare a compimento
felicemente la sua vita (vv. 71418). Esattamente il contrario la protagonista preannuncia a Giasone nellesodo del dramma, quando, ormai
in procinto di lasciare Corinto con i cadaveri dei bambini, ricorda al
marito che morir malamente, dopo una vecchiaia non confortata
dallassistenza dei figli (vv. 138688 e 1396). Per di pi, lofferta di
Medea, di utilizzare i suoi filtri per curare la sterilit di Egeo, equivalente allaiuto prestato un tempo a Giasone, nella conquista del vello
doro (vv. 47687); viceversa, la menzione della pena che deve colpire gli spergiuri al v. 755 rinvia quasi automaticamente alla punizione
che sta per essere inflitta a Giasone in quanto spergiuro, cio rimanere
privo di discendenza: esattamente quello che potrebbe capitare a Egeo
se, tradendo Medea, non ottenesse laiuto di lei per generare figli15 .
c) Lincontro sugellato dal Coro (vv. 75963), che, augurandogli
un felice ritorno in patria, tesse le lodi di Egeo, in un breve intervento
speculare ai vv. 65962 del II stasimo: mentre qui era stato biasimato
Giasone, alla fine del III episodio viene elogiato Egeo (la sua lode prosegue implicitamente nel III stasimo, con lelogio di Atene, la sua citt).
mentre Giasone, nonostante i figli, ha abbandonato Medea; Egeo invece tratta Medea da fivlo~ e, in quanto tale, pronto ad offrirle aiuto.
14
Non certo quando Medea sia stata inclusa nella saga di Teseo. Nelle raffigurazioni vascolari essa appare associata a Egeo, Teseo e il toro di Maratona a partire dal 450 a. C. circa,
ma possibile che fosse presente gi nella rielaborazione miticoletteraria delle vicende di Teseo avvenuta nel VI sec. a. C. (a cui si data anche il poema epico Teseide, per noi perduto);
cfr. MASTRONARDE 2002, pp. 5355. SOURVINOU I NWOOD 1979, basandosi su una serie di
vasi datati intorno al 490 a. C., dove compare Teseo che attacca una donna Medea, secondo la studiosa ha sostenuto la tesi per cui nella Teseide figurava una matrigna malvagia
che attentava alla vita di Teseo, sostituita da Medea subito dopo le Guerre Persiane. In ogni
caso, il pubblico che assisteva alla rappresentazione della Medea doveva avere ben chiaro il legame stabilitosi nel mito tra Egeo e Medea. Da questo dato, SFYROREAS 1994, pp. 12542,
ha argomentato, in modo convincente, che la familiarit dimostrata da Egeo e Medea luno
verso laltra in questa scena della Medea unallusione alla tradizione che fa di Medea la moglie di Egeo dopo il suo arrivo a Atene.
15
Su questo aspetto richiama lattenzione KOVACS 1993, pp. 5861.

Lepisodio di Egeo nella Medea

99

d) Egeo, mentre si mostra corretto verso i fivloi, contemporaneamente presentato come scrupoloso verso il diritto dei supplici e le
leggi dellospitalit, al contrario di Giasone, che come ospite, in Colchide, ha dato pessima prova di s, portando via la figlia del re (vv.
256 e 483) e meritandosi perci di essere definito da Medea xeinapavth~, ingannatore degli ospiti (v. 1392). Egeo invece lospite ideale, non solo nel dare, ma anche nel ricevere ospitalit: promette infatti di proteggere Medea una volta che sia giunta ad Atene, ma prima,
per non offendere i propri ospiti, vuole assicurarsi che la donna si allontani con mezzi suoi da Corinto. Questa richiesta viene solitamente
interpretata come una spia del carattere in fondo pusillanime di Egeo,
ma a ben vedere motivata dalla situazione drammatica nella quale
inserita. Il re di Atene si trova in terra straniera, quindi sotto la giurisdizione altrui, e sta promettendo aiuto alla supplice Medea, che a questa
giurisdizione desidera sottrarsi. Egli sa che la donna invisa alla casa
reale, tanto da essere stata bandita da Corinto. Ma, fintanto che Medea
rimane nella citt, ella soggetta alle leggi e al potere regale di Corinto,
rispetto ai quali Egeo, ospite della povli e quindi di Creonte che ne il
sovrano, non vuole mostrarsi in opposizione. una situazione analoga
a quelle che si incontrano in altre tragedie di supplica, dove di solito
gli araldi pretendono di strappare con la forza i supplici dalla citt che
ha accettato di accoglierli e detiene quindi lautorit su di loro: quanto accade, per esempio, nelle Supplici di Eschilo, nellEdipo a Colono
di Sofocle e negli Eraclidi e nelle Supplici di Euripide. Proprio in
Soph. OC 92428, Teseo, opponendosi al tentativo di Creonte di ricondurre Edipo a Tebe contro la sua volont, afferma che egli stesso,
se si trovasse a Tebe, non porterebbe via le persone, ma si comporterebbe da ospite corretto. Nella Medea, dunque, Egeo si preoccupa di
non violare le prerogative del potere costituito di Corinto, infrangendo
cos la legge dellospitalit. Viceversa, Medea, dal canto suo, richiede
tante garanzie perch Egeo, una volta che lei si trovi ad Atene, abbia
buoni argomenti da opporre alle richieste dei suoi nemici. Egeo ha infatti appena biasimato il comportamento di uno straniero che pretenda di intervenire negli affari di una povli che non la sua (e Medea,
fintanto che si trova a Corinto, affare di questa citt e del suo re, Creonte). Medea prospetta la situazione opposta: il re di una determinata

100

Lidia Di Giuseppe

citt riceve la richiesta, da parte di un altro re, di consegnargli un nemico rifugiatosi presso di lui (esattamente come avviene nelle tragedie
che abbiamo prima citato). In questi casi, il re straniero invia il suo araldo a reclamare la restituzione del ricercato (Medea teme infatti
che Egeo ceda agli ejpikhrukeuvmata di Creonte o dei familiari di Pelia), mentre il re che offre asilo rifiuta di consegnare il suo protetto,
perch lo ha accettato come supplice. Normalmente, questo accade
perch il supplice ha fatto leva su un legame di parentela, sullobbligo
di restituire una cavri~, o anche sulla legge divina. Medea ha gi supplicato, con successo, Egeo: non potendo vantare vincoli di sangue con
lui, n chiedergli di ricambiarle una cavri~, si appellata alla sua compassione e gli ha promesso, come contraccambio, filtri contro la sterilit. Ma questi argomenti non sono da lei ritenuti abbastanza forti, il che
si spiega anche e soprattutto alla luce delle azioni cruente che ha compiuto e sta per compiere (lassassinio di Pelia, di Creonte, della sposa
di Giasone e dei propri figli) e che potrebbero causare, in futuro, la richiesta di vendetta da parte dei suoi nemici. Medea si appella allora alla legge divina, coinvolgendo gli di come garanti del comportamento
del suo futuro ospite e dunque richiedendogli un giuramento16 .
Dallaltra parte, Egeo sembra condividere implicitamente questo ragionamento, quando risponde a Medea che il giuramento vantaggioso per entrambi: per la donna, perch la sua posizione diviene pi salda, e per lui stesso, che ottiene un valido pretesto per non restituirla. A
maggior ragione, quindi, il re di Atene appare pronto a difendere,
quando sar il momento, la sua supplice e ospite.
Oltre a tutti questi richiami terminologici e drammatici, per cui appare chiaro che Egeo praticamente un antiGiasone, vanno considerati altri elementi, che precisano questa contrapposizione, estendendola
anche al di l del tempo della tragedia, quando Medea sposer Egeo.
In questo senso, Egeo contrapposto a Giasone, ma gli anche omologo. Infatti, come abbiamo detto, esisteva a Atene una tradizione per
cui Medea, rifugiatasi presso Egeo, ne diveniva la sposa e gli dava an16

Mi sembra che il giuramento sia pienamente motivato alla luce di queste ragioni e non si
debba quindi spiegare solo con la tendenza di Medea a legare a s tramite giuramenti i personaggi maschili con i quali si confronta, per affermare la sua superiorit su di loro, come ritiene,
semplificando la questione, MASTRONARDE 2002, p. 283.

Lepisodio di Egeo nella Medea

101

che un figlio. Euripide stesso aveva portato in scena questo mito nel
suo Egeo, dove Medea, moglie (o concubina) del re di Atene, cercava
di impedire il riconoscimento tra questi e il figlio Teseo, attentando alla vita del giovane17 . possibile che questa tragedia sia anteriore alla
Medea, ma la questione della priorit delluna o dellaltra, allo stato attuale delle nostre conoscenze, irresolubile18 . Comunque stiano le cose,
che Euripide si autocitasse o meno, egli alludeva con ogni probabilit a
un patrimonio mitico noto al suo pubblico (v. n. 14). In questa direzione indirizzano anche due termini che il poeta fa pronunciare a Medea. Al momento di supplicare Egeo, Medea chiede di essere da lui
accolta dovmoi~ ejfevstion (v. 713); ejfevstio~ un termine normalmente
utilizzato per definire il supplice che chiede asilo sedendo presso il focolare della casa dellospite19 . Ma, nel caso di Medea, il termine si presta ad assumere implicazioni ulteriori. La donna greca, infatti, al momento del matrimonio si configurava come una straniera che doveva
essere accettata nella casa del marito e questo passaggio veniva sanzionato per lappunto presso il focolare della casa20 . jEfevstio~ potrebbe
17
SullEgeo di Euripide, vd. SCHMID 1940, pp. 37576; WEBSTER 1967, pp. 7780;
ALION 1986, pp. 22122; JOUAN, VAN LOOY 1998, pp. 113. possibile, ma non certo,
che nella versione euripidea fosse incluso il figlio che alcune fonti attribuiscono a Medea e a
Egeo, Medos, il quale, dopo la cacciata di Medea da Atene, la avrebbe seguita in esilio nella
terra dei Medi, che proprio da lui avrebbero tratto il loro nome (v. ps. Apollodoro, Bibl. I 9,
28; Pausania, II 3, 8; Igino, fab. 275).
18
Quanto alla data di rappresentazione del dramma, si ritiene generalmente che lEgeo sia
anteriore alla Medea, sulla scia di Webster, che lo datava al 450 a. C. circa (WEBSTER 1965,
pp. 51920; 1966, pp. 11220; 1967, pp. 7980). Diversamente, sulla base di una serie di
raffigurazioni iconografiche, SHEFTON 1956, pp. 15963, ha proposto una data intorno al
430; infine, i risultati dellanalisi metricologica di CROPP, FICK 1985 non permettono una datazione pi precisa, indicando un lasso di tempo che va dal 455 al 430 a. C. Verso la data pi
alta farebbe propendere losservazione di SERVADEI 2005, p. 65, per cui nelle raffigurazioni
vascolari della I met del V sec. lattenzione dei ceramografi concentrata sullincontro tra
padre e figlio, per focalizzarsi in seguito, dopo il 450, su altri elementi: questo lascerebbe pensare per quanto possa valere una considerazione del genere che, se un qualche collegamento pu istituirsi tra le raffigurazioni iconografiche e la rappresentazione della tragedia euripidea, esso debba risalire piuttosto a unepoca in cui era particolarmente enfatizzato il riconoscimento tra padre e figlio, fulcro, a quanto ne sappiamo, dellEgeo di Euripide.
19
Per es. in Hdt. I 35; Aesch. Eum. 577 e Suppl. 365 e 503; Soph. OT 32; cfr. LSJ s. v. I.
20
Cfr. GOULD 1973, pp. 9798, che sottolinea come le condizioni di straniero e supplice
(cio xeniva e iJketeiva) spesso vengano a coincidere, in quanto entrambe permettono a qualcuno esterno a un determinato gruppo di esservi accettato, creando un legame di reciprocit
(cavri~) tra le persone coinvolte. quello che succede a Medea, che supplica Egeo e gli offre,
in cambio della xeniva richiesta, il suo aiuto per procreare dei figli.

102

Lidia Di Giuseppe

dunque contenere, anche se naturalmente come significato secondario,


unallusione al passaggio di Medea in casa di Egeo non come semplice
supplice, bens come sposa (o concubina). La presenza di unallusione
del genere appare confermata dai vv. 111617 del libro III delle Argonautiche di Apollonio Rodio, ai[te ga;r ei[hn | ajprofavtw~ tovte
soi`sin ejfevs tio~ ejn megavr oisin: Medea, dopo avere spiegato a Giasone come superare la terribile prova impostagli da Eeta, sogna di potere
apparire inattesa nella casa delleroe, dopo che questo sia tornato in
Grecia. I due versi sono inseriti in un discorso che si configura implicitamente (ma non troppo) come amoroso: Medea evoca a Giasone
quello che accadrebbe se lui, contro le sue promesse, una volta tornato
in Grecia la dimenticasse21 . Inoltre, durante il confronto finale con Giasone, Medea dichiara la sua intenzione di recarsi ad Atene, Aijgei` sunoikhvsousa, per convivere con Egeo (v. 1385). stato notato che il
verbo sunoikei`n di significato ambiguo, perch indica tanto la semplice coabitazione, quanto la convivenza tra marito e moglie22 . dunque probabile che anche qui, come con dovmoi~ ejfevstion, Euripide abbia ricercato lambiguit per suggerire di nuovo agli spettatori il futuro
di Medea accanto a Egeo. Questultimo, di conseguenza, sta per prendere il posto di Giasone come marito di Medea.
Ricapitolando, Egeo appare giusto, leale, rispettoso dei legami di
filiva e xeniva, timorato degli di, tutte qualit positive sottolineate dal
Coro; egli ben disposto verso Medea, che, da parte sua, dopo avergli
chiesto aiuto, lo lega con un giuramento e gli promette in cambio, contro la sterilit, il soccorso delle sue conoscenze farmacologiche. Da tutto questo appare chiaro che Egeo stato introdotto dal poeta nella
trama tragica non soltanto per offrire rifugio a Medea, per collegare la
vicenda con Atene e per le altre ragioni sintetizzate da Mastronarde,
ma anche forse soprattutto per essere tratteggiato come speculare a Giasone: tanto fedele ai patti e corretto il primo, quanto ingrato,
21

HUNTER 1989, ad vv. 111517, nota appunto che Apollonio ricorda da vicino il passo
della Medea (vv. 446626) dove leroina rimprovera a Giasone il tradimento delle promesse
fatte in Colchide.
22
LSJ s. v., 2; LACEY 1968, p. 110 (dove si rinvia a Polluce, 3, 44); VERNANT 1981, p.
52. Per quanto riguarda Medea, questa implicazione stata segnalata anche da MASTRONARDE 2002, p. 384.

Lepisodio di Egeo nella Medea

103

fedifrago e ingiusto il secondo. Entrambi, mariti di Medea, destinati a


essere, in un modo o nellaltro, manipolati da lei.
***
Come abbiamo gi accennato, basandosi su unassociazione certamente gi costituita tra Medea e Egeo, Euripide ha creato un episodio
mitico nuovo: lincontro a Corinto tra i due. Tale incontro ha, da un
punto di vista drammatico, diversi risvolti e funzioni, che abbiamo gi
avuto modo di passare in rassegna. Oltre alla funzione di contrasto rispetto a Giasone, preminente nella ragion dessere del personaggio,
Egeo svolge nella tragedia anche il ruolo del salvatore, in quanto garantisce a Medea la propria protezione per il futuro23 . La scena in cui
compare, di conseguenza, si pu inserire nel novero di quelle cosiddette di salvazione; questo ci aiuta nella sua interpretazione e ci permette di restringere il campo dei possibili paralleli. La caratteristica dellintervento di Egeo che salta subito agli occhi, creando perplessit, ,
come abbiamo visto, la comparsa improvvisa e non ben motivata del
personaggio. Se guardiamo al resto della produzione euripidea conservata, notiamo che anche altri salvatori compaiono senza alcun preavviso: nellAlcesti, Eracle, di passaggio verso la Tracia, giunge improvvisamente per chiedere ospitalit ad Admeto (vv. 476 ss.); nellAndromaca, Oreste, in viaggio per Dodona, si presenta inatteso ad Ermione
per salutarla (vv. 879 ss.). In entrambe le tragedie, cos come nella Medea, il futuro salvatore arriva allimprovviso, spinto da motivazioni
proprie, per poi decidere di compiere lazione soterica. Anche se la
struttura drammatica di ciascuna di queste tre tragedie molto diffe23

Questa funzione di Egeo stata espressamente richiamata da ERBSE 1966, pp. 120
133, e da SFYROERAS 1994, pp. 12542, che discute per lappunto gli aspetti tragicamente
ironici dellintervento di Egeo; di Egeo come saviour king parla DUNKLE 1969, pp. 105
106, che evidenzia per la diversit di comportamento tra questo re e quelli che agiscono da
salvatori in altre tragedie di Euripide. GARZYA 1962, p. 46, ritiene Egeo un salvatore non
allaltezza del ruolo e adduce a riprova i vv. 79899, dai quali, a suo avviso, emergerebbe che
Medea non pu aspettarsi nulla dalle promesse di Egeo. KOVACS 1993, pp. 58 ss., considera
Egeo soprattutto nella sua veste di salvatore, ritenendo Zeus responsabile del suo arrivo, in risposta alle invocazioni di Medea (un possibile coinvolgimento degli di non escluso da MASTRONARDE 2002, p. 282).

104

Lidia Di Giuseppe

rente dalle altre, possibile effettuare una comparazione tra le scene e,


pi in generale, le azioni di salvazione che coinvolgono Eracle, Egeo e
Oreste, rispettivamente in Alcesti, Medea e Andromaca. Dal raffronto
emerge, pur tra le diversit, una serie di tratti comuni, che permettono
di identificare delle scenetipo (soggette naturalmente a variazioni) e,
di conseguenza, una sorta di minipattern allinterno dellopera di
Euripide. Esaminiamo dunque questi punti di contatto.
a) Un personaggio sopraggiunge allimprovviso, senza che vi sia alcuna preparazione per il suo arrivo e senza essere atteso dagli altri personaggi. Una parziale eccezione lingresso di Eracle nellAlcesti, che
giunge inaspettato al Coro e ai personaggi, ma in qualche modo atteso
dal pubblico, preparato al suo intervento dalla profezia con cui Apollo
aveva chiuso il prologo (vv. 6569): Eppure tu dovrai cedere, pur essendo molto crudele24 : giunger alla casa di Ferete, inviato da Euristeo
per condurgli il cocchio equestre dalla Tracia dal clima rigido, un uomo
tale che, ospitato in questa casa di Admeto, ti strapper con la forza
questa donna. Lannuncio di Apollo costituisce s una forma di preparazione, ma, come osserva Hamilton 1978, pp. 277302, non viene enfatizzato dallautore, rimanendo privo di rilievo, sia perch cursorio,
sia perch Thanatos non gli d peso: chiaro che Euripide voleva che la
salvazione di Alcesti rimanesse in dubbio il pi a lungo possibile25 .
b) Il nuovo arrivato si impegna in uno scambio di battute col Coro
o con un altro personaggio, in cui spiega chi , da dove viene, dove
diretto e qual lo scopo del suo viaggio26 . Questo si configura come un
24

Questa traduzione presuppone che a v. 64 si conservi la lectio tradita pauvsh/ (lett. cesserai) come fa la maggior parte degli editori, a eccezione di Diggle, che accoglie invece
lemendamento di Schmidt, peivsh/ (obbedirai).
25
Secondo HALLERAN 1985, pp. 56 s., invece, Euripide intendeva rafforzare lattesa creata dalla profezia di Apollo preparando implicitamente lingresso di Eracle attraverso il canto
corale che lo precede (in particolare, i vv. 45559); Halleran (pp. 57 s.) ritiene di poter rilevare una preparazione implicita di questo tipo anche per larrivo di Egeo nella Medea, suggerito
dallo stasimo precedente (vv. 655662). Sembra significativo, tuttavia, che Euripide usi in
questi casi proprio forme di preparazione implicite e non altre, che pure aveva a disposizione. In questo senso, le analogie fra lAlcesti e la Medea sono senza dubbio rafforzate.
26
Come accade di frequente, queste informazioni sono fornite durante una sticomitia.
KOPPERSCHMIDT 1967, p. 133, sottolinea come esista un pattern comune a diverse tragedie

Lepisodio di Egeo nella Medea

105

iter verso una meta diversa dalla citt dove ambientata la tragedia,
per cui il personaggio soltanto un viaggiatore di passaggio: Eracle si
sta dirigendo in Tracia da Diomede per compiere una delle sue fatiche
(Alc. 6667 e 483), mentre Egeo si reca da Pitteo a Trezene per interpellarlo circa linterpretazione delloracolo ricevuto da Apollo (Med.
68385). NellAndromaca, Oreste, anche se alla fine della scena si scoprir che la sua reale intenzione era portar via Ermione per poi sposarla, al momento del suo arrivo spiega al Coro di essere in viaggio verso
Dodona per consultare loracolo di Zeus e di essersi fermato a Ftia per
salutare la cugina (vv. 88490).
c) Segue una scena di supplica, in cui un altro personaggio implora
quello appena giunto di intervenire in suo soccorso (Bittrhesis): nella
Medea, la protagonista prega Egeo di offrirle rifugio e protezione
quando partir in esilio da Corinto (vv. 709 ss.); nellAndromaca Ermione chiede a Oreste di portarla via da Ftia, per timore dellira di
Neottolemo (vv. 891 ss.). La situazione dellAlcesti in parte diversa,
perch Eracle decide autonomamente di salvare Alcesti, non appena
apprende della sua morte (vv. 837 ss.). Ancora una volta, si nota come
la struttura dellAlcesti tenda al rinvio dello scioglimento del nodo tragico: infatti, ai vv. 509550 Admeto interrompe il dialogo con Eracle,
invitando lospite a entrare in casa (v. 546) e facendo slittare lavvio
dellazione soterica al dialogo tra Eracle e il Servo, ai vv. 840 ss.27
euripidee, per cui allentrata del salvatore segue una sticomitia, interrotta da una Bittrhesis
(che viene introdotta da ajllav, perch di solito il nuovo arrivato nota la faccia triste dellaltro:
cos per es. in Alc. 512); la preghiera porta poi allazione di salvazione. Kopperschmidt (p. 133
n. 7) cita a esempio Med. 663 ss., Andr. 906 ss., Hec. 725 ss. (Ecuba e Agamennone), Suppl.
113 ss. (Adrasto e Teseo), Or. 380 ss. (Oreste e Menelao), IA 897 ss. (Clitemestra e Achille) e
HF 1229 ss. (Eracle e Teseo). Secondo HAMILTON 1978, p. 295 n. 49, questa struttura sarebbe riscontrabile solo negli interventi dei cosiddetti thirdparty saviours, quindi non nelle azione soteriche di Eracle nellEracle, Peleo nellAndromaca, Pilade nellOreste, giacch tutti questi salvatori sono coinvolti in prima persona nella vicenda drammatica.
27
Cfr. KOPPERSCHMIDT 1967, p. 133 n. 7. HAMILTON 1978, p. 295 n. 49, osserva che
solo nellAlcesti mancano Bittrhesis e conseguente azione salvifica, ma Kopperschmidt (p.
144) spiega questo col fatto che la swthriva non pu ancora aver luogo, perch il salvatore
non informato dei fatti. Hamilton, inoltre, osserva che il pubblico doveva essere indotto, sia
dallarrivo del salvatore che dalla faccia triste di Admeto, ad aspettarsi la Bittrhesis e il salvataggio di Alcesti, per cui le sue attese venivano parzialmente frustrate (questo assunto poggia
per sul presupposto, indimostrabile, che prima dellAlcesti lo schema della supplica individuato da Kopperschmidt fosse gi stato utilizzato).

106

Lidia Di Giuseppe

d) Il nuovo arrivato acconsente a prestare il suo aiuto e concorda una


linea dazione con il personaggio che si trova in difficolt: Eracle, dopo
aver manifestato al Servo la sua decisione di intervenire in favore di Alcesti, spiega anche il modo in cui intende agire (vv. 840 ss.)28 ; Egeo
promette a Medea asilo e protezione, a condizione che la donna trovi
da sola il modo di raggiungere Atene (vv. 719 ss.); Oreste acconsente a
ricondurre Ermione dal padre e poi la rassicura circa la possibile reazione di Neottolemo: questi non potr punirla, perch morir a Delfi,
vittima delle macchinazioni dello stesso Oreste (vv. 957 ss.).
Come si vede, si delinea un minipattern, una sottospecie nella
pi ampia categoria delle scene di salvazione, che potremmo definire
del salvatore di passaggio. Queste scene presentano alcune differenze rispetto alla pi comune struttura della supplicasalvazione, che si
articola, come ha evidenziato Kopperschmidt 1967, specialmente pp.
46 ss. e 52, sostanzialmente in tre fasi: fuga del supplice dal nemico,
sua preghiera (Bittrhesis) al possibile salvatore, confrontoscontro tra
salvatore e nemico. Naturalmente si tratta di una struttura di base, che
pu realizzarsi secondo modalit diverse da un dramma allaltro. In
Euripide capita anche che, proprio quando un personaggio si trova in
estrema difficolt e manifesta pi intensamente il suo desiderio di salvezza, proprio allora arrivi un salvatore, il cui aiuto si attendeva con ansia (per esempio, nellEracle, dove leroe torna giusto in tempo per salvare moglie e figli, o nello Ione, dove Apollo manda in aiuto di Creusa,
rifugiatasi presso il suo altare, la Pizia). Tuttavia, anche se laiuto giunge inaspettato, il salvatore comunque qualcuno che stato invocato in
soccorso precedentemente. Nei casi che stiamo prendendo in esame,
invece, manca la normale sequenza richiesta di aiutoentrata del
salvatore; al contrario, il salvatore arriva per caso, senza che nessuno,
in nessun momento dellazione, lo abbia invocato in suo soccorso. Inoltre, manca anche il confronto tra salvatore e nemico, inteso come scontro verbale tra i due: Egeo, infatti, parte senza aver visto altri che Medea; Oreste porta immediatamente via Ermione in assenza di Neotto28
chiaro che il Servo deve fare le veci del personaggio che si trova in difficolt, giacch Alcesti morta e Admeto, come osserveremo meglio nel seguito del discorso, in virt della caratterizzazione drammatica che Euripide ha voluto darne, non pu richiedere laiuto di Eracle.

Lepisodio di Egeo nella Medea

107

lemo, il quale muore vittima delle trame di Oreste senza mai essersi
trovato faccia a faccia con lui; Eracle, infine, si scontra s con Thanatos,
ma non in una contesa verbale, bens a livello fisico e dunque, ovviamente, non sulla scena. A tutto questo si pu aggiungere che, nelle nostre tre tragedie, il nemico non un cattivo, quale si incontra in altri
drammi, euripidei e non (per esempio, un Euristeo o un Lico). Non si
pu infatti inserire in un simile novero Creonte, che agisce per tutelare
gli interessi suoi e della figlia (a ragion veduta, come appare dagli esiti
del dramma), ma neppure Giasone, perch, se vero che nella prima
parte della Medea siamo portati a provare antipatia per lui, egli non
tuttavia uno spietato persecutore della protagonista, quanto piuttosto
un cinico egoista, che avrebbe voluto, in un primo momento, far rimanere Medea a Corinto, presumibilmente come amica (vv. 45556), e
poi, quando ella viene cacciata dalla citt, le offre dei contrassegni da
presentare ai suoi ospiti per trovare rifugio (vv. 610 ss.). Anche
nellAndromaca, Neottolemo, bench il suo ritorno sia tanto temuto
da Ermione (vv. 8089, 85657, 91920, 92528 e 990), non solo non
torner vivo a Ftia, ma non pu essere certamente considerato un acerrimo nemico della moglie29 . Ancora una volta, lAlcesti sembra costituire un caso a s, dato il modo in cui viene rappresentato Thanatos,
freddo e spietato; tuttavia, non si deve dimenticare che egli un dio,
quindi non includibile sic et simpliciter nella categoria dei malvagi, e
soprattutto svolge la funzione di rappresentare scenicamente la necessit tragica che si abbatte su Admeto.
Oltre allassenza di un cattivo nei nostri drammi, bisogna sottolineare il fatto che in Medea e Andromaca la scena di supplica che segue
lingresso del salvatore di passaggio corrisponde a una scena analoga occorsa in precedenza: nella Medea la supplica della protagonista a Creonte
perch la lasci rimanere a Corinto un giorno ancora (vv. 340 ss.),
nellAndromaca quella dellinfelice eroina nei confronti di Peleo, perch
sottragga lei e suo figlio allira di Ermione e Menelao (vv. 572 ss.).
NellAlcesti, pur trovando, come abbiamo gi osservato, unazione sal29

Ermione cade in preda al terrore del ritorno del marito, una volta fallito il tentativo di
eliminare Andromaca e Molosso, ma la sua paura ingiustificata, come sottolineato anche
dalla Nutrice, che a pi riprese cerca di sedare lestrema agitazione della sua pupilla, rassicurandola sul fatto che il marito la perdoner certamente (vv. 840 e 86973).

108

Lidia Di Giuseppe

vifica non preceduta da supplica, abbiamo ugualmente una reduplicazione nelle scene EracleAdmeto/EracleServo (vv. 476605 e 747860)30 .
Daltra parte, il pattern si presenta relativamente lasco, soggetto a
variazioni: le sue realizzazioni sono determinate dai diversi contesti
drammatici e presentano tra loro una serie di differenze. Da un punto
di vista funzionale, esso marca innanzitutto uno snodo cruciale nella vicenda tragica. Non a caso, lintervento del salvatore di passaggio ha
luogo sempre intorno alla met del dramma. In particolare, a proposito dellepisodio di Egeo stato sottolineato come anche la sua collocazione alla met della tragedia (nel III episodio) indichi che esso costituisce un punto di svolta: dopo il suo arrivo, infatti, Medea passa
allattuazione della sua vendetta31 . NellAlcesti le due scene con Eracle

30
La duplicazione della scena di supplica nella Medea risponde evidentemente
allesigenza di stabilire una simmetria nella successione delle strategie poste in atto da Medea
per assicurare il compimento della sua vendetta, nonch alla volont di Euripide di rappresentarla in posizione di superiorit intellettuale di fronte ai personaggi maschili con i quali entra
in contatto (dato sottolineato da MASTRONARDE 2002, p. 283). NellAndromaca, la seconda
scena di supplicasalvazione, se non da ritenere proprio una sorta di parodia della prima,
come vuole LLOYD 1994, p. 5, costituisce sicuramente una controparte ironica della scena
AndromacaPeleo, come suggeriscono alcuni echi linguistici tra i due passi (57273/892,
74849/891) e come, pi generalmente, si evince dalla struttura stessa della tragedia, giocata
su un complesso intrico di parallelismi e contrasti, spesso allinsegna dellironia tragica; cfr., oltre a LLOYD 1994, p. 5, VELLACOTT 1975, pp. 32 ss. (soprattutto pp. 3840, anche se
lanalisi delle implicazioni ironiche della scena OresteErmione lascia spazio a alcune perplessit); LEE 1975, pp. 416; BURNETT 1971, cap. 6, passim; STROHM 1957, pp. 11113. La
polarit supplicepersecutore ritenuta il filo conduttore della tragedia da KOPPERSCHMIDT
1967, pp. 17478, che dunque considera la supplica di Ermione a Oreste come lo specchio
dellinversione dei ruoli di vincitore e vinto: Ermione, che perseguitava Andromaca, schiava
della stirpe dei Troiani sconfitti, adesso si trova a supplicare essa stessa per la propria salvezza,
poich convinta che la posizione di Andromaca sia divenuta pi salda della sua. BURNETT
1971, pp. 144 ss., nota che, seppur siamo nellambito di una scena di salvazione, a fronte della normale disperazione delleroina, manca una vera ed estesa definizione della violenza che la
minaccia; inoltre, il cattivo, che non si vede in scena, cio Neottolemo, ha un carattere nobile e giusto, e questo significa che il salvataggio di Ermione da lui si configura gi in partenza
come unoperazione vana, sia eticamente che drammaticamente; infine, Oreste sa gi che Neottolemo morto o sta morendo, potrebbe rassicurare Ermione, ma non lo fa, lasciandosi
supplicare da lei, mentre in realt non ce n alcun bisogno. Il fatto che Neottolemo non sia
un vero malvagio emerge bene anche dal confronto con la prima scena di supplica, dove, a
differenza che nella seconda, troviamo due veri cattivi, Menelao e la stessa Ermione.
31
BUTTREY 1958, pp. 510, sottolineava la struttura tripartita della Medea, nella quale la
scena di Egeo funge da cerniera: al principio c una parte statica, nella quale le sofferenze di
Medea aumentano man mano, inducendo Coro e spettatori a provare simpatia per lei; al centro si trova lepisodio di Egeo; la terza parte dinamica ed caratterizzata dalle azioni violente

Lepisodio di Egeo nella Medea

109

occupano il centro della tragedia, incorniciando lincontro tra Admeto


e Ferete (vv. 614740)32 ; nellAndromaca, la scena tra Oreste ed Ermione separa la prima parte della tragedia, incentrata sulle minacce
contro Andromaca e il figlio sventate da Peleo, dalla seconda parte, il
cui perno la morte di Neottolemo, con tutte le sue conseguenze. In
tutti e tre i casi, dopo la scena (o le scene, per lAlcesti) in questione si
registra una svolta negli eventi drammatici: in seguito allintervento di
Eracle, Alcesti viene restituita a Admeto; subito dopo lincontro con
Egeo, Medea progetta esplicitamente lassassinio dei figli; larrivo di
Oreste apre la strada al finale luttuoso della tragedia, incentrato sulla
morte di Neottolemo. Dopo queste considerazioni, possiamo tornare a
esaminare la funzione delle entrate dei personaggi, osservando, di nuovo con Taplin 1977, p. 11, a questo proposito: movements are few and
important, and preparation for them makes a considerable contribution
toward the unity, economy and direction of the play. Taplin parla di
unity, economy and direction of the play: nei nostri tre casi, vediamo
che soprattutto la direzione (direction) del dramma a essere influenzata. Ma dobbiamo notare anche che questo tipo di entrata non preparata si riscontra altre volte in Euripide, cio, nelle Supplici, nellEracle,
nelle Troiane, nello Ione e nellOreste. In questi casi, per, non viene
modificata la direzione della tragedia, quanto piuttosto gli altri due aspetti segnalati da Taplin, lunit e leconomia del dramma. Questa differenza va senza dubbio connessa al fatto che, in tre di questi casi (Ifi ed
Evadne nelle Supplici, Menelao nelle Troiane, Pilade nellOreste), i personaggi che effettuano questo tipo di entrate non sono salvatori; Teseo
nellEracle e la Pizia nello Ione, invece, svolgono s unazione salvifica (rispettivamente a beneficio di Eracle e Creusa) che imprime una svolta
decisiva agli eventi, ma certamente non sono salvatori di passaggio e
intervengono verso la fine del dramma33 .
di Medea, che spostano le simpatie del pubblico verso Giasone. Le osservazioni di Buttrey
sulla centralit dellepisodio di Egeo sono in parte condivise da ERBSE 1966, pp. 129 s.
32
Sulla centralit, strutturale e tematica, delle scene in cui Eracle viene accolto da Admeto e
in cui apprende dal Servo la verit sulla morte di Alcesti, cfr. LLOYD 1985, p. 131 n. 36; parere
diverso sulla struttura della tragedia stato invece espresso da STROHM 1957, pp. 16668.
33
Sulle entrate dei personaggi in Euripide, preparate e non, si veda HALLERAN 1985, cap.
3 e 4; interessante anche lanalisi che lo studioso dedica alla scena tra Teseo e Eracle
nellEracle (pp. 9092) e allintervento della Pizia nello Ione (pp. 3637).

110

Lidia Di Giuseppe

Da questa breve rassegna delle entrate ex abrupto nella produzione


euripidea conservata, si pu osservare che tali ingressi si verificano perlopi allorch il poeta sta introducendo una versione diversa di un mito noto, o un elemento nuovo in una versione vulgata. Anche se non
sempre la nostra documentazione abbondante, abbiamo fondate ragioni per ritenere che proprio questo avvenga nei diversi casi presi in
esame. Per quel che riguarda lincontro di Egeo con Medea nellomonima tragedia, rimandiamo a quanto detto nelle pagine precedenti.
Nelle Supplici, la scena di Evadne e Ifi, che non attestata altrove,
con molta probabilit uninvenzione euripidea34 . Nelle Troiane, Menelao interviene con lintenzione di riportare Elena in Grecia per sottoporla al giudizio degli Argivi, diversamente da quanto accade nella
tradizione epica testimoniata dallOdissea (dove Elena semplicemente stata perdonata dal marito) e nella versione della Piccola Iliade (fr.
19 Bernab), presente anche in Ibico (PMG 296), Aristofane (Lys.
15556), nellAndromaca (vv. 62731) e nellOreste (vv. 742 e 1287)
dello stesso Euripide, secondo la quale Menelao, alla vista del seno della moglie, lascia cadere la spada e la riprende con s35 . Lintervento di
Pilade nellOreste, la generosa offerta di morire con lamico, costituisce
uno degli elementi nuovi di una trama tragica di per se stessa innovativa rispetto alla tradizione36 . Un discorso analogo vale per lo Ione e
di conseguenza per il ruolo svolto dalla Pizia nella vicenda , nella cui
trama probabile che si trovino delle invenzioni di Euripide37 .
34
Si veda in proposito COLLARD 1975, p. 8 e n. 26, e pp. 35455; il suicidio di Evadne fu
imitato da Quinto Smirneo (Posthomerica X 41189) nellepisodio della morte di Enone, che
si lancia sul rogo funebre di Paride.
35
BRILLANTE 2002, p. 105, accosta la soluzione euripidea delle Troiane al racconto di
Arctino di Mileto nellIliupersis, ipotizzando, sulla base del racconto di Proclo, Chrest. 239
Sev. (p. 88, 14 s. Bernab), che nel poema Menelao, dopo aver rinunciato a uccidere Elena
perch colpito dalla sua bellezza, la riconducesse alle navi rimandando la decisione sulla sua
sorte. Ma il riferimento di Proclo a questi fatti estremamente sintetico (Menevl ao~ de; ajneurw;n
Elevnhn ejpi; ta;~ nau`~ katavgei) e la questione rimane aperta.
36
Per quanto riguarda le Supplici, cfr. COLLARD 1975, vol. II, pp. 35455; per lOreste,
cfr. WILLINK 1986, pp. XXVIIIXXXV, e WEST 1987, pp. 2830.
37
La leggenda di Ione era piuttosto marginale nel patrimonio mitico dei Greci. Xuto, che
in Euripide il padre putativo delleroe, compare in Esiodo (fr. 9 M.W.), come fratello di
Doro ed Eolo, e in Erodoto (VIII 44, 2) come il vero padre di Ione; per Pausania (I 31, 3; II
14, 2 e VII 1, 5), Ione aveva combattuto al fianco degli Ateniesi contro gli Eleusini, coalizzati
con i Traci di Eumolpo: in Euripide, invece, questa impresa stata compiuta da Xuto, che ha
ricevuto come ricompensa la mano di Creusa e il trono di Atene. Inoltre, possibile che con

Lepisodio di Egeo nella Medea

111

Se dunque nelle tragedie sopra menzionate lingresso ex abrupto del


personaggio segnala la presenza di uninnovazione mitica, allora possiamo ipotizzare che questo accada anche in Alcesti e Andromaca, vieppi
se si considera il legame tra le due tragedie rappresentato dallutilizzo
dello stesso pattern del salvatore di passaggio in posizionechiave: si
tratterebbe, cio, di una situazione analoga a quella di altri drammi (entrata improvvisa = innovazione mitica), resa pi complicata dal fatto
che si tratta di un salvatore, dunque da enfatizzarsi particolarmente, attraverso luso del pattern che abbiamo visto, che viene utilizzato anche
nella Medea, dove c parimenti uninnovazione mitica38 . Questo potrebbe contribuire a gettare luce in particolare sullimpostazione della
trama dellAlcesti, aiutandoci a valutare meglio la portata delle novit
introdotte da Euripide nel trattamento del mito. La vicenda di Alcesti
fu portata sulla scena prima di Euripide solo da Frinico, con lo stesso titolo (come ci informa Esichio, a 1529). Sappiamo da Servio (ad Aen.
IV 694) che Frinico rappresent Thanatos che tagliava un ciuffo di capelli a Alcesti per consacrarla al mondo infero e presumiamo inoltre che
nel dramma fosse incluso anche linganno di Apollo ai danni delle
Moire39 . Tuttavia, dellAlcesti di Frinico si conservato un solo frammento (fr. 2 Sn. Kn.), relativo alla lotta tra due personaggi:
sw`ma d ajqambe;~ guiodovnhton
teivrei

Euripide siano comparsi la paternit divina di Ione e con essa lambientazione a Delfi e gli
elementi che con tale ambientazione sono connessi, in particolare il ruolo della Pizia
nellallevare il trovatello e nel permetterne il riconoscimento da parte di Creusa. Cfr. OWEN
1939, pp. IX ss., e P ELLEGRINO 2003, in particolare pp. 9396.
38
Nel caso dellAndromaca, sia il passaggio di Oreste per Ftia, che il suo coinvolgimento
nella morte di Neottolemo hanno ottime possibilit di essere uninvenzione di Euripide: nella
tradizione precedente (ma anche nellOreste euripideo, v. 1656), infatti, Neottolemo muore
per mano degli abitanti di Delfi, presso loracolo di Apollo, al quale era andato a chiedere
conto della morte del padre; a proposito del suo soggiorno a Ftia, inoltre, lo scolio a Andr.
885 ci avverte che, secondo Didimo, questa circostanza era falsa e non credibile: cfr. ALLAN
2000, pp. 24 ss.; LLOYD 1994, p. 2; S TEPHANOPOULOS 1980, pp. 6567; BURNETT 1971,
p. 145 (dove la studiosa osserva che Euripide ha reso la scena Ermione/Oreste persino fuori
dei contesti mitici stabiliti).
39
Questa deduzione appare motivata dai riferimenti allepisodio presenti sia in Aesch.
Eum. 723 ss. sia in Eur. Alc. 12, in entrambi i casi accenni cursori, che fanno pensare a una
storia gi nota al pubblico ateniese.

112

Lidia Di Giuseppe

Il frammento viene di solito interpretato come parte di una descrizione dello scontro tra Eracle e Thanatos, che dunque sarebbe stato
presente anche in Frinico40 : tuttavia, questo assunto basato solo sul
paragone con Euripide, come gi in passato alcuni critici hanno segnalato41 . Del mito prima di Euripide sappiamo poco, ma Lesky 1925
(un lavoro rimasto fondamentale) ha spiegato come la storia di Alcesti
derivi da un motivo favolisticopopolare, diffuso anche presso popoli
non greci e tuttora attestato in canti popolari, nella Germania del nord,
a Trapezunte e in Armenia: nel mito originario, la Morte si presentava
il giorno delle nozze a reclamare lo sposo, ma la sposa, per salvarlo, offriva la sua vita; allora, lo sposo combatteva con la Morte e recuperava
la sua amata. Il coinvolgimento di un terzo personaggio, Eracle, come
salvatore, uninnovazione successiva, ma non affatto certo che essa
fosse presente gi nellAlcesti di Frinico, su cui sappiamo cos poco da
dubitare anche se non fosse un dramma satiresco. Proprio le osservazioni condotte sinora a proposito del pattern del salvatore di passaggio sembrano costituire un elemento in favore della tesi che appunto
con Euripide il coinvolgimento di Eracle sia divenuto parte integrante
del mito. Se ipotizziamo, infatti, che, almeno per quanto riguarda la
tragedia, prima di Euripide Eracle non fosse coinvolto nella storia di
Admeto e Alcesti, troviamo una spiegazione non solo per lutilizzo del
pattern di cui abbiamo parlato, come modo per attirare lattenzione
del pubblico sullimportanza data al personaggio e al suo ruolo nella
vicenda, ma anche per la particolare impostazione della tragedia, dove
tanta parte ha la legge della necessit che si abbatte su Admeto, che
pu agire su di lui in modo pienamente tragico solo in quanto egli beneficia del sacrificio di Alcesti e non pu fare altro che accettarlo passivamente: Admeto non pu intervenire direttamente per salvare la mo40
Infatti, interpretando ajqambev~ come ajnaidev~, deduciamo che a portare lattacco deve
essere Eracle, che compie unazione simile a quella prospettata in Eur. Alc. 846 ss.; cfr. SNELL,
KANNICHT 1986, p. 73. Di questo parere la maggior parte dei critici, per es. WILAMOWITZ
1921, p. 93; D ALE 1954, pp. XIIXIV; LESKY 1956, p. 46; S TEPHANOPOULOS 1980, pp.
4748; BRILLANTE 2005, pp. 10 ss.
41
BERGK 1884, p. 498; EBELING 1898, pp. 7477; CONACHER 1967, pp. 332333 e
1988, pp. 30 ss.; KAPSOMENOS 1963, pp. 3536 nota che Euripide preannuncia lintervento
di Eracle nel prologo, attraverso lallusione di Apollo (vv. 65 ss.), come se fosse una soluzione
della vicenda nuova per gli spettatori.

Lepisodio di Egeo nella Medea

113

glie, come lo sposo della fiaba originaria; perci, perch Alcesti venga
salvata, necessario lintervento di un altro personaggio, che risolva la
vicenda e contemporaneamente permetta a Euripide di caratterizzare
Admeto secondo i suoi desideri42 . Nel buio quasi totale in cui ci muoviamo a proposito del trattamento del mito di Alcesti prima di Euripide, queste non possono che rimanere supposizioni, tuttavia in qualche misura confortate dallosservazione condotta sulla struttura delle
scene di supplica e sulla funzione drammatica, di primo piano, che Euripide sembra aver voluto riservare alla figura che abbiamo definito
salvatore di passaggio.

42

Il modo in cui la caratterizzazione di Admeto influenza la struttura dellintero dramma


stato efficacemente posto in rilievo da BRILLANTE 2005, pp. 946.

114

Lidia Di Giuseppe

Bibliografia
ALION 1986

R. Alion, Quelques grands mythes hroques dans luvre dEuripide, Paris 1986.

ALBINI 1970/71

A. Albini, Divagazioni su una scena della Medea di Euripide, SCO 19/20, 1970/71, pp. 3239.

ALLAN 2000

W. Allan, The Andromache and euripidean tragedy, Oxford 2000.

BERGK 1884

T. Bergk, Griechische Literaturgeschichte, vol. III, Berlin


1884.

BERNAB 1987

A. Bernab, Poetarum Epicorum Graecorum Testimonia


et Fragmenta, vol. I, Leipzig 1987.

BETTINI, BRILLANTE 2002 M. Bettini, C. Brillante, Il mito di Elena. Immagini e racconti dalla Grecia ad oggi, Torino 2002.
BRILLANTE 2005

C. Brillante, LAlcesti di Euripide: il personaggio di Admeto e la struttura del dramma, MD 54, 2005, pp. 946.

BURNETT 1971

A. P. Burnett, Catastrophe survived, Oxford 1971.

BUTTREY 1958

T. V. Buttrey, Accident and design in Euripides Medea,


AJPh 79, 1958, pp. 117.

COLLARD 1975

C. Collard, Euripides. Supplices, Groningen 1975.

CONACHER 1967

D. J. Conacher, Euripidean Drama, Toronto 1967.

CONACHER 1988

D. J. Conacher, Euripides. Alcestis, Warminster 1988.

CROPP, FICK 1985

M. Cropp, G. Fick, Resolutions and chronology in Euripides. The fragmentary tragedies, BICS suppl. 43,
London 1985.

DALE 1954

A. M. Dale, Euripides. Alcestis, Oxford 1954.

DAVIES 2005

M. Davies, New light on the Aegeus episode in Euripides


Medea, Prometheus 2005, pp. 151156.

Lepisodio di Egeo nella Medea

115

DIGGLE 19871994

J. Diggle, Euripidis fabulae, Oxonii 19871994.

DUNKLE 1969

J. R. Dunkle, The Aegeus episode and the theme of Euripides Medea, TAPhA 100, 1969, pp. 97107.

EBELING 1898

H. L. Ebeling, The Admetus of Euripides viewed in relation


to the Admetus of tradition, TAPhA 29, 1898, pp. 6585.

ERBSE 1966

H. Erbse, ber die Aigeusszene der euripideischen Medea, WS 79, 1966, pp. 120133.

GALLAVOTTI 1999

C. Gallavotti, Aristotele. Dellarte poetica, Milano 19999.

GARZYA 1962

A. Garzya, Pensiero e tecnica drammatica in Euripide,


Napoli 1962.

GOULD 1973

J. Gould, Hiketeia, JHS 93, 1973, pp. 74103.

HALLERAN 1985

M. Halleran, The Stagecraft of Euripides, Totowa [New


Jersey] 1985.

HAMILTON 1978

R. Hamilton, Prologue prophecy and plot in four plays of


Euripides, AJPh 99, 1978, pp. 277302.

HUNTER 1989

R. L. Hunter, Apollonius of Rhodes. Argonautica book


III, Cambridge 1989.

J OUAN, VAN LOOY 1998

F. Jouan, H. van Looy, Euripide (Tome VIII, 1re partie).


Fragments. AigeusAutolikos, Paris 1998.

KAPSOMENOS 1963

S. G. Kapsomenos, Sophokles Trachinierinnen und ihr


Vorbild, Athen 1963.

KITTO 1950

H. D. F. Kitto, Greek tragedy, London 1950.

KOPPERSCHMIDT 1967

J. Kopperschmidt, Die Hikesie als dramatische Form,


diss. Tbingen 1967.

KOVACS 1993

D. Kovacs, Zeus in Euripides Medea, AJPh 114, 1993,


pp. 4570.

LACEY 1968

W. K. Lacey, The family in classical Greece, IthacaNew


York 1968.

116

Lidia Di Giuseppe

LEE 1975

K. H. Lee, Euripides Andromache: observations on form


and meaning, Antichton 9, 1975, pp. 416.

LESKY 1925

A. Lesky, Alkestis, der Mythus und das Drama, SBAW


Phil.hist. Kl. 203/2, 1925, pp. 186.

LESKY 1956

A. Lesky, Die tragische Dichtung der Hellenen, Gttingen


1956.

LLOYD 1985

M. Lloyd, EuripidesAlcestis, G & R 32, 1985, pp.


119131.

LLOYD 1994

M. Lloyd, Euripides. Andromache, Warminster 1994.

MASTRONARDE 2002

D. J. Mastronarde, Euripides. Medea, Cambridge 2002.

MLLER 2001

M. Mller, The language of reciprocity in Euripides Medea, AJPh 122, 2001, pp. 471504.

OWEN 1939

A. S. Owen, Euripides. Ion, Oxford 1939.

PAGE 1964

D. L. Page, Euripides. Medea, Oxford 1964.

PELLEGRINO 2003

M. Pellegrino, Nel segno degli antenati: Ione 11631165,


in O. Vox (a cura di), Ricerche euripidee, Lecce 2003, pp.
93114.

POHLENZ 1961

M. Pohlenz, La tragedia greca, ed. it. Brescia 1961.

SCHLESINGER 1966

E. Schlesinger, Zu Euripides Medea, Hermes 94,


1966, pp. 2653.

SCHMID 1940

W. Schmid, O. Sthlin, Geschichte der griechischen Literatur, I 3, 1, Mnchen 1940.

SERVADEI 2005

C. Servadei, La figura di Theseus nella ceramica attica,


Bologna 2005.

SFYROREAS 1994

P. Sfyroreas, The ironies of salvation: the Aigeus scene in


Euripides Medea, CJ 90, 1994, pp. 12542.

SHEFTON 1956

B. B. Shefton, Medea at Marathon, AJA 60, 1956, pp.


15963.

Lepisodio di Egeo nella Medea

117

SNELL, KANNICHT 1986

B. Snell, R. Kannicht, Tragicorum Graecorum Fragmenta,


I, Gttingen 1986.

SOURVINOUINWOOD

C. SourvinouInwood, Theseus as son and stepson. A


1979 tentative illustration of greek mithological mentality, BICS suppl. 40, London 1979.

STEPHANOPOULOS 1980

T. K. Stephanopoulos, Umgestaltung der Mythos durch


Euripides, Athens 1980.

STROHM 1957

H. S. Strohm, Euripides. Interpretationen zur dramatischen Form, Mnchen 1957.

TAPLIN 1977

O. Taplin, The stagecraft of Aeschylus, Oxford 1977.

VELLACOTT 1975

P. Vellacott, Ironic drama. A study of Euripides method


and meaning, Cambridge 1975.

VERNANT 1981

J. P. Vernant, Mito e societ nellantica Grecia, ed. ital.


Torino 1981.

WEBSTER 1965

T. B. L. Webster, A note on the date of Euripides Aigeus,


AC 34, 1965, pp. 51920.

WEBSTER 1966

T. B. L. Webster, Chronological notes on Euripides,


WS 79, 1966, pp. 11220.

WEBSTER 1967

T. B. L. Webster, The tragedies of Euripides, London


1967.

WEST 1987

M. L. West, Euripides. Orestes, Warminster 1987.

VON W ILAMOWITZ

MLLENDORFF 1921

U. von WilamowitzMllendorff, Einleitung in die grie


chische Tragdie, 3, Berlin 1921 (ristampa anastatica
delled. del 1889).

WILLINK 1986

C. W. Willink, Euripides. Orestes, Oxford 1986.