Sei sulla pagina 1di 2

BIODIVERSIT Per biodiversit si intende l'insieme di tutte le forme, animali o vegetali, geneticamente dissimili presenti sulla terra e degli

ecosistemi ad essi correlati. Quindi biodiversit implica tutta la variabilit genetica e ecosistemica. Il termine biodiversit si ormai consolidato e viene comunemente utilizzato nei diversi ambiti scientifici e culturali. La traduzione italiana del termine inglese biodiversity modifica, leggermente, ma in modo determinante il significato. In inglese diverse significa vario, molteplice, mentre in italiano diverso ha un significato quasi negativo poich indica qualcosa o qualcuno che devia dalla norma, differisce da uno standard di riferimento; una traduzione pi fedele potrebbe essere biovariet o variet della vita presente sul pianeta. L'importanza della biodiversit data principalmente dal fatto che la vita sulla terra, compresa quella della specie umana, possibile principalmente grazie ai cosiddetti servizi forniti dagli ecosistemi che conservano un certo livello di funzionalit. Questi servizi sono generalmente raggruppati nei seguenti gruppi Servizi di fornitura ad es. cibo, acqua, legno e fibre Servizi di regolazione ad es. stabilizzazione del clima, assesto idrogeologico, barriera alla diffusione di malattie, riciclo dei rifiuti, qualit dell'acqua Servizi culturali ad es. i valori estetici, ricreativi e spirituali Servizi di supporto ad es. formazione di suolo, fotosintesi, riciclo dei nutrienti La visione moderna del rapporto fra uomo e ambiente quindi quella che riconosce la diversit biologica come elemento chiave del funzionamento dell'ecosistema Terra. La diversit biologica considerata non solo la variet delle specie e sottospecie esistenti ma anche la diversit genetica e la diversit degli ecosistemi. Esistono vari motivi per mantenere un'elevata biodiversit. La perdita di specie, sottospecie o variet comporta infatti un danno:

ecologico, perch comporta un degrado della funzionalit degli ecosistemi. culturale, perch si perdono le conoscenze umane legate alla biodiversit; economico, perch riduce le risorse genetiche potenziali;

Nell'ambito dei trattati sviluppati dalle Nazioni Unite esiste anche la Convenzione sulla Diversit Biologica, o CBD, adottata a Nairobi, Kenya, il 22 maggio 1992 e che stata ratificata ad oggi da 188 paesi. La Convenzione stata aperta alla firma dei paesi durante il Summit Mondiale dei Capi di Stato tenutosi a Rio de Janeiro nel 1992 insieme alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui

cambiamenti climatici ed alla Convenzione contro la Desertificazione, per questo denominate le tre Convenzioni di Rio.

Inquinamento
L'inquinamento un'alterazione dell'ambiente, di origine antropica o naturale, che produce disagi o danni permanenti per la vita di una zona e che non in equilibrio con i cicli naturali esistenti. Non esiste una sostanza di per s inquinante, ma l'uso di qualsiasi sostanza o un evento che possono essere inquinanti: inquinamento tutto ci che nocivo per la vita o altera in maniera significativa le caratteristiche fisico-chimiche dell'acqua, del suolo o dell'aria, tale da cambiare la struttura e l'abbondanza delle associazioni dei viventi o dei flussi di energia e soprattutto ci che non viene compensato da una reazione naturale o antropica adeguata che ne annulli gli effetti negativi totali. Esistono molti tipi di inquinamento, suddivisi a seconda del tipo di inquinamento (ad esempio inquinamento dell'aria, acqua, suolo, chimico, acustico, elettromagnetico, luminoso, termico, genetico o nucleare) o della causa dell'inquinamento (ad esempio inquinamento naturale, domestico, architettonico, urbano, agricolo, industriale o biologico). Bench possano esistere cause naturali che possono provocare alterazioni ambientali sfavorevoli alla vita, il termine "inquinamento" si riferisce in genere alle attivit antropiche. Generalmente si parla di inquinamento quando l'alterazione ambientale compromette l'ecosistema danneggiando una o pi forme di vita. Allo stesso modo si considerano atti di inquinamento quelli commessi dall'uomo ma non quelli naturali (emissioni gassose naturali, ceneri vulcaniche, aumento della salinit). Quando si parla di sostanze inquinanti solitamente ci si riferisce a prodotti della lavorazione industriale (o dell'agricoltura industriale) bene ricordare che anche sostanze apparentemente innocue possono compromettere seriamente un ecosistema: per esempio del latte o del sale versati in uno stagno. Inoltre gli inquinanti possono essere sostanze presenti in natura e non frutto dell'azione umana. Infine ci che velenoso per una specie pu essere vitale per un'altra: le prime forme di vita immisero nell'atmosfera grandi quantit di ossigeno come prodotto di scarto per esse velenoso. Una forte presa di coscienza sui problemi causati dall'inquinamento industriale (ed in particolare dai cancerogeni) avvenuta nel mondo occidentale a partire dagli anni settanta. Gi negli anni precedenti tuttavia si erano manifestati i pericoli per la salute legati allo sviluppo industriale.