Sei sulla pagina 1di 2

Francesco Guicciardini

Vita ed opere

Francesco Guicciardini nacque a Firenze da una ricca famiglia oligarchica. Soggiornò a


Ferrara e compì gli studi a Padova. Rientrato a Firenze nel 1505, esercitò la carica di
avvocato. Si sposò, contro il volere paterno, con Maria Salviati. Successivamente, egli
ricoprì l incarico di ambasciatore in Spagna. Nel 1513 tornò a Firenze dove erano entrati i
Medici. Grazie a loro, Guicciadini ottenne l incarico come governatore di Modena. Fu
nominato commissario generale dell esercito pontificio. Per contrastare Carlo V, propugnò
un alleanza fra gli Stati italiani e la Francia. L accordo prese il nome di Lega di Cognac
(1526) ma fu ben presto sconfitto nel 1527 quando le truppe imperiali saccheggiarono
Roma e Firenze vide l instaurarsi della terra ed ultima Repubblica. Morì nel 1540.

• Storie Fiorentine
In quest opera si narra la storia di Firenze compresa fra il tumulto dei Ciompi (1378) e la
battaglia della Ghiara d Adda (1509). L autore si preoccupa di indagare le cause degli
eventi.

• Discorsi Politici
Guicciardini valuta con realismo le forme istituzionali del governo cittadino: la soluzione
repubblicana e il principato, ristabilitosi con i Medici.

• Considerazioni intorno ai Discorsi di Machiavelli


Per Guicciardini, la storia romana non conserva alcun modello da cui trarre esempio perché
nella storia non ci sono leggi e modelli assoluti.

• Dialogo del reggimento di Firenze


L autore tende ad un governo oligarchico che non ha i difetti della monarchia o della
signoria. Il suo pessimismo riguardo l uomo, che tende all errore, porta ad affermare che è
utopistico pensare ad una riunificazione dell area italiana.

• Ricordi
Guicciardini giudica positivamente la fede perché essa guida gli uomini nel compiere
determinate azioni, ma è anche considerata guastatrice del mondo perché conduce l animo
umano in errore. In generale, l atteggiamento è di indifferenza nei confronti del
trascendente. In quest opera emergono due concezioni: il particolare, ossia la salvaguardia
dell interesse individuale; la discrezione, la capacità di distinguere e decidere caso per caso
sfruttando l esperienza. I Ricordi non seguono la struttura tradizionale del modello
trattatista, infatti sono considerati un anti-trattato.
Niccolò Francesco
Machiavelli Guicciardini

Vede nella storia il ripetersi di scelte e Non esistono modelli assoluti da


risposte a situazioni già presentate nel imitare. Vale solo l esperienza ogni
passato. I modelli del mondo antico singolo uomo politico. Il passato
possono essere usati dall uomo politico non si presenta nelle stesse forme.

Con la virtù può combattere la fortuna. La virtù non serve a prevenire gli
Essa permette all uomo di costruire e imprevisti del caso. Contrappone
modificare la sua storia secondo i suoi alla virtù la discrezione e sostiene
scopi. Ottimismo nella capacità di agire. che l uomo non può modificare la
storia ma solo comprenderla per
salvaguardare il particulare

Un principe nuovo dalla straordinaria Impossibile pensare ad uno Stato


virtù può costruito una compagine unitario.
statale abbastanza forte da contrastare
le mire espansionistiche degli Stati vicini.

L obiettivo di molte sue opere era quello L attività letteraria fu occasionale e


di influire direttamente sul governo di fu un momento di riflessione a
Firenze. posteriori.