Sei sulla pagina 1di 4

ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSAR

LA FORZA NEL MOTO CURVILINEO


Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it www.galois.it
CLASSI III A E III B

IL MOTO CIRCOLARE UNIFORME RICHIAMI Un corpo si muove di moto circolare uniforme se il modulo della sua velocit non varia nel tempo.

Il fatto che non vari il modulo, non vuol dire che il vettore velocit sia costante. Infatti, com possibile notare in figura, varia la direzione del vettore velocit che risulta essere sempre tangente alla traiettoria circolare descritta dal corpo in movimento. Si definisce periodo T del moto circolare lintervallo di tempo impiegato da un corpo per compiere un giro completo; mentre si definisce frequenza f, linverso del periodo, cio:

Se la circonferenza ha raggio R, lespressione del modulo della velocit tangenziale data dalla relazione:

Laccelerazione del corpo, detta accelerazione centripeta, invece diretta verso il centro della circonferenza e la sua espressione data dalla relazione:

LA FORZA CENTRIPETA Facendo ruotare una pallina legata a un filo, essa si muover di moto circolare uniforme. Poich varia la direzione della velocit, la pallina subisce unaccelerazione dovuta alla forza applicata dalla mano. La direzione di tale forza perpendicolare alla traiettoria ed rivolta verso il centro di rotazione. Proprio per tale ragione, questa forza viene chiamata forza centripeta e indicata col simbolo .

ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSAR Definizione. Dicesi forza centripeta quella forza che agisce su un corpo con intensit costante e in direzione sempre perpendicolare al movimento, originando un moto circolare uniforme. Per la seconda legge della dinamica, lespressione di tale forza sar:

LA FORZA CENTRIFUGA Se si considera una pattinatrice su ghiaccio che viene fatta ruotare dal suo compagno, essa risente di una forza che la spinge verso lesterno. Poich la pattinatrice sta ruotando, risente della forza centripeta che viene esercitata su di essa dalla mano del compagno. Inoltre sembra risentire anche di una forza che ha la stessa direzione e intensit di quella centripeta, ma verso opposto. Un osservatore esterno non nota tale forza, ma riconosce la sola presenza della forza centripeta. Un osservatore che ruota insieme alla pattinatrice, vede il corpo della ragazza fermo e quindi, poich su di essa agisce la forza centripeta , deve esistere una forza uguale e contraria a essa tale che la loro somma sia nulla. Questa forza prende il nome di forza centrifuga. Definizione. Dicesi forza centrifuga una forza apparente che ha la stessa direzione e intensit della forza centripeta, ma verso opposto. La forza centrifuga una diretta conseguenza dellinerzia dei corpi che si muovono di moto curvilineo. Essi tendono a muoversi di moto rettilineo uniforme e ci provato dal fatto che se il pattinatore lasciasse la sua compagna, essa sfuggirebbe in direzione tangente al moto rotatorio e non verrebbe pi spinta verso lesterno. Quindi la forza centrifuga esiste solo perch esiste la forza centripeta. MOTO IN CURVA Quando si effettua una curva in motorino, possiamo considerarla un tratto di circonferenza di raggio R, detto raggio di curvatura. Se la moto ha una massa pari a m, la forza centripeta che gli permette di effettuare la curva ha espressione . Tale forza esercitata dallasfalto sul motorino ed uguale alla forza di attrito esercita tra lasfalto e gli pneumatici. Quindi si ha che: che si

Se la velocit della moto aumenta, aumenta anche la forza dattrito, ma essa non aumenta allinfinito, bens fino al raggiungimento del valore massimo dato dallespressione:

E. Modica, 2011/2012 www.galois.it

ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSAR Quindi possiamo ottenere la velocit massima con cui una curva pu essere affrontata senza sbandare, ricavando la v dalla seguente relazione:

Da cui:

ovvero: PROBLEMI Problema 1. Un corpo di massa 2 kg si muove di moto circolare uniforme con velocit . Determinare il modulo della forza centripeta, sapendo che il raggio pari a 8 m. Sostituendo i valori nellespressione della forza centripeta, si ottiene:

Problema 2. Un corpo di massa 8 kg si muove di moto circolare uniforme con velocit . Determinare il raggio della circonferenza, sapendo che esso risente di una forza centripeta pari a 10 N. Dallespressione della forza centripeta si ricava:

Problema 3. Determinare la massa di un corpo che si muove di moto circolare uniforme, sapendo che esso risente di una forza centripeta pari a 9 N, che il raggio della . circonferenza uguale a 4 m e che la sua velocit Dallespressione della forza centripeta si ricava:

E. Modica, 2011/2012 www.galois.it

ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSAR Problema 4. Determinare la velocit di un corpo che si muove di moto circolare uniforme, sapendo che esso risente di una forza centripeta pari a 5 N, che il raggio della circonferenza uguale a 4 m e che la sua massa . Dallespressione della forza centripeta si ricava:

Problema 5. Determinare la velocit massima con cui unautomobile di 800 kg pu affrontare una curva senza sbandare, sapendo che la curva ha un raggio di 6 m e che il coefficiente di attrito tra lasfalto e gli pneumatici pari a 0,5. Come visto nel paragrafo precedente, si ha:

E. Modica, 2011/2012 www.galois.it