Sei sulla pagina 1di 8

S a n d e

M ire

tunne

tunne...

Informazione, cultura, societ e sport - Anno II - N. 1 - Marzo 2010


Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale -70% Teramo Aut. N. 125/2009

Chiare, fresche e dolci acque...


Chiare, fresche e dolci acque. Due ioni di idrogeno e uno di ossigeno. forse la formula della vita. Ogni cellula vivente in massima parte composta dacqua e lo stesso corpo umano. Il liquido cerebrale e il midollo osseo ne hanno il 99%, il plasma sanguigno l85%, il cervello il 75%. La percentuale dacqua nei bambini arriva no all85%, nella persona matura al 60%-70%. Nelle cellule la proporzione di acqua non pu scendere sotto il 50%, limite sotto il quale i processi vitali sono compromessi. Ugualmente, con i dovuti distinguo, accade nelle piante, negli organismi viventi. Tutto il ciclo vitale sulla Terra determinato dallacqua. Dissetarsi, bere, una necessit imprescindibile. Oltre che un bisogno essenziale, anche uno dei piaceri pi puri dellesistenza, tanto naturale ed in apparenza semplice da non percepirlo neanche pi come tale, salvo che in caso di estrema necessit e in situazioni di emergenza. Acqua bene essenziale. Sotto il prolo religioso e per tutte le religioni lacqua purica, rende santi, lustra. Fin dai tempi primordiali al centro di riti, sortilegi, invocazioni singole e collettive. Dalle sorgenti miracolose alle immersioni sacre, dal Giordano al Gange, luomo ha sempre sacralizzato il suo elemento vitale. Nello stesso modo tanti poeti e narratori lhanno cantata, esaltata, anche esecrata quando la sua forza divenuta distruttiva. Luomo ha reso lacqua anche strumento di potere, di dominio, di guerre, di lotte, di contese, oro blu. Sullo sfruttamento delle sorgenti, dei umi, dei pozzi di acqua potabile si sono costruite immense fortune. Coloro che ne hanno detenuto il possesso hanno imposto la loro legge sotto ogni latitudine. Oggi, culturalmente, stentiamo ad esserne consapevoli, ma lacqua un diritto imprescindibile, non una merce. Ci siamo abituati a comprarla, in fardelli plasticati, sei bottiglie per volta. Moda o subdola induzione, persuasione occulta, adeguamento ad un messaggio consumistico chiaro: lacqua bene economico, non si beve alla fontana pubblica, va venduta! E lacqua, da bene fondamentale, generale, pubblico, diventa privato monopolio, risorsa per pochi imprenditori.

Furto di un pallone
Saggio storico di Mario De Bartolomeis

a pag. 5

Se jechev a Scocc
Alla riscoperta dellantico gioco

2010, anno dellacqua. SantOmero, le limpide acque del Lago dello Zar

La nostra scuola
Intervista al Dirigente Scolastico dellIstituto Comprensivo di SantOmero Teresa Gaspero
La professoressa Teresa Gaspero da otto anni dirige lIstituto Comprensivo di SantOmero. Quotidianamente aronta e cerca di risolvere, con la competenza e il buon senso che la caratterizzano, le problematiche che emergono nelle scuole del nostro territorio. ritenuta una preside seria e rigorosa, soprattutto con se stessa, ma altrettanto attenta alla sfera socio-aettiva degli alunni. Durante lincontro si mostrata disponibile e collaborativa, per questo la ringraziamo e auguriamo a lei, agli alunni, a tutto il personale docente e non che il percorso educativo e formativo dei bambini e ragazzi continui allinsegna dellecacia e dellecienza, ma soprattutto con serenit. Pu quanticarci la popolazione scolastica dellIstituto Comprensivo di SantOmero? La popolazione scolastica conta 551 alunni di cui 176 frequentano la scuola dellinfanzia, 213 la scuola primaria e 162 la scuola secondaria di 1 grado. Vi operano 70 insegnanti. Quali cambiamenti si sono vericati durante gli anni della sua dirigenza? Sono arrivata a SantOmero il 1 settembre 2002, in un Istituto Comprensivo giovane, nato da soli tre anni, in cui tutti, insegnanti, genitori, alunni, istituzioni locali, erano poco abituati a confrontarsi quotidianamente con il Dirigente Scolastico, perch da sempre avevano avuto un direttore didattico e un preside lontani (rispettivamente Tortoreto per la scuola elementare e Nereto per la scuola media), presi dalle problematiche di pi realt territoriali. In questi otto anni ho operato anch venisse riconosciuto da tutti il ruolo del Dirigente Scolastico che sicuramente opera per il bene della scuola, utilizzando al meglio le potenzialit del contesto e le risorse di cui dispone. noto che sia a livello didattico che organizzativo in questi ultimi anni si sono registrate notevoli novit. Quali le pi sostanziali? In questi otto anni di dirigenza la scuola italiana ha vissuto cambiamenti importanti, a volte cos repentini che stato dicile governarli e farli accettare a docenti e genitori. La scuola dellinfanzia non ha avuto modiche rilevanti, sebbene io abbia promosso la didattica laboratoriale e , perch si rispettino i ritmi di crescita e di apprendimento di ciascun bambino, abbia favorito la composizione di sezioni eterogenee per et. Certo, questa scelta organizzativa pi impegnativa per la scuola, ma pi rispettosa del bambino che in questa fase pu vivere momenti di stasi seguiti da accelerazioni improvvise della crescita. La scuola si deve porre in un atteggiamento di rispetto nei confronti dellalunno, evitando qualsiasi forzatura in questo delicato periodo della sua crescita. la scuola primaria, ex scuola elementare, ad aver subito le trasformazioni pi importanti che vanno dallorario scolastico allorganizzazione alla didattica. Costretti ad abbandonare il team (tre insegnanti su due classi), i docenti hanno fatto molta fatica a rinunciare agli indubbi vantaggi che a livello didattico quel tipo di organizzazione comporta: dalla specializzazione dei docenti in una specica area di insegnamento alla possibilit di percorsi fortemente individualizzati e, di conseguenza, al recupero di lacune e dicolt di apprendimento grazie alla possibilit di alcune ore di compresenza dei docenti nella classe nella settimana. Inizialmente i docenti hanno stentato ad accettare il ruolo di insegnante prevalente a cui sono adate in genere tutte le discipline, tranne matematica, inglese e religione. Oggi comunque questo modello organizzativo ben consolidato e se ne apprezzano gli aspetti positivi che comunque ha evidenziato, a partire da una didattica fondata fortemente sullinterdisciplinarite e dallaver permesso allinsegnante prevalente di diventare un punto do riferimento forte per la classe. La scuola secondaria di 1 grado invece ha subito una contrazione di orario scolastico con la diminuzione delle ore di insegnamento per lettere, tecnica e francese; questo comporta necessariamente un disagio per i docenti e gli alunni che non riescono ad avere tempi distesi per lapprendimento di queste discipline.

a pag. 5

I Bruti
Intervista ai fab four

a pag. 6

Tiger team Val Vibrata


Intervista a Alessandra Casalena

a pag. 7

continua a pag. 2

continua a pag. 2

2
La nostra scuola
continua dalla prima pagina

Marzo 2010

La presenza di alunni non italiani un osta- livello organizzativo e didattico, stata mossa colo allapprendimento? dallesigenza di contenere la spesa del settore Gli alunni non italiani del nostro Istituto sono formativo-scolastico, quindi la prima consecirca il 18% della popolazione scolastica. guenza labbiamo vissuta nel momento in cui una percentuale abbastanza alta rispetto alla abbiamo assistito alla riduzione del tempo media provinciale, ma non possiamo con- scuola e al taglio degli organici (numero dei siderare gli alunni non italiani un ostacolo docenti assegnato allIstituto. Ma la dicolt allapprendimento; vanno invece considerati pi rilevante con cui dobbiamo fare i conti una risorsa perch certo che ogni giorno il problema delle la societ si va connotando supplenze: ci sono state disposempre pi come multietnica, sizioni molto rigide in questo quindi ogni alunno, italiano settore, perci non possiamo e non, va educato al rispetto nominare supplenti se non in dellaltro e alla convivenza situazioni particolari e, concon laltro. La nuova scuola temporaneamente, sono state ha attivato dei percorsi di aleliminate quasi completamente fabetizzazione linguistica, in le ore di compresenza di insegcollaborazione con lUnione nanti alla primaria e a dispodei Comuni Val Vibrata e con sizione alla scuola media. Ne la Provincia di Teramo, assicuconsegue che si fa grande fatica rando nella scuola la presenza La dirigente scolastica Teresa Gaspero nellassicurare le sostituzioni di mediatori linguistici. Sono inoltre attivati quando un insegnante si assenta. Devo per percorsi di recupero. evidenziare che ho incontrato una grande diI tagli nanziari, di cui tanto si parla, pe- sponibilit dei docenti nel sostituirsi per rinalizzano la qualit della scuola e quindi durre al minimo il disagio della scuola e non la formazione dei futuri cittadini. In che penalizzare i loro studenti. modo? Gli Enti Locali, le famiglie e le associazioni Stiamo purtroppo vivendo un momento di sono collaborativi? dicolt perch le risorse nanziarie diminui- Il nostro Istituto si sempre aperto a recepire le scono di anno in anno e questo non pu non proposte provenienti dal territorio ed ha potuavere ripercussioni sulla formazione dei nostri to sopperire, in parte, alla riduzione dei nanragazzi. ormai acclarato che anche la riforma ziamenti grazie alla collaborazione degli Enti della scuola, con i conseguenti cambiamenti a Locali (Comune, Citt Territorio, Provincia e

Regione) e delle Associazioni Locali (Pro Loco di SantOmero e Garrufo, Protezione Civile) che hanno reso possibile larricchimento del curricolo dellIstituto attraverso progetti educativo-didattici molto validi. Pieno sostegno si avuto dai genitori ogni volta che si loro richiesto di collaborare per la riuscita di uniniziativa e, attraverso la partecipazione agli organi collegiali, non fanno mancare il loro contributi di idee, di proposte e, soprattutto, di riessione critica sui percorsi educativo-didattici attuati con lintento di rendere sempre pi ecace lazione della scuola. Quali progetti formativi si attuano nel corrente anno scolastico? Il curricolo del nostro Istituto si caratterizza per una particolare attenzione dedicata allaccoglienza degli alunni in modo particolare nel momento del passaggio da un ordine di scuola allaltro, alleducazione ad un concetto sano dello sport, alla valorizzazione dei diversi tipi di linguaggi (musicale, mimico-gestuale), alla prevenzione della dispersione scolastica, al rispetto della diversit intesa come risorsa, allinteriorizzazzione di comportamenti ecologici, rispettosi dellambiente. Da questi indirizzi scaturiscono i progetti: il Progetto accoglienza, il progetto lettura Un libro per amico, il progetto di animazione alla lettura, il progetto di

musica, il progetto teatro, il progetto Gioco e sport, il progetto Archeopark: ambiente e storia, il progetto Nessuno resti indietro. Tutti nascono con la nalit di formare la persona, il futuro cittadino, attraverso attivit fortemente motivanti, fondate su una didattica laboratoriale che rende lalunno protagonista del suo percorso di apprendimento. Si registrano carenze strutturali o spaziali nelledilizia scolastica? Per ledilizia scolastica necessita una stretta collaborazione tra la scuola e lEnte Locale, il Comune, dei cui locali noi siamo ospiti. Con il nuovo Sindaco e lAssessore alla Pubblica Istruzione ho avuto diversi incontri nei quali sono state segnalate le urgenze. Tra queste sicuramente la realizzazione di alcune aule nel plesso della scuola primaria di SantOmero dove tutti gli spazi disponibili sono stati utilizzati per le classi che si sono formate nel corrente anno scolastico, con il risultato che non si dispone di alcun laboratorio e di alcune aule, pur rispettando i parametri per la sicurezza, sono veramente anguste. Condo molto nella sensibilit degli Amministratori verso la scuola per la soluzione delle problematiche pi urgenti. Vera Cristofori

... acque
continua dalla prima pagina

Ancora sullospedale Val Vibrata


Attribuire lo sfascio e il disarmo dellospedale soltanto ad alcuni amministratori pubblici regionali, sarebbe un modo semplicistico e riduttivo per ricercarne la causa. Infatti in atto da tempo lattuazione di un disegno aziendale, avallato dai governi regionali di ieri e di oggi, per chiudere lospedale della Val Vibrata, con lattuazione sistematica del ridimensionamento delle attivit ospedaliere, indispensabili per farlo funzionare. Il disegno si esprime mediante laccorpamento e la chiusura di alcuni reparti vitali, insieme alla riduzione drastica degli organici del personale, a partire da quello medico. Loperazione ha conseguito risultati negativi quali: lalienazione del diritto alla salute della popolazione vibratiana insieme a quella dei numerosi turisti stagionali. Il problema stato risolto, da parte delle persone malate, percorrendo le comode strade di collegamento dirette agli ospedali pubblici e privati al di l del Tronto. Nasce cos il fenomeno, oneroso per le casse regionali, conosciuto come mobilit passiva. Un tempo non lontano il percorso era inverso in quanto lospedale di SantOmero, per funzionalit, ducia e sicurezza, rappresentava un punto di riferimento per numerosi malati delle vicine Marche. Per rendere meno traumatica la ne dellospedale pubblico della Val Vibrata, Non sfugge neanche lassordante silenzio di un tribuno, un tempo strenuo difensore dellospedale, approdato a Montecitorio. Inne vi sono quelli che, per mancanza di coraggio, si esprimono con noiosi bla, bla, bla. E pensare che i politici di destra e di sinistra, attualmente in servizio attivo, hanno lucrato di consensi elettorali per quanto ieri rappresentavano per lospedale pubblico Val Vibrata. La spiegazione per quanto oggi avviene, la d Torquato Tasso: Nel mondo mutevole e leggero, costanza spesso il mutar pensiero. Lauspicio quello del ravvedimento per quanti hanno smarrito la strada per difendere gli interessi generali dei cittadini della Val Vibrata, per sconggere un disegno politico di quanti vogliono scipparli dellOspedale pubblico come risposta ai loro diritti e alle loro necessit. Certamente un tempo, uomini come Francesco Benucci, Giuseppe Lupini e Gaetano De Annuntiis, non lo avrebbero consentito. Gennaro Cristofori

Il missionario cattolico padre Alex Zanotelli scrive [www.acquabenecomune.org] che il 2010 lanno dellacqua, lanno in cui noi italiani dobbiamo decidere se lacqua sar merce o diritto fondamentale umano. Il 19 novembre 2009, il governo ha votato la legge Ronchi, che privatizza i rubinetti dItalia. E la scontta della politica, la vittoria dei potentati economico-nanziari. la vittoria del mercato, la mercicazione della creatura pi sacra che abbiamo: sorella acqua. Il Forum italiano dei Movimenti per lacqua pubblica, ha lanciato il 22 marzo giornata mondiale dellacqua un referendum abrogativo della legge. Si dovranno raccogliere, fra aprile e luglio 2010, circa seicentomila rme. Sar una consultazione popolare su un tema molto chiaro: la privatizzazione dellacqua o il suo adamento ad un soggetto di diritto pubblico. Gli organizzatori aermano: dobbiamo e possiamo vincere. Ce lha fatta Parigi (la patria delle grandi multinazionali dellacqua, che stanno mettendo le mani sullacqua italiana) a ritornare alla gestione pubblica. Ce la possiamo fare anche noi. Chiare, fresche e dolci acque.

Un momento della manifestazione del 12 marzo in difesa dellospedale

si prospetta la cessione ai privati, i quali per la legge naturale del protto, non brilleranno in quella che si richiama al bene comune. In Abruzzo, non lasciano certamente un buon ricordo nella sanit. Esiste unaltra soluzione, peggiore della precedente: lospedale verrebbe riconvertito in luogo di cura per lungodegenti. E il modo misticatorio per chiudere lunica struttura sanitaria della vallata che, da quasi un secolo, assicura lassistenza sanitaria a quelle popolazioni. In tutto questo, avvilente e sconcertante, si appalesa il comportamento di alcuni politici indigeni, ieri marciatori inarrestabili e rivoluzionari al grido lospedale non si tocca oggi allineati con chi prospetta la sua ne nel nome di interessi politici territoriali.

Marzo 2010

3
3 giugno Festa del Santo Patrono
Il Comitato Festa Santo Patrono e Associazione Culturale Universitas Sancti Homeri, in occasione della ricorrenza del 3 giugno, organizzano anche questanno levento che apre le porte allestate santomerese. Il Comitato stato costituito nel 2000 per volont del nostro parroco Don Luigi Consorti, che ricopre la carica di Presidente, del Vice Presidente Alfredo Di Addezio, del Segretario Serano Viscioni e dei Consiglieri Paolo Di Serano, Renato Fan, Ernesto Azzari, Rosolino Di Sabatino, Guido Ippoliti, Arduino Di Pasquale, Gloria Di Pierdomenico, Gianluca Ippoliti, Leo Galli e Gianni Andrenacci. Lobiettivo principale stato ridare vita alla Festa del Patrono, tenutasi lultima volta nel 1988, che riunisce per tre giorni tutta la comunit locale attorno al centro del paese ed ora riconosciuta in tutta la Val Vibrata un ore allocchiello dal punto di vista organizzativo e ricreativo. Gli eventi cardine della festa sono la gara ciclistica categoria juniores (trofeo Federico Lamona, medaglia doro Mario Tulli, memorial Benedetto Coccia), il concerto bandistico con le famosissime bande pugliesi da giro come quelle di Conversano, Francavilla Fontana e Squinzano, che si esibiscono nella bellissima cassa armonica, la maratonina, alla quale partecipano giovani e meno giovani del paese con premi oerti da artigiani e commercianti locali, il concerto nale che ha visto approdare a SantOmero cantanti come Ron, Matia Bazar, Enrico Ruggieri, Michele Zarrillo, Stadio, Massimo Di Cataldo, Drupi, Audio 2, Paola Turci, Arisa e inne il fantastico spettacolo pirotecnico che chiude la tre giorni di festa. come ogni anno le voci si rincorrono, ma per il momento il nome dellartista che salir sul palco di Piazza Roma top secret! Condiamo poi nella clemenza economica del famoso impresario Gelindo al quale il comitato rimasto fedele negli anni. componenti del Comitato sono gi attivi per la tradizionale raccolta fondi che avviene casa per casa. Ucialmente inizier dopo Pasqua ma chi potr gi avvisato di mettere mano alle tasche. Consapevoli delle difcolt, condiamo sempre nella generosit che ogni anno i santomeresi e gli operatori economici locali ci dimostrano, dice Paolo Di Serano, non facile riuscire a mettere insieme le risorse necessarie. Finora ce labbiamo sempre fatta, grazie al preziosissimo lavoro di tutto il Comitato ma anche di persone che contribuiscono volontariamente alla questua. Speriamo poi nel bel tempo. Il meteo non stato sempre dalla nostra parte. Lo scorso anno, ad esempio, abbiamo dovuto posticipare il concerto di Arisa alla sera successiva e, per fortuna, andata poi benissimo in termini di presenze. Quindi, ancora una volta, per la riuscita della festa, non ci rimane che condare in Lui, nostro caro patrono, operatore di mille prodigi e gran pastore della comunit, SantOmero o, aettuosamente per i santomeresi, Sand Sandmir! Antonio De Ascaniis

SantOmero dolomitica
Grande successo della II settimana bianca organizzata dalla Pro Loco SantOmero a San Martino di Castrozza. Una folta partecipazione di santomeresi appassionati di montagna e di sci ha caratterizzato la vacanza alle Dolomiti. Sono state ben 62 le persone partite il 3 gennaio dalla piazza di SantOmero, che hanno goduto il fascino del comprensorio sciistico di San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi. Molte giovani famiglie con bimbi al seguito hanno colto loccasione di trascorrere una vacanza in compagnia dei paesani, allinsegna dello sport e del divertimento. Diversi sono stati gli episodi divertenti che hanno caratterizzato la settimana. Si narra di una gara di slalom parallelo tra Nino Algenii ed Elia De Bartolomeiis. I giudici di gara erano Riccardo Loddo, Sandro Di Addezio e addirittura due Guardie Forestali. Senza possibilit di appello hanno squalicato Elia a causa di un tutore che gli consentiva prestazioni straordinarie che non rispettavano i parametri del regolamento di gara. Pertanto il diploma di campione di slalom parallelo stato consegnato al velocissimo Nino Algenii. Da sottolineare, inoltre, la lievitazione degli incassi della sig.ra Antonietta, titolare parsimoniosa della grapperia pi cara di San Martino di Castrozza. Solo alla ne della settimana abbiamo avuto lonore di degustare una grappa oerta dalla ditta. Memorabile stata anche la cena alla baita Malga Fratazza raggiungibile solo in motoslitta da 9 posti. Dopo esserci deliziati di pietanze e bevande tipiche, parampampoli su tutte, il ritorno notturno in slittino stato davvero delirante con tamponamenti e relativi cappottamenti dei piloti. Ringraziamo ancora la Pro Loco per averci fatto trascorrere una settimana spensierata in compagnia e attendiamo con ansia la proposta per lanno prossimo. Antonio De Ascaniis

Proposte per SantOmero


I risultati dellultimo sondaggio
Nei primi due numeri di S@ntomero si voluto creare dei momenti di interattivit e di partecipazione diretta attraverso la presentazione/somministrazione di due sondaggi, il primo sulla vivibilit e qualit della vita santomerese e il secondo di approfondimento su quali potessero essere le iniziative per il tempo libero. Questultimo approfondimento scaturiva dalla constatazione che le opportunit per il tempo libero nel contesto locale sono davvero limitate, tanto che il voto positivo a tal riguardo stato espresso soltanto dal 2,88% degli intervistati. Un dato sconfortante, in un contesto in cui neanche gli altri parametri sono elevati. Anzi alcuni appaiono molto modesti, come quellindice 5,41% relativo al livello di istruzione, che purtroppo non raggiunge neanche la sucienza. In tale panorama si voluto approfondire proponendo una serie di possibili interventi. stato pertanto chiesto ai santomeresi di scegliere tra una serie di opzioni quale auspicherebbe che fosse realizzata in ambito paesano. attiva tra gli abitanti del comune, ari ed interessanti. Il 100% degli Di fatto, in termini di opportunit un grande interesse per attivit e intervistati auspicano che vi possa per il tempo di non lavoro, si sono iniziative soprattutto culturali. essere una rete internet con coperipotizzate quattro ipotesi di inizia- I dati come si evidenziano dal tura wireless su tutto il territorio tive da attivare a SantOmero: prospetto allegato sono molto chi- comunale e leettuazione di corsi 1) Internet per tutti con di formazione e Opportunit e proposte per la qualit della vita a rete wireless a copertura di aggiornamento SantOmero - gennaio e febbraio 2010 comunale; professionale per 2) la costituzione di una Indicatori Valori % disoccupati. videoteca pubblica; Il 92% chiede la 100,00 % 3) la ripresa della stagione Internet wireless a copertura comunale ripresa della sta72,00 % teatrale invernale; gione teatrale, Costituzione di una videoteca pubblica 4) leettuazione di corsi mentre il 72% a 92,00 % Ripresa della stagione teatrale invernale di formazione per disocfavore della costi100,00 % tuzione di una Corsi di formazione per disoccupati cupati. Si lasciata comunque Corsi di inglese e altre lingue 44,00 % videoteca pube inne la possibilit di blica. 32,00 % Ugualmente sono indicare autonomamente Corsi di informatica e uso PC altre eventuali iniziativi Apertura di un internet point 4,00 % in gran numero a da attivare. 4,00 % chiedere corsi di Portale di news interattivo per cittadini I risultati del sondaggio alfabetizzazio20,00 % ne informatica sono davvero interessanti Laboratori di arte (pittura, teatro, canto, ecc.) da leggere ed esaminare, Un vero centro anziani incen12,00 % (44%), visto che le opportunit tivazioni per lo 8,00 % sport comunale di scelta sono passate dal- Centro giovanile per doposcuola e socializzazione le quattro iniziali a ben Incentivazione sport comunale (non solo calcio) 32,00 % alternativo al calquindici ipotesi diverse. Il Corsi e attivit di promozione per salute e benessere cio (32%), e cosa 12,00 % che vuole dire che c una molto interes8,00 % sante lattivazione grande attesa per queste Promozione del territorio forme di partecipazione Corsi di cultura e alfabetizzazione per stranieri 16,00 % di corsi di culture e alfabetizzazione per stranieri (16%), indice questo del modello di accoglienza non razzista, n xenofobo dei santomeresi. Alcune delle attivit proposte sono peraltro gi in corso di eettuazione da parte della Pro-Loco (corsi di teatro, laboratori vari, centro per doposcuola, ecc.), chieste dal 20% degli intervistati. Altre attivit mostrano il grado di apertura allesterno di chi ha risposto. infatti da notare come, per molti (8%) quasi tutte le attivit sono proiettate allesterno, verso le altre realt territoriali su cui andrebbero promosse le attivit poste in essere. Ne scaturisce un quadro molto vivo di interessi e di orizzonti che non dovrebbero essere trascurati n sottovalutati da chi si occupa del bene comune. alla loro attenzione che questi risultati si pongono come richieste e proposte per il miglioramento della vivibilit e della qualit della vita di SantOmero.

4
Giacobbe Mattaneri, contadino, si presenta il 26 ottobre davanti al sindaco di Mosciano Francesco Antonio Rossi denunciando [] che ieri sera circa una mezzora di notte vide cadere sopra il terreno del Sig. Ferdinando Derossi un pallone aereostatico (sic!), and a raccoglierlo, e se lo riportava in sua casa, allorch si vide sopraatto da Domenico di Luigi Ippoliti armato di fucile, che appena giunto lo ingrill contro il Mattaneri, e da Luciano di Paolo Cardi alias Magnone, e da Pietro di Emidio Spada; il primo pagano, e gli altri due Legionari tutti domiciliati nel Comune di Poggio Morello. Questi per vie di fatto ed usando delle violenze si presero il pallone di ragione del Comune di Corropoli, e particolarmente larmato di fucile tir delle puntate al Mattaneri, e con una di queste colp la di lui glia Lucia Mattaneri. Benedetto Maraessa soccio di Ciafardoni, e Domenico Mastellarini di Montone, e Luigi di Geremia di Fabio, e Pasquale gliastro di Micone di Poggio Morello, che accorsero al tumulto, procurarono di sedarlo, opponendosi aglinsulti dei denunciati, i quali proferirono mille parole ingiuriose contro il Mattaneri. Del che se n formato il presente processo verbale rmato da noi, mentre il denunciante ha detto di non saper scrivere []. Firmato dal sindaco Rossi, contrormato dal cancelliere archiviario Pistilli, il documento in questione viene inoltrato lo stesso 26 ottobre al Giudice di Pace del Circondario. Anch il titolo dellarticolo non faccia pensare ad una fresca notizia giornalistica, dico subito che il fatto1) risale al 1812, quindi allepoca napoleonica. A coloro cui perci dovessero sorgere interrogativi o riaorare fumosi ricordi scolasti devo qui precisazioni noiose ma necessarie. Com noto, Napoleone si era fatto incoronare re dItalia a Milano il 26 maggio 1805 trasformando in Regno la precedente Repubblica e, qualche mese dopo, aveva sbaragliato la terza coalizione antifrancese cui aderivano anche i Borboni di Napoli. Dopo la pace di Presburgo (Bratislava) del 26 dicembre che ne era seguita, Bonaparte, sentenziando in un bollettino del giorno 27 che [] la dinastia di Napoli ha nito di regnare, la sua esistenza incompatibile con la pace dellEuropa e con lonore della mia corona [], il 28 aveva ordinato al generale Massena dinvadere il regno di Napoli, cosa puntualmente avvenuta con lentrata dei francesi in Napoli il 14 febbraio 1806 e seguita dal decreto imperiale del 30 marzo che insediava sul trono di Napoli Giuseppe Bonaparte. Nellintento di ammodernare lantiquata struttura dello stato napoletano il nuovo re aveva subito dato inizio ad una intensa attivit legislativa, ed aveva in questottica emanato l8 agosto la legge 132 sulla divisione ed amministrazione delle provincie del regno2) la quale al Titolo IV, avente per oggetto le universit (comuni), attribuiva al sindaco coadiuvato da due eletti anche poteri di polizia. Ora comprendiamo certo meglio perch a ricevere la denuncia del Mattaneri sia semplicemente stato il sindaco Rossi di Mosciano e non un diverso organo di polizia. Il giudice di pace di Giulia, nellevidente intento di meglio formulare laccusa, sollecita in seguito al sindaco Rossi una [] relazione dei Ociali di Sanit per la ricognizione che dovea farsi [] sul denunciante. Il d 1 novembre il primo eletto di Mosciano, Eusebio Caravelli, comunica che non la si rimette poich il Mattaneri fu [] oeso verbalmente. La di costui glia per, per nome Anna Lucia, venne minacciata da un tal Magnone del Poggio Morello di una puntata di fucile di che costui andava armato, ricoverandosi dietro di un piede di oliva per cui rimase illesa dal colpo di gi vibrato, come ho risaputo dallIstessa Oesa, che ho chiamata avanti di me, di unita al Padre, il quale ha deposto, che essendo il fatto accaduto in tempo di notte, non aveva saputo distinguere se la sua glia fosse stata o no colpita.[] Viene da chiedersi come sia mai possibile non avvedersi allistante di una ferita da arma da fuoco. Va perci notato come alcuni punti della denuncia del Mattaneri risulti di riesso eccessiva. Ad ogni modo, il 5 novembre, il P.M. supplente Cervoni formula latto daccusa. Biagio de Bartolomei, supplente il giudice di pace [] per impedimento dello stesso [], il 9 novembre emette latto di comparizione alludienza ssata alle ore 14 del giorno 20 dello stesso mese per il denunciante e la di lui glia, per gli imputati e per i testimoni gi prodotti, con invito ad esibire nota di eventuali ulteriori testimoni a discarico [] dentro 24 ore []; nota fatta sicuramente pervenire poich il 15 novembre il giudice Torquato Mezzucelli chiama a comparire anche i poggesi Francesco Farinelli e Vincenzo di Damiano. Alle ore 14 della data ssata ha luogo a Giulia la causa correzionale. Poich limiti imposti dallo spazio non consentono di riportare lintero verbale mi limiter a citarne dei passi. Davanti al giudice i denuncianti ribadiscono quanto risulta dallatto daccusa del P.M. I Legionari Cardi e Spada, da parte loro, adducono a giusticazione [] chessendosi essi condotti ad esigere dordine del Percettore del Comune di Bellante la Fondiaria nelle masserie di Sabatino Cicconi e di Giuseppe Violino del Poggio Morello [] vedessero perci in tale occasione circa le ore ventiquattro [] di andare per aria un pallone aereostatico: che spinti dalla curiosit [] gli andassero perci dietro tanto pi che osservarono che andava gi ad abbassarsi per essere quasi intieramente cessato il fuoco, chera nella padella: che camin facendo [] venissero sopraggiunti da Domenico Ippoliti e da altri []: che avanzandosi la notte si sperdessero di vista il pallone: che incontratosi perci con Pasquale Cardone di loro paesano, ed avendo allo stesso domandato se lo avea veduto, questi dicesse loro di volercelo insegnare, e di volerlo quindi ritogliere a chiunque lavesse preso: che [] proseguendo tutti uniti il camino [] trovassero essi, che il pallone restava innanzi la casa rurale di abitazione de Denuncianti []: che pretendessero essi di dividersi il pallone []: che li nominati Mattaneri si opponessero, e che [] prendendo essi da una parte il pallone, mentre che poi dallaltra era mantenuto dai Denuncianti nel tirare che essi facevano rimanesse esso lacerato []: che lacerato dunque il pallone nel modo da essi indicato si prendessero tutti i pezzi, e quindi se ne andassero via.[]. Laltro imputato, Domenico Ippoliti, conferma la deposizione di Cardi e Spada ma aggiunge [] di non essere aatto vero, chegli minacciasse con il fucile, che portava, e che si apparteneva al Legionario Spada, dappoiche come esso giunse nel locale dove era il pallone, dopo esservi arrivati gli altri suoi compagni, pass istantaneamente a restituire il fucile medesimo al nominato Spada.[]. I testimoni, a carico o a discarico in successione chiamati, forniscono in sostanza una versione che, con lievi varianti, esclude luso violento del fucile per cui il giudice, udito il P.M., avverte che [] gli atti saranno rimessi nel Tribunale Correzionale della Provincia[] e invitando gli imputati a far presentare [] una malleveria per evitare la detenzione [] esprime parere [] che gli accusati siano colpevoli della sola violenta appropriazione del pallone []. Considerando che il delitto in questione non era contemplato dal Codice Penale il giudice ritiene applicabile lart.72 della Legge Correzionale che [] punisce ogni violento attentato colla detenzione[] ed auspica [] che gli accusati siano condannati ad un mese di prigionia, ed alle spese del giudizio []. In merito alle indicazioni orarie diusamente menzionate nel fascicolo e, pi dettagliatamente nel verbale del processo, va specicato che trattasi

Marzo 2010

Violenta appropriazione di un pallone aerostatico!


Tre poggesi accusati e processati nel 1812. Un saggio storico di Mario De Bartolomeis
di ore allitaliana 3) nel cui computo, suddiviso in ventiquattro di uguale durata, la prima ora si aveva trascorsa unora dal tramonto e la ventiquattresima al tramonto del giorno seguente (il litigio per il pallone che ha toccato terra intorno alle ore 24 dunque avvenuto, secondo gli orologi da noi oggi adottati, intorno alle ore 17). Un tale sistema richiedeva, per gli eventuali orologi pubblici di allora, robuste correzioni al variare dei mesi e delle stagioni e, quindi, la costante opera di un temperatore, cio di un addetto alla carica e alla messa a punto della lancetta che, salvo rari casi, era una sola. Di questo tipo di computo orario, diusosi anche in Boemia ed altre zone limitrofe, si ha notizia sin dagli inizi del 300 e, come qui vediamo, nel 1812 era ancora in uso nelle nostre zone non essendo ancora stato soppiantato dal sistema di misurazione oltramontano o alla francese. A ne udienza Francesco Farinelli di Poggio Morello, rmandosi con segno di croce poich non sa scrivere 4), fa al giudice atto di malleva assicurando [] di volersi rendere responsabile [] delle persone degli imputati e promette [] di volerli far stare a qualunque ordine del Tribunale Correzionale, obbligando a tale eetto la sua propria persona []. Alla malleva segue la seguente descrizione identicativa degli imputati: Luciano Cardi: Statura giusta. Occhi, e capelli castagni. Naso giusto. Viso lungo. Barba poca; Pietro Spada: Statura ordinaria. Occhi castagni. Capelli idem. Naso piuttosto piccolo. Viso ovale. Senza barba; Domenico Ippoliti: Statura alta. Viso vajolato. Capelli, ed occhi castagni. Naso lato. Bocca grande. Barba castagna. Il 5 dicembre il giudice di pace di Giulia trasmette dunque il tutto al Tribunale di prima istanza di Teramo il quale, richiamando lart. 381 n.4 del Codice penale, il giorno 17 chiede che si rimetta il processo alla Corte criminale perch decida sulla competenza. Finalmente il 26 febbraio 1813 [] La Corte Criminale della 1a Prov.a di Abruzzo Ulteriore composta dai Sig.ri Giacinto Cipriani Presidente; Orazi, Pepe, Marsico, De Leone, e Lattanzio Giudici, Pistoja Regio Procurator G.le, e Macrone cancell.e [] proposti gli atti rimessi dal Tribunale di prima istanza, vista la requisitoria del Pubblico Ministero di detto Tribunale, visto il voto consultivo del Giudice di pace di Giulia, letta la requisitoria del Regio Procuratore Generale, considerando [] che il disputarsi lacquisto del pallone aereostatico di carta tra il Giacobbe Mattaneri, che caduto nel suo territorio lo avea ripreso[] e gli imputati [] che animati dallo stesso impegno, lavean seguito nellabbassamento per lungo tratto di strada per raccoglierlo, e nel contrasto lo lacerarono, non costituisce un fatto di violenza pub. a, ed un attentato contro alle propriet ed ai beni dei privati punibile a termini dellart. 72 della Legge Correzionale, ma al pi dar potea luogo ad unazione civile [] Considerando, che ridotto in pezzi un pallone di carta di niun valore, lappropriazione quindi seguita dal Cardi, Spada,

Marzo 2010

5
Corso legalit Bilancio 2009
La redazione del giornale S@antomero e la Pro-Loco in collaborazione con la Cattedra di Sociologia dei gruppi dellUniversit G. DAnnunzio di Chieti-Pescara organizza: Scuola di formazione civica e di educazione alla legalit Programma incontri luned 12 aprile 2010 - Diritto e societ Prof. F. Ferzetti, docente di Principi e fondamenti del Servizio Sociale Universit DAnnunzio luned 19 aprile 2010 - Senso civico e incivilities. Non soltanto una scelta di sicurezza urbana - Dott. D. Ferrante, dottorando di ricerca in Scienze Sociali presso la Scuola di Alta Formazione DAnnunzio luned 26 aprile 2010 - Un modello di intervento per il contrasto alla violenza sulle donne e lempowerment femminile Dr.ssa R. Pellegrino, dottore di ricerca in S. Sociali, presidente Associazione Ananke, coordinatrice Reti Antiviolenza Abruzzo luned 3 maggio 2010 - Pedolia e internet - Prof. G. Cifaldi, docente di Criminologia nellUniversit degli Studi DAnnunzio Gli incontri inizieranno alle ore 20,15 e si svolgeranno presso la sede dellAssociazione Pro-loco in via De Curtis, 4 a SantOmero Cordinamento scientico prof. G. Di Francesco Facolt di Scienze Sociali Universit G. DAnnunzio, Chieti-Pescara
1806, pagg. 269-280. 3)Tratta dellargomento Giuseppe Brusa, Lemblema di Hora Origine e sviluppi del computo delle ore allitaliana, in La voce di Hora, N 1, dicembre 1995, pagg. 3-17. 4)Nessuno tra gli interrogati dal giudice vale a dire denuncianti, accusati e testimoni in grado di sottoscrivere la propria deposizione se non con un segno di croce. Da ci si evince il grado quasi nullo di alfabetizzazione allepoca ancora imperante nella nostra zona, e non solo nei ceti pi bassi. Per alcuni comuni lIntendente (il nostro odierno Prefetto) incontrava non poche dicolt nella nomina del consiglio decurionale da cui, tra laltro, si eleggeva il sindaco. Tale organo (che prevedeva dieci membri per i comuni no a 3000 abitanti), oltre che di elementi abbienti graditi al governo ed aventi un reddito minimo di 24 ducati annui, doveva anche constare per almeno 1/3 di persone che sapessero leggere e scrivere, e lalto numero di illetterati ne rendeva a volte ardua la costituzione.

Violenta appropriazione...
continua dalla pagina 4

ed Ippoliti, che allultimo si accorse di detto pallone in pezzi, non pu elevarsi ad unazione furtiva, perch manca lidea del furto, e lanimo del lucro [] Considerando, chesclusa lidea del furto non rimane applicabile niuno degli Articoli richiamati [] La Corte a voti unanimi ha deciso, e decide, che nella presente causa non vi sia luogo a procedimento, ed in conseguenza a dichiarazione di competenza []. Per concludere, dunque, tanto chiasso per nulla. Ed il tutto che nisce in una bolla di sapone enorme, come un pallone. Note
1)Archivio di Stato di Teramo (AST), Tribunale Criminale, fasc. 612, busta 58, anno 1812. Lintero iter processuale si compone di 23 carte scritte. 2)Collezione degli Editti, Determinazioni, Decreti, e Leggi di S.M. Napoli, Stamperia Simoniana,

Bilancio consuntivo Pro-Loco 2009 Parte I Entrate Saldo iniziale 23.055,47 Totale Titolo I 4.200,00
Tributarie

Totale Titolo II
Extra tributarie

231.093,72 799,19 259.148,38

Totale Titolo III

Extra proventi da alienazione di beni

Totale Titolo IV Totale Titolo V


Contabilit speciali

Entrate per assunzione di prestiti

Totale entrate

Parte II Spese Totale Titolo I 229.391,48


Spese correnti

Totale Titolo II

Spese in conto capitale

16.419,72 61,37

Totale Titolo III

Extra proventi da alienazione di beni

Totale Titolo IV Totale Spese

Entrate per assunzione di prestiti

245.872,57 Avanzo di amministrazione 13.275,81 Totale a pareggio 259.148,38

Si dichiara che il presente bilancio stato approvato dallAssemblea dei Soci in data 25/03/2009 Il presidente (rmato) Il segretario (rmato) Il presidente del collegio dei revisori (rmato)

Se jechev a scocc
Tutti sanno che a Pasqua i cristiani celebrano la risurrezione di Ges, ma parecchi cristiani non sanno n perch ci si scambino le uova n come viene stabilita la domenica di Pasqua, infatti essa non cade sempre nello stesso giorno dellanno. La celebrazione di questa importante festa cristiana stabilita nella domenica immediatamente successiva alla prima luna piena che si presenti in cielo dopo lequinozio di primavera (21 Marzo). Di questo periodo erano anche celebrazioni pagane per festeggiare la primavera, celebrazioni che prevedevano lo scambio di uova colorate o di legno intagliate, simbolo di fecondit della terra e del riorire della natura, usanza assorbita dalla cristianit per lovvio accostamento alla risurrezione di Ges Cristo. Tutto questo forse non era noto a mio zio (Faustino Flor), tuttavia il giorno che precedeva la Pasqua passava il suo tempo alla cernita scrupolosa delle uova per il giorno seguente, giorno in cui si sarebbe disputato il tanto atteso gioco dello scocc. Questo fantastico gioco dei tempi che furono (perch oggigiorno scomparso, tranne qualche sporadico revival) si disputava per le strade di SantOmero : di fronte al bar Monti (dascelte e ritenute abbastanza dure da resistere ai fendenti avversari. Zio riconosceva luovo giusto battendolo su li dint de nanz (incisivi) infatti quando questi gli caddero per la vecchiaia, decise di smettere di giocare. A quei tempi, trentanni fa (ma forse sono di pi) si aspettava con fremito il giorno di Pasqua anche per giocare a scocc, era giocato come gi detto, per tutto SantOmero, erano parecchi i giocatori ed era tanto lagonismo che cera anche chi frchev da come mi racconta mio padre (Peppin lu falegnam). - Ma come- gli chiedo- si poteva barare in questo gioco? Alla mia domanda si fa una risata e mi racconta un aneddoto che coinvolse mio zio. La gara imperversava e zio incallito giocatore di scocc inizia a giocare conquistando parecchie uova, forte delle sue, scelte con tanta cura. Si trova davanti lennesimo avversario, pone luovo di testa, lo sdante batte e luovo di zio si rompe, prima occhiata fra i due e si continua. Si gira luovo d chl, lavversario batte e anche questa volta luovo di mio zio ha la peggio. Un attimo di stupore, unocchiata arcigna e zio sicuro del suo uovo, con un gesto di rabbia, ma con la sicurzza che lha sempre guidato strappa dalle mani dellavversario luovo e lo scaraventa a terra. Luovo era pieno di cera e mio zio laveva capito e dimostrato spaccandolo a terra...questo era il metodo che si usava per barare : riempire luovo di cera o di pece. Ma ormai le uniche uova che si rompono a Pasqua sono quelle di cioccolato e se si sente parlare di scocc solo quello che serve per chiudere la confezione. Belle le feste di una volta, in cui bastava un uovo in mano per dare vita a una giornata di puro divertimento, bello che ancora si abbia memoria di questi giorni perch chiss qualcuno pu anche farsi un uovo sodo e sdare il proprio glio dopo che gli ha raccontato come si passava la Pasqua un tempo. Buona Pasqua a tutti, dunque e ricordate : chi di uovo ferisce di uovo perisce! Gianluca Flor

vanti alla chiesa parrocchiale), davanti a Rosolino, io li piane, alle case alte ed era una sda uomo contro uomo allultimo uovo. Le regole sono semplici, ognuno portava due o tre uova precedentemente fatte sode e ne stringeva nella mano uno, la sda era nel battere le uova avversarie una sullaltra, quella che si rompeva decretava la scontta e doveva essere ceduta al vincitore. La scelta delluovo giusto quindi, era importantissima ed era unoperazione meticolosa in quanto da nu cst di uova solo due o tre venivano

6
Chiedi chi erano I Bruti
Chi di voi ha meno di trenta anni probabilmente non saprebbe rispondere a questa domanda. Per i santomeresi con qualche anno in pi il nome I Bruti invece rievoca ricordi di serate fatte di tanta musica, divertimento e spensieratezza. Alberto, Febo, Jonni, Rolando, unico gruppo di cover band santomerese che la storia ricordi, si sono riuniti e ci parlano della loro avventura, della SantOmero di un tempo, di come oggi, grazie ai Bruti, sono ancora un gruppo. Volevo imparare a suonare la chitarra ci dice Febo, Dai 10 ai 12 anni mia nonna mi dava 200 lire al giorno per comprare la pizzetta. Li risparmiai per riuscire a comprarla.. Rolando:Fin da piccolo avevo la passione della batteria. Mia madre impazziva perch suonavo le casseruole della cucina!. Febo:Quando ci ritrovavamo insieme io e Rolando, che eravamo molto amici, parlavamo spesso dellidea di fare un gruppo e dopo poco, si aggiunse anche Jonni! Alberto invece fu scelto dopo un ballottaggio in un provino. Alberto: Mi ricordo che mi chiamarono e mi chiesero di suonare il basso. Io ci provai ma ero del tutto incapace. Probabilmente gli altri in ballottaggio (Oscar Di Ubaldo e Fulvio Lentini) lo erano pi me e cos scelsero il meno peggio. Jonni: Era la ne del 1984. Io avevo circa 14 anni e gi strimpellavo un pochino la tastiera. Io e Febo eravamo gli unici a suonare uno strumento. Il cantante ero io, anche se allinizio facevamo solo pezzi strumentali. Cantavo anche in inglese anche se con un accento improbabile. Febo: Rolando e Alberto partirono da zero. Feci io ad Alberto le prime lezioni e la cosa incredibile che nonostante la loro impreparazione il gruppo funzionava. Alberto: Io mi impegnavo molto e per suonare imparavo tutte le canzoni a memoria. Tutte! Se sbagliavo una nota andavo nel panico. Non riuscivo a suonare a orecchio. Rolando: Suonavamo tutto quello che ci piaceva. Limportante era suonare. Febo: Jonni, fan di Venditti, era il pi melodico-romantico del gruppo. Io e Rolando eravamo pi rockettari e ci piaceva Vasco. Alberto, invece, era un grande fan dei Toto. Memorabili sono alcuni aneddoti emersi dai ricordi con i nostri visibilmente emozionati nel raccontarli. Febo: Il nome Bruti non fu scelto da noi. Prima del nostro primo concerto dovevamo registraci alla SIAE. Al posto nostro andarono i nostri manager Claudio Durbano e mio padre Enrico. Il Funzionario chiese loro il nome del gruppo e i due, guardandosi un p spiazzati, non trovarono di meglio del nome I Bruti. Jonni: Riuscimmo ad avere gli strumenti a rate. Pagavamo i bollettini risparmiando sulle paghette settimanali. Oggi sembrerebbe impossibile, ma allora il rivenditore ci fece credito dando ducia a dei ragazzini! Altri tempi!. Rolando: Ai nostri concerti vendevamo anche le bevande, oggi vietato ma allora era una fonte di remunerazione molto sostanziosa. Alberto: Quando suonavamo Hells Bells degli AC/ DC per imitare il suono della campana iniziale percuotevamo una bombola del gas!. Jonni: Stavamo suonando Notte prima degli esami di Venditti e sulla strofa Si accendono le luci qui sul palco... il nostro tecnico, Gianni Mastr, doveva in quel preciso istante, collegare a mano la presa delle luci del palco. Preso dallemozione del momento non ci riusc e rischi di bruciare tutto limpianto, non prima

Marzo 2010

Craxi driver

per di aver imprecato vicino al microfono con gli spettatori divisi tra inorriditi e divertiti!. Molti erano scettici ma dopo il primissimo concerto in poco tempo attorno a loro nacque un seguito di fan fedelissimi tant che dovettero aggiungere due elementi nel gruppo, Luigi Camaioni, sarmonicista e Renzo Riccioni, chitarrista e saxofonista; arrivarono a dover addirittura cambiare nome per una serata importante a Garrufo scegliendo The Blizzard (La tempesta). Alberto: Cambiammo nome perch iniziammo a fare serate anche fuori da SantOmero e il nome Bruti non ci sembrava indicato anche perch dov cazz iaem cu llu nom, brut.... Chiediamo se nei loro progetti prevista una reunion. Rolando: Anche subito. Alberto: Certo! Sono emozionato. Ero nel gruppo per

amicizia, ho suonato con loro per amicizia e ritrovare ancora oggi quello spirito elettrizzante!. Jonni: Poter condividere ancora oggi i ricordi e le emozioni di quei momenti con Febo, Alberto e Rolando con lo stesso immutato spirito di allora uno dei pi bei traguardi raggiunti a 40 anni! Certo che vorrei che tornassimo a suonare. Anche adesso!. Febo: Quella dei Bruti una storia di amicizia, nata per amicizia e continuata no ad oggi per amicizia anche perch se parliamo di qualit musicale... (risata collettiva). Lidea di riprovarci c, vediamo! Ma se sar, non lo far pi da professionista o per soldi, ma per pura passione, per il piacere di suonare e di farlo ancora nel mio paese. Preparatevi, I Bruti stanno tornando! Fabrizio Cardelli

Assassins Creed. Rinascimento Alice nel paese delle meraviglie


Aermatosi nellambito video ludico prima e cinematograco poi, Assassins Creed esordisce anche nel panorama editoriale con il romanzo Assassins Creed Rinascimento. Il libro dedicato al secondo capitolo del videogame ed ispirato e ambientato, appunto, nellItalia rinascimentale - collocazione storica che ha dato vita al secondo capitolo della serie, uscito su console lo scorso novembre. Scritto da Oliver Bowden, pseudonimo di un aermato scrittore esperto di storia e Rinascimento italiano, promette di essere avvincente cos come lo stato il videogame. E il 1476, Ezio Auditore ha diciassette anni, glio di un ricco banchiere alleato della famiglia Medici, e trascorre molto del suo tempo assieme agli amici, tra divertimenti e bravate. Non ha un problema al mondo, e si gode la vita. Ma quella giovinezza spensierata termina bruscamente quando la sua famiglia viene ingiustamente accusata di aver cospirato ai danni del governo. Suo padre e i suoi fratelli vengono giustiziati dopo che Uberto Alberti, un magistrato corrotto alleato della famiglia Pazzi, distrugge le prove che inchiodano i veri responsabili. Solo Ezio, miracolosamente, riesce a sfuggire alla cattura. Allimprovviso, costretto a diventare adulto: deve nascondersi, difendersi, proteggere la sorella e la madre. Ma vuole vendetta. Si rifugia dallo zio a Monteriggioni, il borgo forticato in alta Toscana, e scopre cos che il padre era in realt membro della setta degli Assassini, che da secoli si contrappongono ai Templari, dove militano sia i Borgia sia i Pazzi. Da quel momento e per molti anni Ezio si aggira per lItalia, silenzioso e invisibile ma non privo di amici, per uccidere a uno a uno i Templari, presenti nella lista che il padre gli ha lasciato prima di morire. Nella sua missione aiutato da Leonardo da Vinci, che costruisce per lui armi sosticate, e da Niccol Machiavelli, anchegli membro dellordine degli Assassini. Antonello Cristofori
Chi secondo voi avrebbe dovuto essere il regista ideale di questa bella favola se non il magico racconta storie visionario Mr. Tim Burton (Beetle Juice, Edward mani di forbice, Batman, Big sh, La sposa cadavere, Sweeney Todd)? Se poi si porta dietro, come sempre daltronde, quel fantastico attore che Johnny Deep (Platoon, Chocolat, Blow, I Pirati dei Caraibi, Secret Window, Charlie e la fabbrica di cioccolato, Parnassus) e sua moglie, la bravissima Helena Bonham Carter (Fight Club, Il pianeta delle scimmie, Harry Potter 5, 6 e 7), allora non resta altro che accomodarci in fretta e in furia sulle poltroncine di un cinema e goderci lo spettacolo. Pure in 3D. Si perch a detta del regista, la tecnologia 3D per storie come quella di Alice, arrichisce lesperienza cinematograca e non un espediente per portare gente al cinema, come ormai costume per molti registi. Venendo al lm la protagonista principale, cio Alice, interpretata da una semi-sconosciuta Mia Wasikowska, esordiente, con una bella faccia da dolce e tenera ragazza, perfetta in tutto quello che le riesce. La diciannovenne Alice, cos, dopo tanti anni torna nel Wonderland (paese delle meraviglie), visitato da lei quando era bambina, ritrovando tutti i vecchi amici che aveva conosciuto, tra i quali il Brucalio, lo Stregatto, il Coniglio Bianco e naturalmente il Cappellaio Matto. Alice si trova ad arontare un viaggio da sogno alla ricerca del proprio destino, durante il quale incontra la Regina Bianca (interpretata dalla bella Anne Hathaway). Ed grazie a lei che scopre il signicato del vero amore e capisce che deve combattere contro la Regina Rossa per liberare Wonderland dalla sua malvagit.Cos tra Mezzastazza (la pozione che la rimpicciolisce), Tortins (la torta che la fa crescere) e Deliranza (il ballo gioioso degli abitanti di Wonderland), ci si sente trasportare in questo fantastico mondo, che far sognare i pi piccoli e sorridere i pi grandi. Adattato da Linda Woolverton (Il Re Leone e La Bella e la Bestia) per la Walt Disney Pictures, il lm un sunto dei libri Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trov (celebri romanzi di Lewis Carroll) ed uscito in Italia il 3 marzo 2010. Filippo De Donatis

Avviso ai collaboratori Si invitano quanti inviano articoli per la pubblicazione a non superare una cartella di testo (max 20-24 righe, corpo 14, spaziatura singola). La redazione si riserva comunque di ridurre o sintetizzare gli scritti inviati per adattarli allo spazio disponibile.

Marzo 2010

7
20 anni
Il 6 febbraio, si celebrato il ventennale della fondazione del gruppo Cani sciolti (la frangia pi calda e variopinta del tifo santomerese). Linvito stato raccolto con entusiasmo da tutti: tifosi, dirigenti, vecchie glorie del SantOmero Calcio, nonch da un numero considerevole di concittadini, incuriositi e contagiati dallatmosfera festosa che si respirava. LHotel Davide stato il teatro di un compleanno sui generis davvero indimenticabile. Protagonista assoluto della serata stato il divertimento, quello sano, caratterizzato da uno spirito goliardico emerso man mano che si sono succedute le varie iniziative di contorno. Dalla consegna delle maglie con il logo Cani sciolti stato un crescendo di momenti emozionanti: la proiezione di lmati depoca; la consegna di targhe ricordo agli ex presidenti del sodalizio biancazzurro; la premiazione del cannoniere principe di ogni tempo, Luciano Buoni e quella del presidente ad honorem del club, Paolo Di Serano. Il resto stata pura e semplice allegria, fatta di brindisi, fuochi pirotecnici e balli sfrenati. Questanno la squadra sta disputando un campionato di alto livello e si sta attestando nelle zone alte della classica con una striscia di ben nove risultati utili consecutivi (la pi lunga di sempre!). Complimenti ragazzi e ancora auguri Cani Sciolti! Danilo Camaioni

Confessioni di un campione
Paolo Ciavatta, ciclista neoprofessionista nella prestigiosa Acqua e Sapone
Questanno, dopo essere stato plurivittorioso tra i dilettanti, ti attende il mondo dei professionisti. Come ti stai preparando ad affrontarlo? Mi sto preparando come gli anni passati, con il solito impegno e la solita dedizione, ma con ancora pi grinta e voglia di fare. Da un punto di vista tecnico sto lavorando sul fondo perch le gare dei professionisti sono molto lunghe. Com nata la tua passione per la bicicletta? La mia passione per la bici nata guardando in tv le imprese di Marco Pantani e poi anche grazie a mio padre in quanto stato un ex dilettante. Qual la vittoria che ricordi con pi piacere? La vittoria che ricordo con pi piacere quella di Mercatale Valdarno in Toscana. Come procede il tuo inserimento nellattuale squadra e con quale compagno ti trovi meglio? Devo dire che nellAcqua e Sapone mi sono inserito subito molto bene. Qui ho trovato un ottimo ambiente e ottimi compagni di squadra. Mi trovo bene con tutti e ho un ottimo rapporto soprattutto con i tre fratelli Masciarelli con Palumbo e con Miholjevic. Ho un ottimo rapporto anche con il capitano della squadra, Stefano Garzelli il quale mi d molti consigli. Quali sono i programmi per la stagione? In questo inizio di stagione ho gi disputato il Giro della Calabria, il G.P. costa degli Etruschi a Donoratico, il Tour del Mediterraneo in Francia, il Giro del Friuli e lEroica strade bianche. I prossimi impegni saranno due brevi corse a tappe: la settimana Coppi e Bartali e la settimana Lombarda, quindi la Freccia Vallone in Belgio. La giornata tipo di un ciclista professionista? Sveglia alle 7.30 circa , ricca colazione e alle 9 si esce in bici per lallenamento, che dura da un minimo di 3 ore a un massimo di 7-8 ore in base ai lavori da svolgere. Nel pomeriggio mi riposo e verso le 20 ceno e alle 22 a letto. Velocista, passista o scalatore? Passista scalatore. Un corridore a cui ti ispiri o di cui vorresti ripercorrere le tappe. Armstrong per la grinta e la determinazione. Quale corsa reputi pi competitiva ed aascinante? Il Giro dItalia per me la corsa pi aascinante che esista, perch viene seguita anche da chi non appassionato di ciclismo. La tua opinione su coloro che pensano che la diusione del doping trovi terreno fertile nel ciclismo attuale. Devo dire che il ciclismo negli ultimi anni sta facendo una lotta spietata al doping ed giusto cos. Quindi posso dire che dicile riuscire a farla franca, i controlli ci sono e funzionano. Noi dellAcqua e Sapone, ad esempio, abbiamo aderito allADAMS che un sistema mondiale al quale devi sempre comunicare dove ti trovi, per poter essere sottoposto ad eventuali controlli antidoping a sorpresa, anche fuori competizione. Il tuo sogno nel cassetto. Il mio sogno nel cassetto vincere il Giro dItalia o la Liegi Bastogne Liegi. Cosa ti piace fare nel tempo libero? Nel tempo libero mi piace stare con la mia famiglia e uscire con la mia ragazza. Un consiglio ai tanti cicloamatori che desidererebbero diventare come te. Il consiglio che posso dare a quelli pi o meno giovani di me quello di fare sport in base alle proprie possibilit e di farlo con sacricio e con il massimo dellimpegno. Danilo Camaioni

La Tigre della Val Vibrata


Alessandra Casalena, infermiera, promessa della Thai Boxe
La Thai Boxe o Boxe Tailandese o Muay Tai, una delle arti marziali pi diuse nel mondo e deriva da unantichissima lotta Thailandese, la Mae Mai. Questa era unarte di combattimento che si usava sui campi di battaglia e comprendeva anche luso di armi bianche di vario tipo. Da questarte nasce la Thai Boxe, versione sportiva e meno cruenta. Nel 1930 vengono inserite regole tratte dalla Boxe, che rendeono gli scontri meno cruenti grazie alladozione dei guantoni, dei round e delle categorie di peso e questo apre la strada ad una Thai Boxe agonistica. Al professionismo si arriva dopo aver disputato svariati incontri nelle classi dilettantistiche a partire da classe N poi C, B ed inne A. Perch hai scelto questo sport e da quanto tempo lo pratichi? Ho scelto questo sport per vincere le mie paure e insicurezze come la paura di farsi male, del confronto con altre persone, di essere aggredite. Lo pratico da tre anni e mezzo. Quali sono le caratteristiche siche e caratteriali necessarie? Ci vuole seriet, spirito di sacricio, alimentazione corretta, niente alcool, niente fumo, mettere lallenamento prima di ogni impegno futile, spirito di squadra e tanta grinta; bisogna avere resistenza al dolore ovviamente e alla fatica, avere articolazioni resistenti e muscoli elastici (si migliora con lallungamento). Pensi che alla lunga possa rendere aggressivi? La prima regola che il nostro allenatore impone nel momento in cui si decide di entrare a far parte del nostro team : NIENTE RISSE! Pena lespulsione immediata non solo dalla nostra squa-dra ma dida anche presso altri team che praticano lo stesso sport. Vi assicuro che dopo lallenamento il livello di stress si riduce drasticamente cos come laggressivit; ci si tiene alla larga dalle risse di strada e si cerca di smorzare i toni nel caso ci si trovi coinvolti. Ovviamente lecito difendersi nel caso di aggressione e la cosa vale soprattutto per me che sono donna. In quali competizioni sarai impegnata questanno? Al campionato italiano organizzato dalla nostra federazione e sicuramente anche al mondiale che si terr i primi di maggio a Rimini. Le altre competizioni non sono programmate: pu capitare che la federazione contatti lallenatore circa un mese prima della gara perch ha bisogno che un certo atleta del team partecipi ad un evento. Quali sono stati i risultati pi importanti conseguiti nora? Nel 2009 ho partecipato sia al mondiale open (cio aperto anche ai dilettanti) della Kombat league, riportando il primo posto nella mia categoria di peso (combattendo di kickboxing light) che al mondiale open organizzato dalla WTKA dove ho vinto il titolo combattendo sempre di kickboxing light. A Gennaio sono iniziate le selezioni del campionato italiano della Kombat league che disputer combattendo a contatto pieno di K1 nella categoria di peso 65kg. Qual il tuo sogno? Diventare una professionista e combattere anche allestero. Purtroppo non sar facile dato che ho quasi 28 anni e sicuramente non ho pi lenergia di una diciannovenne o di una studentessa. Faccio i turni (comprese le notti) in ospedale perch sono infermiera e vi assicuro che per un atleta non si ha un buon recupero muscolare e di energie saltando ore di sonno. E dicile per una donna emergere in questo sport? Per una donna forse pi facile rispetto ad un uomo dato che quelle che lo praticano, soprattutto a contatto, sono veramente poche. Sicuramente pi duro sostenere gli stessi allenamenti degli uomini e incassare i loro colpi. Come pi imbarazzante per una donna uscire con un occhio nero! Un consiglio a chi voglia intraprendere questa carriera. Avvicinarsi a questo sport con il cuore senza pensare di diventare invincibili o spietati picchiatori! Io ho imparato tanto: dallautostima allautocontrollo ma soprattutto ad avere ducia nei miei compagni di squadra che per me sono come fratelli, con cui condivido gioie e dolori senza essere giudicata. Quando salgo sul ring sento laetto e il sostegno dei miei compagni anche in caso di scontta. Il TIGER TEAM VAL VIBRATA la mia seconda famiglia grazie soprattutto al nostro allenatore Toni DIsidoro che ci ha uniti insegnandoci il rispetto e la disponibilit necessaria per essere un team aatato e vincente! Antonio De Ascaniis

Via Renato Rascel, 4 64027 SantOmero (TE) Telefono e fax 0861 88068 - 3383031124 - E-mail: prolocosantomero@hotmail.it

Associazione Pro-Loco SantOmero

8
Corso di cucina: un successo!
ristiche in base alle quali si sarebbe assegnato il punteggio (armonia di sapori, gusto, presentazione). Come da prassi i componenti della giuria, dopo una lunga consultazione e riessione, hanno assegnato il primo posto. A dire il vero tutti i quasi cuochi si sono sentiti vincitori in quanto ognuno ha arricchito le proprie conoscenze culinarie, messe in pratica e vericate sia durante il corso che nelle proprie cucine per deliziare il palato di parenti e amici.

Marzo 2010

Ricetta
Arrotolato dagnello tartufato
Ingredienti per 6 persone: una coscia di agnello di circa 1,2 Kg; un tartufo nero piuttosto grosso, in mancanza va bene un vasetto di buona crema di tartufo; 3 salsicce di carne; 4 uova; 50g di grana; 1 bicchiere di buon vino bianco; brodo q.b.; prezzemolo, noce moscata; rosmarino, 2/3 spicchi daglio,olio. sale e pepe.

Dialettezze
Lemmi cetr = s.m. = plur. cetr = pronuncia: lu ctr, li ctr = articoli: lu, li = cocomero. cunseprile = s.m. = pron.: cunspril = invariato al plurale = articoli: lu, li = consobrino, cugino in secondo grado, in italiano anche cugini gli di due sorelle. scerpa, scerpe = s.f. = pronuncia: scerpa, scerp = articolo sing. la = plurale li scirp = serpe, serpente. Verbo mangiare, passato remoto ji magnivi = Io mangiai tu magniste = tu mangiasti isse/sse magn/magntt = egli, ella mangi nu magnmme = noi mangiammo vu magnste = voi mangiaste isch/sch magn/magntt = essi, esse mangiarono Modi di dire Ardhuaj = v.t. = rigovernare, sistemare la cucina, mettere in ordine Ual = v.t. pareggiare, livellare. Ha hualte = ha pareggiato; la nve ha gualite = la neve ha pareggiato i dislivelli del terreno, dei tetti Sci ccise! = imperativo singolare e plurale = espressione volgare = vai/andate a morire ammazzato/ammazzati jssafanchl / jessafanchl = imperativo singolare e plurale = espressione volgare = che andasse/andassero a quel paese

La sera del 19 dicembre era particolarmente fredda. Pochi avrebbero osato percorrere le vie del paese. Ma qualcosa accadde poco prima dellora di cena. Fin dal pomeriggio qualcuno si aannava ai fornelli per preparare prelibatezze da sottoporre al giudizio di una giuria di qualit, che avrebbe decretato i vincitori della gara culinaria da disputarsi quella sera. A conclusione del corso di cucina di I livello, organizzato dalla Pro Loco, i settanta allievi, si stavano cimentando nella realizzazione di alcune ricette. I piatti in gara hanno avuto uno strepitoso successo e non poteva essere altrimenti visto che tutti i corsisti avevano seguito con attenzione e interesse costante gli insegnamenti dello chef, Maurizio De Renzis, insegnante dellalberghiero di San Benedetto del Tronto. Oltre che dalla giuria le pietanze sono state molto apprezzate dagli ospiti che hanno partecipato alla cena. I giurati hanno trovato grande dicolt a decretare i vincitori, poich tutti i piatti rispondevano alle caratte-

Ora nelle case dei settanta ex allievi in bella mostra il diploma conseguito e con ansia si attende la ne del II CORSO DI CUCINA iniziato i primi di marzo che vede protagonista il PESCE, come insistentemente richiesto da tantissimi alla Pro Loco. Sar un replica di successo? Visti le premesse, i precedenti e i risultati non ci sono dubbi! Vera Cristofori

A Pasqua, sulle tavole non pu mancare un piatto dagnello. Dalle nostre parti, allabbacchio romano che un agnellino di 30-40 giorni nutrito solo a latte, si preferisce lagnellone, un giovane animale di 4-5 mesi. Questanno, portiamolo in tavola elaborando una ricetta pi ranata. Preparare una frittata con le uova sbattute, il prezzemolo tritato, il grana, la noce moscata, un po di tartufo tritato, sale, aggiungere anche 1 o 2 cucchiai dacqua, la render gona e morbida. Disossare la coscia dagnello; batterla allargandola sul tagliere, farcirla con la frittata, la salsiccia spellata e a pezzetti e il resto del tartufo a fettine. Arrotolare bene, legare con uno spago per alimenti e metterla in un tegame con olio, aglio, rosmarino, sale e pepe. Farla rosolare ben bene da ogni parte, aggiungere il vino bianco, il brodo e continuare la cottura in forno per 1 ora e mezza circa. Tolto dal forno, tagliare a fettine, servitelo caldo con la sua salsina e insieme ad un buon contorno.

Lamore per la montagna tra il sacro e il profano


Cera gi una vetta intitolata a Giovanni Paolo II, la Cresta Croce di metri 3.307, sulle Dolomiti Adamello-Brenta in Val di Genova. La Cresta Croce domina il ghiacciaio del Mandron dove il Santo Padre amava eettuare escursioni con gli sci. Dal 18 maggio 2005, in occasione dell85 compleanno del Papa, una vetta di 2.424 metri, conosciuta ai frequentatori del Gran Sasso con il nome di Gendarme, ha preso il nome di Cima Giovanni Paolo II. La cima si staglia sulla Cresta delle Malecoste vicino a Pizzo Cefalone, con la bellissima val Maone a nord e la valle aquilana a sud, e domina, a vista, la sottostante Chiesetta di San Piretro alla Jenca, un piccolo suggestivo tempietto medioevale sulla strada statale tra Assergi e il passo delle Capannelle, dove il Papa si pi volte raccolto in preghiera negli anni passati. Il Massiccio del Gran Sasso stato per il Papa, quello che i Monti Tatra erano per il giovane non ancora sacerdote Karol. Alcuni giorni prima della dedicazione, il 2 maggio, gli uomini del Corpo Forestale dello Stato e del Soccorso Alpino, avevano portato sul torrione roccioso Gendarme, la croce commemorativa che si staglia, imponente, rivolta in direzione di Roma. I dintorni di San Pietro alla Jenca, hanno avuto una particolare attenzione e aezione da parte di Papa Wojtyla; tante sono state le sue visite informali di meditazione e di riposo, come pure le passeggiate lungo il sentiero che da San Pietro alla Jenca sale sulla Cresta delle Malecoste, oggi intitolato Sentiero Wojtyla. La Cima Giovanni Paolo II pu essere raggiunta per tale sentiero, la c.d. via normale, da San Pietro alla Jenca, con un percorso tecnicamente facilissimo ma faticoso per il dislivello da coprire di oltre 1.300 metri, oppure, con un maggior impegno alpinistico, dallalbergo di Campo Imperatore a quota 2.100, da dove, per il Passo del Lupo e il Passo della Portella, con un sentiero molto marcato e segnalato, si raggiunge la cresta Ovest del Cefalone a circa 2.400. Da qui, con un percorso di cresta molto aereo e con dicolt di 1 grado, timidamente segnalato con bollini di vernice azzurra, si raggiunge, dopo una breve discesa, con un unico facile passaggetto in salita di 2/3 grado, cima Giovanni Paolo II. Il passaggetto nale pu essere aggirato a sud con una semplice breve deviazione. Lintitolazione di una cima del Gran Sasso non che un modesto omaggio a questo grande Papa, che era aascinato dalle vette abruzzesi. Laccostamento tra una vetta e il Santo Padre, non che una prosecuzione di quel sodalizio antico tra il mistico, il sacro e le montagne: Abramo e Isacco salivano in pellegrinaggio sul monte Moriah, lArca di No si aren sulle montagne dellArarat, Mos sal sul Sinai, Ges di Nazareth saliva sui monti a pregare e nel discorso della montagna sintetizz i comandamenti che portano un credente alle beatitudini; meditando sul Monte degli Ulivi inizi inne la sua Passione per la redenzione dellumanit. La montagna sempre stata un simbolo spirituale oltre che un rilievo orograco. Non a caso la vetta pi alta del mondo si chiama la Dea Madre. Nel 1986, dal ghiacciaio della Brenva sul Monte Bianco, il Papa Karol Wojtyla disse: Guardando le cime dei monti si ha limpressione che la terra si proietti verso lalto quasi a voler toccare il cielo in uno slancio trascendente e innito. Molti tra quelli che amano la montagna, vorrebbero che rimanesse cos com, senza nostre aggiunte: se stata creata da Dio, evitiamo che diventi una nostra manifestazione. La polemica sulle Croci in montagna vecchia. La vista di una croce su una vetta, dopo tanta fatica, per un segno di sollievo, della mta da raggiungere e raggiunta, un simbolo di sicurezza e soddisfazione specie se la si conquistata circondati dalla nebbia e poca visibilit. Da sempre luomo cerca di marcare il suo territorio, disegnando magari un cuore con il nome dellamata su una roccia, o lasciando le bandierine nepalesi propiziatrici, o le croci appunto. Dal Tibet alle Ande, alle Alpi e agli Appennini, esistono poche cime di rilievo senza un simbolo, che comunque individua una mta e che allo stesso tempo rappresenta un valore, una fede, una tradizione popolare, che anche se non condivisi, sono meritevoli di rispetto. Un simbolo, religioso o no, sempre segno di vita ed pur meglio di una targa o una lapide, come purtroppo spesso si incontrano, che ricordano la morte. Anche lalpinismo un culto e qualche volta la vittima sacricale lalpinista stesso. Tra il sacro e la natura, lalpinista una commistione speciale. Come le bandierine nepalesi, portatrici di buon auspicio (se non altro indicano la direzione e lintensit del vento), le croci attirano le forze distruttrici del fulmine, risparmiando gli alpinisti vulnerabili in cammino verso le vette. Rossano Ruggieri

S@NTOMERO Periodico di informazione, cultura, societ e sport della Pro-Loco di SantOmero. Iscritto al Registro Stampa Trib. Teramo n 608 del 16/09/2009 Direttore Responsabile: Gabriele Di Francesco Redattori capo: Danilo Camaioni Antonio De Ascaniis Segretaria di redazione: Danila Cordoni Disegni e Vignette: Fabiano Di Damaso Impaginazione Graca: Antonello Cristofori Stampa: Grache Martintype Srl Tiratura media: 1.500 copie - Di. Gratuita La redazione di S@ntomero lieta di ospitare articoli, lettere, racconti, poesie, foto, vignette, che possano arricchire la nostra e vostra iniziativa giornalistica. Si invita a non superare una cartella di testo (max 20-24 righe, corpo 14, spaziatura singola). I nostri recapiti sono: c/o Pro Loco SantOmero Via R. Rascel 4 - 64027 SantOmero (TE) Tel. e fax 0861/88068 giornalesantomero@alice.it S@ntomero consultabile on line nei siti: www.prolocosantomero.it www.santomerocalcio.it Gli articoli inviati per la pubblicazione sono sottoposti allesame insindacabile della direzione e del comitato di redazione che si riserva comunque il diritto di ridurre o sintetizzare gli scritti inviati per adattarli allo spazio disponi bile. Le opinioni, eventualmente espresse in essi, rispecchiano esclusivamente il pensiero dellautore, non impegnando di conseguenza la responsabilit della direzione e del comitato di redazione. E consentita la riproduzione degli articoli citando la fonte. I manoscritti e le fotograe, anche se non pubblicati, non saranno restituiti. Chiunque non desideri ricevere ulteriori numeri di S@ntomero pu comunicarlo ad uno dei seguenti recapiti: E-mail: giornalesantomero@alice.it Posta: Pro-Loco SantOmero via R. Rascel, 4 - 64027 SantOmero (Te)

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale -70% Teramo Aut. N. 125/2009