Sei sulla pagina 1di 66

www.gazzetta.

it Sabato 18/5/2019 Anno 123 - numero 116 euro 2,00

BRACCIO DI FERRO ICARDI: «IO RESTO QUI» OGGI COL SASSUOLO DOPO IL CASO DE ROSSI

L’Uefa promuove l’Inter La Roma contestata


ora i conti sono a posto si avvicina a Gasperini
di Clari, Iaria di Pugliese, Zucchelli
3 PAG 12-13 (foto: Beppe Marotta, a.d. dell’Inter) 3 PAG 16-17 (foto: Gian Piero Gasperini, tecnico Atalanta)

Divorzio Allegri-Agnelli: fine di una grande storia di calcio

THE END
I L C O M M E N T O

CICLO SUPER
Max lascia la panchina della Juve dopo
5 anni e 5 scudetti. La causa? Divergenze
con Nedved e Paratici sui progetti futuri
MA L’AMORE di Bianchin, Bocci, Conticello, Della Valle 3 DA PAG 2 A 9
SI ERA SPENTO (Foto: Allegri festeggiato dopo uno dei suoi 5 scudetti con la Juve)

di Andrea Di Caro PAG. 2

E ADESSO CHI?
Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

Da Simone Inzaghi a Sarri


Tutti vogliono la Signora... Simone Inzaghi, Sinisa Mihajlovic, Maurizio Sarri, Didier Deschamps, Antonio Conte, Mauricio Pochettino,
di Laudisa 3 PAG 3 43 anni (Lazio) 50 anni (Bologna) 60 anni (Chelsea) 50, c.t. Francia 49 (ex Chelsea) 47 (Tottenham)

PENULTIMA GIORNATA A L’AQUILA TAPPA ALLO SPAGNOLO BILBAO


Udinese e Genoa: una vittoria
per tenere lontani gli incubi Giro, alla scoperta
OGGI
UDINESE-SPAL (15)
CLASSIFICA
JUVENTUS 89 SPAL 42 della rosa di Conti
E Formolo avvisa i big
GENOA-CAGLIARI (18) NAPOLI 76 CAGLIARI 40
SASSUOLO-ROMA (20.30) INTER 66 BOLOGNA 40
DOMANI ATALANTA 65 FIORENTINA 40
CHIEVO-SAMPDORIA (12.30) MILAN 62 PARMA 38 di Ghisalberti, Gialanella, Nigro, Scognamiglio,
EMPOLI-TORINO (15) ROMA 62 UDINESE 37 Vernazza 3 DA PAG. 34 A PAG. 41
PARMA-FIORENTINA (15) TORINO 60 GENOA 36
90518

MILAN-FROSINONE (18) LAZIO 58 EMPOLI 35


JUVE-ATALANTA (20.30) SAMPDORIA 49 FROSINONE 24
NAPOLI-INTER (20.30) SASSUOLO 42 CHIEVO* (-3) 15 TENNIS: FEDERER SI RITIRA, OGGI SEMIFINALI
LUNEDÌ
LAZIO-BOLOGNA (20.30) JUVE CAMPIONE D’ITALIA, CHIEVO E FROSINONE IN B
Tsitsipas e Sakkari:
9 771120 506000

Magna Grecia a Roma


di Gene Gnocchi
CR7: «Domani giocheremo per Allegri».
E Nadal è un rullo
di Bertolucci, Cocchi, Crivelli, Esposito
«Dopo 36 gare sarebbe ora», dice Max. 3 PAG 52-53-55
2 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Primo piano/IL COLPO DI SCENA

D Club e tecnico
a «Quando finisce e «giochisti», si può anche chiamato Ronaldo per alzarla, un momento anche nelle storie
un amore» di discutere l'impatto mediatico è un motivo di rimpianto. Ma si belle in cui ti guardi, ti parli, e

LA PENSIAMO
Cocciante a «La e, in tempi di social, perfino la sa, il calcio non è un album di capisci che non è più tutto hanno capito
nostra relazione» di simpatia del tecnico, ma i figurine e come dice Max, come prima, che manca
COSÌ Vasco Rossi fino a «Insieme a numeri restano e sono anche il comprare il più forte qualcosa di importante, una che mancava
di Andrea Di Caro
te non ci sto più» della Caselli
e chissà quante canzoni
impressionanti: 5 scudetti
consecutivi, 4 coppe Italia, 2
del mondo non garantisce
l’equazione con l’alzare il
«scintilla» per ripartire con le
stesse energie, ambizioni,
la «scintilla»
vecchie e più recenti supercoppe italiane, 2 finali di trofeo più prestigioso. Vale per visioni. La presenza oggi in Per ripartire ora
L’amore si era potremmo utilizzare come
sottofondo per l'addio tra la
Champions. Già, la
Champions, ecco l'unica
la Juve, anche per le altre super
big quest’anno tutte fuori dalla
conferenza stampa di Agnelli e
di Allegri insieme lascia diverse ipotesi,
consumato, Juve e Max Allegri. Una lunga delusione dell'avventura finale del Wanda. Certo fosse pensare che il distacco per anche non top.
ma il ciclo storia d'amore (ma Gino Paoli
non c'entra) durata 5 anni e
bianconera: averla sfiorata
quando la squadra era forte ma
riuscito a riportare a Torino la
Coppa oggi racconteremmo
quanto rumoroso non si
accompagnerà a veleni. Certo, Ma pure Max
resta fantastico caratterizzata da gioie e
vittorie. Perché ci si può
non fortissima (e infatti perse
nettamente in finale contro
probabilmente un’altra storia,
Ma Allegri sarebbe potuto
ogni separazione, per quanto
di comune accordo, deve
cinque anni fa...
dividere sul gioco di Allegri Barcellona e Real) ed essersi restare ugualmente e la essere stata preceduta da
concreto ma non sempre fermati invece solo ai quarti disponibilità sua e di Agnelli qualche tensione durante la
spettacolare, tra «risultatisti» quest'anno che era stato appariva sincera. Senonché c'è stagione, qualche scelta non

L A C L A M O R O S A R O T T U R A

DIVORZIO JUVE-ALLEGRI
A DIVIDERLI IL MERCATO
E I CONFLITTI CON NEDVED
AGNELLI : «IL CLUB DEVE
GUARDARE AVANTI»
di Luca Bianchin INVIATO A TORINO

È finita d’esordio e la missione, cinque


Una breve per come viene raccontata dalle Il comunicato ufficiale Paratici. La società pensa di do-

P
anni dopo, è compiuta. Alle 14 persone vicine agli eventi. La ver rinforzare questo gruppo
sarà di nuovo dietro un banco a
parlare ai giornalisti e darà un nota annuncia cena con il presidente Agnelli,
mercoledì sera, è stata positiva:
con un giocatore per ruolo, con
la convinzione che sia difficile
suo punto di vista agli ultimi
cinque anni e agli ultimi cinque la rottura. i due si sono lasciati con l’idea di
rivedersi dopo qualche ora,
migliorare la rosa e una capaci-
tà di spesa condizionata dalle
giorni. Andrea Agnelli sarà al
suo fianco ed è logico immagi- Hanno pesato convinti di poter continuare. Il
meeting a quattro di giovedì
uscite. Allegri invece per l’estate
ipotizzava un cambiamento più
nare un clima disteso e parole
da addio consensuale. In quat- le diverse con Pavel Nedved e Fabio Para-
tici invece ha aumentato la pro-
deciso, aveva perso la fiducia in
Cancelo e credeva che Dybala,

iove, fa un freddo che sembra


tro parole, «fine di un ciclo».
Certo, non tutto è così semplice, valutazioni porzione delle divergenze e l’ul-
timo incontro di ieri mattina ha
in una squadra modellata su
Ronaldo, non potesse avere un
novembre ed è venerdì 17: come
cornice per la fine di una storia,
così armonioso.
sulla squadra portato alla rottura. La squadra
è stata la prima a sapere. A mar- ● «Massimiliano Allegri non
ruolo centrale. «Il nostro undici
di oggi era giovane e può cresce-
La giornata
si è visto di peggio. Sembra un
film. La Juventus e il suo allena- Max ieri ha lasciato la Continas- del futuro gine dell’allenamento, Max ha
detto che Juve-Atalanta sarebbe
siederà sulla panchina della
Juventus nella prossima
re con Allegri» diceva Agnelli
dopo Juve-Ajax. Forse Max non
tore si separano con una nota di
tre righe quando tutta Torino
sa salutando con i fari dell’auto,
gesto leggero, e in giornata, riti- che per Max stata la sua ultima partita allo
Stadium e i giocatori hanno ap-
stagione 2019-2020...». Così
si apre il comunicato ufficiale
vedeva tutti questi margini. Di
certo, all’inizio della sua espe-
sta andando a pranzo: «Massi-
miliano Allegri non siederà sul-
rando il Tapiro d’oro, ha scher-
zato come fa spesso. La legge- andava rifatta. plaudito. Sono seguiti i logici
abbracci di addio e, per ora,
sul sito della Juventus poco
prima delle 13 di ieri.
rienza bianconera diceva di vo-
ler «conquistare la gente con i
la panchina della Juventus nella
prossima stagione 2019/2020».
rezza e la capacità di sdramma-
tizzare sono state a lungo un suo E quel feeling nessun messaggio social di sa-
luto: arriveranno tutti dopo la
risultati, il lavoro, il rispetto e la
professionalità», mentre i gior-
L’Italia, raggiunta sui telefonini
o alla tv, quasi non ci crede.
tratto distintivo ma negli ultimi
tempi si sono un po’ perse. For- mai sbocciato conferenza? nali facevano notare come Pavel
Nedved, legato a Mancini e Con-
I temi (e i medici)
L’#Allegriout, hashtag invocato
per mesi dai tifosi, si concretiz-
se non è un caso. Da un paio
d’anni Allegri arriva alla prima- con Pavel. I motivi del divorzio saranno
te, fosse stato l’ultimo a convin-
cersi. Cinque anni dopo quei
za così, davanti a una manciata
di persone arrivate alla sede del
vera con la sensazione di dover
fare i bagagli, ma quello che nel Cambierà pure oggetto di tante domande ma
qualcosa si può già dire. Il pro-
due nodi restano irrisolti. Il
pubblico non si è mai convinto
club per qualche autografo.
«Sono convinto che la Juve
2017 è stato un pensiero passeg-
gero e nel 2018 un’ipotesi seria, lo staff medico getto ha pesato più del contrat-
to. A quanto si può capire, Alle-
del tutto – le critiche hanno pe-
sato nella testa di Allegri - e Ne-
debba stare tra le prime otto ora è realtà. Il lento scivolare gri aveva in mente una Juventus dved è stato all’opposizione an-
d’Europa», aveva detto Allegri verso l’addio è lo stesso di que- diversa, in campo e fuori, di che negli ultimi giorni. A questo
nella conferenza stampa sta tre giorni di dialogo, almeno quella ipotizzata da Nedved e punto, non restano che i tecni-
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 3

sarà stata condivisa e qualche


rapporto interno si sarà gioco
forza logorato. Ma quando con
il tempo si guarderà indietro
apparentemente molto
diversi per carattere, gioco,
curriculum (da Sarri a
Mihajlovic, da Deschamps a
LE FRASI
Simone Inzaghi-Sarri
duello Made in Italy
accanto al binomio Juve- Inzaghi): tutti in qualche
Allegri resteranno i 5 scudetti modo hanno chance di essere
consecutivi e gli 11 trofei scelti. Manca per ora il nome
raggiunti. Tanta, tantissima a effetto tipo Guardiola o «Andiamo
roba. E adesso? Pensare a una Klopp ma se le basi sono avanti con

Per l’eredità di Max


Juve senza piano B, sarebbe solide e la struttura funziona, Allegri: ci
quasi un insulto per la stessa si può vincere anche
Juve, da sempre attentissima partendo da un gradino sotto:
siederemo
alla programmazione. Una lista come la Juve fece con Conte e per
di nomi c'è e pure una in fondo anche con Allegri, ridiscutere

almeno 6 candidati
classifica di preferenze. Quello che uno scudetto lo aveva sì il contratto
che viene da escludere è che il vinto, ma chi avrebbe pensato fra un
sostituto sia già sull’uscio. Non potesse realizzare questo mese»
stupiscano nomi filotto incredibile di successi?
Agnelli
16 aprile

C'è pure Mihajlovic. Conte, storia complicata


Stranieri: Pochettino e Deschamps. Niente Pep
«Non sono di Carlo Laudisa
a scadenza

E
quest’anno. ora che strada pren-
de la Juve? E’ bene
Prima la
festa
scudetto,
trattare l’argomento
con cautela: alla
Continassa è l’ora
1 2
poi delle riflessioni, in cerca di una
parleremo nuova meta. I candidati non
del futuro» mancano. Ve li indichiamo
senza una gerarchia vera e pro-
Allegri pria. In ordine alfabetico viene
19 aprile prima Antonio Conte, poi Di-
dier Deschamps, Filippo Inza-
ghi, Sinisa Mihajlovic e Mauri-
zio Sarri. Per ciascuno di loro
ci sono dei pro e dei contro. Ve
li illustriamo, partendo dal
«Allegri presupposto che Andrea
Agnelli, Fabio Paratici e Pavel
3 4
e Agnelli,
incontro a Nedved si prenderanno il tem-
po opportuno per scegliere il
breve. Di successore di Max Allegri. An-
solito era a che perché molti di loro sono
giugno. sotto contratto e alcuni inse-
Max resta? guono traguardi importanti:
Chi vivrà tipo il Chelsea sarriano in Eu-
vedrà...» ropa League. In realtà si sus-
surra di un ballottaggio già ri-
Nedved stretto tra Inzaghi e Sarri, ma
12 maggio siamo solo a inizio corsa.

Nostalgia Conte
Il suo nome suscita suggestioni
mai sopite. Ma la rottura di 5
anni fa non è ancora ricucita
«Ho le idee del tutto. Anche per questo l’ex
chiare da
novembre,
Chelsea s’è promesso all’Inter
per un ambizioso progetto
triennale in tandem con Beppe
5 6
serve Marotta e con di nuovo al fian-
cambiare co Lele Oriali dopo l’esperien-
per za in Nazionale. Si parla di un
continuare contratto di 9 milioni netti a
a vincere stagione: lo stipendio più alto
alla Juve» per un tecnico italiano. Anche
ieri a Torino si rincorrevano le
Allegri voci su un suo ritorno, ma pure
12 maggio le ormai note controdeduzio-
ni. Così la sua candidatura
bianconera va segnalata senza
particolari innamoramenti.
cismi. La Juve e Allegri risolve- guarderà al quinquennio 2014- Claudio Lotito lo liberi a cuor lo. Già ieri c’è stato un contatto Candidati
ranno il contratto e la spesa im- 2019 vedrà in Allegri un tecnico Le Roi Deschamps leggero. Con lui la società bian- con Ramadani, l’agente che l’ha 1) Antonio
patterà per alcuni milioni sul discusso, magari poco spettaco- Didier ha già guidato la Juve e conera si assicura un tecnico di portato al Chelsea. I rapporti Conte, 49 anni,
bilancio 2018-19. Ed è quasi si- lare e poco amato, ma soprat- sa interpretarne lo stile. È sotto prospettiva, ma con un’espe- con la piazza londinese non so- Italia e Chelsea
curo che il tempo degli addii tutto un indiscutibile vincente. contratto con la federazione rienza relativa in campo inter- no dei migliori. Anche la Roma dopo la Juve
non sia terminato: nei prossimi © RIPRODUZIONE RISERVATA francese, con l’impegno di te- nazionale. Il rischio è di gra- ha messo gli occhi su di lui, do- 2) Sinisa
giorni dovrebbe arrivare la se- nere alto il nome del calcio na- varlo di eccessive responsabili- po il dietrofront di Conte. E può Mihajlovic, 50,
parazione con parte dello staff
medico guidato da Claudio Ri- s TEMPO DI LETTURA 4’02” zionale dopo la vittoria nell’ul-
timo Mondiale. Ha il carisma
tà in una stagione più delicata
delle altre.
essere una rivale in questi fran-
genti. Il giro d’orizzonte di Pa-
(Bologna)
3) Maurizio
go. per tornare sotto la Mole con il ratici porterà presto ad una se- Sarri, 60
favore dell’ambiente juventi- Opzione-Mihajlovic lezione dei pretendenti. L’im- (Chelsea)
Il bilancio no. E comunque ha l’esperien- Cinque anni fa fu sul punto di pressione è che la soluzione- 4) Didier
«La Juventus deve avere la ca- za giusta per puntare a tra- sposare la causa bianconera, Sarri godrà di una sorta di Deschamps, 50,
pacità di guardare avanti – ha guardi ambiziosi con giocatori ma fu «tradito» dall’iniziale priorità. Certo, l’ex tecnico del (c.t. Francia)
detto Andrea Agnelli ieri sera a di primaria importanza. Tutta- armistizio con Conte. I vertici Napoli non ha risparmiato cri- 5) Simone
un evento -. Si vive nell’oggi, ma via l’incarico da c.t. gli assicura juventini ne hanno sempre ap- tiche al mondo bianconero. Ma Inzaghi, 43,
proiettati nel domani e dopodo- un futuro di grande prestigio e prezzato le doti di tecnico abile non basta ciò per considerarlo (Lazio)
mani». Cambiare prima di es- senza particolari rischi. Non è nel motivare i giocatori. E l’ul- un nemico. 6) Mauricio
sere costretti a farlo, aforisma di I TIFOSI SICURI: detto che si metta in discussio- tima impresa con il Bologna lo Pochettino, 47,
riferimento in società, è di nuo- PER IL DOPO MAX ne e che la Juve lo consideri conferma. Potrebbe liberarsi Gli altri (Tottenham)
vo d’attualità: anche una even- l’uomo giusto per questa fase. facilmente dal club emiliano, Invece José Mourinho non ap- AFP/GETTY
tuale scelta di Antonio Conte
RIVOGLIONO CONTE eppure non appare in cima alla pare in corsa proprio per i suoi
sarebbe sfida per il futuro, non Chance Inzaghi lista dei preferiti. Evidente- polemici precedenti ai tempi
nostalgia. Guardare indietro in- ● Quasi 8.000 votanti per il Simone ha appena vinto la mente è quello che può essere del Triplete. Inarrivabile Guar-
vece è esercizio per commenta- sondaggio lanciato dal Coppa Italia, confermando le scelto con maggiore facilità. diola (per ora), anche Pochet-
tori e statistici, che Allegri cor- nostro sito sul successore di sue doti di tecnico pragmatico tino risulta costoso (clausola
dialmente odia ma finisce per Allegri sulla panchina della e abile nel motivare il gruppo. Sfizio Sarri da 30 milioni). Quindi la Juve è
citare spesso. Quei numeri di- Juventus. Il 32% vorrebbe Ha dalla sua anche un feeling Con il Napoli, da rivale, il tecni- sempre più attratta dal Made in
cono che, nella storia della Ju- un ritorno di Antonio Conte, particolare con Fabio Paratici, co toscano ha anche vinto allo Italy in panchina.
ventus, è stato l’allenatore con mai dimenticato. Solo il 7.8% suo conterraneo e amico sin Stadium. Il profeta del bel gioco © RIPRODUZIONE RISERVATA
la miglior media punti (2,41) e il avrebbe preferito un altro dai tempi del Piacenza. Ha an- sa come valorizzare i suoi or-
primo a vincere cinque scudetti
di fila. Tra qualche anno, chi
anno con Allegri in panchina cora un altro anno di contratto
con la Lazio e non è detto che
chestrali. E la Juve ha bisogno di
una ventata di calcio-spettaco- s TEMPO DI LETTURA 3’22”
4 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 5

Primo piano/LO SCENARIO

Il futuro di Max
Il passo indietro Il borsino
BAYERN MONACO
5%
RIMANE
FERMO

e ora una pausa


60%

Ma Buffon lo tenta
Addio fisiologico, ha scritto ai confidenti
Ha pesato il fuoco amico post Madrid INTER
5%
PSG
30%
di Alessandra Bocci GDS

E’
andata così, non po- giato ai box dalla prossima sta- L’ambiente juventino non ha sato la considerazione di un
teva andare diversa- gione, al momento non ha pro- mai amato Allegri: lo ha accol- rapporto di fiducia che non era
mente, forse. Gli poste né pare smanioso di cer- to con le sassate, lo ha suppor- più lo stesso. «Un addio fisio-
amici, quelli che gli carne. Dicono che Buffon stia tato finché vinceva, ha mugu- logico», ha detto lui agli amici.
vogliono bene dav- insistendo per portarlo a Pari- gnato quando perdeva. Un at- Dopo tanti anni, tante batta-
vero, glielo dicevano da tempo: gi. Dicono che abbia il profilo teggiamento logorante, e forse glie e tante cicatrici. L’addio al-
«Sganciati, pazienza se ci per- giusto per il Bayern. Lui non questa mancanza di affetto ha la squadra è stato emozionan-
di dei soldi». E Massimiliano dice niente. E’ un po’ sereno e pesato più di quanto si possa te, così come l’abbraccio con
Allegri da Livorno alla fine ha un po’ svuotato in fondo a una pensare sull’atteggiamento di Ronaldo. Allegri è sereno, sa
metabolizzato e messo in pra- stagione lunga e arricchita di Allegri. che defilarsi è la scelta miglio-
tica un pensiero che gli girava colpi di scena non richiesti in re. Al Milan restò un anno in
in testa da settimane: «Rima- Champions League. Prima la Il passato insegna scadenza di contratto e non fu
nere, perché? Per essere anco- sconfitta con l’Atletico, poi la Ha pesato l’atteggiamento osti- una grande idea, né per lui né
ra il capro espiatorio nella rimonta spettacolare, quindi la le di parte del pubblico, ha pe- SerenoMassimiliano Allegri, 51 anni, è arrivato alla Juve nel 2014 dopo aver per il Milan. Questa volta è an-
prossima stagione?». Il rap- sconfitta con l’Ajax, le critiche, sato l’idea di non poter fare di vinto un campionato con il Milan. In Serie A ha allenato anche il Cagliari. Con data diversamente. Dopo cin-
porto con Andrea Agnelli è ot- il disamore che affiorava. più con questa squadra. Ha pe- la Juve, ha vinto 5 scudetti e ha raggiunto due finali di Champions League AFP que scudetti vinti, si può anche
timo, un rapporto di fiducia e pensare di farsi da parte. E di
stima, ma troppe cose non sentirsi liberi, un po’ più legge-
quadravano. Allegri credeva ri.
che la Juve dovesse ripartire
davvero, prendere consapevo- #PANINIGIRO102 Al mare
lezza del fatto che alcuni pro- Che cosa farà adesso Allegri?
tagonisti sono sul viale del tra- www.panini.it Andrà sul mitico gommone a
monto e bisognerà pensare a Livorno, a campionato finito.
sostituirli prima o poi. Soprat- Avrà più tempo per i figli, per
tutto, ha capito che il clima la compagna Ambra. Sta medi-
non era più lo stesso. Dopo la tando di comprare una casa
sconfitta con l’Atletico Madrid sulle Dolomiti e anche per
è partita la fronda in alcune questo ci sarà bisogno di giorni
componenti societarie e Alle- e attenzione. Poi aspetterà il
gri non poteva fingere di non momento giusto per rientrare,
sapere. Molti lo immaginano perché nelle scelte di tempo
completamente impermeabi-
le, aziendalista, pronto ad in- LA CORSA ROSA Allegri è sempre stato bravo e
fortunato. La Juve dopo l’eso-
goiare qualsiasi cosa. Non è co-
sì. Alla fine, avanti il prossimo. IN FIGURINE E CARD nero dal Milan arrivò all’im-
provviso, al contrario di questo
Allegri è arrivato alla Juve al- addio annunciato. «Verrà ad
l’improvviso e all’improvviso, allenare il Monza? Non cre-
forse, se n’è andato. do», ha detto Silvio Berlusco-
ni. Magari il suo braccio destro
Via d’uscita Adriano Galliani Allegri lo ri-
Serviva una exit strategy, per prenderebbe anche volentieri,
tutti. E’ stata trovata, magari perché il rapporto è rimasto
non indolore, perché alla Juve I CAMPIONI IN FIGURINA intenso e affettuoso, ma il
costerà. Allegri resta parcheg- Monza non rientra nei piani.
LE CITTÀ IN ROSA Nulla rientra nei piani di Alle-
gri, che dopo la rimonta con
A «STRISCIA» LE CARD DELLE 21 TAPPE, l’Atletico sembrava un uomo
DELLE BICICLETTE E DELLE svuotato e stanco. Perché le vo-
MAGLIE DI TUTTI I TEAM ci contrarie in società si erano
«Dopo di me? levate già dopo la partita di an-
data e il ritorno trionfale non
Arriverà bastava a medicare la ferita.
un grande» COLLEZIONA E VINCI Dopo tot scudetti e due finali di
LA MAGLIA ROSA Champions League, Allegri
pensava di aver diritto a un mi-
nimo di credito in più. Essendo
Concorso valido dal 17/04/2019 al 30/06/2019.
Montepremi complessivo €6371,25 iva inclusa.

un risultatista, come si suol di-


re, sapeva che i risultati sono
Regolamento completo su www.panini.it

padroni, ma un conto è ragio-


nare e un conto sentire. Adesso
LE LE
Allegri starà al mare, o in cam-
LE
MAGLIE BICICLETTE TAPPE
pagna, o in città, dipende dai
giorni. E se Buffon davvero
vorrebbe vederlo a Parigi, pare
che anche il Bayern sia una
possibilità, e magari l’Inter.
L’opzione più probabile è la ri-

IN TU TT E LE ED IC OL E
● Tapiro d’oro per Max: flessione. Fermarsi sugli scogli
ieri l’inviato di «Striscia la piatti appena fuori Livorno e
notizia» Valerio Staffelli lo sentirsi il sole in fronte.
ha consegnato ad Allegri, © RIPRODUZIONE RISERVATA

che ha detto: «Dopo di me


arriverà un grande».
s TEMPO DI LETTURA 3’28”
6 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Primo piano/IL PERSONAGGIO

CINQUE ANNI AL TOP


COSÌ IN TUTTE LE COMPETIZIONI I TROFEI I FEDELISSIMI DI MAX I TECNICI JUVE NELLA STORIA
Sconfitte Vittorie GIOCATORI CON PIÙ PRESENZE PER PUNTI A PARTITA IN SERIE A
36 191

Supercoppa Italiana

Supercoppa Italiana
GIOCATE
185 2,41
183 2,39
269
Coppa Italia

Coppa Italia

Coppa Italia

Coppa Italia
BONUCCI ALLEGRI
180 2,29
Scudetto

Scudetto

Scudetto

Scudetto

Scudetto
CHIELLINI 1° CONTE 1°
DYBALA CARCANO
Pareggi % VITTORIE 2° 2°
42 71% 2014-15 2015-16 2016-17 2017-18 2018-19 3° 3°

Allegri, un vincente... mai amato


La strana parabola di Max: ha ottenuto 11 titoli ma non l’affetto dei tifosi
di Fabiana Della Valle

C’
eravamo tanto amati, mentari se l’arbitro non avesse
o forse non ci siamo CINQUE CAMPIONATI PER CINQUE SCUDETTI fischiato un rigore al 93’, trasfor-
amati mai. Dev’esse- mato da Ronaldo. Il resto è storia
re scritto nelle stelle recente: lo scudetto numero 8
di Massimiliano Alle- consecutivo e numero 5 di Max,
gri, uno che arriva, vince e se ne
va senza lasciare il segno nel
1 2 3 ma per la prima volta Allegri ha
fallito in Coppa Italia e ha offerto
cuore dei tifosi. Era successo al un rendimento europeo inferio-
Milan, dove riportò lo scudetto re alle attese nonostante l’acqui-
dopo tanti anni, è andata più o sto di CR7: 4 sconfitte e la triste
meno allo stesso modo alla Juve, eliminazione ai quarti con
anche se l’addio è stato meno l’Ajax. Prima c’era stato il 2-0 del
traumatico. Wanda, che ha segnato il futuro
del tecnico. Quella sera si ruppe
Fischi e successi qualcosa tra Allegri e la società.
Da Milano se ne andò senza es- Da qui la decisione di non scen-
sere rimpianto, a Torino si è pre- dere a patti con la Signora, al
so i fischi fin dal primo giorno e contrario di ciò che era accaduto
non è riuscito a conquistare dopo Cardiff: Max aveva manife-
l’ambiente nonostante 5 scudet- stato insoddisfazione, ma Agnel-
ti, 4 Coppe Italia e due finali
(perse) di Champions. Strana la 4 5 li lo aveva convinto a restare of-
frendogli un sostanzioso rinno-
parabola bianconera di Allegri, a vo. La storia, però, insegna: Alle-
cui si può rimproverare tutto gri ha preferito dire addio
tranne di non essersi allineato al piuttosto che rimanere da sop-
motto societario: «Vincere non è portato. E rischiare di fare la
importante, è l’unica cosa che stessa fine dell’ultimo anno al
conta». Max lo ha fatto, ma per Milan, quando firmò controvo-
molti non è stato abbastanza. Il glia e qualche mese dopo venne
problema, per Allegri, è che con esonerato.
l’arrivo di Ronaldo la Cham-
pions è diventata una priorità e Imprese e critiche
in Europa in stagione la Juve ha Cinque scudetti 1) L’ultimo titolo festeggiato dopo la vittoria sulla Fiorentina il 20 aprile scorso 2) Il primo scudetto bianconero di Allegri, il 2 maggio 2015, Di lui resteranno, oltre agli 11
fallito, facendo venire qualche battendo la Samp e con 4 turni d’anticipo 3) Lo scudetto 2016 vinto il 25 aprile: decisivo il successo della Roma sul Napoli a 3 partite dal termine 4) La Juve batte trofei, anche le grandi partite: il
dubbio sia al tecnico sia alla so- il Crotone ed è campione d’Italia 2016-17 con un turno d’anticipo 5) Il 13 maggio 2018 è scudetto dopo il pareggio di Roma, con un turno di anticipo GETTY/ANSA 3-0 al Barcellona nel 2016-17, il
cietà, oltre che ai tifosi. 3-0 all’Atletico negli ottavi di
pions con la finale di Berlino che e ogni sconfitta è diventata accarezzato, con la finale di Car- quest’anno, i successi a Old Traf-
Fantasma di Conte persa col Barça. Eppure Max non una gogna. Eppure lui nei mo- diff persa col Real. Il colpo è du- Sopportato ford con lo United di Mou e a
E così si è arrivati al divorzio,
consumato in una mattina ug-
è mai riuscito a staccare il poster
del vecchio e amatissimo con-
menti di burrasca ha sempre tro-
vato le risorse per tirarsi fuori
rissimo, ma la Juve ripartirà e Al-
legri festeggerà il quarto scudet- Prima il Wembley col Tottenham di Po-
chettino, ma anche l’impresa
giosa di metà maggio e in un’at- dottiero, che dopo ogni vittoria dai guai: come nella seconda an- to di fila, stavolta conquistato in fantasma Conte, sfiorata col Bayern di Guardiola.
mosfera surreale, a due giorni
dalla festa scudetto. Surreale era
si batteva il petto sotto la Sud. Lui
è sempre stato giudicato troppo
nata, quella del black-out inizia-
le, quando la Juve restò staccatis-
volata con il Napoli. Da una parte
il gol tricolore di Higuain all’In-
poi la mancanza Chissà se verrà ricordato più per
questo o per l’etichetta di tecni-
stato anche il primo impatto col tiepido e con un pedigree troppo sima fino al derby, quando Cua- ter, dall’altra la delusione per del bel gioco co pragmatico e aziendalista,
mondo Juve, quando la tifoseria poco bianconero, nonostante il drado segnò lanciando la rimon- l’eliminazione nei quarti di Cop- mai vissuta in senso negativo.
non lo voleva. Allegri subentrò a poster di Platini in camera. E con ta. Altro scudetto, altra Coppa pa col Real. «Nel calcio conta il risultato, per
Conte il 16 luglio 2014, dopo le il passare degli anni i tifosi han- Italia e Champions sfumata negli Distanza lo spettacolo c’è il circo». Fedele
improvvise dimissioni del pre-
decessore, e la prima stagione fu
no cominciato a rimproverargli
pure la mancanza di bel gioco.
ottavi col Bayern. L’estate suc-
cessiva (2016) arrivarono Hi- Frattura a Madrid Dopo il k.o. al suo modo di vedere il pallone,
fino alla fine.
subito trionfale: scudetto in guain e Pjanic e la Juve proseguì Eppure quella partita era stata con l’Atletico al © RIPRODUZIONE RISERVATA
Grande rimonta
scioltezza, successo in Coppa la sua marcia trionfale in Italia: uno dei capolavori allegriani: tre
Wanda qualcosa
Italia (che mancava dal 1995) e
splendido percorso in Cham-
Lo scetticismo di fondo lo ha
esposto costantemente alle criti-
altro doblete, mentre la Cham-
pions è di nuovo solo un sogno
reti al Bernabeu, che sarebbero
bastate per andare ai supple- si è rotto s TEMPO DI LETTURA 3’48”

Le reazioni

Galeone: «Era una storia finita


Gli auguro di andare al Psg»
E sui social: «Ora ringraziamolo»
I detrattori fanno festa, ma aumentano le voci di chi gli rende merito:
«Sia applaudito contro l’Atalanta». Il suo mentore: «Scelta giusta»
Maestro e allievo Giovanni Galeone, 78 anni, Massimiliano Allegri, 51, e A sostegno Uno striscione a
di Jacopo Gerna Adriano Galliani, 74, al Forum di Assago nel periodo rossonero di Max LAPRESSE favore di Massimiliano Allegri

M
ai nella storia recente una volta divisi Su Twitter sono trovati presto in minoran- quelli che avevano più di un costruito i suoi trionfi, l’Allianz che si andasse verso una sepa-
del calcio si era visto l’hashtag #Allegri è rimasto sal- za. dubbio. Dopo cinque anni, dico Stadium. E tra i tifosi si tocca razione. E in effetti la notizia
un tecnico così vin- damente in testa ai trend topic grazie a un grandissimo. 11 tito- con mano la voglia di ringrazia- non lo ha colto di sorpresa.
cente che dividesse fino a metà pomeriggio. «Fi- Riconoscenti li, le rimonte, le invenzioni, le re l’allenatore. «Per tutto quello «Credo che abbia fatto la scelta
l’opinione pubblica nalmente i giocatori più forti La risalita dell’hashtag #Grazie- battaglie, i sogni. E la partita che ci ha fatto vincere e le parti- giusta, quella con la Juve era
più di Massimiliano Allegri. come Dybala, Cancelo e Dou- Allegri testimonia che sono in contro l’Atletico: una delle più te memorabili di questi 5 an- una storia ormai finita. Cosa
Non gli sono bastati 11 trofei in 5 glas Costa possono stappare lo molti i tifosi che lo ringraziano. belle della mia vita».«Grazie ni». dovrebbe fare in futuro? Perso-
anni (con due finali di Cham- spumante». «Adesso si potrà Un po’ come quando vorresti mister x tutto quello che hai fat- nalmente spero che vada al Pa-
pions perse, nel 2015 e nel 2017) tornare a guardare le partite che una fidanzata un po’ rom- to per la Juventus. In bocca al Il mentore ris Saint Germain».
per conquistare parte dell’esi- della Juve e a divertirsi. Allegri piscatole ti mollasse, ma quan- lupo per il tuo futuro». Domani Giovanni Galeone, maestro di © RIPRODUZIONE RISERVATA

gentissimo popolo della Juven- finalmente out». «L’oppressio- do si decide a farlo ti ricordi tut- sera ci sarà l’ultima partita di Massimiliano Allegri, da tempo
tus. E ieri, giornata del divorzio
ufficiale, i tifosi si sono ancora
ne è finita, viva la rivoluzione».
Ma per una volta i detrattori si
ti i momenti belli trascorsi in-
sieme. «Quando arrivò ero tra
Allegri in quello che per 5 anni
è stato il fortino in cui Max ha
era convinto che il rapporto con
la Juventus si fosse logorato e s TEMPO DI LETTURA 1’45”
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 7

Cambiago, Milano - Italia - colnago.com - #labicicletta


8 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Primo piano/VISTO DAL PORTOGHESE

Cristiano in attesa
bianca e nera, ormai senza stri-
sce. Non significa che sia lui a
decidere della vita e della morte
di un allenatore con movimento
del pollice, ma i dirigenti bian-

Adesso alla Juve


coneri sceglieranno comunque
qualcuno che vada a genio al
portoghese. Un tecnico capace
di creare l’ecosistema migliore
I NUMERI
per farlo scatenare e per sfrut-

chiede più qualità 28


tarlo fin quando è nella piena
efficienza fisica. Tra Alex Fer-
guson, un secondo padre, e Max
Allegri, Cristiano ha incrociato
cinque differenti tecnici nella
casa reale di Madrid. Con alcuni i gol

Ieri ha abbracciato Allegri: c’è feeling sono volati i coltelli: ad esem-


pio, il feeling con Mou si è tra-
della prima
stagione

tra i due, ma CR7 chiede un gioco offensivo sformato pian pian in antipatia
reciproca (che sopravvive anco-
ra), mentre con Rafa Benitez è
juventina
di Ronaldo in 42
partite: 21 in
di Filippo Conticello andata malissimo fin dall’ini- campionato, 6 in
zio. Con altri, invece, è stata una Champions

S
eduto sul trono nella Cristiano non ha mai amato lui, Cristiano sbraccia in forma lunga luna di miele: ancora oggi League e uno in
precollina torinese, giocare in squadre troppo at- plateale. È rimasto il bambino a dice agli amici che non gli di- Supercoppa
Cristiano Ronaldo ha tendiste, chiede sempre ai com- cui viene strappata la palla al spiacerebbe tornare tra le mani Italiana
osservato le ore più pagni lo stesso suo impeto. Quel parco. Lo sbracciare, però, è di- di Ancelotti, al momento felice

30
caotiche della recen- movimento infastidito delle ventato più teatrale e nervoso sul golfo di Napoli, mentre con
te storia bianconera con calma braccia è quasi un riflesso invo- nell’ultimo periodo: è cresciuto Zidane Ronaldo ha condiviso la
ieratica, come si confà ad un so- lontario: quando le cose non assieme alle paure dei bianco- parte più ruggente della carrie-
vrano. Ne ha viste troppe per le vanno (esattamente) come dice neri in Champions. Ronaldo è ra. Questa sua annata con Max
strade del calcio, non può rima- riuscito una volta nel prodigio, gli ha, invece, fatto venire alla
nere stupito dell’addio a un al- non due: ha salvato la squadra mente il primo controverso an- le presenze
lenatore vincente. Al di là del-
l’immagine che a volte lascia già preso contro l’Atletico, ma si è arreso
davanti all’ipnosi dell’Ajax. Per
no madrileno: Mauricio Pelle-
grini fece flop in Champions e
in campionato di
Cristiano, con
trasparire, CR7 conosce la divi- CR7 quella doppia sfida è il pa- in Liga toccò il record di 96 pun- 2774 minuti
sione dei ruoli, si fida dei mana- Ramsey, blitz a Torino radigma di tutto ciò che non ha ti. Non abbastanza di fronte al giocati. Il
ger che lo hanno portato alla Ju- funzionato e indica tutto ciò che primo, incredibile, Barça di portoghese
ve. In ogni caso, non è stato lui a dovrà essere migliorato l’anno Pep. Ronaldo, quella stagione è il più presente
remare contro Max, anzi ieri il prossimo: servono più qualità infortunato per un mese e mez- della rosa,
re ha abbracciato l’allenatore attorno e più palloni in area. In zo, non era certo un fedelissimo davanti anche
che annunciava l’addio alla generale più coraggio: che sen- dell’ingegnere cileno, ma trovò a Szczesny
squadra. In questi primi mesi so ha comprare un’arma mici- comunque un giusto equilibrio:
italiani Ronaldo ha scoperto e diale se poi manca l’innesco? La ne apprezzò lo stile, reputò in-
apprezzato la ruvidezza di Max: colpa, però, per CR7 non è ri- giusto il bombardamento di cri-
la schiettezza era a volte manca- conducibile solo all’allenatore tica e tifosi. In un giorno di
ta ai suoi tecnici del passato. risultatista. maggio abbracciò anche lui: no-
ve anni dopo rieccolo qui.
Il paradigma Cristiano e i tecnici © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’affetto era sincero, ma è since- ● Visita a Torino per Aaron Banale a dirsi: il peso specifico
ra pure una certa insofferenza
tecnica montata in primavera:
Ramsey: il neo-juventino ha
concesso un selfie a un tifoso.
di Cristiano è superiore a ogni
altro essere umano con casacca
La coppia Massimiliano Allegri, 51 anni, e Cristiano
Ronaldo, 34: hanno condiviso solo una stagione GETTY s TEMPO DI LETTURA 3’48”
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 9

Primo piano/IL MERCATO

D A S I C U R I P A R T E N T I A P O S S I B I L I R I P E S C A T I

Dybala Cancelo Douglas Alex Sandro


Se Allegri fosse Allegri lo aveva Costa Dopo
rimasto sarebbe bocciato dopo Reduce da una un’eccellente
andato via: una buona stagione molto stagione due
resterebbe partenza, il City negativa dentro anni fa, ha
volentieri, ma si è già mosso e fuori dal smesso di
dipenderà dal per acquistarlo, campo, il progredire.
progetto tecnico ma ora torna brasiliano era Saprà rilanciarsi
del nuovo tutto in sulla lista dei col cambio in
allenatore discussione partenti di panchina o
LAPRESSE LAPRESSE Allegri ANSA andrà via? GETTY

L Da Dybala a Douglas Costa


a Juventus ha biso- la posizione di Cancelo è da ri-
gno di vendere per mettere in discussione, anche
comprare. L’assioma se i bianconeri intravedono co-
era conosciuto da munque una possibile plusva-
Max, l’assioma sarà lenza: il City di Guardiola pare

In tanti tornano in gioco


conosciuto anche da chi pren- pronto a un assegno di 60 mi-
derà il posto di Max. Un merca- lioni. Certo, qualora arrivasse
to bianconero robusto in uscita un allenatore che ama avvolge-
prescinde dal nome dell’alle- re l’avversario, diventerebbe
natore, ma adesso è da esclu- difficile privarsi di Joao. Sul-
dere una rifondazione profon- l’altra fascia anche Alex Sandro
da della rosa: era una delle ri-
chieste di Agnelli al presidente I bianconeri hanno comunque bisogno di vendere ha da tempo perso il vecchio
feeling con Max: può restare,
Agnelli ed è stata considerata
irricevibile. Cambiare qualcosa
sì, vendere alcuni big pure, ma
Ma senza Allegri le posizioni di alcuni big cambiano anche se l’offerta giusta cam-
bierebbe di nuovo lo scenario.
Il suo connazionale Douglas
non si può mettere metà del- di Filippo Conticello e Jacopo Gerna Costa avrebbe, invece, messo
l’argenteria sul mercato. Di un like galeotto su una notizia
certo, senza Max, la valigia di riservato parole dolci per il suo to, anche negli ultimi tempi in un altro mancino di uguale dell’addio di Max: anche lui era
alcuni giocatori può essere al- L’esterno 10 in versione «tuttocampi- cui era finito ai margini del qualità in attacco. nella lista degli esodati e ora
meno riposta sul letto: da Dy-
bala a Cancelo, da Mandzukic a Cancelo era stato sta». E Paulo ha accettato di sa-
crificarsi nella Juve Cristianiz-
progetto allegriano. Adesso
Paulo e il suo staff attendono Altri con la valigia
non è certo dispiaciuto di cam-
biare tecnico. Più fluida la po-
Douglas Costa, tanti sembrava- bocciato da Max zata, anche se gli esiti non sono soltanto una convocazione di Cancelo era stata la freccia di sizione di Mario Mandzukic:
no già con un piede sulla porta,
ma di colpo potrebbero avere
Molto dipenderà stati certo memorabili. Ci sono
tentazioni in altri campionati,
Paratici per capire cosa succe-
derà. Molto dipende da chi ver-
Max nei primi mesi della sta-
gione, poi l’involuzione del
era sceso di parecchio nel gra-
dimento di Allegri: soprattutto
molte più possibilità di restare dal nuovo ma l’argentino non vuole a tut- rà scelto in panchina, ma una portoghese è diventata eviden- adesso, nonostante qualche
nella loro casa torinese.
allenatore ti costi lasciare la Juve per fare
un salto nel buio. Per Allegri,
partenza che appariva scontata
ora non lo è più. Resta per lui
te: Allegri ha rimproverato al-
l’ex Inter una certa incapacità
sondaggio dalla Cina, non vor-
rebbe lasciare Torino.
Una nuova Joya certo, avrebbe dovuto salutare, intrigante l’opzione Atletico di calarsi nel ruolo di esterno in © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paulo Dybala e Max Allegri non ma ieri lo scenario è definitiva- dove lo scettro che era di una difesa a 4. Fino agli ultimi
hanno mai litigato in maniera
teatrale: il tecnico ha sempre
mente cambiato. Di certo l’ipo-
tesi Inter non lo ha mai scalda-
Griezmann è rimasto senza
padrone e il Cholo ha chiesto
colloqui ha spinto per metterlo
in vendita. Va da sé che anche s TEMPO DI LETTURA 2’26”
10 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie A/L’INTERVISTA

UnCaffèCon...

L ’ I N T E R V I S T A
Vieri
«ALLA JUVENTUS SERVE
UN TECNICO D’ESPERIENZA
E CHE PORTI BEL GIOCO»
«Quest’anno non mi sono
divertito a vedere i
bianconeri. Il calcio italiano
deve crescere: è un bene
che ritorni Conte»
U SIVO
Bomber Bobo Vieri, 45
anni, in alto con
ESCL
di Mirko Graziano - MILANO
Costanza Caracciolo

ce, c’è grande pressione, da avrà completato un biennio «Troppo discontinue, e a certi Guardiola per la crescita del

A
quelle parti conta solo la vitto- positivo: darebbe continuità a livelli paghi ogni minimo ral- movimento inglese. Pep è un
ria. Serve allora tanta espe- un club che troppo a lungo è lentamento. Penso anche alla fenomeno, il più grande oggi
rienza. Comunque vorrei ve- rimasto fuori dal calcio che Lazio che a un certo punto con Klopp».
dere la Juve giocare molto me- conta. L’Inter non può restare sembrava quella messa meglio
glio. E non mi interessano si- fuori dalla Champions, e Lu- per produrre l’accelerata deci- 3 Se l’aspettava un Sarri così?
stemi o tattiche varie, da tifoso ciano ha rimesso le cose a po- siva e invece è incappata in «Lui e Conte predicano un cal-
I NUMERI del calcio italiano vorrei qual-
cosa in più, perché quest’anno
sto». tanti stop inaspettati. Ma la vit-
toria in Coppa Italia dà tutto
cio moderno, adatto a compe-
tere ai massimi livelli. È ciò che
HA DETTO
non mi sono divertito a veder 3 Sorpreso dall’Atalanta? un altro sapore alla stagione». serve al nostro movimento per

6
giocare i bianconeri. Juve, Mi- «No, perché è forse la più in- recuperare terreno. Non ci
ncora qualche giorno a Miami, lan e Inter hanno il dovere di ternazionale delle italiane. 3 Come giudica la stagione del mancano i tecnici, serve però
poi Bobo Vieri rientrerà in Ita- essere anche belle, lo impone Pressa altissimo, ha grande in- Torino? un salto di qualità mentale ge-
lia per preparare la «sua» la loro storia». tensità, ti sta sempre addosso, «Squadra finalmente solida. nerale. E sarebbe bello rivedere
estate, quella della Bobo Sum- viene a prenderti nella tua Paga la continuità di lavoro con in Italia proprio Sarri». Kean è
i trofei mer Cup: beneficienza e tanto 3 Che voto diamo alla prima area. Decisivo Gasperini, un la- Mazzarri. E l’anno prossimo forte forte.
vinti da Vieri: divertimento a luglio sulle stagione italiana di Ronaldo? voratore devastante: ti spacca sarà meglio, magari con un Be- 3 Lippi è stato il Klopp degli L’Italia sta
1 scudetto, 1 spiagge insieme agli amici di «E io dovrei dare il voto a uno in settimana, e in partita gio- lotti sempre al top. Voglio che Anni 90-2000?
Intercontinentale sempre. Intanto, il commenta- che in carriera ha segnato più chi come ti alleni. L’Atalanta è segni di più. Mi piace: lui si al- «Calma, Klopp deve farne an-
crescendo
e1 tore di punta di BeIn Sports se- di 600 reti, vincendo cinque un modello. Il salto di qualità lena duramente, ha cuore. Po- cora di strada per arrivare a bene,
Supercoppa gue da vicino la fine della sta- Champions? Se lo facessi do- sarebbe totale in caso di trà essere utile alla Naziona- Lippi (sorride, ndr). Ma è vero sono molto
europea con la gione. Con un occhio di ri- vrei assegnare a me stesso “ze- Champions. Sono felice, sono le...». che Lippi praticava un calcio fiducioso
Juventus; 1 guardo per la Serie A. ro” in pagella. Cristiano va rin- un tifoso dell’Atalanta, è lì che “sconosciuto” avendo messo a per
Coppa Coppe e graziato per avere scelto la Se- di fatto è nato il vero Bobo Vie- 3 A proposito di Nazionale, punto una corazzata terrifi- l’Europeo
1 Supercoppa 3 Vieri, pare che Antonio rie A. Tutto il mondo oggi ci ri». che ne pensa di Kean? cante anche a livello fisico.
italiana con la Conte torni in A. guarda soprattutto per Ronal- «È forte forte. Ha carattere ed è Eravamo cortissimi e pressava-
Lazio; «Sarà un grandissimo acquisto do. Ci sta dando una grande 3 Milan e Roma rischiano di ancora un bimbo. Se Mancio lo mo al limite dell’area avversa-
1 Coppa Italia per il nostro calcio, a prescin- mano a risalire a livello di im- restare fuori, dove sono man- ha messo in campo così giova- ria. Mangiavamo erba e avver-
con l’Inter dere da dove andrà. Antonio è magine. Anzi, vi dico una cosa: cate? ne siamo in una botte di ferro. sari».
un lavoratore, propone un cal- quando smetteranno di gioca- Si sta muovendo qualcosa di

23
Con Stella è
cio fatto di velocità, intensità e re Ronaldo e Messi, prenderò
T E S T I M O N I A L
concreto in azzurro e io sono 3 Un rivoluzionario? cambiata
idee tattiche ben precise. Si ag- la tv, la butterò dalla finestra e molto fiducioso per l’Euro- «Il rivoluzionario fu Sacchi, la mia vita,
giorna costantemente, non è me ne andrò al cinema (ride, peo». Lippi alzò l’asticella sotto tutti i
mai fermo. Con uno così sul ndr) per divertirmi».
la gioia più
punti di vista. Il suo calcio era
mercato è normale fare follie. È Gli sketch di Bobo 3 E il suo amico Petagna? di un’intensità unica». grande.
3 Al di là dei due marziani, chi Prima ero
i gol
segnati da Vieri
andato in Premier e al primo
anno ha vinto il campionato, accende la fantasia di Vieri?
in una campagna «Ha segnato 16 gol, gli do 8,5
in pagella. Ma deve mettere la 3 Vieri, come prosegue la vita solo e
in 49 gare con la poi si è portato a casa pure una «Mi piace da morire Neymar, pubblicitaria maglia dentro i pantaloncini e da papà? facevo ciò
Nazionale, FA Cup. È difficilissimo impor- prende tutti per i fondelli con tirare di più in porta: glielo ri- «Stella è la più grande gioia che volevo
disputando due si subito in un altro Paese. Ora una qualità impressionante. ● Parte oggi la nuova peto ogni volta al telefono...». della mia vita, un regalo mera-
Mondiali e un l’importante è mettergli in ma- Poi, c’è Mbappé e sono curioso campagna italiana viglioso. Mi diverto a stare con Bobo Vieri
Europeo no un progetto serio, di alme- di vedere eventualmente Ha- #ShaveLikeaBomber di 3 Quattro inglesi nelle finali lei, a tenerla fra le braccia. È 45 anni
no 3-4 anni. E in questo senso zard nel Real Madrid». Gillette, con protagonisti europee: cosa significa? cambiata completamente la
che l’Italia deve fare il salto di Bobo Vieri e Costanza «Che il calcio inglese è oggi il mia vita: prima ero solo e face-
qualità. Qui si disfa ogni cosa 3 Volata Champions in Italia: Caracciolo. Gli sketch ci massimo, anche e soprattutto vo ciò che volevo, ora ho Stelli-
in un attimo, spesso senza ra- è bagarre vera. raccontano di Bobo mentre grazie all’apporto dei tecnici na e non vedo l’ora di tornare a
gionare». «Voglio prima di tutto parlare si destreggia in situazioni stranieri che hanno migliorato casa...».
dell’Inter e in particolare del quotidiane: dalla camminata a livello tattico e gestionale un © RIPRODUZIONE RISERVATA

3 La Juve e Allegri si sono se- mio caro amico Spalletti, un sulla sabbia bollente alla calcio che fisicamente era già
parati. Chi al posto di Max?
«Guidare la Juve non è sempli-
grandissimo allenatore. Se
centrerà la zona Champions
preparazione di una valigia. devastante. Senza contare
l’importanza che ha avuto s TEMPO DI LETTURA 4’51’’

Se Spalletti centrerà la Champions avrà completato un


biennio molto positivo. Milan e Roma troppo discontinue
BOBO VIERI
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 11
12 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie A/ IL CASO

Braccio di ferro
Icardi giura fedeltà
«Io rimango qui»
123
le reti di Mauro Icardi con la
maglia dell’Inter: in questa stagione
16 fra tutte le competizioni

Ora la pressione Bomber


Mauro Icardi,
26 anni, è nato a

passa sull’Inter
Rosario (Arg)

Il centravanti via social: «Questa è la mia


famiglia». È una strategia in ottica mercato
di Valerio Clari

S
e una cosa si è capita, vi, ma il marito ribadisce: «Più punto però, potrà avere voce in piace a Conte, è in uscita dalla
nei due mesi di caso-
Icardi e di auto-esilio
che chiarire le cose personal-
mente non posso fare. L’Inter è Instagram capitolo sui termini della par-
tenza e della destinazione, con
Il piano di Mauro
Non «subirà»
Roma e apprezza il progetto.
Per averlo non è necessario un
sul lettino dei mas- la mia famiglia. Il tempo dirà la preferenza ormai assodata investimento «monstre»: non
saggi, è che quando chi ha detto la verità». Il tempo «La mia famiglia» per una soluzione italiana e di una cessione, serviranno insomma i soldi
Mauro prende una decisione,
fargli cambiare idea non è cosa
arriverà dopo aver chiuso la sta-
gione e ufficializzato la questio-
alto livello (non sono molte...).
Una trattativa con la Juve sareb-
minaccia il muro della cessione di Icardi. Quelli
verranno reinvestiti su un altro
facile. E che le sue dichiarazioni ne allenatore: a quel punto si be complessa e forse impopola- contro muro centravanti con Lukaku in cima
d’amore, di guerra, di pace pas- aprirà il file Icardi, e le carte re, ma la vecchia ipotesi dello alla lista dei desideri (50-60 mi-
sano sempre dai social. Così, verranno svelate. scambio con Dybala non è da lioni per il cartellino, ma pesa
quando ieri ha postato una foto archiviare frettolosamente, Lo scenario anche l’ingaggio), Zapata in di-
Strategie
molto interista su Instagram,
accompagnandola da un mes- Intanto Mauro si è portato
perché risolverebbe «proble-
mi» a tutti, o quasi. Più diffici- Il club cerca due scesa (l’Atalanta vuole 40 mi-
lioni) e Timo Werner possibile
saggio in polemica con la stam- avanti, facendo un nuovo passo le, ma non impossibile, ipotiz- punte, lo scambio nome a sorpresa. Il tedesco, 23
pa, qualcuno in società ha vir-
tualmente indossato l’elmetto.
in quella che da tempo sembra
la sua strategia. Ribadendo la
zare un nuovo braccio di ferro,
con il clan Icardi pronto a rifiu-
con Dybala non è anni, ha un contratto col Lipsia
in scadenza nel 2020. Il Bayern
Ci sarà da battagliare, non sarà sua volontà di restare, anche di ● Questo il post con cui tare ogni destinazione, anche da archiviare sembra la destinazione «natu-
un’estate facile sul fronte cen- fronte alla possibilità di non es- Mauro Icardi verso le 14 di ieri col rischio di finire ai margini di rale» e pareva vicino a chiude-
travanti. Icardi, fra le altre cose, sere più centrale o desiderato ha voluto rendere pubblica la questa Inter. La certezza, co- Sostituti re, poi una frenata forse strate-
ha scritto: «Ci tengo ad infor- nel progetto tecnico del vecchio sua volontà di restare all’Inter, munque, è che la contestazio- L’Inter intanto fa i piani per il gica, in vista della finale di cop-
mare i nostri tifosi che ho più e del nuovo allenatore, getta il definita«la mia famiglia». A ne, prima della Curva e poi del- futuro senza Icardi: lavora in- pa fra Lipsia e Bayern del 25
volte comunicato alla società la pallone nel campo «avverso», ieri sera la foto aveva l’intero stadio di San Siro (do- fatti sull’acquisto di due attac- maggio. Se i bavaresi non strin-
mia intenzione di rimanere al- quello dei dirigenti. Mette cioè incassato 300mila like. menica) non lo hanno toccato . canti puri (non esterni) per la gono dopo quella data, può tor-
l’Inter. Così da oggi in poi non si il club nella condizione di assu- Anzi, conta di avere ancora una prossima stagione. Uno arriverà nare d’attualità per l’Inter.
creeranno equivoci». Il mes- mersi la responsabilità di una buona fetta di tifosi dalla sua indipendentemente dalla riso- © RIPRODUZIONE RISERVATA

saggio è quello che già aveva fat- sua cessione. Tradotto: io voglio parte, arma «affettiva» da gio- luzione della questione sul cen-
to passare la moglie e agente
Wanda Nara dagli studi televisi-
restare, se me ne andrò sarà
perché mi avete cacciato. A quel
care in un eventuale contenzio-
so di mercato col club.
travanti, e tutti gli indizi porta-
no a Edin Dzeko. Il bosniaco s TEMPO DI LETTURA 2’ 52”

In rampa di lancio

Il futuro è Esposito, stella dell’Italia U17: no al Liverpool


L’Europa conquistata dalle punizioni una famiglia cresciuta a pane e
calcio prima a Castellamare di
nerazzurro di precocità nelle
coppe). Compaesano e amico
famiglia Esposito assicura che
il suo futuro è all’Inter. Il club si
di Sebastiano: blindato da un contratto Stabia, poi a Brescia e ora a Mi- di famiglia di Donnarumma, è tutelato con un contratto fino
fino al 2021. E i nerazzurri sono vicini lano, dell’Under 17 di Nunziata
è capitano e numero 10. In
con cui si vede anche a Milano,
all’Euro U17 Sebastiano ha
al 2021: il massimo possibile,
visto che i minorenni non pos-
ad Agoumè del Sochaux per 5 milioni campo a tratti agisce da rifini- confermato di essere uno dei sono legarsi per più di tre anni.
tore dietro a due punte, a tratti 2002 più interessanti del conti- Nella rosa di Nunziata gli az-
di v.cla. da punta: con i pari età sposta nente. Roberto Samaden, di- zurrini interisti sono cinque, e
equilibri, può fare tutti i ruoli rettore del settore giovanile, Sebastiano ha eliminato anche

S
i è presentato all’Eu- re contro l’Austria, un altro pe- d’attacco e gode di maggiori li- qualche anno fa portò lui, il quello che potrebbe presto di-
ropa con una puni- nalty con la Spagna e, in semi- bertà (pure di rientrare meno). fratello maggiore Salvatore (og- ventare un nuovo compagno.
zione da quasi 30 finale, una seconda punizione gi al Ravenna) e il 2005 France- Nella Francia c’era infatti Lu-
metri che sarebbe da applausi per piegare i fran- Conteso sco Pio (ora con i Giovanissimi cien Agoumè, centrocampista
un bijoux anche se cesi. Da fermo è praticamente Adesso in Europa parlano tutti di Chivu) all’Inter: ha bruciato centrale nato in Camerun ma
l’avesse tirata un trentenne. In- una sentenza, e in due occasio- di lui, non solo gli scout e i tifo- le tappe, ora punta nella finale con passaporto bleu. Gioca nel
vece gli anni di Sebastiano ni si è procurato in prima per- si interisti. Coi nerazzurri nella contro l’Olanda a dare all’Italia Sochaux, l’Inter è vicina a
Esposito sono sempre 16, men- sona i calci da fermo, costrin- seconda parte di stagione ha un titolo che manca dal 1982 prenderlo per 5 milioni.
tre le reti all’Euro Under 17 in gendo l’avversario al fallo gra- giocato con i più «grandi»: (quando era per U16). Intanto, © RIPRODUZIONE RISERVATA

corso in Irlanda già 4 in 5 gare. zie all’ottima conduzione di quasi sempre in Primavera, aggiunge ammiratori: dopo la
Dopo la pennellata contro la
Germania, una bomba su rigo-
palla e capacità di dribbling.
Esposito, secondo di tre figli in
Precoce Sebastiano Esposito, 16,
ha esordito in Europa League GETTY
una volta anche con l’Inter ve-
ra, in Europa League (record
corte del Psg è arrivata quella
insistente del Liverpool, ma la s TEMPO DI LETTURA 2’00”
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 13

Serie A/L’ANNUNCIO

L’Uefa promuove
i conti dell’Inter
Ma le plusvalenze
van fatte lo stesso
Il club è fuori dal settlement agreement
però entro giugno servono 40 milioni Steven Zhang Figlio di Zhang Jindong, patron di Suning, 28 anni, è presidente dell’Inter dall’ottobre 2018.
di Marco Iaria - @MARCOIARIA1 Il colosso di Nanchino ha rilevato da Erick Thohir la maggioranza delle quote nerazzurre nel giugno 2016 GETTY

E
ra nell’aria ma ades- catori per mantenere il saldo italiano (Antonello, Ausilio, degli ultimi anni, supportata da
so è ufficiale e l’Inter DI CHE COSA zero tra acquisti e cessioni. E, in Gardini) ha permesso all’Inter La gestione un approccio che è stato di tota-
può tirare un sospiro PARLIAMO primis, un riequilibrio contabi- di centrare via via gli obiettivi
È migliorata le adempimento alle regole im-
di sollievo, soprattut- le in modo da rientrare nel defi- intermedi del settlement, rela- poste. È importante che il club
to pensando agli ul- cit massimo dei 30 milioni in tivi al periodo 2015-18, facendo anche se l’Inter continui a rispettare il regime
timi anni di lacrime e sangue. Il
club nerazzurro è uscito dal re-
L’Uefa ha comunicato che
l’Inter è uscita dal regime
tre esercizi. È stato con l’arrivo
di Suning, nel giugno 2016, che
leva sulle plusvalenze, tenendo
a bada stipendi e ammorta-
dovrà rispettare di normale monitoraggio del
fair play finanziario Uefa e pro-
gime del settlement agreement del settlement agreement: è stata impressa la svolta. menti e coniugando il tutto col il fair play segua nella strategia di attenta
avendo soddisfatto tutti i requi- sottoscritto nel 2015 per i ritorno in Champions. I bilanci gestione finanziaria che ha ca-
siti dell’Uefa, ma chiariamo su- conti sballati del passato, ha Crescita parlano da soli: -60 milioni nel ratterizzato gli ultimi esercizi».
bito una cosa: l’Inter dovrà con- imposto ai nerazzurri Al di là delle iniezioni di denaro 2015-16, -25 nel 2016-17 e -17 Il mercato Passaggio non casuale: i tifosi
tinuare a seguire, come tutti i
club nel giro delle coppe euro-
grandi sacrifici per
rientrare nei parametri del
nel capitale, non rilevanti ai fini
del fair play ma vitali per la
nel 2017-18, l’ultimo esercizio
sotto questo monitoraggio spe- Meno lacci: non devono immaginare ades-
so che si possa investire a piaci-
pee, le prescrizioni del fair play fair play. L’Inter ci è riuscita continuità aziendale del club, il ciale. Escludendo le spese vir- lista libera e mento sul mercato.
finanziario. A cominciare dal
bilancio di questa stagione che,
aumentando i ricavi grazie
a Suning e agendo sulle
colosso di Nanchino ha propi-
ziato l’attivazione di una serie
tuose, l’Inter è rientrata nel
complessivo -30 del fair play e
niente saldo Conseguenze
per essere chiuso in linea con il plusvalenze, ma continuerà di contratti commerciali in Asia ha ricevuto disco verde dalla acquisti-cessioni Il meccanismo del fair play è a
break-even Uefa, dovrà regi- a sottostare, come tutti i che hanno contribuito all’im- Investigatory Chamber del Club ciclo continuo. Ciò significa che
strare circa 40 milioni di plu- partecipanti alle coppe, al pennata del fatturato, schizzato Financial Control Body dell’Ue- per l’attuale stagione l’Inter do-
svalenze entro il 30 giugno. E da fair play ordinario. Quindi a 297 milioni al netto delle plu- fa. Spiegano i nerazzurri in una vrà chiudere il bilancio in mo-
luglio ci sarà un po’ più di liber- plusvalenze da fare entro svalenze nel 2017-18 e superio- nota: «Questo dimostra la soli- do tale da rientrare, nell’ultimo
tà d’azione, però non è che si giugno e occhio sempre re a quota 350 in questa stagio- dità della società, la crescita del triennio, nel tetto di 30 milioni
potrà spendere e spandere con- attento ai conti per il futuro. ne. Il lavoro portato avanti negli club e il rafforzamento della sua di perdita. Come? I nerazzurri
tando sulle ingenti risorse di anni scorsi dal management posizione finanziaria nel corso entro il 30 giugno dovranno re-
Suning, perché resterà sempre alizzare consistenti plusvalen-
valido il principio cardine del ze, circa 40 milioni, anche per
fair play, quello dell’autosuffi- attutire gli effetti, in termini di
cienza del club: si spende solo maggiore spesa (circa 25 milio-
quanto si ricava, con una tolle- ni), della separazione da Spal-
ranza di 30 milioni di perdite letti che dovranno essere regi-
cumulate nell’ultimo triennio e strati nello stesso esercizio
lo scomputo dei costi per vivai e 2017-18. Dalla prossima stagio-
infrastrutture. ne ci saranno meno lacci sul
mercato, questo sì: niente più
Cronistoria limiti alla lista Uefa (25 giocato-
A causa dei conti sballati del ri come le altre squadre) e, so-
passato, l’Inter era stata costret- prattutto, addio al saldo acqui-
ta a firmare un settlement agre- sti-cessioni pari a zero che nel
ement, cioè una sorta di patteg- 2016, per esempio, aveva porta-
giamento, nel maggio 2015, sot- to all’esclusione di Gabigol, Jo-
to la gestione di Thohir, pro- vetic, Kondogbia e Joao Mario
mettendo all’Uefa il progressivo dall’Europa League. Inoltre,
rientro nei parametri. C’era una non ci saranno limiti sugli am-
montagna da scalare. Basti mortamenti. Ma il fair play ri-
pensare che tra il 2011 e il 2014 chiederà comunque un’atten-
l’Inter aveva accumulato perdi- zione alle spese sul mercato,
te per 275 milioni. L’Uefa ha im- quindi per i “cartellini” e gli sti-
posto una multa di 6 milioni pendi, che dovranno essere so-
(quella condizionale da 14 non stenibili in funzione dei ricavi.
è scattata per il successivo ri- © RIPRODUZIONE RISERVATA

spetto dei requisiti), rose ridot-


te per le coppe, restrizioni nel-
l’utilizzo europeo di alcuni gio- s TEMPO DI LETTURA 3’28’’

LA PAROLA NUMERI

Settlement
● Il settlement agreement è
il «patteggiamento» che
l’Uefa concede ai club che
hanno violato i parametri
del fair play finanziario:
pene più morbide rispetto a
275
i milioni di rosso
nel triennio 2011-14
L’Inter aveva accumulato in passato
quelle cui si potrebbe un deficit pesantissimo: da qui il

102
incorrere andando a settlement agreement con l’Uefa
processo (per esempio
l’esclusione dalle coppe), in
cambio dell’impegno a
rispettare una serie di
paletti, sia sportivi (rose
ristrette) sia economici
(pareggio di bilancio, tetto
stipendi e ammortamenti). i milioni di rosso
Due i club italiani sottoposti nel triennio 2015-18
in questi anni al settlement: La gestione nerazzurra è migliorata
Inter e Roma, entrambi nettamente. Scomputando le spese
usciti dal regime. in vivaio e infrastrutture, l’Inter è
rientrata nei limiti del fair play
14 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie A/MERCATO

Napoli e quegli indizi su Insigne


B O L O G N A

Mihajlovic

Ancora aperti tutti gli scenari


non sporgerà
denuncia
contro l’agente
Le frasi di De Laurentiis re nel futuro una idiosincrasia
con quei tifosi – che dico, che
con grande desiderio da Udine,
però poi fu giusto e corretto che
● BOLOGNA Sinisa Mihajlovic
ha deciso di non sporgere

e i silenzi di Raiola. non sono tifosi – non posso cer-


to obbligarlo a rimanere suo
scappasse via, dopo anni abbia-
mo scoperto cosa c’era sotto.
formale denuncia per
l’increscioso episodio

Di Natale: «Capisco
malgrado». Aggiungendo giu- Questo è un territorio straordi- capitato mercoledì a Roma.
sto per rafforzare il concetto: nario, secondo me il più ricco in Il tecnico del Bologna lo ha
«Più volte, quattro o sei anni fa, Italia come potenzialità, ma è detto direttamente al capo
Lorenzo, ai miei tempi...» mi ha chiesto di andare via per-
ché non si sentiva amato. Me
un territorio beffardo, che non
ti regala nulla ma ti sottrae.
della Digos che lo ha
contattato per scusarsi e
di Maurizio Nicita - NAPOLI l’ha anche chiesto prima del- Questo è il limite di noi napole- anche per chiedere se
l’incontro chiarificatore con tani. Il signor Quagliarella ha volesse procedere con

S
osteneva Agatha lungamento esistono idee di- Mino Raiola». Già, ma se è stato dimostrato di essere un bravis- formale testimonianza.
Christie che tre indizi verse tra le parti. Però martedì chiarificatore perché tornare simo calciatore, ma laddove Sinisa ha scelto di non
costituiscano una scorso, 14 maggio, interpellato indietro nei discorsi? A chi si è non sentiva il peso di questo vi- andare oltre anche per non
prova. Noi vi sotto- sul suo capitano, sostiene De posto questo quesito ecco il ter- gliacco condizionamento che aggravare la posizione
poniamo le ultime Laurentiis: «Ha sempre dimo- zo indizio, datato 16 maggio, subiva e di cui non parlava con dell’agente che ha proferito
dichiarazioni del presidente strato un grande attaccamento giovedì: «Per i napoletani è nessuno». Quasi un consiglio. l’orribile frase: nel colloquio
Aurelio De Laurentiis riguardo alla maglia. Se poi questa gran- sempre stato scomodo questo Intanto Mino Raiola continua a con il capo della Digos,
al suo capitano Lorenzo Insigne. de responsabilità di essere an- territorio. Ricordate Quaglia- mantenere il silenzio. Mihajlovic ha inoltre
La prima, più lontana nel tem- che napoletano gli ha giocato Abbraccio Fra Lorenzo Insigne e rella? Dopo tempo abbiamo aggiunto che l’episodio
po, non cita il giocatore, ma ri- nel passato e gli potrebbe gioca- Salvatore Esposito/Genny Savastano scoperto l’arcano. Lui è venuto Così parlò Totò sarebbe finito lì se non fosse
letta oggi assume una valenza Totò Di Natale, dieci anni fa dis- subentrata la cassa
particolare. se più volte no all’allora d.g. mediatica che inizialmente
L A R I C O R R E N Z A Pierpaolo Marino che voleva ri- accusava un tifoso laziale,
«Meglio giochi fuori» portarlo nella sua città: «Io so- ipotesi che il tecnico serbo
È il 25 marzo e – lasciando la Fe- no sempre un grande tifoso del ha voluto smentire.
dercalcio dopo un incontro con Celebrata Napoli e per questo non me la PREMIO Nel frattempo,
una rappresentanza cinese – sono sentita allora di andare. So detto che il premio-salvezza
Adl spiega, tra l’altro: «Abbia- 30 anni dopo come vivo sulla mia pelle queste era già stato stabilito e
mo anche fatto tesoro di chi è la Coppa Uefa cose. Ma non mi permetto di adeguato due mesi fa, la
più corretto per un gioco ance- entrare nel merito delle discus- società ha deciso di dare un
lottiano e chi invece, pur essen- ● (glm) Presenti il tecnico sioni fra De Laurentiis e Insigne, bonus a giocatori, tecnico e
do un grandissimo campione di Ottavio Bianchi e il perché non conosco la situazio- tutto lo staff in caso di
grandi prospettive, forse è me- presidente Corrado Ferlaino ne. Dico solo che posso intuire raggiungimento del 10°
glio che giochi da qualche altra (nella foto), e anche gli ex cosa provi Lorenzo, anche se al posto in classifica (che
parte». Direte voi, ma poi c’è giocatori Francini e Renica, tempo stesso da tifoso mi augu- porta un incasso di circa 6
stato l’incontro chiarificatore celebrato ieri il trentennale ro resti al Napoli». milioni). Il Bologna
del primo maggio a casa Ance- della Coppa Uefa vinta nel © RIPRODUZIONE RISERVATA attualmente è a due punti
lotti. Vero, col Napoli che ha la- 1989 con lo spettacolo dal traguardo.
sciato trapelare di un rinnovato
accordo, anche se poi sul pro-
«Il cielo sopra Stoccarda»
s TEMPO DI LETTURA 2’24” Matteo Dalla Vite

Leggera, reattiva, aderente, perfetta per la corsa in montagna


e su terreni sterrati: è studiata, sviluppata e testata
in Val di Fiemme, Trentino, Dolomiti. Tomaia AirMesh a costruzione
slip-on, stabilizzatore STB Control™, suola bi-mescola FriXion® Red,
inserto Cushion Platform che assorbe gli impatti.
SHOP NOW ON WWW.LASPORTIVA.COM
Bushido II: a new way for trail running.
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 15

Serie A/MERCATO

Ne resterà solo uno?


SICURI PARTENTI I N B I L I C O

ANDREA BERTOLACCI JOSÉ MAURI RICCARDO MONTOLIVO TIEMOUÉ BAKAYOKO LUCAS BIGLIA FRANCK KESSIE
Quest’anno mai utilizzato in Tra i centrocampisti in scadenza L’ex capitano è sparito: nemmeno Dopo un avvio difficile ha Un infortunio ne ha compromesso Cinque gol stagionali in 40 partite
campionato e nemmeno in ha finito per essere quello più un minuto stagionale. Era arrivato totalizzato 40 presenze totali. la stagione: 19 presenze giocate. È un punto fermo
Coppa Italia, ha 4 presenze utilizzato: 5 partite in campionato al Milan nell’estate del 2012, Riscattarlo dal Chelsea complessive. Ha 33 anni e il Milan del centrocampo ma il suo futuro
in Europa League LAPRESSE con un assist LAPRESSE svincolato dalla Fiorentina LAPRESSE costerebbe 35 milioni, troppi GETTY si interroga sul suo futuro LAPRESSE resta incerto LAPRESSE

Milan, che rebus


N U O V O S T I L E

Con il Frosinone

Dietro a Paquetà
debutta la maglia
stagione 2019-20
● Domenica a San Siro contro

mediana di precari
il Frosinone il Milan chiuderà
la propria stagione casalinga
ma sarà anche un nuovo
inizio: per la prima volta
la squadra scenderà in
campo con la maglia

Unico certo della conferma il brasiliano, rossonera della prossima


stagione, che rispetto al

che il c.t. Tite porterà in Coppa America passato avrà strisce


verticali molto più sottili.
Il debutto è stato annunciato
di Marco Fallisi dal club su twitter.

I
l finale di stagione di sarà l’ultima volta a San Siro per gonista, tanto da sedurre la cur-
Paquetà ha un che di José Mauri, Bertolacci e Monto- va rossonera in tempi record e
paradossale: succede livo, tutti e tre con un contratto far ricredere lo stesso Gattuso,
tutto a bocce ferme. Il in scadenza che non verrà rin- Timù quasi certamente rientre-
suo campionato si è novato. Nonostante Mauri sia rà al Chelsea: in casa Milan al
chiuso due turni fa con quel- stato utilizzato da Gattuso con momento il fattore comporta-
l’espulsione col Bologna, ma in- più frequenza ottenendo rispo- mentale pesa più di quello tec-
tanto il c.t. del Brasile Tite lo ha ste discrete − il cambio con Bi- nico e i 35 milioni per il riscatto
inserito tra i 23 convocati per la glia in Milan-Bologna ha pro- sembrano troppi. RIFERIMENTO Lucas Paquetà, 21 anni, è l’unico certo di restare:
Coppa America di casa. Se poi, a dotto una bella imbucata per il si è imposto appena arrivato e sarà una delle basi del nuovo corso ANSA
settembre, Lucas potrà giocare gol di Suso, ad esempio − il trio è Chi rischia
la prima Champions League sempre rimasto ai margini del A ballare sono due fiori all’oc- le si potrebbe monetizzare subi- contratto e piace all’estero. Bo-
della carriera, dovrà ringraziare progetto: Bertolacci, trattenuto chiello della campagna acquisti Incastro to o più avanti, a seconda delle naventura, operato al ginocchio
compagni di reparto che tra un
anno potrebbero essere da tut-
dal tecnico ad agosto, è stato im-
piegato solo in Europa League;
«cinese»: per strappare Kessie
e Biglia ad Atalanta e Lazio due Con Bakayoko esigenze di bilancio; Biglia non
ha le caratteristiche anagrafiche
sinistro a novembre, andrà va-
lutato alla prova dei fatti: ieri a
t’altra parte. Perché l’ex Fla- l’ex capitano ha infilato 17 pan- estati fa, il Milan sborsò 43 mi- via, Biglia può ideali per la linea Gazidis ma Milan Tv si è detto fiducioso di
mengo è certo di vestire rosso-
nero anche nel 2019-20, ma
chine di fila prima di finire defi-
nitivamente fuori dai convoca-
lioni, oggi è in attesa. Di capire
quale sarà il piazzamento finale
rimanere ma può colmare con l’esperienza il
vuoto che lascerà Bakayoko. Sul
«poter tornare al 100% per il
prossimo campionato». A Mi-
non si può dire lo stesso degli al- ti, come succede ormai da inizio in classifica, perché la Cham- l’ingaggio pesa suo futuro incideranno tenuta lanello Jack ritroverà Paquetà e i
tri sette centrocampisti del Mi- aprile. Il loro addio alleggerirà il pions e quella cinquantina di fisica e condizioni economiche: vecchi compagni di centrocam-
lan: benvenuti nella terra di monte stipendi di circa 10,6 mi- milioni che porterebbe in dote in via Aldo Rossi aprirebbero al po. Quanti, difficile dirlo.
mezzo dei «precari». lioni lordi, cui si aggiungeranno cambierebbero le prospettive rinnovo solo ritoccando al ri- © RIPRODUZIONE RISERVATA

i 6,3 dell’ingaggio di Bakayoko del club. E poi di vagliare even- basso i 3,5 milioni attualmente
Chi va
Quella di domani col Frosinone
(sempre al lordo). Pur avendo
vissuto una stagione da prota-
tuali offerte: Kessie è un profilo
con margini di crescita, sul qua-
guadagnati dal regista argenti-
no, che ha ancora un anno di s TEMPO DI LETTURA 2’24”

baume-et-mercier.it Baumatic Automatico in-house Acciaio 40mm


16 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie A/ANTICIPO 37 a
GIORNATA

Roma tra futuro


E adesso anche Gasperini
te dal suo punto di vista – non
perde occasione per ribadire
come il suo allenatore resterà
tale. «Ha un contratto fino al

strizza l’occhio al club


2021 con opzione per un altro
anno, per me il problema non
esiste — ha detto anche ieri alla
Gazzetta –. C’è un legame unico

Ma l’Atalanta alza il muro


tra squadra, tecnico e città. Per
me resterà qui a vita». Insom-
ma, non sarà facile convincerlo
a liberare Gasperini e una chia-
La chiave per convincere Percassi può essere Gollini, che ve potrebbe essere mettersi a
tavolino per parlare di qualche
piace a Trigoria. Il Toro per ora non libera il d.s. Petrachi giocatore che interessa alla Ro-
ma, magari pagandolo anche
di Andrea Pugliese un po’ più del dovuto. Una sor-
ta di buonuscita o giù di lì. Tra

L
a data x è il 27 mag- to a pensare a lui anche il Mi- La scelta l’altro, radiomercato parla di
gio, il giorno succes- lan, per l’eventuale dopo-Gat- L’allenatore dell’Atalanta, però, recenti sondaggi giallorossi con
sivo alla fine del tuso. In caso di un no, ovvia- sembra aver deciso, l’idea di sa- Pierluigi Gollini, il portiere ne-
campionato. Perché mente, la Roma non si farà tro- lire sul treno che lo porta a Ro- razzurro che piace anche a Pe-
da lì in poi – proba- vare impreparata, visto che i ma gli piace eccome. Perché trachi. Tra l’altro, la fidanzata di
bilmente – inizieranno a farsi dirigenti giallorossi stanno la- nonostante a Bergamo venga Gollini, Giulia Provvedi (una
davvero i giochi, sia a Roma sia vorando anche su altre piste. considerato un profeta in pa- delle due Donatella), ha già
a Bergamo. Già, perché oramai Ovviamente, per ora, non può tria, è anche convinto che più preso informazioni logistiche
gli indizi portano quasi tutti lì. farlo però Gianluca Petrachi, il di questo sia davvero complica- Quarto Gian Piero Gasperini, 61, è davanti alla Roma con l’Atalanta LAPRESSE sulla città, contattando alcuni
E cioè all’Atalanta ed a Gian d.s. «in pectore» della prossi- to fare. «Per squadre come amici personali per chiedere
Piero Gasperini, il tecnico che ma stagione. Perché è ancora l’Atalanta diventa difficile re- sponibilità economica delle al- sarebbe l’occasione del riscatto. eventuali suggerimenti. Magari
la Roma ha individuato per ini- sotto contratto con il Torino e stare al livello delle big dovendo tre». Frasi inserite in un di- la chiave potrebbe essere pro-
ziare a ricostruire il futuro. An- perché il presidente granata sempre vendere i suoi pezzi mi- scorso più generico, ma espli- Le difficoltà prio questa qui, di certo tra un
che se non sarà facile strappare Urbano Cairo per ora non ci gliori – ha detto alla vigilia della cative dei suoi pensieri. E poi Ma, come detto, non sarà facile paio di settimane sapremo co-
il sì definitivo dell’allenatore pensa neanche un attimo a li- finale di Coppa Italia – Servi- Gasperini, a 61 anni, vuole gio- per lui lasciare Bergamo, alme- me potrà andare a finire.
nerazzurro. Un po’ perché berarlo. Insomma, per avere rebbe un meccanismo diverso, carsi una delle ultime carte del- no non per ora. La Roma e Ga- © RIPRODUZIONE RISERVATA

l’Atalanta (e il patron Percassi) l’accoppiata Gasperini-Petra- che premi i club virtuosi, quelli la sua carriera per allenare una sperini si piacciono, di mezzo
fanno muro su di lui, un po’
perché nel frattempo ha inizia-
chi bisognerà lottare. Altrimen-
ti si virerà altrove.
che raggiungono risultati come
il nostro con molta meno di-
grande del calcio italiano. Dopo
il passaggio all’Inter del 2011,
c’è però l’Atalanta. E Percassi,
un presidente che – giustamen- s TEMPO DI LETTURA 2’32’’

Oggi in campo

Capitano in panchina
Contro il Sassuolo
servono punti e testa
di Chiara Zucchelli

Cristante, certamente più libe-


Perchèvedere ri mentalmente rispetto a capi-
tan De Rossi, provato più di
tutti, come è logico. In attacco,
SASSUOLO ROMA dietro a Dzeko (con Kolarov e
Florenzi uno dei più nervosi e
delusi) dovrebbero esserci il
capocannoniere della squadra,
El Shaarawy, Ünder, entrato
benissimo contro la Juventus, e
Zaniolo, che sembra aver smal-
Il Sassuolo è già in salvo, tito l‘affaticamento al polpac-
la Roma cerca invece i cio.
punti necessari per
continuare a rincorrere il Dubbio in difesa
sogno Champions League. Ieri ha pubblicato una foto su
O almeno per restare Instagram dal treno insieme ad
attaccata al treno che porta alcuni membri dello staff tec-
in Europa League, magari nico: i sorrisi c’erano, così co-
evitando i preliminari me la sensazione che fossero
molto di facciata perché, per
ORE 20.30, DAZN
REGGIO EMILIA, MAPEI STADIUM tutta la Roma, i 90’ di questa
sera saranno particolari. Toc-
cherà ai più esperti prendere

S
ono arrivati a Reggio per mano i compagni: Mirante
Emilia poco prima quindi, in porta, Fazio in dife-
dell’ora di cena, con sa, insieme ad uno tra Jesus e
i volti stanchi, a tra- Marcano, con il brasiliano fa-
dire la fatica di gior- vorito. Manolas è rimasto a Ro-
ni difficili. Claudio Ranieri ha ma per un fastidio alla caviglia
chiesto ai giocatori di provare a e non è detto che recuperi per
mettere da parte tutto quello l’ultima contro il Parma. E’ in-
che è accaduto (e accadrà) per vece disponibile Pellegrini,
pensare alla partita contro il non al meglio e quindi pronto
Sassuolo, ma è il primo a sape- ad entrare solo a gara in corsa.
re che non sarà facile. Ecco La Roma dovrebbe giocare col
perché alcune delle scelte di 4-2-3-1, alternato nella rifini-
formazione saranno dettate - tura al 4-3-3. Dettagli, in fon-
anche, se non soprattutto - do: Ranieri sa che oggi conterà
dalla testa dei calciatori. A cen- molto più la testa che il modu-
trocampo, infatti, dovrebbero lo.
giocare dall’inizio Nzonzi e © RIPRODUZIONE RISERVATA
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 17

e contestazione

Le proteste I tifosi romanisti si sono presentati ieri sotto la sede della Roma all’Eur per protestare contro il mancato rinnovo del contratto a Daniele De Rossi. Nell’ultima foto il giocatore in partenza in treno per Reggio Emilia LAPRESSE

I tifosi sotto la sede: Pallotta nel mirino


Cori anche contro Baldissoni e Baldini, la mobilitazione per De Rossi colpisce tutti
di Andrea Pugliese

D
ue ore o giù di lì. Tra do rivolto alle finestre della se-
cori, striscioni, fu- DI CHE COSA de: «No allo stadio», accompa-
mogeni e bandiere. PARLIAMO gnato spesso da cori contrari
Con un unico comun alla costruzione del nuovo im-
denominatore, ma- pianto di Tor di Valle. Questo
nifestare il proprio dissenso in Dopo 18 anni in prima perché nella tifoseria romani-
maniera netta nei confronti squadra, Daniele De Rossi sta si è oramai consolidata
della dirigenza della Roma. è stato costretto al divorzio l’idea che Pallotta sia a Roma
Una contestazione organizzata dalla Roma. La società ha solo per un interesse economi-
giovedì pomeriggio dalla parte comunicato nei giorni co legato proprio al nuovo sta-
calda della tifoseria giallorossa, scorsi di non voler dio. E, quindi, viene da sé
sulla scia della vicenda-De rinnovare il contratto al l’equazione no stadio-no Pal-
Rossi, e che ha portato sotto la capitano, il quale ci è lotta. Come dire, è un modo per
nuova sede della Roma (in zona rimasto molto male. Anche mandare via il presidente il pri-
Eur) circa un migliaio di perso- l’allenatore Claudio ma possibile, anche se forse –
ne, forse qualcosa in più. Una Ranieri si è schierato dalla in caso – è vero soprattutto il
manifestazione che è scivolata parte di De Rossi, mentre i contrario. E, cioè, che se Pallot-
via senza alcun problema di or- tifosi hanno contestato ta un giorno deciderà davvero
dine pubblico, forte nei conte- duramente il presidente di vendere la Roma è più facile
nuti ma corretta nella forma. Pallotta e la società. In che succeda con l’okay in mano
Nonostante la Roma abbia giu- questi giorni di tensione a per lo stadio che non senza.
stamente allertato la polizia, tutti i livelli, la Roma si sta
presente in stato anti-sommos- giocando anche le L’amico
sa. Ma non c’è mai stato biso- possibilità di qualificarsi In tutto questo, tra l’altro, ieri
gno di intervenire,con i tifosi per le coppe ha parlato anche Aleksandar
che hanno fatto presente a Kolarov, uno dei più vicini a
chiare note come la pensino. Daniele De Rossi nell’attuale
Con un piccolo errore nel ti- lorosso. Insomma, ci è andata organico giallorosso. E il terzi-
ming, perché a quell’ora i diri- di mezzo un po’ tutta la diri- no serbo per l’amico ha riserva-
genti della Roma erano già in genza, i tifosi non hanno ri- to solo dolci parole. A tratti an-
viaggio per la stazione Termini, sparmiato nessuno in tal senso. che molto intense: «Io ho vis-
dove poco dopo sarebbero par- Alternando i cori «contro» a suto tante cose nella mia car-
titi alla volta di Reggio Emilia. slogan di amore e affetto per riera, ma uno così legato alla
Daniele De Rossi. Perché la sua squadra come lui non l’ho
La rabbia rabbia della tifoseria romanista mai visto. Daniele sperava di fi-
La contestazione è iniziata ver- è esplosa proprio sulla scia del- nire la sua carriera qui a Roma,
so le ore 15 e, appunto, è andata la comunicazione del mancato questo lo sanno tutti. Poi è an-
avanti per quasi due ore. Presi rinnovo del contratto al capita- data come è andata, la società
di mira dagli ultrà soprattutto il no giallorosso. Forse più per la ha deciso in modo diverso. Ma
presidente James Pallotta e il forma che per la sostanza, an- credo che tra 3-4 mesi, quando
vicepresidente esecutivo Mau- che se per qualcuno restano va- inizierà l’anno nuovo, un po’
ro Baldissoni, invitati entrambi lide entrambi. Poi alcuni stri- tutti si renderanno conto di ciò
a lasciare immediatamente la scioni, tra cui i primi «Pallotta- che è ed è stato Daniele De Ros-
guida della società. Ma tanti co- Roma mai stati uniti», «DDR è si per la Roma». Intanto, però,
ri di scherno (eufemismo, ndr) la Roma», «Le bandiere non si oggi c’è da battere il Sassuolo...
sono stati dedicati anche a ammainano, si difendono e si © RIPRODUZIONE RISERVATA

Franco Baldini (consulente onorano. Dirigenza di cialtroni


personale di Pallotta) e un paio
a Guido Fienga, nuovo Ceo gial-
senza rispetto», «L’As Roma
appartiene a noi», «Stemma, s TEMPO DI LETTURA 3’02’’

barriere e simboli di Roma. La


vostra azienda deve finire ora»
Oltre un migliaio e «L’As Roma è la nostra leg- Tanti striscioni
di persone per genda... solo gli indegni la
chiamano azienda». per il capitano. E
due ore all’Eur. la gente si schiera
Lo stadio
Ma i dirigenti E tra i vari striscioni ce n’era
anche contro
non c’erano uno fisso, proprio con lo sguar- il nuovo stadio
18 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Il caso internazionale/LA PROTESTA CONTRO L’ECA

Uefa, restano i no
Piano Super Champions
smi di ingresso e uscita dalla
futura Super Champions, se
davvero solo in quattro su 32
HA DETTO Le reazioni
partecipanti a regime arrive-
ranno dai campionati, se in-
I presidenti
Ceferin non convince
somma sarà una Coppa che
continuerà a premiare il merito
sportivo o se finirà per assomi-
federali in coro
gliare ad un torneo a inviti. Gli
uomini dell’Uefa assicurano
Cerchiamo «Troppo poco,

Federazioni contrarie
una via
che il ricambio ci sarà e negano che soddisfi non basta»
l’introduzione di un coefficien-
te storico che faccia avanzare i
le esigenze
di tutta

«D
ricchi e nobili a discapito dei iscutable», dice
piccoli, ma lo fanno solo infor- l’Europa, con tono peren-
non solo
Il numero 1 europeo: «Mai le Coppe nei weekend»
malmente. C’è da fidarsi? torio Noël Le
dei mercati Graët, 77 anni
Rubare ai ricchi per... più grandi p o rtat i co n
Ma Germania, Francia e Italia non si fidano «È stato un meeting importan-
te perché le Federazioni hanno
l’agilità mentale di un ragazzi-
no. Del resto, la smorfia sul viso
di Alessandro Catapano - INVIATO A BUDAPEST (UNGHERIA) potuto dare il proprio parere - del presidente della Federcalcio
assicura Ceferin -. Sono state francese è di per sè eloquente.
espresse opinioni molto diver- «Le uniche garanzie che abbia-
se, di cui terremo conto. Mi in- L’Uefa non mo avuto dal presidente del-
DI CHE COSA coraggia vedere il responso po- prenderà l’Uefa riguardano la tutela dei
PARLIAMO sitivo e la solidarietà fra le Fe- decisioni weekend - spiega all’uscita -. Il
derazioni; in particolare - sot- resto è tutto molto discutibile, i
tolinea il presidente Uefa - le
senza
nostri timori sono confermati,
L’Uefa ha riunito a Budapest nazioni più grandi riconoscono prima molte cose sono da rivedere». I
i rappresentanti delle 55 l’esigenza di dare un contribu- tenere presidenti federali non voglio-
Federazioni europee per to a vantaggio delle nazioni più conto dell’ no nè possono accontentarsi. Al
presentare - era la prima piccole». Ecco la chiave per ot- opinione di là delle rassicurazioni sulla
volta - il piano di riforma tenere consenso e far passare la di tutti collocazione delle gare, non ci
delle Coppe, che dovrebbe riforma. Ceferin ingolosisce le sono state altre aperture con-
entrare in vigore dal 2024. Federazioni più piccole con crete. Molti non nascondono di
L’intervento del presidente l’introduzione della terza Cop- essere arrivati a Budapest un
Aleksander Ceferin, però, a pa - l’Europa League 2 a 64 po’ prevenuti. Più di qualcuno
parte ribadire che non si squadre - e la promessa di una non ha digerito la scaletta degli
giocheranno nel weekend, più equa ripartizione dei mag- interlocutori decisa da Ceferin:
non ha chiarito le altre zone giori ricavi che il nuovo sistema «Perché confrontarsi innanzi-
d’ombra del piano partorito garantirà. «Cerchiamo una via tutto con l’Eca? - si chiedono -
dall’Eca. Molte federazioni, che soddisfi le esigenze del cal- Perché veniamo coinvolti solo
soprattutto le più cio in tutta Europa, e non solo ora?». La sensazione, abba-
importanti, restano nei mercati più grandi - sottoli- stanza diffusa, è che adesso si
scettiche o apertamente nea il presidente -. Solo l’Uefa cominci a trattare per portare a
contrarie al progetto di una distribuisce denaro oltre i con- casa una riforma più ragionevo-
Super Champions. fini nazionali, quindi abbiamo le, ma ugualmente traumatica
il dovere di prendere questa re- per le singole Federazioni. «Va
sponsabilità molto sul serio». bene la difesa dei weekend, ma i

A
lla fine è abbastanza Sloveno ed economico, dei tornei na- mana». Ok, ma è l’unico punto Già, ma che ne sarà dei cam- campionati nazionali rischiano
emblematico che il Aleksander zionali, tutto il resto diventa se- chiarito senza se e ma. Per tutti pionati nazionali? Quale broa- di essere comunque ridimen-
più invocato, in Ceferin, 51 anni, condario, anche quando scen- gli altri temi caldi, che Ceferin dcaster televisivo continuerà a sionati», avverte il vice della
egual misura dai so- è presidente dere in campo, se davvero un e Marchetti illustrano con una ricoprirli di denaro? Sul punto, Federcalcio tedesca Rainer Ko-
stenitori e dai critici dell’Uefa dal giorno dovessero profanare il serie di slide, si resta nell’inde- ovviamente, nessuna risposta. ch in un contraddittorio con
della riforma, sia il vice segre- settembre 2016. weekend. Ceferin lo ripete co- terminatezza, comprensibile «Non decideremo niente senza Ceferin. Insomma, i presidenti
tario e direttore delle Competi- E’ succeduto a me un mantra, a chiunque nel- per carità considerato che sia- tenere conto dell’opinione di d’ora in poi non staranno a
zioni Giorgio Marchetti, che Michel Platini la riunione provi a ritirare fuori mo a cinque anni dall’eventua- tutti e non accetteremo mai guardare, nemmeno quelli ben
passa da un tavolo all’altro a la questione (il reggente della le entrata in vigore della rifor- cambiamenti che danneggino disposti.
fornire spiegazioni. L’interven- Federcalcio tedesca Rainer Ko- ma, ma oggi questa vaghezza - il calcio europeo». Come dice-
to del presidente Aleksander ch, buon amico delle cause ita- probabilmente anche un po’ va quello? State sereni... Tante partite
Ceferin alla platea dei rappre- liane, è quasi travolto dalla voluta - finisce per alimentare © RIPRODUZIONE RISERVATA Per dire, Dejan Savicevic, presi-
sentanti delle 55 Federazioni stizza del presidente). «Come interrogativi, interpretazioni e dente del piccolo Montenegro,
aderenti all’Uefa riuniti in un
lussuoso albergo di Budapest -
ve lo devo dire, le Coppe non si
giocheranno mai nel fine setti-
sospetti. Perciò, alla fine, è tut-
to un interrogarsi sui meccani- s TEMPO DI LETTURA 3’11” apprezza l’apertura al «pro-
gresso», ma mette sul tavolo un
fermo, netto, perfino accorato tema finora rimasto un po’ in
in certi passaggi, soprattutto ombra. «Tre Coppe, 128 squa-
quando attacca «le direzioni dre, troppe partite: i tornei na-
prese da un paio di Leghe e il zionali dovranno asciugarsi, la
dibattito mediatico che hanno vostra Serie A come farà a resta-
generato: non vediamo l’ora di re a 20?». L’impressione è che
incontrarle» - ha spazzato via sarà una lunga trattativa, e che
qualche nuvolone nero, disin- ogni momento sarà buono per
nescando forse i marchingegni discutere all’interno dell’Uefa, a
più pericolosi di questa riforma partire dall’Esecutivo del 29 a
delle coppe europee, ma non Baku. Il dibattito mediatico ge-
ha dissipato i dubbi, nè convin- nerato dalle proteste delle Le-
to tutti gli scettici. Che restano ghe ha avuto il merito di scopri-
in buon numero, in specie tra re le carte, e forse anche di ab-
le Federazioni big, spaventate - bassare le pretese di Eca ed Ue-
al netto del dibattito che prose- fa. «La Figc darà il suo
guirà su quali percentuali di in- contributo al processo di rifor-
gresso assegnare a ranking, co- ma, partecipando con una pro-
efficienti e piazzamenti - in- pria proposta alla definizione e
nanzitutto dalla ratio di questa al chiarimento di alcuni punti
riforma, e dal suo possibile ancora incerti - annuncia il pre-
(per alcuni inevitabile) punto sidente Gabriele Gravina, che
di caduta: trasformare le Coppe ha rappresentato l’Italia insie-
europee in tornei più grandi e me al d.g. Marco Brunelli -. Per
remunerativi, per numero di ora, prendiamo atto con soddi-
partite e giri d’affare quasi dei sfazione che i weekend non si
campionati paralleli. toccano, come avevamo chie-
sto. Almeno su questo si è fatta
Cosa c’è in ballo chiarezza». Gia, ma non basta.
Questo c’è davvero in ballo, e di a.cat.
fronte al rischio di una trasfor- © RIPRODUZIONE RISERVATA
mazione così profonda, che fi-
nirebbe fatalmente per ridi-
mensionare il valore, tecnico s TEMPO DI LETTURA 1’48”
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 19
20 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie A/IL DOPPIO EX

La squadra
Zapata mette
Tacchinardi nel mirino
il record
di Inzaghi
Mancini dal 1’
L ’ I N T E R V I S T A

«ATALANTA, I
eri secondo allena-
mento post-Lazio
per l’Atalanta, che
nel pomeriggio è
scesa in campo al

ORA PRENDITI
centro sportivo «Bortolotti»
di Zingonia per continuare la
preparazione in vista della tra-
sferta contro la Juventus (si
gioca domani, ore 20.30).

LA CHAMPIONS
Sempre a parte Varnier (a lu-
glio rottura del crociato ante-
riore destro) e Toloi (operato
alla caviglia destra il 24 aprile),
gli unici infortunati della rosa.

E FAI LA STORIA»
Oltre a loro, Gasperini dovrà
rinunciare a Palomino, am-
monito contro il Genoa e squa-
lificato all’Allianz Stadium.

Pippo nel mirino


L’ex centrocampista: «Contro Allegri Al posto del difensore argenti-
no, tornerà titolare Mancini (in
si può strappare un punto pesante OPINIONISTA
Alessio Tacchinardi, 44 anni,
panchina nella finale di Coppa
Italia). Accanto all’azzurro, ov-
Lancio un’idea: Gasperini alla Juve» dopo il ritiro da calciatore
ha iniziato a fare
viamente davanti a Gollini,
spazio per Djimsiti e Masiello.
l’opinionista tv e A centrocampo i «titolarissi-
di Francesco Fontana l’allenatore: da gennaio ha mi» Freuler e De Roon, con
guidato il Lecco in D LAPRESSE Hateboer a destra e Castagne a
sinistra (il belga è favorito su
Gosens). In attacco, infine, ze-

A
un certo punto, «Non ce l’ho fatta a vedere la ma con il Tottenham si sono vi- ro dubbi: Gomez alle spalle di

IDENTIKIT
scappa «la mia Ju- Lazio alzare il trofeo. Ero triste, sti certi limiti. In ogni caso, Ilicic e Zapata. Occhi puntati
ve». Nel suo cuore il percepivo un senso di ingiusti- complimenti a Ten Hag: lo vor- proprio sul colombiano (pre-
nero c’è, nessuno zia. Nulla contro Inzaghi e i rei a Torino». convocato dal c.t. Queiroz per
potrà mai cancellar- suoi, ma l’episodio di Bastos è la Coppa America in Brasile), a
lo. Poi vince il bianco rispetto al
Dopo la finale di stato decisivo. Detto ciò, a Ber- 3 Sarebbe un nome, come dire, È cresciuto quota ventidue gol in campio-
blu dell’Atalanta, lo fa intende- Coppa Italia ho gamo devono essere soddisfat- «diverso». nato: ancora centottanta mi-
re con quella frase. D’altronde sentito un forte ti: la sfida di mercoledì è un «Guardiola, Pochettino e a Zingonia nuti a disposizione (nell’ulti-
405 presenze e tredici trofei so- punto di partenza, l’asticella si Klopp sono dei tecnici top, ma NOME ALESSIO TACCHINARDI ma giornata l’Atalanta sfiderà
no tanta roba. Impossibile, pe- senso d’ingiustizia è alzata». quanto costano? L’olandese ha NATO A CREMA il Sassuolo) per raggiungere (e
IL 23 LUGLIO 1975
rò, dimenticare Zingonia. Varcò belle idee, porterebbe delle no- magari superare) Filippo Inza-
quei cancelli a undici anni per 3 Merito, soprattutto, della fa- vità». ghi, che con i ventiquattro
poi salutare nel ‘94 (undici ma- miglia Percassi. ● È stato uno dei più centri del 1996-1997 resiste
tch in prima squadra), quando «Ricordo quando Antonio mi 3 Sensazioni sul futuro di Ga- apprezzati centrocampisti come miglior bomber neraz-
un assegno da quattro miliardi premiò al Viareggio del ’93. Era sperini? italiani a cavallo tra gli anni zurro in un singolo campiona-
di lire lo portò da mister Lippi. ambizioso già all’epoca, guar- «È straordinario, ha due p... Novanta e i Duemila. Cresce to.
Questo è Alessio Tacchinardi, date cosa ha fatto ultimamente: così. Lancio un’idea: perché nel settore giovanile
ex centrocampista classe ‘75. stadio nuovo e addio salvezza, non lui alla Juve? Non vado ol- dell’Atalanta, club con il La vigilia
Una vita in bianconero, mille si punta all’Europa. L’anno tre, poi dipenderà dalla Cham- quale fa l’esordio in Serie A. Programma odierno: alle 13.30
ricordi che parlano di Bergamo prossimo proverà a sollevare la pions. Con il quarto posto Per- La consacrazione arriva alla c’è la conferenza stampa di
dove conquistò lo scudetto Pri- Coppa Italia e a confermarsi in cassi proverebbe a mantenere Juventus, dove è Gasperini, a seguire squadra al
mavera, Allievi e un Viareggio. Serie A». la rosa attuale inserendo due o protagonista in 11 stagioni: lavoro per la classica rifinitura
Quella di domani sarà la «sua» tre calciatori di livello, a quel vince 5 scudetti, una Coppa (a porte chiuse). Al termine,
gara, fondamentale per la Dea: IN NERAZZURRO Tacchinardi con 3 Ufficiale l’addio di Allegri: se punto Gian Piero avrebbe a di- Italia, 4 Supercoppe italiane, partenza per il ritiro di Torino.
«La Champions sarebbe stori- la maglia dell’Atalanta MAGNI lo aspettava? sposizione una vera big». una Champions, una Arbitrerà Gianluca Rocchi di
ca». «Speravo restasse, evidente- Supercoppa europea e una Firenze: 34 precedenti con la
«La mia Juve ha un po’ rallen- mente non c’era più la stessa 3 Risultato e marcatori: come Coppa Intercontinentale. Juventus (27 vittorie, 3 pareggi
3 Tacchinardi, quante chance tato, ma non si tirerà indietro. fame. Da juventino, mi spiace. finisce domani? e 4 sconfitte), 23 con la Dea (10
per l’Atalanta? Poi le motivazioni sono diverse, Max è un grande». «Ronaldo e Zapata, 1-1 e tutti STAGIONE SQUADRA P G successi, 4 pareggi e 9 k.o.).
«Mancano due turni, io sono per questo Gasperini può strap- contenti». 1992/’94 ATALANTA 11 0 f.f.
ottimista. Ce la può fare». pare un pareggio pesante». 3 Un altro scudetto, ma niente © RIPRODUZIONE RISERVATA 1994/’05 JUVENTUS 405 15 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Champions: un voto alla sta- 2005/’07 VILLARREAL 61 3
3 I prossimi novanta minuti
potrebbero dire molto.
3 La finale dell’Olimpico, pe-
rò, è stata un duro colpo.
gione?
«Non più di sei. Ottima Ajax, s TEMPO DI LETTURA 1’58’’
2007-2008 BRESCIA 36 9
s TEMPO DI LETTURA 1’15’’
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 21

Serie A/IL TEMA


DA RECORD
Walter
Mazzarri,
LA SQUADRA
57 anni,
è sulla panchina
granata dal Ansaldi dà forfait
Berenguer-Baselli
4 gennaio 2018:
con lui in questa
stagione il Toro
ha raggiunto il
record di punti
(60) nell’epoca
per servire Belotti
della Serie A Non solo l’infortunio muscolare,
a tre punti l’argentino ha anche la febbre.
LAPRESSE
A sinistra Aina, in mezzo Rincon
Iago Falque parte dalla panchina

I NUMERI

1
MotivaToro K.o. esterno
Il Torino e il
Liverpool sono
le due squadre
che, quest’anno,
hanno perso
meno partite in
LA SORPRESA Alejandro Berenguer, 23 anni LAPRESSE

Video, discorsi, psicologia I


trasferta nei l piccolo Alejandro sta diventando in-
cinque principali dispensabile. Mazzarri se l’è trovato
campionati nel momento di massima emergenza,
d’Europa: un quando Falque era in infermeria e Za-
za squalificato, e lui ha risposto con

Mazzarri punta al gran finale


k.o. ciascuna.
un assist contro il Genoa, un bellissimo gol al
Milan, e tutte prestazioni convincenti. La meri-

13
tocrazia conta nelle scelte di Mazzarri, forse an-
che un po’ la riconoscenza: domani, nel Toro
anti-Empoli, dovrebbe essere ancora Berenguer
Da giovedì sul monitor dello spogliatoio vanno senza l’uomo chiamato ad inventare assist per Belotti,
in coppia con Baselli sulla linea dei trequartisti.

sosta le immagini dell’Empoli: concentrazione al top Gol subiti


Il Torino vanta la
migliore difesa
Il condizionale è ancora necessario, ma in que-
ste ore sta emergendo in maniera forte la pro-
pensione del tecnico a riproporre il 3-4-2-1 con
di Mario Pagliara del girone di questo incastro che spinge Falque in panchina.
ritorno della
Serie A: la Moretti 599

L
e immagini scorro- ropa, e allora Mazzarri ha spe- Concludere l’impresa dato certezze in questa caval- difesa di Lo stato di forma di Iago dopo l’infortunio è in
no di continuo, sen- dito in questo modo un segna- È stato finora un Toro da re- cata. Per prendersi l’Europa. Mazzarri dopo netta ascesa: ogni giorno che passa sta sempre
za sosta, così da le chiaro alla squadra: in cord, lo dicono i sessanta punti il giro di boa ha meglio, come il gol al Sassuolo ha ridato fiducia
«entrare» nella te- questo momento decisivo non a due giornate dalla fine, mai Il cacciatore di tabù incassato 13 gol. a Zaza. Ecco, Iago Falque e Zaza potrebbero rap-
sta dei giocatori. Pri- importano la classifica né ogni raccolti nella storia del club in Domani questo Toro dei record presentare i classici cambi «spacca partita» in
ma e dopo ogni allenamento, eventuale discorso sui piazza- Serie A nell’epoca dei tre pun- darà l’assalto all’ultimo tabù: a caso di necessità in corsa. Zero dubbi sull’asset-

33
anche mentre i calciatori si ri- menti utili per entrare nelle ti. Ora Mazzarri vuole conclu- Empoli, in Serie A, i granata to difensivo: davanti a Sirigu, ci sarà il trio di
vestono dopo la doccia. Da gio- Coppe. L’unica cosa che conta dere l’impresa con un gran fi- non hanno mai vinto, l’ultima difensori abituale, con Izzo (recuperato dopo la
vedì c’è un video che viene è vincere ad Empoli. Una rego- nale: la missione è due vittorie volta risale al 1984 ed era Cop- febbre), Nkoulou e Moretti (giunto a 599 pre-
proiettato in «loop» attraverso la così semplice, ma tassativa. su due, partendo dalla Toscana pa Italia. Cancellare i vecchi ta- senze in carriera tra i professionisti). Dove Maz-
il monitor dello spogliatoio del finendo con la Lazio, poi le bù è diventato, nell’ultimo an- zarri ha gli uomini contati è sulle fasce, con Pa-
Torino nella pancia del Fila- Allenare la testa somme si tireranno tra otto no e mezzo, un lavoro che rie- punti rigini e Ansaldi infortunati. A proposito, oltre
delfia: rilancia, senza fermarsi È in questa fase che allenare la giorni. Ne ha parlato con il sce bene a Mazzarri. Esempi? Il I granata sono all’affaticamento muscolare, l’argentino è stato
mai, le immagini dei gol subìti «testa» dei giocatori è molto gruppo in questi giorni, e dallo Toro non vinceva da trentaset- terzi nella colpito anche da un virus influenzale dopo aver
dall’Empoli. Lo ha voluto Wal- più importante di qualunque spogliatoio è uscito un patto te anni a Marassi contro il Ge- classifica del svolto tre giorni di terapie. Forfait certo, quindi.
ter Mazzarri, ed è stata una altro fattore. Walter lo sa, e d’acciaio: i giocatori ci credo- noa, e lo ha fatto prima di Pa- girone di ritorno Sugli esterni le scelte sono obbligate: De Silvestri
scelta nient’affatto banale né spesso dall’inizio di questa av- no, il Toro è pronto a lanciarsi squa. Oppure erano passati della Serie A va a destra, Aina ritorna sulla sinistra dopo che
tanto meno casuale. Una deci- ventura è ricorso alla psicolo- nel rush finale per fare il pieno. ventotto gli anni dall’ultimo con 33 punti, nell’ultimo periodo è stato preferito spesso sulla
sione nella quale c’è tutto il gia. La mossa del video va in Perché «non si molla di un successo sul Milan, arrivato a alle spalle di corsia opposta. A centrocampo rientrerà Rincon
perfezionismo di Walter, quel- questa direzione, e vuole esse- centimetro, fino alla fine», co- fine aprile, o venticinque dal Juventus (36) dopo il turno di squalifica, accanto al quale ci
la sua inclinazione a non tra- re uno stratagemma per evita- me ha raccontato ieri Baselli blitz a Marassi stavolta in casa e Atalanta (37). sarà l’apporto di tecnica e di presenza fisica di
scurare mai nessun dettaglio. re che i calciatori possano di- alla Gazzetta. Le scelte del tec- con la Sampdoria. Dopo pran- un Meité in crescendo in questo finale. Le ulti-
La vittoria della Lazio in Coppa strarsi dall’unico e vero obiet- nico negli ultimi centottanta zo, il Toro sarà in viaggio verso me indicazioni offrono poche chance a Lukic.
Italia potrebbe avere come ef- tivo: avere una concentrazione minuti rispecchieranno questa Empoli. Carico, per non fallire. Paglia
fetto sul campionato del Toro totale per vincere ad Empoli, impostazione: nessun esperi- © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

quello di neutralizzare il setti- in una sfida complicata contro mento, nessun «contentino»
mo posto come posizione vali-
da per la qualificazione in Eu-
una squadra che si giocherà il
tutto per tutto per la salvezza.
a chi ha giocato meno. Si pun-
terà sugli uomini che hanno s TEMPO DI LETTURA 2’29’’
s TEMPO DI LETTURA 1’27’’
22 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Calcio/L’INTERVISTA

Alex Ferrari
L ’ I N T E R V I S T A

«DA BOSKOV
A GIAMPAOLO
LA SAMP È
UNA FAMIGLIA»
Il difensore, stimatissimo dal tecnico, verrà
riscattato: «Ho giocato poco, ma questa
stagione fa parte di un progetto di crescita»
di Filippo Grimaldi — INVIATO A BOGLIASCO (GENOVA)

I
l castello è lì, dietro nersi soddisfatto. «Eccome. Dirò di più: rispetto decisiva per il futuro di Giam-
una curva lungo «Assolutamente sì. Di sicuro, al passato, anche se non gioca- paolo alla Samp: lei spera che
l’Aurelia, nascosto poi, rispetto all’anno scorso vo, sapevo di fare parte di un rimanga?
da querce, pini ma- quando ero a Verona ho trovato gruppo vero e che da un mo- «Mi farebbe molto piacere. Ho
rittimi e pitosfori. un ambiente estremamente mento all’altro sarebbe potuta sposato questo progetto anche
HA DETTO Alex Ferrari, in coda a questa
lunga chiacchierata sul suo
organizzato, non solo a livello
calcistico. Tutto un altro mon-
arrivare l’occasione. Ora la mia
aspirazione è quella di crescere
perché c’era il mister. E poi,
per come gioca Giampaolo, se-
HA DETTO
primo anno di vita blucerchia- do, tanto che all’inizio non è ancora. Il fatto stesso che la condo me è necessario far par-
ta, racconta ancora abbagliato stato facile abituarsi, nono- Samp mi riscatti dimostra che te del suo gruppo per più di
da tanta bellezza che «quando stante fossi arrivato alla Samp intorno a me verrà costruito una stagione. In questo modo
l’ho visto, ne sono rimasto en- dopo essermi informato su un progetto. Spero quindi in cresci sempre, l’apprendistato
tusiasta». E ha scelto di abitare questa nuova realtà. Poi, però, questo senso che nella prossi- per lui non finisce mai, conti-
Il mio in questo luogo da sogno (in- appena conosci e comprendi a ma stagione potrò avere più nui ad assimilare nozioni e la Alex è un
rammarico
è che nelle
sieme a un paio di compagni)
senza sapere che lì, fra quelle
fondo i meccanismi, fai un sal-
to di qualità che ti è permesso
IDENTIKIT spazio e maggiori occasioni
per giocare».
squadra gioca sempre me-
glio».
ragazzo
intelligente
stesse mura, un certo Vujadin di fare in poche squadre».
gare in cui ma pure
Boskov, oltre trent’anni fa rice- 3 Il suo debutto in campiona- 3 Come spiega questo finale di
ho giocato veva amici e giornalisti (spesso 3 Potremmo definirla una Alex to a Torino, con quel presunto campionato sottotono? riflessivo
abbiamo
raccolto
entrambe le cose assieme), con stagione di apprendistato. Ferrari e contestato fallo di mano in «Siamo una squadra che è e molto
razionale,
la stessa vista verso Portofino e Quattro presenze sino ad oggi, area, non è stato facilissimo. sempre andata a cento all’ora,
NATO A MODENA
solo un l’infinito, fra interminabili rac- ma una grande considerazio- IL 1° LUGLIO 1994
«Pronti, via e subito nella mi- ci può stare un calo nelle ulti- in campo
punto conti di pallone e di vita. Il di- ne nello spogliatoio. RUOLO DIFENSORE CENTRALE schia. Vuol dire però che me partite. E poi è vero che in e fuori
fensore della Samp, che a fine «Ho sempre lavorato in silen- Giampaolo ha davvero sempre termini assoluti contano pure
ALTEZZA PESO
stagione verrà riscattato dal zio, mettendomi a disposizio- avuto fiducia in me, come dis- gli stimoli, mentre ormai per
Bologna, è troppo giovane per ne, accettando le scelte di
191 cm 80 kg se pure alla fine di quella parti- noi adesso ci sono all’orizzonte
ricordare, ma è bello pensare Giampaolo, e cercando di far- ta». solo gli obiettivi individuali».
che quella scelta sia stata in un mi trovare sempre pronto. ● Cresciuto calcisticamente
Qui sono certo senso un segno del desti- Purtroppo poi quando ho gio- nel Bologna, dopo una breve 3 L’aspetto più positivo di 3 Dica la verità: un modenese Il suo
ben no. cato io, pur avendo fatto buone parentesi a Crotone, Ferrari questo campionato per lei? doc come lei, avrà un po’ di profilo a
organizzati prestazioni, non abbiamo por- è rientrato a Bologna, prima «Il gruppo di lavoro, i giocatori passione legata ai motori... livello di
in campo e 3 Di lei Marco Giampaolo, tut- tato a casa molti punti (solo un di passare al Verona e, che ci sono qui. In tutte le «No, seguivo il Modena volley,
carattere
t’altro che prodigo di giudizi pari a Parma, n.d.r.), ma è l’anno scorso, in prestito squadre in cui sono stato ho però. Ora invece sono deluso
fuori: che sui singoli, ha detto testual- l’unico rammarico. Il mister ci alla Sampdoria. trovato persone positive, ma per la sconfitta di domenica gli
differenza mente: «Ragazzo intelligente, ha sempre detto di avere biso- qui tutto il gruppo assomiglia del Modena contro la Pergolet- permetterà
rispetto al riflessivo, razionale, con un gno di giocatori affidabili nella STAGIONE SQUADRA P G
proprio a una famiglia. C’è un tese per salire in C. Adesso do- in futuro di
mio 2013-14 CROTONE 2 0 fare anche
profilo tale che in futuro gli sua rosa, ed ho lavorato per ambiente compatto che mai mi vrà passare dai playoff...».
passato permetterà sicuramente di fa- questo». 2014-17 BOLOGNA 32 0 era capitato di incontrare in © RIPRODUZIONE RISERVATA l’allenatore
re l’allenatore. Oggi sta racco- 2017-18 VERONA 39 1 carriera».
s
2018-19 SAMPDORIA 4 0
Talento Alex gliendo il frutto della sua te- 3 Ha percepito la fiducia del TEMPO DI LETTURA 3’05” Guida Marco
Ferrari, 24 anni nacia». Credo che possa rite- suo allenatore? 3 La settimana prossima sarà Giampaolo
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 23

Calcio/GLI ANTICIPI DELLA 37ª GIORNATA

Prandelli, è l’ora del riscatto


sogno la squadra, per dimenti-
G L I A V V E R S A R I
care in fretta un periodo da in-
cubo, «ma anche per non cre-
are alcun tipo di alibi» nei
Il Cagliari sarà
«Padroni del nostro destino»
giocatori. Criscito (che oggi fa
duecento gare ufficiali nel Gri-
fone) e compagni hanno chie- battagliero
sto nei giorni scorsi alla società
di andare in ritiro un giorno
E per il futuro
Oltre 22 mila tifosi al Ferraris per spingere il Genoa obbligato a vincere prima, consapevoli della deli- blocca Vicario
catezza del momento. «Non
per la salvezza: «Serviranno equilibrio, determinazione e attenzione» ho mai fatto appelli in queste ● Una battaglia oggi a
settimane perché penso che Genova e più di uno sguardo
di Filippo Grimaldi - - GENOVA questa città abbia un potenzia- al futuro. Il Cagliari, dopo
le di risorse straordinarie — ha tre sconfitte di fila, arrivate
spiegato ancora Prandelli —. I dopo l’approdo a quota 40
Perchévedere La volata per evitare la B tifosi sanno benissimo cosa punti, vuol chiudere il
devono fare: parliamo della lo- campionato nel migliore dei
ro squadra e della loro ma- modi. Lo ha ribadito ieri il
GENOA CAGLIARI DIFFICOLTÀ: ★★★★★ Altissimo ★★★★ Alto ★★★ Medio
★★ Basso ★ Bassissimo glia». Tre parole lui ha detto
alla squadra: «Equilibrio, de-
tecnico Maran. A Genova gli
indisponibili sono il centrale
37ª GIORNATA 38ª GIORNATA
terminazione, attenzione. Ser- difensivo Ceppitelli e
CAGLIARI GENOA Udinese ve solo questo». l’esterno Faragò. Ma il club
40 punti ★★★★ ★★★★ guarda avanti e proprio in
FIORENTINA PARMA Genoa
Goran pensaci tu questi giorni sta chiudendo
40 punti ★★★★ ★★★★ Non è stata, comunque, una l’acquisto del giovane e
Il Genoa deve vincere per settimana semplice per l’alle- promettentissimo portiere
continuare a sperare nella BOLOGNA LAZIO Napoli natore del Genoa. Ha dovuto friulano del Venezia (‘96)
salvezza, aspettando poi il 40 punti ★★★★★ ★★★ fare i conti con acciaccati vari Guglielmo Vicario che ha
risultato dell’Empoli in PARMA Fiorentina ROMA — Biraschi, Zukanovic, Lerager, fatto un bel campionato in B
campo domani: di fronte, 38 punti ★★★★ ★★★★★ tutti recuperati e in campo nel post Audero. La società,
però, si troverà un Cagliari dall’inizio —, ma soprattutto che rafforzerà l’area
che non è ancora UDINESE Spal CAGLIARI con la squalifica di Romero, mercato (l’attuale team
aritmeticamente salvo e 37 punti ★★ ★★★★ assenza pesantissima in difesa manager Roberto Colombo
scenderà in campo GENOA Cagliari FIORENTINA contro la torre Pavoletti. «Può dovrebbe affiancare il ds
motivato per conquistare 36 punti ★★★★ ★★★★ bastare un episodio per far gi- Marcello Carli), prenderà
almeno un pareggio contro rare la partita a tuo favore». Vicario per poco più di un
il Grifone EMPOLI Torino INTER Ecco perché è possibile che milione. Poi deciderà che
35 punti ★★★★★ ★★★★★
tocchi proprio a Pandev pren- fare. Se Cragno parte (Roma
ORE 18, GENOVA In MAIUSCOLO le partite in trasferta
STADIO FERRARIS, SKY CALCIO 1 Condottiero Cesare Prandelli, 61 anni, è alla guida dere in mano dall’inizio l’at- e Monaco sono interessate)
del Genoa dall’inizio del dicembre scorso LAPRESSE GDS tacco, forte della capacità di ha già la soluzione pronta
gestire situazioni difficili, forse con lui e l’esperto Rafael che

F
inito il letargo, sopi- sostenere contro il Cagliari la che senza avere addosso l’an- Prandelli ha fatto lo psicologo con Lapadula al suo fianco e sta rinnovando per un anno.
te le proteste, can- squadra di Prandelli, che ha sia da prestazione, la ricerca a sin da sabato scorso a Reggio Kouame (premiato ieri dal Ge- Se Cragno resta (il Cagliari
cellati i mugugni ed i accolto con entusiasmo la pas- tutti i costi della vittoria sin Emilia, e con lui il presidente noa Club Amsterdam come per ora chiede una cifra
sit-in fuori dallo sta- sione ritrovata intorno ai ros- dall’inizio: la storia recente del Enrico Preziosi, in prima fila miglior rossoblù della stagio- alta, 25 milioni), Vicario può
dio, il popolo genoa- soblù. «Dipende tutto esclusi- Genoa insegna come certi li- anche ieri a Pegli per stare vici- ne) pronto a entrare per dare la stare come secondo o fare
no alla fine risponderà presen- vamente da noi — ricorda il miti caratteriali del gruppo no alla squadra e abile a moti- scossa. un’altra stagione di
te all’ultima chiamata per la tecnico del Grifone —. Siamo non abbiano consentito ai ros- vare lo spogliatoio toccando gli © RIPRODUZIONE RISERVATA esperienza in serie B.
serie A della squadra di Pran- consapevoli dell’importanza di soblù di rimettere in carreggia- argomenti giusti. Prandelli ha Francesco Velluzzi
delli. Alla fine saranno oltre
ventunomila i tifosi pronti a
questa partita, da affrontare
con lo spirito giusto», ma an-
ta quelle partite che si erano
messe male all’improvviso.
usato spesso ieri il verbo reset-
tare. Perché di questo aveva bi- s TEMPO DI LETTURA 1’59” © RIPRODUZIONE RISERVATA
24 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie A/L’INTERVISTA

Felipe: «Spal, che progetto Qui Udinese


Tudor carica
Ma Udine è nel mio cuore» «Chiudiamo
il discorso
salvezza»
Brasiliano, arrivò nel 2000: è lo straniero da più tempo in Italia
«In Friuli pensavo fosse per sempre, a Ferrara un club serio» di Massimo Meroi

di Francesco Velluzzi - INVIATO A FERRARA

È
arrivato a 16 anni, a per sempre. Ma loro non la
HA DETTO Udine. In Italia si pa-
gava ancora con le
pensavano allo stesso modo».
I NUMERI
lire. «Io sognavo dei 3 Ed è arrivata la Spal.

7
jeans bellissimi, ma «Ho ancora un anno di con-
costavano troppo». Veniva da tratto e vorrei continuare. Cer-
Guaratinguetà, Brasile, stato di cavo un progetto, l’ho trovato.
San Paolo, ancora qui non im- Perché, da Vagnati alla famiglia
David pazzava il tema dei migranti. Colombarini a Mattioli ho visto
Pizarro è il Felipe Dal Bello aveva un solo persone sincere nel calcio. Ci le squadre
compagno sogno: «Diventare calciatore». tengono, non ti usano come in cui ha militato
E’ ancora qui in Italia, difenso- una mucca da mungere. E in Felipe in serie A BIS Igor Tudor, 41 anni, seconda
più forte re, alla Spal. Dal 2000, quando una splendida città c’è passio- in Italia:Udinese, volta alla guida dell’Udinese LAPRESSE
che ho è sbarcato in Friuli, è sempre ne, vedi la gente con la sciar- Fiorentina,

«N
avuto. Era stato in A. E da poco col Chievo pa». Cesena, Siena, on dobbiamo
una ha segnato la prima doppietta Parma, Inter e rovinare tutto
spanna italiana. Nel frattempo ha se- 3 E vi siete salvati per il secon- Spal quel che di
sopra tutti gnato contro il Barcellona di do anno di fila. buono abbia-
un giovanissimo Messi e ha «La squadra quest’anno è più mo fatto sin

14
quest’anno marcato Cristiano forte. Più competitiva nei ruoli. qui». Igor Tudor tiene sempre
Ronaldo. I due miti di oggi. Dal portiere in giù. Semplici la guardia ben alta. L’Udinese a
«Segnai di piede, non di testa, spiega bene le cose ed è attento 180’ dalla fine è vicina alla fati-
ma è un bel ricordo. Così come ai particolari. E qui c’è gente dica quota dei 40 punti ma,
Pippo è stato bello è difficile stare ap- che ha futuro, nel mio ruolo complice la rimonta dell’Em-
Inzaghi il presso a Ronaldo, intelligente penso a Vicari e Bonifazi, poi i gol segnati poli, non è al sicuro. Potrebbe
più nel muoversi». Lazzari, Petagna». da Felipe in non bastare nemmeno vincere
serie A. Nove li l’ultima gara casalinga di oggi
fastidioso
3 Felipe, come è cambiato il 3 Petagna ha reso tanto, Bor- ha realizzati con con la Spal. Dipenderà dalle
da marcare calcio dal 2000 a oggi? riello lo scorso anno no. Per- la maglia notizie che arriveranno in se-
Era proprio «E’ cambiato. Più corsa e me- ché? dell’Udinese, rata da Marassi e da quel che
ovunque, ci no tecnica, ma si è un po’ im- «Ci sono stati degli atteggia- quattro con farà la squadra di Andreazzoli
volevano poverito. Allora i palloni d’oro menti che a parte della squa- quella della domani col Torino. L’Udinese,
4 occhi erano qui, ora non più e infatti dra non sono piaciuti. Petagna Spal, tre dei però, farà bene a portarsi avan-
CR7 qui ci sembra qualcosa di si è integrato e si è messo in ot- quali in questo ti prendendosi i tre punti per
FELIPE stratosferico». tica salvezza». campionato, uno confermare il buon rendimen-
Difensore Spal con la maglia del to avuto nel girone di ritorno
3 Nei primi anni duemila in 3 Insomma, resta lì? Parma. Nessun alla Dacia Arena: 4 vittorie, 3
serie A impazzava Dario Hub- 3 È’ stato in tante belle città. «Se non mi mandano via sì. Lo gol nelle partite pareggi e una sconfitta, alla
ner ora Cristiano... Quale le piace di più? Perchévedere stimolo c’è, il fisico regge (30 giocate con la prima col Parma. «Vorrei
«Ma lo sa che Hubner era to- «So che le sembrerà strano, e presenze), ora sto anche se- Fiorentina, col chiudere il discorso già in que-
stissimo. Allora non era tutto sembrerà strano a tanti, ma di- gnando (tre gol, un palo, 8 tiri Siena con sto weekend», sospira Tudor.
sotto l’occhio delle telecamere.
Tirava certe gomitate. Ed era
co Udine. E’ la città in cui sono
diventato uomo, marito, padre.
UDINESE SPAL nello specchio)». Cesena e Inter L’obiettivo passa attraverso la
vittoria con la Spal. «Nel calcio
molto bravo in area». Udine è nel cuore. Mi hanno 3 Salta tanto sui calci piazza- non ci sono garanzie, ma i
dato tutto». ti... punti si ottengono attraverso le
3 Il più fastidioso da marcare? «Il merito è pure di Gianni Vio, prestazioni. Quella di Semplici
«Pippo Inzaghi. Era dapper- 3 Sua moglie Caterina è stata ci aiuta sulle palle inattive». è una squadra che gioca bene
tutto, ci volevano 4 occhi». la molla di tutto. da tempo e che sa come si fan-
«Sì, stiamo insieme da 15 anni. La squadra friulana è in 3 Felipe, ha mai pensato di la- no i risultati. Io dico che, però,
3 Il difensore migliore? E quel che mi piace è che lavo- forma. Deve salvarsi e ha sciare l’Italia? a fine campionato contano un
«Nesta e Maldini, gli ho chie- ra e ha voluto mantenere l’in- un disperato bisogno di «Una sola volta, nel brutto pe- sacco di cose a cominciare dal-
sto tre volte la maglia». dipendenza. Beatrice, che ha 11 vincere. Nelle ultime due riodo di Firenze. Ebbi la possi- le motivazioni che sono fonda-
anni, cresce vedendo una gare ha pareggiato con bilità del Corinthians, mi da- mentali». Tudor riconfermerà
3 E’ sbarcato a Udine, Firenze, grande mamma. E io d’estate l’Inter e vinto a Frosinone. vano tanti soldi. Lasciai perde- la squadra che ha vinto a Frosi-
Cesena, Siena, Parma, Milano, per lei, che organizza matri- Ma quella emiliana, che ha re. Oggi non ci penso più». none. In difesa Samir preferito
Ferrara. Il compagno di squa- moni e ha due negozi in Friuli, appena perso in casa col a Nuytinck, a sinistra più
dra più forte? faccio pure il magazziniere». Napoli, lotta ancora per il 3 Pensa a un secondo figlio? d’Alessandro che Zeegelar per
«David Pizarro era proprio decimo posto. Che vale «No, per ora basta Beatrice, fermare Lazzari, in avanti il
una spanna sopra gli altri. Se 3 Domani al Friuli deve sfida- tanti soldi distribuiti dalla anche se allo stadio si annoia». tandem Okaka-Lasagna.
penso a un attaccante, dico To- re un’Udinese disperata... Lega di serie A © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

tò Di Natale. In allenamento gli «L’Udinese è nel cuore. Ci sono


ORE 15, UDINE
ho visto fare delle cose davvero
incredibili».
tornato nel 2015, dopo 4 mesi
belli all’Inter, e pensavo fosse
DACIA ARENA, SKY SPORT 202 s TEMPO DI LETTURA 3’03”
s TEMPO DI LETTURA 1’03”
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 25

Speciale
IL 1° PREMIO IL 1° PREMIO 617 PREMI
DELLA GENERALE DELLA ÉLITE 250MILA EURO
JAGUAR XF SSANGYONG IL FANTA-CONCORSO
SPORTBRAKE TIVOLI GO PIÙ RICCO D’ITALIA

compenso, il buon José è


stato molto generoso con i LA CLASSIFICA 38a GIORNATA
compagni. Tanto da avere un DOMENICA 26 MAGGIO
MAGICA obiettivo davanti nei ore 15
MENTE
SQUADRE PT PARTITE RETI
prossimi 180’: vincere la ATALANTA-SASSUOLO (andata 6-2)
G V N P F S
classifica degli assistman. Lo BOLOGNA-NAPOLI (2-3)
JUVENTUS 89 36 28 5 3 69 27
di Marco Guidi ha già fatto una volta, nel CAGLIARI-UDINESE (0-2)
NAPOLI 76 36 23 7 6 68 32 FIORENTINA-GENOA (0-0)
2016-17. E negli anni
Callejon Duemila, solo Totti, Kakà e
Cossu sono riusciti a
INTER
ATALANTA
66
65
36
36
19
19
9
8
8
9
54
73
28
44
FROSINONE-CHIEVO
INTER-EMPOLI
(0-1)
(1-0)
sulle orme concedere il bis. Oggi può
MILAN
ROMA
62
62
36
36
17
17
11
11
8
8
50
64
34
47
ROMA-PARMA
SAMPDORIA-JUVENTUS
(2-0)
(1-2)
di Totti, Kakà essere il suo turno. Al
momento, Callejon è in testa
TORINO
LAZIO
60
58
36
36
15
17
15
7
6
12
48
52
32
40
SPAL-MILAN
TORINO-LAZIO
(1-2)
(1-1)
e... Cossu! con Suso e Gomez a quota 9.
Seguono Mertens e Lazzari a
SAMPDORIA
SASSUOLO
49
42
36
36
14
9
7
15
15
12
58
52
51
57
8. Insomma, le premesse ci SPAL 42 36 11 9 16 40 50
MARCATORI
C
CAGLIARI 40 36 10 10 16 34 51
hi ha preso José sono. E chi punta il dito sul
BOLOGNA 40 36 10 10 16 42 51
Callejon al dato dei gol, dovrebbe FIORENTINA 40 36 8 16 12 47 44
26 RETI: Quagliarella (Sampdoria, 9)
fantacalcio non considerare che con Ancelotti 22 RETI: D. Zapata (Atalanta, 1)
PARMA 38 36 9 11 16 39 59
sarà oggi molto Callejon ha fatto l’esterno nel 21 RETI: Cristiano Ronaldo
UDINESE 37 36 9 10 17 34 50
(Juventus, 5), Piatek (Milan;
soddisfatto. Per la seconda 4-4-2. Più centrocampista GENOA 36 36 8 12 16 38 56 13 nel Genoa, 2)
volta da quando è a Napoli, lo che attaccante. Chissà che EMPOLI 35 36 9 8 19 46 67 17 RETI: Milik (Napoli)
spagnolo chiuderà il anche nel prossimo Magic FROSINONE 24 36 5 9 22 29 67 15 RETI: Caputo (Empoli, 3),
campionato senza arrivare in listone... CHIEVO (-3) 15 36 2 12 22 25 75 Petagna (Spal, 6), Belotti (Torino, 5)
doppia cifra di gol. In © RIPRODUZIONE RISERVATA
CHAMPIONS E. LEAGUE PREL. E. LEAGUE RETROCESSIONE

IL BORSINO 3 4
ELSHA FUORI CASA
È UNA SENTENZA
OCCHIO A CAPUTO:
POCO «RIGOROSO» 1
Top Flop
1) Abate (Milan) Inaspettato valore aggiunto del 3) Pjanic (Juventus) Giù di corda come non mai.
finale di stagione. Non porterà bonus, ma voti positivi e Contro Torino e Roma due insufficienze in pagella e un
utili in ottica modificatore sì. Anche contro il Frosinone... atteggiamento da torneo balneare di mezza estate

2) El Shaarawy (Roma) Gol segnati dai giallorossi


nelle ultime due trasferte? Due. Gol di ElSha nelle ultime
due trasferte? Due. E col Sassuolo gli spazi ci saranno.
4) Caputo (Empoli) Un solo gol nelle ultime cinque e
la difesa del Torino fa paura. Postilla: lasci battere i rigori
a qualcun altro, ha fatto male a troppi Magic allenatori
2
26 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Magic +3 Campionato/LA GUIDA

OGGI A UD I N E / O RE 15 DACIA ARENA O G G I A GE N O V A / OR E 1 8 S T A D I O F E R R A R I S

UDINESE 3-5-2 SPAL 3-5-2 GENOA 3-5-2 CAGLIARI 4-3-1-2

37
PUNTI
1. MUSSO
42
PUNTI
36
PUNTI
97. RADU
40
PUNTI
3. SAMIR 87. ZUKANOVIC
77. D'ALESSANDRO 4. CRISCITO
5. TROOST-EKONG 3. GUNTER
10. DE PAUL 44. VELOSO
87. DE MAIO 14. BIRASCHI
30. SANDRO 15. LASAGNA 21. RADOVANOVIC 10. LAPADULA
29. LAZZARI
38. MANDRAGORA 8. LERAGER 10. JOAO PEDRO
37. PETAGNA
19. LARSEN 7. OKAKA 11. MURGIA 32. PEREIRA 19. PANDEV
21. IONITA 33. SRNA
4. CIONEK 14. BIRSA
10. FLOCCARI 30. PAVOLETTI
28. SCHIATTARELLA 19. PISACANE
8. CIGARINI

19. KURTIC 23. VICARI


18. BARELLA
1. GOMIS 15. KLAVAN 28. CRAGNO
PANCHINA 88 Nicolas, PANCHINA 2 Viviano, PANCHINA 93 Jandrei, PANCHINA 1 Rafael,
27 Perisan, 17 Nuytinck, 93. FARES 14. BONIFAZI 12 Fulignati, 17 Poluzzi, 1 Marchetti, 13 Pezzella, 16 Aresti, 12 Cacciatore,
24 Wilmot, 18 Ter Avest, 13 Regini, 5 Simic, 33 Costa, 24 33 Lakicevic, 18 Rolon, 24 Bessa, 56 Romagna, 22 Lykogiannis,
90 Zeegelaar, 8 Badu, Dickmann, 16 Valdifiori, 8 Valoti, 95 99 Schafer, 11 Kouame, 9 Sanabria, 3. PELLEGRINI 6 Bradaric, 20 Padoin, 12 Oliva,
20 Hallfredsson, 14 Micin, 23 Pussetto, Jankovic, 7 Antenucci, 43 Paloschi 26 Dalmonte ALLENATORE Prandelli 27 Deiola, 29 Castro, 9 Cerri,
91 Teodorczyk ALLENATORE Tudor ALLENATORE Semplici BALLOTTAGGI Zukanovic-Pezzella 32 Despodov ALL. Maran
BALLOTTAGGI Lasagna-Pussetto 70-30%, BALLOTTAGGI Gomis-Viviano 60-40%, 55-45%, Lapadula-Kouame 60-40% BALL. Srna-Cacciatore 60-40%,
D’Alessandro-Zeegelaar 60-40% Schiattarella-Valdifiori 60-40% SQUALIFICATI Romero (1) DIFF. Lerager, Pisacane-Romagna 60-40%,
SQUAL. nessuno DIFF. Zeegelaar, Nuytinck, SQUALIFICATI nessuno Kouame, Rolon INDISPONIBILI Hiljemark, Birsa-Deiola 60-40% SQUAL. nessuno
Troost-Ekong, Okaka INDISP. Behrami, DIFFIDATI Felipe, Missiroli Sturaro e Favilli (stagione finita), Lazovic DIFF. Ionita, Cigarini, Pellegrini, Joao Pedro
Barak e Ingelsson (stagione finita), INDISPONIBILI Felipe e Missiroli (5 giorni) e Mazzitelli (7 giorni) INDISP. Ceppitelli (5 giorni), Faragò (stagione
Opoku e Fofana (da valutare) ALTRI nessuno ALTRI Nikolic, Salvi ALTRI Vodisek, Fallou, Russo finita) ALTRI Daga, Verde, Leverbe, Thereau,
DRITTE SÌ Okaka NO Sandro DRITTE SÌ Fares NO Gomis DRITTE SÌ Criscito NO Lapadula Doratiotto DRITTE SÌ Cragno NO Klavan

ANDATA 0-0 ARBITRO Fabbri ANDATA 0-1 ARBITRO Valeri


1 X 2 1 X 2
ASSISTENTI Peretti-Liberti IV Ghersini VAR Calvarese ASSISTENTI Passeri-Tolfo IV Piccinini VAR La Penna
AVAR Mondin TV Sky Sport 202, 251 PREZZI 10 euro 1.53 4.00 6.00 AVAR Costanzo TV Sky Sport 202, 251 PREZZI 5-50 euro 1.55 3.80 6.40

D O M A N I A E MPOLI / O RE 15 STADIO CASTELLANI DOMANI A PARMA/ O R E 1 5 S T A D I O T A R D I N I

EMPOLI 3-5-2 TORINO 3-4-2-1 PARMA 5-3-2 FIORENTINA 4-3-3

35
PUNTI
69. DRAGOWSKI
60
PUNTI
38
PUNTI
55. SEPE

3. DIMARCO
40
PUNTI
39. DELL'ORCO 95. BASTONI
6. PAJAC
26. SILVESTRE 28. GAGLIOLO
33. KRUNIC 17. BARILLÀ
2. IACOPONI
5. VESELI
10. BENNACER 17. FARIAS 5. STULAC 45. INGLESE 11. MIRALLAS
29. DE SILVESTRI 23. GAZZOLA
8. TRAORÈ
8. BASELLI 87. KUCKA
2. DI LORENZO 11. CAPUTO 9. BELOTTI 27. GERVINHO 4. MILENKOVIC
29. MURIEL 24. BENASSI
23. MEITÉ 5. IZZO
26. FERNANDES 20. PEZZELLA
21. BERENGUER 25. CHIESA
88. RINCON
33. NKOULOU
17. VERETOUT
39. SIRIGU 31. VITOR HUGO 1. LAFONT
PANCHINA 1 Provedel, PANCHINA 1 Ichazo, PANCHINA 1 Frattali, PANCH. 33 Brancolini,
21 Perucchini, 22 Maietta, 24. MORETTI 25 Rosati, 36 Bremer, 31 Brazao, 18 Gobbi, 23 Terracciano, 2 Laurini,
34. AINA
32 Rasmussen, 23 Pasqual, 7 Lukic, 17 Singo, 13 Sierralta, 33 Dezi, 14 Machin, 16 Hancko, 5 Ceccherini,
43 Nikolaou, 28 Capezzi, 18 Acquah, 19 Damascan, 14 Iago, 21 Scozzarella, 93 Sprocati, 3. BIRAGHI 6 Norgaard, 14 Dabo, 8 Gerson,
4 Brighi, 37 Oberlin, 48 Ucan, 11 Zaza, 72 Millico 77 Biabiany, 26 Siligardi, 9 Ceravolo 19 Montiel, 9 Simeone, 28 Vlahovic
7 Mchedlidze ALLENATORE Andreazzoli ALLENATORE Mazzarri ALL. D’Aversa BALL. Dimarco-Gobbi ALLENATORE Montella
BALLOTTAGGI nessuno BALLOTTAGGI Berenguer-Iago 70-30% 60-40%, Stulac-Scozzarella 60-40%, BALLOTTAGGI Pezzella-Ceccherini 70-30%
SQUALIFICATI nessuno SQUALIFICATI nessuno Inglese-Ceravolo 60-40% Fernandes-Gerson 60-40%
DIFF. Capezzi, Acquah, Veseli, Traorè, Pajac DIFFIDATI nessuno SQUALIFICATI Bruno Alves e Rigoni (1) SQUALIFICATI nessuno
INDISPONIBILI Polvani, La Gumina INDISPONIBILI Djidji (stagione finita), DIFFIDATI Biabiany, Iacoponi, Dimarco DIFFIDATI Chiesa, Dabo, Laurini
e Antonelli (stagione finita), Diks (da valutare) Parigini e Ansaldi (7 giorni) INDISP. Diakhate e Schiappacasse INDISPONIBILI Pjaca (stagione finita)
ALTRI nessuno ALTRI Ferigra, Adopo (da valutare) ALTRI Bagheria e Davordzie ALTRI Beloko, Graiciar, Ghidotti
DRITTE SÌ Traoré NO Caputo DRITTE SÌ Belotti NO De Silvestri DRITTE SÌ Inglese NO Dimarco DRITTE SÌ Chiesa NO Veretout

ANDATA 0-3 ARBITRO Mazzoleni ANDATA 1-0 ARBITRO Giacomelli


1 X 2 1 X 2
ASSISTENTI Paganessi-Vivenzi IV Abbattista VAR Orsato ASSISTENTI Carbone-Di Iorio IV Rapuano VAR Mariani
AVAR Valeriani TV Sky Sport 202 PREZZI 25-100 euro 2.50 3.40 2.70 AVAR Cecconi TV Dazn PREZZI 15-100 euro 3.05 3.15 2.40

I nostri consigli
D O M A N I A N A P O L I / O RE 20.30 STADIO SAN PAOLO

NAPOLI 4-4-2 INTER 4-2-3-1

76 1. MERET
66
Criscito a centrocampo stuzzica
PUNTI 31. GHOULAM PUNTI
Traoré è in grande spolvero
Pellissier-Quagliarella a tutto gol
26. KOULIBALY 20. ZIELINSKI

33. ALBIOL 8. FABIAN RUIZ


14. MERTENS
87. CANDREVA
23. HYSAJ 5. ALLAN
di Marco Guidi
99. MILIK 10. MARTINEZ 33. D’AMBROSIO
7. CALLEJON

M
14. NAINGGOLAN 8. VECINO ancano 180’ alla fi- za, già raggiunta invece dagli spallini. da due gol consecutivi. Nel Genoa,
ne del campionato, Okaka, come avevamo segnalato Criscito avanzato nei cinque in me-
23. MIRANDA prima della gara con il Frosinone, è diana può avere un suo perché al
ma soprattutto en- l’uomo su cui puntare tra i padroni fantacalcio.
77. BROZOVIC triamo nelle due di casa: chi ha la fisicità per tenerlo
44. PERISIC giornate che deci- tra gli ospiti? Semplici dovrebbe
1. HANDANOVIC
PANCHINA 27 Karnezis, 37. SKRINIAR PANCHINA 46 Berni, deranno la maggior parte dei affidare la porta a Gomis (occhio, 1
22 D’Andrea, 2 Malcuit, 27 Padelli, 13 Ranocchia, tornei di fantacalcio in giro non gioca da un bel po’...), mentre SASSUOLO
13 Luperto, 19, Maksimovic, 21 Cedric, 29 Dalbert, Lazzari in fascia potrebbe sfruttare ROMA
6 Mario Rui, 9 Verdi, 34 Younes, 5 Gagliardini, 20 Borja Valero,
per l’Italia. Se siete ancora in
la poca attitudine di D’Alessandro a Di El Shaarawy abbiamo scritto già
18 Gaetano ALL. Ancelotti 18. ASAMOAH 15 Joao Mario, 11 Keita, 9 Icardi ballo per un obiettivo, non
difendere. nella copertina di questo +3: il
BALLOTTAGGI Hysaj-Malcuit 60-40%, ALLENATORE Spalletti potete permettervi di sbaglia- Faraone può andare a mille negli
Ghoulam-Mario Rui 60-40% BALLOTTAGGI L. Martinez-Icardi 60-40% re le scelte. Noi proviamo a
SQUAL. nessuno DIFF. Maksimovic, Allan, SQUAL. nessuno DIFF. Perisic, Skriniar, spazi che il Sassuolo è solito con-
Diawara, Albiol, Koulibaly, Hysaj, Milik, Mario Rui L. Martinez, Politano, Gagliardini, Borja Valero
darvi qualche dritta, partita 1 cedere alle ripartenze avversarie.
INDISPONIBILI Chiriches (stagione finita), INDISPONIBILI Vrsaljko (stagione finita), per partita. GENOA Tra i neroverdi, Boga ha il passo
Ospina (in permesso), Insigne, Diawara Politano (5 giorni), De Vrij (da valutare) CAGLIARI per mettere in difficoltà la retro-
e Ounas (3 giorni) ALTRI nessuno ALTRI Salcedo, Colidio Scontro salvezza anche a Marassi: i guardia giallorossa, anche se la
DRITTE SÌ Callejon NO Milik DRITTE SÌ Perisic NO Candreva 1 liguri hanno più necessità di punti, presenza di Juan Jesus se non
UDINESE ma l’aritmetica non dà garanzie altro aggiunge rapidità al reparto.
ANDATA 0-1 ARBITRO Doveri SPAL neanche ai sardi. L’assenza di Ro- Locatelli dal 1’: 4 cartellini gialli nelle
1 X 2 Con un successo i friulani si avvici- mero apre un buco nella difesa di ultime 5 presenze ne sconsigliano
ASSISTENTI Ranghetti-Bindoni IV Di Bello VAR Banti
AVAR Fiorito TV Sky Sport 201, 252 PREZZI 30-65 euro 2.52 3.30 2.89 nerebbero sensibilmente alla salvez- Prandelli: occhio a Pavoletti, reduce l’utilizzo alla Magic.
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 27

OGGI A RE G G I O E M I L I A / O RE 20.30 MAPEI STADIUM DOMANI A VERONA / OR E 1 2 . 3 0 S T A D I O B E N T E G O D I

SASSUOLO 4-3-3 ROMA 4-2-3-1 CHIEVO 4-3-1-2 SAMPDORIA 4-3-1-2

42
PUNTI
47. CONSIGLI

6. ROGERIO
62
PUNTI
15
PUNTI
1. SEMPER

5. BARBA
49
PUNTI
12. CESAR
31. FERRARI 56. HETEMAJ
73. LOCATELLI
3. DEMIRAL 20. BOGA 14. BANI
8. DIOUSSÉ 69. MEGGIORINI
4. MAGNANELLI
17. UNDER 27. DEPAOLI 55. VIGNATO 27. QUAGLIARELLA
21. LIROLA
9. DJURICIC
32. DUNCAN 11. LERIS
9. DZEKO 24. FLORENZI 10. PRAET
7. SALA
25. BERARDI 31. PELLISSIER 11. RAMIREZ
22. ZANIOLO 4. CRISTANTE
17. CAPRARI
20. FAZIO 4. VIEIRA 25. FERRARI

42. NZONZI
92. EL SHAARAWY 16. LINETTY
83. MIRANTE 1. AUDERO
PANCHINA 79 Pegolo, 5. JUAN JESUS PANCHINA 1 Olsen, PANCHINA 67 Caprile, 15. COLLEY PANCHINA 72 Belec,
28 Satalino, 2 Marlon, 5 Lemos, 63 Fuzato, 2 Karsdorp, 43 Ndrecka, 6 Frey, 40 Tomovic, 33 Rafael, 3 Andersen,
17 Sernicola, 98 Adjapong, 18 Santon, 15 Marcano, 44 Jaroszynski, 33 Andreolli, 24 Bereszynski, 6 Ekdal,
10 Matri, 19 Odgaard, 30 Babacar, 16 De Rossi, 7 Pellegrini, 19 Coric, 7 Piazon, 18 Karamoko, 13 Kiyine, 14 Jankto, 8 Barreto, 22 Tavares,
34 Di Francesco, 99 Brignola 11. KOLAROV 27 Pastore, 8 Perotti, 34 Kluivert, 10 Pucciarelli, 9 Stepinski, 25 Grubac 29. MURRU 20 Sau, 92 Defrel, 5 Saponara,
ALLENATORE De Zerbi 14 Schick ALLENATORE Ranieri ALLENATORE Di Carlo 23 Gabbiadini ALLENATORE Giampaolo
BALLOTTAGGI Djuricic-Lemos 55-45%, BALLOTTAGGI Nzonzi-De Rossi 55-45%, BALLOTTAGGI Leris-Tomovic 55-45% BALLOTTAGGI Audero-Belec 60-40%,
Magnanelli-Lemos 60-40% Under-Kluivert 60-40%, SQUALIFICATI Rigoni (1) Caprari-Gabbiadini 60-40%
SQUALIFICATI Bourabia (1) Zaniolo-Pastore 60-40% SQUAL. nessuno DIFFIDATI Stepinski, Depaoli SQUALIFICATI nessuno
DIFFIDATI nessuno INDISP. Magnani, Sensi DIFFIDATI Schick, Florenzi, Dzeko INDISPONIBILI Schelotto (stagione finita) DIFFIDATI Audero, Sau, Bereszynski
e Peluso (stagione finita), Scamacca INDISPONIBILI Bianda (stagione finita), ALTRI Sorrentino, Rossettini, Djordjevic, INDISPONIBILI nessuno
(Under 20) ALTRI Raspadori, Turati, Campani Manolas (5 giorni) ALTRI Celar, Riccardi Giaccherini, Burruchaga, Tanasijevic, Seculin ALTRI Farabegoli
DRITTE SÌ Boga NO Locatelli DRITTE SÌ El Shaarawy NO Cristante DRITTE SÌ Pellissier NO Dioussé DRITTE SÌ Audero NO Colley

ANDATA 1-3 ARBITRO Maresca ANDATA 0-2 ARBITRO Aureliano


1 X 2 1 X 2
ASSISTENTI Longo-Villa IV Dionisi VAR Chiffi AVAR Alassio ASSISTENTI Marchi-M. Rossi IV Maggioni VAR Giua
TV Dazn PREZZI 40-150 euro 6.00 4.75 1.45 AVAR Tegoni TV Dazn PREZZI 30-100 euro 3.75 3.70 1.88

D O M A N I A M ILANO / O RE 18 STADIO MEAZZA DOMANI A TO R I N O / OR E 2 0 . 3 0 A L L I A N Z S T A D I U M

MILAN 4-3-3 FROSINONE 3-5-2 JUVENTUS 4-3-3 ATALANTA 3-4-1-2

62
PUNTI
99. G. DONNARUMMA

68. RODRIGUEZ
24
PUNTI
89
PUNTI
1. SZCZESNY

37. SPINAZZOLA
65
PUNTI
13. ROMAGNOLI 19. BONUCCI
14. MATUIDI
10. CALHANOGLU
7. RONALDO
22. MUSACCHIO 11. BORINI 15. BARZAGLI
14. BAKAYOKO 5. PJANIC
20. ABATE 2. DE SCIGLIO 72. ILICIC
19. PIATEK 7. PAGANINI 18. KEAN 33. HATEBOER
79. KESSIE
28. CIANO 23. EMRE CAN
24. CASSATA
8. SUSO 91. ZAPATA 15. DE ROON
23. BRIGHENTI 10. GOMEZ 23. MANCINI
20. TROTTA 10. DYBALA
21. SAMMARCO

11. FREULER 19. DJIMSITI


16. VALZANIA 15. ARIAUDO
22. BARDI 95. GOLLINI
PANCHINA 25 Reina, PANCH. 57 Sportiello, PANCHINA 21 Pinsoglio, PANCHINA 31 Rossi,
90 A. Donnarumma, 17 Zapata, 33. BEGHETTO 32 Krajnc, 6 Goldaniga, 32 Del Favero, 4 Caceres, 21. CASTAGNE 1 Berisha, 41 Ibañez,
12 Conti, 93 Laxalt, 21 Biglia, 25. CAPUANO 4 Simic, 3 Molinaro, 24 Rugani, 20 Cancelo, 5. MASIELLO 8 Gosens, 7 Reca, 22 Pessina,
4 Mauri, 16 Bertolacci, 7 Castillejo, 2 Ghiglione, 8 Maiello, 12 Alex Sandro, 30 Bentancur, 88 Pasalic, 99 Barrow, 17 Piccoli
63 Cutrone ALLENATORE Gattuso 17 Zampano, 92 Viviani, 9 Ciofani, 41 Nicolussi Caviglia, 33 Bernardeschi, ALLENATORE Gasperini
BALL. nessuno SQUAL. Paquetà (2) 18 Dionisi, 14 Errico ALLENATORE Baroni 16 Cuadrado, 17 Mandzukic ALL. Allegri BALL. Castagne-Gosens 65-35%
DIFFIDATI Zapata, G. Donnarumma, BALLOTTAGGI Sammarco-Maiello 55-45%, BALL. Kean-Bernardeschi-Mandzukic SQUALIFICATI Palomino (1)
Bakayoko, Calhanoglu, Castillejo Trotta-Ciofani 55-45%, 45-35-20%, De Sciglio-Cancelo 60-40%, DIFFIDATI Ilicic, Freuler, Hateboer, Palomino
INDISPONIBILI Calabria, Caldara Paganini-Zampano 55-45% SQUAL. nessuno Pjanic-Bentancur 60-40% SQUAL. nessuno INDISPONIBILI Toloi (stagione finita),
e Bonaventura (stagione finita), DIFF. Brighenti, Cassata, Capuano, Maiello DIFFIDATI Cuadrado, Matuidi e Mandzukic Varnier (7 giorni)
Strinic (da valutare) INDISP. Salamon (stag. finita), Chibsah e Gori INDISPONIBILI Khedira e Perin (stagione ALTRI Kulusevski, Colpani
ALTRI Plizzari, Montolivo, Tsadjout, Bellanova (da valutare), Pinamonti (Under 20) finita), Douglas Costa (7 giorni), Chiellini (3) DRITTE SÌ Hateboer NO Freuler
DRITTE SÌ G. Donnarumma NO Rodriguez ALTRI Iacobucci DRITTE SÌ Bardi NO Trotta ALTRI nessuno DRITTE SÌ Ronaldo NO Pjanic

ANDATA 0-0 ARBITRO Manganiello ANDATA 2-2 ARBITRO Rocchi


1 X 2 1 X 2
ASS. Schenone-Lo Cicero IV Prontera VAR Pairetto ASSISTENTI Di Liberatore-Tonolini IV UOMO Sacchi VAR Irrati
AVAR Galetto TV Sky Sport 202, 251 PREZZI 30-115 euro 1.12 8.25 20.00 AVAR Marrazzo TV Sky Sport 202, 253 PREZZI 30-90 euro 2.45 3.00 3.25

LUNEDÌ A R OMA / OR E 2 0 . 3 0 S T A D I O O L I M P I C O

LAZIO 3-5-2 BOLOGNA 4-2-3-1

1 ottica fantacalcio, anche per l’impie- neri è Suso quello più in crescita.
CHIEVO
SAMPDORIA
Fin troppo facile consigliare due
go di Barzagli, all’ultima davanti ai
supporter bianconeri. Sponda Ata-
lanta: la sconfitta in finale di Coppa
Difficile fare una buona fanta-pesca
in casa Frosinone. L’esuberanza di
Paganini può dare fastidio a Rodri-
58
PUNTI
1. STRAKOSHA
40
PUNTI
giocatori al Bentegodi: Pellissier è Italia fa male, ma l’obiettivo Cham- guez in fase d’inserimento. 15. BASTOS
all’ultima davanti al suo pubblico, pions è a un passo e per questo ci 19. LULIC
Quagliarella è vicinissimo al primo affideremmo all’uomo più rappre- 33. ACERBI
1 10. LUIS ALBERTO
titolo di capocannoniere in Serie A sentativo in rosa. Vai, Papu Gomez. NAPOLI 3. LUIZ FELIPE
nella sua lunga carriera. What else? INTER 25. BADELJ 11. CORREA
1 Milik non attraversa un gran momen-
16. PAROLO 7. ORSOLINI
1 PARMA to di forma, a differenza di Mertens,
EMPOLI FIORENTINA che ha recuperato dai recenti ac- 27. ROMULO
24. PALACIO
Un mese fa, nessuno avrebbe cre- ciacchi e può impensierire la difesa 20. CAICEDO 15. MBAYE
TORINO 21. SORIANO
Nessun giocatore in Europa ha sba- duto che la sfida del Tardini sarebbe nerazzurra con la sua vivacità. 5. PULGAR
gliato tanti rigori quanto Ciccio Ca- stata importante in ottica salvezza. Il Mismatch sulla fascia: l’ultimo Peri- 23. DANILO
puto in stagione: ben 3. Per l’attac- Parma sta subendo inusualmente sic ha un altro passo rispetto a
cante dei toscani (un gol nelle ultime parecchi gol, ma la Fiorentina fatica Hysaj. 10. SANSONE 31. DZEMAILI
5) non è comunque un gran momen- da matti a segnare. Per questo è
to, meglio affidarsi a Traoré, che sta dura interpretare la partita anche al 1 28. SKORUPSKI
PANCHINA 23 Guerrieri, 4. LYANCO PANCH. 1 Da Costa,
macinando voti positivi in serie. Nel fantacalcio. In questi casi, meglio LAZIO 24 Proto, 13 Wallace, 4 Patric, 18 Helander, 25 Corbo,
Toro le speranze d’Europa sono puntare sulle qualità dei singoli: BOLOGNA 14 Durmisi, 77 Marusic, 6 Leiva, 33 Calabresi, 11 Krejci, 16 Poli,
tutte nei piedi di Belotti. È in gran Inglese è tornato facendo gol subito, I biancocelesti festeggeranno la 66 Jordao, 32 Cataldi, 21 Milinkovic, 17 Donsah, 32 Svanberg,
Chiesa ha sempre reso discreta- 35. DIJKS
spolvero e la difesa di casa è solita vittoria della Coppa Italia. Inzaghi 17 Immobile, 30 Neto ALL. S. Inzaghi 9 Santander, 20 Edera, 22 Destro,
concedere parecchio. mente anche nelle enormi difficoltà non farà troppo turnover e il Parolo BALLOTTAGGI Badelj-Leiva 60-40%, 91 Falcinelli
viola. visto di recente può fare comodo Caicedo-Immobile 60-40%, ALLENATORE Mihajlovic
anche al fantacalcio. Nel Bologna, Luis Alberto-Cataldi 60-40% BALLOTTAGGI Dzemaili-Poli 55-45%,
1 riecco Sansone, che ha la gamba SQUAL. Radu (1) DIFFIDATI Caicedo, Orsolini-Edera 55-45%
JUVENTUS 1 giusta per pungere la difesa dei Correa, Durmisi, Luiz Felipe, Strakosha SQUAL. nessuno DIFF. Danilo, Dzemaili
ATALANTA MILAN INDISPONIBILI Berisha (7 giorni), INDISPONIBILI Mattiello (7 giorni)
FROSINONE padroni di casa.
Da quando i bianconeri sono stati Lukaku (stagione finita) ALTRI Basta ALTRI Santurro, Pirana, Paz, Nagy, Valencia
eliminati dalla Champions, solo Cri- I rossoneri devono vincere per DRITTE SÌ Parolo NO Bastos DRITTE SÌ Sansone NO Mbaye
stiano Ronaldo ha continuato a sperare nella qualificazione in © RIPRODUZIONE RISERVATA

giocare sui suoi soliti standard. Oltre Champions: sarà la gara giusta per ANDATA 2-0 ARBITRO Pasqua
che per il portoghese, la gara dello
Stadium può essere interessante, in
rivedere Piatek sparare? Le pre-
messe ci sono, anche se tra i rosso- s TEMPO DI LETTURA 3’05” ASSISTENTI Santoro-Del Giovane IV Di Paolo VAR Nasca
AVAR De Meo TV Sky Sport 202, 251 PREZZI 10-180 euro
1
2.15
X
3.10
2
3.60
28 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 29

Opinioni/CHE COSA C’È DA SAPERE E CAPIRE

Dentrolenotizie
HADETTO
L’uomo del giorno IN
CONTROPIEDE
Chiedo scusa a
Palmieri. Capita U N C A M P I O N E A I S A L U T I
di esprimersi in
modo sbagliato
Fabio Fognini BARZAGLI Coach Pianigiani, tecnico Olimpia

SEMPLICITÀ
TENNISTA di Dan Peterson

Milano vince
lo scudetto,

Forse voleva dire...


E GRANDEZZA ma quanta
incertezza

S
di G.B. Olivero aranno playoff
3 Caro Sergio, ieri sera ero scos- incerti, molto

C
so e ho detto che dovevi andar- hi è davvero grande non ha bisogno di più del solito.
tene. Ma ora sono sereno e non evidenziare la propria superiorità. Andrea Trovo giusto
ti dico quello che penso sennò Barzagli ha sempre scelto il basso profilo, ma considerare Milano
dovrei scusarmi un’altra volta... era talmente più bravo da non potersi favorita, ma sono passati
confondere con gli altri difensori così attenti troppo sotto silenzio i
alle linee e agli spazi da dimenticarsi gli uomini da miglioramenti a livello di
marcare. Barzagli è stato un grandissimo stopper (si, gioco del basket italiano.
stopper: lui apprezzerà), lo raccontano gli scudetti, il Manca una sola cosa: far
Mondiale, la leggenda della BBC e le espressioni spaesate giocare gli italiani. Non mi
degli attaccanti che neutralizzava con semplicità. Andrea si dica che sono protetti o
è stato talmente bravo che a volte nei suoi interventi non che non hanno più fame, li
Se qualche toccava né la palla né l’avversario: gli bastava il vedo da 46 anni e sono
giocatore del movimento giusto e la lettura ideale, altro che coperture
preventive.
pronto a mettere la mano
sul fuoco: con opportunità
Milan andasse via Il giorno della festa del primo scudetto di Conte la Juve e fiducia, possono sempre
non mi dispererei ospitava l’Atalanta, nel finale ci fu un rigore e tutto lo fare la differenza.
stadio mandò sul dischetto Andrea. Era l’unico che non
Matteo Salvini aveva ancora segnato e quel gol rese felici tutti. Domani Quella che mi aspetto
MINISTRO DELL’INTERNO allo Stadium c’è l’ottava festa scudetto, di nuovo con facciano gli italiani di
l’Atalanta, e sarà anche un giorno triste per l’addio di Milano nella serie con
Andrea. Difficile che ci sia un altro gol. Impossibile che Avellino. Dico 3-2 Olimpia:
non ci sia un momento tutto per lui: un artista della la Scandone in casa è forte,
marcatura e una persona seria. Pianigiani deve stare
© RIPRODUZIONE RISERVATA attento alle assenze e avrà
bisogno che Cinciarini,
Forse voleva dire... Roccia Andrea Barzagli, 38 anni, otto scudetti con la Juve Fontecchio e Della Valle
diano risposte. Giocando
3 A dire il vero, se potessi, ne ogni due giorni, la
manderei via otto o nove e panchina sarà
quelli che rimangono li mette- fondamentale per tutti.
rei in panchina. Dove natural- Vedo un italiano

BARSPORT
mente non ci sarebbe Gattuso. protagonista anche del 3-2
I TEMI CALDI E COME di Trento su Venezia: Diego
LA PENSA LA GAZZETTA Flaccadori. Ha grandissimo
GAZZAVOTI potenziale, sa fare tutto e
per lui è il momento di fare
il passaggio successivo.

7
IL RILANCIO DEL CLUB ROSSONERO MEGA BEVUTA NEL POSTPARTITA IL FUTURO DEL CENTRAVANTI Dico 3-2 anche per
Cremona su Trieste, che
essendo neo promossa è la
peggior cliente possibile. E
3-2 di Sassari su Brindisi:
deciderà il fattore campo,
Davide Formolo ma quella di Pozzecco è la
CORRIDORE BORA-HANSGROHE squadra più in forma.

Darà fastidio anche in


semifinale, a Milano, che
vincerà 3-2 con molta
Da Londra Ivan Gazidis, ex Arsenal, a.d. Milan Brindisi Frank Lampard allena il Derby County Ex capitano Mauro Icardi, 26 anni, da 6 all’Inter sofferenza, a patto che
risolva il rebus Jack Cooley,
Milan stile Arsenal? Lampard e la festa Quelle frasi di Icardi che ha fatto la differenza
quando Sassari ha vinto di
RAl Giro lancia di forza la
fuga di giornata: 3° all’arrivo,
Sì, le 7 Champions ad alta gradazione Maurito veramente 14 in regular season al
Forum. Nell’altra
non fanno bilancio In fondo, è solo calcio vuol restare all’Inter?

? ! ?
guadagna 1’08”, recupera semifinale punto sul 3-2 di
i 50” persi nella crono di Cremona su Trento:
Bologna e torna in prima fila 3 Milan modello Arsenal: è 3 I salutisti inorridiranno di 3 Icardi vuole la Juve. «Voglio giocano entrambe con lo
lo scenario che si prospetta fronte al conto della festa del restare, l’Inter è la mia small ball, ma Sacchetti è

7
sotto la gestione di Gazidis, Derby County dopo il trionfo famiglia». Il centravanti ed ex un maestro del genere e io
non a caso ex uomo forte dei nella semifinale playoff contro capitano nerazzurro da ho fiducia nel gioco di
Gunners. Il tifoso rossonero, il Leeds: 206 bottiglie di qualche tempo sta ripetendo Cremona.
e non soltanto lui, si chiede: Prosecco, 53 gin tonic, 75 che non ha nessuna
ma perché noi, dall’alto delle Jagermeister, 65 vodke, 54 intenzione di lasciare l’Inter. La mia finale è Milano-
nostre sette Champions, sambuca, 38 tequilas, birra, Lo fa lui, tramite i social, lo Cremona: l’Olimpia
Maria Sakkari seguiamo lo stesso percorso whisky. Prezzo: 2800 sterline ribadisce la signora Wanda in vincerà 4-3. Premio ancora
TENNISTA di chi ha vinto il suo ultimo campionato (3200 euro). C’è tempo per smaltirli, la tv. Un gioco delle parti che si trascinerà il fattore campo, anche
nel 2003-04 e che al massimo ha vinto la finale contro l’Aston Villa per assegnare la fino ai giorni del calciomercato. Icardi sa perché non vedo Milano
Coppa delle Coppe e delle Fiere? Il Milan terza promozione in Premier è il 27 che all’Inter non può più restare, sia che arrivare in finale e farsi
sarà anche glorioso, però deve ancora maggio, ma la vicenda dimostra che il sulla panchina ci sia ancora Spalletti, sia sfuggire il titolo. Mentre
riassestarsi del tutto dopo le continue connubio tipico del calcio inglese che arrivi Conte. San Siro ha votato e lo ha Cremona, che ha vinto la
disavventure societarie degli ultimi anni. «successi più sbronze» resiste alla fatto in maniera chiara: non solo la Curva Coppa Italia e giocherebbe
Il fondo Elliott punta al risanamento dei modernità. E che un fondo di leggerezza Nord ha fischiato l’ex capitano, ma tutto lo la prima finale, potrebbe
conti e a rimodernare il club: logico rimarrà sempre nel football stadio. La storia è finita (male) e Icardi essere un po’ appagata. E
ispirarsi all’Arsenal, solido sotto tutti i d’Oltremanica. L’allenatore del Derby, prepara l’uscita di scena facendo credere poi non la vedo battere 4
RBatte la Mladenovic, vola in punti di vista. Chiunque si rassegni: Frank Lampard, è candidato al Chelsea in che verrà venduto contro la sua volontà. volte Milano. Anche se
semifinale a Roma e sale dal prima il rilancio finanziario, poi la caccia caso di esonero di Sarri: dal Sarriball al In realtà vuole scegliere lui dove andare, Sacchetti è un maestro nel
39° al 28° posto (parziale) del ai nuovi trofei. È il nuovo calcio, bellezza Lampardrink? P.S. Nel conto c’era anche ma il popolo nerazzurro ha già emesso la vincere al Forum...
ranking: la greca cresce come rossonera. una Coca light: errore o imbucato al party? sentenza. © RIPRODUZIONE RISERVATA
l’amico Tsitsipas. Andrea Masala Stefano Boldrini Mimmo Cugini
30 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 31

GazzaMondo
PORTOGALLO, BENFICA A UN PASSO DAL TITOLO
Nella volata finale oggi in Portogallo c’è ancora in ballo il
titolo fra Benfica e Porto. Quelli di Lisbona sono in vantaggio
di 2 punti (84 a 82) e avanti negli scontri diretti. Quindi gli
basterà pareggiare col Santa Clara, 8° e senza obiettivi. Il
LE EMOZIONI DEL CALCIO ESTERO Porto affronta invece lo Sporting, già 3° e in Europa League.

Finale di Coppa d’Inghilterra

Guardiola e City
per la tripletta
Pozzo per l’Europa
Oggi alle 18 ultimo atto della FA
Cup. Pep e il Watford «italiano»
Leader A sinistra Niko Kovac, 47 anni, croato ma di Berlino, tecnico del Bayern dal luglio scorso; a destra Lucien Favre, 61 anni,svizzero, Borussia Dortmund di Stefano Boldrini - CORRISPONDENTE DA LONDRA

Bundesliga al rush finale I


l torneo più antico
del mondo e le om-
bre del fair play fi-
nanziario: la finale
di FA Cup Manche-

Bayern in vantaggio ma...


ster City-Watford di oggi rap-
presenta una perfetta sintesi
tra calcio antico e moderno. Da
un lato il fascino di una coppa
istituita nel 1871 e approdata al-
l’edizione numero 138, con
L’Eintracht si gioca la Champions e prova lo scherzo l’Arsenal in testa nell’albo
d’oro a quota 13; dall’altro una

ai bavaresi. Dortmund col Gladbach per il miracolo vicenda che potrebbe portare
all’esclusione del City - 5 FA
Cup in bacheca – ad un’edizio-
Il boss Pep Guardiola, 48 anni,
tecnico del Manchester City dal 2016
di Pierfrancesco Archetti ne di Champions League dopo
il deferimento di due giorni fa. La star

O
ltre che presidente Bayern riceve l’Eintracht, in lot- sito Spox ha annunciato il di- punti. Anche per il Borussia Pep Guardiola, 48 anni, alla vi- Raheem Sterling, considerato
del Borussia Dort- ta per l’ultimo posto da Cham- vorzio in qualsiasi caso, indi- Dortmund oggi sarebbe un’im- gilia di un match nel quale l’al- in questo momento il calciato-
mund, Reinhard pions. Il Borussia va dall’altro cando in Mark van Bommel il presa da annali, visto che deve lenatore catalano potrebbe re più influente del pianeta in-
Rauball è anche il Borussia, che è quarto a +1 dal- sostituto. Rummenigge è inter- solo vincere e sperare nel k.o. centrare lo storico Treble cam- glese per la somma prestazioni
numero uno della l’Eintracht e a pari con il Leve- venuto di persona:«Una bufa- dei rivali, avanti nella differenza pionato, Coppa di Lega e coppa sportive più battaglia contro il
Lega. Una persona benvoluta, rkusen. A Monaco avrebbero la». Ma come vigilia del giorno reti. Non riuscisse il colpo, do- d’Inghilterra, dice: «Fino a razzismo, è cresciuto nel quar-
eletta all’unanimità e che ha de- potuto risparmiarsi l’incertezza del giudizio, non è stata una vrebbe però guardarsi dentro prova contraria siamo inno- tiere di Wembley: «Ricordo gli
ciso di farsi da parte nella pros- battendo il Lipsia alla penulti- ventata di serenità. perché l’occasione era notevole, centi. Io mi fido del club. Se poi anni della ricostruzione. Con i
sima estate dopo 12 anni, altri- ma, invece è finita 0-0 e adesso contro il peggior Bayern degli sarà dimostrato che abbiamo miei amici andavamo in bici-
menti sarebbe stato di nuovo fanno i signori: «Abbiamo rida- Le colpe ultimi anni: i gialloneri sono sbagliato, saremo puniti. Io so cletta a seguire i lavori. Nei
confermato. Negli ultimi sei to le emozioni fino in fondo alla Dieci anni fa, quando ci fu l’ul- stati primi per 21 giornate su 33 che c’è gente che vuole che il giorni delle partite, potevi stare
campionati, Rauball ha rispet- Bundesliga», ha detto Karl- timo duello finale (nella stagio- e hanno avuto anche un vantag- Manchester City sia colpevole, a casa senza accendere il televi-
tato il suo compito istituzionale Heinz Rummenigge e viene in ne successiva il Bayern aveva +3 gio di +9. Si sono afflosciati nel ma fino a quando non sarà sore. Il boato del pubblico ti fa-
e ha sempre consegnato di per- mente la vecchia frase di Tho- e +17 gol sullo Schalke, era di ritorno e il 5-0 nello scontro di- emessa una sentenza definitiva ceva capire chi e quale squadra
sona il trofeo ai vincitori della mas Müller, stanco di vincere fatto campione alla penultima), retto ha rimarcato le distanze. siamo innocenti». Guardiola avesse segnato».
Bundesliga, cioè al Bayern. Ma con mesi d’anticipo (e fino a 25 i rossi vennero sverniciati dal Ma i giochi non si sono chiusi in ha poi parlato della situazione
adesso Rauball non se la sente: punti di vantaggio): «Mi piace- Wolfsburg di Barzagli, Zaccardo anticipo. della squadra: «Mendy è indi- Qui Watford
per la prima volta dopo 10 anni rebbe anche prenderlo allo e Dzeko, però partivano a pari sponibile. Fernandinho invece Il Watford di Gino Pozzo ritrova
il campionato si decide all’ulti- sprint nella giornata conclusi- © RIPRODUZIONE RISERVATA è ok. Abbiamo vinto la Premier la finale di FA Cup dopo quella
mo giro e il suo Borussia è anco- va». Accontentato. League più incredibile di sem- persa nel 1984. La speranza ha
ra in corsa, seppur distanziato
di due punti dal Bayern, cui ba- Tensioni NUMERO s TEMPO DI LETTURA 2’27” pre e abbiamo festeggiato, ma
negli ultimi giorni ci siamo
un nome e un cognome: Ge-
rard Deulofeu. L’ex milanista

28
sta un pari per il settimo alloro Niko Kovac sarebbe il secondo a concentrati sulla preparazione ha trascinato i «calabroni» in
di fila. Quindi il presidente (di vincere la Bundesliga da gioca- 34ª GIORNATA di questa gara. Il Watford gioca finale con la doppietta ai Wol-
Lega e del Dortmund) seguirà i tore e allenatore del Bayern. Oggi, ore 15.30, su Sky: Bayern-Ein- bene e ha tre campioni: Deulo- ves in semifinale. «Gerard ha
tracht, Schalke-Stoccarda, Borussia
suoi a Moenchengladbach con L’unico a riuscirci finora è Franz M.-Dortmund, Hertha-Leverkusen,
feu, Deeney e Roberto Pe- una qualità superiore – le paro-
una copia del piattone argenta- Beckenbauer. Arrivato in estate Werder-Lipsia, Friburgo-Norimberga, reyra». In coda, un amarcord le dell’allenatore Javi Gracia -,
to. A Monaco sarà spedito l’ori- dall’Eintracht, dopo aver soffia- Mainz-Hoffenheim, Wolfsburg-Aug- sul torneo: «Seguivo le finali di ma viene sostenuto dal lavoro
ginale Meisterschale, insieme al to la coppa ai rossi, Kovac non sburg, Fortuna D.-Hannover. FA Cup in Catalogna quando dell’intera squadra». L’arbitro
d.g. della Lega, Christian Sei- ha fatto innamorare: nonostan- Classifica Bayern 75; Dortmund 73; ero giovane. La Coppa d’Inghil- sarà Kevin Friend. A vigilare,
fert. te il contratto fino al 2021, i boss Titoli tedeschi Sono stati vinti Lipsia 66; Borussia M., Leverkusen 55; terra ha sempre avuto un fasci- l’occhio della VAR.
Eintracht 54; Wolfsburg 52; Hoffenheim
hanno fatto capire pubblica- dal Bayern. E’ un record, come lo no particolare per me e sono © RIPRODUZIONE RISERVATA
In bilico mente che per restare deve por- sono i sei consecutivi. La serie è
51; Werder 50; Hertha 43; Fortuna 41;
Mainz 40; Friburgo 33; Augsburg, fortunato a vivere per la prima
I due incontri sulla carta na-
scondono uguali difficoltà: il
tare il Double (il 25 maggio fina-
le di coppa con il Lipsia). Ieri il
ancora aperta. Il Borussia Dortmund
invece è a quota otto
Schalke 32; Stoccarda 27; Hannover
21; Norimberga 19.
volta nella mia vita questa gior-
nata». s TEMPO DI LETTURA 1’54”

Spagna
FRANCIA

Lo strano caso del c.t. Luis Enrique: assente Ligue 1, in lizza


la Champions
Il tecnico della Roja non è andato ieri calcio iberica. Ma i media ipo-
tizzano che, in caso di persi-
Ultima di Liga
Intanto oggi l’ultima di Liga, per
● Ecco il programma della 37ª
giornata di Ligue 1. In gioco il
in conferenza stampa «per motivi stenza dei gravi motivi familia- stabilire il 4° club ad andare in 3° posto per i preliminari di
familiari». E non sarà in panchina nei ri, si stia cercando per settem-
bre un sostituto. E si fa il nome
Champions (in vantaggio il Va-
lencia sul Getafe) e l’ultimo a
Champions e il terzultimo per
i playout. Oggi, ore 21:
due match di qualificazione a giugno di Abelardo, 49 anni, che a fine retrocedere, col Girona in prati- Bordeaux-Reims, Guingamp-
stagione lascerà la guida del- ca già condannato. Nîmes, Lilla-Angers, Lione-
di Iacopo Iandiorio l’Alaves, ora 11° in classifica, © RIPRODUZIONE RISERVATA Caen, Monaco-Amiens, Psg-
amico ed ex compagno allo Digione, Montpellier-Nantes,

I
n conferenza stampa re «il c.t. non poteva essere qui Sporting Gijon e al Barça di Luis 38ª GIORNATA St. Étienne-Nizza, Tolosa-
ieri si è presentato oggi, né ci sarà nelle due partite Enrique. Intanto grandi ritorni Oggi, Dazn: Levante-Atletico (13), Marsiglia, Strasburgo-
16.15: Espanyol-Real Sociedad, Getafe-
Robert Moreno, 41 di qualificazione». Così come lo nella Roja: Santi Cazorla, 34 an- Villarreal, Valladolid-Valencia, Siviglia-
Rennes. CLASSIFICA Psg 88,
anni, vice c.t., a dare scorso 26 marzo, a poche ore dal ni, del Villarreal, assente dal no- Athletic; 20.45: Alaves-Girona, Celta- Lilla 72, Lione 66, St. Étienne
la lista dei convocati match con Malta, lasciò il radu- vembre 2015, 77 gare e 14 gol, Rayo, Huesca-Leganes. Domani: 62, Montpellier 58, Marsiglia
della Spagna per le sfide di qua- no di La Valletta. «Ma speriamo l’ultima in amichevole con l’In- Real Madrid-Betis (12); Eibar-Barcello- 55, Nizza 53, Nimes 52, Reims
lificazione a Euro 2020 contro di averlo come allenatore per ghilterra nella quale segnò; na (16.15). CLAS.: Barcellona 86, 49, Nantes 47, Strasburgo,
Far Oer e Svezia (7 e 10 giugno), molto tempo», ha concluso il Isco, del Real Madrid assente Atletico 75, Real M. 68, Valencia, Geta- Rennes 46, Angers 45,
fe 58, Siviglia 56, Athletic 53, Espanyol,
quest’ultima al Bernabeu. E il comunicato. L’ex tecnico del solo da novembre scorso, e Car- Bordeaux, Tolosa 38, Amiens
Real Sociedad 50, Betis, Alaves 47;
c.t. Luis Enrique? La federazio- Barcellona e della Roma resta il vajal, Real, fuori da settembre. Eibar 46; Leganes 45; Villarreal, Levan- 35, Monaco, Caen 33, Digione
ne ha fatto sapere che per que- c.t. della Roja, ha detto anche Solo italiano: Fabian Ruiz, del Ex Barça Luis Enrique, 49 anni, te 43, Valladolid 41, Celta 40, Girona 31, Guingamp 26.
stioni familiari di forza maggio- Luis Rubiales, n.1 della feder- Napoli. c.t. della Spagna dall’estate scorsa 37; Rayo 31, Huesca 30
32 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Serie B/PRIMO TURNO PLAYOFF

Bis Moncini a La Spezia


OGGI AL BENTEGODI

Aglietti punta
Cittadella in semifinale su Di Carmine
Per Nesta

Martedì c’è il Benevento Vido o Han


● (m.f.-n.m) L’Hellas ha
agganciato i playoff dopo una
Veneti avanti con l’Under 21, stagione turbolenta. Il

che si ripete nella ripresa SPEZIA 1 tecnico Aglietti sottolinea:


«Non siamo riusciti a

dopo il pareggio di Maggiore CITTADELLA 2


centrare la Serie A passando
dalla porta principale, ma
abbiamo ancora l’occasione
di Nicola Binda - INVIATO A LA SPEZIA PRIMO TEMPO: 0-1 di riuscirci, adesso, a
MARCATORI: Moncini (C) al 22’ p.t.; cominciare da questa

D
opo una settimana più azzeccato della categoria. Maggiore (S) al 7’, Moncini (C) al 21’ partita». Il Verona recupera
nella quale le vicen- Dopo un clamoroso errore al 19’ s.t. Faraoni e Danzi, squalificati
de giudiziarie hanno (liberato da un tocco di Capra- SPEZIA (4-3-3)
con il Foggia, e Aglietti punta
dato ancora una dossi), l’attaccante dell’Under Lamanna 6; Vignali 6, Terzi 6, su Di Carmine (ex della gara)
brutta immagine 21 è andato in rete 3’ dopo: stre- Capradossi 6, Augello 7; Maggiore 6,5 per andare all’attacco del
della B, ci voleva una grande pitosa giocata di Iori, assist di (dal 26’ s.t. Da Cruz 6,5), Ricci 6,5 (dal Perugia. In cui tornano
partita come questa per ridare Finotto e tocco vincente di 40’ s.t. Bartolomei s.v.), Mora 6,5; disponibili Gyomber e
lustro al campionato. Ha vinto il Moncini, che nella ripresa (do- Gyasi 6 (dal 24’ s.t. Bidaoui 6), Carraro dopo la squalifica e
Galabinov 7, Okereke 7
Cittadella, che al terzo playoff di po l’1-1) ha segnato ancora, gi- Cremonesi dopo l’infortunio.
PANCHINA: Manfredini, Barone, Brero,
fila va per la seconda volta in rando in rete un cross di Frare. Crivello, Pierini, Crimi, De Francesco, In difesa dovrebbe essere
semifinale e se la vedrà con il Come un falco, Moncini ha an- Ligi, De Col escluso El Yamiq. Mazzocchi
Benevento, ma lo Spezia è usci- che fatto il 3-1, ma come detto ALLENATORE: Marino 6,5 favorito a sinistra su
to a testa alta, dopo 90’ tiratissi- la Var gli ha detto di no, facen- Falasco. In avanti
mi, incerti e molto emozionan- dogli comunque meritare la CITTADELLA (4-3-1-2) ballottaggio Vido-Han per
ti. Una serata intensa, con la Var palma di migliore in campo, ap- Paleari 7,5; Ghiringhelli 6,5, Frare 6,5 giocare al fianco di Sadiq.
(dal 26’ s.t. Drudi 6,5), Adorni 6,5,
che ha fatto il suo storico debut- pena sopra Paleari che ha detto Benedetti 6 (dal 34’ s.t. Cancellotti Rapace Gabriele Moncini, 23 anni, segna l’1-0 al 22’ del primo tempo LAPRESSE
to in B incidendo nel risultato, di no con almeno tre grandi in- s.v.); Siega 6,5, Iori 7,5, Branca 7;
ma non nell’esito della gara: an- terventi ai tentativi dello Spe- Panico 7; Moncini 8, Finotto 6,5 (dal ricordando la clamorosa scon- Galabinov (sforbiciata), che ha
nullato a Moncini il gol del 3-1 zia, salvando una vittoria che al 24’ s.t. Diaw 6) fitta in casa con il Frosinone anche scheggiato la traversa VERONA 4-3-3
(Branca è partito in fuorigioco Cittadella mancava al Picco dal PANCHINA: L. Maniero I, Parodi, contro il Carpi in 9 due anni fa. con un missile. Marino dal 26’ è
prima di crossare) dopo che allo 2012. Schenetti, Camigliano, Scappini, Pasa, Il pareggio di Maggiore in avvio passato al 4-2-3-1 con Okereke
PERUGIA 4-3-1-2
Proia, Rizzo, Bussaglia
stadio nessuno se n’era accorto. ALLENATORE: Venturato 7,5
di ripresa (di testa in mischia) a destra, Bidaoui a sinistra e Da OGGI ore 21 ARBITRO Pezzuto di Lecce
A testa alta aveva rimesso in piedi la gara, Cruz alle spalle del centravanti, ASSISTENTI Pagliardini-Raspollini
Il protagonista Dopo le due vittorie per 1-0 in ARBITRO: Fourneau di Roma 6,5 ma è stata l’unica volta in cui rischiando qualcosa (Diaw s’è
IV UOMO Massimi VAR Marinelli AVAR
Marini PREZZI 12-100 euro TV Dazn
Lo stesso Moncini è stato il mat- campionato, lo Spezia s’è fer- ASSISTENTI Dei Giudici 6-Capaldo 5,5 Paleari è stato battuto: dopo un divorato il 3-1) ma cercando fi-
tatore della serata. Con questa mato ancora una volta al preli- AMMONITI Siega (C), Panico (C), clamoroso errore di Gyasi al 20’ no in fondo il pari. Gli è andata 1
Branca (C) e Da Cruz (S) per g.s. SILVESTRI
doppietta (prima aveva fatto un minare (4ª volta nelle 5 parteci- e occasioni fallite per scarsa mi- male, ma con onore.
NOTE paganti 7.442, incasso di 86.881 5 27 33 3
solo gol in trasferta) in 18 pre- pazioni degli ultimi 6 anni), con ra, il portiere nella ripresa ha © RIPRODUZIONE RISERVATA
euro. Tiri in porta 5 (con una FARAONI DAWIDOWICZ EMPEREUR VITALE
senze da gennaio è salito a quo- Marino (battuto per la prima traversa)-5. Tiri fuori 8-4. detto di no a Maggiore, Okereke
ta 14 reti diventando l’acquisto
invernale (in prestito dalla Spal)
volta da Venturato, al 6° con-
fronto) che maledice i playoff
In fuorigioco 0-0. Angoli 9-6.
Recuperi: p.t. 0’, s.t. 6’.
(seguito in tribuna da Sou-
thampton, Nizza e Stoccarda) e s TEMPO DI LETTURA 2’16’’
4 8 20
HENDERSON GUSTAFSON ZACCAGNI
7 10 21
MATOS DI CARMINE LARIBI
L A R I C O N F E R M A
19 10
SADIQ VIDO
5
Il Livorno 24
VERRE
17 26
riparte 7
DRAGOMIR CARRARO FALZERANO
32 13 2
da Breda MAZZOCCHI GYOMBER SGARBI
22
ROSI

● Il Livorno riparte da Breda. GABRIEL


Ieri mattina il tecnico si è VERONA
incontrato a Genova con il PANCHINA 26 Berardi, 6 Marrone,
15 Balkovec, 24 Kumbulla, 30 Bianchetti,
presidente Aldo Spinelli e il 2 Munari, 14 Colombatto, 25 Danzi, 16 Lee,
figlio Roberto. Breda, che ha 11 Pazzini, 28 Tupta
ALLENATORE Aglietti
firmato un contratto che lo SQUALIFICATI Almici (1)
legherà per due stagioni, si è DIFFIDATI nessuno
INDISPONIBILI Tozzo, L. Ferrari,
meritato il prolungamento Crescenzi, Ragusa, Di Gaudio
grazie alla salvezza diretta
centrata nell’ultima giornata PERUGIA
PANCHINA 1 Bizzarri, 12 Perilli,
di campionato, un risultato 25 Falasco, 21 Cremonesi, 4 El Yamiq,
che pochi mesi fa sembrava 3 Felicioli, 14 Kingsley, 16 Ranocchia,
23 Moscati, 28 Kouan, 27 Han
una vera utopia. ALLENATORE Nesta
SQUALIFICATI Bianco (1)
IL D.S. E I GIOVANI DIFFIDATI Gabriel
INDISPONIBILI Melchiorri, Pavlovic,
Basta pensare che Breda Bordin
aveva preso il posto di
Cristiano Lucarelli alla 12ª
giornata con il Livorno a 5
punti in classifica. Breda
nelle 26 giornate ha ottenuto
34 punti con 8 successi, 10
pareggi e 8 sconfitte. Il VERDETTI E DATE
presidente Spinelli però non n
si ferma qui e la prossima PROMOSSE IN SERIE A
settimana incontrerà anche BRESCIA, LECCE
il d.s. Facci per sottoscrivere RETROCESSE IN SERIE C
FOGGIA, PADOVA, CARPI, PALERMO
un nuovo contratto e gettare
PRIMO TURNO PLAYOFF
le basi per il nuovo Livorno. Ieri SPEZIA-CITTADELLA 1-2
«Voglio una squadra – ha Oggi, ore 21 VERONA-PERUGIA
detto il presidente Spinelli – SEMIFINALI PLAYOFF
che possa ambire a un 21 e 25 maggio, ore 21
campionato tranquillo CITTADELLA-BENEVENTO
22 e 26 maggio, ore 21
puntando sui giovani».
VERONA/PERUGIA-PESCARA
Francesco Foresi FINALE
30 maggio e 2 giugno

REGOLAMENTO Primo turno in


Il Presidente Gabriele Gravina, il Direttore Ge-
nerale, il Consiglio Federale e l’intera Federazione caso di parità al 90’ si giocano i
Italiana Giuoco Calcio partecipano al dolore della
famiglia per la scomparsa di
supplementari; in caso di parità al
120’ passa chi gioca in casa.
Ermelindo Bacchetta Semifinali niente supplementari, in
già Consigliere federale, Vice Presidente vicario
della LND, uomo di sport e stimato dirigente. caso di parità dopo 180’ vale la
- Roma, 18 maggio 2019.
differenza reti; in caso di ulteriore
La Lega Pro con il Presidente Ghirelli, i Vice Pre-
sidenti Capotondi e Tognon, il Direttivo, il Segre-
parità passa la meglio classificata in
tario Generale Paolucci e i club si unisce al cordo- campionato. Finali Stesso
glio della LND per la scomparsa di
regolamento delle semifinali con la
Ermelindo Bacchetta parità. Solo nel caso in cui le squadre
Lo ricorda come un dirigente di rilievo nel panora-
ma calcistico per cui ha prestato competenza, ab- avessero terminato il campionato con
negazione e passione.
- Firenze, 18 maggio 2019. lo stesso punteggio, supplementari
ed eventualmente i rigori.
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 33

Serie B/IL CASO


Tempi rapidi
DI CHE COSA
PARLIAMO
La questione aveva provocato
uno scontro in consiglio fede-
LE PAROLE
rale, esplicitato dal presidente
della Lega Pro, Francesco Ghi-
Lunedì scorso il Tribunale relli, che aveva denunciato il
Federale Nazionale, il «conflitto di interessi» di
primo grado della giustizia Claudio Lotito, membro del
calcistica della Figc, ha consiglio federale in ballo nella In questa
condannato il Palermo vicenda con la sua Salernitana. fase
all’ultimo posto del Nello stesso contesto, anche gli non si può
campionato di serie B: si avvocati si erano divisi fornen-
sarebbe iscritta ai do «pareri» discordi sul come
accogliere
campionati dal 2014 al 2017 affrontare l’emergenza. In- l’istanza
solo grazie a bilanci somma, l’ex ministro degli cautelare
taroccati. In pratica, la esteri Frattini, già protagonista invocata
retrocessione in C. Da dell’estate infuocata in bilico dal club
classifica, i rosanero fra il format a 19 o a 22 squadre, Palermo
avrebbero dovuto giocare i ha l’ennesimo fascicolo che
playoff. Il consiglio direttivo scotta per le mani. Per la verità
della Lega di B ha preso atto non ce l’ha ancora, gli arriverà
dell’«esecutività» della lunedì quando la Federcalcio
sentenza e ha confermato le perfezionerà la domanda in
date dei playoff (ripescato il termini giuridici. Ma si farà in
Perugia), cancellando i fretta: è probabile che il parere
playout e retrocedendo arrivi a ,età della prossima set-
direttamente anche il timana e preceda la stessa de- Frattini
Foggia. Foggia che, come il cisione sul merito della Corte Presidente
Palermo, ha cominciato la d’appello federale sul caso Pa- Collegio garanzia
sua battaglia giuridica in lermo.
ogni sede. Ma per ora, lo
dice anche la giornata di Niente sconto
ieri, senza risultati. Ieri il Collegio di garanzia ha
L’incubo La delusione di Ilija Nestorovski, 29 anni, dopo il pari in casa contro il Cittadella nell’ultima giornata di campionato LAPRESSE chiuso la porta allo sconto per
il Foggia. Che aveva firmato un Prendiamo

Palermo, arriva un altro no


nuovo appello avverso alla atto della
sanzione, già frutto di un ping decisione
pong fra i vari gradi della giu-
stizia sportiva. La pena sporti-
di Frattini
va era infatti scesa da 15 a 8 a 6 La società

E niente sconto per il Foggia


punti, proprio dopo un inter- difenderà
vento del Collegio di garanzia i propri
che aveva rinviato tutto alla diritti in
Corte d’Appello federale. La te- ogni sede
si della rivalutazione è stata re-
spinta dalla Federcalcio nel di-
Il Collegio di garanzia conferma la Serie C per i due club battimento e rigettata dai giu-
dici. Quanto al Palermo, il suo

Ma non è finita: si attende il «parere» sui playout cancellati presidente Alessandro Albane-
se (gli addebiti riguardano le
precedenti gestioni) è deluso.
di Valerio Piccioni - ROMA In un comunicato, il club rosa-
nero prende atto della decisio- Albanese

N
o al Palermo e no al fatto retrocesso in C, dalla sen- ieri con i suoi legali nell’udien- caso Palermo nel merito, men- ne di Frattini di respingere Presidente
Foggia. Ieri, il Colle-
gio di garanzia dello
tenza del Tribunale Federale
Nazionale della Figc. Inoltre la
za, anche se successivamente il
Collegio ha dichiarato «inam-
tre è cominciata l’attesa per il
famoso «parere» che la Feder-
IL NUMER0 l’istanza cautelare «nonostan-
te l’estrema urgenza e la gravità
del Palermo

Sport ha preso due seconda sezione del Collegio, missibile» la costituzione del calcio sta per chiedere al Colle- dei fatti rappresentati». I legali

6
decisioni che con- presieduta dal professor Attilio club come parte interessata. gio di garanzia sull’interpreta- stanno ora studiando le prossi-
fermano l’attuale stato dell’arte Zimatore, ha rigettato il ricorso zione della classifica di Serie B me mosse tanto che nel comu-
in serie B: avanti con i playoff, del Foggia, che chiedeva di ri- Parere che scotta nata dalla condanna del Paler- nicato diffuso nel tardo pome-
partiti ieri sera, e niente valutare la condanna a sei pun- Dunque, si resta al punto di mo. Tre retrocessioni dirette riggio si annuncia l’intento di
playout. Franco Frattini, il pre- ti di penalizzazione per illecito prima. Anche se, un classico in oltre a quella dei siciliani - Fog- «rivendicare e difendere i di-
sidente dell’organo che inter- amministrativo. Anche un mi- queste situazioni, è facile im- gia, Padova, Carpi - punto e ba- I punti di ritti in ogni sede». E questo
viene sulla «legittimità» dei nimo sconto avrebbe provoca- maginare che fioccheranno ri- sta come ha deciso la Lega di B? penalizzazione «ogni sede» fa nascere il dub-
procedimenti della giustizia to il ribaltone: con un punto corsi con possibili sconfina- O lo scorrimento della classifi- sanciti per il bio che non ci si voglia fermare
sportiva, ha firmato un decreto restituito, il club pugliese sa- menti verso la giustizia ammi- ca con il Foggia che risale al Foggia soltanto alla giustizia sportiva.
che rigetta l’«istanza cautela- rebbe stato riammesso in B con nistrativa, cioè verso il Tar. Pri- quart’ultimo posto e può quin- nell’ultima © RIPRODUZIONE RISERVATA

re» presentata dai legali del la Salernitana retrocessa diret- ma, però c’è ancora il fronte di giocare lo spareggio dentro- stagione per
club siciliano, condannato al-
l’ultimo posto della serie B, e di
tamente. Non è un caso che il
club campano fosse presente
sportivo: giovedì 23 la Corte
d’appello federale giudicherà il
fuori con la quint’ultima Saler-
nitana?
l’illecito
amministrativo s TEMPO DI LETTURA 2’59”

SERIE C PLAYOFF RITORNO mercoledì 22 maggio, conterà la differenza reti. In caso di PLAYOUT SUPERCOPPA
● Domani si disputa l’andata del primo ore 17 Catanzaro-Feralpisalò; ulteriore parità sarà ● ANDATA Oggi, ore 18 Lucchese- ● Oggi in programma anche la
turno della fase nazionale dei playoff di ore 20.30 Viterbese-Arezzo, Pisa- qualificata al secondo turno della fase Cuneo (ritorno sabato 25 alle 14.30); seconda gara di Supercoppa Juve
Domani andata Serie C, il ritorno mercoledì prossimo.
ANDATA domani ore 15.30
Carrarese, Imolese-Monza; Catania-
Potenza.
nazionale la squadra che avrà giocato
il ritorno in casa, perché
Paganese-Bisceglie (ritorno sabato
25). Domenica, ore 16.30 Virtus
Stabia-Entella (ore 20.30). La terza e
ultima partita, Pordenone-Juve
playoff primo Carrarese-Pisa (diretta tv Sportitalia);
ore 18 Arezzo-Viterbese, Monza-
REGOLAMENTO Passa il turno la
squadra che avrà ottenuto più punti fra
testa di serie. Nel secondo turno
entreranno Piacenza,
Verona-Rimini (diretta tv Sportitalia,
ritorno domenica 26, ore 15, ancora
Stabia, sarà disputata sabato 25
maggio alle ore 18.
turno nazionale Imolese; ore 18.30 Potenza-Catania; andata e ritorno. Non ci saranno Triestina e Trapani, classificate al 2° con diretta Sportitalia). Questa la classifica: Pordenone ed
ore 20 Feralpisalò-Catanzaro. supplementari: a parità di punti, posto in stagione regolare. Vale il regolamento dei playoff. Entella 1, Juve Stabia 0.
34 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

OGGIARRIVOAPESARO
● Oggi l’8a tappa, Tortoreto Lido-Pesaro, 239
km, la più lunga del Giro. Ultimi 100 km tosti,
con una decina di Muri, di cui 3 Gpm. L’ultima
discesa finisce a - 3 km. Meteo: Pioggia.
LA 7ª TAPPA DELLA 102ª EDIZIONE Tv: diretta RaiSport dalle 11.30, su Rai2 dalle 15

C
on la faccia di chi l’ha scampata
bella, ma con lo sguardo ma-
CAPO FILA
landrino dei romani, un mezzo
Valerio Conti, 26 anni, guida
ghigno tipo «pensavate di fre-
il gruppo all’inseguimento
garmi, eh?». Valerio Conti ha
dei fuggitivi di giornata
difeso la maglia rosa fino all’ul-
BETTINI
timo maledetto centimetro di
una tappa mossa, elettrica e
nervosa. È stato fondamentale

Rosa
il gioco della sua squadra, l’Uae
Team Emirates, ridotta ai mini-
mi termini per l’abbandono di
Gaviria e perché Molano è stato
fermato. Sono rimasti in sei,
Conti incluso. Una mezza spor-
ca dozzina. Qui di seguito un
Conti a tutto tondo, tra bici e

de
vita vissuta.

Roma
3 Conti, ha salvato la maglia
rosa dall’attacco di Rojas.
«Sono state mantenute medie
elevate. Tutti volevano scappa-
re, specie chi era vicino a me in
classifica. Rojas è andato forte,
è stato bravo. Ringrazio i miei
compagni, la maglia è per loro.
Se non si fossero battuti così,
non sarei più in testa alla clas-
sifica. Li voglio nominare: gra-
zie a Ulissi, a Polanc, a Marcato,
a Consonni, a Bohli».
L ’ I N T E R V I S T A
3 Nella zona dell’anti-doping

«PRIMATO NATO
ha abbracciato Ulissi.
«Un abbraccio forte. Diego ha
dato il 110 per cento per me, co-
me gli altri. Senza il loro lavoro,

TRA LE BUCHE,
la fuga del gruppo di testa sa-
rebbe finita in un altro modo.
Ero preoccupato, là davanti an-
davano sparati, ma ce l’abbia-
mo fatta».

I PESCI, VERDONE
3 Oltre ai suoi compagni, do-
vrebbe ringraziare la Bardiani
e la Trek-Segafredo, le due
squadre che con voi hanno ti-

E PANTANI»
rato il gruppo.
«Non ci sono stati accordi par-
ticolari. La Bardiani spingeva
per la maglia bianca di Carbo-
ni, la Trek si impegnava perché
voleva far vincere la tappa al-
Conti e la maglia difesa con i denti: «Solo l’abruzzese Ciccone».

all’alba ho realizzato che cosa avevo fatto. 3 Che effetto fa pedalare in


maglia rosa?
Pedalare nella Capitale? Complicato...» «Il gruppo mostra più rispetto,
la gente ti incita di più: ho sen-
di Sebastiano Vernazza - INVIATO ALL’AQUILA tito tanti “dai Valerio”. Non ne
ho goduto appieno, la corsa è
stata troppo movimentata».

20 1 9
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 35

COLPOSPAGNACONBILBAO LAFRASEDELGIORNO
● Ieri a L’Aquila festa Spagna (111° successo di
tappa al Giro) con Pello Bilbao, 29enne Tifo Nibali, ma mi piace anche Roglic
dell’Astana (26 vittorie di squadra nel 2019).
Terzo Formolo, Valerio Conti ha difeso la per la genuinità: è un ragazzo normale
maglia rosa, distanze invariate tra i big. GIANNI BUGNO, VINCITORE DEL GIRO NEL 1990

3 E adesso? zione. Lei è veronese, della prima volta in Toscana, dalle 3 Conosce tutte le battute dei
«È in arrivo un’altra tappa du-
ra, domani (oggi, ndr) sarà
L’arrivo Valpolicella. Ci siamo cono-
sciuti a una gara, abbiamo co-
parti di Empoli: arrivai decimo,
ero arrabbiato nero. Da ragazzo
film di Carlo Verdone: il regi-
sta-attore l’ha chiamata?

1 0
un’altra giornata di lotta. Spero minciato a seguirci su Face- correvo per la Guazzolini Co- «No, sarebbe un’emozione for-
che il gruppo sia un po’ stanco, book, ci siamo rivisti, è nato ratti, una squadra di Roma». te se lo facesse. Gli direi che è LA PENSIAMO
che gli attacchi a noi diminui- l’amore. Michela sta per laure- un idolo. Anzi, che è un sacco COSÌ
scano, che qualche squadra arsi in Scienze dell’educazio- 3 Chi è stato il suo campione bello».
sgobbi per portare al traguardo ne». di riferimento? di Luca Gialanella
un velocista». «Contador, per la classe e l’in- 3 Dalla Roma, di cui è grande
3 Fin dove pensa di arrivare in
PELLO
BILBAO 3 Che rapporto ha con i social?
«Sono su Instagram e su Face-
ventiva, ma da bambino tifavo
per Pantani. Continuo a rive-
tifoso, ha ricevuto qualche se-
gnale?
Dalla fiaba rosa
rosa?
3 ASTANA
4h06’27” book. Vanno usati bene, con dere i video del Pirata perché «Non ho controllato bene il te- alla paura
«Fin dove sarà possibile. Qui ci
sono corridori come Nibali e 2. Tony Gallopin a 5”
cautela, sennò possono rovina-
re le persone».
mi danno la carica. Pantani re-
sta un’emozione».
lefono, ma i calciatori vivono
su un altro pianeta». Lo dice Poi coalizione
Roglic che sanno come affron-
tare i grandi giri».
3 AG2R LA MONDIALE
3. Davide Formolo s.t. 3 Lo sa che è il primo romano 3 Ha passioni particolari?
con il sorriso, senza acredine.
Valerio Conti pensa positivo.
e il lieto fine
3 BORA-HANSGROHE
a indossare la maglia rosa? «La pesca, vado ai laghetti arti- © RIPRODUZIONE RISERVATA

L
3 Come ha passato la prima 17. Vincenzo Nibali a 1’07” «Ne sono orgoglioso, in una ficiali, prendo trote e a volte, a grande paura
3 BAHRAIN-MERIDA
notte da primo in classifica?
«Ho dormito il giusto, anche se 18. Simon Yates s.t.
città come Roma è difficile di-
ventare ciclisti professionisti. È
storioni. Un laghetto è a Ponte
di Nona, vicino a casa mia». s TEMPO DI LETTURA 4’29’’ del primo
imperatore
3 MITCHELTON-SCOTT
mi sono alzato un’ora prima, complicato allenarsi a Roma, romano in rosa.
quando nel dormiveglia del- 20. Primoz Roglic
3 JUMBO-VISMA
s.t. bisogna uscire dalla città. Io A 25 km dal traguardo
l’alba ho realizzato la cosa in parto da Prenestino e vado ver- dell’Aquila, giornata-
maniera definitiva». so Frascati, verso Tivoli, verso ricordo del terremoto del
Zagarolo. Faccio 10 chilometri 2009 con grande pubblico
3 Quanti messaggi aveva nello
smartphone?
La classifica “cittadini” e non ho problemi
perché le buche le ho memo-
Il film cult? sulle strade abruzzesi,
quella casacca color

10
«Quasi mille, mi ha scritto rizzate tutte e so come schivar- “Un sacco bello” Gazzetta sta già scivolando
mezzo mondo. Ho cercato di ri-
spondere alle persone più vici-
le. Capisco quanto sia difficile
per un papà a Roma invogliare
Mi carico con i dalle spalle di Valerio Conti.
Rojas ha 2” di vantaggio. Un
ne a me. Ho chiamato papà e il figlio alla bici. Nel mio caso video del Pirata attimo che dura un paio di
mamma e la mia ragazza». c’è voluto l’impulso della fami- Passioni chilometri. Poi arriva la
glia, che è “ciclistica” da decen- Valerio Conti e i suoi miti coalizione tricolore a
VALERIO
3 Suo padre Franco, ex cicli- CONTI ni. Però, dai, vedo che a Roma salvarlo. Sono la meglio
sta, che cosa le ha detto? 3 UAE EMIRATES qualche strada piano piano la gioventù in technicolor,
«È una persona di poche paro- 29h29’34” stanno rifacendo. Speriamo». quelli che hanno già
le, super semplice, era conten- conquistato l’Italia: Conti
tissimo. La sera è andato al bar 2. José Rojas a 1’32” 3 La sua prima bici? parla con Ciccone, maglia
3 MOVISTAR
a offrire da bere. È stato un pa- “Me la regalò mio zio Noé (ci- azzurra, e Carboni, maglia
dre giusto, da ex corridore non 3. Giovanni Carboni a 1’41” clista professionista anche lui, bianca. Il distacco si
3 BARDIANI-CSF
mi ha mai stressato con il cicli- ex gregario di Coppi, scompar- dimezza, la rosa è salva. Ma
smo. Ci confrontiamo sui per- 12. Primoz Roglic a 5’24” so nel 2015, ndr). Era un bici- il romano del Prenestino
3 JUMBO-VISMA
corsi, ma finisce lì. Mia madre cletta Bortolotto, dal nome del sperimenta subito i brividi
quasi piangeva: “Figlio mio, la 13. Davide Formolo
3 BORA-HANSGROHE
s.t. negozio sulla via Casilina in cui da leader.
maglia, non ci credo!”. È stato l’aveva comprata. Avevo 13 anni Sì, perché sulla strada c’è il
bello sentirli felici». 16. Vincenzo Nibali a 6’03” e giocavo a calcio, ma sentivo fantasma della fuga-bidone
3 BAHRAIN-MERIDA
un richiamo dentro di me. A dell’Aquila nel 2010
3 E la fidanzata? pallone ero forte e mio papà (quaranta all’attacco e 12’ al
«Si chiama Michela, è una voleva che continuassi lì, però traguardo su Basso).
grande persona, umilissima. un giorno per non andare al- Vincenzo Nibali aveva 25
Mi ha scritto alle 4 del mattino l’allenamento cominciai a gira- anni, l’incubo di quel
dell’altro giorno per dirmi che re intorno al tavolo e a casa si giorno se lo ricorda bene. E
non dormiva, tanta era l’emo- arresero. In bici gareggiai per la stavolta non sbaglia: mette
alla frusta la sua Bahrain-
Merida e chiude quando,
POKER TRICOLORE dopo la prima ora a 49 di
media, allungano in 19.
L’Astana ne ha due: Izagirre
I 4 moschettieri e Bilbao. Beppe Martinelli,
l’ammiraglio-rosa dei
e l’Italia che va kazaki che conosce le
Leader trappole-rosa più di tutti,
● I quattro moschettieri Valerio Conti vuole provare la «febbre»
italiani, ovvero i ciclisti che indosserà per il dei big. Nella seconda fuga
hanno riportato il Belpaese al secondo giorno di butta dentro ancora Bilbao,
centro del Giro. Da sinistra: fila la maglia rosa. Cataldo e Zeits, e vince con
Fausto Masnada (vincitore Oggi nella Tortoreto Bilbao. La tensione sale:
giovedì della 6a tappa), Giulio Lido-Pesaro di 239 oggi Pesaro e 10 Muri
Ciccone (maglia azzurra di km dovrà stare marchigiani nella tappa più
leader della montagna), attento al finale con lunga sotto la pioggia,
Valerio Conti (maglia rosa) e gli strappi e i muri domani la crono di San
Giovanni Carboni (maglia marchigiani Marino.
bianca, primo under 25) BETTINI LAPRESSE © RIPRODUZIONE RISERVATA
36 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

102° Giro d’Italia/LA 7 a


TAPPA

gli anni della grande rivalità tra


Moser e Saronni e non ho più
vinto. Ero un corridore alla Va-

«Modesto
lerio, combattivo, mi piacevano
i finali. Oggi lui è in rosa e mi ha
superato, ma io sono felicissimo
Che bello Valerio
lo stesso, anzi di più. Che cosa con quella maglia,
HA DETTO ha preso da me? La modestia». è un’emozione

e tenace Pronostico incredibile


Il percorso verso la maglia rosa
fa pensare a grandi sacrifici, an-
che per la famiglia: «Macché, a

Ed è arrivato
me andare alle gare e portarcelo
Sono felice piaceva tantissimo. E mi ha dato
per Conti. solo soddisfazioni – risponde
Laziale, Franco –. Giocava a pallone, co-
me l’altro mio figlio, Marco: era
giovane.

alla rosa»
anche bravo, non era da scarta-
Gli auguro re. Però poi si è un po’ stufato.
di portare Così una volta in ferie in Umbria
la rosa il ha cominciato ad andare in bici,
più a lungo lo spunto gliel’ha dato mio fra-
possibile tello maggiore Noè, che ora non I genitori Maria Grazia Lamponi

I genitori di Conti c’è più». E la signora Grazia,


che di parlare proprio non vuo-
ieri al Giro col marito Franco Conti

e un figlio “sbocciato”: «La bici? le saperne, era d’accordo?


«D’accordissimo, al calcio non

Passione più forte del calcio»


aveva tutto questo entusiasmo:
Con Valerio la bici l’ha preferita – risponde
siamo uniti per lei Franco –. Nel 2007 gli ini-
di Giuseppe Nigro e Sebastiano Vernazza - INVIATI ALL’AQUILA zi da esordiente, e ora eccoci
non solo
qua. Che sia la svolta della car-
Che strano vedere
dal riera? Speriamo, lui ha una bel- la mia ragazza
mestiere

G
ma anche...
ruppo di famiglia
dietro un palco.
ti, ex ciclista professionista, poi
operaio nell’azienda di termoi-
ha voluto godersi frontalmente
la vestizione della seconda ma-
Da sogno
Valerio Conti,
la testa, ci crede». Franco e Gra-
zia sono rientrati ieri a Roma,
che continuava
il gran tifo L’Aquila è abbastan- draulica del fratello Noé, a sua glia rosa di Valerio: «Un’emo- anni, festeggia dove giovedì è stata giornata di a piangere per me
per la za vicina a Roma e ie- volta ex corridore degli Anni zione indescrivibile. Conosco sul podio il festa. Torneranno al Giro doma-
Roma ri mattina i familiari Cinquanta e Sessanta, con una questi momenti perché sono secondo giorno ni, fiduciosi di ritrovare Valerio
della maglia rosa hanno rag- stagione alla Bianchi, nel 1958, stato anche io professionista, in maglia rosa. in rosa: «Ha detto che vuole te-
giunto il capoluogo d’Abruzzo nei mesi del tramonto di Fausto ma mai maglia rosa. O meglio, Il ciclista nerla, spero che duri. Se riesce a
per spingere il figlio capoclassi- Coppi. Numero tre: la fidanzata ho vinto il Giro d’Italia dilettanti romano ieri ha passare questa tappa di Pesaro,
fica del Giro. Schieramento del- Michela, veronese della Valpoli- 1976, poi nel 1977 sono passato ricevuto la visita la crono non gli mette paura.
la formazione. Numero uno: la cella, studentessa, la più emo- professionista. E da lì ho fatto il della sua Poi ci sono due tappe di pianu-
signora Maria Grazia Lamponi, zionata di tutti, in lacrime alla gregario. Ero uno scalatore, famiglia LAPRESSE ra, i velocisti terranno unita la
madre del ragazzo, casalinga vista del suo ragazzo in maglia completo ma non troppo velo- corsa: se non va via una fuga a
Conterranea con trascorsi da parrucchiera, rosa. ce. La più grande soddisfazio- sorpresa, può tenere la maglia
Marta Bastianelli stupita che fotografi e camera- ne? Una Tirreno-Adriatico in fino alla Cuneo-Pinerolo».
man la puntino: «Io, ma per- Ricordi cui non avevo da servire un ca- © RIPRODUZIONE RISERVATA

ché?», perché il figlio è la ma- Il papà Franco, 68 anni, è uscito pitano e ho dimostrato che po-
glia rosa del Giro, signora. Nu-
mero due: il signor Franco Con-
dall’area riservata dietro la tri-
buna delle premiazioni perché
tevo fare qualcosa anch’io: sono
arrivato quarto, era il ‘79. Erano s TEMPO DI LETTURA 3’42’’ Commossa Michela, la fidanzata
di Valerio Conti, era ieri all’Aquila
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 37

102° Giro d’Italia/LA 7 a


TAPPA

IDENTIKIT Lo Squalo

Pello
Bilbao
Nibali: «Un inizio
NATO A GUERNICA (SPAGNA)
IL 25 FEBBRAIO 1990
SQUADRA ASTANA PRO TEAM
molto complicato»
ALTEZZA PESO
169 cm 60 kg «Freddo, pioggia, vento: siamo
● Pro’ dal 2011, ha corso per magri, un attimo e ci si ammala»
l’Euskaltel (fino al 2013), poi è
passato alla Caja Rural (2014- di ci.sco.
2016). Dal 2017 è all’Astana.

«Q
È alla terza partecipazione uesta giornata
consecutiva al Giro che poteva prende-
l’anno scorso ha chiuso al re una brutta
sesto posto. Quello di ieri è piega». Vin-
cenzo Nibali
l’ottavo successo, il secondo
in Italia dopo la prima chiarisce le cose con Bob Jun- Tanto nervosismo,
frazione del Tour of the Alps gels appena oltre la linea bianca quest’ultima
(2018) che vinse a Folgaria. (c’era stato un contatto acci-
dentale nel finale, nessun pro-
tappa poteva
blema) e poi ripensa alla tappa mettersi male

Bilbao, vittoria di squadra


che si è appena conclusa, in cui
la sua Bahrain-Merida si è spesa
in prima persona per chiudere
sulla fuga iniziale: «C’è stato
molto nervosismo — spiega il

L’Astana mostra i muscoli


34enne siciliano —. In quella
azione erano tanti, troppi. E
c’erano atleti pericolosi come
Nieve, oppure Ion Izagirre. Co-
sì, abbiamo deciso di chiudere
subito, per poi lasciare in mano
Lo spagnolo finalizza una giornata tutta all’attacco la corsa all’Uae-Emirates». La
concentrazione era tale che lo

Martinelli: «Nibali fuoriclasse, ma il team è debole» Squalo non si era nemmeno ac-
corto che lo sloveno Primoz Ro-
glic — avvistato tre volte in coda
di Ciro Scognamiglio- INVIATO A L’AQUILA al gruppo — avesse perso l’uo-
mo forse più qualificato per

L
a cronaca dice che è tes non avrebbe potuto tenere Step (29) - pare avviato a salire aiutarlo in montagna, Laurens
stata la vittoria di cucita la corsa. All’inizio Iza- su bici italiane dal 2020, con la De Plus: «Ah sì? Perché?». Da
tappa di Pello Bil- girre poteva essere il nostro Wilier Triestina che dovrebbe giorni il belga della Jumbo-Vi-
bao. Un’analisi più uomo per la tappa, e non era rimpiazzare la canadese Ar- sma si trascinava in condizioni
approfondita per- male far risalire Pello Bilbao in gon. Successo dedicato fisiche sempre peggiori e così è
mette di considerarla come la
prima prova di forza dell’Asta-
classifica. Così abbiamo co-
stretto la squadra di Nibali a la- Felice a Scarponi, andato in pari il conto dei riti-
rati con la Bahrain-Merida, che
Concentrato Vincenzo Nibali, 34,
16° in classifica a 6’03” da Conti AFP
na — il cui capitano è Miguel vorare, poi le carte si sono ri- Pello Bilbao, il primo vincitore era uno speciale. aveva perso Kristijan Koren, so-
Angel Lopez — considerata la mescolate ma mettendo da- spagnolo di questo Giro, non è Qui tutti per Lopez speso mercoledì per l’operazio- due, tre ore prima, Damiano si
squadra più forte del Giro. E le vanti Cataldo, Zeits e Lopez un carneade, visto che l’anno ne Aderlass. sarebbe dovuto ritirare». Il
riflessioni del tecnico Beppe siamo riusciti comunque nel scorso fu sesto a Roma. Ieri ha 31enne siciliano sta miglioran-
Martinelli sono da annotare nostro scopo, anzitutto la vit- avuto tanti pensieri dopo il Riflessione do, anche se la situazione non si
bene: «Non abbiamo fatto an- toria di giornata». Martinelli successo: «Michele Scarponi, «Questo inizio è stato molto è ancora risolta del tutto: ieri è
cora nulla, eppure la stanchez- ha lavorato con Vincenzo Niba- che era speciale. La mia ragaz- difficile per via della pioggia e arrivato 115° a 17’25”. «È stata
za sta affiorando in gruppo. li quattro anni (2013-2016), il- za. Un familiare che ha subito del freddo — riflette ad alta voce una giornata un po’ difficile —
Ormai i corridori quasi non so- luminati - soprattutto - da due una difficile operazione. I miei Nibali —. Quando si è tanto ma- confessa all’arrivo —. Non aveva
no più abituati a tappe di oltre Giri d’Italia e dal Tour de Fran- genitori». Dal 2020 è destinato gri, può capitare un malessere senso che mi spremessi troppo,
200 chilometri nei grandi giri e ce 2014, e non ha mai nascosto a lasciare il team kazako, dire- improvviso. Ho letto una picco- e sto ancora prendendo gli anti-
credo che in molti stiano con- l’enorme considerazione che zione Bahrain-Merida. Ma si la intervista a Magrini (l’ex pro’, biotici. Devo stringere i denti
tando i giorni che mancano al ha per lo Squalo. La tappa si comporterà da professionista ndr). Diceva che una volta stava ancora per qualche giorno e ho
riposo di lunedì. Noi siamo può leggere anche come un fino all’ultimo giorno con que- benissimo, poi gli è bastato af- fiducia di rimettermi comple-
forti, sì, non ci nascondiamo. inizio di un lungo braccio di sti colori: «E qui non coltivo facciarsi alla finestra, aveva tamente». Tocca a Vincenzo
Non avrebbe senso farlo. E ab- ferro tra i due blocchi. «Vedo ambizioni di classifica, anche sentito un raschiamento alla Nibali chiudere con un bilancio
biamo fiducia che Lopez farà il bene Vincenzo, credo che lot- se per noi è fondamentale ave- gola e il giorno dopo aveva la del primo terzo del Giro d’Italia:
suo dovere nelle tappe di mon- terà fino alla fine per la rosa. re gente in fuga, così non dob- febbre». E in casa Bahrain-Me- «Le mie sensazioni sono buo-
tagna». Lui è un fuoriclasse, e ha un biamo spendere energie a tira- rida, come già evidenziato ieri, ne, anche se non è facile fare un
‘motore’ straordinario. Però re. Siamo tutti per Lopez». Do- in tal senso ha rischiato molto bilancio perché non abbiamo
Passo penso pure che il suo punto po avere avuto una tale giorna- Damiano Caruso, uomo chiave ancora incontrato le salite vere.
Serve un passo indietro, alla debole sia la squadra. Magari ta di gloria, scommettiamo che per Nibali in salita, che merco- Nonostante questo, però, credo
prima fuga in cui l’Astana ave- sulle montagne le cose cam- lavorerà per il capitano ancora ledì aveva oltre 39 di febbre. che tutti abbiamo consumato
va piazzato Bilbao e Ion Izagir- bieranno, ma in questo mo- più volentieri? «Siamo stati fortunati — fanno energie fisiche e nervose».
re, costringendo la Bahrain- mento la penso così». Nota a © RIPRODUZIONE RISERVATA Gioia Pello Bilbao, 29 anni, sul podio sapere dal team — perché quella © RIPRODUZIONE RISERVATA
Merida a spremersi per chiu- margine: il team kazako – 26 e sopra in esultanza all’arrivo ANSA tappa da Frascati è partita alle
dere. «Sapevamo – continua
Martinelli – che la Uae-Emira-
vittorie in stagione, secondo
solo alla Deceuninck-Quick s TEMPO DI LETTURA 2’18” 14 e siamo usciti dall’albergo al-
le 12. Se fossimo dovuti partire s TEMPO DI LETTURA 1’59”
38 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

102° Giro d’Italia/LA GUIDA


12 BATTAGLIN (ITA) 37 DE LA PARTE (SPA) 64 DUPONT (FRA) 91 NARVAEZ (ECU) 117 NEILANDS (LET) a 17'33" 144 SCOTSON (AUS)
ORDINE D’ARRIVO
13 GAVAZZI (ITA) 38 VERVAEKE (BEL) 65 LUDVIGSSON (SVE) 92 FLOREZ (COL) 118 BOARO (ITA) a 18'06" 145 ORSINI (ITA)
14 MAJKA (POL) 39 NIEVE (SPA) 66 BOOKWALTER (USA) 93 NIBALI A. (ITA) 119 VIVIANI (ITA) 146 HATSUYAMA (GIAP)
15 BAKELANTS (BEL) 40 ANTUNES (POR) 67 KUSS (USA) 94 OWSIAN (POL) 120 SIMION (ITA) 147 BOIVIN (CAN)
41 PETERS (FRA) 68 PLAZA (SPA) 95 BARBIN (ITA) 121 BOLE (SLO) 148 CIMOLAI (ITA)
16 LOPEZ (COL)
42 BIDARD (FRA) 69 HIRT (CEC) a 2'11" 96 MAESTRI (ITA) a 8'19" 122 LONARDI (ITA) 149 LEEZER (OLA)
17 NIBALI V. (ITA)
43 VUILLERMOZ (FRA) 70 MARTENS (GER) a 2'26" 97 FRAPPORTI (ITA) 123 SENECHAL (FRA) 150 ACKERMANN (GER)
18 YATES (GB) 44 GEOGHEGAN HART (GB) 71 HALLER (AUT) 124 IRIZAR (SPA)
98 HAGA (USA) 151 LE GAC (FRA)
19 JUNGELS (LUS) 45 ROTA (ITA) 72 BAGIOLI (ITA) a 2'58" 125 CONCI (ITA)
99 BAUER (NZL) 152 BENNETT (USA)
20 ROGLIC (SLO) 46 HINDLEY (AUS) 73 HANSEN (AUS) a 3'10" 126 NIZZOLO (ITA) 153 SELIG (GER)
100 DURBRIDGE (AUS)
Cattaneo Ieri in fuga 21 SIVAKOV (RUS) 47 WARBASSE (USA) 74 NIV (ISR) 127 CIMA (ITA) 154 SCHWARZMANN (GER)
101 JUUL JENSEN (DAN)

Gallopin è secondo POS. CORRIDORE TEMPO 22 CHAVES (COL) 48 CONTI (ITA) 75 SABATINI (ITA) a 3'42" 128 WYSS (SVI) 155 KLUGE (GER)
102 VAN EMDEN (OLA)
23 DOMBROWSKI (USA) 49 CARTHY (GB) 76 POLJANSKI (POL) 129 KONOVALOVAS (LIT) 156 CANOLA (ITA)
1 BILBAO (SPA) 103 GEHEREIGZABHER (ERI)
50 HAMILTON C. (AUS) 77 MCCARTHY (AUS) a 4'11" 130 STRAKHOV (RUS)
Androni-Sidermec 185 km in 4h06’27”. 24 OOMEN (OLA) 104 CERNÝ (CEC) 157 RENSHAW (AUS) a 18'24"
51 AMADOR (CRC) 78 ZEITS (KAZ) a 4'30" 131 DUNNE (IRL) 158 EWAN (AUS) a 18'27"
Media 45,04 km/h (abbuono 10”) 25 SERRY (BEL) 105 ULISSI (ITA) a 8'34"
52 SBARAGLI (ITA) 79 BROWN (USA) a 5'28" 132 ANDEMESKEL (SVE)

ancora in prima fila: 2 GALLOPIN (FRA) a 5" (abb. 6") 26 MOLLEMA (OLA) 106 PUCCIO (ITA) a 8'48" 159 DEMARE (FRA) a 19'04"
53 CARBONI (ITA) 80 VENTOSO (SPA) a 5'41" 133 DENZ (GER)
27 CARAPAZ (ECU) 107 GOGL (AUT) a 9'16" (ab. 1") 160 CONSONNI (ITA) a 19'07"
3 FORMOLO (ITA) (abb. 4") 54 POLANC (SLO) 81 TOLHOEK (OLA) a 6'16" 134 CAICEDO (ECU)
161 HONORÉ (DAN)
Cattaneo buon 5° 4 L. HAMILTON (AUS) a 9" 28 DUNBAR (IRL) 55 MASNADA (ITA) 82 DE GENDT (BEL) 108 BIERMANS (BEL) a 9'56" 135 GRADEK (POL)
29 LANDA (SPA) 109 KUZNETSOV (RUS) 162 MOSCHETTI (ITA) a 27'18"
5 CATTANEO (ITA) 56 VILLELLA (ITA) 83 SENNI (ITA) 136 DAVIES (GB)
110 COVILI (ITA) a 10'53" 163 CLARKE (AUS)

e Vendrame 10° 6 ROJAS (SPA) a 30" (abb. 3") 30 ZAKARIN (RUS) 57 GASPAROTTO (ITA) 84 GIBBONS (SAF) 137 KNOX (GB)
111 KNEES (GER) a 17'19" 164 MARECZKO (ITA) a 28'54"
31 CICCONE (ITA) 58 BOUWMAN (OLA) a 1'28" 85 CAMPENAERTS (BEL) 138 MAS (SPA)
7 HENAO (COL) a 48" RIT DE PLUS (BEL)
32 POZZOVIVO (ITA) 59 IZAGUIRRE (SPA) a 1'36" 86 DE BUYST (BEL) 112 SÜTTERLIN (GER) 139 CARRETERO (SPA)
8 PEDRERO (SPA) a 1'01" 113 AGNOLI (ITA) a 17'25" RIT GAVIRIA (COL)
33 CAPECCHI (ITA) 60 GASTAUER (LUS) a 1'44" 87 GAROSIO (ITA) 140 SINKELDAM (OLA)
9 MADOUAS (FRA) a 1'07" (abb. 2") 114 BELLETTI (ITA) RIT MODOLO (ITA)
34 O'CONNOR (AUS) 61 CATALDO (ITA) 88 BRAMBILLA (ITA) 141 BOHLI (SVI)
10 VENDRAME (ITA) 35 KANGERT (EST) 62 SANTAROMITA (ITA) a 1'58" 89 HOLLENSTEIN (SVI) 115 CARUSO (ITA) 142 GUARNIERI (ITA)
11 VAN DER SANDE (BEL) 36 SOSA (COL) 63 MONTAGUTI (ITA) a 2'07" 90 BENEDETTI (ITA) 116 MARCATO (ITA) a 17'30" 143 LOBATO (SPA)

LA CLASSIFICA GENERALE
Ottava tappa, 239 km
I P ARTENTI

Rojas si avvicina a Conti: è a 1’32” R TORTORETO LIDO


5m
PESARO Q
2m
In gara 165 corridori di 22 team
87 HALLER (AUT) a 23'38" GPM GPM GPM MOVISTAR TEAM 73 DE LA PARTE VICTOR SPA 146 NISHIMURA HIROKI GIAP
88 BAGIOLI (ITA) a 23'53" TV TV 3 4 4 1 LANDA MIKEL SPA 74 GRADEK KAMIL POL 147 HATSUYAMA SHO GIAP
89 SENECHAL (FRA) a 24'11" Porto Senigallia 2 AMADOR ANDREY CRC 75 MARECZKO JAKUB ITA 148 SANTAROMITA IVAN ITA
90 FRAPPORTI (ITA) a 24'46" Recanati 5m Monte Gabicce 3 CARAPAZ RICHARD ECU 76 OWSIAN LUKASZ POL D.S. MANZONI MARIO
91 BELLETTI (ITA) a 26'02" 6m della Monte 4 CARRETERO HECTOR SPA 77 TEN DAM LAURENS OLA
92 MARCATO (ITA) a 26'25" Mattera 120 m 78 VENTOSO FRANCISCO SPA TEAM DIMENSION DATA
5 MAS LUIS SPA
93 PUCCIO (ITA) a 26'26" San Benedetto 418 m 6 PEDRERO ANTONIO SPA D.S. MISSAGLIA GABRIELE 151 O'CONNOR BEN AUS
94 DE GENDT (BEL) a 26'55" del Tronto 7 ROJAS JOSÉ SPA 152 DAVIES SCOTT GB
Calcinelli Monteluro DECEUNINCK - QUICK-STEP 153 GASPAROTTO ENRICO ITA
95 CANOLA (ITA) a 27'12" 9m 8 SÜTTERLIN JASHA GER
66 m 222 m D.S. GARCIA JOSE VICENTE 81 VIVIANI ELIA ITA 154 GHEBREIGZABHIER AMANUEL ERI

1
POS. CORRIDORE TEMPO 96 CAICEDO (ECU) a 27'35"
97 COVILI (ITA) a 28'15" 82 CAPECCHI EROS ITA 155 GIBBONS RYAN SAF
1 CONTI (ITA) 156 NIZZOLO GIACOMO ITA
98 KUZNETSOV (RUS) a 28'18" AG2R LA MONDIALE 83 HONORÉ MIKKEL DAN
1.231 km in 29h29’34”. 157 RENSHAW MARK AUS
99 SABATINI (ITA) a 28'29" 11 GALLOPIN TONY FRA 84 JUNGELS BOB LUS
Media 41,74 km/h 158 WYSS DANILO SVI
100 GEHEREIGZABHER (ERI) a 29'40" 12 BIDARD FRANÇOIS FRA 85 KNOX JAMES GB
2 ROJAS (SPA) a 1'32" 86 SABATINI FABIO ITA D.S. SANS ALEXANDRE
101 WYSS (SVI) a 30'16" 13 DENZ NICO GER
3 CARBONI (ITA) a 1'41" 87 SENECHAL FLORIAN FRA
102 AGNOLI (ITA) a 30'27" 14 DUPONT HUBERT FRA
4 PETERS (FRA) a 2'09" 88 SERRY PIETER BEL TEAM INEOS
5 MADOUAS (FRA) a 2'17" 103 BOARO (ITA) a 31'01" km 15,6 74,1 127 159,4 168,5 203,7 214,9 239 15 GASTAUER BEN LUS
16 PETERS NANS FRA D.S. BRAMATI DAVIDE 161 SIVAKOV PAVEL RUS
6 ANTUNES (POR) a 2'45" 104 DE BUYST (BEL) a 31'03"
17 WARBASSE LAWRENCE USA 162 DUNBAR EDDIE IRL
7 MASNADA (ITA) a 3'14" 105 KUSS (USA) a 31'22"
18 VUILLERMOZ ALEXIS FRA EF EDUCATION FIRST 163 GEOGHEGAN HART TAO GB
8 SERRY (BEL) a 3'25" 106 NIV (ISR)
164 HENAO SEBASTIAN COL
A Pesaro finale mosso e sprint
107 BROWN (USA) a 32'01" D.S. BIONDI LAURENT 91 MODOLO SACHA ITA
9 AMADOR (CRC) a 3'27" 92 BENNETT SEAN USA 165 KNEES CHRISTIAN GER
10 OOMEN (OLA) a 4'57" 108 KNEES (GER) a 32'36" 166 NARVAEZ JHONATAN ECU
ANDRONI GIOCATTOLI - SIDERMEC
Tv: Raisport 12.30, Rai 2 alle 14.30
93 BRESCHEL MATTI DAN
11 BILBAO (SPA) a 5'23" 109 LUDVIGSSON (SVE) a 32'52" 167 PUCCIO SALVATORE ITA
21 GAVAZZI FRANCESCO ITA 94 BROWN NATHAN USA
110 VENTOSO (SPA) a 33'43" 168 SOSA IVAN RAMIRO COL

2
12 ROGLIC (SLO) a 5'24" 22 BELLETTI MANUEL ITA 95 CAICEDO JONATHAN ECU
13 FORMOLO (ITA) 111 FLOREZ (COL) a 34'35" D.S. PORTAL NICOLAS
96 CARTHY HUGH GB
14 GALLOPIN (FRA) a 5'34" 112 GOGL (AUT) a 36'15" ● Oggi l’ottava tappa, da Tortoredo Lido a Pesaro. È la più lunga del Giro con i suoi 23 CATTANEO MATTIA ITA
97 DOMBROWSKI JOE USA
239 km: i primi 140 pianeggianti, i successivi ondulati. In programma tre GPM. 24 FLOREZ MIGUEL EDUARDO COL TEAM JUMBO - VISMA
15 YATES (GB) a 5'59" 113 NEILANDS (LET) a 36'42"
25 FRAPPORTI MARCO ITA 98 KANGERT TANEL EST
16 NIBALI V. (ITA) a 6'03" 114 BENEDETTI (ITA) a 36'53" Ritrovo di partenza in Largo Marconi. Foglio firma dalle 10, via alle 11.15. 26 MASNADA FAUSTO ITA D.S. GUIDI FABRIZIO 171 ROGLIC PRIMOZ SLO
17 LOPEZ (COL) a 6'08" 115 HAGA (USA) a 37'04" Tv: diretta su Raisport dalle 12.30, Raidue dalle 14.30, Eurosport dalle 13.05 27 MONTAGUTI MATTEO ITA 172 BOUWMAN KOEN OLA
18 MAJKA (POL) a 6'13" 116 BARBIN (ITA) a 37'06" Gazzetta.it: diretta della tappa, servizi, interviste, highlights e classifiche 28 VENDRAME ANDREA ITA GROUPAMA - FDJ 173 DE PLUS LAURENS BEL
19 CATTANEO (ITA) a 6'16" 117 BIERMANS (BEL) a 38'46" Passaggi Carovana: 10.10 S. Benedetto del Tronto; 10.50 Porto S. Giorgio; 174 KUSS SEPP USA
D.S. SAVIO GIANNI 101 DEMARE ARNAUD FRA
20 MOLLEMA (OLA) a 6'19" 118 ACKERMANN (GER) a 39'49" 11.20 Civitanova Marche; 11.50 Porto Recanati; 13 Senigallia; 15 Gabicce Mare. 175 LEEZER THOMAS OLA
102 GUARNIERI JACOPO ITA
119 EWAN (AUS) a 40'59" 176 MARTENS PAUL GER
21 JUNGELS (LUS) a 6'26" Pedalata Mediolanum: oggi la Pedalata con i campioni «Un giro nel Giro» ASTANA PRO TEAM 103 KONOVALOVAS IGNATAS LIT
120 DEMARE (FRA) a 41'07" 177 TOLHOEK ANTWAN OLA
22 DE LA PARTE (SPA) a 6'34" scatta alle 13.15 dal campo sportivo di Isola del Piano (Pesaro-Urbino) per 31 LOPEZ MIGUEL ANGEL COL 104 LE GAC OLIVIER FRA
178 VAN EMDEN JOS OLA
121 VIVIANI (ITA) a 42'09" 105 LUDVIGSSON TOBIAS SVE
23 CARTHY (GB) a 6'40"
122 VAN EMDEN (OLA) a 42'10"
arrivare a Pesaro. Ci saranno Francesco Moser e Alessandro Ballan. 32 BILBAO PELLO SPA D.S. BOVEN JAN
24 CHAVES (COL) 33 BOARO MANUELE ITA 106 MADOUAS VALENTIN FRA
123 BOLE (SLO) a 42'15" 34 CATALDO DARIO ITA 107 SCOTSON MILES AUS
25 CARAPAZ (ECU) a 6'45" TEAM KATUSHA - ALPECIN

3
124 GUARNIERI (ITA) a 43'28" 35 HIRT JAN CEC 109 SINKELDAM RAMON OLA
26 SIVAKOV (RUS) a 6'48"
125 SCHWARZMANN (GER) a 43'33" D.S. GUESDON FREDERIC 181 ZAKARIN ILNUR RUS
27 ZAKARIN (RUS) a 7'00" 36 IZAGUIRRE ION SPA
126 SELIG (GER) a 43'34" 182 BATTAGLIN ENRICO ITA
28 POLANC (SLO) a 7'03" 37 VILLELLA DAVIDE ITA
127 KONOVALOVAS (LIT) a 43'51" ISRAEL CYCLING ACADEMY 183 BIERMANS JENTHE BEL
29 LANDA (SPA) a 7'13" 38 ZEITS ANDREY KAZ
128 BENNETT (USA) a 44'00" 184 HALLER MARCO AUT
30 VUILLERMOZ (FRA) a 7'18" D.S. SHEFER ALEXANDER 111 CIMOLAI DAVIDE ITA
129 MAESTRI (ITA) a 44'07" 185 HOLLENSTEIN RETO SVI
31 NIEVE (SPA) a 7'20" 112 ANDEMESKEL AWET SVE
130 CIMOLAI (ITA) a 44'22" BAHRAIN - MERIDA 186 KUZNETSOV VIACHESLAV RUS
32 VILLELLA (ITA) a 7'31" 113 BOIVIN GUILLAUME CAN
187 NAVARRO DANIEL SPA
131 KLUGE (GER) a 46'33" 41 NIBALI VINCENZO ITA 114 DUNNE CONOR IRL
33 GAVAZZI (ITA) a 7'39" 188 STRAKHOV DMITRII RUS
132 ORSINI (ITA) a 46'48" 42 AGNOLI VALERIO ITA 115 NEILANDS KRISTS LET
34 GEOGHEGAN HART (GB) a 7'43" D.S. KONYCHEV DMITRIY
133 CERNÝ (CEC) a 46'52" 43 BOLE GREGA SLO 116 PLAZA RUBEN SPA
35 DOMBROWSKI (USA) a 7'52"
134 CONSONNI (ITA) a 47'20" 44 CARUSO DAMIANO ITA 117 NIV GUY ISR TEAM SUNWEB
36 KANGERT (EST) a 8'15"
135 LE GAC (FRA) a 47'33" 45 GAROSIO ANDREA ITA 118 SBARAGLI KRISTIAN ITA
37 CAPECCHI (ITA) a 8'22" 191 DUMOULIN TOM OLA
38 O'CONNOR (AUS) a 8'23"
I protagonisti 136 BAUER (NZL) a 49'41" 46 KOREN KRISTIJAN SLO D.S. GUERRERO OSCAR
192 BAKELANTS JAN BEL
1 José Rojas, 34 anni, 137 CAMPENAERTS (BEL) a 49'45" 47 NIBALI ANTONIO ITA
39 VAN DER SANDE (BEL) a 8'41" LOTTO SOUDAL 193 HAGA CHAD USA
138 KNOX (GB) a 54'00" 48 POZZOVIVO DOMENICO ITA
40 SBARAGLI (ITA) a 8'50" 2° in classifica BETTINI 139 SINKELDAM (OLA) a 55'19" D.S. VOLPI ALBERTO
194 HAMILTON CHRIS AUS
41 HAMILTON L. (AUS) a 9'05" 121 EWAN CALEB AUS 195 HINDLEY JAI AUS
2 Primoz Roglic, 29, 140 NIZZOLO (ITA) a 55'30" 122 CAMPENAERTS VICTOR BEL
42 GASPAROTTO (ITA) a 9'27" 196 OOMEN SAM OLA
12° a 5’24 LAPRESSE 141 MAS (SPA) a 55'49" BARDIANI - CSF 123 DE BUYST JASPER BEL
43 WARBASSE (USA) a 9'39" 197 POWER ROBERT AUS
3 Tony Gallopin, 30, 142 LEEZER (OLA) a 55'57" 51 BARBIN ENRICO ITA 124 DE GENDT THOMAS BEL 198 VERVAEKE LOUIS BEL
44 PLAZA (SPA) a 9'42"
143 BOIVIN (CAN) a 57'06" 52 CARBONI GIOVANNI ITA 125 HANSEN ADAM AUS D.S. REEF MARC
45 CATALDO (ITA) a 10'08" 14° a 5’34” LAPRESSE 53 COVILI LUCA ITA 126 KLUGE ROGER GER
144 ANDEMESKEL (SVE) a 57'20"
46 MONTAGUTI (ITA) a 11'01"
145 HONORÉ (DAN) a 57'21" 54 MAESTRI MIRCO ITA 127 VANENDERT JELLE BEL TREK - SEGAFREDO
47 BAKELANTS (BEL) a 11'07" 67 BIDARD (FRA) a 16'41" 128 VAN DER SANDE TOSH BEL
146 CARRETERO (SPA) a 58'41" 55 ORSINI UMBERTO ITA
48 MCCARTHY (AUS) a 11'30" 68 BOUWMAN (OLA) a 16'45" 201 MOLLEMA BAUKE OLA
147 SÜTTERLIN (GER) a 58'46" 56 ROTA LORENZO ITA D.S. LEYSEN BART
49 VERVAEKE (BEL) a 11'31" 69 BOOKWALTER (USA) a 16'52" 202 BRAMBILLA GIANLUCA ITA
148 IRIZAR (SPA) a 59'31" 57 SENNI MANUEL ITA 203 CICCONE GIULIO ITA
50 VENDRAME (ITA) a 11'36" 70 BRAMBILLA (ITA) a 17'02" 58 SIMION PAOLO ITA MITCHELTON-SCOTT
149 LOBATO (SPA) a 1h04'26" 204 CLARKE WILLIAM AUS
51 HENAO (COL) a 12'11" 71 IZAGUIRRE (SPA) a 17'25" D.S. REVERBERI ROBERTO
150 GRADEK (POL) a 1h04'41" 131 YATES SIMON GB 205 CONCI NICOLA ITA
52 CICCONE (ITA) a 13'14" 72 SOSA (COL) a 17'29" 151 DAVIES (GB) a 1h05'07" 132 BAUER JACK NZL 206 GOGL MICHAEL AUT
53 HINDLEY (AUS) a 13'25" 73 POZZOVIVO (ITA) a 17'34" 152 CIMA (ITA) a 1h05'15" BORA - HANSGROHE 133 BOOKWALTER BRENT USA 207 IRIZAR MARKEL SPA
54 ULISSI (ITA) a 13'35" 74 NARVAEZ (ECU) a 18'11" 153 SCOTSON (AUS) a 1h05'46" 61 MAJKA RAFAL POL 134 CHAVES ESTEBAN COL 208 MOSCHETTI MATTEO ITA
55 DUNBAR (IRL) a 13'59" 75 HOLLENSTEIN (SVI) a 18'37" 154 STRAKHOV (RUS) a 1h05'58" 62 ACKERMANN PASCAL GER 135 DURBRIDGE LUKE AUS D.S. ANDERSEN KIM
56 GASTAUER (LUS) a 14'16" 76 NIBALI A. (ITA) a 18'50" 155 LONARDI (ITA) a 1h06'08"
63 BENEDETTI CESARE ITA 136 HAMILTON LUCAS AUS
57 GIBBONS (SAF) a 14'27" 156 DUNNE (IRL) a 1h07'27"
77 SENNI (ITA) a 18'55" 64 FORMOLO DAVIDE ITA 137 JUUL JENSEN CHRIS DAN UAE TEAM EMIRATES
157 RENSHAW (AUS) a 1h07'43"
58 DUPONT (FRA) a 14'50" 78 HIRT (CEC) a 19'12" 65 MCCARTHY JAY AUS 138 NIEVE MIKEL SPA
158 MOSCHETTI (ITA) a 1h07'55" 211 GAVIRIA FERNANDO COL
59 BATTAGLIN (ITA) a 14'58" 79 TOLHOEK (OLA) a 19'38" 159 SIMION (ITA) a 1h10'15" 66 POLJANSKI PAWEL POL D.S. WHITE MATTHEW 212 BOHLI TOM SVI
60 SANTAROMITA (ITA) a 15'10" 80 MARTENS (GER) a 20'00" 160 MARECZKO (ITA) a 1h10'46" 67 SCHWARZMANN MICHAEL GER 213 CONSONNI SIMONE ITA
61 DURBRIDGE (AUS) a 16'06" 81 POLJANSKI (POL) a 20'39" 161 BOHLI (SVI) a 1h14'40" 68 SELIG RÜDIGER GER NIPPO - VINI FANTINI - FAIZANE' 214 CONTI VALERIO ITA
62 HAMILTON C. (AUS) a 16'07" 82 PEDRERO (SPA) a 21'57" 162 CLARKE (AUS) a 1h14'59" D.S. ZEMKE JENS 141 CANOLA MARCO ITA 215 MARCATO MARCO ITA
63 HANSEN (AUS) a 16'12" 83 GAROSIO (ITA) a 22'13" 163 HATSUYAMA (GIAP) a 1h15'06"
142 CIMA DAMIANO ITA 216 MOLANO JUAN COL
164 DENZ (GER) a 1h19'34" CCC TEAM
64 ZEITS (KAZ) a 16'27" 84 JUUL JENSEN (DAN) a 22'16" 143 BAGIOLI NICOLA ITA 217 POLANC JAN SLO
2019
65 OWSIAN (POL) a 16'31" 85 CARUSO (ITA) a 22'38" 71 ANTUNES AMARO POR 144 LOBATO JUAN JOSÉ SPA 218 ULISSI DIEGO ITA
66 ROTA (ITA) a 16'38" 86 CONCI (ITA) a 22'48" 72 CERNÝ JOSEF CEC 145 LONARDI GIOVANNI ITA D.S. FERNANDEZ JOSE A

CLASSIFICA A PUNTI GP DELLA MONTAGNA GIOVANI COMBATTIVITÀ TEAM A TE M P I TAG HEUER

● La maglia ciclamino ● La maglia azzurra ● La maglia bianca ● Il premio combattività ● La classifica a squadre ● Il premio
«Segafredo Zanetti» va al leader della «Mediolanum» contraddistingue il «Eurospin» va al leader della «Continental» distingue il corridore «Valsir» prende in considerazione i «Don’t crack under pressure» di Tag
classifica a punti, assegnati a seconda leader della classifica dei gran premi classifica a tempi dei giovani, nati che si impegna per conseguire risultati primi tre corridori di ogni squadra: la Heuer viene assegnato al corridore
della categoria della tappa e nei della montagna. Punteggi diversi sono dopo il 1° gennaio 1994. in tutti i momenti agonistici della corsa. somma dei loro tempi determina che si è distinto durante la tappa per
traguardi volanti. Gli arrivi di categoria previsti in base alla categoria delle Classifica: 1. Giovanni CARBONI Sono assegnati punti all’arrivo, ai quello del team. In caso di parità vale la coraggio e forza mentale,
«A» e «B» danno punti ai primi 15 (50 salite. Ieri primi punti per Pedrero, (Bardiani-CSF) in 29h31’15”; 2. Peters traguardi volanti e ai Gpm. Ogni giorno minor somma dei piazzamenti dei caratteristiche che gli hanno
punti al 1°); i «C» ai primi 10 (25 punti al salito in terza posizione. Oggi sono (Fra) a 28”; 3. Madouas (Fra) a 36”; la somma dei punti determinerà il primi tre migliori tempi di ciascuna permesso di raggiungere un
1°); i «D» e gli «E» ai primi 10 (15 punti previsti tre Gpm: Monte della Mattera 4. Oomen (Ola) a 3’16”; 5. Lopez (Col) «combattivo di tappa». Al termine del formazione. Le squadre in gara con particolare obiettivo. Per la tappa di
al 1°). I traguardi volanti danno punti ai (3ª cat.), Monteluro (4ª cat.) e Gabicce a 4’27”; 6. Carthy (Gb) a 4’59”; Giro chi avrà totalizzato il maggior meno di tre corridori saranno escluse ieri il riconoscimento è andato a José
primi 8 (12 al 1°). Monte (4ª cat.). 7. Sivakov (Rus) a 5’07”; punteggio sarà il «super combattivo». da questa classifica. Rojas, spagnolo della Movistar,
Classifica: 1. Pascal ACKERMANN Classifica: 1. Giulio CICCONE (Trek - 8. Geoghegan Hart (Gb) a 6’02”; Classifica: 1. Pascal Ackermann Classifica: 1. Movistar; partito ai -100 km insieme a 11
(Ger, Bora-Hansgrohe) 133 punti; Segafredo) 24; 2. Masnada 18; 9. O’Connor (Aus) a 6’42”; (Ger) 24 punti; 2. Démare (Fra) 22; 2. Deceuninck - Quick-Step a 5’55”; compagni di fuga e poi 6° sul
2. Démare (Fra) 87; 3. Ewan (Aus) 66. 3. Pedrero (Spa) 18; 4. Conti 8. 10. L. Hamilton (Aus) a 7’24”. 3. Cima 18; 4. Rojas (Spa) 16. 3. Androni Giocattoli-Sidermec a 6’29”. traguardo. Rojas in classifica è ora 2°.
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 39

102° Giro d’Italia/LA 7 a


TAPPA

Formolo d’attacco
HA DETTO «Ora cominciano IL RITIRO

a temermi sul serio Modolo


celiaco
Niente da fare.
Si chiude prima

Ci proverò ancora»
Voglio del previsto
provare il Giro d’Italia
di Sacha
a tenere
Modolo, che non
la maglia è riuscito a
bianca concludere la
almeno
fino alla Il veronese sfiora la vittoria ma soffia 1’06” settima tappa.
Il 31enne
crono di
San Marino ai big: «Il bicchiere è più pieno che vuoto» velocista veneto
della Ef ha
detto:
di Claudio Ghisalberti - INVIATO A L’AQUILA In ripresa Davide Formolo, 26 anni, è risalito al 13° posto in classifica BETTINI «Ho scoperto
da pochissimo

I
l colpo non gli è riu- denti alla vittoria finale, è quel- questo forse devo abituarmi. C’è È andata così, ma vado avanti dere alla lettera il concetto di di essere
scito del tutto. Davi- lo messo meglio. Nibali, per il lato positivo, vuol dire che gli con ottimismo». “piano”». celiaco, ma fino
Oggi nel de Formolo voleva esempio, è 39 secondi più die- altri cominciano a temermi. all’8 maggio
finale vincere la tappa. Lo tro. Sanno che posso arrivare. Però 3 Allora questo tempo recupe- 3 Visto da dentro il gruppo, chi ho sempre
dell’ottava hanno capito anche i comincio a saperlo e a crederci rato non conta molto? è l’uomo forte di questo Giro? mangiato anche
tappa si
compagni di fuga che lui era il 3 Formolo, ci racconti questa anch’io». «No, no. Conta tantissimo, so- «Per ora è difficile da dire, visto glutine.
più forte e hanno provato a ren- tappa. prattutto se penso all’ultima che non abbiamo ancora fatto E chiaramente
passa dergli tutto difficile. Così è finita «Jay McCarthy mi ha dato una 3 Ha recuperato 1’06” ai mi- settimana. Significa che sto be- una salita vera. Questa è stata la le cose non
da San come alla Liegi-Bastogne-Liegi: grande mano. Sull’ultima salita gliori, il bicchiere mezzo pieno ne, che le gambe girano come prima tappa un po’ tirata. Io ero vanno a posto
Costanzo, il là fu Jakob Fuglsang a scappar- in pratica ha fatto una crono- o mezzo vuoto? devono. E in più ho recuperato davanti…». in 10 giorni».
mio paese. gli via, qui invece è stato lo spa- metro per portare la fuga il più «Il bicchiere è sempre a metà il tempo perso a cronometro.
Chissà... gnolo Pello Bilbao. Poi, sulla li- avanti possibile e per farmi gua- (ride, ndr). No, mi dispiace per- Forse è vero, il bicchiere è più 3 Qualcuno, pensando appun-
nea, lo ha battuto anche il fran- dagnare terreno sul gruppo che ché ci tenevo a vincere la tappa. pieno che vuoto». to alla crono, potrebbe dire che
Maglia cese Gallopin. Il terzo posto del non ci lasciava molto spazio. Poi È stata un’opportunità sprecata. forse non era il caso di spende-
bianca veronese della Bora-Han- è stato tutto un susseguirsi di at- 3 Domenica (domani, ndr) c’è re tanto qui.
Giovanni Carboni sgrohe, però, non è una delusio- tacchi e il più fortunato di tutti, la crono di San Marino. Faccia- «In questa tappa non ha speso
ne grazie al minuto e 6 secondi
che ha recuperato ai big della
o più astuto, è stato Bilbao che
ha vinto. Però ci sono ancora
Inizia la risalita mo una salto indietro: a Bolo-
gna è andato davvero pianino.
tanto solo chi era seduto al bar a
vedere la televisione. Davanti o
corsa. Ora in classifica Formolo tante tappe per riprovarci e sta- «Nella crono Che cos’era successo? dietro abbiamo fatto tutti una
è risalito in tredicesima posizio-
ne, a 5’24” dalla maglia rosa Va-
tene certi che ci riproverò». di Bologna «L’idea era quella di partire un
po’ piano per tenersi per l’ulti-
gran fatica».

sono partito
© RIPRODUZIONE RISERVATA
lerio Conti. Ma con lo stesso 3 In pratica qui è stato un For- ma parte. Forse, però, sono par-
tempo di Primoz Roglic. In pra-
tica, nella classifica tra i preten-
molo contro tutti.
«Mi dispiace un po’, però a
troppo piano» tito un po’ troppo piano. Dicia-
mo che ho esagerato nel pren- s TEMPO DI LETTURA 2’24”

LA CORSA A RA G G I X
RIMPIANTO FAME
La tattica è la prigione della Avrebbe vinto anche ieri,
DATA TAPPA KM ARRIVO MAGLIA ROSA CICLAMINO AZZURRA BIANCA
fantasia. Ne sanno qualcosa Taccone: non avrebbe
LE PAROLE quelli che stanno lì a calcolare, sonnecchiato in gruppo e, se 11/5 1 BOLOGNA-BOLOGNA S. LUCA (crono) 8 ROGLIC ROGLIC ROGLIC CICCONE LOPEZ

DELLA STRADA quelli che sprecano energie nel fosse stato in fuga, di certo 12/5
13/5
2 BOLOGNA-FUCECCHIO
3 VINCI-ORBETELLO
205
220
ACKERMANN
GAVIRIA
ROGLIC
ROGLIC
ACKERMANN
GAVIRIA
CICCONE
CICCONE
LOPEZ
LOPEZ
fare tabelle anziché andare avrebbe dato battaglia senza
14/5 4 ORBETELLO-FRASCATI 235 CARAPAZ ROGLIC ACKERMANN CICCONE LOPEZ
di Andrea Schianchi all’avventura con coraggio e sottrarsi al rischio. D’altronde
15/5 5 FRASCATI-TERRACINA 140 ACKERMANN ROGLIC ACKERMANN CICCONE LOPEZ
poi, giunti ai piedi dell’ultimo lui, figlio di povera gente,
Guardi Bilbao strappo, scoprono di avere i
muscoli fiacchi e non hanno
abituato a succhiare il latte
dalle pecore a pranzo e a
16/5
IERI
6 CASSINO-SAN GIOVANNI ROTONDO
7 VASTO-L'AQUILA
238
185
MASNADA
BILBAO
CONTI
CONTI
ACKERMANN
ACKERMANN
CICCONE
CICCONE
CARBONI
CARBONI

e vedi Taccone: più la forza per guadagnarsi la cena, era condannato a fare
«Sono lupo, gloria. Il rimpianto diventa fatica per prendersi il pane DATA TAPPA KM DIFFICOLTÀ e GIUDIZIO GAZZETTA

rimorso e non c’è più spazio quotidiano. Il suo modo di OGGI 8 TORTORETO LIDO-PESARO 239 *** La terza tappa oltre i 230 km in 5 giorni. Strappi e Muri marchigiani nel finale, fare attenzione

ho fame» per rimediare. Pello Bilbao


Lopez, invece, ha l’intuizione
correre, aggressivo e
rivoluzionario, nasceva da un
19/5
20/5
9 RICCIONE-SAN MARINO (crono)
RIPOSO A RICCIONE
34,8 ***** Si chiude la prima parte con una crono sul Titano: 19 km velocissimi, poi 12 km al 4,5%

giusta, la furbizia per metterla principio semplice: «Devo 21/5 10 RAVENNA-MODENA 145 * Dopo il riposo si ricomincia con l'attraversamento dell'Emilia-Romagna: volatona
22/5 11 CARPI-NOVI LIGURE 221 * Il primo ricordo di Fausto Coppi, con volata vicino alla casa dove visse il Campionissimo
in pratica e sul traguardo si essere lupo perché ho fame,
23/5 12 CUNEO-PINEROLO 158 *** Amarcord light della <tappa delle tappe>: non è il tracciato 1949. Si sale sul Montoso (9 km al 9,4%)
batte il petto con giustificato la mia famiglia ha sempre
24/5 13 PINEROLO-CERESOLE REALE 196 **** Arrivo inedito in salita nel Gran Paradiso a quota 2247, davanti al lago Serrù: 20 km al 6%
orgoglio. avuto fame». Al Giro vinse 25/5 14 SAINT VINCENT-COURMAYEUR 131 ***** Prima giornata verità e 5100 metri di dislivello in 131 km: il San Carlo è un simil-Mortirolo
A vederlo scattare, rabbioso e otto tappe e per un giorno 26/5 15 IVREA-COMO 232 **** Lombardia versione Giro, con Ghisallo, Colma di Sormano e Civiglio. Como torna dopo 32 anni
deciso, viene in mente un indossò pure la maglia rosa. 27/5 RIPOSO A COMO
uomo che, proprio da queste L’Italia degli anni 60 ne 28/5 16 LOVERE-PONTE DI LEGNO 226 ***** La tappa più dura, 5700 metri di dislivello: Gavia (16 km all'8%) e Mortirolo (11,9 km al 10,9%)
parti, sulle montagne apprezzava la tenacia e 29/5 17 COMMEZZADURA-ANTERSELVA 181 *** Lo stadio del biathlon di Dorothea Wierer accoglie questo arrivo in salita tosto: ultimi 5 km all'8,5%
d’Abruzzo, è diventato un eroe: l’irriverenza di fronte ai 30/5 18 VALDAORA-SANTA MARIA DI SALA 222 * Omaggio a Santa Maria di Sala per Toni Bevilacqua, fenomeno in pista e a Roubaix
si chiamava Vito Taccone, era mostri sacri. Già, ma oggi chi 31/5 19 TREVISO-S. MARTINO DI CASTROZZA 151 *** Si sale ancora: 13,6 km al 5,6%. Giornata da fughe prima del gran finale
Il Camoscio Vito Taccone nel ‘66 di Avezzano. ha la fame del giovane Vito? 1/6 20 FELTRE-CROCE MONTE AVENA 194 ***** Manghen, Rolle e Croce d'Aune, tappone dolomitico da 5500 metri di dislivello: si vince o si perde tutto
2/6 21 VERONA-VERONA (crono) 17 *** Cronometro finale con le Torricelle: dalla Fiera si arriva all'Arena di Verona, come nel 1981, 1984 e 2010

sara.it
40 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 41

102° Giro d’Italia/DIETRO LE QUINTE

GiroStoria
I
n passato, tra gli altri, «Essenzialmente post-gara.
è stato l’osteopata di Raramente capita che qualcuno
Lance Armstrong e abbia bisogno nel pre-gara. In
Fabian Cancellara. quel caso l’intervento è legato a
Davide Cassani lo ha L ’ I N T E R V I S T A situazioni anomale del giorno
Vento e pioggia

«LA MAGLIA ROSA


voluto in Nazionale. Dallo scor- prima, magari una caduta».
so anno Gianluca Carretta, 60 sono un problema:
anni, parmigiano, si prende cu-
ra della Bahrain-Merida. Lo ha
3 Con Cancellara l’abbiamo vi-
sta all’opera durante la fase di
così i corridori
voluto proprio Vincenzo Nibali, riscaldamento sui rulli. sono più contratti

PASSA DAL BACINO»


che di lui si fida ciecamente. «Dipende dalla sensibilità dei
corridori. Prima della crono di
3 Carretta, ci spieghi che diffe- Bologna, con Damiano Caruso
renza c’è tra massaggiatore/fi- s’è lavorato per allentare le ten-
sioterapista e osteopata? sioni sul diaframma, per favori-
«Il massaggiatore si occupa Carretta è l’osteopata della Bahrain-Merida: re la respirazione. Fabian, inve-
delle componenti muscolari.
Con il suo intervento cerca di fa- «Quello è il punto nodale, se è fuori asse sono ce, lo utilizzava spesso perché
voleva essere sicuro al 100% di
vorire e migliorare la vascola-
rizzazione, è utile per accelera- guai. Nibali? Ama la terapia craniosacrale» essere in equilibrio».

re i tempi di recupero. L’osteo-


di Claudio Ghisalberti -
3 Spieghiamo come funziona.
pata si occupa più della compo- «La prima indagine è dal punto
INVIATO A L’AQUILA
nente meccanica e di vista biomeccanico: che il ba-
biomeccanica, per rimettere in cino sia in ordine, che la spina Lo specialista Gianluca Carretta,
equilibrio l’assetto del ciclista. vertebrale sia allineata nel mo- 60 anni; a sinistra è con Pozzovivo
Poi ci sono da valutare aspetti do corretto. Pensate al bacino:
più delicati: l’equilibrio del dia- nel momento in cui non è in as- ma. Hanno corso contratti e
framma e del sistema cranio- se, vuol dire trovarsi seduti su questo influenza anche la com-
sacrale. Questo è un lavoro dol- una sella, che è simmetrica, in ponente articolare».
ce che Nibali gradisce molto. In modo asimmetrico, con tutti i
questo trattamento si mette in problemi che possono nascere. 3 La manovra che comune-
relazione l’osso occipitale con il Questo al netto di esigenze par- mente viene definita “scroc-
sacro e si riesce ad attivare e fa- ticolari, come un dolore legato a chiare” che cos’è?
vorire i meccanismi di rigene- un trauma come per esempio il «Il thrust è una manovra per
razione lavorando su una com- polso e la spalla di Pozzovivo svincolare un’articolazione che
ponente del sistema neurovege- che è caduto. In genere una se- ha subito un’iper-compattazio-
tativo che è quella parasimpati- duta dura dai 30’ all’ora». ne. Cioè quando l’articolazione
ca. Poi a volte ci occupiamo si muove con fatica. La manovra
delle componenti vascolari la- 3 Il clima delle prime tappe varia a seconda del trauma e
vorando sulla zona addomina- può avere influenzato la dell’articolazione interessata. Il
le: un’azione di drenaggio linfa- biomeccanica dei corridori? rumore tipico che si sente, il
tico-venoso che coadiuva quel- «Sicuramente dal punto di vi- “clac” è quello dello scollamen-
la del massaggiatore». sta muscolo-fasciale. I massag- to».
giatori hanno avuto molto lavo- © RIPRODUZIONE RISERVATA

3 Al Giro l’intervento del- ro da fare. Però vento e pioggia,


l’osteopata è pre-gara o post-
gara?
soprattutto per i corridori più
freddolosi, sono stati un proble- s TEMPO DI LETTURA 2’18”
42 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Giro E

News
L E M A G L I E

A L’Aquila
festa di Filutás MILANO-CORTINA 2026

e della Epowers Il «traguardo olimpico»


● (l.d.c.) Dopo 99 chilometri, se lo aggiudica il kazako Zeits
la tappa numero 6 del Giro E,
da Chieti a L’Aquila, offriva ● A sinistra il logo di Milano
un arrivo per finisseur che Cortina 2026: in onore alla
ha esaltato il capitano della candidatura per i Giochi
Epowers Factory Team, il olimpici invernali è stato
22enne Viktor Filutás. La istituito al Giro d’Italia un
squadra è tornata così in traguardo speciale per chi
possesso della maglia rossa passa primo ai -26 km
(sprint) e di quella viola per dall’arrivo. Ad aggiudicarselo
la classifica generale. ieri è stato il kazako Andrey
Kilocal-Selle SMP mantiene Zeits (Astana). Giovedì si era
la maglia verde per il team imposto Fausto Masnada
più giovane e De Rosa quella (Androni Giocattoli-
arancio per la regolarità. Sidermec), primo anche a
In corsa Il team Pinarello che usa le Nytro sulle strade del Giro E: portacolori di un marchio storico LAPRESSE San Giovanni Rotondo.

Pinarello e la bici elettrica


IL PARTNER

Distanza di sicurezza
I suggerimenti dell’Aci

«Meno fiato, più batteria»


L’idea per gli amici, la Nytro, un mercato in espansione
«Scommessa vinta: faremo anche una versione gravel»
di Luca Delli Carri - L’AQUILA

M
entre il Giro E scala trambi i casi sono riuscito ad
le Svolte di Popoli in arrivare in fondo con la stessa
uno scenario moz- batteria. Sono stato il miglior
zafiato per panora- testimonial della bici. Ogni an-
ma e pubblico e ap- no ne produciamo 1.500. È il La tessera Il presidente di Aci Chieti, Camillo Tatozzi, premia Masnada
proda a L’Aquila, l’uomo che dieci per cento della nostra
con la Nytro ha cambiato la no- produzione ma non ci fermere- ● «Mantieni una distanza sorpasso di un ciclista: una
stra percezione nei confronti mo qui». adeguata dai ciclisti, misura condivisa da Aci, a
delle bici a pedalata assistita è soprattutto durante le fasi di patto che le condizioni e le
all’altro capo del telefono e 3 Cioè? sorpasso»: è il monito di Aci caratteristiche delle
spiega che «sì, è stata l’idea «Faremo una versione gravel agli automobilisti, ribadito infrastrutture non
giusta al momento giusto». Lui della Nytro, con manubrio da nel decalogo #rispettiamoci, pregiudichino la sicurezza
è Fausto Pinarello, il creatore di corsa e gomme da 32 o 38, per distribuito al Giro. Tra le degli altri utenti. Prima
icone come la Dogma e di pro- pedalare non solo su asfalto ma modifiche al Codice della ancora che dalla legge, i
getti visionari quali la Bolide di anche su sterrato. Pensiamo ai Strada al vaglio del comportamenti su strada
Bradley Wiggins. E ispiratore colli toscani, al Piave, al Sella Parlamento, c’è l’istituzione devono essere dettati dalla
della e-road Nytro, che ha dato Ronda. Solo uno su dieci che di una distanza minima di 1,5 consapevolezza e dal
il la a un movimento oggi in Tecnologia Fausto Pinarello (a sinistra) e l’ingegnere Michele Botteon BOZZANI sceglie la mtb fa il fuoristrada metri per i veicoli in fase di rispetto.
fortissima espansione. duro, gli altri la usano per pas-
sono rimasti a bocca aperta: co batteria sono tre chili in me- seggiare. Per tante cose basta
3 Come le è venuta l’idea? finalmente una e-bike bella no. È quasi come avere una bici una gravel».
«Nel mio team c’era qualche come le bici da corsa di alta muscolare». L’uso del casco protettivo è
socio, non più giovanotto, che gamma. 3 Una bici quasi totale. obbligatorio?
voleva uscire con noi ma im- «È nel nostro DNA. Da subito 3 Chi è il cliente Nytro? «E con un paio di ruote in più, Il Codice della Strada
mancabilmente doveva tornare sapevamo di dovere creare una «Io. L’anno scorso sono caduto, da corsa, pneumatici da 28, ti prescrive l’obbligo del casco
a casa da solo. Si staccava nelle bici da corsa vera: telaio full mi sono fracassato un femore. fai un giro sull’asfalto con il fe- Polstrada risponde protettivo omologato solo per i
salite e perdeva il gruppo. È carbon, stesse geometrie di Ma sono un ciclista praticante, eling di una Dogma». Non è obbligatorio conducenti e i passeggeri di
pieno di ragazzi di sessant’an- tutti i nostri telai racing, forcel- volevo tornare in bici al più ciclomotori e motoveicoli.
ni, che non hanno tempo o la doppia curva, carro con la presto. L’ortopedico mi ha con- 3 Quando la presenterete? Ma il casco Tuttavia è opportuno
possibilità di allenarsi come onda che smorza le asperità». sigliato la piscina abbinata alla «Non so se posso svelarlo… ma è meglio indossarlo utilizzarlo in bici a tutela della
prima. Era un peccato non ar- cylette. Io la cyclette non la sì, in occasione della tappa 19, propria incolumità e sicurezza,
rivare tutti assieme in cima alla 3 Perché avete scelto il motore userò mai! Ho cominciato con quando il Giro d’Italia partirà ● La Polizia Stradale scorta il per evitare che un incidente
salita. Adesso salgono e ritor- Fazua? la Nytro, e con la Nytro ho fatto da Treviso». Giro dal 1946 e ogni giorno banale, come una semplice
nano a casa con noi». «È una soluzione molto per- la Maratona delle Dolomiti, il © RIPRODUZIONE RISERVATA attraverso la Gazzetta caduta, abbia esiti gravissimi.
formante e consente di smon- percorso corto, ma pur sempre propone una «pillola» per La scelta deve cadere su
3 Quando l’anno scorso è arri-
vata la Nytro, gli appassionati
tare la batteria. La doppia mo-
dalità è la sua forza: senza pac-
quattro passi dolomitici. Poi la
Granfondo Pinarello. In en- s TEMPO DI LETTURA 2’25” pedalare in sicurezza. prodotti di qualità e omologati.
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 43

Giro Goloso

Le eccellenze enogastronomiche di questa tappa

ILLUSTRAZIONE DI EMANUELE LAMEDICA

Il mare a tavola è uno spettacolo


La tradizione delle pescherie e il brodetto che unisce Abruzzo e Marche
di Andrea Grignaffini

A
guardarci bene, il fil va, trova le sue origini nella pita ondulatorio del mare anche fruttiferi scambi di sale istituiti
rouge tra le Marche e
l’Abruzzo è il bro-
turca benché qui, al posto dello
strutto, o del latte, sia utilizzato
nell’entroterra, le Marche set-
tentrionali sono famose per
Il nobile tartufo col comune di Cervia, per stu-
diare una tecnica di conserva-
detto di pesce, leit- l’olio extravergine di oliva loca- l’allevamento del suino au- di Sant’Angelo zione tanto consolidata quanto
motiv, anche croma-
tico, della tappa più lunga del
le. A questo proposito, impos-
sibile non citare quello di Car-
toctono di Frattula, dalla cui
macellazione si ricava l’omoni-
in Vado, questo particolare prosciutto,
affettato preferibilmente al col- Un Lacrima
Giro che, coi suoi 239 km, ne toceto dove, dal 2004, è stata mo salame, aromatizzato con incantevole tello e servito in abbinamento speciale
attraversa 140 di tratto costiero
per poi inerpicarsi, con le pri-
istituita una DOP dedicata. pepe e vino rosso, umettato
con aglio e timo selvatico. Si-
borgo medievale alle albicocche di collina. Sem-
pre in tema di prelibatezze, si
e le uve
me ondulazioni e i primi «mu- Le carni milmente accade col Prosciutto segnala in ottobre la stagione di Bianchello
ri», fino all’arrivo, sul Monte di Quanto alle carni, trattandosi di Carpegna DOP, prodotto nel del nobile tartufo di Sant’An-
Gabicce. Chiaramente, non po- di colline dolci e assai prossi- comune omonimo dove, già dal gelo in Vado, incantevole borgo ● Lacrima di ● Brecce
tevamo prescindere dal pesce, me, tali da ricordare il moto 1463, si era soliti servirsi dei medievale. Quanto alle tavole Morro d’Alba di Tufo di
perché in tutto il litorale mar- dove saggiare di questo incon- Superiore Conventino
Passione di Monteciccardo
chigiano, fino a Pesaro, sussiste tro tra mare e collina, a pochi Mezzanotte: è un vino da uve
una grande tradizione di pesca metri dalla celebre scultura a una bellissima di Bianchello:
di prossimità ancora perpetua- sfera di Pomodoro, c’è il No- versione di profumi
ta dalle famiglie della zona che strano di Stefano Ciotti, luogo Lacrima, croccanti di
si tramandano il mestiere: gli di un’avanguardia intelligente con accenti frutta selvatica
uomini in mare, le donne al- Casa Rossini a Pesaro affacciata, come quasi tutto, da vegetali e fiori di campo
l’asta e, dopo l’asta, al banco
della pescheria di famiglia. Ma
una sosta irrinunciabile queste parti, sul mare. Così fa
anche Lo Scudiero, benché dai
non si tratta di solo mare, per- suggestivi sotterranei di un pa-
ché in queste terre sopravvive ● Impossibile passare da Pesaro senza lazzo cinquecentesco, di cui si
la tradizione, mutuata dall’an- fermarsi a trovare Gioachino Rossini: la casa segnala anche la lodevole can-
tica commistione col popolo dove nacque il grande compositore, in un tina. Per chi preferisse, invece,
bizantino, degli impasti poco palazzo realizzato tra il XV e il XVIII secolo, è multimediali, spartiti digitalizzati, postazioni un approccio più informale, la
lievitati com’è quello della cre- un museo dal 1892. La sosta è irrinunciabile dove ascoltare registrazioni di documenti e pizzeria Farina consente di
scia maceratese. Questo pane, per approfondire le sue vicende biografiche e lettere. Ma la sezione più intrigante resta la spaziare tra pizze veraci napo-
benché tipico anche dell’anco- artistiche, curiosare tra i cimeli, appartenuti collezione di ritratti: quelli ufficiali, quelli a letane e gourmet, con disinvol-
netano, si trova soprattutto nei soprattutto al grande collezionista rossiniano stampa e una serie di caricature, tra cui una tura e gusto.
comuni di Filottrano, Cingoli e Alphonse Hubert Martel, e magari acquistare statuetta dello scultore francese Jean-Pierre © RIPRODUZIONE RISERVATA

Apiro. Si tratta di una prassi un souvenir allo store. Casa Rossini si è Dantan. Info www.pesaromusei.it
che incontrerà molteplici nomi
e varianti ma che, come si dice-
arricchita negli anni e oggi ospita strumenti Pietro Cozzi
s TEMPO DI LETTURA 2’10”
44 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 45

Speciale Ciclismo/DOMANI LA 49 a
GRANFONDO

Corridori da 53 nazioni: diretta su RaiSport dalle 9


La planimetria Cesenatico
17 Canada 5 Russia

km 0
A14
42 Stati Uniti 2 Turchia km
1 Cina CESENA 205
1 Tunisia 1

Polenta
1 India 1 Taiwan km 37
1 Nicaragua 1 Israele
1 Sri
Lanka 2 Thailandia
2 Colombia Monte Tiffi
1 Filippine km 112
Ciola
3 Panama Gorolo
km 78
13 Norvegia Barbotto 9 km 176
57 Svezia 1 Singapore 2
km 91
6 Danimarca
1 Rep. Ceca
3
27 Olanda 5 Finlandia Passo
1 Perù 5 Brasile Pieve
195 Gran Bretagna 5 8 delle Siepi
7 Polonia di Rivoschio 4 km 156
1 Lituania km 65
1304 337 12 Irlanda
Stranieri Germania 3 Slovacchia
90 Belgio Perticara 6
2 Cile 1 Bielorussia 6 Australia Monte
km 121 Pugliano
108 Austria
337 Germania 7 km 141
2 Ucraina
3 Argentina 1 Liechtenstein 2 Moldavia
21 Francia 6 Romania
L’altimetria
12.000 4 Spagna 4 Ungheria
CESENATICO
3m
CESENATICO
3m
PARTENTI 1 Macedonia 1 2 3 4 5 6 7 8 9
1 Portogallo 1 Grecia
270 Svizzera 3 Croazia
17 San Marino 3 Slovenia

817 10.696 3 Nuova


Donne Italiani 2 Sudafrica 10.696 ITALIA Zelanda
Le nove salite km 37 65 78 91 112 121 141 156 176 205

1 Polenta 2 Pieve di Rivoschio 3 Ciola 4 Barbotto 5 Monte Tiffi 6 Perticara 7 Monte Pugliano 8 Passo delle Siepi 9 Gorolo
Km 8 Km 8 Km 6 Km 5,5 Km 3 Km 9 Km 9 Km 4 Km 4
dislivello 227 m dislivello 307 m dislivello 313 m dislivello 372 m dislivello 164 m dislivello 368 m dislivello 511 m dislivello 214 m dislivello 274 m
Pendenza 3-13% 4,7-9% 5,5-11% 6,9-18% 5,8-16% 4,1-12% 5,6-12% 5,8-7% 6-17%
GDS

La Nove Colli si fa verde per l’ambiente


«Be Green» è lo slogan: squalificato chi sporca, ci sono anche telecamere nascoste
di Luca Gialanella

H
a aperto l’era delle
L’INIZIATIVA I L P R O G R A M M A
Granfondo e del ci-
cloturismo, adesso la
missione è educare
chi va in bicicletta. Un fumetto In 12.000 al via
Domani alle 6, sulle rive del per celebrare
porto Canale di Cesenatico di-
la classica a Cesenatico
segnato da Leonardo da Vinci
(siamo nell’anno del cinque- Riecco le e-bike
centenario della morte del ge- ● Rendere ancora più popolare una
manifestazione che fa delle radici e
nio del Rinascimento), dodici- della tradizione un «must». E allora
mila cicloamatori vedranno il che cosa meglio di un fumetto per
sorgere del sole al via della 49a trasformare la Nove Colli in una
Nove Colli, la Regina delle storia di passione per il ciclismo e la
Granfondo. Prima edizione bicicletta? Da qui nasce «Nove Colli
1971: da allora è cambiato il mo- Comics», un progetto che attraverso
il tratteggio racconta le origini e i
do di andare in bici. Lo slogan è personaggi della Granfondo più antica
«Be Green», essere verdi, so- del mondo. Il concept e le immagini
stenibili. Anche il Giro d’Italia sono a cura dei fumettisti Brian
corre verde, «Ride Green», Freschi ed Elena Triolo. Ogni anno, un
perché ormai non si può pensa- episodio. Il primo, dal titolo «Arrigo
re di pedalare e dimenticare Vanzolini e la prima Nove Colli», è
stato pubblicato su «Il Cicloturista»,
quello che sta attorno. Gli orga- il magazine ufficiale della
nizzatori della storica società manifestazione che viene distribuito a
Fausto Coppi di Cesenatico, tutti i partecipanti: racconta la prima Solidarietà La maglia «Nove Colli for children»
presieduta da Alessandro Spa- edizione, quella del 1971. «Volevamo
da, chiedono allora ai parteci- Spettacolo non potrà iscriversi all’edizione scelta di eliminare, dove si può, fare una cosa divertente anche per ● Si corre domani a Cesenatico la 49a Nove
panti un passo avanti. «Il cicli- La suggestiva 2020. Ci saranno dieci guardie tutta la plastica possibile: il Pa- tutti i nostri bambini – spiega Colli, la Granfondo più antica al mondo. Due
Alessandro Spada, presidente della
sta deve essere ambientalista – partenza ecologiche volontarie (Gev) che sta Party finale avrà materiale Fausto Coppi di Cesenatico che
percorsi: il medio di 130 km (tempo massimo
spiega Spada –. Se tutti noi della Nove Colli segnaleranno chi si comporta compostabile, dai piatti alle sto- organizza la Granfondo –. L’idea è 7h30’) e il classico 205 km (max 12 ore) con
amiamo la bicicletta perché a Cesenatico: male, così come i nostri volon- viglie. E l’altro gioiello è la «No- venuta ad Andrea Agostini: il fumetto nove salite. Il via alle 6 dal porto Canale, arrivo
non inquina, dà benefici al cor- è la Granfondo tari. Spero che chi va in bici ca- ve Colli for children», in colla- è una forma di comunicazione davanti all’ex colonia Agip in viale Carducci.
po e alla mente, perché dobbia- più antica pisca: io vedo sempre troppo borazione con l’Istituto oncolo- trasversale che celebra e fissa il Con 12 mila partenti, ha un impatto economico
mo vedere che tanti buttano BETTINI sporco durante gli eventi, e da gico romagnolo (Ior) di Rimini, successo di un evento». sul territorio tra 13 e 21 milioni di euro.
cartacce, involucri di plastica e appassionato e cicloamatore per i bambini del reparto di On- Dopo l’esperimento del 2018, ecco la Nove Colli
borracce per terra? Dà fastidio e non mi piace». Spada racconta coematologia pediatrica. C’è il e-bike, percorso dedicato di 96 km con
provoca la reazione dei cittadi- un episodio: <L’anno scorso ero Dream Team con il c.t. Cassani, tre colli: si possono cambiare le batterie.
ni, indignati per quello che tro- sul podio con le prime tre don- Pozzato, Lelli, Purito Rodri- Al via una trentina di ciclisti, tra cui il
vano. E io quanto loro». ne. Avevano un rigonfiamento guez, Paolini, Rocco Cattaneo presidente della Federciclismo, Renato
sotto il lembo del pantaloncino (presidente Uec), il fondista Di Rocco, e il prefetto Roberto Sgalla,
Pulizia e chiesi che cosa fosse. “Sono gli Zorzi, Marta Bastianelli ed Edita presidente della commissione Fci su
La Nove Colli Be Green è una involucri delle barrette, noi ce li Pucinskaite che dovranno co- sicurezza e giudici di gara.
macchina complessa, con 1.400 portiatro sempre e li buttiamo prire almeno in quattro i 130 km
volontari. «Puliamo noi i ristori nei cestini”. Ecco, il comporta- del medio sotto le quattro ore. I Oggi Ore 12: Nove Colli Running dal porto
e le zone vicine, da quattro anni mento è questo». diecimila euro degli organizza- Canale di Cesenatico. Ore 15.30: Mini Nove Colli
c’è un’azienda privata che puli- tori verranno così raddoppiati Sportful (km 6,4), pedalata ecologica per
sce la strada e i dossi. Adesso la Via la plastica dall’azienda Sportful, per ren- bambini dai 7 ai 14 anni all’ex colonia Agip.
novità: mettiamo una decina di I ristori per il rifornimento sono dere meno dura la vita di chi Apertura Spazio gioco bimbi con gonfiabili.
telecamere di videosorveglian- nove, con zone specifiche per soffre e aiutare la ricerca. Ore 18: Randonnée Nove Colli by Night, pedalata
za, in luoghi a sorpresa, e finita buttare i rifiuti, e poi, sparse sul © RIPRODUZIONE RISERVATA notturna sul percorso della Granfondo.
la gara vedremo le immagini: percorso, ecco le Ecozone, aree Domani Ore 6 partenza Nove Colli. Diretta tv
chi butterà a terra cartacce o
borracce, sarà squalificato e
lunghe una decina di metri. La
Nove Colli Be Green è anche la s TEMPO DI LETTURA 2’23” su RaiSport dalle 9 alle 12.15.
46 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

L’altraCopertina
BASKET: PLAYOFF SERIE A

Oggi, ore 19: gara-1 Milano-Avellino

Play
«Milano, niente scuse
Avellino è Sykes-Green» Occhio a Filloy,
ai lunghi della
Sidigas e al loro
Aradori: «L’Olimpia ha i giocatori per fare fronte fattore campo
alle assenze. E si giocherà il titolo con Venezia»

M
ilano favorita, ma trezzata. La panchina è molto quando la tensione cresce.
senza James, Nedo- lunga e può schierare tanti Green, Young e Udanoh forma-
vic e Gudaitis, trova quintetti sempre competitivi. no un’ottima batteria di lun-
Avellino (tutti i Peraltro è tutto l’anno che gio- ghi. Infine la Sidigas può con-
quarti su Eurosport ca ogni due giorni partite della tare anche sul fattore campo.
2), entrata nelle magnifiche 8 stessa intensità di una gara Giocare da loro, se il pubblico
all’ultimo respiro. Una sfida playoff. È vero, sconta delle as- si fa coinvolgere, non è facile».
inedita ai playoff con due tec- senze, ma i giocatori per sosti-
nici agli antipodi. Pianigiani è tuire gli infortunati non man- La sfida chiave
il coach con più gare di post- cano, non ci sono scusanti. Bi- «Quella tra i numeri 4: Brooks
season vinte (69 su 78). Il tec- sogna saperli sfruttare così co- contro Green. Quest’ultimo è
nico di Milano non ha mai per- me chi viene chiamato in causa fondamentale per Avellino:
so una serie di playoff in 7 sta- ha il dovere di farsi trovare riuscire a limitarlo darebbe a
gioni. Maffezzoli invece è al- pronto ma, conoscendoli, pen- Milano un grande vantaggio». Virtussino Pietro Aradori, 30
l’esordio. Ecco come Pietro so che non ci siano problemi. anni, 149 presenze in Nazionale CIAM
Aradori, ala della Virtus e del- Avellino invece è molto cam- Il pronostico di Pietro
l’Italia, vede la serie. biata rispetto ad inizio stagio- «Milano-Avellino 3-1. La fina- Play e pivot: da sinistra:
ne, ma può sfruttare l’impre- le è Milano-Venezia perché so- Travis Diener, 37 anni,
Si vince se... vedibilità di un giocatore come no le più forti. Vince l’Olimpia regista di Cremona , contro
«Milano per forza, qualità e Sykes e l’esperienza del mio 4-3». Kaleb Tarczewski, 26, centro
profondità, è la squadra più at- amico Filloy, uno che si esalta © RIPRODUZIONE RISERVATA di Milano LAPRESSE

Oggi, ore 20.45: gara-1 Sassari-Brindisi

«Sassari top con il Poz


Brindisi, che qualità» Cooley e Brown,
due lunghi molto
diversi tra loro
Luca Vitali: «Squadre in fiducia, Dinamo vincente ma fondamentali
ma di poco. In finale l’Olimpia batte Cremona»

I
l quarto più equili- cida follia di Pozzecco e uno bene e, col passare del tempo,
brato, come da tradi- stato di fiducia consolidato e ha preso coscienza dei propri
zione, quello tra la dovuto alla lunga serie di vitto- mezzi».
quarta e la quinta. E rie. Il Poz ha portato gerarchie
stavolta promette chiare in cui ognuno ha consa- La sfida chiave
anche spettacolo. Sassari viene pevolezza del proprio ruolo. «Cooley e Brown incarnano
da nove vittorie di fila, Brindisi Pur accorciando un po’ le rota- due tipologie di lungo differen-
sbarca nei playoff dopo una zioni non ha lasciato nessuno ti ma ugualmente determinan-
stagione da protagonista con la per strada. Tutti sono impor- ti. Il primo è più classico e deve
finale di Coppa Italia. Per la tanti e tutti possono incidere. essere servito, l’altro è mobile e
post-season ha inserito anche Insomma è una squadra in atipico. Come giocatore chiave
il play guardia Phil Green, 26 grande fiducia, ma lo stesso di- ci metto anche Moraschini, l’ho
anni, ex Verona e Tortona. Vi- scorso vale per Brindisi. Anche visto crescere e se continua co-
tucci è al quinto playoff di Serie loro viaggiano sull’onda del- sì può spostare gli equilibri». Veterano Luca Vitali, 33, gioca a
A, Pozzecco è all’esordio. Luca l’entusiasmo ma con un per- Brescia: 133 volte in Nazionale CIAMILLO
Vitali, play di Brescia e decano corso diverso. L’Happy Casa è Il pronostico di Luca
della Nazionale, la vede così. partita col piede giusto già a «Sassari-Brindisi 3-2. Finale
settembre, scegliendo bene in scudetto Milano-Cremona.
Si vince se... sede di mercato, per poi cre- Vince l’Olimpia 4-2».
«Sassari può contare sulla lu- scere durante la stagione. Gioca © RIPRODUZIONE RISERVATA
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 47

Da oggi le magnifiche 8 cominciano la scalata allo scudetto. Quarti e IL TABELLONE 1


QUARTI
Milano -
SEMIFINALE FINALE
-
SEMIFINALE QUARTI
- Cremona 2
semifinali al meglio delle 5 gare. La finale, al meglio delle 7 partite, In diretta su Eurosport 2
8 Avellino - - - Trieste 7

comincerà il 10 giugno. Abbiamo chiesto a quattro azzurri fuori dai Oggi e domani al via i quarti di finale, - - - -
- - - -
giochi un parere sulle sfide dei quarti di finale e ci hanno detto che... al meglio delle cinque partite
(formula 2-2-1), con le eventuali 4 Sassari - - Venezia 3
Testi di Vincenzo Di Schiavi gare-7 il 26 e 27 maggio 5 Brindisi - - Trento 6

Domani, ore 18.15: gara-1 Cremona-Trieste

ff
«Cremona senza difetti
Trieste in casa fa paura» Non vedo stelle
assolute, ma tanti

via!
giocatori che
Brian Sacchetti: «Milano-Venezia sarà la sfida possono decidere
per il tricolore. Lo dico per non gufare papà...»

C
remona, la grande nella Final Eight di Firenze conta e non poco. Sfida più
sorpresa del cam- aperta di quanto non dica la
pionato, dopo la sto- Si vince se... classifica».
rica Coppa Italia cer- «Due squadre che hanno il
ca la prima semifi- pregio comune di avere l’intero La sfida chiave
nale di sempre. Trieste riporta roster in grado di essere prota- «La forza di entrambe sta nel
una neopromossa ai playoff gonista. Magari non ci sono playmaking e negli esterni,
cinque anni dopo Trento. I grandissimi fenomeni, ma tan- quindi penso che gli incroci tra
precedenti, in stagione regola- ti giocatori in grado di fare la i lunghi possano spostare gli
re, dicono 1-1. Il commento differenza. Faccio fatica, in equilibri. Mathiang contro
della serie spetta a Brian Sac- questo momento, a trovare un Mosley o Knox, ma pure la sfi-
chetti, altro azzurro di Brescia difetto a Cremona. Ha fatto un da tra Aldridge e Peric, due ali-
e figlio del c.t. Meo, coach di campionato di altissimo livel- pivot molto diverse».
Cremona (per lui 50 gare di lo, dimostrando di poter batte- Figlio d’arte Brian Sacchetti, 33,
playoff, mentre Dalmasson è re chiunque. Trieste ha avuto Il pronostico di Brian gioca a Brescia, 13 volte in Nazionale CIAM
all’esordio). Meo Sacchetti è qualche alto e basso in più, ma «Ragioni di cuore mi suggeri-
stato anche nominato allena- vedo un gruppo super solido scono Cremona-Trieste 3-2.
tore dell’anno; Drew Crawford che non ha nulla da perdere e Ma non vorrei gufare e quindi
ha vinto il titolo di mvp della in casa ha battuto squadre di per la finale scudetto dico Mi-
stagione dopo essersi aggiudi- alto livello con prestazioni ec- lano-Venezia 4-2».
cato lo stesso riconoscimento cezionali. Là il fattore campo © RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani, ore 20.45: gara-1 Venezia-Trento

«Venezia, che tiratori


ma Trento è speciale» Craft grande play
La Reyer ne ha tre
di livello. Una
Abass: «L’intensità della Dolomiti farà la differenza sfida che sposta
Lo scudetto se lo giocheranno Sassari e Cremona»

F
u la finale scudetto Awudu Abass, ala di Brescia e spuntarla. In passato lo hanno
di due anni fa con la protagonista delle qualifica- già fatto, arrivano sempre mol-
vittoria della Reyer zioni mondiali con l’Italia di to preparati ai playoff. Venezia
(4-2), mentre l’anno Sacchetti, inquadra la sfida. è più lunga, ma contro Trento
scorso l’Aquila si è essere in 12 non conta nulla se
vendicata prendendosi la se- Si vince se... non pareggi fisicamente e
mifinale (3-1). Venezia e Tren- «Ormai una classica dei mentalmente il loro modo di
to si ritrovano ancora una volta playoff. Il pregio principale di stare in campo».
nella volata tricolore. Sono 17 i Venezia è quello di essere una
precedenti tra i due allenatori, squadra di grandi tiratori da La sfida chiave
9 le vittorie di De Raffaele e 8 tre punti. Haynes, Bramos e «Difficile dirlo. Venezia ha tre
quelle di Buscaglia: il coach Daye su tutti. La Reyer spesso playmaker, Trento invece ha Ala Awudu Abass, 26 anni, gioca a
dell’Umana ha allenato 33 gare riesce, quando entra in ritmo Craft, uno dei migliori. Quella Brescia, 38 volte in azzurro CIAMILLO
di post season, mentre il tecni- offensivo, a ribaltare svantaggi può essere una sfida chiave».
co della Dolomiti 35. Ai playoff anche importanti. Trento inve-
si sono incontrati 10 volte. ce è aggressività, intensità e Il pronostico di «Abi»
Trento ha sempre partecipato una difesa che poche squadre «Venezia-Trento 2-3. Per la fi-
ai playoff da quando è stata riescono a replicare. Se doves- nale scudetto dico Cremona-
promossa in serie A nella sta- sero reggere questo copione Sassari e vince Cremona».
gione 2013-2014. Ecco come per tre partite potrebbero © RIPRODUZIONE RISERVATA

Final Four di Eurolega a Vitoria

Hackett vola in finale col Cska, Melli s’inchina all’Efes


Il play protagonista coi russi: Real peal sul Bosforo non può certo
competere con quello di Fener-
squadra padrona della stagione
regolare. Un derby diventato,
Madrid rimontato e k.o. Sorpresa nel bahçe, Galatasaray e Besiktas, col passare dei minuti, incubo
derby di Istanbul: crolla il Fener di vanno oltre l’impronosticabile.
Una poderosa campagna acqui-
per la banda Obradovic, priva di
Datome e Lauvergne, con un
Nicolò. Domani sfida per il titolo sti, la scorsa estate, diventata ri- Vesely convalescente e mai do-
voluzione vincente. Perché i minante. Di là Larkin, Micic (25
di Vincenzo Di Schiavi soldi aiutano ma non sono tut- punti) e Dunston (10 rimbalzi) li
to: bisogna anche saper sceglie- hanno fatti a fette. A Melli (9

L
asciata Siena nel di- ro. Poi la nascita della figlia e la re. E l’Efes non ha praticamente punti e 4 rimbalzi) non resta che
cembre 2013, lungo è chiamata dell’Armata Rossa, sbagliato nulla, a cominciare da riprovarci per la terza volta.
stato il periplo che ha una stagione in crescendo fino Shane Larkin che nei playoff è Sperando che, nel frattempo, il
portato Daniel Hac- alla notte di Vitoria, spesa da esploso: 19.5 punti di media Mondiale sciacqui l’amarezza
kett nella sua Itaca, la stopper un po’ su tutti e da Battesimo Daniel Hackett, 31 anni, play del Cska, alla prima finale AFP contro il Barcellona e spietato di una coppa stregata.
finale di Eurolega, il sogno di guardaspalle di Rodriguez e De sicario di un Fenerbahçe confu-
una carriera. La parentesi in- Colo (23 punti a testa). Son loro i ciare all’azzurro non ci pensa Peccato Nicolò so e smarrito. Ne ha messi 30 Semifinali: Efes-Fenerbahce 92-73;
Cska-Real Madrid 95-90. Finali: do-
tensamente confusa di Milano, fenomeni, certo, ma è DH il cu- proprio. Ed è un rimbalzo del S’inchina, invece, Nicolò Melli con 7 rimbalzi e 7 assist, il play mani, ore 17.30, 3° posto: Fenerbahce-
il biennio all’Olympiacos con stode del tempio, anche quando ragazzo di Forlimpopoli a 2 se- alla favola dell’Efes. Da ultimi in di Cincinnati guidando i suoi al- Real Madrid. Ore 20.30 1° posto: Efes-
una Final Four vissuta da spet- la corrida impazza nell’ultimo condi dalla fine a «matare» il classifica alla finale di Eurolega la gara perfetta. Quel che lascia Cska (Eurosport 2).
tatore (infortunio), l’anno al quarto. Cacho e Nando fan la Real Madrid e a spedire il Cska in poco più di dodici mesi. I ric- basiti infatti è il come: l’Efes, nel
Bamberga ai confini dell’impe- spola, mentre Itoudis a rinun- in finale. chi birrai di Istanbul, il cui ap- secondo tempo, ha dominato la © RIPRODUZIONE RISERVATA
48 SABATO 1 8 MAG G I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D E L LO SP O RT

Motomondiale/GP FRANCIA

La Yamaha vola,
Viñales e M1
dopo gara sta mostrando di ave-
re le qualità tecniche ma soprat-
tutto la testa giusta per diventa-
re grande tra i grandi. «Pressio- NUMERO

11
ne? Ma va’, piuttosto provo a

è la volta buona?
godermi questa prima volta
nella gara di casa con una Moto-
GP, l’affetto dei tifosi, la compe-
titività della moto» dice El Dia-
blo.

La Francia si scalda Vale male


La Yamaha che va forte, dopo le
prime due posizioni di Quarta-
Gli anni di digiuno Valentino
Rossi, 40 anni, non si impone sul
circuito Bugatti dal 2008, dopo di

per Quartararo
raro e Franco Morbidelli in qua- allora ha collezionato però cinque
lifica a Jerez e il 3° posto di Viña- secondi posti e due terzi
les in gara, è ancora quella nelle
mani del francese e dello spa-
gnolo mentre, ahilui, come già
due settimane fa a Jerez, il ve-

Maverick davanti a Marquez e al nuovo nerdì è ancora amaro per Valen-


tino Rossi, 14° e ultimo delle

idolo di casa. Vale per ora fuori dalla Q2! Yamaha, preceduto anche da
Morbidelli, 11° e per un millesi-
mo fuori dai 10 che, se oggi pio-
di Paolo Ianieri - INVIATO A LE MANS (FRANCIA) verà come da previsioni meteo,
sono direttamente promossi al-
la Q2. Si annuncia un altro sa-
bato di passione per Vale, obbli-
gato a giocarsi posizioni impor-
tanti in griglia per evitare l’en-
nesima gara di rincorsa con il
rischio di cedere altri punti pe-
santi in campionato. «Mi aspet-
tavo di andare più forte — am-
mette Rossi — invece già al mat-
tino ho sofferto in accelerazione
in uscita di curva, il pomeriggio
abbiamo provato a fare qualco-
sa di diverso che però non è an-
dato bene e così abbiamo lavo-
rato fino alla fine, riuscendo a
fare solo un giro veloce».

Trovare la quadra
A complicare le cose, al matti-
no, anche la rottura della catena
dopo 9 giri («Di solito non si
rompe, forse qualcuno ha sba-
gliato» dice sibillino), di sicuro
però già dai prossimi venerdì
servirà un cambio di passo,
considerando come con questo
regolamento e questo equilibrio
generale, il primo giorno di pro-
ve è diventato una sorta di mini
qualifica. «In Argentina e ad
Austin però ero stato io la mi-
glior Yamaha – reagisce Rossi —.
Ma è vero che devo trovare la
quadra, anche a Jerez ho fatto
fatica mentre le altre Yamaha
sono andate bene». In una
giornata che ha visto segni di ri-
In risalita Maverick Viñales, 24 anni, terzo nell’ultimo GP a Jerez alle spalle di Marc Marquez, 26, e Alex Rins, 23 AFP sveglio anche da parte di Jorge
Lorenzo, 4°, non ha brillato co-

M
anca solo lei al ban- ed ecco il tempone. Facilitato, me ci si sarebbe aspettati la Du-
chetto dei vincitori. va detto, da una M1 che quando cati, che piazza Andrea Dovi-
Dopo la festa in vola- non va in crisi di aderenza di- zioso e Danilo Petrucci in 5a e 6a M O T O G P L I B E R E 1 M O T O G P L I B E R E 2
ta Ducati in Qatar, venta una bicicletta. Chiedere posizione. «Ho guidato troppo
quella di rimonta per conferma a Fabio Quartara- aggressivo, dovrò provare a es- 1 QUARTARARO YAMAHA 1’31”986 1 VIÑALES YAMAHA 1'31"428
Suzuki negli Stati Uniti e la dop-
La catena di solito ro, il padrone di casa che tutti sere più dolce» spiega Dovi, MEDIA 163,7 KM/H MEDIA 164,7 KM/H
pietta di prepotenza Honda in non si rompe, aspettavano al varco dopo le mentre Petrucci ha pagato una 2 DOVIZIOSO DUCATI 1'32"113 2 M. MARQUEZ HONDA 1'31"618
Argentina e Spagna, domani sa-
rà il giorno della Yamaha di sali-
qualcuno forse ha meraviglie di Jerez - pilota più
giovane della storia a conqui-
scivolata innocua a inizio FP2
«che non ci ha permesso di fare
3 PETRUCCI DUCATI 1'32"193 3 QUARTARARO YAMAHA 1'31"713

re su quel gradino più alto del sbagliato stare una pole position e poi in le comparazioni previste. Ma
4
5
VIÑALES
M. MARQUEZ
YAMAHA
HONDA
1'32"203
1'32"233
4
5
LORENZO
DOVIZIOSO
HONDA
DUCATI
1'31"716
1'31"736
podio che manca dall’Australia, gara fregato dalla rottura della non siamo lontani. Ora, però, 6 P. ESPARGARO KTM 1'32"237 6 PETRUCCI DUCATI 1'31"899
7 gare fa? «Io so solo che qui mi leva del cambio -, che al matti- sarà fondamentale partire nelle 7 MILLER DUCATI 1'32"238 7 P. ESPARGARO KTM 1'31"923
è sembrato di tornare al 2017, no chiude davanti a tutti e poi a prime due file per puntare al 8 MIR SUZUKI 1'32"626 8 A.ESPARGARO APRILIA 1'32"132
quando a inizio stagione ero il fine giornata si gode un gran 3° podio». Soprattutto, bisognerà
9 ZARCO KTM 1'32"724 9 NAKAGAMI HONDA 1'32"203
padrone della M1, sceglievo le tempo dietro Marc Marquez. bloccare la fuga iniziale di Mar-
10 ROSSI YAMAHA 1'32"760 10 MORBIDELLI YAMAHA 1'32"239
linee, guidavo in modo naturale quez che sembra essere diven-
e fluido. Dalla FP4 di Jerez è tata una specialità della casa. 11 CRUTCHLOW HONDA 1'32"831 11 CRUTCHLOW HONDA 1'32"270
cambiato tutto, modificando L’idolo di casa «È che a volte devi sorprendere 12 MORBIDELLI YAMAHA 1'32"887 12 BAGNAIA DUCATI 1'32"285
radicalmente l’assetto ora freno Un anno fa tutta Le Mans si sgo- gli avversari con una strategia 13 BAGNAIA DUCATI 1'32"982 13 ROSSI YAMAHA 1'32"320
finalmente forte e riesco a gui- lava per Johann Zarco, ma ora diversa, così che non sappiano 14 LORENZO HONDA 1'33"091 14 MIR SUZUKI 1'32"322
dare la moto al 105%» spiega che l’ex iridato Moto2 lotta negli mai cosa farai» ride lo spagnolo 15 NAKAGAMI HONDA 1'33"123 15 RINS SUZUKI 1'32"385
l’uomo del giorno Maverick inferi della classifica con una della Honda. Che dall’Argenti- 16 A. ESPARGARO APRILIA 1'33"259 16 MILLER DUCATI 1'32"573
Viñales. Uno che quando è in Ktm che non riesce a dominare na è stato in testa in tutti i giri 17 RINS SUZUKI 1'33"357 17 ZARCO KTM 1'32"574
forma e soprattutto non è preda Deluso Valentino Rossi, 40 anni, (ieri 17° a 1”1, 6 decimi peggio che ha percorso e qui ha tutta 18 RABAT DUCATI 1'34"113 18 ABRAHAM DUCATI 1'32"999
di chissà quali fantasmi, è uno finora due volte 2° nel 2019 MILAGRO del compagno Pol Espargaro, 7° l’intenzione di riprovarci. 19 IANNONE APRILIA 1'34"135 19 IANNONE APRILIA 1'33"141
spettacolo da vedere guidare, e felice del nuovo forcellone in © RIPRODUZIONE RISERVATA
20 OLIVEIRA KTM 1'34"229 20 OLIVEIRA KTM 1'33"401
così pulito e preciso da sembra- carbonio), la gran parte dell’en-
s
21 ABRAHAM DUCATI 1'34"481 21 RABAT DUCATI 1'33"431
re quasi che stia andando piano, tusiasmo francese si è riversato TEMPO DI LETTURA 3’54”
poi però guardi il cronometro sul 20enne di Nizza, che gara 22 SYAHRIN KTM 1'35"479 22 SYAHRIN KTM 1'33"903
S A BATO 18 M AGG I O 2 0 1 9 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 49

, Rossi ancora no
P La reazione
olemiche, cadute, ri-
IL GUAIO LA GUIDA
sultati ben al di sotto
delle aspettative:
nulla mina la sua de-
Oggi la pole
di Lorenzo
terminazione, Jorge
dalle 14.10 Lorenzo ha l’incredibile capaci-
2 in diretta su Sky tà di risollevarsi sempre. «È
l’unico che può passare da 23o a

alle voci
primo in un turno di prove» di-
ce di lui Michele Pirro, il collau-
datore della Ducati che lo cono-
sce bene. È quello che è succes-

di ultimatum
so a Le Mans: 14o e in grande
difficoltà dopo essere anche ca-
duto nelle FP1; quarto e felice
dopo le FP2. «Non è stato facile
mantenere alte le motivazioni —
racconta Jorge — ma nel pome- Prima chiude 4o poi sul presunto
Domani a Le Mans (4.185 metri) si
riggio abbiamo trovato qualco-
sa che mi fa sentire più a mio
divorzio con Honda:«Citate
corre il GP di Francia, quinta tappa
(su 19) del motomondiale. Tutto il fine agio sulla moto». Quel qualco- le fonti, altrimenti vale tutto»
sa è la posizione in sella, fonda-
3
settimana è in diretta su Sky MotoGP,
con differita su Tv8 di qualifiche mentale per un precisino come di Giovanni Zamagni- LE MANS
(16.15) e gare: alle 11.45 Moto3; alle lui: dopo aver modificato in
13.05 Moto2; alle 14.45 la MotoGP. mille modi la seduta, come ave-
va fatto ai tempi della Ducati,
PROGRAMMA
Oggi qui Lorenzo è tornato alla con-
Libere 3: Moto3 8.55-9.45; MotoGP formazione standard della
9.50-10.45; Moto2 10.50-11.45; Libere Honda. «L’avantreno — spiega —
4: MotoGP 13.30-14; Qualifiche: è sensibile, non è il punto forte
Moto3 12.30-13.20; MotoGP 14.10- di questa moto: stiamo lavoran-
14.50; Moto2 15-15.50. do per migliorare la frenata e le
Domani
Gare: Moto3 alle 11 (22 giri per 92,1 sensazioni sono più che positi-
km); Moto2 alle 12.20 (25 giri per 104,6 ve: questa è una prestazione
km); MotoGP alle 14 (27 giri per 113 importante per me. Ma bisogna
km). confermarsi in gara». Poi Lo-
renzo attacca il giornalista dello
CLASSIFICHE spagnolo AS che aveva messo in

4
MotoGP
1. Marquez (Spa-Honda) 70; 2. Rins dubbio la sua permanenza in
(Spa-Suzuki) 69; 3. Dovizioso (Ita- Honda, al di là del contratto fi-
Ducati) 67; 4. Rossi (Ita-Yamaha) 61; no al 2020: lo fa con educazio-
5. Petrucci (Ita-Ducati) 41; 6. M. ne, ma con grande fermezza
Viñales (Spa-Yamaha) 30; 7. Miller («Non credo sia giusto pubbli-
(Aus-Ducati) 29; 8. Nakagami (Gia- care una notizia così senza fare Pluri iridato Jorge Lorenzo, 32 anni, 12o a Jerez e in Argentina AFP
Honda) 29; 9. Crutchlow (G.B.-Honda)
27; 10. MorbidellI (Ita-Yamaha) 25; 15.
il nome della fonte, altrimenti
Bagnaia (Ita-Ducati) 9; 20. Iannone si può dire qualsiasi cosa, anche paura. «Nelle FP1 non so come seconda dell’avversario che hai
(Ita-Aprilia) 6. che domani mi sposo o avrò un ho fatto a non cadere — ammet- di fronte. Ma solo dopo il warm
Moto2 figlio»). Non si scompone, si fa te —, mentre nelle FP2 i conti- up della domenica mattina de-
1. Baldassarri (Kalex) 75; 2. Luthi scivolare via qualsiasi attacco o nui movimenti della mia moto cidi che tattica adottare: scap-
(Kalex) 58; 3. Schrotter (Kalex) 48; 4. polemica: ci vuole carattere. erano dovuti all’utilizzo della pare subito non è la mia prefe-
Navarro (Spa-Speed Up) 44;
5. Gardner (Aus-Kalex) 38; 6. A.
dura posteriore: l’asfalto era rita, ma se ce la fai, prendi me-
Marquez (Spa-Kalex) 36; 7. Marini
Sempre lui troppo freddo, la gomma fati- no rischi» commenta i successi
(Ita-Kalex) 35; 8. Fernandez (Spa- Anche Marc Marquez è sempre cava a entrare in temperatura. in solitario. Marquez trasmette
Vale tradito Kalex) 27; 9. Bastianini (Ita-Kalex) 26;
10. B. Binder (S.Af-KTM) 25; 15.
uguale a se stesso: è ripetitivo
nell’essere sempre il pilota da
Ma ho voluto provarla, perché
se qui esce il sole, l’aria si scalda
sicurezza: uno così diventa
sempre più complicato da bat-
dalla catena Locatelli (Ita-Kalex) 16; 16. Pasini (Ita-
Kalex) 13; 17. Di Giannantonio (Ita-
Speed Up) 9; 18. CORSI (Ita-Kalex) 8
battere. Per la verità, nelle FP1
Maverick Viñales è stato forse
molto: è un’opzione da tenere
in considerazione».
tere. Specie a parità di moto.
«Credo che Lorenzo abbia fini-
1) Nella foto grande Valentino Rossi, 19. Bulega (Ita-Kalex) 7 complessivamente più efficace to il suo apprendistato con la
costretto a voltarsi dopo che al Moto3 di lui, ma Marquez ha comun- Sotto controllo Honda: gli manca un po’ di co-
nono giro delle libere del mattino 1. Canet (Ktm) 58; 2. Antonelli (Honda) que dimostrato di essere super Ecco, Marc dà sempre la sensa- stanza, ma la velocità c’è» dice
resta senza catena come