Sei sulla pagina 1di 13

SOMMARIO

- perch rinnovare la scuola materna


- relazione tecnica
- un nuovo ordinamento giuridico












In questi ultimi vent'anni abbiamo assistito, o meglio siamo stati attori di una crescita della
societ, e delle esigenze di vita che nessuno poteva prevedere.

Anche a Ronago, nel primo decennio dopo la guerra, si provveduto a rinnovare le
scuole, il comune, ecc.
La scuola materna, dopo aver peregrinato in diversi edifici, ha trovato una definitiva e bella
sede nell'edificio costruito dalla munificenza dei signori G. Battista e Palmira Ambrosoli,
che hanno voluto cos ricordare i cinquant'anni del loro matrimonio.

Ma in questi ultimi vent'anni in paese sono sorte tante case nuove, la popolazione
cresciuta, sopratutto quella in et scolare, cos che l'edificio scolastico ha dovuto essere
ampliato.

Anche la scuola materna, dato il crescente numero dei bambini diventava sempre pi
insufficiente. Costruita infatti perch ospitasse al massimo 30 alunni, ha visto aumentare le
iscrizioni fino a 50 bambini.
II poco spazio a disposizione, oltre che a pregiudicare lo svolgimento delle attivit
scolastiche, influiva negativamente sui bambini che diventano sempre pi tesi ed irrequieti.

Occorre ampliare l'asilo: una parola che da anni si ripete e confesso sinceramente, a me
faceva paura.
Ma un'esigenza vera non si pu ignorare per tanto tempo.

A dare la spinta definitiva allo studio del progetto di ampliamento della scuola materna
sono stati i signori Vittore e Lidia Ghielmetti che hanno messo a disposizione per
quest'opera la somma di L. 22.000.000.=

Il progetto di ristrutturazione e ampliamento non stato un lavoro semplice. Occorreva un
progetto valido, e nello stesso tempo non impossibile dal punto di vista finanziario;
ampliare ma non intaccare il cortile che essenziale per una scuola materna.

Si studiarono varie soluzioni, poi stato scelto il progetto che qui viene presentato perch
pur completo nelle esigenze di una moderna scuola materna, il meno oneroso
finanziariamente.
Per poterlo attuare stato necessario spostare la strada di accesso all'asilo.

I lavori sono iniziati da qualche settimana e proseguono a buon ritmo. Se tutto proseguir
secondo il piano previsto, al 1 ottobre riprender la scuola materna nell'edificio
completamente rinnovato.

Occorre per pensare anche al finanziamento di quest'opera, e qui il discorso si fa difficile.
Oltre la somma gi a disposizione,occorrono altri 30 milioni. La cifra pu veramente
preoccupare, ma io spero nella generosit della gente di Ronago.

Forse a qualcuno pu venire questo pensiero; io di bambini da mandare all'asilo non ne
ho, quindi l'ampliamento della scuola materna non mi riguarda.

L'asilo un bene di tutta la nostra comunit, un'opera sociale, quindi tutti dovrebbero
sentirla propria.

A Ronago ci sono circa 300 famiglie; se tutti offrissero L. 100.000.= il problema sarebbe
risolto.
So che tutti non possono disporre di una cifra simile; ma forse ci pu essere chi sa dare di
pi.

Certamente tutti possono dare un contributo.

alla generosit di tutti che rivolgo questo invito, nella speranza che anche questa volta la
gente di Ronago si dimostri sensibile a quest'opera di bene.

Don Matteo














Nella scuola materna, la moderna pedagogia, individua 4 attivit fondamentali:

1ATTIVIT PRATICHE: lavarsi, vestirsi, spogliarsi , preparare la tavola, mangiare
ecc...
2ATTIVIT ORDINATE: costruire, scomporre, disegna re, modellare, ritagliare,
intrecciare ...
3ATTIVIT LIBERE: correre, adoperare gli attrezzi , saltare .
4ATTIVIT DI GRUPPO: cantare, fare spettacolo,asc oltare .

Compito del progettista stato quindi quello di dare pratica attuazione allo svilupparsi
delle attivit, sopra elencate, tenendo conto delle particolari condizioni nelle quali il
progetto viene a svilupparsi: nel caso in esame i vincoli creati erano quelli di una
costruzione gi esistente rispetto alla quale la nuova doveva integrarsi in maniera
soddisfacente.

La prima scelta stata quella relativa alla direzione, rispetto alla quale prevedere lo
sviluppo.
Le possibilit erano verso SUD e verso OVEST, oppure verso NORD e sempre
verso OVEST.
La scelta stata verso NORD e verso OVEST in quanto si ritenuto di non dover
ridurre la superficie del gi esiguo cortile con interventi oltretutto pi costosi in quanto
sarebbero venuti a collocarsi in un terreno con forti dislivelli.
Una seconda scelta si imposta: constatato che le strutture esistenti si sviluppano
su 2 piani si trattava di individuare quali attivit dovevano svolgersi al piano sopraelevato e
quali nel seminterrato.
Si cos pensato il piano sopraelevato come lo spazio per le attivit ordinate (le 2
aule) e per le attivit pratiche (il refettorio, lo spogliatoio, i servizi), lasciando al piano
seminterrato il compito di accogliere le attivit libere attraverso il recupero di spazio
occupato in precedenza per altri usi e attraverso la creazione di nuovi servizi.
In questa sistemazione assume particolare importanza il ruolo della scala che deve
venire a svolgere un compito nuovo, quello cio di unire le 2 zone cos che il tutto (sopra e
sotto) acquisti l'omogeneit necessaria al giusto svilupparsi dell'attivit didattica.
Lo svilupparsi su due piani e quindi il non essere la zona per le attivit pratiche e
ordinate a livello del terreno esterno, ha inoltre suggerito di porre in corrispondenza delle
grandi finestre delle fioriere cos da rendere l'immagine di ambienti caldi, circondati da
verde e da fiori.
Da queste scelte fondamentali emerso il progetto attuale che vede realizzate le
due sezioni che di fatto gi esistevano anche se con strutture non adeguate.
Accanto alle due aule, che danno pratica possibilit allo svolgersi della diversa
attivit didattica in relazione della et dei bambini, al piano sopraelevato trovano spazio il
refettorio, capace di ospitare fino a 60 bambini, la cucina posta accanto al sopraccitato
refettorio in comunicazione con una sottostante dispensa, lo spogliatoio con gli armadietti,
una direzione, una piccola infermeria e i servizi che raddoppiano in superficie rispetto a
quelli vecchi.
II tutto per una superficie utile di mq. 501 (sui 2 piani) di cui mq. 213 (sempre sui 2
piani) costituenti la parte nuova.
Due parole occorre infine spendere sulla scelta architettonica. I vincoli che la
costruzione esistente avrebbe imposto non potevano essere accettati pena una non
corretta interpretazione della funzione di alcuni elementi fondamentali.
Si quindi; senza alcun dubbio e senza ripensamento realizzata la soluzione che
presentiamo, caratterizzata dal privilegio dato alle grandi aperture, alla luce, al rapporto,
interno - esterno.

Il Progettista








































































































































































La nostra Scuola Materna stata finora una scuola parrocchiale. Da tempo per ci si
resi conto della necessit di dare ai genitori la possibilit di partecipare alla conduzione
della scuola frequentata dai loro bambini. Per realizzare ci, dietro consiglio
dell'Associazione Scuole Materne non statali di Como, si deciso di costituire l'ENTE
SCUOLA MATERNA DI RONAGO, in cui, accanto alla garanzia che pu offrire la
presenza viva della Parrocchia, si ha il contributo concreto e reale dei genitori.

Dotato d'uno Statuto, compilato seguendo gli indirizzi didattici per le scuole materne
statali, questo Ente inizier la sua attivit con l'anno scolastico 1975/76.

In varie riunioni, tenutesi in questi ultimi mesi, il Consiglio Pastorale Parrocchiale ed i
genitori dei bambini iscritti hanno nominato i lori rappresentanti che faranno parte dei due
organi dell'Ente stesso:

- IL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE - Organo esecutivo ed amministrativo -
composto da:
3 rappresentanti dei genitori
1 rappresentante del parroco (o il parroco)
1 rappresentante del Consiglio pastorale
1 rappresentante del Comune
1 rappresentante del corpo insegnante

Questo organo, che si riunisce periodicamente, decide con maggioranza su tutto quanto
necessario per il perfetto funzionamento della Scuola.
Tra i componenti del Consiglio d'amministrazione sono stati nominati il Presidente, il
Vicepresidente ed il Segretario dell'Ente stesso.

- L'ASSEMBLEA - Organo consultivo e deliberativo - composto da:

i facenti parte del Consiglio d'amministrazione 15 genitori dei bambini iscritti.

L'Assemblea, che si riunisce tre o quattro volte all'anno, ha il compito di raccogliere tutte le
istanze dei genitori e di proporle per l'approvazione al Consiglio. Inoltre ha potere
deliberativo sui bilanci, sulle modifiche dello statuto e sugli indirizzi generali dell'Ente.

Come si pu notare nella nuova organizzazione i genitori hanno una presenza notevole ed
anche coloro che non fanno parte di persona degli organi dell'Ente possono (e devono)
tramite gli eletti di loro conoscenza, manifestare idee ed esigenze che ritengono
necessario per l'ideale andamento della Scuola.

Pensiamo cos d'aver trovato la strada per una concreta collaborazione tra genitori ed
Ente di gestione che, se percorsa da entrambi con senso di responsabilit, certamente
porter la nostra Scuola Materna ad un funzionamento ideale per il bene degli unici
concreti interessati: i nostri bambini.





COME E QUANDO DARE IL PROPRIO CONTRIBUTO







Dovendo rispettare delle scadenze precise di pagamento con l'impresa
costruttrice, sarebbe estremamente utile sapere quale somma pu
essere disponibile ogni mese.

Quindi se intendi dare un tuo contributo, puoi versarlo subito al parroco o
puoi far avere in parrocchia questo foglio.




Io penso di versare la somma di

entro il mese di


oppure :

Io penso di versare la somma di

in N rate mensili


firma