Sei sulla pagina 1di 4

Gli Sfinteri

Questo articolo ha contenuti che appartengono alla Scuola di Formazione Professionale 5LB di Marco Pfister.

Tratto da: PasadoFuturo.com


Traduzione e adattamento di Giorgio Beltrammi

Gli sfinteri hanno forma circolare o ad anello. Permettono il passaggio di una sostanza da un organo ad un altro per mezzo di un tubo o di un
orifizio in modo che sia impedito il suo reflusso. Esistono più di 50 sfinteri differenti nel corpo umano, alcuni microscopicamente piccoli, come gli
sfinteri precapillari.
Alcuni degli sfinteri principali sono:

 Iride: costringe la pupilla di fronte ad una luce brillante (riflesso pupillare) o durante il riflesso di accomodazione per vedere correttamente
gli oggetti vicini o lontani.
 Epiglottide: copre l'entrata della laringe e impedisce che gli alimenti entrino in essa e nella trachea.
 Cardias: separa l'esofago dallo stomaco evitando che il bolo alimentare refluisca.
 Piloro: separa lo stomaco dall'intestino tenue. Impedisce che il chimo retroceda dopo essere passato all'intestino tenue.
 Valvola ileocecale: separa l'intestino tenue dall'intestino crasso promuovendo il passaggio del chilo ed evitando la retrocessione di materiale
fecale nell'ileo.
 Oddi: controlla il passaggio delle secrezioni provenienti dal fegato, dal pancreas e dalla colecisti al duodeno.
 Anale (interno ed esterno): permettono il passaggio della materia fecale verso l'esterno del corpo.
 Collo dell'utero: permette l'uscita del sangue mestruale e del feto al momento del parto, e l'entrata degli spermatozoi nell'utero.
 Vagina: accogliere il pene durante la penetrazione.
 Vescica: controlla l'escrezione dell'urina verso l'esterno.
 Precapillare: apre e chiude i capillari al momento del passaggio del sangue.

Tutti gli sfinteri del nostro corpo sono formati da muscolatura striata (Mesoderma Recente) e muscolatura liscia (Endoderma).
La muscolatura striata (anulare), controllata dalla Sostanza Bianca del NeoEncefalo, è nella parte esterna degli sfinteri e si contrae volontariamente a
chiudere lo sfintere ed evitare l'uscita. È una muscolatura meno forte di quella interna (radiale).
La muscolatura liscia (radiale), controllata dal PaleoEncefalo, è nella parte interna dello sfintere ed è involontaria, automatica. Si apre per facilitare
l'uscita, ma non in base alla nostra volontà, ma in base ad un ordine cerebrale. Ad esempio: si apre lo sfintere della vescica quando è molto piena,
oppure lo sfintere anale quando si deve evacuare.
Gli sfinteri si aprono in simpaticotonia. Ad esempio, una persona che prova un fortissimo spavento può arrivare a defecarsi addosso per via
dell'apertura dello sfintere anale. I cani urinano quando sono molto contenti di rivedere il padrone o per la paura all'essere sgridati. Quando uriniamo
nella notte mentre dormiamo (enuresi), quello che è successo è che è giunta la Crisi Epilettoide dell'SBS di marcamento territoriale a metà del
sonno, e si apre lo sfintere.
Quando siamo vagotonici gli sfinteri si chiudono. Ad esempio, se abbiamo molto bisogno di urinare e non possiamo farlo immediatamente; se si
compie una azione vagotonica, come inspirare poca aria ed espirare molta aria, si può con calma trovare dove poter urinare senza il pericolo di
perdere l'urina.
L'incontinenza urinaria avviene per due fasi di conflitto attivo bilaterale (Costellazione Enuretica) per conflitti di non poter marcare (delimitare) il
territorio e non poter riconoscere i limiti del territorio, che coinvolge le due emiparti della vescica. Si prova a serrare lo sfintere anulare
(muscolatura striata volontaria pelvica), ma la muscolatura liscia (radiale) in simpaticotonia si apre un poco e l'urina esce a poche o molte gocce.

Se la persona sente che non è capace (adatta) a trovare un luogo dove marcare il territorio attiva la muscolatura striata (anulare) dello sfintere e si
necrotizza. In Fase Attiva non ci sono sintomi. In Fase PclA la muscolatura anulare (striata) dello sfintere è rilassata e non c'è la forza per aprirsi
bene e l'urina passa lentamente, percependo difficoltà ad urinare, soprattutto alla mattina al risveglio quando siamo più vagotonici.
Il parto

Durante il parto, che è una Crisi Epilettoide di 4 ore dell'utero (Endoderma), si apre lo sfintere del collo dell'utero per lasciare passare il bimbo. Se la
donna ha molta paura e angoscia per il procedimento del parto, può contrarre il muscolo anulare e serrare il collo uterino, complicando l'uscita del
bambino.
L'anestesia peridurale è fortemente vagotonica e si fa sempre dopo che è aperto il collo uterino.

Se ritieni che il mio lavoro abbia un valore, puoi contribuire con una piccola donazione