Sei sulla pagina 1di 10

Capitolo 11 Laggressivit

1. Che cos laggressivit


Si definisce azione aggressiva il comportamento intenzionale volto a
provocare un dolore fisico o psicologico.
Unaltra utile distinzione quella tra:
aggressivit ostile: risultato della rabbia, lunico scopo infliggere
dolore o danno
aggressivit strumentale: lintenzione di far del male un mezzo per
raggiungere uno scopo

1.1 Laggressivit innata o viene appresa?


Il

dibattito

ancora

aperto

sulla

natura

istintuale

appresa

dellaggressivit. Freud teorizz la presenza di un istinto vitale (Eros) e di


un istinto di morte (Thanatos) che provoca laggressivit. E questa energia
negativa deve trovare sfogo, altrimenti si giunge alla malattia. Per Freud la
societ fondamentale per aiutare lindividuo a sublimare listinto e
volgere lenergia distruttiva verso un comportamento accettabile o utile.

1.2 Laggressivit istintuale, situazionale o opzionale?


Le ricerche sulle presunte origini istintuali dellaggressivit sono condotte
in larga parte sugli animali. I risultati sono molto controversi, e comunque
non sono ancora emerse prove decisive a favore di questa ipotesi. Sembra
che laggressivit si sia evoluta e mantenuta in funzione del suo alto
valore di sopravvivenza, ma contemporaneamente gli organismi hanno

sviluppato

meccanismi

inibitori

che

permettono

di

sopprimere

laggressivit quando un comportamento pi vantaggioso possibile.


Quindi laggressivit sembra essere condizionata dallesperienza e
dal contesto sociale.

1.3 Laggressivit nelle diverse culture


La situazione sociale, quando si tratta del comportamento degli esseri
umani, assume un importanza maggiore. I pattern innati sono flessibili e
suscettibili di infinite modificazioni. E questo dimostrato dalla diversit
che le culture umane presentano nel loro grado di aggressivit.
E quindi evidente che il comportamento aggressivo pu essere
modificato, e questo motivo fondamentale di interesse per gli psicologi
sociali.

2. Le cause biochimiche e neuronali dellaggressivit e la


loro influenza
Una struttura particolare del cervello, lamigdala, sembra essere in grado
di controllare laggressivit sia negli esseri umani che negli animali. Anche
qui per c una certa flessibilit: leffetto dello stimolo neuronale pu
essere attenuato da fattori sociali.
Alcune sostanze chimiche influenzano laggressivit. La serotonina, un
neurotrasmettitore, sembra avere un effetto inibitorio. E naturalmente
anche alcuni farmaci hanno effetti in questo senso. Ad es. il testosterone
produce un aumento di aggressivit, sia tra gli uomini che tra le donne.

2.1 Aggressivit e genere

Se il livello di testosterone condiziona laggressivit, se ne deduce che le


donne sono generalmente meno aggressive degli uomini. Le donne
hanno comunque modi diversi di manifestare la propria aggressivit, e le
differenze di genere si attenuano in presenza di provocazione.
La base biologica del comportamento meno aggressivo delle donne
sembra essere confermato dalle ricerche, che hanno dimostrato che,
nonostante i cambiamenti sociali avvenuti in tempi recenti nella
condizione femminile, non si riscontrato un aumento corrispondente dei
crimini violenti commessi da donne.
Queste differenze dovute al sesso sono praticamente universali. La cultura
influisce, ma non cancella il divario.

2.2 Lalcol e laggressivit


Com noto, lalcol tende ad abbassare le inibizioni contro la
manifestazione

di

comportamenti

vietati

dalla

societ,

tra

cui

laggressivit. Il legame noto agli studiosi: chi gi tendente alla


violenza, lo diventer ancora di pi sotto leffetto dellalcol.

2.3 Gli effetti del dolore e del malessere sullaggressivit


E dimostrato che il dolore, o altre forme di malessere fisico come il caldo,
lumidit, linquinamento, possono abbassare la soglia del comportamento
aggressivo.

3. Le cause situazionali che portano allaggressivit

3.1 Frustrazione e aggressivit


Un individuo avverte frustrazione quando sente interrotto il cammino
verso un obiettivo o una gratificazione che si aspetta. Questo spesso porta
allaggressivit.
Vi sono diversi fattori che possono accentuare la frustrazione e aumentare
la possibilit di una reazione aggressiva. Ad esempio, la vicinanza allo
scopo o allobiettivo dei nostri desideri. Maggiore la vicinanza, maggiore la
frustrazione e quindi pi probabile la reazione.
Laggressivit aumenta anche quando la frustrazione inaspettata.
Naturalmente la reazione aggressiva si verifica quando anche le condizioni
situazionali sono favorevoli. Fattori importanti sono le caratteristiche di chi
provoca la frustrazione, e la nostra capacit di reagire efficacemente.
Inoltre,

se

la

frustrazione

appare

comprensibile,

legittima

non

intenzionale, non vi sar probabilmente reazione aggressiva.


Anche il livello di aspettativa importante: la frustrazione non causata
dalla deprivazione, ma dalla deprivazione relativa, ovvero la sensazione di
avere meno di quanto pensiamo di meritare.

3.2 Provocare direttamente e rispondere per le rime


Un altro fattore scatenante dellaggressivit il bisogno di rispondere a
una provocazione rappresentata dal comportamento aggressivo di
unaltra persona. Anche qui naturalmente conta lintenzionalit della
provocazione, nonch le eventuali circostanze attenuanti , che per
devono essere note al momento della provocazione.

3.3 Il ruolo degli oggetti aggressivi

La semplice presenza di uno stimolo aggressivo, un oggetto normalmente


associato

con

laggressivit,

pu

aumentare

la

probabilit

di

un

comportamento aggressivo. La diffusione delle armi quindi in grado di


far aumentare il tasso di violenza. E questo stato dimostrato in
numerose ricerche ed esperimenti.

3.4 Limitazione e laggressivit


Una causa fondamentale dellaggressivit la presenza di altre
persone che si comportano in maniera aggressiva,. Questo vero
soprattutto per i bambini, e specialmente quando avvertono che
laggressivit viene compensata (ad esempio negli sport violenti).
E un fatto che una grande percentuale di genitori che maltrattano i loro
bambini sono stati a loro volta maltrattati dai loro genitori (teoria
dellapprendimento sociale). E non una questione genetica, come
hanno dimostrato gli esperimenti di laboratorio.

3.5 Gli effetti della violenza nei media


Numerosi studi indicano che maggiore la quantit di violenza che gli
individui vedono in televisione da bambini, maggiore la violenza che
mostreranno una volta diventati adolescenti e adulti.
Naturalmente la violenza in televisione ha un impatto ancora maggiore sui
giovani che sono gi in qualche modo inclini al comportamento violento,
ma anche per quelli meno aggressivi la prolungata esposizione pu
portare ad un aumento significativo dellaggressivit.
Bisogna anche tenere conto che la quantit di violenza proposta dalla
televisione tale che gli effetti rilevati potrebbero anche solo essere

dovuti al fenomeno del priming.


Le stesse conseguenze sembrano essere provocate dai videogiochi
violenti.
I bambini e i giovani in generale sono i pi sensibili e influenzabili, ma gli
effetti della violenza dei media si riscontrano anche negli adulti.
Inoltre, sembra che lesposizione continua ad eventi violenti produca un
effetto mitigante sulla nostra sensibilit, fino ad aumentare la soglia di
tollerabilit della violenza nel mondo reale.
Esistono in conclusione quattro ragioni distinte per cui lesposizione alla
violenza nei media aumenta laggressivit:
4.
1.

Se lo fanno loro , posso farlo anchio: indebolimento delle


inibizioni

2.

Ma allora cos che si fa: imitazione

3.

Forse sto avvertendo delle sensazioni di aggressivit: priming,


interpretazione errata delle proprie sensazioni

4.

Un

altro

scontro

brutale:

cosa

sullaltro

canale?:

diminuzione del senso di orrore e di commiserazione


verso le vittime

3.6 La violenza aiuta a vendere?


Gli spettacoli violenti in televisione sembrano essere graditi dal pubblico.
E quindi il messaggio per i pubblicitari e i produttori che la violenza
aiuta a vendere.
E stato per dimostrato che le persone che guardano spettacoli violenti
non ricordano facilmente le marche pubblicizzate durante il programma.

Forse i pubblicitari dovrebbero rivedere le proprie strategie.

3.7 La pornografia e la violenza contro le donne


Negli USA negli ultimi quaranta anni i casi di stupro e violenza sulle donne
sono quadruplicati.
Una delle possibili spiegazioni risiede nei copioni sessuali che gli
adolescenti apprendono quando crescono fino a raggiungere la maturit
sessuale. Questi comportamenti, appresi implicitamente dalla nostra
cultura, fanno pensare che il ruolo delle donne sia quello di resistere alle
avance sessuali, e che quello delluomo sia di persistere.
Un altro dato che fa pensare che laumento degli stupri ha coinciso con
la sempre maggiore disponibilit di materiale pornografico. Gli studi hanno
per dimostrato che non esiste correlazione tra questo materiale e i
crimini a sfondo sessuale. Esiste per a quanto pare un collegamento tra
la pornografia violenta e una maggiore accettazione della violenza
sessuale nei riguardi delle donne.

4. Come ridurre laggressivit


4.1 Punire laggressivit riduce il comportamento aggressivo?
La punizione, in caso di comportamento aggressivo, pu avere un effetto
controproducente, essendo anchessa un atto di aggressivit. E questo
dimostrato dai casi frequenti di bambini con genitori aggressivi e punitivi
che diventano violenti da adulti.
Come si gi visto in precedenza, inoltre, la punizione severa spesso
aumenta lattrazione verso il comportamento proibito, mentre una
punizione

pi

leggera

spesso

porta

abbandonare il comportamento stesso.

allautogiustificazione

ad

Per gli adulti il discorso si fa pi complesso. Quasi tutti i sistemi giudiziari


comportano pene severe come deterrente contro i crimini violenti. Gli
studi hanno per dimostrato che lefficacia della pena condizionata
dalla sua applicazione rapida e certa. E questo nel mondo reale non
avviene quasi mai.
E le statistiche confermano questa ipotesi: le pene severe non
sembrano scoraggiare i crimini violenti, meno che mai la pena di
morte.

4.2 Catarsi e aggressivit


E opinione comune che fare qualcosa di aggressivo riduca i propri
sentimenti aggressivi. Si tratta di una semplificazione eccessiva del
concetto di catarsi proprio della psicoanalisi.
In realt le ricerche smentiscono il luogo comune: n svolgere attivit
sportive

violente,

guardare

spettacoli

violenti,

compiere

direttamente atti aggressivi ha leffetto di diminuire laggressivit. Anzi,


pare che gli effetti siano esattamente opposti. Questo in quanto l'aver gi
manifestato la nostra aggressivit rende pi facile ripetere lazione, che ci
appare maggiormente legittimata. Inoltre, commettere un atto di aperta
aggressivit verso una persona cambia i propri sentimenti verso di essa,
aumentando quelli negativi, e aumentando la probabilit di ripetere il
comportamento violento in futuro. E il noto effetto della riduzione della
dissonanza cognitiva, che produce conseguenze tragiche anche negli
eventi bellici.

4.3 Gli effetti della guerra sullaggressivit generale


Quando una nazione in guerra, anche la popolazione non combattente

diventa pi incline a commettere azioni aggressive. Le statistiche lo


dimostrano. Si tratta in realt di un gigantesco effetto televisivo di
violenza di massa, che produce indebolimento delle inibizioni, conduce
allimitazione dellaggressivit, riduce la nostra sensibilit verso lorrore. E
ci fa credere che i problemi complessi si possano risolvere con la violenza.

Se la violenza conduce allautogiustificazione, che a sua volta produce


altra violenza, ci si chiede se non dovremmo reprimere i nostri sentimenti
di rabbia.
In realt, provare rabbia una cosa completamente normale, e non
comporta necessariamente la manifestazione di comportamenti violenti.
Si possono trovare modi di esprimerla in maniera non aggressiva,
soprattutto comunicando i propri sentimenti alla controparte, e cercando
di raggiungere una maggiore comprensione della situazione.
Gli effetti positivi dellaprirsi non sono dovuti semplicemente allo sfogare i
sentimenti, ma anche ad una consapevolezza di s che normalmente
accompagna questa apertura.
Un modo efficace per ridurre laggressivit provata da unaltra persona
intraprendere qualche azione volta a diminuire la rabbia e la
frustrazione che ne sono state le cause. Se chi causa della frustrazione
si assume le proprie responsabilit e chiede scusa, il comportamento
aggressivo probabilmente non si manifester.
Anche il fenomeno dellimitazione pu essere sfruttato in senso positivo:
se si mostrano ai bambini esempi di persone che reagiscono in
maniera non aggressiva, educata e controllata, ci saranno maggiori
probabilit che essi si comportino nella stessa maniera in situazioni di
provocazione.
Nella maggior parte delle societ, sono le persone cui mancano adeguate
capacit sociali a essere pi inclini alle soluzioni violente dei problemi

interpersonali.

Occorre

quindi

insegnare

alle

persone

come

comunicare la loro rabbia e le loro critiche in maniera costruttiva, come


condurre negoziati e arrivare a compromessi, come tenere conto di pi dei
bisogni e desideri altrui, ecc.
Dato che una delle pi potenti giustificazioni alla violenza la
disumanizzazione

delle

vittime,

uno

dei

mezzi

fondamentali

per

combattere laggressivit cercare di sviluppare lempatia tra le


persone.