Sei sulla pagina 1di 3
Il Bello Musicale Introduzion Lobbiettivo del presente lavoro @ offrire una valutazione dell’estetica musicale cosi come é stato concepita da E.Hanslik nella sua opera “I! Bello Musicale”.Prima di entrare nel vivo dell’argomento ho ritenuto opportuno fare alouni cenni storici riguardo l'estetica musicale. Essa nasce come disciplina filosofica autonoma,che mira alla definizione e alla classificazione del fenomeno artistico.Nata verso la fine de! 700 ma si sviluppera in seguito non prima della meta dell’800 con Hanslik.La riflessione sulla musica ha confini molto ampi,rispetto alle altre arti.Ai tempi nel stabilire un tipo di differenza tra la musica e le altre arti,nel sostenere che la musica @ un'arte particolare con caratteri propri che la rendono diversa,si sarebbe toccato un tema molto complesso € tutto questo sarebbe sembrato assurdo.Quando Schumann formulava per bocca di Florestano che “L’estetica di un’arte @ uguale a quella delle altre arti, soltando il materiale @ diverso”,in questo caso lui favorisce il modo di considerare la musica come frutto di un’attivita creativa ed espressiva dell'uomo.All'epoca la musica era considerata un'arte inferiore,ritenuta come un mestiere quindi imparagonabile alle altre art. Il modo in cui era considerata l'estetica musicale si fondava sull’equivoco che essa non sia mirata a conoscere cosa sia il bello nella musica,ma descriva i sentimenti che questa suscita in chi V'ascolta.Si dice che la musica non pud essere in relazione con lntelligenza attraverso concetti,come fa la poesia,e nemmeno con I'occhio mediante forme visibili come fanno le arti figurative.Quindi il compito della musica @ quello di dover agire sui sentimenti dell’uomo.Ma ‘soffermiamoci sul ruolo in cui giocano i sentimenti.In primo luogo dobbiamo stabilire come la musica agisca su di noi attraverso i sentimenti che avranno quindi uno scopo e una destinazione. In secondo luogo si designeranno i sentimenti come contenuto che la musica esibisce nelle suo opere.Ma queste due affermazioni sono sbagliate perché il bello musicale continuava ad essere considerato solo dal lato dell’impressione soggettiva che produce.Si pensava che lo scopo della musica era il dover suscitare sentimenti,e che questi ne siano il contenuto.Ma non é cosi,perché il bello é pura forma,non ha scopo,il suo unico scopo é se stesso.Se dalla contemplazione del bello nascono sentimenti piacevoli questi non riguardano il bello in quanto tale, l bello é e rimane bello anche se non suscita alcun sentimento,é dovuto al piacere di un soggetto contemplante,ma non mediante questo piacere.Quindi non possiamo parlare di scopo nei riguardi della musica e il rapporto con i nostri sentimenti non giustificano che l’affermazione di questo rapporto abbia un significato estetico.Se vogliamo studiare pili da vicino questo rapporto dobbiamo prima distinguere i concetti di “sentimento” e “sensazione’. La Sensazione: é la percezione di una determinata qualita sensibile(di un suono,di un colore). | Sentimento: @ il divenire coscienti di un soddisfacimento o di un disfacimento del nostro stato d’animo.Quando percepisco con i sensi l'odore o il sapore,la forma, l colore oppure il suono di una cosa,ho una sensazione ma quando il mio animo é triste oppure gioioso quindi al di sopra del mio stato d’animo abituale,provo un sentimento.In questo caso il bello colpisce i nostri sensi.Ma l’'arte non ha come scopo il dover suscitare sensazioni e sentimenti attraverso il bello,questo bello deve essere percepito attraverso la fantasia.Un’opera musicale nasce dalla fantasia dell'artista per la fantasia dell’ascoltatore.Ma di fronte al bello la fantasia non é un puro e semplice guardare,ma un guardare con intelletto.L'ascoltatore gode attraverso una pura contemplazione nell'ascoltare un pezzo musicale e non ha interesse nel contenuto.Se il bello interessa esclusivamente l’intelletto,ci troviamo nel campo della logica € quindi non dell’estetica,ma se esercita in noi un sentimento si ha un’effetto patologico.Quindi nel considerare la musica come arte bisogna riconoscere come sua istanza estetica la fantasia e non il sentimento.Ma stabilito che l'organo del bello é la fantasia,per il sentimento dovremmo trattarlo in modo pili specifico ,penetrando all’interno delle opere basandosi sulle leggi del proprio organismo.Oltretuto 8 da notare che i sentiment che suscita un perz9 ‘musicale @ del tuto casuale perché varia a seconda del punto di vista della nostra espenanca » impression’ musica Ma i sentiment sono li contenuto che la musica deve esibire? contenuto di un’opera poeticao di arte figuativa si sud esprimere con paroe.Noi diciamo questo ‘quadro rappresenta una fioraia.questa statua un gladatoree cosi Via ‘Sipensava che i contenuti dela musica fossero i sentimentma & un'erore perché la musica non & in grado di esporte sentiment.in quanto questi non esisiono isola nelanima,ma dipendono da, presuppostiisiologicie patologici Un sentimento generale dvanta determinato solo quando ha un Teale contenuto storico,quindl non pud essere espasto atraverso concett quind! se la ‘musica(linguaggioindeterminalo)non pud tradue concettnon potratradurre neanche sentiment