Sei sulla pagina 1di 2

Capitolo 9

La gestione finanziaria: liquidit, tesoreria, rischio di liquidit


1. INTRODUZIONE
La gestione finaziaria della banca ha caratteristiche comuni a quelle di ogni
altra impresa e caratteristiche proprie.
Come impresa, la finanza della banca riconduce ai canoni consolidati di
gestione che le sono propri:
Ottimizzazione della struttura finanziaria aziendale
Monitoraggio e controllo dei flussi finanziari
Come intermediario finanziario, la finanza della banca ha il suo centro nella
continua ricerca dellequilibrio tra entrate e uscite nel tempo, attraverso:
La gestione quotidiana del loro saldo di <<cassa>> (gestione della
tesoreria)
Lanalisi degli impatti sulla liquidit che traggono origine dalle operazioni
bancarie e dalle loro politiche di gestione (gestione della liquidit)
La misurazione e la gestione del rischio di liquidit
I modelli operativi della gestione bancaria e i tratti portanti dei sistemi
finanziari in cui le banche sono presenti incidono fortemente sulla gestione
della liquidit e del suo rischio.
Contesti tradizionali, caratterizzati da:
Raccolta bancaria tendenzialmente stabile
Impieghi bancari erogati e tenuti in portafoglio fino a scadenza
In essi il rischio di liquidit scaturisce da:
Comportamenti inattesi della clientela
Soluzione:
Utilizzo di riserve di liquidit
Cessione sul mercato di attivit liquidabili
Indebitamento verso altra banche
Ricorso al credito di ultima istanza della Banca Centrale
Contesti innovativi, risultato della globalizzazione della finanza, sono
caratterizzati da:
Forte compenetrazione tra banche, altri intermediari e mercati finanziari
Nuovi modelli operativi di gestione delle banche
Raccolta bancaria meno stabile sia per lintero sistema bancario che per
la singola banca, a causa di:
o Maggiore competizione tra le banche

o Concorrenza dei nuovi strumenti di investimento


sui mercati
Gli impieghi tendono a non restare nel portafoglio della banca che li ha
erogati ma vengono cartolarizzati e trasferiti ad altri intermediari e
investitori.

In essi il rischio di liquidit:


accresce la sua attitudine ad esprimersi come rischio sistemico, ossia
relativo non pi ad una o pi banche finanziariamente in squilibrio ma al
sistema bancario e finanziario nel suo insieme

CRISI FINANZIARIE
GENERALIZZATE
pu aggravarsi nel caso in cui, per le singole banche:
o le politiche di gestione dellattivo si sostanzino in:
finaziamenti accordati a clientala non primaria
investimenti in attivit finanzarie di difficile smobilizzo
i valori delle attivit siano soggetti a forti variazioni nel tempo
in funzione dei relativi andamenti del mercato
impieghi siano a favore di intermediari finanziari non in grado
di rispettare a scadenza gli obblighi di rimborso
o le politiche di gestione del passivo riguardino:
raccolta di fondi in misura significativa sui mercati e non presso
la clientela, con conseguente difficolt di rinnovo in mercati
in crisi

2. LA GESTIONE FINANZIARIA DELLA BANCA: UN PRIMO QUADRO DINSIEME


\