Sei sulla pagina 1di 23

Il romanzo europeo tra

Settecento e Ottocento

Lezioni d'Autore

Seconda met del 700: cambia la scrittura


e il mercato editoriale
Lo scrittore non si rivolge pi a una lite
ristretta di letterati: i suoi lettori sono
uomini (e donne) sconosciuti, che
svolgono attivit lavorative diverse e che si
avvicinano alla letteratura per svago o
per accrescere le proprie conoscenze.
Il romanzo lega alla borghesia la sua
affermazione, il suo sviluppo e la sua
caratterizzazione (Hegel definir il romanzo
moderno come lepopea della societ
borghese)

Prima met dell800: il prodotto editoriale


Nelle aree pi industrializzate dellEuropa
(Francia, Inghilterra, area germanica e parte
dellItalia del nord):
Leditoria si trasforma da attivit
artigianale in impresa capitalistica.
Il prodotto letterario acquistabile, ha
un preciso valore di mercato sempre pi
determinato e orientato dai gusti e dalle
aspettative del pubblico.

Prima met dell800: il nuovo pubblico


Il pubblico richiede:
- trame complesse e avvincenti
- eroi ed eroine appassionanti
- un linguaggio vicino alla lingua duso.
Il romanzo, e in particolare il romanzo
storico, si presta a soddisfare gli interessi
di questo tipo di pubblico.

Leditore come promotore culturale


Leditore-imprenditore anche un promotore
culturale e le sue scelte determinano cosa
far circolare sul mercato, orientando cos
a sua volta i gusti del pubblico.
Inoltre, i costi di produzione sempre pi bassi
attirano categorie pi ampie di lettori,
diffondendo istruzione e interesse che a
sua volta crea nuove fette di mercato.

Il romanzo epistolare
Rousseau, Nouvelle Hlose (1761)
Goethe, I dolori del giovane Werther
(1774)
Attraverso la confessione epistolare
Spostamento della focalizzazione
narrativa sul protagonista (anticipa
lindividualismo romantico).

Il Bildungsroman
Goethe, Gli anni di apprendistato di
Wilhelm Meister (1796)
Un nuovo schema narrativo, il
Bildungsroman ovvero romanzo di
formazione.
Levoluzione del protagonista come
maturazione attraverso il rapporto dialettico e
costruttivo con la realt circostante.
Una esperienza individuale della costruzione
della personalit, intesa come fenomeno in
divenire; caratterizzer unampia fetta della
produzione narrativa dall800 ai giorni nostri.

Il romanzo storico tra 600 e 700


Romanzi con ambientazione e personaggi
storici in cui la Storia ha unicamente la
funzione di sfondo esotico su cui si
muovono personaggi con caratteri e
mentalit coeve a quelle dellautore.

Swift Voltaire e Diderot


Nel 700 grandi romanzi realistico-sociali e
romanzi satirici di Swift, Voltaire e
Diderot che, pur ambientando le vicende
in tempi e in luoghi indeterminati,
rispecchiano i tratti essenziali della
Francia e dellInghilterra dellepoca.

Il Romanticismo e il valore della Storia


Con il Romanticismo la Storia assume un
ruolo peculiare allinterno della
realizzazione dello spirito nazionale.
Le vicende sono ambientate in unepoca
storica passata (Medioevo, Rinascimento,
prima met del XVIII sec.) i cui eventi
storici reali fanno da sfondo alle vicende
dei protagonisti, che sono invece
personaggi di fantasia. Questa prospettiva
permette allautore di mettere meglio a fuoco
la mentalit, i costumi, il modo di vivere di
una determinata societ.

Walter Scott
Il romanzo storico
inaugurato in Inghilterra
nel 1814 dal Waverley
di Walter Scott che
sviluppa il genere in
decine di opere, tra cui
Rob Roy (1818) e
Ivanhoe (1820).

Walter Scott

Le opere di Scott ebbero una enorme fortuna


editoriale.
Contribuirono alla diffusione di alcuni motivi
propri di un certo Romanticismo: il senso
della Storia come fondatrice dello spirito
nazionale, il gusto per il pittoresco, il
fascino del Medioevo e diversi ingredienti
narrativi propri dellestetica del gotico.

La fortuna del romanzo storico l800


(1/2)
Alessandro Manzoni, I promessi sposi,
pubblicato nel 1827 e successivamente nel
1840, tratta vicende che si svolgono tra il
1628 e il 1630.
Aleksandr Sergeevi Pukin, La figlia del
capitano, scritto nel 1836, ambientato
nella Russia di fine 700 durante il regno di
Caterina II.
Alexandre Dumas padre, I tre
moschettieri, pubblicato nel 1844,
ambientato nella Francia del XVII secolo.

La fortuna del romanzo storico l800


(2/2)
Victor Hugo, I miserabili, pubblicato nel
1862, ambientato tra il 1815 e il 1833.
Lev Nikolaevi Tolstoj, Guerra e Pace,
pubblicato tra il 1865 e il 1869, ambientato
nella Russia zarista e durante le guerre
napoleoniche tra il 1805 e il 1820.
Ippolito Nievo, Le confessioni di un
italiano, scritto nel 1867, tratta vicende che
si svolgono nellItalia risorgimentale tra il 1820
e il 1849.

La fortuna del romanzo storico il 900


- I vecchi e i giovani di Luigi Pirandello,
scritto nel 1913, tratta vicende che si
svolgono durante la rivolta dei fasci siciliani
del 1893.
- Il gattopardo di Giuseppe Tomasi di
Lampedusa, scritto nel 1958, tratta vicende
che si svolgono tra limpresa dei Mille del 1860
e la successiva annessione al Regno dItalia,
fino al 1910.
- La storia di Elsa Morante, pubblicato nel
1974, ambientato a Roma, durante la
Seconda guerra mondiale e loccupazione
tedesca tra il 1941 e il 1947.

La fortuna del romanzo storico dal 900 a


oggi
Umberto Eco, Il nome della rosa, scritto
nel 1980, ambientato in un monastero
benedettino dellItalia settentrionale, nel
1327.
Andrea Camilleri, Il birraio di Preston,
pubblicato nel 1995, ambientato a
Caltanissetta, nella Sicilia postunitaria del
1865.
Collettivo di scrittori Wu Ming, Larmata dei
sonnambuli, pubblicato nel 2014, tratta
vicende che si svolgono durante il periodo del
Terrore in Francia dal 1793 al 1795.

Il romanzo realistico contemporaneo


Nel secondo decennio del XIX secolo, in
Francia si delinea il romanzo realistico che
focalizza lattenzione sul mondo
contemporaneo e sul rapporto tra la societ e
lindividuo.
Inaugurano questa corrente Stendhal e
Honor de Balzac.

Il romanzo realistico: elementi


caratteristici
La rappresentazione della societ
contemporanea in tutti i suoi aspetti;
La collocazione dei personaggi in un preciso
contesto sociale;
Il carattere non eroico, ma comune e
ordinario dei personaggi;
La descrizione molto accurata dellambiente,
delle situazioni e dei personaggi;
La narrazione oggettiva

Il realismo nella narrativa moderna


Interpretando il termine realismo come
attitudine a rappresentare la realt esterna in
modo articolato, concreto e, possibilmente,
oggettivo, il filone codificato nella prima met
del XIX secolo giunto fino ai giorni nostri
attraverso grandi esperienze letterarie:
- nella seconda met dellOttocento con il
Naturalismo in Francia e il Verismo in Italia,
- con la grande stagione del realismo russo,
- nel secondo dopoguerra nuovamente in Italia
con il Neorealismo.

FINE

Lezioni d'Autore