Sei sulla pagina 1di 154

CARLO VIGGIANI

STORIE DI
GEOTECNICA

HEVELIUS
EDIZIONI
ARGOMENTI
DI INGEGNERIA
GEOTECNICA

Collana diretta
da Carlo Viggiani
Quando si diventa anziani spesso ci si rivolge al passato, quello
personale dei propri ricordi o quello della storia, forse perch non
ci si attende pi molto dal futuro o forse per trarne insegnamenti
per il futuro.
La prima e la seconda delle vicende di Ingegneria Geotecni-
ca che sono raccontate in questo libretto si rifanno certamente alla

Archimede e Euclide a Galileo e Newton, con la lunga parentesi del


Medio Evo, e si esplorano i rapporti fra la Scienza e lIngegneria.
-
lizzazioni spettacolari come le grandi Piramidi egizie o le gallerie
stradali dei Romani, si tramuta anchessa in una branca della mo-
-

consenta lapplicazione della Meccanica del Continuo ai problemi


di Geotecnica.
Nella seconda storia si descrivono appunto tre monumentali

Flegrei realizzate nel I secolo a.C. da Lucio Cocceio Aucto. Queste

scorso, e poi gradualmente abbandonate al degrado e dimenticate.

propone di restituirle allammirazione di tutti noi.


Qualcuno ha scritto che esiste una zona come compresa fra
-
ne spassionata e il passato come parte o sfondo dei propri ricordi

o ancora pi anziani, si colloca la straordinaria vicenda di Terzaghi,


il fondatore della nostra disciplina, e della sua disputa con Fillunger
sulla teoria della consolidazione, nella Vienna degli anni 30 del
900. Alla stessa zona appartiene il racconto degli assidui sforzi che,
-
prendere il fenomeno dellinclinazione della Torre di Pisa e dei suc-
cessivi interventi che, dopo molti tentativi e qualche errore, hanno
portato alla stabilizzazione della Torre. A me toccato in sorte di

-
da costituisce parte (e che parte!) dei miei ricordi personali.
Anche lultima storia appartiene certamente al regno della
memoria, ai ricordi personali. La vicenda del sottosuolo di Napoli,

tentato di mitigare questi rischi forse meno appassionante delle


altre, ma anchessa ricca di insegnamenti e probabilmente in gran

interesse anche per un lettore non Napoletano.


Secondo la tradizione dei nostri libretti blu, dovrebbe ora
-

che ha passato sessantanni della propria vita nella sgangherata, ma


-
poli Federico II.

Napoli, ottobre 2011 Carlo Viggiani


CARLO VIGGIANI

STORIE DI GEOTECNICA
.................................................................................................................... 9

1. LINGEGNERIA GEOTECNICA FRA ARTE


E SCIENZA

1.1. Ingegneria e Scienza

LIngegneria Civile viene considerata generalmente la branca pi

egiziano dirigeva grandi costruzioni e lavori idraulici. Era un con-


sulente del faraone e un nobile della corte, portatore di una cono-
scenza empirica accumulata nei precedenti secoli e limitata a uno

dissimile da una religione o da un mito. E lingegnere non era dis-


simile da un sacerdote, nel senso che si occupava di cose oscure

come fare certe cose, ma non perch.

mito, religione, sacerdoti sono il contrario della scienza. Anche oggi,


del resto, vi sono aspetti dellIngegneria, e in particolare dellInge-

-
so un faticoso processo di tentativi successivi e di correzione degli
-

Euclidea, la meccanica dei continui, ha le seguenti caratteristiche


essenziali (Russo, 1997):
- non si occupa di oggetti concreti, ma di enti astratti, enti teorici
-
10 ................................................................................ Storie di Geotecnica

- ha una struttura rigorosamente deduttiva, costituita cio da


pochi enunciati fondamentali (assiomi, postulati o principi) sui
propri enti caratteristici e da un metodo unitario e universal-
mente accettato per dedurne un numero illimitato di conseguen-
ze. Tutti i problemi, che possono essere enunciati nellambito
della teoria, possono allora essere risolti con metodi, quali la
dimostrazione e il calcolo, sui quali vi accordo generale fra gli
scienziati e che possono essere usati per controllare la correttez-

questo senso, quindi garantita.


Le applicazioni della teoria al mondo reale sono basate su regole di
corrispondenza fra gli enti astratti della teoria e gli oggetti concreti.

-
-

delle regole di corrispondenza comunque limitato.


Chiameremo scienza esatta linsieme delle teorie scienti-

esatta sono quindi quelle basate non sui fenomeni studiati, ma sulle
teorie, ciascuna delle quali in genere applicabile ad un insieme di
fenomeni che, in assenza della teoria, apparirebbero privi di rela-
zioni reciproche.
-
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 11

Le scienze empiriche sono accomunabili, in qualche misura,

-
todo sperimentale ed opera di specialisti il cui lavoro, ben distinto

uno scopo puramente conoscitivo. Tuttavia esse non posseggono la


struttura rigorosamente deduttiva che caratterizza la scienza esat-

e producono risultati non esportabili in ambiti diversi. Per questo

a differenza delle teorie della scienza esatta, in base al loro concreto


-

in punti cui le regole di corrispondenza non associano niente di esi-


-

In effetti, lIngegneria quale noi la concepiamo caratterizzata

e appare cos intimamente legata alla stessa struttura metodologica


della scienza esatta da non poter che nascere con questa. A riprova

non certo sospettabile di eccesso di scientismo come la American


Peoples Enciclopedia, si trova che lIngegneria la disciplina che

costruire e mantenere strutture, macchinari e servizi.


12 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Fig. 1.1. Rapporti fra Ingegneria e Scienza

1.2. Greci e Romani

La scienza ellenistica forn contributi sostanziali in matematica, ot-


tica, geometria, astronomia, meccanica, idrostatica. Gli Elementi
di Geometria di Euclide di Alessandria sono ancora la base della

per ventidue secoli. Aristarco di Samo introdusse leliocentrismo in


astronomia diciotto secoli prima di Copernico e Galileo. Eratostene

Eureka!, Archimede di Siracusa contribu in modo sostanziale

il volume della sfera quella che ancora usiamo. E si potrebbero


citare molti altri esempi.
Contemporaneamente, la tecnologia ellenistica raggiunse in
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 13

un tempo assai breve risultati senza precedenti. Gli antichi Impe-


ri, come lEgitto e la Mesopotamia, erano detentori di conoscenze
molto pi approfondite di quelle dei Greci, avendole accumulate per

la guida di Alessandro il Grande, lesercito non era seguito da gio-


colieri e prostitute ma da ingegneri (fra loro: Gorgo, specialista di
-
nista Deinocrate). Nei nuovi regni, i Greci si trovarono a gestire una

La coclea e lingranaggio vennero inventati applicando la

1974), trovato sul fondo del mare fra il Peloponneso e Creta, era
una specie di calendario perpetuo che forniva le fasi lunari. La diot-
tra descritta da Erone di Alessandria il precursore del moderno
teodolite.

Fig. 1.2. Il meccanismo di Anticitera


14 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Il faro di Alessandria, una delle sette meraviglie del mondo anti-

da guerra costruite da Gerone, tiranno di Siracusa, con la supervi-


sione di Archimede, erano corazzate con lastre di piombo ed erano
quindici volte pi grandi delle precedenti triremi. Per apprezzare
quale progresso esse abbiano rappresentato nellingegneria navale,
-
vo solo nellOttocento.

guerre fra Roma e i regni ellenistici cominciarono simbolicamente


con la distruzione di Siracusa e luccisione di Archimede nel 212
a.C. Poco dopo larrivo di Cesare in Egitto, la grande Biblioteca
di Alessandria, che secondo la leggenda conteneva tutti i libri del

I Romani non avevano interesse per la scienza, alla quale pre-

Elementi di Euclide vennero tradotti per la prima volta in latino nel

dallarabo. Naturalmente i Romani si impadronirono della tecnolo-


-
co. In pochi secoli la comprensione della scienza, sulla quale tale
tecnologia era basata, venne completamente a mancare.
Gli Autori Romani di epoca imperiale, come Plinio il Vec-

conclusioni, che apparivano loro inattese e prodigiose.


Pappo, un compilatore tardo ellenistico, aveva notato che le
api, nel costruire le celle esagonali di un alveare, risolvono un pro-
blema di ottimizzazione. Fra i poligoni regolari che possono copri-
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza ..........................................

di miele immagazzinato. Plinio il Vecchio, il massimo scienziato


Romano, nella sua Naturalis Historia afferma che le celle dellal-
veare sono esagonali perch le api hanno sei zampe, e costruiscono
una parete con ciascuna zampa.
Plinio riporta la determinazione della circonferenza terrestre
di Eratostene, e ne loda la precisione. Poco oltre, narra la storia di

della Terra, contando i passi necessari. Ritornato nella tomba, vi


avrebbe lasciato una lettera con lindicazione della distanza percor-
sa, dalla quale era stata dedotta una misura indipendente della cir-
conferenza della Terra, in buon accordo con quella di Eratostene!

Vitruvio, il pi grande ingegnere Romano, con il suo tratta-


to De Architectura si propone lambizioso obiettivo di fornire un
quadro completo non solo dellArchitettura e dellIngegneria Ci-
vile, ma di tutti i generi di tecnologia della sua epoca. Dopo aver
descritto la livella a bolla, Vitruvio ironizza sullaffermazione di

centro nel centro della Terra. Vitruvio ammette che un buon tecnico

la musica e la legge, e anche (ma solo in ultimo) la geometria, la

essere usata per calcolare il costo di una costruzione, lastronomia


per distinguere i punti cardinali e la geometria per capire il livello

-
sione. Ad esempio a Pergamo le condutture prelevavano lacqua
da una sorgente a quota pi alta e la convogliavano in vasche di
16 ................................................................................ Storie di Geotecnica

decantazione e di carico situate ad una quota di poco superiore a

verso Pergamo in condotte forzate. A fondo valle si raggiungeva


una pressione di circa venti atmosfere.
Vitruvio tratta ancora alcuni problemi delle condotte forzate,

i Romani sostituirono le condotte forzate con un acquedotto a pelo


libero e lacqua non pot pi raggiungere la cittadella.
Cos come era iniziata simbolicamente con luccisione di
Archimede, linterazione fra Greci e Romani si chiude, altrettanto

I tempi sono ormai maturi per un completo oblio della scien-


za e della tecnologia, che si ebbe con la caduta dellImpero Roma-
no a seguito delle invasioni barbariche. Le tenebre del Medioevo

ellenistici ci verranno tramandati, essenzialmente ad opera degli


Arabi.

In materia di gallerie, Vitruvio (De Architectura, VIII, 6, 3) pre-


scrive: et si tufus erit aut saxum, in suo sibi canalis excidatur; sin
autem terrenum aut harenosum erit solum, et parietes cum camera
in specu struantur et ita perducantur

-
zare pareti e volta per poter eseguire lo scavo). Siamo tornati, come

indicazioni derivate esclusivamente dallesperienza.


-
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 17

grandi architetture romane, alla cupola del Pantheon, corrispondo-


no nel campo dellIngegneria Geotecnica opere come le fondazioni
del Colosseo, in una situazione di sottosuolo certamente non facile,
o le straordinarie gallerie stradali scavate da Lucio Cocceio Aucto

secoli dopo, infatti, lo stile ancora lo stesso.

-
dazioni, Leon Battista Alberti, nel suo celebre De Architectura
-

un terreno saldo e stabile mediante lapprestamento di una fossa.


E ancora: utile chiedere consiglio a tutti gli abitanti del luogo
provvisti di cognizioni in materia e agli architetti delle vicinan-

quotidiana esperienza di costruirne di nuovi, avranno facilmente

cui vogliamo costruire.


E Andrea Palladio, nei suoi Quattro libri dellArchitettura

il quale una sorta di terreno che tiene in parte della pietra, percioc-
ch questi, senza bisogno di cavamento o di altro aiuto dellarte,
sono da se stessi buonissimo fondamento et attissimo a sostenere

quindi allapplicazione di regole dellarte, alla ricerca del terreno


solido.
Non certo il caso di sorridere di queste regole, che hanno
consentito realizzazioni di grande prestigio. Ma, che fare se il ter-
18 ................................................................................ Storie di Geotecnica

reno solido non si trova? Se lopera da costruire esce dal canone

lordinale ci indica che, prima di questo capolavoro dellarchitet-


tura Normanna, cerano stati altri due tentativi. La grande navata,
alta trenta metri e con una luce di oltre dodici metri, fu costruita a
-
sabile, mor in prigione a Roma nel 1126.

conoscono di nuovo un grande sviluppo.


Galileo si trova, come promotore e primo attore, al centro
-

-
te, signori o monarchi, vuole circondarsi di una cultura e di una
scienza immediatamente produttive, legate alle condizioni nelle
quali il nuovo potere sociale era venuto gradualmente afferman-
dosi, pronta a fornire a questo potere strumenti di espansione ben
pi validi e concreti che non le pedanti citazioni di testi aristotelici.

contenuta ne Il Saggiatore,
in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto dinan-
-
ma non simpara ad intendere la lingua, e conoscer i caratteri, nei
quali scritto. Egli scritto in lingua matematica, e caratteri sono

aggirarsi vanamente in un oscuro laberinto.


1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 19

Fig. 1.3. Il frontespizio de Il Saggiatore

dalla vicenda dello studio della relazione fra tensioni e deformazio-

sperimentali raccolti da Bernoulli con prove di trazione su corde


di violino lunghe tre piedi, ed inviategli per lettera nel dicembre
del 1687, sembravano seguire una relazione iperbolica, in contrasto
20 ................................................................................ Storie di Geotecnica

con le esperienze di altri come Hooke (1678) e Mariotte (1700),


che suggerivano una legge lineare.
-
mostrare che la cosiddetta legge di Hooke era solo unapprossima-
zione del reale comportamento di tutti i materiali. Bench ancora

funzione pi appropriata per descrivere il legame non lineare fra


tensioni e deformazioni per i vari corpi, inclusi i metalli, vi era co-
munque unampia, consolidata e ripetibile evidenza sperimentale

applicata.

di acciaio (corde di pianoforte), scoprendo che i dati sperimentali


erano ben descritti da una relazione parabolica. In seguito Hodgkin-
-

nel tempo e di deformazioni irreversibili.


Vicat (1833) scopr e descrisse dettagliatamente i vari aspetti
di quel fenomeno ormai largamente noto con il nome di creep.
-
diare le applicazioni dellacciaio nelle costruzioni delle Ferrovie

lineare di Hooke e di sostituirla con un legame parabolico fra ten-


sioni e deformazioni (Iron Commission, 1849). Poco dopo Cox

Commission fossero meglio interpolati da una legge iperbolica, la


stessa suggerita da Leibniz oltre un secolo e mezzo prima.
-
glesi seguissero questo suggerimento, cosa che essi certamente non
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 21

raccomandazione di questo tipo, segno evidente che il dato speri-

-
ste imperfezioni sperimentali e condussero esperienze per ve-

approccio il contributo presentato allAccademia di Francia da

ut
tensio sic vis -
zioni, cancellando lampia e accurata sperimentazione precedente
di Hodgkinson e altri. Secondo Bell (1973) le esperienze di Morin
sono un esempio non solo di dati scadenti e di conclusioni super-
-
-
revolezza la pubblicazione sui Comptes Rendues dellAccademia

successivi trentanni.
Ma non fu per caso che le generazioni seguenti ignorarono le
raccomandazioni della Commissione Inglese, che erano sostanziate
da unottima e ampia evidenza sperimentale, e adottarono il punto
di vista di Morin, gli esperimenti del quale non valevano nulla. La
-

considerazione dellevidenza sperimentale, per quanto completa e

I risultati ottenuti dallIngegneria ottocentesca e novecente-

-
la nostra Ingegneria. Si potrebbe concludere, con Immanuel Kant,
che non c niente di pi pratico di una buona teoria!
22 ................................................................................ Storie di Geotecnica

1.5. Lo sviluppo della Meccanica dei Terreni

- il periodo pre-classico, nel 1700, caratterizzato da regole empi-


riche per la valutazione della spinta delle terre sui muri di so-

- il primo periodo classico, dal 1776 (data del saggio di Coulomb


sulla spinta delle terre) al 1882 (pubblicazione del trattato di
Rankine). Questo periodo dominato dallassunzione di mate-
riale incoerente, con angolo di attrito pari allangolo di natural
declivio per i terreni incoerenti e allangolo della scarpata stabi-
-
stula lesistenza di una resistenza di tipo coesivo nei suoi studi

- il secondo periodo classico, che comprende importanti studi sul-

1902), la dilatanza (Reynolds, 1887).


Nel primo periodo spicca il famoso trattato di Forest de Blidor
(1729), adottato come testo nelle scuole degli ingegneri civili e mi-
litari. In esso sono contenuti esempi di calcolo della spinta sui muri
-

ponti e primo Direttore della Ecole des Ponts et Chausses alla sua

rilevato (Perronet, 1769).


Il secondo periodo si apre con il famoso saggio di Coulomb
(1776), che pone le fondamenta della Meccanica dei Terreni clas-
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 23

-
te commentato da Heyman (1999). interessante ricordare che
Charles Augustin Coulomb aveva studiato in un collegio militare
e scrisse il saggio quando serviva nellesercito, come risultato dei

Fig. 1.4. Una tavola del saggio di Coulomb (1767)


24 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Le idee e i risultati di Coulomb circa la spinta delle terre trovano


ampia diffusione con la pubblicazione del trattato di Prony (1790)
Ecole
des Ponts et Chausses. Poncelet (1840) estende i risultati di Cou-
lomb a terrapieni di forma qualsiasi e con attrito terra-muro.

delle misure di stabilizzazione, con particolare riferimento ai dre-


naggi a contrafforte.

trattato di Rankine (1862), che stato un libro di testo molto diffu-


so anche agli inizi del 1900.
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza ..........................................

porta il suo nome. Darwin (1883) e Boussinesq (1883) discutono


la spinta di tali materiali sui muri di sostegno. Reynolds (1887)
individua e descrive il fenomeno dellaccoppiamento fra tensioni
tangenziali e variazioni di volume, che denomina dilatanza. Clib-
born (1901) e Beresford (1902) descrivono le esperienze sul sifona-

sullo stato di tensione e deformazione in un semispazio elastico,


omogeneo e isotropo, caricato da una forza concentrata normale al
piano limite.
A partire dal 1800 anche lingegneria conosce nuovamente
-
-
cenda di Luigi Giura e del ponte sul Garigliano.

cittadina della Basilicata alle falde del Vulture, terra di straordina-

Scuola di Applicazioni di Ponti e Strade, fondata a Napoli da Gio-


acchino Murat sullesempio dellEcole francese, e vi percorse tutta
-
mento della geometria, della meccanica e dellidraulica.
Erano tempi nei quali lEuropa vedeva un ampio dibattito
sulla natura dei lavori pubblici e sui metodi migliori per realizzarli
-
tazione, sia per quanto riguardava i problemi di organizzazione,

prendevano parte attiva. Tre ingegneri Napoletani, fra i quali Giura,


vennero inviati dal re Francesco I di Borbone in giro per lEuropa,

I tre ingegneri girano in lungo e in largo la Francia, Paese di


-
cesi, fra i quali lo stesso Navier, che accompagna personalmente i
tre ospiti a visitare il ponte sospeso appena costruito sulla Senna.
26 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Non per caso che linsegnamento della meccanica nella scuola di


Napoli , da allora, basato essenzialmente sulle opere di Navier.
Quando Giura torna a Napoli progetta e realizza opere me-

essere ammirato ancora oggi (Di Biasio, 1984).

Fig. 1.6. Il ponte sospeso di Luigi Giura sul Garigliano


1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 27

Sono degli inizi del 1900 i contributi di Atterberg (1911),

porto di Gteborg, appena costruito, segna linizio dello sviluppo

corso di tali studi, fra laltro, vengono prelevati i primi campioni


-
ti non si traducono in un corrispondente sviluppo delle tecnologie
perch mancano ancora le regole di corrispondenza fra la teoria e
i terreni reali.
Bisogna attendere gli anni 20 del Novecento perch Terza-

che apre la strada alla meccanica del mezzo multifase, alla teoria
della consolidazione, alla moderna Ingegneria Geotecnica.
Nel 1936 (per me un segno del destino: lanno in cui sono
nato!) si svolge il primo Congresso Internazionale di Geotecnica

dove Terzaghi si ormai trasferito. Negli stessi anni si laurea


a Napoli Arrigo Croce che poi, dopo la guerra e la prigionia in
-

la luce la Rivista Geotecnica, con una bella presentazione di

Ordinario di Geotecnica in Italia. Finalmente lIngegneria Geo-


tecnica decolla anche in Italia, e lo fa partendo da Napoli e dalla
sua Scuola dIngegneria.
28 ................................................................................ Storie di Geotecnica

1.6. Il Medioevo prossimo venturo

Scrutare il proprio passato utile solo se porta ad interrogarsi sul

millennio, che vedono in Italia rapide e profonde trasformazioni


della scuola in genere, e delle scuole di Ingegneria in particolare.
-
ve. In alcuni casi, i problemi del passato si pongono in maniera di-
-
gono i pali metallici delle strutture off-shore, con diametri di alcuni

autostradali, vengono scavate da macchine gigantesche che lascia-

In altri casi proprio la natura del problema ad essere cam-


biata. Mentre lIngegneria Ambientale ancora alla ricerca di una
sistemazione organica, la difesa e la conservazione dellambiente
-

-
gli ingegneri del futuro. Questa benigna struttura, la Terra dice
Amleto quando entra in scena nel secondo atto tenendo in mano il
suo libro, mi sembra diventata una sterile escrescenza, e leccelsa
-

esplosiva di vapori perniciosi. E contemporaneamente (Calvino,


-

-
1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 29

sa sempre crescente. Ma sarebbe sbagliato credere che, quasi auto-

Il progetto di un moderno calcolatore elettronico richiede cer-


tamente un complesso di conoscenze molto pi vasto e avanzato di
quello necessario per progettare, ad esempio, un vecchio apparec-
chio radio a valvole termoioniche. I principi di funzionamento di
-
dustria produttrice e a un gran numero di radioriparatori, ma anche

apparecchi radio, da dilettanti.


-
rie per il progetto di un calcolatore sono racchiuse in poche compa-

ditte costruttrici di calcolatori si limita a un mero assemblaggio.


hardware
2) a livello delle tecniche di programmazione, e 3) a livello delluti-
lizzazione di programmi sviluppati da altri. La cosiddetta diffusio-
ne della cultura del computer, della quale tanto ci riempiamo la
bocca, consiste essenzialmente in un enorme aumento di persone

parallelo con lindustria aeronautica: il primo livello corrisponde

Al giorno doggi sembra non esserci pi bisogno di un gran


-
de di preparare consumatori evoluti, non scienziati. La cultura che
si diffonde quella dei manuali duso: la cultura del come, non del
perch. Per diventare un consumatore evoluto, lo studente riceve
-

promuovono il commercio o il turismo pi che la scienza.


30 ................................................................................ Storie di Geotecnica

troppo complicata per essere compresa dalla mente umana. An-


cora una volta, oggi la scienza sentita come un oggetto misterioso
-
ziati sono di nuovo considerati simili a sacerdoti, e la scienza a un
mito o a una religione.
-

Maghi e astrologi hanno conquistato non solo il grande pubblico

Sorbonne, nella patria dellIlluminismo, stata istituita una catte-


dra di Astrologia!
Qualcuno ha parlato di un nuovo Mediterraneo, culla della

la California e il Giappone. Caratteristica di questo nuovo Mediter-


raneo sarebbe appunto un approccio pi pragmatico, poco incline
-
la, non necessario capire perch.
Nella scuola secondaria Europea lantico metodo deduttivo
e dimostrativo sta scomparendo, insieme alla geometria Euclidea
e alla sintassi latina che ne erano il supporto. Nelle scuole degli
Stati Uniti questa trasformazione ormai avvenuta da molti anni
(Hirsch, 1997).
Come avvenne a Roma in epoca imperiale i concetti teori-
ci, avulsi dalle teorie nellambito delle quali essi hanno un senso,
sono trattati come oggetti misteriosi, chiari solo agli iniziati e usati
per sbalordire la gente comune. Gli studenti non conoscono le basi

il big bang, i quark, i buchi neri. Levoluzionismo, teoria sempli-


1. LIngegneria Geotecnica fra Arte e Scienza .......................................... 31

numero sempre crescente di scuole negli Stati Uniti. Leggo su un


quotidiano che, ad esempio, nel Kansas la teoria evoluzionista di
Darwin addirittura vietata (Rushdie, 1999).

unorda di fanatici (incidentalmente, cristiani aizzati dal vescovo


-
sandria). Oggi i giornali ci informano che, negli Stati Uniti, stanno

-
ti in fabbricazione.

lo ha generato, possa sopravvivere nel terzo millennio. La tecno-

Lidea ingenua e pericolosa che il progresso sia inarrestabile

ma tutto il genere umano abbia bisogno della scienza, e che luso


della scienza nellingegneria sia possibile solo nel contesto di una

duro, e che il Cielo ti assista.


32 ..................................................................................................................
.................................................................................................................... 33

2. LUCIO COCCEIO AUCTO: UN INGEGNERE


ROMANO DI EPOCA TARDO REPUBBLICANA

2.1. Cocceio architetto

territorio a Ovest di Napoli, noto con il nome di Campi Flegrei.


Questarea, descritta e celebrata dalle fonti, universalmente cono-
sciuta e ammirata, ha sempre avuto in epoca moderna un ruolo di

sia per la forte suggestione dei racconti popolari, nei quali il luogo
diveniva teatro di eventi leggendari (lingresso agli inferi dal Lago
dAverno) e sede di personaggi mitici (la sibilla Cumana, leroe

Romano di Pozzuoli, le Terme di Baia, la Piscina Mirabilis, Cuma),


ha offerto un deciso impulso alla tradizione degli studi antiquari.

Fig. 2.1. Il Rione Terra, acropoli dellantica Puteolis. Al centro, sotto la tettoia indicata
dalla freccia, si trovano i resti del Tempio di Augusto.
34 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Al centro del Rione Terra, lacropoli dellantica Pozzuoli, si trova-

secolo in una chiesa barocca a sua volta distrutta da un incendio


nel secolo scorso. Unimmagine del tempio, come si presentava

restauro che si propone di restituire al culto la chiesa, senza cancel-


lare le vestigia del tempio Romano.

Fig. 2.2. I resti del Tempio di Augusti inglobati dalla chiesa seicentesca

Cocceio Aucto: un architetto, quindi. Anzi, uno dei pochissimi ar-


-
mana di epoca ellenistica.
In effetti, il ruolo professionale e sociale di un architetto nel-

(Gros, 1983).
2. Lucio Cocceio Aucto ..............................................................................

Fig. 2.3. Liscrizione di Cocceio sul Tempio di Augusto

Larchitetto non era (e non era ritenuto) il principale responsa-

Il suo ruolo veniva dopo quello del promotor

che Perronet, o Navier, o Brunel, o Morandi, o Calatrava hanno


costruito un ponte.
Dopo di lui veniva il redemptor, o imprenditore, e larchi-
tetto, semmai, seguiva a notevole distanza, alla stregua di un capo
operaio o poco pi. La stessa Architettura trovava posto in trattati
-
milata a una scienza speculativa. Nei testi teorici qualche nome di
architetto ricordato, pi che per le sue opere, come autore di rego-
le del costruire (ad esempio, Vitruvio a proposito di Ermogene) o

a proposito di Valerio di Ostia).


Cocceio rappresenta quindi una notevole eccezione. Proba-
bilmente di origine greca, era un liberto del patrizio romano Lu-
36 ................................................................................ Storie di Geotecnica

cio Cocceio Nerva, profondamente legato ad Ottaviano Augusto.


Fu certamente Nerva che ottenne le prime commesse per il suo
liberto e che lo introdusse nella cerchia ristretta dei responsabili
-
ne, come la chiameremmo oggi, stata certamente allorigine della
carriera e dei successi di Cocceio.
-

unassociazione di professionisti ma anche di concessionari - nella

redemptor
Cuma.
-
gi politici iniziali, e anche a unaccorta gestione di unimportante
capitale, ma soprattutto a una pratica di grande livello dellarchitet-

alle diverse esigenze dei committenti.

2.2. Cocceio ingegnere

Fin dal Medio Evo, le cosiddette Grotte dei Campi Flegrei hanno
goduto di una notevole fama.
-

ai nostri giorni per indicare le grandi gallerie stradali scavate dai


Romani nel Napoletano. Ci occuperemo qui delle tre pi importan-
ti: la Cripta Neapolitana o Grotta di Pozzuoli, la Grotta di Seiano
e la Grotta di Cocceio.

le loro principali caratteristiche sono elencate nella Tabella 1.


2. Lucio Cocceio Aucto .............................................................................. 37

Fig. 2.4. Carta dei Campi Flegrei (ca. 1800) con la posizione delle tre grandi gallerie di Cocceio
38 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Nome Lunghezza (m) Larghezza (m) Altezza (m)

Cripta Neapolitana

Tabella 1

Almeno due di queste tre gallerie sono attribuite con certezza a


Cocceio: la Cripta Neapolitana da Seneca e Petronio e la grotta

lattribuzione al nostro architetto (ma forse ora possiamo chiamarlo


ingegnere!) della Grotta di Seiano.
Le tre gallerie furono scavate in pochi anni, a partire dal 39
a.C. In quei tempi Ottaviano e il suo genero e plenipotenziario,
Marco Vipsanio Agrippa promossero un profondo rinnovamento in
ogni campo della cultura e della tecnica. Le gallerie stradali furono,
per cos dire, inventate da Ottaviano e Agrippa, ma fu Cocceio a dar

sono di gran lunga le pi lunghe e le pi importanti dellintera civil-

la successiva opera, in ordine di importanza, la galleria di Pietra


Pertusa Maggiore, nellalto Lazio, lunga 300 m e larga solo 2 m. Si
tratta dunque di autentici capolavori di Ingegneria, che non hanno
precedenti e sono rimasti ineguagliati.
Le tre gallerie attraversano i materiali vulcanici del Napole-

punta o di taglio, e agli scalpelli, anche asce a doppia lama, cunei

nelle pareti della Cripta Romana


testimoniare che, due millenni dopo, questi stressi attezzi erano an-
cora usati per il taglio del tufo dagli ultimi cavamonti napoletani
negli anni 40 del 1900.
2. Lucio Cocceio Aucto .............................................................................. 39

Romana a Cuma

Come abbiamo visto, Vitruvio (De Architectura, VIII, 6.3) a propo-


sito delle gallerie scrive che se si incontra tufo o roccia, allora ba-

poter eseguire lo scavo.


In effetti un rivestimento murario presente in alcuni tratti
delle nostre tre gallerie: per la volta un rivestimento in calcestruz-
zo realizzato con centine lignee (opus cementicium) mentre per le
pareti stato adoperato sia lopus reticulatum, sia lopus incertum,
opus vittatum.
Interessanti informazioni circa le antiche tecniche di traccia-
mento, di scavo e di rivestimento sono riportate da Castellani e
Dragoni (1991), Azimonti (1932), Levi (1949), G. Stabilini (1886)
e L. Stabilini (1949). Le ultime opere citate sono classici trattati di
40 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Ingegneria Civile, e mostrano come le tecniche per le gallerie siano

Un aspetto di carattere generale quello del riutilizzo, o meglio


del recupero funzionale delle antiche gallerie in epoca moderna.
La Crypta Neapolitana, adibita a sede di culto pagano e suc-
cessivamente cristiano, stata sempre interamente percorribile e

dAragona fece apportare alcune migliorie, consistenti nella crea-


zione di bocche daerazione e nellabbassamento del livello strada-

Alvarez de Toledo aggiunse una pavimentazione a lastricato. Due

furono compiuti ulteriori restauri. Giuseppe Bonaparte fece instal-


-

Galleria delle Quattro Giornate, la Crypta


abbandonata.
A differenza della Crypta -
-

secolo, durante il regno di Ferdinando II di Borbone, vi fu un ri-


sveglio dinteresse per lantico manufatto che fu sgombrato e reso
nuovamente percorribile.
La Grotta di Cocceio fu oggetto di unavventurosa esplo-
razione nel 1844 da parte dellerudito canonico Giuseppe Scheril-

1844) indusse il governo borbonico ad attuare lavori di sterro e di


ristrutturazione.
Questi lavori richiesero tempi lunghi, anche per le complesse

-
tamente percorribile. La solenne cerimonia di inaugurazione, nel
1861, fu presenziata da Vittorio Emanuele II.
2. Lucio Cocceio Aucto .............................................................................. 41

2.3. La Crypta Neapolitana

Nel primo secolo a.C. Puteolis aveva raggiunto lapice della sua
potenza economica e militare ed era il maggior porto commercia-
le del Mediterraneo occidentale.

collinare (via per colles o Via Antiniana), risalente al primo inse-


diamento Romano (194 a.C.).
La Grotta di Pozzuoli fu concepita per migliorare la co-
municazione fra Puteolis e Napoli, e fu scavata al di sotto della
collina di Posillipo, un rilievo tufaceo con ripide pendici la cui

della galleria riportato in Fig. 2.6.

Crypta Neapolitana

Riferimenti alla Crypta sono contenuti nelle opere di Seneca (Epist:

Nel Medio Evo, si riteneva che essa fosse stata scavata in una
sola notte da Virgilio, poeta e mago. Numerose ne sono le rappre-
42 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Fig. 2.7. Lingresso della Crypta Neapolitana in un dipinto di Abraham Louis Ducros

-
sultato di una serie di interventi succedutisi nel corso dei secoli. In
particolare, nella zona orientale della galleria il piano di calpestio
fu ripetutamente abbassato per facilitare laccesso.
Il continuo peggiorare della situazione statica impose la chiu-

Nel 1930 larea circostante lingresso orientale della galleria


fu sistemata a parco pubblico, contenente un colombario Romano
-
la stessa zona fu sistemata una tomba con le probabili spoglie di
Giacomo Leopardi. In quelloccasione il fondo della galleria nella
parte orientale venne nuovamente rialzato, a mezzo di un riporto di

con funzione di controvento (Fig. 2.8, Chierici 1929).


2. Lucio Cocceio Aucto .............................................................................. 43

Fig. 2.8. Uno degli speroni in muratura realizzati da Chierici nel 1930 e sepolti nel
rinterro al di sotto dellattuale calpestio della galleria, lato orientale

Usando le traccie lasciate dai mozzi dei carri sulle pareti di tufo,
stato possibile ricostruire la storia dei successivi abbassamenti del

per una sezione posta a circa 20 m dallimbocco orientale.


La quota di fondo nel periodo di massimo abbassamento era

quello Romano a 40,9 m s.m. La quota della volta Romana era di


-
dinale, il fondo della galleria Romana aveva una pendenza costante
-

a pochi metri di distanza da essa, si rinviene un cunicolo di sezione


inferiore ai due metri quadri, appartenente allantico acquedotto
Romano che alimentava gli insediamenti Flegrei.
44 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Fig. 2. 9. Ricostruzione delle varie quote dellingresso orientale della galleria


a seguito dei diversi interventi di adattamento

orientale, e per circa 200 m da quello occidentale. Il tratto centrale,


della lunghezza di circa 370 m, interessato da dissesti e distacchi
di blocchi dalla calotta. A seguito dei vari interventi e dei crolli,
2. Lucio Cocceio Aucto ..............................................................................

Di recente stata condotta unindagine comprendente son-


daggi, prelievo di campioni e prove di laboratorio, misure dello
stato di sforzo in sito con martinetto piatto, rilievo dei giunti e delle

Finiti.
Le analisi comportano tre fasi successive: 1) lo stato di sforzo
iniziale (ko -

raggiunge le condizioni di plasticizzazione. Se si assume che il vo-


lume plasticizzato dia luogo a distacchi progressivi, la sezione della

attuale, quale risulta dai dissesti e crolli di blocchi, in buon accor-

Fig. 2.10. Sezione trasversale della galleria con indicazione delle zone elasticizzate
risultanti dallanalisi numerica
46 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Dopo la fase 3, tutte le sezioni risultano ancora globalmente stabili,


anche se sono ancora presenti piccoli volumi plasticizzati. quindi
probabile che si abbiano ulteriori distacchi, ma il processo dovrebbe
-
ologica ha allo studio la riapertura della Crypta al pubblico, dopo
lavori di consolidamento che sono ora in una fase iniziale.

2.4. La Grotta di Cocceio

Appartiene ad un imponente complesso di opere realizzate nel 39


a.C. da Agrippa a scopo militare, nellambito della guerra sul mare

-
no rispettivamente larsenale ed il porto (Portus Iulius
imperiale, mentre Cuma era la cittadella di Ottaviano, che sarebbe
presto diventato Augusto imperatore.
Il collegamento fra queste due installazioni aveva richiesto
lo scavo di due grandi canali navigabili, uno fra lAverno ed il Lu-

grandi gallerie stradali, fra le quali appunto la Grotta di Cocceio.


Essa attraversa il Monte Grillo con una lunghezza di quasi un chi-

tutta la sua lunghezza nel tufo, e non rivestita.


Solo dal lato Cuma, per una lunghezza di qualche decina di
metri, la galleria attraversava pozzolane debolmente cementate, ed

longitudinale della galleria riportato in Fig. 2.12.


Durante la Seconda Guerra Mondiale la galleria fu usata
come deposito degli esplosivi che venivano prodotti sul vicino iso-
lotto di S. Martino.
2. Lucio Cocceio Aucto .............................................................................. 47

Fig. 2.11. Capo Miseno, Baia e i laghi Averno e Lucrino, in epoca Romana e al giorno
48 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Nel 1944 lesercito tedesco, in ritirata, fece brillare gli esplosivi


-

-
presenterebbe unattrazione aggiuntiva, che aumenta le suggestio-
ni per i visitatori. Sfortunatamente la sua fruizione non sicura, a
causa del rischio di distacco di blocchi dalla volta e per la possibile
presenza di proiettili inesplosi sepolti.
Recentemente, per incarico della Soprintendenza Archeolo-
gica, stata condotta una dettagliata indagine sulle condizioni di
-
zione di sondaggi con prelievo di campioni indisturbati e analisi e
prove di laboratorio.
2. Lucio Cocceio Aucto .............................................................................. 49

Per ragioni di sicurezza, non stato possibile procedere ad un


-

-
circa normali allasse della galleria e preesistenti allesplosione.
-

mediante osservazioni con una telecamera si accertato che essa


aperta e riempita di materiale frantumato. Si ritiene che la di-

un piano preesistente ricco di inclusioni pumicee.

Lanalisi stata eseguita in tre fasi: 1) valutazione dello stato


tensionale iniziale, con ko

I problemi statici della Grotta di Cocceio sono resi pi com-

parte abusive, e dei relativi scarichi non sempre perfettamente con-


trollati. Recentemente uno degli occhi di luce (e precisamente il se-
condo partendo dal lago Averno) crollato completamente, ostruen-

anche per locchio di luce successivo si sono evidenziati alcuni dis-


last but not least, -
sediate alcune colonie di pipistrelli che appartengono ad una specie
relativamente rara (il chirottero dei Campi Flegrei dalle ali arcuate),
protetta dallEnte Parco Naturale dei Campi Flegrei, e questo pone

La Grotta di Cocceio, se resa percorribile in sicurezza, con-


sentirebbe una straordinaria passeggiata dal lago dAverno a Cuma.
La Soprintendenza Archeologica ha in progetto una serie di inter-
................................................................................ Storie di Geotecnica

venti che consentiranno la riapertura della galleria, e li sta gradual-

la cronica penuria di risorse.

2.5. La Grotta di Seiano

Il suo nome si riferisce a Seiano, ministro dellimperatore Tiberio,

daccesso al famoso Pausilypon, una villa appartenente a Vedio


Pollione e da questi donata allimperatore Augusto. Il nome deriva
-
ne dellattuale nome (Posillipo) della zona.
2. Lucio Cocceio Aucto ..............................................................................

-
rali, che si aprono sullincantevole insenatura di Trentaremi. Proba-

la terza di esse non rettilinea e quindi non illumina linterno della

quindi la ventilazione particolarmente importante.


La parte orientale della Grotta di Seiano scavata in un tufo

144 m. La parte rimanente attraversa invece una pozzolana debol-

le pareti sono rivestite da muratura in opus incertum e opus retico-


latum, dello spessore di circa mezzo metro, e la volta rivestita di
calcestruzzo (opus cementicium
e 0,8 m.
La Grotta di Seiano stata riscoperta solo nel 1840. A
quellepoca ambedue gli ingressi erano coperti da detriti di frana, e
-
tilazione. Allinterno vi erano stati numerosi crolli della volta, ed

-
................................................................................ Storie di Geotecnica

brogio Mendia, matematico e ingegnere, che pi tardi sarebbe di-

collassi allinterno della galleria, che furono rimossi e sistemati

m, ed in altri tratti il rivestimento originale venne rinforzato con ar-


chi in muratura, in numero di 61. Nei tratti rinforzati, la luce libera
della galleria si riduce a soli 2,6 m.
Dopo i lavori ottocenteschi, la Grotta di Seiano perfetta-
mente agibile, ed attualmente fa parte del grande parco archeologi-
co di Posillipo insieme ai resti del Pausilypon.
....................................................................................................................

3. LA TEORIA DELLA CONSOLIDAZIONE FRA


TERZAGHI E FILLUNGER; UNA DISPUTA
ACCADEMICA NELLAUSTRIA DEGLI ANNI 30

3.1. Prologo

Nel 1930, quando viene chiamato a Vienna per ricoprire la cattedra


restata vacante per il pensionamento del prof. Halter (Ingegneria

dietro le spalle una vita assai movimentata, piena di eventi e di


successi. Dal punto di vista accademico un professore di grande

Paul Fillunger, nello stesso periodo, un autorevole profes-


sore di meccanica applicata, entrato nel Politecnico di Vienna anni
prima a conclusione di un curriculum tranquillo e in qualche modo
convenzionale. Tende ad essere un po saccente e critico, e a dire la

Con queste premesse, forse era inevitabile che i due doves-


sero scontrarsi. Ripercorrere oggi questi fatti lontani ci consente
di approfondire alcune questioni di poromeccanica, come oggi si
-
ferenze nel costume accademico dellepoca rispetto al nostro.

3.2. Karl Terzaghi

Karl Anton von Terzaghi nasce a Praga nel 1883. Devo confessare
che da studente, quando mi imbattei in Terzaghi, nella sua teoria
della consolidazione, nella sua aura di padre fondatore della Geo-
................................................................................ Storie di Geotecnica

tecnica, credevo che fosse italiano e ne ero ingenuamente orgoglio-

Il nonno di Terzaghi, Pietro Antonio, aveva servito con onore


nellesercito imperiale e limperatore Francesco Giuseppe lo aveva
edler di Pontenuovo. Anche il padre era un
-
glione di fanteria a Praga.
Con queste ascendenze, era inevitabile che al giovane Karl

assieme alla madre e alla sorella


3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger .......................

Studia in varie scuole militari, in Ungheria e in Cecoslovacchia,


prima di iscriversi alla scuola militare di Graz, in Austria, dove la
sua famiglia si stabilita nel 1887. Dopo la morte del padre (1890)
-
merciante di Graz, in compagnia del quale compie importanti viag-
gi di formazione in Svizzera, Germania e Italia. Nellagosto del

affascinato dalle rovine di Pompei.

Fig. 3.2. Karl Andreas Eberle, nonno materno di Terzaghi

In quegli anni membro attivo di confraternite studentesche, con


................................................................................ Storie di Geotecnica

Fig. 3.3. La confraternita dei Vandalia, Graz 1902. Terzaghi il secondo da sinistra in

Nel 1904, comunque, ottiene con onore il Diploma in Ingegneria


Meccanica. Prosegue i suoi studi, orientandoli verso la Geologia
3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger .......................

abbandona lImpresa e lavora come consulente alla progettazione


di impianti idroelettrici in Croazia. Nel 1910 conosce a Graz Olga
Byloff, della quale si invaghisce. Nel 1911 per alcuni mesi a S.
-

suoi pi fedeli collaboratori.


Nel 1912 torna a Graz per discutere la sua tesi di Dottorato
(Un contributo allo studio della statica dei serbatoi cilindrici). Su-

con alterne fortune. Visita i cantieri delle molte dighe in corso di


costruzione allepoca da parte del Bureau of Reclamation e tiene

professionali.
Sul suo diario di quellepoca si trova questa annotazione:
Nei campi petroliferi della California un operaio guadagna 70 dol-
lari al mese, un caposquadra 200 dollari, un supervisore 400 dolla-
-

nel
novembre del 1912 Terzaghi lavora addirittura come sondatore in

Guerra. Terzaghi viene arruolato come tenente, organizza un bat-


taglione del Genio Militare con 1000 uomini della riserva, costru-

dellAeronautica militare nei pressi di Vienna, con il compito di


................................................................................ Storie di Geotecnica
3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger .......................

Il 1916 un anno cruciale. In maggio sposa Olga Byloff, poco dopo

Philipp Forchheimer, assume un posto di professore presso la Scuo-


la Imperiale di Ingegneria (Kaiserlische Ottomanischen Ingenieur
Hochschule
durante la guerra, la Scuola era egemonizzata da professori tedeschi.

a Istanbul. La Scuola di Ingegneria organizzata dai tedeschi vie-


ne chiusa e i professori licenziati. Terzaghi trova posto, sempre a
Istanbul, al Robert College, unistituzione americana nata come
scuola missionaria ma che si andava aprendo allinsegnamento

Sono forse gli anni pi fertili di Terzaghi dal punto di vista

il divorzio da Olga). Lavora sulla meccanica dei mezzi porosi, sulle


60 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Fig. 3.8. Le esperienze di Terzaghi sulla spinta delle terre al Robert College di Istanbul

Fig. 3.9. Ledometro e alcuni appunti sulla teoria della consolidazione


3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger ....................... 61

Nel 1924 scrive il libro Erdbaumechanik ). Nello


stesso anno partecipa al 1 Congresso Internazionale di Meccanica
Applicata, a Delft, dove incontra Von Karman, Prandtl, Reissner,

1924).

incarico di insegnamento al Massachusetts Institute of Technology.

moglie.
Nel 1928 Schaffernak gli offre di tornare in Austria come

in trattative con Stratton, presidente del MIT, per una posizio-

discussioni. Vienna gli offre sei assistenti per la ricerca e linsegna-

decide di tornare a Vienna, dove viene accolto con tutti gli onori.
Quello stesso anno aveva sposato Ruth Doggett.

3.3. Paul Fillunger

Figlio di un ingegnere ferroviario, aveva perso la madre ancora


bambino. Il padre si era risposato e i rapporti fra il ragazzo e la
-
rattere duro e austero di Fillunger. Dopo aver studiato ingegneria
meccanica al Politecnico di Vienna ed aver ottenuto la laurea nel
1904, lavora alcuni anni in una compagnia ferroviaria austriaca.

familiare scorre tranquilla. Dal 1910 insegna meccanica e materia-


62 ................................................................................ Storie di Geotecnica

coincidenza durante la Grande Guerra presta servizio in aeronau-


tica insieme a Terzaghi. Nel 1923 gli viene offerta la cattedra di
Meccanica Applicata al Politecnico di Vienna. uno specialista di

Ha una solida reputazione come ricercatore, come docente e come

nelle sue convinzioni. portato a criticare i lavori e le affermazioni


dei colleghi nel campo della meccanica, mentre molto suscettibile
a ogni minima critica al suo lavoro.

Fig. 3.10. Tre ritratti di Paul Fillunger


3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger ....................... 63

-
ramento scontroso di Fillunger che, a differenza di Terzaghi, non
-
seguenza della profonda differenza fra i due per quanto riguarda le
vicende della vita, le esperienze pregresse, la collocazione sociale

Fig. 3.11. La famiglia Fillunger nel 1922

3.4. Terzaghi e Fillunger

-
ghi e Fillunger, a proposito della sottospinta idraulica nelle dighe
in calcestruzzo. Tradizionalmente, la sottospinta veniva calcolata
assumendo che la diga avesse una fessura orizzontale alla base,
entro la quale si instaurava la pressione idrostatica dellacqua nel
serbatoio. Fillunger aveva argomentato che il calcestruzzo non

aveva proposto una nuova formula, che conduceva a sottospinte


molto pi ridotte e quindi meno gravose. Terzaghi non condivideva
64 ................................................................................ Storie di Geotecnica

questa formulazione, e condusse una serie di esperimenti che mo-


strarono come il calcestruzzo obbedisse al principio delle pressioni

lavoro venne pubblicato (Terzaghi, Rendulic, 1934) con una inter-


minabile coda di aspre discussioni scritte.
Questo precedente aveva segnato Fillunger, che probabil-
mente era geloso del successo del collega. Era inoltre preoccupato
del fatto che la sua teoria, ormai largamente accettata nella pratica

parte sua lo avrebbe messo in cattiva luce. Per di pi, Terzaghi ave-
va infranto una delle regole fondamentali del mondo accademico,
invadendo un campo disciplinare che non era il suo. Come si dice,
con metafora un pocruda, ognuno gallo sul suo letamaio!

Il principale contributo di Terzaghi allo sviluppo dellIngegneria


Geotecnica, a giudizio di chi scrive, sta nella singolare intima unio-
ne di osservazione delle formazioni naturali, di studio del compor-
tamento delle opere, di modellazione teorica e di intuizione che
-
co, tuttavia, il principale contributo che viene generalmente ricono-
sciuto a Terzaghi lenunciazione del cosiddetto Principio delle

praticabile per valori di k < 10-7


Alternativamente, Terzaghi aveva deciso di osservare il decorso nel
tempo del cedimento di un provino di argilla satura in un apparec-
3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger .......................

e di ricavare il valore di k tramite uninterpretazione di tale decorso


attraverso la teoria della consolidazione, anchessa appositamente
sviluppata.
-

1936. In quellanno Rendulic, uno degli allievi di Terzaghi, scrive


che: il comportamento meccanico dellargilla (deformazione, re-

Una formulazione praticamente identica contenuta in un


articolo di Terzaghi al 1 Congresso Internazionale di Geotecnica
organizzato da Casagrande a Harvard: tutti gli effetti misurabili
di una variazione di tensione, come una compressione, una distor-
sione o una variazione della resistenza a taglio, sono dovuti esclu-

-
zione sono alla base del trattato pubblicato con Frhlich (Terzaghi,
Frhlich, 1936).
veramente singolare scoprire che, in un lavoro precedente
di molti anni quello del 1923 di Terzaghi, e relativo al calcestruz-
-

in seguito. Alla pubblicazione nel 1936 del trattato di Terzaghi e


-
to nel quale, fra laltro, espone una sua formulazione della teoria
della consolidazione basata sui concetti della teoria delle miscele
(Fillunger, 1936).
Questultima era stata concepita da Stefan, ma non ancora
-
lisi del comportamento dei mezzi porosi saturi.
Il lavoro di Fillunger, allepoca incompreso e comunque non
66 ................................................................................ Storie di Geotecnica

3.6. La tragedia

Come si detto, Fillunger rende pubblico il proprio dissenso da


Terzaghi con un pamphlet, intitolato provocatoriamente Erdbau-
mechanik? con il punto interrogativo, che stampa e distribuisce a
proprie spese e nel quale critica la teoria di Terzaghi ed espone

Appare tuttavia chiaro che Fillunger non ha ben compreso il senso

del matematico per le soluzioni approssimate, che commenta con


sarcasmo, e dimentica che il dibattito si sta svolgendo in una scuola
di Ingegneria.

Terzaghi, che viene trattato da impostore, dedito solo a promuovere

Terzaghi reagisce e si appella al corpo di governo del Poli-


Kollegium
-
na. Il Kollegium decide di avvalersi di una Commissione scienti-

(meccanica), R. Saliger (costruzioni in calcestruzzo), F. Schaffer-


-

Rechtenstamm (matematica).
La Commissione si riunisce ben 18 volte, fra il dicembre del
1936 e il febbraio del 1937, giungendo alla conclusione che le cri-
tiche di Fillunger sono infondate e in alcuni punti chiaramente sba-
gliate, anche dal punto di vista matematico.
A seguito di questo verdetto, il 6 marzo del 1937 Fillunger e
la moglie Margarete si suicidano ingerendo dei sonniferi e aprendo
3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger ....................... 67

Fig. 3.12. Un giornale di Vienna dell8 marzo1937

Lasciano le seguenti lettere:

e mi accorgo che non era cos. I pesanti attacchi contro altre perso-
ne richiedono una pena, che solo io posso darmi. La mia coraggiosa

Lamore e la devozione per la scienza che mio marito ha


sempre considerato il suo bene pi prezioso ci porta alla morte,

originato solo dalle idee pi nobili e dalla pi onesta e forte con-


68 ................................................................................ Storie di Geotecnica

3.7. Epilogo

Terzaghi si lascia rapidamente alle spalle questo tragico episodio, e


riprende la sua folgorante carriera. Diventa membro dellAccade-
mia Austriaca delle Scienze e, nel 1938, incaricato di conferire la
laurea honoris causa al presidente degli Stati Uniti Hoover.
-

3.13), e dellarchitetto Albert Speer, ministro dei lavori pubblici di


Hitler. Nellambito di una consulenza per il faraonico progetto del-
la sede del partito nazista (Reichsparteitag) a Norimberga, sembra
abbia incontrato lo stesso Hitler.

della Reichsautrobahn da Francoforte a Darmstadt


3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger ....................... 69

Con lannessione dellAustria alla Germania nazista, Terzaghi co-


-
ghi appare del tutto indifferente ai problemi politici del suo tempo.
Per quanto conti amici ebrei (Timoshenko, Mindlin, Newmark),
non appare turbato dalle leggi razziste e dalle persecuzioni antie-
-

Stati Uniti. Contratta le sue dimissioni dal Politecnico di Vienna,


al quale chiede un riconoscimento del suo lavoro da parte delle

concludono con il prescritto Heil Hitler. Con suo disappunto (ma


con effetto certamente positivo sulla sua immagine) viene licenzia-
to senza alcun riconoscimento.
-

allapice di una carriera straordinaria.


70 ................................................................................ Storie di Geotecnica

sua tomba la seguente semplice epigrafe:


Karl Terzaghi
ingegnere civile
nato il 2 ottobre 1883 a Praga, Austria, e morto il
Paul Fillunger, invece, viene condannato ad una specie di damnatio
memoriae. Poco dopo il tragico evento, Heinrich (1938) pubblica
un lavoro che contiene un giudizio assai positivo della teoria di
Fillunger, e mostra come la teoria di Terzaghi ne sia una versione
di prima approssimazione. Flamm, uno dei pi autorevoli compo-
nenti della Commissione del Kollegium, replica con una nota che
ribadisce con forza il giudizio della Commissione. Dopo di allora,
sulla questione scende il silenzio.
Quando Skempton prepara un capitolo ( -
zaghis concept of effective stress) del libro in onore di Terzaghi
et al., 1960), sottopone a Casagrande una prima bozza
nella quale contenuto un tenue riconoscimento del contributo

Solo molti anni dopo de Boer, Schiffman e Gibson (1996),


avendo attentamente analizzato le equazioni di Fillunger, conclu-
dono che esse rappresentano una formulazione corretta di quella
che oggi viene chiamata poromeccanica, in anticipo di trentanni.
A giudizio di chi scrive, questa vicenda esemplare dellin-
terazione fra scienza e ingegneria. Lingegneria moderna basata
-
za, che senza di essa non potrebbe nemmeno essere concepita.

solo nella misura in cui vengano istituite appropriate relazioni di


corrispondenza fra i concetti astratti di una teoria ed il mondo
reale dellingegneria. in questo che lopera di Terzaghi rivela la

dellingegneria, lingegneria geotecnica.


3. La teoria dello consolidazione tra Terzaghi e Fillunger ....................... 71

Per quanto riguarda poi il costume accademico, che dire?


-
ci e comunque non si suicidano pi.
72 ..................................................................................................................
.................................................................................................................... 73

4. LINGEGNERIA GEOTECNICA E IL SOTTOSUOLO


DI NAPOLI

4.1. Premessa

Unantica immagine, diffusa in tutta Europa dai resoconti dei viag-


giatori settecenteschi che percorrevano il grand tour, dipinge lIta-
lia Meridionale come un paradiso abitato da diavoli, nel senso che

unindole pigra e neghittosa degli abitanti, i quali quindi si trove-

Limmagine del paradiso abitato da diavoli appare appropria-


ta anche per il sottosuolo di Napoli. Questo costituito da terreni di
origine vulcanica, in generale di caratteristiche favorevoli o addi-

millenni e, in tutto questo periodo, il sottosuolo stato variamente


-

dimenticate, che mettono talvolta in essere notevoli rischi. Inoltre

naturale, come le frane nelle coltri piroclastiche che ammantano i


versanti o i distacchi di blocchi dai costoni tufacei. I rischi che si
manifestano ai nostri giorni sono quindi dovuti alloperato vera-
mente diabolico delluomo nel corso delle generazioni che si sono
succedute sul territorio.
interessante scoprire come, nelle diverse epoche, il sotto-

modo minacciosa e con una dimensione onirica e magica.


74 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Scrive Petrarca nel 1341, a proposito della Crypta Neapolita-


na, la grande galleria Romana che attraversa la collina di Posillipo,
scavata nel primo secolo a.C. dal grande architetto Lucio Cocceio
Aucto (v. par. 2.3): Tra il Falerno e il mare vi un monte roccio-
so, scavato dalle mani degli uomini, opera che lo stupido volgo
ritiene compiuta da Virgilio mediante incantesimi. Cos spesso la
fama degli uomini illustri non si accontenta delle vere lodi, ma d
adito anche a leggende. E quando il re Roberto, famoso per il suo
regno ma ancora pi illustre per il suo intelletto e la sua cultura,
in presenza di molte altre persone mi chiese che cosa pensassi di

egli supera non solo i re ma anche gli uomini, risposi scherzando


di non aver mai letto che Virgilio fosse stato uno scalpellino, ed
egli, approvando serenamente la cosa con un cenno della fronte,
afferm che l vi erano tracce di ferro, non di magia. un antico
esempio del mito e della ragione che si confrontano.
Saltiamo in avanti di molti secoli. Guglielmo Melisurgo
-

dedica allesplorazione sistematica della rete di gallerie, canali e

saggio (Melisurgo, 1889) intitolato Napoli sotterranea, nel qua-


le si legge: indubbio che il misterioso, lignoto, hanno sempre
trovato numerosi seguaci, e nulla vi di pi ignoto e misterioso del
sottosuolo di Napoli - quindi non da meravigliarsi delle attuali
discussioni sul sottosuolo e della confusione di nomi e cose ma
deve preoccupare il fatto che possano le leggende, le ipotesi e le
induzioni prendere consistenza nella pubblica opinione.
E, poco oltre: Gli ingegneri, i tecnici, coloro che sanno
qualcosa di questo sottosuolo, debbono, sembra, portare il loro
contributo allo studio della questione e quando, merc il loro con-
-
lora si indicher il modo come provvedere a quello che si presume
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli .................................

in pericolo.
razionale si contrappone allignoto, al misterioso, alle leggende.
E veniamo ai nostri giorni. Qualche anno fa il giornalista
Carratelli ha pubblicato sul quotidiano on-line Napoli.com unin-
dagine sul sottosuolo di Napoli. Interrogando alcuni esperti (o
supposti tali) ha raccolto varie opinioni, in alcune delle quali la
dimensione onirica molto forte. Cos, ad esempio, un consu-
lente prestigioso, docente, componente di numerose commissioni
ambientali e autore di numerose pubblicazioni, afferma fra laltro:
La cosiddetta pozzolana se si trova immersa in acqua galleg-
gia producendo una spinta verso lalto, e ancora: Per gli sca-
vi, la pozzolana e le pomici non consentono lutilizzo di tecniche
in uso per esempio in Germania, Francia o negli Stati Uniti che
presentano situazioni geologiche diverse Nel suo
sistema di avanzamento la talpa (macchina per lo scavo meccaniz-
zato di una galleria, n.d.a.) inietta cemento nel fronte da scavare
per consolidare il terreno. Ma, poich il terreno in questione
rappresentato da terreni leggeri che galleggiano, i getti di cemento
iniettati non sono miscelati con le particelle che compongono il
-
riali, invece di miscelarsi tra loro si sono separati per effetto della
gravit e quindi il cemento iniettato ha cementato la talpa stessa.
Si potrebbero qui riportare tanti altri esempi di come le leggen-
de e le fantasie trovino ancora credito presso la pubblica opinione.

stata imboccata con decisione attraverso alcune iniziative dellammi-


nistrazione comunale di Napoli e del governo nazionale.

con orgogliosa sicurezza: pu dirsi che al momento attuale Napoli


la citt dItalia che possiede la documentazione pi completa ed
organica intorno al sottosuolo sul quale costruita e ai problemi
76 ................................................................................ Storie di Geotecnica

tecnici che ne scaturiscono (Comune di Napoli, 1972). Questi pro-


blemi, che sono numerosi e gravi, possono quindi essere affrontati

come (dovrebbe essere) costume degli Ingegneri. Ma la ragione e


-

La presente nota ripercorre brevemente alcune delle iniziative in


merito negli ultimi decenni, e i relativi successi e insuccessi, nella
speranza che da essi possa trarsi qualche utile insegnamento.

4.2. Il sottosuolo di Napoli

si susseguono aree pianeggianti o dolcemente acclivi che costitui-

pi ampia di queste zone quella orientale, delimitata ad est dalle


propaggini del Vesuvio. Una seconda zona pianeggiante racchiusa
fra il mare e le colline di Capodimonte, del Vomero e di Pizzofal-
cone. Subito dopo, la sottile fascia di Chiaia si stende fra il Monte

e risale senza interruzioni lungo le pendici delle colline per disten-

acclivi, ma non mancano aree in forte pendenza lungo le pendici ed


in corrispondenza dei numerosi valloni che solcano il territorio.
Questa morfologia, assai movimentata, da porre in relazio-
ne con la storia geologica della regione e, in particolare, con la
presenza di due potenti complessi vulcanici: il Somma Vesuvio ad
est e, soprattutto, i Campi Flegrei ad ovest.
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 77

8. Fuorigrotta - 9. Posillipo - 10. Mergellina - 11. Vomero - 12. S.Elmo

17. S.Giovanni a Teduccio - 18. Pendici del Vesuvio

Fig. 4.1. Morfologia del territorio Napoletano.

-
canica, noto come Terra di Lavoro, formatosi come substrato circa

durante il quale i prodotti di erosione formarono una coltre di ma-


teriali rimaneggiati poggianti sul tufo grigio, ai margini meridionali
dellaltopiano. Fra 13.000 e 11.000 anni fa, numerose eruzioni da

grigio, dettero luogo alla deposizione di ingenti volumi di materiali


-
lo Napoletano.

eventi vulcanici (i crateri di Agnano e Astroni) e vulcano-tettonici


(i versanti interni delle colline di Camaldoli e Posillipo, eredita-
78 ................................................................................ Storie di Geotecnica

ti dai due collassi calderici connessi alle eruzioni dellIgnimbrite


Campana e del Tufo Giallo Napoletano).
Lossatura di tutti i rilievi Napoletani formata da prodotti

sopra dei prodotti antichi si ritrovano i materiali piroclastici del se-

e la pozzolana grigia. In effetti, il materiale eruttato la pozzolana:


ceneri vetrose con scarsi frammenti litici, ricche di pomici disposte
caoticamente nella massa, di colore variabile dal giallognolo al gri-
gio. In seguito, una parte pi o meno cospicua della pozzolana si
trasformata in tufo, roccia lapidea tenera con la stessa struttura del-

del gruppo delle zeoliti, che esercitano unazione cementante. Il


tufo giallo la pi tipica roccia del territorio, ed anche un diffuso
materiale da costruzione. Parrino (1700) scrive che: Le abitazioni
dei cittadini sono assai comode e alte a tal segno che si veggono
molte case a sei e sette piani. Ciocch avviene per la leggerezza
della pietra e per lottima qualit dellarena, detta pozzolana, la
quale mischiata con la calce fa una perfettissima congiunzione.
Lo spessore del deposito generalmente di qualche decina di me-
tri, ma talvolta appare molto maggiore perch il materiale si de-
positato sui rilievi preesistenti e li ricopre dalla cima alla base. Ad

scendendo lungo la direttrice di Monte Echia, lo si ritrova a Corso


Vittorio Emanuele (100 m s.m.), a Pizzofalcone (60 m s.m.) ed in-

Lo spessore di pozzolana che si trasforma in tufo diminuisce


man mano che ci si allontana dal centro eruttivo, per il raffredda-

Capodimonte e a nord del vallone di S. Rocco.


-
teriali piroclastici pi recenti, costituiti in prevalenza da pozzola-
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 79

-
pilli. Questi materiali costituiscono la cosiddetta pila piroclastica

essendosi depositati con meccanismi da caduta, ammantano rego-

lo spessore della pila piroclastica napoletana, quando non erosa in

Nelle zone basse costiere i materiali piroclastici sono invece


rimaneggiati, asportati dalle acque e ridepositati come prodotti al-
luvionali o di spiaggia.
Mancano in tutto il territorio colate laviche, brecce vulca-

compresi negli attuali spazi cittadini.

4.3. I problemi geotecnici

modo spesso caotico e senza una valida programmazione urbani-


stica. Il tessuto urbano, che prima dellultima guerra era essenzial-
mente concentrato nella fascia costiera, si propagato a macchia
dolio verso le colline retrostanti. Ai margini del centro antico sono
presenti aree nelle quali il sottosuolo era stato sfruttato per lestra-
zione di materiale da costruzione, con imponenti cave a cielo aper-

gran parte obliterate, dando origine a zone con ingenti spessori di

ha portato a occupare queste aree in modo indiscriminato (Pellegri-


no, 2004).
In corrispondenza di eventi piovosi intensi e prolungati, nelle
sottili coltri piroclastiche che ammantano le ripide pendici collinari
80 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Fig. 4. 2. Frana per colata rapida in una coltre piroclastica

Il volume di tali frane generalmente ridotto (da qualche decina

-
ro che li abitano sono esposti a un rischio molto elevato (De Riso
et al., 2002).

ripidi costoni o fronti di scavo verticali, che possono raggiunge-


4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 81

unestensione dellordine di 4 km2 (Evangelista et al., 2002a).


-

il tessuto edilizio sottostante con il rischio di distacco e crollo di

Fig. 4.3. Distacco e crollo di blocchi da un costone tufaceo. Via F.S. Correra, 1982
82 ................................................................................ Storie di Geotecnica

La morfologia articolata ha imposto nelle aree collinari luso fre-


quente di muri di sostegno, (Evangelista et al., 2002a).

di ritenuta superiore a tre metri. Si tratta quasi sempre di opere in

-
quenti crolli.

Fig. 4.4. Un muro di sostegno a Napoli, via Caravaggio

-
nee di origine antropica, perlopi scavate nella formazione del tufo.
Si tratta di acquedotti e cisterne, antiche cave in sotterraneo, gallerie
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 83
84 ................................................................................ Storie di Geotecnica
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli .................................

si scopre con gran fragore), di altre sono noti solo gli accessi, altre

-
volta con perdita di vite umane.
Le reti di fognatura e di drenaggio dei nuovi quartieri col-
linari sono state immesse nei vecchi collettori del centro storico,
realizzati allinizio del 1900, con notevole incremento delle por-
tate (Rasulo, 2000). Negli oltre 600 km di collettori principali, in
corrispondenza di eventi piovosi anche non eccezionali molti tratti

Fig. 4.8. Il tratto terminale del collettore Arena S. Antonio nella piana di Coroglio,
86 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Per tutti questi motivi, progressivamente aumentata la frequen-

nuovo evento aggrava le preoccupazioni e i disagi ed allorigine

adottare provvedimenti di prevenzione e mitigazione del rischio.

4.4. La Commissione del 1966

-
sione per lo studio del sottosuolo cittadino allo scopo di rilevarne

i suoi lavori con una ponderosa relazione (Comune di Napoli,


1967). Gran parte del materiale contenuto nella relazione, assie-
me ad altri contributi e a una serie di carte tematiche, venne poi
pubblicata negli Atti dellVIII Convegno dellAssociazione Geo-
tecnica Italiana, tenutosi nel 1967 a Cagliari (AGI, 1967).
La Commissione giunse alla conclusione che i dissesti pic-

parte alla costituzione e struttura del sottosuolo ma, pi spesso,


allopera delluomo.

preesistente allo sviluppo edilizio dellultimo dopoguerra e in


quella di pi recente urbanizzazione.
-
li dissesti, che derivano innanzitutto dal tipo strutturale dei fab-
bricati della Napoli antica, incapaci di resistere senza lesionarsi
-
zioni, sia pur modeste, di acqua nel sottosuolo. Con il passar degli
-
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 87

-
tate, spesso senza alcun criterio tecnico. I grandi dissesti, invece,

costruzione del moderno Acquedotto del Serino e della fognatura


cittadina, e sono da porre in relazione con le pi cospicue e con-

per la rottura di fogne o tubi dellacquedotto.


Diversa era la situazione nelle zone di pi recente espansio-
ne, e in particolare sulle colline del Vomero e di Posillipo. Qui i

quali apertura di voragini nelle strade, crollo di muri, sprofonda-


menti. Le ragioni erano da ricercare nelle infrastrutture divenute

e nella non corretta progettazione ed esecuzione degli scavi, dei


rilevati e dei muri di sostegno.

nulla di singolare nella sua struttura originaria e nella natura e

inoltre esplicitamente lattenzione sul fatto che molte delle sue


conclusioni non differiscono da quelle cui erano pervenute altre

avessero questa volta una concreta e sollecita attuazione.


Tali raccomandazioni erano raggruppate in tre categorie:
- di carattere generale (piani e programmi urbanistici, piani par-
ticolareggiati riferentisi anche al sottosuolo, opere fognarie e
sottoservizi)
- di carattere normativo (norme per fondazioni, scavi e muri di

-
88 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Il Sindaco dette un qualche seguito a tali raccomandazioni con

forma embrionale. Venne dato incarico ad alcuni professionisti


di studiare le opere di sostegno nella zona collinare di Posillipo

4.5. La Commissione del 1971

-
te pressione di Enti e privati interessati a ottenere il rilascio di li-
cenze di costruzione, prima dei termini di scadenza (31.08.1968)

allavvenuta esecuzione delle opere di sistemazione idraulica, fo-

comunale che ministeriale.


La Commissione di inchiesta ministeriale giunse alla con-
clusione che lamministrazione comunale non avesse recepito in
maniera completa le raccomandazioni della Commissione Sotto-

amministrativo, in quanto il parere della Commissione Sottosuolo


non poteva essere considerato n obbligatorio, n tantomeno vin-

Tecnico Comunale, istituita nel 1967, si era mostrata del tutto in-
-
canza di mezzi, personale, attrezzature e risorse.
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 89

Cimarosa, via A. Vitale, dove nel marzo 1971 si ebbe un morto, il


blocco dei lavori per la Tangenziale a causa dellincontro di una
-
nimenti lamministrazione, reiterando labituale provvedimento,

Nellintroduzione a tale relazione viene confutato ancora


una volta il luogo comune secondo il quale i dissesti che si veri-
-
ristiche scadenti del sottosuolo. Questa credenza, respinta a pi
riprese da tutti i tecnici e gli studiosi, ha svolto un ruolo negati-

-
gomenta la Commissione, di fatti che possono e debbono esse-
re affrontati dalluomo, che tanta parte ha avuto nel determinarli
quando, come singolo operatore miope ed egoista, non ha esitato

parte pur di perseguire il suo vantaggio particolare.


Elemento determinante e insostituibile di qualsiasi iniziati-

responsabile e cosciente dei cittadini, ai quali da imputare la

contribuire alla soluzione dei problemi. La mancanza di parteci-


-

alla denunzia, alladdolorata ma supina rassegnazione, per impe-

-
rale e civile. Per un lettore di questo inizio del terzo millennio, la
potenza profetica di queste affermazioni impressionante.
90 ................................................................................ Storie di Geotecnica

di un potenziamento dei servizi tecnici comunali, con la creazio-

poi che le risorse per attuare i necessari interventi su fognature,

reperite solo dallo Stato.


A seguito di queste raccomandazioni furono assegnati dallo

che furono progettati dalla Cassa per il Mezzogiorno e in parte at-


-
te gli interventi sulla rete fognaria, sono stati proseguiti per alcuni
anni da due Commissariati per la Ricostruzione, uno Comunale e
uno Regionale.

4.6. Il Commissariato Emergenza Sottosuolo

Tutti gli sforzi, le iniziative, gli interventi di cui si detto sembra-

prima dalla Cassa per il Mezzogiorno e poi dai Commissariati per


la Ricostruzione, sono rimaste sostanzialmente avulse dal resto
della rete fognaria e in parte non sono state neanche messe in
funzione.

gennaio con la morte di 9 persone, e si chiuse nel dicembre con la

Fra le misure assunte immediatamente, il Ministro dellIn-

gli interventi di emergenza connessi al consolidamento del sot-

lo scrivente stato componente del Comitato Tecnico, che ha af-

Pellegrino.
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 91

Fig. 4.9. Il collasso della galleria di Secondigliano, gennaio 1996

Fig. 4.10. La voragine di Miano, dicembre 1996


92 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Sulla base di un attento esame della documentazione esistente e


-
nali, sono state individuate cinque grandi classi di problemi geo-
et al., 2002b), e cio:

- le crisi della rete fognaria


Tutti questi problemi si presentano con alcune caratteristiche comuni.
In primo luogo, ciascuno di essi ha una grande diffusione sul terri-
torio cittadino con caratteri alquanto, anche se non completamente,
ripetitivi. Per tutti la conoscenza della situazione di fatto era incom-

disponibili, sia per motivi gestionali ed organizzativi.


Il Comitato ha operato su tre direttrici: (i) la gestione delle-
mergenza, con alcuni interventi mirati principalmente a rimuovere
interruzioni delle reti stradali e fognarie e a garantire la sicurezza
-

Per ciascuna delle classi di problemi, il lavoro si articolato nelle


seguenti fasi:
- inventario della documentazione esistente e suo completamento:

- studio approfondito di un numero relativamente ridotto di casi


4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 93

svolta a tale data (Sindaco di Napoli Commissario Delegato, 2000),


nel quale si fornisce un quadro organico degli studi e degli interventi
effettuati o avviati. Nel rimandare a tale rapporto per un esame di
dettaglio, sembra interessante riportare alcune cifre. Al Commissa-

il Sindaco Commissario Delegato potesse utilizzare altre eventuali


risorse comunitarie, statali, regionali o del proprio bilancio comuna-
le. Nel febbraio 1999 la scadenza del Commissariato venne proro-

Al 2000, risultavano eseguiti o in corso interventi per cir-

un importo presunto di circa 236 miliardi di lire. Oltre alle risorse


assegnate al Commissariato, erano stati utilizzati fondi provenienti

dellAmbiente e dei LL.PP.


Una rassegna delle indagini condotte a termine e dei primi
interventi stata pubblicata da Pellegrino (2002). Alcuni esempi di
interventi sono riportati da Evangelista et al. (2004).
Le risorse messe in gioco, di qualche centinaio di miliardi di

sottacersi che il Comitato Tecnico, sempre nel 2000, aveva valutato


la somma necessaria per la messa in sicurezza del territorio nellor-

4.7. La storia si ripete?

, purtroppo,

specialmente grandi, n pu ragionevolmente ritenersi che la ese-


cuzione dei provvedimenti che questa Commissione raccomanda
94 ................................................................................ Storie di Geotecnica

allAmministrazione, per rapida che sia, possa evitarli. Chiaro ,


daltra parte, che il ritardare linizio dei richiesti interventi e il
trascurare, nel futuro sviluppo urbano, quanto emerge dagli studi
effettuati non potr non aggravare le condizioni di pericolosit in
cui versa la citt; vale a dire che tutta la programmazione urbani-
stica e ledilizia di Napoli dovr essere subordinata alle linee e alle
direttive di un organico piano di sicurezza urbano .
Come meravigliarsi se, malgrado limpegno profuso e gli in-
terventi eseguiti, continuino a ripetersi piccoli e grandi dissesti, in

-
ragonabili a una guerra di lunga durata. Le forze in campo sono
lAmministrazione Comunale, la Protezione Civile, il Governo
-
chevoli per cronica inadeguatezza o per colpevole disattenzione.
Alcune battaglie sono state ignominiosamente perdute, altre vinte.
La guerra, comunque, ben lungi dallessere conclusa e lesito ri-
mane incerto.
Guglielmo Melisurgo (1889) (ancora lui!) scriveva, da inge-
gnere del Comune di Napoli: Gli ordinari lavori di manutenzio-
ne alle fogne, lattiva sorveglianza nellesercizio delle condutture
dacqua, la continua ispezione alla rete dei canali profondi quan-
to pratica lAmministrazione per prevenire possibili accidenti edi-
lizi e stradali, e deve rassicurare; ed forse solo a considerarsi, da
parte dei proprietari, minore incuria nelle manutenzioni e maggio-
re e migliore impiego dellopera degli ingegneri, per ristabilire la
tranquillit turbata da qualche caso di crollamento improvviso.
Dopo 120 anni, non sembra che si possano indicare criteri
-
-
tenzione, potenziando o approntando le relative strutture tecniche
-
4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli .................................

rie risorse. E magari anche curare un po linformazione. almeno


scoraggiante trovare sul quotidiano cittadino del febbraio 2011 un
titolone che recita Flop sottosuolo, progetti al palo. Rischio dis-

Commissariato straordinario per lEmergenza Sottosuolo consiste-


rebbe nel fatto che, su oltre 200 realizzazioni per un valore che

Queste sono le condizioni per giungere a una pace onorevole,


-
prino del paradiso.
Ma chi sono i diavoli, gli angeli e i santi? Come possono
essere diavoli i miei straordinari concittadini? Cerco di trovare in
letteratura qualche indicazione, mosso (lo ammetto) dal mio amore

Row, Steinbeck scrive: Vicolo Cannery a Monterey, California,


un poema, un fetore, un rumore irritante, un colore della luce (per-
ch, Napoli non .. naddore e mare, non .. a voce de creature,
non .. na carta sporca, e nisciuno se ne mporta?) ed abitato,

costui avesse guardato attraverso un altro spiraglio avrebbe potuto


dire: santi, martiri e uomini di Dio.

Genova (ma, secondo voi, non si applica anche a Napoli?):


Se tinoltrerai lungo le calate dei vecchi moli

l tu troverai i ladri e gli assassini e il tipo strano,


quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano.
Se tu penserai, se giudicherai da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni pi le spese.

-
96 ................................................................................ Storie di Geotecnica

anni 70 e 80, quando Napoli stata soffocata dallabusivismo e


-
rono come metastasi dopo il terremoto, ingrassando i costruttori e i
-
rono colore alle mappe del piano regolatore di Luigi Piccinato, del

-
no regolatore di Vezio De Lucia, approvato dopo un iter faticoso e
lungo, che non farebbe altro che immobilizzare le forze produtti-
ve e non lascia spazio alla connessione politica-amministrazione-
affari che, secondo loro, assicurerebbe lo sviluppo. I diavoli sono
ormai insediati nei prodotti di quellincolta, becera, rozza, volgare

-
mero vecchio.

Fig. 4.11. Il Casermone di Piazza Mercato


4. Lingegneria geotecnica e il sottosuolo di Napoli ................................. 97

Fig. 4.12. La Muraglia Cinese di via Kagoshima

Come ricacciarli allinferno? Per restare al tema di questo lavoro,


non ci resta che sperare che la vecchia talpa scavi ancora!
98 ..................................................................................................................
.................................................................................................................... 99

5. GLI INGEGNERI E LA TORRE PENDENTE DI PISA

5.1. Premessa

Negli anni fra il 1990 e il 2002, il Comitato Internazionale per la


Salvaguardia della Torre di Pisa ha condotto a termine un intervento
sul monumento che ne ha grandemente migliorato le condizioni di

nel tempo che sarebbe ineluttabilmente sfociato in un collasso. Nel


presentare i tre volumi di Atti, nei quali il Comitato ha documentato

problematiche della Torre di Pisa, accumulatesi anche grazie allim-


ponente complesso di indagini e studi svolti dalle Commissioni pre-
cedenti, insieme allevolvere dei criteri di conservazione e restau-
ro dei monumenti, hanno reso la situazione matura perch questo
Comitato, con ulteriori studi e indagini, potesse concepire e attuare
-
mento. Lopera del Comitato deve quindi essere vista come latto

stata documentata in modo esauriente, oltre che nei richiamati Atti e


in un archivio accessibile anche sulla rete, in conferenze, convegni,

-
te lavoro si propone appunto di raccontare questo sforzo, culminato
nellintervento di stabilizzazione al quale si fa solo un rapido cenno.

5.2. La storia antica


100 ................................................................................ Storie di Geotecnica

base delle correzioni che gli antichi magistri lapidum apportavano


per compensarla, stato possibile ricostruirne il decorso nel perio-
do della costruzione, durata due secoli dal 1173 al 1370. Nei secoli
successivi la Torre ha continuato a inclinarsi, e valori della penden-
za in varie epoche sono stati ricavati da immagini e documenti di

inglesi Cresy e Taylor eseguirono un primo accurato rilievo. Segu,

a b

pendenza
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 101

Il Comitato Internazionale per la Salvaguardia della Torre di Pisa,


che ha operato dal 1990 al 2002, ha ricostruito la storia dellinclina-

-
-
zio del 1800. Il diagramma mostra che, a quellepoca, il gradiente di
accrescimento della pendenza doveva essere molto ridotto, e forse
la Torre aveva addirittura raggiunto una condizione di quiete.

Storia della costruzione e sviluppo della pendenza della Torre di Pisa

A questa progressiva inclinazione si era accompagnato uno sposta-


mento verticale (cedimento) dovuto alla compressione dei terreni
di fondazione, il cui valore medio stato stimato in almeno tre me-
tri. A causa di tale cedimento, la base del monumento, con i gradini,

colonne stesse erano immerse nel terreno.


102 ................................................................................ Storie di Geotecnica

5.3. I lavori ottocenteschi dellarchitetto Gherardesca

Nel 1800, in un clima di riassetto generale della Piazza dei Miracoli


volto a porre in pi pittorica e seducente composizione il gruppo
delle quattro insigni fabbriche (Nuti, 1986), viene concepito e af-
-
mento della Torre, con demolizione di una serie di fabbriche che le
erano state accostate.
A proposito del cedimento della Torre, il Gherardesca (1838)
cos si esprime: Sembra che questo sinistro sgomentasse i nostri
Avi, o che non sapessero opporvi altro provvedimento di quello del
riempimento di terra, venendo cos a nascondersi, dal lato inclina-
zione, non solo la gradinata ma gli scamilli, le basi e parte ancora
del fusto delle grandi colonne del primo ordine. Ma, la Dio merc,
viviamo in giorni che lamore alla conservazione delle cose che
rammentano lavita patria grandezza energicamente si risveglia
E, poco oltre: Fui incaricato da questa inclita Magistratura
Civica ... di procedere al totale scuoprimento del nobile imbasa-
mento, ingrandendo il bacino da cui sorge, rivestendolo di marmo
... e cos ridurre al suo intiero lustro unopera s leggiadra e inte-
ressante.
Ahim! Il riempimento di terra, deprecato dal Gherardesca,

Torre, mentre lo scoprimento, con la creazione di quello scavo alla

invece un intervento assai pericoloso. Per di pi, il fondo di tale


scavo era posto ben al di sotto del livello della falda idrica e pertan-
to, scrive ancora Gherardesca (loc.cit.), ...accintomi ad eseguire
un s nobile divisamento, fui istantaneamente compreso da timore
per lesuberante abbondanza delle acque sotterranee, e vidi tutte le
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 103

-
te maggiore di prima e crescente nel tempo. questo il primo, ma
non il solo esempio di intervento sulla Torre che ha prodotto effetti
fortemente negativi, sebbene mosso dalle migliori intenzioni (delle
quali, come tutti sappiamo, lastricata la via dellinferno). Qualche
anno dopo lOperaio Presidente dellOpera Primaziale, che gesti-
sce per conto del Vescovato i monumenti della Piazza dei Mira-
coli, scrive che la Torre, fatta fondo di padule fetente, divenuta

risolvere il problema.
Ed ecco gli Ingegneri: lingegnere ispettore Antonio Lapi, il
soottoispettore Rodolfo Castinelli, e il professore di trigonometria
Guglielmo Martolini. Castinelli, Lapi e Martolini (non sembra di
essere in una novella del Decamerone?) non riuscirono nellintento
-
za installare una pompa che manteneva il catino allasciutto, emun-
gendo acqua che veniva utilizzata per irrigare i vicini orti. Questo

Il 14 luglio 1902 crolla improvvisamente il Campanile di S. Marco

secoli. A seguito dellimpatto di questo evento sullopinione pub-

larch. Agenore Socini, Direttore della Soprintendenza ai Monu-


104 ................................................................................ Storie di Geotecnica

tempore dellOpera Primaziale. Nel 1912 la Commissione produce


una ponderosa relazione, che viene presentata nel 1913 al Ministro
della Pubblica Istruzione , S.E. lon.le Luigi Credaro, con una let-

Belle Arti presso lo stesso Ministero.


LEccellenza Vostra ricorder scrive Ricci con quanta
rapidit si diffuse e con quanta trepidanza dovunque si accolse la
notizia che il famoso Campanile pericolava. Naturalmente, come
tutte le notizie che sembrano preludere a una sventura, anche quel-
la, prima di toccar la ragione, tocc la fantasia, e per poco non
si cantarono i funeri al gloriosissimo monumento. Successe allo-
ra che da diverse parti del mondo, anche dalle lontane Americhe,
giunsero al Ministero dellIstruzione consigli e progetti, molti dei
-
dimenti statici, che per poco il Campanile non si mutava in uno di
quegli spaventosi grattacieli che si specchiano nellHudson o nel
Delaware. Un atteggiamento corretto, come si vede, a parte lin-

La Relazione contiene i primi studi sul Campanile condotti


-
levamento geometrico, inclusa la fondazione che venne indagata

Fu cos accertato che le fondazioni hanno la forma di una corona


circolare, e che il piano di fondazione ha una inclinazione corri-
spondente a quella della Torre.
Venne determinato il valore della pendenza, mettendolo in
relazione con le precedenti misure di Cresy e Taylor (1829) e di

metodo geodetico per la misura della pendenza, e auspicata per il fu-


5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ...............................................

turo lattuazione di rilievi sistematici, da eseguire ogni quattro anni

-
denza con metodo geodetico viene eseguita ogni anno).
Fu condotto un accurato rilievo dello stato di conservazione
del Campanile, mettendo fra laltro in evidenza i numerosi prece-
denti interventi di consolidamento e restauro. Pur sottolineando la

-
vazione del Campanile venne considerato buono. Vennero eseguite

saggi furono eseguiti anche attraverso il foro centrale della fonda-


zione della Torre. Fu cos messa in evidenza la depressione esistente
106 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Fu studiata la circolazione idrica sotterranea, con particolare atten-


zione al trasporto di sostanza solida in sospensione da parte delle
-
tro, anche se in modo dubitativo, si esprimeva la convinzione che
tale trasporto solido fosse allorigine del progressivo e continuo
aumento dellinclinazione della Torre.

5.5. Governo centrale e autonomie locali

La Relazione del 1912 premette che:le conclusioni cui si giun-


ge non riguardano che le condizioni di fatto attuali, senza minima-
mente entrare nella questione dei provvedimenti da adottarsi per
assicurare la conservazione del prezioso monumento. A questa
-
ta appunto nel 1912 e nella quale ai componenti della precedente
-
-

Monumenti del Veneto, fresco della ricostruzione del Campanile

la Soprintendenza dei Monumenti delle province di Pisa, Livorno,


Lucca e Massa, appena costituita. Come si vede, gli Ingegneri par-
tecipano in forze.
Mentre proseguono indagini e studi, sopravviene la Grande
Guerra e tutto si arresta (ma non la torre, che continua ad aumentare
la sua pendenza, come risulta inequivocabilmente dalle misure di
Cicconetti).
Nel 1924 il Ministro dellIstruzione nomina una nuova
Commissione presieduta dalling. Anselmo Ciappi, direttore del-
la Scuola dIngegneria di Roma. Oltre a Bernieri, Canavari e Su-
sinno, essa include ling. Giovanni Battista Canevari, ling. Giulio
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 107

-
scetti. Non c pi il soprintendente di Pisa perch nel frattempo la

centralista.
Nellambito di questa Commissione, per la prima volta, ven-
gono esaminati veri e propri progetti di intervento, sia di componenti
della Commissione, sia di esterni. Tutti, comunque, sono alquanto in-
vasivi: allargamento delle fondazioni, riempimento totale o parziale

prevalere le idee delling. Canevari, che propone iniezioni nella fon-


dazione, lallargamento del catino per raccordarlo con il piano della
Piazza ed un parziale riempimento con calcestruzzo. Quando il pro-

questo riempimento copre, per un tratto, anche la base delle colonne.

essa il Comune, lOpera Primaziale, il cardinale arcivescovo, tutti

frattempo si forma una Commissione Tecnica pisana, presieduta


da Fascetti e composta dal Sindaco Riccardo Ugolini, da assessori
comunali e deputati dellOpera Primaziale, un delegato del cardi-
nale, un architetto funzionario della Soprintendenza Toscana, oltre
ai tecnici (Bernieri, Giulio Fascetti, ling. Alberto Petri, i professori
Canavari, Gino Cassinis, Giulio De Marchi, Ottorino Sesini, lex
soprintendente Pleo Bacci). Esaminate le misure di Cicconetti, nel
luglio 1927 la Commissione pisana non trova elementi di allarme
immediato, e chiede quindi studi pi approfonditi.
Nellottobre 1927 il Ministro tenta una ricomposizione nomi-
nando una nuova Commissione, presieduta dal conte Pellati. Oltre
a Canevari, Ciappi, Cicconetti, Giulio Fascetti, Giovannoni, Guidi,
Susinno, Cassinis, Sesini, De Marchi la nuova Commissione com-
108 ................................................................................ Storie di Geotecnica

ed il Sindaco di Pisa, dr. Ugolini.


La Commissione decide di lavorare con 4 sottocommissioni:
geologica (Crema, Ugolini), idraulica (Fantoli, Canevari, De Mar-

nutrita, costituita da Guidi, Ciappi, Fascetti, Giovannoni, Poggi,


Sesini e Susinno. Nella relazione conclusiva, del 1930, lelimina-
-
ria. Si decide pertanto di impermeabilizzare il masso fondale con
iniezioni cementizie, ed il fondo e le pareti del catino con rivesti-

5.6. Limpermeabilizzazione del catino

Il progetto di massima redatto dalling. Giulio Fascetti viene esa-


minato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici nel luglio del
1932. In seguito esso viene reso esecutivo dal Genio Civile di Pisa,

sotto la direzione dellingegnere capo Girometti.


Questi lavori rappresentano il primo intervento di rilievo dopo
lo scavo del catino ottocentesco da parte dellarch. Gherardesca.
Sfortunatamente, non si dispone su di essi di una documentazione

inizio ai lavori veri e propri, viene predisposta la strumentazione


per un monitoraggio del comportamento della Torre pi esauriente
ed agevole di quello geodetico. Viene cos installato un inclino-
metro a pendolo, progettato dallo stesso Girometti e dal geometra

la parte ottica, e la Fonderia del Pignone per la parte meccanica.


5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 109

falda idrica
110 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Il pendolo GB, cos chiamato per ricordarne i progettisti, consente


di determinare le variazioni della pendenza della Torre in tutte le
direzioni, e con una precisione di meno di un secondo darco. A
partire dalla sua installazione, nel settembre del 1934, esso viene
letto almeno una volta al giorno ed ha quindi dato origine ad una
serie storica di misure molto completa e di grande importanza per
la comprensione del comportamento del monumento. Viene anche
installata una livella a bolla, detta livella GC (come Genio Civile),
che viene posizionata su supporti murati nelle pareti a livello della
sala strumenti nella Torre e disposti sia nel piano di massima pen-
denza, sia in quello ad esso ortogonale. Le misure con la livella GC
sono molto meno agevoli e rapide di quelle con il pendolo GB, e
pertanto vengono eseguite irregolarmente ed a lunghi intervalli di

deformazioni della struttura.


Per limpermeabilizzazione della base del Campanile vengono ese-

complessiva di 1402 m. In esse viene iniettata una miscela di acqua


e cemento, per un totale di 92,8 t di cemento. Per limpermeabiliz-
zazione del catino, si eseguono dapprima iniezioni di gel di silice a
bassa pressione, per un totale di oltre 21 m3
fondo una soletta di cemento armato, collegata alla base del Campa-

la parete perimetrale esterna. I lavori hanno successo, nel senso che

aumenta bruscamente, mantenendosi essenzialmente in direzione


Nord-Sud (un altro piccolo passo sulla via dellinferno!). Dopo lin-
terruzione delle misure dovuta alla Seconda Guerra Mondiale, risul-
ta evidente che il movimento della Torre ha ripreso il suo precedente
andamento senza apparente memoria dellevento, salvo ovviamente
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 111

5.7. La stagione dei progetti

Nel 1949, insistentemente sollecitata dallOpera Primaziale, viene


nominata una nuova Commissione di studio con carattere perma-
nente. Presieduta dapprima da Girometti, poi dalling. Eduardo Na-
toni e dopo ancora dallarch. Gian Ernesto Leschiutta, Provveditore
alle OOPP per la Toscana, la Commissione ha come compito ..li-

di inclinazione e ladozione di nuovi provvedimenti che possano


.
-
112 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Vengono presi in esame vari progetti. In primo luogo una


versione del vecchio progetto Fascetti, rielaborato con la previsio-
ne di una sottofondazione con pali. Vi poi un progetto del prof.
Penta, che prevede di armare il terreno di fondazione della Torre
con un reticolo di pali trivellati di piccolo diametro (pali Radi-

quellepoca praticamente esclusivista di questa tecnologia. Un ter-


zo progetto viene presentato dal prof. Letterio Donato, ordinario di
. Donato prevedeva
unopera provvisionale, costituita da stralli di acciaio vincolati a
due incastellature metalliche alte 40 m, poste a nord della torre, ed
una sottofondazione costituita da 8 grandi cassoni a base quadrata

torre mediante martinetti.


La Commissione lascia cadere queste proposte, e prosegue

sviluppo di sempre nuovi progetti.


Nel 1963 addirittura il Soprintendente di Pisa, arch. Nello
Benporad, a presentare un progetto di consolidamento da lui re-
datto in collaborazione con larch. Enzo Vannucci. Sorprendente-
mente il progetto, avallato dallautorevolezza del Soprintendente,
-
ciaio collegata al tronco di base della Torre e fondata su di una pla-

essere tagliata allaltezza dellattacco con le fondazioni, sollevata


-

platea di fondazione e rimuovendo la struttura reticolare.


Un progetto di analogo tenore viene presentato da Gustavo
Colonnetti, illustre professore di Scienza delle Costruzioni del Po-
litecnico di Torino. Il prof. Colonnetti aveva sviluppato e preve-
deva di utilizzare un martinetto idraulico della portata di 1.000 t,
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 113

nel quale lavanzamento poteva essere controllato meccanicamente

vento, avvalendosi del Centro Ricerche della FIAT e della galleria


del vento del Politecnico di Torino.
Giudicati con il senno di poi, tutti questi progetti appaiono
assimilabili alle pi o meno fantasiose proposte che continuano ad
arrivare a Pisa da ogni parte del mondo, salvo che per lautorevo-
lezza dei proponenti. Fortunatamente, in quel momento manca un
organo delegato a esaminarli e pertanto essi vengono lasciati cade-
re, bench Colonnetti eserciti una forte pressione.

5.8. La Commissione Polvani e lappalto concorso internazionale

Nel 1964 il ministro dei Lavori Pubblici dellepoca, Giovanni Pie-


raccini, costituisce una Commissione con lincarico di pro-

di concorso internazionale, o limitato alla scelta della soluzione


tecnica da adottare o esteso altres allaggiudicazione dei lavori
per la realizzazione del progetto prescelto. La Commissione, fra
laltro, deve -
mini del bando di concorso internazionale ovvero prestabilire le
norme di massima in base alle quali dovranno essere presentati i
progetti tecnici e le offerte delle imprese concorrenti.
Si ritiene che le conoscenze, di cui allora si disponeva, non
-
ve che consentissero di acquisire elementi conoscitivi certi per ogni
ulteriore programma di salvaguardia del Monumento. I compiti di

-
nale delle Ricerche, e costituita da una trentina di componenti, fra
114 ................................................................................ Storie di Geotecnica

funzionari ministeriali ed esperti. Degna di nota la presenza di un


gruppo di Ingegneri geotecnici (Carlo Cestelli Guidi, Professore

Viene prescelta la soluzione di appalto concorso internazionale per


la progettazione e lesecuzione, in modo inscindibile, degli inter-

viene redatto lo schema di bando e il relativo capitolato doneri.


Gli studi e le ricerche condotti dalla Commissione Polvani su
ogni aspetto del problema della Torre sono troppo ampi ed appro-
fonditi per poter anche tentare di riassumerli in questa sede. Essi
sono dettagliatamente esposti in tre bei volumi di Atti, pubblicati
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ...............................................

-
tore interessato (Ministero Lavori Pubblici, 1971).
Nella presentazione di questi volumi la Commissione, nella

in ogni parte del mondo hanno manifestato interesse esprime la


speranza che la sua opera giovi a dare agli studiosi e ai tecnici un
valido contributo per la soluzione dellantico tormentoso proble-
ma della salvezza di cos insigne monumento. Fiducia e speranza

blu, come vengono chiamati nella cerchia degli addetti ai lavori,


sono unautentica miniera di dati ed informazioni, in gran parte
ancora perfettamente validi.
Viene bandito l appalto concorso fra Imprese italiane e stra-

uneventuale riduzione della pendenza a non oltre un grado sessa-


gesimale. Ai concorrenti vengono forniti gli elementi tecnico scien-

Dopo la morte del prof. Polvani, nel 1972 il Ministro dei


Lavori Pubblici nomina una nuova Commissione, con il ruolo di

Giovanni Travaglini, allora Presidente del Consiglio Superiore dei


Lavori Pubblici.
In questo periodo si manifesta un cospicuo fenomeno di
subsidenza della Piazza dei Miracoli, collegato a emungimenti di

della Torre nel piano di massima pendenza si incrementa sensibil-

La Commissione dispone un attento monitoraggio delle quo-


-

-
ne o almeno una sensibile riduzione dei pompaggi. Nel 1974 il
Comune di Pisa emette provvedimenti che impongono la chiusura
116 ................................................................................ Storie di Geotecnica

-
mente ai precedenti valori.
Nel frattempo viene espletato lappalto concorso. Hanno ri-
sposto al Bando ventidue gruppi, undici dei quali vengono ammes-

Commissione per circa un anno.


A conclusione dellesame, sono ritenuti meritevoli di parti-
colare considerazione i progetti presentati dalle Ditte: FONDEDILE
FONDISA GEOSONDA KONOIKE -
sorzio IMPRESIT GAMBOGI RODIO.
Il progetto della FONDEDILE prevedeva una struttura di salva-
guardia temporanea costituita da un girello reticolare di carpen-
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 117

La Torre sarebbe stata poi sottofondata con circa 1900 micropali


del diametro di 200 mm e della lunghezza di 23 m, variamente in-

funzione di sottofondazione e in parte una funzione di rinforzo del

della struttura muraria in elevato, con perforazioni armate da barre


metalliche cementate.

Il progetto della FONDISA


prevedeva di realizzare nella parte sopra pendenza del monumento 30
118 ................................................................................ Storie di Geotecnica

I tiranti sarebbero stati perforati a partire dalla prima cornice, anco-


rati nelle sabbie inferiori e messi gradualmente in tiro. Sotto la loro
azione, si prevedeva un cedimento massimo di 42 cm al bordo nord
della fondazione, e di 3 cm al bordo sud, con una rotazione verso

ciascun lato, per correggere eventuali sbandamenti del monumento.


Il progetto GEOSONDA conteneva anchesso unopera di presi-
dio in carpenteria metallica, costituita da un traliccio spaziale con
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 119

quattro punti di appoggio distanti circa quaranta metri dalla Torre.


Una volta installata lopera di presidio, si sarebbe consolidata la
struttura muraria in elevato mediante cucitura dei due paramenti
con barre di acciaio cementate entro perforazioni -

sarebbe stata cinturata con un anello in cemento armato precom-


presso, sia per migliorarne le condizioni statiche, sia per contenere
alcuni dei pali.

proposto di Geosonda
120 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Il progetto KONOIKE consisteva nel migliorare le caratteristiche del


terreno di fondazione con un procedimento allora appena sviluppa-
to, e quindi poco conosciuto: il jet grouting. Si prevedeva di trattare
un cilindro di terreno al di sotto della Torre del diametro di circa
-
mento delle murature, n alcuna opera di presidio. In effetti, sem-
pre giudicato col senno di poi, questo della Konoike appare lunico

lesecuzione del trattamento previsto avrebbe provocato il crollo


della Torre.
IMPRESIT-GAMBOGI-RODIO si proponeva
una sorta di approccio osservazionale, come si direbbe oggi. Ve-
niva realizzato in primo luogo un elaborato sistema di regolazione
della falda idrica contenuta nelle sabbie intermedie e nelle sabbie

applicare alla Torre sistemi di forze stabilizzanti controllate e note.

Appalto concorso del 1973. Lopera provvisionale di Impresit Cambogi Rodio


5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 121

Una volta applicate tali forze, losservazione della risposta della


-
zante necessario per riportare il monumento in condizioni di sicu-
rezza. Questultimo sarebbe stato fornito da micropali presolleci-

Tutti questi interventi sarebbero stati preceduti da un massiccio


consolidamento della struttura muraria in elevato, con cuciture me-
talliche cementate e cavi di precompressione sia longitudinali, sia
circonferenziali.

dellappalto-concorso, del quale pertanto viene deliberata la non


aggiudicazione.

Appalto concorso del 1973. La soluzione di Impresit Cambogi Rodio


122 ................................................................................ Storie di Geotecnica

5.9. Ancora progetti

Nel 1982 il nuovo Ministro dei Lavori Pubblici, Giuseppe Nico-


-
solidamento della torre, dei quali 1,7 miliardi destinati allo studio
del progetto. La legge prescrive che le opere di salvaguardia siano
eseguite dagli organi tecnici dello Stato, mentre per il progetto di
-

dei Lavori Pubblici, in sostituzione di ogni altro parere previsto


dalla normativa.
-
-

unico non ingegnere del gruppo.


Il gruppo elabora un progetto di massima che viene esami-
nato per la prima volta dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
-

loro ipotesi, ritiene necessario che vengano sviluppate anche ipote-


si di tipo diverso, nelle quali si agisca essenzialmente o unicamente
sul terreno di fondazione del monumento. Il gruppo interagisce an-

Intanto il nuovo Ministro dei Lavori Pubblici, Enrico Ferri,


lo studio del
problema della sicurezza della Torre Pendente di Pisa nelle more

costituito dai professori: Remo Calzona, Elio Giangreco, Piero

-
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 123

vede, ancora ingegneri in grande prevalenza. Il Comitato incari-

di sicurezza della Torre e individuare eventuali altri provvedimenti


di salvaguardia.

Frattanto la storia si ripete. Dopo il Campanile di S. Marco, il 17


marzo del 1989 crolla improvvisamente la Torre Civica di Pavia,
facendo cinque vittime. Il Ministro Ferri si affretta a potenziare il

Nel novembre del 1989 il Comitato trasmette al Consiglio


Superiore un primo Rapporto e fa presente, in una lettera inviata al
Ministro, che: -
124 ................................................................................ Storie di Geotecnica

mit sia da valutare con estrema attenzione, da parte degli Organi


proposti al controllo e alla conservazione della Torre, lopportuni-
t di escludere tempestivamente laccesso del pubblico alla Torre
stessa ed alle zone limitrofe.
Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, nellAssemblea
del 28 novembre 1989, dopo aver preso in esame il Rapporto del
Comitato -
mit e della correlata necessit di salvaguardare lintegrit della
Torre dando conseguente corso allesecuzione dei primi interventi
di manutenzione straordinaria sui loggiati, sussistano valide moti-
vazioni per interdire laccesso del pubblico limitatamente alla Tor-
re, effettuando la perimetrazione nelle immediate soggiacenze.
A seguito di questo parere, il 6 dicembre 1989 viene pub-

dellaccesso del pubblico alla Torre di Pisa. La chiusura viene de-


mandata al Sindaco di Pisa, che la dispone per il 7 gennaio 1990.
Loperazione si trasforma in un happening televisivo, con Raffaella

Prandini, che promette la riapertura del monumento nel giro di po-


chi mesi.
La chiusura della Torre produce una profonda impressione
nellopinione pubblica, e genera spinte contrastanti. Da un lato
molti, e soprattutto i Pisani, premono per una rapida soluzione del
-

cultori del restauro si diffonde la preoccupazione che tali pressioni


si traducano in una soluzione poco meditata e quindi poco rispettosa
-

tradizionalmente si sempre occupato dei problemi della Torre, ed


il nuovo Ministero dei Beni Culturali.
Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, peraltro, non si
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ...............................................

era limitato ad auspicare la temporanea chiusura al pubblico della


Torre. Sempre nellAssemblea del 28 novembre 1989, nel quadro
delle possibili misure temporanee di presidio, il Consiglio ave-
va richiamato il proprio parere del 1987, nel quale si auspicava
lo sviluppo di soluzioni progettuali che operassero essenzialmente
sul terreno, piuttosto che sulla Torre. Sulla base di queste conside-
razioni aveva concluso esprimendo il parere: che siano da prose-
guire e concludere gli studi relativi alle ipotesi di cui ai precedenti
considerato (e cio, appunto, quelle relative ad un intervento sul
terreno); e che sia da valutare la necessit di porre in essere

indicate.

5.10. Il Comitato Internazionale

Raccogliendo in qualche modo queste indicazioni, nel gennaio del

ad un Comitato di 11 esperti il compito di provvedere allindivi-


-
cutivo degli interventi necessari per il consolidamento e restauro

esecuzione, e di scegliere il direttore dei lavori, operando anche in


deroga alla normativa vigente.
Il Comitato costituito da esperti nominati dal Presidente del
Consiglio Andreotti, su proposta congiunta dei Ministri per i Beni
Culturali e Ambientali Facchiano e dei Lavori Pubblici Prandini.
La sua competenza sostituisce ogni altra competenza collegiale in
materia.
-
126 ................................................................................ Storie di Geotecnica

-
-
terdisciplinare nel quale i componenti ingegneri si confrontano alla
pari con esperti di Restauro e Storia. Per lattuazione della Legge
viene stanziata una somma di 40 miliardi di lire per lanno 1990.
Al Comitato vengono subito aggiunti G. Macchi (Ingegneria

Settis e A.M. Romanini (Storia dellArte).


-

Comitato.

5.11. Lintervento di sottoescavazione

Il Comitato Internazionale ha approfonditamente esaminato tutti i


dati disponibili sul comportamento della Torre, sia quelli prove-
nienti dallelaborazione di informazioni di carattere storico, sia
quelli derivanti da un sempre pi completo ed approfondito moni-
toraggio. cos giunto alla conclusione che la Torre fosse affetta
leaning in-
stability, legata -
stenza, del sottosuolo.
Un semplice modello concettuale della leaning instability
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 127

leaning instability
128 ................................................................................ Storie di Geotecnica

-
periore vincolata alla base a una cerniera elastica che reagisce ad

massa concentrata per il fuori piombo indotto dalla rotazione. Se,


imponendo una certa rotazione, il momento stabilizzante della cer-
niera elastica maggiore di quello ribaltante, lequilibrio stabile

Se le due coppie sono uguali, lequilibrio indifferente e il sistema

graduale incremento della pendenza reso possibile dallo stato di


equilibrio indifferente ed dovuto a piccole azioni cicliche come le

dei terreni.

differenti equazioni costitutive per i terreni di fondazione. Queste


indagini hanno condotto alla conclusione che, per la sua non line-

unaltra importante conclusione stata che una diminuzione della


pendenza, anche relativamente ridotta, avrebbe prodotto un sostan-

Consapevole che la concezione, il progetto e la realizzazio-


ne di un intervento di stabilizzazione avrebbe richiesto tempi lun-
ghi, il Comitato decise di adottare, nel frattempo, provvedimen-
ti di stabilizzazione provvisori e completamente reversibili. Fra
maggio 1993 e febbraio 1994 furono quindi disposti, sulla base
della Torre a Nord, lingotti di piombo per un totale di circa 6,9
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 129

Nel frattempo, dopo una approfondita discussione, il Comitato


aveva deciso di stabilizzare permanentemente la Torre facendone
diminuire linclinazione di mezzo grado, ovvero di 1800 secondi
darco. Ci si proponeva di ottenere tale diminuzione inducendo un
cedimento differenziale di segno opposto a quello esistente, agendo
solo sui terreni di fondazione. Fra gli altri vantaggi di una tale solu-

formale, materiale e storica del monumento.


Furono presi in esame vari possibili modi di ottenere una
diminuzione di pendenza, studiandoli con analisi numeriche, pro-
130 ................................................................................ Storie di Geotecnica

ve su modello, e anche con campi sperimentali in vera grandezza.


Questo processo, durato alcuni anni, condusse a scegliere laspor-

-
vazione.
Per prevenire ogni possibile incidente, fu concepita e realiz-
zata unopera di salvaguardia consistente in due stralli di acciaio,

giugno 1999 fu condotto un cauto e limitato esperimento di sotto-


escavazione, asportando il terreno con trivelle a elica operanti in
3
di
terreno, per il 29% al di sotto della fondazione della Torre e per il
5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 131

Dopo il risultato molto positivo della sottoescavazione preliminare,


fra il febbraio 2000 e il giugno 2001 venne condotta la sottoesca-

m3 di terreno (per il 30% al di sotto della fondazione e per il 70%


a Nord di essa) e rimuovendo tutti i lingotti di piombo. Nel giugno
2001 venne anche smontata la struttura di presidio.
132 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Lobbiettivo di ridurre di mezzo grado linclinazione della Torre fu


-

ponesse mano allo scavo del catino.


5. Gli ingegneri e la torre pendente di Pisa ............................................... 133

sorta di giustizia poetica nel porre rimedio agli effetti negativi di


uno scavo malaccorto con un altro scavo, stavolta ben concepito
ed eseguito.

5.12. Considerazioni conclusive

La concezione e lattuazione dellintervento di stabilizzazione del-

chi scrive stata anche una lunga (si provi a paragonare fra loro le

-
za dei Miracoli, allombra di quei monumenti dallaspetto fantasti-
co di cose distanti pochi metri e molti secoli, e la scultura bronzea
134 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Quella altera e misteriosa straniera giunse un giorno lontano dallO-


riente su quel mare che ora tremola in lontananza alle sue spalle. E,

su quella piazza dove brilla ancora vicinissimo il suo sguardo enig-


matico e lontano.
Molte sono le conclusioni che potrebbero trarsi da questa
-
ne alcune. In primo luogo, scorrendo queste righe appare evidente
quale sia stata, in un arco di tempo di pochi anni, la profonda evo-

nellappalto concorso del 1973, o quelle elaborate nel secolo scor-


so, pur esaurienti sul piano meramente tecnico, vengono conside-

del monumento che, in ultima analisi, il valore che ci si propone


di salvaguardare con ogni intervento.
Lelaborazione di una soluzione completamente soddisfacen-
te implica la considerazione di esigenze molto diverse, e talvolta

multidisciplinare. Un lavoro comune fra specialisti di diverse disci-

vario tipo, anche interpersonali, ma alla lunga si rivelato estrema-


mente fruttuoso.

costruzione della Torre, con uno sforzo durato due secoli e malgrado
levidente manifestarsi della pendenza, mi sembra trovare un bel ri-
scontro 800 anni dopo nella testardaggine con la quale gli ingegneri
-
ti a conservarla per lammirazione delle future generazioni.
....................................................................................................................

AGI (1967)
Il sottosuolo dei grandi centri urbani e industriali nei riguardi dei
problemi geotecnici. VIII Convegno di Geotecnica, Cagliari. 3
voll.
AMATO L. (1998)
Relazione Geologico-Tecnica in merito agli studi ed alle indagini
realizzate nellambito del progetto di recupero della Crypta Nea-
politana. TecnoIn s.r.l., Napoli
ATTERBERG A.M. (1911)
Lerornas frhallande till vatten, deras plasticitetgrnser och pla-
sticitetgrader. Landtbruks Akademiens Handlingar och Tidskrift,

AZIMONTI C.I. (1932)


Gallerie.

The lateral pressure and resistance of clay, and the supportino po-
wer of clay foundations. Proc. Inst. Civ. Min. Eng., n. 199, 233-272

The Experimental Foundations of Solid Mechanics. Handbuch der

Notes in Technical Papers. Govt. Of India

(1960)
From theory to practice in soil mechanic, New York - London,
136 ................................................................................ Storie di Geotecnica

Notes on Mr Darwin paper On the horizontal thrust of a mass of


sand. Proc. Inst. Civ. Min. Eng., 262-371

Application des potentiels ltude de lquilibre et du mouvement


des solides lastiques. Gauthier Villars, Paris.

Exigences et perspectives de la smiotique. Recueil dhommages

Opere arcaiche per il controllo del territorio: gli emissari sotterra-


nei
CHIERICI G. (1929)
Il consolidamento della Tomba di Virgilio. Bollettino dArte del
Ministero della Pubblica Istruzione, Casa Editrice dArte Sestetti e

CINI M. (1997)
Prefazione a L. Russo, La rivoluzione dimenticata. Feltrinelli, Milano

Experiments made on the passage of water through the sand of


Chenab river from the Khanki weir site. Treatise on Civil Engine-
ering, vol. II, Irrigation work in India, Roorkee
COLLIN A. (1846)
Recherches exprimentales sur les glissements spontans des ter-
rains argileux. Carilia.Goeury et Dalmont, Paris
COMUNE DI NAPOLI (1967)
Il sottosuolo di Napoli, relazione della Commissione di Studio. A
cura del Comune di Napoli, 446 pp.
COMUNE DI NAPOLI (1972)
Il sottosuolo di Napoli, relazione della seconda Commissione di
Studio.
COULOMB C.A. (1767)
Essai sur une application des rgles de Maximise t Minimis quel-
ques problmes de statique relatifs larchitecture. Memoires de
lAcademie Royale des Sciences, vol.1, 343-382
................................................................................................ 137

of elasticity. Trans. Cambridge Philosophical Society, n. 9, part. II,

CRESY E., TAYLOR G.L. (1829)


Architecture of the Middle Ages in Italy, illustrated by views, plans,
elevations, sections and details of the cathedral, baptistery, lea-
ning tower of campanile and camposanto at Pisa from drawings
and measurements taken in the year 1817. London

Les fontane publiques de la ville de Dijon. Dalmont, Paris

On the horizontal thrust of a mass of sand. Proc. Inst. Civ. Min.

DE BOER R., SCHIFFMAN R.L., GIBSON R.E. (1996)


The origins of the theory of consolidation; the Terzaghi Fillunger
dispute

The Engineer and the Scandal; a Piece of Science History, Berlin


Heidelberg, Springer Verlag
DE PRONY G.C.M.R. (1790)
Nouvelle Architecture Hydraulique. Didot Firmin, Paris
DE RISO R., EVANGELISTA A., MAZZOLENI S., PELLEGRINO A.
(2002)
Stabilit delle coltri piroclastiche.

Il passo del Garigliano nella storia ditalia. Caramanica Editore,

de lEcole Royale Plytechnique, n. 10, 137-211


EVANGELISTA A., CESTRONE V., CONTE G., NAPOLI M., LOM-
BARDI G., MANDOLINI A., RUSSO G. (2002a)
I muri di sostegno nella citt di Napoli: inventario, condizioni di
sicurezza, interventi di stabilizzazione. -
nica, LAquila, 193-200
138 ................................................................................ Storie di Geotecnica

EVANGELISTA A., PELLEGRINO A., PERRELLA A., VIGGIANI C.


(2002b)
Un paradiso abitato da diavoli? I problemi geotecnici della citt
di Napoli.
EVANGELISTA A., PELLEGRINO A., PERRELLA A., VIGGIANI C..
(2004)
Interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico nella citt
di Napoli.
EVANGELISTA A., SCOTTO DI SANTOLO A., LOMBARDI G., NO-
CILLA N., DANZI M., VIVIANO D. (2002A)
Sui fenomeni di instabilit nei costoni di tufo giallo Napoletano.

Kaj-och jordrasen i Gteborg. Teknisk Tidskrift n. 48, 17-19


FILLUNGER P. (1936)
Erdbaumechanik?,

Versuche ber der Zugfestigkeit bei allseitigem Wasserdruck,

pp. 443-448
FLAMM L. (1938)
Beitrag zur Theorie der Setzung von Tonschichten.

FOREST DE BLIDOR B. (1729)


-
cation et darchitecture civile.

Notice sur laccident de la digue de Charme. Annales des Ponts et


Chausses, n. 23, 173-292

G.W. Leibniz Matematische Schriften. Geotg Olms Verlagbu-


chandlung, Heidelsheim, vol. 3, part 1, 10-20
GHERARDESCA A. (1838)
Considerazioni sulla pendenza del campanile della primaziale pi-
sana. Pisa
................................................................................................ 139

GOODMAN R.E. (1999)


Karl Terzaghi. The Engineer as Artist, ASCE Press
GROS P. (1983)
Status social et role culturel des architects (priode hellenistique et
augustenne).
HEINRICH G. (1938)
Wissenschaftliche Grundlagen der Theorie der Setzung von Ton-
schichten

Il saggio di Coulomb sulla statica. Un contributo alla storia


dellIngegneria Civile. Hevelis Edizioni, Benevento, 230 pp.

The schools we need and why we dont have them. Doubleday,


New York
HODGKINSON E. (1843)
Experiments to prove that all bodies are in some degree inelastic,
. 13th Meeting
of the British Association for the Advancement of Science, Cork,

HODGKINSON E. (1844)
Experimental inquiries into the falling-off fron perfect elasticit
in solid bodies. 14th Meeting of the British Association for the

HOOKE R. (1678)
Lectures de Potentia Restitutiva of spring, explaining the power of
springing bodies
HULTIN S. (1916)
Grusfyllningar for kajbiggnader. Bidrag till fragan om deras sta-
bilitet. Teknisk Tidskrift n. 46, 292-294
IRON COMMISSION (1849)
Report of a Commission appointed by the British Government to
conduct a study on the use of iron and cast iron in the construction
of railroads and bridges.

Recommendations and prejudices in the realm of foundation engi-


neering in Italy; a historical review. Geotechnical Engineering for
140 ................................................................................ Storie di Geotecnica

the Preservation of Monuments and Historic Sites, C. Viggiani ed.,

)
The XV Rankine Lecture: Old structures in relation to soil condi-
tions.
LANCELLOTTI M. (1840)
Sullo scavo della grotto di Seiano e sulla nuova strada di Coro-
glio: cenno artistico letterario. Napoli
LEVI C. (1949)
Trattato teorico pratico di costruzioni civili, rurali, stradali e
idrauliche. Milano
MARIOTTE E. (1700)
. Nouvel-
le Edition, Paris
MELISURGO G. (1889)
Napoli Sotterranea
pp.1972

La Torre Restituita. Gli studi e gli interventi che hanno consentito


la stabilizzazione della Torre di Pisa. Bollettino dArte, 4 volumi

Rsistance des matriaux, 3me edition. Comptes Rendues de lA-

NAVIER C.M.L.H. (1833)


Rsum des leons donne lEcole des Ponts et Chausss sur lap-
plication de la Mcanique. Carilia Goeury, Paris
NUTI (1986)
Pisa, progetto e citt 1814 1865. Pisa

Kolvborr. Ny borrtyp fr upptagning av lerprov. Teknisk Tidskrift

PARRINO D. A. (1700)
Napoli citt nobilissma, antica e fedelissima, esposta agli occhi et
alla mente dei curiosi. Napoli
................................................................................................ 141

PATTERSON K.E. (1916)


Kajraset y Gteborg den 5 Mars 1916. Teknisk Tidskrift, n. 46,
281-291
PELLEGRINO A. (2002)
Dissesti idrogeologici nel sottosuolo della citt di Napoli; analisi
e interventi.
346
PELLEGRINO C. (2011)
Flop sottosuolo, progetti al palo. Rischio dissesti. Il Mattino,
20.02.2011
)
Mmoire sur lboulement qui arrive quelque fois des portions
de Montagne et autres terrains levs; et sur les moyens de prve-
nir ces boulements et de sen garantir dans plusieurs circonstan-
ces. Paris
PRICE G. (1974)
Gears fron the Greeks. The Antikythera mechanism, a calendar
computer from ca. 80. Trans, American Philosophical Society, vol.
64, part 7

A manual of Civil Engineering.


RASULO G. (2000)
Il sistema fognario dell citt di Napoli alle soglie del 2000. CUEN,
Napoli
RENDULIC L. (1936)
Porenziffer und Poren-wasserdruck in Tonen, Der Bauingenieur,

REYNOLDS O. (1887)
Experiments showing dilatancy, a property of granulr mterials,
possibly connected with gravitation. Proc. Royal Institute of Engi-

Le Campanile de Pisa. Encyclopedie de lArchitecture, Bance, Pa-


ris
RUSHDIE S. (1999)
Il fallimento di Darwin. La Repubblica, 11 settembre
142 ................................................................................ Storie di Geotecnica

RUSSO L. (1997)
-
za moderna. Feltrinelli, Milano, 382 pp.
SCHERILLO G. (1844)
Dellarea di Baia a tempo dei Romani e di una meravigliosa spe-
lonca nuovamente scoperta nelle vicinanze di Cuma. Discorsi due,
Napoli
)
A qual uso sia servita in origine la grotta di Seiano. Dissertazioni due

SINDACO DI NAPOLI COMMISSARIO DELEGATO (2000)


Rapporto sullo stato del sottosuolo; quadro organico degli inter-
venti. Tipolitostampa, Napoli

A history of soil properties, 1717 1927

STABILINI G. (1886)
Costruzione delle gallerie. Bologna
STABILINI L. (1949)
Costruzioni stradali e ferroviarie. Milano

ber das Gleichgewicht und die Bewegung insbesondere die Dif-


fusion von Gasmengen, -
-

TERZAGHI K., RENDULIC L. (1934)


Die Wirksame Flchenporositt des Betons, Zeitschrift des sterrei-

TERZAGHI K., FRLICH O.K. (1936)


Theorie der Setzung von Tonschichte,
TERZAGHI K. (1923)
Die Berechnung der Durchlssigkeitziffer des Tones aus dem Ver-
lauf der hydrodinamischen Spannungserscheisnungen. Sitzungbe-
-
................................................................................................ 143

TERZAGHI K. (1924)
Die Theorie der hydrodinamischen Spannungserscheinungen und
ihr Erdbautechnische Anwendungsgebeit. Proc. Int, Congresso f
Applied Mechanics, Delft, n. 1, 288-294

Erdbaumechanik auf bodenphysikalischer Grundlage

TERZAGHI K. (1936)
The shearing resistance of saturated soils and the angle betwe-
en the planes of shear, in Proceedings 1st ICSMFE, Cambridge,

-
sions
VIGGIANI C. (2001)
Analisi e progetto delle fondazioni su pali. !a Conferenza A. Croce,
Rivista Italiana di Geotecnica n. 1

Movimenti della fondazione della Torre. Bollettino dArte, volume

Handbuch der Mechanik, vol. 1. Herbig, Leipzig


Indice

1. LINGEGNERIA GEOTECNICA
FRA ARTE E SCIENZA p. 9
1.1. Ingegneria e Scienza p. 9
1.2. Greci e Romani p. 12

1.6. Il Medioevo prossimo venturo p. 28

2. LUCIO COCCEIO AUCTO: UN INGEGNERE


ROMANO IN EPOCA TARDO REPUBBLICANA p. 33
2.1. Cocceio architetto p. 33
2.2. Cocceio ingegnere p. 36
2.3. La Crypta Neapoletana p. 40

3. LA TEORIA DELLA CONSOLIDAZIONE FRA


TERZAGHI E FILLUNGER: UNA DISPUTA
ACCADEMICA NELLAUSTRIA DEGLI ANNI 30

3.3. Paul Fillunger p. 61


3.4. Terzaghi e Fillungher p. 61

3.6. La tragedia p. 66
3.7. Epilogo p. 68
4. LINGEGNERIA GEOTECNICA
E IL SOTTOSUOLO DI NAP OLI p. 73
4.1. Premessa p. 73
4.2. Il sottosuolo di Napoli p. 76
4.3. I problemi geotecnici p. 79
4.4. La Commissione del 1966 p. 86

4.6. Il Commissariato Emergenza Sottosuolo p. 90


4.7. La storia si ripete? p. 93

5. GLI INGEGNERI E LA TORRE PENDENTE


DI PISA p. 99

internazionale p. 113
ARGOMENTI DI INGEGNERIA GEOTECNICA

1. Prove di carico su pali di fondazione


ALESSANDRO MANDOLINI
2. Interazione fondazione terreno
Modelli matematici e metodi numerici
VINCENZO CAPUTO
3. Introduzione alle indagini geotecniche
Dalle norme alle esperienze
ALESSANDRO FLORA
4. Misure dinamiche in sito
Applicazioni geotecniche
CLAUDIO MANCUSO
5. Caduta di massi
Analisi del moto ed opere di protezione
GIAN PAOLO GIANI

WILLIAM F. VAN IMPE, NUNZIANTE SQUEGLIA


7. Stabilit dei pendii in roccia
Rilievi strutturali e spostamenti ammissibili
NICOLA NOCILLA, GIANFRANCO URCIUOLI
8. Drenaggi a gravit per la stabilizzazione dei pendii
AUGUSTO DESIDERI, SALVATORE MILIZIANO, SEBASTIANO RAMPELLO
9. La resistenza non drenata delle argille poco consistenti
LUIGI CALLISTO
10. Risposta sismica locale
Teoria ed esperienze
GIUSEPPE LANZO, FRANCESCO SILVESTRI
11. Piastre circolari di fondazione

GIOVANNI BATTISTA FENELLI, GIANPIERO RUSSO


12. Principi di progettazione geotecnica
RUGGIERO JAPPELLI
13. La risposta sismica dei pali di fondazione
GIOVANNI DENTE
14. Meccanismi di deformazione e rottura dei pendii
LUCIANO PICARELLI
15. Analisi di stabilit dei pendii
I METODI DELLEQUILIBRIO LIMITE CAMILLO AIR FARULLA
16. Cedimenti di fondazioni su sabbia
UN METODO DI CALCOLO LORELLA MONTRASIO
17. Le colate rapide
ANNA SCOTTO DI SANTOLO
18. Analisi dei diaframmi multiancorati
VINCENZO PANE, CLAUDIO TAMAGNINI
19. Jet grouting
Tecnica, progetto e controllo
PAOLO CROCE, ALESSANDRO FLORA, GIUSEPPE MODONI
20 Modellazione geotecnica in centrifuga
EMILIO BILOTTA, NEIL TAYLOR
21. Analisi limite in Ingegneria Geotecnica
CLAUDIO TAMAGNINI

SALVATORE MILIZIANO
23. Tecnologie senza scavo
PAOLO BOZZA
24. Prove penetrometriche dinamiche
DIEGO LO PRESTI, NUNZIANTE SQUEGLIA
25. Storie di Geotecnica
CARLO VIGGIANI
copyright 2011

HEVELIUS EDIZIONI S.r.l.


Via A. Zazo, 6 - Benevento
www.hevelius.it

Finito di stampare da
Aesse Stampa - Benevento
nel mese di ottobre del 2011

ISBN 978-88-86977-69-2
La prima e la seconda delle vicende di Ingegneria Geotecnica che
sono raccontate in questo libro si rifanno alla storia.
Nella prima, si segue lo sviluppo del pensiero scientifico da
Archimede e Euclide a Galileo e Newton, con la lunga parentesi
del Medio Evo, e si esplorano i rapporti fra la Scienza e lInge-
gneria. Nella seconda si descrivono tre monumentali opere di
ingegneria pre-scientifica: le gallerie romane nei Campi Flegrei
realizzate nel I secolo a.C. da Lucio Cocceio Aucto. Queste
gallerie sono state a lungo utilizzate, talvolta fin quasi al secolo
scorso, e poi gradualmente abbandonate al degrado e dimenticate.
La terza ricorda la straordinaria vicenda di Terzaghi e della sua
disputa con Fillunger sulla teoria della consolidazione, nella
Vienna degli anni 30 del 900.
Poi la vicenda del sottosuolo di Napoli, dei rischi che esso pone in
essere per la citt e dei modi in cui si tentato di mitigare questi
rischi, storia anchessa ricca di insegnamenti e probabilmente in
gran parte sconosciuta.
Infine, il racconto degli assidui sforzi che, a partire dalla met del
XIX secolo, sono stati condotti per comprendere il fenomeno
dellinclinazione della Torre di Pisa e dei successivi interventi che,
dopo molti tentativi e qualche errore, hanno portato alla
stabilizzazione della Torre.

e 18,00 ISBN 978- 88-86977-69-2