Sei sulla pagina 1di 8

la conca

p e r i o d i c o d e l c e nt r o c u l t u r a l e c o nc a f a l l a t a
nu me r o 3 - ma r z o 2 0 1 4 - c o p i a g r a t u i t a
l aconcabl og. bl ogspot . com - @La_Conca_i t
numero 3 - marzo 2014 - anno XXII - Tribunale di Milano, reg. n. 410 del 22.6.96

stato recentemente riesumato dal dimenticatoio in cui era
stato sepolto dalla precedente amministrazione comunale
il piano di recupero dei corsi dacqua
della nostra zona denominato Acque pulite
in zona 5 e presentato nella primavera del
2010. Fu un veterano delle GEV (guardie
ecologiche volontarie), Paolo Forti, a elabo-
rarlo su incarico della direzione del servi-
zio, dopo di che non se ne fece nulla. Ora
stato ripreso con lintento di attuarlo e seb-
bene gli ostacoli da superare siano ancora
molti, importante che questo progetto sia
portato a compimento, soprattutto in una
zona come la nostra, caratterizzata da vaste aree agricole attraver-
sate da numerosi corsi dacqua. Nonostante la costante azione di
sorveglianza delle GEV, molti di questi corsi versano in condizioni
pietose, anche perch il malcostume praticato da chi ha qualcosa
di cui disfarsi li ha ridotti a ricettacolo di rifiuti di ogni genere.
Il progetto di bonifica riguarda il cosiddetto reticolo minore, che
ricade sotto la competenza del Comune. Esso formato da cor-
si dacqua di diversa natura, definiti secondo i casi come canali,
fontanili, scolmatori, fossi, rogge, colatoi, cavi e derivazioni. La
materia regolata da una complessa normativa che rende diffi-
cile lindividuazione del soggetto che ha lobbligo di provvedere
alla manutenzione, uno degli ostacoli pi difficili da superare.
Per raggiungere questobiettivo si sta lavo-
rando a una collaborazione con il Servizio
Vigilanza Ecologica della Polizia locale, che
ha la facolt di consultare il catasto e accer-
tare la propriet dei terreni attraversati dai
corsi dacqua. Una volta individuati i sog-
getti responsabili, siano essi proprietari dei
terreni limitrofi o gestori, si dovr operare
affinch provvedano alla pulizia degli alvei.
La successiva rimozione dei rifiuti pu con-
siderarsi un problema risolto grazie allinte-
ressamento del presiedente del CdZ 5 Aldo Ugliano e allo spirito
civico dimostrato dalla Cormet, azienda di via Cascina Bel Casule
che si resa disponibile a ritirarli e conferirli alle discariche auto-
rizzate a titolo completamente gratuito.
Naturalmente, per la sua vastit, per il numero dei soggetti coin-
volti e per la complessit del percorso da affrontare, lattuazione di
questo programma richieder ancora del tempo, ma c una forte
determinazione a realizzare quello che
si configura come un progetto pilota -
afferma il suo ideatore Paolo Forti - che
potrebbe servire poi da guida alle altre
zone di Milano. da sottolineare la cir-
costanza - prosegue - che praticamen-
te non ci saranno costi a carico della
pubblica amministrazione, ma solo
il grande impegno e la buona volont
di tutti gli operatori, in special modo
delle GEV che in collaborazione con lo
SVE della Polizia locale dovr seguire
e supportare passo passo il cammino
che rimane da compiere. n
orario: luned mattina chiuso
dalle 9.30 alle 13.00 e
dalle 16.30 alle 19.30
Via F. Brioschi 91 Milano
www.pepeverde.com
Tel 02.45494025/328.4560059
info@pepeverde.com
Pepe Verde
dal 1987
il Bio a Milano
Centro Sportivo
Carraro, una pista
in memoria di
Samia Yusuf Omar
IL
Comune di Milano ha recentemente de-
ciso di dedicare una pista di atletica del
centro sportivo Carraro a Samia Yusuf
Omar, latleta somala morta nel naufragio di una
delle navi della speranza che attraversano il Me-
diterraneo per arrivare in Italia. Nata nel 1991 in
una famiglia povera di Mogadiscio, Samia Yusuf
Omar partecip nel 2008 alle olimpiadi di Pechi-
no. Quattro anni dopo intraprese il viaggio attra-
verso il deserto da Mogadiscio a Tripoli, passando
per lEtiopia e il Sudan. Voleva raggiungere lEu-
ropa per trovare un allenatore che la preparasse
per le Olimpiadi di Londra, ma dopo essere salita
su un barcone carico di migranti nella primavera
di due anni fa non giunse mai a destinazione. Lo
scrittore Giuseppe Catozzella le ha dedicato un li-
bro uscito lo scorso gennaio e intitolato Non dirmi
che hai paura. Su proposta del consigliere comu-
nale Alessandro Giungi (PD), la giunta Pisapia ha
deciso di ricordare la giovane atleta di Mogadi-
scio dedicandole una pista di atletica del centro
sportivo Carraro di Gratosoglio. A fine maggio
si terr una festa per lintitolazione della pista
durante la quale sar posata una targa in ricordo
della ragazza somala, le cui speranze sono svani-
te nella fossa mediterranea come quelle di tanti,
troppi altri migranti. n gc
Piano di bonifica dei corsi dacqua della Zona 5
di Gabriele Cigognini
DA NOI PUOI TROVARE
103 tipi di pizza - kebap di puro vitello - polpette al forno
PIZZA LEONE
PIZZERIA DA ASPORTO
DA 8 ANNI A MILANO
LA PIZZA PI BUONA DELLA ZONA 5
*
perch fatta con prodotti di ottima qualit
*
perch cotta nel vero forno a legna
*


*
perch frutto di unesperienza ventennale
*

siamo aperti 365 giorni allanno dalle 11.00 alle 14.30 e dalle 18.30 alle 23.00
CONSEGNA GRATUITA A DOMICILIO
via Isimbardi 19

Tel. 02 848 105 85 - 02 848 910 68


Ripartire dallo spirito del 2011. Il sindaco
Pisapia incontra la zona 5 pag 2
Linea diretta col Consiglio di Zona 5
Parcheggio M2 Abbiategrasso: sospeso linizio
lavori
Universit Bocconi, procede il percorso delle
approvazioni pag 4


Agenda
Le attivit del Centro culturale conca fallata pag 5
Causa comune allAler per i tetti colabrodo
del Gratosoglio sud pag 6
Mobilit in Zona 5, incontro con lassessore
Maran pag 7
Il matrimonio 2.0 di Natascia e Leonardo pag 8
allinterno
C. A. F.
via G. Meda 47 Milano
campagna 730
assistenza e trasmissione
solo 35,00
BAR TABACCHI
piazzale Abbiategrasso
tel . 02. 8464067
SUPER OFFERTA
STUDENTI
cappuccino
+
brioche
2
numero 3
*
marzo 2014 la conca
2
Periodico del Centro culturale conca fallata
Circolo ARCI
via Giovanni da Cermenate 35/a 20141 Milano
Stampa: Tipografia Real Arti-Lego S.A.S
Di Sabatino Raimondo & C. Corbetta (Mi)
Reg. al Tribunale di Milano n. 410 del 22.6.1996
c.f. 971824400156, p. iva 12051280159
Direttore responsabile: Flaminio Soncini
Progetto grafico e impaginazione: Cristina Carli
In redazione: Paolo Castellano, Gabriele Cigognini, Guglielmo Landi,
Alessandro Santini, Vittore Vezzoli, Daniela Zucchi
Hanno collaborato a questo numero: Natale Carapellese, Ottaviano Nenti,
Fabrizio Ternelli, Maurizio Tessari
Le fotografie sono dellarchivio La conca e di Alessandro Santini
www.laconcablog.blogspot.com
Pubblicit: Marilena 333.7029152 - Jolanda 02.89305217
Informazioni: tel. 02.89300806 - 02.8266815
email: info@laconca.org
Aderente alla Rete dei Comitati Milanesi
C/O Cooperativa Barona E. Satta, Via Modica, 8 20142 Milano
email: retecomitatimilano@fastwebnet.it - Tel. 349.4300829
gastronomia
italiana daniel
friggitoria
pollo allo spiedo
primi piatti
venerd pesce
pane e alimentari
CONSEGNA GRATUITA
PRANZO/CENA AGLI ANZIANI
Via Boifava, 74/A - Tel 3208763844
La Primavera di Milano in biblioteca
L
a Primavera di Milano sbocciata. E
non ci riferiamo solo al ritorno della
bella stagione, ma anche alla grande
manifestazione culturale del Comune di
Milano interamente dedicata alla citt e ai
personaggi che hanno dato alla nostra me-
tropoli un respiro internazionale.
Fino a giugno sono in programma spetta-
coli teatrali, mostre, concerti, performance
artistiche, letture pubbliche, proiezioni ci-
nematografiche e altro.
Il Sistema Bibliotecario Urbano ospita nu-
merose iniziative. Sono previsti nove eventi
tematici, suddivisi in sessantatr appunta-
menti programmati in ventuno biblioteche
- alle quali si aggiungono tre sedi esterne
- per estendere questa fioritura di incontri
primaverili in ogni zona.
Tra le diverse iniziative a tema (il calenda-
rio si trova nel sito www.comune.milano.
it/biblioteche), ricordiamo Milano amica,
un ciclo di incontri su Vittorio Sereni e sui
quartieri della citt in cui il poeta vissu-
to e ha lavorato dal 1932 al 1983; MemoMi,
un progetto che racconta la vita a Milano
con video, interviste, testimonianze degli
abitanti; Limmaginazione divertente, un vi-
vace ricordo di Oreste del Buono, scrittore,
giornalista, critico, noto anche per aver di-
retto la famosa rivista Linus; A passeggio per
Milano in compagnia di Savinio, un percorso
guidato nei luoghi cari al famoso letterato,
pittore e musicista.
Per il tema Sguardi sulla citt, il 4 aprile, ore
18, alla biblioteca Fra Cristoforo, sar pre-
sentato il volume Storia e storie dei mercati
generali a Milano, a cura di Stefania Aleni e
Vito Redaelli.
I capitoli dei vari autori nascono da appro-
fondite ricerche documentali e sono illu-
strati con belle fotografie storiche e attuali,
disegni, vecchi progetti. Nelle suggestive
pagine dellopera rivive il fascino della citt
di un tempo.
Sempre alla Fra Cristoforo prosegue fino
al 5 aprile la rassegna fotografica Love, di
Giordano Marco Riboli, con artistiche im-
magini di Milano.
Il 2 aprile, alle 18, ci sar la presentazione
del libro curato da Luisa Fressoia La co-
da della cometa, che riunisce dieci storie di
donne ambientate a Milano negli anni Ses-
santa e Settanta.
Il 12 aprile, ore 10.30, si svolger il labora-
torio creativo per bambini dai 5 ai 10 anni
Bentornata Primavera, condotto da Lia, Or-
nella e Paola, del Centro Ricreativo Cultu-
rale Torretta ( necessaria la prenotazione).
Infine, il 16 aprile, ore 18, nellincontro Piran-
dello, il vuoto dietro la maschera, Carlo Marchesi
reciter brani del celebre autore siciliano. n
di Fabrizio Ternelli
L

assemblea ha inizio con una breve in-


troduzione del segretario del PD me-
tropolitano Pietro Bussolati, che sotto-
linea lo spirito di questo incontro, il primo di
una serie di assemblee nelle zone periferiche
per ascoltare e i problemi e ripartire verso la
citt del futuro. Occorre agire nei prossimi
due anni affinch i cittadini percepiscano con
maggiore chiarezza le azioni positive attuate
dalla Giunta.
Dopo Bussolati seguono gli interventi dei due
presidenti di zona 5 e 6 Aldo Ugliano e Gabrie-
le Rabaiotti. Ugliano chiede pi attenzione
da parte della macchina degli assessorati del
Comune, denuncia difficolt di comunica-
zione in cui spesso prevalgono le emergenze
sulle politiche vere. Propone che le Guardie
Ecologiche siano utilizzate dal Comune anche
per partecipare a progetti di riqualificazione
e ripristino del decoro urbano nelle perife-
rie. Rabaiotti legge una lettera aperta, dura e
appassionata in cui racconta di una periferia
sempre pi in difficolt, sempre pi povera, in
cui non si sente la vicinanza dellamministra-
zione. giunto il momento di pensare a un
nuovo progetto condiviso per la citt.
Gli interventi hanno inoltre sollevato proble-
mi relativi alla situazione dellALER, conside-
rata ormai ingestibile a meno di non interve-
nire immediatamente. Il Sindaco nella replica
ha chiesto alla platea di non essere lasciato so-
lo nellopera avviata e recuperare lo spirito di
partecipazione e proposta che ne ha permesso
lelezione nel 2011. Pisapia ha quindi promes-
so che entro il prossimo anno sar approvato
il nuovo regolamento, in cui sar contenuta
lelezione diretta dei presidenti di zona, men-
tre sulle vicende ALER ha sottolineato che,
seppure il Comune non ha le responsabilit
di altri enti nella gestione, viene spesso indi-
viduato come responsabile della situazione in
atto da parte dei cittadini. Pisapia ha inoltre
affermato di ritenere che laccordo in corso di
definizione con la Regione, porter cambia-
menti positivi. Infine il sindaco ha assicurato
che si avr una semplificazione della macchi-
na comunale e una maggiore attenzione ai
giovani con il rilancio di spazi come lOca (Of-
ficine creative ansaldo) di via Savona. Infine in
vista dellExpo si vuole rilanciare liniziativa
della giunta per favorire e attrarre nuovi inve-
stimenti che mettano in moto attivit produt-
tive per la Milano del futuro. n
Ripartire dallo spirito del 2011.
Il sindaco Pisapia incontra la zona 5
Mercoled 5 marzo si tenuta unaffollata e partecipata assemblea-incontro con
il sindaco Giuliano Pisapia a cui hanno partecipato oltre 130 persone, organizzata
dai circoli del PD delle zone 5 e 6, presso la sala consiliare del Consiglio di Zona 5
di Natale Carapellese
Vedere per capire. Capire la realt del conflitto
israelo-palestinese non facile. Le informazio-
ni non mancano di certo; tuttavia, in molti casi,
si ha la tendenza ad assumere una visione ide-
ologica e pregiudiziale, che spesso sfocia in una
sorta di semplicistica equidistanza. Proprio per
questo, Casa per la pace Milano organizza, anche
questestate, un viaggio in Israele-Palestina, de-
dicato prevalentemente a giovani tra i 20 e i 40
anni. Lesperienza che proponiamo si compone
di visite ai luoghi del conflitto, incontri con asso-
ciazioni e attivisti per i diritti umani, per la pace
e per la lotta nonviolenta contro loccupazione,
condividendo frammenti di vita quotidiana con
i giovani palestinesi dei campi profughi. Lobiet-
tivo permettere ai partecipanti di vedere con i
propri occhi gli esiti del confitto e di capirne le
cause, senza mediazioni e in autonomia, in modo
da poter divenire testimoni una volta tornati in
Italia. Questa in sintesi lesperienza che viene
proposta dalla Casa per la pace.
I dettagli del viaggio
quando
Due settimane centrali di agosto.
target
Il viaggio pensato prevalentemente per giovani
tra i 20 e i 40 anni.
tosto
600,00 a persona (comprendente vitto, allog-
gio, trasporti, guide, formazione pre-partenza).
Dal costo sono esclusi volo aereo e assicurazione
medica.
programma generale
Il viaggio si divide in tre parti:
La prima parte (5 giorni) dedicata prevalente-
mente a Gerusalemme e comprende la visita det-
tagliata della citt (citt vecchia, quartieri arabi a
Gerusalemme Est, colonie, Muro, Gerusalemme
Ovest, museo dellolocausto...). prevista anche
una visita di un giorno a Jaffa e Tel Aviv. Alloggio
in un ostello della citt vecchia di Gerusalemme.
La seconda parte (5 giorni) dedicata alla zona
settentrionale dei Territori Palestinesi. Alloggio in
un appartamento nel centro di Nablus. Sono pre-
viste visite a Nablus, Tulkarem, Jenin e Ramallah.
La terza parte (4 giorni) dedicata alla zona me-
ridionale dei Territori Palestinesi. Sono previste
visite a Betlemme, Hebron e ai campi profughi
attorno a Betlemme. Alloggio presso il campo
profughi di Dheisheh (Betlemme).
formazione pre-viaggio
La partecipazione al viaggio prevede la frequenza
obbligatoria di un weekend di formazione pre-
partenza nel mese di luglio.
iscrizioni e pre-iscrizioni
Tutti coloro che sono interessati al viaggio so-
no invitati a pre-iscriversi. La pre-iscrizione non
comporta alcun vincolo. Tutti i pre-iscritti parteci-
peranno ad un incontro illustrativo del viaggio, al
termine del quale potranno decidere liberamente
se effettuare il viaggio oppure no. Le iscrizioni
definitive si chiuderanno il 30 aprile 2014.
altre informazioni
Per iscriversi o ricevere altre informazioni, con-
tattare:
Casa per la Pace Milano: e-mail tickettopalesti-
ne@casaperlapacemilano.it
Tel. 02.55230332 - Cell. 3298595486 n gl
Unestate diversa: un viaggio di conoscenza in Israele-Palestina
Serata promozionale il 27 marzo presso la Casa per la Pace di via Marco dAgrate 11
numero 3
*
marzo 2014
3
la conca
venerd 4 aprile
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
ore 17.30 saluto del Presidente del Consiglio di Zona 5
Aldo Ugliano
Le associazioni presentano levento Benvenuta Primavera.
ore 18 inaugurazione della mostra degli artisti del
corso di pittura ad olio dellUnitre di Basi-
glio - Milano 3 (docente professoressa Enrica
Garlati)
SPAZIO DEL SOLE E DELLA LUNA - via Dini 7
ore 21 presentazione del libro di Laura Pellicciari
Non smetto di sognare. A cura dellAssocia-
zione centro comunitario Puecher
sabato 5 aprile
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
dalle ore 9 mercato degli agricoltori e mercatino
alle 18 delle associazioni
ore 9.30 laboratorio di panicazione e cottura del pane
nel forno della cascina Campazzo.
A cura della Cooperativa Contina e Associazio-
ne Parco Ticinello
ore 10 yoga della risata con Loretta Bert.
A cura del Centro culturale conca fallata
ore 13 pranzo con gli agricoltori, in collaborazione
con il ristorante Kitchen
dalle ore 15 laboratorio per la conoscenza del traforo
alle 17 su legno. (Marianna Marigo/ Consorzio
SIR)
ore 19.30 cena con musica degli anni 60. Organizza il
ristorante Kitchen.
ore 20.30 Su di Giri con il 45 giri e la canzone popolare. Se-
rata di musica e canto con il gruppo ControCan-
to e i partecipanti al corso di canto popolare
del Centro culturale conca fallata, con Grazia
Grossetto.
BIBLIOTECA CHIESA ROSSA - via S. Domenico Savio 3
dalle ore 14.30 Affabulazioni: letture animate, laboratori
alle 17.30 creativi e merende per tutte le et, or-
ganizza la biblioteca Chiesa Rossa)
domenica 6 aprile
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
dalle ore 9 mercato agricolo e mercatino delle
alle 18 associazioni
ore 10 laboratorio di pittura per grandi e piccini.
(Marianna Marigo/Consorzio SIR)
ore 13 pranziamo insieme, organizza il ristorante
Kitchen.
ore 16 concerto del pianista statunitense Sam Rot-
man. Brani di Mozart, Beethoven, Schubert.
A cura della Chiesa Evangelica Stadera.
luned 7 aprile
COMPLESSO DELLE CASCINE DELLA CHIESA ROSSA
via della Chiesa Rossa 55
ore 10 visita guidata alla chiesa romanica di Santa
Maria Alla Fonte con la professoressa Enrica
Garlati e larchitetto Francesco Grossi. A cura
del Comitato Cascine Chiesa Rossa.
Info: comitatochiesarossa@libero.it
SPAZIO BARRILI - via Barrili 21
ore 19 lezione di tai-chi con il maestro Francesco
Flora.
ore 21 lezione di canto popolare con Grazia Rosset-
to. A cura del Centro culturale conca fallata.
marted 8 aprile
CASCINA BASMETTO - via della Chiesa Rossa 265
ore 16 visita guidata alla cascina Lagricoltura in cit-
t con Maria Grazia Papetti.
ore 16.30 lezione di ortoterapia con Emanuele Piove-
sana, agronomo. T sullaia offerto dal Con-
sorzio SIR e dalla Cooperativa I percorsi
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
ore 18 lezione sullalimentazione La piramide ali-
mentare italiana con Paola Grilli, naturopata
SPAZIO BARRILI - via Barrili 21
ore 19 lezione di hata yoga con Enrico Tamagni, a
cura del Centro culturale conca fallata
BIBLIOTECA CHIESA ROSSA - via S. Domenico Savio 3
ore 18.30 presentazione del libro di Giuseppe Deiana
Nel nome del figlio, organizza la Biblioteca
Chiesa Rossa e lAssociazione Centro Comu-
nitario Puecher
ore 21 serata di tango argentino, a cura di Marcelo
Caracoche.
mercoled 9 aprile
SPAZIO BARRILI - via Barrili 21
dalle ore 10 lezione di Feldenkrais con Francesca
alle 11 Fabris, a cura del Centro culturale
conca fallata.
ore 15 manifatture e buona compagnia. A cura del
Laboratorio Donne Simpatiche.
BIBLIOTECA CHIESA ROSSA - via S. Domenico Savio 3

dalle ore 18 terzo incontro del ciclo sui diversi tipi
alle ore 20 di scrittura e linguaggi. A cura di Fabrizio Mon-
tecchi, responsabile artistico della Compagnia
dOmbre - Teatro Gioco Vita
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
ore 18 presentazione del laboratorio di editoria cre-
ativa, a cura di Liber-I libri liberi
SALONE SOTTO CHIESA - via Neera 24
ore 21 Ensemble , concerto con musiche di Bach,
Mozart, Paisiello e Piazzolla, a cura dellAs-
sociazione Mi.Mu.Sa.
gioved 10 aprile
CENTRO DI AGGREGAZIONE MULTIFUNZIONALE - via Palmieri 20
ore 15.30 canzoni milanesi dal vivo con Teresa della
Martesana ed Enrico Tamagni, a cura del Cen-
tro culturale conca fallata
SPAZIO BARRILI - via Barrili 21
ore 17 lezione di teatro per bambini con Livia Rosato,
a cura del Centro culturale conca fallata
ore 18.30 lezione di ginnastica ipopressiva con Adele
Gorgato, a cura del Centro culturale conca
fallata
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
ore 18 lezione di giardinaggio domestico con Laura
Pagani, agronomo
ore 21 Improvvisamente primavera, spettacolo di
improvvisazione teatrale, a cura della Com-
pagnia del Teatro del Vigentino. Rinfresco
BIBLIOTECA CHIESA ROSSA - via S. Domenico Savio 3
ore 21 incontro con il prof. Claudio Gallonet sul tema
Gli sviluppi della rivoluzione russa e lavvento
del fascismo in Italia, organizza la Biblioteca
Chiesa Rossa
venerd 11 aprile
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44

dalle ore 10 La giornata del Ben-essere della persona.
alle ore 18 Prove pratiche e consulenze (yoga-reiki-
shiatsu-ori di Bach-massaggi con le
pietre-feldenkrais-massaggio metamor-
co). Coordina Franca Vecchio. Prenotazioni
3383270979
ore 20.30 serata dedicata alla bellezza, alla musica e
alla poesia. Proiezione video in ricordo del
prof. Emilio Del Giudice. Lettura di poesie con
il Laboratorio di parole condotto da Ester Gran-
cini. Laura Peco e Anna Verderio al pianoforte,
brani a quattro mani di Debussy e Satie.
SPAZIO DEL SOLE E DELLA LUNA - via Dini 7
ore 21 presentazione del libro di Ercole Ongaro,
Resistenza non violenta 1943-1945, a cura
dellAssociazione Centro Comunitario Pue-
cher.
sabato 12 aprile
SERRA LORENZINI - via dei Missaglia 44
dalle ore 9 mercato degli agricoltori e mercatino
alle 18 delle associazioni
ore 10 yoga della risata con Loretta Bert, a cura del
Centro culturale conca fallata
ore 13 pranzo con gli agricoltori, organizza il risto-
rante Kitchen
ore 16 lezione di danze greche con Nicoletta Batti-
stella, a cura del Centro culturale conca fal-
lata
ore 17 Quando arrivano i lupi... spettacolo di narra-
zione per bambini con musica dal vivo, con
Livia Rosato e Mario Toffoli con merenda per
i bambini (Centro culturale conca fallata)
ore 19.30 cena a tema (risi e blues), organizza il risto-
rante Kitchen
ore 21 serata jazz con Michelangelo Decorato, a
cura dellAssociazione Mi.Mu.Sa.
COMPLESSO DELLE CASCINE DELLA CHIESA ROSSA
via della Chiesa Rossa 55
ore 10 visita guidata alla chiesa romanica di Santa
Maria Alla Fonte con la professoressa Enrica
Garlati e larchitetto Francesco Grossi. A cura
del Comitato Cascine Chiesa Rossa.
Info: comitatochiesarossa@libero.it
BIBLIOTECA CHIESA ROSSA - via S. Domenico Savio 3
ore 16 presentazione, con letture animate e musi-
che, del libro per bambini Un sogno vero di
Laura Boerci, organizza la Biblioteca Chiesa
Rossa
SPAZIO DEL SOLE E DELLA LUNA - via Dini 7
ore 16 percorso guidato per la conoscenza dei siti
storici della zona 5 (Centro Comunitario Pue-
cher- Cascine Chiesa Rossa - Cartiera Binda
- Baia del Re quartire Stadera - Fabbrica Gra-
zioli). Fine percorso allo Spazio Barrili. Con il
professor Giuseppe Deiana. A cura dellAsso-
ciazione Centro Comunitario Puecher
domenica 13 aprile
COMPLESSO DELLE CASCINE DELLA CHIESA ROSSA
via della Chiesa Rossa 55
dalle ore 9 La campagna in citt mercato dei contadini,
alle 18 organizza la C.i.A. in collaborazione con il Cir-
colo dei Talenti, e mercatino delle associazioni
ore 10 biciclettata con partenza da via Dini 7. Percor-
so: Parco del Ticinello - Ronchetto delle Rane
- Cascina Basmetto - Cascine Chiesa Rossa.
ore 10.30 laboratorio di improvvisazione teatrale con
Isabella Cremonesi. A cura del teatro del Vi-
gentino
ore 12.30 pranziamo insieme
TEATRO DEL VIGENTINO - via Matera 7
ore 18 spettacolo MATCH di improvvisazione teatrale
CASCINA CAMPAZZO - via Dudovich
ore 16 festa degli aquiloni, a cura dellAssociazione
Parco del Ticinello
ore 19 chiusura dellevento Benvenuta Primavera,
edizione 2014
BENVENUTA PRIMAVERA IN ZONA 5
EDIZIONE 2014
programma dal 4 al 13 aprile
Il programma ancora in corso di definizione e pu subire delle variazioni nei prossimi giorni
Per info: Conca Fallata 3396104535 Associazione Puecher 3687760893 Associazione Parco Ticinello 3479649154 Consorzio Sir 3452524912 C.R.C.Torretta 3425983118
Comitato Cascine Chiesa Rossa 3388782370 info@laconca.org info@serralorenzini.it
Organizzano e partecipano:
Centro Culturale Conca Fallata / Laboratorio di Parole / Associazione Centro Comunitario Puecher / Comitato Cascine Chiesa Rossa / Consorzio SIR / Coop I Percorsi /
Associazione Mi.Mu.Sa. Milano Musica e Sapere / Associazione Parco Ticinello / Chiesa Evangelica Stadera / Biblioteca Chiesa Rossa / Serra Lorenzini / Associazione
C.R.C.T. / Teatro del Vigentino / Fondazione Don Gnocchi Centro Vismara / La Campagna in citt - C.I.A. / C.A.F. / Circolo dei Talenti
numero 3
*
marzo 2014 la conca
4
Nelle scorse settimane la Giunta ha deliberato la
riqualificazione dellimmobile comunale di viale
Toscana 31, dando cos il via al percorso di re-
cupero e riutilizzo della struttura dove, in questi
mesi invernali, sono state ospitate temporane-
amente alcune persone senzatetto nellambito
del piano di accoglienza del Comune di Milano.
Ledificio di oltre mille metri quadrati di superficie
sar messo a bando e dato in concessione per dieci
anni, per realizzare sul territorio progetti culturali,
sociali ed educativi di interesse pubblico.
Viale Toscana 31 rinascer come una realt poli-
valente, in cui potranno insediarsi piccole attivit
produttive, lavorative e artigianali nel campo del-
la creativit, dellentertainment, della comunica-
zione, della moda, del design. Spazio anche alle
diverse forme di espressione artistica e culturale:
musica, teatro, cinema, arti plastiche, visual art. In
programma anche iniziative di formazione, wor-
kshop e corsi aperti ai cittadini, accanto a unof-
ferta di servizi articolata e diversificata rivolta a
studenti, lavoratori, visitatori, city users.
Le attivit, inoltre, saranno finalizzate alla valoriz-
zazione dei nuovi talenti, alla promozione
dellimprenditorialit giovanile e alla pro-
duzione creativa. Potranno partecipare al
bando associazioni senza scopo di lucro,
onlus, cooperative sociali, fondazioni con
finalit sociali, ma anche enti e aziende
pubbliche o private con sede a Milano,
comprese le forme associate previste dalla
legge. concessa la partecipazione anche
in forma di raggruppamento temporaneo
finalizzato allattuazione del progetto.
Il concessionario che, per dieci anni, rea-
lizzer le funzioni culturali, sociali ed edu-
cative previste dal bando, dovr eseguire
tutti gli interventi di recupero edilizio per
garantire lagibilit e la funzionalit dellimmo-
bile. Inoltre dovr provvedere allarredo e allal-
lestimento degli spazi e alla manutenzione ordi-
naria e straordinaria. Il canone di concessione
di 18.355,18 euro allanno. n
in breve
Raccolta differenziata:
Milano e Vienna le migliori
citt dEuropa
Milano ha raggiunto nel mese di gennaio
2014 il 48,3% di raccolta differenziata,
con un incremento rispetto allo
stesso mese del 2013 di quasi 7 punti
percentuali. Contemporaneamente, i rifiuti
indifferenziati sono calati del 13%. Sono
questi alcuni dei risultati ottenuti da Milano
con lestensione della raccolta dellumido
anche alle utenze domestiche, partita a
fine 2012 e che oggi interessa tre quarti
della citt (entro lanno si estender a tutta
Milano).
LAssessore del Comune di Milano alla
Mobilit ed Ambiente, Pierfrancesco
Maran, ha dichiarato: grazie allumido e
allintroduzione del sacco trasparente, in
due anni, Milano passata dal 34,5 al 48,3%
di differenziata. E lobiettivo di superare il
50% sempre pi vicino, dato che entro
lanno la raccolta dellumido sar estesa
anche allultimo quarto della citt. Con
questi Milano oggi , insieme a Vienna,
la migliore citt europea sopra il milione
di abitanti. Per Expo puntiamo, grazie al
lavoro di Amsa e alla collaborazione di tutti i
cittadini, a diventare la capitale della raccolta
differenziata. n gl
Ciclabile Milano-Pavia,
sottopassi di Binasco
allagati
Anche questinverno, come del resto i
precedenti, ha lasciato il segno sui muri
dei sottopassi della ciclabile Milano-Pavia.
Questa volta un po pi in alto del solito
a causa della stagione piovosa, ma ci che
interessa ai ciclisti che le due gallerie
di Binasco della pista Milano-Pavia sono
di nuovo allagati. Fin dal primo inverno
successivo allinaugurazione dellallora
amministrazione provinciale Penati il
drenaggio risultato insufficiente e di
anno in anno la situazione si aggravata.
Nonostante le proteste dei ciclisti che
frequentano la pista, finora nessun rimedio
stato adottato. A occhio e croce anche
questanno bisogner aspettare la bella
stagione affinch i due stagni di acqua
piovana si prosciughino, sperando che la
fanghiglia che si depositata sul fondo non
sia tale e tanta da formare un pantano. n gc
Parco di via Aicardo,
restauro del campo di
basket
Entro la met di marzo partiranno i lavori
per la rimessa a nuovo del campo di
basket del parco di via Aicardo. Lattuale
pavimentazione danneggiata in pi
punti, costellata di vistosi dislivelli,
sar completamente rifatta, cos come
lattrezzatura. I nuovi canestri saranno
posti a unaltezza pi adeguata alla statura
dei fruitori del campo. Gli attuali, a 3,5
metri dal suolo, sono pi adatti ai watussi
che notoriamente non abitano la zona.
Per quanto, lattuale altezza servita a
preservarli dal malvezzo mutuato dai
professionisti del basket, di appendervisi
per mostrare entusiasmo dopo la marcatura
di un canestro, con il risultato di scardinarli
pi spesso che no. n gc
Lavori in corso in via
Boffalora
Via Boffalora, la strada che unisce il naviglio
pavese a via Ian Palach, rester chiusa per
lavori in corso fino alla fine di marzo. Il
cedimento della sede stradale ha infatti reso
necessario il rapido intervento del Comune.
Laccesso consentito ai soli residenti,
mentre il quartiere Ex-Binda raggiungibile
unicamente dalla tangenziale o da via
Moncucco. n as
Cosa sta avvenendo riguardo al parcheggio per la M2 in piazza Ab-
biategrasso?
Proprio stamattina, accompagnato da alcuni cittadini del quar-
tiere Cantalupa, sono andato a vedere un parcheggio di circa 300
posti macchina vuoto, non utilizzato, vicino al capolinea della M2
Assago sud. un parcheggio a raso, a piano terra. Ci sono poi altri
spazi disponibili che non sono stati adibiti a parcheggio in base
allaccordo fra Comune di Milano, Comune di Assago e Provincia
di Milano.
Quindi?
Quindi diventa singolare che in questo contesto si vadano a spen-
dere 20 milioni (da 16 milioni che erano, sono gi stati revisionati
a 20) per costruire un costoso parcheggio interrato nei pressi di
piazza Abbiategrasso. Per questo io ho proposto al vicesindaco Ada
Lucia De Cesaris e allassessore ai trasporti Pierfrancesco Maran
di bloccare linizio lavori per una pausa di riflessione.
Tu cosa proponi?
Propongo di non fare il parcheggio in piazza Abbiategrasso e at-
trezzare a parcheggio tutti gli spazi disponibili ad Assago. E con-
temporaneamente di fare parcheggi a linee blu (a pagamento) va-
lidi dalle ore 8 alle 14, a partire dalla circonvallazione della 90-91
fino ai limiti sud del Comune, gratuiti per i residenti, che saranno
muniti di un apposito contrassegno. Inviteremo tutti quelli che
oggi sono diretti alla M2 di piazza Abbiategrasso a convergere sui
parcheggi di M2 Assago sud. E quelli che vorranno comunque en-
trare in citt e parcheggiare intorno a piazza Abbiategrasso, trove-
ranno aree a strisce blu e dovranno pagare. Insomma chiaro che
lobiettivo scoraggiare gli automobilisti ad entrare in citt.
pi o meno la linea che La conca ha sempre sostenuto. Noi invitava-
mo anche il Comune di Milano a reperire aree per parcheggi a raso in
zona Gratosoglio- Rozzano
Lo so. Come sappiamo che da Rozzano a piazza Abbiategrasso c
una linea su sede propria, la 15, praticamente una metropolitana,
che viene rinforzata a Gratosoglio dal tram 3. Proprio di queste si
devono servire i pendolari che attualmente entrano in automobile
in citt. Abbiamo laspirazione di fermarli il pi allesterno pos-
sibile. Comunque la mia proposta abbozzata. Il prossimo mer-
coled 12 marzo avr un incontro con la vicesindaco e assessore
allurbanistica De Cesaris e lAssessore alla mobilit e ambiente
Maran per esaminarne la fattibilit. Ci sono altre notizie che per
ora non posso confermare. Io chieder che almeno 5 dei 20 mi-
lioni che verranno risparmiati siano accantonati per opere utili
in Zona 5. Per quanto riguarda le aree comunali eventualmente
disponibili nei dintorni di Gratosoglio, non mi risulta che ce ne
siano.
Siamo preoccupati per la cascina Campazzo, la cui messa in sicurezza
era legata allinizio lavori per il parcheggio. Parti della cascina sono in
pericolo di crollo.
Non ci sono problemi: i soldi ci sono comunque. La messa in si-
curezza della cascina la priorit degli interventi in Zona. I lavori
dovrebbero iniziare a breve, solo questione di lentezza degli atti
burocratici. n fs
Parcheggio M2 Abbiategrasso: sospeso linizio lavori
Intervista al presidente del CdZ 5 Aldo Ugliano
linea diretta col consiglio di zona 5
L

Universit Bocconi, dopo aver acquisito lintera area dellex Centra-


le del latte, sta progettando la trasformazione delle sue strutture.
Il 12 gennaio del 2012 si tenne un Consiglio di Zona straordina-
rio sul tema Illustrazione del progetto di sviluppo dellUniversit Bocconi.
Bruno Pavesi, consigliere delegato della Bocconi, fece allora una ve-
loce descrizione del progetto. In sostanza i dirigenti dellUniversit
proponevano di concentrare intorno alla sede di via Sarfatti molte
delle funzioni dellateneo allora disperse in un territorio molto va-
sto, di aumentare i posti letto per gli studenti e di
potenziare lofferta formativa.
Naturalmente larea di intervento pi vasta era
quella dellex Centrale del latte, che dovr ospitare
una nuova business school in sostituzione di quella
in via Balilla, un centro sportivo-ricreativo con pi-
scina coperta, campi da pallacanestro e volley, area
fitness, spazi per manifestazioni teatrali, musicali,
un piccolo supermarket, uno sportello bancario, un
ufficio postale e un bar. Previsto inoltre un nuovo
edificio per la residenza di docenti e studenti e un
parcheggio sotterraneo di 500 posti auto. Nellarea
in questione, in sostanza, circa 13.000 m
2
saranno
edificati mentre 22.000 saranno trasformati a verde
che andr a congiungersi con quello del parco Ravizza. Il consigliere
Pavesi precis allepoca del primo incontro che era gi stata indet-
ta una gara internazionale per la progettazione a cui partecipavano
11 architetti di fama mondiale, di cui sei italiani. Lanciato anche un
concorso di idee per gli studenti di architettura e del Politecnico.
Il 26 marzo 2014 si tenuta una seduta della commissione urbani-
stica del CdZ 5 durante la quale gli incaricati della Bocconi, Dott. Di
Blasi e Arch. Vitillo hanno aggiornato la situazione.
La gara internazionale stata vinta dallo studio giapponese Sanaa.
I tecnici della Bocconi spiegano che il progetto ancora di massima
e precisano che lattuale passaggio in commissione del CdZ 5 fatto
per tenere costantemente informato il Consiglio e la cittadinanza
sullevoluzione della pratica.
Viene sottolineato che piscina ed altri servizi saranno aperti alla cit-
tadinanza, in orari e a prezzi che saranno convenzionati ad hoc. Si
prevede che il passante ferroviario della Mi- Mortara, che transita
appena oltre e parallelo a viale Tibaldi, possa realizzare una fermata
vicina allUniversit.
Il dibattito che segue esplicita una sostanziale approvazione del pro-
getto con alcuni dubbi sulla pedonalizzazione di via Sarfatti e sullal-
tezza della torre residenziale di 15 piani. Il progetto passer poi alle
tappe successive fino allapprovazione finale della giunta e del consi-
glio comunale. Attualmente sono in corso lavori di bonifica dellarea
ex-Centrale del latte e si prevede un inizio lavori entro il 2014 e un
fine lavori entro il 2019- 2020.
Nel mese di gennaio 2014 la Commissione per il
paesaggio del Comune di Milano aveva espresso
un parere sospensivo sul progetto, motivandolo co-
me segue: Gli elaborati presentati per quanto con-
cerne la sistemazione degli spazi aperti e i piani
terra degli edifici non appaiono sufficientemente
chiari e approfonditi e ancora Appaiono poco ap-
profondite e non convincenti le sistemazioni del-
lo spazio pubblico delle vie Sarfatti, Gobbi e Sraf-
fa che, pur introducendo utili e interessanti nuovi
spazi pedonali nel tessuto della citt, impongono
un disegno inspiegabilmente disurbano. Ed altro.
Da allora i vertici della Bocconi e il Comune si sono
incontrati pi volte.
Il progetto, rivisto in Commissione del paesaggio ne ha avuto lap-
provazione ed quindi riapprodato alla Commissione urbanistica
del CdZ 5.
Ada Lucia De Cesaris, vicesindaco e assessore allUrbanistica, pre-
sente ai lavori della Commissione in CdZ 5, dichiara: Lintervento
che porter alla nascita del Campus della Bocconi molto impor-
tante ed normale che sia stato chiesto da parte nostra un approfon-
dimento. Lavoreremo insieme per migliorare il progetto, rendendo-
lo compatibile con il territorio, negli interessi dei cittadini.
Restano alcuni dubbi espressi anche in Commissione del CdZ 5 e dai
cittadini sul sovraccarico della viabilit locale, che dovranno essere
fugati. n
Universit Bocconi, procede il percorso delle approvazioni
di Flaminio Soncini
Dopo lo stop imposto
dai tecnici del
Comune il progetto
stato aggiustato
e approvato dalla
commissione per
il paesaggio e rinviato
per informazione
al CdZ 5.
Riqualificazione dellimmobile di via Toscana 31
Bando del Comune di Milano per lutilizzo di un nuovo spazio per larte e la creativit dei giovani
di Guglielmo Landi
FISIOTERAPIA
A DOMICILIO
*
RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA
*
FISIOTERAPIA STRUMENTALE
DR J. TURANI
COLLABORATORE FONDAZIONE
DON GNOCCHI DAL 1988
TEL. 02.8132888/339.5641485
numero 3
*
marzo 2014
5
la conca
21 marzo * ore 20.45
presso lo Spazio del Sole e della Luna, in via Dini
7, si terr lincontro, promosso dallAssociazione
Centro Comunitario Puecher, Evoluzionismo e
darwinismo, temi storici e sviluppi attuali. Modera
Giuseppe Deiana, presidente dellAssociazione
Puecher, relatore Marco Ferraguti, professore
di evoluzione biologica Universit degli Studi di
Milano. Introduce Adriana Sagristano, docente
di scienze del Liceo Allende Milano. Interviene
Vincenzo Magi, docente di storia e filosofia del
Liceo Allende Milano.
22 marzo * ore 20
presso la Fabbrica dellEsperienza, in via Brioschi
60, avverr la presentazione del romanzo Nel nome
di Marco di Michele Marzani. Un incontro per
conoscere e porre domande direttamente allautore.
A dieci anni dalla scomparsa di Marco Pantani,
Michele Marziani scrive un romanzo in cui il mito
del Pirata, tra ascesa e caduta, viene ripercorso nella
personale vicenda del protagonista, un ex sacerdote
che ha lasciato la tonaca per sposare la donna che
ama, ma che vive come una punizione la sofferenza
per la malattia e la diversit del figlio nato da quel
matrimonio. Fino a trovare da ultimo uninattesa,
sorprendente risposta.
dal 27 marzo al 6 aprile * ore 20.45 (domenica ore 16)
al Teatro Ringhiera di via Boifava, andr in scena Yerma
con Mariangela Granelli, Maria Pilar Perez Aspa e
Francesco Villano; adattamento e regia di Carmelo
Rifici. Yerma il nome che Federico Garcia Lorca
scelse per la protagonista femminile del suo secondo
dramma popolare e come titolo dello stesso testo.
dal 29 al 30 marzo * ore 20.45
(domenica ore 16.45)
al Teratro Pim Off di via Selvanesco, andranno in
scena gli spettacoli di danza a cura del CollettivO
CineticO, XD scritture retiniche sulloscenit dei denti
e No, non distruggeremo il Pim Off. Lesilarante e
assurdo quartetto dallumorismo asciutto prende
il nome dallemoticon che rappresenta lapoteosi
della felicit (o lidiozia cronica).
4 aprile * ore 20.45
presso lo Spazio del Sole e della Luna in via Dini 7,
promosso dallAssociazione Centro Comunitario
Puecher si terr lincontro Non smettere di sognare,
storie di strada a Citt del Guatemala, in occasione della
presentazione del libro di Laura Pelliciari, Non smetto di
sognare, Ramingo Edizioni 2013. Sar visitabile anche
una mostra fotografica. Modera Giuseppe Deiana,
presidente dellAssociazione Puecher e intervengono
Laura Pellicciari, fotografa e cooperante e Andrea
Genzone, educatore interculturale.
11 aprile * ore 20.45
allo Spazio del Sole e della Luna di via Dini 7,
promosso dallAssociazione Centro Comunitario
Puecher si terr lincontro La resistenza senzarmi,
in occasione della presentazione del libro di
Ercole Ongaro, Resistenza nonviolenta 1943-45,
I libri di Emil-Odoya 2013. Modera Giuseppe
Deiana, presidente dellAssociazione Puecher,
intervengono Andrea Cattania, responsabile
sezione Anpi Fiore-Garancini Stadera Milano,
Vittorio Bellavite, studioso del mondo cattolico e
Ercole Ongaro, Direttore dellIstituto Lodigiano di
Storia della resistenza (Ilsreco).
agenda
W
le iniziative del centro
culturale conca fallata
Il Centro Culturale Conca Fallata
prosegue nel suo impegno di
aprire lo spazio di via Barrili 21
anche alla cittadinanza, attraverso
eventi culturali e corsi rivolti ad
adulti e bambini. Vi aspettiamo
tutti per sostenere le nostre
iniziative.
Per ogni informazione troverete
la segreteria aperta il marted,
mercoled, gioved e venerd dalle
17 alle 19, e potrete telefonare ai
numeri 338.3270979 - 339.6104535
(progetto ben-essere) o 339.6104535
- 333.7029152 (progetto cultura).
e-mail: info@laconca.org
spazio barrili
via Barrili 21
7 - 14 - 28 aprile e 5 - 12 - 19 maggio
* dalle ore 9 alle 22
La scrittura terapeutica: 6 incontri con
Sonia Scarpante. La scrittura fatica,
sollievo, nutrimento, spaesamento,
trascendenza. Il suo esercizio
quotidiano ci solleva dalla vita dal
suo iter usuale e ci sazia come il pane
di cui abbiamo bisogno per vivere.
La scrittura ci rende forti, altruisti,
provocanti e generosi. Ci commuove
e ci adira . Ci nobilita, La scrittura
gioca con tutte le emozioni della vita.
Calarci in quelle emozioni significa
rigenerarci, non abbiate resistenze,
perch la penna fa il resto.
Informazioni ed iscrizioni
info@laconca.org
tel. 3289204252 3383270979
centro comunitario
puecher
via Dini 7/a interno 1 piano
26 marzo * ore 19
presentazione del corso Impariamo
il francese. Insegnante madrelingua:
Anne-Veronique Cussac. Il livello
del corso dipender dalle persone
interessate.
Informazioni ed iscrizioni: info@
laconca.org 3289204252 3474183262
serra lorenzini
via dei Missaglia 44/2
angolo via De Andr
tutti i sabati
Agri-cultura in serra mercato degli
agricoltori
L
a biblioteca Chiesa Rossa si aperta ai cittadi-
ni il 24 marzo 2004, giusto 10 anni fa.
il momento buono per fare un bilancio della
sua attivit con Pasquale La Torre, che fin dallini-
zio ne assunse la direzione.
I primi tempi non furono facili. La biblioteca ce-
ra: bella, funzionale e frutto del sapiente restauro
di unantica cascina, in piena attivit agricola fino
agli anni 60.
Quello che mancava era il resto. Il terreno tuttin-
torno era un cantiere in attivit. Per raggiungere
lingresso era stato ricavato uno stretto sentiero
sterrato che diventava fango alle prime piogge.
Inoltre la biblioteca Chiesa Rossa era pensata
in sostituzione di una precedente struttura che
operava in via Boifava, dove oggi sono gli uffi-
ci dellanagrafe. In tale biblioteca, fino ai pri-
mi anni 90, le cose andavano abbastanza bene
con una crescita di lettori che arrivarono a 100
giornalieri. Poi, a partire dal 94, un brusco calo
delle presenze, fino a una media di 30 al giorno.
La ragione? La convivenza problematica con il
vicino dispensario del Sert (Servizio recupero
tossicodipendenze). In ogni caso la biblioteca
di via Boifava chiuse definitivamente i battenti
allinizio del 2000.
In altre parole, i 100 lettori al giorno che andavano
in via Boifava, hanno avuto tutto il tempo per abi-
tuarsi ad altre biblioteche o forse per disamorarsi
alla lettura. Gli inizi per la nuova Biblioteca Chiesa
Rossa furono quindi difficili.
Solo dal 2009 le cose hanno preso a girare per il
verso giusto e la biblioteca cominci a registrare
numeri apprezzabili e crescenti, sia discritti (cio
delle persone che ne hanno usato i sevizi), sia di
prestiti.
Negli ultimi cinque anni laumento stato costante
e regolare, sia per gli iscritti che per i prestiti, con
un incremento che nei due casi si colloca attorno
al 30%.
I numeri sono confortanti e le persone contente,
dice La Torre, che tuttavia subito aggiunge: Questi
dati dovrebbero essere messi in relazione con i po-
tenziali lettori. Poich il bacino dutenza della bi-
blioteca (che tiene conto delle altre biblioteche del-
la Zona 5) raccoglie circa 60 mila persone, chiaro
che ci sarebbe moltissimo lavoro ancora da fare.
Il rapporto tra iscritti e residenti nel bacino dutenza
della nostra biblioteca tra il 7 e l8%, un dato lieve-
mente superiore alla media cittadina, che intorno
al 5/6%.
C moltissimo lavoro ancora da fare, come dice
La Torre, ma il risultato non da buttar via.
Da un lato sfata il luogo comune che descrive le
periferie come luoghi di scarsa cultura, ma daltro
lato anche, secondo unopinione diffusa in Zona,
il risultato di una politica di porte aperte attuata nel
tempo dalla biblioteca Chiesa Rossa.
Non abbiamo detto no ad alcuno, commenta La
Torre, che tuttavia aggiunge con una punta dama-
ro: a volte siamo stati lasciati abbastanza soli a ge-
stire le richieste.
Tanto per fare un esempio, lanno scorso il Co-
mune deliber la disponibilit dei fondi con-
cessi alla biblioteca solo a novembre, lasciano
cos alla biblioteca solo due mesi per usare le
risorse. Tutti possono facilmente immaginare
le grandi e inutili complicazioni che la lentezza
della macchina comunale impose alla gestione
delle attivit.
Diversi e positivi sono invece i rapporti con i citta-
dini e le associazioni. Le uniche lamentele riguar-
dano la pulizia, e non senza qualche ragione.
Lappalto per la pulizia infatti blindato, osserva La
Torre, e prevede un intervento di 10 ore alla setti-
mana. Troppo poco per ambienti non piccoli, fre-
quentati da 200 300 persone al giorno. Fortuna-
tamente c un gruppo di volontari promosso dalla
parrocchia di Santa Maria in Chiesa Rossa che pu-
lisce il porticato esterno della biblioteca. Fin che
dura un grosso aiuto.
Per il resto, ora che il parco sistemato e accoglien-
te, e che la struttura porticata di fronte alla biblio-
teca ripristinata e gestita dal Circolo dei talenti, lu-
so del parco fa sinergia con la Biblioteca. Di fatto,
osserva La Torre, molti hanno preso a frequentare
la biblioteca perch attratti dal parco e molti uten-
ti della biblioteca, soprattutto nella bella stagione,
preferiscono studiare allaperto, sotto il porticato
dove, se vogliono, possono prendere una birra, ma
dove nessuno li caccia se non consumano.
Il parco e la biblioteca, conclude La Torre, non
possono essere a frequentazione limitata.
Ed anche un invito ad andare spesso in uno dei
luoghi pi belli della Zona 5. n
Il Comune di Cevo sorge in Valsavio-
re, valle laterale della Valcamonica,
allinterno del Parco regionale dellA-
damello. Dai suoi 1100 metri domi-
na da uninvidiabile posizione tutta
la media Valcamonica: la splendida
vista panoramica giustifica di per s
una visita al paese, che si sviluppa a
mezza costa, ben esposto al sole ai
margini di una bellissima Pineta
La zona stata teatro di importanti
azioni partigiane durante la seconda
guerra mondiale ed nota anche
per lincendio del paese da parte di
fascisti e tedeschi: il 3 luglio 1944, vie-
ne bruciato il paese di Cevo per rap-
presaglia contro i partigiani. 151 case
vengono totalmente distrutte, altre
48 rovinate e 12 saccheggiate; furo-
no uccise 6 persone: Cesare Monella,
Francesco Biondi, Giacomo Monella,
Giovanni Scolari, Domenico Rodella,
Giacomina Biondi. Su una popola-
zione di circa 1200 abitanti rimasero
ben 800 senza tetto.
Il Centro culturale conca fallata,
lAssociazione centro comunitario
Puecher e lIstituto peda-
gogico della Resistenza
organizzano per domeni-
ca 11 maggio una gita con
visita al paese di Cevo, al
museo della resistenza
e ai luoghi dei combatti-
menti partigiani.
Con loccasione vi sar
anche uno scambio di
testimonianze fra i rap-
presentanti della Comunit di
Cevo (Sindaco, ANPI, Museo della
Resistenza) che porteranno a co-
noscenza i partecipanti dei fatti ac-
caduti nel 1944 e la testimonianza
sulla figura di Giancarlo Puecher
portata dal prof. Giuseppe Deiana.
La giornata avr il seguente svolgi-
mento:
ore 7
*
ritrovo a Milano in Via S.
Domenico Savio
ore 10
*
arrivo a Cevo (BS) e scam-
bio testimonianze presso la sala
comunale.
ore 11
*
visita al Museo della Resi-
stenza
ore 12.30
*
pranzo presso la Casa
del Parco
ore 14.30
*
visita ai luoghi partigia-
ni (circa unora di sentiero facile)
ovvero visita ai luoghi storici del
paese.
ore 17.30
*
ritorno a Milano con ar-
rivo previsto alle ore 19.30
Prenotazioni e informazioni: Wal-
ter 3425983118 - Sandro 3396104535
info@laconca.org
gita a cevo
domenica 11 maggio
Presentato il comitato a sostegno della lista
Laltra europa con Tsipras
Gioved 13 marzo, in via Barrili, si svolta lassemblea pubblica che ha visto la nascita
del comitato di zona 5 a sostegno della lista Laltra europa con Tsipras nelle prossime
elezioni europee del 25 maggio. La lista nasce in seguito allesperienza greca del
partito Syriza, che stato in grado di unire le principali forze di opposizione alle
politiche di austerity imposte dallEuropa. Fortunatamente la situazione italiana non
, per il momento, paragonabile a quella greca, tuttavia il fiscal compact e il piano
di rientro del debito pubblico prevedono che dal 2015 lItalia restituisca 40 miliardi
di euro ogni anno per 20 anni. La lista, che sostiene il leader greco Alexis Tsipras co-
me presidente della commissione europea, sorta grazie a figure provenienti dalla
societ civile ed appoggiata anche da Sinistra Ecologia e Libert e Rifondazione
Comunista. n as
La biblioteca Chiesa Rossa
ha 10 anni e cresce bene
di Vittore Vezzoli
le macerie di Cevo dopo
lattacco dei fascisti nel 1944
numero 3
*
marzo 2014 la conca
6
Iniziati i lavori in
piazza 24 Maggio.
Termine previsto:
24 febbraio 2015
Disagi al traffico fino al 30
settembre. prevista una parziale
pedonalizzazione di piazza 24
Maggio, la riapertura di un tratto
del corso interrato del Ticinello e la
ricostruzione del mercato comunale
I lavori per la nuova piazza 24 Maggio
dovevano partire a novembre, ma sono
cominciati solo pochi giorni fa. Secondo
le previsioni, si concluderanno a fine feb-
braio dellanno prossimo.
La nuova sistemazione della piazza par-
te della riapertura della Darsena e seguir
le linee del progetto della Bodin ed Asso-
cies, lo studio di architettura che a suo
tempo vinse il concorso internazionale
bandito dal Comune di Milano.
Il progetto, per quanto riguarda piazza
24 Maggio, prevede la pedonalizzazione
del lato ovest contiguo alla Darsena e la
riapertura di un tratto del canale Ticinello
con il ripristino del ponte delle gabelle, la
struttura in mattoni del 1400 venuta alla
luce lestate scorsa.
Il mercato comunale sar completamen-
te rifatto e avr una sorta di terrazza sulla
Darsena dove, seduti al tavolo, si potran-
no consumare bevande.
Alla fine dei lavori una parte della piazza
dovrebbe diventare un luogo di aggrega-
zione e non, com ora, un convulso nodo
di traffico.
Le auto continueranno invece a passare
sul lato est, verso viale Gian Galeazzo e via
Col di Lana. n vv
Lavori in corso:
informazioni per luso
Da oggi fino al 30 settembre 2014
Chiusura al traffico delle vie: Gori-
zia -Manusardi - Scoglio di Quarto -
Ascanio Sforza. Queste strade avran-
no il fondo chiuso sul lato verso
piazza 24 Maggio.
Inversione del senso di marcia in via
Lagrange.
Istituzione del doppio senso di mar-
cia in Ascanio Sforza (da Lagrange
a Scoglio di Quarto) e in Scoglio di
Quarto, fino al 15 maggio. Dopo tale
data queste due ultime vie avranno
un doppio senso di marcia da e per
piazza 24 Maggio, mentre verr cre-
ata una viabilit provvisoria, interna
al cantiere, fino a viale Gorizia.
In corso S. Gottardo il transito dei
veicoli avverr con direzione obbli-
gatoria verso Col di Lana, e viceversa.
Sulla Cerchia dei Bastioni il traffico
sar difficile a causa dei lavori.
Dal 1 luglio al 30 settembre 2014
Chiusura totale di corso S. Gottardo
e viale Col di Lana, che avranno fon-
do chiuso verso piazza 24 Maggio.
Dal 1 ottobre 2014 fino al 24 febbraio
2015
Riapertura delle vie precedente-
mente interrotte, secondo la nuova
viabilit. Riduzione a una corsia per
senso di marcia sulla Cerchia dei Ba-
stioni.
Deviazioni di percorso dei tram 3 e 9
Il 3 durante i lavori si collegher al
percorso del 15, lungo via Col di La-
na e Corso Italia
Il 9 sar sostituito da un minibus che
passer da via Gian Galeazzo a via
DAnnunzio
Al termine dei lavori, sia il 3 che il 9
riprenderanno i percorsi abituali
Per informazioni potete chiamare il nu-
mero verde della Polizia locale 800 368
636, attivo dal luned al venerd, dalle
9.00 alle 18.00
I
l particolare degrado del Gratosoglio sud
nasce nel momento in cui si decise di con-
centrare le risorse rese disponibili dal con-
tratto di quartiere nella parte nord, che peraltro
in quel momento aveva pi urgenti necessit
dintervento.
A novembre dellanno scorso la pressione con-
giunta del Comune, del Comitato di quartiere
e dei sindacati inquilini convinse la Regione a
chiedere al Governo il permesso di spostare 2,8
milioni avanzati dal Gratosoglio nord sulla ma-
nutenzione dei tetti colabrodo della parte sud.
Come i lettori ricorderanno i soldi avanzati
vengono principalmente dai risparmi della ge-
stione del contratto di quartiere del Gratosoglio
nord e dalla rinuncia a realizzare la casa per gio-
vani coppie.
I 2,8 milioni sarebbero stati sufficienti per ri-
parare 10 tetti (meno della met dei 22 necessa-
ri, ma meglio di niente!) e per riqualificare al-
cuni aspetti di via Baroni nonch larea a verde
pubblico del pratone.
Lo sblocco dei soldi da parte del Governo ar-
rivato il 5 novembre 2013. A quel punto per lA-
ler non cerano alibi, e infatti, dopo non pochi
contorcimenti, lente promise diniziare entro
il gennaio di questanno i lavori relativi ai pri-
mi quattro tetti, quelli giudicati pi urgenti.
stata solo lultima di una lunga serie di pro-
messe non mantenute.
Ma questa volta successo anche di peggio.
Il 19 febbraio scorso in Consiglio di Zona c
stato un incontro richiesto dal Sunia, dal Co-
mitato di quartiere e dalle associazioni attive sui
problemi del quartiere. Argomento: verificare
il programma dei lavori sul Gratosoglio sud re-
si possibili dalla disponibilit dei 2,8 milioni.
Cerano tutti, compreso il Comune di Milano.
Mancavano la Regione e lAler. Semplicemente
non si sono fatti vedere.
A questo punto successo quello che spes-
so accade in Italia quando cadono le braccia e
sembra che non ci sia pi speranza: si ricorre a
mamma Giustizia.
Ma andiamo con ordine. Il Sunia, il Comitato
di quartiere, lo Spi, il Circolo nuova societ, il
Ccct Zona 5, lo Scrinio, la parrocchia Maria Ma-
dre della Chiesa e Viviam centanni hanno in-
detto unassemblea pubblica il 12 marzo al Cam
di via Saponaro con due obiettivi.
Organizzare un presidio di inquilini Aler sot-
to la Regione Lombardia in via Fabio Filzi il
18 marzo alle 11 per costringere lAler, sia a
rispettare gli accordi per le manutenzioni al
Gratosoglio sud, sia a ripristinare le agevo-
lazioni concordate per le fasce pi deboli, e
unilateralmente cancellate dallAler nei mesi
scorsi.
In secondo luogo proporre agli inquilini una-
zione legale collettiva contro lAler per ottenere
linizio dei lavori e il risarcimento dei danni.
Allassemblea introdotta da Livio Manera era-
no presenti, tra gli altri, il presidente del CdZ
Aldo Ugliano e il segretario del Sunia Stefano
Chiappelli.
Lavvocata Lina Colnaghi, legale del Sunia, ha
chiarito che la proposta non una vera e pro-
pria class action, per la quale mancano i pre-
supposti, ma unazione legale collettiva che
prevede come primo passo obbligatorio la con-
vocazione dellAler davanti a un apposito orga-
nismo di mediazione che deve esaurire i suoi
lavori entro 90 giorni.
La discussione stata vivace, ha mostrato tutta
la rabbia dei cittadini verso lAler, ma alla fine
le due proposte hanno avuto la generalit dei
consensi.
I gratosogliesi si sono dati appuntamento mar-
ted 18 alle 9,30 davanti alledicola di Gratoso-
glio nord per andate tutti insieme sotto le fine-
stre della Regione e hanno deciso dincontrarsi
nuovamente la settimana successiva per valu-
tare il risultato della manifestazione e, sopra
tutto, per concordare con lavvocata i dettagli
tecnici dellazione legale.
Chiappelli ha infine informato lassemblea
che Paola Bulbarelli, assessora regionale alla
casa, incontrer una delegazione del Sunia e
deglinquilini alle 11 dello stesso giorno della
manifestazione. Evidentemente la decisione
del sindacato, e forsanche la novit dellazione
legale, hanno impressionato i piani alti della
Regione. n vv
Causa comune allAler per i tetti colabrodo del Gratosoglio sud
D
omenica 13 aprile, alle ore 10 in via Ne-
era 7, si svolger uniniziativa pubblica
organizzata dalla sez. ANPI Garanzini-
Fiore per ricordare due importanti figure
della Resistenza milanese e della nostra zona:
Piero Francini e Paolo Garanzini. Due storie
di operai e partigiani che hanno dato un gran-
de contributo con la loro opera alla libert e
democrazia che seguita con la nascita della
Repubblica costituzionale Italiana. Allincon-
tro sar presente Antonio Pizzinato Presiden-
te onorario di ANPI Regionale. Alliniziativa
partecipano, il Partito Democratico, che ospita
liniziativa, e Il circolo di Sinistra Ecologia e
Libert Centopassi della zona 5. Con loccasio-
ne verr presentato il libro di Alberto Magnani
sulla figura di Piero Francini.
Qui di seguito un breve ritratto delle due figure
Piero Francini
Il libro di Alberto Magnani: Piero Francini - Un
operaio nella storia del Novecento racconta la
vita di Piero che insieme la storia politica di
una generazione, di un tessuto sociale, di sen-
timenti e lotte che nel leggere, fanno rivivere
anche a quanti non hanno vissuto quegli anni.
Il libro come un affresco con tanti particola-
ri, ogni capitolo un quadro, un ritratto foto-
grafico che ci porta indietro nel tempo in una
Milano che oggi non esiste pi, le cui tracce
restano nella mente di molti uomini e donne,
nelle pieghe di un territorio industriale, resi-
denziale che ha cambiato da tempo il suo volto
di cascine e fabbriche. Piero nasce a Mairano
nel 1908, nella Bassa fra il milanese e lodigia-
no, da una famiglia contadina che quasi ogni
anno costretta a fare San Martino, cio andare
di cascina in cascina quando finisce la stagione
di lavoro ai primi di novembre, per trovare un
nuovo padrone. cos che la sua famiglia arriva
nei pressi di Gratosoglio, alla cascina Annone e
successivamente alla cascina Venina. Frequen-
ta le scuole elementari alla Chiesa Rossa, negli
anni Venti si trasferisce alla cascina Pilastro nel
rione di Piazza San Luigi. Piero frequenta una
scuola a indirizzo industriale in via Giulio Ro-
mano e appena finito il militare viene assunto
alla Motomeccanica. Giovanissimo, diventa de-
legato sindacale e la sua curiosit lo porta a stu-
diare anche musica. Proprio questa passione gli
permetter di mimetizzarsi meglio nella clan-
destinit ed entrare a far parte del dopolavoro
aziendale e restando vicino ai lavoratori, negli
anni difficili dello scioglimento dei sindacati e
partiti democratici.
Chi ha conosciuto Francini lo descrive come un
uomo schivo, modesto, con nessuna velleit di
apparire. Del resto tutta la sua vita sta l a di-
mostrarlo. Eppure proprio a figure come la sua
dobbiamo tanto e in particolare, se la Resisten-
za nelle fabbriche a Milano, ha avuto gli esiti
che conosciamo, ci dovuto in parte anche al-
la sua opera. La storia di Piero dentro la storia
dItalia, di Milano, la citt di fabbriche impor-
tanti. Organizzare le lotte in quelle fabbriche
difficile e complicato: Francini fra i protago-
nisti degli scioperi del 43 e nel dopoguerra, fino
agli anni Settanta dirigente sindacale FIOM.
Paolo Garanzini
Paolo Garanzini abitava nella nostra zona, nel-
le villette di edilizia popolare del quartiere Ba-
ravalle. Quartiere sostituito oggi dal parco in-
titolato, lo scorso 14 Settembre dal Sindaco di
Milano Giuliano Pisapia Parco della Resistenza.
Paolo visse e lavor nella nostra zona per tutta
la vita, facendo politica e opponendosi al re-
gime fascista. Lavorava alla TIBB (Tecnomasio
Italiano Brown Boveri) dove fu tra gli organiz-
zatori degli scioperi promossi dal Comitato di
agitazione clandestino nel marzo 1944, sciope-
ri che videro la partecipazione di oltre 200.000
lavoratori delle industrie di Torino, Milano e
Genova: il pi grande sciopero nellEuropa oc-
cupata dai nazisti. Il 25 Luglio del 43 lo trov
quindi pronto allopera di liberazione. Dopo
l8 Settembre la sua opera infaticabile nella
propaganda e nellazione antifascista nella
Resistenza divenne per lui un pericolo aperto
e continuo che non cerc di evitare, poich la
polizia nazi-fascista non tard ad individuare
in lui un temibile nemico, deciso ed irriduci-
bile. Svolse la sua attivit nellorganizzazione
politica e militare della Brigata Garibaldi SAP
di Porta Romana. Fu arrestato il 24 agosto 1944
e sottoposto a violente torture dai fascisti del-
la Muti, venne ucciso il primo Settembre in
localit Cassinino, frazione di Pavia. Proprio
il luogo delluccisione, studiato volutamente
lontano da Milano, lo ha privato di un rico-
noscimento formale con apposizione di una
lapide nella nostra zona. Sentiamo di avere un
debito di riconoscenza particolare verso di lui
che con le sue azioni ha contribuito a conse-
gnarci unItalia finalmente libera dalla barba-
rie fascista e dalloppressione nazista.
Il primo febbraio 2014, nel corso del congresso an-
nuale della sezione ANPI L.Fiore - Stadera, gli
iscritti hanno deciso di ampliare lintitolazione del-
la sezione al partigiano Paolo Garanzini. n
Area ex Arturo Lorenzi,
il Comune firma lintesa
con lAsl per intervenire
sul tema amianto
Dopo la diffusione dei dati relativi
allamianto negli edifici della zona 5,
La conca affronta un altro problema di
rischio ecologico: la situazione dellex
stabilimento Arturo Lorenzi di via Bazzi
P
er anni lo stabilimento Arturo Loren-
zi di via Bazzi 12 si occupato di trat-
tamenti chimici ai metalli. Dopo la
chiusura dello stabilimento e la condanna
del proprietario in sede penale per lo sver-
samento di liquidi tossici (cromo esavalente)
nel terreno restano danni significativi allam-
biente. Nellex-stabilimento si concentrano
sostanzialmente due grossi problemi: linqui-
namento da sversamento di cromo esavalen-
te nel terreno e la presenza di amianto nelle
coperture, con relativo rischio di ammalora-
mento e dispersione nellaria delle pericolose
fibre, con potenziali effetti cancerogeni.
Per quanto riguarda il cromo i pozzi da cui
lacquedotto milanese prende lacqua sono
ad una profondit notevole e distanti da via
Bazzi, tuttavia larea deve essere bonificata. I
costi della bonifica, prevedibilmente molto
elevati, dovrebbero ricadere sul proprieta-
rio, tuttavia il Comune pu intervenire per
mettere a disposizione le risorse necessarie.
stato cos predisposto un piano di caratte-
rizzazione ambientale, ovvero una descrizio-
ne del sito e unanalisi atta a prefigurare le
soluzioni tecniche di intervento. Per quanto
riguarda invece il problema dellamianto,
il Comune ha recentemente sottoscritto
unintesa con lAsl per integrare il protocollo
esistente di collaborazione sul tema. Linte-
grazione consente lintervento sostitutivo
del Comune in luogo del proprietario restio
ad operare, con addebito dei costi al mede-
simo; il Comune si avvale dei servizi com-
petenti dellAsl per i controlli tecnici. Fabio
Tra, coordinatore di Sinistra Ecologia e
Libert della zona 5 che ci ha segnalato la
questione, afferma inoltre che: lintesa tra
Comune e As un passo importante ed in-
novativo sul tema amianto. Attendiamo con
interesse lesito dei controlli nelledificio di
via Bazzi, anche perch tale area confina con
il liceo Agnesi, dove genitori ed insegnanti
pongono la dovuta attenzione alla questio-
ne. La vicinanza ad un luogo frequentato
ogni giorno da centinaia di persone una
ragione in pi per fare presto. n
Ricordo di Piero Francini e
Paolo Garanzini
di Natale Carapellese e Maurizio Tessari
di Alessandro Santini
numero 3
*
marzo 2014
7
la conca
programma
delle attivit
della biblioteca
chiesa rossa
aprile 2014
1 aprile ore 18.00
sala del Grechetto presso la Biblioteca Sormani:
presentazione degli atti del 1 convegno Latte &
linguaggio tenutosi alla Biblioteca Chiesa rossa
il 19 e 20 maggio 2012
Interverranno: Luigi Ballerini, Michele Corti,
Pasquale la Torre, Laura Zanetti
2 aprile ore 21.00
Proiezione del film Lenfant sauvage di Francois
Truffaut
3 aprile ore 18.30
Presentazione del libro Un museo a cielo aperto.
Il cimitero monumentale di milano di Carla De
Bernardi e Lalla Fumagalli
3 aprile ore 21.00
Il cile di oggi a 100 giorni dall inizio del secondo
governo di Michelle Bachelet
Con Tullio Quaianni , Commissione
Internazionale di SEL di Milano, Felice Besostri,
Presidente Rete Socialista-Socialismo Europeo,
Lucy Rojas, Presidente Alpiandes.
A cura di Alpiandes, associazione culturale
cilena.
Aderiscono Associazione PROFICUA e
Movimento cittadini dal mondo.
5 aprile dalle ore 14.30 alle ore 17.30
Affabulazioni, letture animate, laboratori
creativi e merende per tutte le et. A cura di
Unfilmaivisto
8 aprile
ore 18.30
Presentazione del libro Nel nome del figlio di
Giuseppe Deiana
ore 21.00
Una noche de tango: il Tango si racconta con la
musica, il ballo e le parole. A cura di Marcelo
Caracoche
9 aprile dalle ore 18.00 alle ore 20.00
Ciclo di quattro incontri sui diversi tipi di
scrittura e linguaggi a cura di ATIR
3 incontro
Fabrizio Montecchi
12 aprile ore 16.00
Presentazione con animazione del libro per
bambini Un sogno vero di Laura Boerci
13 aprile
Biblioteca aperta dalle ore 10.00 alle ore 18.00
14 aprile ore 19,30
Mapuches, il popolo della terra e lo storico debito
dello Stato cileno
Con: Claudia Borri , Docente di Storia latino-
americana, Facolt di Scienze Politiche (Universit
Degli Studi , Milano), specializzata in Storia del
Cile (Univ Statale di Santiago); Marisela Pilquiman,
cileno/mapuche ,Ricercatrice Universit di Valdivia
(Cile), specializzata in Geografia Umana (Universit
Autonoma di Madrid)Conduce Lucy Rojas.
Traduzioni italiano/spagnolo . Tonka Mimica.
Proiezioni , Skipe , Michele Sessa. Aderiscono
Associazione Proficua e Movimento cittadini dal
mondo.
15 aprile ore 21.00
Proiezione del film Il sospetto di Alfred
Hitchcock
MOSTRE
Dal 9 al 30 aprile
Parla-Mi: fili colorati usati per creare un insieme di
piccoli e audaci disegni geometrici. Linstallazione
vuole essere un percorso di riscoperta dei rapporti
umani nella loro semplicit.
A cura del Dipartimento di Salute Mentale di
Duino Aurisina (Trieste)
tutte le iniziative sono gratuite
e a ingresso libero fino ad
esaurimento posti
EL.DAT. di Cosenza Stefania
SERVIZIO C.A.F., GESTIONE CONTABILIT e
DICHIARAZIONE REDDITI
Via Bellarmino 25
Cell. 338 46 48 642 E-mail: stefaniariefolo@libero.it
SPAZIO BARRILI
VIA BARRILI 21 - MILANO
uno spazio disponibile per feste
di compleanno, lauree, riunioni
condominiali,
assemblee varie e altro
Per informazioni:
CENTRO CULTURALE CONCA
FALLATA - CIRCOLO ARCI
tel. 3396104535 - info@laconca.org
Il dramma sociale per la mancanza di case
popolari non sta per arrivare: gi tra noi.
A Milano, nel mese di gennaio, le famiglie
che hanno maturato e certificato il diritto ad
avere subito una casa sono state 498, che si
aggiungono alla coda delle 23 mila domande
che aspettano da tempo una risposta. Delle
498 richieste maturate a gennaio, 228 sono di
famiglie che hanno subito lo sfrattato, quasi
sempre (nel 90% dei casi) perch non aveva-
no i soldi dellaffitto. Sono praticamente in
strada.
Di fronte a questa disperata domanda di un
tetto, sempre nel mese di gennaio, sono stati
assegnati 48 alloggi popolari: 40 del Comune
(che a Milano ne possiede 28 mila) e 8 dellA-
ler, che invece ne dispone di 58 mila, inclusa
la Provincia. E non uneccezione. Nel 2013,
dei 1177 appartamenti assegnati, 615 erano
del Comune e 562 dellAler.
In altre parole, alla cronica mancanza di una
politica di edilizia popolare da parte dei Go-
verni nazionali, si aggiunge una particolare
inefficienza dellAler milanese.
Intanto veniamo a sapere che lAler, invece
di assegnare il pi rapidamente possibile gli
alloggi vuoti e combattere seriamente labu-
sivismo, ha trovato il tempo per ristrutturare
i palazzi di Gheddafi in Libia con i soldi che
avrebbero potuto essere usati (ad esempio)
per riparare i tetti del Gratosoglio.
stato almeno un investimento redditizio?
Figurarsi! Hanno pure perso soldi. n vv
L
o scorso 2 marzo presso il circolo
PD di via Neera si tenuto un in-
contro con lassessore alla mobilit
Pierfrancesco Maran. Lappuntamento
servito a fare il punto su ci che stato
fatto finora e soprattutto a verificare lo
scarto fra le realizzazioni e le aspettative
della Zona.
Occorre innanzitutto registrare un
cambiamento culturale introdotto dal-
la giunta di centrosinistra ha esordito
lAssessore. Un paio danni fa si parla-
va dinceneritore, ora di raccolta diffe-
renziata che si avvicina ormai al 50%; di
ecopass, la cui filosofia era: chi inquina
paga, ora di area C, che ha abbattuto sta-
bilmente gli ingressi nellarea del 28%; di
tronconi scollegati di piste ciclabili, ora
del completamento della pista Medaglie
dOro-Lodi-Chiaravalle e del piano per la
creazione di una rete.
LAssessore ha proseguito il suo interven-
to illustrando il successo del car sharing,
ora esercitato da due compagnie mentre
una terza in procinto di entrare in gio-
co. In sei mesi sono state rilasciate 100
mila tessere. Secondo le stime pi pru-
denti ogni veicolo del car sharing elimina
lutilizzo di quattro auto private. Se con-
tinua il trend positivo delle richieste, si
potr legittimamente parlare anche sot-
to questaspetto di un cambio culturale
non di poco conto, perch molti saranno
indotti a pensare che non sia necessario
utilizzare la propria automobile per cir-
colare in Milano.
Un altro capitolo ha riguardato o svilup-
po del programma bike-mi. Le biciclet-
te pubbliche sono attese ormai da tanto
tempo in periferia, soprattutto al capo-
linea della linea 2 del metr di piazza
Abbiategrasso, ma la loro diffusione si
arrestata alla circonvallazione. E questo
stato uno dei motivi di malcontento
espresso dai cittadini convenuti allin-
contro. In generale si lamentato il fatto
che nella Zona 5 non si visto un granch
nel campo della viabilit. Non solo le bici
pubbliche non sono ancora arrivate, ma
neanche i tronconi delle piste ciclabili la-
sciati dalla precedente amministrazione
non sono mai stati collegati in maniera
da creare una rete effettivamente fruibi-
le dalla cittadinanza. Riguardo alla loro
manutenzione, si costatato che prati-
camente assente.
Le maggiori rimostranze sullargomento
si sono registrate a proposito delle mo-
difiche apportate dagli uffici comunali
allitinerario della pista ciclabile elabo-
rato dalla Zona 5, con la partecipazione
di abitanti ed associazioni, che dovreb-
be collegare la periferia sud al centro. Il
percorso proposto parte da Gratosoglio
e attraversa i quartieri pi popolosi (vie
Montegani, Neera, Isimbardi, Cermenate,
Brioschi, Tabacchi, Sarfatti ecc.) chiara-
mente finalizzato allutilizzo quotidiano
per tragitti di lavoro e studio. La modifica
del Comune lha spostata verso una zo-
na pi esterna (Dudovich, Treccani degli
Alfieri), poco abitata, pi adatta alle gite
domenicali che alluso giornaliero.
Nella replica, Maran ha spiegato che li-
tinerario scelto dalla Zona non attua-
bile perch la pista sottrarrebbe troppo
spazio alla sosta delle automobili. In vie
non molto ampie e densamente popola-
te sorgerebbe la sindrome del non nel mio
giardino, gi verificatasi in altri casi del
genere. Tutti sono favorevoli alle piste
ciclabili, purch non passino sotto casa
propria. Il residente si lamenta perch
deve lasciare la propria vettura lontano
da casa, il negoziante perch gli auto-
mobilisti hanno difficolt a fermarsi per
fare compere, i pedoni perch temono lo
sfrecciare delle biciclette e cos via.
Riguardo alla cosiddetta terza fase del
programma bike-mi, lanno prossimo le
stazioni mobili delle bici pubbliche im-
piegate nella zona dellExpo 2015, termi-
nato levento, saranno spostate e riutiliz-
zate per coprire la fascia che dalla circon-
vallazione si estende verso la periferia.
Nella Zona 5 sono previste stazioni nelle
vie Montegani, Boeri, Benaco, Spadolini
e piazza Abbiategrasso. Il piano prevede
inoltre lintroduzione di mille biciclette
(in tutta la citt) con motore elettrico, a
beneficio di chi soprattutto gli anziani
amerebbe spostarsi in bicicletta, ma non
riesce a pedalare.
Per quanto concerne la mancata con-
nessione delle piste ciclabili e delle altre
opere non realizzate, lAssessore confer-
ma la gi nota mancanza di fondi dovuta
ai tagli praticati dal governo nazionale.
Si augura che sia praticabile la proposta
avanzata dal presidente del CdZ 5 Aldo
Ugliano (di cui parliamo in altro artico-
lo su questo numero), di rinunciare alla
costruzione del parcheggio in piazza
Abbiategrasso e di destinare parte dei
fondi gi stanziati per la sua costruzione,
allesecuzione delle opere che mancano
allappello. n
centro culturale conca
fallata
circolo arci
adesioni 2014
Solo grazie al tuo contributo potremo continuare ad
offrire quello che altri fanno pagare a caro prezzo:
cultura e informazione.
iscrizione centro culturale conca
fallata
tessera arci 2014
euro 20
Per aderire: bonifico bancario sul c/c 1323
intestato al Centro presso Banca Popolare di
Milano Ag. 43 Via Romeo 14 20142 Milano IBAN:
IT05R0558401643000000001323 ovvero puoi recarti
tutti i mercoled e gioved dalle 17,30 alle 19.00 presso i
locali di via Barrili 21.
Per informazioni:
3396104535 - info@laconca.org
contiamo sul tuo sostegno
Mobilit in Zona 5, incontro con lassessore Maran
di Gabriele Cigognini
Aumentano gli sfratti
e lAler butta i soldi per
i palazzi di Gheddafi
numero 3
*
marzo 2014 la conca
8
Milano, Via Spezia 33 - Tel: 02.89511002 - Fax: 02.89504896
mail: milano.un35382@agenzia.unipolsai.it
POLIZZE DI ASSICURAZIONE PER LA CASA, GLI INFORTUNI,
PENSIONI INTEGRATIVE, R.C. PROFESSIONALI, R.C. AUTO,
PREVENTIVAZIONE E CONSULENZA GRATUITE
PROFESSIONALIT E CORTESIA AL VOSTRO SERVIZIO
Natascia e Leonardo, lei illustratrice per
bambini e lui fotografo, lo scorso 24 gennaio
hanno deciso di sposarsi dopo 17 anni di con-
vivenza. Hanno celebrato la cerimonia con
pochi intimi e informato i conoscenti tramite
un messaggio pubblicato sulla loro bacheca
Facebook. Da quel momento uno tsunami di
commenti e auguri hanno invaso la pagina
del social network dei due sposini. La Conca
ha voluto approfondire la questione e capire
per quale motivo Il matrimonio sia diventato
un evento social.
Per quale motivo il vostro matrimonio di-
ventato un argomento cos dibattuto sul web?
Non avevamo detto niente a nessuno. Dopo
la cerimonia abbiamo fatto il nostro selfie
nel parchetto e pranzato in una trattoria per
studenti. Per correttezza abbiamo diffuso la
notizia su Facebook tramite un annuncio me-
ditato. Dopo poco tempo la bacheca stata in-
vasa di messaggi. Non avevamo comunicato a
nessuno il fatto che ci saremmo sposati. Ecco
perch diventato un grande evento social!
Con lintenzione di un matrimonio in sor-
dina: volevamo solo firmare un documento
risparmiandoci i crismi del caso. Bisognava
per passare per una cerimonia ufficiale con
la presenza di due testimoni. Per questo non
abbiamo sparso la voce.
Perch avete deciso proprio ora di sposarvi?
17 anni fa ci siamo fidanzati, dopo due anni
abbiamo avuto la nostra prima figlia e cos ab-
biamo deciso di mettere su famiglia. Non c
stata unesigenza immediata di sposarci. Ave-
vamo e abbiamo molti amici che non si sono
sposati e non lo trovavamo strano. Non ci sia-
mo posti subito la domanda del matrimonio
- il grande passo - , forse dopo che Natascia
rimasta incinta ci abbiamo riflettuto su ma
non ci siamo decisi. C stata un minimo di
riflessione per il matrimonio: lo considera-
vamo come una sorta di contratto, un obbli-
go sociale, un atto convenzionale legato alle
abitudini consumistiche e religiose, come se
qualcosa dallalto te lo imponesse. Una forma-
lit, un rito. Per libert di scelta quindi non ci
siamo sposati ed i nostri figli erano al corren-
te della situazione. Noi siamo partiti col pre-
supposto di poter dimostrare che la famiglia
si pu creare partendo solo dallamore, da un
sentimento profondo.
Anche una sorta di battaglia politica?
Ovvio, si aperta una domanda politica anche
perch, ripeto, non cera una vera necessit.
Ma abbiamo cambiato idea con lemanazione
della legge che ha equiparato la condizione
dei figli illegittimi e naturali a quelli legit-
timi. Volevamo inoltre conservare la nostra
libert di scelta, valorizzare il nostro rappor-
to di coppia. Che differenza cera rispetto ad
una coppia sposata in comune o in chiesa?
Non era giusto non avere gli stessi diritti del-
le coppie sposate quando si decide di unirsi
e di vivere assieme. Se pensiamo ai risvolti
pratici, prima dei recenti cambiamenti, ave-
vamo minori tutele soprattutto verso i figli.
Paradossalmente se ci fosse capitata una di-
sgrazia non avremmo saputo quello che sa-
rebbe potuto accadere ai nostri due ragazzi.
15 anni fa avevamo fatto una festa per la nostra
decisione di andare a vivere insieme. Unoc-
casione in cui ci sono stati i nostri genitori,
i nostri amici, e anche qualche regalo. Ovvia-
mente i nostri genitori non erano convinti
della nostra scelta ma hanno rispettato la de-
cisione.
Dobbiamo dire che oggi stato emozionan-
te varcare le soglie di Palazzo Reale. Dopo la
cerimonia abbiamo scattato qualche fotogra-
fia coi nostri figli ed stata proprio una bella
giornata. n
Lincontro con lassessore alla mobilit
Pierfrancesco Maran (vedi su questo numero
larticolo Mobilit in Zona 5) ha fatto emergere
alcuni elementi che permettono di intravvede-
re il disegno di come sar Milano nel prossimo
futuro, cos come lattuale amministrazione si
propone di realizzarla.
Uno dei punti essenziali messo in rilievo
dallAssessore la progettata (e in parte gi in
corso di realizzazione) estensione del centro, cio
la riqualificazione di luoghi della citt pi o me-
no prossimi al centro propriamente inteso. Tali
aree saranno in tutto o in parte pedonalizzate,
dotatie di attrattive artistiche, culturali e com-
merciali che le rendano meta dei cittadini cos
come lo sono piazza Duomo e i suoi dintorni.
Un esempio di estensione del centro lasse Ga-
ribaldi-Liberazione-Tunisia, che con il recente
arrivo della linea 5 del metr il meglio servito
della citt. Un altro rappresentato dalla riqua-
lificazione e pedonalizzazione di Piazza Castello
che aumenter di estensione grazie alla risiste-
mazione di corso Sempione.
In zona 5 saranno la Darsena di Porta Ticine-
se e larea limitrofa ad assumere quel carat-
tere di centro esteso perseguito dalla politica
dellamministrazione. Alla ristrutturazione
del bacino e alla costruzione del nuovo mer-
cato coperto si aggiungeranno la riqualifica-
zione di piazza XXIV Maggio e i nuovi colle-
gamenti con i navigli.
In definitiva si sta delineando una citt con un
centro in espansione costituito da pi poli dif-
fusi su un vasto territorio, ciascuno con caratte-
ristiche proprie. La maggior parte delle opere
occorrenti alla sua realizzazione saranno attua-
te nellambito di Expo 2015 e dovranno quindi
essere terminate entro il prossimo anno. n gc
Il matrimonio 2.0
di Natascia e Leonardo
di Paolo Castellano
Dal centro alla zona 5: la Milano che verr
micronido
il gatto
e la volpe
ISCRIZIONI APERTE per lanno 2014 2015
Per bambini dai 10 ai 36 mesi
Ambiente familiare e dialogo quotidiano Attivit educative
proposte ogni giorno
Laboratori dedicati alle Famiglie
Vieni a trovarci in Via Fratelli Fraschini 10 - Milano
Tel 02..89305556 www.micronidoilgattoelavolpe.it
Il Micronido un servizio de
Tre nuovi autovelox attivi in zona
Dal 10 marzo scorso sono attivi tre nuovi autovelox in zona.
Il limite di velocit nelle vie interessate di 50 km/h.
Le postazioni sono situate in
via dei Missaglia
carreggiata direzione periferia dopo via De Andr allaltezza di via Nicola Romeo
viale Famagosta
carreggiata centrale direzione Piazza Maggi nel tratto via Cusi/via Beldiletto
via della Chiesa rossa
corsia direzione centro circa 100 metri prima del civico 277
sabato 22 marzo
ore 17.00
via Barrili, 21 (angolo via Montegani)
presso il Circolo ARCI Centro culturale conca fallata

incontro pubblico
Lavoro ed Europa

Lavoro come: esigenza di un reddito minimo garantito,
riconversione in chiave ecologica della produzione,
come battaglia alla precarizzazione, risoluzione delle crisi
aziendali

Europa come: programma di ricostruzione economica
fnanziato direttamente dallUnione Europea tramite
i prestiti a basso tasso dinteresse e centrato sulla
creazione di posti di lavoro, sospensione del fscal compact
(per lItalia dal 2015 signifcano 40 miliardi di euro
di riduzione del debito per i prossimi 20 anni)

Ne parliamo con:
Alfredo Somoza, candidato circoscrizione Nord Ovest della
lista LAltra Europa, con Tsipras

Daniele Farina, deputato di Sinistra Ecologia Libert

A seguire aperitivo

Sar possibile frmare per consentire alla lista LAltra
Europa con Tsipras di partecipare alle elezioni
europee del 25 maggio. Occorrono 150.000 frme a
livello nazionale. Dai una mano anche tu, collabora
alla raccolta delle frme