Sei sulla pagina 1di 44

1 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.

it/collevaldelsa

COSA ABBIAMO COSTRUITO INSIEME


UN CAMMINO LUNGO DIECI ANNI

www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

COMUNE DI COLLE DI VAL DELSA

COLLE DI VAL DELSA

2 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

GRAZIE AD OGNUNO DI VOI


Ci sar sempre unaltra opportunit, unaltra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni ne c sempre un nuovo inizio. Il piccolo principe, Antoine de Saint-Exupry Il Comune, ente locale pi vicino alla comunit, si trovato a far fronte a uno scenario cos complesso, con risorse ridotte e con una revisione delle funzioni fondamentali. Nonostante questo, ce labbiamo messa tutta per cercare di dare risposte concrete ai bisogni essenziali dei colligiani, a partire dalla salvaguardia dei servizi sociali, della qualit dellofferta formativa e del trasporto pubblico locale. Inoltre, abbiamo lavorato ogni giorno per sostenere leconomia locale e il commercio, nonostante le poche risorse a disposizione e le competenze limitate in materia, dedicando attenzione anche allambiente, a uno sviluppo sostenibile del territorio, alle attivit culturali, sportive e di promozione del territorio. In questo percorso abbiamo avuto la fortuna di avere al nostro anco le numerose associazioni locali, che tanto hanno fatto per contribuire a garantire la tenuta sociale e la vitalit della nostra comunit. Tra le tante azioni e attivit sviluppate dal 2004 a oggi, che trovate dettagliate nelle pagine a seguire, ci sono senza dubbio la riqualicazione urbana della parte bassa della citt (con interventi che hanno dato un nuovo volto a Piazza Arnolfo e Piazza dellunit dei popoli); gli interventi per ammodernare il patrimonio scolastico (la nuova scuola dellinfanzia di Gracciano, ladeguamento e la progettazione del plesso di S.Andrea e la messa in sicurezza della scuola di Campiglia), gli impianti sportivi (la nuova pista di atletica e di pattinaggio), le strutture culturali (la riqualicazione del Teatro del Popolo e il completamento del Museo San Pietro nellomonimo ex Conservatorio) e le infrastrutture (la realizzazione dellimpianto di risalita e gli interventi di tutela idrogeologica (la

di Paolo Brogioni - Sindaco di Colle di Val dElsa


cassa di espansione del torrente Scarna e lintervento di regimazione idraulica nellarea riqualicata del Poggino). Grande attenzione stata dedicata anche alla mobilit, modicando la viabilit nella parte bassa, ampliando il numero dei parcheggi, promuovendo interventi di sicurezza stradale e incentivando forme di mobilit dolce, come la pista ciclo-turistica sul vecchio tracciato ferroviario fra Colle e Poggibonsi e la valorizzazione del tratto della Via Francigena che attraversa il nostro centro storico. Altri interventi hanno interessato il settore ambientale (i fontanelli di acqua pubblica in alcuni quartieri e nelle scuole, il potenziamento dei servizi alla stazione ecologica comunale; la collocazione di pannelli fotovoltaici su edici pubblici; le iniziative di educazione ambientale nelle scuole; il regolamento per labbattimento di oneri di urbanizzazione per interventi di bioedilizia) e la valorizzazione e la promozione della citt e delle sue eccellenze, a partire dal cristallo. Cultura e sport sono altri due settori nei quali abbiamo creduto e investito in questi anni, ritenendoli strategici per la crescita della comunit nonostante siano esclusi dalle funzioni fondamentali dellente. Accanto allattivit amministrativa, ricordo anche gli impegni istituzionali e di rappresentanza della citt che mi hanno graticato molto in questi anni. Siamo riusciti a fare tutto questo nonostante una situazione nanziaria sempre pi incerta e dicile, non solo per Colle di Val dElsa ma per tutti gli enti locali in Italia. In questi dieci anni abbiamo lavorato per rivedere il bilancio, riducendo di circa la met lindebitamento rispetto al 2004, razionalizzando le spese correnti, aumentando il contrasto

Un cammino lungo dieci anni, dal 2004 al 2014, che ha visto crescere e trasformarsi la citt e con lei i suoi amministratori e i suoi cittadini. E quello che abbiamo cercato di ricostruire in questo rendiconto, articolato in diverse sezioni tematiche per mettere in evidenza le azioni promosse, gli obiettivi raggiunti e le prospettive per il futuro. In primo luogo, voglio ringraziare ognuno di voi per avermi dato lopportunit di rappresentare e amministrare con orgoglio e senso di responsabilit la nostra citt, che cresciuta, si trasformata ed stata chiamata ad affrontare, come tante altre realt, avvenimenti politico-istituzionali dicilmente immaginabili e prevedibili solo pochi anni fa. Alla forte crisi economica, politica e sociale che ha colpito lItalia, si unita quella nei rapporti fra cittadini e istituzioni, che ha rallentato e rivisto la capacit di relazione e di risposta degli enti locali alle esigenze e ai bisogni manifestati dai cittadini.

3 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

allevasione scale e promuovendo un piano di alienazioni di immobili di propriet dellente. Al tempo stesso, abbiamo attivato una rinnovata strategia di ricerca di risorse esterne puntando su progetti di alta qualit, innovazione e sviluppo delle politiche di area e siamo riusciti ad attrarre sul territorio oltre 17 milioni di euro da destinare a investimenti (riqualicazione di Piazza Arnolfo, Piazza dellunit dei popoli e Teatro del Popolo, pista ciclo-turistica sulla vecchia ferrovia e recupero dellarea ex industriale de La Fabbrichina). Grazie a questi sforzi straordinari, nonostante le tante voci infondate che hanno alimentato anche recenti polemiche, consegniamo alla futura amministrazione un bilancio in equilibrio (come conferma lavanzo di amministrazione sul bilancio 2013) e una citt che guarda al domani con maggiore dinamicit e opportunit rispetto a dieci anni fa. Diversi sono anche i progetti gi nanziati per il prossimo futuro: dallampliamento della scuola di S.Andrea alla sistemazione del ponte di Spugna, dalla manutenzione del ponte di San Marziale al marciapiede di Castelsangimignano no al punto di accoglienza per i pellegrini della Via Francigena e i turisti su due ruote alla Cartiera La Buca e alla riqualicazione

della piazza nellarea Boschi, di fronte al Museo del Cristallo. La carenza di risorse in arrivo dai governi centrali ha spinto gli enti locali a unire sempre di pi le forze per continuare a garantire servizi essenziali ai propri cittadini. In questo contesto, non si pu non evidenziare il ruolo importante svolto dal 2006 a oggi dalla Fondazione Territori Sociali AltaValdelsa (Ftsa), esperienza unica in Toscana nella gestione diretta dei servizi sociali da parte dei Comuni. In un settore delicato come il sociale e di fronte a una crisi socio-economica che ha colpito pesantemente anche la Valdelsa, grazie alla Ftsa i Comuni sono riusciti, riducendo le spese di gestione, a mantenere pressoch invariata la qualit dei servizi, incrementando quelli rivolti ai minori (Centro Adi) e allemergenza casa (progetto a sostegno dellabitare in Valdelsa). Negli anni stata in parte rivista la quota di compartecipazione degli utenti, con unattenzione costante per le fasce deboli. Sul fronte delle politiche di area, va ricordata anche la storica sinergia che ha unito Colle di Val dElsa e Poggibonsi nel Piuss, Piano integrato urbano di sviluppo sostenibile, portando in Valdelsa risorse signicative per interventi di riqualicazione urbana e di rivitalizzazione sociale; gli interventi infrastrutturali di livello sovra comunale (consolidamento del Ponte dellArmi, raddoppio dello svincolo di Colle Nord sulla Siena-Firenze, raddoppio del ponte di Santa Giulia e variante alla Sp541); il protocollo sullattrazione in Valdelsa a supporto del tessuto economico e imprenditoriale e il Piano di promozione territoriale AltaValdelsa. La partenza del nostro cammino insieme, nel 2004, stata segnata dalla vicenda del centro culturale islamico, che sembrava unutopia

ambiziosa e che oggi, dopo lapertura avvenuta pochi mesi fa, si sta rivelando non solo una struttura pienamente sostenibile per la nostra citt, ma anche un luogo di dialogo interreligioso. Lultima fase del cammino, invece, legata al progetto Fabbrichina, un grande intervento di recupero e riqualicazione urbana di unarea ex industriale programmato da tempo e avviato dopo modiche progettuali che hanno portato a individuare destinazioni pi remunerative, come il supermercato, e a impegnare risorse straordinarie per realizzare una nuova viabilit, unimportante bonica ambientale e lintervento della Mediateca, inserito nel Piuss Citt di Citt Altavaldelsa e nanziato dalla Regione Toscana. Oggi il progetto fermo, a causa della crisi generale e dei soggetti coinvolti, ma esiste ancora linteresse di un soggetto privato per realizzare il supermercato, edicio che ospiterebbe anche altre attivit commerciali, e ci sono risorse economiche per realizzare spazi pubblici nalizzati a far funzionare in maniera adeguata la biblioteca, dotandola di spazi aggiuntivi, nuove funzioni e servizi pubblici. La conclusione di questo intervento dovr essere un obiettivo primario anche per il prossimo futuro, partendo dallattrattiva commerciale e sociale che questo porta con s. Ringrazio tutti coloro che mi hanno aancato in questi 10 anni, dagli assessori ai consiglieri no ai funzionari e a tutti i dipendenti del Comune di Colle di Val dElsa e le altre istituzioni con le quali abbiamo collaborato. Un ringraziamento particolare, per, lo dedico alle cittadine e ai cittadini colligiani che ho avuto lonore di rappresentare per due mandati in questa esperienza unica ed eccezionale che porter sempre con me.

COLLE DI VAL DELSA

4 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

COME CAMBIATA LA CITT


Dieci anni insieme, come cambiata Colle di Val dElsa
Supercie: 92,20 km Densit: 231,7 ab/km Frazioni: Mensanello, Gracciano, Le Grazie, Borgatello, Campiglia, Boscona, Castelsangimignano Negli ultimi dieci anni Colle di Val dElsa stata sempre di pi una citt in movimento. Lo conferma lindice demograco, con una popolazione che passata dai 20.226 abitanti del 2004 ai 21.678 del 2013 (dato aggiornato al 31 dicembre) e dove la componente straniera si mantenuta attorno all11%. Levoluzione demograca colligiana degli ultimi dieci anni si colloca pienamente nel contesto socio-economico della Valdelsa, un territorio interessato, ormai da decenni, da ussi migratori signicativi, sia interni che esterni, attratti da un dinamico tessuto economico e industriale, ma, purtroppo, non risparmiato dalla crisi generale che ha investito negli ultimi anni il Paese e lEuropa. In dieci anni la popolazione aumentata passando dai 20.226 abitanti nel 2004 ai 21.678 nel 2013. Let media della popolazione 43 anni.

INDICE* DI NATALIT E MORTALIT DELLA POPOLAZIONE DEL COMUNE DI COLLE DI VAL DELSA DAL 2009 AL 2013 2009 MORTI NATI 10 11,2 2010 10 9,3 2011 9,2 9,9 2012 9,9 10,5 2013 9,1 9,7 As 2004-2009 As 2010-2013

LA POPOLAZIONE SCOLASTICA 2009-2014 Nido comunale e Nidi privati 535 579 Scuola dellInfanzia 2.986 3.304 Scuola Primaria 3.332 5.072 Scuola Secondaria 1 2.876 3.194

* Lindice di natalit e mortalit rappresenta il numero medio di nascite e decessi in un anno ogni mille abitanti

STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE


Totale residenti 0-14 anni 15-64 anni 65+ anni

14000 12000 10000 8000 6000 4000 2000 0

20.226 20.349 20.439 20.983 21.346 21.556 21.629 21.264 21.362 21.483

2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

5 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

GLI AMMINISTRATORI
Amministrare una citt vuol dire lavorare per il bene comune e nellinteresse della comunit, dando risposte ai cittadini guardando al presente ma anche al futuro del territorio. Questa sezione dedicata alle persone nominate o elette negli organi
LATTIVIT DELLA GIUNTA 2004 - 2009 Anno 2004 2005 2006 2007 2008 Riunioni 48 46 45 47 46 Atti 291 262 231 217 217

Il Sindaco e la Giunta nei mandati amministrativi 2004-2009 e 2009-2014


istituzionali pi importanti - la giunta e il consiglio comunale - che hanno aancato il sindaco Paolo Brogioni dal 2004 al 2014.

IL SINDACO E LA GIUNTA 2004-2009


PAOLO BROGIONI Sindaco Deleghe a affari generali e urbanistica MARCO IOZZI Assessore e vice sindaco Deleghe a attivit produttive ALESSANDRA TOPINI Assessore Deleghe a politiche culturali e scuola DANIELE BOSCHI Assessore Deleghe a lavori pubblici, assetto del territorio, viabilit e trasporti SERENA SIGNORINI Assessore Deleghe a politiche ambientali, giovanili e associazionismo MASSIMO BARTALUCCI Assessore Deleghe a bilancio, patrimonio, risorse umane e sport VITO PAVIA Assessore Deleghe a turismo e decoro urbano SIRO BERTI Assessore Deleghe a politiche sociali (sostituito nel febbraio 2008 da Mauro Lenzi) DANILO DACO Segretario generale e direttore generale

IL SINDACO E LA GIUNTA 2009-2014


PAOLO BROGIONI Sindaco Deleghe a affari generali e urbanistica MASSIMO LOGI Vice sindaco e assessore Deleghe a lavori pubblici, consorzi stradali e consorzio Gore FEDERICA CASPRINI Assessore Deleghe a politiche culturali e giovanili, istruzione, pari opportunit, associazionismo, turismo FILOMENA DE MARCO Assessore Deleghe a attivit produttive, sviluppo economico e rivitalizzazione del commercio CLAUDIO NICCOLINI Assessore Deleghe a politiche ambientali, assetto del territorio, partecipazione e mobilit (subentrato a Serena Signorini nellottobre 2010) LEONARDO PARRI Assessore Deleghe a bilancio, risorse umane, politiche di area (subentrato a Massimo Bartalucci nellottobre 2010) MAURO LENZI Assessore Deleghe a politiche sociali DANILO DACO Segretario generale e direttore generale

LATTIVIT DELLA GIUNTA 2009 - 2014 Anno 2009 2010 2011 2012 2013 Riunioni 35 35 36 36 27 Atti 234 231 196 208 151

COLLE DI VAL DELSA

6 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

I CONSIGLI COMUNALI
Lesed ercil eu feum zzriusto cons dit inisi. IL SINDACO E LA GIUNTA Digna faciliquat. Enit vent velisi. 2004-2009 Tum euisl ent in erilla aliquam vulla Presidente del consiglio comunale SERENELLA PALLECCHI Vice presidente LEONARDO PAOLO PIETRO FIORE GRUPPI CONSILIARI Partito democratico Capogruppo: Leonardo Parri Consiglieri: Claudio Berti; Stefano Cinci; Paolo Fagioli; Lorenzo Galardi; Fabio Panci; Giovanni Pasquinucci; Serenella Pallecchi; Paola Sancasciani; Lisa Salvetti* Sinistra democratica per il socialismo europeo Capogruppo: Massimo Logi Consiglieri: Alessio Giunti; Saverio De Santis Partito Socialista Capogruppo: Franca Benucci** Partito della Rifondazione Comunista Capogruppo: Federico Bandini*** Alleanza Nazionale Capogruppo: Luciano Cavicchioli**** Forza Italia Capogruppo: Marta Aiazzi U.D.C. Capogruppo: Giorgio Lucchesini Lista civica Insieme per Colle Capogruppo: Mauro Bruni Consigliere e vice presidente del consiglio comunale: Leonardo Paolo Pietro Fiore
*subentrata a Duccio Santini nellottobre 2007 **subentrata nel marzo 2008 a Angelantonio Esposito che, a sua volta, aveva sostituito Alberto Burrone nellottobre 2005 ***subentrato a Mauro Lenzi nel marzo 2008 ****subentrato a Gabriele Laguzzi nellaprile 2006 LATTIVIT DEL CONSIGLIO COMUNALE 2004-2009 Anno 2004 2005 2006 2007 2008 Riunioni 10 16 15 10 13 Atti 85 110 97 142 125

La composizione dei consigli comunali 2004-2009 e 2009-2014


Lesed ercil eu feum zzriusto cons dit inisi. IL SINDACO E LA GIUNTA Digna faciliquat. Enit vent velisi. 2004-2009 Tum euisl ent in erilla aliquam vulla Presidente del consiglio comunale GABRIELE MARINI Vice presidenti LETIZIA FRANCESCHI (dal giugno 2009 al maggio 2012) KETY BIANCUCCI (dal settembre 2012) GRUPPI CONSILIARI Partito democratico Capogruppo: Andrea Ferrini Consiglieri: Riccardo Biagini*, Kety Biancucci, Stefano Cinci, Camilla Fabbiani, Lorenzo Galardi, Luisa La Placa, Gabriele Marini, Vittoria Pedani, Lorenzo Ticci, Carmelo Toce** Rifondazione Comunista Capogruppo: Silvano Bellesi Sinistra, Ecologia e Libert Capogruppo: Alessandro Cicero Popolo delle Libert Capogruppo: Marta Aiazzi La Destra Capogruppo: Giuliano Sargenti*** Futuro E Libert Capogruppo: Luciano Cavicchioli Lista Civica Insieme per Colle Capogruppo: Leonardo Paolo Pietro Fiore Consiglieri: Letizia Franceschi U.D.C. Capogruppo: Giorgio Lucchesini Gruppo Indipendente Capogruppo: Alessandro Nencini
*subentrato a Gianluca Guttadauro nellaprile 2012 **subentrato a Riccardo Giovannini nel marzo 2012 ***subentrato nellottobre 2011 a Paola Metta, consigliere dal giugno 2009 nel gruppo consiliare Popolo delle Libert

LATTIVIT DEL CONSIGLIO COMUNALE 2009-2014 Anno 2009 2010 2011 2012 2013 Riunioni 13 14 14 12 14 Atti 160 179 177 131 113

7 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

IL BILANCIO
Nel 2013 Colle stato uno dei pochi Comuni in Italia a realizzare il bilancio consolidato, che fotografa la situazione economica, patrimoniale e nanziaria dellente e delle proprie societ partecipate la prima casa nellapplicazione dellImu, rivedendo laliquota per le seconde case. IL CONTENIMENTO DELLA SPESA In questi anni si lavorato per contenere e razionalizzare la spesa: dal 2009 al 2013 la spesa corrente passata da 12,5 a 11 milioni di euro, mentre la spesa del personale scesa da 3,7 a 3,5 milioni di euro. Grande stato anche limpegno per contrastare levasione scale, che ha portato al recupero di circa 1 milione e 544.000 euro. LA RIDUZIONE DEL DEBITO Unaltra azione signicativa che ha segnato gli ultimi anni la riduzione del debito del Comune. Nel 2004 lo stock di mutui da estinguere era pari a 24 milioni e 90.000 euro. Oggi la cifra scesa a circa 15 milioni, con una politica di revisione del bilancio senza nuovi debiti e lestinzione di parte dei mutui esistenti.

Dal 2004 al 2014 il quadro economico e nanziario del Comune di Colle di Val dElsa ha subto continui mutamenti, con una riduzione costante e continua dei trasferimenti statali e di altre risorse esterne che avevano consentito nora interventi importanti in settori diversi. Negli ultimi anni, inoltre, lacuirsi della crisi economica generale non ha risparmiato il tessuto produttivo valdelsano, colpendo settori vitali delleconomia locale quali ledilizia, il cristallo e il manifatturiero in genere, e, di conseguenza, i livelli occupazionali. Questa situazione ha determinato una domanda crescente in termini di assistenza e protezione sociale a cui il Comune ha cercato di dare risposte compatibilmente con le risorse disponibili. LA TUTELA DEI SERVIZI In un quadro dove la scarsit di risorse si unita a una revisione delle funzioni fondamentali dellente determinata dallo Stato, stato necessario compiere delle scelte, spesso non facili, a fronte della situazione socio-economica generale. Ogni decisione stata assunta con lobiettivo primario di tutelare i servizi essenziali, da quelli sociali allistruzione no ai servizi pubblici, a partire dal trasporto pubblico urbano.

Per quanto riguarda i servizi a domanda individuale, con uno sforzo notevole e facendo ricorso a un solo adeguamento tariffario nel corso degli ultimi cinque anni, siamo riusciti a mantenere intorno al 33% la compartecipazione dei cittadiniutenti al costo dei servizi erogati, quali mensa e trasporto scolastici e asilo nido, continuando a garantire equit sociale e attenzione verso le fasce deboli della popolazione con un meccanismo di progressivit delle tariffe basato sulle fasce Isee. Laddizionale Irpef rimasta invariata negli anni e abbiamo tutelato

COLLE DI VAL DELSA

8 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

VICINI AI CITTADINI

Dieci anni insieme, un Comune per le persone


ha consentito di dare risposte concrete ai cittadini e alla progressiva fragilit sociale con azioni e servizi che non sarebbero stati possibili attraverso la delega dei Comuni alla Asl per i servizi sociali come avveniva no a qualche anno fa.

I servizi alla persona e il mantenimento della coesione sociale e di una buona qualit della vita sono sempre stati obiettivi prioritari per tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute a Colle di Val dElsa, per rendere la citt a misura di ogni cittadino. Le risorse destinate al sociale sono state penalizzate dai tagli ai trasferimenti statali e al Fondo per la non autosucienza, ma limpegno del Comune per rispondere ai bisogni dei cittadini non mai venuto meno, cercando di garantire a tutti laccesso ai servizi essenziali, mantenendo i livelli di esenzione e di riduzione delle tariffe pressoch invariati, a favore delle fasce deboli, e dando risposte concrete, per quanto possibile, alla precariet del lavoro, al crescente costo della vita, allemergenza abitativa e al problema degli atti onerosi. Dal 2006 la gestione delle politiche sociali messe no ad allora in campo singolarmente dai Comuni di Casole dElsa, Colle di Val dElsa, Poggibonsi, Radicondoli e San Gimignano coordinata dalla Fondazione Territori Sociali AltaValdelsa (FTSA), ottimizzando le risorse disponibili e i servizi al cittadino. Il suo ruolo strategico

In dieci anni abbiamo investito oltre 13 milioni di euro per il sociale

Abbiamo promosso progetti e iniziative per famiglie, giovani, anziani e diversamente abili, grazie anche alla collaborazione della Fondazione Territori Sociali AltaValdelsa.

VICINI ALLE FAMIGLIE

Dal 2004 a oggi lamministrazione comunale ha potenziato la rete di servizi gi esistenti e rivolti alle famiglie in risposta, soprattutto, a bisogni legati alla casa, al lavoro e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, con una particolare attenzione per le situazioni pi disagiate sotto il prolo socio-economico. PROGETTI EXTRASCOLASTICI In questi anni abbiamo cercato di stare vicino ai genitori con figli portando avanti, in collaborazione con le associazioni del territorio, attivit ricreative, sportive e di sostegno allo studio.

IL COMUNE PER LE PERSONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

Le attivit extrascolastiche SportGiocando, LuglioInsieme, EstateRagazzi e GiocaNido hanno coinvolto oltre 1.200 bambini

sostegno, avanzate da soggetti in dicolt nellaccedere ai canali ordinari del credito bancario. RIDUZIONI ED ESENZIONI In questi anni il Comune ha introdotto riduzioni ed esenzioni, differenziate per fasce di reddito, per il pagamento di tributi locali (Ici/Imu, Tia/Tarsu) e di servizi a domanda individuale (mensa, trasporti scolastici e asilo nido) REGISTRO UNIONI CIVILI Dal 2006 stato istituito il registro delle unioni civili per garantire pari opportunit amministrativa alle coppie sposate e di fatto. APERTURA SPORTELLO ECCO FATTO A CASTELSANGIMIGNANO Da uniniziativa promossa da Uncem e Regione Toscana per venire incontro alle comunit, interessate dalla chiusura degli uci postali, nel 2012 stato aperto nella frazione di Castelsangimignano lo sportello Ecco Fatto per garantire ai cittadini lerogazione di servizi sanitari e amministrativi. Lo sportello gestito da due ragazzi che svolgono il servizio civile regionale. CENTRO DISABILI A RADICONDOLI Sono attualmente in corso i lavori per la realizzazione del centro per disabili a Radicondoli, che sar gestito dalla Fondazione Territori Sociali AltaValdelsa con 10 posti dedicati a utenti gravi. La struttura permetter il rientro di disabili della zona oggi ospitati in strutture presenti in Toscana e in altre regioni, con beneci per i familiari. Il nuovo centro di Radicondoli accoglier anche i 10 utenti non gravissimi del centro Il Mulino,

VICINI AI GIOVANI

I giovani sono la pi grande risorsa per il futuro. Consapevoli di questo, accanto alla loro formazione e istruzione lamministrazione comunale ha promosso e sostenuto negli ultimi dieci anni numerosi progetti e iniziative tesi a favorire occasioni di socializzazione e di aggregazione per far crescere i ragazzi

CENTRO FAMIGLIA IL BAOBAB E CENTRO AFFIDI ZONA ALTAVALDELSA Nel 2009 sono stati aperti a Colle di Val dElsa il Centro famiglia Baobab e quello adi, strutture gestite dalla Fondazione Territori Sociali Alta Valdelsa - il secondo in collaborazione con lassociazione Stare Fra... di Poggibonsi - per promuovere il benessere delle famiglie nelle diverse fasi della vita e ladamento. CENTRO PARI OPPORTUNIT DELLA VALDELSA Il Centro si trova a Colle di Val dElsa e dopo una gestione insieme alla Fondazione Territori Sociali, dal 2011 coordinato direttamente dai Comuni di Casole dElsa, Colle di Val dElsa, Poggibonsi, Radicondoli e San Gimignano. La struttura ha attivato negli anni convenzioni con il Centro antiviolenza, lAssociazione Donne Insieme Valdelsa, Atelier Vantaggio Donna e altre associazioni, promuovendo attivit di sensibilizzazione e prevenzione della violenza di genere, lo sportello di ascolto e laccompagnamento rivolto a donne che hanno subito violenza. SOSTEGNO AL CREDITO Con ladesione del Comune alla Societ per il Microcredito di solidariet sono state date risposte alle richieste di

e il tessuto sociale e culturale della citt, contrastando possibili forme di disagio. In particolare, sono stati sviluppati progetti rivolti alla fascia di et compresa tra la prima adolescenza e i 35 anni. Nel corso degli anni si consolidato inoltre il Tavolo sulle politiche giovanili, che ha contato n dallinizio sul supporto delle istituzioni locali per rafforzare il rapporto tra ragazzi e pubblica amministrazione. Forti del lavoro fatto nora, le politiche giovanili avranno sempre di pi in futuro unorganizzazione a livello di area. SE IO FOSSI SINDACO Una delle esperienze pi signicative stata quella del bilancio partecipato Se io fossi sindaco, avviata nel 2009 e conclusa nel 2010, da cui sono nati progetti indirizzati alle fasce pi giovani della popolazione: da quelli sulla mobilit

COLLE DI VAL DELSA

con lobiettivo di raddoppiare presto la disponibilit e anche gli addetti.

IL COMUNE PER LE PERSONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

10

a quelli sul lavoro e sulla cultura musicale no allo sport. E in questo contesto che nel 2010 nato il Centro Collaterale, associazione giovanile molto attiva sul territorio colligiano e valdelsano in ambito culturale e sociale.

Nel 2009 il progetto Se io fossi sindaco stato premiato dalla Regione Toscana come best practice sul fronte della partecipazione dei cittadini.

APERTURA DEL CENTRO DI SOCIALIZZAZIONE LIMPRONTA Nel 2010 il centro di aggregazione per ragazzi Limpronta stato trasferito al centro socio-sanitario in Viale dei Mille, garantendo ai pi giovani spazi pi moderni e pi funzionali per lo svolgimento di attivit legate allo studio, alla cultura e al divertimento. Limpronta gestito dalla Fondazione Territori Sociali Alta Valdelsa. PROGETTO GIOVANI INSIEME Dal 2009, in collaborazione con la Fondazione Territori Sociali Alta Valdelsa, stato promosso il progetto per ragazzi e ragazze Giovani insieme, grazie anche ai nanziamenti della Regione Toscana. Il progetto ha coinvolto cinque associazioni valdelsane e ha sviluppato azioni creative realizzate direttamente dai giovani, rendendoli sempre pi consapevoli del ruolo attivo che possono svolgere nelle dinamiche comunitarie. A Colle di Val dElsa il progetto ha visto protagonista lassociazione Mosaico cresciuta come punto di riferimento per i giovani, con spazi e opportunit per coloro che amano la musica e per giovani gruppi emergenti locali.

APERTURA DI COLLELAB Nel 2013 stato aperto Collelab, uno spazio sico di coworking a prezzo contenuto e a condizioni agevolate rivolto a giovani e start-up aperte allinnovazione tecnologica, soprattutto nel settore della comunicazione, per favorire una crescente promozione del territorio valdelsano attraverso laggregazione e lo sviluppo di nuove idee progettuali e imprenditoriali. Il progetto promosso dallassociazione Fabbrica Colle in collaborazione con Apea, lAgenzia provinciale per lenergia, lambiente e lo sviluppo locale e si propone di essere un modello da esportare anche oltre i conni colligiani. SPORTELLO MOBILE GIOVANIS DELLA PROVINCIA DI SIENA Dal luglio 2013 lo Sportello mobile della Provincia di Siena Giovanis, progetto della Regione Toscana, fa tappa ogni mese in via di Spugna, sotto la liale di Banca Mps. Liniziativa dedicata agli under 40 e punta a promuovere lautonomia dei giovani con opportunit formative e lavorative, anche a livello europeo, oltre a opportunit di vita autonoma con speciche politiche abitative.

SONAR, LA CASA DELLA MUSICA Il Sonar, La Casa della Musica nato come luogo di promozione culturale e sociale unico nel suo genere in Toscana, cresciuto negli anni anche come centro di aggregazione giovanile grazie alla collaborazione con lassociazione Mosaico. Nei locali recuperati e ristrutturati in localit Molinuzzo, oltre alle serate che animano il weekend, possibile studiare e produrre musica con una contaminazione tra arti, generi e linguaggi che conta sulla presenza di sale prova e spazi aperti a giovani gruppi emergenti del territorio.

VICINI AGLI ANZIANI

Una parte importante dellimpegno del Comune sul fronte sociale stata dedicata alle persone anziane, che dal 2004 a oggi hanno rappresentato, in media, il 20% della popolazione. I servizi a loro rivolti sono stati mantenuti pressoch invariati, anche grazie alla collaborazione con la Ftsa e alcune associazioni, e ottimizzati con lapertura, nel 2009, del nuovo centro socio-sanitario in Campolungo. La struttura stata

IL COMUNE PER LE PERSONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

11

realizzata grazie al coinvolgimento della Ftsa e ospita tutti i servizi socio-sanitari rivolti alla cittadinanza e gestiti dalla Usl di riferimento. Il centro, inoltre, ha accolto in spazi pi adeguati la Residenza Sociale Assistita che aveva sede in Colle alta, mettendo a disposizione 60 posti e contando, nella gestione, sulla collaborazione fra Ftsa e Fondazione Elisabetta e Sara Bottai Lekie. Persone anziane e diversamente abili, inoltre, sono state anche al centro di altre azioni quali: il progetto Dopo di noi, con assistenza per anziani non autosucienti e portatori di handicap;

attivit di socializzazione e soggiorni estivi promossi da associazioni locali e sostenute dal Comune; attivit culturali e ricreative promosse da Universit dellEt Libera, associazioni e circoli di quartiere.

PER LA CASA

In questi anni stato grande anche limpegno in risposta allemergenza abitativa. Lo sforzo maggiore messo in campo riguarda i nuovi alloggi ERP, grazie anche a fondi dellAssessorato alle politiche sociali della Regione Toscana, di Siena Casa Spa e del LODE (Livello Ottimale Di Esercizio) che rappresenta la Conferenza dei Sindaci.

CONTRO LEMERGENZA CASA Il Comune di Colle di Val dElsa, attraverso il LODE e Siena Casa Spa, ha potuto mettere a disposizione: 8 appartamenti ERP in via Veneto; 18 appartamenti ERP in via Bologna; 8 appartamenti a Quartaia; appartamenti in via Beltramini (eredit Bilenchi e su cui in via di completamento il passaggio di propriet dalla Asl al Comune) Gli appartamenti sono gi nanziati con entrate straordinarie; 10 appartamenti a S. Marziale (eredit Maccari a seguito di lascito testamentario a favore del Comune) che saranno nanziati con fondi messi a disposizione da Siena Casa Spa; 11 appartamenti realizzati con il recupero dellex scuola di Castelsangimignano, intervento in programma attraverso il LODE ma non ancora nanziato. Attraverso speciche convenzioni con soggetti privati, il Comune ha potuto realizzare, inoltre: 16 appartamenti di edilizia convenzionata nellarea ex Stiver Coop; 18 appartamenti a prezzi agevolati e concordati in via della Ferriera; alcuni appartamenti a prezzi concordati per giovani coppie a Quartaia. LE RISORSE EROGATE DAL COMUNE

COLLE DI VAL DELSA

IL COMUNE PER LE PERSONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

12

Lemergenza abitativa, inoltre, ha contato dal 2004 al 2013 su oltre 3 milioni e 717 mila euro di risorse proprie del Comune che hanno permesso i seguenti interventi: la realizzazione di 15 appartamenti a canone concordato in via Bilenchi; lo stanziamento annuale di un fondo atti a favore di famiglie in dicolt nel sostenere i costi crescenti delle locazioni. I fondi per i contributi atti previsti dalla legge 431 del 1998 sono stati progressivamente azzerati e integrati, per quanto possibile, da risorse proprie del Comune, della Regione Toscana e della Fondazione Mps. In dieci anni il Comune ha destinato circa 3 milioni di euro al fondo affitti dedicato alle fasce deboli della popolazione. Grazie a risorse della Regione, negli ultimi due anni sono stati distribuiti in Valdelsa 270.000 euro, di cui 195.000 a Colle, contro la morosit incolpevole nel pagamento degli atti.

La Fondazione Territori Sociali Alta Valdelsa, nata nel 2006 per gestire, in forma coordinata, i servizi sociali nei Comuni di Casole dElsa, Colle di Val dElsa, Poggibonsi, Radicondoli e San Gimignano, rappresenta un modello di riferimento nazionale per la gestione razionale ed eciente dei servizi sociali territoriali. Lobiettivo primario quello di garantire politiche socio-sanitarie adeguate alle esigenze di un territorio in continua evoluzione e trasformazione come la Valdelsa, che comprende i due maggiori Comuni della provincia di Siena dopo il capoluogo, Colle di Val dElsa e Poggibonsi, e attrae ussi migratori signicativi per la presenza di una forte concentrazione industriale e produttiva. Grazie allo strumento della fondazione di partecipazione, i Comuni hanno recuperato il loro ruolo strategico nel campo dei servizi sociali, dando risposte migliori e pi ecienti alle proprie comunit. A dare ulteriore forza alla Ftsa la positiva sinergia e collaborazione instaurata negli anni con il dinamico e variegato associazionismo valdelsano. I servizi che la Fondazione Territori Sociali AltaValdelsa mette quotidianamente a disposizione, sia territoriali che

FONDAZIONE TERRITORI SOCIALI ALTAVALDELSA

residenziali, sono rivolti a famiglie, anziani, diversamente abili e minori. Per approfondire i servizi erogati dalla Ftsa e il bilancio di mandato 2010-2013, possibile consultare il sito www.ftsa.it

CONTRIBUTI A INTEGRAZIONE CANONI DI LOCAZIONE (DAL 2004 AL 2013)


Risorse disponibili Domande soddisfatte Media annuale di risorse disponibili Domande soddisfatte per anno 2.464.000 euro 2.770 246.400 euro 277

13 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

CRESCERE E FAR CRESCERE


Dieci anni insieme, per la crescita della citt e dei cittadini
Dieci anni fa i bambini e ragazzi iscritti nelle scuole di Colle di Val dElsa (dal nido alle superiori) erano 1.929. Oggi sono 2.405 territoriale di educazione permanente di Poggibonsi, e ospitati a Colle di Val dElsa i corsi di orientamento universitario promossi dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, portando avanti unesperienza avviata con successo nel 1998 e che ha portato a Colle di Val dElsa, complessivamente, oltre 700 ragazzi provenienti da tutta Italia. Grazie allimpegno del Comune sono state mantenute iniziative integrative della didattica (tempo pieno nelle scuole elementari, bilinguismo nella scuola media, accoglienza di bambini stranieri, progetti educativi di vario genere) MENSA E TRASPORTO SCOLASTICO Dallanno scolastico 2004-2005 allanno scolastico 2013-2014 gli utenti che hanno usufruito del trasporto scolastico sono stati quasi 6.000. Il servizio conta da diversi anni sulla collaborazione di alcune associazioni di volontariato per laccompagnamento degli utenti a bordo. Nelle mense scolastiche gestite dallAzienda Speciale Multiservizi, dal 2004 a oggi sono stati forniti quasi 2 milioni di pasti per gli alunni delle scuole dellinfanzia, primarie e secondarie di primo grado colligiane. La spesa per utente ha raggiunto un massimo di 4,50 euro a pasto, con una compartecipazione del Comune pari a circa 1,52 euro. Il servizio di mensa scolastica ha contato su risorse comunali per circa 3 milioni e 47.000 euro Nellautunno del 2011, per mantenere il livello dei servizi a fronte di minori risorse trasferite dallo Stato, stato necessario rivedere le tariffe dei servizi a domanda

Cultura, educazione e formazione sono fondamentali per la crescita consapevole di una comunit e di cittadini che siano partecipi alla vita della loro citt e non solo. Con questa convinzione, negli ultimi anni lamministrazione comunale ha investito energie e risorse per mantenere opportunit formative e servizi educativi di qualit e per potenziare le strutture scolastiche, sostituendosi spesso allo Stato che avrebbe competenza diretta in materia. Non sono mancati, poi, investimenti nella cultura, in termini di servizi e di iniziative tese a stimolare occasioni di socializzazione e di aggregazione fra i cittadini, con unattenzione particolare per lo sport e lassociazionismo in ogni ambito, dal sociale al culturale no alla promozione del patrimonio locale.

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

LOFFERTA FORMATIVA E IL SOSTEGNO EXTRASCOLASTICO La qualit dellofferta formativa nelle scuole colligiane stata mantenuta attraverso i Piani dellofferta formativa (Pof) e altre attivit che hanno contato su risorse proprie del Comune. Tante iniziative sono nate e si sono sviluppate anche grazie alla preziosa collaborazione con associazioni del territorio. Tra queste ci sono i progetti di didattica museale, i laboratori di teatro, musica e lettura, in collaborazione con la biblioteca, i progetti sportivi, ludico-ricreativi e quelli di educazione ambientale, stradale e alla legalit. Iniziative che, nel corso degli anni, hanno coinvolto centinaia di bambini e ragazzi. Inoltre, sono stati organizzati corsi serali per adulti, in collaborazione con il Centro

Negli ultimi dieci anni il Comune si impegnato per rispondere in maniera adeguata ai bisogni educativi e formativi di unutenza in et scolastica in costante crescita. Limpegno si concretizzato con il mantenimento e lattivazione di servizi e progetti educativi e formativi di vario genere, mettendo in campo risorse e professionalit che hanno accompagnato la crescita quantitativa e qualitativa della comunit.

COLLE DI VAL DELSA

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

14

Nellanno scolastico 2013-2014 sono stati erogati i pacchetti scuola con contributi regionali per 63.105 e comunali per 15.000 euro. IL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Il Consiglio comunale dei ragazzi rappresenta un progetto di cittadinanza attiva avviato nel 2006 e sviluppato nel corso degli anni con crescente interesse e partecipazione. Liniziativa coinvolge gli alunni delle classi prime, seconde e terze della scuola secondaria di primo grado Arnolfo di Cambio, chiamati ad eleggere, ogni 2 anni, il Sindaco dei ragazzi e i 20 consiglieri che lo aancano, alcuni con il ruolo di assessori con deleghe in materia di ambiente, scuola, sport, disagio giovanile, strutture per il tempo libero, salute, viabilit e trasporti. Con il passare degli anni, il Consiglio comunale dei ragazzi diventato un interlocutore importante per lamministrazione comunale per iniziative rivolte ai giovani colligiani e ha partecipato a incontri con il consiglio comunale e con le commissioni consiliari oltre che a diverse iniziative uciali (commemorazioni e altri appuntamenti di impegno civile e di carattere sociale e culturale).

individuale (asili nido, mensa e trasporto scolastico), uniformando Colle di Val dElsa ai Comuni limitro e rivedendo la quota di compartecipazione degli utenti al costo del servizio. La denizione delle nuove tariffe stata promossa garantendo equit sociale e basandosi su progressivit dei redditi e nuove fasce Isee, lindicatore della situazione economica equivalente.

Dal 2004 a oggi il Comune ha investito circa 3 milioni e 418.000 euro nel trasporto scolastico e circa 288.000 euro per lacquisto di nuovi mezzi, che oggi sono 8.

IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI FIGLI A tutto questo si unito il mantenimento delle attivit extrascolastiche e di sostegno con il doposcuola, andando incontro a rinnovate esigenze manifestate dalle famiglie e acuitesi con la crisi economica. Unattenzione particolare stata rivolta alle fasce deboli della popolazione, con esenzioni e agevolazioni per laccesso ad alcuni servizi a domanda individuale - quali asili nido, mensa, trasporti scolastici - ma anche con lerogazione di borse di studio, assegni di studio e contributi per lacquisto dei libri di testo.

La compartecipazione di ogni utente per il servizio di mensa scolastica stata mantenuta intorno al 33% del costo reale. Il resto a carico del Comune.

Dallanno scolastico 20042005 allanno scolastico 2012-2013 sono stati stanziati 308.000 euro per il diritto allo studio, con risorse proprie e della Regione

Il Consiglio comunale dei ragazzi, unesperienza positiva di cittadinanza attiva

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

15

IL PALAZZONE: CREA E ITS ENERGIA E AMBIENTE Dopo un signicativo percorso di recupero e riqualicazione, il Palazzone, patrimonio storico-sociale per la citt e sinonimo di educazione e formazione di qualit, ha accolto negli anni unofferta didattica e scientica rivolta alla green economy e alla formazione di qualit. Qui, infatti, hanno sede il Crea, Centro di ricerca per lenergia e lambiente (ex Puc) e lITS, Istituto tecnico superiore Energia e Ambiente. LIts Energia e Ambiente offre una formazione post diploma nellarea dellecienza energetica. Unico in Toscana e in Italia centrale per lambito di riferimento, si sta consolidando come realt di eccellenza

VERSO GLI ISTITUTI COMPRENSIVI Entro i prossimi mesi prevista la costituzione degli istituti comprensivi, una modalit di verticalizzazione dei servizi educativi che punta a garantire la continuit tra i diversi ordini di scuola, da quella dellinfanzia a quella secondaria di primo grado. Lamministrazione comunale uscente ha preparato il varo della riforma, partecipando a bandi per ledilizia scolastica e cercando di assicurare strutture adeguate. LISTRUZIONE NELLE POLITICHE DI AREA In questi anni stata sviluppata una progettualit a livello di area che nellanno scolastico 2012-2013 ha visto il passaggio dal Piano Integrato di Area al Piano Educativo Zonale, con una maggiore

condivisione dei nodi problematici del sistema scuola in Valdelsa nelle attivit di integrazione, contrasto del disagio sociale, mediazione culturale e sostegno per soggetti diversamente abili. A questo si unito lo sviluppo della Conferenza zonale dellistruzione, grazie anche alla collaborazione con gli operatori della Ftsa.

plesso scolastico di via XXV Aprile e via Maremmana Vecchia - per garantire la sicurezza dei bambini e dei ragazzi. Dal 2004 a oggi il Comune ha investito oltre 4,3 milioni di euro per la sicurezza e la qualit degli edifici scolastici presenti sul territorio comunale.

LEDILIZIA SCOLASTICA

Unaltra priorit di questi anni sul fronte scuola stata ledilizia scolastica, con investimenti sia in nuove strutture che nella manutenzione di quelle esistenti, accanto a una revisione strategica di tutti gli edici. Negli ultimi dieci anni, uno degli interventi pi importanti stata lapertura della nuova scuola dellinfanzia a Gracciano, grazie alla permuta della vecchia struttura. Non sono mancati, inoltre, interventi di sistemazione e manutenzione ordinaria e straordinaria in tutte le altre scuole del territorio - a partire da SantAndrea, Campiglia, il

LA CULTURA E GLI EVENTI

La cultura da sempre un valore aggiunto sia per la crescita della citt che per valorizzare le radici, lidentit sociale e il senso di appartenenza dei cittadini alla comunit. Investire in cultura signica investire nel futuro di un territorio e lamministrazione comunale colligiana, nonostante la revisione delle funzioni fondamentali degli enti locali da cui esclusa la cultura, ha sempre dedicato attenzione alle politiche culturali.

COLLE DI VAL DELSA

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

16

La riduzione di risorse destinate dallo Stato alla cultura non ha impedito lo svolgimento di numerose iniziative culturali, grazie allimpegno di tante associazioni locali e della Pro Loco.

e dei prodotti tipici locali, sono da ricordare anche Gocce di Grappa, Cioccolato Amore Mio, ColleGioca, Salumi Slow, la Festa di Primavera e tante altre, anche minori, che hanno avuto una signicativa ricaduta in termini di partecipazione. Nel mese di settembre, ogni anno, si sempre rinnovato lappuntamento con la Fiera degli Uccelli. LIBERACOLLARTE Una delle manifestazioni culturali e artistiche pi importanti che ha animato in questi anni la citt stata LiberaCollArte, nata nel 2003 per valorizzare le attivit delle numerose associazioni locali con una giornata ricca di spettacoli, musica, arte e interculturalit. Negli ultimi anni, la riduzione di risorse che il Comune ha potuto destinare allevento e al settore culturale hanno portato a compiere delle scelte sulla portata dellevento che, tuttavia, non ha mai perso lentusiasmo delle associazioni coinvolte e la partecipazione del pubblico. Le ultime edizioni, dopo un anno di sospensione nel 2011, sono state curate dal centro commerciale naturale Colgirandola, in collaborazione con lassociazione B-Side, Sonar e con il sostegno e il patrocinio del Comune.

Grazie a LiberaCollArte Colle di Val dElsa si trasformata in un grande palcoscenico allaria aperta con offerte culturali per tutti. IL RINASCIMENTO DI COLLE Nel giugno 2011 il borgo medievale di Castello ha accolto la prima edizione della manifestazione di rievocazione storica Il Rinascimento di Colle, coordinata dal Cers, Consorzio europeo rievocazioni storiche e ripetuta nei due anni successivi. Nel 2013 un suggestivo corteo storico ha celebrato larrivo e linsediamento del primo vescovo, Usimbardo Usimbardi, a Colle di Val dElsa, nel giugno 1592, e lacquisizione del titolo di Citt. La manifestazione, di forte attrazione turistica, si inserisce nel circuito di promozione e valorizzazione della Via Francigena. Il Rinascimento di Colle ha saputo coinvolgere la citt e i cittadini rendendo protagoniste attive le associazioni colligiane, con grande entusiasmo.

INIZIATIVE ED EVENTI CULTURALI Fra le tante iniziative culturali tese a riscoprire e valorizzare le tradizioni e il patrimonio sociale, artistico ed enogastronomico locali si ricordano il progetto di recupero della memoria cittadina Locchio sulla citt; la rassegna di cortometraggi amatoriali CortiCinema; numerose presentazioni di libri dedicati alla storia locale, di giovani autori e di cultura o attualit in genere, mostre e incontri. A queste si sono uniti appuntamenti e rassegne come Varii Venerd, Theatrikos, Baracche e burattini, Giovani Concertisti, Scatole della Memoria, ColleLibro, LiberaCollarte, Evento 0, le celebrazioni per il centenario della morte dello scrittore Romano Bilenchi, la mostra su Mino Maccari o il convegno su Il Settecento a Colle. Tra gli eventi che hanno animato la citt allinsegna delle tradizioni

LA BIBLIOTECA

La biblioteca comunale Marcello Braccagni cresciuta negli anni consolidandosi come luogo di lettura e di arricchimento culturale, ma anche come luogo di socializzazione e di aggregazione. Lincremento di utenti e servizi stato possibile grazie allestensione e alla maggiore essibilit dellorario di apertura, sia in estate che in inverno, contando su personale volontario. A questo si sono unite nuove attivit in collaborazione con associazioni

17 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

locali che hanno integrato le iniziative gi promosse dalla biblioteca. Volontari e associazioni sono stati reclutati, a partire dallottobre 2011, sulla base di uno specico bando. Gli utenti della biblioteca sono passati dagli 11.162 del 2004 ai 22.207 del 2013. Negli ultimi dieci anni sono cresciuti anche i servizi messi a disposizione dalla struttura

luogo di cultura. Una menzione a parte va dedicata a ColleLibro, mostra-mercato annuale del libro per ragazzi con una presenza media di oltre 3.500 persone e incontri con le scuole e con autori e illustratori. Nel 2013 la biblioteca comunale ha aperto un blog dedicato al gruppo di lettura Qualcuno con cui leggere (http://collequalcunoconcuileggere. blogspot.it) ed sempre pi presente sui social network Facebook e Twitter. I SERVIZI Tra i servizi della biblioteca comunale, quello pi richiesto il prestito di libri. Seguono il prestito di dvd e le nuove opportunit legate agli e-book per soddisfare unutenza sempre pi attenta allinnovazione tecnologica. Negli ultimi anni, inoltre, la biblioteca comunale uscita dalla struttura in via di Spugna e ha raggiunto il Circolo delle Grazie e di Gracciano, con il progetto Fuori Luogo (2006), e lospedale di Campostaggia con liniziativa Parole accanto (2010) in collaborazione con la biblioteca comunale di Poggibonsi. I prestiti hanno toccato quota 22.287 nel 2013, grazie alla presenza della biblioteca comunale colligiana nel sistema Redos, la rete documentaria senese. IL PATRIMONIO Negli ultimi anni il patrimonio della biblioteca si arricchito contando anche su diverse donazioni di privati cittadini ed aancato da una videoteca per il

LE INIZIATIVE E I PROGETTI Dal 2004 a oggi la struttura in via di Spugna ha ospitato anche progetti didattici, laboratori creativi rivolti ai bambini, animazioni teatrali di opere di letteratura per linfanzia, incontri settimanali del Gruppo di lettura Qualcuno con cui leggere, presentazione di libri, conferenze su storia e letteratura colligiana. Da segnalare anche ladesione della struttura a numerose campagne nazionali e locali dedicate alla promozione della lettura e della biblioteca come

prestito di lm e altro in formato digitale. La biblioteca ospita anche gli archivi di istituti e aziende colligiane, oltre ad alcune sezioni speciali sulla tradizione industriale locale legata a carta e vetro, e una sezione per ragazzi. Da ricordare anche la stampa di pubblicazioni curate direttamente dal Comune con la collana Le Filigrane.

I TEATRI

Colle di Val dElsa ha sempre avuto una forte tradizione teatrale. Stagione dopo stagione, strutture di alta qualit come il Teatro del Popolo hanno attratto spettatori sempre pi numerosi in arrivo anche da altre zone della provincia di Siena e non solo. La crescita quantitativa del pubblico ha accompagnato una stagione di prosa di richiamo per la sua qualit, con un stagione di prosa di richiamo con due turni di abbonamento mantenuti negli anni nonostante la riduzione di risorse, o rassegne come VariiVenerd e Baracche e Burattini che hanno trovato nel Teatro dei Varii, piccolo gioiello ristrutturato pochi anni fa, la loro cornice ideale.

COLLE DI VAL DELSA

18 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

Il Teatro dei Varii ha accolto sempre pi spesso proposte in arrivo da realt associative locali, ma anche appuntamenti di spessore nazionale. Dal 2010 il Teatro del Popolo e il Teatro Politeama di Poggibonsi promuovono la stagione teatrale in forma congiunta, per ottimizzare le risorse disponibili e mantenere la qualit dellofferta culturale

Dal 2004 a oggi i visitatori del Museo archeologico sono passati da 3.514 a 5.103 e quelli del museo civico e diocesano darte sacra da 1.464 a 1.509. Numeri signicativi anche per il Museo

I MUSEI

Ampio e variegato anche il patrimonio culturale conservato nei tre musei cittadini: il Museo archeologico Ranuccio Bianchi Bandinelli, il Museo civico e diocesano darte sacra e il Museo del cristallo, unico nel suo genere in Italia. In questi anni lamministrazione comunale ha promosso diverse iniziative per valorizzare le tre strutture, avvalendosi anche della preziosa collaborazione delle associazioni locali, a partire dal Gruppo Archeologico Colligiano. Nel corso degli anni sono stati promossi anche numerosi progetti didattici con le scuole e non mai mancata ladesione a manifestazioni sostenute dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali e dalla Regione Toscana (Settimana della Cultura, Amico Museo, La Notte dei Musei, Le giornate del Patrimonio o Musei in Musica). Per i colligiani lingresso a tutti i musei comunali gratuito.

IL PARCO ARCHEOLOGICO DI DOMETAIA Nel 2011, dopo un articolato e complesso intervento di recupero sostenuto anche da risorse messe a disposizione dalla Regione Toscana, stato aperto il Parco archeologico di Dometaia importante necropoli etrusca dellEtruria settentrionale che ha visto la riscoperta di oltre 56 tombe etrusche risalenti al periodo che va dalla met del VI secolo a.C. a tutta let ellenistica. Larea stata potenziata anche con servizi di accoglienza per i visitatori e ospita spesso iniziative culturali e progetti didattici rivolti alle scuole. LE STANZE DELLA MEMORIA Nel 2012 sono state ucialmente intitolate a Gracco del Secco, medico antifascista e partigiano ucciso dai nazisti,

le Stanze della Memoria, spazi al piano terreno dellex Palazzo Pretorio - oggi sede del Museo archeologico Ranuccio Bianchi Bandinelli - scoperti e recuperati pochi anni fa dopo essere stati adibiti a carceri per detenuti politici nel periodo tra le due guerre mondiali. Qui furono detenuti, per la quasi totalit, personaggi politici, che hanno lasciato sui muri segni e grati, oggi importanti testimonianze storiche e sociali di quegli anni, che riettono lo stato danimo e le idee dei carcerati. La riscoperta delle Stanze della Memoria ha contato sulla collaborazione con la sezione colligiana dellAnpi. VERSO IL POLO MUSEALE NELLEX CONSERVATORIO SAN PIETRO La collaborazione con la Fondazione Musei Senesi ha assicurato il mantenimento degli standard qualitativi nella promozione e valorizzazione del patrimonio museale colligiano. Questo lavoro sar potenziato con il trasferimento delle collezioni civiche e darte sacra nel Museo San Pietro (ex Conservatorio), a cui si sono aggiunte anche le quadrerie donate dallo scrittore Romano Bilenchi e dal pittore Walter Fusi, illustri colligiani.

19 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

Lex Conservatorio San Pietro, il cui allestimento quasi concluso, si candida a diventare un polo museale centrale per la Valdelsa.

La realt associativa colligiana vanta una lunga tradizione, rafforzata qualche anno fa attraverso la costituzione di un Albo dellassociazionismo che conta oltre ottanta iscrizioni tra sodalizi di natura culturale, sociale, aggregativa e sportiva. Lassociazionismo colligiano ha sempre lavorato a stretto contatto con lamministrazione comunale, congurandosi come una risorsa inestimabile per realizzare iniziative di ogni tipo e capaci di convogliare gli interessi dei colligiani e dei ussi turistici. Anche se i cambiamenti della politica nazionale circa le funzioni attribuite agli enti locali hanno penalizzato molto questo settore, le associazioni hanno sempre dato mostrato grande disponibilit e collaborazione. La Consulta delle associazioni ha saputo far conoscere reciprocamente le attivit svolte dalle varie associazioni del territorio, stimolando una crescente collaborazione. I CIRCOLI DI QUARTIERE Sul fronte della socialit, sono senzaltro da menzionare i numerosi circoli di quartiere nati per offrire occasioni di socializzazione e culturali alla popolazione che risiede nei vari quartieri e frazioni del territorio. Nel corso degli anni i circoli di quartiere sono cresciuti anche come luogo di incontro e confronto fra i cittadini e lamministrazione.

LASSOCIAZIONISMO

IL SOSTEGNO ALLASSOCIAZIONISMO Lamministrazione comunale, consapevole dellimportanza di questa grande risorsa, ha sempre cercato di sostenere il lavoro delle associazioni attraverso contributi ordinari e straordinari per progetti specici, convenzioni per la gestione di servizi, patrocini a sostegno di iniziative e partenariati.

negli anni spiccano la pista di atletica allo stadio comunale Gino Manni, unica per la sua qualit in provincia di Siena; la pista di pattinaggio coperta alla Badia e altri lavori di sistemazione e manutenzione degli impianti. A questi interventi si unito lavvio della realizzazione del parco urbano S.Agostino, aperto anche ad attivit sportive libere, e di nuove aree verdi con attrezzature per attivit spontanea e amatoriale alla Badia, Baco, Dometaia e nel Parco dellElsa. Lesperienza colligiana, prima nel suo genere in Toscana, stata presa come esempio dalla Regione. LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI ALLE SOCIETA SPORTIVE La gestione degli impianti adata da diversi anni direttamente alle societ che li utilizzano, anche attraverso contributi erogati dal Comune. Nel corso degli anni c stata una progressiva riduzione che, purtroppo, ha pressoch azzerato il supporto pubblico allassociazionismo sportivo. Nonostante questo, i risultati della gestione diretta continuano a essere positivi sia per i servizi offerti che per il livello di manutenzione delle strutture. Dal 2004 a oggi le risorse messe a disposizione delle associazioni sportive sono state pari a circa 2,6 milioni di euro compresi contributi e fondi per la gestione diretta degli impianti.

Dal 2004 al 2014 tutto sono stati erogati contributi per circa 440.000 euro a sostegno di attivit sociali, culturali e sportive.

LO SPORT

Lo sport sinonimo di aggregazione, socializzazione, capacit di mettersi in gioco e di confrontarsi con gli altri, nel rispetto reciproco e delle regole. Per questo rappresenta un veicolo importante per la crescita sociale della comunit, dai bambini agli adulti, ed sempre stato un elemento importante per le amministrazioni comunali che si sono succedute negli anni. IMPIANTI E AREE ATTREZZATE Oggi, grazie a numerosi investimenti fatti anche a partire dal 2004, Colle di Val dElsa conta su impianti di alta qualit, che accolgono sempre pi spesso manifestazioni di livello regionale e nazionale, nelle diverse discipline, alimentando anche un turismo sportivo che ha ricadute positive per la citt e la sua economia. Tra gli investimenti fatti

COLLE DI VAL DELSA

20 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

PROGETTI E ALTRE INIZIATIVE Grazie al rinnovato rapporto tra lamministrazione comunale e le societ sportive locali, stato possibile promuovere anche numerosi progetti di educazione sportiva rivolti soprattutto alle scuole, che hanno consentito di incrementare il livello di pratica sportiva nella nostra citt, partendo dai pi piccoli, e di combattere labbandono precoce dello sport. Da ricordare anche lapertura del centro di medicina sportiva, sica e riabilitazione al Palazzetto dello sport a La Badia, punto di riferimento per societ e atleti, gestito inizialmente dallAzienda speciale Multiservizi, in collaborazione con la Fondazione Don Gnocchi Onlus, e oggi da un soggetto privato. Oltre 5.000 bambini sono stati coinvolti in progetti di avviamento allo sport (SportGiocando, Laboratorio Sport).

culturali e istituzionali, a partire dalle commemorazioni uciali di eventi che hanno segnato il passato pi o meno recente della citt, come i bombardamenti su Colle (15 e 16 febbraio 1944) e la Liberazione di Colle (7 luglio 1944). A queste si sono unite altre celebrazioni che hanno contato su un coordinamento dei Comuni a livello di area Valdelsa sulla base di specici protocolli: leccidio di Montemaggio (28 marzo 1944); la liberazione nazionale (25 aprile 1945); la Giornata della Memoria (27 gennaio); il Giorno del Ricordo (10 febbraio); la Festa della Toscana (30 novembre); la Festa della Repubblica (2 giugno). Il Comune ha sempre partecipato in forma uciale anche alla commemorazione di altri eccidi oltre i conni locali che hanno segnato la Resistenza in Italia (SantAnna di Stazzema, Marzabotto, Alfonsine).

nella lotta contro la criminalit organizzata e ogni forma di sopruso.A questa iniziativa si legata, nel marzo 2013, lintitolazione della ciclo-turistica sul vecchio tracciato ferroviario fra Colle di Val dElsa e Poggibonsi a Marcello Torre, sindaco di Pagani (Salerno) ucciso dalla camorra nel 1980. Alla cerimonia ha partecipato anche Don Luigi Ciotti, presidente e fondatore di Libera. LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Nel corso degli anni, il Comune di Colle di Val dElsa ha partecipato, in forma uciale, anche a iniziative di cooperazione internazionale e promozione della pace (la Giornata nazionale per limpegno e in memoria delle vittime di mae; il Comitato di coordinamento del Forum provinciale per la cooperazione decentrata; la Marcia della Pace Perugia-Assisi; il Forum provinciale della cooperazione Internazionale, il Tavolo della Pace e il programma Terre di Siena, terre di pace, convivenza e legalit). Da segnalare anche ladesione ai progetti Gerico: patrimonio culturale e sviluppo comunitario e Follow the women - Women for peace - Donne in Bicicletta in Medio Oriente per la Pace a cui nel 2007 hanno partecipato 4 ragazze colligiane.

LIMPEGNO CIVILE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Cooperazione internazionale, multiculturalit e promozione dei diritti sono le basi per la formazione di una coscienza civile fondata su principi fondamentali quali pace, libert, uguaglianza e giustizia. Con questi obiettivi lamministrazione comunale ha promosso negli anni iniziative e progetti rivolti soprattutto alle scuole, contando su una stretta collaborazione con associazioni quali Anpi, Libera, Avviso Pubblico e Arci. INIZIATIVE ISTITUZIONALI In questi anni sono state organizzate e promosse numerose iniziative

Nel 2013 stato rmato un protocollo fra il Comune e la sezione colligiana dellAnpi per celebrare il 70 anniversario di eventi legati alla Resistenza e alla Liberazione.

I NUOVI RESISTENTI A partire dal 2010 al ricordo delleccidio di Montemaggio si legata liniziativa dedicata ai Nuovi Resistenti, per valorizzare il legame che unisce gli ideali e i principi della Resistenza con limpegno civile di tutti coloro che ancora oggi lottano ogni giorno contro ogni forma di sopruso e di ingiustizia sociale. Nel marzo 2011, furono premiate alcune persone impegnate

21 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

IN MOVIMENTO VERSO IL FUTURO


Dieci anni insieme, per lo sviluppo della citt
telematica, con lobiettivo di semplicare e razionalizzare le procedure amministrative. Dal 2001 al 2010, il Suap di Colle di Val dElsa ha garantito il servizio anche per i Comuni di Casole dElsa, Radicondoli e San Gimignano. Dal 2004 al 2013 il Suap del Comune di Colle di Val dElsa ha avviato 7.214 pratiche. LA SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA Un altro passo avanti nella semplicazione amministrativa e nella promozione di attivit produttive e turistico-ricettive presenti sul territorio stato compiuto con il nuovo regolamento per la gestione delle preinsegne pubblicitarie, approvato nel novembre 2013. Il nuovo strumento maturato dopo un percorso di confronto con i soggetti interessati che ha portato lamministrazione comunale a recepire numerose proposte e istanze ricevute, tenendo conto dellimpatto ambientale e coniugando esigenze di sicurezza stradale, necessit di visibilit delle diverse attivit e semplicazione amministrativa. VICINI AL COMMERCIO DI VICINATO Sul fronte del commercio, una delle azioni tese a favorire il rilancio di quello di vicinato stata la riqualicazione urbana promossa prima in Colle alta e poi, a partire dal 2004, nella parte bassa. Il recupero e la rivitalizzazione di questi spazi urbani sono stati accompagnati da un piano di rivitalizzazione commerciale della citt, promosso con percorsi partecipativi e con il programma FabbricaColle, elementi che devono essere integrati con spirito imprenditoriale e capacit di innovazione.

Innovazione tecnologica, ricerca, valorizzazione delle eccellenze manifatturiere e attenzione alla green economy. Sono queste le linee guida individuate in questi anni dal Comune di Colle di Val dElsa per rendere sempre pi competitive le aziende locali e cercare di dare risposte concrete a una crisi che non ha risparmiato il tessuto economico e produttivo della citt e, pi in generale, della Valdelsa. Attenzione stata dedicata anche al settore agricolo, con iniziative di valorizzazione della liera corta, e al commercio, sia ambulante che di vicinato.

Il sostegno al commercio di vicinato ha contato anche sul progetto di recupero di spazi e locali commerciali non utilizzati, che ha portato ad aprire il temporary store.

A SOSTEGNO DELLECONOMIA

Nonostante le attivit produttive non fossero riconosciute tra le funzioni fondamentali dellente, lamministrazione comunale ha lavorato in questi anni per essere vicina al tessuto economico locale e alle sue principali criticit manifestate su pi fronti e per motivi diversi. IL SUAP Unattenzione particolare stata rivolta alla semplicazione amministrativa, trasversale a tutti i settori economici, rafforzando il ruolo dello Sportello unico per le attivit produttive (Suap) che offre servizi alle attivit produttive nei diversi ambiti di riferimento (industria, artigianato, commercio, servizi e agricoltura). Dal 2010 tutte le istanze devono essere presentate esclusivamente in modalit

VICINI AL COMMERCIO AMBULANTE Il Comune ha dedicato attenzione anche al commercio ambulante. Il mercato settimanale del venerd, accogliendo le richieste degli operatori, tornato in Piazza Arnolfo e in Piazza dellunit dei popoli dopo la riqualicazione di questi grandi spazi. Inoltre, dopo un periodo di sperimentazione, stato consolidato il mercato settimanale a Gracciano che si svolge da alcuni anni nel giorno di mercoled. Lesperienza positiva di Gracciano ha portato a una replica a Quartaia, con il mercato settimanale ogni luned da marzo 2014. IL CENTRO COMMERCIALE NATURALE COLGIRANDOLA In questi anni il supporto del Comune per il rilancio delle attivit commerciali si concretizzato, in particolare, con il centro commerciale naturale (ccn) Colgirandola, nato nel 2005 per promuovere

COLLE DI VAL DELSA

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

22

precedenti. Su queste basi, sono stati attivati numerosi tavoli istituzionali insieme alla Provincia di Siena e alla Regione per tenere sotto controllo le situazioni pi critiche del tessuto imprenditoriale valdelsano, dal cristallo al camper no a tutto il comparto manifatturiero, e sono state attivate azioni di sostegno e di sviluppo di competitivit e innovazione. Tra queste si ricordano la sottoscrizione, da parte dei Comuni della Valdelsa senese e orentina, del protocollo a sostegno della liera del camper e lattrazione di risorse esterne con il progetto Competitivit e innovazione in Valdelsa, promosso nel 2012 dai Comuni valdelsani con Poggibonsi capola. Il progetto Competitivit e innovazione in Valdelsa ha portato in Valdelsa circa 9,2 milioni di euro. VICINI ALLO SVILUPPO RURALE La valorizzazione del settore rurale e delle produzioni locali stata al centro di iniziative dedicate alla liera corta, come il Mercatale della Valdelsa, partito in via sperimentale con un progetto che ha visto il Comune di Colle di Val dElsa come capola e diventato appuntamento sso ogni quarto sabato del mese. A questo si unita lapertura di un punto vendita di prodotti a km zero in sede stabile in Piazza Bartolomeo Scala. Colle di Val dElsa fa parte dellAssociazione Citt del Bio e dellAssociazione nazionale Citt del Vino, grazie alla quale alcune aziende vitivinicole del territorio hanno partecipato alla Selezione del Sindaco, concorso enologico internazionale e opportunit di visibilit.

Nel 2008 stato aperto il nuovo mattatoio comunale a Belvedere, al posto di quello in via della Ferriera. Dal 2005 ad oggi ha registrato la macellazione di 47.381 capi (bovini, suini, cinghiali, agnelli, pecore e lattonzoli)

PER LA VALORIZZAZIONE DEL CRISTALLO

unorganizzazione rinnovata e coordinata delle attivit miste. Negli anni il ruolo del ccn cresciuto anche nellorganizzazione di eventi e iniziative di animazione, con un coinvolgimento sempre pi diretto e attivo degli operatori commerciali.

Valorizzare Colle di Val dElsa come citt del cristallo stata unaltra priorit che ha accompagnato questi anni, con iniziative diverse e tese a legare questa eccellenza locale con altre che caratterizzano la citt dal punto di vista storico, artistico e culturale. Un elemento di forza stata la collaborazione con la Regione Toscana e Artex, Centro per lArtigianato artistico e tradizionale della Toscana. LA LAVORAZIONE DAL VIVO E LARREDO URBANO Fino al 2011 il cristallo colligiano ha avuto una vetrina speciale nel mese di settembre, con la manifestazione Cristallo fra le Mura, prima di diventare protagonista assoluto 365 giorni lanno, con lapertura nel Vicolo della Misericordia del punto permanente di lavorazione dal vivo, a caldo e a freddo, unico nel suo genere a livello nazionale e attivo ogni prima domenica del mese e in occasione di alcuni eventi. Il cristallo ha arricchito larredo urbano con la colonna in cristallo al Teatro del Popolo e la persiana di cristallo in Piazza Arnolfo.

Nel 2010 la gestione del ccn stata adata direttamente agli operatori, con il sostegno amministrativo del Comune che no ad allora ne aveva curato il coordinamento.

VICINI ALLINDUSTRIA Pur non avendo competenze dirette sulleconomia, gli enti locali hanno costantemente monitorato la situazione della citt e della Valdelsa per salvaguardare i livelli occupazionali e le professionalit da una crisi senza

23 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

LA CRISI CALP, OGGI RCR CRISTALLERIA ITALIANA Il settore del cristallo non stato risparmiato dalla crisi economica generale, con ripercussioni nella produzione e nellindotto. Negli ultimi anni le dicolt maggiori nel tessuto imprenditoriale colligiano sono state vissute dalla ex Calp, oggi RCR Cristalleria Italiana, la pi grande azienda della Valdelsa e tra le pi signicative in provincia di Siena per numero di addetti. Lamministrazione comunale si impegnata, n dallinizio, insieme ai sindacati, alla Provincia di Siena e alla Regione Toscana, per difendere i livelli di occupazione e mantenere lazienda sul territorio, accompagnando il percorso di ristrutturazione avviato dal nuovo management.. IL MUSEO DEL CRISTALLO Nel 2001 a Colle di Val dElsa stato aperto il Museo del Cristallo, unico nel suo genere in Italia, che ripercorre la storia della produzione locale di vetro, prima, e cristallo, poi, conserva pezzi unici e accoglie costantemente progetti e iniziative per coniugare la tradizione di questo prodotto con linnovazione, fondamentale per guardare al futuro e a nuovi mercati. Allinterno del Museo sono conservate anche installazioni artistiche che hanno omaggiato negli anni la trasparenza e la luminosit del cristallo. La gestione oggi curata dallassociazione Pro Loco, in collaborazione con il Consorzio del Cristallo. LA COLLABORAZIONE CON ARTEX Tra le iniziative promosse in collaborazione con Artex, il Centro per lArtigianato artistico e tradizionale della Toscana spiccano lapertura del Temporary Store

Collezioni Toscane, unico progetto pilota in Toscana dedicato al migliore artigianato artistico toscano, e il coinvolgimento nel partenariato europeo Innocrafts che vede come capola il Comune di Firenze e che punta a promuovere limprenditorialit e la creazione di imprese nel settore dellartigianato artistico e contemporaneo migliorando lecacia delle politiche di sviluppo regionali e locali attraverso la condivisione e lo scambio di esperienze e buone pratiche. Tra queste ultime Colle di Val dElsa sta riscuotendo grande interesse a livello nazionale e internazionale con il progetto Taste the quality che ha portato il cristallo colligiano a essere lunico prodotto non agroalimentare inserito nel circuito regionale di Vetrina Toscana, iniziativa della Regione. Taste the Quality unisce il cristallo colligiano e leccellenza enogastronomica locale con una rottamazione delle vecchie forniture che d valore di sostenibilit ambientale al progetto.

Pramac) e Trigano Spa, nel settore dellautocaravan - nel progetto del giovane artista Danilo Correale, vincitore del XIV Premio Ermanno Casoli, promosso dallomonima Fondazione con il patrocinio del Ministero per i beni e le attivit culturali. ALTRE AZIONI DI PROMOZIONE Tra le altre azioni che hanno puntato a promuovere Colle citt del cristallo si ricordano anche linserimento del logo Colle citt del cristallo in tutte le comunicazioni istituzionali; il premio Microfono di Cristallo, promosso dal Centro Unesco di Firenze e dallassociazione culturale Personae: Arti e Comunicazione, e il Festival Silicio; la partecipazione a oltre 30 manifestazioni di settore, a livello nazionale e internazionale, e ladesione a iniziative di valorizzazione dellartigianato di alta qualit, grazie alla collaborazione tra il Consorzio del Cristallo e Artex, Centro per lartigianato artistico e tradizionale della Toscana; il sostegno alla realizzazione dei due volumi Di ghiaccio e di fuoco, dedicati a vetro e cristallo colligiani e curati, con il contributo della Banca Mps, da Tiziana Secchi, per i testi, e da Giampiero Muzzi e Gilberto Ciampolini, per le immagini. La promozione del cristallo ha trovato supporto nel protocollo dintesa rmato con la Regione Toscana nel 2008 e nellelaborazione di progetti nel settore del design, curati dallarchitetto Franois Burkhardt

IL PROGETTO THE GAME E SIENA 2019 Nel corso del 2013 il Comune di Colle di Val dElsa ha accolto e sostenuto il progetto The Game, promosso in collaborazione con la Fondazione Ermanno Casoli e a supporto della candidatura di Siena a Capitale europea per la cultura 2019. Liniziativa ha unito arte contemporanea e mondo imprenditoriale valdelsano, coinvolgendo tre aziende del territorio - la cristalleria ColleVilca srl, la multinazionale metalmeccanica PR Industrial Srl (ex

COLLE DI VAL DELSA

24 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

PER LA PROMOZIONE DELLA CITTA

Colle di Val dElsa non soltanto la citt del cristallo e negli ultimi dieci anni ha sviluppato in maniera costante una vocazione turistica rimasta nora piuttosto latente Limpegno positivo confermato dal sensibile incremento di arrivi e presenze e da una politica di accoglienza attenta ai bisogni del turista e alla valorizzazione delle eccellenze presenti, dal paesaggio allenogastronomia passando per il patrimonio storico-artistico e il cristallo. Recentemente stato messo a punto anche il regolamento per la cartellonistica pubblicitaria per favorire la promozione dellofferta turistica del territorio ed stata migliorata la logistica degli uci turistici, con lo spostamento e lampliamento dellucio in Colle alta e il potenziamento dei servizi di quello in Piazza Arnolfo, presso PuntoCitt. Dal 2004 al 2012 gli arrivi sono saliti da 20.582 a 34.639 del 2012, mentre le presenze da 54.779 a 116.478 del 2012. I dati a oggi disponibili per il 2013 (aggiornati a settembre) confermano il trend positivo. I dati sui ussi turistici premiano le politiche di promozione turistica consolidate negli ultimi anni e linserimento della citt in nuovi circuiti, a partire da quello della Via Francigena che registra un crescente interesse nella riscoperta dei territori toccati dallantico percorso di pellegrinaggio attraverso forme di mobilit dolce e di turismo lento. A rafforzare lattrattiva turistica della citt hanno contribuito anche la riqualicazione della parte alta e bassa, accanto a interventi come il recupero dellex ospedale San Lorenzo, oggi struttura ricettiva di alta qualit, e la realizzazione dellimpianto Risalita Il Baluardo che ha agevolato i collegamenti interni.

Limpianto di risalita aperto nel 2006 ha trasportato nora circa 10 milioni di persone (1 milione e 200.000 persone allanno). LA TASSA DI SOGGIORNO Listituzione della tassa di soggiorno ha favorito lattuazione del percorso degli Osservatori Turistici di Destinazione (OTD), che in Valdelsa si sono legati strettamente ai progetti del Piuss. Questo ha portato ad avviare una progettualit e un confronto costanti con gli operatori del settore, per scegliere e condividere le principali strategie di marketing territoriale. Dal 2012 la promozione turistica della citt conta soprattutto sulle risorse provenienti dalla tassa di soggiorno, introdotta nel rispetto della normativa vigente in materia e dopo un percorso di condivisione con strutture ricettive, operatori del settore e associazioni di categoria. LA PROMOZIONE TERRITORIALE Nel corso degli ultimi dieci anni la promozione turistica del territorio ha contato su azioni differenziate tese a raggiungere il maggior numero possibile di

visitatori o di potenziali tali. Sono andati in questa direzione strumenti come la mappa Le vie del cristallo, in lingua italiana e inglese, guide dedicate al territorio e alle sue eccellenze, una nuova guida storicoartistica sulla citt articoli dedicati alla citt pubblicati su riviste specializzate di settore, uno spot video della durata di 30 secondi trasmesso allaeroporto internazionale di Pisa. La promozione del territorio, inoltre, ha contato su iniziative di animazione e socializzazione promosse dal ccn Colgirandola; eventi dedicati al turismo enogastronomico, sportivo e culturale; la valorizzazione di Terre di Arnolfo come marchio di origine del territorio, dei prodotti tipici e delle produzioni locali; la partecipazione a ere, convegni e iniziative di settore, a livello regionale, nazionale e internazionale. Lo spot allaeroporto di Pisa stato trasmesso 24 volte al giorno per 364 giorni lanno (720 passaggi mensili e 8.640 annuali, potenziale di utenti pari a circa 13 milioni di persone).

25 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

COLLE SULLA VIA FRANCIGENA Alla luce di una crescente riscoperta e valorizzazione della Via Francigena come antico percorso di pellegrinaggio, lamministrazione comunale ha lavorato per promuovere in maniera crescente il tratto che interessa la citt del cristallo, inserendosi nei principali circuiti promozionali. Con questi obiettivi, negli ultimi anni sono cresciuti la partecipazione alle iniziative dedicate alla Via Francigena, gli incontri tematici, lo spazio sulle riviste specializzate, prima fra tutte Via Francigena and the Pilgrimage Ways, organo editoriale dellAssociazione Europea delle Vie Francigene (Aevf) che ha dedicato alcuni editoriali e un numero speciale alla citt del cristallo. I pellegrini della Via Francigena che fanno tappa a Colle di Val dElsa possono contare su un souvenir personalizzato: il bicchiere del viandante, in cristallo, realizzato dal 2012 grazie alla collaborazione dellassociazione Pro Loco. Nellex cartiera La Buca trover presto sede lOasi del ciclista, punto di assistenza per i pellegrini a piedi o sulle due ruote, grazie a un progetto nanziato dalla Regione Toscana per 208.000 euro.

per nuovi percorsi dinteresse che si intrecciano con esso, valorizzando le particolarit locali. Tra questi lintersezione con altri percorsi promossi dalla Regione Toscana, come le vie degli Etruschi che toccano il Parco archeologico di Dometaia o i percorsi dellacqua e dellenergia che si collegano al parco dellElsa e alla rete dei mulini, delle gualchiere, delle cartiere e delle attivit produttive presenti a Colle di Val dElsa nel Medioevo. A questi si uniscono incentivi a forme di mobilit dolce, dal SentierElsa alla pista cicloturistica sul vecchio tracciato ferroviario fra Colle e Poggibonsi.

Gino Manni; la collocazione del pannello informativo sulle energie rinnovabili allingresso del Palazzo comunale; ladesione al progetto Interpro della Regione Toscana e la gestione elettronica dei varchi per laccesso alla Ztl, attivi dal 1 marzo 2014.

OSSERVATORI TURISTICI DI DESTINAZIONE, OTD

ATTRAZIONE INVESTIMENTI E INNOVAZIONE

Negli ultimi anni lamministrazione comunale ha intensicato anche limpegno per attrarre sul territorio risorse esterne e favorire investimenti su pi fronti, dalla riqualicazione urbana alla promozione turistica, attraverso lo sviluppo del progetto Invest in Tuscany, con iniziative e azioni che si inseriscono, a loro volta, nella Strategia Europa 2020. INNOVAZIONE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE In questi anni Colle di Val dElsa ha attivato diversi servizi sul fronte dellinnovazione applicata alla pubblica amministrazione: il S.I.T. Sistema Informativo Territoriale per la gestione del territorio; Tosca, progetto Catasto e scalit in Toscana, per il contrasto allevasione scale; lattivazione della connessione Wi gratuita in Piazza Arnolfo grazie al Consorzio TerreCablate nellambito del progetto FreeWiFi Italy; la collocazione di pannelli informativi e pubblicitari presso il terminal degli autobus, in via Bilenchi, e allo stadio comunale

LOTD, Osservatorio turistico di destinazione, rappresenta una tappa del percorso di sviluppo avviato nel 2004 con il programma Fabbrica Colle e proseguito negli anni successivi con la nascita dei centri commerciali naturali Colgirandola, a Colle di Val dElsa, e Via Maestra, a Poggibonsi, nel 2005, mentre nel 2007 stata la volta della costruzione di un quadro strategico di riferimento per lo sviluppo delle due citt valdelsane sfociato lanno successivo nella presentazione del Piuss, Piano integrato urbano di sviluppo sostenibile Citt di Citt AltaValdelsa. Forte di questo percorso, il Piuss rappresenta una vera e propria metodologia di programmazione che crea consapevolezza e capacit progettuale di alta qualit puntando ad attrarre risorse e investimenti a benecio di un intero territorio piuttosto che di un singolo Comune.

MOBILITA DOLCE Non solo eventi, rassegne e azioni per la valorizzazione del percorso fatto da Sigerico, ma anche riconoscimenti

COLLE DI VAL DELSA

26 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

UN NUOVO VOLTO PER LA CITTA


Dieci anni insieme, per guardare al futuro
unarea ex industriale nel cuore della citt, rappresenta oggi un elemento di criticit, ma anche il centro di una nuova idea della parte bassa della citt, puntando sulla rivitalizzazione di unarea commerciale che si insedia dentro il centro urbano e ne diventa parte integrante assieme alla parte pubblica (la Mediateca). DECORO URBANO Il percorso di riqualicazione e rivitalizzazione urbana e commerciale ha compreso anche una grande attenzione per il decoro urbano, per incrementare lattrattiva turistica della citt e lasciare un buon biglietto da visita. La tutela del decoro urbano attraverso piccole manutenzioni e segnalazioni di disservizi stato uno degli obiettivi primari del progetto Custodi della citt, promosso insieme allAssociazione Pro Loco e altre associazioni. A queste iniziative si sono aggiunti anche la manutenzione delle aree verdi presenti sul territorio comunale, con la sistemazione delle attrezzature per bambini, dei cestini e delle panchine; lo stanziamento di un fondo per il rifacimento delle facciate degli edici storici, in collaborazione con il centro commerciale naturale Colgirandola e la realizzazione dei nuovi bagni pubblici in Castello e nel Vicolo dei Bagni, nei pressi di Piazza Arnolfo. Il progetto Stele ha introdotto un sistema coordinato di segnaletica e arredo urbano con oltre 170 elementi (cestini, panchine, oriere, pannelli per informazioni turistiche e sui servizi e sulle attivit commerciali) Nel centro storico di Borgo e Castello stata realizzata una nuova illuminazione pubblica, con lampade a risparmio energetico.

MOBILIT E SOSTA

Negli ultimi anni Colle di Val dElsa ha cambiato volto, con un articolato percorso di riqualicazione che ha interessato la parte bassa della citt, ma anche con altri interventi che hanno cercato di valorizzare alcune zone e la loro funzionalit a servizio dei cittadini. Le incertezze normative, la drastica e crescente riduzione delle risorse statali destinate ai Comuni, la crisi di soggetti nora fondamentali nelle dinamiche territoriali e la volont, seppure non semplice, di garantire servizi essenziali ai cittadini si sono sommate a una riduzione delle risorse destinate a investimento. Nonostante questo non venuto mai meno limpegno sul fronte delle opere pubbliche, mettendo al primo posto il completamento degli interventi avviati. La situazione generale ha imposto alcuni limiti nella manutenzione delle strade e del patrimonio pubblico, dove, tuttavia, sono stati promossi tutti gli interventi compatibili con le risorse a disposizione. Le scelte compiute in una logica di area hanno prodotto risultati determinanti per il futuro della citt, come dimostra il Piuss, gettando le basi per continuare a lavorare sulle politiche di area, ma non sono mancati altri interventi importanti (Piazza Arnolfo, Piazza dellunit dei popoli e altri). La Fabbrichina, progetto di risanamento e riqualicazione di

Sul fronte della mobilit e della sosta, in questi anni sono state adottate iniziative per migliorare la vivibilit della citt e la fruizione delle aree commerciali, snellire il traco di attraversamento interno e agevolare un ricambio nei parcheggi. Da segnalare anche una razionalizzazione del trasporto pubblico urbano, a seguito di minori risorse in arrivo da Provincia e Regione. Lobiettivo primario stato garantire servizi essenziali a tutti gli utenti, a partire dagli anziani. LA MOBILIT Una delle azioni principali sviluppata negli anni scorsi per quanto riguarda la mobilit, stata la revisione della viabilit in Colle bassa, introdotta nel 2006 sul circuito stradale compreso fra via XXV Aprile, via Martiri della Libert e via Diaz. Alcuni anni fa stato realizzato anche un nuovo tratto stradale nellarea de La Fabbrichina, intervento previsto nel progetto di recupero della zona ex industriale, mentre sul fronte della sicurezza stradale, vanno ricordati anche il terminal per gli autobus urbani ed extraurbani in via Bilenchi, che ha visto recuperare e riqualicare larea del vecchio scalo merci, e il nuovo marciapiede a Castel Sangimignano, intervento atteso dalla comunit locale e che conta su un contributo della Regione Toscana. A queste azioni si unita anche la rma del protocollo di area Siena e Valdelsa per favorire lo sviluppo della mobilit elettrica e del carsharing.

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

27

Per garantire la sicurezza degli utenti stradali e il rispetto dei limiti di velocit sono stati collocati passaggi pedonali rialzati, semafori a chiamata e pannelli di segnalazione della velocit in diverse zone della citt

La nuova viabilit ha portato a una signicativa riduzione sia nei tempi di percorrenza e di attesa che nel numero di incidenti. ACCESSO ZTL E CONTROLLO ELETTRONICO Dal 1 marzo 2014 sono stati attivati 3 portali telematici per disciplinare laccesso alle due Ztl gi esistenti in Colle alta, nellarea di Castello, e Colle bassa, fra Piazza Arnolfo e le vie limitrofe. I 3 varchi, installati alla Porta di Palazzo Campana e ai due accessi su via Mazzini (angolo con via Oberdan - via dei Fossi e Piazza Bartolomeo Scala) permetteranno controlli pi precisi sullaccesso autorizzato per residenti, titolari di attivit commerciali e altre categorie di utenti, limitando le violazioni registrate nora, e garantiranno una migliore fruibilit delle zone commerciali e del centro urbano. PISTA CICLO-TURISTICA COLLE-POGGIBONSI Nel novembre 2011 stata inaugurata la pista ciclo-pedonale realizzata sul vecchio tracciato ferroviario che univa Colle di Val dElsa a Poggibonsi, ormai in disuso dal 1987. Lintervento - simbolo del Piano integrato urbano di sviluppo sostenibile

(Piuss) - propone un percorso di sette chilometri recuperato con lutilizzo di materiali a ridotto impatto ambientale e paesaggistico, al ne di non alterare il contesto naturale del tracciato, quasi completamente immerso nel verde. Lungo il percorso sono stati collocati anche alcuni pannelli che ripercorrono la storia del tracciato ferroviario e il legame storico e sociale con i due Comuni valdelsani. Oltre ai fondi regionali del Piuss, lintervento ha contato su un contributo della Fondazione Mps ed stata realizzata su progetto degli uci tecnici dei due Comuni, con la consulenza dellassociazione FIAB, Amici della Bicicletta

Il percorso ciclo-turistico sul vecchio tracciato ferroviario un esempio di recupero del patrimonio storico locale che unisce sviluppo sostenibile e mobilit dolce.

LA SOSTA Sul fronte della sosta, negli ultimi anni c stata una nuova distribuzione dei parcheggi nella citt bassa e lintroduzione dei primi 15 minuti di sosta gratuita in tutte le aree di parcheggio a pagamento. Dal 2007 al 2010 la Polizia municipale stata aancata nel controllo della sosta, nella verica del corretto funzionamento dei parcometri e nel rispetto dei divieti dalla gura dellausiliare del traco. Attualmente in via di denizione il progetto nanziato dalla Regione Toscana per promuovere una nuova regolamentazione della sosta che tenga conto della permanenza effettiva attraverso appositi dispositivi inseriti nei parcometri. Negli ultimi anni i posti auto sono saliti dai 4.139 del 2002 ai 4.761 del 2013, con aumento di circa il 15% (via Roma, via Usimbardi, vecchio campo sportivo S.Agostino, via Gramsci, area ex Vitac)

PIUSS

Il Piuss, Piano integrato urbano di sviluppo sostenibile, uno strumento di sviluppo economico locale e di rigenerazione urbana adottato dalla Regione Toscana nel maggio del 2008 in attuazione del Programma operativo Competitivit regionale e occupazione approvato dallUnione europea. Il Piuss opera prevalentemente attraverso interventi di recupero, di riqualicazione, di riconversione e di valorizzazione del patrimonio urbano esistente, sviluppando al tempo stesso processi partecipativi.

I Comuni di Colle di Val dElsa e di Poggibonsi hanno colto questa grande opportunit presentando il Piuss Citt di Citt AltaValdelsa, sviluppato con la collaborazione della Provincia di Siena attraverso lagenzia per lo sviluppo locale Apslo (oggi incorporata allinterno di Apea). Gli elementi che hanno determinato il successo del Piuss valdelsano sono stati lalta qualit degli interventi proposti e la capacit dei due Comuni di fare squadra unendo le forze per un obiettivo condiviso e con ricadute positive sulle due comunit.

COLLE DI VAL DELSA

28 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

COLLE GREEN

Dieci anni insieme, per uno sviluppo sostenibile del territorio


un piano di risanamento acustico e il nuovo regolamento di igiene acustica per le attivit rumorose. Sul fronte dellinquinamento atmosferico, sono state portate avanti campagne di rilevazione da parte di Arpat, Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, in vari siti del territorio, e in particolare nellarea circostante lo stabilimento Rcr e in punti sensibili come le scuole di via XXV Aprile, al centro di un circuito di viabilit piuttosto intenso. I dati sulla qualit dellaria hanno sempre evidenziato un ottimo stato e lassenza di criticit. Nel 2008 stato condiviso e approvato il nuovo piano per linstallazione delle antenne per il segnale radiomobile e radiotelevisivo, a tutela della salute dei cittadini e del paesaggio coinvolgere tutta la popolazione, in ogni fascia di et, e riunite nella Carta dei servizi ambientali che stata distribuita a tutti i cittadini per far conoscere i servizi a disposizione e poter, cos, contribuire a una gestione pi corretta dei riuti urbani. LADESIONE A CAMPAGNE NAZIONALI Nel corso degli anni il Comune di Colle di Val dElsa ha aderito alle campagna nazionali Millumino di meno - promossa da Caterpillar, Rai Radio2 sui temi del risparmio energetico - e Puliamo il Mondo, sostenuta da Legambiente per sensibilizzare i cittadini, a partire dai pi piccoli, sulla tutela ambientale. A rafforzare questa sensibilit, ha contribuito anche la campagna Un albero per ogni nato, con il coinvolgimento delle scuole colligiane. Dal 2004 a oggi gli spazi verdi delle scuole hanno ospitato 631 piante, alberi e arbusti RIMOZIONE AMIANTO A partire dal 2010 lamministrazione comunale ha erogato contributi a fondo perduto per la rimozione e lo smaltimento dellamianto in piccole quantit presente su edici e terreni sul territorio comunale, presente su tetti, canne fumarie, serbatoi dacqua, condutture idriche e lastre ondulate. In 3 anni sono state rimosse e smaltite 10,4 tonnellate di amianto

Lo sviluppo sostenibile del territorio stata unaltra priorit degli ultimi dieci anni, attraverso una rinnovata attenzione per lambiente e una crescente sensibilizzazione dei cittadini verso una corretta gestione dei riuti, anche grazie a numerose iniziative messe in campo. Il ciclo integrato dei riuti stato gestito no al 2013 da Sienambiente. Oggi adato a SEI Toscana, che raggruppa lesperienza maturata negli anni dai gestori delle province di Siena, Arezzo e Grosseto. Il nuovo soggetto cura la raccolta dei riuti conferiti nei cassonetti e con il sistema porta a porta, la pulizia delle strade, il prelievo dei riuti dalla stazione ecologica, la raccolta a domicilio dei riuti ingombranti, oltre allassistenza agli utenti, anche su segnalazione dei Comuni. INQUINAMENTO ACUSTICO E ATMOSFERICO In questi anni stato grande limpegno dellamministrazione comunale per monitorare linquinamento acustico e quello atmosferico, accogliendo anche richieste e segnalazioni di cittadini. Sullinquinamento acustico stata avviata una campagna di rilevamento con il monitoraggio dei principali siti critici, seguito da un percorso di concertazione con tutti i soggetti interessati per preparare

PER LA TUTELA DELLAMBIENTE

Negli ultimi dieci anni la tutela dellambiente stata al centro di azioni di sensibilizzazione diversicate, tese a

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

29

CAMPAGNE DISINFESTAZIONE Tra le azioni promosse sul fronte ambientale, si ricordano anche le campagne di disinfestazione contro zanzare, piccioni e topi; la lotta al randagismo attraverso la convenzione con la Usl e lAssociazione Una; i contributi ai privati per linstallazione di dissuasori per piccioni nel centro storico e la compartecipazione per linstallazione di dissuasori per topi e la distribuzione gratuita di sacchetti per la raccolta di escrementi dei cani di propriet. PROGETTO ORTI URBANI Per stimolare una crescente tutela ambientale stato promosso il progetto degli orti urbani, per favorire ladozione gratuita di alcuni appezzamenti di terreno, concessi in comodato duso, per la produzione e la coltivazione di prodotti ortofrutticoli. Liniziativa contribuir alla gestione, alla manutenzione e al decoro del Parco dellElsa. IL SENTIERELSA Nel 2006 stato inaugurato il SentierElsa, percorso naturalistico di 4 km lungo il ume dal ponte di San Marziale al ponte di Spugna, contando sulla collaborazione dellAnpil Parco uviale dellAltaValdelsa e dellArciPesca colligiano. Nel corso degli anni il Parco dellElsa e il SentierElsa sono cresciuti come patrimonio naturalistico e come elemento di attrazione e promozione turistica del territorio Ogni anno sono circa 2.000 le persone che hanno visitato il Parco dellElsa

Unattenzione particolare stata rivolta alla sensibilizzazione dei bambini e, attraverso loro, alle famiglie, con progetti che, negli anni, hanno portato Colle di Val dElsa ai vertici della Valdelsa nella percentuale di raccolta differenziata. Gli importanti risultati nella gestione dei riuti sono stati raggiunti con diversi strumenti e iniziative tesi a sensibilizzare i cittadini, a cui si sono aggiunti lavvio della raccolta porta a porta nel centro storico, in Colle alta e Colle bassa, e la distribuzione gratuita di sacchetti, biopattumiere e composter per la raccolta di materiale organico. Nel 2006 e nel 2007 Colle di Val dElsa stata fra i Comuni Ricicloni classicati da Legambiente

Presso la struttura in Strada delle Lellere attiva da alcuni anni anche la raccolta dei RAEE, riuti elettrici ed elettronici (tv, computer, monitor, stampanti, fax, frigoriferi, toner, tubi e lampade uorescenti). Alcune particolari tipologie di riuto possono essere conferiti anche allisola ecologica nei pressi del supermercato Coop, grazie alla collaborazione dellassociazione Donatori di Sangue. Qui vengono distribuiti gratuitamente anche sacchetti per la raccolta differenziata. La raccolta dei RAEE salita dai 3,10 kg/abitante nel 2007 ai 10,55 nel 2012 (13,81 kg/abitante nel 2011 con il passaggio al digitale terrestre) e ha reso Colle di Val dElsa modello a livello nazionale nel 2012.

Nel 2012 (dato pi aggiornato nella certicazione rilasciata da Arpat) la percentuale di raccolta differenziata stata pari a 53,25%. Nel 2004 era 44,84%.

Oggi i composter presenti sul territorio comunale, anche su iniziativa privata, sono 888.

LA STAZIONE ECOLOGICA Negli ultimi anni stata potenziata la stazione ecologica comunale, con la possibilit di conferire gratuitamente diverse tipologie di riuti: carta, plastica, vetro, imballaggi in metallo e in plastica, materiale organico (domestico e da grandi utenze), sfalci, legno, pile, farmaci, oli esausti, abiti usati, pneumatici, bombole esauste e inerti.

COLLE DI VAL DELSA

PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI

30 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

IL MERCATO DI ECOSCAMBIO COSEINCOMUNE Nel 2006 stato aperto presso la stazione ecologica comunale il mercato di ecoscambio CoseInComune. Liniziativa stata gestita n dallinizio dallAssociazione Donatori di Sangue e ha permesso di diminuire il quantitativo di riuti avviati in discarica, riutilizzare materiali e oggetti suscettibili ancora di riuso e aiutare le fasce pi deboli, soprattutto con lacuirsi della crisi economica. Dalla sua apertura a oggi, CoseInComune ha registrato lo scambio di oltre 11.690 oggetti. CONCORSO PUNTIRIFIUTI A partire dallanno scolastico 2006-2007 stato promosso il concorso PuntiRiuti nelle classi quinte delle scuole primarie colligiane, incentivando la raccolta di riuti con premi nali per i piccoli partecipanti, che sono diventati, cos, veicoli di messaggi di sensibilit ambientale verso le proprie famiglie.

progetto Missione piatto pulito, per unire la riduzione dei riuti alla corretta alimentazione, con la collaborazione dellAzienda Speciale Multiservizi, che gestisce il servizio di mensa scolastica, e il contributo di Sienambiente. La mensa scolastica stata al centro di altri progetti di educazione alimentare ed stato avviato anche lutilizzo di prodotti di liera corta per unalimentazione sempre pi a km0.

enti negli anni, i Consorzi di bonica rimangono validi supporti per gli enti locali, in un momento in cui la necessit di prevenire il dissesto idrogeologico si fa sempre pi concreta e urgente a fronte di minori risorse disponibili. GLI INTERVENTI DEL CONSORZIO DI BONIFICA Gli interventi di manutenzione ordinaria hanno interessato la ripulitura della gora a Le Nove; il fosso delle Lellere; il fosso di SantAgostino; la gora Lombrandina, nel tratto adiacente la Piscina Olimpia; la gora di Campolungo, da Viale dei Mille a Via Maremmana Vecchia; la cassa di espansione del torrente Scarna e del fosso Amboiana, nella zona di Belvedere. Gli interventi di manutenzione straordinaria, invece, sono quelli effettuati su segnalazione di enti locali, associazioni e cittadini, per rimuovere rami e tronchi caduti o pericolanti o altro materiale che ostruiva il regolare deusso delle

Negli ultimi anni il Comune di Colle di Val dElsa ha potenziato limpegno nella tutela idrogeologica del territorio avvalendosi del supporto tecnico ed economico del Consorzio di bonica per la difesa del suolo e la tutela ambientale della Toscana centrale, che ha promosso interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sui fossi e i corsi dacqua presenti nellarea colligiana. Nonostante le polemiche e le strumentalizzazioni che hanno accompagnato il lavoro di questi

PER LA DIFESA DEL SUOLO

PuntiRiuti ha coinvolto oltre 500 bambini e raccolto oltre 142 tonnellate di riuti (carta, plastica, vetro, oli esausti, pile)

AMBIENTE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE Dallanno scolastico 2006-2007 allanno scolastico 2008-2009 gli alunni di alcune scuole colligiane sono stati coinvolti nel

31 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

acque. A questi si sono uniti la ripulitura nella zona de Le Vene, a Gracciano, e nel Parco dellElsa; interventi di ripristino degli attraversamenti nel SentierElsa, ripetutamente danneggiati dalle piene uviali e lavvio della progettazione delle opere di manutenzione della Gora in viale dei Mille. GLI INTERVENTI DEL COMUNE: LE CASSE DI ESPANSIONE Agli interventi del Consorzio di bonica per la difesa del suolo e la tutela ambientale della Toscana centrale si sono uniti quelli promossi o sostenuti dal Comune contando su risorse proprie e su contributi in arrivo da Provincia di Siena e Regione Toscana. I due interventi pi signicativi sono la cassa di espansione sul torrente Scarna e lopera di regimazione idraulica nellarea riqualicata del Poggino (ex vetreria Stiver Coop). Il primo intervento ha rappresentato una tutela aggiuntiva per labitato di Gracciano, con lavori eseguiti fra il 2009 e il 2010 su unarea di circa 20 ettari e per un costo complessivo di circa 1 milione e 285.500 euro (750.000 euro Regione, 240.000 euro Provincia di Siena e 295.500 euro Comune di Colle di Val dElsa). Il secondo intervento importante anche per la tenuta idrogeologica e la sicurezza della parte bassa della citt dopo le alluvioni del 1989 e del 2010. IL POTENZIAMENTO DEL DEPURATORE Nel settembre 2013 stato avviato il potenziamento del depuratore in via dei Cipressi, grazie a un intervento di Acquedotto del Fiora teso a migliorare il servizio a fronte di un incremento degli utenti.

Guardare al futuro del territorio signica anche tutelare le sue risorse naturali, limitate in quanto tali. Negli ultimi anni unattenzione particolare stata rivolta a un utilizzo consapevole della risorsa idrica, perseguito con azioni diversicate, quali la campagna di sensibilizzazione per il risparmio energetico e idrico promossa in collaborazione con Acquedotto del Fiora; lapplicazione di riduttori di usso idrico alle docce presenti negli spogliatoi degli impianti sportivi e delle scuole colligiane, attraverso il progetto Doccia Light. I FONTANELLI DI ACQUA PUBBLICA Dal 2011 a oggi lamministrazione comunale ha realizzato due fontanelli

PER UN USO CONSAPEVOLE DELLACQUA

di acqua pubblica in collaborazione con Acquedotto del Fiora: uno in Campolungo, inaugurato nel giugno 2011, e uno a Le Grazie, aperto nel dicembre 2012. Ai due fontanelli pubblici se ne sono aggiunti due collocati fra il 2011 e il 2012 alla scuola primaria Antonio Salvetti e al liceo Alessandro Volta, grazie alla collaborazione con unazienda privata. Il fontanello in Campolungo ha erogato nora 2.893 m di acqua (1.928.666 bottiglie di plastica da 1,5 litri non immesse nellambiente). Quello a Le Grazie 814 m di acqua (542.666 bottiglie di plastica risparmiate)

COLLE DI VAL DELSA

32 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

GREEN ECONOMY E RISPARMIO ENERGETICO

Lo sviluppo sostenibile di un territorio conta, innanzitutto, su ecientamento e risparmio energetico e questi sono stati due obiettivi prioritari nelle politiche ambientali del Comune di Colle di Val dElsa, attraverso azioni quali lavvio del progetto per il censimento dellilluminazione pubblica, nalizzato alla riduzione degli sprechi e lavvio delle procedure per chiedere la certicazione ambientale dellamministrazione comunale. A queste si sono unite la metanizzazione delle aree rurali prive del servizio (Badia a Coneo, Prodeggia, Scarna), il progetto per la realizzazione di un campo fotovoltaico pubblico e del Parco Apea a Belvedere e lapertura dello Sportello Energia, sempre in collaborazione con Apea, per informare cittadini e imprese su promozione delle fonti rinnovabili, risparmio ed ecienza energetica.

Nel 2011 stato approvato il regolamento per abbattere gli oneri di urbanizzazione su interventi di edilizia sostenibile, primo passo verso il Piano energetico comunale.

degli edici pubblici, promossa in collaborazione con Apea, Agenzia provinciale per lenergia, lambiente e lo sviluppo sostenibile, al ne di favorire lecientamento e la riduzione dei consumi. In questa direzione andata anche la collocazione di pannelli fotovoltaici su scuole ed edici pubblici Nel 2013 stato installato nel Palazzo comunale un pannello video per informare i cittadini su energia prodotta dai pannelli fotovoltaici e anidride carbonica non immessa in atmosfera.

DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI E PANNELLI FOTOVOLTAICI Unaltra azione improntata alla sostenibilit ambientale stata la diagnosi energetica

E in corso la riattivazione della centralina Enel sulla Gora, in collaborazione con Intesa, per valorizzare la forza motrice dellacqua e unire storia, economia e innovazione allinsegna della sostenibilit ambientale VERSO IL PIANO ENERGETICO COMUNALE Il Comune sta lavorando alla redazione del piano energetico comunale, che dovr disciplinare in maniera trasversale tutti i settori di intervento del Comune. Il piano prevede un percorso di confronto con la cittadinanza, gli ordini professionali e tutti i soggetti interessati e terr conto delle linee guida del Piano energetico provinciale 20102020.

33 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

PER UNA CITT VIVIBILE


partecipazione, condivisione e promozione dei progetti avviati: dal ccn Colgirandola, il cui nome stato scelto con un concorso di idee fra i cittadini, alla riqualicazione di Piazza Arnolfo, che ha visto sviluppare progetti come Vivi la tua citt e Colle cresce con noi rivolti alle scuole, no alla presentazione dellintervento di recupero nellarea de La Fabbrichina. Al programma si unito lo sviluppo di un piano organico di rivitalizzazione commerciale attraverso il Community Planning che ha permesso una ricognizione del contesto e la denizione di strategie e prospettive future. Il programma Fabbrica Colle ha promosso incontri, focus group, newsletter tematiche, sviluppo di uno specico sito internet. ALTRE AZIONI DI COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE Dal 2005 al 2009 stato realizzato il periodico istituzionale Arnolfo, distribuito in forma cartacea a tutti i cittadini e nel 2010 stato rinnovato il sito internet istituzionale, sia nella graca che nei contenuti. Fra gli strumenti di comunicazione utilizzati si ricorda linvio di e-mail e sms e la presenza sui principali social network per essere sempre pi vicini ai cittadini grazie alle nuove tecnologie.

Dieci anni insieme, per una citt aperta e sicura


LA WEB TV Nel 2010 il Comune di Colle di Val dElsa ha attivato la web tv istituzionale, ColleTv, curata, nei video e nel palinsesto, dalla Cooperativa Kin di Colle di Val dElsa, con video di approfondimento, videolettere istituzionali su tematiche di particolare interesse per la citt e diretta streaming sia dei consigli comunali che di alcune iniziative speciali. Tutto il materiale realizzato viene conservato in un archivio digitale sempre disponibile on demand e pu essere condiviso sui principali social network. Nel 2012 ColleTv si trasformata in Valdelsa WebTv, con il coinvolgimento anche dei Comuni di Poggibonsi, San Gimignano e Radicondoli.

Mantenere Colle di Val dElsa una citt vivibile, a misura di cittadino, e renderla sempre di pi una citt che coinvolge la popolazione in una crescita condivisa e partecipe del territorio, nei diversi ambiti di sviluppo. E stato questo il duplice obiettivo che ha mosso negli ultimi anni lamministrazione comunale sul fronte della partecipazione e della sicurezza, intesa non solo come fattore di ordine pubblico, ma anche come qualit dello stare insieme e della coesione sociale.

PARTECIPAZIONE

Dal 2011 a oggi gli accessi sono stati pari a oltre 50.000, con oltre 12.000 visitatori unici e un trend di nuovi visitatori pari al 21% ogni anno.

Dal 2004 a oggi lamministrazione comunale ha investito molto nella partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa della citt, portando avanti azioni diversicate per cercare di raggiungere il maggior numero possibile di cittadini, in ogni fascia di et, e su tante tematiche. Per favorire una crescente partecipazione dei cittadini la sede dei consigli comunali stata spostata dalla sala consiliare del Comune allAula Magna del Palazzone, molto pi ampia e accogliente. IL PROGRAMMA FABBRICA COLLE Il programma di rivitalizzazione urbana e commerciale Fabbrica Colle stato avviato nel 2004 con momenti di

SPORTELLO CITT E URP Nel 2006 stato attivato in via di Spugna lo SportelloCitt, che riunisce diversi servizi al cittadino offrendo assistenza e informazioni (TerreCablate, Sienambiente, Intesa, Consorzio di bonica per la difesa del suolo e la tutela ambientale della Toscana centrale e Acquedotto del Fiora). Nel corso degli anni stato valorizzato anche il ruolo dellUrp, Ucio per le relazioni con il pubblico presente nel Palazzo comunale e punto di riferimento fondamentale nel rapporto fra cittadini e amministrazione pubblica.

COLLE DI VAL DELSA

IL COMUNE PER LISTRUZIONE Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

34

IL DIFENSORE CIVICO Dal 2002 al 2010 stato operativo a Colle di Val dElsa il difensore civico, punto di riferimento nel rapporto fra cittadini e pubblica amministrazione per la gestione di istanze legate a irregolarit, negligenze, disfunzioni o ritardi sia nella pubblica amministrazione che nellerogazione di servizi pubblici. Al difensore civico di Colle di Val dElsa si sono rivolti negli anni anche cittadini di Monteriggioni, Poggibonsi e San Gimignano, Comuni sprovvisti di una gura del genere. Il difensore civico comunale stato eliminato nel 2010, con un accentramento a livello provinciale e regionale, penalizzando un servizio importante rivolto alle comunit locali.

di videosorveglianza nel centro storico, sia in Colle bassa che in Colle alta, e la promozione di un tavolo di coordinamento delle forze dellordine a livello territoriale. TURNI ESTIVI PROLUNGATI I turni prolungati della Polizia municipale nel periodo estivo sono stati promossi ogni anno per intensicare il controllo del territorio, dal centro urbano ai diversi quartieri cittadini, con un coordinamento costante fra tutte le forze dellordine impegnate quotidianamente. Dal 2004 a oggi la Polizia municipale ha svolto ogni anno oltre 400 ore di turni prolungati nel periodo estivo PROGETTI DI EDUCAZIONE STRADALE Nel corso degli anni sono stati promossi progetti di educazione stradale e alla legalit nelle scuole di ogni ordine e grado, dalle scuole dellinfanzia alle secondarie di secondo grado. Dal 2004 a oggi i progetti di educazione stradale hanno visto impegnata la Polizia municipale in circa 2.800 ore di lezione.

PROTEZIONE CIVILE

Il nucleo di Protezione civile del Comune di Colle di Val dElsa stata una delle prime esperienze toscane in tal senso. Tra i compiti principali ci sono il servizio di vigilanza contro gli incendi, la prevenzione e la gestione di situazioni critiche legate a calamit naturali eccezionali; il coordinamento delle prove di evacuazione nelle scuole, di ogni ordine e grado; il supporto alla Polizia municipale nel controllo della viabilit, soprattutto in occasione di eventi che richiamano flussi straordinari di visitatori e, quindi, anche di traffico. La Protezione civile stata anche coinvolta in progetti educativi rivolti alle scuole, per incentivare anche larrivo di nuovi volontari e portare un contributo crescente alla tutela del territorio. Oggi i volontari della Protezione Civile sono oltre 50 e collaborano con la Polizia municipale e le istituzioni, mettendo a disposizione competenze e professionalit costantemente aggiornate.

La vivibilit urbana e il mantenimento della qualit della vita sono stati obiettivi primari dellazione di monitoraggio e controllo del territorio portata avanti negli anni anche grazie alla Polizia municipale e al lavoro svolto in costante coordinamento con le forze dellordine. Tra le azioni promosse sul fronte della sicurezza urbana, si ricordano linstallazione di un impianto

SICUREZZA

35 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

IL TERRITORIO
INTERVENTI SU PATRIMONIO E TERRITORIO
APERTURA IMPIANTO RISALITA IL BALUARDO La struttura collega le due parti della citt, da via Meoni al Baluardo, e rappresenta un nuovo servizio per i cittadini e un importante strumento per la rivitalizzazione commerciale e turistica della citt. Lintervento stato realizzato con la consulenza artistica di Ateliers Jean Nouvel.

Dieci anni insieme, per migliorare la citt

RIQUALIFICAZIONE VIA DIETRO LE MURA Una nuova pavimentazione e la collocazione degli arredi urbani ha dato un volto nuovo alla via panoramica che scorre parallela a Via Gracco del Secco e che collega il Torrione con piazza Santa Caterina, nella parte alta della citt. Lintervento fa parte del programma di riqualicazione promosso per valorizzare limmagine complessiva della citt.

RECUPERO DEL PONTE FOSSATO Durante i lavori di recupero del fossato della Porta Nuova, stato rinvenuto un ponte ad archi in muratura, reso carrabile dopo adeguati lavori strutturali. Una particolare attenzione stata posta allilluminazione della Porta Nuova e del ponte per valorizzare lattrattiva turistica di un punto di accesso importante alla citt.

RECUPERO DI PORTA NUOVA Porta Salis, conosciuta come Porta Nuova, tornata a vivere dopo un complesso e accurato restauro che ha interessato la parte esterna e quella interna, con il contributo della Fondazione Mps.

NUOVA SCUOLA DELLINFANZIA A GRACCIANO La nuova scuola realizzata a Buonriposo ha sostituito il vecchio edicio in Via Fratelli Bandiera, demolito per lasciare spazio a nuove abitazioni, e ha una supercie interna di circa 1.790 mq ed esterna di oltre 4.600 mq. Ledicio stato realizzato grazie al contributo della Fondazione Mps e alla permuta della vecchia scuola, venduta allimpresa che ha realizzato la nuova struttura.

RIQUALIFICAZIONE PIAZZA ARNOLFO La riqualicazione di Piazza Arnolfo ha rappresentato lintervento principale degli ultimi anni, con lobiettivo di rivitalizzare il cuore sociale e commerciale della citt e di rinnovarlo sotto il prolo architettonico con lintervento coordinato da Jean Nouvel e portato avanti con il coinvolgimento di quattro artisti contemporanei: Daniel Buren, per la pavimentazione; Bertrand Lavier per larredo urbano; Alessandra Tesi, per lilluminazione con la persiana di cristallo e Lewis Baltz, per la riscoperta della Gora. La riqualicazione della piazza ha visto anche lo spostamento del monumento dedicato ai Caduti dal centro dellarea - un intervento straordinario che ha permesso di valorizzare lobelisco e il suo legame con la storia della citt - linserimento di nuovi elementi di arredo urbano (piante, panchine e oriere) e una fontana sul lato su cui si affaccia la vecchia stazione, anchessa oggetto di un importante intervento di recupero e di riqualicazione da parte di un soggetto privato. Secondo il progetto originario, rimangono da completare la pavimentazione dei portici e la loro riqualicazione con interventi su illuminazione e tinteggiatura delle volte. Il nuovo volto di Piazza Arnolfo ha contato sul contributo della Fondazione Mps e del Piuss.

COLLE DI VAL DELSA

36 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

INTERVENTI SU PATRIMONIO E TERRITORIO


RISTRUTTURAZIONE SALONE DELLEX CONVENTO SANTE MARTE E NUOVA CUCINA Una parte dei locali che un tempo ospitavano il Convento delle Sante Marte sono tornati a vivere grazie a un intervento di recupero che ha interessato il salone (un tempo palestra dellistituto), lo spazio sottostante e lampio balcone che si affaccia sulla citt bassa. Oggi, questi spazi ospitano lAssociazione Comitato Donne di Castello, che, con le sue iniziative gastronomiche, fra i protagonisti della vita sociale colligiana. CIRCOLO DI QUARTIERE LE GRAZIE Con una supercie coperta di circa 300 mq e un ampio spazio esterno, la struttura rappresenta un luogo di incontro e di socializzazione per gli abitanti del popoloso quartiere, con attivit di integrazione e di aggregazione durante tutto lanno, ma anche un punto di contatto fra amministrazione comunale e cittadini.

RIQUALIFICAZIONE VIA MAZZINI Lintervento ha visto il rifacimento dei sottoservizi e la ripavimentazione in pietra serena in una delle vie strategiche per il rilancio della citt, dal momento che collega via Garibaldi con limpianto di risalita e unisce piazza Arnolfo con piazza Bartolomeo Scala e larea della Fabbrichina.

CIRCOLO DI QUARTIERE LAGRESTONE Il nuovo edicio ha permesso di trovare una collocazione adeguata al circolo ricreativo, gi presente da alcuni anni nel popoloso quartiere. Nella struttura vengono svolte attivit sociali e ricreative e anche questo, come gli altri circoli di quartiere, un punto di contatto fra amministrazione comunale e cittadini.

NUOVO MATTATOIO COMUNALE La struttura stata realizzata nellarea di Belvedere e gestita dallAzienda Speciale Multiservizi del Comune di Colle di Val dElsa. Il nuovo mattatoio comunale dispone di una supercie di circa 1.000 mq e ha sostituito la vecchia struttura di Via delle Terme. Lattivit si svolge su due linee di lavorazione e attualmente lunico mattatoio in funzione in provincia di Siena. AMPLIAMENTO CIRCOLO DI QUARTIERE LA BADIA Il circolo ricreativo de La Badia, gi luogo consolidato di aggregazione per i cittadini del quartiere, ha ampliato i suoi spazi per offrire nuove occasioni di socializzazione con la realizzazione di un padiglione allaperto, realizzato con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

37 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

INTERVENTI SU PATRIMONIO E TERRITORIO


NUOVA PISTA DI ATLETICA ALLO STADIO COMUNALE La pista di atletica leggera allo stadio G.Manni, unica per la sua alta qualit in provincia di Siena, ha arricchito gli impianti sportivi della citt, che gi offrono molte opportunit agli atleti colligiani e non solo, e ha ospitato negli ultimi anni numerose manifestazioni sportive di livello provinciale e nazionale.

NUOVA SEDE SUAP E POLIZIA MUNICIPALE La nuova struttura in Via Martiri della Libert, 44, dietro lucio postale, ospita gli uci della Polizia municipale e del Suap, Sportello Unico per le attivit produttive, con spazi ampi e accoglienti per gli operatori e per gli utenti.

NUOVA PISTA DI PATTINAGGIO Gli impianti sportivi de La Badia si sono arricchiti anche con un nuovo impianto per il pattinaggio, con caratteristiche polifunzionali e capace di ospitare anche iniziative diverse da quelle prettamente sportive.

TERMINAL AUTOBUS IN VIA BILENCHI Larea attorno alla vecchia stazione ferroviaria tornata ad essere un punto di riferimento per il trasporto colligiano, dove i treni hanno lasciato spazio agli autobus. Lintervento ha visto la realizzazione di un terminal con ampi spazi di sosta e di fermata per il trasporto pubblico urbano ed extraurbano, e la collocazione di una pensilina anche sul lato di Via Bilenchi in direzione di Poggibonsi.

RIQUALIFICAZIONE PIAZZA DELLUNIT DEI POPOLI La riqualicazione dellarea antistante il Teatro del Popolo stato un altro importante intervento compreso nel Piuss. Larea ha assunto un nuovo volto e una nuova funzionalit con linserimento di illuminazione ed elementi di arredo urbano completamente rinnovati, oltre a una redistribuzione dei parcheggi. Il nome, Piazza dellunit dei popoli, stato scelto dal Consiglio comunale dei ragazzi.

RISTRUTTURAZIONE TEATRO DEL POPOLO Il Teatro del Popolo, centro culturale della citt da decenni, stato al centro di un importante intervento di ristrutturazione e di riqualicazione. Accanto al rifacimento e al risanamento del tetto stato promosso anche ladeguamento e il rinnovamento interno, con una nuova distribuzione dei posti per offrire spazi sempre pi accoglienti ai numerosi spettatori della stagione teatrale e cinematograca. Il Teatro del Popolo stato riaperto nella primavera del 2009 dopo circa 18 mesi di chiusura.

COLLE DI VAL DELSA

38 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

INTERVENTI SU PATRIMONIO E TERRITORIO


PISTA CICLO-TURISTICA SU VECCHIO TRACCIATO FERROVIARIO COLLE POGGIBONSI La pista ciclo-turistica sul vecchio tracciato ferroviario, in disuso da anni, che univa Colle di Val dElsa a Poggibonsi, il simbolo del Piuss Citt di Citt AltaValdelsa e della storica sinergia messa in campo dalle due citt valdelsane. La pista si estende per 7 km immersi nel verde e n dalla sua apertura ha registrato grande interesse come collegamento allinsegna della mobilit dolce, a piedi o in bicicletta.

RECUPERO PALAZZONE (piano sotterraneo) Negli anni Il Palazzone, luogo di formazione per eccellenza nella storia colligiana, stato oggetto di alcuni importanti interventi di recupero. Dopo i lavori che hanno interessato i piani superiori - oggi sede del Crea, Centro ricerca per lenergia e lambiente, e dellITS Istituto tecnico superiore Energia e ambiente - e lAula magna che ospita le sedute dei consigli comunali e tanti altri appuntamenti istituzionali, nel 2013 stato portato a compimento anche il recupero del piano sotterraneo, con la realizzazione di unampia sala e degli spazi adiacenti. Lintervento ha avuto il contributo della Regione Toscana.

RIQUALIFICAZIONE DEL PARCO DI SAN LAZZARO Lintervento nel parco di San Lazzaro, zona verde alle porte del quartiere de La Badia, ha visto la realizzazione di unarea giochi attrezzata per attivit sportive e allaria aperta, in continuit con gli impianti sportivi presenti nelle circostanze. Il progetto stato arricchito dalle proposte del Consiglio comunale dei ragazzi, con attenzione per luso di materiali a basso impatto ambientale.

PARCO ARCHEOLOGICO DOMETAIA Il progetto di recupero e riqualicazione di una delle pi importanti necropoli etrusche dellEtruria settentrionale ha portato alla riscoperta di oltre 56 tombe etrusche risalenti al periodo che va dalla met del VI secolo a.C. a tutta let ellenistica, con sporadiche attestazioni di periodo romano e alla realizzazione di una specica segnaletica e cartellonistica, con pannelli illustrativi. Il Parco stato aperto nel 2011 dopo un complesso intervento promosso con il sostegno economico della Regione Toscana e il supporto di Provincia di Siena, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, Fondazione Musei Senesi e Gruppo Archeologico.

39 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

INFRASTRUTTURE E SERVIZI
NUOVA ILLUMINAZIONE CENTRO STORICO (CASTELLO) E PIAZZA S.AGOSTINO Decoro urbano e sicurezza hanno guidato gli interventi di riqualicazione dellilluminazione pubblica nel terziere pi antico di Colle di Val dElsa (Castello) e in Piazza SAgostino. Nella parte alta lintervento, pi recente rispetto allaltro, ha visto anche linserimento di lampade a risparmio energetico, con una rinnovata attenzione per lambiente da parte dellamministrazione comunale. INTERVENTI DI PAVIMENTAZIONE STRADALE Negli ultimi dieci anni sono stati investiti oltre 2 milioni di euro in interventi di asfaltatura, sistemazione e manutenzione delle strade in zone diverse della citt, dal centro urbano a zone pi periferiche, come la strada di Scarna. RIFACIMENTO DEI SOTTOSERVIZI DI PIAZZA ARNOLFO Allinizio del mandato sono terminati i lavori di ristrutturazione dei sottoservizi presenti in Piazza Arnolfo, che hanno consentito, e condizionato, la progettazione e lesecuzione del nuovo volto della piazza.

RIFACIMENTO DELLE FOGNATURE IN VIA SOLFERINO, VIA OBERDAN, VIA MAZZINI, VIA DEI FOSSI La parte bassa della citt stata interessata negli ultimi anni da signicative sistemazioni e manutenzioni straordinarie del sistema fognario che hanno interessato, in particolare, via Solferino e le vie adiacenti Piazza Arnolfo, a partire da via Oberdan, via Mazzini, via dei Fossi.

CONSOLIDAMENTO DELLE SCARPATE SS 68 Lintervento di consolidamento si reso necessario, con uno sforzo economico straordinario da parte del Comune, dopo gli smottamenti di terreno causati dalleccezionale nubifragio vericatosi nellottobre del 2005. Il danno ambientale caus anche la chiusura, per alcuni giorni, dellimportante arteria di collegamento fra la parte bassa e quella alta della citt.

RIFACIMENTO DELLE FOGNATURE E PAVIMENTAZIONE DI VIA DI SPUGNA Lintervento si collocato nel programma di riqualicazione teso a dare un nuovo volto alla parte bassa della citt. Dopo il rifacimento dei sottoservizi, la via stata interessata da una nuova asfaltatura e illuminazione, seguite dalla sistemazione dei marciapiedi, degli arredi urbani e della segnaletica.

ACQUISTO DI NUOVI SCUOLABUS Il parco mezzi per il trasporto scolastico curato dal Comune di Colle di Val dElsa si arricchito e rinnovato negli ultimi anni con lacquisto di due nuovi scuolabus con 50 posti ciascuno.

AMPLIAMENTO DELLA RETE IDRICA MONTEGABBRO Lintervento si basato su un Accordo di programma tra lAto Basso Valdarno, lAto Ombrone, il Comune di Colle di Val dElsa, Acque S.p.a. e Acquedotto del Fiora S.p.a. per incrementare la risorsa idrica nellintera Valdelsa. E previsto, inoltre, un nuovo campo pozzi in localit Coneo.

PULIZIA STRAORDINARIA RETE DELLE GORE Una ditta altamente specializzata ha provveduto a ripulire la rete delle Gore nella parte pi urbanizzata di Colle bassa. I lavori di manutenzione straordinaria, promossi dal Consorzio di bonica per la difesa del suolo e la tutela ambientale della Toscana centrale, hanno consentito di migliorare anche la rete di fognatura delle acque meteoriche che spesso si serve delle Gore.

COLLE DI VAL DELSA

40 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

INFRASTRUTTURE E SERVIZI
CONSOLIDAMENTO DELLE SCARPATE LUNGO IL FIUME ELSA Lintervento principale fu necessario nellottobre del 2006 dopo i danni causati da un eccezionale nubifragio, che ebbe conseguenze importanti sul mantenimento della fauna e della ora presente nel Parco dellElsa. Negli anni successivi sono eseguiti frequenti interventi di sistemazione e manutenzione dellarea, e in particolare del SentierElsa, con la collaborazione dellAnpil e del Consorzio di bonica. REALIZZAZIONI MARCIAPIEDI (SAN MARZIALE GORE ROTTE VIA PIEVE IN PIANO) Lattenzione per le infrastrutture si concretizzata negli anni anche con la realizzazione di alcuni marciapiedi tesi a garantire la sicurezza dei pedoni. Tra i principali interventi ricordiamo la passerella pedonale sul ponte di San Marziale, il marciapiede che collega il ponte di San Marziale con la zona delle Gore Rotte e la sistemazione del marciapiede in via Pieve in Piano.

MESSA IN SICUREZZA ZONA SAN MARZIALE - QUERCIOLAIA - CAMPOLUNGO La zona compresa fra il ponte di San Marziale e Querciolaia stata interessata da alcuni interventi sulla viabilit tesi a garantire la sicurezza degli utenti stradali e laccesso alla zona di Querciolaia. In particolare, allaltezza dellincrocio fra Viale dei Mille e Via Ciu stata realizzata una terza corsia di accelerazione e decelerazione; stato sistemato il parcheggio in Via Scarlini e sono state realizzate due rotatorie, una presso il Ponte di San Marziale e una allaltezza dellincrocio con Via di Casabassa, al momento interessata da sistemazione provvisoria. Il programma degli interventi prevede anche la prosecuzione della pista pedonaleciclabile e del marciapiede su Viale dei Mille per collegare la zona de Le Gore Rotte con il marciapiede che raggiunge la Strada delle Lellere.

URBANIZZAZIONI Le principali opere di urbanizzazione eseguite, e in corso di esecuzione, da parte di imprese private, hanno interessato larea di Campolungo, quella dellex-Vitac, larea de La Fabbrichina, larea di Ferriera, Molinuzzo, Spedaletto e larea commerciale delle Gore Rotte. A questi si sono aggiunti gli interventi nelle zone industriali di San Marziale e Belvedere.

IMPIANTI SORVEGLIANZA (CENTRO URBANO E MUSEI) Il centro urbano stato interessato negli ultimi anni dallinstallazione di un impianto di videosorveglianza nelle zone commerciali e di maggiore interesse culturale e architettonico, sia nella parte alta che in quella bassa. Impianti di videosorveglianza sono stati collocati anche allinterno dei musei cittadini.

CASSA ESPANSIONE SCARNA E AREA EX STIVER COOP Tra le opere di difesa del suolo e di prevenzione del dissesto idrogeologico, meritano menzione la cassa di espansione sul torrente Scarna e lintervento di regimazione idraulica nellarea del Poggino (ex Stiver Coop), che hanno consentito di tutelare Gracciano e Colle bassa

INTERVENTI SU INFRASTRUTTURE SOVRACOMUNALI

Agli interventi promossi dal Comune di Colle di Val dElsa si aggiungono quelli portati avanti dallamministrazione provinciale di Siena sulle infrastrutture di propria competenza, con ripercussioni positive sulla viabilit e la sicurezza

stradale sul territorio colligiano: dal consolidamento del Ponte dellArmi allammodernamento dello svincolo di Colle Nord sulla Siena-Firenze no al raddoppio del ponte di Santa Giulia e alla variante alla Sp541, che snellito il traco di attraversamento della frazione di Gracciano e migliorato la qualit della vita degli abitanti.

41 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

MANUTENZIONI
INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE Nel corso degli ultimi anni stata promossa la manutenzione della pubblica illuminazione con interventi in zone diverse della citt alta e bassa. Le strade maggiormente interessate dagli interventi sono state via Teano, via Piemonte, via VII Luglio, via di Spugna, via Dietro le Mura, via Diaz, via Milazzo, piazza Martiri di Montemaggio, via di Casabassa, viale dei Mille, via Fratelli Bandiera, via Pieve in Piano, via Salvagna e alcune strade a Le Grazie e Quartaia. INTERVENTI SUL PATRIMONIO SCOLASTICO Numerosi anche gli interventi di manutenzione straordinaria che hanno interessato il patrimonio scolastico, con il consolidamento dellingresso della scuola dellinfanzia di Borgatello; ladeguamento degli impianti tecnologici della scuola primaria di Buonriposo; gli interventi di sistemazione nella scuola primaria di Campiglia e nel plesso scolastico di via XXV Aprile e via Maremmana Vecchia; ladeguamento del nuovo refettorio e il consolidamento della copertura della scuola primaria di SantAndrea; la sistemazione del parcheggio e dellarea esterna alla scuola primaria e dellinfanzia di Buonriposo; la manutenzione dellasilo nido in localit La Buca; il miglioramento dellarea sportiva presso le scuole secondarie di secondo grado in Campolungo, interventi promossi in larga parte dalla Provincia di Siena. Sulla manutenzione scolastica, di ogni ordine e grado, sono stati investiti in questi anni oltre 4,3 milioni di euro. Gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sul patrimonio scolastico sono stati completati dal rinnovamento di gran parte degli arredi scolastici. RIQUALIFICAZIONE DI VIA DEI BOTRONI Lintervento ha consolidato il tratto della Gora che passa sotto Via dei Botroni. Dopo le necessarie rilevazioni, stato deciso di intervenire con un rifacimento del tratto nella carreggiata stradale allargando la sezione idraulica della condotta. VERDE PUBBLICO, PARCHEGGI E ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE Sul fronte delle manutenzioni, negli ultimi anni stata prestata grande attenzione anche alle aree verdi, ai parcheggi e agli interventi per labbattimento delle barriere architettoniche.

RISTRUTTURAZIONE DELLA FACCIATA PALAZZO COMUNALE Palazzo Renieri, prestigiosa sede dellamministrazione comunale, tornato a splendere con un intervento di ristrutturazione e di nuova tinteggiatura e anche altri edici comunali sono stati oggetto di riqualicazione. MANUTENZIONI STRAORDINARIE IMPIANTI SPORTIVI Risorse importanti sono state destinate negli anni anche alla manutenzione del variegato patrimonio di impianti sportivi. Tra gli interventi pi signicativi ci sono la manutenzione straordinaria dello stadio comunale Gino Manni (per il campo da gioco, gli spogliatoi e i locali accessori); della Piscina Olimpia (per limpianto scoperto e per quello coperto); degli impianti di Gracciano (dove sono presenti tre campi da calcio e uno da calcetto).

RISTRUTTURAZIONE STRUTTURE CULTURALI Le strutture museali e culturali della citt sono state oggetto negli ultimi anni di interventi di sistemazione e riqualicazione che hanno visto il rifacimento del tetto del Museo civico e diocesano darte sacra e la manutenzione straordinaria del Museo del Cristallo, del Museo archeologico Ranuccio Bianchi Bandinelli, della Casa del Popolo e del Sonar, La Casa della Musica.

MANUTENZIONI STRAORDINARIE E NUOVA COSTRUZIONE DI CIMITERI COMUNALI In questi anni interventi di manutenzione straordinaria e ampliamento hanno interessato anche i cimiteri comunali in via dei Cipressi (Colle bassa) e localit Castellini (Colle alta).

COLLE DI VAL DELSA

42 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

OPERE PUBBLICHE IN CORSO


RIQUALIFICAZIONE VECCHIA CARTIERA LA BUCA La vecchia cartiera La Buca al centro di un complesso intervento di recupero e di riqualicazione per riscoprire e valorizzare una parte importante della storia economica colligiana. Ledicio ospiter il museo della carta e lOasi del ciclista, punto di sosta per i pellegrini della Via Francigena. Lintervento di recupero conta su nanziamenti della Regione Toscana che vanno ad aggiungersi alle risorse proprie messe a disposizione dal Comune. RECUPERO DELLEX CONSERVATORIO SAN PIETRO Ledicio ospiter su una supercie di circa 2.100 mq il Museo archeologico Ranuccio Bianchi Bandinelli e il Museo civico e diocesano darte sacra, proponendosi come polo culturale di eccellenza della Valdelsa anche grazie alla collaborazione con la Fondazione Musei Senesi. Allo stato attuale, sono in fase di completamento i lavori di recupero e allestimento, a cui si aggiunge anche la sistemazione degli spazi esterni, destinati a verde e viabilit. PARCO URBANO DI S.AGOSTINO Negli ultimi anni sono stati avviati i lavori per realizzare un vero e proprio parco urbano alle porte della citt, che offrir percorsi pedonali attrezzati e un suggestivo collegamento tra la parte alta e quella bassa di Colle di Val dElsa, da SantAgostino a la Fornacina. Il progetto ha visto una tappa importante nella realizzazione del parcheggio nellarea del vecchio campo sportivo di SantAgostino

MEDIATECA NELLAREA DE LA FABBRICHINA La realizzazione della Mediateca, inserita nel Piuss Citt di Citt AltaValdelsa, rappresenta lintervento cardine del nuovo quartiere che nascer nellarea de La Fabbrichina a seguito dellarticolato intervento di recupero della zona ex industriale. La mediateca ospiter attivit per la promozione e la diffusione della cultura in un grande volume piramidale tronco, realizzato ex novo e integrato nel nuovo contesto architettonico dellarea, che si svilupper attorno alla ciminiera, consolidata e conservata a testimonianza dellantica fabbrica che negli anni 60 ha visto nascere il purissimo cristallo colligiano. Gli spazi della Mediateca saranno organizzati su tre livelli, con funzioni diverse: lettura, eventi, audiovisivi, laboratorio informatico, area ragazzi, auditorium e altro.

AMPLIAMENTO SCUOLA S.ANDREA Sta continuando senza sosta limpegno dellamministrazione comunale sul fronte della sicurezza e manutenzione degli edici scolastici. Attualmente sta partendo il progetto per lampliamento della scuola primaria di SantAndrea che dal maggio 2013 ospita le due classi della scuola dellinfanzia di Borgatello, trasferite a seguito della chiusura della struttura per motivi precauzionali di sicurezza. RECUPERO DELLAREA DE LA FABBRICHINA Il connubio fra tradizione e innovazione caratterizza il complesso e articolato progetto di riqualicazione in corso nellarea de La Fabbrichina, dove prevista la realizzazione di un comparto urbano di elevata qualit, ben integrato nel contesto preesistente, strategico rispetto al centro urbano e al collegamento con la pista ciclo-turistica verso Poggibonsi. Il nuovo quartiere riunir funzioni miste - residenziali, commerciali, di servizio e direzionali - e ospiter una mediateca/biblioteca di circa 1.500 mq, un supermercato e nuovi spazi commerciali di vicinato, con spazi pubblici, piazze pedonali, spazi verdi, parcheggi, funzioni commerciali, direzionali e nuove residenze (in corso di realizzazione). Lintervento nellarea de La Fabbrichina ha preso avvio nel febbraio 2007 con una signicativa bonica ambientale del sito (unica nel suo genere a livello regionale) seguita dalla realizzazione di un nuovo tratto stradale. Il progetto negli ultimi due anni ha incontrato alcune dicolt legate alla ditta appaltatrice e il suo avanzamento rappresenta una priorit assoluta per i prossimi mesi.

43 Per consultare il rendiconto completo vai su: www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa

OPERE PUBBLICHE DI PROSSIMO INIZIO


PASSERELLA PEDONALE PONTE DI SPUGNA E RISTRUTTURAZIONE DEL PONTE DI SAN MARZIALE Tra gli interventi di prossimo inizio, gi nanziati con risorse regionali, gurano la passerella pedonale sul ponte di Spugna e il consolidamento del ponte di San Marziale, tesi a mettere in sicurezza tratti stradali strategici nel collegamento con il centro urbano.

REALIZZAZIONE DI COLLEGAMENTI CICLABILI CON I COMUNI VALDELSANI Il progetto conta su protocolli gi esistenti fra i Comuni interessati e su alcuni interventi in parte realizzati che saranno ulteriormente sviluppati compatibilmente con le risorse disponibili.

OASI DEL CICLISTA CARTIERA LA BUCA LOasi del ciclista sar ospitata allinterno dellex cartiera La Buca. Lo spazio offrir un punto di assistenza ai pellegrini della Via Francigena o agli amanti delle due ruote, grazie a un progetto nanziato dalla Regione Toscana.

PIANO ADEGUAMENTO EDILIZIA SCOLASTICA In vista della costituzione degli istituti comprensivi il Comune ha partecipato a bandi promossi anche dalla Regione Toscana per accedere a risorse da investire in edici scolastici.

COLLE DI VAL DELSA

44 Per consultare il rendiconto completo vai su: COSA ABBIAMO www.rendicontodimandato.it/collevaldelsa COSTRUITO INSIEME

UN CAMMINO LUNGO DIECI ANNI

COMUNE DI COLLE DI VAL DELSA


Rendiconto 2004 - 2014 dellAmministrazione Comunale di Colle di Val dElsa Progetto graco, coordinamento editoriale e redazionale: Agenzia Robespierre Via dei Montanini, 92 - 53100 Siena

Colle Val dElsa

COMUNE DI