Sei sulla pagina 1di 73

1- Origini della musica - I primi strumenti - La musica

della mitologia

ORIGINI DELLA MUSICA


La ricerca delle origini della musica, vale a dire “come” e “perché” l’umanità preistorica abbia
cominciato a produrre suoni e ritmi, è stata per lungo tempo oggetto di dibattito tra filosofi, storici
ed etnologi. Le ipotesi sono tante e alcune anche suggestive e verosimili, ma nessuna può dirsi
“vera” per almeno due motivi:
n si è sempre voluto dare alla ricerca delle origini della musica una impostazione
monogenetica
monogenetica, vale a dire la pretesa di ricondurre le attività musicali della preistoria ad un
archetipo universale e comune;
n la mancanza di fonti documentarie:
documentarie scritti o ancora meglio registrazioni.

Pertanto i vari studiosi, nel formulare le loro ipotesi sulla musica primitiva, hanno finito col
proiettare sulla Preistoria le esperienze musicali e le aspirazioni estetiche proprie del loro tempo e
del loro ambiente.

I popoli della antichità, abituati a dare a tutto una spiegazione sovrannaturale e magica,
magica risolsero
la questione in chiave MITOLOGICA,
MITOLOGICA attribuendo l’invenzione a una qualche divinità:
n TOTH per gli Egiziani
n NARADA per gli Indù
n APOLLO per i Greci che faceva capo alle muse ispiratrici delle arti (poesia, danza e musica): è
proprio da mousikè tecnè,
tecnè ovvero l’arte delle muse nel senso di azione sinergicamente
coordinata dell’elemento testuale, orchestico (danza) e musicale propriamente detto, che
deriva la parola MUSICA.
Fanno eccezione gli Ebrei i quali, essendo monoteisti e quindi non disponendo di una divinità
specifica per la musica, fanno risalire le loro attività musicali a un personaggio biblico, JUBAL,
JUBAL
figlio di Caino, che la Bibbia definisce “padre di tutti i suonatori di kinnor e ugab”
(kinnor = strumento ebraico a corde pizzicate - da 3 a 8 corde -, sul tipo della lira o della citara,
che la tradizione afferma fosse suonato da re David -è detto anche “arpa di David”-
ugab = ... )

Le civiltà più evolute come quella Greca tentarono di dare alla musica un’origine naturale e
storica: i primi a formule pensieri a riguardo sono DEMOCRITO ed EPICURO i quali affermavano
che la molla che avrebbe introdotto l’uomo primitivo a emettere i primi suoni sarebbe stata
l’imitazione
imitazione dei suoni della natura e dei versi degli animali.
animali Questo pensiero verrà ripreso dal
poeta latino LUCREZIO nel De Rerum Natura.
Perché si riaccenda l’interesse sulle origini della musica occorre attendere la fine del ‘700 con la
nuova cultura illuministica (i lumi della ragione) che cominciò a studiare la materia sulla scorta
delle scienze naturali (la biologia e l’acustica) e umane (linguistica e folklore): JEAN-
JEAN-JACQUES
ROSSEAU immaginò che il “selvaggio” preistorico avesse cominciato a cantare parlando
(LOGOGENESI dal greco logos = parola)parola) ovvero il canto sarebbe scaturito dalla accentuazione
delle inflessioni prosodiche del linguaggio.
Questa fusione primordiale di parola e suono piacque molto al primo ‘800 romantico che vedeva
nella musica un mezzo per trasmettere sentimenti e per fondere insieme parola (canto),
movimento (danza) e musica stessa (fusione delle arti). HERDER, WACKENRODER, WAGNER,
SPENCER sono tutti d’accordo nel ritenere che il canto sia nato dal linguaggio e che l’esigenza di
far musica sia scaturita da quella di meglio esprimere pensieri e sentimenti (PATOGENESI
(PATOGENESI dal
greco pathos = sentimento)
sentimento).
Una svolta decisiva si ebbe nel secondo ‘800 quando l’idealismo romantico entra in crisi e si
afferma il positivismo:
positivismo la ricerca storica e scientifica non si accontentava più di ipotesi ma
accampava esigenze concrete,
concrete oggettive e sperimentali (positive per l’appunto), fonti da
analizzare e confrontare per poterne dedurre conclusioni certe e inconfutabili. Nel caso della

Tesi 1.doc 1
musica preistorica, l’unica fonte disponibile era ed è tuttora rappresentata dalle attività dei popoli
africani, americani ed asiatici che ancora vivono allo stato primitivo.
primitivo Ma quando gli studiosi
europei (tra i quali William JONES,
JONES autore del primo studio sulla musica degli indù) si accinsero
a trascrivere su pentagramma canti e ritmi tribali, finirono con l’occidentalizzarli, falsando suoni
e durate. L’inconveniente venne superato dopo il 1880 grazie alle scoperte di Thomas EDISON e
Alexander Johnn ELLIS:
ELLIS
n a EDISON si deve l’invenzione del FONOGRAFO il cui prototipo, brevettato nel 1878 e
perfezionato una decina d’anni più tardi da BERLINER,
BERLINER consisteva in un grosso imbuto che
convogliava le onde sonore su una membrana tesa collegata ad una puntina la quale, vibrando,
tracciava un solco spiraliforme su un rullo rivestito di stagnola (in seguito su un disco di vetro
verniciato): tutto ciò consentiva per la prima volta di registrare e riascoltare dei suoni.
suoni
n a ELLIS si deve invece l’ideazione di un nuovo metodo di calcolo delle altezze e degli intervalli
basato sul CENT (la centesima parte di un semitono temperato) consentendo un’esatta
determinazione dei suoni ascoltati e registrati.

I rulli di Edison e i cents di Ellis offrivano alla ricerca uno strumento preziosissimo di lavoro: nel
giro di pochissimi anni si costituì a BERLINO un archivio fonografico presso il quale
cominciarono ad affluire da ogni parte registrazioni di musiche primitive. Il materiale raccolto
era inizialmente piuttosto scarso ed eterogeneo: qualche canto indiano, qualche melodia
mongolica, qualche ritmo africano... Su questi pochi dati gli studiosi della cosiddetta scuola di
Berlino (BAKER, BUCHER, WALLASCHEK, SCHNEIDER...) non poterono far altro che confrontarli
per rinvenire elementi comuni e costanti da indicare come tipici della musica primitiva.
“Primitive Music” è appunto il titolo del saggio di Wallaschek, pubblicato nel 1892, considerato
come l’atto di nascita di una nuova disciplina denominata MUSICOLOGIA COMPARATA.COMPARATA
L’interesse dei musicologi comparativisti si concentrò sui singoli aspetti delle tradizioni tribali:
n Darwin analizzò la musica come RICHIAMO SESSUALE
Wallaschek, Bucher e Horbonstel posero l’attenzione sul RITMO che scandisce e sincronizza
il lavoro collettivo
n Stumpf si interessò al GRIDO come mezzo di comunicazione a distanza
n Kuttner e Schneider si occuparono del LINGUAGGIO
LINGUAGGIO TONICO ovvero dei diversi significati
che una parola può assumere a seconda dell’intonazione
n Combarieu si occupò delle FORMULE MAGICO- MAGICO-RITUALI usate dagli stregoni

Intorno al 1930 gli studi sulla primitività ebbero una svolta dovuta:
n l’avvento in Germania del nazismo e la conseguente emigrazione degli studi musicologici
negli Stati Uniti in un contesto ambientale e ideologico completamente diverso
n l’affermazione dello strutturalismo,
strutturalismo un nuovo metodo di lavoro che si propone di giungere alla
comprensione di un qualsiasi fenomeno non più, come faceva il comparativismo, a tavolino
rapportandole ad altri fenomeni simili ma studiate “sul campo” e rapportate al contesto
ambientale in cui vengono prodotte
n emersione di una grande varietà di aspetti e livelli evolutivi
evolutivi delle musiche tribali tali da non
poter essere ricondotte ad un modello universale e comune

La Musicologia comparata, ormai, non aveva più ragion d’essere: nel 1956 il Convegno di
Filadelfia propose di ribattezzare ETNOMUSICOLOGIA la disciplina che studia tutte le tradizioni
musicali orali (primitive, extraeuropee, popolari). Così, tramontava definitivamente il mito
dell’origine unica della musica e si affermava il principio della POLIGENESI.
POLIGENESI Tuttavia, dallo studio
delle popolazioni che ancor oggi vivono allo stato primitivo, è comunque possibile farsi un’idea
della preistoria musicale dell’umanità. Infatti le comunità tribali del nostro tempo, pur
presentando una estrema varietà di livelli evolutivi, presentano comunque alcuni aspetti comuni e
costanti che possono essere considerati riferibili al periodo delle origini:
1- oralità, ripetitività e funzionalità (con funzioni pratiche): la musica non è un’arte fine a se
stessa una pratica calata nella quotidianità della vita individuale e collettiva, senza alcun scopo
artistico. Suoni e ritmi scandiscono e accompagnano, nella loro successione ciclica
(ripetitività), le fasi del giorno, dell’anno della vita di ognuno e di tutti: così c’è un canto per
nascere e uno per morire, uno per la semina e uno per il raccolto, altri ancora per propiziare o
Tesi 1.doc 2
placare la divinità, per alleviare o guarire i mali del corpo e della mente, canti per la caccia,
per la pesca, per il lavoro , per il mercato.
Ve ne sono di monodici e semplici, magari costruiti su due sole note, ma anche di complessi e
polifonici, organizzati nelle forme del bordone (con un suono basso e tenuto che fa da
sostegno), dell’ostinato (con un disegno ritmico e melodico che si ripete sempre uguale), del
parallelo (in cui una stessa melodia viene intonata ad intervalli di terze e seste, o di quarte,
quinte e ottave) e perfino dell’imitazione e del canone (ripetizioni in eco di frasi melodiche).
2- concezione COSMOGONICA:
COSMOGONICA la musica è cominciata nel momento in cui, dal silenzio e dal
Nulla primordiali, riecheggiò il primo suono e quindi dal momento in cui ha avuto origine la
vita. Su questo principio per cui la musica è l’essenza della vita si fonda l’uso magico,
medicinale e propiziatorio del canto e del suono strumentale
3- carattere IMPROVVISATORIO,
IMPROVVISATORIO ossia la variazione estemporanea dei moduli ritmici e melodici
che, soprattutto nella musica africana, raggiunge dei livelli estremi di complessità
4- stretto legame tra SUONO, PAROLA e GESTO: GESTO far musica significa intonare un testo
accompagnandolo con degli strumenti e mimandolo nella danza

Quando la musica da occasionale e ripetitiva si fa cosciente e creativa e il canto logogenico e


patogenico confluiranno nel MELOGENICO (dal greco melòs = nato dal canto, musica di origine
culturale con coscienza di far musica)
musica nascono le grandi civiltà (Assiro-Babilonese, Egiziana,
Greca...)

I PRIMI STRUMENTI
Per quanto riguarda gli STRUMENTI PRIMITIVI,
PRIMITIVI la maggior parte era costruita con materiale
naturale (legno, sassi, zucche, noci di cocco, conchiglie, canne, corni e ossi di animali),
producevano un unico suono di altezza indeterminata e richiedevano una tecnica esecutiva assai
modesta. Compaiono comunque anche strumenti in metallo ed argilla, perfettamente intonati,
muniti di risuonatori e che avevano bisogno di una elaborata tecnica per poterli suonare.
Uno studio accurato degli strumenti primordiali venne eseguito da Curt SACHS il quale li
classificò a seconda del materiale vibrante, e che quindi dell’elemento produce il suono, in:
n IDIOFONI:
IDIOFONI sono gli strumenti in cui a vibrare e produrre il suono è il materiale di cui sono
fatti (legno o metallo). Possono essere:
a sbattimento (clves, noci di cocco, castagnette, piattini)
a scuotimento (maracas, sonagli di conchiglie e di gusci)
a sfregamento (reco-reco, guiro)
a percussione
percussione (tamburo a fessura, litofono, xilofono)
a pizzico (sansa)
n MEMBRAFONI:
MEMBRAFONI sono gli strumenti in cui a vibrare e produrre il suono è una pelle di animale,
tesa su di una cassa di zucca, legno o metallo. Il prototipo è rappresentato da una pelle tesa
sulle gambe del suonatore o su di una buca praticata nel terreno. Si tratta in massima parte di
tamburi e timpani che, in qualche caso, presentano delle corde tese sotto la membrana o
contengono, dentro la cassa, sassolini, conchiglie o altro materiale “crepitante”.
n AEROFONI:
AEROFONI sono gli strumenti in cui a vibrare e produrre il suono è l’aria aria. L’aerofono più
antico è il bastone sibilante formato da un’asticella oblunga legata con un filo ad una cruna e
che, fatta roteare, produce un muggito più o meno acuto a seconda della velocità. Assai più
diffusi sono i flauti ricavati da canne, ossi di animali, argilla, metallo; ve ne sono di diritti,
traversi, multipli (syringa) e globulari (ocarina). Numerosi sono anche le trombe e i corni
ricavati da corni di animali, grosse conchiglie, scorze d’albero.
n CORDOFONI:
CORDOFONI sono gli strumenti in cui a vibrare e produrre il suono è una corda ricavata da
fibre vegetali o da budelli animali. Il prototipo è l’arco
arco da caccia tenuto in prossimità della
bocca e suonato alla maniera dello scacciapensieri. I modelli più diffusi di cordofoni sono
quelli a telaio triangolare (tipo arpa) e a giogo (tipo cetra).

Tesi 1.doc 3
MUSICA E MITOLOGIA
Gli studi di antropologia consentono di affermare che non esiste alcuna civiltà umana che abbia
ignorato la musica. Lo si deduce dallo studio della mitologia, dei riti, delle filosofie dei diversi
popoli, degli strumenti musicali e delle suppellettili ritrovate. Molti di essi considerano la musica
un dono degli dei, ognuno dei quali è identificato da uno strumento musicale, e ritengono che il
suono, anche quando è manifestazione di eventi naturali come ad es. il tuono, sia la loro voce o la
manifestazione delle loro volontà: lo si può vedere dalle teste o dalle raffigurazioni sui manici o le
casse di risonanza degli stessi strumenti musicali.
I sacerdoti, che recitano i riti cantando, traggono la loro natura di esseri superiori dal fatto che
conoscono le leggi della natura sonora pronunciando le parole magiche e rituali su efficaci
melodie in cui il suono prevale sulla parola: è tale musica del rituale che smuove la volontà degli
dei.

Tesi 1.doc 4
2- La musica dei selvaggi e dei primi popoli storici
(Egiziani, Assiri e Babilonesi, Indiani, Cinesi, Ebrei)

Per convenzione di studi, la Preistoria finisce e la Storia comincia intorno al 3000 a.C., con
l’invenzione della scrittura: l’uomo ha ormai risolto i problemi pratici legati alla semplice
sopravvivenza materiale e quindi può aprirsi a interessi nuovi, di ordine spirituale e scientifico; il
fatto stesso che senta l’esigenza di affidare il ricordo di sé e delle proprie esperienze non più e non
solo alla memoria ma alla scrittura è il segno evidente di una svolta in atto.
Anche la musica acquisirà un diverso ruolo sociale:
n conquista nuovi spazi e nuovi ruoli, sempre più ampi e importanti: viene praticata nei templi a
scopi religiosi, nelle corti a scopi edonistici
edonistici (divertimento), nelle scuole a scopi pedagogici
n organizza l’intonazione del canto e l’accordatura degli strumenti su scale penta-penta- o epta-
epta-
foniche,
foniche elabora sistemi teorici sempre più complessi collegati con gli studi matematici e
astronomici
n si garantisce la conservazione nel tempo attraverso l’associazione mnemonica dei suoni ai
gesti della mano (chironomia) o alle lettere dell’alfabeto (notazione alfabetica)

MESOPOTAMIA
STORIA:
STORIA La Mesopotamia, “regione in mezzo ai fiumi” come suggerisce il suo nome, fa parte di
quella fascia di terra in gran parte nell’attuale Iraq compresa tra il fiume Tigri ed Eufrate, che ha
come estremo orientale l’India e come estremo settentrionale la Turchia. E’ qui che a partire dal
3500 a.C. venne elaborata una scrittura cuneiforme, ideografica, e si susseguirono le grandi
civiltà dei Sumeri, dei Babilonesi, degli Assiri.

FONTI:
FONTI iconografiche: dipinti e bassorilievi e raffigurano menestrelli, cantatrici, danzatori e
strumentisti nell’atto di allietare banchetti di corte, accompagnare cerimonie religiose e funebri.
letterario: tardive ma preziose testimonianze sulla musica babilonese del II secolo a.C. si trovano
nella Bibbia
dirette: della civiltà sumera disponiamo di una fonte musicale diretta: una tavoletta di pietra,
detta di Assur dalla località in cui è stata trovata e risalente al IX-X secolo a.C., che presenta
lateralmente al testo (bilingue) della leggenda della creazione dei segni cuneiformi che, secondo
alcuni studiosi, serviva per l’intonazione melodica. Curt Sachs ne ha tentato la trascrizione e
Klimer ha persino inciso un disco dal suggestivo titolo “Sounds of Silence”.

PRATICA: Nella religione dei sumeri, la relazione fra musica e divinità appaiono strette: nei
recinti dei templi edificati nelle città della pianura mesopotamica, sacerdoti e linguisti, matematici
ed astrologi, riuniti in corporazioni coltivavano anche la musica, la cantilena (kalùtu), che veniva
integrata alle varie liturgie nelle forme dell’inno e del responsorio, spesso accompagnati dagli
stessi sacerdoti con strumenti che presentavano sempre, dipinta o scolpita, la testa di un qualche
animale sacro (in Mesopotamia il toro). Nelle gerarchie sociali i musicisti venivano subito dopo i
re ed alla fine delle guerre si risparmiava la vita ai musicisti dei vinti. I cantori e gli strumentisti
erano educati e vivevano nei templi dove svolgevano mansioni specifiche, si riunivano in
corporazioni ed erano regolarmente stipendiati . Oltre alla musica sacra propria dei templi, si
recitavano e si cantavano musiche profane: menestrelli, musicisti e musiciste recitavano e
cantavano lunghi poemi epici “della creazione” nelle feste e banchetti di corte, nei riti funebri si
eseguivano musiche strumentali e lamenti vocali , in altre occasioni i canti erano pastorali,
lavorativi, amorosi.

TEORIA: Le teorie musicali degli assiri-babilonesi dovevano essere strettamente connesse con le
conoscenze astronomiche e matematiche per cui loro essi andavano famosi nel mondo antico. In
base all’interpretazione delle testimonianze iconografiche, si suppone che la musica
mesopotamica fosse dapprima pentatonica (in quanto essendo priva di semitoni erano le sole che
consentivano una consonanza armonica di tutti i suoni e di tutti gli intervalli) e più tardi si

Tesi 2.doc 1
mutasse in eptatonica (per via del significato simbolico e magico del numero 7: 7 erano i pianeti
conosciuti e studiati; 7 era la somma del 4+3 dei lati le quadrato e del triangolo - figure magiche-
). Ma non si sa nulla di preciso se non che, in generale, l’influenza esercitata dalla cultura
mesopotamica fu grandissima sul mondo occidentale, come già riconoscevano greci e romani, e
costituendo un precedente alle teorie di Pitagora.

STRUMENTI: E’ assai frequente la combinazione vocale e strumentale.


strumentale Di grande interesse
musicologico sono gli strumenti cordofoni,
cordofoni soprattutto quelli appartenenti alla famiglia dell’arpa
e della cetra. Di origine sumerica, l’arpa (zagsal) si presenta in 3 diversi tipi:
1- di forma arcuata, la cassa e il manico ricavati da un pezzo unico
2- di forma arcuata, ha il manico separato dalla cassa di risonanza
3- di forma angolare, ha il manico verticale fissato in una cassa armonica orizzontale
Quest’ultimo tipo diede origine, presso gli assiri intorno al 2000 a.C. , ad un’arpa angolare con
cassa armonica superiore (praticamente il modello 3 però capovolto). Varie sono pure le forme
delle cetre, per lo più con le corde raggruppate sul lato dello strumento accostato all’esecutore: la
più importante era la cetra grande (in sumero algar). Documentata è anche una sorta di liuto, in
sumero chiamato pantur, forse ottenuto “stirando” in basso il manico curvo dell’arpa a cassa
inferiore.
I più antichi idiofoni mesopotamici conservati sono delle castagnette del 2500 a.C. provenienti da
Ur (città nel sud della Mesopotamia); a un periodo successivo appartengono sistri, campane,
campanelli, cimbali.
All’età sumerica risalgono pure gli strumenti membranofoni come il lilis e l’ub, due timpani di
diverse dimensioni, il balag, un tmburo che dagli ideogrammi si può supporre fosse a forma di
clessidra, varie fogge di tamburello.
Gli aerofoni più importanti della Mesopotamia erano strumenti a fiato di legno e di canna: flauti
e oboi di diverso tipo, mentre per quanto concerne corni e trombe benpoche sono le illustrazioni e
le descrizioni di cui si dispone.

EGIZIANI
STORIA:
STORIA La civiltà degli Egiziani si sviluppa dal 3000 a.C. (data in cui un tal Namer, detto Menes)
fino al 525 a.C. (conquistata dai Persiani). Fu una grande civiltà cadenzata da 26 dinastie di
faraoni e caratterizzata da una religione politeista naturale (più dei con sembianze umane,
animalesche o naturali).

FONTI: archeologiche: strumenti musicali di ogni tipo conservatisi, per lo più all’interno di
tombe, in perfette condizioni grazie alla sabbia del deserto che rende l’aria molto secca,
impedendo la corruzione dei materiale e dei colori
iconografiche: le immagini rimaste sono affreschi, rilievi e statue
testuale: testi di antichi canti e inni religiosi, come il Canto dell’arpista intonato ai funerali del
faraone egizio Nefer-Hetep
letterarie: scritti di scrittori egiziani o greci che visitarono l’Egitto, come Erodoto nelle Storie o
Plutarco

PRATICA: Per gli egizi la musica (chiamata hy, cioè gioia) aveva origine divina e custode di
quest’arte era la casta sacerdotale. Quindi particolarmente ricca era la musica sacra, praticata nei
templi prima dai sacerdoti e poi anche da donne nobili, e ad ogni strumento era associata ad una
divinità: il flauto al dio Amon, la tromba con quello di Osiride e sugli strumenti era dipinta o
scolpita sulla cassa la testa di un qualche animale sacro (l’aquila, il gatto o lo sciacallo).
La musica era comunque praticata a tutti i livelli sociali: il canto accompagnava i vari momenti
del lavoro dei campi (dalla mietitura alla pigiatura dell’uva), il riposo e il divertimento nei
banchetti, le manifestazioni e le dichiarazioni d’amore, i riti magici, i funerali, di canti popolari e
leggendari, di un millenario canto nazionale chiamato Maneros (menzionato da Erodoto) e di un
Inno delle sette vocali privi di accompagnamento. Più note le attività musicale della corte dei
faraoni, praticate da professionisti: cantanti, strumentisti, direttori di coro. Negli affreschi e nei

Tesi 2.doc 2
rilievi si trova spesso una figura posta di fronte a cantanti e strumentisti che, muovendo le mani,
sembra dare una regola esecutiva (Sachs riconosce la presenza di una direzione chirinomica)

TEORIA: Gli egiziani probabilmente conoscevano la scala cromatica e mettevano in relazione la


teoria musicale con l’osservazione astrologica, associando le sette note a i sette pianeti allora
conosciuti. Altri studiosi invece sostengono che gli egizi usassero la scala pentafonica. Non risulta
comunque che usassero notazione musicale.

STRUMENTI: Gli egizi possedevano un gran numero di strumenti, che si riunivano in piccole
formazioni la cui pratica si basava su procedimenti eterofonici,
eterofonici cioè mentre uno strumento
eseguiva una melodia gli altri improvvisavano delle variazioni. Gli strumenti egizi sono:
n idiofoni,
idiofoni come sistri, cimbali e campane di vario genere, crotali, tamburi di legno e di
terracotta, tamburelli; caratteristici erano piedi o mani artificiali di osso, legno o avorio che
venivano battuti insieme
n aerofoni con strumenti ad ancia doppia e ad ancia semplice, flauti a becco, zampogne, trombe
(anche d’argento e d’oro come quelle rinvenute nella tomba di Tutankhamon). Un’attenzione
particolare merita un organo idraulico ad acqua inventato da Cstebio di Alessandria intorno al
III secolo a.C.: il serbatoio era formato da un primo recipiente riempito parzialmente di acqua
nel quale era inserito un secondo recipiente a forma di imbuto rovesciato o cappa di camino,
recante alla base delle sottili fessure. L’aria veniva pompata dentro da due pistoni e, passando
attraverso le fessure, entrava nel primo recipiente causando uno spostamento dell’acqua e
quindi dell’aria in esso contenuta. A convogliare l’aria nelle canne provvedevano dei speciali
tiranti che fungevano da valvole di apertura e chiusura.
n cordofoni con strumenti a corde pizzicate come citare, un liuto a lungo manico e arpe di
svariati tipi: arpa grande e piccola, arcuata ed angolare, da spalla e a mano, con svariato
numero di corde. Le arpe più antiche poggiavano in terra e l’esecutore, a seconda della loro
altezza, suonava stando accosciato, inginocchiato o in piedi.

INDIANI
STORIA:
STORIA La cultura dell’India ha dimostrato nel corso dei millenni una straordinaria vitalità e,
pur assimilando elementi estranei, ha mantenuto i suoi caratteri originali. La molteplicità dei
caratteri musicali presenti nel sub-continente indiano riflette la varietà delle componenti
culturali, frutto della lunga e intricata storia della regione.
Prime forme di civiltà urbana (di religione politeista) lungo il corso del fiume Indo iniziarono
intorno al 2000 a.C. Attorno al 1500 a.C. l’invasione di questo territorio da parte di popolazione
indoeuropea (dell’Asia centrale: la stessa dei Greci e dei Romani) ebbe come conseguenza lo
sviluppo di una cultura basata sulle sacre scritture dei Veda e la lingua sanscrita (dello stesso
ceppo del greco e del latino). I secoli successivi videro la nascita delle grandi religioni: il
Brahmanesimo (sec. IX a.C.) da cui trassero la loro origine l’Induismo, il Buddhismo e il
Giainismo. Nel 500 d.C. si ha una larga diffusione della cultura indiana in tutta l’Asia. A partire
dal 1000 d.C. l’intero sub-continente cade sotto il dominio dell’Islam (di questo influsso islamico e
persiano risentì soprattutto la regione settentrionale). Il periodo islamico si estese fino al ‘700
quando furono invasi dagli inglesi, periodo che terminò nel 1947 con l’acquisizione
dell’indipendenza.

FONTI: testuale: i Veda sono 5 libri che raccoglievano inni sacri, i primi 4 scritti attorno al 1000
a.C., il quinto attorno al 200 a.C.: sono la prima testimonianza di testi musicati.

PRATICA: La musica sacra era il genere più elevato e severo (recitazione melodica degli inni
vedici), insieme con altri canti d’argomento nobile e di lode dei templi. Al di sotto si poneva una
più disinvolta musica profana di corte,
corte piacevole e divertente ma anche appassionate, eroica,
sentimentale, amorosa, sensuale. Ancora più sotto stava sempre musica profana popolare, vocale e
strumentale o anche solo strumentale, sempre funzionale alle varie manifestazioni della vita
quotidiana: danza per il trapianto del riso e per la mietitura, canti dei cacciatori delle isole
Andamane, musica dei pescatori del Kerala, ninna-nanne, canti nuziali e funebri. Ma più che

Tesi 2.doc 3
parlare di generi musicali indiani, la musica dell’India si caratterizza per 3 diverse tradizioni
regionali: quella settentrionale dell’Industan, quella meridionale del Karnatik e quella di una
circoscritta regione del Kashmir.

TEORIA: Benché in India non esista una unica tradizione musicale ma varia a seconda della
tradizione regionale, esistono comunque numerose caratteristiche comuni provenienti dalla
tratattistica sanscrita scritta dai saggi Bharata (II sec. a.C. - II sec. d.C.), Matanga (V-IX sec. d.C.) e
Sarangadeva (1210-1247).
L’ottava viene suddivisa in 22 intervalli detti sruti (è il più piccolo intervallo, così come noi
abbiamo il semitono). Le due scale principali, dette grama,
grama sono composte da 7 suoni (Sa, Ri, Ga,
Ma, Pa, Dha, Ni: a ciascuno si riferisce un diverso pianeta, un giorno della settimana, un sesso, un
elemento della natura) detti svara e costruite associando gli sruti in modalità prestabilite a gruppi
di due , tre o quattro. Su ogni svara (suono) di ognuna dei due grama è possibile costruire scale
secondarie dette murchana.
murchana

Sruti 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22

Grama

Murchana

Raga

Di enorme significato è il raga il cui numero di suoni è ricavato attingendo i suoni dai murchana.
Il numero di questi suoni può variare da 5 a 7; tale numero e tali suoni possono essere differenti
a seconda della forma ascendente o discendente (attinti però sempre dallo stesso murchana).
Secondo un trattato sono stati contati fino a 264 raga e sono organizzati in sistemi familiari, con
padri (raga), madri (ragini), figli (putra) e figlie (putri). L’enorme significato dei raga è
annoverare al fatto che sono collegati a nove emozioni, stati d’animo (rasa), perciò devono essere
eseguiti in momenti prescritti della giornata, in stagioni particolari o in specifiche occasioni
festive. Si ritiene ancora che essi possano curare particolari infermità o anche causare particolari
fenomeni come la pioggia, incendi, inondazioni... Il raga viene concepito come parte di un ordine
cosmico: l’esecuzione maldestra del raga può causare il capovolgimento di questo ordine e
provocare sciagure.
Un ultimo elemento della teoria indiana è il tala,
tala termine che designa un modo ritmico, un ciclo
di impulsi ritmici organizzati in gruppi con una gerarchia di accenti. In sede di esecuzione sia il
raga che il tala vengono ad intrecciarsi comportando complesse ed elaborate realizzazioni
improvvisate. Sia i raga che i tala differiscono di regione in regione (settentr., merid., Kashmir).

STRUMENTI: I tabla è una coppia di tamburi in uso soprattutto al nord; l’antichissimo vina ha
diverse corde da pizzicare col plettro (simile alla cetra) e il sitar che è un vina allungato
influenzato dalla musica islamica; il sarangi è uno strumento a 3 o 4 corde da strofinare con
l’arco.

Tesi 2.doc 4
CINESI
STORIA: Si fa risalire la nascita cultura musicale cinese all’epoca delle grandi civiltà Assiro-
Babilonesi ed Egizia, nel 3000 a.C. Ma è alla dinastia Shang (1766-1122 a.C.) a cui si riferiscono
i primi reperti consistenti in frammenti di osso su cui sono incisi responsi oracolari e segni
interpretabili come tamburi o altri strumenti musicali. Alla dinastia Chou (1122-221 a.C.)
successiva si devono scritti contenenti riferimenti diretti ad eventi musicali. La distruzione delle
fonti scritte dovuta alla dinastia Ch’in (221-206 a.C.), è compensata dalla abbondanza di scritti
della dinastia Han (206 a.C. - 221 d.C.) non solo sulle pratiche musicali di quel periodo ma
soprattutto si occupò di recuperare testi antichi. Durante la dinastia Han venne istituito l’Ufficio
imperiale della musica col compito di registrare e catalogare tutto ciò che concernesse la musica e
le acquisizioni scientifiche nel campo degli studi acustici. A questa dinastia segui un periodo di
invasioni e crisi (“medioeve cinese”) durante il quale l’impero cinese venne diviso in tanti piccoli
regni autonomi. La Cina fu riunificata sotto la dinastia Sui (589-618) e sotto la dinastia T’ang
(618-907) raggiunse l’apice del suo sviluppo. Risalgono a questo periodo gli elenchi imperiali dei
dieci tipi di musica (da quello militare a quello spettacolare), con descrizioni degli strumenti, dei
costumi e dei repertori dei gruppi musicali attivi alla corte imperiale dove si accolsero musiche e
danze indiane e persiane.
Al tempo delle 5 Dinastie e dei 10 Regni (907-959) i fasti della corte imperiale svanirono,
soverchiati da guerre e invasioni: tale decadenza, che si rifletteva anche sul mondo culturale,
portò lo stile musicale ad un gusto più popolare. Con li periodo seguente della dinastia Sung
(960-1279), la condizione di stabilità politica permise la pubblicazione di un maggior numero di
opere musicali e il rifiorire di una prassi musicale di corte, sullo sfondo di una continua
espansione delle attività musicali e teatrali cittadine. Durante la dinastia mongola Yuan (1279-
1368) la musica per le rappresentazioni teatrali divenne la forma più importante e continuò a
fiorire ed a svilupparsi nel corso delle dinastie Ming (1368-1628) e Ch’ing (1644-1911). Con la
caduta dell’impero e l’avvento della repubblica (1949), l’antica musica di corte è ovviamente
caduta e la rivoluzione culturale ha avviato una riorganizzazione della pratica musicale.

FONTI: archeologiche: in una tomba, nel 1978, vennero ritrovati 124 strumenti musicali tra cui
64 campane e 32 carillon di pietre; le campane recano incisi molti particolari circa la loro
intonazione, nonché la data di costruzione (433 a.C.)
testuale: le convenzioni estetiche e rituali relative alla musica continuarono ad essere oggetto di
discussione tra gli eruditi (tra cui Confucio - 551-479 a.C.) fino alla compilazione di opere (II
sec. a.C.) come il Libro dei riti e un Libro della musica in cui poterono consolidarsi le basi
teoriche ed acustiche della musica cinese

TEORIA: La Cina è l’unica regione asiatica che si sia sempre fondata sulla altezza assoluta: la
teoria musicale cinese nasce con il mito delle origini della musica, nel III millennio a.C., in cui il
ministro del mitico imperatore Huang-ti avrebbe individuato l’altezza del primo suono da usare
come suono generatore (lu) tagliando una canna trovata un giorno sui monti (prossimo
all’odierno Mi3). La gamma fondamentale comprendeva inizialmente 5 suoni, assumendo
l’aspetto dei una scala pentafonica per toni interi (la cosiddetta scala cinese conosciuta in
occidente) e più tardi diventò una scala a sei suoni (eptafonica). Gli esperimenti con le canne,
soffiando normalmente e in maniera più sostenuta, ricavarono da quel suono la 12a (cioè la 5a
sopra); costruendo poi un’altra canna di 1/3 più lunga (quindi una 5a sotto) e procedendo con lo
stesso metodo giunsero a suddividere l’ottava in 12 suoni di altezza pari al semitono detti liuh.
liuh Su
questi suoni vennero costruite scale di sette suoni (nucleo di 5 suoni + 2 mutevoli) che possono
essere trasportate su ogni suono del nucleo della scala (la “tonica” della scala è detta gong).
gong
Quanto alla scrittura, classicamente era ideografica (composta da piccoli disegni) e indicava bene
le altezze ma suggeriva appena la durata; le trascrizioni moderne fanno invece uso di numeri.

STRUMENTI: Il sistema cinese di classificazione degli strumenti è quello si basa sui differenti
materiali di costruzione:
n l’argilla (flauti globulari - II sec. a.C.)

Tesi 2.doc 5
n la zucca (zucca in cui sono infilate canne di bambù, ognuna fornita di ancia metallica: il foro
di ogni canna è ostruito dalle dita del suonatore, il quale si preoccuperà di aprire solo i fori
della canna che vuole sia suonata - in occidente ha portato la nascita della fisarmonica)
n la pietra (carillon)
n i metalli (campane, gong, piatti)
n la pelle (tamburi)
n il legno
n il bambù (flauti traversi e diritti)
n la seta (cetre e liuti con corde di seta a pizzico)

EBREI
STORIA: La civiltà ebraica nasce intorno al 2000 a.C. nei territori della Palestina e dello Yemen
dove, dopo varie vicissitudini (la deportazione in Egitto, la cattività babilonese, il dominio
romano...), si sviluppò fino al 70 d.C., anno della diaspora cioè della frantumazione e dispersione
del popolo ebreo in una miriade di comunità sparse per il mondo.

FONTI:
FONTI: L’unica fonte letteraria di cui disponiamo è la Bibbia che ci tramanda i testi (ma non le
musiche) dei 150 salmi contenuti nel libro del Salterio e ci informa sulle attività musicali del
Tempio di Gerusalemme: troppo poco per poter ricostruire i caratteri e la storia dell’antica musica
ebraica. Tale studio è stato possibile solo grazie alla ricerca etnomusicologica, avviata da
Abraham Idelssohn,
Idelssohn delle tradizioni orali ancora vive nella memoria di alcune comunità di
pastori.

PRATICA: All’inizio della storia, il popolo ebraico era un popolo di pastori nomadi che cantavano
la fatica delle lunghe marce nel deserto e la gioia per l’avvistamento delle oasi, suonando
strumenti ricavati da ossi e corni di animali, sul tipo dello shofar ( collegato al sacrificio di Isacco
e tuttora in uso nei riti ebraici: si tratta di un corno di montone che produce un suono
fondamentale e due armonici).
Tra il II e il I millennio, in Palestina il popolo ebreo si costituì in uno stato monarchico, il Tempio
di Gerusalemme divenne centro della vita religiosa e musicale della nazione. A gestirla erano i
Leviti (i musicisti addetti al tempio) che suonavano arpe e cetre (da ricordare il kinnor di origine
assira che sarebbe poi passata alla Grecia) mentre i sacerdoti intonavano canti di lode e
ringraziamento suonando corni e trombe; quanto al popolo erano riservati certi strumenti a fiato
e la loro partecipazione limitava alla ripetizione di formule conclusive (es. l’ “Amen” cristiano).
Le reali dimensioni dei cori e delle orchestre sono incerte: in un passo della Bibbia si parla
addirittura di 4000 cantori; in un altro passo viene riportato che nel tempio di Gerusalemme la
liturgia si avvaleva di 288 musicisti (cantori e orchestrali), divisi in 24 gruppi di 12 musicisti
l’uno (un gruppo per ogni ora del giorno). Ma, nel VI sec. a.C., dopo l’invasione Assira e la
deportazione in Mesopotamia lo splendore di un tempo venne meno ed alle grandi forme musicali
si preferì la semplice voce cantante.
cantante
A lungo praticate oralmente, le forme musicali della liturgia ebrea, dalla quale il canto cristiano
avrebbe ereditato importanti elementi, si compone di:
n SALMODIA:
SALMODIA canto di salmi e di parti poetiche della Bibbia che avveniva in maniera antifonale
(2 cori si alternano), responsoriale (si alterna coro e solista) o diretta (cantata da un solista)
n LECTIO:
LECTIO cantillazione (recitazione intonata) di prose della Bibbia
n PREGHIERE: inni che si cantavano nelle sinagoghe ed esigevano il solismo di un cantore

Sono comunque numerosi i musicisti di fede ebraica che hanno dato un contributo alla musica
occidentale: Mahler, Ravel, Shonberg, Rubinstein, Horowitz.

Tesi 2.doc 6
3- La musica dei Greci e dei Romani.

I GRECI

La civiltà musicale Greca fiorisce in un’area geografica molto vasta e varia, che comprende, oltre
alla Grecia vera e propria (ossia la penisola del Peloponneso e le isole dell’arcipelago Egeo), anche
le coste della Turchia (le antiche Frigia e Lidia) e dell’Italia meridionale (la cosiddetta Magna
Grecia). Tale civiltà copre un arco cronologico molto ampio: dall’XI sec. a.C.,a.C. con la discesa dei
Dori nella Laconia, sino al 146 a.C.,
a.C. quando la Grecia viene conquistata dai Latini e diventa una
provincia dell’Impero Romano.

FONTI: Quella greca è la prima civiltà di cui si siano conservate testimonianze musicali scritte.
Fino alla metà dell’800 si conoscevano solo DUE INNI (aa Elios e a Nemesis)
Nemesis scritti da MESOMEDE
di Creta nel II secolo a.C., scoperti e pubblicati nel 1581 da Vincenzo Galilei, più alcuni
frammenti (come la prima strofa dell’Ode Pitica di Pindaro) che poi si sarebbero rivelati dei falsi.
A metà ‘800 si recuperarono altri 6 frammenti di musica strumentale detti bellermaniani dal
nome dello studioso tedesco che li scoprì in alcuni trattati teorici dove erano stati inseriti come
esempi. Infine tra ‘800 e ‘900 sono state riportate alla luce 3 iscrizioni su pietra (22 inni delfici del
II secolo a.C. e l’Epitaff io di Sicilo del I secolo a.C.) e una quindicina di frammenti di papiro del
Epitaffio
III secolo a.C., contenenti, fra l’altro, alcuni versi di tragedie (come l’Orestea di Euripide).
Queste fonti, però, per quanto preziose sono troppo poche, frammentarie e recenti per
permetterci di ricostruire i caratteri e l’evoluzione dell’antica musica dei Greci. In compenso
disponiamo di numerosi trattati (come gli Elementi armonici di Aristosseno da Taranto) Taranto che ce
ne illustrano i fondamenti teorici, insieme alle solite fonti iconografiche
iconografiche, archeologiche e
letterarie che ce ne descrivono gli usi e i costumi.

PRATICA:
PRATICA In Grecia la musica fu pensata e praticata come l’insieme fra suono, parola e gesto e
andava sotto il nome di mousiké tecknè ovvero arte delle Muse, Muse le dee ispiratrici di tali arti.
Pertanto la storia della musica greca è tutt’uno con quella delle arti ed in particolare della poesia:
poesia
da Omero in poi non fu composto un solo verso che non fosse destinato ad essere cantato con
l’accompagnamento di un qualche strumento musicale (di qui l’attuale significato del termine
lirica cioè dalla pratica di accompagnare la lettura di poesie con la lira) e, viceversa, non fu
intonato un solo suono che non servisse a ricordare meglio le parole di un testo ed a esprimere
meglio il suo significato.
Il cammino della civiltà musicale greca può essere diviso nei tre periodi fondamentali:
- il periodo ARCAICO (XI- (XI-VI sec. a.C.) in cui fiorirono l’epica
epica e poi la lirica monodica e
corale
- il periodo CLASSICO (V sec. a.C.) in cui fiorì il teatro sia tragico che comico
- il periodo ELLENISTICO o ALESSANDRINO (IV-II secolo a.C.) in cui fiorì la tratattistica
teorica

Di periodo in periodo la musica greca conservò alcune caratteristiche di fondo come il carattere
monodico accompagnato (parakataloghè
(parakataloghè)) e il ritmo basato sulla metrica poetica,
poetica ma acquistò
anche aspetti e funzioni diverse e nuove.

Nel PERIODO ARCAICO (XI- (XI-VI sec.) la musica venne praticata nei templi durante le cerimonie
religiose, funebri e nuziali, e nelle corti, durante i simposi che seguivano immancabilmente i
banchetti: sbandite le mense, veniva fatto entrare nella sala e fatto sedere al centro un aedo
(musico) che, accompagnandosi con la sua phorminx (un’arpa a 4 corde, ricavata da una
carcassa di tartaruga), cantava le gesta epiche degli dèi e degli eroi, sul tipo di quelle narrate
nell’Iliade e nell’Odissea.
Le più antiche forme di esecuzione musicale di cui è stata tramandata la memoria erano:
- citarodia: canto accompagnato ad uno strumento a corda

Tesi 3.doc 1
- aulodia: canto accompagnato da uno strumento a fiato
- citaristica: assolo di uno strumento a corda
- auletica: assolo di uno strumento a fiato

Di alcuni aedi dell’epoca arcaica conosciamo anche il nome: Anfione, Lino, Orfeo, Demodoco,
Femio. L’aedo improvvisava le melodie sull’osservanza di semplici schemi melodici e modelli
tradizionali denominati nomoi (“leggi, precetti”), a sottolineare appunto l’obbligo di non
trasgredire le norme di intonazione e di ritmo fissate per ciascuna melodia.
Tali melodie vennero poi selezionate e raccolte, nel VII
VII sec. da TERPANDRO DI LESBO,
LESBO in un
repertorio variamente distinti a seconda della regione d’origine (nomos Aiòlios “eolico”, Boiòtios
“della Boezia” ecc.), della destinazione sacrale (nomos Apòllonos “di Apollo”, Diòs “di Zeus”,
Athenas “di Atena” ecc.), della forma ritmica o tonale (nomos oxys “acuto”, trochaios “trocaico”).

Nel VI secolo a.C. la società e la musica greca cambiano radicalmente:


- politicamente, nascono le prime poleis (“città-stato”), alcune a regime democratico (come
Atene) e altre a regime assolutistico (come Sparta)
- musicalmente, aumentano le occasioni e le ragioni per fare musica, dalle manifestazioni
pubbliche alle riunioni private.

Nella manifestazioni di interesse pubblico (come i riti, le gare, le feste, i funerali, i matrimoni…),
danze venivano eseguite accompagnate da un canto di tipo corale e prendeva nomi e forme
diverse a seconda delle circostanze in cui venivano eseguite:

inno dedicato ad una divinità o ad una personalità politica


peana dedicato ad Apollo
ditirambo
ditirambo in onore di dioniso
threnos canto funebre
epitalamio canto nuziale
epinicio per l’atleta vincitore
prosodio canto processionale
scolio canto conviviale

Tra tutte queste forme di canto corale un’attenzione particolare merita il DITIRAMBO dal quale,
secondo Nietzsche, sarebbe derivata la tragedia. Il ditirambo, come anticipato, era il canto in
onore del dio Dioniso, il dio dell’ebbrezza, dell’estasi e del vino amato dalle masse popolari e
malvisto dai filosofi e dai ceti aristocratici che preferivano Apollo, dio del sole, della ragione e
della poesia. Nei riti dionisiaci i satiri (uomini ce coprivano il capo con una testa di capro a
significare l’unione uomo-natura) e le menadi (donne che stavano a significare la frenetica
voluttà dell’amore) venivano eccitati all’orgia mistica con danze, vino e il fumo di certi semi;
sfilati in corteo, si disponevano in cerchio, cantando, intorno alla thimele (l’ara, l’altare) dove
veniva sacrificato il capro in onore di Dioniso: il termine tragedia deriva proprio da tragòs – odè
cioè canto del capro (che accompagna il sacrificio del capretto). Il primo passo verso la tragedia
fu compiuto da Arione intorno al 600 a.C. che mise per iscritto il ditirambo. Il coro poi si divise in
due semicori che cominciarono a rispondersi l’un l’altro; ai due cori cominciò a rispondere un
personaggio, l’hypocrites (“risponditore”), che inizialmente impersonava Dioniso e
successivamente interpreta altri dei o personaggi mitologici: è la nascita dell’attore e della prima
rappresentazione teatrale. La tradizione attribuisce a Tespi,
Tespi poeta leggendario, l’aggiunta al
ditirambo dell’hypocrites. Per i Greci tale figura era considerata scandalosa in quanto quella
persona non era se stessa, “mentiva”, per cui Tespi fu costretto a lasciare Atene mettendosi in giro
a dare spettacoli con una sorta di palcoscenico fornito di ruote (il famoso carro di Tespi).

Nelle riunioni di carattere privato,


privato tra un bicchiere di vino e una discussione politica, era di
rigore le lirica monodica i cui temi trattati erano di tipo amoroso (Saffo), satirico (Archiloco) o
conviviale (Alceo).

Tesi 3.doc 2
Nel PERIODO CLASSICO (V sec.) la civiltà greca vive un momento di straordinaria vivacità
artistica dovuta:
- una congiuntura politica ed economica particolarmente favorevole
- vittoria clamorosa di Atene contro l’invasore persiano che rafforzò l’impegno ideale e civile
del popolo greco.

All’arte e, in particolar modo, al teatro viene ora affidato l’altissimo compito di formare le
coscienze dei cittadini, attraverso quella che Aristotele chiama catarsi (purificazione). Il processo
catartico ha origine proprio attraverso la tragedia, in cui lo spettatore assiste e vede rappresentate
le torbide passioni che s’agitano nel fondo del suo animo (omicidi, passioni, tradimenti…),
suscitando in lui i sentimenti di pietà (èleos) e terrore (fòbos): obiettivando e contemplando
dall’esterno questi sentimenti lo spettatore se ne libera, purificandosi (un po’ come le attuali
“confessioni” nelle sedute psicanalitiche).
Per questo motivo di formazione, la frequenza alle rappresentazioni tragiche era pressoché
obbligatoria (per i più poveri provvedeva lo stato a pagare il biglietto). Periodicamente denivano
indetti dei concorsi ai quali i tragediografi partecipavano presentando una trilogia tragica e una
commedia (da comòs – odè cioè “canto del villaggio”: mentre la tragedia aveva personaggi
mitologici e dei, la commedia era di argomento più leggero ed aveva come personaggi figure
popolari).
Gli umanisti ricavarono dalla Poetica di Aristotele la cosiddetta COREIA ARISTOTELICA (da coros
cioè “metro, piede”, dette anche UNITA’ ARISTOTELICHE)
ARISTOTELICHE ovvero le regole che venivano usate
nella composizione delle tragedie:
1- UNITA’ DI TEMPO: di questa esistono due interpretazioni: la prima dice che le vicende della
tragedia devono svolgersi nell’arco di tempo di un giorno; la seconda interpretazione dice che
la durata temporale della tragedia non deve superare quella del giorno, per sfruttare, essendo
rappresentate all’aperto, la luce del giorno
2- UNITA’ DI LUOGO: la tragedia deve essere rappresentata in un solo luogo, senza mutamenti
di scena
3- UNITA’ D’AZIONE: le vicende di una tragedia dovevano svolgersi in un unico avvenimento,
avente un inizio, un centro e una fine.

Gli spettacoli venivano allestiti fuori le mura della città, inizialmente in teatri trapezoidali di
legno, nel periodo più tardo assunsero la tipica forma a ¾ di cerchio, in pietra e sfruttando il
pendio di una collina. Al centro del teatro (detta orchestra,
orchestra da orchèmoai cioè “danzare”) c’era
ancora la thimele intorno a cui danzava e cantava il coro formato da 12 coreuti (cioè “coristi”: il
numero passerà con Sofocle a 15) e diretto dal corifèo (capo corista). Nel restante quarto di
cerchio era posto il proskenion (il palco) sopraelevato in cui si muovevano 2 attori (con Sofocle
diventeranno 3) che impersonavano più personaggi (sia gli attori che i coristi erano solo uomini).
Gli attori portavano dei calzari con zeppe (i coturni) e delle grosse maschere, diverse per ogni
personaggio, che servivano a due scopi: far riconoscere, anche a grande distanza, il personaggio
che era interpretato in quel momento sul palco, e per amplificare il suono della voce (nella
maschera erano presenti, all’altezza della bocca, dei megafoni). Il tutto era cantato su metriche
fisse con l’accompagnamento di 1 o 2 aulòi (suonatori di aulos): la musica e la metrica erano
sempre a favore di una migliore intelligibilità.
La tragedia si apriva con un prologo,
prologo in cui veniva introdotta la vicenda, seguito dalla parodo
ovvero l’ingresso del coro. La vicenda della tragedia veniva sviluppata nei 3 episodi che erano
inframmezzati da altrettanti stasimi in cui il coro cantava e dando un giudizio esterno sulla
vicenda (esprimeva ciò che pensava il pubblico); la conclusione era data al coro nell’eesodo in cui
veniva fatta la morale della storia.
Il primo grande tragediografo fu ESCHILO,
ESCHILO in cui le vicende e i suoi pensieri ricalcano quelli della
Grecia severa e antica, in cui gli dei sono come super-uomini, invidiosi degli uomini sulle terra e
su cui scaricano le proprie ire. Il secondo fu SOFOCLE,
SOFOCLE molto amato dalla società greca, più
riflessivo di Eschilo, scorge nell’esistenza dell’uomo miserie e orrori a volte ingiustificati: in questa
vita tutta nera la sola consolatrice è l’arte. L’ultimo grande tragediografo fu EURIPIDE,
EURIPIDE in cui si
può già notare la tendenza decadente a cui la società greca andava incontro (alla democrazia di
Atene era subentrata l’oligarchia militarista di Sparta): molto razionale, i suoi personaggi non

Tesi 3.doc 3
sono altro che uomini e donne nella loro caratterizzazione psicologica. Per questa sua
caratteristica anticonformista non venne visto di buon occhio dai greci del suo tempo; al contrario
venne rivalutato e preso come esempio dai suoi successori.

Nel PERIODO ELLENISTICO (IV sec.) la Grecia venne conquistata da Alessandro Magno e
inglobata nell’Impero Macedone. La perdita della libertà e la fine della democrazia soffocarono lo
slancio ideale e scoraggiarono l’impegno civile che aveva animato tutto il V secolo. Si verificò così
un ritorno al privato, di ricerca del benessere e del piacere personale. Anche la musica cambia
funzione e carattere: la forma prevale sul contenuto, la bravura tecnica sull’interpretazione
espressiva, il fine edonistico sulla funzione pedagogica e catartica: alla tragedia si sostituisce la
commedia di Aristofane e Menandro, con lo scopo, il primo di denunciare la decadenza sociale
della Grecia, il secondo prettamente ludico (era ad intreccio, tipo opera buffa).
Tutto ciò fa nascere la necessità di teorizzare una notazione musicale.

NOTAZIONE: La notazione greca, illustrata nelle tavole di ALIPIO e documentata da frammenti


giunti fino ai nostri giorni, è di tipo ALFABETICO.
ALFABETICO Ai suoni dell’ottava, complessivamente 22 tra
note naturali, alterate di semitono e di quarto di tono, vengono associate le lettere di due alfabeti:
- quello fenicio per la musica strumentale
- quello greco maiuscolo per la musica vocale.

L’associazione suono-lettera avviene in maniera diversa a seconda del tipo di notazione:


- nella notazione strumentale i 15 segni desunti dall’alfabeto fenicio, designano i gradi del
Telejon maggiore diatonico (vedi più avanti la teoria greca); gli stessi segni, capovolti o
invertiti provvedono a segnalare le alterazioni cromatiche ed enarmoniche dei suoni associati
- nella notazione vocale i 24 segni desunti dall’alfabeto greco venivano utilizzati, a tre a tre, per
indicare lo stato naturale, cromatico ed enarmonico dei suoni di un’ottava

La DURATA dei suoni ed il RITMO della musica erano desunti dalla quantità delle sillabe (lunghe
e brevi) e dalla metrica del testo. L’unità di tempo base era la breve (∪); due brevi formano una
lunga (—). La successione di lunghe e brevi determinava l’accento all’interno di una parola (gli
accenti nel greco non sono come i nostri in cui la vocale ha un’intonazione più marcata, ma la
sillaba accentata aveva una durata maggiore) formavano una cellula ritmica binaria o ternaria
detta PIEDE. Le parole greche potevano essere catalogate in diversi piedi, di cui i più importanti
sono:

Binari:
GIAMBO ∪—
TROCHEO —∪
SPONDEO ——
Ternari:
ANAPESTO ∪∪—
DATTILO —∪∪
TRIBRACO ∪∪∪

ESTETICA: Le opinioni dei greci, in materia musicale, cambiarono nel corso del tempo di pari
passo all’evoluzione della filosofia, della società e della musica stessa, pur mantenendo sempre la
convinzione che la musica fosse in grado di influenzare, nel bene e nel male, l’equilibrio
psicofisico dell’uomo.
dell’uomo
Nel periodo ARCAICO al canto accompagnato con la cetra erano attribuiti poteri magici: ne sono
l’esempio ORFEO che era in grado di fermare i venti e i fiumi, di ammansire belve e divinità
infernali, di riportare alla vita la sua sposa Euridice, ANFIONE di costruire le mura di Tebe,
ARIONE di richiamare in suo soccorso i delfini, alle sirene di ammaliare i naviganti…
Ma già nel VI secolo,
secolo con PITAGORA,
PITAGORA la musica esce da quella che è la sua concezione magica
per entrare in quella matematematico-astronomica. Pitagora, accomunando le sue esperienze

Tesi 3.doc 4
acustiche, matematiche e astronomiche, coniò il termine kòsmos per indicare l’ordine e la
bellezza del creato, la proporzionalità e l’elegante simmetria delle sue parti. Di qui la definizione
della musica delle sfere (o armonia delle sfere) cioè la teoria in cui il simbolismo del numero e la
teoria matematica delle proporzioni armoniche risultano intimamente legati all’indagine filosofica
sull’origine e sull’ordine dell’universo (e quindi sulla vita dell’uomo). Tale studio portò a
considerare la perfezione del numero 10 dato dalla somma dei primi 4 numeri (1, 2, 3, 4): in
relazione alla musica Pitagora definì la consonanza degli intervalli sui primi 4 armonici, la
associazione delle sfere planetarie (7 pianeti) alle corde della antica lira a 7 corde, ai 7 suoni
formati dall’unione di due tetracordi che coincidono in una nota comune detta mése, mése in origine la
corda centrale della lira sulla quale i musici regolavano l’accordo del loro strumento. I pitagorici
identificarono in essa Apollo, il dio dell’armonia cosmica, e il Sole al quale, data la sua posizione
mediana nell’ordine delle sfere celesti, si attribuiva l’azione di vincolo e di coesione tra i restanti
pianeti.
Nel periodo CLASSICO la questione si sposta sul piano etico-
etico-civile:
civile PLATONE,
PLATONE nella Repubblica e
nelle Leggi sostiene l’importanza della musica in quanto modello di organizzazione del processo
educativo dei cittadini,
cittadini in particolare i modi dorico e frigio rispondono alla sua idea di una
comunità umana ben ordinata: di qui la necessità che lo stato curi e controlli l’educazione
musicale dei giovani.
Infine, nel periodo ALESSANDRINO,
ALESSANDRINO verrà elaborata la dottrina dell’ethos ovvero quella teoria
che mette in relazione il carattere proprio di ogni armonia o modo e gli effetti che poteva
esercitare sullo stato d’animo dell’uomo, individuando 3 influenze principali:

- ethos DIASTALICO:
DIASTALICO di rafforzamento
- ethos SISTALICO:
SISTALICO di allentamento
- ethos ESICASTICO:
ESICASTICO di annullamento

A ciascun effetto si collega l’uso di determinati tipi di strumenti, scale e generi.


generi
Sempre nel periodo ellenistico il filosofo ARISTOSSENO,
ARISTOSSENO discepolo di Aristotele, considera il
musicista come creatore di una forma d’arte:d’arte la musica, oltre che un fine un fine edonistico
(diletta lo spirito in quanto soddisfa il desiderio istintivo dell’ordine e dell’armonia), ha un valore
catartico.
catartico

TEORIA: La teoria musicale greca si fonda sul concetto di SISTEMA che consiste in una
successione ordinata di suoni disposti in senso discendente (come le corde della cetra) a
intervalli di tono, semitono e quarto di tono entro un ambito di quarta, di ottava o di doppia
doppia
ottava.
ottava A seconda dell’estensione si distinguono 3 diversi tipi di sistema:
- TETRACORDO:
TETRACORDO copre l’estensione di una quarta giusta
- ARMONIA:
ARMONIA copre l’estensione di un’intera ottava
- TELEJON o sistema perfetto: copre l’estensione di due ottave

A seconda della distribuzione interna degli intervalli si hanno 3 GENERI diversi:


- DIATONICO:
DIATONICO con un semitono ogni due toni (es. MI RE DO SI)
- CROMATICO:
CROMATICO con una terza minore e due semitoni consecutivi (es. MI DO# DO SI)
- ENARMONICO:
ENARMONICO con una terza maggiore e due quarti di tono (es. MI DO SI¼ SI)

Dei tre generi il più usato il più usato è quello diatonico, basato sugli intervalli di tono e semitono
diatonico definiti da Pitagora nel VI secolo. L’ampiezza degli intervalli discosta un po’ da quella
attuale: il semitono pitagorico è pari a 90 cents (contro i 100 attuali), mentre il tono pitagorico è
pari a 204 cents (contro i 200 attuali).
E’ proprio ad ognuno di questi generi che, secondo il pensiero greco, veniva associato un
diverso stato d’animo.
d’animo

Dei tre sistemi il più antico è il TETRACORDO, che consiste in una successione discendente di 4
suoni compresi in un ambito di una quarta giusta. Poteva essere di tre tipi diversi a seconda della
collocazione del semitono:

Tesi 3.doc 5
- DORICO: quando il semitono si trovava al grave, tra il 3° e il 4° grado (es. MI RE DO SI)
- FRIGIO: quando si trovava al centro, tra il 2° e il 3° grado (es. RE DO SI LA)
- LIDIO: quando si trovava all’acuto, tra il 1° e il 2° grado (es. DO SI LA SOL)

Il sistema d’ottava o ARMONIA si formava dalla combinazione di 2 tetracordi dello stesso tipo
che, a seconda del modo con cui venivano unite, potevano essere:
- disgiunti cioè disposti uno dopo l’altro in modo tale che tra la fine del primo e l’inizio del
secondo ci fosse una diazèusi (“separazione”) di un tono: in questo modo si avevano 3
armonie:

ARMONIA DORICA à MI RE DO SI — LA SOL FA MI

ARMONIA FRIGIA à RE DO SI LA — SOL FA MI RE

ARMONIA LIDIA à DO SI LA SOL — FA MI RE DO

- congiunti cioè disposti in modo tale che l’ultimo suono del primo tetracordo fosse uguale al
primo suono del secondo: in questo modo il suono comune (mèse) funge da congiunzione
(sinafè) tra i due tetracordi. Alle due armonie che si vengono a formare andrà aggiunto, per
completare l’ottava, un suono, detto proslambanòmenos, al grave (ipo) e uno all’acuto (iper),
per un totale di 6 modi congiunti (3 ipomodi e 3 ipermodi):

MODO IPERDORICO
SI + LA SOL FA MI
MI RE DO SI + LA
MODO IPODORICO

MODO IPERFRIGIO
LA + SOL FA MI RE
RE DO SI LA + SOL
MODO IPOFRIGIO

MODO IPERLIDIO
SOL + FA MI RE DO
DO SI LA SOL + FA
MODO IPOLIDIO

proslambanòmenos sinafè proslambanòmenos

Insomma, tra armonie, ipermodi e ipomodi (escludendo i doppioni: ipodorico=iperfrigio e


ipofrigio=iperlidio) si avevano 7 scale diatoniche diverse a ciascuna delle quali corrispondeva
una diversa accordatura della cetraa 7 corde. Con l’aumento delle corde della cetra, si rese
necessario un nuovo sistema denominato TELEJON (“perfetto”), formato da 3 o 4 tetracordi
dorici. Esso poteva essere di tre tipi diversi:

Tesi 3.doc 6
- SISTEMA
SISTEMA PERFETTO MINORE:
MINORE formato da 3 tetracordi congiunti con proslambanòmenos al
grave:

RE DO SI b LA
LA SOL FA MI
MI RE DO SI + LA
- SISTEMA PERFETTO MAGGIORE:
MAGGIORE formato da 4 tetracordi congiunti, a due a due, con
diazèusi centrale e proslambanòmenos al grave:

LA SOL FA MI
MI RE DO SI — LA SOL FA MI
MI RE DO SI + LA

- SISTEMA PERFETTO IMMUTABILE:


IMMUTABILE formato dall’unione del sistema maggiore e del sistema
minore in un’unica successione di note

LA SOL FA MI — RE DO SI b LA
LA SOL FA MI
MI RE DO SI + LA

STRUMENTI: Gli strumenti più tipici del mondo greco sono l’aulòs aulòs e la lyra,
lyra il primo di diffusione
popolare e in uso nei riti dionisiaci, il secondo di estrazione più aristocratica e in uso nei riti di
Apollo; nel mondo greco entrambi sono in perenne concorrenza: si pensi alla celebre favola della
gara tra il satiro Marsia e il dio Apollo.
L’AULOS
AULOS è un aerofono ad ancia (sia semplice che doppia) formato da due tubi cilindrici, o
leggermente conici, in canna, legno, osso o avorio, muniti di bocchino (per l’alloggiamento
dell’ancia) e tenuti insieme da un bavaglio forato annodato dietro la nuca del suonatore.
La LYRA è un cordofono a pizzico formato da un risuonatore (ekèjon) ricavato, nei modelli più
antichi, da una carcassa di tartaruga e da due corna unite da un giogo. Le corde, di eguale
lunghezza ma di diverso spessore, venivano pizzicate dalle dita della mano sinistra e da un plettro
impugnato dalla mano destra; tali corde in origine erano 3, poi salirono a 4,a 7 nel periodo
classico e a 12 in quello ellenistico.
La KITHARA o CETRA è una varietà da concerto della lyra, da cui si differenzia per il fatto che la
cassa di risonanza è molto più ampia e comunica con i bracci laterali, interamente cavi, in modo
da aumentare la risonanza.

I ROMANI

La civiltà latina fiorisce in un arco di tempo che va dalla fondazione di Roma (VII VII secolo a.C.)
a.C.
giungendo sino alla deposizione dell’ultimo imperatore dell’Impero Romano d’Occidente, Romolo
Augustolo, avvenuta nel 476 d.C. (e data di inizio del Medioevo). Nel corso di questi secoli copre
un’area geografica sempre più vasta, arrivando a comprendere l’Italia, le isole Britanniche, la
Gallia, la penisola Iberica, l’Africa settentrionale, l’Egitto, la Palestina, la Grecia, la Mesopotamia,
la Dacia e la Romania. Tale vastità di territorio contribuisce all’incontro di tante civiltà differenti e
allo scambio tra culture differenti, in particolare, in campo musicale, il contributo più importante
sarebbe venuto prima dalla Grecia poi dalla Palestina.
Palestina

FONTI: Tutto quello che ci resta dell’antica musica romana è la melodia di un solo verso di una
commedia (l’Hecyra) di Terenzio, notata in caratteri greci, perciò tutto quello che sappiamo sulla
musica romana ci perviene dalle fonti letterarie, iconografiche e archeologiche.

PRATICA: Durante il periodo arcaico (753-509 a.C.), impegnati com’erano alla conquista
militare e all’organizzazione dei territori, i romani utilizzavano il canto (monodico e corale) e la
musica in genere a scopi pratici, funzionali allo svolgimento del lavoro, dei riti religiosi, delle
operazioni militari.

Tesi 3.doc 7
In campo RELIGIOSO,
RELIGIOSO i canti più antichi di cui abbiamo notizia sono i Carmina Saliaria che i
sacerdoti Salii intonavano mentre procedevano in corteo a passo cadenzato. Gli strumenti
prendevano parte attiva alle cerimonie e ogni anno venivano sottoposti ad un complesso rito
purificatorio chiamato tubilustrium.
Nel settore MILITARE si ricordano i Carmina Triumphalia che accoglievano i generali vittoriosi;
inoltre si impiegavano costantemente strumenti a fiato come tube, tibie, corni durante le fasi
salienti del combattimento.
Solo all’indomani della conquista della Grecia, avvenuta nel 146 a.C., la cultura romana venne a
contatto diretto e continuo con quella greca e la forme musicali e teatrali più evolute
dell’ellenismo soppiantarono i generi tradizionali romani. A roma si affermò un teatro tragico e
comico in lingua latina modellato sugli esempi greci, in cui monodie e duetti si alternavano al
dialogo parlato, mentre il coro perdeva sempre più di importanza: venne sì importato il teatro
greco ma lo scopo di tali spettacoli era puramente edonistico (compositori più importanti: Livio
Andronico, Ennio Pacuvio, Plauto, Terenzio, Accio).
Inoltre la musica cominciò ad essere usata a scopi pedagogici ed artistici: anche se in misura
inferiore rispetto al mondo greco, l’intonazione melodica accompagnata dalla cetra rappresentò
un complemento indispensabile per la poesia, soprattutto amorosa; l’insegnamento musicale
venne considerato uno strumento fondamentale di formazione della gioventù: basti pensare alle
cifre esorbitanti che venivano corrisposte ai maestri di musica, soprattutto nel periodo imperiale.

STRUMENTI: I romani fecero propri un po’ tutti gli strumenti costruiti e usati dai popoli che
conquistarono. Gli unici strumenti originali sono aerofoni di uso militare: il CORNO,
CORNO munito di
una traversa di sostegno, la TUBA o SALPINX,
SALPINX consistente in un lungo tubo terminante ad imbuto;
la BUCINA
BUCINA, con bocchino e tubo a “S”; la TIBIA,
TIBIA simile all’aulos greco a doppia ancia.

Tesi 3.doc 8
4- La musica dei primi cristiani: il Canto Gregoriano nei
suoi caratteri modali e ritmici

LA MUSICA DEI PRIMI CRISTIANI


Con i termini di Canto Gregoriano si vuole convenzionalmente denominare in maniera molto
generica la monodia liturgica in lingua latina della
della Chiesa di Roma,
Roma diffusasi nel corso del
Medio Evo nel territorio circoscritto dal Sacro Romano Impero.
Il percorsi storico che ha portato alla nascita di questo genere musicale:

50 d.C. Ú Le prime comunità cristiane cantano salmi ed inni (di origine ebraica)
90 d.C. Ú Viene cantato il Sanctus
110 d.C. Ú Il rapporto di uno storico all’imperatore Traiano parla di “…canto dei
cristiani”
200 d.C. Ú Salmi con Alleluja
215 d.C. Ú Uno studioso ellenistico parla della cantillazione “…un lettore leggeva
intonando”
300 d.C. Ú Viene istituita la Domenica come giorno festivo
315 d.C. Ú Costantino, con l’Editto di Milano, riconosce la libertà di culto ai cristiani
325 d.C. Ú Differenziazione tra canti e rito cristiano
476 d.C. Ú Caduta dell’Impero Romano d’Occidente: invaso dalle popolazioni
germaniche, l’Europa medievale si trova suddivisa in un mosaico di stati e
staterelli (feudi); la vita si concentra nelle campagne, tra le mura dei castelli,
nei monasteri: la produzione artigianale viene ridotta allo stretto necessario
e gli scambi economici e culturali scompaiono. In una situazione del genere
la FEDE e la CHIESA diventano l’unico punto di riferimento: la storia viene
concepita come una concatenazione di eventi indipendenti dalla volontà
umana e legati alla volontà divina, la vita viene vista come un faticoso
cammino verso la beatitudine eterna, l’arte viene considerata un accessorio
per elevare la morale religiosa (nel caso della musica, per rendere più
solenni le parole delle preghiere e della liturgia)
IV secolo Ú Nei centri monastici risiede la cultura (cultura monopolio della Chiesa): è
il periodo dei monaci amanuensi grazie ai quali ci sono arrivati i testi
antichi greci e latini. Si può benissimo comprendere come in questo
ambiente non ci fosse spazio per il canto profano, le danze, la musica
strumentale. L’unico genere di musica ufficialmente riconosciuto era quello
sacro liturgico praticato nelle celebrazioni dei riti: e proprio in questo
periodo che vennero fissati per iscritto i testi sacri tuttora in uso:

Liturgia della Messa Liturgia delle Ore Canoniche(o


dell’Ufficio)Benedetto fonda l’ordine dei
benedettini con il motto ORA ET
LABORA dividendo la giornata nelle ore
canoniche)

In ogni centro monastico si erano sviluppati diversi riti che organizzavano i


testi e le musiche delle liturgie in maniera indipendente l’uno dall’altro: si
possono identificare il rito BENEVENTANO (nei monasteri di Benevento,
Cassino e di tutta l’Italia Meridionale), AMBROSIANO (proprio della diocesi
di Milano e del Canton Ticino), il GALLICANO (in Francia), il
MOZARABICO (in Spagna) il ROMANO (nell’Italia centrale).

Tesi 4.doc 1
540 d.C. Ú Nasce S. Gregorio Magno
579 d.C. Ú Prende i voti Gregorio Magno a Costantinopoli
590-604 d.C. Ú Pontificato di S. Gregorio Magno al quale si attribuisce l’istituzione della
Schola Cantorum e di aver compilato l’Antiphonarium Cento, Cento il nucleo
originario del canto gregoriano (esempio di AUTORITAS ovvero di un
personaggio di grande importanza e carisma a cui si attribuisce l’invenzione
di qualcosa: il riferimento a Papa Gregorio come ideatore dell’omonimo
canto gregoriano - dimostrata dal fatto che tale creazione avviene 3 secoli
dopo la sua morte - è puramente ideale, costruito in età carolingia allo
scopo di conferire sacralità e autorevolezza alla liturgia romana)
762 d.C. Ú Il vescovo di York parla del Messale (raccolta dei canti della Messa) e
dell’Antifonario (raccolta dei canti dell’Ufficio) di Gregorio Magno
fine 700 Ú Nel Cantatorium di Monza si attribuisce a Gregorio Magno la nascita del
Canto Gregoriano
VIII-IX secolo Ú Età carolingia: Carlo Magno si avvale dell’appoggio della Chiesa per
unificare politicamente i territori del vecchio Impero Romano d’Occidente e
garantire così la coesione di realtà etnicamente, culturalmente e
storicamente assai diverse e la Chiesa sfrutta il potere temporale per
eliminare l’insorgere di movimenti religiosi che potevano screditarla
(frammentata tra vari riti era di più facile appannaggio delle eresie): nasce
il Sacro Romano Impero. La Chiesa, per quanto riguarda la liturgia, impone
la quello della liturgia Romana e per quanto riguarda la musica, fonda la
Schola Cantorum in cui i PRECENTOR (i primus cantores, i cantori più
vecchi) si occupavano di preparare per 9 anni i PUERI (cantori allievi),
cantori che sarebbero andati in missione in tutti i monasteri dell’Impero ad
insegnare uno stile standard (il canto Romano)
X secolo Ú Verso la fine del 1000 l’intero processo di unificazione era in atto, trovando
nei vari monasteri una certa resistenza (imposizione di un modello
completamente nuovo). Ma intanto cominciavano a serpeggiare fermenti di
rinnovamento sociale ed ideale che porteranno da un lato alla elaborazione
del canto sacro (tropi, sequenze, drammi liturgici, polifonia: aggiunte di
parole, dramma o musica per maggiore enfatizzazione delle parole sacre o
semplicemente come espediente mnemonico) e dall’altro alla nascita del
canto profano. Ecco che nella condizione in cui il canto gregoriano inizia il
suo declino,
declino nasce il bisogno di dover fissare
fissare nel tempo (contro amnesie e
contaminazioni) tale pratica canora.
I primi tentativi di memorizzazione musicale erano solamente dei
promemoria: i cantores sapevano già a memoria la melodia,melodia a loro serviva
solamente una scrittura che ricordasse l’andamento.
l’andamento Nasce così la scrittura
neumatica (neuma deriva da “pneuma” cioè respiro) adiastematica o in
campo aperto (non indica le altezze delle note). Tali scrittura è detta anche
chironomica perché ricorda l’andamento della mano del precentor durante
la direzione dei cantores; una ennesima origine dei neumi la si può far
risalire agli accenti latini: l’accento acuto (virga) usata quando la prima
nota è più grave della seconda, l’accento grave (punctum) viceversa. Tale
scrittura veniva posta dagli scriptoria monastici
monastici sopra al testo che veniva
cantato. Essendo i vari monasteri centri isolati l’uno dall’altro, ognuno aveva
sviluppato un diverso metodo di scrittura: alcuni addirittura svilupparono
sistemi diastematici.
La scrittura gregoriana a note quadrate che siamo abituati a vedere arriverà
molto più tardi (1400) dai monaci di Solemnes.

Nella evoluzione del repertorio gregoriano determinante sarà l’apporto dei monasteri del Nord
Europa, in particolare quello di San Gallo in cui prima il monaco Nokter Balbulus, per meglio
memorizzare i melismi alleluiatici, poi il monaco Tutilone adottarono la tecnica detta tropatura
consistente nell’aggiunta di testi e melodie all’interno di canti preesistenti. Da tali tecniche
Tesi 4.doc 2
scaturirono, tra il IX e il X secolo, le forme della SEQUENZA e del TROPO, forme di autonoma
composizione che daranno lo spunto alla nascita del teatro sacro medievale e delle prime tecniche
di canto parallelo dalle quali trarrà origine la polifonia.

FORME DEL CANTO GREGORIANO


I migliaia di canti che compongono il totale repertorio gregoriano sono classificabili in diverse
forme:
- SALMI:
SALMI forma che prende spunto dal modello ebraico,ebraico composta da un numero variabile di
versetti in prosa,
prosa il cui testo è attinto dalla Bibbia.
Bibbia La lettura salmodica viene intonata,
tramite una cadenza iniziale detta initium,
initium su una nota detta nota di recita o repercussio o
tenor e spezzata, in caso di versetti troppo lunghi, in 2 emistichi (il primo emistichio termina
con una cadenza mediana o mediatio e il secondo emistichio riprende con un altro initium).
initium
I singoli emistichi, o il salmo se di breve lunghezza, hanno inoltre una pausa intermedia
dovuta alla sintassi del testo che cadenza con una flexa:
flexa dopo una mediatio o una flexa il
salmo riprende la recita sulla repercussio (nota di recita). L’intero versetto termina in una
fioritura cadenzale detta terminatio. Gli 8 toni salmodici da cui sono derivati i modi
ecclesiastici (più uno detto peregrinus in quanto vaga su due diverse note di recita), erano
schemi e formule melodiche su cui si costruivano e intonavano i salmi.
Salmo breve (1 emistichio) Flexa

Initium Finalis

Salmo con 2 emistichi

Initium Flexa Mediatio Initium Flexa Finalis

Un salmo è preceduto e seguito da brevi brani detti antifone;


antifone l’esecuzione è affidata a due cori
che si alternano nella recitazione (intonazione antifonale).
antifonale

- INNI:
INNI canti di lode alla divinità, di origine bizantina, a struttura strofica di forma poetica
(organizzati
organizzati in versi),
versi gradevoli all’ascolto e facili da memorizzare:
memorizzare tale tipo di canto
conseguiva a favorire la catechizzazione delle masse fronteggiando così il pericoloso
diffondersi delle prime eresie. L’esecuzione era caratterizzata dall’alternanza di un canto
solistico a cui rispondeva un coro (intonazione responsoriale).
responsoriale I primi compositori di inni
latini furono S.Ilario,
S.Ilario vescovo di Poitiers, e S.Ambrogio
S.Ambrogio, vescovo di Milano (gli inni erano
usatissimi nella liturgia ambrosiana) per opera del quale l’inno latino assunse una precisa
configurazione formale, tanto che in seguito molti inni della liturgia ambrosiana furono
falsamente attribuiti a lui. Dagli inni sono derivati il Te Deum e il Gloria.

- CANTICI:
CANTICI sono i cantiche costituiscono il vertice lirico di una determinata ora canonica (vedi
il repertorio dell’Ufficio nella parte seguente); i cantici più importanti sono:
Benedictus alle lodi
Magnificat ai vespri
Nunc dimittis alla compieta

- GRADUALI:
GRADUALI sono canti responsoriali di meditazione del Mattutino nell’Ufficio e nel Proprio
della Messa, molto elaborati e riccamente melismatici, derivanti dalla salmodia responsoriale;
il nome Graduale deriva dal fatto che quando il solista doveva cantare saliva su un gradino

Una caratteristica di questi canti è il modo di intonazione,


intonazione ovvero la maniera in cui vengono
cantati; tale caratteristica li distingue in:
Tesi 4.doc 3
- ANTIFONALI:
ANTIFONALI quando il canto è intonato da due cori che si alternano
- RESPONSORIALI:
RESPONSORIALI quando al canto di un solista si alterna la risposta di un coro
- DIRETTI:
DIRETTI quando il canto è intonato interamente o da un solista o da un coro

Un’altra caratteristica di questi canti è lo stile del canto, ovvero il modo in cui il testo si rapporta
alla musica; possiamo distinguere canti:
- SILLABICI:
SILLABICI ad ogni sillaba del testo corrisponde una nota del canto
- NEUMATICI:
NEUMATICI ad ogni sillaba del testo corrispondono da 2 a 4 note
- MELISMATICI:
MELISMATICI ad una sillaba viene associata una fioritura melodica di più note (anche fino a
30 o 40): l’esempio più significativo è quello dei canti alleluiatici , caratterizzati da
interminabili vocalizzi sulla “a” finale della parola Alleluja.

Lo stile di un canto gregoriano viene definito sillabico o neumatico o melismatico a seconda della
prevalenza della caratteristica stilistica in quel canto: un canto può essere per l’80% della sua
durata di tipo sillabico e la parte restante neumatica o melismatica: si dirà che la caratteristica di
quel canto è tendenzialmente neumatica in quanto prevale sulle altre.
In genere il modo di intonazione e il taglio stilistico dei canti dipende dal carattere e dalla
funzione della preghiera: in genere i testi lunghi e a carattere narrativo sono antifonali e sillabici,
quelli più brevi e a carattere lirico-contemplativo sono responsoriali e melismatici.

IL REPERTORIO GREGORIANO
Come abbiamo visto, a partire dal IV secolo le preghiere e i canti cristiani vengono suddivisi nei
riti dell’UFFICIO e della MESSA.
L’Ufficio,
L’Ufficio detto anche Ore Canoniche,
Canoniche è composto da otto momenti celebrativi che si ripetono
ogni giorno, allo stesso orario e con lo stesso ordine:

MATTUTINO (di notte, alle 2:00)


LODI (all’alba, alle 5:00)
ORA PRIMA1 (alle 7:00)
ORA TERZA (alle 9:00)
ORA SESTA (alle 12:00)
ORA NONA (alle 15:00)
VESPRI (al tramonto, alle 17:00)
COMPIETA (prima di coricarsi, alle 20:00)

I canti in uso in tali ore sono la salmodia antifonale e responsoriale, graduali, i cantici e gli inni.
I canti dell’Ufficio sono contenuti nell’Antiphonale
Antiphonale Monasticum e, solo per le domeniche e le
festività più importanti dell’anno liturgico, il Liber
Liber Usualis (che contiene anche le parti della
Messa di tali festività).

La Messa,
Messa che prende il nome dalla formula conclusiva “Ite, missa est”, è il rito più importante
della liturgia cattolica; l’anno liturgico inizia con l’Avvento, seguito dal Natale, Quaresima e la
Pasqua (al festa più importante del rito cristiano). Letture a parte, è interamente cantata dal
celebrante, dal diacono, dalla schola cantorum (composta da 7 elementi: il precentor, 2 solisti e 4
cantores) e dall’assemblea dei fedeli. Nella sua forma definitiva, approntata intorno al 1000, la
Messa si divide in 2 parti:
- PROPRIO (PROPRIUM MISSAE): MISSAE) è la parte della Messa i cui testi cambiano a seconda della
ricorrenza del giorno
- ORDINARIO (ORDINARIUM MISSAE): MISSAE) la parte della messa i cui testi sono fissi e invariabili
durante tutto l’anno liturgico

1
I nomi ORA I, ORA II ecc. è la nomenclatura che gli antichi romani davano alle ore del giorno.

Tesi 4.doc 4
Ordinario Proprio
- Introito
- Kyrie
- Gloria(non
cantato in tempo - Orazione del sacerdote detta Colletta
Prima Parte

di Quaresima) - Epistola (prima lettura)


- Graduale
- Alleluia (sostituita in Quaresima dal Tratto)
- Sequenza (eventualmente)
- Vangelo
- Credo
- Offertorio
- Orazione del sacerdote dette Segreta
Seconda Parte

- Prefazio
- Sanctus

- Agnus Dei
- Communio
Orazione del sacerdote detta Postcommunio

Libri di raccolta:    
Liber Usualis
Kiriale Aniphonale Missarum
(chiamato anche Graduale Simplex
e Graduale Triplex)

La Messa si apre con l’Introito (ingresso del sacerdote e introduzione alla festività del giorno), di
stile neumatico, è composto da una antifona, il cui canto è affidato alla schola, e da un salmo
affidato a un solista. Seguono il Kyrie e il Gloria, quest’ultimo soppresso in periodo di Quaresima.
Dopo le preghiere e la lettura dell’Epistola segue il momento più contemplativo composto dal
Graduale e dall’Alleluia (sostituito dal Tratto in tempo di Quaresima), di struttura melismatica e
quindi cantati da un solista. Nei primi secoli del Cristianesimo il Graduale era un salmo cantato
in forma responsoriale; successivamente questo canto si arricchì dal punto di vista melodico e
melismatico allungandosi enormemente, tanto da costringere a ridurre il numero di versetti ed
assumere la forma attuale composta da un responsorio seguito da un versetto. L’Alleluia è un
canto di acclamazione diviso anch’esso in due parti: la prima è una acclamazione sulla parola
“alleluia”, fiorita con lunghissimi melismi, detti jubilus, la seconda è un versetto di un salmo. Il
Tratto, che sostituisce l’Alleluia in periodo di Quaresima, è un testo tratto dai salmi e recitato
nella forma della salmodia diretta. Dopo in Vangelo viene intonato il Credo con il quale si
conclude la prima parte della Messa.
La seconda parte è incentrata sulla eucaristia e il rito della transustanziazione (passaggio totale
della sostanza del pane e del vino nel corpo e nel sangue di Cristo attraverso le parole del
sacerdote): si apre con l’Offertorio, originariamente era una salmodia responsoriale che si
trasformò, nei secoli VIII-IX, in responsoriale facendo ripetere l’antifona dopo ogni versetto.
Fanno seguito, dopo altre preghiere, il Sanctus e l’Agnus Dei (tra il Sanctus e l’Agnus c’è il Pater
Noster che però non è cantato in quanto è una preghiera). Dopo la consumazione del pane e del
vino, viene cantato il Communio, originariamente salmodia antifonale in stile neumatico (come
l’Introito) in cui, a partire dal IX secolo, cominciò a scomparire il versetto lasciando la sola
antifona. Il tutto si conclude con la formula di commiato “Ite, Missa est”.

Tesi 4 5
Il libro che raccoglie tutti i canto dell’Ordinario è detto Kiriale; quello invece che raccoglie i canti
del proprio è detto Antiphonale Missarum denominato anche Graduale Simplex (nel caso siano
riportati i canti solamente nella notazione quadrata) e Graduale Triplex (triplex perché riporta 3
notazioni: a quella quadrata fanno seguito le notazioni neumatiche di San Gallo e di Laon). Inoltre
i canti del Proprio e dell’Ordinario delle festività più importanti della liturgia cristiana, sono
riportate nel Liber Usualis assieme ai canti dell’Ufficio.

LA TEORIA
Le melodie gregoriane trassero origine dai toni salmodici (pochi schemi melodici su cui si
intonavano i salmi) e dalle varie formule con cui si costruivano questi canti. I toni salmodici e
queste formule erano un espediente mnemonico per poter memorizzare facilmente l’estesissimo
repertorio gregoriano. La salmodia, in uno stadio più arcaico, era caratteristica per l’accentuata
gravitazione intorno ad una nota ribattuta, detta corda di recita (repercussio
repercussio), che rappresentava
la nota che distingueva il ogni modo salmodico. La nota finale dell’antifona che precedeva il
salmo era la stessa di inizio del salmo stesso. In uno stadio più evoluto le due note non coincisero
più: la nota finale (finalis) finì per essere quella che definiva il modo e la corda di recita la
nota su cui la melodia ritornava più frequentemente.
frequentemente
Nel medioevo era distinta la figura del cantores,
cantores colui che eseguiva musica, con quella del
musicus,
musicus i teorici che studiavano la musica come scienza alla pari dell’aritmetica, geometria e
astronomia. I primi musicus furono Boezio (480-524), che per tutto il medioevo fu fonte
autorevole per la conoscenza della teoria musicale greca, Cassiodoro (485-580) e sant’Isidoro di
Siviglia (559-636) i quali si limitano a menzionare le teorie classiche senza dichiarare alcun
legame con la musica gregoriana. Il primo scritto che parla di 4 modi liturgici distinguibili per
mezzo della nota finale è un breve frammento del IX secolo attribuito ad Alcuino di York
(organizzatore degli studi e delle scuole presso Carlo Magno). Fu poi Hucbald di Saint-Saint-Amand
(840-930) che riconobbe una somiglianza tra le successioni delle dei suoni delle melodie
gregoriane e quelli delle scale greche. A partire dall’anonimo trattato Alia Musica (fine VIII –
inizio IX secolo, così chiamato dalle prime due parole iniziali), attribuito a Hucbald, si definirono
i modi del canto liturgico con le specie di ottave usando per essi i nomi degli antichi modi greci
(sbagliando l’applicazione di ciascun nome al rispettivo modo). Questa identificazione fra ottave
gregoriane e modi greci condurrà nell’XI secolo alla codificazione definitiva da parte di Ermanno
il Contratto degli 8 modi del canto liturgico, i cosiddetti modi ecclesiastici denominati alla greca
octòechos (cioè 8 modi), che rimarranno immutati fino a tutto il Rinascimento, grazie alla sua
chiarezza e simmetria. Ma, essendo i modi del canto liturgico di molto posteriori alla nascita e
sviluppo delle melodie gregoriane (che peraltro ebbero un origine ben diversa da quella modale,
ma bensì dai toni salmodici che non hanno niente a che vedere con la modalità) non sempre i
canti si identificano con le caratteristiche dei modi in cui essi sono stati catalogati.

Secondo la catalogazione di Ermanno il Contratto, questi mode derivano, a due a due, da 4


pentacordi (successioni diatoniche ascendenti di suoni compresi nell’ambito di quinta giusta)
denominati Protus, Deuterus, Tritus e Tetrardus (che significano semplicemente Primo, Secondo,
Terzo e Quarto) e inizianti rispettivamente sui nostri RE, MI, FA e SOL. Il completamento
dell’ottava avviene con l’espansione del pentacordo di una quarta all’acuto (modo autentico)
autentico o al
grave (modo plagale).
plagale

4a

Es.: Modo Protus Autentico RE MI FA SOL LA + SI DO RE


Modo Protus Plagale LA SI DO + RE MI FA SOL LA

4a

Tesi 4.doc 6
Sia nel modo autentico che plagale, la melodia gregoriana inquadrata in un determinato ambito
modale ha la finalis corrispondente al grado iniziale del pentacordo generatore e come
repercussio si trova sopra la finalis di una quinta nei modi autentici e di una terza nei plagali,
salvo in tre casi in cui tale nota verrebbe a cadere sul SI, un suono ritenuto poco affidabile in
quanto, congiunto al FA, crea il tritono, il diabolus in musica. In questi casi la repercussio sale o
scende di un grado.

Nomi secondo Nomi secondo Ermanno Pentacordo


Alia Musica il Contratto generatore

Dorico Protus Autentico RE MI FA SOL LA + SI DO RE


Ipodorico Protus Plagale LA SI DO + RE MI FA SOL LA
Frigio Deuterus Autentico MI FA SOL LA SI + DO RE MI
Ipofrigio Deuterus Plagale SI DO RE + MI FA SOL LA SI
Lidio Tritus Autentico FA SOL LA SI DO + RE MI FA
Ipolidio Tritus Plagale DO RE MI + FA SOL LA SI DO
Misolidio Tetrardus Autentico SOL LA SI DO RE + MI FA SOL
Ipomisolidio Tetrardus Plagale RE MI FA + SOL LA SI DO RE

Più tardi si sarebbe adottato lo stesso criterio per designare altri 4 modi (EOLICO, IPOEOLICO,
IONICO, IPOIONICO) con finalis in DO e in LA, destinati a divenire i futuri MODO MAGGIORE e
MODO MINORE.
Comunque, modo e scala (che nel nostro sistema tonale sono cose ben distinte) coincidono e
finalis e repercussio non hanno niente a che vedere con le nostre tonica e dominante. L’ottava
gregoriana è come sospesa e fluttuante su se stessa, senza tensioni e senza distensioni: sensibili
non ve ne sono e quando potrebbero esserci vengono accuratamente evitate, ne è la prova il fatto
che nelle melodie in Tritus autentico o plagale al FA non si arriva mai attraverso il MI ma da una
terza sotto o da un qualsiasi suono superiore.

LA NOTAZIONE
Come abbiamo visto, non c’era bisogno di una notazione in quanto le melodie gregoriane
venivano apprese per imitazione e trasmesse a memoria. Solo successivamente, intorno al 1000, si
iniziò a notare sui libri dei prcentor segni chironomici che ricordavano a chi dirigeva il
l’andamento prosodico della melodia. Successivamente si cominciarono ad appuntare come
promemoria anche sui manoscritti, con neumi diversi di monastero in monastero; in alcuni
monasteri si abbozzò addirittura una scrittura diastematica. Ciò che comunque non veniva
notato, perché non c’era il bisogno, era il ritmo: era il testo che determinava il ritmo del canto,
basandosi sugli accenti della frase.

Tesi 4.doc 7
5- Gli inizi della polifonia – Il contrappunto medievale.
Compositori e teorici

GLI INIZI DELLA POLIFONIA


Il termine polifonia, dal greco “polìs” (molte) + “fonè” (voci, suoni) quindi canto a più voci, sta
ad indicare una pratica inizialmente improvvisatoria poi compositiva data dalla sovrapposizione
orizzontale di due o più linee melodiche autonome.
La polifonia ha avuto la sua origine nella musica vocale sacra:
sacra
- TROPI e SEQUENZE cioè aggiunta alla melodia gregoriana di testi o musica
- L’ETEROFONIA, propria dell’ORGANUM MELISMATICO, in cui ad ogni nota di una melodia
nota era sovrapposta un’altra voce fiorita
- Il CANTO PARALLELO, propria del DISCANTO, ossia il raddoppio della melodia ad intervalli
d’ottava, di quarta e di quinta e in età più tarda di terza e di sesta
- Il BORDONE, aggiungendo ad una melodia principale una nota lungamente tenuta
- L’OSTINATO, che affianca ad una melodia principale un breve motivo continuamente ripetuto
- L’IMITAZIONE, in cui una stessa frase melodica viene ripetuta, a breve distanza dalla sua
esposizione, sovrapponendosi alla prima voce

In campo strumentale i primi esperimenti polifonici sono stati effettuati con la crotta,
crotta uno
strumento ad arco le cui corde, disposte su un ponticello piatto, vibravano simultaneamente
producendo solo accordi.

TROPI
Quello dei tropi fu un fenomeno assai diffuso nel canto liturgico medievale a partire dal IX secolo
fino al XIII secolo toccando il suo apogeo attorno al XI secolo. La parola tropo è di origine greca e
sta a significare “aggiunta”.
La intangibilità del canto gregoriano,
gregoriano conseguente alla dignità sacrale da esso raggiunta in età
carolingia e sancita dalla sua cristallizzazione attraverso la scrittura neumatica, non consentiva
la modificazione dei canti.
canti L’unico modo attraverso il quale era possibile intervenire sul canto
liturgico era solamente dato dalla possibilità di aggiungere:
- nuovi testi (TROPO TESTUALE, come la sequenza)
sequenza
- nuove melodie (TROPO MELODICO, che porterà alla nascita dell’organum organum)
- melodia e testo (TROPO MELODICO-TESTUALE, brani denominati versus che stavano prima,
dopo o come intermezzo al canto gregoriano; porteranno alla nascita del conductus)
conductus

SEQUENZE
La prima forma di tropo nasce attorno al IX secolo dalla necessità pratica di memorizzare i lunghi
melismi alleluiatici (detti “jubilus”) o i melismi usati facoltativamente in sostituzione del melisma
alleluiatico (detti “sequentiae”). Di tale pratica parla un monaco di S. Gallo, un certo Notker
Balbulus (il cui nome indica già una certa difficoltà nel parlare), nella prefazione del suo libro
Liber himnorum (“Libro degli inni” dell’840 circa) in cui racconta di aver letto sull’antifonario
di un monaco proveniente dalla Normandia dei versi scritti sotto a delle sequentiae allo scopo di
apprenderne e ricordarne meglio l’andamento melodico. Balbulus nel Liber himnorum
tramanda alcuni di questi componimenti in prosa applicati agli jubilus e alle sequetiae.
Successivamente tali composizioni, chiamate inizialmente prose e poi sequenze, si strutturarono
in frasi musicali ritornellate, tranne la prima e l’ultima.

Tesi 5.doc 1
Struttura della sequenza:
Copula

Tutto il coro A Z
Coro1 B C …
Coro2 B C

Ogni frase musicale che viene ripetuta due volte riveste due frasi di testo diverse e consecutive; le
due melodie uguali formano una copula (coppia).
La grande svolta che fornisce la sequenza alla musica medievale sono:
- viene stravolto il principio del canto gregoriano per cui la musica è il mezzo per elevare la
parola: nella sequenza è la parola al servizio della musica
- la struttura simmetrica su un testo sillabico forma una struttura cantabile sconosciuta al canto
gregoriano

La pratica della sequenza conobbe un enorme sviluppo dal XI al XIII secolo presso i vari centri
monastici di tutta Europa (S.Gallo, Limoges, Nonantola, Winchester); si composero sequenze per
tutti i giorni liturgici, da eseguirsi dopo l’Alleluia o in sostituzione di esso; le sequenze furono
raccolte in manoscritti detti sequenziari.
sequenziari I testi, dapprima in prosa, furono poi in verso trocaico e
in rima, secondo regole stabilite da Adamo di S.Vittore;
S.Vittore poi le melodie progressivamente si
distaccarono dalle fonti gregoriane fino ad accogliere anche testi profani.
Con la riforma del Concilio di Trento (1545-63) le sequenze vennero soppresse dalla liturgia,
tranne 4:
- “Victimae
Victimae paschali laudes”
laudes di Pasqua
- “Veni
Veni Sancte Spiritu”
Spiritu di Pentecoste
- “Lauda
Lauda Sion Salvatorem”
Salvatorem del Corpus Domini
- “Dues
Dues irae, dies illa”
illa della messa dei morti
Nel ‘700 fu riammessa alla liturgia la sequenza “Stabat
Stabat Mater dolorosa”.
dolorosa

IL CONTRAPPUNTO
CONTRAPPUNTO MEDIEVALE
La parola contrappunto deriva dalla frase latina punctum contra punctum cioè punto conto punto
ovvero nota contro nota (l’arte di sovrapporre più linee melodiche). Originariamente ad un canto
dato in note lunghe (tale canto era attinto dal repertorio gregoriano e inizialmente nominato vox
principalis e successivamente tenor, proprio perché teneva la melodia gregoriana), veniva
sovrapposta, come tropatura melodica, un’altra melodia di valori uguali (tale forma verrà detta
discanto)
discanto a distanza di quarta, quinta, o una melodia melismatica (tale forma verrà detta
organum).
organum Gradualmente alla seconda voce se ne aggiunsero altre all’ottava e, come se non
bastasse, ogni voce venne attribuito un testo diverso (tale forma verrà detta mottetto):
mottetto di qui la
necessità di una esatta ripartizione dei valori (nascita del mensuralismo), nonché di teorie che
regolassero in senso verticale la combinazione dei suoni.

ORGANUM
Nel IX secolo, la pratica della tropatura consentiva di arricchire il canto liturgico (melodie
gregoriane o tropi) aggiungendovi elementi melodici improvvisati.
improvvisati
E’ il trattato anonimo Musica Enchiriadis (“Manuale di musica”: ai nostri giorni ne sono arrivate
10 copie, segno di un’enorme diffusione a quell’epoca), proveniente dalla scuola di Saint-Amand,
a dare le prime informazioni riguardanti questa pratica, lì chiamata organum (organa è il
plurale: questa pratica prenderà poi il nome di discanto mentre con organum sarà designata
l’evoluzione melismatica del discanto), consistente nel contrapporre al canto liturgico, chiamato
vox principalis,
principalis un’altra voce, detta vox organalis,
organalis che si muove parallelamente una quinta o
una quarta sotto.
sotto Il trattato parla anche di una possibilità di raddoppiare all’ottava sotto sia la
vox principalis che la vox organalis (avendo così 3 e 4 voci). In Musica Enchiriadis si legge che a

Tesi 5.doc 2
questa polifonia potevano partecipare strumenti che raddoppiavano le voci all’unisono o
all’ottava; inoltre l’esecuzione si svolgeva “…con gravità lenta e concorde…” (comincia a
perdersi la tradizione ritmica del canto gregoriano legata al significato del testo) affinché le voci
procedessero bene insieme.
Dalla pratica improvvisatoria, gli organum vengono successivamente notati: il “Tropario di
Winchester” dimostra, anche se la doppia notazione adiastematica (una per voce) non ci consente
di decifrarne le melodie, la presenza di più di 150 organa soprattutto per canti del Proprio della
Messa e ai tropi da essi derivati.
Guido d’Arezzo nel suo trattato Micrologus (“Piccola trattazione”), scritto tra il 1026 e il 1028,
sviluppa la possibilità della vox organalis di proseguire per moto obliquo per evitare gli incontri
di quarta eccedente o di quinta diminuita (diabolus in musica, il tritono).
Una tappa importante della storia della polifonia è testimoniata da due trattati scritti intorno al
1100:
- Ad organum faciendum (“Per fare un organum”, detto anche “Trattato di Milano” dalla città
in cui è conservato) proveniente da Laon
- De Musica di Johannes Afflighensis
I due trattati codificano e descrivono il moto contrario fra le voci: la vox organalis può incrociare
la vox principalis diventando la voce superiore (linee melodiche indipendenti, non più legate al
canto gregoriano). Nel corso del pezzo sono ammessi intervalli tra le voci di quarta, di quinta e in
minor misura di terza e di sesta; inoltre le due voci devono finire all’unisono o all’ottava.
Intorno al XII secolo nasce in Francia quello che tuttora viene identificato col nome di organum
(quello visto fino ad ora già dai trattati del periodo verrà indicato come discanto): si tratta di un
canto in cui ad ogni nota del canto liturgico preesistente, notevolmente dilatata (affidato alla vox
principalis ora denominata cantus),
cantus viene fatta corrispondere una melodia superiore melismatica
della vox organalis (oramai chiamata semplicemente organum).
organum I principali centri di diffusione
del nuovo organum sono S.Marziale di Limoges e Santiago de Compostela (situato nel nord della
Spagna, nel Medioevo è una delle più importanti mete di pellegrinaggi).

CONDUCTUS
I conductus nascono dai tropi melodico-testuali che venivano posti all’inizio, alla fine o come
intermezzo ai canti gregoriani. Quindi sono tropi in cui sia la melodia che le parole sono di nuova
invenzione. Ben presto tali tropi si emanciparono dalle musiche gregoriane per fondare un
proprio genere: il conductus.
I conductus sono a 2 o 3 voci,
voci omoritmici,
omoritmici strofico in versi:
versi per questo motivo era facilmente
assimilabile dalle masse e quindi si è evoluto come canto processionale. Importante ricordare il
centro di Santiago de Compostela in cui è conservato il “Codex Calixtinus” (1140), un codice che
contiene conductus a 2 voci in cui compaiono per la prima volta i nomi degli autori o dei presunti
tali (la maggior parte sono vescovi).

COMPOSITORI E TEORICI
Il vero e proprio decollo della polifonia si ebbe tra il 1100 e il 1200 grazie a diversi fattori:
- la fine di guerre ed invasioni
- la crisi del sistema feudale
- l’incremento della produzione agricola e la ripresa degli scambi commerciali,
- il ripopolamento delle città (aumento della popolazione) e la nascita dei Comuni
- la riapertura della scuole e la nascita delle Università (che si sostituisce alla scuola
monastica)…
Tutto questo porta a un modo nuovo di intendere la vita e l’arte.Musica e musicisti acquistano
finalmente dignità e prestigio: ne è prova il fatto che per la prima volta nella storia della musica
occidentale vengono ricordati i nomi di due musicisti-compositori e non di due teorici. Si tratta di
Leonino e Perotino maestri di cappella di Notre-Dame, dove si sviluppa quell’importante

Tesi 5.doc 3
movimento musicale che, alla fine del secolo XII e nel XIII secolo, prese vita nei servizi liturgici
della cattedrale di Parigi e che porta il nome di scuola di Notre-
Notre-Dame.
Dame E’ proprio dalla scuola di
Notre-Dame che parte la novità di più grande portata storica: la possibilità di poter misurare la
durata delle note secondo metodi aritmetici, indipendente dalle norme del ritmo oratorio.1
Leonino (Magister Leoninus) operò probabilmente tra il 1160 e il 1190; secondo un anonimo
teorico inglese del 1280, denominato dagli studiosi Anonimo IV, IV Leonino fu un “optimus
organista” (autore di organa) e compose il Magnus Liber Organum (Grande libro dell’organum)
allo scopo di arricchire il repertorio della musica liturgica. Tali organum erano a 2 voci: il tenor
(che cantava la linea gregoriana) e il duplum (melismi superiori). Elemento caratteristico della
musica a Notre-Dame era l’alternanza fra gregoriano e polifonia all’interno di uno stesso pezzo:
dei brani del Proprio, solo alcune sezioni erano in polifonia, le altre erano lasciate al gregoriano.
Le sezioni gregoriane erano così cantate dal coro, mentre quelle polifoniche erano affidate a
solisti, a volte raddoppiate da strumenti. Nelle parti finali degli organa di Leonino, chiamate
clausole,
clausole il tenor presentava note più brevi, più ravvicinate, allo scopo di dare l’impressione della
stretta finale.

L’Anonimo IV scrisse che il Magnus Liber Organum rimase in uso fino al tempo di Perotino
(Magister Perotinus), definito “optimus discantor” (autore di discanti: con questo termine si
comprendevano clausole, conductus e organa a più voci), che operò intorno al 1200.
Le composizioni di Perotino si caratterizzano per:
- le clausole degli organa di Leonino vengono modificate portandole a 2 o 3 voci (anche il
triplum), diminuendo la durata delle note del tenor avvicinandosi a quelle del duplum e del
triplum: tale sviluppo di intreccio delle voci costrinse la scuola di Ntre-Dame a sviluppare un
sistema notazionale che definisse precisamente le durate delle note, sviluppatosi poi nei modi
ritmici.
- compone organa a 3 e 4 voci (denominati rispettivamente organa triplum e organa
quadruplum) destinate a celebrazioni solenni. In queste composizioni Perotino intreccia il
triplum e il quadruplum (le due voci in aggiunta al tenor e al duplum) sperimentando:
1- tecniche di imitazione
2- relazioni dissonanti tra le voci come settime, seconde e tritoni per produrre suggestivi
effetti armonici
3- inoltre nei punti conclusivi adotta intervalli tra le voci di quinta o di ottava, indice di un
avvio verso una sensibilità tonale.
- compone conductus a 1, 2 e 3 voci anche di argomento profano, per celebrazioni di sovrani o
di argomento riguardante avvenimenti e costumi del periodo.

Altri teorici si prodigarono nel tentare di inventare metodi notazionali per relazionare le durate
delle note di ogni voce: è il caso di Hucbald che si inventa la notazione Dasiana, rimasta
solamente una notazione teorica, e Francone da Colonia che stabilisce valori di durata anche per
il silenzio (cioè le pause dette suspirium).
suspirium Per arrivare ad associare una figura ad una durata
occorre aspettare il ‘300 e con l’Ars Nova e Philippe de Vitry.2

MOTTETTO
Nel ‘200 la forma polifonica dominante che si sostituisce al conductus è il mottetto, inizialmente
tropo testuale della clausola: i primi mottetti sorsero sottoponendo al duplum e al triplum della
clausola un nuovo testo che commentava e sviluppava il contenuto del testo del tenor. Proprio a
questa caratteristica politestuale va ricercata l’etimologia del termine mottetto,
mottetto dal francese
“mot” cioè “parola”.
“parola”
La caratteristica politestuale rendeva il canto di difficile comprensione all’ascoltatore: il mottetto
viene ristretto una cerchia elitaria di persone, diffondendosi negli ambienti universitari (la sua

1
Per quanto riguarda la nascita e sviluppo delle teorie notazionali consultare la TESI 6.
2
Per quanto riguarda la notazione mensurata (Ars nova) consultare la TESI 9.

Tesi 5.doc 4
comprensione legata a chi aveva una cultura siccome tale musica si rivela completamente solo
alla lettura).
Inizialmente il mottetto è sacro e il tenor è composto da materiale melodico gregoriano
(eventualmente affidato a strumenti); successivamente entrarono nei mottetti argomenti profani
(per lo più lirici amorosi) ed in lingua volgare (il francese); a volte motetus e triplum accostavano
l’uno un testo sacro e l’altro profano.
Essendo l’intreccio vocale assai problematico sia per l’indipendenza delle voci, che si facevano
sempre più veloci, sia per una impaginazione delle parti in tre sezioni distinte (in basso il tenor e
le altre due voci su due colonne verticali affiancate), il mottetto stimolò lo sviluppo e la ricerca di
una notazione ritmicamente sempre più precisa.

Tesi 5.doc 5
6- La scrittura musicale medievale, considerata
specialmente in relazione alle origini della scrittura
odierna

PRINCIPI RITMICI E NOTAZIONE MEDIEVALE


Fino all’VIII secolo troviamo solamente i testi sacri privi di alcun segno notazionale: ogni centro
monastico ha le proprie liturgie e i propri canti. E’ in questo secolo che Sacro Romano Impero e
Chiesa (il potere temporale si appoggia alla religione come mezzo unificatore, la Chiesa si basa
sul potere temporale per eliminare l’insorgenza di religioni, considerate eretiche, che potessero
screditarla) avevano iniziato la loro opera di diffusione di uno standard per quanto riguarda le
scritture e i canti da adottare per la liturgia delle Ore che della Messa (questi ultimi interamente a
memoria).
La difficoltà da parte di monasteri, con tradizioni musicali e liturgiche secolari, di apprendere tale
modello imposto (inerzia) costringe i vari monaci ad escogitare metodi per ricordare più
facilmente i brani:
brani a metodi mnemonici come quelli di introdurre parole sui melismi (tropature),
che porteranno poi alla nascita di altri generi musicali, si affiancò l’usanza di segnare sopra alle
parole dei canti gli accenti grammaticali latini acuti e gravi. L’accento in latino aveva un
significato diverso da quello attuale: accento acuto (/) era dato da una intonazione ascendente
della parola, al contrario dell’accento grave (\) che corrispondeva ad una intonazione
discendente (basti pensare l’etimologia della parola accento che deriva dal latino “ad cantus”, cioè
modo di cantare, cantillazione).
Sui libri dei precentor (della dimensione di un A5) invece sono stati trovati neumi chironomici
(dal greco cheìr, mano, e nomòs, legge) che ricordavano allo stesso precentor il movimento che
doveva effettuare con la mano per dirigere i pueri cantores.
A prescindere dall’origine di questi segni che venivano posti sulle parole, servivano a far tornare
alla mente del cantores l’andamento espressivo e melodico di brani che già sapeva a memoria.

E’ dagli accenti acuto e grave che nascono i neumi virga, che segna la altezza di una nota più
acuta della precedente, e punctum, che indica una nota di altezza inferiore alla precedente. Se su
una stessa sillaba si ha un andamento melodico complesso, la successione di punctum e virga
porta la nascita di neumi composti.
Esempi di scrittura neumatica (di San Gallo):

Virga / Una nota più acuta della preced.

Punctum \ oppure . oppure , Una nota più grave della preced.


Clivis (virga)/ + \ (punctum) Due note di cui la prima più acuta
Pes (punctum) \ + / (virga) Due note di cui la prima più grave
Porrectus /+\+/ 3 note di cui la seconda è la più grave
Torculus \ + /+\ 3 note di cui la seconda è la più acuta
Climacus 3 note di cui la prima è la più acuta
Scandicus 3 note di cui l’ultima è la più acuta
Distropha 2 note ribattute
Tristropha 3 note ribattute

Tale tipo di scrittura è detta adiastematica (dal greco a - diastemè cioè senza intervallo) o a
campo aperto siccome non riporta l’indicazione precisa degli intervalli delle note.
Tesi 6.doc 1
A questi simboli ne venivano aggiunti altri detti episemi che consentivano di allungare i suoni
(trattino sopra al neuma) o accelerare l’andamento e sostenere i suoni stessi (una “c” per celeriter
o una “t” per tenete) o dare un particolare valore fraseologico, espressivo o ornamentale (oriscus
e il quilisma). Tali simboli ci confermano che il canto gregoriano era libero da qualsiasi scansione
ritmica (non è una notazione mensurale) e strettamente legato al ritmo, alla dinamica e al
significato del testo.

Di scritture neumatiche ve ne fu più di una e con caratteristiche diverse l’una dall’altra dovute:
- scritture differenti da un monastero all’altro (uno di questi, ad es. è il gotico)
- necessità di neumi particolari che ricordassero una determinata difficoltà di pronuncia dovuta
alla diversità di lingue
- le melodie non venivano tramandate integre ma subivano piccole modificazioni dovute alle
influenze dei canti precedenti
Le notazioni neumatiche più importanti sono:
1- Sangallese,
Sangallese dei monasteri di San Gallo ed Einsiedeln in Svizzera, sorta tra il IX e l’XI secolo; è
una notazione adiastematica rivolta verso la cura dell’espressione e dell’articolazione della
melodia in relazione al testo
2- Metense,
Metense dei monasteri di Metz e Laon in Germania, sorta verso il X secolo; presenta una
diastemazia imperfetta, cioè la lunghezza dei neumi faceva solamente intuire l’intervallo tra
una nota e l’altra; è possibile intuire il numero e la durata dei suoni siccome ad ogni nota sono
associati singoli neumi
3- Francese,
Francese è di tipo diastematica imperfetta con scarso interesse ritmico; la si ricorda per un
codice di Montpellier in cui sopra alla scrittura neumatica era riportata la linea melodica in
notazione alfabetica (questo codice era un codice didattico e serviva ai pueri per imparare la
linea melodica)
4- Aquitana,
Aquitana ha una scrittura diastematica perfetta: nello spazio superiore al testo del canto,
lasciato appositamente dall’amanuense per la scrittura musicale, veniva tracciata una linea a
secco (un’incisione) sulla pergamena mediante un punteruolo; sopra, sotto o sulla linea
venivano posti dei neumi puntiformi (da cui si svilupperà poi la notazione quadrata) che
indicavano esattamente, a seconda della distanza dalla linea stessa, la altezza dei suoni
(determinati simboli all’inizio della riga a secco fungevano da chiave determinando l’altezza
assoluta della linea, e così delle altre note). Questa notazione non dava indicazioni sulla
durata dei singoli suoni.
5- Beneventana,
Beneventana anche questa è diastematica perfetta; qui venivano invece tracciate due linee:
una verde che indicava l’altezza del Do e sotto una gialla che indicava quella del Fa (all’inizio
dei due righi veniva posta come chiave rispettivamente la F e la C della notazione alfabetica, e
che diverranno le moderne chiavi). La scrittura beneventana e la corsiva longobarda da cui
deriverà la scrittura gotica

La notazione a punti aquitana sentirà l’influsso dello stile di scrittura gotico beneventano,
stilizzando i punti in quadrati.
Il cammino verso la diastemazia porta a prendere “il meglio” delle notazioni esistenti arrivando al
sistema notazionale quadrato su tetragramma: questo sistema è descritto per la prima volta da
Guido d’Arezzo in un suo trattato e per questo motivo se ne attribuisce la paternità (si ricorda
sempre che sui trattati venivano fissate per iscritto usanze e teorie che erano già in uso da
tempo).L’affermazione della diastemazia comportò la perdita e l’appiattimento della vera
tradizione ritmica del canto gregoriano legata al testo. (si pensi che nel ‘500 la notazione
quadrata gregoriana fece intendere portò a intendere il canto gregoriano senza ritmo, una nota
uguale all’altra, tanto da nominarlo “cantus planus” – canto piano).

NOTAZIONE ALFABETICA
Dietro l’esempio dei Greci, nel Medioevo si elaborarono diversi sistemi di notazione in lettere
alfabetiche utilizzate dai musicus per la formulazione delle loro teorie sui gradi della scala e ai
cantores come riferimento di intonazione (la notazione di uso pratico dei cantores fu sempre
quella neumatica): tali lettere identificavano un suono ben preciso sul monocordo, uno strumento
Tesi 6.doc 2
ad una sola corda ed un tasto mobile su cui i teorici praticavano i loro esperimenti di acustica. La
prima nomenclatura fu teorizzata da Boezio che chiamò le note dal La2 al Sol4 con lettere
dell’alfabeto da A a P dette claves (cioè chiavi perché erano le chiavi, i punti chiave per intonare
una determinata nota sul monocordo).
Odone nel suo trattato De Musica estende il numero di suoni, indicando la prima ottava (dal La2
al Sol3) con lettere alfabetiche maiuscole, la seconda ottava (dal La2 al Sol3) con lettere minuscole
e i primi 4 suoni della terza ottava con le lettere greche (da α a δ). Inoltre distinse contrassegnò
il Si3 durum o quadratum (il Si naturale da cui la nomenclatura bequadro) con una b minuscola
quadrata (da cui deriverà il simbolo del bequadro) e il Si3 molle o rotundum (da cui la
nomenclatura Si bemolle) con la b normale minuscola (da cui deriverà proprio il simbolo del
bemolle). Inoltre Boezio aggiunge una nota sotto al La2 e la chiama con la lettera greca Γ
(gamma) estendendo così la GAMMA dei suoni (è l’origine di questo modo di dire).
In ultimo Guido d’Arezzo, nel suo trattato Prologus in Antiphonarium, elimina le lettere greche
alle ultime quattro note più acute sostituendole con doppie lettere minuscole (aa, bb, cc…) e
aggiungendo il Fa4. In questo trattato Guido d’Arezzo teorizzerà il metodo della solmisazione su
esacordo per facilitare i cantores nella lettura estemporanea dei canti.1
Nomenclature:

- secondo Boezio

bw Nw
A B C D E F G H I L M N O P

? w w w w w
www www & ww www bw Nw w
- secondo Odone
w
Γ A B C D E F G a b c d e f g α β χ δ
- secondo Guido
Γ A B C D E F G a b c d e f g aa bb cc dd ee

Nel XI secolo fu sempre Guido d’Arezzo a proporre l’adozione del tetragramma (rigo a 4 linee),
che poteva essere attraversato da linee verticali per la divisione delle frasi musicali e parti di esse.

NOTAZIONE DASIANA
L’invenzione di una notazione, come di qualsiasi altra cosa, può seguire o la strada dell’utilizzo di
simboli già esistenti e di mutarne il significato (quindi incontrare meno inerzia per chi già utilizza
questi simboli), oppure creare dei segni nuovi ed attribuirne un significato (tale metodo è di più
difficile diffusione in quanto deve fare i conti con la pratica affermata di altre simbologie diffuse
specialmente nella pratica). Quest’ultimo è il caso della notazione dasiana, inventata da Hucbald
illustrata nel suo trattato De istitutione harmonica e che rimase una notazione puramente
teorica.Per ovviare alle insufficienze della notazione neumatica, adiastematica, propose di inserire
le sillabe del testo da intonare in un tracciato di righe all’inizio del quale veniva indicata, con
appositi simboli, la ampiezza degli intervalli.
Esempi di simboli: = 2a ascend. = 3a ascend. = 3a discend.
Esempio di scrittura:
na tus
er
Pu est

1
Vedi la TESI 7 sulla solmisazione di Guido d’Arezzo.
Tesi 6.doc 3
Tale sistema mostra i suoi limiti già con canti che abbiano una larga ampiezza intervallare in
quanto si avrebbe un enorme spreco di spazio.

I MODI RITMICI
Con svilupparsi di generi musicali a più voci come la sequenza ma soprattutto il mottetto (essendo
le parole delle varie linee melodiche diverse era sempre più difficoltoso incastrarle
perfettamente), a cavallo tra il XII e il XIII secolo teorici e, per la prima volta, musicisti (ne sono
l’esempio Leonino e Perotino), si indirizzano verso la ricerca di metodi per definire le durate dei
suoni.
Tale soluzione fu sviluppata alla scuola di Notre-Dame dove vennero teorizzati e praticati i modi
ritmici combinando tra loro i piedi classici greci e latini e i vari valori musicali correnti in epoca
medievale (longa
longa = , di lunga durata, e la brevis = , breve). I sei modi ritmici che si venivano
a costituire si riconoscevano a seconda del modo in cui le note venivano raggruppate nelle
ligature (quell’insieme di note scritte insieme e che veniva identificati da un neuma).

I modo (trocaico) =q e
II modo (giambico) =e q
III modo (dattilo) = q. eq
IV modo (anapesto) =e q q.
V modo (spondaico) = q. q.
VI modo (tribrachico) =e ee

La grandiosità di questo metodo sta nel fatto che con solo due simboli, la longa e la breve, è
possibile ottenere 6 tipi di ritmo diversi facendo assumere, a seconda del modo, alla longa i valori
di semiminima puntata (longa recta o perfetta) o di semiminima (longa altera o imperfetta) e alla
brevis il valore di semiminima o di croma (valore delle note legato al modo ritmico).
E’ proprio grazie al ritmo ternario che questi simboli, a seconda della loro aggregazione,
assumono valori diversi: era impensabile allora, agli albori di una notazione mensurata, ottenere
la stessa varietà di ritmi con note di valore binario in quanto sarebbe stato necessario teorizzare
un numero maggiore di simboli di valori di durata (valore intero, divisione in 2, in 4...).
In un secondo tempo si giustificò l’utilizzo del ritmo ternario con il significato della perfezione del
numero 3, quale simbolo della Santissima Trinità.

NOTAZIONE MENSURALE
Allo scopo di variare l’andamento melodico, spesso le longhe potevano essere suddivise in brevis.
Inoltre lo sviluppo del mottetto, che aveva portato ad un accorciamento delle note del tenor fino a
fargli assumere un andamento pari a quelle del motetus e del triplum, le ligature vengono a
disgregarsi e la durata delle singole note a essere considerata in relazione alle altre.
E’ nel 1260 circa che Francone da Colonia scrive il trattato Ars cantus mensurabilis in cui:
1- per la prima volta ai simboli longa e brevis è associata una durata (longa = semiminima,
brevis = croma) che può essere perfetta (recta cioè ternaria) o imperfetta (altera cioè binaria)

Tesi 6.doc 4
seconda delle note che le precedono o che le seguono (quindi non più dipendenti da una
catalogazione modale ritmica)
2- viene introdotto un valore più piccolo della brevis detto semibrevis
3- La longa può contenere 2 brevis (longa imperfetta) o 3 brevis (longa perfetta) e allo stesso
modo la brevis può contenere 2 semibrevis (brevis imperfetta) o 3 semibrevis (brevis perfetta)
a secondo determinate regole che ne definivano i rapporti:
a) una longa davanti a una longa è sempre perfetta

= q. q. q.
b) una longa è imperfetta se preceduta o seguita da una brevis

= q. q e
c) quando 2 brevis stanno tra 2 longhe, la prima brevis è perfetta la seconda è altera

= q. e q q.
4- Entra in musica la figurazione della pausa (suspirium) di valore mensurato

Longa recta Longa altera Brevis

La scuola di Notre-Dame, per segnare una pausa, ometteva della figurazione di un modo; il
cantore sapeva quanto durava la pausa a seconda del numero di note mancante per il
completamento della figurazione del modo.

In notazione Franconiana esistono circa 1500 componimenti, da ricordare:


- Codice di Montpellier (H196) del XIV secolo
- Codice della Bibliot. Di Torino (VARI42)

Tesi 6.doc 5
7- Guido d’Arezzo e il sistema musicale medievale –
La solmisazione

GUIDO D’AREZZO
Durante il Medioevo la cultura era dominio della chiesa, pertanto l’insegnamento musicale
veniva svolto all’interno di conventi e delle cattedrali (le Schole) e rivolto a giovani per lo più
destinati ad entrare nel clero. L’approccio alla musica era di due tipi differenti:
- quello teorico,
teorico praticato dai musicus (teorici musicali), in cui la musica veniva studiata come
scienza insieme alla discipline della ARITMETICA, GEOMETRIA e ASTRONOMIA costituendo il
Quadrivio degli studi medievali
- quello pratico,
pratico usato dai cantores,
cantores basata sull’intonazione degli intervalli (con l’aiuto del
monocordo) e sull’apprendimento del repertorio gregoriano.

I TRATTATI che venivano comunemente usati come testi scolastici si sforzavano di conciliare
teoria e pratica e, soprattutto, di facilitare il più possibile il compito di apprendimento e
memorizzazione degli allievi (pueri): a tale scopo il trattato veniva scritto in versi,
versi oppure in
forma dialogica
dialogica tra un maestro (precentor) quasi onnisciente e un allievo molto diligente, oppure
il testo veniva integrato da tavole, disegni e diagrammi d’ogni genere per favorire la memoria
visiva.
Ad inaugurare la tratattistica musicale del Medioevo fu, nel V secolosecolo, il teorico Boezio;
Boezio a portarla
a massima perfezione sarà, intorno all’anno 1000, 1000 un monaco benedettino del convento di
Pomposa, presso Ferrara, di nome GUIDO,
GUIDO detto “Aretinus
Aretinus” dal luogo in cui morì nel 1050.
Di Guido d’Arezzo ci restano 4 trattati:
trattati
Micrologus, in cui viene esposta la teoria dei modi, viene riformata la notazione alfabetica
- Micrologus
(con l’introduzione delle doppie minuscole al posto delle lettere greche) e viene illustrata la
tecnica compositiva dell’organum
Antiphonarium dedicato a papa Giovanni XIX, in cui viene presentata la
- Prologus in Antiphonarium,
notazione con rigo, neumi e chiavi
rythmicae in cui i principi fondamentali della teoria, già esposti nelle opere
- Regulae rythmicae,
precedenti, vengono messi in versi per essere più facilmente ricordati
Michelem monacum de ignoto canto, in cui viene illustrato un metodo di lettura
- Epistula ad Michelem
a prima vista dal quale sarebbero poi scaturiti la solmisazione,
solmisazione il solfeggio e buona parte
della didattica oggi in vigore nelle scuola slave, anglosassoni e tedesche

LA SOLMISAZIONE
SOLMISAZIONE
Il metodo didattico di Guido d’Arezzo nasceva dalla sua esperienza di insegnante e direttore di
coro, prima a Pomposa poi ad Arezzo, alle prese con giovani cantori ai quali, per la prima volta
nella storia, veniva chiesto di imparare i canti a memoria per imitazione ma di leggerli e intonarli
perfettamente; tale metodo ebbe fortuna fino a tutto il Rinascimento.
I principi su cui si fonda il metodo guidoniano sono:
- lo schema scalare fondato sull’esacordo (scala di 6 suoni) ricavata prendendo le finalis dei 4
modi gregoriani ed aggiungendo un suono sopra e uno sotto ( C ç D-E-F-G è a): la scala che
si viene a formare è formata da 4 toni e un semitono centrale (T – T – ST – T – T)
- L’apprendimento degli intervalli della scala esacordale viene facilitato utilizzando le sillabe
iniziali di ogni verso dell’Inno di San Giovanni che corrispondono proprio a ciascun grado
successivo della scala esacordale
- Lo schema esacordale venne sovrapposto alla gamma dei suoni facendo si che il semitono Mi-
Fa corrispondesse ai semitoni sulla gamma dei suoni (B-C, E-F, b quadr.-c, e-f, bb quadr.-cc):
così facendo la sillaba Ut veniva a cadere sulle claves Γ, C, G, c, g. Solo successivamente, tra il
1100 e il 1200, il metodo guidoniano venne perfezionato e il semitono Mi-Fa dell’esacordo

Tesi 7.doc 1
venne fatto corrispondere anche al semitono a-b molle: in questo modo la trasposizione
dell’esacordo poteva essere effettuata anche sulle claves F e f.

bw Nw
Γ A B C D E F G a b c d e f g aa bb cc dd ee

? w w w w w
www www & ww www bw Nw w
w
Duro ut re mi fa sol la
Naturale ut re mi fa sol la
Molle ut re mi fa sol la
Duro ut re mi fa sol la
Naturale ut re mi fa sol la
Molle ut re mi fa sol la
Duro ut re mi fa sol la

L’esacordo su C è detto naturale in quanto nell’ambito di sesta ci sono solo note naturali; quello su
F è detto molle siccome utilizza il B molle per poter rispettare il rapporto T-T-ST-T-T; l’esacordo
su G è detto duro siccome nella sua scala è presente il B durum (bequadro).
A questo punto, partendo da C, F o G, il cantore era in grado di leggere e cantare con assoluta
sicurezza una qualunque melodia nell’ambito di una sesta. Quando l’estensione della melodia
superava l’intervallo di sesta bisognava operava una MUTAZIONE dell’esacordo, in pratica si
individua un suono-
suono-perno comune ai due esacordi e lo si nomina con la nomenclatura del nuovo
esacordo: i suoni esterni all’esacordo precedente diventano così parte del nuovo esacordo e quindi
di facile intonazione. Per individuare più facilmente i suoni-perno per effettuare le mutazioni
venne escogitata la MANO ARMONICA o GUIDONIANA: praticamente raffigurava il disegno del
palmo di una mano sinistra in cui, nelle caselle formate dalle varie falangi, venivano disposte, a
spirale in senso antiorario, le lettere della gamma dei suoni con accanto le sillabe dell’esacordo
che venivano a cadere su quel suono (es. C = Ut Fa Sol, A = La Mi Re ecc.).
La funzione del sistema esacordale esercitò una grande influenza sulla sensibilità musicale
medievale, superiore a quella dei modi gregoriani, tanto da orientare l’invenzione melodica verso
l’osservanza di determinati schemi.

Tra il 200 e il ‘300, con la crescente diffusione del gusto musicale della musica ficta (musica che
conteneva altre alterazioni oltre il B bemolle) nasce la necessità di estendere l’intervallo
dell’esacordo a sette suoni per completare la solmisazione sull’intera ottava: nel ‘500 si introdusse
il SI preso dalle iniziali di Sancte Joannes invocate alla fine dell’Inno di San Giovanni. Nel ‘600, in
Spagna e in Italia, si preferisce sostituire la sillaba UT con DO, ricavato dalla prima sillaba del
cognome Doni, erudito teorico musicale a cui si vuole far risalire tale sostituzione.
Ma tra il ‘500 e il ‘600 il metodo della solmisazione non serviva più: il canto guidato
dall’accompagnamento strumentale e la pratica di comporre su modelli di scale con rapporti
intervallari non fissi (l’affermarsi delle varie tonalità maggiore e minore) porta ad accantonare
questo metodo. Tanto più in Italia, Francia e Spagna le sillabe guidoniane persero il loro
significato originario e si sostituirono alle lettere della gamma dei suoni, indicando così l’altezza
reale delle note; nel ‘700 nasce il solfeggio dapprima cantato poi parlato e cantato. In Germania,
Inghilterra e nei paesi slavi si continua tutt’ora ad usare le lettere oddoniane per indicare la
altezza assoluta dei suoni: ciò ha reso possibile, tra ‘800 e il ‘900, la riesumazione del metodo
guidoniano al quale si rifanno, più o meno direttamente, i metodi del DO MOBILE dell’ungherese
Kodaly, del TONIKA-DO dell’americana Waeìrd, del TONIC SOL-FA dell’inglese Curwen, del
CANTAR LEGGENDO dell’italiano Goitre.

Tesi 7.doc 2
8- Musica popolare e teatro nel Medioevo -
Trovatori e trovieri

MUSICA PROFANA MEDIEVALE


Nel 476 cade dell’Impero Romano d’Occidente sotto i colpi delle popolazioni barbariche; sarà
prima Pipino il Breve poi Carlo Magno ad accordare con la Chiesa la formazione del Sacro
Romano Impero: Carlo Magno sfrutta l’elemento religioso come collante per tenere assieme
un’Europa ridotta ad un mosaico di stati e staterelli; la Chiesa sfrutta l’elemento temporale come
espediente per spargere la sua egemonia, che si fa sentire immediatamente nella vita popolare:
- la storia viene concepita come una concatenazione di eventi indipendenti dalla volontà umana
ma determinati dalla Provvidenza divina
- la vita viene vista come un faticoso cammino, in cui bisogna espiare le proprie colpe per
giungere alla beatitudine eterna
- l’arte viene considerata un mezzo per edificare la morale religiosa (arte al servizio della
religione)
Conseguenze di una tale condizione sociale:
- praticamente scompaiono gli scambi economici (la produzione artigianale ed agricola si
riduce allo stretto necessario) e culturali (la cultura risiede nei centri monastici)
- vengono proibite pratiche edonistiche come il canto profano, la danza e la musica
strumentale: con la “Maxima iniquitas coram Deo: Anathema fit!” (così si legge negli atti del
Concilio romano del 743), chiunque fosse sorpreso nell’atto di ballare, cantare e suonare in
piazza , per strada o in luoghi privati era minacciato di severissime sanzioni da parte delle
autorità politiche e religiose

MONODIA PROFANA
PROFANA LATINA
Prima del 1000 l’unica tradizione musicale profana di cui si abbia notizia è quella dell’ARTE
GIULLARESCA,
GIULLARESCA diffusa clandestinamente in tutta Europa da compagnie girovaghe di
saltimbanchi, prestigiatori, mimi, ballerini, attori, cantanti, poeti e musicisti. Queste compagnie
allestivano spettacoli più o meno raffinati a seconda del luogo (piazza
piazza o corte di un castello)
castello e
del pubblico (popolare
popolare o aristocratico).
aristocratico Negli spettacoli di corte poteva accadere che un
musicista della compagnia con particolare talento fosse assunto stabilmente al servizio del signore
diventandone così il menestrello (ministrieus
ministrieus) il cui compito era quello di comporre ed eseguire i
canti e le danze destinate ad allietare i banchetti e le feste.
Il canto era accompagnato da uno strumento che poteva essere a corde pizzicate (liuto liuto e salterio
- con cassa armonica triangolare) o sfregate (viella
viella detta anche ghironda)
ghironda oppure da piccoli
organici strumentali composti da strumenti a corda, a fiato (flauti, corni e pive – cioè zampogne)
e percussioni (tamburi e sonagli). La danza consisteva per lo più nella rota o ballo in tondo,
tondo in
cui i ballerini si disponevano a formare una catena che si apriva e chiudeva agli ordini del
menestrello o del primo danzatore. Di tutta questa produzione, che dovette essere imponente, non
si conserva nemmeno una nota.
Dopo il XI secolo le caratteristiche della musica profana e sacra si trovano spesso mescolate:
- gli autori erano monaci o clerici (studenti delle scuole annesse ai monasteri o alle cattedrali) e,
successivamente alla nascita delle università (la prima nel 1158 a Bologna), i goliardi.
Da ricordare i clerici vagantes,
vagantes studenti universitari o ecclesiastici spinti a vita errabonda da
desiderio di avventura e impossibilità a fissarsi in un posto (dovuto anche alla crisi economica
della società del tempo)
- pratica del contrafactum che consiste nel sostituire le parole ad una melodia esistente: nel
nostro caso le parole di un canto gregoriano venivano cambiate con testo profano
- la musica profana venne influenzata dalle elaborazioni in atto sulle musiche gregoriane:
gregoriane
tropi, sequenze, drammi, polifonia.
Da queste premesse nascono generi come:
Tesi 8.doc 1
- il PLANCTUS (il pianto, il compianto): a partire dal IX secolo fa la comparsa questo genere
alcuni testo viene sovrapposta una rudimentale scrittura neumatica. Si tratta di canti su testo
latino in cui si piange in versi la morte di personaggi illustri: da ricordare il Planctus Caroli
per la morte di Carlo Magno e i 6 planctus del filosofo Abelardo di Nantes scritti in varie
forme ispirate a quella della sequenza (questi influenzeranno i liturgici Planctus Mariae di
Pasqua)
- i CARMINA,
CARMINA canti di clerici e goliardi, legati ai modelli delle sequenze; di tono giocoso (volti
alla celebrazione spregiudicata ed euforica delle gioie della vita, proverbialmente sintetizzate
nella triade gioco–vino-amore) o parodistico e satirico(per colpire in particolare l’avarizia e la
corruzione della gente di chiesa) scritti su testo latino o, a volte, in “latino maccheronico”.
Sono da ricordare:
1) i Carmina Cantabrigensia (da Cambrige dove sono conservati) della Renania del XI secolo
in cui si presentano temi giocosi e amorosi ed elogi di imperatori
2) i Carmina Burana (dall’abbazia di Benediktbeuren da dove proviene il manoscritto) della
fine del XII secolo che contiene circa 50 canti dei goliardi: furono gli ultimi esempi di profani
di poesia in latino (famosa la realizzazione sinfonico-corale realizzata ai primi del ‘900 da
Carl Orff)
- canti vari di ARGOMENTO CONTEMPORANEO come il Canto delle delle scolte modenesi (le
scolte erano le sentinelle) o il canto O admirabile Veneris idolum (O mirabile immagine di
Venere) del X secolo che parla del saluto di un maestro ad uno scolaro in partenza: la melodia
di quest’ultimo è tratta da un canto di pellegrini (O Roma nobilis)

TEARTO NEL MEDIOEVO


Essendo proibita qualsiasi forma di rappresentazione musicale e teatrale, eccetto il canto
gregoriano, è proprio dalla celebrazione liturgica della messa che nasce il teatro medievale e
prenderà il nome di DRAMMA SACRO.
SACRO In Italia invece il teatro medievale avrà origine da un
altro fenomeno, quello della LAUDA,
LAUDA che sfocierà nelle SACRE RAPPRESENTAZIONI.
RAPPRESENTAZIONI

DRAMMA SACRO: Tutt’oggi in momenti particolari dell’anno liturgico, come ad esmpio a Natale
o Pasqua, la liturgia della Messa viene presentata in alcune sue parti in forma dialogica tra il
celebrante e i suoi assistenti: a maggior ragione nel Medioevo, primo per andare incontro alla sete
di spettacolo del popolo (gli spettacoli di piazza erano vietati dalla Chiesa stessa) e secondo per
rendere le letture più comprensibili alla popolazione stessa (visto che il rito era in latino e la gente
parlava il volgare), durante la celebrazione della liturgia della Settimana Santa la lettura della
Passione di Cristo viene divisa fra i tre officianti: questo è già dramma (dal greco draho cioè
movimento, azione)
azione in quanto più persone che colloquiano tra loro creano i presupposti per
creare dialogicamente una azione.
Tali primissimi accenni drammatici sono stati battezzati dagli storici dramma liturgico:
liturgico tali
fioriture sugli schemi solenni della liturgia vengono tollerati dalla Chiesa in quanto sono
considerati dei tropi.
tropi
Il primo e breve dramma liturgico scritto, dal titolo Visitatio sepulchri, è il cosiddetto Quem
quaetiris (chi cercate) dell’Officium Sepulcri in uso a Montecassino: rappresenta il rapido dialogo
tra le pie donne (rappresentate da due chierici) che vanno al sepocro (l’altare) ed incontrano
l’angelo (il sacerdote) che le chiede chi stanno cercando, le donne rispondono “Jesum
Nazarenum”, l’angelo incalza dicendo che non è lì e le donne dicono in coro “Alleluja”. Questo
breve dialogo in forma drammatica compare in oltre 400 manoscritti sparsi in tutta Europa (dal
tropario di Winchesterall’Italia del sud, dalla Spagna alla Polonia), segno che tale pratica si era
sparsa, ben presto, ad altri monasteri e chiese; vennero poi posti in dramma altri momenti altri
momenti dell’anno liturgico e le Processioni dei profeti (profezie dell’avvento del Salvatore):
- Ciclo di Natale:
Officium stellae (della stella, processione con i Magi che attraversavano
tutta la chiesa fino all’altare dove depositavano i doni)
Officium pastorum (dei pastori)

Tesi 8.doc 2
- Ciclo di Pasqua:
Officium Sepulcri
Planctus Mariae (pianto della Madonna)
Sponsus (lo sposo)
- Processioni dei profeti:
Jeu de Saint Nicolas (di San Nicola, il primo dramma di cui si conosca
l’autore: Jean Bodel – fine del XII secolo)
Ludus Danielis (di San Daniele)

Di questi è da ricordare lo Sponsus (detto anche dialogo delle Vergini prudenti e vergini stolte),
che appartiene alla fine dell’XI o al principio del XII secolo, in quanto è il primo dramma misto
ovvero presenta parti sia in latino che in volgare. E in questa evoluzione assistiamo ad un
ingrandirsi della scena dall’altare fino al centro della chiesa ed a un progressivo avvicinarsi della
rappresentazione fino al portico, inoltrandosi sul sagrato e finalmente esce in piazza: è il
dramma sacro
sacro di piazza.
I vari drammi vennero poi raggruppati a formare rappresentazioni di più lunga durata e di trama
più complessa detti misteri ciclici.
ciclici
Caratteristiche dei drammi sacri medievali:
1- hanno una scena multipla:
multipla il palcoscenico Medievale non rappresentava un luogo ma
l’universo; le svariate scene (dette luoghi deputati) del dramma sono affiancate l’una all’altra
ed anche sovrapposte a più piani: sopra poteva essere rappresentato il paradiso, sotto l’inferno
2- ha caratteri pittorici:
pittorici doveva colpire lo spettatore
3- non venivano rispettate le unità aristoteliche:
aristoteliche più storie che raccontavano eventi succeduti
nell’arco anche di anni e in luoghi sempre differenti
4- gli attori,
attori da prima sacerdoti e chierici, diventano gente comune di sesso prettamente
maschile (tranne casi sporadici di attrici nel tardo Medioevo) e in numero elevato (nei grandi
misteri ciclici il numero degli attori potevano essere usati fino a 150 attori che sostenevano le
parti di 300 o 400 personaggi )
5- i personaggi erano di carattere religioso
6- ha alcune parti cantate (in forma di conductus): all’inizio per attirare l’attenzione del
pubblico, tra una scena e l’altra per riempire i buchi dell’azione o quando la situazione lo
richiedeva o lo giustificava (es. la rappresentazione di una festa)

Tali spettacoli diffusi in tutta Europa erano chiamati Misteres e Miracles (quando un personaggio
divino arrivava a risolvere la situazione: deus ex machina in Francia, Mistery e Morality Plays in
Inghilterra, Autos Sacramentales in Spagna, Passion spiller in Germania (drammi sacri sulla
Passione di Cristo).

LAUDA E SACRE RAPPRESENTAZIONI: Mentre in Francia, Inghilterra e Germania il dramma sacro


nasce dalla liturgia della messa. In Italia il fenomeno del dramma liturgico era iniziato come negli
altri paesi ma non si evolve in egual misura siccome nel Duecento, in Umbria, si sviluppa e si
propaga in gran parte della penisola un fenomeno di esaltazione religiosa popolare dovuto alla
nascita degli ordini mendicanti (francescani, domenicani, disciplinati detti anche flagellanti). La
forma di canto (in volgare) usato all’interno di questi ordini con intento devozionale è la Lauda.
Lauda
Intorno la metà dell’XI secolo è proprio San Fracesco a scriviere la prima lauda in volgare (in
prosa assonanzata, forma testuale che sembra in rima) con il Laudes creaturarum. E’ dalla Lauda
che nasceranno:
1- il movimento dei Laudesi
2- le Sacre Rappresentazoni

A Siena, intorno al 1267 sotto l’esempio dei movimenti mendicanti, nascono delle confraternite
dette dei Laudesi,
Laudesi associazioni di persone che si ritrovano a pregare e cantare per poter salvare la
propria anima e quelle dei cari deceduti. Tali iniziative diedero l’impulso alla composizione delle
laude e a redigere testi che le raccogliessero: ciò era indice della superiorità e potenza di una
confraternita rispetto alle altre. A noi sono giunti due codici:
- il Laudatario 91 di Cortona (dalla confraternita di quella città) del XIII secolo

Tesi 8.doc 3
- il Laudatario Maglibechiano (dalla biblioteca fiorentina dov’è custodito) del XIV secolo di
una confraternita di Firenze

Questi manoscritti raccolgono un totale di 130 laude con testi e musica. Le laude sono modellate
sulla forma della ballata con l’alternanza fra ritornello (coro) e strofe (coro); la modalità
gregorianeggiante, si ravviva in esplosioni festose o drammatiche anticipando spesso i moderni
modi maggiore e minore: ne risultano componimenti di grande immediatezza espressiva e di
spiccato carattere popolare.

Una prima forma rappresentativa sacra italiana è quella delle rappresentazioni mute, mute grandi
composizioni plastiche (fatte da pupazzi) o più spesso di persone umane immobili: la prima
rappresentazione muta della storia è sempre attribuita a San Framcesco con la pratica del
presepio (ma che forse Napoli conosceva già).
Le Sacre Rappresentazioni nascono invece dall’ordine dei Flagellanti i cui discepoli andavano per
le strade dell’Umbria, vestiti con un sacco, flagellandosi a sangue e, cantando lodi al Signore,
predicavano pace e penitenza. Questo movimento dilagò con tale furore che fu scomunicato dalla
Chiesa. A questa lauda lirica fece seguito la lauda narrativa e dialogica in forma responsoriale: al
canto del solista faceva eco la ripresa del coro. Non è certa ma è altamente probabile la
partecipazione degli strumenti:
strumenti infatti, in alcuni codici miniati, il testo della lauda è incorniciato
da angioletti cantori nell’atto di suonare arpe, liuti, vielle… Inoltre in alcuni casi compaiono righi
musicali privi di testo che farebbero pensare alla presenza, tra una strofa e l’altra, di brevi
interludi strumentali.
strumentali Il passo verso la lauda drammatica si ha quando il solista viene ad
impersonare il santo invocato, il tutto allestendo un modesto apparato scenico: un muro di fondo
con rappresentato un monte, figura che si presta ad infinite scene (la grotta del sepolcro o del
presepio, il monte della crocifissione o della trasfigurazione...).
Questo tipo di lauda drammatica trovò la denominazione di Sacra Rappresentazione a Firenze
dove fiorirono compagnie (famosa è la Compagnia del Vangelista,
Vangelista altre sono la Compagnia del
Nicchio, la Compagnia della Scala…) che si occupavano di allestirle e metterle in scena.
Le Sacre Rappresentazioni, differentemente dal dramma sacro, iniziano con un prologo in cui un
angelo annuncia la storia; segue la rappresentazione vera e propria al termine della quale l’angelo
ricompare a fare la morale della storia.
Forma affini alla lauda fiorirono anche nel resto dell’Europa, come le Cantigas spagnole in lode
della Madonna e i Geisslerlieder tedeschi.

TROVATORI E TROVIERI
I trovatori e i trovieri furono i primi poeti-
poeti-musicisti in volgare,
volgare rispettivamente fioriti in
Provenza tra la fine del 1000 e il1250, e nella Francia del Nord tra la fine del XII e la fine del XIII
secolo (la lingua dei trovatori è quella d’oc mentre quella dei trovieri è quella d’oil e da cui si
svilupperà il francese moderno: oc e oil erano i due termini per dire “sì”).

Rappresentazione
schematica della Francia:
Francia del Nord:
lingua d’oil
dei Trovieri

Provenza e Aquitania:
lingua d’oc
dei Trovatori

Tesi 8.doc 4
Erano, specialmente all’inizio del movimento, di nobile provenienza,
provenienza principi e castellani, dame
appartenenti a potenti famiglie feudali dediti alla composizione di canzoni monodiche di gusto
raffinato, che inneggiavano all’amore e ai piaceri della vita,
vita al cosiddetto “amor
amor cortese”:
cortese
questo amore che sa essere sensuale e passionale ma che quasi sempre resta platonico (il poeta si
rivolge alla donna amata come un’entità lontana e irraggiungibile e ne invoca lo sguardo quale
suprema ricompensa per la sua dedizione). Ma non mancano canti di argomento politico,
politico
religioso o sugli aspetti della natura:
natura insomma costituivano un importante mezzo di
comunicazione sia delle idee che dei sentimenti personali all’interno di quella società.
Non sono da confondere con gli esecutori delle loro musiche, i giullari e i menestrelli (in francese
jongleurs) i quali accompagnavano con una viella o una piccola arpa a sette o più corde il
canto del trovatore o del troviere all’unisono;
all’unisono forse lo strumentista eseguiva anche brevi preludi,
interludi e postludi. I loro componimenti (non sempre accompagnati dalla musica) sono in
raccolti in gran parte in collezioni manoscritte dette chansonniers.
chansonniers Comunque, data
l’imprecisione della notazione del tempo, l’interpretazione e la trascrizione ritmica delle melodie
di trovatori e trovieri è un problema arduo, tuttora aperto, che ha dato luogo alle più varie ipotesi
e proposte.

TROVATORI: Varie sono le ipotesi sull’origine del movimento trovadorici:


- i modelli arabo-
arabo-spagnoli con cui l’Occidente era venuto a contatto grazie alle crociate
- produzione innodica e nella farcitura dei topi nei monasteri meridionali (Aquitania) in cui
si riscontrano esperimenti di poesia musicale religiosa e profana in lingua latina
La tradizione trovadorica inizia con Guglielmo IX conte di Poitiers (1087-1127); dei trovatori che
ci hanno lasciato le loro musiche ricorderemo:
1- prima metà del XII secolo
Jaufre Rudel
Marcabru
Bernard de Ventadorn (circa 1127-1195)
Bertran de Born
2- fra il XII e il XIII secolo
Guiraut de Borneilh
Piere Vidal (morto nel 1215)
Falchetto di Marsiglia (circa 1155-1231)
Rambault de Vaqueiras (morto nel 1207) autore della celebre
Kalenda maia (primo giorno di maggio)
dal carattere danzistico
3- seconda metà del secolo XIII
Guiraut Riquier

La spietata crociata contro gli albigiesi (1208: è una corrente eretica medievale proveniente dalla
penisola Balcanica e instauratasi nella Francia meridionale e perseguitata fino all’estinzione) fu
un colpo di grazia per la Provenza e per il movimento trovadorico.
La forma trovadorica più antica è il VERS,
VERS derivata dal tropo melodico-testuale liturgico (il
versus), di struttura musicale priva di ripetizioni (durchkomponiert
durchkomponiert).
Fra le forme trovadoriche più importanti fu la CANSO’ (canzone): il testo è in forma di coppia
strofica (come la copula sequenza, nella cansò chiamata cobla) mentre la musica si ripete per i
primi due gruppi di versi sicché ne risulta uno schema musicale A A B.
Struttura della canzone trovadorica (cansò):

Melodia A A B
Rime dei versi a b a b c d

La cansò poteva essere di argomento lamentoso (denominata planh dal planctus della monodia
profana latina), di contenuto politico e morale (detta sirventes), o rappresentava il
corteggiamento di una giovane contadina da parte di un nobile o di un cavaliere (la pastorela),

Tesi 8.doc 5
oppure la canzone dell’amico di una coppia di amanti che li avverte che la notte è finita
(denominata alba).
Le melodie trovadoriche avevano frasi melodiche brevi (corrispondenti a 3, 4 o 5 battute nostre),
cantabili e di facile memorizzazione ma allo stesso tempo eleganti,
eleganti suadenti e ricche di
preziosità melodiche, ma soprattutto presentano una più netta indipendenza dallo stile
gregoriano rispetto ad altre musiche del periodo, soprattutto per quanto riguarda la modalità.
Dei trovatori rimangono circa 2600 composizioni poetiche e 300 melodie (di cui una trentina su
testo religioso); si ricordano i codici più importanti:
- Codice R71 SUPERIOR Biblioteca Ambrosiana (fine XII inizi XIII secolo, circa 200 anni dopo i
movimenti trovadorici) contiene 160 melodie; si dice sia stato consultato anche da Dante
- 3 codici della Biblioteca Nazionale di Parigi (scritti nel XV secolo)

TROVIERI: Il movimento trovierico, diffusosi verso la metà del XII secolo nella Francia del Nord,
Nord
conobbe un vasto sviluppo con i trovieri Chrètien de Troyes e Conon de Bèthune (1160-1219
circa). Nel ‘200, con lo sviluppo della polifonia e le innovazioni introdotte dalla scuola di Notre-
Dame, operarono Gautier d’Epinal (1220-1240 circa), Thibaut ultimo re diNavarra (1201-1253)
e Adam de la Halle (1240-1287 circa).
Lo stile trovierico è la continuazione della tradizione trovadorica della Provenza: vennero
coltivate le stesse forme di canzoni, ma generalmente con minore ricercatezza e artificio.
artificio
La forma trovierica più importante è la CHANSON,
CHANSON di struttura simile alla cansò trovadorica
tranne che per la melodia che si ripete, la prima volta ha un finale in sospensione (ouvert
ouvert) e la
seconda volta un finale conclusivo (clos
clos).
Struttura della canzone trovierica (chanson):

Melodia A (ouvert) A (clos) B


Rime dei versi a b a b c d

Altre forme tipicamente trovieriche sono il jeuparti,


jeuparti in cui due persone cantano a turno la stessa
melodia, e il lai,
lai di derivazione dalla sequenza in cui viene aggiunta alla struttura della chanson
un’altra cobla c-d e la strofa musicale B.
Struttura del lai:

Melodia A (ouvert) A (clos) B (ouvert) B (clos)


Rime dei versi a b a b c d c d

L’estampie
estampie era la forma strumentale di derivazione dal lai ed ispirata ai ritmi di danza (all’epoca
non esisteva la musica strumentale fine a se stessa ma accompagnava il canto o, sola, le danze).
Una forma che trova la sua nascita presso i trovieri è il rondeau.
rondeau
Dei componimenti trovierici sono state tramandate quasi 1400 melodie e circa 4000 liriche.

MINNESANGER: I frequenti viaggi dei giullari o dei menestrelli francesi presso le corti tedesche
portarono la nascita, tra il XII e il XIV secolo, di una poesia nazionale, ispirata ai temi dei trovatori
e dei trovieri, e dei Minnesanger ovvero, come dice la parola stessa, i cantanti dell’amor cortese.
Inizialmente i componimenti erano gli stessi francesi adattati con le parole in tedesco,
successivamente assunsero aspetti musicali più caratteristici. Le fome che si svilupparono erano i
Minnesang e il Lied, entrambi di struttura BARFORM (come la chanson) che veniva ripetuta per
3, 5 o 7 strofe: le prime due parti ripetute erano dette Stollen (mutazioni), la terza Abgesang
(volta).
Presso i Minnesanger l’amor cortese era inteso in modo più idealista che presso i trovatori:
l’amore per una donna si trattava di considerazione per la donna in generale.
Con la rinascita delle città e l’ascesa della borghesia, i Minnesanger (espressione della società
feudale) cedettero il posto ai Meistersanger (maestri cantori), organizzati in sorta di scuole
artigiane che vivevano nella società cittadina, associati in corporazioni come le altre arti o
mestieri.

Tesi 8.doc 6
9- La prima rinascita italiana: l’Ars nova (madrigali,
cacce, canzoni, ballate) -
Strumenti in uso nel tempo

L’ARS NOVA
Nel corso dei secoli XIV e XV il panorama della cultura musicale europea subisce profonde
trasformazioni,
trasformazioni grazie:
- ad avvenimenti politici come l’esilio della corte papale ad Avignone (che favorisce i rapporti
e gli scambi tra Francia e Italia)
Italia
- alle trasformazioni sociali (crisi
crisi dei principi della Chiesa e dell’Impero: si riaccendere
l’interesse per il mondo fisico e delle scienze matematiche
matematiche)
- il graduale passaggio delle iniziative culturali e politiche dalla Chiesa alla borghesia
(accresce il volume degli scambi e delle relazioni diplomatiche in Europa a cui consegue una
libera circolazione di musica e musicisti)
musicisti
- verso la fine del ‘300, con lo sgretolarsi dell’influenza della Chiesa sulla società, si comincia a
sentire il vento di quel pensiero che corre sotto il nome di UMANESIMO (primo momento di
quel vasto fenomeno denominato Rinascimento), che parte verso la fine del ‘300 e trova il
culmine nel ‘400. Tale corrente di pensiero vede riconosciuto l’ideale di vita umano, cioè
l’uomo si libera dal terrore mistico della religione (che verrà sottoposta a serrate critiche da
parte degli umanisti): Dio viene visto come un origine e un traguardo della vita umana e non
più come un’entità punitrice

I teorici sono ora attratti principalmente dal problema del ritmo, ripudiando i vecchi modelli
dell’antica scuola (ars
ars antiqua)
antiqua a cui si contrappongono quelli di un’arsars nova,
nova basata sui principi
del mensuralismo
mensuralismo.
Agli inizi del 1300, in Francia, che Petrus de Cruce scrive mottetti in cui il triplum (la voce più
acuta) si distacca ritmicamente dalle altre e diventa più veloce: quindi ogni singola brevis del
motetus e del duplum poteva corrispondere un numero di semibrevis del triplum variabile da 2 a
9. Per questo motivo Petrus de Cruce adotta il punctum divisionis (un punto posto tra una nota e
l’altra) per distinguere in maniera più chiara le ligature teorizzate da Francone da Colonia.
Il teorico parigino Johannes de Muris descrive nel suo trattato del 1319 Notitia artis musicae
alcuni principi che verranno poi ripresi l’anno successivo da Philipe de Vitry:
1- associa al suono (nota) un numero (durata)
2- stabilisce il continuo fruire del tempo e la possibilità di suddividerlo a piacimento (concezione
di ritmo non più legato solo al principio della ternarietà teologica)

E’ sepre il Francia che, nel 1320,


1320 il teorico e compositore Philipe de Vitry scriverà il trattato Ars
nova musicae (la nuova tecnica della musica) e col cui termine derivato di ars nova si andrà a
designare la storia della musica del trecento polifonico, italiano e francese, sacro e profano. A
questa dicitura si è voluto accostare il termine di ars antiqua alla musica precedente, dei modi
ritmici, fiorita tra il 1100 e il 1200.
Con il trattato Ars nova, Philipe de Vitry introduce importanti novità musicali:
1- viene esteso l’ordo mensuralis cioè il numero di figure rappresentanti determinate durate: al
di sopra della longa viene aggiunta la maxima,
maxima di valore doppio (duplex longa) o triplo
(maxima perfecta) rispetto alla longa; allo stesso modo vennero aggiunti due valori di più
breve durata, la semibrevis,
semibrevis di valore 2 o 3 volte più piccolo in una brevis, e la minima che
poteva avere un rapporto binario o ternario con la semibrevis.

Tesi 9.doc 1
Note Pause Nomenclatura rapporto

Maxima:

Longa: } Maximodus
Brevis: } Modus
Semibrevis: } Tempus
Minima:
} Prolatio
Il rapporto tra maxima e longa era detto maximodus,
maximodus così come legame tra longa e brevis era
detto modus,
modus quello tra brevis e semibrevis era denominato tempus e il legame semibrevis
minima era detto prolatio.
prolatio
Se il rapporto tra un valore e quello inferiore era ternario allora veniva detto recto cioè perfetto (il
maximodus perfecto indicava che in una maxima erano contenute tre longhe, così il modus
perfecto indicava che in una longa erano presenti tre brevis ecc.); al contrario, se il rapporto tra
un valore e quello inferiore era binario veniva detto àltero cioè imperfetta (il maximodus
imperfecto indicava che in una maxima erano contenute due longhe, così il modus imperfecto
indicava che in una longa erano presenti due brevis ecc.).

Perfecto Imperfecto

Maximodus
(Modus major)

Modus

Tempus

(Maggiore) (Minore)
Prolatio

Il fatto che il rapporto tra brevis e semibrevis si indichi con il termine “tempus” sta ad indicare
che la brevis diventa l’unità di misura della pulsazione (la brevis è al centro dell’ordo
mensuralis e da cui si dipartono i valori più larghi e più brevi): il ritmo non si basa più sulla
longa come nei modi ritmici ma l’importanza passa alla brevis.

Tesi 9.doc 2
2- I vari rapporti venivano stabiliti all’inizio di un brano con apposite simbologie:

Rapporti fra le note: Simbolo:

Modus major perfectum cum


modus perfectum
(il moderno 9/4)

Modus major perfectum cum


modus imperfectum
(il moderno 3/2)

Modus major imperfectum cum


modus perfectum
(il moderno 6/4)

Modus major imperfectum cum


modus imperfectum
(il moderno 2/2)

Tempus perfectum cum


prolatio perfecta (majores)
(il moderno 9/8)

Tempus perfectum cum


prolatio imperfecta (minores)
(il moderno 3/4)

Tesi 9.doc 3
Tempus imperfectum cum
prolatio perfecta (majores)
(il moderno 6/8)

Tempus imperfectum cum


prolatio imperfecta (minores)
(il moderno 2/4)

3- Un brano iniziava con l’indicazione della chiave seguita dal simbolo che indicava il rapporto
tra maximodus e modus e di seguito il simbolo che indicava il rapporto tra tempus e prolatio
proprio come in uno spartito attuale conviene specificare il tempo (se una voce usava
solamente le note del maximodus e modus o solo del tempus e prolatio veniva indicato
solamente il simbolo del rapporto usato), dopo di che si passava alla stesura delle note, senza
la divisione della musica in battute.
4- Veniva utilizzato l’inchiostro rosso per cambiare momentaneamente il rapporto tra le note,
quello nella notazione moderna viene denominato cambiamento di tempo o gruppi irregolari
(duine in tempi ternari o terzine in tempi binari).

I frequenti contatti tra la cultura italiana e quella francese hanno contribuito alla stesura, tra il
1318 e il 1326, del trattato Pomerium (Frutteto, un titolo metaforico) da parte del teorico e
compositore Marchetto da Padova in cui veniva esposto un sistema notazionale mensurale
diverso da quello francese (più elaborato, meno progredito e meno flessibile), nato più da
esigenze pratiche che teoriche. Tale sistema rimarrà in uso in Italia fino quasi alla fine del ‘300.
Questo metodo consisteva nel considerare il rapporto di divisione della brevis in minime secondo
diverse divisionis prestabilite. Si avevano così:
- divisio quaternaria (la brevis conteneva 4 minime)
- divisio senaria perfecta (6 minime raggruppate in 3 brevis di 2 minime ciascuna) e senaria
imperfecta (6 minime raggruppate in 2 brevis di 3 minime ciascuna)
- divisio novenaria (9 minime)
- divisio octonaria (misura di invenzione italiana: ritmo binario di 8 minime)
- divisio duodenaria (misura di invenzione italiana: ritmo ternario di 12 minime)
Per facilitare il riconoscimento del tipo di divisiones era possibile l’utilizzo di puntini che
separassero i gruppi di note (come il punctus divisionis di Petrus de Cruce).

Tesi 9.doc 4
FORME MUSICALI DELL’ARS NOVA
È facile incontrare, dall’Ars nova francese a quella italiana, termini come ISORITMIA, FORME
FIXES, CANZONE DISCANTICA e MUSICA FICTA.

ISORITMIA:
ISORITMIA Questo procedimento compositivo, tipico francese,
francese consiste nel sovrapporre in
maniera ciclica una cellula ritmica, detta talea,
talea e una cellula melodica, detta color.
color

talea

q ee q ee q e e
q e e e q e q e e
w w w w
ww w ww w
color

Tipico nella composizione dei mottetti del ‘300 è l’uso della isoritmia alla voce del tenor.
tenor

FORME FIXES:
FIXES Con questo termine si designano le strutture tipiche delle musiche da ballo del
‘300; in tali forme musicali la sezione musicale e quella testuale si univano rispettando precise
regole fisse proprie di quella forma.

CANZONE DISCANTICA o CHANSON: CHANSON Detto anche stile “a cantilena” o “di ballata”, è una
pratica compositiva che si viene affermando nel ‘300 per cui la voce superiore (cantus) porta la
melodia mentre le altre fungono da accompagnamento a valori più larghi (queste voci possono
essere sostituite da strumenti). La composizione di chanson si basava su strutture musicali e
testuali prestabilite (forme fixe): RONDEAU, VIRELAI e BALLADE.

MUSICA FICTA:
FICTA (cioè “falsa musica”) Espressione latina adottata dai teorici del ‘300 per
designare la musica che fa uso di note alterate non catalogabili dalla scala diatonica esacordale
della solmisazione Guidoniana. Tali note, impiegate sempre più frequentemente, furono indicate
mediante i segni di alterazione di bemolle, bequadro e diesis; la musica ficta rappresentò
l’elemento disgregatore della tradizionale grammatica modale e lo sviluppo della sensibilità
tonale.

COMPOSITORI
COMPOSITORI E COMPOSIZIONI DELL’ARS NOVA FRANCESE: I soli componimenti rimasti di
Philipe de Vitry sono dei MOTTETTI,
MOTTETTI sempre politestuali (caratteristica francese),
francese) in latino o in
francese, di argomento soprattutto politico (quindi con funzioni celebrative: si riduce il numero
di mottetti liturgici). Vitry preferisce lasciare alle voci superiori (motetus e triplum) valori di
breve durata (usando tempus e prolatio) e lasciando sotto un tenor (era l’impalcatura del
mottetto:poteva essere eseguito anche da strumenti) e un contratenor di valori più ampi (usando
maximodus e modus) sfruttando così l’ampia gamma di valori conquistata con l’Ars nova.

Il più grande musicista dell’Ars nova francese, che racchiude in sé la figura di compositore
(Vitry era sì un compositore ma essenzialmente un teorico), poeta,
poeta letterato e politico (a fianco
del re di Boemia viaggiò in tutta Europa), fu Guillame de Machaut (1300-1377): le sue
composizioni vanno dalle più tradizionaliste alle più innovative.
Innanzi tutto si ricorda Machaut come il primo compositore di una MESSA INTERA attribuibile
ad un solo autore denominata Messa di Notre-
Notre-Dame (la prima messa interamente composta è
considerata la Messa di Tournai del 1320 circa, con brani di diversi autori). In questa messa

Tesi 9.doc 5
Kyrie, Sanctus Agnus Dei e Ite missa est sono scritti in stile isoritmico sia al tenor che al
contratenor, mentre Credo e Gloria sono scritti in stile omoritmico (stile “a conductus”): tale
scelta è da ricercare nel fatto che i primi brani sono più brevi e di struttura strofico ripetitiva e
quindi più adatti a essere sviluppati, mentre Credo e Gloria, già molto lunghi, sono più adatti a
essere solamente musicati.
Inoltre Machaut non disdegna la composizione di canzoni discantiche (CHANSON CHANSON) a forme fixes
tipiche del ‘300 francese: si tratta del RONDEAU, del VIRELAI e della BALLADE. Nella chanson
Machaut assegnò importanza melodica alla voce superiore, arricchendola di melismi, mentre le
altre due voci inferiori fungevano da sostegno a valori più larghi (spesso fatto da strumenti).

RONDEAU:
RONDEAU Il rondeau, già presente presso i trovieri, ha una forme fixes piuttosto complessa:

Testo (strofe) A B C A D E A B
Musica a b a a a b a b

Machaut scrisse rondeau a 2 o 3 voci (raramente a 4 voci), utilizzando raffinatezze come ritmi
complessi e sincopati e la musica ficta.

VIRELAI:
VIRELAI Il virelai conserva tracce della struttura originale del lai (Machaut si cimenterà nella
composizione di alcuni lai nonostante in quel periodo sia caduto in disuso):

refrain 1a strofa refrain 2 a strofa refrain 3 a strofa refrain


Testo (strofe) A B A C A D A
Musica a bO bC a a bO bC a a bO bC a a

Dove: bO = sezione musicale “ouvert”


bC = sezione musicale “clos”

Refrain = ritornello

I virelai di Machaut hanno un’intonazione semplice e spontanea, di genere monodico o a 2 voci


(pochi a 3 voci), sempre curiose combinazioni armoniche attraverso la musica ficta e i ritmi
complessi e sincopati.

BALLADE:
BALLADE La forma della ballade si compone di 3 strofe ognuna delle quali presenta lo schema
musicale a-a-b oppure a-a-b-b che possono essere indifferentemente ouvert o clos.
Machaut scrive ballade a 2, 3 e 4 voci sempre utilizzando, secondo le sue caratteristiche
stilistiche, ritmi complessi e sincopati e la musica ficta toccando il culmine della sottigliezza
espressiva e della raffinatezza.

In Francia, tutte queste composizioni vengono elaborate secondo tecniche contrappuntistiche


molto complesse e raffinate come:
- l’HOQUETUS
HOQUETUS, detta anche tecnica “a singhiozzo” in quanto una voce tace quando l’altra
canta e viceversa
- la CHACE,
CHACE in cui una voce ripete in ritardo ciò che l’altra voce ha appena cantato (tecnica del
canone)
- il CHIASMO in cui due voci si scambiano, incrociandosi, due motivi
- la TECNICA CANCERINA (o RETROGRADA)
RETROGRADA in cui una voce canta la melodia dell’altra voce
partendo dalla fine (all’indietro): l’esempio più famoso il brano “La mia fine è il mio inizio e il
mio inizio è la mia fine” di Machaut.

Tesi 9.doc 6
COMPOSITORI E COMPOSIZIONI DELL’ARS NOVA ITALIANA: Rispetto all’Ars nova francese, il
Trecento italiano presenta una maggiore semplicità di forme e di schemi che contrasta con
l’intellettualismo sofisticato (tecniche contrappuntistiche) dei musicisti francesi. Meno praticata è
la composizione sacra (presente nella forma del MOTTETTO), a cui si preferiscono forme profane
consistenti nelle forme del MADRIGALE, della CACCIA e della BALLATA.

MOTTETTO:
MOTTETTO La forma del mottetto non ebbe gran diffusione, testimoniata dai pochi documenti
pervenuteci: si ricordano 3 mottetti scritti da Marchetto da Padova, uno di Jacopo da Bologna e
altri frammenti di mottetti composti in onore di dogi veneziani. La caratteristica di questi si
discosta dallo stilema francese per l’assenza dell’isoritmia al tenor.

MADRIGALE:
MADRIGALE Non è precisa l’origine del nome madrigale: forse da mandriale (in riferimento ai
contenuti pastorali), oppure da materiale (per designare una composizione non spirituale, quindi
profana), o più probabilmente da matricale (in lingua madre, cioè in volgare).
E’ una componimento a forme fixe, strofico (da 2 a 4 strofe) di 3 versi endecasillabi ciascuno, a
cui seguiva una breve sezione musicale (1 o 2 versi) su un altro motivo che veniva ripetuto al
termine della strofa fungendo da ritornello.

Strofa Ritornello
Testo (versi) ABC D
Musica a b

Il madrigale era solitamente a 2 voci; la voce inferiore (il tenor), meno melismatica, tendeva ad
assumere una funzione di sostegno armonico; inoltre la presenza di imitazioni fra le voci fa
supporre un esecuzione interamente vocale.
Importanti autori di madrigali sono Giovanni da Cascia (arricchisce in maniera più melismatica
l’inizio e la fine di ogni verso), Jacopo da Bologna, Piero (probabilmente veneto, che applica
procedimenti canonici).

CACCIA: Anche l’origine del nome “caccia” è imputabile a diversi fattori: allo stile delle due voci
superiori che si rincorrono (una caccia l’altra) oppure ai contenuti di tali composizioni (venivano
trattate scene di caccia, gare e giochi all’aperto, scene di movimento, mercati).
La caccia non è una forme fixe in quanto si concede ad andamenti testuali e musicali liberi e
asimmetrici.
Le voci che cantano nelle cacce sono 3: le due superiori si muovono a canone oppure si imitano
con la tecnica dell’hochetus; la voce più grave (il tenor) si limita a sostenere armonicamente il
brano.

BALLATA:
BALLATA E’ una forme fixe monodica destinata ad accompagnare danze collettive; per questo
ogni stanza (strofa) viene divisa in due piedi (o mutazioni), intonati su uno stesso motivo (nella
figura segnato con “b”), seguiti da una volta cantata sullo stesso motivo della ripresa (nella figura
segnato con “a”).

STANZA (STROFA)
I piede o II piede o
Ripresa Volta Ripresa
I mutazione II mutazione
Testo (in versi) XX AB AB BX XX
Musica a b b a a

Tesi 9.doc 7
In seguito al ritorno del Papa da Avignone a Roma (1377), vennero a più stretto contatto l’Ars
nova francese e quella italiana formando così uno stile misto: nella notazione di Marchetto si
inseriscono i tempi e le prolazioni di Vitry; la ballata diventò una forma polifonica a 2 voci,
giungendo quasi a soppiantare il madrigale.

Importante compositore italiano della fine del ‘300 è Francesco Landino da Fiesole o Landini
(1335-1397), cieco dalla nascita, fu un valente organista e compositore. Contro i 10 madrigali
scrisse circa 140 ballate trasferendo a questa forma gli stessi contenuti lirici di quella monodica,
passando perfino a 3 voci e utilizzando gli stilemi dell’Ars
Ars subtilior (arte sottile), un’arte
tipicamente francese della fine del ‘300 detta anche manieristica,
manieristica in cui i componimenti, con
ritmi di estrema complessità
complessità, non comunicano solo attraverso il suono ma anche attraverso
l’aspetto grafico (è il corrispondente dell’arte figurativa gotica).
Nelle ballate del Landini si nota una certa preferenza degli intervalli di terza e sesta in
sostituzione di quelli di quarta e di quinta che cominciavano a risultare un po’ duri e asciutti.
Altra caratteristica del Landini è l’utilizzo di una cadenza in cui la sesta risolve sull’ottava
passando per il quinto grado: tale cadenza viene detta proprio “alla Landino”.

I codici che ci sono rimasti sull’Ars nova francese e italiana sono:


- Manoscritto 115 della Biblioteca Capitolare di Ivrea (80 composizioni)
- Manoscritto 564 del Museo di Sant’Ily (più di 100 composizioni)
- Codici Squarcialupi (dal nome dell’organista di Firenze, presunto scrittore di quel codice):
importante codice dell’Ars nova italiana contenente circa 350 composizioni
La musica che ci è giunta intanto è stata notata un secolo dopo a quando veniva effettivamente
suonata; inoltre non era scritta per essere letta dai musicisti ma era una specie di prestigio
culturale l’avere uno di questi manoscritti, pertanto nel codice venivano trascritte solamente le
musiche che piacevano al notatore o al nobile che lo commissionava secondo i gusti presenti un
secolo dopo che queste musiche erano praticate.

STRUMENTI MUSICALI DURANTE L’ARS NOVA


Gli strumenti presenti durante l’Ars nova sono:
- Organo
- Salterio: uno strumento di origine orientale a forma triangolare o trapezoidale con corde tese,
che venivano suonate o con le dita o col plettro
- Viella: termine che indicava anche la ghironda, strumento musicale a corde fatto vibrare
mediante sfregamento da parte del bordo impeciato di una ruota di legno ad esse sottostante,
azionata con una manovella. Il numero di corde varia da un minimo di 3 ad un massimo di 6;
di queste alcune sono corde di bordone, le altre producono la melodia attraverso appositi tasti.
- Cornetto: strumento a bocchino costruito in avorio o in legno ricoperto di cuoio di forma
leggermente ricurva, con il tubo a sezione esterna ottagonale e conico all’interno, con sette o
otto fori digitali e, nelle taglie più grandi, una chiave. Il suono ideale del cornetto era vicino a
quello della voce umana, che esso stesso doppiava o sostituiva nella polifonia (specialmente
nella parte di soprano)
- Tromba
- Flauti

Tesi 9.doc 8
10-Sviluppo del contrappunto vocale: la scuola
fiamminga

SVILUPPO DEL CONTRAPPUNTO VOCALE


LA SCUOLA INGLESE: Quello che sarà lo stile del ‘400 della scuola fiamminga trae origine dallo
stile consonante e melodico e dalla naturalezza ritmica dei musicisti inglesi che, nonostante le
influenze dell’Ars nova francese, avevano mantenuto queste proprie caratteristiche peculiari.
L’alleanza tra Inghilterra e la Borgogna contro la Francia ha consentito un passaggio continuo di
alte personalità inglesi sul territorio franco-borgognone con al seguito il proprio stuolo di
musicisti. Tale influenza terminerà con la disfatta dell’Inghilterra alla fine della guerra dei
Cent’anni che coincise con la morte del massimo rappresentante (compositore, astronomo,
matematico) della scuola inglese: John Dunstable (1380-1453).
Le caratteristiche della musica inglese che influiranno sul ‘400 francese sono:
1- Tecniche di composizione su CANTUS FIRMUS (canto fermo), che con più precisione
dovrebbe essere detta cantus pria factus:
factus si tratta di composizioni polifoniche che utilizzano
melodie già esistenti espresse in valori lunghi e tra loro uguali.
uguali L’utilizzo di questa tecnica
vede lo sviluppo della forma della messa ciclica,
ciclica una messa in cui tutti i tempi (Sanctus,
Agnus Dei ma soprattutto Gloria e Credo) sono costruiti sul medesimo cantus firmus.
Successivamente il cantus firmus prende lo stile imitativo: poteva trovarsi nella voce grave,
media o acuta, o ancora passare da una voce all’altra (se presente alla voce superiore era
ornata con melismi).
2- Era tipicamente inglese la pratica dell’improvvisazione: più esecutori ponevano sotto gli occhi
un unico cantus firmus (cantato dalla voce più bassa, il tenor, denominata bordone)
bordone a cui
veniva estemporaneamente aggiunto un contratenor,
contratenor a distanza
distanza di terza superiore dal tenor,
e un superius,
superius a distanza di sesta sopra al tenor, che si muovevano parallelamente al tenor. tenor
Tale pratica prende il nome di FABURDEN (cioè “scrittura ingannevole”, lacunosa).
3- La ricerca, da parte degli inglesi, della ricchezza e pienezza del suono porta all’ampliamento
dell’organico corale adottando, nei primi decenni del ‘400, le 4 e a volte le 5 VOCI.
VOCI

Le forme più coltivate sono: le carols polifoniche, in forma di canzoni da ballo con ritornello
corale e stanze (prevalentemente di argomento sacro), e le chansons, simili al virelai francese o
alla ballata italiana.

LA SCUOLA FRANCO-
FRANCO-FIAMMINGA
Nel XV secolo nella zona della Francia settentrionale (Piccardia, Artois, Champagne), nel Ducato
di Borgogna (il feudo più potente e ricco di Francia) e nelle Fiandre si manifesta una grande
fioritura musicale: i musicisti (compositori, cantori e strumentisti) franco-fiamminghi furono i
protagonisti indiscussi della musica europea fino alla metà del XVI secolo, occupando i posti più
prestigiosi presso le corti, le cappelle principesche e le grandi chiese cittadine. Per musicisti si
intende quelli che avevano avuto una formazione musicale in una cattedrale o una grande chiesa
cittadina e che apprendevano a cantare e a comporre in polifonia e i più dotati, completata la
propria formazione, intraprendevano la carriera di musicisti-compositori in patria o all’estero
dov’erano richiesti e altamente riveriti. Non sono da confondere con i menestrelli ossia gli
esecutori di musiche e canti durante i banchetti, le feste e le cerimonie di corte (politiche,
matrimoni, funerali) e che trovavano posto ad un livello basso nella scala sociale.
I fattori che hanno contribuito alla nascita della scuola fiamminga sono:
1- l’alleanza del Ducato di Borgogna con l’Inghilterra nella guerra dei Cent’anni contro la
Francia: lo svincolarsi dalla corona francese ha consentito alla Borgogna di aumentare la
propria potenza politica ed economica,
economica a cui consegue una grande fioritura artistica. Tutti i
duchi di Borgogna, oltre ad essere stati degli ottimi governanti tanto da passare come “buoni,
arditi e temerari”, furono anche degli straordinari mecenati dell’arte e della musica.

Tesi 10.doc 1
2- ai duchi di Borgogna si deve l’istituzione delle prime cappelle musicali formate da
compositori, cantanti e strumentisti (da un minimo di 15 a un massimo di 20) che
provvedevano al fabbisogno musicale sia sacro che profano della corte. In queste cappelle, che
fiorirono un po’ ovunque nei centri principali dell’arte fiamminga(cappelle e cattedrali di
Anversa, Bruxelles, Liegi e soprattutto Cambrai), affluirono artisti francesi, italiani ed inglesi.
3- le cappelle musicali contribuirono a far confluire nella musica borgognona tecniche, stili e
forme di varia provenienza: l’influenza della musica inglese,
inglese con cui la Borgogna aveva
stretti contatti (cantus firmus e la messa ciclica, utilizzo delle voci a distanza di 3a o di 6a,
numero dell’organico polifonico), la musica francese (lo stilema dell’Ars subtilior successiva
all’Ars nova), lo stile italiano (con le composizioni in “stile di ballata” in cui ad un basso di
spiccata funzione armonica e di natura prettamente strumentale si sommano una o due voci
di carattere melodico che fluiscono melodicamente).

La sintesi di questi fattori porta la nascita di tre generazioni di compositori franco-fiamminghi


che coprono l’arco di tempo che va dal 1400 fino alla metà circa del 1500:
1- i compositori attivi fra il 1400 e il 1475 facente capo al borgognone GUILLAUME DUFAY
(1400 circa- 1474), comprendenti anche G. Binchois (1400 circa-1460) e A. Busnois (morto
nel 1492). Per merito di questa prima generazione vengono uniti gli elementi derivati dall’Ars
nova francese (isoritmia ed imitazione), italiana (predominio del superius nelle composizioni
profane) e inglese (faburden) e vengono definite le forme e gli elementi tecnico-stilistici che
rimarranno tipici della scuola fiamminga (lo stile a cappella cioè a sole voci, la messa ciclica,
tecnica della parodia, il mottetto).
Dufay, uomo di grande cultura, studia fin da fanciullo come cantore nella cattedrale di
Cambrai dove studi con i maestri più importanti del periodo borgognone; ancora giovane
compie viaggi in Italia e in Francia (Parigi) per poi tornare a Roma e Ferrara. Passerà a
Cambrai i suoi ultimi anni di vita. La grandezza
grandezza di Dufay,
Dufay assieme a Dunstable, sta nel fatto di
aver assorbito e rappresentato tutte le esperienze musicali del periodo,
periodo concludendo così la
fase stilistica del medioevo ed aprendo quella del rinascimento.
2- una seconda generazione, attiva fin verso la fine del secolo e vede come massimi esponenti i
fiamminghi J. Obrecht (1450-1505) e J. OCKEGHEM (1428 circa-1495), segna il massimo
sviluppo della tecnica vocale polifonica (importanza dell’intreccio melodico delle voci
piuttosto che del significato delle parole) grazie ad un impiego sistematico dell’imitazione e
del canone permettendo la costruzione di grandi edifici sonori estremamente razionali e
geometrici. Nonostante l’uso di elaborate tecniche (canoni enigmatici, canoni a 24 voci ecc.)
che nascondono all’ascolto la melodia, è importante la concezione che si stava imponendo che
vedeva le varie voci portate sullo stesso piano in assoluta parità (non c’era più un tenor che
deteneva il cantus firmus ma la melodia circolava indistintamente tra varie voci).
Questo è il periodo di massimo splendore della scuola franco-fiamminga, in cui maestri e
cantori fiamminghi vennero richiesti nelle corti e nelle cattedrali di tutta Europa.
3- la terza generazione è rappresentata dai compositori fiamminghi H. Isaac (1450 circa-1517),
J. Tinctoris (1435 circa-1511), C. Janequin (1485-1558) e soprattutto JOSQUIN DEPRES
(1440 circa-1521). Josquin probabilmente fu allievo,
allievo come puer cantores, di Ockeghem da
cui apprese la concezione polifonica vocale basata sui procedimenti costruttivi del
contrappunto su canto fermo, dell’imitazione e del canone. Ma già a 20 anni Josquin canta
come discantor presso il duomo di Milano e la cappella privata degli Sforza: da questo
momento passerà la sua vita in Italia (tranne brevi tappe a Parigi) acquisendo i caratteri e gli
stilemi dello stesso ambiente italiano, basati sullo stretto legame tra significato del testo ed
espressione musicale (capacità della musica di integrare e potenziare la parola). Proprio per
questo Josquin è considerato il punto di incontro e di fusione tra l’ormai compiuta
perfezione contrappuntistica fiamminga e la nascente sensibilità armonica e stilistica
italiana,
italiana operando il superamento del pregiudizio umanistico, che considerava l’espressione
musicale parassita rispetto al testo letterario, e proiettandosi verso la concezione tipica della
musica rinascimentale.

Tesi 10.doc 2
TECNICHE COMPOSITIVE DELLA SCUOLA FRANCO-
FRANCO-FIAMMINGA
L’uso degli artifizi contrappuntistici provengono da una trasfigurazione in musica dello stile
gotico architettonico, l’invenzione della prospettiva in pittura e il movimento culturale-letterario
umanistico1. Tutti questi fenomeni hanno origine nel ‘300 ma trovano il momento culminante nel
‘400 e sfoceranno, nel ‘500, con il RINASCIMENTO.
Fino circa alla metà del ‘400 (corrispondente al primo periodo dei compositori franco-
franco-
fiamminghi)
fiamminghi i compositori tendono ad utilizzare forme e tecniche dell’Ars nova unite agli influssi
inglesi ed italiani, mantenendo una concezione prevalentemente vocale-vocale-strumentale della
polifonia. I compositori delle due generazioni successive impongono invece una concezione
propriamente vocale (tranne in ricorrenze particolarmente solenni in cui era consuetudine
introdurre qualche strumento che raddoppiasse o sostituisse alcune voci), caratterizzata dalla
autonomia melodica delle singole voci e da grandi architetture musicali (appunto con la
tecnica canonica): con più le composizioni erano complesse tanto più era elevata la qualità della
composizione e la bravura dell’autore.
Il numero delle voci si stabilizza a 4 (tranne composizioni con la tecnica a canone in cui si
potevano raggiungere fino a 36 voci):
- il cantus rimane la voce superiore più melodica
- al tenor rimane la funzione di base melodica del contrappunto e intona, a valori più larghi, il
cantus firmus
- al di sotto del tenor viene posta la voce di contratenor bassus (poi denominato solo bassus) alla
quale spetta il compito di fare da base armonica soprattutto nelle cadenze (sempre più
frequente quella V-I)
- tra il tenor e il cantus venne poi inserito il contratenor altus (poi denominato solo altus)

L’esecuzione non è più affidata ad un gruppo di solisti ma ad un CORO vero e proprio composto
mediamente da 8 o 12 cantori (con punte di circa 30): i cantori si disponevano tutti intorno ad
uno stesso leggio che sosteneva un unico grande libro corale in cui erano scritti i canti con
caratteri talmente grandi da poter essere letti da tutti.

Sono tecniche compositive della scuola franco-fiamminga:


1- IMITAZIONE:
IMITAZIONE di provenienza dall’Ars nova francese, consiste nella ripetizione di una stessa
cellula ritmico-melodica in temi e modi diversi. Se il materiale melodico viene preso da una
melodia sacra (es. del repertorio gregoriano) o profana (es. chanson) già esistente, tale cellula
viene detta cantus firmus.
firmus L’imitazione può manifestarsi in una estrema varietà di forme,
alcune evidenti all’ascolto, altre solo ad una attenta lettura:
• IMITAZIONE DIRETTA:
DIRETTA è la forma più semplice e consiste nella ripetizione di un disegno
melodico all’unisono o ad intervalli consonanti (quarta, quinta o ottava superiori o
inferiori)
• IMITAZIONE INVERSA o CONTRARIA:
CONTRARIA gli intervalli del modello melodico mantengono la
stessa ampiezza ma, nella seconda voce, vengono cantati nella direzione opposta (se
l’intervallo è ascendente la seconda voce lo intona discendente e viceversa); se le due voci
iniziano nello stesso momento si ha un effetto A SPECCHIO.
SPECCHIO
• IMITAZIONE RETROGRADA o CANCRIZANTE:CANCRIZANTE mentre una voce canta la melodia
(antecedente detta dux), l’altra canta la stessa partendo, però, dalla fine (conseguente detta
comes). E’ possibile la combinazione di questa tecnica con l’imitazione inversa: alle due
voci dell’imitazione retrograda (la melodia e la sua antecedente) si somma la voce inversa
della melodia e quella inversa della melodia antecedente (per un totale di 4 voci).
• IMITAZIONE PER AUMENTAZIONE o DIMINUZIONE RITMICA: RITMICA la melodia veniva
riproposta dalle altre voci a valori ritmici aumentati o diminuiti
2- CANONE:
CANONE questa tecnica è un tipo particolare di imitazione in cui, alla voce che teneva la
melodia, si sommavano le altre voci sfasate nel tempo l’una. Essendo questo un tipo di
imitazione si può caratterizzare secondo le varie forme dell’imitazione. L’esecuzione era

1
UMANESIMO: vedi inizio della TESI 9.

Tesi 10.doc 3
improvvisata (“alla mente visto che veniva notata solo una melodia che sarebbe stata
alla mente”)
cantata da tutte le voci seguendo particolari regole:
• CANONE ENIGMATICO:
ENIGMATICO all’inizio dei componimenti scritti con questa tecnica veniva
scritto un indovinello, un motto o un enigma che fungeva da chiave su come le altre voci
devono entrare, in che maniera avvenivano gli incastri (il tipo di imitazione da realizzare).
L’esempio più clamoroso è fornito in un mottetto di Ockeghem (il Deo gratias)
gratias formato da
una melodia di 18 misure di tempus (la divisione di tempo del brano consistente nelle
moderne battute); a fianco era scritto “Novem sunt Musae ed omes cum tempore”: per
l’esecuzione sono necessarie 36 voci: ad ogni tempus (battuta) entra una voce arrivando
così all’ultimo tempus che si sovrappongono 18 voci, dopodichè, man mano che la prima
voce finisce, entra una diciannovesima voce e così via fino al termine delle voci. Più
cervellorico un altro canone di De Pres in cui riescono a cantare simultaneamente 24 voci
si incastrano nel canto di una stessa melodia.
• CANONE MENSURALE:
MENSURALE canoni in cui, a determinati punti della melodia (segnati o con i
simboli delle prolazioni, ad es. nella Missa prolationum di Ockeghem,
Ockeghem o con i simboli
delle facce dei dadi, ad es. nella Messa dei dadi di Depres),
Depres avvenivano continui
cambiamenti di tempo
3- FAUX BOURDONS
BOURDONS o FALSO BORDONE:
BORDONE questa tecnica deriva dalla pratica del faburden
della scuola inglese in cui, al contrario di quella inglese, alla voce superiore veniva messo il
cantus firmus accompagnandolo con altre due voci procedenti parallelamente alla quarta e
alla sesta inferiore.
Sull’origine del termine faux bourbons esistono diverse ipotesi: potrebbe derivare dal termine
“faburden” che indica la stessa tecnica della scuola inglese, oppure da “bordone falso” nel
senso che non era eseguito nello stesso modo di quello originario inglese (in cui il cantus
firmus era al tenor), o ancora “bordone per Fa” nel senso che faceva da bordone alla quarta.
Il faux bourdon è una tecnica compositiva che trova l’applicazione all’interno delle messe
(soprattutto inni, antifone, sequenze e Magnificat) e mottetti con lo scopo di potenziare la
sonorità di una polifonia in maniera semplice e non contrappuntisticamente, lasciando così
trasparire le parole qualora questo effetto sia volutamente ricercato dal musicista.
I faux bourdon della prima metà del secolo sono spesso piuttosto contrappuntistici: il cantus è
spesso ornato e il tenor ha carattere strumentale e le cadenze sono arcaiche (alla Landino).
Dopo la metà del secolo i valori delle noto del cantus e del tenor tendono ad uguagliarsi
uniformandosi ritmicamente e procedendo parallelamente.
Il primo evidente esempio di faux bourdon è il post-communio Vos qui secuti della Missa
Sancti Jacobi di Dufay (1427 circa) in cui si allude al contratenor altus da ricavarsi con un
motto alla maniera di un canone enigmatico: “Si trinum queras a summo tolle figuras/ et
simul incipito dyatessaron insubeundo” cioè “Se desideri la terza voce prendi le note da quella
superiore e procedi simultaneamente alla quarta inferiore”.

FORME DELLA SCUOLA FRANCO


FRANCO--FIAMMINGA
Le forme prevalenti della scuola franco-fiamminga continuano ad essere la MESSA come forma
sacra, il MOTTETTO come forma sacra e profana, la CHANSON come forma profana.

MESSA:
MESSA Agli inizi del XV secolo nelle messe dei polifonisti inglesi e franco-fiamminghi cominciò
a delinearsi la tendenza all’unità tematica delle varie parti. Questa tendenza condusse, con Dufay,
alla MESSA CICLICA la quale utilizza, in tutte le sue sezioni, un cantus firmus tratto dal
repertorio gregoriano o dal repertorio
repertorio profano ed affidato alla voce del tenor. Ancora in Dufay
si possono distinguere messe non legate ad un cantus firmus, come Sine nomine,
nomine Sancti Jacobi e
Antinii e messe su tenor, come Caput,
Sancti Antinii, Caput L’homme armè,armè Ave Regina Celorum.
Celorum
Il comporre messe su melodie profane conosciute consentiva all’ascoltatore di potersi orientare
più facilmente all’interno di composizioni contrappuntistiche in cui il testo era diventato
incomprensibile e al compositore di avere uno spunto tematico più melodico di quanto non fosse
la melodia gregoriana (un esempio eclatante sono le messe L’homme armè scritte ben 36 volte da
vari autori).
Tesi 10.doc 4
Con Ockeghem e Obrecht la messa, il cui ordito polifonico si è stabilizzato generalmente a 4 voci
a cappella,
cappella assunse un’importanza preponderante, come forma musicale di massimo impegno
contrappuntistico:
contrappuntistico l’estrema complessità dell’elaborazione costruita essenzialmente su cantus
firmus testimonia la tendenza ad una considerazione estetica della messa che va al di là del solo
fine liturgico. La tecnica contrappuntistica è portata a livelli di estrema difficoltà: Ockeghem
compone la Missa prolationum organizzata in forma di canone mensurale e la Missa cuiusvis
toni scritta in quattro chiavi differenti e fatta in modo da poter essere cantata, come dice il titolo,
“in qualsivoglia modo”. Ockeghem compose inoltre un Requiem a 4 voci: è il primo esempio di
messa funebre polifonica.

Nella seconda metà del ‘400, Depres fa nascere quella che viene chiamata MESSA PARAFRASI,
PARAFRASI
caratterizzata dalla riduzione della funzione del tenor al quale non è più riservata, in esclusiva,
l’esecuzione del cantus firmus ma questo viene ora liberamente distribuito a turno a tutte le voci
in limpidissima imitazione. Ne sono l’esempio le messe De beata virgine e Pange lingua dello
stesso Depres. Se Ockeghem tendeva ancora a scindere la sfera sacra da quella profana, Depres
trasferì nella musica sacra gli stilemi e i modi espressivi della chanson, scrivendo non solo messe
su cantus firmus profano ma componendo MESSE PARODIA cioè messe attinte per intero dal
repertorio profano (quindi non solo il tenor ma tutte le voci).

Il titolo alla messa veniva attribuito a seconda della composizione da cui derivava o dal soggetto
che ha ispirato la composizione (es. le messe con particolari tecniche contrappuntistiche di
Ockeghem). Se la melodia fosse originale, e quindi composta appositamente dall’autore, la messa
si diceva sine nomine e veniva indicata con riferimento alla modalità d’impianto (es. Missa
quinti toni).
toni

MOTTETTO:
MOTTETTO Nel mottetto del ‘400 si attua quella graduale trasformazione che conduce alla
scomparsa della politestualità e del tenor gregoriano.
gregoriano Dufay (24 sacri e 8 profani) compose sì
mottetti isoritmici ma, in funzione di nuovi significati espressivi, infrange con grande libertà
questi schemi formali elaborando mottetti in cui la voce superiore svolge la melodia mentre
quelle inferiori fungono da accompagnamento contrappuntistico. Accanto a mottetti religiosi con
testi tratti dall’Ordinarium Missae o dal Magnificat, il ‘400 vede la fioritura di mottetti legati ad
argomenti profani, come per occasioni solenni il Nuper rosarum flores scritto da Dufay per la
consacrazione del Duomo di Firenze.
Fra i compositori fiamminghi della generazione successiva, Obrecht e Depres trovano nel mottetto
la forma più adatta del loro ideale artistico. Una svolta decisiva per la definizione del mottetto
rinascimentale è segnata proprio da Depres:
Depres dalla sua attenzione al rapporto musica-testo, intuì
la capacità della musica di integrare e potenziare la parola creando, così, nuove sintesi
espressive: le voci acute e chiare sono usate in stile imitativo per immagini serene e luminose, le
voci scure e gravi in stile accordale per situazioni dolorose e cupe.

CHANSON:
CHANSON La chanson borgognona e fiamminga del XV secolo godette grande diffusione nei più
elevati ambienti sociali:
sociali era simbolo di ricchezza il possedere chansonniers, infatti molti di quelli
che ci sono pervenuti sono scritti in lussuosissime edizioni corredate da splendide miniature.
Il filone poetico a cui la chanson fa riferimento in tutto il ‘400, prende spunto da quello del secolo
precedente: è quello dell’amor cortese,
cortese insistendo sui temi del dolore come rimpianto e
malinconia, della lontananza, degli amori senza appagamento.
Nelle chanson di Dufay e Binchois (prima metà del ‘400) si avvertono ancora le influenze di
Machaut e di Landino. Eseguite a 3 o 4 voci,voci la parte superiore (o le prime due se a 4 voci) è
interamente vocale e porta la linea melodica;
melodica le due inferiori invece fungono da sostegno
sostegno
strumentale (come appare anche dal fatto che sotto di esse generalmente sono omesse le parole)
con liuti, arpe o altri strumenti adatti (l’accompagnatore poteva variare o abbellire la propria
linea melodica di sostegno). La chanson di questo periodo è ancora legata alle forme fixes:
fixes Dufay
predilige rondeau e virelai per le chanson francesi e la ballata per quelle italiane.
Verso la metà del ‘400 la chanson, con Ockeghem e Depres, procede la via segnata da Dufay
trasformandosi,
trasformandosi analogamente al mottetto, in composizione interamente vocale, vocale per lo più a 4

Tesi 10.doc 5
parti e arricchita dalla scrittura polifonica imitativa. Rimane costante la preferenza per i temi
cortesi e per i poeti già prediletti nella prima parte del secolo (liriche del Canzoniere del
Petrarca).
Un aspetto particolare della chanson polifonica è costituito dal gusto per la descrizione,
descrizione di cui
offrono esempi famosi le composizioni di Janequin evocanti battaglie, il canto degli uccelli, la
caccia, ecc. Con Janequin e i compositori a lui contemporanei (fine ‘400 inizi ‘500) la chanson
assunse un carattere brillante e di raffinata eleganza.

Nel corso del XV secolo la musica borgognona e franco-fiamminga aveva continuato il suo
irradiamento in Europa (specialmente Germania e Spagna) e, in particolar modo, in Italia. Qui la
prosperità delle città e il fasto delle corti, nella seconda metà del ‘400 determinò una sempre
maggior richiesta di musicisti abili e specializzati nella composizione e nell’esecuzione della
grande polifonia da inserire nelle cappelle principesche o nelle grandi chiese cittadine.
Il passaggio in Italia dei musicisti fiamminghi provocò conseguenze di grande importanza per la
storia della musica in quanto diffondevano la loro scienza contrappuntistica e la loro arte di
grandi esecutori di polifonia e a loro volta ricevevano dall’Italia nuovi e forti stimoli a rinnovare il
loro stile.

Tesi 10.doc 6
11- Le scuole polifoniche italiane del sec. XVI
Teorici e compositori
Semplificazione e purificazione della polifonia vocale
Riforma e controriforma: il Corale
Palestrina
I due Gabrieli, Marenzio, Gesualdo, Vecchi, Banchieri,
Croce, Gastoldi
La progressiva tendenza espressiva, drammatica,
rappresentativa.

RINASCIMENTO
Per Rinascimento si suole indicare un periodo storico che va grossomodo tra la fine del ‘300 alla
metà del ‘600. Entro questo lasso di tempo si usa inserire una fase più breve della Umanesimo che
è possibile delimitare approssimativamente tra la fine del XIV fino a tutto il XV secolo.
Le caratteristiche di questo periodo storico:
1- Riscoperta del mondo e dell’uomo nei suoi valori reali, naturali e laici (emerge l’individuo): al
centro dell’universo non sta più solo Dio ma anche lo spirito di ogni singolo individuo.
2- Condizioni economico-politiche (tra cui anche la scoperta dell’America) che consentono di
svincolare la conoscenza e la cultura dalla egemonia della Chiesa: nascono le prime Università
(Parigi e Bologna) e teorie, come ad esempio quelle di Copernico sull’Universo, fanno crollare
certezze e convinzioni secolari fondate addirittura sulle Sacre Scritture
3- La cultura non più egemonia clericale ma risiede anche negli “umanisti” (notai, uomini di
legge, avvocati, letterati). Il buon cortigiano doveva essere un uomo di cultura, sapere delle arti
(musica, letteratura ...: è il periodo in cui viene scritto il “Galateo”) quindi nelle corti
trovavano posto gli umanisti con i compiti di dotti insegnanti, diplomatici, organizzatori degli
spettacoli di corte
4- La stampa a caratteri mobili per merito di J. Gutemberg contribuisce ad una maggior
circolazione delle informazioni ed a una concezione di cultura nuova, moderna, indipendente
dal vecchio monopolio ecclesiastico. Alla stampa musicale dà un contributo decisivo Ottaviano
Petrucci con la stampa cosiddetta a triplice impressione: prima viene stampato il rigo, poi le
note ed infine le parole del testo. Inizialmente sorsero problemi di costo di stampa (la spesa di
un libro di musica superava del doppio quella del libro normale) e controversie sui diritti
d’autore.
5- Riscoperta della classicità come armonia, semplicità, equilibrio e perfezione (l’aristocrazia si
rispecchia in questi valori): l’arte rappresenta per gli uomini del ‘500 una specie di rifugio di
pace e di bellezza ne quale trovare consolazione alle brutture e alle tensioni del mondo
circostante (studio, recupero e riproduzione dell’arte classica greca e latina)
6- Utilizzo sempre più frequente del volgare per esprimere in maniera più netta e chiara i
sentimenti e i moti dell’animo di ogni singolo individuo

A caratterizzare la musica del ‘500 sono:


1- la forte espansione delle cappelle musicali in tutta Europa: è per il musicista rinascimentale il
solo lavoro sicuro, anche se meno retribuito rispetto alla medesima mansione svolta presso
qualche casato nobile. All’interno di questi istituti ecclesiastici si ha un progressivo
alleggerimento del predominio dei compositori fiamminghi a favore dei musicisti italiani e di
quelli nativi di ogni nazione
2- accanto al consolidamento delle forme della messa e del mottetto, che abbandonano i canoni
per un contrappunto più addolcito (pensato nei suoi intrecci armonici e non più solo nelle

Tesi 11.doc 1
singole linee melodiche delle voci) , si diffonde in buona parte dell’Europa l’italianissimo
madrigale e la villanella
3- prassi del basso continuo, anticipatrice della forma monodica accompagnata propria del ‘600
4- nei repertori profani le strutture melodiche non sono più riconducibili ai modi gregoriani;
inoltre viene usata con ricorrenza la sensibile con forte attrazione verso la tonica, anticipando
il nuovo senso tonale
5- non esiste più una netta distinzione tra teorici e musici: chi scrive trattati, sia teorici (di
contrappunto) che strumentali (su come si suona uno strumento), sono operatori del settore
quindi gli stessi musicisti

TEORICI E COMPOSITORI
Se nel ‘500 pullulano le accademie letterarie non sono altrettanto diffuse le scuole di formazione
musicale: le teorie della musica non erano più una scienza da studiarsi teoricamente, come la
letteratura, la matematica o l’astronomia, ma era abbinata alla pratica (il il teorico del ‘500 è
musicista).
musicista
Le ricerche dei teorici del ‘500 si suddividono in 3 rami:
1- quella CLASSICA,
CLASSICA di riproporre lo stile classico greco come modello superiore per la capacità
di agire emotivamente sulle emozioni umane. A tali principi si rifà Nicola Vicentino (1511-
1576, allievo di Willaert, sacerdote, al servizio degli estensi a Ferrara, poi maestro di cappella
a Vicenza), difensore del principio greco della composizione musicale secondo i tre generi
diatonico, cromatico ed enarmonico1; espose tali principi nel suo trattato L’antica musica
ridotta alla moderna pratica (1555) comprovandole con la costruzione di un archicembalo e
più tardi di un arciorgano di 125 e 126 tasti, dove i suoni diesati e bemollizzati erano distinti.
Vincenzo Galilei (1520-1591), padre di Galileo, nel Dialogo della musica antica et della
moderna (1585), analizzando gli Inni di Mesomede greci, identifica nella monodia il vero
canto della tragedia greca inveendo contro i “barbari polifonisti” (ridurrà alcuni madrigali a
più voci in musiche monodiche con accompagnamento di liuto). Tali principi saranno alla
base delle teorie della Camerata fiorentina, nel ‘600, per tentare di far rivivere la tragedia
greca e invece porteranno alla nascita di un nuovo genere: il melodramma2.
2- quella SCALARE:
SCALARE a delegittimare l’armonia modale gregoriana contribuisce in maniera
palese Giseffo Zarlino (1517-1590), frate francescano e allievo di Willaert, fu nominato
maestro di cappella a San Marco. Buon compositore e maestro di grande prestigio (suoi allievi
furono Merulo, V. Galilei e Croce), è soprattutto noto come teorico: nelle sue tre opere
fondamentali, Istitutioni harmoniche
harmoniche (1558), Dimostrationi harmoniche (1571) e
Sopplimenti musicali (1588), stabilisce, attraverso operazioni logaritmico-matematiche, i
rapporti di lunghezza del monocordo (strumento teorico su cui studiare le altezze dei suoni)
per ottenere intervalli che avessero frequenza doppia, tripla, …fino a 6 volte la frequenza
della nota generatrice (solo con mezzi moderni si è potuto constatare che tali frequenze erano
corrispondenti a quelle dei primi 6 armonici): questi furono detti rapporti intervallari
semplici.
emplici Gli intervalli così trovati vennero chiamati consonanze perfette di ottava, quinta,
quarta, terza maggiore e formavano quello che veniva chiamato modo maggiore. maggiore In maniera
contraria, sempre attraverso calcoli logaritmico-matematici, trovò la lunghezza del
monocordo degli intervalli che avessero frequenza 1/2, 1/3,…1/6 rispetto alla nota
generatrice costruendo artificialmente il modo minore (questi suoni non corrispondono, in
fisica, a nessun armonico della nota generatrice in quanto gli armonici hanno solamente
frequenza superiore). Dall’insieme di questi intervalli si ricavavano, con semplici
interpolazioni o analogie, gli intervalli mancanti. Tale sistema viene propriamente conosciuto
come sistema zarliniano o dei rapporti semplici e si sostituisce a quello pitagorico.
Zarlino scrive trattati anche di contrappunto, sulla tecnica del canone, sugli strumenti
musicali, sulla notazione.

1
Vedi TESI 3
2
Vedi TESI 14

Tesi 11.doc 2
3- quella ARMONICO-
ARMONICO-ACCORDALE:
ACCORDALE nel ‘500 si consolida la pratica del basso continuo; le sue
origini si possono far risalire alla vecchia pratica di sostituire con strumenti le voci inferiori di
una composizione polifonica (prassi del “basso seguente” in cui l’organo seguiva le voci più
gravi nella polifonia ecclesiale), ma soltanto a fine secolo, con il consolidarsi del senso
armonico-tonale, si ha la sua piena affermazione come elemento strutturale portante della
costruzione musicale. Tale sviluppo culmina nella pratica compositiva con i Cento concerti
nell’organo (1602) di
ecclesiastici a 1, 2, 3, 4 voci con il basso continuo per sonar nell’organo
Lodovico da Viadana,
Viadana dove si può notare una certa indipendenza del basso rispetto alle voci
specialmente nei canti ad una sola voce in cui il basso si può sbizzarrire liberamente, e con la
prima codificazione tecnica e teorica di Agostino Agazzari
Agazzari col trattato Del sonare sopra ‘l
basso con tutti li stromenti (1607).

RIFORMA PROTESTANTE E IL CORALE


Nel 1517, in Germania, Martin Lutero avvia la RIFORMA PROTESTANTE, cioè crea una dottrina
che si stacca dalla Chiesa di Roma e fonda i suoi principi sul libero esame di coscienza, riduce i
sacramenti (restano solo battesimo ed eucaristia) e del sacerdozio universale. Tale movimento si
diffonderà in Europa centrale e in Scandinavia e porterà alla nascita di altre dottrine tra cui
quella Calvinista che si afferma in Svizzera, Paesi Bassi, Scozia e in parte della Francia.
La riforma protestante introduce una vera e propria rivoluzione nel campo della musica: con il
termine CORALE si intende il CANTO LITURGICO della CHIESA LUTERANA affermatosi a partire
dalla stessa Riforma.
Il corale ha origine in Germania dai Kirchenlieder, ovvero dei canti di chiesa in volgare, creati a
partire dall’età carolingia sui modelli del repertorio liturgico gregoriano e si sono diffusi
capillarmente fino al ’500 nella nonostante i continui divieti ecclesiastici.
Nell’intento di modernizzare la pratica liturgica e di consentire un più cosciente e maggiore
contatto con le masse e popolarizzare al massimo i contenuti della fede, Lutero:
- le melodie, attinte dall’antico repertorio popolare dei lied (Kirchenlied, Marienlieder), sono
monodiche o omoritmiche
- i testi dei corali sono in volgare, di struttura strofica e disposte sulla musica in maniera
sillabica,
sillabica sono attinti da traduzioni di salmi dal latino o da testi redatti in tedesco
- l’introduzione nelle scuole dell’insegnamento obbligatorio della musica (ben 5 ore settimanali
di cui 2 di teoria e 3 di pratica corale) avrebbe consentito una partecipazione maggiore delle
masse al canto liturgico
In questo modo vennero emarginate le forme della musica contrappuntistica su testi latini.
Egli stesso scrisse molti testi e qualche melodia per i nuovi canti, che pubblicò a partire dal 1523
in Germania con la collaborazione dei musicisti J.Walther e K.Rupff.
Data la tradizione tipicamente tedesca del canto polifonico, i corali di Lutero vennero ben presto
armonizzati a 4 parti e cantati in forma di inni durante le funzioni religiose, lasciando alla voce
superiore la linea melodica.
melodica
Fino a tutto il ‘600 il repertorio si arricchì di pubblicazioni sempre nuove, contenenti sia
rielaborazioni delle melodie precedenti sia nuove melodie adattate ai vari scopi della liturgia e del
canto comunitario. Bach riprese nelle CANTATE e nelle PASSIONI le antiche melodie,
armonizzandole a 4 voci con ricchezza e varietà fantastica: in questo modo creò così un legame
immediato tra la sensibilità e la pratica diretta delle masse dei credenti e l’alto contenuto artistico
delle sue composizioni.
I musicisti protestanti trovarono nel corale anche uno stimolo per la creazione di forme
strumentali proprie, indipendenti dalla tradizione del mondo cattolico. Con J.P.Sweelinck,
s.Scheidt, J.Pachelbel e altri compositori del ‘600 il corale divenne base di composizioni
organistiche che parafrasavano, variavano, contrappuntavano, improvvisavano su elementi
tematici desunti dai corali diffusi presso i credenti (CORALE FUGATO, VARIATO, FIGURATO,
PRELUDIO-CORALE). Tale pratica raggiunge il suo apice con Bach, dal quale il materiale
melodico dei corali viene trasfigurato strumentalmente in una serie di composizioni per organo,
ora semplici, ora difficoltose e forma complessa.

Tesi 11.doc 3
CONTRORIFORMA E SCUOLE POLIFONICHE ITALIANE
In campo cattolico la Chiesa rispose alla Riforma Luterana con la Controriforma, denominata
anche Concilio di Trento. Tra le numerose misure prese nelle sedute che si susseguono per l’intera
durata del Concilio (1545-1563), alcune toccarono proprio la musica:
- vennero proibiti qualsiasi tipo di tenor profano da messe e mottetti
- vennero aboliti i tropi e sequenze che la musica sacra aveva acquisito nel corso dei secoli
(tranne 5: Dies irae, Lauda Sion, Veni Sancte Spiritus, Stabat Mater e Victime Paschali Laudes)

Il terreno ideale per sperimentare le possibilità espressive della musica era rappresentato sì dalla
MESSA,
MESSA il cui testo era fisso e immutabile, ma soprattutto da MOTTETTO,
MOTTETTO il cui testo poetico era
ogni volta diverso e la melodia poteva essere costruita seguendo la fonetica, la metrica e la
psicologia del testo, ricercando continuamente colori, registri e movimenti più giusti a ottenere
l’effetto espressivo desiderato. Per esempio si confrontino le battute iniziali dei due mottetti di
Palestrina Tenebrae facte sunt e l’Haec dies: nel primo, nell’annunciare la morte di Cristo le 4 voci
procedono per accordi gravi e solenni, solo quando devono pronunciare la parola “crucifixus”
rompono tale schema lasciandosi andare ad un breve movimento imitativo; nel secondo troviamo
solo voci acute e chiare che vocalizzano imitandosi l’un l’altra per l’avvenuta Risurrezione.

SCUOLA ROMANA: In Italia il centro più importante della musica sacra è naturalmente Roma
con la sontuosa corte papale e le innumerevoli chiese periferiche. E’ proprio da Roma che, dopo il
concilio di Trento, i cardinali san Carlo Borromeo e Vitellozzo Vitelli furono preposti al riordino
della musica nei concili diocesani, attraverso:
- l’intelligibilità del testo nei brani delle messe:
messe lo stile variava a seconda della lunghezza e del
carattere del testo musicato, considerando sempre di primaria importanza la comprensione
del testo. Perciò i brani molto lunghi dovevano essere svolti in stile accordale, omoritmico e
sillabico (come il Gloria e il Credo), mentre testi brevi e ripetitivi potevano essere composti in
stile contrappuntistico-imitativo (come il Kyrie o il Sanctus)
- l’esecuzione doveva essere affidata ad un organico a cappella di 4 voci; voci l’eventuale aggiunta
di un quintus o di un sextus non doveva complicare l’intreccio contrappuntistico ma variare
l’impasto timbrico a favore di una maggiore espressività
- furono banditi gli strumenti dal rito della Messa ad eccezione dell’organo
- i cantori,
cantori anche se laici, furono obbligati a vestire abbigliamenti del clero

Intanto papa Gregorio XIII diede la commissione ad alcuni maestri delle maggiori cappelle papali
(Sistina e Giulia) di riformare il canto gregoriano del Graduale: inizialmente l’incarico fu
affidato a Palestrina ed Annibale Zoilo poi, successivamente la morte di Palestrina, ad Anerio e
Soriano che portarono a termine la cosiddetta edizione medicea del Graduale
Graduale romano (1614) in
cui i canti gregoriani risentirono di una forte influenza mensuralistica. Altri importanti maestri di
cappella e grandi compositori a Roma furono G. Animuccia (1514-1571), ), G. M. Nannino
(1544-1621), F. Soriano (1549-1621).
Il più importante e maggiore compositore e musicista di questa cerchia che prende il nome di
scuola romana rimane Giovanni Pierluigi da Palestrina:
Palestrina fine intellettuale e musicista, levigando
l’intreccio della tradizionale polifonia a cappella fiamminga, risalta la semplicità
semplicità e la
chiarezza della linea melodica diventando il più fedele interprete delle disposizioni del
Concilio tridentino e il punto di riferimento della musica sacra nei secoli a venire.
venire

PIERLUIGI DA PALESTRINA (1525 circa-1594) nasce a Roma e da qui non si sposterà mai: inizia
come cantore nella Basilica di Santa Maria Maggiore, a 20 anni fu nominato organista e maestro
di canto del duomo di Palestrina. Dopo essersi sposato (avrà 3 figli tutti musicisti) divenne
maestro della cappella Giulia, poi alla cappella Sistina, poi a San Giovanni in Laterano
(succedendo a Orlando di Lasso), a Santa Maria Maggiore fino a divenire direttore di educazione
musicale nel nuovo seminario romano. Nel 1580, morta la moglie si risposa con una ricca
commerciante e si dedicò per il resto della sua vita alla composizione e alla pubblicazione delle

Tesi 11.doc 4
sue opere. I suoi funerali ebbero luogo in San Pietro: sulla bara fu ricordato come “princeps
musicae” e venne sepolto sotto la cappella Nuova in San Pietro.
La considerevole produzione di Palestrina si basa quasi esclusivamente sulla musica sacra: più di
100 messe,
messe 2 Stabat Mater (uno a 8 voci e l’altro a 12), più di 250 mottetti e numerosissime
altre composizioni liturgiche,
liturgiche inni, magnificat, salmi, offertori, lamentazioni. Non mancano la
produzione di 91 madrigali profani e 42 madrigali spirituali.
Generalmente Palestrina utilizza la tecnica della messa parafrasi,
parafrasi cioè utilizza per tutte le voci lo
stesso materiale tematico attinto rigorosamente, secondo le regole dettate dalla Controriforma, dal
repertorio gregoriano. Soltanto in 7 messe non seguì tale regola:
regola in una utilizza il tenor profano
dell’allora canzone popolare L’homme armé, mentre delle altre mostrano di non dover nulla a
fonti preesistenti (una di queste è la messa Papae Marcelli in memoria di Marcello II).
Il senso di solennità e di pulizia della musica di Palestrina è da ricercare nell’uso delle
dissonanze presentate per grado congiunto, o occultate nelle voci interne quando non ha
preparazione, o ancora può comparire in figurazioni rapide tali da non disturbare il clima di
consonanza: l’essenza dell’armonia palestriniana sta proprio nel sottile ed educato contrasto fra
dissonanza e consonanza che creano punti di tensione subito seguiti da altri di distensione.
Palestrina è poco incline ad usare le dissonanze e le modulazioni armoniche per conferire
profondità di espressione alle parole, così come rifiuta l’utilizzo dei madrigalismi fini a se
stessi: questo suo uso aereo del ritmo che nasce dalla diversa distribuzione del tema nelle varie
voci e dal prevalere dell’omoritmia tra le parti (specialmente nelle opere mature), accentua la
grande importanza che Palestrina dà alla declamazione corretta del testo. testo

SCUOLA VENEZIANA: Un’altra scuola si viene intanto sviluppando a Venezia, rappresentando


l’altra faccia (rinascimentale e laica) della polifonia del ‘500. Venezia, potenza economica e
politica, vanta di una vita artistica intensa in tutte le cappelle musicali, in particolar modo nel suo
punto di massimo splendore costituito dalla cappella di San Marco. E’ qui che, partendo da A.
Willaert, si susseguono i migliori direttori, primi e secondi organisti della civiltà polifonica del
cinquecento: Rore, Zarlino, Parabosco, Croce, Merulo, Andrea e Giovanni Gabrieli.
Adrian Willaert
Willaert (1490 circa-1562) sfrutta la disposizione architettonica delle due cantorie
contrapposte di San Marco per costruire composizioni polifoniche policorali (più cori polifonici
che cantano contemporaneamente) con la tecnica del “coro coro spezzato”
spezzato o dei “cor
corii battenti”
battenti che
caratterizzerà il cosiddetto “stile veneziano” (le cantorie contrapposte erano usate nell’esecuzione
di salmi antifonali: i due cori si alternavano nel canto del versetto e dell’antifona).
Willaert portò l’arte veneziana al massimo splendore con la composizione dell’opera Musica
nova (1559) contenente mottetti sacri e profani (di genere celebrativo e su testo latino) e
madrigali su poesie del Petrarca in strutture che vede cori da 4 a 7 voci accoppiati nei modi più
svariati.
Ma i più grandi musicisti della scuola veneziana sono Andrea Gabrieli (1510 circa-1586) e il
nipote Giovanni Gabrieli (1557 circa-1612).

ANDREA GABRIELI,
GABRIELI dopo aver intrapreso viaggi in Baviera e in Austria assieme ad Orlando di
Lasso, divenne nel 1564 organista della basilica di San Marco a Venezia dove vi restò fino alla
morte. Qui divenne famoso non solo come organista e didatta (uno dei suoi allievi fu proprio il
nipote Giovanni) ma soprattutto come compositore: Andrea Gabrieli portò in musica lo spirito di
grandezza già espresso dai maestri della pittura veneta, sullo slancio delle fortune politiche ed
economiche di Venezia, attraverso l’arte dell’ornamentazione (inserimento di formule di
abbellimento in una linea melodica allo scopo di accentuarne l’espressività, la brillantezza o
l’incisività di un passaggio). Inoltre sviluppò lo stile musicale di Willaert a sole voci (stile a
cappella) passando a comporre in stile concertato (stile che vede l’intreccio o l’alternanza di
una o più voci e strumenti).
strumenti A composizioni sacre, circa 110 mottetti da 4 a 12 voci e 4 messe a
12 voci, Andrea Gabrieli contrappose un notevole numero ci composizioni profane, poco meno di
250 madrigali, non discostandosi dallo stile sacro (anzi, ribadendone le caratteristiche salienti):
tentò così di colmare la frattura che si era venuta creando in quel secolo tra i due generi.

Ma il più grande rappresentante della scuola veneziana fu GIOVANNI GABRIELI in quanto portò
a compimento gli ideali polifonici rinascimentali e fungendo da figura di transizione, assieme a

Tesi 11.doc 5
Monteverdi, con l’età barocca. Dopo essere stato allievo dello zio ed un soggiorno alla corte di
Monaco, G. Gabrieli divenne nel 1586 organista della basilica di San Marco a Venezia. Nel 1587
pubblicò il volume Concerti di Andrea ed di Giovanni Gabrieli una raccolta di composizioni in
Giovanni Gabrieli,
prevalenza di A. Gabrieli da 6 a 12 voci; nel 1597 pubblica la raccolta Sacrae Simphoniae in cui
a fianco di ad alcuni mottetti e madrigali viene scritto “tam vocibus quam instrumentis” cioè sia
con le voci che con gli strumenti: tale stilema è pronto a cogliere nella musica occasioni di
spettacolo e magnificenza, creando i presupposti di quella che sarà la cantata. Sempre in questa
raccolta G. Gabrieli, prendendo spunto da canzoni francesi, prospetta esempi di forme
concertanti con strumento solista, come il violino nell’ultimo brano della raccolta.
Porta inoltre a sviluppare gli stilemi appresi dallo zio:
- l’arte dell’ornamentazione diventa invenzione melodica, sviluppo del tema
- ai contrasti di colori tra coro e strumenti, G. Gabrieli sviluppa alternanze di intensità “piano
e forte” o ripetizioni in “eco”

SCUOLE POLIFONICHE EUROPEE


SPAGNA: In Spagna la musica sacra si richiama essenzialmente a due tradizioni:
- l’una di derivazione franco-fiamminga (ispirata alle opere di Gobert e Crecquillon)
rappresentata da Cristobal de Morales (1500 circa-1553)
- l’altra di influenza italiana rappresentata da Francisco Guerrero (1528 circa-1599), che non
disdegnò l’uso di melodie spagnole e della tradizione liturgica mozarabica

Tomàs Luis de Victoria (1548 circa-1611) è il più grande compositore del rinascimento
spagnolo e uno dei più grandi in assoluto del suo tempo, avvicinabile a Palestrina o a Orlando di
Lasso, nonostante la sua modesta produzione (esclusivamente sacra): 20 messe (una delle quali
pro defunctis) , 18 magnificat, 25 composizioni liturgiche di vario genere da 4 a 12 voci, 2 libri
di inni e 6 libri di mottetti da 4 a 8 voci. Delle 20 messe 9 sono costruite su parodie di suoi
mottetti, 4 sfruttano composizioni di altri autori (Morales, Guerrero, Palestrina e Jannequin) e 7
utilizzano melodie gregoriane (come le tre messe mariane Alma Redemptoris Mater, Ave Regina e
Salve Regina tutte per doppio coro e organo).
De Victoria ebbe sempre presente i tratti della musica
musica iberica di Morales,
Morales anche se la sua
formazione nell’ambito romano, attraverso la mediazione fiamminga, lo portarono verso una
rigorosa e schematica concezione costruttiva della musica liturgica. Nonostante i suoi profondi
legami con le innovazioni della controriforma (musica
musica semplice e di chiara intelligibilità)
intelligibilità de
Victoria si attenne sempre scrupolosamente alla polifonia nella quale traspariva un vivo senso di
partecipazione drammatica: non sono rari i passi in cui la polifonia nasconde già la monodia e
con questa il dramma. Infine la tecnica dell’armonizzazione, ovvero della disposizione accordale
delle parti,
parti rivela una cosciente utilizzazione del testo ai fini espressivi musicali.

SCUOLA FRANCO-
FRANCO-FIAMMINGA E INGHILTERRA: La scuola franco-fiamminga, anche nella sua
fase estrema, mostra ancora vitalità: oltre al massimo esponente, Orlando di Lasso, sono ancora
attivi, specialmente nell’area tedesca, Philipe de Monte (1521-1603), J. Gallus (1550-1591) e G.
Aichinger (1564-1628).
Orlando di Lasso (1532-1594) è uno dei più grandi maestri della polifonia cinquecentesca che
ebbe modo di acclimatarsi con qualsiasi tipo di esperienza musicale lavorando a Roma, Anversa,
Parigi e Monaco (qui instaurò col duca Alberto un rapporto duraturo e fecondo di risultati
artistici fino alla sua morte). La sua vasta produzione comprende 58 messe (da 4 a 8 voci), 546
mottetti sia sacri che profani (da 2 a 12 voci), 101 magnificat (da 4 a 6 voci), 187 madrigali
italiani tra cui alcuni spirituali (da 5 a 10 voci) come la serie intitolata Lacrime di San Pietro
pubblicata qualche anno dopo la sua morte, 33 villanesche (da 3 a 8 voci), 93 Lieder spirituali e
profani e 146 chanson francesi (da 3 a 8 voci). Di Lasso si può considerare in tutto e per tutto un
compositore dallo spirito umanistico,
umanistico innanzi tutto per la scelta dei testi poetici (soprattutto
Petrarca, poi Ariosto, Bembo, Sannazaro, Tansillo e altri) e poi dal modo in cui li interpretò
musicalmente: seppe rendere con pari abilità il pathos del mottetto latino e la frivolezza della
chanson francese. Benché la musica italiana abbia fortemente influenzato lo sviluppo del suo stile,
Tesi 11.doc 6
molto della sua opera ricorda i compositori fiamminghi precedenti, specialmente nel contrasto
che spesso genera fra i suoni delle voci superiori e quelli delle voci inferiori. Abile quanto
Palestrina nella scrittura contrappuntistica, egli mostra un’attitudine meno spiccata per le linee
melodiche espressive e l’inclinazione verso una monumentalità più esteriore preferendo
procedere per blocchi armonici (un po’ come saranno Handel e Bach). In Orlando di Lasso il
senso del ritmo è più accentuato che in Palestrina e ciò gli consente di animare la musica anche
quando l’armonia è semplice. Per quanto riguarda l’armonia egli si rivela piuttosto conservatore
benché non esiti a ricorrere al cromatismo quando particolari effetti espressivi lo si chiedano.

In Inghilterra i compositori di maggior spicco sono Th. Tallis (1505 circa-1585), O. Gibbons
(1583-1625), ma soprattutto William Byrd (1558-1603) che lasciò sia musica cattolica che
musica anglicana.

PROGRESSIVA TENDENZA ESPRESSIVA, DRAMMATICA, RAPPRESENTATIVA


La chanson costituisce l’anello di collegamento tra la musica del ‘400 e quella rinascimentale.
E’ proprio con il ‘500 che la chanson vede il suo declino, dopo l’intensa produzione franco-
fiamminga del secolo precedente, lasciando il posto in maniera sempre crescente al nuovo
madrigale italiano (che non ha nessun legame con il madrigale trecentesco). Tale genere, che si
svilupperà tra il 1530 e il 1620, contribuirà allo sviluppo della tendenza espressiva drammatica
(che sfocerà nel ‘600 nel melodramma).
Gli elementi che contribuiscono alla formazione del madrigale sono:
1- elementi musicali di influenza fiamminga (maestri franco-fiamminghi come Verdelot,
Willaert, Arcadelt dirigono le cappelle a Roma, Venezia, Firenze, Ferrara: contribuiscono a
introdurre lo stile polifonico a cappella) e dalla frottola3 (influisce con la sua semplicità
costruttiva)
2- fenomeno linguistico e poetico del petrarchismo (grazie alle opere Prose della volgar lingua e
Asolani di Pietro Bembo), che vede l’innalzamento e conferimento di prestigio al volgare quale
lingua che esprime in maniera più immediata e chiara concetti, sentimenti e sensazioni
(ricerca di una pura espressività poetica universale).

La produzione e il consumo del nuovo genere madrigalistico avveniva o all’interno delle CORTI
signorili (come quella Esetnse a Ferrara o dei Gonzaga a Mantova) nel corso di feste e banchetti ai
fini di intrattenimento mondano, oppure, nella sua fase più tarda, ad opera delle ACCADEMIE
(club elitario di studiosi, letterati, musicisti, retto da proprie norme o statuti, che si riunivano allo
scopo di curare le lettere, le arti e le scienze) in cui i pochi solisti si sedevano attorno ad un tavolo,
ognuno leggendo la propria parte su appositi libretti, ed eseguivano madrigali per il proprio
piacere e dei pochi eletti ascoltatori: essendo queste musiche non destinate all’ascolto nelle grandi
sale ed avendo figurazioni sullo spartito (madrigalis
madrigalismi mi) individuabili solamente all’occhio di chi
cantava, i contemporanei lo definirono musica reservata.
reservata

PRIMO PERIODO:
PERIODO Il termine madrigale cominciò ad essere usato intorno al 1530 nella antologia
Madrigali […] de la Serena in cui erano raccolti componimenti musicali simili alla frottola.
La caratteristiche dei questo primo madrigale si possono elencare:
1- come la frottola è a 4 voci
2- prevalenza della voce superiore e uso dell’isoritmia
isoritmia
3- maggiore aderenza della musica al significato delle parole (caratteristica che rimarrà tipica
del madrigale e che si svilupperà all’esasperazione)
4- struttura non strofica ma costituita da sezioni sempre diverse che mirano a tradurre
musicalmente il contenuto più che lo schema esteriore della poesia
5- i testi erano prendevano spunto dalla frottola, quindi vanno dal genere aulico-serioso
(cortese) e amoroso

3
Vedi TESI 12

Tesi 11.doc 7
La presenza fiamminga rimane prevalente nella produzione madrigalistica di questo primo
periodo che arriva fino al 1550, con nomi come J. Arcadelt (1504 circa-1568), P. Verdelot (m.
prima del 1552), A. Willaert (1490 circa-1562) e G. Parabosco (1520 circa-1557).

SECONDO PERIODO:
PERIODO Nel secondo periodo, che va dal 1550 fino verso il 1580, l’intervento dei
compositori di musica sacra tende a modificare le caratteristiche del madrigale ed a diventare
sempre più un genere italiano:
1- il numero di voci sale a 5 o anche più: per ottenere particolari effetti di colore timbrico
veniva aggiunto un Quintus e talvolta anche un Sextus (parti aggiunte all’Altus e al Cantus)
per dare in determinati punti una maggiore brillantezza
2- l’isoritmia viene abbandonata per la polifonia: in questo modo viene a cadere la
predominanza della voce superiore e liberando la voce di basso dalla funzione di puntello
armonico. Ora si alternano,
alternano a seconda dell’espressività del testo, passaggi omofonici con
quelli imitativi dove le voci cantano separatamente con uguale pertinenza
3- utilizzo della semiminima come unità di tempo anziché la minima da parte di Cipriano de
Rore nel 1544 con il suo secondo libro di madrigali a 5 voci Primo libro de’ madrigali
cromatici (a cui seguirono più tardi otto ristampe)
4- l’introduzione da parte di Cipriano de Rore di testi di contenuto appassionato e drammatico
impronterà tutta la successiva produzione tardo-rinascimentale: i poeti scelti da Cipriano sono
non solo poeti anonimi dell’epoca ma anche L. Ariosto e soprattutto Petrarca

Il madrigale tende così a recepire la struttura simile al contemporaneo mottetto e quella dignità di
scrittura che, fino ad allora, era stata propria della musica sacra: non a caso gli autori di
madrigali in questo stile sono gli stessi autori di musica sacra operanti dopo la metà del secolo,
come Pierluigi da Palestrina, G. Animuccia (1514 circa-1571), Andrea Gabrieli, di origine
fiamminga Cipriano de Rore (1516 circa-1565).

TERZO PERIODO:
PERIODO Tra il 1580 e il 1600 il palese e inarrestabile deterioramento economico
dell’Italia si avverte nella musica come un’oscura inquietudine ed un senso di precarietà delineato
dalla “decomposizione” cromatica (sia di tempo, con l’uso di note più brevi, che melodico, con
l’uso di note cromatiche) del contrappunto in un linguaggio di tesa e tormentata espressività che
caratterizza il madrigale di questo terzo periodo:
1- l’introduzione di figure sempre più piccole della semiminima (crome e semicrome) che
convivono con brevi e semibrevi: lo spartito appare scritto prevalentemente a note nere (o
“colorate”), con passaggi più rapidi
2- utilizzo del cromatismo melodico e armonico a produrre numerose dissonanze, talvolta
anche aspre, per meglio esprimere i sentimenti di dolore contenuti nei testi
3- la musica si sforza di aderire in modo capillare alle immagini del testo poetico cercandone la
traduzione di ogni singola parola attraverso i madrigalismi consistente in una complessa
simbologia visuale:
visuale se il testo poetico parla di gioia o cielo a queste parole corrispondono note
ascendenti, allo stesso modo con gravità o inferno corrisponde un moto discendente alle note
più basse, a sospiri d’amore o singhiozzi corrisponde una frammentazione della melodia con
pause, alle parole “occhi” la voce superiore e quella inferiore si allontanano poi si
riavvicinano a formare il disegno di un occhio; a parole come “oscurità” lo sparito si riempie
di note nere, al contrario il “candore” è indicato con note bianche. Sono frequenti non solo
madrigalismi ritmici ma anche armonici: il dolore è espresso con ritardi (detti ligature) o
dissonanze (dette durezze); se il testo presenta accostamenti di parole come vita-morte,
amore-dolore il madrigale esprime il primo in tonalità maggiore e il secondo con un brusco
cambiamento in tonalità minore o viceversa.
4- al sereno e ottimistico equilibrio del primo madrigale fa riscontro un’esaltazione del pathos e
dell’espressione, un modo relativistico e soggettivo di cogliere la realtà attraverso
l’esasperazione dei sentimenti individuali:
individuali si fanno strada i testi brevi densi di metafore
sciolte in minutissime descrizioni di parti del corpo della donna (bocca, labbra, denti, sguardi
ecc.) e nella più sensuale evocazione dei casi che classificano i modi del baciare o dell’amare
5- la ricerca del dettaglio spinge i musicisti verso le poesie del Tasso, del Guarini e del Marino

Tesi 11.doc 8
Il madrigale di questo periodo fanno parte di quella che passa sotto il nome di musica reservata
delle Accademie in quanto solamente i cantori, che disponevano della partitura, potevano
percepire i simbolismi dei madrigalismi.
I maggiori autori di madrigali in questo periodo sono Luzzasco Luzzaschi (1545 circa-1607),
Luca Marenzio,
Marenzio Gesualdo da Venosa e, nelle sue prime raccolte, Claudio Monteverdi4; all’estero
spicca il nome di Orlando di Lasso.

LUCA MARENZIO (1553-1599) fu maestro di cappella presso cardinali e principi e, girando per
i centri italiani più importanti, ebbe modo di conoscere e tenere contatti con il Tasso e il Guarini,
diventando il massimo esponente del petrarchismo. Marenzio fu madrigalista sommo: nel giro di
20 anni compose 18 volumi di madrigali da 4 a 6 voci e 5 libri di villanelle5.
Nei primi libri di madrigali accolse temi pastorali, amorosi, sensuali, pieni di contrasti di parole;
pertanto Marenzio, sempre attento al significato verbale, utilizza accordi di passaggio, dissonanze
senza preparazione, accordi esorbitanti e l’imitazione, anche virtuosistica, con fini espressivi e
sempre tenendo presente lo stretto rapporto descrittivo che la musica ha del testo, in un discorso
musicale disteso.
Ma nel 1588, alla fine del servizio presso il cardinale Luigi d’Este a Roma, ebbe luogo in Marenzio
un mutamento stilistico. Negli ultimi suoi libri di madrigali le poesie si ispirano a soggetti come il
dolore e il pianto, il tempo scelto è quello “a misura di breve” che caratterizza la misura sacra e lo
stile delle varie voci è quello declamatorio, un’accordalità quasi recitativa che accompagna il
canto di una voce (forse l’influenza della nascente Camerata fiorentina6): Marenzio rappresenta,
nello sviluppo del madrigale, in momento culminante, antecedente diretto di Monteverdi.

CARLO GESUALDO, principe di VENOSA (1560 circa-1613): di poco si sa della sua vita se non
di aver ucciso la moglie e l’amante dopo averli sorpresi in flagrante. Per evitare vendette dei
parenti, fuggì a Ferrara dove sposò in seconde nozze Eleonora d’Este (nipote del duca di Ferrara).
Qui si legò d’amicizia col Tasso di cui musico alcune liriche.
La condizione nobile di Gesualdo contribuì in maniera decisiva nelle sue scelte musicali in quanto
egli coltivò l’arte musicale soprattutto per diletto e non certo per esigenze professionali. Ultimo tra
i madrigalisti rinascimentali, Gesualdo ha lasciato una produzione di circa 110 madrigali a 5 voci
divisi in 6 libri (ci è giunto incompleto un libro di madrigali a 6 voci), 2 libri di mottetti ed uno di
responsori5. Questo autore predilige testi brevi fortemente caratterizzati da metafore amorose,
dall’insistenza nell’affrontare il tema della morte e del dolore e dal rifiuto dei temi pastorali.
Caratteristica dei madrigali di Gesualdo è l’espressione del sentimento più che alla descrizione e
alla pittura musicale delle singole parole: di qui il rifiuto dei madrigalismi e lo sviluppo dello
stile accordale (successioni che a volte paiono casuali tanto sono audaci e imprevedibili) e
declamatorio (sicuramente influenzato dal nascente stile del melodramma). Di qui il carattere
statico di gran parte delle sue composizioni,
composizioni fatte di brevi frasi, spesso persino prive di temi.
Gesualdo non disdegna l’utilizzo di note cromatiche,
cromatiche di frequenti contrasti ritmici e lo
sfruttamento delle voci in tutta la loro tessitura allo scopo di creare un clima spirituale di
tensione altissima.

QUARTO PERIODO:
PERIODO Tra la fine del ‘500 e il 1620, l’influenza dello stile recitativo e della
monodia accompagnata dal basso continuo, i madrigali assumono una struttura in cui la voce
superiore raccoglie tutta l’espressività cercando di amplificare inflessioni discorsive (invocazione,
domanda, ecc.) e sentimenti, mentre le altre voci passano in secondo piano e vengono riassunte
nel basso continuo dove svolgono funzione armonica. Nasce così il MADRIGALE CONCERTATO
(cioè in cui si intrecciano voci e strumenti) a una, due o più voci con basso continuo, i cui
massimo esponente è Monteverdi nei libri VI, VII e VIII dei suoi madrigali (dal 1610 al 1632).
MADRIGALE DRAMMATICO o DIALOGICO o RAPPRESENTATIVO: Dalla fine del ‘500 ai primi
decenni del ‘600 nelle corti rinascimentali.
Le caratteristiche del madrigale drammatico si possono elencare:

4
Vedi TESI 16
5
Vedi TESI 12
6
Vedi TESI 14

Tesi 11.doc 9
n è sciolto da vincoli di struttura metrica e compositiva (tipico del madrigale)
n il testo è drammatico (dialogo, personaggi e azione immaginata) in cui l’intreccio polifonico
incarna ora questo ora quel personaggio
n nel testo è frequente l’uso del dialetto
n è formato da un certo numero di madrigali che svolgono una vicenda: per interpretare con
maggior fedeltà il contento figurativo del testo i madrigali facevano uso di madrigalismi
n apparizione di personaggi popolareschi (presi dalla vita quotidiana) e grotteschi che di lì a
poco costituiranno l’ossatura delle situazioni tipiche della Commedia dell’Arte

Siccome tutti i personaggi sono cantati sempre da tutte le voci in questo tipo di rappresentazione
non esiste un dramma vero e proprio in quanto c’è la difficoltà oggettiva di distinguere sulla
scena i vari personaggi che si vanno via via interpretando. Tra una scena e l’altra si intercalavano
intermedi che riprendevano il tema dei mestieri antichi (solfanari, spazzacamini) o parodie di
madrigali famosi.
Esponenti più significativi di questo madrigale sono Orazio Vecchi, Adriano Banchieri, Giovanni
Croce ed Alessandro Striggio.

ORAZIO VECCHI (1550-1605): Sacerdote, dopoessere stato maestro di cappella a al duomo di


Salò e in quello di Modena, nel 1593 alternò tale attività con altri incarichi (alla corte d’Este) e
con viaggi a Firenze dove ebbe contatti con la Camerata Bardi. Fu sospeso nel 1604 dall’incarico
di sacerdote per aver impartito l’insegnamento alle monache, nonostante l’esplicito divieto.
Oltre a vari libri di composizione sacre, scrisse un notevole numero di opere profane (in contrasto
con la sua normale professione di musicista da chiesa) tra le quali canzonette e madrigali
drammatici in cui, alla perizia contrappuntistica, si fondono doti straordinarie di umorista e
caratterista. Capolavoro di questo genere è l’Amfiparnaso
Amfiparnaso di O.Vecchi eseguita per la prima volta
a Modena nel 1594. I personaggi, due innamorati (Lucio e Isabella) e numerose maschere
(Pantalone, lo Zanni, il Capitano spagnolo, gli ebrei - che parlano nel naso -), si esprimono tutte
polifonicamente: il Vecchi spiegherà nel Prologo che “... tale spettacolo si mira con la mente ,
dov’entra per le orecchie e non per gli occhi.”
E’ famoso l’intermezzo in cui viene fatta la parodia del famoso madrigale di Cipriano de Rore
Anch’or che co’l partire che diventa Anchor ch’al parturire.
Altri madrigali drammatici del Vecchi: “Selva di varia ricreazione”, “Convito musicale”, “Le
veglie di Siena”.

ADRIANO BANCHIERI (1568-1634): Compositore, teorico musicale e letterato, entrò nell’ordine


dei monaci olivetani a 19 anni e iniziò la sua attività di organista presso il monastero di San
Michele in Bosco a Bologna. Fu inoltre organista a Imola, Gubbio, Venezia e Verona. Intrattenne
rapporti con molti musicisti del tempo assimilando ogni nuova tecnica e dandone ragguaglio in
vari trattati (es. Armoniche conclusioni del suono dell’organo).
Artista versatile si dedicò in particolare al genere del madrigale drammatico e della commedia
madrigalesca, sulle orme di O. Vecchi, sfogandovi il suo spirito umoristico e bizzarro: sono degne
di nota Il festino della sera del Giovedì grasso avanti cena (a 5 voci, che contiene il celebre
Contrappunto bestiale alla mente in cui sopra un maccheronico latino - parodiante l’antico
“tenor” - cantano 4 voci di animali), La pazzia senile e La saviezza giovenile (entrambi a tre voci),
Il zabaione musicale, La barca di Venezia per Padova su libretto di G. B. Guarini.
Nella musica strumentale fu grande innovatore: adottò sistematicamente la stanghetta di battuta
(Concerti ecclesiastici, 1595, il primo esempio di partitura moderna) e usò, tra i primi, la
numerazione del basso continuo e i segni dinamici p (piano) e f (forte).
Fu scrittore arguto in lingua e in dialetto: sua è la novella Cacasenno, continuazione del Bertoldo e
Bertoldino di G.C. Croce)

GIOVANNI CROCE (1557-1609): detto Chiozzotto. Sacerdote, allievo di G. Zarlino, fu


vicemaestro e poi maestro di cappella a San Marco a Venezia. Esponente di rilievo della scuola
Veneziana, fu tra gli iniziatori dello stile concertante (per voci con basso continuo strumentale).
Come Striggio, Banchieri e Vecchi, Croce predilesse una musica di ispirazione realistica, comica e
popolaresca, giungendo spesso a musicare con vivaci intonazioni testi dialettali: è il caso di

Tesi 11.doc 10
ricordare i madrigali drammatici Triaca musicale (da 4 a 7 voci) e le canzonette e madrigali
Mascherate piacevoli et ridicolose per il carnevale a quattro –otto voci. Non mancano
composizioni di mottetti, salmi, messe e altra musica sacra fra cui la Sacrae cantilene conertate
per soli, voci di ripieno e organo, considerate un precedente della cantata da chiesa.

ALESSANDRO STRIGGIO (1535 circa-1590): Compositore e liutista presso Cosimo de’ Medici,
pubblicò 5 libri di madrigali a 5 voci e 2 libri di madrigali a 6 voci. Il suo nome è legato alla storia
del madrigale drammatico di cui fu uno degli iniziatori con Il cicalamento delle donne al bucato,
realizzazione in chiave popolaresca da 4 a 7 voci, con spunti onomatopeici derivati dalla
chanson.

IL MADRIGALE FUORI D’ITALIA: Il madrigale italiano ebbe una certa diffusione anche all’estero:
se questa fu scarsa in Francia (causa l’insormontabile concorrenza della chanson) e in Germania
(oltre che impedimenti linguistici, le opere poetico-letterarie tedesche non erano adatte ad essere
musicate nel madrigale ma più che altro adatte nel genere tedesco per eccellenza del Lied7),
rilevante fu la sua influenza in Spagna e soprattutto in Inghilterra dove venne rielaborato in modo
autonomo e riadattato, oltre che alla diversa natura della lingua, ai gusti assai meno sofisticati di
un ceto medio che solo allora stava emergendo. L’influenza del madrigale e la nascita di questo
nuova classe sociale porterà alla nascita in Inghilterra di una tradizione musicale di tipo
amatoriale e domestico che sarà a lungo caratteristica musicale inglese. Fra i maggiori esponenti
di questa fioritura madrigalistica si ricordano Thomas Morley (1557-1602), John Wilbye (1574-
1638) e influenze del madrigale italiano si riscontrano anche nei song e negli ayres per voce sola
con accompagnamento di strumenti di John Dowland (1562-1626).

VERSO LA MONODIA E LA MUSICA TEATRALE: TEATRALE La polifonia tradizionale è al tramonto: sono


formulati ormai gli elementi fondamentali dello stile rappresentativo e del melodramma, in cui la
musica diviene parte integrante della finzione teatrale come mezzo espressivo di personaggi
individuali. Preceduta da varie forme di musica scenica (inserti musicali in tragedie8, commedie8
e drammi pastorali8), di intrattenimenti scenico-musicali (ad es. gli intermedi8) e dalla tecnica di
accompagnare il canto con il basso continuo, la nascita ufficiale del melodramma avviene nel
nome di una illusoria riesumazione dell’antica tragedia greca ad opera della Camerata de’ Bardi8
(o Camerata fiorentina). Toccherà poi a Monteverdi, all’inizio del ‘600, perfezionare e rendere
musicalmente più consapevole il nuovo genere teatrale, svincolandolo dal puro stile recitativo e
assegnando alla musica una più precisa ed ampia funzione espressiva.
Altre forme di impiego della musica a scopi teatrali si sviluppano a Parigi, con il ballet de cour
(balletto) a cui si lega il nome di Baltazarini di Belgioioso, e in Inghilterra, con i masque un
intrattenimento di corte a carattere allegorico misto di musica, teatro e danza.

N.B.: Per notizie su Giovanni Giacomo Gastoldi vedere la TESI 12 alla voce BALLETTI

7
Vedi TESI 12
8
Vedi TESI 14

Tesi 11.doc 11
12- Sguardo riassuntivo alle forme di musica polifonica
vocale cinquecentesca
Musica sacra: mottetti, messe, salmi, responsori,
improperi
Musica profana: frottola, villanelle, canzonette,
madrigali, balletti, madrigali drammatici, intermezzi.

MUSICA SACRA
MESSE
MESSE E MOTTETTI
Per quasi tutto il ‘500 i compositori fiamminghi guidano la polifonia sacra nelle principali
cappelle musicali di quasi tutta l’Europa (Roma, Venezia e centri nuovi come Vienna, Monaco,
Praga, Varsavia e Cracovia). Ma già dalla metà del secolo si ebbe uno sfaldamento della
supremazia fiamminga dovuto al :
- progressivo adeguamento dello stile ai generi nazionali (ad es. in Italia al madrigale e alla
villanella)
- nuovo senso dell’armonia (che mitiga il rigore del canone e della fuga)

La musica polifonica sacra a cappella giunse a perfezione con Palestrina che sottrasse la
macchinosità di artifici e di procedimenti che impediva la comprensione delle parole e si
preoccupò di riflettere nella musica lo spirito del testo sacro.
Della MESSA rimangono gli stili presenti nel ‘400:
- la MESSA PARAFRASI in cui un tenor attinto dal repertorio gregoriano o profano (nonostante
i proibizionismi del Concilio di Trento), viene fatto cantare a turno a tutte le voci.
- la MESSA PARODIA in cui l’intero brano comprensivo di tutte le voci viene attinto dal
repertorio sacro (mottetti) o profano (madrigali), variandone qua e là l’assetto polifonico:
Palestrina, De Monte, Lasso scrivono messe su tenor profani, che ne prendono anche il titolo,
come ad es. L’homme armè, Io mi son giovinetta, Je suis desherité.
- la melodia della messa poteva essere composta anche su temi inventati,
inventati la cui bellezza supera
talvolta quelle tratte da fonti gregoriane: ne sono l’esempio quelle di Palestrina.

Il MOTTETTO è una composizione che concede spazio alla fantasia del compositore,
compositore visto che la
configurazione poetica del mottetto viene costruita a libera parafrasi dell’Ordinario e del Proprio
della messa, di passi biblici, di antifone e sequenze, con una scelta amplissima di temi e la veste
musicale poteva essere cucita sulle misure fonetiche, metriche e psicologiche del testo, ricercando
i colori, i registri, i movimenti più giusti a ottenere l’effetto desiderato. Ad esempio si confrontino
le battute iniziali dei mottetti di Palestrina Tenebrae factae sunt e l’Haec dies. Nel primo,
nell’annunciare la morte di Cristo le 4 voci procedono per accordi gravi e solenni; solo quando
devono pronunciare la parola chiave “crucifixus” rompono le righe e si lasciano andare ad un
breve movimento imitativo. Nel secondo, ad esultare per l’avvenuta Risurrezione troviamo solo
voci acute e chiare che vocalizzano imitandosi l’un l’altra.
Anche per il mottetto è norma comune attingere da tenor sacri o profani già esistenti (PARODIA).

SALMI, RESPONSORI E IMPROPERI


I 150 SALMI,
SALMI compresi nel Libro dei salmi detto anche salterio (la cui introduzione nella liturgia
ebraica è attribuita a Davide) da integrarsi in un qualsiasi momento dell’anno liturgico,
liturgico
sollecitarono l’ispirazione di numerosi musicisti: A. Willaert, A. Gabrieli, O. di Lasso, Palestrina,
Janequin e Monteverdi.

Tesi 12.doc 1
Nella Liturgia delle Ore i salmi erano di tipo responsoriale:
responsoriale a un solista che intonava l’antifona
gregoriana rispondeva un coro a 3 o 4 voci a nello stile a falso-bordone, disposte ad accordi di 3a
e 6a.
Canti appartenenti alla liturgia cattolica della Settimana Santa sono gli IMPROPERI (dal latino
“rimproveri”) in forma di antifone e responsori. Il testo è formato dai tre versetti con cui Cristo
dalla croce rimprovera il popolo ebraico: Popule meus, quid fec tibi? Quia eduxi te per desertum,
quid ultra debui facere tibi? Ogni versetto è seguito da altri brevi versetti. La versione più nota ed
eseguita è quella di Palestrina, composta nel 1560, di stile omofonico (in omaggio al carattere
sillabico che gli improperi avevano sempre avuto) per due cori. Gli improperi furono musicati
anche da Thomas Luis da Victoria e da altri musicisti rinascimentali.
Sempre per la Settimana Santa, nella Liturgia delle Ore erano in uso, nell’ora del Mattutino, le
LAMENTAZIONI e i RESPONSORI.
RESPONSORI Il testo delle lamentazioni è costituito da 57 versetti (ognuno
indicato con una lettera dell’alfabeto ebraico) dalle lamentazioni del profeta Geremia per la
distruzione di Gerusalemme. I responsori, combinati tra polifonia e gregoriano, sono intrecciati a
salmi di Davide: il versetto salmodico è cantato in polifonia a 4 voci generalmente omoritmica
(per maggiore solennità), mentre la risposta è a canone a 3 voci. Compositori di spicco di questi
generi sono Gesualdo da Venosa e Francesco Corteccia.

MADRIGALE SPIRITUALE
Nei circoli nobiliari, accademie e case patrizie entra quell’elemento caratteristico che è il
MADRIGALE SPIRITUALE, quale segno di una religiosità apparentemente ammodernata ma
succube dei dettami del Concilio di Trento. La raccolta e la stampa di questo tipo di madrigale è
ad opera di uno sconosciuto prete veronese con Musica spirituale […] madrigali a 5 voci
composti da diversi (1563). Questo tipo di composizione mantiene le stesse caratteristiche
contrappuntistiche del madrigale profano e si sviluppa su testi poetici che trattano di salvazione e
pentimento del credente. Palestrina, Lasso e Monteverdi saggiano le proprie capacità con tale
genere.

MUSICA PROFANA
FROTTOLA
Nel ‘400, in tutte le cappelle e le corti d’Europa, i musicisti di maggior rilievo provenivano dalla
scuola fiamminga. Questo non significa che in Italia non fossero sorti musicisti di rilievo, ma che
il gusto estetico Umanistico rifiutava lo stile complesso contrappuntistico, tipico dei compositori
fiamminghi, a favore di una prassi esecutiva monodica appena sostenuta da un
accompagnamento strumentale (l’equivalente ideale del mitico canto “alla lira” dell’antichità a
cui l’Umanesimo si ispirava).
E’ quindi durante il ‘400 che si dispiega una grande fioritura di poesie destinate che trovano la
loro realizzazione nel connubio con la musica;
musica tali poesie non erano considerate prodotti
letterari tanto che i poeti non ne curarono raccolte o edizioni come invece veniva fatto per poesie
destinate alla lettura. Queste forme poetiche avevano precise nomenclature:
- strambotti : di genere aulico-serioso, è di contenuto amoroso, in equilibrio tra la cordialità
popolaresca e la raffinatezza cortigiana
- rispetti: di temi amorosi, diffusa particolarmente in Toscana
- ballate: di carattere profano-narrativo, ma anche religioso, destinate alla danza
- siciliane: di carattere pastorale, di origine popolare siciliana
- giustiniane: di carattere veneziano-amoroso, così denominata dall’uomo di stato, poeta e
improvvisatore, Leonardo Giustinian, che ne compose una gran quantità e che ebbero un gran
successo per tutto il secolo; viene considerato il genere che ha congiunto l’ars nova con la
frottola

Tesi 12.doc 2
Su queste forme venivano improvvisate melodie denominate con il genere poetico da cui
provenivano; tali melodie potevano essere cantate da una sola voce con semplice
accompagnamento strumentale (raddoppiando la linea melodica della voce o facendone da
sostegno), oppure improvvisato un contrappunto a 3 o 4 voci fatto di regole, ovviamente, meno
rigide del contrappunto scritto.
Verso la fine del ‘400 queste particolari forme italiane di musica profana furono messe per iscritto
e nei primi anni del ‘500, con l’invenzione della stampa di Ottaviano Petrucci, furono stampate
11 raccolte che riscossero una straordinaria diffusione. E’ proprio con la stampa che vennero
fissate per iscritto le regole compositive e metriche di questo genere profano che venne
identificato genericamente col nome di FROTTOLA (o barzelletta).
Le caratteristiche della frottola si possono riassumere:
1- soggetti di estrema semplicità che vanno da genere aulico-serioso (dello strambotto) al
popolaresco amoroso e piccante (talvolta infarcito di allusioni oscene)
2- a 4 voci in cui alla voce superiore è conferito uno speciale rilievo melodico
3- alle voci poteva sommarsi un accompagnamento strumentale (poteva presentarsi anche in
forma monodica accompagnata) riassumendo in maniera accordale e un po’ semplificata la
polifonia prodotta dalle voci scritte sotto la parte del canto
4- andamento omoritmico delle voci, che cominciavano e terminavano per lo più insieme
nell’ambito del metro poetico, senza però escludere intrecci contrappuntistici e occasionali
imitazioni
5- dalla struttura metrico-musicale si può notare l’evidente derivazione dalla ballata del ‘300:

STANZA (STROFA)
RIPRESA (RITORNELLO)
I piede o II piede o
Volta
I mutazione II mutazione
Testo (in versi) AB A B (o B A) CD CD DA
Musica a b a a b

I centri di massima diffusione della frottola sono localizzati nell’Italia settentrionale identificabili
con Mantova, Ferrara e Venezia; i compositori degni di nota sono Marco Cara (1470 circa - dopo
il 1525) e Bartolomeo Tromboncino (1470 circa - dopo il 1535).

Forme affini alla frottola, e che vengono genericamente identificate con lo stesso nome, sono:
- strambotto o rispetto: essendo di genere più nobile e serioso, ebbe talvolta trattamento libero
in una polifonia quasi mottettistica
- capitolo
- villotta:
villotta composizione di origine friulana, di derivazione dalla caccia, a parti omoritmiche si
alternano movimenti in imitazione, solitamente in forma di canone su brevi testi poetici
popolari. Celebre è l’antologia Villotte del Fiore (1569) di Filippo Azzaiolo.
Azzaiolo
- oda: la musica si ripete uguale per ogni stanza
- sonetto
- giustiniane
giustiniane e mascherate:
mascherate ceneri che si sviluppano a Venezia per merito di Andrea Gabrieli e
Antonio Molino, che stigmatizzano i tipi ricorrenti della commedia dell’arte (nei testi si
mescolano le parlate regionali), attraverso onomatopee con cui vengono beffeggiati i
vecchietti innamorati (Magnifico e Pantalone) o si raffigurano zanni (servi) bergamaschi o
cortigiane veneziane.

Tesi 12.doc 3
VILLANELLE
La villanella, o villanesca o canzon villanesca, è una composizione di origine napoletana in voga
nel ‘500 e ‘600: il capostipite di questo genere è il primo libro di Canzoni villanesche alla
Napolitana risalente al 1537. Si diffuse poi nelle regioni dell’Italia settentrionale evolvendosi nello
stile e nel contenuto letterario, trovando illustri cultori come Willaert, Lasso e Marenzio.
Le caratteristiche della villanella si possono elencare:
1- testi popolari spontanei e vivaci, spesso in dialetto (in contrapposizione al carattere aulico
della forma contemporanea del madrigale)
2- forma popolare, solitamente a 3 voci (tranne Willaert che scrive a 4 voci) di andamento
omoritmico
3- disposizione del testo sulla musica in maniera strofica

CANZONETTE
La canzonetta è un genere che si diffonde nella seconda metà del ‘500 dall’unione dello stile
testuale aulico del madrigale a 3 voci (tipico di Andrea Gabrieli) e lo stile compositivo della
villanella (omoritmico, sinonimo di un avvicinamento, anche in repertori di elevato contenuto,
alla nuova sensibilità che si andava delineando del canto accompagnato dal basso continuo).
Ne risulta un genere leggero e nuovo, di nobile figura, su testi del Tasso e Chiabrera, spesso con
ritmi di danza; ne composero O. Vecchi, C. Monteverdi (come le Canzonette a tre del 1584) e
molti altri madrigalisti.

BALLETTI
Allo scopo danzistico viene ricordata la raccolta dei Balletti (1591) di GIACOMO GASTOLDI
(1555-1609: maestro di cappella della chiesa di S. Barbara a Mantova poi al Duomo a Milano)
che conobbero una straordinaria fortuna, probabilmente non eguagliata da nessun’altra raccolta
del tempo. Concepiti in stile di danza (come riporta lo stesso Gastoldi “…cantare, sonare et
ballare”), tali balletti si diffusero anche all’estero, specie in Inghilterra e in Germania.
Erano scritti per organici vocali composti da 3 a 5 voci accompagnati da strumenti (a volte sono
riportate le intavolature liutistiche), in forma omofona monotona su testi che alludono a caratteri
umani (l’invaghito, lo sdegnato ecc.), ma mai alle figure della commedia dell’arte.
Anche Monteverdi scrisse gli Scherzi monteverdiani, in cui voci e violini intonano su prototipi di
danza (gagliarda, brando, corrente, passamenzzo).

MADRIGALI
Vedi la TESI 11 alla voce PROGRESSIVA TENDENZA ESPRESSIVA, DRAMMATICA,
RAPPRESENTATIVA

MADRIGALI DRAMMATICI
Vedi la TESI 11 alla voce PROGRESSIVA TENDENZA ESPRESSIVA,
ESPRESSIVA, DRAMMATICA,
RAPPRESENTATIVA

INTERMEDI
Vedi la TESI 14 alla voce IMITAZIONE DEL TEATRO CLASSICO.
CLASSICO.

Tesi 12.doc 4
CHANSON E LIED
Sull’esempio di Josquin, la CHANSON rinascimentale avvia decisamente un processo di
alleggerimento della densità contrappuntistica: l’autore di chanson non si rivolge più ai soli
musicisti, capaci di percepire la perfezione tecnica, ma anche ad un pubblico profano in grado di
cogliere le bellezze sonore. L’arte di “piacere” diverrà d’ora innanzi il criterio dominante nella
composizione musicale; il gusto del pubblico e le richieste del mercato incideranno (attraverso la
mediazione dell’editoria musicale) in misura crescente sullo stile.
All’inizio del ‘500 la chanson diviene uno dei principali generi di commercio degli editori di
musica nei Paesi Bassi e in Francia, soprattutto nell’ambiente parigino dove si sviluppa un tipo
peculiare di chanson d’argomento narrativo e realistico, caratterizzato da un abilissimo impiego
degli effetti timbrico-onomatopeici della parola e da una spiccata accentuazione degli elementi
ritmici. Il maggiore esponente parigino è Clement Janequin (1485 circa-1558), la cui produzione
eserciterà, grazie a tali caratteristiche, una notevole influenza in Italia sullo sviluppo della musica
strumentale.

Il termine tedesco LIED significa canto ed indica la caratteristica espressiva poetico-musicale


tedesca di carattere lirico o narrativo.
I più antichi lieder documentati sono canti di chiesa in volgare (Kirchenlieder), creati a partire
dall’età carolingia sui modelli del repertorio gregoriano.
Tra il ‘400 e il ‘500, ad opera del monaco Hermann e da Oswald von Wolkenstein, cominciò a
essere coltivato il lied polifonico:
n costituito su preesistenti melodie popolari o cortesi
n aveva di norma 3 o 4 voci (le secondarie erano eseguite con strumenti: solo dal 1530 furono
concepite per l’esecuzione vocale)

Il lied polifonico assume due diverse connotazioni a seconda dell’ambiente in cui si sviluppa.
1- Lied popolare (Volkslied
Volkslied) di struttura strofica e d’argomento realistico
2- Lied di corte (Hofweise
Hofweise) monodico di argomento classicheggiante

Sono frequenti i temi riguardanti i canti di lavoro, il vicendevole sfogo di sentimenti di due
amanti, d’una madre per il suo bimbo, dei soldati che marciano contro il nemico o tornano da
una vittoria, l’elogio di un eroe o una celebrazione di nozze, la preghiera per ringraziare o
implorare una divinità.
Nel ‘500 l’assimilazione delle tecniche contrappuntistiche del mottetto franco-fiammingo
annullarono la distinzione tra Volkslied e Hofweise riunendoli nell’unico genere del LIED.
Dalla metà del ‘500 sino al 1650 circa prevalgono nel lied gli influssi italiani della canzonetta e
della villanella in stile omoritmico. Sulla spinta della monodia accompagnata italiana, tra il 1620
e il 1630 si consolida il lied come canto a voce sola, per lo più strofico, con basso continuo.
Tra gli autori, ritornano i nomi di Orlando di Lasso, Scandello, H.L Hassler e H.J. Schein.

Una sopravvivenza medievale, continuatrice dello stile monodico dei trovatori e trovieri, è l’arte
monodica dei Meistersinger che si fregia in questo secolo del suo rappresentante più illustre,
Hans Sachs di Norimberga.

Tesi 12.doc 5