Sei sulla pagina 1di 9
ee: BaCH+ BACH. BACH. BACH. LA RISPOSTA- he il Soggetto stabitito Seconds en, Abbiamo detto che la Risposta non é altra cosa © dominante. ; . eo te da osservazioni importanti. Ecco queste regole seguil i Se si ns di tn Fuga reale, la Risposta si fa rigorosamente, nota per nota val + Ne] t della dominante- | chi punti sono da osservare: Se si trata di una Fuga tonale, pare u : \ 1° Quando il Soggetto incomineia colla tonica, la Risposta deve incominciare nante,e quando incomincia colla dominante, la Risposta deve incominciare codla to » 4g ‘olla 4, nica, By Risposta Principio del Soggetto —_Risposta Principio det Suggetto. dom. dom. ton, ton. 28Se il Soggetto si porta francamente, subito al principio, dalla tonica alla domi reciprocamente, la Risposta deve portarsi dalla dominante alla tonica 6 reciprocament Bs SOGGETTO ai quali soggetti si deve rispondere con: RISPOSTA SOGGETTO ai quali Soggetti si deve rispondere con: ,RisPosta <= 6 Saas Per i Soggetti i 7 ‘1 come i i 6 0 reciprocamente: 1 seguenti non portantisi ft subito al principio dalla tonica alla domi E.R. 2624 SS n principia né colla tonica née colla domi minal soe nom on quella della domi te, i on mi Si n a ia tonion © : inante € reciprocamente, a Tispondere al. to : b isposta soccerTo RisPosta SOGGETTO dake RisPosts bo dresibn, aftaae o nel £0 del Soggeto si deve a rispondere sempre alla ¢onalita dell; 1114 Sjominante © Tore aman, um che queste tonaliti non abbiaon at en ay Beg passnBBer®> nel qual e280 si risponde semplicemente ed esatlamente caine ome BEF esempio: famente cogli stessi RISPOSTA re dubbio sulla preseuza 0 no di modulazioni nel corso di un Sogget si producono, si deve dare Ia preforenza alla Risposta che for. pud esiste! iso ove 658 se quando ‘ul punto fe ulla Risposta si chiamano mutazioni. o aver luogo nella durata d’una Risposta se il Ite dalla toniea alla dominanteo reciprocamente. rossenvazsons Le modificazioni apportat Parecchie mutazioni posson Soggetto modula pareechie vo rta uno stretto in canone, ‘bbastanza facile nella maggior par e di riflessione & di ricerca. te dei casi, poiche aceade talvolta che la vera Ri- tto, il Soggetto seguente del Signor Se il Soggetto compo! Ja Risposta, dovendo dare questo canone, diventa te dei casi,di de- terminarla dopo un istant Dico nella maggior par sposta non concordi interamente collo stre! Massenet lo dimostra visibilmente: 1 0sSERVAZIONE.- La Risposta é: 4a fecendo lo stretto bi_ ‘mn sopprimere il reg. ©" 116 Occorre osservare altresi che, basandosi unicamente sullo strot,,, Dey bilize 1a Risposta, si potrebbe seguire una falsa strada. Supponiaing cid che é possibile, che I’allievo veda lo stretto di questo Soggetto com, egli si sbagliera se fara la Risposta con questa versione, che non é tonal, Non si deve pertanto valersi di questa 23 Osservazione che con una Certa tise SHOSSERVAZIONE. Se il Soggetto contiene delle modulazioni passaggere 4 dei toni relatiyi, |, Risposta deve, su questo punto ancora, seguire il soggetto nei suoi contorj, Prendiamo i Soggetti dati sopra e cerchiamone le Risposte analizzando il nostro Lavoro, condo le regole e le osservazioni suindicate . I tre primi essendo dei Soggetti di Fuga reale non offrono alcuna difficolta,e bisogna ti, spondervi rigorosamente,. Es: . SOGGETTO 1° RISPOSTA STRETTO FORNITO DALLA RISPOSTA SOGGETTO 29 RISPOSTA z et ga eee STRETTO FORNITO DALLA RISPOSTA