Sei sulla pagina 1di 2

Matematica mesopotamica o babilonese Sfondo storico della Mesopotamia Col termine babilonese ci si riferisce alle popolazioni che vissero

tra il Tigri e lEufrate, regione nota come Mesopotamia (odierna Iraq). Sumeri (4000 a.C. circa) Occupavano il territorio chiamato Sumeria e la loro capitale era Ur. La civilt sumera giunse al culmine nel 2250 a.c. circa, ma era gi stata politicamente sottomessa dagli Akkadi nel 2500 a.C. circa. Durante il regno di Hammurabi (1700 a.c. circa) si ebbe il massimo splendore culturale e la promulgazione del famoso codice di Hammurabi. Assiri (VIII secolo a.C.) Occupavano la regione del Tigri superiore e non apportarono contributi culturali granch significativi. Numeri e operazioni Le informazioni sulla matematica babilonese sono contenute su delle tavolette di argilla che venivano prima incise e poi cotte. Le tavolette pi importanti risalgono al 2000 a.C. circa, ma sono pi numerose quelle risalenti al periodo che va dal 600 al 300 a.C. La lingua usata nel primo periodo era quella akkadica, che si basava su uno stile a sezione triangolare detto scrittura cuneiforme. I Babilonesi inventarono il primo sistema numerico posizionale della storia. Esso in base 60 e non veniva indicata lassenza di quantit, ovvero mancava lo zero.

Fu di certo problematico, per i matematici babilonesi, dover gestire questo sistema di numerazione, in quanto era necessario ricordare 60 simboli diversi per i numeri da 1 a 59. Proprio a causa di questa difficolt, la matematica babilonese era accessibile soltanto persone molto colte, era quindi un sapere elitario e spesso riservato alle classi sacerdotali. Laddizione e la sottrazione consistevano nellaggiungere e togliere simboli, nei testi astronomici il simbolo + veniva indicato con la parola tab. Quando moltiplicavano i numeri utilizzavano la parola a-r (andare) e per dividere utilizzavano le tavole dei reciproci dei numeri. Avevano a disposizione delle tavole con i quadrati, le radici quadratiche, le radici cubiche e i cubi dei numeri. Algebra babilonese I Babilonesi non conoscevano i numeri negativi, di conseguenza trascuravano le soluzioni negative delle equazioni. La maggior parte dei problemi trattati nascevano da esigenze di natura geometrica e venivano formulati verbalmente. Per le incognite utilizzavano le parole u per indicare la lunghezza, sag per indicare la larghezza e aa per indicare larea. La risoluzione delle equazioni avveniv a indicando i passaggi fatti per arrivale alla soluzione, senza alcuna giustificazione dei passaggi stessi. Geometria babilonese Limportanza della geometria babilonese nasceva dallesigenza di misurare le terre connesse al lavoro agricolo. Inoltre, convertivano tutti i problemi di natura geometrica in problemi algebrici. I Babilonesi conoscevano gi il teorema di Pitagora e la similitudine dei triangoli.

Tavoletta babilones e raffigurante il teorem a di Pitagora

Applicazioni della matematica babilonese Calcolare interessi e tasse Dividere le quote dei raccolti Costruire canali Calcolare il volume dei granai e le aree dei campi Astronomia
Erasmo Modica www.matematica.blogscuola.it

Tutti i contenuti, ove non diversamente indicato, sono coperti da licenza Creative Commons Attribuzione -Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ La riproduzione di tutto o parte dei contenuti potranno avvenire solo senza alcuno scopo di lucro e dovranno riportare lattribuzione allautore ed un link a Matematica Blogscuola. Per eventuali informazioni contattare lautore allindirizzo: matematica@galois.it