Sei sulla pagina 1di 58

Set Domande

STORIA DEL CINEMA


LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Generato il 02/07/2018 17:13:25


N° Domande Aperte 50
N° Domande Chiuse 210
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 000 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 8
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 10
Lezione 005 ............................................................................................................................. p. 12
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 13
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 18
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 19
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 20
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 27
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 28
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 30
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 31
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 33
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 34
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 45
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 47
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 48

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 2/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 49


Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 50
Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 52
Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 53
Lezione 044 ............................................................................................................................. p. 54
Lezione 046 ............................................................................................................................. p. 55
Lezione 047 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 58

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 3/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 000
01. Quale tra questi generi cinematografici non è riconoscibile all'interno di Zombi 2 di Lucio Fulci?

Western

Horror

Film di avventure

Fantascienza

02. Quale di queste figure NON ha alcun rapporto con la vicenda raccontata in "Rapsodia satanica" di Nino Oxilia?

Dorian Gray

Dracula

Faust

Salomé

03. Con quale tipo di produzione appartenente al cinema internazonale è da mettere in relazione, secondo Simone Venturini, il film Malombra di Mario Soldati?

Con film dell'espressionismo tedesco come Destino di Fritz Lang

Con film del realismo poetico francese come Alba tragica di Marcel Carné

Con women's film come Rebecca di Alfred Hitchcock

Con film del muto sovietico come Sciopero di Ejzenstejin

04. Quale tra queste viene esplicitamente citata da Dario Argento come principale fonte di ispirazione del film Suspiria (1977)?

Psycho di Alfred Hitchcock

Biancaneve e i sette nani di Walt Disney

Il bacio della pantera di Jacques Tourneur

La strada scarlatta di Fritz Lang

05. Quale tra questi elementi non viene considerato determinante, nell'analisi presente sul volume, per la creazione del mondo di Suspiria (Dario Argento, 1977)?

Gli effetti speciali

La saturazione del colore

Il formato panoramico

Il suono stereofonico

06. In quale di questi film viene effettuata una rilettura del genere peplum che parte dalla della resistenza che aveva offerto Roberto Rossellini in Roma città
aperta?

Le fatiche di Ercole

Fabiola

Scipione l'Africano

OK Nerone

07. Quale di questi peplum è un perfetto esempio della tendenza al riciclaggio propria del genere, in quanto contiene intere sequenze prelevate da altri film del
filone?

OK Nerone di Mario Soldati

Il colosso di Rodi di Sergio Leone

Le fatiche di Ercole di Pietro Francisci

Maciste all'inferno di Riccardo Freda

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 4/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

08. Quale celebre letterato italiano ha scritto le didascalie del film Cabiria di Giovanni Pastrone?

Giovanni Verga

Gabriele D'Annunzio

Luigi Pirandello

Guido Gozzano

09. Quale di questi filoni caratteristici di del cinema italiano degli anni Dieci del Novecento, colpirà l'immaginario di Luigi Pirandello al punto da essere inserito
nel finale del romanzo I quaderni di Serafino Gubbio operatore?

I temi faustiani di film come "Rapsodia satanica" di Nino Oxilia

I film ispirati al teatro del Grand Guignol, come "Più che la morte" della Aquila Films

La tendenza ad adattare testi gotici inglesi, come nel caso di "Il mostro di Frankenstein" di Eugenio Testa

I "drammi del serraglio" nei quali i protagonisti vengono sbranati da belve feroci, come nel caso di "In pasto ai leoni" della Cines

10. Con quale di questi film nasce ufficialmente l’horror italiano?

I tre volti della paura di Mario Bava

Rapsodia satanica di Nino Oxilia

La machera del demonio di Mario Bava

I vampiri di Riccardo Freda

11. Perché risulta sorprendente l’apparizione di Scipione l’africano (Carmine Gallone) nel 1937?

Perché pur essendo stato realizzato nel 1937, il film è ancora girato muto

Perché si tratta sostanzialmente dell’unico film appartenente al genere peplum realizzato da una società ossessionata dall’antichità romana come quella fascista

Perché nel suo celebrare la storia romana sceglie un episodio dell’epoca repubblicana anziché di quella imperiale

Perché nonostante intenda celebrare l’Italia fascista, è coprodotto con l’Unione sovietica

12. Quale di queste tre interpretazioni è stata data a proposito dell'utilizzo che il cinema peplum italiano degli anni Sessanta fa della figura del bodybuilder?

Una testimonianza di come il boom economico e l’esplosione della moderna società dei consumi si siano riflessi in una diversa percezione del corpo maschile

Una forma di reazione ai mutati rapporti di genere e al nascente femminismo a uso e consumo del pubblico maschile

Una forma di "risarcimento" nei confronti dei braccianti del Sud Italia, resi obsoleti dalla meccanizzazione dell'agricoltura

Sono state date tutte le interpretazioni presenti nelle altre risposte

13. Quale grande produzione del genere storico-mitologico viene presa come modello da Le fatiche di Ercole di Pietro Francisci?

Spartaco di Riccardo Freda

Ulisse di Mario Camerini

Fabiola di Alessandro Blasetti

Il colosso di Rodi di Sergio Leone

14. Quale tra i seguenti non è un aspetto caratteristico del cinema horror italiano degli anni '60?

La dimensione seriale, dovuta al fatto che questi film danno spesso il via a serie di sequel concatenati

La dimensione attrazionale, dovuta alla presenza, in questi film, di scene caratterizzate da deliranti eccessi visivi

La dimensione transnazionale, dovuta al fatto che questi film sono spesso delle coproduzioni internazionali

La dimensione allegorica, dovuta ai richiami, presenti alcuni di questi film, a orrori della storia come il nazismo o Hiroshima

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 5/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

15. Da quale importante regista dell'horror italiano è stato completato I vampiri (1957), dopo che Riccardo Freda ha abbandonato il set?

Mario Bava

Antonio Margheriti

Piero Regnoli

Dario Argento

16. Quale tra le seguenti non è una delle caratteristiche del giallo italiano degli anni Settanta?

La messa rappresentazione di angoli nascosti della provincia italiana

Il legame con l'universo delle arti visive

Il forte legame con l’erotismo

Il rapporto con i classici della letteratura “gialla” britannica

17. All'opera di quali scrittori è ispirato, secondo Simone Venturini, il film Contronatura di Antonio Margheriti?

Lord Byorn e Mario Soldati

Mary Shelley e Carlo Fruttero

H. P. Lovecraft e Italo Calvino

Edgar Allan Poe e Dino Buzzati

18. Quale tra questi registi inseriva nei propri film peplum, secondo la critica dell'epoca, delle forme di distanziamento ironico di matrice brechtiana?

Sergio Leone

Alessandro Blasetti

Pietro Francisci

Vittorio Cottafavi

19. Quale tra questi film peplum è un esempio di Runaway production, ovvero di film in tutto e per tutto hollywoodiano, girato in Italia per risparmiare sui costi
delle maestranze?

Quo Vadis (Mervyn LeRoy, 1951)

La Tunica (Henry Koster, 1953)

Sansone e Dalila (Cecil B. DeMille, 1949)

Ben Hur (William Wyler, 1959)

20. Di quale sottogenere dell’horror americano è un antesignano il film di Mario Bava Ecologia del delitto – Reazione a catena (1971-1972)?

Il rape and revenge

Il gore

Lo slasher

Lo splatter

21. Delineate le caratteristiche tematiche e stilistiche del film Suspiria (Dario Argento, 1977)

22. Parlate delle caratteristiche del peplum nell'epoca del muto italiano

23. Parlate delle caratteristiche tematiche e stilistiche del film Ercole alla conquista di Atlantide(Vittorio Cottafavi, 1961), senza raccontarne la trama

24. Parlate delle caratteristiche produttive, tematiche e stilistiche del film Le fatiche di Ercole (Pietro Francisci, 1958), senza raccontarne la trama

25. Parlate, facendo degli esempi specifici, del modo in cui la figura di Mussolini entra in relazione più o meno esplicita con il cinema peplum

26. Parlate del film Ecologia del delitto - Reazione a Catena di Mario Bava (1971-72), identificando le principali caratteristiche evidenziate nel volume di
Venturini e senza raccontarne la trama

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 6/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

27. Parlate del film Malombra di Mario Soldati (1942), identificando le principali caratteristiche evidenziate nel volume di Venturini e senza raccontarne la
trama

28. Parlate di quelle che Venturini identifica come caratteristiche del "gotico all'italiana"

29. Parlate del rapporto tra identità italiana e americana in O.K. Nerone di Mario Soldati (1951)

30. Parlate delle caratteristiche del cinema Peplum degli anni Sessanta

31. Parlate della possibile esistenza di un cinema riconducibile al genere horror negli anni del muto italiano

32. Delineate le caratteristiche tematiche e stilistiche del film Zombi 2 (Lucio Fulci, 1979)

33. Parlate del film Fabiola (Alessandro Blasetti, 1949) e del suo rapporto con il neorealismo

34. Parlate del giallo e del tema del delitto come opera d'arte

35. Delineate le caratteristiche tematiche e stilistiche del film I vampiri (Riccardo Freda, 1957)

36. Parlate dell'operazione ideologica che sta alla base di Scipione l'Africano (Carmine Gallone, 1937)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 7/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 002
01. Qual è l'elemento che nessuna delle tecnologie del cosiddetto 'precinema' (lanterna magica, zootropio, prassinoscopio, teatro ottico, ecc.) era in grado di
incorporare?

Nessuna di loro era in grado di riprodurre il movimento

Tutte e tre le altre risposte sono esatte

Nessuna di loro prevedeva che venissero animate delle fotografie

Nessuna di loro contemplava la proiezione su schermo

02. Quale di questi pionieri della cronofotografia impressionava su di un'unica lastra le varie fasi del movimento di un soggetto?

Eadweard Muybridge

Charles-Emile Reynaud

Etienne-Gaspard Robert

Etienne-Jules Marey

03. Cos'era un Kinetoscope parlor?

La macchina da presa necessaria per realizzare i film per il Kinetoscope

Il cabinato in cui scorreva la pellicola del Kinetoscope

Il teatro di posa in cui venivano realizzati i film per il Kinetoscope

Una locale in cui veniva commercializzato il Kinetoscope

04. Quale importante caratteristica distingue il Kinetoscope di Edison e Dickson dal Cinématographe dei Lumière?

A differenza del Cinématographe, il Kinetoscope utilizzava pellicola a colori

A differenza del Cinématographe, il Kinetoscope non utilizza la pellicola, ma piccole lastre trasparenti e flessibili cucite l’una all’altra.

A differenza del Cinématographe, il Kinetoscope non prevede la proiezione su schermo, ma la visione individuale attraverso uno spioncino montato su di una cassa di
legno.

A differenza del Cinématographe, il Kinetoscope non fu commercializzato, ma rimase un prototipo.

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 8/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 003
01. Quale di questi film della scuola di Brighton effettua degli esperimenti con il raccordo di direzione?

The Countryman and the Cinematograph

Sandow the Strongman

As Seen Through a Telescope

Rescued by Rover

02. Quale di queste caratteristiche meglio definisce il cinema del pioniere George Méliès?

L’accuratezza delle ricostruzioni, che contraddistingue “attualità ricostruite” come L’affaire Dreyfuss (1899).

L’utilizzo di effetti speciali fotografici, da lui utilizzati nei propri film di tematica fantastica.

La tendenza a sperimentare il formato del lungometraggio, da lui utilizzato in alcune opere di ambientazione greca e romana.

I movimenti di macchina, attraverso i quali Méliès riesce ad articolare narrazioni relativamente sofisticate

03. Quale pioniere del cinema inizia a concepire il film come un prodotto industriale e, inoltre, cambia il modello distributivo iniziando a noleggiare, anziché
vendere, i film alle sale?

Léon Gaumont

Charles Pathé

George Méliès

Ferdinand Zecca

04. A quale grande casa di produzione è collegata la Film d'Art, che produce film di qualità coinvolgendo prestigiosi artisti, letterati e attori teatrali prestigiosi?

Lumière

Gaumont

Pathé

Star Film

05. In quale film Méliès utilizza un rudimentale carrello per ottenere l'effetto di accrescimento di una testa gonfiata con un mantice?

L'homme à la tête en caoutchouc

Le voyage à travers l'impossible

Escamotages d'une dame chez Robert Houdin

Le voyage dans la lune

06. Parlate della Pathé e del ruolo svolto da questa compagnia nell'ambito del cinema delle origini

07. Parlate della figura di George Méliès e del ruolo da lui svolto nel cinema delle origini

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 9/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 004
01. Che relazione c’è tra queste due inquadrature di Life of an American Fireman di Edwin S. Porter, relative alla sequenza del salvataggio della donna e della
bambina da parte del pompiere?

Costituiscono un primo esempio di montaggio classico, in quanto sono legate da un raccordo sul movimento del pompiere che porta la donna fuori dall’edificio.

Costituiscono un esempio di “montaggio ripetitivo”, in quanto la stessa azione viene ripetuta da due punti di vista diversi.

Nessuna, in realtà provengono da due film differenti.

Costituiscono il primo esempio di montaggio alternato, in quanto Porter alterna ripetutamente inquadrature della donna in pericolo con altre che presentano il pompiere
che accorre a salvarla

02. In quale periodo nascono le prime sale cinematografiche, chiamate “nickelodeon”?

Tra il 1905 e il 1907, verso la fine della “guerra dei brevetti”.

Dopo il 1915, con il definitivo avvento del lungometraggio.

Dopo il 1912, al termine del conflitto tra la MPPC e gli indipendenti.

Dopo il 1926, durante la transizione al sonoro

03. Quale di queste case di produzione era titolare dei brevetti relativi a cineprese e proiettori, oltre alla Edison?

Biograph

Selig

Lubin

Vitagraph

04. Quale innovazione contiene Uncle Tom's Cabin, diretto da E. S. Porter?

Utilizza delle didascalie per collegare tra loro le scene di cui è composto

Introduce primi piani nella narrazione

Alterna riprese in studio e in esterni

Utilizza per la prima volta luci artificiali

05. In che anno il produttore indipendente Jesse Lasky, futuro fondatore della Paramount, decide di girare a Hollywood The Squaw Man di Cecil B. De Mille,
primo lungometraggio del cinema americano?

1920

1900

1905

1913

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 10/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

06. In quale di questi contesti geografici nasce l’industria americana del cinema, per poi trasferirsi altrove all’inizio degli anni Dieci?

In California e in particolare a Hollywood, che offriva una grande varietà di paesaggi e il cui clima assolato e asciutto consentiva le riprese in esterni per la maggior parte
dell’anno.

Nei cuori finanziari e industriali del Paese, ovvero sulla East Coast (New York e New Jersey) e nel Mid-West (Chicago).

Negli stati al confine col Canada, in quanto il clima più rigido favoriva la conservazione delle pellicole.

In nessuno di quelli elencati nelle altre risposte

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 11/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 005
01. Quale delle seguenti dive del cinema muto italiano utilizzava uno stile di recitazione più vicino al naturalismo?

Francesca Bertini

Lyda Borelli

Leda Gys

Pina Menichelli

02. In quale anno viene proiettato La presa di Roma di Filoteo Alberini, il primo film italiano a soggetto?

1905

1896

1895

1903

03. A quale di questi importanti filoni del cinema muto italiano appartiene il film Cabiria (Giovanni Pastrone, 1914)?

Comico

Melodramma divistico

Storico-mitologico

Film-sceneggiata

04. Quale di questi film marca sia l’apice del cinema storico-mitologico italiano, che la nascita del cinema dei forzuti, per via dell’invenzione del personaggio di
Maciste?

Quo Vadis? (1913) di Enrico Guazzoni

Maciste (1915) di Luigi Romano Borgnetto e Vincenzo Denizot

Gli ultimi giorni di Pompei (1913) di Mario Caserini ed Eleuterio Rodolfi

Cabiria (1914) di Giovanni Pastrone

05. Parlate del cinema muto italiano e dei suoi generi principali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 12/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 006
01. In che cosa consiste il montaggio alternato?

Nell’alternanza di inquadrature riprese in luoghi diversi e che raffigurano azioni differenti, in modo da far capire allo spettatore che queste ultime si svolgono in
contemporanea tra loro.

Nell’alternanza di inquadrature riprese da diversi punti di vista, le quali permettono allo spettatore di ricostruire la scena e l’azione nella sua integrità.

Nell’alternanza di inquadrature riprese in luoghi diversi e che raffigurano azioni differenti, in modo da spingere lo spettatore a ricostruire concetti di natura metaforica.

Nell’alternanza di inquadrature riprese in luoghi diversi ma che raffigurano gli stessi protagonisti, e che quindi implicano un’ellissi nel racconto.

02. Quale casa di produzione viene fondata nel 1919 da Griffith insiema a Mary Pickford, Douglas Fairbanks e Charlie Chaplin?

Selig

United Artists

Paramount

Biograph

03. Che relazione c’è tra queste due inquadrature da Nascita di una nazione di D. W. Griffith?

Raccordo sullo sguardo

Raccordo sul movimento

Montaggio alternato

Montaggio delle attrazioni

04. Quale tra questi film di Griffith non è un melodramma di taglio intimista interpretato da Lilian Gish?

Judith of Bethulia

Giglio infranto

Le due orfanelle

Agonia tra i ghiacci

05. Quale degli episodi di Intolerance si conclude con un salvataggio in extremis, con un meccanismo del last minute rescue affine a quelli dei cortometraggi di
Griffith?

Quello ambientato nel Cinquecento

Quello ambientato nel presente

Quello ambientato nel Quattrocento

Quello ambientato a Babilonia

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 13/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

06. Selezionate l’affermazione che elenca nel modo più corretto le caratteristiche che distinguono il modo di rappresentazione istituzionale (o cinema classico) da
quello primitivo (o delle origini):

Avvento del lungometraggio; punto di vista fisso e idealmente coincidente con quello di uno spettatore seduto in platea; continuità di ripresa.

Breve durata; punto di vista fisso e idealmente coincidente con quello di uno spettatore seduto in platea; continuità di ripresa.

Avvento del lungometraggio; moltiplicazione dei diversi punti di vista; frammentazione delle inquadrature attraverso il montaggio.

Avvento del lungometraggio; moltiplicazione dei diversi punti di vista; continuità di ripresa.

07. Indicate quale dei seguenti elenchi contiene esclusivamente opere realizzate da D. W. Griffith:

Birth of a Nation; Intolerance; Broken Blossoms; The Lonely Villa

Uncle Tom’s Cabin; Intolerance; Birth of a Nation; Broken Blossoms

Intolerance; Birth of a Nation; The Great Train Robbery; Uncle Tom’s Cabin

Broken Blossoms; Birth of a Nation; The Great Train Robbery; The Lonely Villa

08. Quale tipo di produzione europea costituisce una fonte di ispirazione per D. W. Griffith quando questi sperimenta il passaggio al lungometraggio?

Le féerie della francese Pathé

Gli adattamenti da opere letterarie della francese Film D’Art

I film storico-mitologici italiani

Gli “autorenfilm” tedeschi

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 14/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 007
01. A cos'è dovuto il fenomeno del divismo?

La trasformazione di un attore in divo è dovuta alle qualità fisiche dell'interprete

La trasformazione di un attore in divo è dovuta alle qualità recitative dell'interprete

La trasformazione di un attore in divo è dovuta alla costruzione di un sapere sulla sua vita privata, che è l'esito di un processo guidato dalle case di produzione

La trasformazione di un attore in divo è dovuta alla costruzione di un sapere sulla sua vita privata, che è l'esito di un processo spontaneo e registrato dai media

02. A quale livello si situa la centralità della diva e del divo nel periodo di massimo fulgore di questa figura (1914-1929)?

A tutti e tre i livelli elencati nelle altre risposte

Narrativo, in quanto sia le interpretazioni della star che le informazioni sulla sua vita privata ne costruiscono un'immagine che si ripete di film in film e condiziona gli
intrecci delle pellicole in cui compare

Estetico, in quanto tutto il personale tecnico è posto al servizio del divo o della diva e mira a valorizzarne la presenza

Produttivo, in quanto grazie al suo potere contrattuale, l'attore può esercitare un controllo artistico sul proprio lavoro

03. Parlate delle principali innovazioni introdotte nel linguaggio cinematografico da D. W. Griffith

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 15/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 008
01. Qual era l’atteggiamento del pubblico nei confronti delle “attualità ricostruite”, ovvero alla messa in scena di eventi reali con attori e/o con effetti speciali e
modellini?

Il pubblico non era in grado di distinguere gli eventi reali da quelli ricostruiti

Il pubblico era in grado di distinguere gli eventi reali da quelli ricostruiti solo in presenza di visibili effetti speciali, ma non nel caso di rappresentazioni realistiche come
l’incoronazione di EdoardoVII messa in scena da Méliès nel 1902.

Il pubblico distingueva gli eventi reali da quelli ricostruiti, nonostante le attualità ricostruite venissero pubblicizzate come eventi reali

Il pubblico distingueva gli eventi reali da quelli ricostruiti, anche per perché le ricostruzioni venivano pubblicizzate come tali

02. Quali caratteristiche distinguono Nanook of the North (1922) di Robert Flaherty dal resto della produzione non-fiction dell’epoca?

Gli scenari del film sono autentici e non ricostruiti.

Il film racconta la vita quotidiana di un eschimese e della sua famiglia invece di concentrarsi sull’esperienza di viaggio di Flaherty.

Il film è ambientato in Nord America anziché nell’Estremo Oriente.

Il film è costruito come un diario di viaggio di Flaherty e non come una sequenza di vedute esotiche.

03. Parlate del documentario, dalle sue origini fino all'avvento del sonoro

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 16/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 009
01. Quale tra questi modi di produzione è caratteristico del periodo successivo all'avvento del lungometraggio e precedente all'avvento del sonoro?

Director system of production

Director-unit system of production

Central producer system of production

Cameraman system of production

02. Quale tra questi diventerà un genere vero e proprio soltanto a partire dagli anni Trenta?

Lo horror

Il western

Il musical

Il melodramma

03. Quale di questi elementi NON è caratteristico dello “studio system” del cinema classico?

L’assunzione “a progetto” (anziché a contratto) delle star.

La presenza di generi cinematografici ben codificati.

Una struttura industriale che integra i settori della produzione, della distribuzione e dell’esercizio.

Uno star system basato sulla promozione di divi sotto contratto.

04. Quale tra questi grandi studios verrà creato soltanto dopo l'avvento del sonoro?

Paramount

RKO

Fox

Universal

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 17/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 010
01. Qual è il primo film sonoro di Charlie Chaplin, nel quale il cineasta si può permettere di utilizzare ancora il linguaggio del muto utilizzando una colonna
sonora composta soltanto di musiche e rumori?

Tempi moderni (Modern Times)

La febbre dell’oro (The Gold Rush)

Il grande dittatore (The Great Dictator)

Luci della città (City Lights)

02. Quale di questi attori comici ha dato un impulso determinante alla slapstick comedy, grazie alla sua casa di produzione denominata Keystone?

Buster Keaton

Charlie Chaplin

Mack Sennett

Harry Langdon

03. A quale modello si ispirano le slapstick comedy americane?

Alle comiche francesi di Max Linder

Al cinema comico italiano di André Deed

Al cinema comico tedesco di Ernst Lubitsch

Alle comiche inglesi della scuola di Brighton

04. Quale star del cinema muto americano era caratterizzata dal contrasto tra l'espressione perennemente impassibile e le movenze disarticolate del corpo?

Mack Sennett

Harry Langdon

Buster Keaton

Charlie Chaplin

05. Quale di questi protagonisti della slapstick comedy elabora lungometraggi dalla struttura complessa, che in alcuni casi sfruttava espedienti quali il "cinema
nel cinema"?

Mack Sennett

Buster Keaton

Charlie Chaplin

Harry Langdon

06. Quale di questi film segna per Chaplin il definitivo passaggio verso lungometraggi in cui la mescolanza di gag e critica sociale trova una formulazione più
esplicita?

Il circo

Luci della città

Il monello

La febbre dell'oro

07. Parlate delle caratteristiche e dei principali autori del cinema comico Americano degli anni del muto

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 18/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 011
01. Quale di queste opere viene comunemente considerata il film capostipite dell’espressionismo tedesco?

Lo studente di Praga (Der Student von Prag, Stellan Rye)

Il gabinetto del dottor Caligari (Das Kabinett des Doktors Caligari, Robert Wiene)

La via senza gioia (Die Freudlose Gasse).

Nosferatu (Friedrich W. Murnau)

02. Quale di queste tendenze del cinema di Weimar raffigurava impietosamente la realtà sociale dell'epoca descrivendo la rapida proletarizzazione della classe
piccolo borghese e dedicando un interesse particolare e un po' compiaciuto al mondo della prostituzione?

Kammerspielfilm

Espressionismo

Kolossal in costume

Nuova oggettiviità

03. Quale dei seguenti cineasti ha avuto un ruolo fondamentale nello stabilire un’estetica della Nuova Oggettività?

Fritz Lang

Georg W. Pabst

Friedrich W. Murnau

Ernst Lubitsch

04. Quale tra questi è l'unico scrittore coinvolto nel progetto dell'Autorenfilm ad impegnarsi nella stesura di un soggetto originale, Lo studente di Praga?

Max Reinhardt

Gerhard Hauptmann

Arthur Schnitzler

Hanns Heinz Ewers

05. In quale anno viene creata la UFA?

1922

1911

1926

1917

06. Quale di queste tendenze del cinema tedesco non appartiene agli anni ’20:

L’espressionismo

La Nuova Oggettività

L’autorenfilm

Il kammerspielfilm

07. Quale tra le seguenti può essere considerata LA caratteristica distintiva del Kammerspielfilm degli anni Venti?

L’utilizzo di violenti contrasti fotografici, ottenuti con un sapiente uso dell’illuminazione artificiale.

Nessuna di quelle elencate nelle altre risposte.

La progressiva sostituzione delle didascalie con intricati movimenti della macchina da presa.

La rappresentazione impietosa della società contemporanea, con un interesse particolare e un po’ compiaciuto per il mondo della prostituzione.

08. Parlate delle principali correnti che si sono sviluppate nel cinema tedesco degli anni Venti

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 19/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 012
01. Quali due attrici interpretano La via senza gioia, uno dei film più rappresentativi della Nuova oggettività

Greta Garbo e Pola Negri

Henny Porten e Pola Negri

Henny Porten e Ossi Oswalda

Greta Garbo e Asta Nielsen

02. Qual è la peculiarità di Nosferatu di F. W. Murnau rispetto ai canoni dell'espressionismo?

E' ispirato a un romanzo della tradizione gotica inglese anziché a racconti e leggende di provienienza germanica

Utilizza pochissime didascalie e contiene lunghi movimenti di macchina, come faranno in futuro i Kammerspielfilm

Non utilizza solo scenografie in studio ma anche sequenze girate in esterni

E' ambientato nel passato e in un piccolo borgo anziché nel presente e in una grande città.

03. Quale di questi film del regista Fritz Lang fu un insuccesso commerciale ma divenne uno dei più importanti film del muto tedesco a livello registico e
iconografico?

Il dottor Mabuse (Dr. Mabuse: der Spieler)

I nibelunghi (Die Nibelungen: Siegfried)

Destino (Der müde Tod)

Metropolis

04. In quali due tipologie di film era attivo il cineasta Ernst Lubitsch?

Melodramma Spettacolare e Nuova oggettività

Melodramma spettacolare e commedia

Nuova Oggettività ed espressionismo

Espressionismo e commedia

05. In quale tra questi film muti la narrazione è veicolata non dalle didascalie ma attraverso mezzi visivi, come per esempio il suono di una tromba che viene
seguito dal cortile di un caseggiato fino all'orecchio dell'ascoltatore?

L'ultima risata

Aurora

I misteri di un'anima

Lulù

06. Quale tra questi film costituisce un adattamento non autorizzato dal romanzo Dracula di Bram Stoker?

Il Dottor Mabuse

Lo studente di Praga

Dal mattino a mezzanotte

Nosferatu

07. Quale di questi film contiene tre episodi ambientati in Medio Oriente, in Cina e Nella Venzia del Cinquecento?

Il gabinetto delle figure di cera

Destino

Aurora

Mabuse

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 20/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

08. Quale di questi film apparteneneti all'espressionismo utilizza in modo imprevedibile i raccordi di montaggio, in modo da suggerire un legame mistico tra due
dei personaggi principali?

Nosferatu

Dal mattino a mezzanotte

Il gabinetto del dottor Caligari

Destino

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 21/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 013
01. Quale di questi fenomeni culturali NON ha esercitato un'influenza sul cinema sovietico degli anni Venti?

Formalismo

Costruttivismo

Espressionismo

Il cinema sovietico ha subito l'influsso di tutte i fenomeni elencati nelle altre risposte

02. Quale di questi cineasti ha svolto un celebre esperimento nel quale ha accostato lo stesso primo piano di un attore ad altre che presentavano oggetti differenti,
per dimostrare che il significato del film non è interno alle inquadrature ma è nel loro accostamento mediante il montaggio?

Lev Kulešov

Vsevolod Pudovkin

Sergej Ejzenšteijn

Dziga Vertov

03. Quale di questi cineasti e teorici sovietici arrivava a rifiutare in toto il film di finzione?

Lev Kulešov.

Vsevolod Pudovkin.

Sergej Ejzenštejn.

Dziga Vertov.

04. Parlate delle caratteristiche del cinema sovietico e dei suoi autori principali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 22/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 014
01. Quale relazione c’è tra queste due inquadrature provenienti dal film Sciopero?

Montaggio intellettuale

Montaggio ripetitivo

Montaggio delle attrazioni

Montaggio alternato

02. Quale di questi film del cineasta sovietico Ejzenštejn offre la prima formulazione visiva del “montaggio delle attrazioni”?

La corazzata Potëmkin

Ottobre

Aleksandr Nevskij

Sciopero

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 23/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 015
01. Quale tra questi registi del cinema astratto è passato all’ambito del film “dal vero” realizzando una celebre “sinfonia metropolitana”?

Friedrich W. Murnau

Viking Eggeling

Walter Ruttmann

Hans Richter

02. Quale tra queste correnti cinematografiche di avanguardia circolava negli stessi circuiti normalmente destinati al cinema commerciale?

Dadaismo

Cinema astratto

Surrealismo

Espressionismo

03. Quale di questi cineasti non ha lavorato nell’ambito del cinema dadaista?

Fernand Léger

Luis Buñuel

Man Ray

Marcel Duchamp

04. Parlate delle caratteristiche del cinema surrealista e dei suoi autori principali

05. Parlate delle caratteristiche del cinema dadaista e dei suoi autori principali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 24/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 016
01. Che cosa si intende per “film post-sincronizzato”?

Un film sonoro, che viene doppiato in un’altra lingua per essere esportato nei mercati esteri.

Un film, girato muto, al quale viene aggiunto in un secondo momento un commento sonoro preregistrato.

Un film parlato, per il quale vengono registrati contemporaneamente, sebbene su supporti diversi, musica e sonoro, i quali vengono abbinati alle immagini solo in un
secondo momento, al termine della postproduzione.

Un film parlato per il quale, in occasione di una riedizione, viene registrata una nuova colonna sonora.

02. Qual è il primo film sonoro di produzione italiana a uscire nelle sale?

La canzone dell’amore di Gennaro Righelli

Gli uomini che mascalzoni di Mario Camerini

Resurrectio di Alessandro Blasetti

Rotaie di Mario Camerini

03. Quale di queste major cinematografiche è stata creata a tavolino per lanciare un sistema di sincronizzazione sonora?

Warner Bros.

United Artists

Fox

RKO

04. Utilizzando quale tra questi sistemi la Warner Bros. si lancia nella produzione di film sonori nel 1926?

Movietone

Vitaphone

Photophone

Pilotone

05. Per quale motivo il sistema "sound-on-film" si affermerà a spese dei sistemi "sound-on-disc"?

Perché meno costoso

Perché ha una migliore resa sonora

Perché di più semplice impiego

Perché più affidabile

06. Qual è il primo lungometraggio DOTATO DI COMMENTO SONORO REGISTRATO a essere distribuito nel 1926?

Aurora di F. W. Murnau

The Lights of New York di Bryan Foy

Don Juan di Alan Crosland

The Jazz Singer di Alan Crosland

07. Delineate le principali tappe che hanno portato al passaggio dal muto al sonoro a Hollywood

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 25/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 017
01. Che cosa si intende con l’espressione “versioni multiple”?

Delle pellicole della quali vengono girate versioni con finali differenti, destinate a mercati collocati in diverse aree geografiche.

Film sonori le cui sequenze di dialogo sono state girate più volte, con attori diversi che parlano lingue diverse, in modo da poter esportare queste pellicole nei mercati
esteri.

Film dei quali, a causa del fatto che è stato perduto il negativo originale, girano diversi tentativi di ricostruzione.

Film dei quali circolano contemporaneamente una versione muta e una sonora, come nel caso di Blackmail (1929) di Alfred Hitchcock.

02. In che senso è innovativo l’uso del sonoro che fa Alfred Hitchcock nella sequenza del coltello di Blackmail?

Nel sonoro abbiamo per la prima volta l’uso di una voce fuori campo che presenta le riflessioni del personaggio protagonista

Hitchcock, invece di limitarsi a inquadrare l’eroina mentre sta parlando, accompagna il parlato della protagonista con una raffigurazione degli eventi che lei sta raccontando

Per la prima volta il dialogo tra la protagonista e gli altri commensali è raffigurato mediante una sequenza che usa la tecnica del campo-controcampo.

Il sonoro riproduce la percezione sonora della protagonista, con un effetto simile alla soggettiva

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 26/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 018
01. A chi affida il controllo censorio il “codice” promosso dal politico repubblicano William Hays?

A una società esterna creata appositamente, la Production Code Administration (PCA).

Agli enti religiosi che gravitano intorno alla statunitense “Legion of Decency”

Alle stesse case cinematografiche, radunate nel consorzio della MPPDA (Motion Pictures Producers and Distributors Association).

Allo stato, che sorveglia la produzione cinematografica tramite un’apposita commissione.

02. Quale di questi cineasti provenienti dal muto tedesco si è specializzato, una volta arrivato a Hollywood, nella commedia sofisticata?

Fritz Lang

Friedrich W. Murnau

Otto Preminger

Ernst Lubitsch

03. Qual è il ruolo svolto da Will Hays rispetto al codice di autocensura cinematografica che porta il suo nome?

Hays aveva introdotto il codice

Hays amministrava il codice

Hays aveva scritto il codice

Tutte e tre le altre risposte sono esatte

04. Quale di questi modi di produzione è caratteristico della Hollywood degli anni Trenta e Quaranta?

Il «Producer-unit system of production», nel quale un gruppo di produttori supervisiona la realizzazione di circa 6-8 film all’anno ciascuno.

Il «Director-unit system of production», nel quale quattro registi-produttori, ognuno dei quali si occupa di una tipologia di film differente, organizza il lavoro di una serie
di dipendenti specializzati.

Il «Central producer system of production», nel quale un unico produttore, insieme all’ufficio da lui diretto, cura l’organizzazione della pre e della post produzione di tutti i
film realizzati da una determinata compagnia.

Nessuno tra quelli elencati nelle altre risposte.

05. Per quale motivo la MPPDA istituisce il codice Hays?

Perché genuinamente preoccupata per gli scandali sessuali che hanno colpito numerose star hollywoodiane

Perché genuinamente preoccupata per l'escalation di situazioni scabrose presenti nei film hollywoodiani

Perché teme l'eventuale introduzione di una censura statale

Perché preoccupata di perdere spettatori presso il pubblico cattolico

06. Quale tra questi film è citato nelle lezioni come un esempio di screwball comedy?

È arrivata la felicità

Susanna

Amami stanotte

Ninotchka

07. Parlate delle caratteristiche e dei generi principali del cinema hollywoodiano degli anni Trenta

08. Scegliete un genere cinematogrfico del periodo della Hollywood classica ed evidenziatene le caratteristiche, avendo cura di menzionare i suoi titoli più
importanti

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 27/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 019
01. Quale tra questi cineasti è celebre soprattutto per un ciclo di commedie dei “telefoni bianchi” interpretate da un giovane Vittorio De Sica?

Roberto Rossellini

Mario Camerini

Alessandro Blasetti

Augusto Genina

02. In quale anno viene varata la Legge Alfieri, che costituisce il più organico provvedimento legislativo dei epoca fascista in merito alla cinematografia?

1938

1940

1934

1935

03. Quale di queste iniziative NON fa parte delle politiche di sostegno del settore cinematografico messe in campo dal fascismo negli anni TRENTA?

La creazione della Direzione Generale Cinema

La creazione di Cinecittà

La creazione del Centro Sperimentale di Cinematografia

La creazione dell’Istituto LUCE

04. Quale di questi non è uno degli scenari nei quali non vengono normalmente ambientati i film bellico-avventurosi di epoca fascista?

La guerra in Africa Orientale

La guerra civile in Spagna

La seconda guerra mondiale

La prima guerra mondiale

05. A quale cineasta si ispira Roberto Rossellini per i tre film di guerra da lui diretti tra il 1941 e il 1943?

Mario Camerini

Goffredo Alessandrini

Alessandro Blasetti

Francesco De Robertis

06. Quale di questi film bellico-avventurosi realizzati durante il periodo fascista è incentrato sulle imprese coloniali italiane?

Un pilota ritorna

L'assedio dell'Alcazar

Uomini sul fondo

Luciano Serra, pilota

07. Parlate dei principali generi e delle principali opere del cinema italiano negli anni del fascismo

08. Parlate della politica cinematografica del fascismo a partire dalla svolta degli anni Trenta

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 28/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 020
01. Di cosa parla Il trionfo della volontà, il film più famoso della regista tedesca Leni Riefenstahl?

Celebra in funzione anti-inglese il conflitto anglo-boero della fine del XIX secolo

Celebra il VI congresso del partito nazista svoltosi nel 1934

Celebra le vittorie della Germania nazista nella II guerra mondiale

Celebra le olimpiadi di Berlino del 1936

02. In quale genere cinematografico era attiva Leni Riefenstahl prima di diventare la regista ufficiale del Terzo Reich?

Il film di montagna

Il film storico

Il film espressionista

Il film sportivo

03. Chi era responsabile della propaganda cinematografica durante il regime nazista?

Joseph Goebbels

Adolf Hitler

Heinrich Himmler

Walter Ruttmann

04. Quale tra questi cineasti NON emigra negli Stati Uniti per via dell'avvento del nazismo?

Otto Preminger

Fritz Lang

Ernst Lubitsch

Billy Wilder

05. Parlate del cinema nazista e in particolare della figura di Leni Riefenstahl

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 29/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 021
01. Quale cineasta del realismo poetico francese sostituisce spesso il montaggio con elaborati movimenti della macchina da presa?

Marcel Carné

Jean Renoir

André Cayatte

Julien Duvivier

02. Quale di questi cineasti del cinema francese degli anni Trenta diventerà un modello imprescindibile per i giovani autori della Nouvelle Vague?

Jean Renoir

Julien Duvivier

Marcel Carné

Jean Gabin

03. Delineate le caratteristiche e menzionate gli autori principali del realismo poetico francese

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 30/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 022
01. Quale tra queste NON è una delle caratteristiche distintive che determineranno il successo delle produzioni di Walt Disney nel corso dei decenni?

La realizzazione di lungometraggi di animazione

L'attenzione per le innovazioni tecnologiche del mezzo cinematografico

L'azione serrata e la comicità demenziale dei propri film

La creazione del personaggio di Mickey Mouse

02. Quale di questi è un cortometraggio realizzato da Walt Disney che è passato alla storia come il primo cartone animato sonoro?

Flowers and Trees

Out of the Inkwell

The Old Mill

Steamboat Willie

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 31/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 023
01. Qual è l'atteggiamento tenuto da Hollywood di fronte al diffondersi dei totalitarismi nell'Europa degli anni Venti e Trenta?

Hollywood manifesta un atteggiamento cauto al fine di non bloccare le proprie esportazioni verso i regimi totalitari.

Hollywood manifesta un atteggiamento interventista, arrivando fino a bloccare, fin dai primi anni Trenta, l'esportazioni dei propri film verso nazioni dove vigono regimi
totalitari

Hollywood manifesta un atteggiamento cauto e decide di criticare i regimi totalitari soltanto a partire dal 1936, con l'inizio della Guerra civile spagnola

Hollywood manifesta un atteggiamento interventista, criticando apertamente, fin dai primi anni Trenta, la repressione di libertà fondamentali

02. A chi venne affidata dal Signal Corps for the War Department la supervisione dei documentari di propaganda della serie “Why We Fight”?

A un regista europeo emigrati negli USA per sfuggire al nazismo come Fritz Lang

A nessuno tra quelli elencati nelle altre risposte

A un regista di Hollywood come Frank Capra

A un regista proveniente dal documentario come Robert Flaherty

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 32/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 024
01. Quale tra queste NON è normalmente considerata una delle tre pellicole che anticipano l’estetica del neorealismo?

Un colpo di pistola (Renato Castellani, 1942).

I bambini ci guardano (Vittorio De Sica, 1943).

Quattro passi tra le nuvole (Alessandro Blasetti, 1942).

Ossessione (Luchino Visconti, 1943)

02. Delineate le caratteristiche e menzionate gli autori principali del neorealismo

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 33/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 025
01. Quale di questi cineasti del neorealismo introduce nei propri film elementi provenienti dalla cultura di massa, al fine di far passare il proprio messaggio al
pubblico popolare?

Giuseppe De Santis

Roberto Rossellini

Vittorio De Sica

Luchino Visconti

02. In che anno Giulio Andreotti emana una legge sul cinema che riprende per molti aspetti il meccanismo di aiuti statali elaborato negli ultimi anni del regime
fascista?

1945

1956

1965

1949

03. Quale tra questi film marca, secondo il critico Guido Aristarco e la rivista "Cinema nuovo", il passaggio dal neorealismo a un modello di realismo vicino al
grande romanzo ottocentesco?

Il gattopardo

Senso

Germania anno zero

Umberto D

04. Quale tra queste è la fonte a cui si ispira il primo film di Luchino Visconti, Ossessione?

Il romanzo Il postino suona sempre due volte di James Cain.

Il romanzo I malavoglia di Giovanni Verga.

Il romanzo Lo straniero di Albert Camus

Il romanzo Senso di Arrigo Boito.

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 34/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 026
01. Quale di queste celebri star Hollywoodiane si era inizialmente esposto all'interno del Comitato per il primo emendamento promuovendo la liberazione dei
dieci di Hollywood?

Gary Cooper

Humphrey Bogart

John Wayne

Cecil B. DeMille

02. Tra questi film neorealisti di Roberto Rossellini, quale anticipa alcune tendenze del cinema moderno per via del ricorso a lunghe inquadrature spesso prive di
figure umane?

Germania anno zero (1948)

Roma città aperta (1945)

Paisà (1946)

Amore (1948)

03. Quale di questi film del regista Samuel Fuller è stato attaccato sia da destra che da sinistra per le sue ambiguità a livello ideologico?

Mano pericolosa

La spia

Corea in fiamme

Salto mortale

04. Quale di queste figure diede il via alla stagione della caccia alle streghe a Hollywood tenendo una serie di udienze per conto del Comitato per le Attività
Antiamericane?

Parnell Thomas

Joseph McCarthy

Dwight D. Eisenhower

Harry S. Truman

05. Quale di questi film è un classico del neorealismo diretto da Vittorio De Sica nel 1946?

Paisà

Sciuscià

Zazà

Senza pietà

06. In che anno inizia la sua attività il Comitato per le Attività Antiamericane?

1953

1945

1952

1947

07. Quale di questi cineasti diverrà tristemente famoso per aver denunciato al Comitato per le Attività Antiamericane i propri colleghi, in modo da poter
proseguire senza problemi la propria carriera?

Orson Welles

John Huston

Elia Kazan

Charlie Chaplin

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 35/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

08. Quale tra le seguenti figure è fautrice di un cinema del “pedinamento”, basato sulla riproduzione dei tempi morti che caratterizzano la vita reale?

Luchino Visconti

Roberto Rossellini

Cesare Zavattini

Giuseppe De Santis

09. Parlate del comitato per le attività antiamericane e della cosiddetta "caccia alle streghe" a Hollywood

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 36/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 027
01. Quale di questi formati ottiene l'effetto illusorio di un allargmaneto in senso orizzontale dell'immagine, semplicemente coprendo i bordi superiori e inferiori
dell'inquadratura tramite un mascherino in fase di proiezione?

Panoramico

Vistavision

Cinerama

Cinemascope

02. Quale istituzione obbliga nel 1948 le major hollywoodiane a disfarsi delle loro società operanti nel settore dell'esercizio?

MPPDA

Congresso

Senato

Corte suprema

03. Quale di questi film articola in maniera ambigua e affascinante la tematica dell'onirismo, che è connaturata all'intero genere noir?

La signora di Shanghai

La fuga

Vertigine

Una donna nel lago

04. Quale tra le seguenti tecnologie adottate dalla Hollywood anni Cinquanta per contrastare la propria crisi, si rivelerà la più effimera?

Il suono stereofonico

Il technicolor

Il formato panoramico

Il 3D

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 37/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 028
01. Come sono concepiti i “piani sequenza” utilizzati da Orson Welles in Quarto potere?

Si tratta di inquadrature lunghe quanto un’intera sequenza, nella quale il normale montaggio è sostituito da piccoli aggiustamenti della messa a fuoco dell’obiettivo.

Si tratta di inquadrature lunghe quanto un’intera sequenza, nelle quali il normale montaggio è sostituito dalla disposizione degli oggetti in profondità di campo.

Si tratta di inquadrature lunghe quanto un’intera sequenza, nella quale il normale montaggio è sostituito dai movimenti della macchina da presa.

Si tratta di frammenti di un’unica inquadratura lunga quanto un’intera sequenza, ma nella quale sono stati introdotti piccoli “salti” di montaggio per confondere la
percezione dello spettatore.

02. In cosa consiste l’importanza dei “piani sequenza” di Orson Welles, secondo il teorico André Bazin?

Lasciano lo spettatore libero di decidere a quali elementi della scena prestare maggiore attenzione, ricostruendo autonomamente il senso della vicenda.

Attribuiscono un supplemento di senso rispetto alla realtà riprodotta, come il montaggio “sovrano” del cinema muto sovietico.

Selezionano in anticipo ciò che è necessario che lo spettatore veda, permettendogli di comprendere più chiaramente lo sviluppo della vicenda.

Selezionano in anticipo ciò che è necessario che lo spettatore veda, conferendo maggiore ritmo all’azione.

03. Quale di questi adattamenti shakespeariani non è stato realizzato da Orson Welles?

Otello (1952)

Macbeth (1948)

Falstaff (1966)

Amleto (1948)

04. In che senso la struttura narrativa di Quarto potere costituisce una sfida ai canoni del cinema classico?

Il film è costruito come una serie di flashback che si intrecciano gli uni con gli altri, non necessariamente in ordine cronologico.

Allo spettatore non viene mai rivelato il significato della parola “Rosebud”, pronunciata dal protagonista all’inizio del film.

Ha una durata superiore alla media dei film dell'epoca.

Il film utilizza per la prima volta nella storia del cinema l’espediente del flashback.

05. Quale importante direttore della fotografia ha dato un contributo fondamentale all'elaborazione dei piani sequenza di Quarto potere e Piccole volpi?

André Bazin

André De Toth

Budd Boetticher

Gregg Toland

06. Parlate della carriera di Orson Welles, soffermandovi sulle sue opere più importanti e sulle caratteristiche del suo cinema

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 38/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 029
01. In quale momento della sua carriera Alfred Hitchcock si trasferisce negli Stati Uniti d'America?

In occasione della realizzazaione di Blackmail (1929)

In occasione della realizzazione di Nodo alla gola (1948)

In occasione della realizzazaione di Rebecca (1940)

In occasione della realizzazione di Psycho (1960)

02. Quale di questi attori non è un abituale collaboratore di Hitchcock nei suoi film degli anni Cinquanta

Grace Kelly

Gregory Peck

James Stewart

Cary Grant

03. Come viene articolata la dinamica della suspense nella sequenza analizzata di La finestra sul cortile?

La protagonista, come lo spettatore, prova la suspense perché a differenza del suo compagno viene colta di sorpresa dall'imminente arrivo dell'assassino

Il protagonista, come lo spettatore, prova la suspense perché a differenza della sua compagna sa in anticipo dell'imminente arrivo dell'assassino

La protagonista femnminile, come lo spettatore, prova la suspense perché a differenza del suo compagno sa in anticipo dell'imminente arrivo dell'assassino

Il protagonista, come lo spettatore, prova la suspense perché a differenza della sua compagna viene colto di sorpresa dall'imminente arrivo dell'assassino

04. Quale di questi meccanismi del thriller è il più caro a Hitchcock?

Nessuno dei meccanismi elencati nelle altre risposte

La “suspense”, nella quale lo spettatore prova tensione a causa di evento imprevisto noto a lui ma non ai personaggi.

La “sorpresa”, nella quale lo spettatore viene scioccato da un evento imprevedibile sia per lui che per i personaggi.

Il “whodunit”, nel quale lo spettatore deve indovinare l’identità di un assassino, che verrà rivelata solo alla fine del film.

05. Quale delle seguenti è una delle caratteristiche che i film di tensione di Hitchcock presentano fin dagli anni Trenta?

Il protagonista è un individuo comune

La dinamica del doppio inseguiento

Un parallelo intreccio romantico

Tutte e tre le altre risposte sono esatte

06. Delineate le principali tappe della carriera di Alfred Hitchcock, citando per ognuna almeno due delle sue opere principali

07. Parlate del concetto di "suspense" secondo Alfred Hitchcock

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 39/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 031
01. Quale di questi film si conclude con una lunga sequenza nella quale oggetti inanimati prendono il posto dei protagonisti del film?

8 e ½ (Federico Fellini, 1963)

L’eclisse (Michelangelo Antonioni, 1962).

Hiroshima mon amour (Alain Resnais, 1959).

I quattrocento colpi (Les quatre cents coups, François Truffaut, 1959)

02. Quale di questi film presenta frequenti rotture rispetto al montaggio classico, dal momento che in una celebre sequenza non rispetta i raccordi di direzione?

Due o tre cose che so di lei (Deux ou trois choses que je sais d’elle, Jean-Luc Godard, 1966).

Ladri di biciclette (Vittorio De Sica, 1948)

La dolce vita (Federico Fellini, 1960)

L’avventura (Michelangelo Antonioni, 1960).

03. Di quale aspetto del cinema moderno è esemplificativa, secondo le videolezioni, questa inquadratura di Hiroshima mon amour (Alain Resnais, 1959)?

Della dimensione autoriflessiva, in quanto il film è autobiografico e la situazione qui presentata fa riferimento ai ricordi del regista

Della soggettività svincolata da soggetti, in quanto si tratta di un'inquadratura in soggettiva che non viene mai attribuita a un personaggio

Della dimensione narrativa, che contempla un frequente ricorso alla digressione

Della dimensione ritmico formale, perché è montata insieme ad altre inquadrature simili senza che però vi siano chiari legami narrativi

04. Quale tra questi film di Michelangelo Antonioni si conclude con una lunga sequenza priva dei protagonisti del film e composta da inquadrature spesso prive
di figure umane?

La notte

L’eclisse

Il deserto rosso

L’avventura

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 40/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

05. Quale tra le seguenti NON è una delle caratteristiche distintive del cinema moderno?

Una grammatica narrativa fondata sulla connessione causale degli avvenimenti

Un rapporto più libero con il montaggio

Un forte enfasi sulla soggettività e tendenze autoriflessive

Una dissociazione tra immagine e sonoro

06. Elencate, illustrandole, le caratteristiche del cinema moderno

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 41/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 032
01. Quale tra questi registi del neorealismo dà vita nei primi anni Sessanta a quello che viene definito “filone resistenziale”?

Giuseppe De Santis

Vittorio De Sica

Roberto Rossellini

Luchino Visconti

02. Quale tra i seguenti è indicato nelle lezioni come il più importante fattore per l’ingresso del cinema italiano nella sua età dell’oro all’inizio degli anni
Sessanta?

Un cinema di genere a basso costo in grado di intercettare i gusti delle platee internazionali

Un apparato industriale che nel corso degli anni Cinquanta è maturato sempre più grazie all’aiuto statale

L’alta inflazione, che favorisce l’esportazione dei film italiani all’estero

L'arrivo di un nuovo pubblico giovane, istruito e dall’ampia disponibilità economica

03. Quale tra questi cineasti che hanno esordito negli anni del neorealismo diventerà il principale esponente italiano del cinema moderno?

Roberto Rossellini

Michelangelo Antonioni

Mario Monicelli

Federico Fellini

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 42/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 033
01. Qual è il primo genere cinematografico italiano a conoscere un successo significativo nei cinema degli Stati Uniti?

Il peplum

La commedia all’italiana

L'horror italiano

Il western all’italiana

02. Quale termine veniva comunemente utilizzato dalla critica italiana per indicare lo sfruttamento sistematico di generi cinematografici all'interno di linee
produttive di breve durata?

Microgeneri

Filoni

Production Trends

Generi

03. Quale di questi film racconta le avventure di un personaggio, interpretato da Alberto Sordi, dagli anni della guerra partigiana fino a quelli del boom
economico?

Tutti a casa

Una vita difficile

Il sorpasso

La grande guerra

04. Quale tra questi generi del cinema italiano degli anni Sessanta è l'unico a godere di un consenso trasversale alle classi sociali?

La commedia all'italiana

Il western all'italiana

Il peplum

L'horror

05. Quale tra questi film, premiato nel 1959 ex aequo con Il generale Della Rovere di Rossellini, è considerato una delle opere che danno vita al filone della
commedia all'italiana?

La grande guerra

Tutti a casa

Divorzio all'italiana

Il sorpasso

06. Quale tra queste NON è una delle caratteristiche distintive dei western all'italiana di Sergio Leone?

La riabilitazione della figura del nativo americano

L'uso dell'ironia, rivolta in particolare verso i codici del western classico

La presenza di un cinico antieroe

La rappresentazione spregiudicata della violenza

07. Quale di questi elementi caratteristici del cinema moderno è osservabile nella sequenza finale del triello di Il buono, il brutto e il cattivo?

Bruschi cambiamenti di scala delle inquadrature che non rispettano la grammatica del cinema classico

Movimenti di macchina

Forti ellissi temporali

Il jump cut

08. Delineate le caratteristiche della commedia all'italiana

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 43/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 034
01. In che cosa consiste la tecnica del “jump-cut”?

Nel taglio di alcuni fotogrammi all’interno di una stessa ripresa continua, che risulta così disseminata di “salti” arbitrari

Nell’evitare (“saltare”) i tagli di montaggio in sequenze di particolare tensione.

In un taglio di montaggio effettuato mentre i personaggi sono impegnati in un’azione concitata (per esempio un salto), al fine di dare un maggiore dinamismo

In una forma di montaggio alternato in cui si “salta” più volte da una situazione all’altra, senza una logica apparente.

02. Qual è l'aspetto innovativo della "politique des auteurs" lanciata, tra gli altri, da François Truffaut?

Il fatto di considerare autore del film il regista, a prescindere dai contenuti, sulla base della dimensione visiva del film

Il fatto di considerare autore del film il regista, purché sia responsabile anche dei contenuti del film

Il fatto di considerare autore del film lo sceneggiatore, sulla base del fatto che delinea lo sviluppo narrativo della trama

Il fatto di considerare autore del film il produttore, in quanto ne supervisiona il progetto dall'inizio alla fine

03. Parlate del concetto di "Politique des auteurs" e del ruolo da essa svolto nell'ambito della Nouvelle Vague

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 44/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 035
01. Di quale procedimento sono esemplificative, secondo le videolezioni, queste inquadrature che si succedono rapidissimamente nel film Fino all'ultimo respiro di Jean-Luc G

Candid camera

Jump-cut

Piano sequenza

Montaggio intellettuale

02. Quale tra questi registi della Nouvelle Vague francese ha realizzato una serie di film di matrice autobiografica, incentrati sul personaggio di Antoine Doinel?

Jacques Rivette

Eric Rohmer

Jean-Luc Godard

François Truffaut

03. Quale cineasta della Nouvelle Vague ha realizzato uno sconvolgente documentario sui campi di concentramento nazisti?

Claude Chabrol

Louis Malle

Eric Rohmer

Alain Resnais

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 45/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

04. Quale di questi film di Eric Rohmer mette in scena un dramma di Kleist facendo citando nella composizione delle inquadrature alcuni capolabori della
pittura romantica?

La Marchesa von...

Il segno del leone

La mia notte con Maud

La nobildonna e il duca

05. Quale di questi film di Jean-Luc Godard inserisce per la prima volta elementi documentaristici (un'inchiesta sulla prostituzione) all'interno di un contesto
finzionale, determeninando un effetto straniante?

La cinese

Due o tre cose che so di lei

Questa è la mia vita

Fino all'ultimo respiro

06. Quale di questi film di Alain Resnais è caratterizzato dalla collaborazione di Alain Robbe-Grillet, caposcuola del "nouveau roman"?

Hiroshima mon amour

La guerra è finita

L'anno scorso a Marienbad

Notte e nebbia

07. Scegliete uno degli autori della nouvelle vague e illustrate le caratteristiche del suo cinema, soffermandovi sui titoli più importanti da lui realizzati

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 46/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 036
01. Quale di queste non è una delle ragioni per cui la critica italiana ha espresso dubbi relativamente al fatto che si possa parlare di "nouvelle vague" a proposito
dei nuovi autori italiani degli anni Sessanta?

L'esistenza di un fenomeno di rottura come il neorealismo impedirebbe ai giovani cineasti di rivoltarsi contro la generazione precedente

I film degli esordienti italiani dei primi anni Sessanta non sempre presentano tratti linguistici comuni a quelli delle "nuove ondate" del periodo

In Italia non esistono riviste che possano fungere da polo di aggregazione, come era avvenuto in Francia con i "Cahiers du Cinéma"

Nessuna, tutte e tre le altre risposte sono ugualmente corrette

02. In che cosa consiste la "politica degli esordi" del cinema italiano dei primi anni '60?

Del tentativo, da parte di alcuni registi esordienti raccoltisi intorno alla rivista "Cinema nuovo", di far risorgere l'estetica del neorealismo

Del tentativo, da parte di alcuni registi esordienti raccoltisi intorno alla rivista "Cinema nuovo", di mettere da parte i cineasti della generazione del neorealismo

Del tentativo, da parte di alcuni registi esordienti raccoltisi intorno alla rivista "Ombre rosse", di mettere da parte i cineasti della generazione del neorealismo

Del tentativo, da parte di alcune case di produzione, di creare a tavolino un fenomeno simile alla Nouvelle Vague

03. A quale di questi film aveva lavorato in qualità di sceneggiatore Pier Paolo Pasolini prima di esordire come regista con Accattone?

L'avventura

La dolce vita

La lunga notte del '43

Rocco e i suoi fratelli

04. Quale di questi cineasti è un esponente della nuova ondata cecoslovacca?

Roman Polanski

Andrzej Wajda

Miklós Jancsó

Miloš Forman

05. Quale fra questi registi italiani effettua agli esordi sperimentazioni formali vicine a quelle del cinema francese (jump-cut, freeze frames, ecc.)?

Marco Bellocchio

Bernardo Bertolucci

Piero Paolo Pasolini

Florestano Vancini

06. In quale di questi contesti un fenomeno paragonabile alla nouvelle vague viene creato a tavolino dai produttori?

Giappone

Ungheria

Brasile

Polonia

07. Parlate dei fattori che hanno portato a pensare alla possibile esistenza di una Nouvelle Vague italiana, e soffermatevi sui tre autori italiani la cui opera
presenta maggiori affinità con l'estetica della Nouvelle Vague francese

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 47/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 037
01. Quale tra questi cineasti è uno dei firmatari del manifesto di Oberhausen?

Werner Herzog

Wim Wenders

Alexander Kluge

Rainer Werner Fassbinder

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 48/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 038
01. Quale tra queste NON è una delle invenzioni che hanno permesso l’emergere di un “cinema diretto” nell’ambito del documentario?

Il Movietone

Le cineprese a 16mm

Il Pilotone

Il Nagra

02. Quale tra questi protagonisti del cinema diretto ha realizzato in Africa una serie di documentari sugli effetti della colonizzazione?

Pierre Perrault

Jean Rouch

Richard Leacock

Michel Brault

03. In quali aree geografiche si diffonde il cosiddetto “cinema diretto”?

Canada, USA, Francia

USA, Canada, Unione Sovietica

USA, Unione Sovietica, Francia

Unione Sovietica, Francia, Canada

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 49/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 039
01. Come viene introdotta la protagonista Bonnie in Gangster story?

Attraverso un suo primo piano riflesso nello specchio

Attraverso un’inquadratura che riproduce l’intero ambiente della stanza

Attraverso un'inquadratura in dettaglio delle labbra

Attraverso la sua voce fuori campo

02. Quale tra questi modi di produzione diventerà caratteristico del cinema americano a partire dagli anni della Nuova Hollywood?

Producer-unit system

Director-unit system

Package-unit system

Central producer system of production

03. Come cambia il comportamento delle major negli anni della Hollywood Renaissance?

Le major smettono di distribuire i propri film in Europa

Le major entrano in crisi a causa dello strapotere delle case indipendenti

Le major iniziano a distribuire più che a produrre, finanziando progetti organizzati da piccole case indipendenti

Le major continuano a dominare il mercato grazie alle superproduzioni

04. Quale tra questi non è uno dei protagonisti della Hollywood Renaissance?

Robert Altman

Budd Boetticher

Arthur Penn

Sydney Pollack

05. Quale tra queste affermazioni relative alla New Hollywood è da considerarsi corretta?

I cineasti della New Hollywood si ispirano al cinema europeo del quale riprendono le innovazioni formali, che inseriscono però in un impianto narrativo complessivamente
più rispettoso degli standard del cinema classico

I cineasti della New Hollywood si ispirano al cinema europeo del quale riprendono la disinvoltura narrativa, ma non le innovazioni formali

I cineasti della New Hollywood rifiutano la narrazione per realizzare forme documentaristiche di cinema-verità

I cineasti della New Hollywood si ispirano al cinema europeo e per questo rifiutano i convenzionali nessi narrativi

06. Quale tra questi non è uno dei cineasti emersi nel periodo della New Hollywood?

Steven Spielberg

Brian De Palma

Arthur Penn

Howard Hawks

07. Parlate della Hollywood renaissance e dei tre film indipendenti che con il loro successo hanno dato inizio a questa fase della storia del cinema americano

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 50/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 040
01. Quale tra queste è la caratteristica distintiva del New Horror degli anni Settanta?

La presenza di un maggior erotismo dovuto alla fine del codice Hays

La presenza di effetti speciali più sofisticati dovuti allo sviluppo di nuove tecnologie

La presenza di allegorie che fanno riferimento alla realtà sociale contemporanea

La presenza di mostri appartenenti alla tradizione della letteratura gotica

02. In che periodo avviene il passaggio dai film indipendenti della Hollywood Renaissance alla stagione dei blockbuster?

Nella prima metà degli anni Settanta

Nella prima metà degli anni Ottanta

Alla fine degli anni Sessanta

Nella seconda metà degli anni Settanta

03. Quale tra questi film è uno dei primi esempi di blockbuster?

Ben Hur di William Wyler

Gangster Story di Arthur Penn

Lo squalo di Steven Spielberg

Taxi Driver di Martin Scorsese

04. Delineate il rapporto che la Nuova Hollywood intrattiene con i generi cinematografici, entrando nel merito degli autori e delle opere principali menzionati nel
corso

05. Parlate dell'avvento del blockbuster cinematografico

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 51/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 041
01. Quale film segna l’inizio del periodo britannico di Stanley Kubrick?

Barry Lyndon

Lolita

2001: Odissea nello spazio

Arancia meccanica

02. A quale genere cinematografico appartengono i primi due lungometraggi del regista Stanley Kubrick?

Al noir

Al western

Allo horror

Al film bellico

03. A partire da quale film il regista Stanley Kubrick ha iniziato a utilizzare quasi esclusivamente brani musicali preesistenti?

2001 odissea nello spazio

Shining

Arancia meccanica

Barry Lyndon

04. Parlate della carriera di Stanley Kubrick, soffermandovi sulle sue opere più importanti e sulle caratteristiche del suo cinema

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 52/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 042
01. I film di quale regista americano degli anni Ottanta utilizzano una struttura di base nella quale un manipolo di eroi viene assediato da un nemico spesso
invisibile?

John Landis

Tim Burton

John Carpenter

Clint Eastwood

02. Quale di questi Studios è diventato un gigantesco conglomerato mediatico, anche grazie all'assorbimento della casa fumettistica Marvel, della Lucasfilm e
della Fox?

Gulf+Western

Walt Disney Company

Sony

Time Warner

03. Quale di questi film apre una nuova fase, caratterizzata da una maggiore raffinatezza formale, nella carriera di Woody Allen?

Io e Annie

Zelig

Amore e guerra

Prendi i soldi e scappa

04. Quale importante mutamento investe l'industria cinematografica americana tra la fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta?

Le major cinematografiche smettono di produrre film a basso costo e si concentrano soprattutto sulla distribuzione di film indipendenti

Le major cinematografiche investono nello schermo panoramico, nel 3D e nel technicolor per contrastare la concorrenza della televisione

Tutte e tre le altre risposte sono ugualmente esatte.

Le major cinematografiche vengono


progressivamente assorbite da grandi concentrazioni che operano nell'ambito
dell'informazione o dell'intrattenimento

05. Quale tra questi film di David Lynch segna l'inizio di un rapporto contrastato col cinema commerciale?

Cuore selvaggio

Eraserhead

Elephant Man

Velluto blu

06. Parlate delle caratteristiche del cinema americano degli anni Ottanta e Novanta

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 53/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 044
01. In quale periodo fa il suo esordio nel lungometraggio il cineasta russo Andrej Tarkovskij?

Nella prima metà degli anni Settanta

Nella seconda metà degli anni Cinquanta

Alla fine degli anni Sessanta

All'inizio degli anni Sessanta

02. In quale dei suoi film il regista danese Lars Von Trier ha collaborato con la cantante pop Björk?

Il regno

Le onde del destino

Dancer in the Dark

Dogville

03. Quale di questi è uno dei vincoli ai quali dovevano sottostare i cineasti che intendevano realizzare film nell'ambito del movimento danese Dogme 95?

Obbligo di utilizzare video digitale

Obbligo di utilizzare formati panoramici

Obbligo di utilizzare il sonoro asincrono

Obbligo di utilizzare la narrazione in flashback

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 54/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 046
01. Quale altro sudio oltre alla Pixar ha dato negli anni Novanta un impulso fondamentale all'animazione digitale?

Dreamworks

Nessuna delle altre tre risposte è corretta

Blue Sky Studios

Illumination Studio

02. In che anno la Pixar debutta nella produzione di lungometraggi di animazione digitale?

1990

2000

1989

1995

03. Quale tra questi film è il primo a contenere una sequenza elaborata interamente in digitale?

Tron di Steven Lisberger (1982)

Forrest Gump di Robert Zemeckis (1994)

Terminator 2: Il giorno del giudizio di James Cameron (1991)

Star Trek II: L'ira di Khan di Nicholas Meyer (1982)

04. Per quale di queste ragioni il cinema, nonostante i mutamenti interventui nel consumo che sono avvenuti negli ultimi anni continua ad avere un ruolo di
rilievo nello scenario contemporaneo?

Tutte e tre le altre risposte sono ugualmente esatte.

Perché nonostante il calo degli incassi nelle sale, continua ad avere un indotto che si ripercuote sull'intera filiera mediatica (home video, diritti televisivi, ecc.)

Perché continua ad avere un forte potere simbolico, come dimostrano le pratiche di product placement (l'esibizione di oggetti di marca
da parte dei personaggi dei film)

Perché, seppur
non goda più della straordinaria potenza che aveva nella prima metà del XX
secolo, il divismo cinematografico mantiene ancora una posizione di predominio
all'interno dell'industria culturale

05. Quale tra questi film Pixar è indicativo di una linea produttiva che piuttosto che sulla sperimentazione punta sulla dimensione seriale e sul merchandising?

Wall-E

Cars

Up

Inside Out

06. Quale tra questi operatori digitali è stato attaccato a Cannes 2017 perché ha presentato dei film che non averebbero avuto una distribuzione in sala?

Sky

Amazon

Infinity

Netflix

07. Che cosa si intende per “rilocazione”?

Il trasferimento dei prodotti cinematografici dalle sale ad altri media (TV, computer, smartphones, ecc.)

Lo scambio di file video tramite i sistemi peer to peer.

Il trasferimento delle major cinematografiche all’interno di conglomerati mediali sempre più ampi

Il trasferimento delle sale cinematografiche dal centro delle città ai multiplex presenti nei centri commerciali

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 55/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

08. Delineate le problematiche relative alla funzione svolta dal cinema nel panorama mediatico contemporaneo

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 56/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 047
01. Quale tra questi effetti speciali, utilizzato sistematicamente per la prima volta in Terminator 2 di James Cameron, permette di effettuare una trasformazione
da un'immagine fotografica ad un'altra attraverso la grafica digitale?

Chroma Key

Morphing

Animatronics

Stop Motion

02. Qual è il primo film ad aver utilizzato estensivamente scenari digitali disegnati al computer?

Star Wars

Tron

King Kong

Star Trek II

03. Quale processo è stato agevolato, negli anni Duemila, dal ritorno della tecnologia 3D?

La transizione dalle piccole sale dei centri urbani ai multiplex

La transizione dai televisori a tubo catodico a quelli a schermo piatto

La transizione verso modelli di blockbuster sempre più costosi

La transizione dalla pellicola al digitale

04. Per quale motivo si dice che nello scenario contemporaneo i blockbuster acquistano una dimensione “modulare”?

Per il fatto di essere tutti un "modulo" di una "transmedia storytelling” più ampia

Per la tendenza a realizzare sequel, che fa sì che ogni episodio diventi un “modulo” della serie

Per la tendenza a inglobare “moduli” provenienti da generi differenti, in modo da attrarre diverse fasce di pubblico

Per la tendenza a includere sequenze spettacolari autonome dal resto della narrazione, definite “moduli”

05. Che cosa si intende per “transmedia storytelling”?

Dei prodotti multimediali (in pate film, fumetti, videogiochi, ecc.) da fruirsi obbligatoriamente attraverso un computer.

Un film di finzione che viene distribuito in diversi formati contemporaneamente (Video On Demand, streaming, DVD, ecc.)

Dei film la cui trama viene riadattata a diversi supporti mediali (novellizzazioni, fumetti, videogiochi, ecc.)

Degli universi narrativi che si sviluppano attraverso diversi media (film, fumetti, serie tv, videogames, ecc.)

06. A partire da quale film la casa fumettistica Marvel ha iniziato a produrre in proprio le avventure cinematografiche dei suoi personaggi?

X-Men (Bryan Singer, 2000)

Avengers (Joss Whedon, 2012)

Spider-Man (Sam Raimi, 2002)

Iron Man (Jon Favreau, 2008)

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 57/58
Set Domande: STORIA DEL CINEMA
LETTERATURA, MUSICA E SPETTACOLO (D.M. 270/04)
Docente: Di Chiara Francesco

Lezione 048
01. In quale periodo le istituzioni europee hanno avviato politiche di sostegno alla produzione europea come il programma Media o incentivi alla coproduzione
internazionale come Eurimages?

A partire dagli anni Duemila

A partire dagli anni Cinquanta

A partire dagli anni Sessanta

A partire dagli anni Novanta

02. Qual è, anche nello scenario contemporaneo, il principale ostacolo alla circolazione del cinema europeo?

L'esistenza di legislazioni sul cinema non coordinate fra loro

Lo scarso appeal delle star al di fuori dei confini nazionali

L'assenza di un supporto alla produzione cinematografica da parte delle istituzioni europee.

La frammantazione linguistica

03. Che cosa indica la categoria World Cinema?

Il cinema degli ex "paesi del terzo mondo"

Tutto ciò che non è cinema europeo o americano

Tutto il cinema non di lingua inglese

Tutto ciò che non è il cinema di Hollywod

04. Parlate delle problematiche che contraddistinguono il cinema europeo contemporaneo e la sua circolazione

© 2016 - 2018 Università Telematica eCampus - Data Stampa 02/07/2018 17:13:25 - 58/58
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)