Sei sulla pagina 1di 1

Formicolio e 10/03/2008

crampi alle gambe


Leonardo da Genova
Categoria/Argomento: Apparato muscolo scheletrico - vasi linfatici

Richiesta
Ho 34 anni, non sono mancino. Credo di avere problemi di circolazione alle gambe, perché non
appena, da seduto, le accavallo, sento formicolare e devo cambiare posizione. Sono nato a El
Salvador e da quando sono arrivato in Italia, a 11 anni, ho iniziato a soffrire di crampi ai
polpacci. Le due cose sono collegate?
Vi ringrazio per la cortese attenzione ed invio i miei migliori saluti.

Risposta
Caro Leonardo,

Per quanto riguarda i CRAMPI : si tratta di CE della muscolatura striata, tessuto mesoderma
recente innervato dal Midollo Cerebrale; in CA avremo una leggera atrofia (di cui difficilmente ci
accorgiamo) per un conflitto di "svalutazione di sè" e nel tuo caso , vista la localizzazione, si
tratta di un conflitto relativo alla mobilità/movimento/camminare. Trattandosi di Neoencefalo è
fondamentale la lateralità per poter stabilire precisamente la relazione del conflitto che per una
persona destrimane se è interessata la parte destra del corpo è in relazione al padre, partner o
colleghi , mentre se è interessata la parte sinistra del corpo è in relazione a madre e figli, per
una persona mancina è esattamente l'inverso.

Per quanto riguarda il FORMICOLIO: si tratta di un sintomo che ha a che fare con una soluzione
delle vene ( fase PCL), che appunto in soluzione sono con le pareti un po’ “morbide” e quindi
quando accavallo le gambe, comprimo occludendole un po’ per un conflitto di "svalutazione di
sè". La sensazione è quella di "avere la palla al piede" ovvero non sentirsi capace di muoversi
liberamente, tessuto mesoderma recente innervato dal Midollo cerebrale; anche in questo caso è
fondamentale la lateralità. Quello che accade è che poi quando scavallo la gambe, l’irrorazione
riprende facendomi quell’effetto di formicolio.