Sei sulla pagina 1di 93

Set Domande

STORIA DEL TEATRO ANTICO


LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo
Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 5
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 7
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 46
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 48

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:16:57 - 2/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 50


Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 52
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 54
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 55
Lezione 047 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 049 ............................................................................................................................. p. 58
Lezione 051 ............................................................................................................................. p. 59
Lezione 052 ............................................................................................................................. p. 60
Lezione 055 ............................................................................................................................. p. 61
Lezione 056 ............................................................................................................................. p. 62
Lezione 057 ............................................................................................................................. p. 64
Lezione 058 ............................................................................................................................. p. 65
Lezione 059 ............................................................................................................................. p. 66
Lezione 060 ............................................................................................................................. p. 67
Lezione 062 ............................................................................................................................. p. 69
Lezione 064 ............................................................................................................................. p. 70
Lezione 068 ............................................................................................................................. p. 71
Lezione 070 ............................................................................................................................. p. 72
Lezione 071 ............................................................................................................................. p. 73
Lezione 072 ............................................................................................................................. p. 74
Lezione 073 ............................................................................................................................. p. 75
Lezione 074 ............................................................................................................................. p. 77
Lezione 075 ............................................................................................................................. p. 78
Lezione 076 ............................................................................................................................. p. 79
Lezione 082 ............................................................................................................................. p. 80
Lezione 083 ............................................................................................................................. p. 82
Lezione 086 ............................................................................................................................. p. 83
Lezione 087 ............................................................................................................................. p. 85
Lezione 090 ............................................................................................................................. p. 87
Lezione 091 ............................................................................................................................. p. 88
Lezione 092 ............................................................................................................................. p. 89
Lezione 094 ............................................................................................................................. p. 90
Lezione 095 ............................................................................................................................. p. 91
Lezione 096 ............................................................................................................................. p. 92

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:16:57 - 3/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 002
01.   In linea teorica esistono fonti inutili per la ricerca teatrale antica?

 nessuna delle precedenti

 Dipende dalla fonte

 No

 Sì

02.   Un'immagine teatrale su un vaso è

 letteraria

 iconografica

 epigrafica

 nessuna delle precedenti

03.   Una fonte epigrafica è

 Un'immagine

 Un'iscrizione

 Un papiro

 nessuna delle precedenti

04.   Le fonti iconografiche sono

 Quelle per immagini conservate solo su vasi

 Quelle conservate su papiro

 Quelle conservate su epigrafe

 Le immagini conservate soprattutto su vasi

05.   Per fonte letteraria si intende

 Qualunque testo considerabile una fonte

 Qualunque testo papiraceo considerabile una fonte

 nessuna delle precedenti

 Qualunque testo poetico considerabile una fonte

06.   La tradizione indiretta riguarda

 testi che sono allusi in un altro

 testi che sono citati da un altro

 testi che si trovano solo su traduzione antica

 testi che hanno subito una soluzione di continuità fra l'originale e il più antico manoscritto superstite

07.   Quale caratteristica hanno le fonti iconografiche?

08.   Trattare le fonti epigrafiche

09.   Che cosa si intende per tradizione indiretta?

10.   Quali sono le principali fonti per lo studio del teatro antico?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:16:59 - 4/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 003
01.   La dimensione rituale appartiene al teatro greco

 Nel contesto festivo

 Sempre ed evidentemente

 nessuna delle precedenti

 Solo per la fase a noi ignota

02.   Quale fra questi può esser considerato il principale centro culturale di età ellenistica per la conservazione e lo studio dei testi greci in età ellenistica?

 Tebe

 Roma

 Gerusalemme

 Alessandria

03.   Le falloforie sono

 Considerabili all'orgine del dramma satiresco

 Considerabili all'orgine della tragedia

 nessuna delle precedenti

 Considerabili all'orgine della commedia

04.   Il primo agone tragico alle Grandi Dionisie fu istituito da

 Temistocle

 Pericle

 Pisistrato

 Tespi

05.   Il festival lenaico ospitò tragedie e commedie a partire dal

 440 a.C.

 449 a.C.

 442 a.C.

 486 a.C.

06.   A quale periodo convenzionalmente si attribuisce il nome di Ellenismo?

 Dal 31 a.C. al 476 d.C.

 Dal 479 a.C. al 323 a.C.

 Dal 404 a.C. al 323 a.C.

 Dal 323 a.C. al 31 a.C.

07.   Nel mese di Gamelione si tenevano le feste

 Lenee

 Dionisie rurali

 Antesterie

 Grandi Dionisie

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:01 - 5/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   La sfera cultuale si rivela

 Non si conosce un aspetto rituale preciso

 nessuna delle precedenti

 Nella presenza dell'altare nel teatro

 Nel suovetaurile

09.   Lo spazio extrascenico riguarda

 Lo spazio occupato dagli attori

 Lo spazio che sta dietro la scena

 Lo spazio dell'orchestra

 Lo spazio che non sta sulla scena e neppure dietro a essa

10.   Si può dire che la dimensione rituale è di per sé spettacolare?

 Sì, perché implica la visione

 No perchè è trascendente

 nessuna delle precedenti

 Dipende dalle occasioni

11.   Cosa sono le Grandi Dionisie?

12.   Delineare cosa si intende nel teatro, specialmente in quello greco, con la definizione "spazio extrascenico".

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:01 - 6/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 004
01.   Che testo antico già testimonia la pianta centrale per gli spettacoli?

 La Poetica di Aristotele

 I parteni di Alcmane

 L'Iliade e l'Odissea

 nessuna delle precedenti

02.   Cos'è l'orchestra?

 Lo spazio del coro

 Lo spazio dei suonatori di aulo

 nessuna delle precedenti

 Lo spazio del pubblico

03.   Che cos'è la skené?

 Il fondale

 Lo spazio degli attori

 Lo spazio del pubblico

 nessuna delle precedenti

04.   Perché la dimensione circolaredel teatro è politica? Perché la dimensione circolare del teatro è politica?

 Perché implica un cionvolgimento fisico del pubblico

 nessuna delle precedenti

 Perché replica quella del coro più antico

 Perché è una dimensione che richiama il ditirambo

05.   Dove sedeva il pubblico?

 Presso gli esodi

 Nella cavea

 Nell'orchestra

 Nell'anfiteatro

06.   Cosa si intende per orchestra?

 Il gruppo di auleti e citaristi che accompagnava la messinscena

 Lo spazio occupato dal coro

 Lo spazio occupato dagli attori

 Lo spazio occupato dal pubblico

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:03 - 7/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 005
01.   Come si evoca lo spazio invisibile?

 Con la musica

 Coi fondali dipinti

 Con la parola

 nessuna delle precedenti

02.   Nell'esempio tratto dall'Edipo a Colono si evoca lo spazio

 Extrascenico

 Scenico

 nessuna delle precedenti

 Retroscenico

03.   Esiste uno spazio sopraelevato nel teatro greco?

 No, fino a quando la scena non fu elevata sopra al livello dell'orchestra

 Si tratta del theologeion e dei voli attraverso la macchina

 No, mai

 Solo nelle tragedie di Euripide che impiegò la macchina del volo

04.   Nell'esempio tratto dall'Agamennone si evoca lo spazio

 nessuna delle precedenti

 Extrascenico

 Retroscenico

 Scenico

05.   Cos'è lo spazio extrasccenico?

 E' lo spazio interiore del personaggio

 E' lo spazio evocato e anche molto lontano

 E' lo spazio retrostante la scena

 nessuna delle precedenti

06.   Come si delinea e in che misura, lo spazio extrascenico nell'Edipo a Colono?

07.   Che ruolo ha Cassandra nell'Agamennone in relazione allo spazio?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:04 - 8/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 006
01.   Da quanti elementi era originariamente formato il coro tragico?

 nessuna delle precedenti

 Da 24 persone

 Da 15 persone

 Da 12 persone

02.   Quale tragediografo ha ancora il numero originario di coreuti?

 Eschilo

 nessuna delle precedenti

 Sofocle

 Euripide

03.   Cos'è un embolimon?

 Il canto di entrata del coro

 nessuna delle precedenti

 Il canto di uscita

 Un intermezzo corale

04.   Di che genere erano gli uomin nel teatro greco?

 Uomini

 Di entrambi i sessi

 Donne

 nessuna delle precedenti

05.   Cos'era il coro?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:04 - 9/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 007
01.   Il pubblico era un parte attiva dello spettacolo?

 Solo nella rappresentazione della commedia

 nessuna delle precedenti

 No

 Sì

02.   In quale commedia di Aristofane si assiste a una compiuta riflessione in scena sulla degenerazione della danza?

 Gli Uccelli

 Lisistrata

 nessuna delle precedenti

 Le Rane

03.   Si può parlare di un fruitore modello?

 nessuna delle precedenti

 Dipende dal genere teatrale

 No perché le competenze del pubblico rendono disomogeneo il pubblico

 Sì perché essite lo spettaore modello nella mente del drammaturgo

04.   La sicinnide è la danza della

 Tragedia

 nessuna delle precedenti

 Commedia

 Opera satiresca

05.   Il cordace è la danza della

 Tragedia

 Opera satiresca

 nessuna delle precedenti

 Commedia

06.   L'emmeleia è la danza della

 nessuna delle precedenti

 Opera satiresca

 Tragedia

 Commedia

07.   A teatro gli schiavi erano presenti fra il pubblico

 No e se ne ha la certezza documentaria

 nessuna delle precedenti

 Sì e se ne ha la certezza documentaria

 Forse sì, ma non se ne ha la certezza documentaria

08.   Descrivere l'elemento originario corale nel teatro greco

09.   Quale dibattito investe le donne e il pubblico ad Atene, e su che basi documentarie si delinea?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:05 - 10/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

10.   come si compone il pubblico del teatro ad Atene?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:05 - 11/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 008
01.   Che fonti si utilizzano per ricostruire il testo spettacolare antico?

 nessuna delle precedenti

 Tutte quelle a disposizione

 Le fonti icongrafiche

 Il testo verbale conservato

02.   Che cos'è un testo spettacolare?

 E' il testo che sul piano semiotico coinvolge la parola

 E' il testo che sul piano semiotico coinvolge tutti i codici comunicativi impiegati nella performance

 E' il testo che sul piano semiotico coinvolge la vista

 nessuna delle precedenti

03.   Che cos'è la parola scenica?

 nessuna delle precedenti

 E' la parola impiegata dagli attori

 E' la parola che serve a evocare fatti non accaduti in scena

 E' la capacità della parola teatrale di far materializzare agli occhi del pubblico oggetti e scenari non presenti

04.   Per spazio scenico si intende

 Lo spazio del pubblico

 Ogni riferimento spaziale indicato

 Lo spazio dove si svolge l'azione drammatica

 nessuna delle precedenti

05.   Che cos'è il coro nel teatro greco?

 Un gruppo di attori che danza

 Un gruppo di attori che canta

 nessuna delle precedenti

 Un gruppo di attori che danza e canta

06.   Le Lenee si svolgevano

 In marzo

 Fra gennaio e febbraio

 nessuna delle precedenti

 Fra agosto e settembre

07.   Le Grandi Dionisie si svolgevano

 Nel mese di Elafebolione (fra gennaio e febbraio)

 Nel mese di Elafebolione (fra marzo e aprile)

 nessuna delle precedenti

 Nel mese di Gamelione (fra gennaio e febbraio)

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:06 - 12/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Quale di queste feste ospitavano gare teatrali ad Atene

 Pitiche

 Lenee

 Olimpiadi

 nessuna delle precedenti

09.   Indicare quale dlle seguenti è la danza tragica per eccellenza

 nessuna delle precedenti

 Sicinnide

 Emmeleia

 Cordace

10.   Il coro della commedia è composto da un numero preciso di elementi: essi sono

 I coreuti sono 24

 nessuna delle precedenti

 I coreuti sono 12

 I coreuti sono 15

11.   Su quali argomentazioni si poggia chi ritiene che le donne facessero parte del pubblico alle rappresentazioni teatrali ateniesi?

12.   Descrivere la questione delle donne nel pubblico greco del teatro

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:06 - 13/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 009
01.   i canti per gli eroi a Sicione come origine della tragedia sono individuati da

 Platone

 Aristotele

 Tucidide

 Erodoto

02.   Cosa sarebbe successo nel 534 a.C.?

 Sono state istituite le Dionisie cittadine

 Tespi avrebbe portato in scena una prima forma di tragedia

 nessuna delle precedenti

 Sono state istituite le Lenee

03.   Cos'è il dramma satiresco?

 E' una sorta di commedia

 E' il quarto dramma della tetralogia tragica

 E' un mimo

 nessuna delle precedenti

04.   A quale genere Aristotele ricollega le origini della tragedia?

 All'epica

 Al ditirambo

 Al dramma satiresco

 All'inno

05.   Da che genere deriva la tragedia secondo Aristotele?

 nessuna delle precedenti

 Dal ditirambo

 Dalla giambografia

 Dall'epica

06.   Cosa significa hypokritès?

 nessuna delle precedenti

 Cantante

 Attore

 Danzatore

07.   Aristotele ricorda le origini della tragedia in quale opera?

 Retorica

 Poetica

 Confutazioni sofistiche

 Costituzione degli Ateniesi

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:08 - 14/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   In che cosa consiste un ditirambo?

 In canto corale per Dioniso

 In un canto corale per Apollo

 In un canto cultuale per Dioniso

 In un canto solista per Dioniso

09.   Che ruolo ha la testimonianza di Aristotele sulle origini della tragedia?

10.   Che ruolo ha la testimonianza di Erodoto sulle origini della tragedia greca?

11.   Come si sviluppa il problema delle origini della tragedia greca?

12.   Come si delinea il rapporto fra tragedia e lirica corale?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:08 - 15/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 010
01.   Lo stasimo in una tragedia si definisce come

 Un canto corale diverso dalla parodo

 Un duetto

 L'inizio della tragedia

 Il canto di uscita del coro

02.   I Sette a Tebe appartengono alla saga

 iiadica

 tebana

 degli atridi

 nessuna delle precedenti

03.   Cos'è la parodo?

 E' un duetto canatato fra attori

 nessuna delle precedenti

 E' il canto d'ingresso del coro

 E' il canto d'uscita del coro

04.   Il prologo nella tragedia in cosa consiste?

 Nell'inizio della tragedia

 Nel canto d'ingresso del coro

 Nel canto d'uscita del coro

 Si tratta del momento in cui il coro sfila davanti al pubblico dopo che i coreuti si sono tolti la maschera

05.   Cos'è una sticomitia?

 nessuna delle precedenti

 E' un canto di un attore

 E' una lunga tirata di un attore

 E' un dialogo in cui ogni attore ha un verso

06.   Cos'è il prologo?

 E' l'ingresso del coro

 nessuna delle precedenti

 E' il canto di uscita del coro

 E' la parte recitata che precede l'ingresso del coro

07.   Descrivere la struttura di una tragedia greca

08.   Qual era la forma standard di una tragedia?

09.   Definire il ruolo del prologo e della parodo nella tragedia

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:09 - 16/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 011
01.   I Sette contro Tebe sono una tragedia di Eschilo che rientra in quale saga?

 Nella saga di Eracle

 Nel ciclo troiano

 Nella saga degli Atridi

 Nella saga dei Labdacidi

02.   I Sette a Tebe vedono protagonista

 Antigone, figlia di Edipo

 Eteocle, figlio di Edipo

 nessuna delle precedenti

 Edipo

03.   Qual è la più antica tragedia eschilea pervenuta?

 I Persiani?

 Le Fenicie

 nessuna delle precedenti

 Le Supplici

04.   Quando andarono in scena i Persiani?

 nessuna delle precedenti

 Nel 472 a.C

 Nel 458 a.C.

 Nel 469 a.C.

05.   In quale anno andarono in scena I Persiani?

 Nel 478 a.C.

 Nel 490 a.C.

 Nel 472 a.C.

 Nel 458 a.C.

06.   Attraverso quale espediente nei Persiani si viene a conoscenza della dsifatta a Salamina?

 Attraverso il racconto di Atossa

 nessuna delle precedenti

 Attraverso una rhesis di un messaggero

 Attraverso il fanatasma di Dario

07.   Valutazioni sulle Supplici di Eschilo con particolare riguardo agli aspetti corali

08.   Delineare un profilo di Eschilo

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:10 - 17/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 012
01.   Il Prometeo è un tragedia di Eschilo?

 Ci sono dubbi in merito

 No

 nessuna delle precedenti

 Sì

02.   Le Supplici per lungo tempo sono state giudicate la più antica tragedia di Eschilo superstite, dal momento che

 Una testimonianza epigrafica le data a prima dei Persiani

 Viene inscenata una saga molto antica

 Alcune testimonianze su Eschilo sembrano fare un'affermazione del genere

 Le parti corale sono estese e non hanno un prologo

03.   Chi compone il coro del Prometeo?

 Le Oceanine

 I Titani

 Le Erinni

 nessuna delle precedenti

04.   Per quali motivi si nutrono dubbi sull'autenticità del Prometeo?

 Per ragioni stilistiche e contenutistiche

 nessuna delle precedenti

 Perché non appartiene a nessun corpus

 Perchè si fa riferimento a fatti successivi la morte di Eschilo

05.   Per quale motivo il Prometeo è stato annoverato fra le targedie di Eschilo?

 Per ragioni stilistiche

 nessuna delle precedenti

 Per ragioni linguistiche

 Perchè rientra nel corpus manoscritto

06.   Definire per quali ragioni l'autenticità del Prometeo risulta dubbia e discussa.

07.   Quale problema pone la macchina del volo nel Prometeo incatenato attribuito ad Eschilo?

08.   Delineare un profilo biobibliografico di Eschilo.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:11 - 18/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 013
01.   I drappi purpurei dell'Agamennone rappresentano

 L'assassinio del re

 La vittoria di Agamennone

 Un elemento decorativo

 La regalità di Agamennone

02.   A quale saga appartiene l'Orestea?

 Alla saga degli Atridi

 Alla saga di Teseo

 Alla saga dei Labdacidi

 Alla saga di Eracle

03.   Nelle Eumenidi il coro si caratterizza per un dato unico fra le tragedie superstiti, dal momento che

 Esso si trasforma da Erinni in Eumenidi

 Canta sempre dal retroscena, risultando invisibile

 Appare solo alla fine

 Appare solo nella prima parte della tragedia

04.   Quale evento storico in qualche modo può collegarsi all'Orestea?

 L'elezione di Pericle a stratego

 La riforma di Efialte dell'Aeropago

 La battaglia di Salamina

 La battaglia di Platea

05.   L'ambientazione delle Eumenidi può dirsi

 Duplice, in quanto si trova prima a Delfi e poi ad Atene

 Duplice, in quanto si trova a Delfi e nell'Ade

 Duplice, in quanto si trova prima ad Argo e poi a Delfi

 Duplice, in quanto si trova prima all'esterno e poi all'interno del palazzo

06.   Quali tragedie compongono la trilogia Orestea?

 Sette contro Tebe, Supplici, Persiani

 Agamennone, Coefore, Supplici

 Agamennone, Coefore, Eumenidi

 Sette contro Tebe, Supplici, Proteo

07.   Che cosa definisce il legame fra Elettra e Oreste nel mito?

 Sono madre e figlio

 Sono coniugi

 Nessuna delle altre risposte

 Sono fratelli

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:12 - 19/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Nelle Coefore il principale fatto può dirsi costituito da

 Il matricidio

 Il regicidio

 Il riconoscimento fra Elettra e Oreste

 La presenza di Pilade

09.   Sul piano visivo, il fatto che il re Agamennone calpesti i drappi purpurei senza calzari significa

 La sua umiltà

 L'assenza di difesa

 Nessuna delle altre risposte

 La sua arroganza

10.   Chi evoca la morte di Agamennone?

 nessuna delle precedenti

 Cassandra

 Clitemestra

 Il coro

11.   L'Agamennone è

 La tragedia d'apertura

 La tragedia di chiusura

 nessuna delle precedenti

 Il titolo della trilogia

12.   L'Orestea è

 nessuna delle precedenti

 Una trilogia legata

 Una trilogia slegata

 Una targedia

13.   La parte finale elle Eumenidi è ambientata a

 Argo

 nessuna delle precedenti

 Atene

 Micene

14.   Quale valore hanno i drappi purpurei nell'Agamennone?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:12 - 20/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 014
01.   Chi è la moglie di Aiace?

 Penelope

 nessuna delle precedenti

 Clitemestra

 Tecmessa

02.   A quale saga appartiene l'Aiace?

 nessuna delle precedenti

 Alla saga tebana

 Alla saga degli Atridi

 Alla saga iliadica

03.   Come muore Antigone?

 Si suicida con la propria cintura

 Si suicida con una corda

 Si suicida col veleno

 Si suicida con una spada

04.   Come si concretizza l'alienazine del protagonista?

 Attraverso l'isolamento linguistico

 nessuna delle precedenti

 Attraverso l'isolamento spaziale

 Attraverso la follia

05.   Definire quale fra questi personaggi va definita come la sorella di Antigone

 Medea

 Deianira

 Ismene

 Fedra

06.   Quali sono gli estremi cronologici di Sofocle?

 496-406 a.C.

 525-455 a.C.

 490-407 a.C.

 496-404 a.C.

07.   Quando viene collocata la tragedia Aiace?

 nessuna delle precedenti

 Fra il 442 e il 438 a.C.

 Dopo il 420 a.C.

 Fra il 456 e il 446 a.C

08.   Delineare un profilo di Sofocle

09.   Delineare un profilo del rapporto fra Antigone e Ismene nella tragedia

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:14 - 21/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

10.   Delineare un profilo biobibliografico di Sofocle.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:14 - 22/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 015
01.   Qual è la cronologia probabile dell'Antigone?

 nessuna delle precedenti

 Circa il 430 a.C.

 Circoa il 425 a.C.

 Circa il 442 a.C.

02.   Quando si collcoa nel mito la vicenda?

 Dopo l'accecamento di Edipo

 Dopo la morte di Agamennone

 Dopo la fine dell'assedio di Tebe da parte dei sette

 nessuna delle precedenti

03.   Qual è il fratello cui Antigone vuol dare sepoltura?

 Creonte

 nessuna delle precedenti

 Eteocle

 Polinice

04.   A quale saga appartiene l'Antigone?

 Degli Atridi

 Tebana

 Iliadica

 nessuna delle precedenti

05.   Stato e diritto di sangue nell'Antigone: riflessioni.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:15 - 23/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 016
01.   Da cosa prende il nome la tragedia?

 Da una protagonista

 nessuna delle precedenti

 Dalla cittàin cui si svolge la vicenda

 Dal coro ed è il nome delle donne che abitano la città

02.   Come si conclude l'Edipo re?

 Con la morte di Giocasta e di Edipo

 Con la sola morte di Edipo

 Con la morte di tutta la famiglia reale

 Con la morte di Giocasta e l'inclusione di Edipo nella casa d'origine dopo essersi tolto la vista

03.   Il prologo dell'Edipo re risulta recitato da

 Edipo e Antigone

 Edipo, una delegazione di cittadini tebani e Tiresia

 Edipo e Giocasta

 Edipo, una delegazione di cittadini tebani e Creonte

04.   Chi rappresenta il coro dell'Edipo re?

 I cittadini di Tebe

 Le donne di Tebe

 I sacerdoti di Tebe

 Le Erinni di Edipo

05.   Chi è Deianira?

 nessuna delle precedenti

 La moglie di Eracle

 La figlia di Eracle

 La figlia di Acheloo

06.   Con quale strategia drammaturgica si definisce la solitudine di Deianira?

 nessuna delle precedenti

 Con la sua origine barbara e di donna

 Con l'isolamento spaziale

 Con la follia

07.   Da dove proviene Deianira?

 Dal Peloponneso

 Da Atene

 nessuna delle precedenti

 Da una terra semibarbara, l'Etolia

08.   Per quali ragioni secondo Aristotele l'Edipo re costituisce un esempio perfetto di tragedia?

09.   Quale ruolo ha Deianira nelle Trachinie?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:15 - 24/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 017
01.   Sviluppare una riflessione sul finale dell'Elettra.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:16 - 25/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 018
01.   Quali sono gli estremi cronologici di Sofocle

 480-407 a.C.

 516-452 a.C.

 496-406 a.C.

 nessuna delle precedenti

02.   Chi è il protagonista delle Eumenidi?

 Elettra

 Clitemestra

 nessuna delle precedenti

 Oreste

03.   Come si chiama la protagonista delle Trachinie

 nessuna delle precedenti

 Cassandra

 Deianira

 Ismene

04.   L'Edipo re è una tragedia di

 Sofocle

 Frinico

 Eschilo

 nessuna delle precedenti

05.   Cosa simboleggiano i drappi purpurei dell'Agamennone

 nessuna delle precedenti

 La sconfitta dei Troiani

 La regalità di Agammenone

 L'imminente morte di Agamennone

06.   I Persiani sono una tragedia di

 Euripide

 Eschilo

 nessuna delle precedenti

 Sofocle

07.   I Persiani sono una tragedia di argomento

 nessuna delle precedenti

 Storico perché rievoca la battaglia di Salamina del 472 a.C.

 Storico perchè rievoca la battaglia di Platea del 479 a.C.

 Storico perché rievoca la battaglia di Salamina del 480 a.C.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:16 - 26/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   In Eschilo i coreuti sono

 24

 15

 12

 nessuna delle precedenti

09.   La questione dello spazio nel Filottete fra spazio e parola si delinea come

 Non vi sono particolari attenzioni allo spazio

 Un rapporto di accentuazione della comunità

 Un rapporto in cui lo spazio verticale viene evocato dalla sola parola

 Un rapporto di accentuazione della solitudine

10.   Secondo Aristotele la tragedia nasce da

 Da coloro che intonavano il ditirambo

 nessuna delle precedenti

 Dall'epica

 Da Frinico

11.   La trilogia Orestea comprende le seguenti tragedie

 Agamennone, Coefore, Eumendi

 Non esiste una trilogia con questo titolo

 nessuna delle precedenti

 Agamennone, Coefore, Supplici

12.   Definire il valore simbolico dello spazio nel Filottete.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:16 - 27/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 019
01.   Che cosa si intende per solitudine dell'eroe nelle tragedie di Sofocle?

02.   Cosa si intende per "solitudine" dell'eroe sofocleo?

03.   Definire le modalità con cui si realizza la solitudine di Antigone nell'omonima tragedia

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:18 - 28/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 020
01.   Quando andò in scena l'Alcesti?

 Nel 415 a.C.

 Nel 438 a.C.

 Nel 408 a.C.

 Nel 431 a.C.

02.   Delineare un profilo biobibliografico di Eschilo.

03.   Delineare un profilo di Euripide

04.   Definire le tecniche drammaturgiche utilizzate principalmente da Euripide nella Medea

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:18 - 29/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 021
01.   Quante versioni sono state prodotte dell'Ippolito?

 nessuna delle precedenti

 Due

 Una

 Tre

02.   La dialettica che Euripide destina a Fedra da quale corrente intellettuale è influenzata?

 nessuna delle precedenti

 Dal pitagorismo

 Dalla sofistica

 Dall'Accademia

03.   Dov'è ambientata la tragedia Eraclidi?

 Maratona

 Argo

 nessuna delle precedenti

 Atene

04.   Come si conclude l'Andromaca?

 Con l'apoteosi di Andromaca

 Con la divinità ex machina, Teti

 Con la morte di Eleno

 nessuna delle precedenti

05.   Delineare le peculiarità degli Eraclidi.

06.   Definire le peculiarità dell'Ippolito.

07.   Delineare le peculiarità dell'Andromaca

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:18 - 30/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 022
01.   Da chi è recitato il prologo dell'Ecuba?

 nessuna delle precedenti

 Dal fantasma di Polidoro

 Da Agamennone

 Da Ecuba

02.   Quale collocazione ha la prima parte dell'Elettra?

 Nel palazzo reale

 In campagna

 A Delfi

 nessuna delle precedenti

03.   Dove sono ambientate le Supplici?

 Tebe

 nessuna delle precedenti

 Eleusi

 Argo

04.   In quale saga si colloca l'Ecuba?

 Nella saga degli Atridi

 Nella saga iliadica

 Nella saga tebana

 nessuna delle precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:19 - 31/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 023
01.   Quale codice comunicativo assume particolare rilievo nelle Troiane rispetto ad altre tragedie euripidee?

 nessuna delle precedenti

 La danza

 Il canto

 La vista

02.   Quale personaggio nelle Troiane è sempre in scena?

 Andromaca

 Ecuba

 nessuna delle precedenti

 Cassandra

03.   Esiste l'impiego della macchina del volo nell'Eracle e se sì in quale scena?

 Sì, nel finale

 nessuna delle precedenti

 Sì, quando arrivano Iris e Lyssa

 No, mai

04.   Quale ruolo ha Lyssa nell'Eracle?

 Serve a rendere visibile la causa della follia di Eracle

 Serve a giustificare la strage di Eracle

 nessuna delle precedenti

 Serve a placare Eracle dopo la strage

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:19 - 32/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 024
01.   Qual è la caratteristica degli eroi sofoclei?

 La tracotanza (hybris)

 La tendenza paranoica

 nessuna delle precedenti

 La solitudine

02.   Il prologo delle Troiane

 E' un monologo di Ecuba

 nessuna delle precedenti

 Coincide col canto d'ingresso del coro

 Atena e Posidone

03.   Chi ha composto l'Andromaca?

 Eschilo

 Euripide

 nessuna delle precedenti

 Sofocle

04.   Come si conclude la Medea?

 nessuna delle precedenti

 Con la morte di Medea

 Con la fuga di Medea sul carro del Sole che è rappresentato con la macchina del volo

 Con la morte di Giasone

05.   Qual è il numero dei coreuti sofoclei?

 12

 15

 nessuna delle precedenti

 24

06.   L'Ecuba si inserisce in quale ciclo mitologico?

 nessuna delle precedenti

 Argivo

 Tebano

 Troiano

07.   L'Alcesti andò in scena nel

 431 a.C.

 427 a.C.

 nessuna delle precedenti

 438 a.C.

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:20 - 33/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   L'Elena presenta una trattazine del mito che dipende da

 Stesicoro

 Omero

 E' originale

 nessuna delle precedenti

09.   L'Elena è una tragedia di

 nessuna delle precedenti

 Sofocle

 Eschilo

 Euripide

10.   L'Eracle prevede l'impiego della amcchina del volo?

 Sì, per l'arrivo di Iris e Lyssa

 nessuna delle precedenti

 Sì, per l'apogeo di Eracle

 No, perché Euripide non si serviva di questo macchinario

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:20 - 34/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 025
01.   Le Fenicie presentano una struttura particolare, in quanto

 Ogni elemento formale della tragedia è raddoppiato

 nessuna delle precedenti

 Manca il coro

 Manca l'agone tragico

02.   Che ruolo ha la regina Giocasta nel confronto fra Eteocle e Polinice?

 nessuna delle precedenti

 Ricopre il ruolo di difensore di Polinice

 Nessun ruolo, dal momento che è assente

 Ricopre il ruolo dell'arbitro

03.   Lo Ione è una tragedia che nel finale

 nessuna delle precedenti

 Prevede la morte del protagonista

 Non definisce nessun tipo di riconoscimento

 Contempla un evento lieto attraverso l'intervento di Atena

04.   Chi sono le Fenicie?

 Sono le vere protagoniste della vicenda, figlie di Fenice

 nessuna delle precedenti

 Sono le stesse dell'antica tragedia di Frinico

 Sono donne straniere di passaggio da Tebe

05.   Cosa si intende per raddoppiamento nelle Fenicie?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:21 - 35/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 027
01.   Rispetto alla produzione di Euripide, il Reso è

 Una tragedia a lieto fine

 Un dramma satiresco

 Una tragedia probabilmente spuria

 nessuna delle precedenti

02.   Il Ciclope è

 L'ultima tragedia messa in scena da Euripide

 L'unica commedia di Euripide

 nessuna delle precedenti

 Un dramma satiresco, l'unico superstite per intero

03.   Rispetto alla produzione di Euripide, l'Ifigenia in Aulide è

 Una tragedia degli anni giovanili

 Un dramma satiresco

 nessuna delle precedenti

 Una tragedia andata in scena postuma e con brani inautentici

04.   L'ultima parte della carriera di Euripide si svolse in

 nessuna delle precedenti

 Sicilia

 Macedonia

 Tessaglia

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:22 - 36/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 028
01.   La questione degli eroi umanizzati in Euripide

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:22 - 37/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 029
01.   Chi ha identificato la presenza del digamma nei testi omerici?

 L.C. Valckenaer

 D. Ruhnken

 R. Bentley

 T. Hemsterhuis

02.   Che genere praticò Agatone?

 La tragedia

 Il ditirambo

 L'innodia

 La commedia

03.   Su quali basi si individuò il digamma?

 Testuali

 Storiche

 Metriche

 Linguistiche

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:22 - 38/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 030
01.   Le origini della commedia greca

02.   Il ruolo della commedia siciliana e di Epicarmo nelle origini della commedia greca

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:23 - 39/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 031
01.   Il Ciclope è

 L'unico dramma satiresco integro e apprtiene a Eschilo

 L'unico dramma satiresco integro e appartiene a Euripide

 Una commedia

 nessuna delle precedenti

02.   Qual è l'elemento che caratterizza il trattamento del coro da parte di Agatone?

 L'impiego del coro solo in funzinoe orchestico e non canora

 L'impiego canti corali come interemezzi

 nessuna delle precedenti

 L'assenza totale di canti corali

03.   Che cosa caratterizza il ditirambo nella seconda parte del V sec. a.C.?

 Una innovazionie musicale e orchestica che coinvolgerà anche la tragedia

 nessuna delle precedenti

 Il riiam a temi orfici

 La scomparsa del genere

04.   In che cosa consiste il trattamento euripideo degli eroi?

 Gli eroi euripidei sono più vicini alla vita reale

 Sono personaggi soli

 nessuna delle precedenti

 Sono in perfetta continuità con Eschilo

05.   Chi era Cratino?

 Un commediografo della generazione precedente a quella di Aristofane

 Un commediografo coetaneo di Aristofane

 nessuna delle precedenti

 Un tragediografo

06.   Quando andarono in scena le Fenicie?

 Nel 409 a.C.

 nessuna delle precedenti

 Nel 406 a.C., postume

 Attorno al 409 a.C.

07.   Rispetto al trattamento del coro, in Euripide esso tendenzialmente è

 relegato a soli intermezzi

 accresciuto in numero e rilevanza

 depotenziato rispetto al ruolo degli attori

 nessuna delle precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:23 - 40/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Le Fenicie appartengo a quale saga?

 Argiva

 Troiana

 nessuna delle precedenti

 Tebana

09.   Qual è una delle caratteristiche maggiormente vistose delle Fenicie?

 La figura ell'arbitro di Giocasta nello sconro fra Eteocle e Polinice

 nessuna delle precedenti

 Il ruolo del coro straniero

 Il raddoppiamento delle scene

10.   Le Baccanti hanno quale significato?

 Probabilmente metateatrale

 Esclusivamente religioso

 nessuna delle precedenti

 Pacifista

11.   Delineare un profilo di alcuni commediografi ateniesi diversi da Aristofane

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:23 - 41/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 032
01.   In quale anno andarono in scena gli Acarnesi?

 Nel 425 a.C.

 Nel 424 a.C.

 Nel 414 a.C.

 Nel 421 a.C.

02.   Quale vantaggio ottiene per se stesso il protagonista degli Acarnesi?

 Un oracolo

 Del denaro

 Una pace privata

 Una sposa

03.   Nei Cavalieri, chi rappresenta il Paflagone?

 Nicia

 Pericle

 Demostene

 Cleone

04.   In quale agone andarono in scena i Cavalieri di Aristofane?

 Alle Lenee del 424 a.C.

 Alle Grandi Dionisie del 423 a.C.

 Alle Grandi Dionisie del 425 a.C.

 Alle Lenee del 423 a.C.

05.   Quale figura filosofica risulta bersaglio della parodia delle Nuvole di Aristofane?

 Anassagora

 Socrate

 Gorgia

 Protagora

06.   Nei Cavalieri, il prologo viene recitato da

 I due servi di Demo

 Demo e uno dei suoi due servi

 Un contadino

 Diceopoli

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:24 - 42/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 033
01.   In quale scena della Pace si trova il più vistoso elemento di paratragedia?

 Nel finale che allude alle nozze mitiche della tragedia

 Nel volo di Trigeo sullo scarabeo che è parodia del volo di Bellerofonte

 nessuna delle precedenti

 Nerlla figura di Trigeo che è parodia di Prometeo

02.   Chi è il protagonista della Pace?

 E' il contadino Diceopoli

 E' il contadino Trigeo

 E' il giovane Bdelicleone

 nessuna delle precedenti

03.   Quando sono andate in scena le Vespe?

 nessuna delle precedenti

 Nel 423 a.C.

 Nel 421 a.C.

 Nel 422 a.C.

04.   Chi rappresenta il coro delle Vespe?

 Rappresenta i vecchi giudici ateniesi, colleghi di Filocleone

 Sono le nuove generazioni dei ragazzi ateniesi

 nessuna delle precedenti

 Rappresenta i sofisti, cui Aristofane assimila anche Socrate

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:25 - 43/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 034
01.   Che funzione ha il personaggio Agatone nelle Tesmoforiazuse di Aristofane?

 Serve a fornire le trame per sfuggire alla prigionia imposta dalle donne al Parente di Euripide

 Rappresenta un personaggio secondario

 Rappresenta colui che inventa l'azione comica

 Serve a fornire i costumi al Parente di Euripide per travestirsi da donna

02.   Cosa indica il titolo della commedia Tesmoforiazuse di Aristofane?

 Indica il coro delle donne che occupano l'assemblea

 Indica il coro femminile di donne che partecipano alla festa delle dee Demetra e Persefone

 Indica le attrici che hanno interpretato le protagoniste

 Indica le due protagoniste

03.   Quando andarono in scena gli Uccelli di Aristofane?

 Nel 405 a.C.

 Nel 411 a.C.

 Nel 415 a.C.

 Nel 414 a.C

04.   Che cosa sono i cori zoomorfi?

 Sono cori comici i cui coreuti interpretano animali

 Sono cori in cui i coreuti sono concetti

 Sono cori i cui coreuti interpretano animali

 Sono cori tragici  i cui coreuti sono animali

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:26 - 44/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 035
01.   Quando andò in scena la Lisistrata di Aristofane?

 Nel 411 a.C.

 Nel 405 a.C.

 Nel 414 a.C.

 Nel 388 a.C.

02.   La parabasi delle Rane di Aristofane quale riconoscimento determinò per la commedia?

 La replica

 Una immediata copiatura

 Il primo premio

 Un rifacimento da parte di altri commediografi

03.   Quali sono i due tragediografi protagonisti delle Rane di Aristofane nella parte dell'agone?

 Sofocle ed Euripide

 Eschilo e Agatone

 Eschilo ed Euripide

 Sofocle ed Agatone

04.   Che cosa si intende per interpolazione?

 L'inserzione di una parola in un manoscritto spesso banalizzante

 Si tratta di un sinonimo di glossa

 La mancata copiatura di una parola difficile

 Si tratta di un errore di copiatura

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:27 - 45/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 036
01.   Quando andò in scena il Pluto di Aristofane?

 Nel 375 a.C.

 Nel 388 a.C.

 Nel 392 a.C.

 Nel 405 a.C.

02.   Quando andò in scena il Pluto?

 Nel 392 a.C.

 Nel 388 a.C.

 Nel 405 a.C.

 Nel 414 a.C.

03.   Come viene rappresentato Pluto nell'omonima commedia di Aristofane?

 Il figlio di Zeus e Alcmena, Eracle, sotto mentite spoglie

 Uno schiavo

 Il dio cieco della ricchezza

 Un contadino povero

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:27 - 46/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 037
01.   In cosa consiste la paratragedia?

 Nella parodia della tragedia solo sul piano verbale

 Nel travestimento comico di un mito tragico

 Nella parodia della tragedia solo sul piano visivo

 Nella parodia della tragedia anche su piani diversi

02.   La questione del coro nelle prime commedie di Aristofane

03.   La questione del coro nelle ultime commedie di Aristofane

04.   Definire i principali aspetti della produzione comica di Aristofane

05.   Cosa sono i cori zoomorfi in Aristofane?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:27 - 47/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 038
01.   Che cosa si intende per onomasti komodein nella commedia antica?

 Si intende l'attacco per nome a qualcuno di noto

 Si intende la presenza di personaggi reali in scena che interpretano se stessi

 Si intende il richiamo a persone del pubblico

 Si intende una parte antica della struttura comica

02.   Cosa sono i cori zoomorfi di Aristofane e quali sono?

 Sono cori in cui gli attori sono vestiti da animali: Vespe, Uccelli, Rane

 nessuna delle precedenti

 Sono cori in cui gli attori sono vestiti da animali: Vespe, Rane e Bestie

 Sono cori in cui i protagonisti sono animali

03.   Chi è il bersaglio polemico delle Nuvole?

 nessuna delle precedenti

 Crizia, allievo di Socrate e leader dei Trenta tiranni

 Socrate e la nuova filosofia

 Platone, allievo di Socrate

04.   Chi si cela sotto il personaggio del Paflagone nei Cavalieri?

 Nessuno perché è unpersonaggio inventato

 Il generale Demostene

 Cleone, il successore di Pericle

 nessuna delle precedenti

05.   Gli Acarnesi andarono in scena in quale anno?

 nessuna delle precedenti

 Non è conservata la data

 425 a.C.

 424 a.C.

06.   Quando andarono in scena le Nuvole?

 Non è nota la data

 nessuna delle precedenti

 Nel 423 a.C., ma la verione superstite è stata oggetto di un rifacimento da parte dell'autore

 Nel 423 a.C.

07.   Che cos'è l'onomasìi komedèin?

 nessuna delle precedenti

 Il richiamo di qualcuno presente fra il pubblico

 L'attacco eprsonale verso qualche personaggio noto

 L'uso del turpiloquio

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:28 - 48/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Cos'è l'agone?

 E' una danza del coro

 E' il momento in cui i coreuti si sfilano la maschera e davanti al pubblico trattano temi attuali o chiedono di ricevere il premio

 nessuna delle precedenti

 E' un momento della commedia di scontro verbale fra due personaggi con opinioni opposte

09.   Che cosa rappresenta, probabilmente, il coro secondario delle Rane?

 nessuna delle precedenti

 La degenerazione dell'arte scenica

 Non ha un valore particolare

 Indica la politica ateniese

10.   Le prime commedie di Aristofane, Babilonesi e Banchettanti, esordirono a suo nome?

 Sì, ma ebbe un aiuto regista

 Sì

 No, usò un prestanome forse per la giovane età di Aristofane

 nessuna delle precedenti

11.   Il titolo Vespe da che cosa deriva?

 Dalla violenza polemica della commedia

 nessuna delle precedenti

 Dal coro

 Da un personaggio

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:28 - 49/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 039
01.   Quale fra questi commediografi non è della mese?

 Cratete

 Eubulo

 Alessi

 nessuna delle precedenti

02.   Quale tema sembra attraversare meno la mese stanti i frammenti superstiti?

 Gastronomico

 nessuna delle precedenti

 Politico

 Amoroso

03.   A quando risale la probabilmente la tripartizione cronologica della commedia greca?

 All'età imperiale

 All'età bizantina

 All'età alessandrina

 nessuna delle precedenti

04.   A quale periodo della commedia greca appartiene Alessi?

 Archaia

 Mese

 A nessuno in quanto si tratta di un poeta tragico

 Nea

05.   Quale di questi commediografi non appartiene alla commedia di mezzo?

 Difilo

 Eubulo

 Alessi

 Antifane

06.   A quale periodo si riconduce, per convenzione, la mese?

 nessuna delle precedenti

 Alla prima metà del IV sec. a.C.

 Alla seconda metà del IV sec. a.C.

 Al periodo che va dalla fine degli anni Ottanta del IV sec. a.C. agli esordi di Menandro

07.   Che cosa si intende per commedia di mezzo?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:29 - 50/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 040
01.   Quali eventi storici fanno da sfondo al periodo della commedia nuova?

02.   In quanti periodi viene tradizionalmente suddivisa la commedia greca e su quali basi?

03.   Il contesto storico della commedia nuova

04.   A che periodo si riferisce il contesto storico della commedia nuova?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:30 - 51/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 044
01.   Quando andò in cena il Pluto?

 Nel 388 a.C.

 La data è ignota

 nessuna delle precedenti

 Nel 392 a.C.

02.   Nel Pluto c'erano interventi corali?

 No perché è una commedia molto simile a quelle di Menandro

 nessuna delle precedenti

 Sì, ma a parte la parodo sono tutti perduti

 Sì e sono conservati

03.   Chi era Eubulo?

 Un poeta tragico della mese

 Un poeta comico di cui però non è nota la collocazione cronologica

 nessuna delle precedenti

 Un poeta comico della mese

04.   Chi ha composto il Dyskolos?

 Menandro

 Antifane

 Alessi

 nessuna delle precedenti

05.   Quali scoperte scientifiche hanno implementato la conoscenza di Menandro?

 Il ritrovamento di manoscritti medioevali dimenticati

 I rinvenimenti papiracei

 nessuna delle precedenti

 I rinvenimenti epigrafici

06.   Chi ha composto l'Aspis?

 Alessi

 Aristofane

 nessuna delle precedenti

 Menandro

07.   Qual è la figura che avolge il prologo del Dyskolos?

 Cnemone

 nessuna delle precedenti

 Pan

 La Fortuna (Tyche)

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:30 - 52/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Come si può giudicare il linguaggio dei personaggi menandrei?

 E' un linguaggio tendenzialmente piano

 nessuna delle precedenti

 E' un linguaggio caratterizzato da molte battute oscene

 E' un linguaggio parodico della tragedia e dell'epica

09.   Quando si colloca la mese?

 Coincide con l'ultima produzione di Aristofane

 Genericamente nel IV sec. a.C.

 nessuna delle precedenti

 Convenzionalmente fra il 375 e il 321 a.C.

10.   Il titolo Pluto per la commedia di Aristofane rimanda a che cosa?

 Al dio della ricchezza che è un personaggio della commedia

 nessuna delle precedenti

 Al dio della ricchezza più volte invocato nella commedia

 A un servo della commedia

11.   Definire come si colloca il Dyskolos in termini drammaturgici all'interno della produzione di Menandro

12.   Delineare un profilo di Menandro

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:30 - 53/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 045
01.   Delineare un profilo di Aristotele, con particolare attenzione alla storia dello spettacolo antico

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 54/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 046
01.   Si individuino e si commentino gli oggetti dell'imitazione drammatica secondo Aristotele nella Poetica

02.   Individuare le parti costitutive della tragedia secondo Aristotele

03.   Si definisca e si spieghi la definizione che Aristotele dà di tragedia

04.   Che cosa intende Aristotele per mythos, vale a dire per racconto?

05.   Che cosa intende Aristotele per opsis vale a dire per dimensione visiva dello spettacolo?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 55/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 047
01.   Che cosa si intende per pensieri (dianoia) nella trattazione di Aristotele?

 I pensieri e le intenzioni dei personaggi

 Le intenzioni del coro

 Le intenzioni del poeta

 Il carattere dei personaggi

02.   Che cosa si intende per mythos nella trattazione della tragedia condotta da Aristotele?

 La saga

 Il mito

 I personaggi principali

 Il materiale della trama

03.   A quale parte dell'imitazione rimanda la lexis secondo la trattazione della tragedia compiuta da Aristotele?

 Ai mezzi

 Ai fini

 Al modo

 Agli oggetti

04.   Quando visse Aristotele?

 Dal 393 al 321 a.C.

 Dal 405 al 338 a.C.

 Dal 427 al 369 a.C.

 Dal 384 al 322 a.C.

05.   Che cosa intende Aristotele per "dimensione visiva dello spettacolo"?

 Lexis

 Opsis

 Melopoiia

 Dianioia

06.   Quali sono i mezzi con cui si compie l'imitazione, secondo Aristotele?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 56/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 048
01.   Delineare un quadro storico-culturale dell'ellenismo

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 57/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 049
01.   Quali di questi non può dirsi un poeta ellenistico

 Callimaco

 Eronda

 Gregorio di Nazianzo

 Teocrito

02.   A quale periodo, convenzionalmente, di ascrive il periodo ellenistico?

 A quello che va dalla battaglia di Cheronea (338 a.C.) alla morte di Nerone (68 a.C.)

 A quello che va dalla morte di Alessandro magno (323 a.C.) alla battaglia di Azio (31 a.C.)

 A quello che va dalla caduta di Atene (404 a.C.) alla battaglia di Cheronea (338 a.C.)

 A quello che va dalla battaglia di Azio (31 a.C.) alla caduta dell'Impero romano d'Occidente (476 a.C.)

03.   Quali sono le caratteristiche principali della poetica ellenistica?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 58/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 051
01.   Tracciare un quadro filologico e teatrologico dei Mimiambi?

02.   Delineare un profilo di Eronda

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 59/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 052
01.   Delineare un profilo di Teocrito

02.   Delineare un profilo di Teocrito

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 60/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 055
01.   Commentare l'Idillio 15 di Teocrito

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 61/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 056
01.   Che cos'è la opsis per Aristotele?

 E' la scenografia

 E' l'impiego della parola scenica

 E' la dimensione visiva dello spettacolo

 nessuna delle precedenti

02.   Qual è la definizione che Aristotele dà di tragedia nella Poetica?

 nessuna delle precedenti

 Rappresentazione di un mito

 Imitazione di un'azione seria, completa e dotata di una certa estensione

 Imitazione di un discorso serio fra personaggi seri

03.   Perché, secondo Aristotele, l'Edipo re di Sofocle presenta la miglior forma di riconoscimento?

 nessuna delle precedenti

 Perché Edipo prende atto della situazione

 Aristotele non ha mai scritto un'affermazione simile

 Perché esso coincide col rovesciamento (peripezia)

04.   A quale parte dell'imitazione appartiene il mythos secondo Aristotele?

 Poiché non tutte le tragedie sono miti, non c'è questa valutazione aristotelica

 nessuna delle precedenti

 Ai mezzi dell'imitazione, insieme alla parola

 All'oggetto dell'imitazione, insieme a caratteri e pensiero

05.   Quale autore risulta un ispiratore privilegiato della poesia di Eronda?

 nessuna delle precedenti

 Ipponatte

 Archiloco

 Callimaco

06.   Quando è vissuto Teocrito?

 nessuna delle precedenti

 280-220 a.C. ca.

 315-260 ca.C. ca.

 a cavallo fra III e II secolo a.C.

07.   Quanti sono i mimiambi di Eronda e come sono conservati?

 Sono sette, coservati da un papiro

 nessuna delle precedenti

 Sono sette e parti di un ottavo, conservati da un papiro

 Sono sette e parti di un ottavo, conservati per via epigrafica

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 62/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Qual è l'origine della commedia secondo Aristotele?

 Essa deriverebbe dai cori fallici e ha avuto origine in Sicilia

 Essa deriverebbe dagli esperimenti letterari burleschi di Omero

 Essa deriverebbe dai giambografi

 nessuna delle precedenti

09.   Quando è vissuto Aristotele?

 nessuna delle precedenti

 380-323 a.C.

 379-301 a.C.

 384-322 a.C.

10.   La Poetica è un'opera dedicata al pubblico vasto?

 nessuna delle precedenti

 No, è un'opera concepita principalmente per gli allievi della sua scuola

 Sì, ed era in due libri, il secondo dei quali dedicato alla commedia ma perduto

 Sì, e aveva il titolo alternativo "Sui poeti"

11.   Che cosa si intende per "Nuovo teatro" nel mondo greco?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:32 - 63/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 057
01.   In che cosa consiste la palliata?

 Una commedia latina di ambientazione romana

 Una commedia latina di ambientazione greca

 Una tragedia latina di ambientazione greca

 Una tragedia latina di ambientazione romana

02.   Chi ha composto l'Ambracia e che tipo di fabula costituisce?

 Ennio e si tratta di una cothurnata

 Nevio e si tratta di una praetexta

 Ennio e si tratta di una praetexta

 Nevio e si tratta di una cothurnata

03.   Delineare un quadro dei contesti festivi del teatro romano

04.   Quali erano e a chi erano dedicati i ludi scaenici?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:34 - 64/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 058
01.   Quali sono i tipi di fabula tragica a Roma?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:34 - 65/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 059
01.   Che cosa caratterizza il prologo della Medea di Ennio rispetto al modello greco?

 Un'invocazione alle divinità infere

 Un cambiamento del personaggio prologante

 L'introduzione della nave Argo

 Un maggior realismo nell'esposizione logica dei fatti insieme a figure di suono

02.   Chi ha composto l'Ambracia?

 Pacuvio

 Nevio

 Livio Andronico

 Ennio

03.   Delineare un profilo di Ennio

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:34 - 66/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 060
01.   Definire quale di questi aspetti non fa parte delle caratteristiche della tragedia romana arcaica

 Il protagonismo degli attori

 nessuna delle precedenti

 Gli effetti sonori dati anche dalla metrica e dalla ripetizione di suoni vocalici o consonantici

 La presenza del coro

02.   Quando è vissuto Ennio?

 Rudiae 239 a.C.-Roma 180 a.C.

 nessuna delle precedenti

 Roma 239 a.C.-Roma 169 a.C.

 Rudiae nel 239 a.C.-Roma nel 169 a.C.

03.   Chi fu Accio?

 Un commediografo (170 a.C.-90/80 a.C.)

 nessuna delle precedenti

 Un tragediografo nipote di Ennio (220-130 a.C. ca.)

 Un tragediografo (170 a.C.-90/80 a.C.)

04.   Che cos'è un praetexta?

 E' una tragedia di ambientazione greca

 E' una tragedia di ambientazione romana

 nessuna delle precedenti

 E' una commedia di ambientazione greca

05.   Quali tragedie praetextae compose Nevio?

 Clastidium e Medea

 nessuna delle precedenti

 Non ci sono giunte praetextae di Nevio

 Romulus e Clastidium

06.   Cos'è un palliata?

 E' una commedia di ambientazione romana

 E' una tragedia di ambientazione greca

 E' una commedia di ambientazione greca

 nessuna delle precedenti

07.   Esiste una dimensione religiosa nel teatro romano?

 Sì, nella cornice dei ludi in cui erano inseriti

 No, perché l'attenzione del pubblico era rivolta a spettacoli circensi o gladiatorii

 Sì, perché mettevano in scena la religiosità romana

 nessuna delle precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:34 - 67/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Che cosa sono i ludi Apollinares?

 Erano manifestazioni in onore di Apollo, si svolgevano in luglio e comprendevano anche spettacoli

 Erano manifestazioni in onore di Apollo, si svolgevano fra marzo e aprile e comprendevano anche spettacoli

 Erano manifestazioni in onore di Apollo, si svolgevano fra gennaio e febbraio e comprendevano anche spettacoli

 nessuna delle precedenti

09.   Che cosa accadde nel (o attorno al) 240 a.C.?

 Nevio mise in scena il Clastidium

 nessuna delle precedenti

 Ennio mise in scena l'Ambracia

 Livio Andronico mise in scena una propria tragedia considerata l'atto di inizio della letteratura latina

10.   Esisteva il coro nella tragedia romana dell'età arcaica?

 Sì, e molti frammenti lo testimoniano

 No, ma gli effetti del coro suscitati dal coro greco erano in qualche modo affidati agli attori

 nessuna delle precedenti

 Sì, perché in molti casi si tratta di una prassi di imitazione del teatro tragico greco

11.   Delineare un profilo di Seneca in relazione alla sua attività teatrale

12.   Quali caratteristiche presenta la tragedia della fine dell'età arcaica a Roma?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:34 - 68/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 062
01.   Il modello principale dell'Hercules furens di Seneca va individuato in

 Eschilo

 Euripide

 Sofocle

 Ennio

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 69/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 064
01.   Chi recita il prologo della Medea di Seneca?

 Giasone

 La nutrice

 Il pedagogo

 Medea

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 70/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 068
01.   Il valore dello spazio nel Tieste di Seneca

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 71/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 070
01.   Per quali ragioni principali l'Ottavia può considerarsi inautentica?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 72/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 071
01.   La drammaturgia di Seneca su quali caratteristiche principali si impronta?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 73/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 072
01.   Proporre alcuni esempi dello stoicismo declinato nelle tragedie senecane

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 74/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 073
01.   Come si configura il prologo dell'Edipo?

 Si tratta di un dialogo sul far del giorno fra Edipo e Giocasta

 nessuna delle precedenti

 Costituisce il seguito di Sofocle, pertanto si tratta di un lamento di Edipo

 Riprende da vicino il modello sofocleo e pertanto si tratta di un dialogo fra Edipo e la delegazione di giovani e sacerdoti presente anche in Sofocle

02.   Che cosa simboleggiano normalmente i protagonisti delle tragedie di Seneca?

 Le passioni che il sapiens deve saper dominare

 nessuna delle precedenti

 Simboleggiano le branche della filosofia

 Ricalcano esattemte i peronsaggi del modello greco

03.   Qual è il modello principale della Medea di Seneca?

 L'Ippolito di Euripide

 La Medea di Euripide

 La Medea di Ennio

 nessuna delle precedenti

04.   Perché l'Octavia è considerata inautentica da molti studiosi?

 Perché si annuncia la morte reale di Nerone con una precisione tale da non poter esser conosciuta da Seneca che è morto prima dell'imperatore

 Perché presenta forme metriche e tratti stilistici che nelle altre tragedie non si trovano

 Perché si tratta dell'unica praetexta di Seneca

 nessuna delle precedenti

05.   Quale modello principale ispira l'Hercules Furens?

 nessuna delle precedenti

 Le Trachinie di Sofocle

 L'Eracle di Euripide

 L'Agamennone di Eschilo

06.   Quale ruolo simbolico riveste la natura nel Tieste?

 nessuna delle precedenti

 Non ci sono riferimenti alla natura nel Tieste

 La natura indica per antifrasi un luogo opposto al palazzo reale, chiuso su se stesso e rappresentante la natura violenta del poetere

 La natura richiama lo spirito selvaggio di Tieste

07.   Le tragedie di Seneca che rapporto hanno con la messa in scena?

 Esse erano destinate alla sola lettura

 Come ogni opera che si riconosce come teatrale esse erano dstinata alla messa in scena ma non in teatro bensì in circoli ristretti

 nessuna delle precedenti

 Non è certo che esse furono concepite inzialmente per la scena, ciò non toglie che siano passibili di messa in scena

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 75/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Che modello ispira la necromanzia di Laio nell'Edipo?

 nessuna delle precedenti

 Il modello è ancora una volta nell'Edipo re di Sofocle, che è la fonte principale di ispirazione per questa tragedia

 La necromanzia non c'è mai nel teatro greco, pertanto si tratta di un'innovazione senecana

 Trattandosi di un re, probabilmente il modello è da vedersi nei Persiani di Eschilo o comunque nelle necromanzie regali della tragedia greca

09.   Quando è vissuto Seneca?

 Roma 4 d.C.-Roma 66 d.C.

 Cordova 4/1 a.C.-Roma 65 d.C.

 nessuna delle precedenti

 Cordova 4/1 a.C.-Corsica 49 d.C.

10.   La Fedra è una fabula...

 cothurnata

 praetexta

 togata

 nessuna delle precedenti

11.   Affrontare la questione della rappresentazione delle tragedie di Seneca

12.   In che termini si concretizza un gusto per il macabro nelle tragedie si Seneca?

13.   Che cosa si intende per "inclinazine retorica" nelle tragedie di Seneca?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:35 - 76/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 074
01.   Trattare il tema della commedia a Roma

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:37 - 77/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 075
01.   Il modello del Plocium di Cecilio Stazio si identifica, grazie al testimone, in:

 Menandro

 Difilo

 Filemone

 Plauto

02.   Quale autore greco Aulo Gellio confronta con Cecilio Stazio su frammenti di commedia paralleli?

 Aristofane

 Menandro

 Filemone

 Alessi

03.   Quale testimone offre il confronto fra Menandro e Cecilio Stazio?

 Frontone

 Elio Stilone

 Varrone

 Aulo Gellio

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:37 - 78/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 076
01.   Quale sottogenere include l'Anfitrione e per quali ragioni?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:37 - 79/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 082
01.   Quante sono le commedie plautine superstiti?

 Undici

 Ventuno, di cui la ventunesima è frammentaria

 nessuna delle precedenti

 Venti, più il titolo della ventunesima, totalmente perduta

02.   Che cos'è la contaminatio?

 E' l'impiego di cantica monodici al posto del coro

 E' lo spostamento della scena nelle palliate da Atene in un'altra città della Grecia

 nessuna delle precedenti

 E' un procedimento ben visibile in Plauto, secondo il quale il modello principale della commedia è alterato dall'inserzione di un secondo modello

03.   Quale fra queste tre commedie non è di Plauto?

 nessuna delle precedenti

 Formione

 Aulularia

 Mercator

04.   Era presente il coro nella commedia latina?

 nessuna delle precedenti

 Sempre

 Solo a volte

 No

05.   Come si presenta il prologo del Rudens?

 nessuna delle precedenti

 E' un prologo recitato da un attore che impersonava la divinità Arturo, una stella del Grande Carro

 E' un prologo recitato dal protagonista della commedia, Demone

 E' un prologo recitato fra Giove e Mercurio

06.   Che variazioni compie rispetto al proprio modello Cecilio Stazio?

 Poiché non si possono individuare modelli non è possibile nemmeno valuitarne il relativo ed eventuale scarto

 Stando ai frammenti e al testimone, pare che Stazio inserisca elementi di maggior realismo

 Stando ai frammenti e al teastimone, Stazio inserisce battute volgari

 nessuna delle precedenti

07.   Quale modello ispira il Plocium di Cecilio Stazio?

 Aristofane

 Non sono definibili modelli

 nessuna delle precedenti

 Menandro

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:37 - 80/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Quale particolarità di ambientazione ha il Rudens?

 E' ambientata in un interno

 E' una togata, pertanto ambientata a Roma

 nessuna delle precedenti

 E' ambientata su una spiaggia e non ad Atene o, almeno in una città greca

09.   Che cosa sono i cantica?

 Sono momenti scenici in cui l'attore, normalmente il protagonista, si produce in lunghi canti e danze

 Sono momenti in cui l'attore danza accompagnato da un coro che canta le vicende con la danza evocate

 Sono i canti del coro della commedia plautina

 nessuna delle precedenti

10.   Che forma di spettacolo è l'Anfitrione?

 Una commedia di ambientazione romana

 nessuna delle precedenti

 Una commedia di ambientazione greca

 Si tratta di una tragicommedia, il travestimento comico del mito

11.   Di quale autore risulta tipica la figura del servus currens, secondo una definizione comunemente accolta?

 Cecilio Stazio

 Nevio

 Plauto

 Terenzio

12.   Individuare le caratteristiche principali della commedia plautina

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:37 - 81/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 083
01.   Quale genere ha praticato Terenzio e con quali modalità?

02.   Delineare un profilo di Terenzio

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:38 - 82/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 086
01.   Che cosa rivela la ripetuta prima dell'Hecyra?

 La disorganizzazione, in piena età repubblicana, di ludi che ospitavano le rappresentazioni

 Il grande successo della commedia al punto di doverla replicare

 nessuna delle precedenti

 La preferenza da parte del pubblico di altri spettacoli, meno sofisticati di quelli di Terenzio

02.   Quale fra queste commedie non è di Terenzio?

 nessuna delle precedenti

 Bacchides

 Andria

 Heautontimorumenos

03.   Quali sono gli estremi cronologici di Terenzio?

 Cartagine 190 ca. -Stinfalo 159 a.C.

 Sarsina 255-184 a.C.

 Cartagine 190 ca.-Roma 133 a.C.

 nessuna delle precedenti

04.   Quali sono i modelli di Terenzio?

 nessuna delle precedenti

 Senz'altro Plauto

 Principalmente, i poeti della nea

 Non è possibile individuare modlli precisi

05.   Di quale circolo culturale fece parte Terenzio?

 In quanto schiavo non fu richiesto da nessun circolo

 Del circolo di Mecenate

 nessuna delle precedenti

 Del circolo degli Scipioni

06.   Come può esser definita la drammaturgia terenziana?

 nessuna delle precedenti

 Il tratto dominante della drammaturgia terenziana è l'assenza el coro, sperimentazinoe, questa, eseguita dal solo Terenzio

 Sicuramente, un tratto dominante è una venatura di malinconia irreperibile nei suoi predecessori

 Si può individuare una rigorosa suddivisione in atti

07.   Rispetto alla domanda precedente, quale senso drammaturgico ha questa scelta?

 nessuna delle precedenti

 Essa determina una compressione delle scene e degli atti

 Essa comporta una riduzione del ruolo del servo come artefice di sotterfugi e di equivoci

 Essa esalta il ruolo del servo come artefice di sotterfugi e di equivoci

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:38 - 83/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Esiste l'intervento divino in Terenzio?

 Sì, in chiusura di commedia e attraverso il deus ex machina

 nessuna delle precedenti

 No, ma è sostituito da fortunati interventi di personaggi umani come nell'Andria

 Sì, come nel prologo degli Adelphoe

09.   Rispetto alle accuse di plagio, che valore ha il prologo degli Adelphoe?

 Si tratta di un prologo di accuse molto dure a Luscio Lanuvio

 nessuna delle precedenti

 In questo prologo Terenzio si difende dalle accuse di plagio descrivendo il suo tentiativo di traduzione da Difilo

 Si tratta di un prologo recitato da una divinità

10.   Che caratteristica ha il perseguimento di beni in Terenzio?

 Si tratta del perseguimento di beni non tanto materiali, cosa che incide sulla drammaturgia

 Si tratta del perseguimento di beni materiali in continuità con la drammaturgia plautina

 Terenzio rifiuta il perseguimento di beni da parte dei suoi personaggi

 nessuna delle precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:38 - 84/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 087
01.   Quale modello ispira l'Agammenone di Seneca?

 Il modello principale è l'Agamennone di Eschilo

 Il modello principale, nonostante il titolo, sono le Troiane di Euripide

 nessuna delle precedenti

 Il modello rpincipale è l'intera Orestea di Eschilo

02.   Che cos'è l'Atellana?

 nessuna delle precedenti

 E' il tipo di commedia inventato da Pomponio, poeta bolognese

 E' una forma di spettacolo popolare, di inclinazione comica, probabilmente originario della zona di Atella

 E' una forma di spettacolo circense

03.   Quale di queste commedie di Terenzio faticò a debuttare?

 Andria

 Adelphoe

 Hecyra

 Heautontimoroumenos

04.   A quale circolo fu legato Terenzio?

 Al circolo dei Metelli

 Al circolo degli Scipioni

 Al circolo di Mecenate

 Al circolo dei Fabii

05.   La commedia latina bandì dai propri testi l'argomento politico?

 nessuna delle precedenti

 Dalle commedie superstiti si direbbe di sì, ma da Plauto si intuisce che Nevio ebbe una punizione per aver offeso il clan degli Scipioni

 No, perché in Plauto sono reperibili svariati attacchi ai politici più potenti

 Dalle commedie superstiti si direbbe di sì, ma da Plauto si intuisce che Nevio ebbe una punizione per aver offeso il clan dei Metelli

06.   Quali sono gli estremi cronologici di Terenzio?

 239 a.C. 159 a.C.

 190 a.C. ca.- 159 a.C.

 239 a.C. - 169 a.C.

 190 a.C. ca.- 150 a.C.

07.   Quale commedia fra le seguenti non appartiene a quelle di Terenzio?

 Phormio

 Rudens

 Adelphoe

 Hecyra

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:40 - 85/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Quale di queste commedie è plautina?

 Dis Exapatòn

 Bacchides

 nessuna delle precedenti

 Plocium

09.   Chi è Lucio Afranio?

 Un poeta tragico

 nessuna delle precedenti

 Uno dei principali autori di togatae

 Un teorico del teatro antico

10.   Chi è Vario Rufo?

 Un tragediografo dell'età degli Scipioni e facente parte del circolo degli Scipioni

 nessuna delle precedenti

 Un commediografo di età sillana

 Un tragediografo di età augustea, molto apprezzato sia da Orazio che di Virgilio

11.   I ludi plebaei erano in oner di quale divinità?

 nessuna delle precedenti

 Di Giove

 Della Magna Mater

 Di Apollo

12.   Ennio si dedicò solo alla cothurnata?

 nessuna delle precedenti

 Ennio non compose nessuna cothurnata

 No, oltre ad aver composto opere non teatrali, fu anche autore di una praetexta (Ambracia) e di commedie

 Sul versante tetrale sì, ma compose però anche un'opera epica e una parodica

13.   Chi ha definito il canone delle commedie plautine distinguendo quelle autentiche dalla altre?

 Giulio Cesare

 Orazio

 nessuna delle precedenti

 Varrone

14.   Che cos'è una cothurnata fabula?

 E' una commedia latina di ambientazione greca

 E' una tragedia latina di ambientazione greca

 nessuna delle precedenti

 E' un genere minore e popolare del teatro latino

15.   Che cosa si intende per vertere?

16.   Che cos'è l'Atellana?

17.   Che cos'è la contaminatio?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:40 - 86/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 090
01.   Tecnicamente, l'Ars poetica consiste in

 Un'epistola in versi

 Un trattato sulla poesia lirica

 Un trattato in prosa

 Un'epistola in prosa

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:41 - 87/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 091
01.   Cosa caratterizza il teatro nel tardo-antico?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:41 - 88/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 092
01.   Che cos'è l'Ars poetica di Orazio e quali indirizzi estetici propone

02.   Che cosa caratterizza la concezione oraziana di teatro?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:41 - 89/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 094
01.   La Medea di Osidio Geta si definisce come

 una parodia del soggetto mitologico

 una commedia del soggetto tragico

 una tragedia

 un centone

02.   La pantomima:

 si tratta di uno spettacolo in versi

 si tratta di uno spettacolo musicale

 si tratta di uno spettacolo in prosa

 si tratta di uno spettacolo di fatto danzato

03.   La Medea di Osidio Geta

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:41 - 90/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 095
01.   Il Querolus risulta composto in

 Versi

 Versi a centone

 Prosa

 Versi e prosa

02.   Che cos'è il Querolus e quale importanza esso assume nella storia del teatro antico e specialmente in quello latino?

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:42 - 91/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

Lezione 096
01.   Cos'è la parabasi?

 Un parte corale della commedia in cui il coro sfila davanti al pubblico

 nessuna delle precedenti

 La parte dialogata fra deu canti corali

 Lo scontro fra due personaggi nella commedia

02.   Chi ha composto le Vespe?

 Aristofane

 Cratino

 nessuna delle precedenti

 Eupoli

03.   Quando è andata in scena la Medea di Euripide?

 405 a.C.

 431 a.C.

 428 a.C.

 nessuna delle precedenti

04.   Che cos'è la pantomima?

 Uno spettacolo con un danzatore muto accompagnato da musica e coro

 Uno spettacolo corale di mimi

 Uno spettacolo di danzatori

 nessuna delle precedenti

05.   Cosa sono le Lenee?

 Una festa religiosa ateniese per Dioniso che si svolgeva tra febbraio e marzo con rappresentazioni

 nessuna delle precedenti

 Una festa religiosa ateniese per Dioniso che si svolgeva tra aprile maggio con rappresentazioni

 Una commedia di Eupoli

06.   Alessi è un poeta della commedia...

 nessuna delle precedenti

 di mezzo

 antica

 nuova

07.   Cos'è la palliata?

 Una commedia latina di ambientazione romana

 Una commedia latina di ambientazione greca

 Una tragedia latina di ambinetazine greca

 nessuna delle precedenti

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:42 - 92/93


Set Domande: STORIA DEL TEATRO ANTICO
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Fiorentini Leonardo

08.   Cos'è la parodo?

 Il canto di uscita del coro sia della tragedia che della commedia

 Il canto di ingresso del coro sia nella tragedia sia della commedia

 nessuna delle precedenti

 La parte dialogata o monologica che precede l'ingresso del coro

09.   Cos'è il Querolus?

 nessuna delle precedenti

 Un commedia tardo antica, in prosa, che costituisce il seguito del Miles gloriosus di Plauto

 Un commedia tardo antica, in prosa, che costituisce il seguito dell'Aulularia di Plauto

 Un centone ispirato al mito di Medea

10.   Che cosa sono i ludi Megalenses?

 Feste religiose romane che ospitavano anche rappresentazioni in onore di Apollo

 nessuna delle precedenti

 Feste religiose romane che ospitavano anche rappresentazioni in onore della Magna Mater

 Feste religiose romane che ospitavano anche rappresentazioni in onore dell'imperatore

11.   Delineare una storia della pantomima

12.   Delineare una storia del mimo antico

© 2016 Università Telematica eCampus - Data Stampa 20/11/2016 15:17:42 - 93/93