Sei sulla pagina 1di 20

Copyright © 2020 Simone S.r.l.

Via F. Caracciolo, n. 11
80122 Napoli
www.simone.it

Tutti i diritti riservati


È vietata la riproduzione anche parziale e con
qualsiasi mezzo senza l’autorizzazione
scritta dell’editore.

Ottobre 2020
526/19 • Musica

Questo volume è stato stampato presso:


«MultiMedia»
V.le Ferrovie dello Stato Zona Asi
Giugliano (NA)

Per tenerti informato sul concorso visita:


• la nostra pagina dedicata ai concorsi nella scuola www.concorsiacattedra.it
e il blog Simoneconcorsi.it
• la nostra pagina Facebook (www.facebook.com/SimoneConcorsi)
• il gruppo Facebook Concorsi a cattedre - Edizioni Simone

La pubblicazione di questo volume, pur curato con scrupolosa attenzione degli Autori e Curatori, non com-
porta alcuna assunzione di responsabilità da parte degli stessi e della Casa editrice per eventuali errori, in-
congruenze o difformità dai contenuti delle prove effettivamente somministrate in sede di concorso o esame.
Tuttavia per continuare a migliorare la qualità delle sue pubblicazioni e renderle sempre più mirate alle esigenze
dei lettori, la Edizioni Simone sarà lieta di ricevere segnalazioni e osservazioni all’indirizzo info@simone.it.
PREMESSA

Questo manuale è pensato per la preparazione ai concorsi a cattedra relativi alle classi
A29 (Musica nella scuola secondaria di II grado), A30 (Musica nella scuola secondaria di I
grado), A53 (Storia della musica negli istituti di istruzione secondaria di II grado).
Il testo ripercorre per punti e snodi essenziali tutto il programma di esame delle
discipline di insegnamento relative alle classi di concorso A29 Musica nella scuola
secondaria di I grado (ex classe A031), A30 Musica nella scuola secondaria di I grado
(ex classe A032) e A53 Storia della musica negli istituti di istruzione secondaria di II
grado, al fine di permettere un rapido ripasso delle materie. Ampio spazio è dato anche
alla didattica e alla pedagogia della musica. Il testo è quindi utile per la preparazione
a tutte le prove concorsuali scritte, orali e pratiche.
Completano il manuale le Indicazioni e linee guida nel primo ciclo di istruzione,
indispensabili per una corretta progettazione di lezioni e unità di apprendimento, e i
programmi di concorso.
Indice

Parte
I   Linguaggio musicale e pedagogia della musica
Capitolo 1  Pedagogia della musica
  1 L’insegnamento della musica nella scuola italiana..................................................... Pag. 7
  2 L’educazione alla musica nelle disposizioni normative correnti................................ » 8
2.1 Le funzioni della musica........................................................................................ » 9
2.2 Obiettivi dell’educazione musicale: una sintesi................................................... » 10
  3 Lo sviluppo di abilità e competenze musicali.............................................................. » 12
3.1 Le tassonomie........................................................................................................ » 12
3.2 I prerequisiti musicali............................................................................................ » 15
  4 Musica e bisogni educativi speciali: la didattica inclusiva.......................................... » 17
4.1 Il ruolo del laboratorio musicale nella didattica inclusiva.................................. » 18
  5 Lo sviluppo delle abilità musicali dall’infanzia all’adolescenza................................. » 19
5.1 Musica nella prima infanzia: il gioco musicale .................................................... » 20
5.2 Il canto e lo sviluppo della voce ........................................................................... » 21
5.3 L’apprendimento strumentale.............................................................................. » 22
5.4 Insegnare la grammatica della notazione ........................................................... » 24

Capitolo 2  Il suono, gli strumenti musicali, la voce umana


  1 Elementi di acustica...................................................................................................... » 27
1.1 Il suono................................................................................................................... » 27
1.2 Trasmissione del suono......................................................................................... » 27
1.3 Velocità del suono.................................................................................................. » 28
1.4 Fenomeni di riflessione del suono........................................................................ » 28
1.5 Caratteristiche fisiche del suono........................................................................... » 28
1.6 I suoni armonici..................................................................................................... » 29
1.7 Il fenomeno dell’oscillazione simpatica............................................................... » 30
1.8 Il fenomeno dell’interferenza................................................................................ » 30
1.9 Il fenomeno dei battimenti.................................................................................... » 30
  2 Gli strumenti musicali e l’orchestra.............................................................................. » 30
2.1 Produzione del suono negli strumenti................................................................. » 30
2.2 Classificazione degli strumenti............................................................................. » 31
2.3 L’orchestra.............................................................................................................. » 32
  3 La voce umana .............................................................................................................. » 34
3.1 Anatomia e fisiologia dell’organo vocale............................................................. » 34
3.2 I registri vocali........................................................................................................ » 34
3.3 La risonanza della voce......................................................................................... » 34
3.4 Il canto.................................................................................................................... » 35
3.5 Classificazione delle voci....................................................................................... » 35
  4 Gli elementi del linguaggio musicale........................................................................... » 35
4.1 Il ritmo ................................................................................................................... » 36
4.2 La melodia.............................................................................................................. » 36
4.3 L’armonia................................................................................................................ » 36
4.4 Il timbro.................................................................................................................. » 37
4.5 La dinamica............................................................................................................ » 37
  5 La psicologia della musica............................................................................................ » 37
5.1 Musica ed emozioni............................................................................................... » 38
5.2 Musica e cervello: gli orientamenti delle neuroscienze ...................................... » 40
216    Indice

Capitolo 3  Modelli e approcci della didattica musicale


Introduzione........................................................................................................................ Pag. 43
  1 L’educazione ritmica di Emile Jaques-Dalcroze.......................................................... » 43
  2 Carl Orff: fare musica con la voce, il corpo, gli strumenti............................................ » 44
  3 Zoltán Kodály: il repertorio popolare e il sistema del do mobile................................ » 46
3.1 La solmisazione o sistema del do mobile............................................................. » 47
  4 Edgar Willems: l’educazione all’orecchio..................................................................... » 47
  5 Edwin Gordon e la music learning theory..................................................................... » 48
  6 Lo strumento musicale e la teoria della «lingua madre» di Shiniki Suzuki................ » 49
  7 L’apprendimento informale della musica.................................................................... » 51
7.1 Il modello pedagogico della Community Music................................................... » 52

Capitolo 4  La notazione
  1 Dal suono al segno........................................................................................................ » 53
1.1 La notazione greca................................................................................................. » 53
1.2 La scrittura musicale nel Medioevo...................................................................... » 53
  2 La notazione attuale..................................................................................................... » 55
2.1 Il pentagramma...................................................................................................... » 55
2.2 Le chiavi.................................................................................................................. » 56
2.3 Le note ................................................................................................................... » 56
2.4 Figure musicali e pause corrispondenti................................................................ » 57
2.5 Scala diatonica e scala cromatica......................................................................... » 58

Capitolo 5  L’ascolto
  1 Ascolto e sviluppo dell’intelligenza musicale.............................................................. » 59
  2 Gli elementi del linguaggio musicale........................................................................... » 59
  3 Esempi di brani d’ascolto.............................................................................................. » 62
3.1 Ildegarda di Bingen: Sequenza Columba aspexit. ................................................ » 62
3.2 Johann S. Bach: Concerti brandeburghesi............................................................ » 62
3.3 Wolfgang Amadeus Mozart Le nozze di Figaro...................................................... » 64
3.4 Ludwig van Beethoven Sinfonia n. 5 in do minore op. 67...................................... » 64
3.5 Franz Schubert Sinfonia n. 7 in do maggiore «La Grande».................................... » 65
3.6 Robert Schumann Sinfonia n. 4 in re minore op. 120............................................ » 65
3.7 Fryderyk Chopin Concerto n. 2 in fa minore per pianoforte e orchestra op. 21..... » 66
3.8 Franz Liszt Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra...... » 66
3.9 Johannes Brahms Sinfonia n. 4 in mi minore op. 98............................................. » 67
3.10 Modest Musorgskij Quadri di una esposizione..................................................... » 67
3.11 Pëtr Il’ič Čajkovskij Concerto n. 1 in si bemolle minore per pianoforte e orche-
stra op. 23.............................................................................................................. » 68
3.12 Claude Debussy Preludio al pomeriggio di un fauno........................................... » 68
3.13 Gaetano Donizetti L’elisir d’amore....................................................................... » 68
3.14 Giuseppe Verdi La Traviata.................................................................................. » 69
3.15 Giacomo Puccini La fanciulla del West................................................................ » 70
3.16 Pietro Mascagni Cavalleria rusticana.................................................................. » 71
Capitolo 6  Musica e Tecnologia......................................................................... » 73

Parte
II   Storia della musica
Capitolo 1  La musica nel mondo antico
  1 La musica nel mondo antico......................................................................................... » 77
1.1 Le civiltà mesopotamiche..................................................................................... » 77
Indice    217

1.2 L’antico Egitto........................................................................................................ Pag. 77


1.3 Gli Ebrei.................................................................................................................. » 78
1.4 La Cina.................................................................................................................... » 79
1.5 L’India..................................................................................................................... » 80
  2 La musica in Grecia....................................................................................................... » 80
2.1 La Grecia................................................................................................................. » 80
2.2 La musica a Roma.................................................................................................. » 81

Capitolo 2  La musica monodica nel medioevo


  1 Il canto gregoriano: storia del repertorio..................................................................... » 83
  2 La modalità nel canto gregoriano................................................................................ » 84
  3 I generi liturgici e gli stili melodici................................................................................ » 85
  4 Diffusione e ampliamento del Gregoriano................................................................... » 87
  5 Ildegarda di Bingen e il ruolo delle monache nella pratica del canto piano.............. » 87
  6 I repertori devozionali................................................................................................... » 88
6.1 La lauda.................................................................................................................. » 88
6.2 Le Cantigas de Santa Maria................................................................................... » 88
6.3 Il dramma liturgico................................................................................................ » 89
  7 La musica profana......................................................................................................... » 89
7.1 La canzone latina................................................................................................... » 89
7.2 Trovatori, trovieri .................................................................................................. » 90
7.3 I Minnesänger......................................................................................................... » 90

Capitolo 3  La musica polifonica nel medioevo


  1 Che cos’è la polifonia.................................................................................................... » 91
  2 Le principali forme polifoniche del dodicesimo e del tredicesimo secolo................. » 91
2.1 La scuola di Notre-Dame e i suoi antecedenti...................................................... » 91
  3 Il mottetto del tredicesimo secolo................................................................................ » 93
  4 L’Ars Nova....................................................................................................................... » 93
4.1 Philippe de Vitry, Guillaume de Machaut............................................................. » 93
4.2 Le forme musicali dell’Ars Nova............................................................................ » 94
  5 Il Trecento...................................................................................................................... » 94
5.1 Le forme musicali del Trecento............................................................................. » 95

Capitolo 4  La polifonia sacra e profana


  1 La scuola fiamminga..................................................................................................... » 97
1.1 L’arte polifonica..................................................................................................... » 97
1.2 La messa................................................................................................................. » 97
1.3 La prima generazione di maestri fiamminghi...................................................... » 97
1.4 Il perfezionismo tecnico: la seconda generazione di maestri fiamminghi......... » 97
1.5 La terza generazione di maestri fiamminghi........................................................ » 98
1.6 Il Mottetto............................................................................................................... » 98
  2 La riforma: Il corale........................................................................................................ » 98
2.1 Il canto luterano..................................................................................................... » 98
2.2 Rielaborazione del corale...................................................................................... » 98
  3 La scuola polifonica romana......................................................................................... » 99
3.1 Il clima controriformistico..................................................................................... » 99
3.2 Giovanni Pierluigi da Palestrina............................................................................ » 99
3.3 Altri autori.............................................................................................................. » 100
 4 L’oratorio........................................................................................................................ » 100
4.1 Dalla lauda all’oratorio.......................................................................................... » 100
4.2 Evoluzione dell’oratorio........................................................................................ » 101
218    Indice

  5 La Polifonia profana dal XV al XVII secolo..................................................................... Pag. 101


5.1 La chanson ............................................................................................................. » 101
5.2 La frottola .............................................................................................................. » 101
5.3 Altri generi: Villancico e Villanella ........................................................................ » 101
5.4 Il madrigale ............................................................................................................ » 102

Capitolo 5  L’opera seria dalle origini al Settecento


  1 La nascita di melodramma........................................................................................... » 105
1.1 La Camerata dei Bardi........................................................................................... » 105
 2 Monteverdi..................................................................................................................... » 105
2.1 Il melodramma....................................................................................................... » 105
  3 Il nuovo pubblico dei teatri........................................................................................... » 106
3.1 La fruizione musicale nel Seicento....................................................................... » 106
3.2 Il bel canto.............................................................................................................. » 107
  4 Diffusione del melodramma in Europa........................................................................ » 107
4.1 G. F. Handel (1685-1759)........................................................................................ » 107
  5 Successo dell’opera italiana......................................................................................... » 108
  6 La «Riforma»: Gluck e Calzabigi.................................................................................... » 109

Capitolo 6  L’opera buffa


  1 Decadenza del melodramma seicentesco................................................................... » 111
1.1 Fortuna dell’opera buffa........................................................................................ » 111
1.2 Gli intermezzi......................................................................................................... » 111
1.3 La scuola napoletana............................................................................................ » 112
  2 Caratteri dell’opera buffa.............................................................................................. » 113
2.1 I personaggi............................................................................................................ » 113
2.2 Fortuna dell’opera comica.................................................................................... » 113

Capitolo 7  La musica strumentale dal Cinquecento a Mozart


  1 Dal Cinquecento al Barocco.......................................................................................... » 115
1.1 Il basso continuo.................................................................................................... » 115
1.2 La sonata e il concerto........................................................................................... » 115
1.3 Virtuosismo strumentale....................................................................................... » 116
  2 Johann Sebastian Bach (1685-1750)............................................................................ » 117
2.1 Gli inizi della carriera............................................................................................. » 117
2.2 Da organista a Konzertmeister.............................................................................. » 117
2.3 Da Weimar a Köthen.............................................................................................. » 117
2.4 Da Köthen a Lipsia................................................................................................. » 118
2.5 Gli ultimi anni......................................................................................................... » 119
  3 Il Settecento e il Classicismo......................................................................................... » 119
3.1 C.P. Emanuel e J.C. Bach........................................................................................ » 119
3.2 Rinnovamento dell’orchestra................................................................................ » 120
3.3 La Forma-sonata e la sinfonia classica................................................................. » 120
  4 Franz Joseph Haydn (1732-1809)................................................................................. » 120
  5 Wolfgang Amadeus Mozart........................................................................................... » 122
5.1 Infanzia in viaggio.................................................................................................. » 122
5.2 Ultimi viaggi........................................................................................................... » 122
5.3 Mozart a Vienna...................................................................................................... » 123
5.4 Una morte misteriosa............................................................................................ » 123
  6 Joseph Bologne, Chevalier de Saint Georges (ca. 1745-99)........................................ » 124
Indice    219

Capitolo 8  La musica strumentale nella prima metà dell’Otto-


cento
  1 Nuove prospettive......................................................................................................... Pag. 125
  2 Le forme strumentali..................................................................................................... » 125
2.1 Il poema sinfonico................................................................................................. » 125
  3 Il Romanticismo............................................................................................................. » 126
3.1 Il mutato ruolo dell’artista.................................................................................... » 126
  4 Il romanticismo strumentale tedesco attraverso Ludwig van Beethoven.................. » 127
4.1 I primi anni............................................................................................................. » 127
4.2 Il periodo dell’apprendistato................................................................................ » 127
4.3 Le grandi composizioni.......................................................................................... » 128
4.4 La malattia e la morte............................................................................................ » 128
  5 Robert Schumann ......................................................................................................... » 129
  6 Clara Wieck Schumann (1819-1896)............................................................................. » 129
  7 Fanny Mendelssohn Hensel (1805-1847)...................................................................... » 130
  8 Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847)................................................................... » 130
  9 Fryderyk Chopin (1810-1849)........................................................................................ » 130
10 Le scuole nazionali........................................................................................................ » 131
10.1 Il Gruppo dei Cinque............................................................................................ » 131
10.2 Modest Petrovič Musorgskij (1839-1881)............................................................. » 132
10.3 Nikolaj Rimskij-Korsakov..................................................................................... » 133
10.4 Pyotr Ilyich Čajkovskij (1840-1893)...................................................................... » 134

Capitolo 9  La musica vocale da camera


  1 Il Lied.............................................................................................................................. » 135
1.1 Origini..................................................................................................................... » 135
1.2 Struttura e caratteri............................................................................................... » 135
1.3 Il carattere dilettantesco....................................................................................... » 135
  2 I grandi autori di Lieder................................................................................................. » 136
2.1 Franz Schubert (1797-1828) .................................................................................. » 136
2.2 I Lieder.................................................................................................................... » 136
  3 La romanza da salotto................................................................................................... » 137
3.1 Francesco Paolo Tosti (1846-1916)........................................................................ » 137

Capitolo 10  Il melodramma nell’Ottocento


  1 Dal Classicismo al Romanticismo................................................................................. » 139
1.1 Gioacchino Rossini (1792-1868)............................................................................ » 139
1.2 Da teatrante a compositore................................................................................... » 139
1.3 La riforma rossiniana............................................................................................. » 140
1.4 Le opere di successo.............................................................................................. » 140
  2 La funzione sociale della musica.................................................................................. » 141
  3 Il melodramma romantico italiano.............................................................................. » 141
  4 Vincenzo Bellini............................................................................................................. » 142
4.1 Una vita breve e intensa........................................................................................ » 142
4.2 La personalità di Bellini......................................................................................... » 142
  5 Un fervido compositore: Gaetano Donizetti (1797-1848)............................................ » 143
5.1 Gli anni del successo.............................................................................................. » 143
5.2 Popolarità delle opere di Donizetti....................................................................... » 144
  6 Giuseppe Verdi (1813-1901).......................................................................................... » 144
6.1 Gli esordi................................................................................................................. » 145
6.2 Gli «anni di galera»................................................................................................. » 145
6.3 Le ragioni della fama............................................................................................. » 146
220    Indice

  7 Giacomo Puccini (1858-1924)....................................................................................... Pag. 147


7.1 L’erede di Verdi....................................................................................................... » 147
7.2 I capolavori............................................................................................................. » 148
7.3 La fortuna............................................................................................................... » 148
  8 Il dramma musicale tedesco......................................................................................... » 148
  9 Richard Wagner (1813-83)............................................................................................. » 149
9.1 Le prime opere....................................................................................................... » 149
9.2 La tetralogia........................................................................................................... » 150
9.3 Il teatro di Bayreuth............................................................................................... » 150
10 Il teatro musicale verista............................................................................................... » 151
10.1 Il caposcuola del verismo.................................................................................... » 151
10.2 La fortuna del repertorio mascagnano............................................................... » 151
10.3 Altri autori veristi.................................................................................................. » 152
10.4 Le esecuzioni veriste............................................................................................ » 152
11 Voci e personaggi del melodramma............................................................................. » 153

Capitolo 11  La musica del Novecento


  1 La crisi del sistema tonale............................................................................................. » 155
1.1 L’impressionismo di Claude Debussy (1862-1918)............................................... » 155
1.2 L’influenza dei preraffaelliti................................................................................... » 155
1.3 I poemi sinfonici..................................................................................................... » 156
1.4 La rivoluzione del linguaggio musicale................................................................ » 156
  2 Igor Stravinskij (1882-1971): un musicista eclettico ................................................... » 157
2.1 L’incontro con Djagilev.......................................................................................... » 157
2.2 La fase «fauve»....................................................................................................... » 157
2.3 La fase neoclassica................................................................................................ » 158
2.4 Il periodo americano............................................................................................. » 158
  3 La politonalità e l’espressionismo................................................................................ » 159
3.1 Gustav Mahler (1860-1911): un grande innovatore.............................................. » 159
3.2 Gli studi musicali.................................................................................................... » 159
3.3 Il sinfonismo mahleriano....................................................................................... » 160
3.4 La direzione d’orchestra........................................................................................ » 160
3.5 Le composizioni..................................................................................................... » 160
  4 La dodecafonia.............................................................................................................. » 161
4.1 L’atonalità............................................................................................................... » 161
4.2 La serie................................................................................................................... » 161

Capitolo 12  La musica colta e le nuove tendenze del Novecento


  1 La musica «colta» del Novecento negli USA................................................................. » 163
1.1 Dagli anni Venti alla Seconda Guerra Mondiale................................................... » 163
1.2 Il secondo dopoguerra........................................................................................... » 165
1.3 La minimal music................................................................................................... » 165
  2 Dalla musica elettronica alla computer music............................................................ » 166
2.1 La musica elettronica............................................................................................ » 166
2.2 La musica elettroacustica...................................................................................... » 166
2.3 Musica acusmatica................................................................................................ » 167
2.4 Computer music..................................................................................................... » 167
2.5 Musica spettrale..................................................................................................... » 167

Capitolo 13  Il jazz


  1 La musica afro-americana............................................................................................ » 169
1.1 Lo spiritual............................................................................................................. » 169
1.2 Il blues..................................................................................................................... » 169
Indice    221

  2 Il jazz.............................................................................................................................. Pag. 170


2.1 Le origini................................................................................................................. » 170
2.2 New Orleans........................................................................................................... » 170
2.3 Chicago................................................................................................................... » 171
2.4 New York e l’era dello swing.................................................................................. » 171
2.5 Il be-bop.................................................................................................................. » 172
2.6 Il cool jazz e il free jazz........................................................................................... » 172
2.7 Il jazz oggi............................................................................................................... » 172

Capitolo 14  Elementi di etnomusicologia


  1 Musica e etnologia......................................................................................................... » 175
  2 La funzione propiziatoria e esorcizzante della musica............................................... » 175
2.1 I riti propiziatori..................................................................................................... » 175
2.2 Musica «folklorica» profana................................................................................... » 176
  3 La musica popolare italiana......................................................................................... » 176
3.1 Le tendenze di fondo............................................................................................. » 176
3.2 I repertori regionali ............................................................................................... » 176

Capitolo 15  La canzone d’autore e la musica rock


  1 Un «genere minore»...................................................................................................... » 179
  2 La canzone francese...................................................................................................... » 179
2.1 Gli chansonnier...................................................................................................... » 179
2.2 I cantautori............................................................................................................. » 180
2.3 Canzone e impegno politico.................................................................................. » 180
  3 La canzone italiana....................................................................................................... » 180
3.1 La scuola genovese................................................................................................ » 180
3.2 Altri cantautori....................................................................................................... » 181
3.3 La nuova musica napoletana................................................................................ » 181
  4 La musica IBERICA......................................................................................................... » 182
4.1 La musica spagnola............................................................................................... » 182
4.2 Il fado portoghese.................................................................................................. » 182
  5 La canzone d’autore in Sud America............................................................................ » 182
5.1 Una premessa necessaria...................................................................................... » 182
5.2 Musica popolare in Argentina................................................................................ » 183
5.3 La scuola brasiliana............................................................................................... » 184
5.4 La canzone cilena.................................................................................................. » 184
  6 La musica rock............................................................................................................... » 185
6.1 L’evoluzione del rock: il fenomeno Beatles.......................................................... » 186

Capitolo 16  La chitarra in Sud America


  1 L’epoca precolombiana................................................................................................. » 187
  2 I paesi andini.................................................................................................................. » 187
  3 Argentina e Brasile......................................................................................................... » 188
 4 Venezuela....................................................................................................................... » 188
 5 Messico........................................................................................................................... » 188

Capitolo 17  Storia della danza


  1 L’arte del movimento corporeo.................................................................................... » 189
1.1 Espressioni di danza.............................................................................................. » 189
  2 La danza nel mondo antico........................................................................................... » 189
2.1 La choreia greca..................................................................................................... » 190
2.2 Roma...................................................................................................................... » 190
2.3 Il Medioevo............................................................................................................. » 190
222    Indice

  3 L’Umanesimo e il Rinascimento................................................................................... Pag. 191


3.1 Trattati e maestri di ballo...................................................................................... » 191
  4 Danza di corte e danza teatrale.................................................................................... » 192
  5 La danza borghese dell’Ottocento............................................................................... » 192
  6 Nuovi linguaggi coreutici del Novecento..................................................................... » 193
6.1 Isadora Duncan...................................................................................................... » 193
6.2 La scuola Denisshawn........................................................................................... » 193
6.3 La Cinetografia Laban ........................................................................................... » 194
6.4 L’espressionismo.................................................................................................... » 194
  7 La danza contemporanea............................................................................................. » 194
7.1 Martha Graham ..................................................................................................... » 194
7.2 La danza negli Stati Uniti nella prima metà del novecento................................. » 195
7.3 L’astrattismo.......................................................................................................... » 195
7.4 La Post-modern Dance ........................................................................................... » 195
7.5 Il teatro danza di Pina Bausch (1940-2009).......................................................... » 196

Capitolo 18  La musica applicata ai film


  1 La musica dal cinema muto all’avvento del sonoro.................................................... » 197
1.1 I rumori................................................................................................................... » 197
1.2 Le funzioni della musica nel film........................................................................... » 197
  2 Composizioni classiche come colonne sonore............................................................ » 199
  3 La musica protagonista: i musical................................................................................ » 199
3.1 Le origini del musical............................................................................................. » 199
3.2 Dagli anni Trenta agli anni Sessanta..................................................................... » 199
3.3 Le opere rock e la disco-music nel cinema........................................................... » 200

Appendici
Appendice I  Indicazioni e linee guida nel primo ciclo di istruzione
(D.M. 254/2012)........................................................................................................ » 203
Appendice II  I programmi di concorso previsti dal D.M. 95/2016
(Allegato A)......................................................................................................... » 207
1
Pedagogia della musica

1 L’insegnamento della musica nella scuola italiana


Contrariamente a quanto la secolare tradizione musicale italiana lascerebbe suppor-
re, la musica ha avuto un ruolo piuttosto marginale nella storia del sistema scolastico
italiano e nella formazione del futuro cittadino. Basta dare uno sguardo alla storia della
legislazione scolastica dell’ultimo secolo per rendersi conto che le istituzioni italiane
hanno impiegato del tempo prima di riconoscere il valore educativo della musica nel
percorso di formazione scolastica dell’individuo e assegnarle un ruolo pedagogico più
significativo.
La scuola italiana tra Otto e Novecento dà priorità al disegno rispetto alla musica, che
è materia facoltativa e si limita all’esperienza del canto, considerato non un’attività di
tipo intellettuale, ma un esercizio di tipo pratico, con finalità di svago e di interruzione
ricreativa dallo sforzo cognitivo delle materie principali.
È solo nel 1923 che il canto corale diventa disciplina obbligatoria nei programmi
della scuola elementare grazie all’influenza del pensiero pedagogico di Rosa Agazzi,
che considera il canto corale come un potente mezzo di promozione del senso di aggre-
gazione, e l’educazione dell’orecchio come essenziale nell’acquisizione dell’equilibrio
interiore che è a fondamento di una sana convivenza sociale (1).
L’apprendimento avveniva attraverso un processo d’imitazione dell’insegnante, ma
dalla quarta elementare si aggiunge anche la lettura delle note e l’insegnamento delle
figurazioni ritmiche; successivamente, si introducono elementi di storia della musica
per lo più relativi ai grandi musicisti italiani. Tale impostazione si mantiene pressoché
intatta fino ai programmi scolastici del 1955, dove persiste la centralità del canto cora-
le, ma scompaiono i riferimenti agli elementi teorici della musica ed è presente, per la
prima volta, un riferimento alle attività di ascolto musicale.
L’espressione «educazione musicale» è usata, per la prima volta, nei programmi della
scuola media unificata nel 1963. In essi, l’educazione musicale si configura come una
componente di una più ampia educazione artistica ed estetica e, come tale, viene resa
obbligatoria solo per il primo anno, mentre resta facoltativa in seconda e terza media.
Ma è dal 1979, che l’educazione musicale entra a far parte, a pieno titolo, del curricolo
della scuola secondaria di primo grado come materia indipendente, con due ore setti-
manali in tutte le tre classi, e viene riconosciuta per la sua capacità di mettere in moto
processi cognitivi e suscitare una risposta emotiva nell’allievo.
Prima di analizzare gli orientamenti recenti sull’educazione musicale nella scuola,
è importante fare riferimento ad altre ulteriori tappe di questo percorso attraverso cui

(1) Per approfondire, si consiglia, T. PIRONI. Musica ed educazione alla cittadinanza nelle esperienze didattiche di
Rosa Agazzi, Giuseppina Pizzigoni, Maria Montessori, Musica Docta, VII, 2017, p. 1-9. (ISSN 1234-5678).
8    Parte I  Linguaggio musicale e pedagogia della musica

l’educazione musicale ha tentato faticosamente di stabilire «un proprio statuto discipli-


nare e nobilitarsi come materia in grado d’attivare parimenti facoltà cognitivo-culturali,
linguistico-comunicative, estetico-critiche» (2).
Nel 1985, influenzati da una emergente impostazione cognitivista e dalla diffusione
del pensiero di Bruner in Italia, le indicazioni per i programmi scolastici della cosid-
detta «educazione al suono e alla musica» pongono l’accento sull’ambito dell’ascolto
e della produzione musicale con la finalità di sviluppare la capacità di percezione e
comprensione della realtà acustica e dei diversi linguaggi sonori. Questa attenzione per
la produzione e l’ascolto musicale viene approfondita nel 2004 attraverso la Riforma
Moratti e successivamente nel 2012 con le indicazioni per la scuola del Ministro Fioroni,
che sembrano dare priorità al «fare musica» e all’aspetto della produzione musicale,
rispetto a quelli della conoscenza e dell’ascolto musicali.
D’altra parte, l’attivazione delle scuole medie sperimentali a indirizzo musicale,
ricondotte a ordinamento con il DM 3 maggio 1999, aveva già dato compimento a una
tendenza che dava priorità a una formazione musicale principalmente incentrata sullo
studio dello strumento musicale, che comunque includeva attività di ascolto parteci-
pativo, di musica di insieme, oltre che lo studio di teoria e lettura della musica.
Successivamente, la riforma Gelmini non solo sancisce definitivamente il primato
della pratica strumentale sin dalla scuola elementare, ma con l’istituzione dei licei
musicali (DM 4 febbraio 2010), azzera la cultura di una formazione diffusa alla musica,
che scompare da tutti i Licei non musicali, e asseconda un orientamento educativo alla
musica essenzialmente professionalizzante.

2 L’educazione alla musica nelle disposizioni normative correnti


La musica, al pari delle altre discipline del curricolo, contribuisce alla formazione della
personalità globale dell’allievo. Nell’ultimo decennio, infatti, le indicazioni ministeriali
individuano chiaramente il fondamentale contributo di questa disciplina, anche in una
prospettiva interdisciplinare, alla maturazione espressiva e comunicativa dei preado-
lescenti. A questo proposito, si ritiene importante rifarsi al D.M. 16 novembre 2012, che
contiene le indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo
ciclo d’istruzione, e pone le basi teoriche a sostegno del valore educativo della musica
nel percorso di formazione del bambino. Il documento, che riporta anche i traguardi per
lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento al termine della scuola
secondaria di primo grado, non solo da’ legittimazione alla musica come componente
essenziale della formazione dell’individuo ma individua le funzioni educative specifiche
della musica, ed esplicita i due ambiti nei quali l’educazione musicale si articola, quello
della pratica musicale (la cosiddetta produzione) e quello della conoscenza (denominata
fruizione consapevole), secondo una tendenza che conferma e approfondisce le scelte
legislative precedenti (3):

(2) N. BADOLATO e A. SCALFARO. L’educazione musicale nella scuola italiana dall’unità ad oggi, Musica Docta. Rivista
digitale di Pedagogia e Didattica della musica, III, 2013, p. 99 (ISSN 2039-9715).
(3) Per avere un quadro normativo completo, si consiglia di consultare il D.M. 16 novembre 2012, n. 25: La musica
nelle indicazioni nazionali per il curricolo del primo ciclo dell’istruzione.
Capitolo 1  Pedagogia della musica    9

La musica, componente fondamentale e universale dell’esperienza umana, offre uno


spazio simbolico e relazionale propizio all’attivazione di processi di cooperazione e socia-
lizzazione, all’acquisizione di strumenti di conoscenza, alla valorizzazione della creatività
e della partecipazione, allo sviluppo del senso di appartenenza a una comunità, nonché
all’interazione fra culture diverse.
L’apprendimento della musica consta di pratiche e di conoscenze, e nella scuola si
articola su due dimensioni:
a) produzione, mediante l’azione diretta (esplorativa, compositiva, esecutiva) con e sui
materiali sonori, in particolare attraverso l’attività corale e di musica d’insieme;
b) fruizione consapevole, che implica la costruzione e l’elaborazione di significati perso-
nali, sociali e culturali, relativamente a fatti, eventi, opere del presente e del passato.
Il canto, la pratica degli strumenti musicali, la produzione creativa, l’ascolto, la com-
prensione e la riflessione critica favoriscono lo sviluppo della musicalità che è in ciascuno;
promuovono l’integrazione delle componenti percettivo-motorie, cognitive e affettivo-
sociali della personalità; contribuiscono al benessere psicofisico in una prospettiva di
prevenzione del disagio, dando risposta a bisogni, desideri, domande, caratteristiche
delle diverse fasce d’età. In particolare, attraverso l’esperienza del far musica insieme,
ognuno potrà cominciare a leggere e a scrivere musica, a produrla anche attraverso
l’improvvisazione, intesa come gesto e pensiero che si scopre nell’attimo in cui avviene:
improvvisare vuol dire comporre nell’istante.

2.1 Le funzioni della musica


Il documento delinea anche le funzioni formative che la musica assume nel percorso
di crescita del ragazzo:

L’apprendimento della musica esplica specifiche funzioni formative, tra loro interdi-
pendenti. Mediante la funzione cognitivo-culturale gli alunni esercitano la capacità
di rappresentazione simbolica della realtà, sviluppano un pensiero flessibile, intuitivo,
creativo e partecipano al patrimonio di diverse culture musicali; utilizzano le competenze
specifiche della disciplina per cogliere significati, mentalità, modi di vita e valori della
comunità cui fanno riferimento.
Mediante la funzione linguistico-comunicativa la musica educa gli alunni all’espressione
e alla comunicazione attraverso gli strumenti e le tecniche specifiche del proprio linguaggio.
Mediante la funzione emotivo-affettiva gli alunni, nel rapporto con l’opera d’arte,
sviluppano la riflessione sulla formalizzazione simbolica delle emozioni.
Mediante la funzione identitaria e interculturale la musica induce gli alunni a prendere
coscienza della loro appartenenza a una tradizione culturale e nel contempo fornisce loro gli
strumenti per la conoscenza, il confronto e il rispetto di altre tradizioni culturali e religiose.
Mediante la funzione relazionale essa instaura relazioni interpersonali e di gruppo,
fondate su pratiche compartecipate e sull’ascolto condiviso.
Mediante la funzione critico-estetica essa sviluppa negli alunni una sensibilità arti-
stica basata sull’interpretazione sia di messaggi sonori sia di opere d’arte, eleva la loro
autonomia di giudizio e il livello di fruizione estetica del patrimonio culturale.
10    Parte I  Linguaggio musicale e pedagogia della musica

In quanto mezzo di espressione e di comunicazione, la musica interagisce costantemen-


te con le altre arti ed è aperta agli scambi e alle interazioni con i vari ambiti del sapere.
L’analisi di queste indicazioni nazionali suggerisce una serie di riflessioni che posso-
no fornire spunti importanti nell’elaborazione di strategie didattiche musicali efficaci.
— La musica contribuisce a sviluppare le capacità di pensiero cognitivo, non solo
quello immaginativo, che può sembrare più direttamente connesso con l’esperienza
musicale, ma anche quello logico, analitico e inferenziale, attraverso l’ascolto, la
riflessione e l’interpretazione dei fatti sonori.
— La musica è intesa come un linguaggio non verbale, una forma di comunicazione
che, al pari della lingua, consta dell’esperienza della ricezione (ascolto, lettura) e
dell’espressione (fare musica). Come per scrivere in modo corretto è necessaria la
conoscenza delle regole grammaticali, così per fruire in modo consapevole della
musica e per fare musica è necessario conoscere le leggi che regolano il linguaggio
musicale e imparare ad applicarle.
— È interessante anche notare la funzione della musica come canale di elaborazione
culturale, di comunicazione e di espressione, attraverso il quale l’allievo conosce
il mondo che lo circonda e si appropria della tradizione culturale di appartenenza.
Questo ambito è stato ripreso e sottolineato dalla Legge 107/2015 «della buona
scuola» che, al comma 181 (lettera g) prevede che il Governo si impegni nella «pro-
mozione e diffusione della cultura umanistica, valorizzazione del patrimonio e della
produzione culturali, musicali, teatrali, coreutici e cinematografici» e nel «sostegno
della creatività connessa alla sfera estetica» attraverso, fra le altre cose, l’attivazione
di collaborazioni fra scuola e varie istituzioni culturali nazionali e il potenziamento
dell’offerta formativa artistica e musicale extrascolastica, dei licei musicali e delle
scuole secondarie di primo grado a indirizzo musicale (4).
— La musica consente di entrare in contatto con la propria sfera emotiva ed affettiva,
non solo perché stimola la socializzazione e la partecipazione attiva, ma perché con-
sente agli studenti di esprimere il proprio vissuto affettivo e misurarsi con una vasta
gamma di emozioni riflesse nella dimensione poetico-immaginativa dell’esperienza
musicale.

2.2 Obiettivi dell’educazione musicale: una sintesi


Il testo legislativo riporta i seguenti obiettivi d’apprendimento e traguardi per lo
sviluppo delle competenze nella scuola primaria e in quella secondaria di primo grado:
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (5)
L’alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,
spaziale e in riferimento alla loro fonte.

(4) Per ulteriori considerazioni sulle più recenti disposizioni normative in materia di educazione musicale, si consiglia
la consultazione di L. AVERSANO, (2019). Musica e scuola in Italia: le recenti disposizioni normative (1999-2019). Musica
Docta, IX, p. 67-76. (ISSN 2039-9715).
(5) Per completezza e per dare maggior contesto alla legislazione riguardante la scuola secondaria di primo grado,
si riportano anche gli obiettivi di apprendimento e i traguardi per lo sviluppo delle competenze musicali al termine
della scuola primaria.
Capitolo 1  Pedagogia della musica    11

Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musi-
cali, imparando ad ascoltare sé stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche
o codificate.
Articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; le
esegue con la voce, il corpo e gli strumenti, ivi compresi quelli della tecnologia informatica.
Improvvisa liberamente e in modo creativo, imparando gradualmente a dominare
tecniche e materiali, suoni e silenzi.
Esegue, da solo e in gruppo, semplici brani vocali o strumentali, appartenenti a generi
e culture differenti, utilizzando anche strumenti didattici e auto-costruiti.
Riconosce gli elementi costitutivi di un semplice brano musicale, utilizzandoli nella
pratica.
Ascolta, interpreta e descrive brani musicali di diverso genere.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta della scuola primaria
— Utilizzare voce, strumenti e nuove tecnologie sonore in modo creativo e consapevole,
ampliando con gradualità le proprie capacità di invenzione e improvvisazione.
— Eseguire collettivamente e individualmente brani vocali/strumentali anche polifonici,
curando l’intonazione, l’espressività e l’interpretazione.
— Valutare aspetti funzionali ed estetici in brani musicali di vario genere e stile, in re-
lazione al riconoscimento di culture, di tempi e luoghi diversi.
— Riconoscere e classificare gli elementi costitutivi basilari del linguaggio musicale
all’interno di brani di vario genere e provenienza.
— Rappresentare gli elementi basilari di brani musicali e di eventi sonori attraverso
sistemi simbolici convenzionali e non convenzionali.
— Riconoscere gli usi, le funzioni e i contesti della musica e dei suoni nella realtà mul-
timediale (cinema, televisione, computer).
Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di
primo grado
L’alunno partecipa in modo attivo alla realizzazione di esperienze musicali attraverso
l’esecuzione e l’interpretazione di brani strumentali e vocali appartenenti a generi e
culture differenti.
Usa diversi sistemi di notazione funzionali alla lettura, all’analisi e alla produzione
di brani musicali.
È in grado di ideare e realizzare, anche attraverso l’improvvisazione o partecipando a
processi di elaborazione collettiva, messaggi musicali e multimediali, nel confronto critico
con modelli appartenenti al patrimonio musicale, utilizzando anche sistemi informatici.
Comprende e valuta eventi, materiali, opere musicali riconoscendone i significati,
anche in relazione alla propria esperienza musicale e ai diversi contesti storico-culturali.
Integra con altri saperi e altre pratiche artistiche le proprie esperienze musicali,
servendosi anche di appropriati codici e sistemi di codifica.
Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria
di primo grado
— Eseguire in modo espressivo, collettivamente e individualmente, brani vocali e stru-
mentali di diversi generi e stili, anche avvalendosi di strumentazioni elettroniche.
12    Parte I  Linguaggio musicale e pedagogia della musica

— Improvvisare, rielaborare, comporre brani musicali vocali e strumentali, utilizzando


sia strutture aperte, sia semplici schemi ritmico-melodici.
— Riconoscere e classificare anche stilisticamente i più importanti elementi costitutivi
del linguaggio musicale.
— Conoscere, descrivere e interpretare in modo critico opere d’arte musicali e proget-
tare/realizzare eventi sonori che integrino altre forme artistiche, quali danza, teatro,
arti visive e multimediali.
— Decodificare e utilizzare la notazione tradizionale e altri sistemi di scrittura.
— Orientare la costruzione della propria identità musicale, ampliarne l’orizzonte valo-
rizzando le proprie esperienze, il percorso svolto e le opportunità offerte dal contesto.
— Accedere alle risorse musicali presenti in rete e utilizzare software specifici per ela-
borazioni sonore e musicali».
Le indicazioni nazionali sembrano indicare 4 aree principali attraverso le quali svi-
luppare competenze e conoscenze musicali:
— l’educazione dell’orecchio musicale: la memorizzazione dei fatti sonori e la discri-
minazione dei loro aspetti (ritmico, melodico, armonico e formale); la formazione
del senso ritmico nella gestualità libera e nella danza; l’analisi del suono (altezza,
intensità, timbro e durata);
— la conoscenza della notazione musicale e della corrispondenza tra segno e suono;
— la lettura dell’opera musicale: educazione all’ascolto, affinamento del gusto, analisi
dei brani musicali, scoperta dei più significativi autori di tutti i tempi;
— la produzione espressivo-creativa e performativa, come il canto corale, la pratica
strumentale, la riproduzione di modelli musicali prefissati e la creazione (intesa come
composizione e improvvisazione) di modelli musicali e canori nuovi.
In base a queste indicazioni, l’educatore musicale può proporre un vasto repertorio
musicale e spaziare dalla musica sinfonica e lirica al folclore e alla musica popolare,
alla musica leggera e ai brani strumentali moderni, tenendo conto delle preferenze
espresse dagli allievi, e stimolandoli ad esprimere le proprie inclinazioni individuali.
È importante sottolineare anche l’aspetto tecnologico e la crescente importanza data
all’uso di risorse musicali presenti in rete che, specialmente in concomitanza con il
lockdown dovuto al COVID-19, si sono diffuse rapidamente e si sono spesso tradotte in
cori e ensemble virtuali, creazione di radio musicali online o di composizioni virtuali
condivise.

3 Lo sviluppo di abilità e competenze musicali


3.1 Le tassonomie
Le indicazioni nazionali per il curricolo della scuola secondaria di primo grado deli-
neano gli obiettivi generali dell’apprendimento musicale. La pedagogia suggerisce che
il conseguimento di tali obiettivi passa attraverso l’articolazione di obiettivi specifici,
operativi, concreti e organizzati in modo progressivo e sequenziale che, per essere rag-
giunti, sono di solito tradotti in competenze e abilità musicali, ovvero in un «sapere» e in
un «saper fare», che scandiscono le diverse fasi dell’apprendimento. La classificazione
Capitolo 1  Pedagogia della musica    13

sistematica secondo una gerarchia ascendente degli obiettivi educativi generali e delle
competenze e abilità richieste per raggiungerli costituisce le cosiddette tassonomie. Tali
obiettivi sono di solito formulati come comportamenti e vengono pertanto enunciati
mediante verbi di azione (ad esempio «eseguire in modo espressivo», «improvvisare»,
«decodificare la notazione musicale») che possono essere facilmente osservabili e per-
tanto valutabili. La conoscenza delle tassonomie è importante per disegnare il curricolo
musicale e programmare le unità didattiche, le cui attività consentiranno agli studenti
di sviluppare le prefissate competenze e abilità.
La psicologia dell’educazione considera quella di Bloom come una delle tassonomie
più chiare proprio per la sua derivazione squisitamente pedagogica. Elaborata negli
Stati Uniti alla metà del secolo scorso, e revisionata nel 2001, la tassonomia di Bloom
individua obiettivi didattici in tre ambiti principali:
— un ambito cognitivo, che concerne la conoscenza, la comprensione e lo sviluppo di
capacità intellettuali quali l’analisi, la sintesi ovvero la capacità di formulare giudizi
e valutazioni;
— un ambito affettivo, che interessa l’individuazione di interessi specifici, la capacità
di rispondere a degli stimoli in modo individuale, di formulare opinioni su di essi e
organizzare in modo coerente i propri atteggiamenti;
— un ambito psicomotorio, che si riferisce allo sviluppo dei movimenti di base, delle
capacità percettive, delle capacità fisiche, dei movimenti che richiedono destrezza e
capacità di comunicare con il gesto (linguaggio gestuale).
Per ciascuno di questi ambiti, Bloom individua sei fasi, sei livelli progressivi che
dovrebbero essere acquisiti in modo sequenziale. Il dominio cognitivo consta di sei
momenti:
1. La conoscenza: la capacità di riconoscere e ricordare un contenuto nella forma in
cui è stato presentato la prima volta (fatti, termini, concetti, regole etc.);
2. La comprensione: la capacità di spiegare idee e concetti e tutto ciò che viene comu-
nicato senza stabilire relazioni;
3. L’applicazione: la capacità di utilizzare ciò che è stato appreso per risolvere altri
problemi e per affrontare nuove situazioni;
4. L’analisi: la capacità di scomporre gli elementi di un contenuto e di individuare le
relazioni tra le parti;
5. La valutazione: la capacità di esprimere giudizi seguendo criteri di coerenza logica
(interni) o giudizi di esperti (esterni);
6. La sintesi/creazione: la capacità di raccogliere i contenuti appresi per produrre
nuove strutture.
Il dominio affettivo comprende:
1. La partecipazione, ossia l’apertura a prender parte all’esperienza con consapevo-
lezza;
2. La risposta, intesa come la partecipazione volontaria all’evento educativo che sol-
lecita una reazione volontaria dell’individuo;
3. La valorizzazione, che implica sviluppare una motivazione e investire energie nell’e-
vento educativo attraverso un impegno concreto che ne testimonia la rilevanza;
14    Parte I  Linguaggio musicale e pedagogia della musica

4. L’ organizzazione, che implica imparare a sistematizzare e dare priorità a valori e


scelte in modo autonomo;
5. La caratterizzazione, intesa come la capacità di fare scelte personali e rispondere
in modo adeguato a diverse situazioni, in base ad una serie di valori e in virtù dell’e-
laborazione di una chiara visione del mondo.
Infine, il dominio psicomotorio stabilisce 5 tappe progressive che, partendo dall’i-
mitazione, passano gradualmente per la manipolazione, l’accuratezza e l’articolazione,
fino a giungere alla naturalizzazione, ossia il processo attraverso il quale l’individuo
ha internalizzato i meccanismi psicomotori di una certa attività che è ormai in grado
di condurre con un minimo sforzo fisico o mentale. Questo dominio è particolarmente
rilevante nell’ambito dell’apprendimento strumentale, che implica un vero e proprio
training fisico e muscolare oltre che cognitivo ed espressivo.
L’altra tassonomia che ha una rilevanza specifica nell’ambito dell’apprendimento
musicale, cui si fa un ampio riferimento, è quella di Guilford. Il processo cognitivo,
secondo Guilford, consta di tre aspetti: le operazioni (attività mentali), i contenuti (il
materiale usato), i prodotti (i risultati dell’apprendimento). Le operazioni sono:
— cognizione;
— memoria;
— pensiero convergente;
— pensiero divergente;
— valutazione.
I contenuti sono:
— figurativi o percettivi, cioè costituiti da immagini (intelligenza pratica);
— simbolici, ossia formati da numeri e da lettere (intelligenza teorica);
— semantici, costituiti da parole (intelligenza verbale);
— comportamentali, attinenti al comportamento proprio e altrui (intelligenza com-
portamentale).
I prodotti sono:
— l’unità;
— le classi;
— le relazioni;
— i sistemi;
— le trasformazioni;
— le implicazioni.
Questi aspetti, variamente utilizzati, consentono di ottenere le 120 combinazioni del
cosiddetto cubo di Guilford, che rappresenta, in forma tridimensionale, il livello raggiun-
gibile dallo studente quando si combinano insieme particolari operazioni, contenuti e
prodotti. L’insegnante individua gli obiettivi dell’insegnamento, connettendo elementi
diversi di ciascuno dei tre aspetti.
Le tassonomie costituiscono uno strumento significativo nell’organizzazione di
qualsiasi unità didattica e nell’individuazione di obiettivi pedagogici specifici rilevanti
nella misura in cui tengono conto dello sviluppo della personalità degli allievi in tutte
le sue dimensioni. Ogni stimolo ambientale (quale può essere un argomento o un’at-
Capitolo 1  Pedagogia della musica    15

tività musicale proposto dall’insegnante) deve essere in grado di stimolare la risposta


dell’allievo e formare la persona a tutti i livelli. La conoscenza e la pratica musicale
costituiscono, infatti, un’espressione attiva della personalità, giacché presuppongo-
no funzioni psichiche cognitive (funzioni logiche necessarie per la comprensione del
senso del tempo, creatività e fantasia), affettive (emozioni, sentimenti e interessi),
psico-motorie (coordinazione oculo-manuale, senso del ritmo); inoltre svolgono una
non trascurabile funzione sociale perché forniscono opportunità di collaborazione e
confronto, e favoriscono la comunicazione fra individui in una modalità che, al pari
delle altre forme di linguaggio non verbale, arricchiscono e integrano la comunica-
zione verbale.
Il dibattito sulla pedagogia musicale in Italia mira ad accentuare il valore del processo,
ossia del percorso di apprendimento, rispetto al prodotto, al risultato musicale finale.
In questo rinnovato paradigma pedagogico, la finalità dell’apprendimento/insegna-
mento musicale può essere definita come quella di «sviluppare le competenze musicali
della persona, risultanti dall’integrazione fra strutture del linguaggio musicale (come
sono definite dalle discipline musicologiche) e le strutture dell’esperienza della persona
inserita in una società» (6). In questo senso, il pedagogo italiano Del Frati si schiera
apertamente per uno stile pedagogico dinamico, che faciliti la capacità dell’allievo di
utilizzare tutte le proprie risorse fisiche, intellettive, affettive ed estetiche per sviluppare
la propria musicalità.
Questo paradigma dinamico, tuttavia, presuppone la presenza di un insegnante
aperto ai generi musicali più diversi e disposto ad assecondare interessi, inclinazioni,
esigenze e aspirazioni dell’allievo (7).

3.2 I prerequisiti musicali


La maggior parte dei preadolescenti che approdano alla scuola secondaria di pri-
mo grado, anche chi non ha ancora fatto esperienza di apprendimento musicale in
contesti formali, possiede un certo bagaglio di cultura musicale, perché «consuma»
quotidianamente molta musica attraverso i media e i social media che costituiscono un
importante veicolo di comunicazione sonora. Tutti i ragazzi, perciò, all’ingresso nella
scuola secondaria di primo grado hanno già maturato un preciso gusto personale in
fatto di musica.
La psicologia spiega che esiste una lingua musicale materna, il cosiddetto motherese
(8), comune ai nativi di una data cultura, attraverso la quale la madre e il bambino sono
in grado di comunicare sin dalla nascita. Una vasta gamma di studi di ricerca mostra
come le primissime interazioni fra madre e neonato siano squisitamente musicali perché
caratterizzate da un ritmo regolare, un senso melodico e una spiccata narratività; attra-

(6) DEL FRATI, C., Fondamenti di pedagogia musicale. Un paradigma educativo, EDT, Torino, 2008, p. 367.
(7) Ivi, pp. 148-205.
(8) Pur nella consapevolezza che il panorama di studi su questo argomento è vasto e variegato, si consigliano in
questa sede i seguenti testi di riferimento:
E. DISSANAYAKE, Art and Intimacy: How the Arts Began, Seattle, WA: University of Washington Press, 2000.
S. MALLOCH e C. TREVARTHENS, Communicative musicality: Exploring the basis of human companionship, Oxford
University Press, Oxford UK 2009.

Potrebbero piacerti anche