Sei sulla pagina 1di 52

Comune

di SternatiA
2004/2009
bilancio
di mandato

foto: Paolo Margari


Credits
Coordinamento: Cristina Manco
Testi a cura di: Gabriele Manco
Grafica e impaginazione: Centro Studi Kairòs

La presente pubblicazione è stata realizzata senza alcun onere a carico del bilancio comunale

2
Ai giovani cittadini che durante
il mio mandato sono diventati
maggiorenni.

particolare quadro Gigi Specchia


A loro ho affidato la Costituzio-
ne con i suoi valori e principi
ispiratori, perché con entusia-
smo, passione ed intelligenza
sappiano custodirli, affermando
la forza e la bellezza di appar-
tenere ad un progetto comune.

Patrizia Villani

3
“Posso’mu fènete
òrio tò choriàci’mu,
fran’àrgulu a’zzè alèa
ce litarà”
(C. De Santis)

4
S
ono trascorsi cinque anni dall’insedia- ogni giorno e su cui si edifica una “città invisibile” che
mento dell’Amministrazione Comunale viviamo quotidianamente. L’attenzione a questa par-
che ho avuto l’onore, l’orgoglio e il pia- ticolare città è stato uno sforzo costante della nostra
cere di guidare. Siamo giunti al termine attività volta a costruire una immagine di comunità ac-
di uno straordinario viaggio e sentiamo il cogliente, capace di riconoscere i bisogni e i desideri
bisogno di rendere conto, a voi cittadini, della strada di ciascuno. Nell’andare incontro a questa aspirazione
percorsa. Dare pubblica evidenza al proprio operato abbiamo sperimentato difficoltà, registrato errori, ma
è alla base del principio della delega democratica e posso assicurare che la tensione verso quell’ideale
a questo dovere vogliamo assolvere con correttezza, non è mai venuta meno. A testimonianza di questo
trasparenza e rigore. A me spetta il compito di indi- impegno, basti ricordare la grande attenzione che ab-
care la visione d’insieme di un’azione, che ha avuto biamo riservato a categorie di persone, che i criteri
l’intenzione di garantire sia l’efficienza e l’efficacia efficientistici della nostra società tendono a relegare ai
dell’attività amministrativa, sia la capacità di inclu- margini come gli anziani verso cui abbiamo indirizzato
sione sociale e valorizzazione del patrimonio umano una serie di iniziative per valorizzarne il ruolo decisivo
della nostra comunità. Tra i risultati tangibili di questi nella costruzione identitaria della nostra comunità, e
propositi, quelli della “città visibile”, mi preme sottoli- i bambini costante riferimento di una volontà di ren-
neare l’approvazione del Piano urbanistico generale, derli centrali nella vita del paese di cui la notte bianca
un risultato storico atteso da più di venti anni, il com- vuole essere un segno evidente. Vorrei citare, infine,
pletamento di una importante opera pubblica come la le donne insieme alle quali abbiamo sperimentato
fognatura nera, l’estensione della rete gas, nonché il nuove forme di partecipazione e attivismo sociale, per
rifacimento della pubblica illuminazione e l’avvio del- riaffermare la ricchezza dell’apporto delle differenze
la differenziata spinta; senza dimenticare, le rilevanti di genere al vivere comune. Da questi richiami, emer-
operazioni di recupero e valorizzazione di aree che gono chiari i termini di riferimento ideale che ci hanno
appartengono al nostro patrimonio storico e culturale guidato e alla luce dei quali vi invito a sfogliare le pa-
come la Porta Filia, il Piazzale del Municipio e la Cap- gine di questa sintesi della nostra attività: noi abbiamo
pella delle Madonna dei Farauli. Acquisti indiscutibili di l’ambizione che si possa scorgere “la filigrana d’un
una “città visibile” che tutti percorriamo e ammiriamo disegno così sottile da sfuggire al morso delle termiti”.

Il Sindaco

5
6
LA CITTà VISIBILE

Marco Polo descrive un ponte,


pietra per pietra. «Ma quale è la pietra che
sostiene il ponte?» chiede Kublai Kan. «Il
ponte non è sostenuto da questa o quel-
la pietra» risponde Marco «ma dalla linea
dell’arco che esse formano». Kublai Kan
rimane silenzioso, riflettendo.
Poi soggiunge:
«Perché mi parli delle pietre? È solo dell’ar-
co che m’importa». Polo risponde:
«Senza pietre non c’è arco».

(Italo Calvino, Le città invisibili)

7
8
opere
pubbliche

Porta Filia, foto: Roberto Tondi


9
“ La volontà di costruire spazi di incontro mediante il recupero e la valorizzazio-
ne di luoghi attraversati dalla storia della nostra comunità è stata alla base degli
interventi di restauro della Porta Filia, della Cappella della Madonna dei Farauli
e della valorizzazione del piazzale antistante l’ex Convento dei Domenicani”.

Porta Filia
• Pavimentazione con pietra di Soleto lavorata a mano
• Eliminazione dell’asfalto
• Recupero dell’antico muro di cinta
• Illuminazione artistica
• Riqualificazione e sistemazione dell’area sul Giardino del Palazzo Granafei

Ex Convento dei Domenicani


• Realizzazione della piazza interamente con basoli di Soleto (oltre 2.000 mq)
• Nuovo arredo urbano e illuminazione
• Salvaguardia delle cavità antropiche sottostanti con pedonalizzazione dell’area

Cappella della Madonna dei Farauli


Interventi sulla Cappella
• Recupero totale della Cappella chiusa da oltre 50 anni
• Recupero dei giunti degli elementi scultorei sia interni che esterni
• Restauro delle superfici affrescate e degli altari
• Realizzazione di un impianto di illuminazione adeguato
Interventi all’esterno
• Pavimentazione dell’area di accesso alla Chiesa con lastre di Pietra Leccese
• Rifacimento della pavimentazione stradale intorno alla Chiesa

Ampliamento della strada via vecchia Sternatia - Zollino


La strada, lunga 1,5 Km, è stata allargata sino a 9 metri.
In piena sintonia con l’ambiente circostante e nel rispetto della tradizione sono stati ricostruiti i
muretti a secco lungo i confini (uno dei primi esempi nel Salento).
Questo intervento fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, oltre ad ammodernare il

10
collegamento tra il Comune di Sternatia ed il Comune di Zollino, ha una enorme importanza in
termini di sviluppo futuro del territorio andando a servire la prevista Zona PIP del Comune di
Sternatia e la adiacente Zona PIP del Comune di Zollino.

Sottopasso ferroviario
È stato approvato e finanziato con 1.300.000 euro il progetto per la costruzione di un nuovo
asse stradale con sottopasso alla linea ferrovie sud-est che sarà realizzato all’altezza di Via
C.A. Dalla Chiesa.
é un’opera importante che si rende necessaria data la prossima soppressione di tutti i passaggi a
livello delle Ferrovie del Sud Est, tra cui quello di via “Santo Spirito”.
Il sottopasso continuerà a rendere possibile la comunicazione tra le aree abitate Est ed Ovest del paese.
Il nuovo tracciato stradale sarà di oltre 300 metri, largo circa 9,5 metri.
Il traffico pedonale sarà realizzato su marciapiede pavimentato in entrambi i lati.

Realizzazione Scivolo Chiesa Madre


Al fine di garantire l’accesso alla Chiesa Maria SS Assunta anche da parte di disabili e persone an-
ziane è stato realizzato uno scivolo sul lato di Via Marino Paglia. Si tratta di uno scivolo di larghezza
di metri 1,30, con piano di calpestio di metri 0,90, lunghezza di metri 11,15.

foto: Roberto Tondi


11
opere
pubbliche

CIMITERO

“Non vive ei forse anche sotterra,


quando gli sarà muta l’armonia del giorno,
se può destarla con soavi cure nella mente de’ suoi?”

(U. Foscolo, I Sepolcri)

foto: Roberto Tondi


12
“ Il culto dei defunti è ciò che caratterizza la civiltà di un popolo.
Sensibile ai sentimenti di partecipe attaccamento della comunità sternatese nei
confronti di un luogo da sempre vissuto come geloso custode di memorie e af-
fetti, questa Amministrazione ha posto in essere interventi di cura e attenzione
costanti nei confronti del cimitero comunale”.

Lavori eseguiti

All’interno
• Cura del verde esistente
• Messa a dimora di numerosi alberi e siepi
• Sistemazione dell’ingresso
• Restauro di alcune aree cimiteriali
• Installazione di panchine e fontanelle

All’esterno
• Istituzione di un percorso pedonale, per consentire ai pedoni di raggiungere il cimitero comunale
in piena sicurezza
• Rifacimento del piazzale antistante
• Realizzazione di una rotatoria in corrispondenza delle via S. D’Acquisto, C. Drago e via
Vecchia Zollino
• Realizzazione di due aree attrezzate per la sosta libera
• Illuminazione
• Rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale

13
PUBBLICA
ILLUMINAZIONE

foto: Roberto Tondi


14
“ Dopo oltre 40 anni l’illuminazione pubblica delle vie di Sternatia è
stata riqualificata ed ammodernata con la sostituzione di più di 300
lampade; ad intere vie di Sternatia è stata restituita nuova luce e visibi-
lità con evidenti ricadute anche in termini di sicurezza.
L’intervento ha riguardato anche il centro storico del paese con l’instal-
lazione di nuovi apparecchi decorativi di illuminazione (lanterne in stile).
Questi lavori hanno conseguito il duplice risultato di una migliore e più
completa illuminazione delle strade del paese e di un deciso abbatti-
mento dei consumi e dei costi di gestione”.

Servizi aggiuntivi attivati

• Contact Center (numero verde segnalazioni guasti e richieste 800 90 10 50 - 55


(fax) e e-mail)
• Censimento puntuale dell’impianto (etichettatura dei centri luminosi, cartografia
informatica, anagrafica dei componenti di impianto con gestione informatizzata)
• Manutenzione su segnalazione di guasto anche direttamente da parte dei cittadini
• Ispezioni notturne di impianto con cadenza mensile

foto: Roberto Tondi

15
“ Con Delibera del Commissario ad acta n°1 del
20/11/2008 pubblicata sul Bollettino Regionale n.
PUG
188 del 04/12/2008 è stato approvato il Piano Ur-
banistico Generale del Comune di Sternatia”.

Principi ispiratori

Le linee portanti ed innovative del PUG si possono così sinteticamente individuare:

Una ferrea volontà di coinvolgere il mag- Con le aree destinate alla residenza sono sta-
gior numero possibile di cittadini nell’indivi- ti pianificati i “Servizi della residenza” per una
duazione delle aree di completamento (B) quantità pari a 24,5 mq/ab in termini di verde,
ed in quelle di espansione (C). parcheggi, aree per la Scuola e lo Sport.
Il motto è stato “un po’ meno a ciascuno, per
consentire a molti di costruire la propria casa”. È stato definito oltre il 60% di abitazioni
Il PUG ha individuato 44 isolati, come zone (quelle costruite sino ai primi anni 60) come
B2, completando le aree del vecchio Piano B1 aumentandone di circa il 30% l’indice di
di Fabbricazione e lasciando inalterata la cubatura che è stato portato a 3,2 mc/mq.
volumetria costruibile.
Ha destinato 22 isolati come nuove zone La cubatura delle stanze a volta, che pri-
edificatorie B3 e B4. ma veniva calcolata da terra sino al terraz-
Ha in aggiunta destinato 9 comparti come zo, oggi con il PUG in vigore si calcola da
zone C, per un totale di nuova superficie terra sino appena oltre le cd “Mpise”, con
edificabile di mq. 115.835. risparmi di cubatura dal 15% al 20%.

16
Con l’introduzione di quanto descritto ai ne convenzionata in zona di completamento.
punti 2) e 3) il 60% delle abitazioni del
nostro Comune possono utilizzare un è stato previsto nel dettaglio il recupero
aumento di cubatura dal 40% al 50% e, del Centro storico.
in alcuni casi, anche oltre.
Questo intervento, innovativo in tutto il ter- Nel programmare il riammaglio urbano
ritorio regionale - che tutela anche le stanze del Paese, oggi in alcuni settori fraziona-
a volta - consente alle giovani coppie o, co- to, è stata progettata una nuova viabilità
munque, a qualsiasi cittadino di Sternatia consona ad una società del terzo millennio
di recuperare, ampliando con poco costo, (Circonvallazioni, strade ampie con pre-
tutte quelle case (oggi parzialmente disa- senze di verde, zone pedonali e ciclabili).
bitate) che ricadono in zona B1 (Via Piave, Tutto ciò ha consentito l’approvazione di un
Via Orlandi, Via Matteotti, Via Perrone, e tut- PUG con una capacità di espansione abi-
te le traverse o le strade ad esse vicinali). tativa di gran lunga superiore ad ogni stru-
mento urbanistico approvato o progettato
I comparti di zona C sono di dimensioni prima dell’attuale, con una vittoria indubbia
contenute e posizionati nelle vicinanze di zone per l’intera comunità di Sternatia.
urbanizzate, al fine di avviare anche a Sterna- Decine di Progetti per la costruzione di
tia, come in tutti i Comuni limitrofi, l’edificazio- nuove abitazioni sono stati già presentati.

17
“ Le problematiche relative al lavoro hanno radici
profonde e richiedono politiche ed interventi strut-
POLITICHE
DEL
turali di carattere nazionale e, nella società globa-
lizzata, anche di carattere mondiale. Non rientra né
LAVORO
potrebbe rientrare tra i compiti e poteri di un Co-
mune intervenire a soluzione del Problema Lavoro.
Ciononostante in questi anni, l’Amministrazione co-
munale ha cercato, nei limiti delle sue possibilità, di
garantire al più alto numero possibile di giovani, con
il sistema della rotazione, forme di impiego nell’am-
bito delle più diverse attività comunali”.

Nell’ottica dell’apprendimento di un lavoro Le iniziative di politiche a sostegno del la-


definitivo, i giovani si sono impegnati in: voro e dell’auto-impreditorialità sono state:

• Servizio di Igiene urbana e di raccolta porta • Creazione di un Centro Collaboratore che


a porta dei rifiuti (15 persone) costituisce uno snodo dei Centri dell’Impiego
• Servizio Scuolabus (8 giovani) della Provincia di Lecce e che fornisce con-
• Progetti di Servizio civile (8 borse annuali) sulenza ed informazioni ai giovani circa le
• Progetto CUIS sulla documentazione della opportunità di lavoro
Memoria orale (6 borse di studio) • Corso gratuito per Operatori Turistici attivato
• Progetto di creazione di un Centro collabo- nell’ambito del Progetto Interreg Italia - Alba-
ratore per l’impiego (2 tirocini formativi) nia che ha visto la partecipazione di n. 50
• Grecìa salentina (12 prestazioni professionali) persone inoccupate
• Biblioteca comunale (3 persone a rotazione) • Vari Corsi circa la normativa e modalità ope-
• Tirocini nell’ambito della esperienza scolasti- rative per l’apertura di Bed & Breakfast
ca e universitaria (5 persone) • Incontri consulenziali informativi circa le age-
volazioni regionali e nazionali per il Commer-
cio e le iniziative imprenditoriali in generale

18
“ Nel 2007 è stata attivata la fognatura nera,
servizio di fondamentale rilevanza per la qualifi-
SERVIZI
FONDAMENTALI
cazione civile di un territorio; Sternatia è tra i co-
muni più virtuosi per aver attivato ed esteso un
servizio così importante all’intero centro abitato.
In questi anni sono stati, altresì, potenziati ser-
vizi già esistenti nell’ottica della più estesa ed
equa diffusione”.

Servizi realizzati

• Attivazione della rete fognante con conclusione (adeguamento alle norme vigenti) e
messa in opera del depuratore per la fognatura nera a servizio dell’abitato di Sternatia
• Completamento in zone residuali rete gas metano 1.200 metri - via Don Luigi Giannuzzi;
via Scorcia capre, prolungamento via Placerà; via Milano; via Specchia; traversa via Piave
• Completamento rete fognante: via Palermo, via Verri, via Massafra, via per Martignano, via
per Lecce,Tratto via Arcivescovo Morelli
• Costruzione tronchi rete idrica: via dei Fochisti, via D. Specchia, via C. Battisti, prolunga-
mento via Placerà
• Lavori di Fognatura Bianca, per un migliore deflusso delle acque meteoriche, nelle
aree del Calvario, Municipio e Cimitero

19
“ Molti interventi sono stati realizzati in tema di ra-
zionalizzazione del traffico veicolare e pedonale.
RIQUALIFICA-
ZIONE URBANA
Sono stati installati misuratori elettronici della velo- E SICUREZZA
cità all’ingresso delle principali vie del Paese (Via Pia-
ve, Via G. Orlandi, Via Diaz), introdotto il senso unico
STRADALE
di marcia in innumerevoli vie (quali ad es. Via Salvo
D’Acquisto, Via Matteotti), collocati segnali di STOP
su vie ad alto transito (ad es. su Via G. Orlandi, Via
A. De Gasperi, Via Gorizia). Tali interventi hanno per-
seguito il duplice obiettivo di migliorare le condizioni
di circolazione veicolare e di sicurezza dei cittadini”.

20
Interventi più significativi

• Rotatoria cimitero: l’intervento è consistito nella realizzazione di una rotatoria in corrisponden-


za delle via S. D’Acquisto, C. Drago e Vecchia Zollino, l’istituzione di un percorso pedonale, di
due aree attrezzate per la sosta libera

• Realizzazione della Rotatoria Gesuini in collaborazione con l’ANAS e la Provincia di Lecce

• Riqualificazione intersezione via Roma – via Piave - via C. Drago - via Platea con rimozio-
ne del vecchio distributore di benzina ed istituzione passaggio pedonale e rallentatori muniti di
illuminatori rifrangenti nonché di panchine e fermata bus

• Sostituzione, previa regolamentazione traffico, della segnaletica del centro storico, con l’in-
stallazione di pali e cartelli stradali “Storici”. Istituzione percorso pedonale e ciclabile della zona
Porta Filìa (è stato indetto un referendum popolare per la data del 5 luglio 2009. I cittadini di
Sternatia saranno chiamati a decidere se riaprire al traffico veicolare la Porta Filìa)

• Installazione rallentatori su diverse vie comunali (Via C. Battisti)

• Individuazione percorso alternativo per gli autocarri con massa superiore alle 7,5 tonnel-
late con limitazione della circolazione, in particolare su Via B. Ancora ed in generale nel nucleo
centrale dell’abitato

• Riqualificazione di Piazza Dante Alighieri con messa a verde e sistemazione delle aiuole,
lavori di risistemazione del Calvario e messa a dimora di un roseto

• Via Stazione: allargamento della carreggiata all’altezza del passaggio a livello

• Rifacimento completo del manto stradale delle seguenti vie: Via Piave, Via Roma, Via B.
Ancora, via Marrella, Via C. Battisti, Via A. Diaz, Complanari SS16, via delle “Lamecupe”

• Sono in corso di svolgimento lavori di riqualificazione e sistemazione dei marciapiedi nel cen-
tro abitato

21
“ Per una comunità investire nella tutela e nella
salvaguardia dell’ambiente significa investire sul
Politiche
ambientali
proprio futuro. Se questa è una priorità che con for-
za è entrata nell’agenda di tutti i governi illuminati
del pianeta ancor di più lo è per un territorio come il
nostro che sta imparando a riscoprire l’utile bellezza
del patrimonio ambientale”.

Anno 2008 Indifferenziata kg. Differenziata Kg. Tot. RSU Kg. Differenziata %

GENNAIO/APRILE 316.224,00 30.975,00 347.199,00 8,85

MAGGIO/DICEMBRE 466.792,00 160.260,00 627.052,00 25,75

GENNAIO 2009 47.344,00 20.260,00 67.604,00 30

22
L’Amministrazione Comunale ha adottato, in questa direzione, scelte politiche concrete: il 21
aprile 2008 ha avviato il servizio di raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti.
A gennaio 2009, dopo otto mesi dall’avvio del servizio, Sternatia ha raggiunto la percentuale di
raccolta differenziata del 30% ponendosi fra i primi 15 comuni della Provincia di Lecce, un
risultato raggiunto grazie alla sensibile collaborazione dei cittadini.
Il servizio di raccolta differenziata verrà ulteriormente potenziato a partire dal prossimo 15 giu-
gno: la carta e il vetro saranno ritirati una volta a settimana, saranno distribuiti altri 3 bidoncini
per famiglia e, alle utenze dotate di giardini, che ne faranno richiesta, sarà consegnato un com-
poster, un contenitore per la trasformazione dei rifiuti organici in compost.

Altri interventi
• Campagna di sensibilizzazione per il risparmio idrico
• Convenzione per lo smaltimento dell’amianto
• Interventi di potenziamento, riqualificazione e valorizzazione del verde pubblico
• Approvazione Piano di Protezione civile per il territorio comunale

Andamento differenziata
30,0%

22,5% Anno 2008

15,0%
Media 2007

7,5%

0%
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Gen

23
“ Amministrare significa scegliere, scegliere per il
bene e per il futuro della propria comunità. L’Am-
Politiche
ambientali
ministrazione comunale di Sternatia, nella consape-
volezza che il futuro è nella tutela dell’ambiente e
nel rispetto degli obiettivi del Protocollo di Kyoto,
ha fatto una scelta precisa a favore delle energie
alternative: ha scelto l’eolico e il fotovoltaico. Ne
sono esempio i due campi fotovoltaici da 2 MW già
realizzati, e la delibera a favore dell’eolico espressa
dal Consiglio Comunale di Sternatia. Ciò nel pieno energie
rispetto dell’ambiente e del paesaggio sternatese”. alternative

24
Impianto fotovoltaico
Insieme di moduli fotovoltaici e stringhe che convertono l’energia ricevuta dal sole in energia
elettrica.

Stima
Considerando che ogni utenza elettrica domestica è di norma 3,5 KWatt, stimando un funziona-
mento di 10 h a 1 KWatt, ogni casa consuma giornalmente 10 KWh. Se moltiplichiamo questo
numero per i giorni, mettendoci quindi in condizioni cautelative, otterremo un consumo di 3600
KWh/anno, ossia 3,6 MWh.
Dal momento che i due impianti da 1 MW, produrranno complessivamente 2.800.000 KWh
(ossia 2.800 MWh), si evince che essi forniranno energia elettrica almeno per 800 abitazioni.
Così l’intera energia necessaria a far funzionare Sternatia è prodotta a Sternatia da fonti rin-
novabili e dunque pulite e non inquinanti.Oltre a produrre energia pulita da fonti rinnovanti, tali
impianti hanno un’importante ricaduta economica, garantendo al Comune entrate fiscali (Ici,
Tassa per l’occupazione di suolo pubblico), royalties, sponsorizzazioni.

25
26
LA CITTà INVISIBILE

“Non è in queste due specie che


ha senso dividere la città, ma in
altre due: quelle che continuano
attraverso gli anni e le mutazioni
a dare la loro forma ai desideri e
quelle in cui i desideri o riesco-
no a cancellare la città o ne sono
cancellati”.

(Italo Calvino, Le città invisibili)

27
“ Le politiche sociali e delle pari opportunità hanno
inteso promuovere e far venir fuori, con le attese i
SERVIZI
SOCIALI
bisogni e le risorse, i volti differenti della comunità: E
le donne, i bambini, gli anziani, i diversamente abili,
sono stati destinatari e protagonisti, al tempo stes-
PARI
so, di iniziative di promozione del benessere indivi- OPPORTUNITÀ
duale e collettivo. Le differenze di sesso, di età, di
condizione, infatti, sono state accolte, valorizzate ed
assunte come mappa ideale su cui orientare l’azione
volta al soddisfacimento di bisogni ed esigenze che
essendo diversi e molteplici richiedono risposte di-
verse e molteplici, proprie di ciascuna condizione”.

Servizi attivati

L’Amministrazione ha realizzato tali intenti attivando servizi di carattere specifico, a favore di:
anziani diversamente abili donne bambini

E altri servizi di carattere generale, come lo Sportello di segretariato sociale che fornisce infor-
mazioni ed orientamento ai cittadini in merito alle risorse sociali disponibili sul territorio, ai diritti, alle
prestazioni, alle modalità di accesso ai servizi.

foto: Arnaldo Macchitelli

28
“ In questi anni si è posta particolare attenzione
al mondo femminile, si è voluto costruire un luogo
SERVIZI
SOCIALI
fisico pubblico che, nello spazio cittadino, rendesse E
visibili le donne: è nato il Centro femminile Antàma”.
PARI
OPPORTUNITÀ

donne
Centro Antàma

Il centro femminile è un luogo fisico: tre stanze originariamente adibite a deposito, a piano terra
del complesso del Municipio, sono state interamente restaurate e consegnate alle donne di
Sternatia, che le hanno rese un luogo ideale, familiare, accogliente, vitale, aperto al territorio.
Sono state inoltre avviate diverse attività per il benessere delle donne: è stato istituito lo Sportel-
lo Informa donna, di concerto con il Centro Provinciale per la prevenzione dei Tumori femminili,
è stata promossa, inoltre, la campagna di sensibilizzazione per la prevenzione contro il papil-
loma virus umano.

Centro Antàma, foto: Roberto Tondi

29
“ Costante attenzione e cura è stata dedicata al
mondo della terza età, custode della tradizione e
SERVIZI
SOCIALI
della memoria della comunità. La compagnia delle E
persone anziane è stata una costante di questi anni:
appuntamento annuali come la festa ad agosto e
PARI
la gita hanno scandito le tappe di un percorso fatto OPPORTUNITÀ
di scambi e reciproco riconoscimento di cui questa
Amministrazione è particolarmente orgogliosa”.

Anziani
A servizio del beneSTARE

Spazio argento - progetto di servizio civile. Da novembre 2008 quattro giovani volontari di Ster-
natia sono impegnati in attività di assistenza a favore degli anziani, in particolare:
• Visite e colloqui presso il domicilio degli anziani
• Disbrigo di pratiche burocratiche presso Enti Pubblici, nonché acquisto di medicinali e generi alimentari
• Accompagnamento degli anziani presso strutture sanitarie per visite e cure mediche
• Accompagnamento degli anziani per la riscossione della pensione

Assistenza domiciliare integrata (di prossima attivazione)


Cure termali a Santa Cesarea Attività motoria
anno 2004 - n. 26 partecipanti 2005/2006 n. 30 partecipanti
anno 2005 - n. 32 partecipanti 2006/2007 n. 30 partecipanti
anno 2006 - n. 32 partecipanti 2007/2008 n. 43 partecipanti
anno 2007 - n. 48 partecipanti 2008/2009 n. 59 partecipanti
anno 2008 - n. 52 partecipanti
A servizio del benESSERE

Festa anziani - 5 edizioni della festa, Tombolata 2007 e 2008, Gita anziani, 26/05/2007 Metaponto –
Matera – Oria – 190 partecipanti, 28/06/2007 Valle D’Itria organizzata dall’ambito - 41 partecipanti
28/06/2008 Bari - Egnazia – Grottaglie – 236 partecipanti

30
“ L’attenzione ai piccoli è una scommessa sul
futuro di una comunità, ma è anche e soprattutto la
SERVIZI
SOCIALI
misura della qualità della vita nel presente”. E
PARI
OPPORTUNITÀ
Progetti realizzati

• Istituzione Sezione primavera – Sezione della Scuola


dell’infanzia per i bambini di 24 – 36 mesi
• Acquisto scuolabus
bambini
• Arredi scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I livello
• Riorganizzazione e potenziamento dello spazio “giochi”
all’interno della villa comunale
• Campi estivi
• Istituzione del Consiglio comunale dei ragazzi
• Fruizione gratuita per i minori di 14 anni del Campetto della Matria
• La torta in cielo - Notte bianca dei bambini
• R…estate piccoli - rassegna di spettacoli e giochi per bambini nel periodo estivo
• Il tappeto volante - rassegna di film, letture e ludobus nel periodo natalizio
• “Giocattoli di tradizione del Salento”, ripubblicazione del volume sui giocattoli di tradizione sa-
lentina, di Luigi Chiriatti, con il patrocinio del Comune di Sternatia
• “La fatica di crescere. Le nuove forme del disagio e l’importanza dell’ascolto attivo” - Laborato-
rio e rappresentazione teatrale nell’ambito del progetto “I giovani contro la violenza” finanziato
dal Consorzio dei Comuni della Grecìa Salentina e realizzato con la scuola primaria e secon-
daria di Sternatia
• “Allora forza, conta e cammina… 1,2,3,4,5,10,100 passi. La cultura della legalità contro devian-
ze giovanili, bullismo”, seminario di approfondimento in collaborazione con la scuola primaria e
secondaria di Sternatia e l’Associazione Nazionale Carabinieri, sezione di Sternatia
• “Conoscere per prevenire”. Seminario di approfondimento sulla legalità, in collaborazione con
la scuola primaria e secondaria di Sternatia e l’Associazione Nazionale Carabinieri, sezione di
Sternatia

31
“ Sternatia è una realtà culturalmente e social-
mente molto vivace ”.
SERVIZI
SOCIALI
E
PARI
Iniziative OPPORTUNITÀ
In questi anni l’Amministrazione ha avuto il pri-
vilegio di sostenere numerose iniziative propo-
ste dal territorio: il presepe vivente, la giorna- associa-
ta del disabile del Gruppo Robin Hood e Pro
Loco, la Tragedia di Cristo del Gruppo Tragoi- zionismo
dìa, la biciclettata del Circolo Cittadino, le feste
patronali, la focara di Santa Lucia con il Cen- struzione di un acquedotto in Colombia.
tro Giovanile, le rappresentazioni teatrali del Per alcuni mesi il gettone di presenza dei Con-
Gruppo Avleddha, le feste della donna con il siglieri di Maggioranza e l’indennità del Sinda-
gruppo Antàma, la festa degli anziani con la co e degli Assessori sono stati devoluti per il
Fidas, la festa della Pizzica, il torneo di cal- raggiungimento di tale obiettivo.
cio di SanVito, l’inaugurazione della Sezione
“Caduti di Nassirya” di Sternatia dell’Asso-
ciazione Nazionale Carabinieri, ne sono solo
alcuni esempi.
La sinergia tra associazioni e amministrazione
ha consentito di porsi e di raggiungere obiettivi
ambiziosi e rilevanti per l’intera comunità: ne è
un esempio la realizzazione dei portoni e del-
le porte della Chiesa Madre, fortemente voluta
dai volontari che hanno organizzato e realizza-
to il Presepe Vivente nel 2007 e che ha trovato
il sostegno dell’Amministrazione Comunale.
Dalla collaborazione con Caritas Italiana na-
sce il Progetto “Acqua fonte di vita”, per la co-

32
politiche
giovanili

33
“ I giovani sono stati interlocutori attivi di una serie di iniziative volte a mettere in
evidenza il loro protagonismo sociale e civico. In questa prospettiva, la consegna
della Costituzione ai diciottenni ha rappresentato una simbolica investitura di cit-
tadinanza, un invito ad essere soggetti consapevoli e impegnati nella vita pubblica.
Possiamo dire con orgoglio che tale invito ha trovato nei giovani di Sternatia una
risposta pronta ed entusiastica”.

Alcune iniziative
Nati due volte e Spazio argento: progetti di Nati due volte e Spazio argento, attraverso la
Servizio civile. proposta di servizi di assistenza domiciliare
e attività di inclusione sociale a favore del-
Il Servizio Civile è la possibilità per i giovani le persone anziane e dei diversamente abili
fra i 18 e i 28 anni di dedicare 12 mesi della della comunità.
propria vita a se stessi e agli altri; formando-
si, acquisendo conoscenze ed esperienze e Treno della memoria - viaggio ad Au-
maturando un ruolo di cittadinanza attiva. Da schwitz: Carmen, Chiara, Maria Lucia,
novembre 2008, Agnese, Alessandro, Danie- Marilea, Stefania, con altri giovani d’Italia,
la, Federica, Maria Lucia, Simona, Veronica, hanno condiviso l’esperienza della visita ai
Vincenza, 8 giovani di Sternatia, sono impe- campi di sterminio per dare alla memoria
gnati a realizzare i Progetti di Servizio civile, sguardi, cuore e piedi giovani.
FOTO ROBERTO TONDI

34
Progetto “No excuse 2006”, nell’ambito del La capacità inventiva e creativa dei giovani ta-
Programma Gioventù in Azione dell’Unione lenti di Sternatia è stata sostenuta in diverse
Europea, a cura del Gruppo Chora: Alessan- occasioni: la mostra collettiva “Dell’anima,
dro, Chiara, Gabriele e Ingrid hanno realizza- forma spazio e colore” che ha visto impe-
to una campagna di sensibilizzazione sociale gnati Michele, Maria Lucia, Manuela, Valenti-
sugli obiettivi del millennio con la produzione na e le presentazioni dei libri Memorie d’altri
dell’Agendo. tempi - Il Natale di Norbert Tyest di Marco Ma-
niglio ne sono un esempio.
Focara di Santa Lucia organizzata dal Cen-
tro Giovanile. Nella ferma volontà di accompagnare le nuo-
ve generazioni anche nell’avvio di un percorso
L’Amministrazione è venuta incontro alla vo- professionale si è istituito un Centro Collabo-
glia dei giovani di Sternatia di avere spazi di ratori per l’impiego, diramazione del Centro
condivisione e festa: a questo scopo ha mes- dell’Impiego di Martano.
so a disposizione i pullman in occasione del
Concerto del I maggio a Roma ed ha pro- Le attività menzionate vogliono essere te-
grammato una serie di eventi (di cui si parlerà stimonianza della volontà di questa Ammi-
estesamente nella sezione cultura). nistrazione di investire sui volti giovani della
nostra comunità nella certezza di coltivare
un futuro migliore.

35
36
“ Lo sport ha una importantissima funzione socia-
le: è un momento di aggregazione, di formazione ed
Sport
educazione dei giovani. Attraverso le attività spor-
tive i giovani incanalano le loro energie in maniera
sana, corretta , creativa e positiva”.

A sostegno dello sport ci sono stati interventi di natura strutturale: si è provveduto alla rifacimen-
to del Campetto della Matria, con la messa in sicurezza dell’impianto, la sostituzione del manto
in erbetta sintetica, l’ammodernamento degli spogliatoi. Si sono messi in campo interventi volti
a incentivare le realtà sportive presenti sul territorio.
Esempi delle attività promosse a favore dello sport sono: il torneo di calcio di San Vito orga-
nizzato dal Comitato delle feste patronali, le 3 edizioni della Maratona Notturna della Grecìa
Salentina, la ginnastica dolce per la terza età, la manifestazione Adesso in Piazza, organizzata
con ASD e UISP.

foto: Paolo Margari

37
CULTURA

“ La cultura come occasione di formazione individuale e come


strumento privilegiato per veicolare una idea fortemente qualifi-
cante di promozione del territorio: sono questi i vettori di sviluppo
delle politiche culturali messe in campo dall’amministrazione. La
crescita della consapevolezza comunitaria e personale delle pro-
prie radici, l’acquisizione e il discernimento di nuovi modelli cul-
turali, la sintesi che una comunità viva e vitale riesce ad operare
tra tradizione e presente sono stati gli obiettivi primari delle scelte
attuate in questi anni: la mostra “Memorie” di Gigi Specchia, le
rassegne estive “òrio to fengo” al sorgere della luna… la bellezza,
serate d’estate all’insegna dei gesti, delle parole, dei suoni, della
memoria, La torta in cielo, I Canti di Passione, Le strine, sono state
occasioni che hanno riempito il tempo “libero” di bellezza, di so-
gno, di meraviglia, di domande, di riflessioni”.

38
La torta in cielo
Notte bianca dei bambini 08/09/2007 - 30/08/2008
“La torta in cielo” è la notte dei bambini, di coloro che non han-
no perso la capacità di trasalire, di fermare lo sguardo, aguz-
zare la vista, tendere l’orecchio. La notte bianca dei bambini
ha come scenario il suggestivo centro storico di Sternatia: allo
stupore di cose mai viste e mai udite, si associa lo stupore per
cose già viste e già udite, che vengono ri-viste, ri-udite e quasi
ri-create.

Valorizzazione e recupero tradizioni e cultura locale


Grande attenzione è stata riservata dall’Amministrazione co-
munale verso forme culturali radicate nella tradizione e nel
territorio, portatrici di una diversità che viene considerata pre-
zioso patrimonio e risorsa da tutelare e promuovere.
A questa impostazione risponde la rassegna internazionale
di musica legata ai riti della Pasqua Canti di Passione, nata
a Sternatia nel 2004 poi estesa a tutta la Grecìa, che ha visto
intrecciare le voci dei cantori di lingua grica con quelle di di-
versi gruppi dell’area euromediteranea. Una iniziativa dall’alto
profilo culturale cui ha voluto dare un contributo con la sua
partecipazione anche Giovanna Marini, una delle figure più
importanti nello studio, nella ricerca e nell’esecuzione della
tradizione musicale popolare italiana. Ospiti tra gli altri: Banda
de Santa Maria del Sur (Spagna) Banda Larga (Portogallo),
Daskali se Kinisi (Grecia), Sirma (Creta), Cantori della passio-
ne di Magliano Sabina (Lazio), Damadakà (Campania).
Altra importante occasione di fecondo incontro interculturale,
sono stati i canti delle Strine, in collaborazione con il Gruppo
culturale Asteria, che nel 2008 hanno incrociato la tradizione
natalizia delle colinde di cui ci hanno fatto dono le donne ru-
mene della nostra comunità.

39
Notte della Taranta
Ad agosto l’appuntamento atteso e ormai tradizionale con la
Notte della Taranta ha visto Sternatia tra le tappe più significa-
tive del Festival itinerante nella Grecìa Salentina; tra gli artisti
e i gruppi ospitati:
Zimbarie, Su d’Est, Kumenei etnomusica salentina, ‘E Zezi
gruppo operaio, Schiattacore, Nando Citarella e i tamburi del
Vesuvio, Nidi D’Arac e i tamburi di San Rocco, Canzoniere Gre-
canico Salentino, Lucilla Galeazzi, Esma Redzepova, Schiatta-
core, Scazzacatarante, Ensemble La notte della Taranta.

Eventi di rilevanza regionale e nazionale


Amplificatori dell’immagine di Sternatia con notevoli ricadute in
termini di indotto turistico ed economico, sono stati una serie di
eventi che hanno attirato l’attenzione sul nostro paese anche
di media nazionali e regionali.
• 31 agosto 2004 Concerto Sud Sound System
• 30 settembre 2006 Concerto Après la classe, in occasione
del decennale della costituzione del gruppo. Ospiti della sera-
ta: Caparezza, Nando Popu e Giuliano Sangiorgi
• 21 settembre 2008 concerto Caparezza
• 29 luglio 2007 Cacioppo
• 2 settembre 2007 Ciciri e tria

Orio to fengo - al sorgere della luna la bellezza


serate all’insegna dei gesti, delle parole, della memoria

Manifestazioni estive
Il tempo dell’estate è stato scandito in questi anni da una serie
di appuntamenti che hanno allietato le serate degli Sternatesi,
costituendo al contempo un efficace veicolo di promozione e
incentivazione del turismo estivo.

40
Teatro
Sono state diverse le commedie in vernacolo portate in scena
da gruppi salentini che hanno registrato una grande risposta di
pubblico. Maggiore e divertita partecipazione hanno raggiunto
le rappresentazioni teatrali del gruppo Avleddha:
• Il denaro non è tutto addu stae quiddu ca manca
commedia in vernacolo di G. De Santis
• Afinnome … sta vota me lassu
commedia in vernacolo di G. De Santis
• La genesi, quando Dio criau la terra
di e con G. De Santis

Altre rappresentazioni:
• Don Chisciotte e Sancio Panza di Cervantes
a cura del Gruppo La Calandra
• Taxi per due
commedia brillante a cura del Teatro La Busacca
• Edipo Re
a cura del Teatro la Busacca
• Il filosofo Xantho e il suo schiavo Esopo
a cura del teatro municipale di Ioannina

Cinema
In questi anni la villa comunale ha ospitato diverse proiezioni
di novità cinematografiche e la rassegna “Serate Visionarie di
corti e giovani autori” a cura di Enea Garrapa.

Concerti
• Orchestra multietnica della Provincia di Lecce
• Rewind
• Serata musica Ska: Shaken, Patchanka Soledada, Easy Skanners
• Ofidea, concerto presentazione CD degli Avleddha

41
• Musica popolare: Asterìa, Athanaton, Manekà, Aracne Medi-
terranea, Alla Bua
• Note sotto le Stelle concerto di Giusy Zangari
• Big Matata, Nyamuio tradicional dancers, uno dei geruppi più
significativi della tradizione del Kenia, nell’ambito della Rasse-
gna della provincia di Lecce “Salento Negroamaro”
• Enrico Baldassarre con l’Orchestra della Magna Grecia
in Concerto de Aranjuez
• Orchestra ICO Tito Schipa di Lecce, diretta dal maestro Mas-
simo Quarta, nell’ambito della Stagione sinfonica 2008 della
Provincia di Lecce
• Cantata per due, concerto di Ivan Della Mea in memoria di
Rina Durante e Aldo De Iaco
• BoomDaBash

Mostre
• “Scorci d’autore” - mostra fotografica di Arnaldo Macchitelli
• Mostra dell’artigianato locale
• Il colore del vento: retrospettiva di Giastin Gravina
• Le straordinarie architetture degli ulivi nel Salento – mostra
fotografica a cura di Antonio Benincasa
• Mostra di lavori realizzati durante i laboratori estivi tenuti dalle
donne del Centro Antama
• Staramascè mostra fotografica di Kash Gabriele Torsello

Mostra Memorie Gigi Specchia 27 gennaio/26 febbraio 2006


Un rilievo particolare merita la mostra di Gigi Specchia “Memo-
rie” a cura di Massimo Guastella. L’esposizione, ordinata negli
storici ambienti dell’ex convento dei Domenicani dal 27 genna-
io/26 febbraio 2006, ha raccolto una trentina di opere in cui la
bellezza ha raccontato l’orrore e si è fatta memoria perché la
vita e la morte di milioni di vittime dell’odio, dell’intolleranza, della
guerra non sia violata dall’offesa della dimenticanza, dell’oblio.

42
L’Amministrazione, in questa sede, intende struita Storie di tabacchine griche a Sternatia
ringraziare l’artista Gigi Specchia per la gene- nel Dopoguerra”.
rosa donazione alla comunità di Sternatia di
28 sue opere, custodite nei bellissimi corridoi Biblioteca
del Municipio, in quella che può essere ormai Accordo di programma quadro per i beni e
considerata una pinacoteca comunale. le attività culturali per il territorio della Regio-
ne Puglia Progetto sistema delle biblioteche
Convegni - Catalogazione del patrimonio librario della
• Alle frontiere del dialogo biblioteca comunale, acquisto di nuovi libri per
• Marzo 1978 Sequestro Moro: un importo di 5.000 euro, adesione al S.B.N.
fine della stagione della solidarietà nazionale? (Sistema bibliotecario nazionale).

Percorsi di lettura
• Parole di carta
itinerario di letture al femminile, in collabora-
zione con il Centro Femminile Antama
• I fiori di Cefalonia,
presentazione del libro di Mino Rollo

Pubblicazioni
• I canti della Passione
• La storia costruita Storie di tabacchine griche
a Sternatia nel Dopoguerra
Archivio storico: Accordo di programma qua-
Progetto Cuis dro per i beni e le attività culturali per il territo-
Progetto per la documentazione della me- rio della Regione Puglia – Progetto degli ar-
moria orale di una comunità grica-salentina, chivi storici in rete – riordino e inventariazione
finanziato dal Consorzio Interprovinciale Sa- dell’archivio del Comune.
lentino, presentato dal Comune di Sternatia di
concerto con l’Università del Salento. Nell’am- Ragazzi in biblioteca; una sezione della bi-
bito di tale progetto sono state istituite 6 borse blioteca comunale dedicata interamente ai
di studio, dell’importo di 2.000 euro cadauna, bambini: progetto già finanziato e di prossima
ed è stato pubblicato il volume: “La storia co- realizzazione.

43
TURISMO
E ATTIVITà
PRODUTTIVE

44
A partire dalla consapevolezza della neces- La vivacità turistica di Sternatia è confer-
sità di politiche di promozione turistica inte- mata dall’incremento, negli anni dal 2004
grate all’interno di aree che superino i confini al 2008, dell’offerta di B&B da 3 a 7, dalla
comunali, di strategica importanza, a questo costruzione di un albergo il Grikò, per un
riguardo, il rapporto con la Grecìa, questa Am- totale di circa 100 posti letto, e dalla costru-
ministrazione ha programmato il recupero e zione di un importante ristorante per ceri-
la salvaguardia dei cosiddetti beni immateriali monie il Mille e una notte.
(tradizioni, lingua) nonché il recupero dei nostri È possibile affermare per difetto di una pre-
centri storici e l’organizzazione di importantis- senza turistica a Sternatia di circa 70.000
sime manifestazioni culturali, che hanno fatto persone l’anno, limitandoci a conteggiare
conoscere il nostro territorio in tutta Italia ed i circa 25.000 visitatori annui del frantoio
in Europa, attirando così centinaia di miglia- ipogeo e i partecipanti agli eventi come la
ia di turisti. Ciò ha già fatto nascere numerose Notte della Taranta, la Torta in cielo, i con-
imprese culturali e dell’accoglienza: alberghi, certi di Caparezza, Apres. Le ricadute eco-
ristoranti, agriturismi, B&B oltre all’indotto eco- nomiche sul territorio di ciò sono indubbie
nomico ad essi collegato. e inconfutabili.
Gli interventi di questa Amministrazione sono Dal 2004 ad oggi Sternatia ha visto la na-
stati indirizzati essenzialmente a favorire un scita di ben 35 tra attività commerciali, ar-
sistema adeguato di accoglienza, attraverso tigianali e di somministrazione, delle quali
l’attivazione di corsi per gli operatori di B&B e solo quattro sono cessate.
per gli operatori turistici e alla programmazio- Tali dati a testimonianza di come la nostra
ne di eventi in grado di dare una ulteriore visi- sia una comunità attiva e viva anche e so-
bilità e attrattività turistica al paese. prattutto dal punto di vista economico.
In tale direzione si inseriscono Progetti quali
“Dalla Taranta al Napolon: strategie di promo-
zione turistica transfrontaliera” che ha realiz-
zato azioni di promozione e di differenziazione
dell’offerta turistica delle aree partner-Comu-
ne di Sternatia e Comune di Scutari - Albania.

45
FINANZIAMENTI

46
Gli interventi illustrati nelle pagine che prece- svolti, quali La Torta in cielo, i concerti de-
dono (Porta Filìa, ex Convento Domenicani, gli Après La Classe, Caparezza, Sud Sound
Madonna dei Farauli, Sottopasso, concerti, La System, lo spettacolo di Cacioppo, i Canti di
torta in cielo, Strada vecchia Sternatia -Zollino) Passione, sono stati realizzati dal Comune di
sono stati possibili grazie alla capacità di que- Sternatia in parte nell’ambito di Progetti Inter-
sta Amministrazione di attrarre finanziamenti reg ed in parte con finanziamenti da sponsor.
pubblici e sponsorizzazioni per un importo to- Le rassegne estive Orìo to Fengo sono state
tale di euro. 2.820.446,66 (duemilioni ottocen- possibili grazie alla presentazione di Progetti
toventimila quattrocentoquarantasei/66). di promozione culturale alla Regione Puglia il
Le Opere pubbliche realizzate ed in corso di cui valore è stato puntualmente premiato con
realizzazione sono state frutto della capacità finanziamenti.
progettuale del Comune di Sternatia e di un’in- Nella pagine che seguono vi è un prospetto
tera Area quale la Grecìa Salentina, di elabo- puntuale dei finanziamenti ottenuti, degli investi-
rare e presentare Progetti per l’ottenimento di menti realizzati ed in corso di realizzazione sul
finanziamenti nazionali ed internazionali. territorio comunale con indicazione delle fonti di
Gli eventi culturali e di promozione turistica finanziamento e della tipologia di intervento.

47
Ente Tipologia finanziamento Finanziamento

UE - Regione Puglia – Grecìa Salentina P.I.C. Interreg IIIA 2000/2006 Italia/Albania € 150.000
Misura 4.2 - Azione 1 “Progetti integrati nei
settori del turismo rurale, dell’arte, della cultura,
della lingua” .
Progetto Dalla Taranta al Napolon: strategie
di promozione turistica transfrontaliera

UE - Regione Puglia – Grecìa Salentina P.I.C. Interreg IIIA Grecia/Italia 2000/2006 € 150.000
Ambiente e patrimonio culturale – Valorizzazione,
recupero e sviluppo dell’ambiente storico
e culturale d’interesse comune
Progetto Olimpio Griko

UE - Regione Puglia – Grecìa Salentina P.I.C. Interreg II Italia/Grecia 1994/1999 € 376.000

UE - Regione Puglia – Grecìa Salentina P.I.C. Interreg IIIA Grecia/Italia 2000/2006 € 25.000
Ambiente e patrimonio culturale – Valorizzazione,
recupero e sviluppo dell’ambiente storico e culturale
d’interesse comune – Progetto Le notti della Grecìa

Regione Puglia Legge regionale 31/74 e 47/85. € 25.500


Concessione contributo per la redazione del PUG

Regione Puglia Legge Regionale 6/04 € 10.000


Programma delle attività culturali per il triennio 2007.2009
Progetto Iche mia fforà – anno 2007

Regione Puglia Legge Regionale 6/04 € 5.000


Programma delle attività culturali per il triennio
2007 – 2009 Progetto Iche mia fforà anno 2008

Regione Puglia Legge Regionale 6/04 € 3.000


Programma delle attività culturali per il triennio
2007 – 2009 Progetto Travudia palea anno 2008

Regione Puglia Regione Puglia – Contributo per acquisto scuolabus € 34.000

Regione Puglia Regione Puglia - Contributi per il potenziamento € 10.000


dell’organizzazione della protezione civile degli enti locali

48
Ente Tipologia finanziamento Finanziamento

Regione Puglia - Provincia di Lecce Accordo di Programma Quadro per i beni € 5.000
e le attività culturali per il territorio della Regione Puglia per acquisto volumi
Progetto “Sistema delle biblioteche”

UE - Regione Puglia – Grecìa Salentina P.O.R. Puglia 2000/2006 – Bando della Regione € 13.000
Puglia per il finanziamento di fondi ai sensi della
misura 6.5 azione A) “Progetti pilota che comprendono
le iniziative e campagne di sensibilizzazione in aree
e contesti sensibili di particolare disagio sociale”
Progetto “I giovani contro la violenza”

Provincia di Lecce Centro Collaboratore dei Centri per l’impiego € 9.000

Provincia di Lecce Provincia di Lecce – Contributo Estate Sternatese 2005 € 2.000

Provincia di Lecce Provincia di Lecce – Contributo per la realizzazione € 222.500


della strada Sternatia - Zollino

Provincia di Lecce Contributo per il recupero dei locali del Municipio € 5.000
destinati al Centro Femminile Antàma

Provincia di Lecce Provincia di Lecce – Contributo per il rifacimento € 20.480


del campetto Matria

CUIS CUIS – Progetto per la documentazione della € 24.000


memoria orale di una comunità grico-salentina - 2007

GAL – ISOLA SALENTO Contributi per la valorizzazione del patrimonio culturale € 10.000

Provincia di Lecce Trasferimento somme per Progettazione Sottopasso € 20.000



Entrate sponsor € 178.850

Provincia di Lecce Contributo per il restauro di un altare € 7.000


della Chiesa Maria SS. Assunta

PIT 9 Misura 6.2 c) Innova PA € 14.432
Progetto di “Innovazione delle tecnologie e delle
infrastrutture telematiche degli Enti locali-Innova PA

49
Ente Tipologia finanziamento Finanziamento

Provincia di Lecce Realizzazione Sottopasso alla linea FSE nel € 1.300.000


Comune di Sternatia

ANAS-Provincia di Lecce Realizzazione rotatoria GESUINI € 20.000

ENEL SOLE Investimento per realizzazione impianti di € 110.684


Pubblica Illuminazione

UE - REGIONE PUGLIA P.O.R. Puglia 2000/2006 – Bando della Regione Puglia € 70.000
Grecìa Salentina per il finanziamento di fondi ai sensi della misura 5.2
“Interventi per la modernizzazione del traffico
e della segnaletica”

Totale finanziamenti ottenuti € 2.820.446

50
Come il Marco Polo delle Città invisibili che racconta a
Kublai Kan i luoghi toccati dai suoi viaggi, anche noi riper-
correndo questi cinque anni abbiamo voluto riferire a voi
cittadini l’ immagine e l’idea di Sternatia che abbiamo re-
alizzato. Aspetto caratterizzante della nostra azione am-
ministrativa è stata la volontà di non scindere mai la città
visibile, quella delle realizzazioni concrete, delle opere
pubbliche, degli interventi che hanno recuperato un nuo-
vo volto al paese, dalla città invisibile fatta di memoria,
desideri, relazioni di persone. In questo, siamo stati sem-
pre guidati dalla precisa intenzione di essere al servizio
della comunità con uno stile improntato alla sobrietà e
alla consapevolezza di scelte sempre aperte al futuro. Un
futuro che abbiamo già iniziato a immaginare.
“Dal mio discorso avrai tratto la conclusione che la vera
Berenice è una successione nel tempo di città diverse.
Ma la cosa di cui volevo avvertirti è un’altra: che tutte le
Berenici future sono già presenti in questo istante, avvol-
te l’una dentro l’altra, strette pigiate indistricabili ”.
I.Calvino

GRAZIE a tutti quegli uomini e donne che hanno creduto in noi e ci hanno supportato nella nostra
esperienza amministrativa.
Un ringraziamento ai dipendenti comunali, ai collaboratori, a tutti coloro che hanno condiviso con noi
la fatica e la bellezza di amministrare, il cui apporto e costante lavoro ha reso possibile la realizzazione
di tutto questo. Un ricordo commosso per Paolo e Nando che in questi anni ci hanno lasciati.
Un ringraziamento particolare ai cittadini di Sternatia che hanno riposto in noi la loro fiducia e che
speriamo possano apprezzare il lavoro da noi svolto.

Sternatia, 23 maggio 2009


Patrizia, Alessandro, Cristina, Massimo C., Massimo M., Massimo V., Antonio, Giorgio, Lucio,
Nadia, Pantaleo, Pierino, Roberta.

51
www.centrostudikairos.com

52

Interessi correlati