Sei sulla pagina 1di 19

,

Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca


Anno Accademico 2012/2013

Scuola di Specializzazione in

Oftalmologia
1. La fibroplasia retrolentale; 9. L'ectopia lentis si associa spesso a:
A Colpisce i bambini prepubere A* Sindrome di Marfan
B Colpisce i soggetti adulti B Glicogenosi;
C È una malattia professionale C Sindrome di Patau;
D* Si caratterizza per una fase vaso-obliterativa iniziale D Trisomia del 13
E Non è una malattia dei prematuri E Trisomia del 21

2. Le rosette di Flexner-Wintersteiner sono caratteristiche di: 10. L'associazione della retinite pigmetosa con obesità, bassa statura,
ipogonadismo e polidattilia è nota come :
A* Retinoblastoma
B Melanoma della coroide A* Sindrome di Bardet-Biedl
C Carcinoma squamocellulare B Sindrome di Usher
D Carcinoma mucoepidermoidale C Sindrome di Patau
E Nessuno dei precedenti D Sindrome di Turner
E Sindrome di Klinefelter
3. I nevi della coroide:
11. L'incidenza del glaucoma congenito è:
A Sono rari
B* Sono abbastanza comuni; A* da 1:5000 a 1: 10.000 nati vivi
C Sono tipici solo di alcune razze; B 1:100.000 nati vivi;
D Non è descritta patologia melanocitaria nella coroide C 1:200 nati vivi;
E Vanno sempre asportati per il rischio di evoluzione melanomatosa D 1:250.000 nati vivi
E 1:500 nati vivi
4. La classificazione di McCallan del tracoma:
12. Nella fase acuta del papilledema:
A* Si divide in IV stadi
B Prevede tre categorie distinte A Sono presenti edema e congestione vascolare della testa del nervo ottico
C È una classificazione basata su dati sierologici B La foveola fisiologica viene obliterata
D Prevede due stadi maggiori e tre minori C Si possono evidenziare emorragie nel nervo ottico
E Nessuna delle precedenti D* Tutte le precedenti
E Nessuna delle precedenti
5. Nella trisomia 21 si hanno:
13. Cataratta, vitreo iperplastico persistente primitivo e coloboma sono caratteri
A ipertelorismo che si trovano nell'80% dei casi di:
B rime palpebrali oblique o arcuate
C epicanto A Trisomia 18
D* tutte le precedenti B* Trisomia 13
E nessuna delle precedenti C Trisomia 21;
D Sindrome di Turner
6. Tutte le seguenti sono anomalie congenite dell'apparato lacrimale tranne: E Diabete materno

A Fistole; 14. In quale malattia si hanno depositi corneali di cellule infiammatorie croniche
B Atresa del canale naso-lacrimale "a grasso di montone" (precipitati cheratici)?
C Atresia semplice dei puntini lacrimali;
D Atresia complessa dei puntini lacrimali A Tubercolosi miliare
E* Sindrome sicca B* Sarcoidosi
C Insufficienza epatica
7. Le distrofie corneali ereditarie D Sindrome epatorenale
E Morbo di Parkinson
A Sono bilaterali e solitamente simmetriche
B Sono causa di perdita della vista 15. La distrofia di Fuchs
C I pazienti vanno incontro a trapianto di cornea
D* Tutte le precedenti A è la forma di distrofia più comune dell'epitelio corneale
E Nessuna delle precedenti B è ereditata in forma autosomico dominante
C è tipica dell'infanzia
8. Le macchie di Brushfield : D è congenita
E* A+B
A Si ritrovano in tutte le patologie iridee
B Appaiono solo dopo esposizione solare 16. II test di Farnsworth serve per esplorare le turbe del senso cromatico:
C* Si osservano nella trisomia del 21
D Si hanno nella cataratta congenita A principalmente sull'asse rosso-verde
E Non esistono lesioni con tale nome in patologia oculare; B principalmente sull'asse giallo-blu
C* su tutti gli assi

Oftalmologia Pag. 1/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
D sotto luminanza mesopica 26. All'esame fluoroangiografico una emorragia appare come:
E sotto luminanza scotopica
A area iperfluorescente nelle fasi precoci
17. La tilosi consiste in: B* area ipofluorescente che permane tale nel corso dell'esame
C area ipofluorescente tardiva
A Assenza congenita delle ciglia D area iperfluorescente precoce
B Assenza delle ciglia che compare dopo la nascita E nessuna alterazione
C Decolorazione congenita delle ciglia
D* Decolorazione delle ciglia che compare dopo la nascita 27. Lo xantelasma si riscontra:
E Impianto abnorme delle ciglia
A Nella congiuntiva
18. Una diminuzione rapida e importante della glicemia è associata a: B Nella cornea
C* Nella cute palpebrale
A aumento dell'errore rifrattivo miopico D Nella sclera
B* aumento dell'errore rifrattivo ipermetropico E Nella capsula di Tenone
C aumento della presbiopia
D aumento dapprima miopico, poi ipermetropico 28. Quale dei seguenti segni oftalmoscopici NON è presente nella
E nessun cambiamento dell'errore rifrattivo degenerazione maculare senile?

A drusen soft
19. L'oftalmia simpatica implica:
B atrofia dell'epitelio pigmentato retinico
A* Patologia di un occhio indotta dall'adelfo C* essudati molli
B Patologia di un occhio a causa di infezione distrettuale D essudati duri
C Patologia di un occhio a causa di infezione generale E emorragie sottoretiniche
D Patologia di un occhio a causa di lesione nervosa
E Patologia di un occhio a causa di condizione dismetabolica 29. Nell'afachia chirurgica può esserci:

A La pupilla intensamente nera


20. Si definisce ipopion:
B L'aumento di profondità della camera anteriore
A Raccolta di pus sterile in camera anteriore C L'iridodonesi
B Raccolta di pus settico in camera anteriore D L'assenza delle immagini lenticolari di Purkinje
C Raccolta di sangue in camera anteriore E* Tutti questi segni
D* A + B
E Raccolta di pura fibrina in camera anteriore 30. II muscolo costrittore della pupilla è innervato:

A Dal simpatico
21. L'oftalmia simpatica consegue a:
B* Dal parasimpatico
A Postumi di traumi inveterati C Da entrambi
B Postumi di ferita orbito-palpebrale D Dal quarto paio di nervi cranici
C Postumi di ferita del corpo ciliare E Dal sesto paio di nervi cranici
D* A + C
E Postumi di causticazione 31. La camera anteriore è occupata normalmente:

A Da siero
22. Quale delle seguenti affermazioni a proposito del pucker maculare NON è
corretta? B Da linfa
C Da vitreo
A è una membrana fibrocellulare avascolare che prolifera sulla superficie D* Da umore acqueo
retinica interna E Da C + D
B crea trazione tangenziale sulla macula
C causa perdita della visione centrale con o senza metamorfopsie 32. La pupilla nel sonno è:
D può essere presente edema maculare
E* è caratterizzato da emorragie sottoretiniche A* Miotica
B Midriatica
23. La percezione simultanea è: C Non subisce modificazioni di ampiezza
D Subisce modificazioni di forma
A La capacità di percepire due immagini disparate contemporaneamente con E B+D
un occhio
B* La capacità di percepire due immagini disparate o identiche 33. La ghiandola lacrimale è una ghiandola:
contemporaneamente con i due occhi
C La capacità di distinguere a livello di coscienza percettiva l'immagine A Tubulare semplice
singola trasmessa dall'uno o dall'altro occhio
B Tubulare composta
D La capacità di percepire contemporaneamente immagini vicine e lontane
C* Tubulo acinosa ramificata composta
E Nessuna di tutte queste
D Tubulo acinosa semplice
E Apocrina
24. L'emeralopia consegue a:

A Degenerazione dell'epitelio pigmentato 34. L'ipermetropia è massima:


B Avitaminosi del gruppo a
A* Nella prima infanzia
C Avitaminosi del gruppo b
B Nella seconda infanzia
D* A + B
C Nell'adolescenza
E A+C
D Nella maturità
E Indipendentemente dall'età
25. Quale vitamina è particolarmente abbondante nel cristallino:

A Vit. A 35. Il torcicollo oculare è atteggiamento compensatore di:


B Vit. B6
A Diplopia monoculare
C* Vit. C
B* Diplopia binoculare
D Vit. E
C Confusione
E Vit. K
D Falsa localizzazione dell'immagine

Oftalmologia Pag. 2/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
E Di nessuna di dette condizioni D* A+B+C
E A+B
36. La soppressione elimina nell'occhio interessato:
46. La diagnosi differenziale tra papilla da stasi e papillite si basa sulla presenza
A La diplopia di :
B La confusione
C II campo visivo in toto A emorragie retiniche maculari
D* A+B B meteorismo
E II campo visivo centrale C intolleranza alla luce
D* nessuno dei precedenti
37. Il segno pupillare di Argyll-Robertson è segno di: E tutti i precedenti

A* Lue cerebrale 47. Nell'attacco acuto di glaucoma la pupilla appare:


B Leucoencefalite
C Tumore cerebellare A normo-reagente alla luce
D Meningioma B miotica
E Di nessuna delle precedenti C midriatica
D non reagente alla luce
38. La frattura traumatica del pavimento orbitario comporta E* C + D

A Enoftalmo 48. Complicanze della retinopatia diabetica sono:


B Diplopia nello sguardo in basso
C Ptosi A Le trombosi venose retiniche
D* A + B + C B La retinopatia proliferante
E Nessuna delle precedenti C II glaucoma
D* A + B + C
39. La degenerazione ialoidea della cornea è: E L'atrofia ottica

A Grassosa 49. L'oftalmometro di Javal-Schioetz è utilizzato per determinare:


B* Ialina
C Calcica A la lunghezza del bulbo
D Osteo-condrale B il diametro corneale
E Nessuna delle precedenti C* il raggio di curvatura corneale
D la profondità della camera anteriore
40. Il flemmone orbitario può comportare come complicanza E la profondità della camera posteriore

A* Trombosi del seno cavernoso 50. L'ipermetropia nell'evoluzione dell'età:


B Distacco retinico
C A+B A Anticipa cronologicamente la necessità di lenti per vicino
D Meningite B Impone dopo i 50 anni l'uso di lenti bifocali (per lontano e vicino)
E Ipertensione endocranica C Favorisce la divergenza
D* A + B
41. Quale tra i seguenti enzimi è in grado di attuare la lisi della zonula di Zinn: E A+C

A Ialuronidasi 51. La lente di Goldmann per l'esame biomicroscopico del fondo possiede:
B* Alfa-chimotripsina
C Tripsina A Due specchi
D Streptochinasi B* Tre specchi
E Ptialina C Quattro specchi
D Cinque specchi
42. La congiuntivite iatrogena necessita: E Sei specchi

A Di colliri antiallergici 52. Nell'attacco acuto di glaucoma può essere presente:


B Di colliri antibiotici
C* Sospensione di qualsiasi farmaco topico A Poliuria
D A+B B* Vomito
E Di colliri cortisonici C Polidipsia
D Diarrea
43. La malattia di Von-Hippel Lindau consiste in: E Tremore

A* Una angiomatosi della retina e del S.N.C. 53. Nei portatori di lenti corneali la principale causa di edema corneale è:
B Una grave forma di atrofia ottica bilaterale
C Una particolare forma di strabismo A* L'anossia
D Una forma tumorale dell'orbita B L'iperglicemia
E Una malformazione delle vie lacrimali C L'ipoglicemia
D Lo sforzo accomodativo
44. I contraccettivi per uso orale possono comportare: E L'ipercorrezione

A Vasculopatie, tromboflebite, ecc. 54. L'iridectomia periferica è:


B Complicazioni del S.N.C.
C Cataratta a sottocoppa A Chirurgica
D* A + B + C B Congenita
E Nessuna delle precedenti C Effettuata a scopo ottico
D Effettuata per favorire il deflusso dell'acqueo
45. La visione binoculare normo-sviluppata comporta: E* È A + D

A II parallelismo oculare 55. Quale delle seguenti malattie infettive può essere causa di retinite pseudo
B La corrispondenza biretinica normale pigmentosa?
C La stereopsi

Oftalmologia Pag. 3/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
A Toxoplasmosi 65. In quale delle seguenti affezioni ereditarie è presente la cheratopatia a
B* Morbillo bandelletta?
C Candidosi
A Alcaptonuria
D Toxocariosi
B Iperlisinemia
E Brucellosi
C* Ipofosfatemia
D Omocistinuria
56. A livello retinico i coni sono localizzati prevalentemente:
E Galattosemia
A All'estrema periferia
B* A livello maculare 66. Nella macula c'è concentrazione:
C Su tutto l'ambito retinico, macula esclusa
A* Di coni
D Nello strato delle fibre ottiche
B Di bastoncelli
E Su C + D
C A+B
D Di fibre ganglionari
57. I coni e bastoncelli costituiscono:
E Di cellule bipolari
A* Lo strato più esterno della retina
B Lo strato più interno della retina 67. La visione binoculare comprende:
C Uno degli strati intermedi della retina
A La percezione simultanea
D Lo strato dell'epitelio pigmentato
B La fusione
E La lamina fusca
C La stereopsi
D A+B
58. Per la correzione di una presbiopia in soggetto emmetrope si usano:
E* A+B+C
A Lenti cilindriche positive
B Lenti cilindriche negative 68. Il senso stereoscopico è:
C* Lenti sferiche positive
A* La percezione in prospettiva delle immagini visive
D Lenti sferiche negative
B La percezione prospettica dei suoni
E Combinazioni sfero-cilindriche
C Un sesto senso
D Un fatto tattile
59. Una lesione del nervo ottico di destra causerà:
E Concernente il colore
A Areflessia pupillare destra
B* Assenza del riflesso fotomotore diretto destro 69. Un rabdomiosarcoma oculare è:
C Assenza del riflesso fotomotore consensuale destro
A Un processo degenerativo
D Assenza del riflesso fotomotore diretto sinistro
B Un tumore benigno dei tessuti molli
E Presenza del riflesso fotomotore consensuale sinistro
C* Una neoplasia maligna a differenziazione muscolare
D Una neoplasia maligna a differenziazione cartilaginea
60. Quale delle seguenti affermazioni NON è vera nel glaucoma pigmentario?
E Una neoplasia maligna a differenziazione linfo-ghiandolare
A* apposizione o adesione dell'iride al trabecolato
B forma di glaucoma ad angolo aperto 70. Il test di Schirmer primo valuta:
C alterazioni dell'epitelio pigmantato irideo
A La secrezione lacrimale riflessa
D presenta fuso di Krukenberg
B* La secrezione lacrimale totale
E importante accumulo di pigmento nella trama del trabecolato
C La secrezione lacrimale basale
D La secrezione lacrimale nella componente sierosa
61. Quale delle seguenti strutture oculari non è coinvolta in corso di
panencefalite sclerosante subacuta: E La secrezione lacrimale nella componente mucosa

A Retina 71. II punto di passaggio tra retina visiva e retina cieca è definito «ora serrata»;
B Nervo ottico a questo livello la retina:
C* Cristallino
A Subisce un assottigliamento
D Muscolatura estrinseca
B Mantiene invariato il suo spessore
E Muscolatura intrinseca
C Aumenta di spessore
D Aderisce all'epitelio pigmentato
62. La sclerosi multipla determina nell'occhio:
E* A + D
A Emianopsia
B Uveite 72. In pazienti con una neurite ottica acuta, quale delle seguenti affermazioni è
coretta?
C* Neurite ottica
D Distrofia corneale A* normale l'aspetto della papilla ottica
E Cataratta B normale la sensibilità al contatto
C normale la risposta pupillare alla luce
63. Le vie oculogire sovraintendono: D normali i potenziali evocati visivi
E normale la visione dei colori
A All'oculomozione volontaria
B All'oculomozione sensorio-riflessa
73. In caso di attacco di glaucoma si usano:
C All'oculomozione automatico-riflessa
D All'occlusione palpebrale A Pilocarpina
E* A+B+C B Inibitori dell'anidrasi carbonica
C Beta-bloccanti
64. Formazione della immagine retinica: D Osmotizzanti
E* A+B+C+D
A Reale, rimpicciolita e diritta
B Virtuale, rimpicciolita e diritta
74. L'abolizione del riflesso fotomotore diretto con persistenza del riflesso
C Reale, ingrandita e diritta miosi-accomodazione-convergenza va sotto il nome di:
D Reale, ingrandita e rovesciata
E* Reale, rimpicciolita e rovesciata A Segno di Marcus Gunn
B* Segno di Argyll-Robertson

Oftalmologia Pag. 4/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C Segno di Behr
D Segno di Argyll-Robertson invertito A Diplopia
E Segno di pseudo Argyll-Robertson B Vertigini
C Errata localizzazione dell'immagine
75. La terapia del flemmone del sacco lacrimale è: D* Deviazione del capo
E Nessuno di tali effetti
A Cortisone a dosi elevate
B Sondaggio delle vie lacrimali 85. Le arterie ciliari posteriori lunghe sono per ogni occhio:
C Incisione
D Antibiotici a largo spettro A* 2
E* C+D B 4
C 8
76. Nelle degenerazioni maculari senili il visus: D 10
E 30
A È abolito
B È ridotto 86. Nella filariosi si possono osservare le larve:
C È conservato
D deformato A Nella congiuntiva
E* B+D B Nella cornea
C Nell'iride
77. II simblefaron è dovuto: D Nel cristallino
E* A+C
A A causticazioni corneo-congiuntivali
B A malattie mucosinechianti 87. Un occhio miope di due diottrie osservato alla schiascopia eseguita ad un
C A congiuntiviti allergiche metro di distanza con specchio piano fornirà:
D* Ad A e/o B insieme
E A congiuntiviti batteriche A Un'ombra diretta
B* Un'ombra inversa
78. Nella ptosi palpebrale paralitica è implicato: C Un'ombra neutra
D Nessuna ombra
A Il muscolo retto superiore E Un'ombra non pupillare
B Il muscolo orbicolare delle palpebre
C* Il muscolo elevatore della palpebra superiore 88. Il fenomeno di Tyndall è:
D Il muscolo tarsale superiore
E Il muscolo di Riolano A La percezione di un raggio luminoso in un mezzo otticamente vuoto
B Un fenomeno esclusivo delle soluzioni colloidali
79. Quale è la metodica più attendibile per la diagnosi dell'emangioma C Un fenomeno di riflessione della luce da una superficie solida
cavernoso della coroide, a diottri trasparenti: D* Un fenomeno di riflessione della luce nell'attraversamento di un liquido o di
un gas
A L'angiografia retinica a fluorescenza E Nessuna di queste situazioni
B* L'angiografia ad indocianina verde
C L'ecografia 89. Della cosiddetta presunta istoplasmosi oculare quale è la causa della
D La transilluminazione possibile cecità :
E L'elettroretinografia
A Atrofia ottica
B Cataratta complicata
80. Si definisce dacriops:
C* Neovascolarizzazione subretinica maculare
A* una cisti della ghiandola lacrimale D Foro maculare
B l'atrofia senile della ghiandola lacrimale E Cheratite bollosa
C un'anomalia congenita del sacco lacrimale
D un'ectasia secondaria del sacco lacrimale 90. Un fascio di raggi luminosi che convergono su un punto ha, alla distanza di
1 m dal fuoco, una vergenza positiva di:
E un'atrofia del sacco lacrimale
A* + 1 diottria
81. Nei casi iniziali di glaucoma cronico semplice come prova da carico viene B + 0,1 diottria
utilizzata:
C + 10 diottrie
A* acqua D + 5 diottrie
B alchool E + 0,6 diottrie
C derivati della marijuana
D farmaci osmotici 91. L'elettroretinogramma è estinto:
E farmaci adrenergici
A Nell'atrofia ottica
B* Nella degenerazione tapeto-retinica
82. Nel glaucoma congenito abbiamo:
C Nelle degenerazioni maculari
A* buftalmo D Nelle emianopsie
B criptoftalmo E In A + C
C bulbo normale
D microftalmo 92. Che cos'è il test di Amsler?
E abolizione della camera anteriore
A un test per valutare la densità della cataratta
B un test per valutare la variazione della pressione oculare
83. I tumori più frequenti a livello del nervo ottico sono:
C un test per valutare la riduzione della capacità visiva
A Emangiopericitomi D* un test per valutare le metamorfopsie
B Linfomi E un test per valutare le miodesopsie
C Meningiomi
D Astrocitomi 93. La diagnosi clinica di melanocitoma del disco ottico è possibile mediante:
E* Astrocitomi e meningiomi
A La biomicroscopia
B L'ecografia
84. Le paralisi di sguardo implicano:

Oftalmologia Pag. 5/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C* L'angiografia retinica a fluorescenza
D I potenziali visivi evocati A I neurone
E La transilluminazione B II neurone
C III neurone
94. La sindrome della loggia cavernosa comprende: D Neuro-epitelio
E* A+B
A Miosi-ptosi-enoftalmo-paralisi del Vll-nistagmo
B* Miosi-ptosi-enoftalmo-paralisi del Vl-sintomatologia trigeminale 104. Nella cheratite herpetica è presente più frequentemente:
C Miosi-ptosi-enoftalmo-paralisi del VII-emisindrome cerebellare
D Miosi-ptosi-enoftalmo-paralisi del VI-emisindrome cerebellare A Iperestesia corneale
E Miosi-ptosi-enoftalmo-paralisi del V, VI e VII B* Ipoestesia corneale
C Normoestesia corneale
95. Quale delle seguenti affermazioni a proposito della papilla da stasi NON è D Ipoestesia congiuntivale
corretta? E Parestesia

A di solito bilaterale 105. Nel glaucoma cronico semplice il primo danno campimetrico è costituito
B causata da un aumento della pressione endocranica da:
C congestione venosa dei vasi arcuati e peripapillari
D iperemia della testa del nervo ottico A* aumento della macchia cieca
E* dolore al movimento oculare B quadrantopsia
C denudamento della macchia cieca
96. Un miope di 2 diottrie, non corretto, ha il punto remoto a: D emianopsia
E scotoma centrale relativo
A 1m
B 25 cm 106. II segno pupillare di Argyll-Robertson è:
C 2,5 m
D* 50 cm A Effetto di lesione chiasmatica
E 5m B Effetto di degenerazione retinica
C Effetto di emianopsia eteronima
97. La cheratite neurotrofica presenta una prognosi migliore in caso di: D* Effetto di lesione del tratto intercalare mesocefalico
E Effetto di lesione del ganglio ciliare
A* Paralisi del V
B Paralisi del VII 107. La galattosemia provoca alterazioni a livello:
C Paralisi del III e del VII
D Paralisi del III A Della cornea
E Nessuno dei casi indicati B* Del cristallino
C Della retina
98. Lo sviluppo maculare è completo D Del nervo ottico
E Del vitreo
A Al terzo mese di vita embrionaria
B Alla nascita 108. L'uso protratto di farmaci fenotiazinici può comportare:
C A due settimane di vita
D* Al sesto mese dopo la nascita A Neurite ottica retrobulbare
E A tre settimane e mezzo B Papilledema
C Cataratta
99. Il tonometro ad indentazione: D* Retinopatia
E Uveite
A Può darci valori errati se vi è cataratta
B Può darci valori errati in caso di rigidità sclerale alterata 109. L'emeralopia consegue a disfunzionalità:
C Può darci valori errati in caso di rigidità glaucoma terminale
D* A + B A Dei coni della retina periferica
E A+C B Dei coni para-maculari
C* Dei bastoncelli
100. L'ipermetropia media tende a scompensarsi funzionalmente: D Dei coni foveali
E Delle cellule bipolari
A Della prima infanzia
B Nella seconda infanzia 110. Nella congiuntivite primaverile la secrezione congiuntivale è
C Nell'adolescenza caratteristicamente ricca di:
D Nella giovinezza
E* Nella maturità A* Eosinofili
B Linfociti
101. L'entropion senile è: C Monociti
D Neutrofili
A Una conseguenza di paralisi del III E Basofili
B Un'assenza della palpebra
C Un'anomalia di posizione in fuori 111. Quale dei seguenti processi patogenetici NON è causa di distacco sieroso
D* Un'anomalia di posizione in dentro del neuroepitelio?
E Una conseguenza di paralisi del VII
A tumori della coroide
B degenerazione maculare senile
102. La novesina è un anestetico:
C* rotture retiniche
A Locale di infiltrazione D soffusione coroideale
B* Locale da contatto E corioretinopatia sierosa centrale
C Generale
D A+B+C 112. II test di Schirmer si usa nelle:
E Non è un anestetico
A Ittiosi
B Diabete
103. Nello spessore della retina sono completamente contenuti quali tratti
neuronici della via ottica? C* Sindromi secche

Oftalmologia Pag. 6/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
D Morbo di Recklinghausen A Di cataratta
E B+C B* Di glaucoma
C Di neurite ottica
113. II secondo punto nodale dell'occhio: D Di anello di Kayser-Fleischer
E Di uveite
A È il punto di incrocio dei raggi dopo la rifrazione attraverso i mezzi
diottrici 123. La presbiopia si corregge con:
B È il centro di rotazione dell'occhio
C È sito in vicinanza del polo posteriore del cristallino A Con lenti prismatiche
D ÈA+B B Con lenti a contatto rigide
E* È A + C C Con lenti a contatto idrofile
D Con lenti cilindriche
114. L'acinesia è E* Con lenti sferiche

A* Tecnica anestesiologica topica per chirurgia oculare 124. Le micropsie seguono a:


B Rilasciamento del retto superiore
C Anomalia di posizionamento della rima palpebrale A Intorbidamento del parenchima corneale
D Anomalia di impianto sopracigliare B* Distanziamento dei coni maculari
E C+D C Addensamento dei coni maculari
D Aumentato indice refrattivo della lente
115. Il midriatico che può essere usato negli esami dei pazienti glaucomatosi col E In nessuna dei precedenti
minore effetto sull'aumento della pressione endoculare è:
125. La corrispondenza retinica è funzione:
A Atropina
B* Fenilefrina A Monoculare
C Ciclopentolato B Binoculare
D Omatropina C Della visione fotopica
E Tropicamide D Della fissazione eccentrica
E* B+C
116. L'«eccentricità» di fissazione vera:
126. In quali casi occorre proteggere la cornea con pomata a base di vitamina A?
A È evento binoculare
B* È evento monoculare A Paralisi del VII
C Dipende dallo stato accomodativo B Paralisi del III
D Dipende dal grado di adattamento luminoso C Paralisi del V
E Dipende dalla distanza dell'oggetto D* A+C
E B+C
117. L'alfachimotripsina è:
127. Il cheratocita è una cellula:
A Ipotensivo oculare
B Vasocostrittore del circolo retinico A Retinica
C* Enzima che ha come elettivo substrato le fibre della zonula B Congiuntivale
D Enzima contenuto nel gel vitreale C* Corneale
E Un costituente del film lacrimale D Del cristallino
E Iridea
118. La papilla da stasi è segno di:
128. Uno scotoma centrale relativo per il verde:
A* Ipertensione endocranica
B Trombosi della vena centrale retinica A È indice di lesione delle radiazioni ottiche
C Spasmo dell'arteria centrale retinica B* È indice di lesione del fascio centrale del nervo ottico
D Ipotensione della vena cava superiore C È indice di cataratta corticale
E Insufficienza carotidea D È indice di A + C
E È indice di leucoma corneale centrale
119. La schiascopia è una metodica:
129. Tra i tumori endocranici, causano più facilmente papilla da stasi quelli
A Per osservare il fondo oculare localizzati:
B* Per effettuare un esame obiettivo della refrazione
C Per rilevare opacità dei mezzi diottrici A Nella fossa cranica anteriore
D Per effettuare un esame del circolo arterioso retinico B Nella fossa cranica media
E Per effettuare un esame del circolo venoso retinico C* Nella fossa cranica posteriore
D Nella volta cranica
120. Nel secreto delle ghiandole del Meibomio esiste predominanza di: E Nella base cranica

A Grassi neutri 130. L'essudato cotonoso è espressione di:


B Fosfolipidi
C* Colesterolo A Alterazione della barriera emato-retinica interna
D Albumine B Alterazione della barriera emato-retinica esterna
E Globulina C* Ischemia retinica
D Ischemia coroideale acuta
121. L'ipermetropia comporta sforzo visivo: E Ischemia coroideale cronica

A Solo per lontano 131. Quanto astigmatismo corneale può essere corretto da una lente corneale
B Solo per vicino rigida:
C* Per lontano e vicino
D A luminanza normale A* Tutto
E A luminanza elevata B Fino a 3 diottrie
C Fino a 2 diottrie
122. La visione di cerchi colorati intorno alle luci è sintomo: D Zero
E Il 50%

Oftalmologia Pag. 7/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
132. La cheratite interstiziale luetica: D* A + C
E Ptosi palpebrale congenita
A è caratterizzata da neovascolarizzazione arborescente
B* è caratterizzata da neovascolarizzazione a spazzola 142. L'atropina farmacologicamente è:
C non presenta in genere neovascolarizzazione
D è caratterizzata da una ulcarazione centrale A Parasimpaticomimetico
E provoca anestesia B* Parasimpaticolitico
C Simpaticomimetico
133. L'elevatore della palpebra superiore è innervato da: D Simpaticolitico
E Parasimpaticomimetico e simpaticolitico insieme
A* III
B IV 143. L'edema maculare cistoide afachico è altresì noto come:
C VI
D Simpatico A* Sindrome di Irvine-Gass
E Parasimpatico B Sindrome di Coats
C Malattia di Stargardt
134. Quale di queste affezioni può complicarsi con la formazione di neovasi D Maculopatia di Best
sottoretinici: E Nessuna delle precedenti

A Retinite pigmentosa 144. L'ambliopia funzionale è associata a:


B Occlusione dell'arteria centrale della retina
C Occlusione della vena centrale della retina A Difetto percettivo binoculare
D* Miopia B* Difetto percettivo monoculare
E Ipermetropia C Presenza di lesioni maculari
D Assenza di lesioni maculari
135. Indicare la manifestazione oculare più frequente in corso di AIDS: E A+C

A Emorragia retinica 145. Le chiazze di Bitot sono dovute:


B* Essudato cotonoso
C Essudato duro A A lue
D Blefarite B A Toxoplasmosi
E Uveite C A tbc
D A diabete
136. Tutte le seguenti complicanze sono associate con l'uso del 5-fluorouracile, E* Ad avitaminosi A
TRANNE:
146. L'emianopsia doppia causata da una lesione retrogenicolata si accompagna
A perdita della ferita congiuntivale a:
B assottigliamento sclerale
C ulcerazione corneale A Normoreflettività pupillare alla luce
D* transitoria pigmentazione dell'epitelio corneale B Ad assenza di percezione di buio totale
E cheraterizzazione corneale C Ad oculomozione normale
D* A+B+C
137. II quadro oftalmologico della neurite ottica retrobulbare è caratterizzato: E B+C

A Dall'edema papillare 147. Le ghiandole di Krause sono:


B* Dall'assenza di alterazioni
C Dalla presenza in sede retinica di essudati A* Lacrimali
D Dalla presenza di emorragia B Sebacee
E Da stasi venosa C A secrezione endocrina
D Sudoripare
138. Le paralisi dello sguardo sono dovute a E Caliciformi

A Lesioni dei nuclei oculomotori 148. Il segno oculare più frequente in corso di stenosi carotidea è:
B Lesioni dei nervi periferici
C* Lesioni sovranucleari A* L'amaurosi transitoria monolaterale
D Lesioni della corteccia occipitale B L'amaurosi transitoria bilaterale
E Lesioni del chiasma ottico C L'emorragia retinica
D L'essudato duro
139. La sindrome irritativa del simpatico cervicale implica: E L'iperemia congiuntivale

A Miosi 149. Una diottria prismatica è quella di un prisma che fa deviare il raggio
B Spasmo accomodativo incidente di:
C* Midriasi
D Enoftalmo A* 1 cm alla distanza di 1 m
E Nessuna delle precedenti risposte è corretta B 10 cm alla distanza di 1 m
C 0,1 cm alla distanza di 1 m
140. La maggior parte dei bambini alla nascita, sotto il profilo refrattivo, è D 1 cm alla distanza di 10 m
E 10 cm alla distanza di 10 m
A* Ipermetrope
B Miope 150. Quali, tra i seguenti gruppi di sintomi, fanno parte della sindrome di
C Emmetrope Pancoast-Tobias?
D Astigmatico
E Ambliope A Miosi, ptosi, enoftalmo
B Sintomatologia dolorosa del plesso brachiale
141. Il nistagmo oculare è spesso rivelatore di: C Disfonia per paralisi del ricorrente
D A+B+C
A Toxoplasmosi congenita bilaterale E* A+B
B Cheratocono unioculare
C Coloboma ottico bilaterale 151. La terapia sistemica del glaucoma acuto richiede:

Oftalmologia Pag. 8/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
D provoca una lenta ma fatale compromissione di tutta la superficie corneale
A Analgesici E* C + D
B* Inibitori dell'anidrasi carbonica
C Midriatici 161. La localizzazione spaziale delle immagini visive dipende:
D Vasocostrittori
E Vasoattivi A Dalla luminosità ambientale scotopica (buio)
B Dal panorama
152. Quale delle seguenti patologie retiniche NON è una distrofia maculare? C Dal loro colore
D* Dall'integrazione tra retina e propriocezioni muscolari oculari
A malattia di Stargardt E Dai labirinti
B malattia di Best
C distrofia a pattern 162. II potere diottrico del cristallino in situ è:
D degenerazione dei coni
E* atrodia girata A* Di 20 diottrie
B Di 28 diottrie
153. II corpo vitreo è composto: C Di 35 diottrie
D Di 40 diottrie
A Da acido ialuronico E Di 45 diottrie
B Per la maggior parte da acqua
C Da collagene 163. Una lente con fuoco a 25 cm ha un potere di:
D* A+B+C
E A+B A 2,5 diottrie
B 1,5 diottrie
154. Quale delle seguenti affermazioni a proposito degli essudati duri retinici C* 4 diottrie
NON è corretta? D 25 diottrie
E 1 diottria
A sono precipitati proteici
B sono localizzati in vicinanza di vasi sani 164. Un miope di 5 diottrie, corretto, ha il punto remoto a:
C sono presenti in caso di retinopatia diabetica
D sono presenti in caso di occlusioni di branca venosa A 2,5 m
E* sono localizzati vicino a vasi retinici con aumetata permeabilità B 2m
C 50 cm
155. Le scleriti sono affezioni sovente concomitanti a processi patologici a D* Infinito
carico: E 1m

A* Del tessuto connettivo 165. La cheratocongiuntivite epidemica è causata da:


B Delle ghiandole endocrine
C Del sistema nervoso A Diplococco
D Del tessuto linfatico B* Tipo 8 del gruppo adenovirus
E Delle vie lacrimali C Streptococco
D Funghi tipo «Candida»
156. Le metamorfopsie sono segno di: E «Proteus vulgaris»

A Astigmatismo corneale 166. I melanomi maligni possono insorgere:


B Astigmatismo lenticolare
C Addensamento vitreale A* Nell'occhio
D Patologia retinica periferica B Nel rene
E* Patologia retinica centrale C Nell'endometrio
D Nella tiroide
157. Quali, tra i seguenti gruppi di sintomi, fanno parte della sindrome di E Nel nevrasse
Babinski-Nageotte?
167. Nel glaucoma il deficit del campo visivo generalmente ha inizio:
A Emiplegia, emianestesia, emisindrome cerebellare controlaterale
B Emiplegia, emianestesia, emisindrome cerebellare omolaterale A Nel settore temporale superiore
C Miosi, ptosi, enoftalmo - paralisi dell'ipoglosso B Nel settore temporale inferiore
D A+C C Nel settore nasale superiore
E* B+C D* Nel settore nasale inferiore
E A+C
158. La scopolamina collirio nell'infanzia può dare:
168. La presbiopia è affezione propria:
A Tachicardia
B Allucinazioni A Dell'infanzia
C Tremori B Dell'adolescenza
D* A+B+C C Della maturità
E Crisi epilettiformi D Della senilità
E* C+D
159. L'ambliopia organica comporta:
169. La visione binoculare:
A* Difetto percettivo del campo visivo centrale
B Difetto percettivo del campo visivo periferico A È propria dell'età adulta
C Perdita della direzione principale visiva B* Si sviluppa nella prima infanzia
D A+B C Si sviluppa nella seconda infanzia
E B+C D È innata filogeneticamente
E È esclusivamente dei primati
160. L'ulcera serpiginosa di Mooren:
170. La miasi oculare è un'affezione sostenuta da:
A colpisce i soggetti di età giovanile
B E' sostenuta dall'Herpes Simplex A Funghi
C esordisce in sede paralimbare B Cestodi

Oftalmologia Pag. 9/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C Nematodi B A distacco di retina
D* Artropodi C A disendocrinopatie
E Trematodi D* Ad A + B
E A disturbi del metabolismo
171. La causa più frequente di glaucoma neovascolare è:
181. Nell'ipertono molto elevato il segno oftalmoscopico più caratteristico è:
A L'ipertono
B* L'ischemia retinica A Polso venoso papillare
C L'ischemia coroideale B* Polso arterioso papillare
D L'ischemia iridea C Aumento del riflesso parietale dei vasi arteriosi retinici
E L'iperemia congiuntivale D Ingorgo delle vene retiniche
E Edema retinico
172. L'immagine virtuale formata da una lente convessa è:
182. L'ipermetropia favorisce l'insorgenza di:
A Rovesciata, ingrandita
B* Diritta e ingrandita A Blefarocongiuntiviti croniche
C Diritta e rimpicciolita B Cataratta complicata
D Diritta e di grandezza invariata C Astenopie accomodative
E Rovesciata e di grandezza invariata D A+B
E* A+C
173. Nella paralisi del muscolo ciliare:
183. La papilla «da stasi» monoculare è segno di:
A Le fibre della zonula sono più tese
B Le fibre della zonula sono più rilasciate A Ipotensione bulbare relativa ex vacuo
C II raggio di curvatura della superficie del cristallino è più grande B Presenza di tumor orbitario
D* A+C C* A+B
E B+D D Presenza di distacco coroideale
E Presenza di flogosi vitreale
174. Le miodesopsie o «mosche volanti» conseguono il più spesso a:
184. La diagnosi differenziale tra papilla da stasi e papillite si basa:
A Leucomi o nubecole corneali
B Tyndall o corpuscolatura in C. A. A sull'edema retinico
C Opacità lenticolari B sull'acutezza visiva
D* Fluidificazione e disorganizzazione vitreale C sulle alterazioni elettroretinografiche
E Angiospasmi retinici D sull'aspetto fluorangiografico della papilla
E* Su B + D
175. L'orzaiolo è:
185. II riflesso fotomotore è dovuto:
A* Affezione stafilococcica delle ghiandole di Meibomio
B Affezione granulomatosa delle ghiandole di Meibomio A Alla risposta retinica alla luce
C Infiammazione comune del bordo palpebrale B Al contrarsi di un muscolo irideo
D Tumore benigno C Alla conduzione attraverso il nervo ottico
E Affezione infiammatoria palpebrale ad eziologia ignota D Alla risposta dell'area striata
E* Ad A + B + C
176. La plica semilunare è una formazione:
186. Col termine deuteranopia si definisce:
A Corneale
B* Congiuntivale A La visione doppia
C Iridea B* L' alterazione della visione dei colori sull'asse rosso-verde
D Palpebrale C L'alterazione della visione dei colori sull'asse giallo-blu
E Orbitaria D La visione notturna
E La visione diurna
177. Il nistagmo oculare si associa a:
187. La variante Schirmer della s. di Sturge-Weber, da quale sintomo è
A Emeralopia essenziale caratterizzata:
B Acromatopsia
C Albinismo A Angiomatosi retinica
D* B+C B* Glaucoma precoce, buftalmo
E A nessuna delle condizioni precedenti C Strabismo
D Aneurisma del poligono del Willis e dell'aorta addominale
178. La sindrome di Sjogren: E Angiomatosi teleangectasica cortico-meningea

A Si associa spesso a un'artrite reumatoide 188. II muscolo di Riolano è contenuto nella struttura:
B Induce una cheratocongiuntivite secca
C Induce una cheratite disciforme A* Della palpebra
D Colpisce prevalentemente il sesso maschile B Della sclera
E* A+B C Dell'iride
D Della capsula di Tenone
179. L'oftalmia simpatica ha decorso: E Della coroide

A Acuto 189. Quale delle seguenti ossa NON contribuisce alla formazione dell'orbita?
B* Subdolo e cronicizzante
C Fulminante A* osso nasale
D Intermittente B osso etmoidale
E Recidivante C osso frontale
D osso sfenoide
180. La cataratta complicata può essere associata: E osso mascellare

A Ad uveite 190. Ipertono oculare transitorio, depositi endoteliali, Tyndall in C.a.,

Oftalmologia Pag. 10/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
monolateralità, insorgenza nel gio- D* glaucoma congenito
vane adulto, sono caratteristiche di quale sindrome: E cheratocono

A Glaucoma cronico semplice 200. Quale tra le seguenti affezioni malformative ereditarie si associa
B* S. di Posner-Schlossmann frequentemente a sublussazione o ectopia del cristallino:
C S. di Behcet
D S. Reiter A* Sindrome di Marfan
E S. di Stickler B Sindrome di Down
C Sindrome di Turner
191. L'effetto prismatico di lenti sferiche è dovuto a: D Sindrome di Weill-Marchesani
E Lenticono
A* decentramento della lente
B differenza dell'indice di refrazione 201. Una riduzione di profondità della camera anteriore può essere dovuta:
C differente velocità della luce tra l'aria e la lente
D A+B A A glaucoma acuto
E B+C B A perforazione della cornea
C A distacco della coroide
192. Quale delle seguenti affermazioni NON è vera nel glaucoma cronico? D* A tutte queste precedenti condizioni
E A miopia elevata
A patologia cronica, bilaterale, spesso asimmetrica negli adulti
B atrofia progressiva delle cellule ganglionari retiniche 202. Nel cheratocono compare:
C* angolo camerulare chiuso
D assottigliamento del rim neuroretinico e perdita del campo visivo A* Astigmatismo irregolare
E perdita del campo visivo B Astigmatismo regolare
C Astigmatismo misto
193. Rotture della membrana di Descemet presenti nel glaucoma congenito: D Astigmatismo contro regola
E Astigmatismo secondo
A* strie di Haab
B strie angioidi 203. Quale è il sito bersaglio elettivo della retinopatia rubeolica?
C rotture laccate
D rotture a ferro di cavallo A Cellule ganglionari
E opercoli B Cellule bipolari
C Capillari sanguigni
194. La blefarocalasi è una affezione: D* Epitelio pigmentato
E Fibre nervose
A* Cutaneo-palpebrale
B Palpebro-congiuntivale 204. Quale delle seguenti strutture è colpita nella malattia di Niemann-Pick?
C Congiuntivale
D Dei muscoli tarsali A La cornea
E Del muscolo orbicolare palpebrale B* La macula
C II nervo ottico
195. Che cosa inducono sull'occhio le prostaglandine: D II vitreo
E II cristallino
A Miosi
B Midriasi 205. In quale affezione il campo visivo evidenzia gli scotomi arciformi di
C Aumento della pressione Bjerrum:
D Diminuzione della pressione
E* A+D A retinite pigmentosa
B* glaucoma cronico primario
196. L'emeralopia essenziale si associa di frequente a: C atrofia ottica dominante
D papillite
A* Discromatopsia E neurite ottica retrobulbare
B Albinismo
C Sordità 206. La dacriocistite congenita richiede sondaggio da eseguirsi
D Strabismo concomitante
E Nessuno dei precedenti A Entro la prima settimana di vita
B Non si esegue mai
197. La leucotrichia è: C* Entro tre mesi dalla nascita
D Oltre un anno di vita
A* Una decolorazione congenita delle ciglia E In età scolare
B Una decolorazione acquisita delle ciglia
C Assenza di ciglia 207. Un collirio per essere tale deve essere:
D Malformazione di impianto delle ciglia
E B+D A Sterile
B Somministrabile a gocce
198. L'ambliopia funzionale è massima se sussiste: C Avere requisiti particolari di potere tampone
D* A+B+C
A Fissazione foveale povera E Nessuna delle precedenti
B Fissazione para-foveale
C Fissazione paramaculare 208. Strato più interno della coroide a diretto contatto con l'epitelio pigmentato
D Fissazione extramaculare retinico:
E* Assenza di fissazione
A Membrana di Bowman
B* Membrana di Bruch
199. Un'assenza di flogosi del segmento anteriore, la lacrimazione riflessa, il
blefarospasmo e la fotofobia sono segni di: C Membrana di Descemet
D Membrana epiretinica
A glaucoma cronico semplice E Membrana sottoretinica
B embriotoxon
C megalocornea 209. Il muscolo di Horner:

Oftalmologia Pag. 11/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
D* A + B + C
A Costituisce la parte lacrimale del muscolo orbicolare E Congiuntivite
B È innervato dal terzo n.c.
C Origina dalla cresta lacrimale posteriore 219. Il nistagmo oculare si differenzia da quello vestibolare:
D* A+C
E È innervato dal parasimpatico oculare A Perché rivela scosse a fasi lenta e rapida
B* Perché rivela scosse di tipo pendolare di uguale ampiezza
210. Il nistagmo oculare può accompagnarsi a: C Perché aumenta la frequenza in convergenza
D Perché diminuisce d'ampiezza nelle versioni estreme
A* Cataratta congenita E Perché diminuisce di frequenza in divergenza
B Cataratta senile
C Glaucoma cronico semplice 220. Una dose terapeutica di morfina causa:
D Retinopatia diabetica
E Otticopatia traumatica A Diminuzione della motilità del tratto gastro-intestinale
B Stimolazione del S.N.C.
211. L'atropina sulle strutture oculari ha un effetto: C Miosi
D Iperventilazione
A Midriatico E* A+C
B Cicloplegico
C* Midriatico + cicloplegico 221. Quali dei seguenti nervi attraversano la fessura orbitaria superiore:
D Miotico
E Miotico + cicloplegico A N. oculomotore comune
B N. trocleare
212. La paralisi di un muscolo oculare estrinseco: C N. lacrimale
D N. mascellare
A Determina cecità E* A+B+C
B Determina dolore o lacrimazione
C* Determina diplopia e confusione 222. Quale tra le seguenti affezioni non è generalmente causa di leucocoria:
D Determina solo diplopia
E Determina solo confusione A Retinoblastoma
B* Melanoma della coroide
213. Quale, tra i seguenti agenti antipsicotici, causa glaucoma con maggior C Persistenza del vitreo primitivo iperplastico
frequenza? D Fibroplasia retrolentale
E Pseudoglioma
A Aloperidolo
B* Prometazina 223. Quale è il periodo di incubazione medio tra prima esposizione al virus del
C Clorpromazina morbillo e l'insorgenza della panencefalite sclerosante subacuta:
D Perfenazina
E Flufenazina A 1 anno
B 2-3 mesi
214. L'oftalmia simpatica è una affezione eziopatogeneticamente di: C 40 anni
D 4 giorni
A Natura traumatica E* 6-7 anni
B Natura infettiva
C Natura neoplastica 224. La sindrome di Cestan-Chenais comprende:
D Natura tossica
E* Immunitaria da autoaggressione A* Miosi, ptosi, enoftalmo, nistagmo
B Agnosia visiva
215. Quale è la manifestazione oculare più frequente in corso di CID C Opacità corneali
(coagulopatia intravasale disseminata)? D Ipertelorismo
E Papilledema
A Occlusione della vena centrale della retina
B Occlusione dell'arteria centrale della retina 225. Quale è la causa più frequente della formazione di un macroaneurisma
C Occlusione venosa plurifocale retinica arterioso:
D Occlusione venosa plurifocale retinica e coroideale
E* Distacco sieroso dell'epitelio pigmentato retinico A Diabete
B* Arteriosclerosi
216. Il corpo cellulare delle cellule amacrine è contenuto di norma: C Insufficienza della carotide
D Sifilide
A Nello strato plessiforme interno E Occlusione venosa
B* Nello strato nucleare interno
C Nello strato plessiforme esterno 226. Nella cheratocongiuntivite attinica il dolore è generalmente più acuto:
D Nello strato nucleare esterno
E Nell'epitelio pigmentato A All'atto dell'esposizione
B Durante il giorno
217. Tra i muscoli oculoestrinseci quale è quello che si inserisce sulla sclera a C Durante la notte
minore distanza dal limbus: D Ad occhio aperto
E* C+D
A Retto superiore
B Retto inferiore 227. Una riduzione del tono oculare può essere dovuta a:
C* Retto interno
D Retto esterno A Iridociclite
E Obliquo inferiore B Distacco di coroide
C Perforazione della cornea
218. Si ha ipofunzione delle ghiandole lacrimali nel: D* Tutte queste condizioni
E Tumore endobulbare
A Tracoma
B Sjogren 228. La papilla da stasi monoculare è segno di ipertensione endocranica:
C Parotite

Oftalmologia Pag. 12/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
A* Quando concomiti atrofia ottica controlaterale 238. Sono funzione del muscolo retto inferiore:
B Quando sussiste descematocele
C Quando sussiste esoftalmo bilaterale A Depressione del globo
D Quando sussiste eterocromia iridea B Adduzione
E C+D C Extorsione
D A+C
229. I colliri sono soluzioni acquose: E* A+B+C

A A concentrazione isotonica come il liquido lacrimale 239. Il nistagmo oculare accompagna di preferenza:
B A potere tampone Ph tra 7 e 7.4
C A potere tampone superiore a 7.4 A Miopia media
D* A+B B Miopia elevata
E A+C C Ipermetropia elevata
D* B+C
230. L'emeralopia si accentua funzionalmente: E Spasmi accomodativi

A In pieno giorno 240. La pinguecola è una forma degenerativa della congiuntiva di tipo:
B Al crepuscolo
C Nella notte A Grassoso
D A+B B* Ialino
E* B+C C Fibroso
D Cistico
231. L'emianopsia omonima è dovuta a lesione del: E B+D

A Il nervo ottico 241. Adenocarcinoma a sede oculare è:


B Il fascio crociato del chiasma
C Il tratto ottico A* Una neoplasia ghiandolare
D Il corpo genicolato B Una neoplasia che contiene cartilagine maligna
E* C+D C Un processo flogistico
D Un fenomeno degenerativo
232. La sindrome di Anton si osserva in concomitanza di: E Nessuno di questi

A* La cecità corticale 242. Il farmaco che più frequentemente è asssociato con la congiuntivite
B L'emianopsia doppia pregenicolata follicolare è:
C L'albinismo
A timololo
D L'acromatopsia congenita
B betaxololo
E C +D
C* dipinefrina
D pilocarpina
233. La macropsia deriva da:
E dorzolamide
A* Addensamento dei coni foveali
B Spostamento dei fotorecettori para-maculari 243. In quale delle seguenti situazioni il recupero della visione è più frequente?
C Distanziamento dei fotorecettori para-maculari
A meningioma della guaina del nervo ottico trattato con escissione chirurgica
D Distanziamento dei coni foveali
B* neurite ottica demielinizzante senza trattamento
E Distorsione delle fibre di Henle
C neuropatia ottica traumatica trattata con alte dosi di corticosteroidi
D occlusione dell'arteria centrale della retina trattata con paracentesi
234. I muscoli ciliari hanno sede:
E degenerazione maculare senile con atrofia a carta geografica coinvolgente
la fovea
A Nelle palpebre
B Nell'orbita, al suo apice
244. Lo scotoma centrale positivo è caratteristico di:
C Nella coroide
D Nel canale di Schlemm A Corioretinite di Coats
E* Nell'uvea B Retinite sierosa centrale
C Neurite ottica
235. La cheratocentesi è: D* B+C
E Pretrombosi della vena centrale retinica
A L'asportazione dell'epitelio corneale
B* L'apertura della camera anteriore
245. Nella xerosi congiuntivale sono caratteristici:
C La perforazione di ulcere corneali
D Un prelievo bioptico sulla cornea A Depositi calcarei
E Un intervento per glaucoma B Le chiazze di Bitot
C I nevi della congiuntiva
236. Zone di mancata perfusione dei capillari retinici si hanno: D Metaplasia dell'epitelio
E* B+D
A* Nella retinopatia diabetica
B Nella degenerazione maculare senile
246. La poliosi delle ciglia, associata a disacusia, alopecia e grave uveo-papillite
C Nella retinite pigmentosa fa parte del quadro sintomatologico di:
D B+C
E Nell'atrofia ottica A Albinismo
B* Sindrome di Vogt-Koyanagi-Harada
237. Il cartoncino con disegnata una griglia che viene usato nella valutazione di C Sindrome di Sturge-Weber
deficit o di distorsioni del campo visivo centrale è il: D Sindrome di Von Hippel-Lindau
E Sindrome di Laurence-Bardet-Biedl-Moon
A* Test di Amsler
B Test di Hess
247. La sindrome cervicale posteriore di Barrè-Lieou è caratterizzata da:
C Test di Lancaster
D Test di Snellen A Miosi, ptosi, enoftalmo con nistagmo
E Test di Javal B Midriasi, enoftalmo senza nistagmo

Oftalmologia Pag. 13/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C Emisindrome cerebellare omolaterale, vertigini, disturbi vestibolari 257. Quale tra i seguenti strumenti viene adoperato per l'esplorazione del senso
centrali cromatico:
D* A + C
E B+C A Amblioscopio
B* Anomaloscopio di Nagel
248. La congiuntivite catarrale acuta è dovuta a: C Retinoscopio
D Pachimetro
A* Germi patogeni E Oftalmometro
B Virus
C Allergia 258. Lacrime ematiche si possono avere:
D Radiazioni ultraviolette
E Caustici A Secondarie ad emorragie congiuntivali
B In tumori del sacco lacrimale
249. Nell'endoftalmite si esegue C Raramente associate a mestruazioni vicarianti
D Secondarie ad epistassi estese del dotto naso-lacrimale
A Terapia chirurgica E* A+B+C+D
B Terapia laser
C Terapia fisica 259. La corectopia è:
D Terapia medica
E* A+D A* Foro pupillare posto congenitamente non in sede centrale
B Anomalia dell'iride
250. Il calazio è: C Tisi della pupilla
A D Foro pupillare creato artificialmente
E B+D
A Una cisti
B* Un granuloma 260. Le ghiandole di Zeiss:
C Un tumore maligno
D Un processo t.b.c. A sono ghiandole sudorifere apocrine
E Un corpo estraneo B* sono ghiandole annesse ai follicoli ciliari
C sono ghiandole sebacee tarsali
251. Le micropsie indicano: D sono ghiandole mucipare
E sono ghiandole lacrimali accessorie
A Aumentata curvatura corneale
B Aumentata ipoprofondità della C. A. 261. Nei postumi di una cheratite erpetica, l'estesiometria corneale rivelerà:
C Lenticono
D Sub-edema retinico periferico A Una sensibilità corneale normale
E* Sub-edema retinico maculare B Una sensibilità corneale aumentata
C* Una sensibilità corneale diminuita
252. In quale tra le seguenti affezioni il tenore in MPS delle lacrime è più D Una variazione di sensibilità corneale distrettuale
elevato che di norma: E Una variazione di sensibilità corneale globale

A Pemfigoide 262. Quale dei seguenti sintomi può essere presente nella malattia di
B Sindrome di Steven Johnson Vogt-Koyanagi-Harada:
C* Sindrome di Sjogren
D Sindrome di Reiter A Uretrite
E Sindrome oculo ghiandolare di Parinaud B Congiuntivite
C* Vitiligine
253. In quale delle seguenti affezioni le strie angioidi costituiscono un reperto D Afte orali
frequente: E Enterit

A* S. di Ehlers-Danlos 263. Quale è la complicanza più frequente della fossetta colobomatosa del disco
B S. di Down ottico?
C M. di Crohn
D LES A Neovascolarizzazione subretinica
E S . di Hurler B* Distacco sieroso del neuroepitelio
C Distacco regmatogeno
254. Le paralisi coniugate di sguardo possono essere: D Distacco di coroide
E Neuropatia ottica
A Volontarie
B Automatico-riflesse 264. La papilla da stasi si accompagna a:
C Sensorio-riflesse
D* Tutte e tre le precedenti A Nausea e vomito a getto al mattino
E Solo B+C B Cefalea gravativa
C Bradicardia
255. L'ipermetropia elevata rivela generalmente la tendenza a: D Tachicardia
E* A+B+C
A Normoprofondità della C. A.
B* Ipoprofondità della C. A. 265. La presbiopia corrisponde a:
C Iperprofondità della C. A.
D Irregolarità a settore della C. A. A Calo dell'indice di refrazione
E Abolizione della C. A. B Calo del potere diottrico statico oculare
C* Calo del potere diottrico dinamico oculare
256. Una tipica manifestazione dell'anemia perniciosa è: D A+B
E nessuno degli effetti indicati
A* Neuropatia ottica
B Ipoema spontaneo 266. Nella trombosi della vena centrale retinica la caduta del visus è:
C Neovascolarizzazione retinica
D Glaucoma secondario A Brusca
E Cataratta B* Progressiva

Oftalmologia Pag. 14/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C Trascurabile 276. Un soggetto affetto da miopia di due diottrie, osservando un oggetto posto
D Accompagnata da dolore a 33 cm, deve esercitare un'accomodazione di:
E Accompagnata da fotofobia
A 3 diottrie
B 2 diottrie
267. Quale tra i seguenti midriatici non possiede apprezzabile azione
cicloplegica: C 8 diottrie
D 5 diottrie
A Omatropina E* 1 diottria
B Ciclopentolato
C* Isonefrina 277. L'uso topico del cortisone è indicato:
D Sindrome di Bournerville
E Sindrome di Coats A Nelle cheratiti erpetiche
B Nel ritardo di cicatrizzazione corneale
268. Quale dei seguenti esami dà più precocemente risultati alterati nella C* In tutte le flogosi anteriori e posteriori del bulbo
degenerazione maculare vitelliforme? D A+B
E Nelle congiuntiviti membranose
A Elettroretinogramma
B* Elettrooculogramma 278. Tra le seguenti caratteristiche di cataratta una NON è corretta. Indicare
C Misura del senso cromatico quale:
D Misura del campo visivo
E Misura dei potenziali visivi evocati A cataratta nucleare
B cataratta corticale
269. Un'ulcera corneale «dendritica» è patognomonica di: C cataratta intumescente
D cataratta morgagnana
A Cheratite da Pseudomonas E* cataratta pigmentata
B* Cheratite erpetica
C Cheratite attinica 279. L'oftalmia simpatica ha:
D Cheratite neurodistrofica
E Cheratite zonatosa A Incubazione rapida
B* Incubazione lungamente protratta
270. quale dei seguenti vizi di refrazione è più comunemente associato il C Non ha incubazione
glaucoma ad angolo stretto: D Comporta ipertono oculare
E È asintomatica
A miopia
B* ipermetropia 280. Nel cheratocono la cornea para-limbare è:
C astigmatismo secondo regola
D astigmatismo contro regola A Più grossa
E astigmatismo misto B Più sottile
C* Invariata
271. si definisce distichiasi: D Distrofica
E Metaplasica
A Un anormale orientamento delle ciglia
B Una perdita delle ciglia ad opera di processi distruttivi locali 281. Un fascio di raggi luminosi divergenti ad una distanza di 33 cm dalle sue
C Un'abnorme lunghezza delle ciglia origini ha una vergenza negativa di
D* Un'abnorme impianto delle ciglia (impianto in duplice fila)
E Un precoce incanutimento delle ciglia A* meno 3 diottrie
B meno 0.3 diottrie
272. Processo degenerativo caratterizzato da depositi di calcio piccoli, opachi C meno 2 diottrie
nel vitreo: D meno 0.2 diottrie
E meno 20 diottrie
A Vitreite
B Uveite 282. Quale delle seguenti affezioni NON è contraddistinta dal reperto di essudati
C Buftalmo cotonosi?
D* Ialosi asteroide
E Sindrome dell'interfaccia vitreo-retinica A Anemia
B Vasculiti sistemiche
273. Le micropsie denunciano: C Retinopatia da altitudine
D Rickettsiosi
A Aumentato indice di refrazione del diottro oculare E* Retinopatia della prematurità
B Intorbidamento assiale del vitreo
C* Sub-edema e trazione vitreo-retinica in sede foveale 283. La neurite ottica retrobulbare implica generalmente:
D Cheratocono scompensato
E Cataratta polare posteriore A* Caduta del visus centrale
B Amaurosi
274. Il senso morfoscopico è funzione: C Restringimento concentrico del campo visivo
D Miosi pupillare
A Dei bastoncelli E Nessuna delle precedenti risposte è corretta
B Dei coni e dei bastoncelli associati
C* Dei coni maculari 284. Il senso stereoscopico è in funzione:
D Dei coni extramaculari
E Dell'accomodazione A Del buio
B Dello strabismo
275. Quale di queste condizioni può causare una diminuzione dell'ampiezza C* Dell'integrazione finale della binocularità
accomodativa: D Dell'integrazione biauricolare
E Della sensibilità propriocettiva
A Retinite pigmentosa
B* Trauma oculare 285. Sono funzione del muscolo retto laterale:
C Psoriasi
D Distacco di retina A La depressione del globo
E Cornea guttata B L' extorsione

Oftalmologia Pag. 15/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C* L'abduzione 295. La presenza di eosinofili nel secreto congiuntivale depone per:
D L' intorsione
E L'adduzione A Congiuntivite virale
B Congiuntivite batterica
286. L'ipermetropia favorisce: C* Congiuntivite primaverile
D Congiuntivite discrasica
A L'exoforia E Congiuntivite secca
B* L'esoforia
C II difetto di convergenza 296. Nel glaucoma ad angolo stretto la camera anteriore è:
D L'iperforia
E L'ipoforia A Normoprofonda
B Di profondità aumentata
287. Nella cataratta i riflessi pupillari alla luce sono: C* Di profondità ridotta
D Abolita
A Assenti E Non esplorabile
B* Presenti
C Rallentati 297. Il muscolo di Muller della palpebra superiore è innervato da:
D Con hippus
E Accelerati A* Fibre simpatiche
B Fibre parasimpatiche
288. Nella congiuntivite flittenulare, la diffusione della infiltrazione alla cornea C Fibre extrapiramidali
comporta: D Fibre motrici del III
E Fibre motrici del VII
A Ipoestesia corneale
B* Acuirsi della sintomatologia già presente 298. Lo spasmo del muscolo costrittore dell'iride per irritazione del nucleo di
C Un dolore modesto ma persistente Edinger-Westphal si ha:
D Iposecrezione congiuntivale
E A+C A Per emorragie del mesencefalo
B Per tumori del mesencefalo
289. Nell'attacco acuto di glaucoma è presente: C Per meningiti della base e per encefaliti protuberanti
D Per tumori del bulbo
A* Iperemia pericheratica E* Per A + B
B Iperemia congiuntivale a settore
C Iperemia congiuntivale epibulbare 299. L'esoftalmo è più frequente:
D Iperemia parossistica
E Iperemia a «caput medusae» A Nell'ipotiroidismo
B Nel morbo di Addison
290. Il disco di Placido è uno strumento atto a: C* Nel morbo di Basedow
D Nell'acromegalia
A* Verificare la regolarità della curvatura corneale E Nei tumori del timo
B Determinare l'entità del vizio di refrazione
C Individuare l'occhio dominante 300. Fenomeni di perivasculite retinica associati ad essudati perivasali a «faccia
D Valutare il grado di binocularità di cera» sono tipici di quale delle seguenti condizioni patologiche?
E Valutare lo stato della corrispondenza retinica
A Tubercolosi
B Toxoplasmosi
291. In quale periodo della gestazione la rosolia può provocare l'insorgenza di
cataratta? C* Sarcoidosi
D Sifilide
A Nella prima settimana E Aspergillosi
B* Dalla seconda alla decima settimana
C Dalla decima alla quindicesima settimana 301. Un soggetto ipermetrope di tre diottrie, osservando un oggetto posto a 20
D Dalla quindicesima alla trentesima settimana cm deve esercitare un'accomodazione di:
E Dalla trentesima alla trentaseiesima settimana
A 3 diottrie
B 2 diottrie
292. L'iridectomia periferica antiglaucomatosa è indicata nel:
C* 8 diottrie
A Glaucoma congenito D 5 diottrie
B Glaucoma cronico semplice E 1 diottria
C* Glaucoma ad angolo stretto
D Glaucoma secondario 302. La trabeculectomia è un intervento che si esegue:
E Glaucoma assoluto
A Sulla regione angolare
B Sull'iride solamente
293. La sindrome di Wallenberg è caratterizzata da:
C Sulla congiuntiva e sulla sclera limbare
A Miosi, ptosi, enoftalmo e nistagmo D Sul corpo ciliare
B Midriasi, retrazione palpebrale ed esoftalmo, senza nistagmo E* A+C
C Emisindrome cerebellare omolaterale, emianestesia bassa crociata,
anestesia nel territorio del V, disturbi della deglutizione e fonazione 303. Come può essere corretto l'errore refrattivo di un'afachia monolaterale?
D* A + C
E B+C A Con gli occhiali
B Con una lente corneale a contatto
294. Una lente di potenza uguale a +5 diottrie ha una distanza focale di: C Con un impianto secondario di cristallino
D* B+C
A 5 cm E Nessuna metodica
B* 20 cm
C 0,2 cm 304. Nell'afachico monolaterale, la minore aniseiconia è prodotta dalla
D 5m correzione con:
E 50 cm
A Occhiali
B Lente corneale rigida

Oftalmologia Pag. 16/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
C Lente corneale semirigida A Nel sesso femminile già alla nascita
D Lente corneale morbida B* Nel sesso maschile già alla nascita
E* Lente intraoculare C Nel sesso femminile solo nell'età adulta
D Nel sesso maschile solo nell'età adulta
305. Un carcinoma a sede oculare è: E In entrambi i sessi, idipendentemente dall'età

A Una neoplasia benigna 315. I movimenti oculari sono:


B Un processo flogistico
C* Una neoplasia epiteliale maligna A* Contemporanei nei due occhi
D Una neoplasia mesenchimale maligna B In successione
E Una neoplasia neurogliale C In senso antero-posteriore
D Sempre nella stessa direzione
306. L'oftalmia simpatica coinvolge elettivamente: E Nessuna di tutte queste

A* II tratto uveale 316. Nel morbo di Wilson una lesione caratteristica è:


B La retina
C La sclera A La cheratite a bandelletta
D II corpo vitreo B* L'anello corneale di Kayser-Fleischer
E L'insieme degli annessi oculari C II gerontoxon
D La colorazione giallastra della congiuntiva
307. L'intorbidamento emorragico può interessare: E C+D

A II cristallino 317. La cheratite puntata è data da:


B II vitreo
C La cornea A Adenovirus tipo 8
D L'umor acqueo B Herpes simplex
E* B+D C Herpes zoster
D Varicella
308. L'agente etiologico per eccellenza dell'orzaiolo è: E* A+B

A Streptococco 318. Nella ptosi palpebrale è implicato:


B Neisseria
C* Stafilococco A Il muscolo retto superiore
D Enterococco B Il muscolo orbicolare delle palpebre
E Adenovirus C* Il muscolo elevatore della palpebra superiore
D Il parasimpatico cefalico
309. I cilindrassi, che costituiscono le fibre del nervo ottico, da quali cellule E Il trigemino
derivano:
319. La superficie che unisce tutti i punti dello spazio che per una data distanza
A Dalle cellule bipolari si proiettano su punti corrispondenti retinici viene definita:
B* Dalle cellule ganglionari
C Dai coni A* Oroptero
D Dai bastoncelli B Caustica
E Dalle cellule amacrine C Conoide di Sturm
D Area di Panum
310. Quale tra le seguenti affezioni non appartiene al gruppo delle facomatosi: E Punto «zero»

A Sindrome di Sturge-Weber 320. La metamorfopsia visualizzata con il test di Amsler è compatibile con:
B Sindrome di Von-Hippel-Lindau
C* Sindome di Bechet A atrofia geografica dell'epitelio pigmentato retinico
D Sindrome di Bournerville B distacco dell'epitelio pigmentato retinico sieroso coinvolgente la regione
E Sindrome di Coats maculare
C distacco semiemorragico della retina neurosensoriale coinvolgente la
regione maculare
311. Quale dei seguenti cicloplegici è più tossico:
D edema maculare cistoide
A* Atropina E* B + C + D
B Scopolamina
C Omatropina 321. La percezione simultanea dipende prevalentemente:
D Ciclopentolato
A Dalla qualità e quantità della luce
E Tropicamide
B Dalla focalizzazione delle immagini biretiniche
C Dalla trasmissione retino-corticale
312. L'onda «B» dell'elettroretinogramma è originata da:
D Dalcollegamento tra retina e propriocettori muscolari
A Epitelio pigmentato E* Dall'integrazione cerebrale
B Coni
C* Cellule di Muller 322. Nella contrazione del muscolo ciliare:
D Bastoncelli
A Le fibre della zonula sono più tese
E Cellule bipolari
B Le fibre della zonula sono più rilasciate
C II raggio di curvatura della superficie del cristallino è più piccolo
313. Le stecche da schiascopia:
D A+C
A Contengono lenti positive E* B+C
B Contengono lenti negative
C Contengono lenti prismatiche 323. Il torcicollo oculare interferisce sullo sviluppo scheletrico:
D Contengono lenti cilindriche
A della faccia
E* A+B
B del cranio
C degli arti superiori
314. L'emeralopia essenziale predomina:
D del rachide

Oftalmologia Pag. 17/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
E* A + D B L'elevazione
C La depressione
324. L'uso di corticosteroidi nella terapia intermedia delle ustioni da alcali D L'intorsione
E L'extorsione
A è assolutamente controindicato
B* deve essere sospeso dopo i primi 5-7 giorni 334. Il senso cromatico è funzione:
C impedisce la formazione di simblefaron
D non ha effetto sulla produzione locale di collagenasi A Scotopica
E è indicato solo in caso di formazione di ulcere B Fotopica
C Dei bastoncelli
325. La sindrome irritativa del simpatico oculare implica: D Dei coni
E* B+D
A Iperpigmentazione cutanea palpebrale
B Esoftalmo 335. Sono funzione del muscolo obliquo superiore:
C Deficit accomodativo
D Retrazione palpebrale A Abduzione del globo
E* B+D B Intorsione
C Depressione
326. L'agonista controlaterale del muscolo retto superiore destro è: D B+C
E* A+B+C
A Il retto superiore sinistro
B Il retto inferiore sinistro 336. Nell'esame biomicroscopico della cornea con la tecnica della
C Il grande obliquo sinistro retroilluminazione, il piano di riflessione del fascio luminoso è situato a
D* Il piccolo obliquo sinistro livello del:
E L'elevatore palpebrale
A Cristallino
B Vitreo
327. La presbiopia raggiunge il suo apice all'età di:
C Retina
A 35 anni D* Iride
B 40 anni E Cornea
C 45 anni
D 50 anni 337. Le lacrime sono composte da:
E* 60 anni
A Bassa concentrazione di proteine
B Alta concentrazione di gammaglobuline: IgA, IgG, IgE + lisozima
328. Le retinocezioni sono:
C Albumine
A Conseguenza dell'oculomozione D Globuline
B Conseguenza dell'ammiccamento E* B+C
C* Conseguenza di reazioni fotochimiche retiniche
D Conseguenza della reflettività pupillare 338. L'ipoema è
E Conseguenza dell'accomodazione
A* Versamento ematico in C. A.
B Flogosi della C. A.
329. Le radiazioni visibili dello spettro luminoso hanno una lunghezza d'onda
compresa tra: C Annebbiamento del campo visivo (inferiormente)
D Tumore orbitario
A* 400 e 700 nanometri E Formazione cistica
B 100 e 700 nanometri
C 600 e 800 nanometri 339. Un processo espansivo dell'emisfero sinistro provoca:
D 700 e 800 nanometri
E 100 e 500 nanometri A Emianopsia omonima sinistra
B* Emianopsia omonima destra
330. La corrispondenza retinica anomala è funzione: C Emianopsia bitemporale
D Emianopsia binasale
A Della direzione proiezionale maculare E Emianopsia altitudinale
B Della direzione proiezionale extramaculare
C Di alterazioni dei muscoli oculari estrinseci 340. Una neoplasia del corpo ciliare comporta:
D Della visione mesopica e fotopica
E* Di A+B+D A Enucleazione
B Sclerectoiridectomia a settore
331. L'ipermetropia oltre allo sforzo visivo implica tendenzialmente: C* Una delle precedenti
D Atrofia del nervo ottico
A* Fotofobia E Immagini di iperfluorescenza fluoroangiografica
B Emeralopia
C Discromatopsia 341. L'emeralopia essenziale è affezione su basi:
D Fosfeni
E Metamorfopsia A* Geniche eredo-familiari
B Tossico-iatrogene
332. Quale delle seguenti affezioni è comunemente presente in caso di trisomia C Dismetaboliche
del cromosoma 13? D Infettive
E Disendocrine
A Cheratocono
B Buftalmo 342. L'endotelio corneale da quanti strati è costituito:
C* Microftalmo
D Retinite pigmentosa A* Uno
E Emangioma della coroide B Due
C Tre
333. Sono funzione del muscolo retto mediale: D Quattro
E Oltre i quattro
A* L'adduzione del globo

Oftalmologia Pag. 18/19


,
Ministero dell Istruzione, dell ,Università e della Ricerca
343. Quali di queste condizioni non è causa di cheratite da esposizione:

A Morbo di Basedow
B coma
C* cheratocono
D spasmo dell'elevatore della palpebra superiore
E ectropion

344. L'insorgenza della retinopatia diabetica è condizionata in maniera più


significativa:

A* Dalla durata della malattia diabetica (anzianità del diabete)


B Dal valore della glicemia
C Dal P.A.T.
D Dal sesso
E Dall'età

345. L'astigmatismo totale dell'occhio è dovuto a:

A Difetto della curvatura della cornea


B Difetto di curvatura del cristallino
C Aumento dell'indice di refrazione della cornea
D Aumento dell'indice di refrazione del cristallino
E* A+B

346. La macropsia monoculare ha come conseguenza, dal punto di vista


binoculare:

A Perdita di corrispondenza biretinica


B Soppressione ed ambliopia dell'occhio in causa
C* Difficoltà di fusione binoculare
D A+B
E Nessuna delle conseguenze indicate

347. Quale di queste funzioni ha bisogno della visione binoculare:

A L'acutezza visiva
B Il senso cromatico
C* La stereopsi
D Il senso luminoso
E La capacità accomodativa

348. La cheratocentesi è

A* Apertura della C. A
B Prelievo bioptico corneale
C Disepitelizzazione corneale
D Intervento antiglaucomatoso
E Degenerazione corneale congenita

349. Quale della seguenti degenerazioni retiniche periferiche presenta il maggior


rischio regmatogeno:

A Degenerazione pavimentosa
B* Degenerazione a palizzata
C White without pressure
D White with pressure
E Degenerazione cistoide

350. La cataratta dà:

A Diplopia monoculare
B Poliopia
C Diplopia binoculare
D* A+B
E A+C

Oftalmologia Pag. 19/19