Sei sulla pagina 1di 3

Abbiamo visto come Mascagni si apre senza riserva al cinema,

ma latteggiamento della maggior parte dei compositori del


tempo di disprezzo e scetticismo, anche se il cinema paga e
paga bene.
Ne una riprova il film CABIRIA di GIOVANNI PASTRONE, con
didascalia di DANNUNZIO. Gabriele DAnnunzio fu presentato
come lautore della sceneggiatura del film e questo per
promuovere con un grande nome il lancio del film, in realt lo
scrittore si limit alle didascalie e ad inventare qualche nome dei
personaggi, tra cui quello di CABIRIA (nata dal fuoco).
Cabiria da bambina infatti, durante leruzione dellETNA, si trova
nella ricca casa paterna e si salva perch la sua nutrice la porta
nei sotterranei della villa.
DAnnunzio dunque fornisce un certificato di paternit al film,
anche se sue sono solo le didascalie.
In quel periodo lo scrittore era in esilio a Parigi, perch era
dovuto andare via dallItalia per via dei numerosi debiti, vista la
vita lussuosa che faceva. LItalia Film gli offre una cifra da
capogiro (50000 franchi) e DAnnunzio torna in Italia. La casa di
produzione infatti voleva unaura di letterariet per portare al
cinema anche gli intellettuali e la classe borghese, visto che il
pubblico era prevalentemente popolare.
La colonna musicale fu affidata a ILDEBRANDO PIZZETTI, che non
nasconde la sua forte avversione per il cinema.
In una sua lettera a DAnnunzio del 1913 infatti scrive: A Torino
ho rincontrato ling. Pastrone, che mi propose
laccompagnamento musicale per il suo film. Vista la mia
profonda avversione per il cinematografo, chiesi 10000 lire di
compenso nella speranza di un rifiuto. Invece Pastrone accett e
io firmai il contratto. E ora sono tristissimo perch dovrei andare
daccordo con la fotografia animata, con i trucchi scenici.
Maledico la mia sorte e le dico che rinuncer a scrivere la
partitura e anche alle 10000 lire. Per Pizzetti la musica
cinematografica non degna del suo nome. Comunque non
scioglie il contratto, anche se:
- Dei 4 brani che si era impegnato a comporre, ne comporr 1 solo, LA
SINFONIA DEL FUOCO, per baritono, coro misto e orchestra.
- Affider la selezione delle musiche, tratte dal repertorio classico, al
suo allievo MANLIO MAZZA.
Pizzetti non vedr mai il film Cabiria e non volle mai pubblicare la
Sinfonia del fuoco, non incluse questo brano nei suoi concerti e
quando nel 1931 (dal 1927 era nato il cinema sonoro) il regista
Pastrone gli chiese il consenso della registrazione della colonna
musicale, gliela neg. Tra laltro Pastrone era anche il proprietario
della ITALIA FILM, la casa di produzione che realizz Cabiria.
Cabiria riscosse un enorme successo sia in Europa che negli Stati
Uniti, dove le musiche furono cambiate, come da prassi: i film
infatti potevano essere cambiati a piacimento della produzione al
fine di adeguarli ai gusti del pubblico. Si potevano tagliare le
scene (come accadr p.es. per il film Metropolis di Fritz Lang
del 1926) rispetto alla sua proposta in diverse versioni, diverse
per durata e montaggio. E il pi delle volte la musica originale
era cestinata a favore di altre colonne musicali.
Cabiria (1914) un kolossal ambientato nel III sec. a.C. con una
durata di 3 ore e 10 minuti:
Siamo nel mezzo delle guerre puniche (tra Roma e Cartagine).
Cabiria, una bambina di 5 anni, rapita dai fenici che la vendono
ai cartaginesi, che la vogliono offrire in sacrificio al dio MOLOCH.
Il romano FULVIO AXILIA con il suo amico MACISTE riesce per a
liberarla. Gli anni passano e Cabiria schiava di SOFONISBA ma
le truppe romane sbarcano in AFRICA guidate da SCIPIONE (detto
per questo lafricano). E per Scipione cera un solo modo di
arrivare ad una pace definitiva con Roma: radere al suolo
Cartagine ( sua la frase Cartago delenda est, Cartagine deve
essere distrutta) Limpresa riesce con la vittoria della battaglia
di Zama. Tra i vincitori c anche FULVIO AXILIA che insieme a
MACISTE libera Cabiria.
Il film a episodi.
importante notare come per la prima volta nella storia del
cinema si riproponga lantichit in generale:
- Scene di massa (utilizzate centinaia di comparse)
- Ricostruzioni scenografiche maestose (statue enormi e colonne di
cartapesta)
- Scene grandiose come lincendio delle navi romane con gli specchi di
Archimede o leruzione dellEtna
Inoltre per la prima volta compare MACISTE, un eroe muscoloso e
imbattibile, che avr larga fortuna nel cinema italiano.
Il personaggio di Maciste infatti diventa il capostipite di personaggi
simili, come SANSONE o ERCOLE.

Concludiamo con alcuni dati importanti.


In Italia le partiture originali hanno accompagnato poco le pellicole
del cinema muto.
Lelenco delle musiche originali del cinema italiano muto che ci
sono pervenute sono solo 19, su 9816 film (come riportato da ALDO
BERNARDINI nel suo libro IL CINEMA MUTO 1905-1931, in
ARCHIVIO DEL CINEMA ITALIANO)
Inoltre i compositori hanno un atteggiamento non univoco nei
confronti della musica per film:
- C chi, come MASCAGNI, si apre al nuovo con lumilt dellartigiano e
con grande interesse per la nuova forma di spettacolo
cinematografico.
- C chi invece come ILDEBRANDO PIZZETTI reticente al nuovo: nella
convinzione che il cinema sia uno spettacolo di serie B e che tale sia la
musica per i film.
Daltra parte alla sua nascita il cinematografo era considerato un
fenomeno da baraccone e gli stessi Lumire, che ne erano gli
inventori, pensavano che linteresse per le immagini in movimento
si sarebbe esaurito nellarco di poco tempo.