Sei sulla pagina 1di 21

RELAZIONE SUI DOCUMENTI E SCRITTI

DEL SERVO DI DIO GIUSEPPE AMBROSOLI


A conclusione di una accurata ricerca delle fonti documentarie inerenti a padre
Giuseppe Ambrosoli viene presentata la seguente relazione con lintento, pur nella
brevit, da una parte di evidenziare la completezza di tali ricerche svolte in numerosi
archivi, dallaltra di far emergere un primo profilo della figura del servo di Dio, profilo che
sar poi svolto in modo approfondito nella eventuale futura positio super virtutibus.
La relazione stata suddivisa in quattro capitoli: nel primo viene valutata
lautenticit dei documenti presentati, nel secondo si esaminano i documenti anagrafici e
biografici, nel terzo gli scritti di padre Ambrosoli, nellultimo sono proposti alcuni tratti della
figura spirituale cos come emergono dai documenti.
A. AUTENTICIT DEI DOCUMENTI SCRITTI
I documenti relativi a padre Giuseppe Ambrosoli e i suoi scritti, originali e
fotocopie, si trovano tutti depositati presso lArchivio storico comboniano di Roma (ACR,
sezione B, caselle 233, 253, 405).
La loro autenticit assicurata dallattenzione posta nelle ricerche che si sono
svolte sia presso archivi di istituzioni sia presso privati cittadini. Per quanto riguarda i
documenti provenienti da archivi di istituzioni, naturalmente, gli originali si conservano
presso tali sedi dove possibile controllarne lautenticit rispetto alla raccolta
documentaria che viene presentata. I documenti posseduti da singole persone (per lo pi
si tratta delle lettere di padre Ambrosoli) in parte sono stati donati allArchivio comboniano
di Roma, in parte stato concesso di entrarne in posseso tramite fotocopie.
Con la stessa attenzione si proceduto poi a depositare tutti i documenti presso
lArchivio comboniano.
Inoltre, in vista di questa relazione si ritenuto indispensabile svolgere una
revisione di tutto il materiale che si conserva in fotocopia presso lArchivio comboniano,
controllando, in particolare, la segnatura archivistica, che talvolta mutata rispetto a
quando il documento era stato fotocopiato, e la completezza del documento riprodotto
rispetto alloriginale.
B. VALUTAZIONE DI DOCUMENTI DI PERSONE VARIE
Vengono qui presi in esame i documenti inerenti a padre Giuseppe Ambrosoli,
distinti dai suoi scritti. Lordine di esposizione segue la suddivisione con cui si presenta la
raccolta documentaria.
1) Documenti anagrafici
Con una meticolosa ricerca sono stati raccolti i documenti anagrafici relativi a
padre Ambrosoli (serie I
1
), sia quelli pi propriamente anagrafici (certificati di nascita, di
battesimo, stato di famiglia, ecc.), sia quelli comprovanti gli studi fatti, sia quelli che
testimoniano lordinazione ai diversi gradi del presbiterato.
2) Documenti biografici
I documenti biografici sono stati suddivisi in tre serie:
- documenti relativi al periodo dellinfanzia e degli studi fino al conseguimento della
laurea (serie II);
- documenti relativi al periodo del seminario fino allordinazione presbiterale (serie III);
- documenti relativi al periodo della missione a Kalongo fino alla morte (serie IV).
Attraverso lutilizzo di queste fonti possibile tracciare in modo approfondito la
biografia di padre Giuseppe. Qui ci si limita a indicare alcuni momenti fondamentali in
modo da poter conoscere sommariamente la sua vita.
Giuseppe Ambrosoli nacque a Ronago, in provincia di Como, il 25 luglio 1923 da
Giovanni e Palmira Valli. Il padre era proprietario di una nota industria produttrice di miele.
Dopo le classi elementari a Ronago, Giuseppe frequent il collegio Calasanzio dei padri
1
Si fa riferimento alla suddivisione in serie dell Elenco dei documenti che viene allegato.
2
scolopi di Genova per poi terminare gli studi liceali presso lIstituto A. Volta di Como. Nel
frattempo, era entrato a far parte di un gruppo denominato Il Cenacolo, movimento
avviato da don Silvio Riva per la formazione pi approfondita di quei giovani che gi
appartenevano allAzione cattolica.
Il 27 marzo 1944 fu arruolato a Como nellesercito e trascorse il successivo mese
allospedale militare di Baggio, in provincia di Milano, nella reparto Sanit. Fu poi mandato
in Germania nel lager di addestramento di Henberg dove rimase dal 26 aprile all8
dicembre 1944. Nei successivi mesi invernali venne spedito nei paesi del Parmigiano,
mentre tra marzo-aprile del 1945 fu allospedale militare di Berceto (Parma) (serie V 9).
Su questo periodo, di grande importanza la dichiarazione di don Carlo Barcelli,
cappellano militare della divisione Italia, che fu con lAmbrosoli in Germania e in Italia dal
maggio 1944 allaprile 1945. Egli scrisse che Giuseppe ha sempre tenuto ottima
condotta morale e religiosa, con frequenza quotidiana dei santi sacramenti, e non ha
contratto impedimenti che gli vietino di farsi religioso nella congregazione missionaria dei
Figli del sacro Cuore di Verona (serie II 12, 2 dicembre 1951).
Terminata la guerra, lAmbrosoli riprese gli studi universitati di medicina e dopo la
laurea nel 1949 si present al superiore generale dei Comboniani di Rebbio (Como),
accompagnato da don Silvio Riva, per diventare prete missionario. In quelloccasione,
sempre don Carlo Barcelli scrisse al superiore dei Comboniani: non faccia tardare
lammissione dellottimo giovane dottor Ambrosoli al noviziato (serie II 11, 2 dicembre
1951).
Conseguita la specializzazione in medicina tropicale presso il Tropical Institut di
Londra, durante il noviziato pratic la chirurgia generale e ostetrica nellospedale di
Tradate (Varese) e di Lendinara (Rovigo).
Nel 1955 fu ordinato sacerdote dallarcivescovo di Milano, cardinale Giovanni
Battista Montini.
Un anno dopo, raggiunse la missione di Kalongo nel nord-Uganda, pi
precisamente nellEast-Acholi, in prossimit della zona abitata dai Karimojong (questi
ultimi spesso sconfinavano facendo razzie nei villaggi e provocando vittime e distruzioni).
Lodio tribale si perpetuava da generazioni. L padre Giuseppe rimase per tutta la vita (dal
1956 al 1987).
Al suo arrivo a Kalongo trov funzionante un piccolo centro di maternit e un
dispensario con trenta letti (serie IV 23) che trasform in un ospedale provvisto di gran
parte dei servizi specialistici. Diede vita anche a una scuola per ostetriche che prepara
3
alla professione le ragazze locali con il rilascito di un diploma riconosciuto dal governo
(serie IV 5).
Presentiamo brevemente lopera svolta da padre Ambrosoli in Africa. Nel 1972 il
ministero della sanit gli affid la direzione della Leprosy control di cinque distretti dove
erano gi registrati circa 8000 malati di lebbra. Un medico dellospedale di Kalongo ebbe
dallAmbrosoli la gestione diretta. Nel corso degli anni abilit allesercizio della chirurgia
generale e ostetrica un buon numero di medici (non meno di dodici), che diressero poi
quasi tutti il reparto chirurgico, o anche tutto lospedale, in diverse nazioni del Terzo
mondo. Durante le sue vacanze in Italia frequent sale operatorie di varie specialit,
cosicch, oltre alla chirurgia generale e ostretica gi acquisite, divenne un sicuro
traumatologo, oculista e chirurgo toracico per le emergenze. La fama dellospedale di
Kalongo non rimase dentro i confini dellUganda tanto che vi giungevano pazienti
provenienti dal Sudan e dal Kenia (serie IV 15, 1986 circa).
Per completare il quadro biografico di padre Giuseppe non si pu tralasciare di
fornire alcune indicazioni sulla situazione politico-sociale in cui si trov a vivere e che lo
port, nel 1987, alla morte. Gi alcuni anni prima, allinizio della settimana santa del 1983,
i Karimojon, ricordati sopra, diedero il via a nuove razzie contro gli Acholi prendendo
dassalto prima Patongo e Adilang, poi Kalongo. Il 10 aprile, domenica in Albis, arrivarono
fino alla missione sparando colpi di fucile e lanciando bombe. Per tutto quel giorno, il
personale dellospedale fu impegnato nel soccorrere i feriti. In una relazione su quanto
avvenuto padre Ambrosoli scrisse: Eppure in chi sperare, a chi rivolgerci se non a quel
Cristo che prima di noi aveva subito ingiustamente persecuzione e morte per salvarci e il
cui sacrifico si stava rinnovando ancora oggi su quellaltare? (serie IV 14).
Ma nel febbraio del 1987 che la situazione degener in seguito alle lotte politiche
e sociali che travagliarono lUganda dal luglio 1985 quando le truppe di Tito Okello
occuparono la capitale. La missione di Kalongo fu chiusa dopo 53 anni di lavoro
missionario, di evangelizzazione, di promozione umana a tutti i livelli, in particolare in
campo educativo, sanitario o nella preparazione di ostetriche qualificate. Il 7 febbraio il
comandante di brigata dellesercito di resistenza nazionale (N. R. A.) inform tutti gli
europei che dovevano lasciare Kalongo e trasferirsi a Lira portando via tutto il possibile.
Ancora increduli ci siamo ritrovati qualche minuto dopo per la messa vespertina del
sabato. Alla preghiera dei fedeli c stato un unico grido: Signore, aumenta in noi la fede,
donaci forza per compiere la tua volont, proteggi il nostro popolo, donaci la pace (serie
IV 16, relazione di padre Ambrosoli, 20 febbraio 1987). Luned 9 partiva un primo
convoglio di quattro camion, due suore, un padre e il dottor Tacconi con la famiglia. Il 13
4
febbraio tutti quanti erano rimasti a Kalongo dovettero lasciare la missione in direzione di
Lira. Come ultimo gesto, padre Ambrosoli si diede da fare per permettere il
proseguimento della scuola di ostetriche, trasferendo i corsi nellospedale missionario di
Angal, a nord-ovest dellUganda. A questo proposito, padre Francesco Pierli, superiore
generale dei Comboniani, scrisse allAmbrosoli il 16 marzo 1987: il sacrificio e il
trambusto che questo spostamento di studentesse ha comportato un ulteriore segno del
tuo amore agli Ugandesi e al popolo in generale (serie IV 17). Successivamente, padre
Giuseppe volle tornare a Lira per lasciare tutte le cose a posto e per smistare tutto quello
che era riuscito a salvare dallesodo forzoso dallospedale di Kalongo (serie IV 16).
Domenica 23 marzo 1987, lAmbrosoli cominci a non stare bene. Si pensava di
portarlo a Lachor, ma non fu possibile a causa della guerra. Grazie alla somministrazione
di antibiotici verso mercoled la febbre diminu. Gioved sera, per, la situazione si
aggrav: Nulla faceva prevedere la sua prossima fine e non cerano in lui segni di
affaticamento (come ha detto padre Cona che per anni era stato per lui la persona che
con autorit lo teneva a freno). Indubbiamente aveva sempre mascherato il suo stato
danimo e il suo morale depresso dopo essere stato costretto ad abbandonare lospedale
di Kalongo e tutta la sua gente. Oltre al fatto renale di certo intervenuto un affaticamento
da stress del cuore ed proprio il cuore che ha ceduto ad un certo punto della sua
malattia (serie IV 18). Con le parole O Dio mio che sia fatta la tua volont (serie IV
18) padre Ambrosoli concluse la sua vita terrena. Troppo tardi giunse lelicottero che
avrebbe dovuto portarlo a Gulu con la possibilit di mandarlo subito in Italia.
Tutti i Comboniani dUganda ringraziano di avere avuto padre Giuseppe che
stato per tutti loro un esempio edificante per lamore ai poveri ed al prossimo, e mandano
a tutti noi, sconvolti e afflitti per quello che successo, le loro condoglianze. Dio lo ha
voluto e sar di certo un segno di pace per tutta lUganda (padre Egidio Tocalli a padre
Vittorino Cona, provinciale dUganda, 28 marzo 1987, serie IV 23).
Nel pomeriggio del 28 marzo si svolsero i funerali celebrati dal vescovo diocesano
e da alcuni sacerdoti comboniani e diocesani, alla presenza di una folla numerosa. La
salma, secondo il desiderio di padre Giuseppe, stata tumulata nel cimitero di Lira (serie
IV 19).
Suor Romilde e le altre suore di Kalongo scrissero nella relazione sugli ultimi giorni
di padre Ambrosoli: Siamo fiduciosi che padre Giuseppe, vittima eletta della carit pi
disinteressata, aiuter lUganda a ritrovare la pace e la concordia, quella che fiorisce dalla
tomba del Risorto (serie IV 24).
5
3) Testimonianze fama di santit
In questa sezione sono stati inseriti tutti i documenti in cui si fa riferimento alle virt
dellAmbrosoli, alla sua santit, ma anche i documenti che dimostrano come in questi
anni non sia venuto meno il suo ricordo. Si deciso, infatti, di non presentare due sezioni
separate, quella delle testimonianze e quella della fama di santit, essendo apparso
spesso impossibile per un documento decidere se inserirlo in una piuttosto che nellaltra
sezione: le testimonianze di quanti hanno conosciuto padre Giuseppe costituiscono la
prima e fondamentale attestazione della sua fama di santit.
Per questo sono qui raccolte sia le testimonianze di quanti in vario modo hanno
conosciuto il prete missionario (testimonianze o lettere-testimonianze), sia documenti in
memoria dellAmbrosoli, articoli di giornali, testi di prediche in suffragio, ecc., che
mostrano la continuit della fama di santit. Pi precisamente:
- Articoli di giornale pubblicati allindomani della morte.
- Necrologi (es. dopo una vita trascorsa santamente, da La Provincia, 28 marzo
1987, serie VII 5).
- Telegrammi e lettere di condoglianze (es. padre Francesco Pierli, superiore generale
dei Comboniani, 28 marzo 1987: crediamo di avere ora un santo che alla destra di
Dio ci accompagna [], serie VII 6; lettera di Giovanni Battista Cesana, vescovo di
Verona, a padre Palmiro Donini, 25 aprile 1987: Ha chiuso la sua santa vita con la
domanda di essere seppellito in Uganda e il suo funerale fu un trionfo di fede e di
amore. Padre Ambrosoli fu un vero apostolo di carit, di amore, di dedizione per tutti.
Fu un grande esempio per tutti noi missionari, serie VII 48).
- Testimonianze, scritte nei mesi successivi alla morte, di padri comboniani, di suore
comboniane, di medici che lo hanno conosciuto in missione, di volontari, di amici, ecc.
(es. Luciano Terruzzi, medico, 28 aprile 1987: [] forse non mi mai capitato di
raccogliere testimonianze tanto elevate come ho visto risplendere in padre Ambrosoli.
Mai un momento di ribellione o di sconforto, mai un atteggiamento di critica o di
intolleranza verso chi pure lavrebbe meritato. Laccettazione della malattia in totale
serenit, l'umile pazienza, la fedelt ai fastidiosi periodici controlli, senza alcuna ansia
per se stesso, ma con la sola preoccupazione di poter continuare a servire il prossimo,
mi conducono a formulare una conclusione: cera in padre Giuseppe, solido e
compatto, tutto quel tessuto di equilibrio, di virt umane e di coerenza ai principi della
6
fede in Dio che Amore, della carit per il prossimo che soffre e della speranza di un
mondo pi giusto, sul quale tessuto non pu non disegnarsi il ricamo di uneroica
santit, serie VII 53).
- Testimonianze scritte un decennio dopo la morte dellAmbrosoli in vista dellapertura
della Causa di beatificazione.
Oltre agli accenni appena fatti di alcune testimonianze, sembrato opportuno
dedicare maggior spazio alla testimonianza di Palmiro Donini, sacerdote e medico, che
conobbe padre Giuseppe nel 1963 in occasione del suo primo viaggio in Africa. Lanno
successivo si trasfer presso la missione di Kalongo. Oltre a lettere e appunti padre Donini
autore di un libro su Giuseppe Ambrosoli.
Per quanto riguarda la fama di santit prima della morte, significativa la sua
testimonianza scritta nel novembre del 1986, quattro mesi prima della morte
dellAmbrosoli, su richiesta di padre Lorenzo Gaiga in vista di un futuro necrologio. Padre
Donini che precisa allinizio: scrivo ben lontano (almeno spero) dalla situazione in cui si
portati a dir bene degli altri per laccresciuto affetto generato dal dolore del distacco
ricorda le virt che hanno caratterizzato la vita di padre Giuseppe, virt che gli derivavano
dalla fede e dalla sua pratica religiosa profondamente convinte (serie VII 2).
Dopo la morte dellAmbrosoli, padre Donini tracci un breve profilo della figura
dellAmbrosoli facendo un parallelo con le beatitudini. Ci sembra utile riportarlo per
presentare in modo generale, e nello stesso tempo il pi possibile completo, la figura del
servo di Dio:
Prego considerare quella riflessione [...] fatta sulla scorta delle beatitudini da san Matteo
come pi che fondata sul suo comportamento. Infatti:
era da tutti notato quale missionario che viveva nella povert. Chi non lo conosceva pensava
che fosse avaro o tirchio che dir si voglia. Era rigorosissimo con se stesso. Magnanime con
gli altri cui dava il doppio di quello che gli si chiedeva. Attentissimo a non sprecare e ad
utilizzare tutto quanto era riciclabile. Cos pure ad amministrare nel modo pi intelligente le
offerte che gli provenivano sopratutto dai privati. Sopratutto nel senso che da enti od
associazioni fino agli ultimi tempi non aveva avuto nulla eccetto che la perforazione di un
pozzo e il serbatoio dellacqua. Ma la nuova pediatria, chirurgia, sala operatoria, padiglione
per Tbc, reparto privati, vennero costruiti senza il contributo di enti eretti allo scopo (e come
dico altrove, tutte queste costruzioni, accettando consigli di altri - se glieli davano -
progettava tutto lui, aumentando il suo lavoro).
gli afflitti che saranno consolati! Fu unaltra sua caratteristica quella di non chiedere
consolazione a gente qui sulla terra. Da notare che era sensibilissimo a quanto poteva far
soffrire, soprattutto, spiritualmente.
7
Beati i miti = so che alle volte aveva diritto di ottenere questo o quello, non per lui
naturalmente, ma per le grandi necessit dellospedale: se appena notava che cera da
litigare per ottenere, cedeva per quanto alle volte noi lo esortassimo a perseguire lo scopo
contrastato. Preferiva cedere. Lavevo visto leggere il libro della LUBICH: larte di perdere
che apprezz almeno credo.
i misericordiosi : anche qui. Non faccio aggiustamenti per farlo rientrare Quanto discutere
alle volte per decidere sanzioni contro chi sera comportato male e quanta misericordia da
parte sua!
i puri di cuore : se entrava una suora nella sua stanza la porta doveva essere aperta. Se
visitava le donne doveva avere la nurse nellambulatorio. Lapproccio al malato era sempre
fatto nel rispetto di quel senso di riservatezza che anche il malato certamente apprezzava.
Se qualche frase equivoca, nel senso della scurrilit, veniva pronunciata, lui non rideva,
anche se [...] [doveva] [...] astenersi da un coro di risata.
operatori di pace : mai il pettegolezzo, piuttosto il consiglio della conciliazione (mi ricordo un
caso che non posso certo esporre apertamente, ma interrogato se al mio posto non avesse
rotto i ponti, neanche per idea. Andrei avanti e buonanotte mi disse). Ricordo che
credetti che lui non avrebbe rotto i ponti, ma mi chiedevo: ma come farebbe! Non pensavo
alla profondit delle sue soprannaturali fondamenta! Se gli rendevano noti certi
comportamenti disdicevoli di qualcuno, non a scopo di pettegolezzo ma per la ricerca di
buone soluzioni, cominciava col dire: Non c difetto che noi rimproveriamo agli altri che
anche noi non accettiamo!. Facevo un rapido esame di coscienza e me ne andavo come
quelli che volevano lapidare ladultera
quelli insultati : la sua cordialit, amabilit, disponibilit con tutte le altre virt
abbondantemente rappresentate in lui, non gli potevano attirare opposizioni od inimicizie od
insulti. Ma negli ultimi tribolati difficilissimi tempi di Kalongo venne pesantemente accusato
ed insultato da gente che non aveva capito nulla della funzione di carit che il suo ospedale
rendeva a tutti. E venne insultato. Ebbene anche questa occasione fu per lui motivo di
beatitudine. Infatti chi si mantenne sereno, chi volle leggere in quella tristezza la
Provvidenza amabile di Dio fu proprio lui, che espresse per scritto questa ricerca animata
dalla certezza della presenza della mano benefica di Dio (serie VII 78).
8
GLI SCRITTI DI PADRE GIUSEPPE AMBROSOLI
Sono gli scritti di padre Giuseppe che ci permettono di conoscere in profondit, per
quanto possibile, la sua figura spirituale. A questo proposito, insieme a una breve analisi
di essi, verrano riportate alcune sue frasi come tentativo di far emergere ancor pi
chiaramente la sua figura.
1) Quaderni e appunti spirituali
Tre sono i diari spirituali di padre Giuseppe, due relativi agli anni giovanili, prima
dellentrata nella Congregazione dei Comboniani (1946-1948, 1949-1951 con allegato del
1947), uno iniziato al momento dellentrata in seminario e conservato fino a poco prima
della morte.
In essi si trovano principalmente appunti riguardanti le meditazioni degli esercizi
spirituali cui lAmbrosoli prese parte. Allinterno si trovano spesso anche i propositi che il
servo di Dio faceva per la sua continua conversione: sono essi, in un certo senso, la parte
pi importante di questi diari, in quanto mostrano la costante coscienza delle sue
mancanze e nello stesso tempo la consapevolezza che solo nel Signore vi possibilit di
salvezza.
2) Lettere
Le lettere di padre Ambrosoli che si conservano furono scritte nella quasi totalit
dopo la sua entrata nella Congregazione dei Comboniani, e di queste la maggior parte si
riferiscono agli anni della missione a Kalongo.
Del periodo della giovinezza rimangono alcune lettere che lAmbrosoli invi a
Virgilio Somaini, suo amico e compagno del gruppo Il Cenacolo. Pur essendo poche,
questi scritti rivestono una notevole importanza nel far emergere, ancor prima di quella
che diventer la sua vocazione definitiva, ci che per Giuseppe Ambrosoli era importante
nella vita. Il 27 dicembre 1947 scriveva allamico Virgilio:
Ora tocca a me farti gli auguri per il prossimo anno: auguri non come quelli che si fanno la
maggior parte degli uomini nella speranza di beni terreni; ma il nostro augurio reciproco
deve essere improntato nella speranza di realizzare frutti spirituali, ad una grande
confidenza nel Signore, allaccettazione della sua volont, ad un fortissimo desiderio della
sua gloria! Caro Virgilio ci trovi e ci veda il prossimo anno sempre uniti dagli stessi intenti di
9
bene e di apostolato, nello stesso lavoro per lAzione cattolica, nellunanime, fervido,
generoso amore col Cristo! Ecco come voglio intendere laugurio sincero che ora ti rivolgo.
[] Dobbiamo sentire il bisogno di lavorare di pi per il Signore perch questo ci che
conta nella nostra vita: tutto il resto passeggiero, nulla, quando non poi nocivo. [] E
nella preghiera stiamo sempre uniti. Troviamoci al mattino ai piedi dellaltare ricordandoci
reciprocamente al Signore (serie V 81).
E qualche mese prima:
Dobbiamo metterci daccordo per lavorare un poco di pi per il Signore. Fino adesso son
volate per laere solo parole, ma la luce del sole ha potuto vedere pochi (o niente) fatti. Non
pensare che parli solo a te (per carit!). Queste cose prima le dico a me ed a me le devo
rimproverare; poi di rimbalzo potrebbero interessare anche te. Ma son io che debbo tremare
per primo pensando ai miei talenti che (anche se pochi) tengo nascosti sotto terra e dei quali
dovr rendere esatto conto a chi misericordia infinita, ma anche giustizia. Caro Gino,
preghiamo insieme e preghiamo tanto perch il Signore possa costruire sulla rovina delle
nostre miserie, colla sua grazia, la sua opera (serie V 83).
Tutta la sua vita non fu poi altro che un lavorare per portarsi sempre pi vicino a
Lui, il Cristo (lettera a Virgilio Somaini, 21 novembre 1946, serie V 79).
quanto testimonia lepistolario dellAmbrosoli, il quale dedicava tutto il poco
tempo che gli rimaneva dopo il lavoro in ospedale, dopo la sua missione di prete e dopo il
tempo dedicato alla preghiera, mantenere la corrispondenza: [] sono da quattro
settimane a letto per una nefrite. Ora per sto gi bene. Mi tengono a letto (eccetto
qualche scappatina al tavolino per qualche lettera) per prudenza e nella speranza che il
male guarisca e completamente. Anche questa dobbiamo prenderla dalla mano di Dio
(lettera a Piergiorgio Trevisan, 17 settembre 1982, serie V 93). Era comunque sempre
poco il tempo che poteva dedicare a questo compito: Resta il guaio della corrispondenza
che si ammassa in attesa (lettera a Piergiorgio Trevisan, 30 settembre 1981, serie V
91). E un mese dopo: Qui abbiamo avuto mesi di intenso lavoro. La mia corrispondenza
in un arretrato spaventoso. Non so letteralmente pi come fare. Ma ringrazio sempre il
Signore che il lavoro sia tanto, perch siamo qui proprio per questo ed attraverso al
lavoro medico che possiamo arrivare allanima di tanti malati In questi paesi la pastorale
passa quasi sempre attraverso il corpo (Lettera a Piergiorgio Trevisan, 25 novembre
1981:serie V 93).
Rimandiamo al capitolo successivo per conoscere alcuni elementi della figura
spirituale del servo di Dio.
10
LA FIGURA SPIRITUALE DEL SERVO DI DIO
a) Senso di Dio
Profonda fu la consapevolezza in padre Giuseppe che con la grazia di Dio tutto
era possibile. Poco prima di entrare nel seminario di Gozzano i Gozzano, scrisse a padre
Leonzio Bano: Sono certo che il Signore mi aiuter a superare ogni ostacolo prima e poi,
e di potere colla sua grazia dedicare tutta la vita alla causa missionaria per lavvento del
suo Regno (serie V 3, 23 settembre 1951). Qualche giorno dopo, l8 ottobre 1951, al
maestro dei novizi, padre Giovanni Giordani, scriveva: Penso, per, purtroppo, che
metter un po a repentaglio la sua pazienza perch, pur lasciando a casa tante cose, non
potr certo lasciare il cumulo di tare e difetti miei. Verr col desiderio di mettermi a
cercare e fare la volont del Signore in tutto, ma so di avere tanti difetti, incapacit, e
forse una mentalit poco ortodossa per le abitudini della vita nel mondo (serie V 7).
In quasi tutte le lettere, poi, scritte durante la sua missione a Kalongo emerge la
profonda fiducia che padre Ambrosoli rimetteva nella Provvidenza. Durante un periodo in
cui la situazione in Uganda era difficile e nessun visto veniva concesso ai missionari, ai
sacerdoti, ai medici, alle infermiere e agli insegnanti, egli poteva scrivere agli amici della
Caritas di Bologna, il 4 marzo 1973:
con tutto questo andiamo avanti disposti a lavorare fino allultimo giorno, sapendo che
questa nostra gente ha ancora tanto bisogno di noi. Siccome non lavoriamo per il nostro
interesse continuiamo aspettando che la Provvidenza ci venga incontro a mettere a posto le
cose. [] Anche questo nostro lavoro in questo momento difficile andr a gloria di Dio. Mi
pare che sia proprio questo il momento buono per fare vedere che non lavoriamo per il
nostro interesse. [] Mi pare che questo sia per noi pi che il momento di chiedere aiuti
economici quello di chiedere aiuti spirituali perch il buon Dio salvi la cristianit ugandese. A
noi nello nostre viste umane pare che questo sia concesso con la salvezza delle nostre
missioni, ma a Dio dobbiamo chiedere che cerchi Lui ci che veramente meglio secondo le
sue viste. [] Ad ogni modo ci sentiamo pi che mai nelle mani di Dio ed andiamo avanti
come nulla fosse cercando di purificare la nostra intenzione e nonostante tutto trovando in
Dio la forza di continuare con serenit (serie V 103).
Per testimoniare questo suo profondo senso di Dio riportiamo alcuni stralci di
lettere:
- Nella lettera a padre Antonio Todesco, datata 2 marzo 1958, lAmbrosoli faceva
presente le difficolt finanziarie che la missione stava attraversando, ma aggiungeva: Ad
ogni modo la fiducia nella Provvidenza non manca ed in qualche modo si andr avanti
(serie V 16).
11
- Che il buon Dio ci aiuti per il futuro che pare di prevedere assai difficile (serie V 18,
lettera a padre Gaetano Briani, 8 ottobre 1962).
- Lettera alla madre superiora del monastero della Carmelitane scalze di Parma, 10
agosto 1975: Lunica cosa che ci sostiene la fiducia nella Provvidenza (serie V
127).
- Lettera al dott. Giovanni Purgato, 11 dicembre 1975: Qui non ci sono grandi notizie.
Andiamo avanti sperando nella Provvidenza (serie V 72).
- Lettera a Irma Domenis, 24 dicembre 1980: Questanno abbiamo tribolato molto e non
ancora finita. Ad ogni modo speriamo che il buon Dio ci aiuti. Chiedo anche a te una
preghiera (serie V 29).
- Padre Giuseppe era consapevole che il problema pi importante in Uganda non era
quello economico: Che il Buon Dio ci aiuti! Intanto andiamo avanti pregando e
sviluppando la virt della speranza e fiducia nella Provvidenza (serie V 5, 30 agosto
1981).
- Lettera alla Caritas di Bologna, 28 settembre 1982: Ad ogni modo la cosa pi bella di
essere preparati a vedere in tutte queste cose la volont di Dio. Anche linattivit forzata,
vista dallalto non ha nulla di triste ed il periodo di malattia certo un periodo di grazia
(serie V 117).
- Lettera a suor Anna Fumagalli, 30 dicembre 1983: La ringrazio soprattutto per avere
continuato a pregare. Il Signore mi ha tanto aiutato in questo periodo. Comincio a capire
che il pi importante fare la sua volont. Il resto niente. Quanto tempo perdiamo per
cose inutili nella vita! Ho ripreso la mia vita, a ritmo pi calmo. Sono qui da sei mesi. Mi
sono ammalato ancora tre volte (per una settimana). Anche a Natale ero a letto, ma ora
sto guarendo e spero in Ges di poter continuare, se lo vorr (serie V 47).
- Lettera a Irma domenis, 17 agosto 1984: Io vado avanti abbastanza bene, ma non
sono pi quello di prima. Ogni tanto mi salta addosso qualche male. Il mese scorso ho
fatto due settimane a letto per una sciatica per cui non riuscivo pi a stare in piedi. Ora va
meglio e sto riprendendo il lavoro. Sar in ogni modo quello che Dio vuole e questo
sempre una cosa bellissima (serie V 31).
- Lettera a suor Santina Pelizzari, 19 agosto 1986: Certo se li guardiamo collo sguardo di
Cristo i nostri piccoli guai non ci preoccupano pi, ma diventano fonte di apostolato e
martiri (serie V 64).
- Lettera a padre Donini, 30 novembre 1986: Non pensare per noi. In qualche modo con
laiuto di Dio ce la caveremo sempre. A noi basta che tu preghi. [] Ti faccio carissimi
12
auguri per la tua operazione ed anche per Natale. Sii certo della nostra preghiera forte
forte per te (serie V 39).
- Lettera a padre Donini, 5 marzo 1987: Il futuro veramente imprevedibile. E certo che
nella mano di Dio; e noi vorremmo sapere sfruttare tutto a nostra crescita nel suo
amore. Prega per noi che siamo tanto duri da non sapere fare frutto di simili occasioni
irrepetibili (serie V 42).
- Lettera a Mario Mazzoleni, 9 marzo 1987, dopo la chiusura della missione di Kalongo:
Con un gran magone abbiamo dovuto abbandonare Kalongo. Ma il Signore grande e
ci ha dato la forza d iaccettare tutto dalla sua mano. E questa anzi una occasione
meravigliosa per crescere e maturare spiritualmente e distaccarci da tante cose terrene.
Quindi ringraziamo di tutto il Signore (serie V 63).
- Lettera a Piergiorgio Trevisan, 22 marzo 1987: Ti mando il ciclostilato della nostra triste
storia di Kalongo. Ora siamo esuli! E stata molto dura, ma il buon Dio ci ha aiutato e dato
la forza. Possa anche questo servirci per crescere nel suo amore e maturare
spiritualmente. Quello che Dio vuole non mai troppo (serie V 95).
b) Vita di preghiera
Dalle lettere emerge poi un altro tratto della figura dellAmbrosoli. Il profondo senso
di Dio che lo caratterizzava lo spingeva a cercarlo continuamente nella preghiera, tanto
che anche dopo una giornata di lavoro continua in ospedale, a notte inoltrata si metteva a
pregare: Ora interrompo perch mezzanotte e devo ancora pregare un poco cos
prego per loro! (lettera alle signorine Rimoldi, 26 marzo 1982, serie V 74). In uno dei
pochi periodi di riposo che si concesse, padre Ambrosoli poteva esultare per la possibilit
che gli era concessa di avere pi tempo per la preghiera, come scrisse alle signorine
Rimoldi, il 12 maggio 1982: Scrivo da Patongo, una missioncina a 30 Km da Kalongo
dove mi trovo per fare due settimane di riposo approfittando che un medico mi sostituisce
a Kalogo. E' un posticino quieto, niente di bello, in pianura, piove quasi continuamente,
cos me ne sto quasi sempre in camera a scrivere un po di lettere. Ha per il gran
vantaggio di avere la chiesa che comunica colla casa dei padri e la porticina interna
aperta giorno e notte (serie V 75).
Anche quando le sue condizioni di salute lo costringeranno a ridurre i tempi di
lavoro in ospedale, ci che lo rendeva lieto era proprio la possibilit poter pregare di pi,
come testimonia la lettera a padre Salvatore Calvia dell11 giugno 1983: Grazie a Dio sto
meglio, anche se i risultati di laboratorio sono sempre un po severi ed indicano che la
13
ripresa non completa. E gi una grande grazia poter tornare in missione e cercher di
essere prudente in modo da poter continuare nel lavoro anche se a ritmo ridotto. Lidea
non mi dispiace completamente perch vorr dire che trover il tempo di pregare durante
il giorno (serie V 6).
La preghiera era per padre Ambrosoli il modo pi semplice per poter capire quale
era la volont di Dio: La nostra situazione rimane sempre tesa siamo bloccati in
missione, la nostra gente vive di stenti e di sofferenze Limprtante per noi riuscire a
fare di questa situazione una occasione per fare meglio la volont di Dio e per unirci di pi
a Ges. La cosa non sempre facile a capirsi, ma dicendo il rosario e meditandone i
misteri ci si arriva facilmente Prega tanto per noi (lettera a suor Santina Pelizzari, 29
dicembre, 1986serie V 65).
Lettera alle signorine Rimoldi, 26 settembre 1983: Grazie di tutti i consigli per la
salute. Cerco di stare attento e di essere prudente. Qualcosa per devo pur fare. Ho
anticipato lorario di andare a letto alla sera, ma il pregare a letto non mai cos bello
come passeggiando di notte sotto il cielo stellato di Dio (serie V 77).
c) Carit e sacrificio
La consapevolezza di dipendere in tutto da Dio, compimento della propria vita, che
nella preghiera trovava il continuo sostegno, spinse padre Giuseppe Ambrosoli a una
carit e a un sacrificio gi evidente negli anni della giovinezza. Per questo sapeva che la
prima carit dalla quale derivano tutte le altre quella di far conoscere Cristo e di
seguirlo nel cammino di fede.
Un esempio quanto emerge da due lettere scritte, durante gli anni del Cenacolo
allamico Virgilio Somaini : Domenica scorsa (ultima giornata del corso ad Uggiate)
abbiamo passato una lieta giornata, costruttiva ed edificante; per nel mio cuore cera una
piccola ombra, ed era questa, il pensiero, anzi lamara constatazione della tua assenza.
Dovrei tirarti le orecchie, ma non sono capace e non ne ho lautorit. Dovrei piuttosto
cercare il trave nel mio occhio! [] Per questo son certo di concludere di pi assicurandoti
che questa sera prender in mano la corona e la sgranocchier per te (11 maggio 1947,
serie V 84). Qualche giorno dopo richiamava ancora limportanza di non trascurare la
propria formazione:
Questoggi nella giornata lieta e serena di studio e meditazione, ma anche di gioia e
festosit, la giornata del Cenacolo, ho sentito tanto la tua mancanza. [] Ho sentito, in
poche parole, il timore che tu possa venir meno nella nostra unione intima, spirituale, unione
14
al Cristo nostro fratello e maestro. [] Mi ha detto Afro che stai studiando per un esame. So
che cosa significa aver esami, perch ne ho anche io uno la settimana prossima. Anche gli
esami sono un mezzo per rendere gloria a Dio ed soprattutto per questo scopo che
dobbiamo aspirare alla buona riuscita anche in questi. Ma a che servirebbe, caro Gino,
cercare di dar gloria a Dio in un esame quando per questo perdiamo delle ore preziose per
la nostra formazione, ore preziose per il rinvigorimento della nostra vita interiore? Ti prego di
sentire con me questo pensiero, cos, nella sua limpida semplicit. Lapostolato nellAzione
cattolica, vero, caro Gino, non d onori, no fa carriera, non d benefici materiali, non d
riconoscimenti esteriori, non suscita ricompense terrene da parte degli uomini; vero, e
questo pensiero potrebbe essere terribile nel momento della prova, della crisi, dello
sconforto. Ebbene, nel ragionamento sereno, alla luce della grazia, proprio questo
pensiero che ci d conforto, che ci fa abbracciare con maggior entusiasmo il nostro ideale,
che ci fa amare maggiormente il nostro apostolato, che ce lo apprezzare, e desiderare e ce
lo fa sentire in tutto il suo fascino (serie V 85).
La carit che connotava lagire di padre Giuseppe si approfond negli anni della
missione. Era per questa carit che si sacrificava continuamente nel suo lavoro
allospedale, mettendo in secondo piano anche gli affetti familiari. Infatti, invitato da padre
Tarcisio Agostoni a fare ritorno in Italia per le condizioni della madre, padre Giuseppe fece
sapere che era impossibilitato a muoversi in quanto non cera nessuno in quel momento
che poteva sostituirlo in chirurgia: Lospedale ha un impegno serio verso la vita di chi vi
accorre ed in coscienza non posso lasciare il posto gravemente scoperto per una ragione
familiare. (serie V 1, 12 giugno 1977). Dopo aver parlato con il fratello Francesco e
aver appreso che non cera urgenza per una sua venuta, decise che si sarebbe recato in
Italia al ritorno di un medico che poteva sostituirlo.
Allamico Piergiorgio Trevisan, in una lettera del 30 settembre 1981, scrisse :
Felici di sacrificarci per questa nostra gente (serie V 91).
d) La virt dellumilt
Padre Giuseppe Ambrosoli aveva una profonda coscienza del cammino di
conversione che doveva compiere. Poco prima della sua entrata nella Congregazione, il 5
ottobre 1951, scrisse a padre Leonzio Bano: Purtroppo so che non potr fare a meno di
portare tutto il cumulo delle mie tare e difetti. E penso che i superiori avranno bisogno di
esercitare molto la loro pazienza con me! Per, spero, collaiuto di Dio, di non essere pi
di danno che di vantaggio (serie V 4).
Numerose sono le testimonianze che sottolinenano quanto fosse radicata in padre
Ambrosoli la virt dellumilt:
15
- Lettera di Palmira Ambrosoli a signora, 20 aprile 1963: credo che nella sua grande
modestia, quando avr saputo del premio
2
conferitogli, non si sar creduto degno (serie
Iv 3).
- Lettera circolare di padre Egidio Tocalli, 31 marzo 1987: Ricorder sempre la sua
pazienza e sorriso, la sua resistenza alla fatica in sala operatoria e la sua seriet e
competenza professionale. E soprattutto porter nel cuore tanti esempi della sua umilt e
voglia di nascondersi e minimizzare i suoi meriti, e tutta quella voglia di servire a tavola,
anche se era stanco dopo tante ore di lavoro. Quelle ore che passava in Chiesa, assorto
col suo Dio, sono la chiave di spiegazione di tutto (serie VII 20).
- Lettera di suor Romilde Spinato a Mario Mazzoleni, 6 aprile 1987: [] come ha vissuto
anche morto povero e distaccato da tutto. A Kalongo cera tanto, ma lui non lo usava,
era tutto per gli altri e nulla per s. [] Ha fatto una morte invidiabile da santo (serie VII
42).
Molti altri aspetti si potrebbero aggiungere sulla personalit interiore del servo di
Dio, comunque ci sufficiente annotare come il suo profondo senso di appartenenza a
Dio, medico misericordioso dei corpi e dello spirito, avesse portato padre Giuseppe
Ambrosoli a vivere in maniera unica e armonica la sua missione di prete e di medico,
come un tutto evangelizzante.
Il presidente della Commissione storica
don Saverio Xeres
dott.ssa Annalina Rossi
Como, 22 giugno 2001, Festa del Sacro Cuore
2
Nel 1963 gli venne assegnato il premio Missione del medico con la motivazione: nel corso della sua
attivit ha compendiato la figura ideale ed eroica del medico con continuit di sacrificio e prestigio per la
classe medica (serie IV 5).
16
Stato del noviziato, 31 dicembre 1951: Piet sentita, soda. Non il tipo entusiasta per.
Sente una forte ripugnanza alle regolette dei novizi, per cerca di soffocarla e di
adattarsi. Difatti i novizi ammirano la sua osservanza e la sua semplicit.
Ha chiesto di potere fare catechismo; sempre stata questa una sua passione. Pensa al
suo futuro apostolato, ma pi che altro sotto laspetto della sua scienza medica (serie III,
1).
Stato del noviziato, I teologia, 31 dicembre 1952: Sempre di buon proposito sia nella
piet che nellosservanza delle sante regole e delle disposizioni.
Le piccole pratiche per [] gli pesano molto: per in tanto le fa, per obbedienza e per
educazione alla volont, se non altro.
Sodo quanto ai principi, alla carit, la povert (serie III, 3).
Stato del noviziato, 30 giugno 1953: Uomo maturo, il quale una volta deciso di prendere
una via buona marcia per quella senza rivoltarsi addietro, senza tentennamenti. [] Ha lo
spirito deconomia che potrebbe essere identificato, a questo punto del noviziato, con lo
spirito di santa povert.
Molto solerte della salute altrui, pi di loro stessi.
Spirito di sacrificio (serie III - 4).
Cartella personale di G. Ambrosoli, al termine della teologia, 24 maggio 1956: Nei tre
anni che fu a Venegono come teologo rifulse per piet, carit, abnegazione, seriet,
spirito di disciplina, amore alle regole, a povert (serie III 7).
Notizie informative per lammissione ai voti perpetui, 7 febbraio 1955:
spirito di piet profondo
pratica dellobbedienza esemplare
pratica della povert radicata
carit fraterna accentuata e sacrificata
virt particolari da segnalarsi sacrificio, abnegazione, spirito di carit,
nonch preghiera
giudizio sullammissione o meno ai voti ottimo; ce ne fossero di tali scolastici
(serie III 11).
Notizie informative per lammissione ai voti perpetui, 25 giugno 1955:
17
giudizio sullammissione o meno ai voti ottimo (serie III 16).
Questionario per la preparazione di una scheda personale di attitudine e preparazione
professionale: osservazioni direttore dellospedale. La sua vita sembra definitivamente
tracciata. A che pro un giudizio su di lui, la cui bonta a tutti nota (serie III 21).
Lettera di padre Antonio todesco, superiore generale dei Comboniani, 13 febbraio 1958:
permetta che la ringrazi anzitutto per la grande sua carit verso i confratelli (serie IV
2).
Verbale della riunione della Charitas di Bologna, 8 novembre 1971: La sua esemplare
figura morale ed il suo esempio di apostolato a favore di chi soffre serviranno daltra parte
a noi per rafforzare la nostra carica spirituale e la nostra comunione con il mondo
missionario (serie IV 4).
Scheda sullopera di Giuseppe Ambrosoli in Uganda, 1986 circa: amabilit che irradia
dalla sua persona: egli sempre stato (a tutte le ore, in tutte le circostanze, anche le pi
fatiganti per lui) a disposizione degli altri. Ne prova la stima e laffetto per lui da parte
degli ammalati, da parte dei medici. Di questi sia quelli che lavorano con lui allospedale,
sia quelli che vengono dallItalia per un breve periodo di permanenza allospedale: in tutti
c e c stato il desiderio di ritornarvi (serie IV 15).
Lettera a Luigi e Ambrogina Donini, 10 agosto 1982: Partecipo con cuore fraterno al
vostro dolore. Non dovete per lasciarvi abbattere dal vostro dolore. Graziella andata
avanti dove noi pure speriamo di andare, e lavoriamo tutta la vita per questo. Il nostro
dolore cristiano pi forte, ma sereno nella speranza e nella attesa della futura riunione in
Dio (serie V 36).
Lettera a Piergiorgio Trevisan, 2 novembre 1980: Da un paio di mesi sto facendo una
esperienza nuova sprituale approfondendo la spiritualit di De Foucault, attraverso gli
scritti di Voillaume. E sulla linea di san Paolo e porta direttamente a Ges. Lunica
delusione che quando chiedo a qualcuno se si accorto che sono cambiato in bene, mi
sento rispondere di no! Ad ogni modo vivo molto pi felice di prima, anche se c pi
sacrificio (serie V 88).
18
Lettera a Piergiorgio Trevisan, 26 marzo 1981: Sto cercando di vivere la quaresima
secondo lo spirito di De Foucauld (da cui sono lontanissimo!) per arrivare un po pi vicino
a Ges nella sua via della croce. Ti chiedo una preghiera per lanima di questo povero
peccatore.
Lettera a padre Ettore Pasetto, 3 ottobre 1983: Ad ogni modo limportante non quanto
facciamo, ma come lo facciamo, e se lo facciamo per amore di Dio. Ora che ho preso la
legnata ai reni comincio anchio a capire un po questo punto, che essenziale nella
nostra vita religiosa. Lasciare che Ges tiri via quello che crede e quel poco che ci lascia
fare, farlo solo per amore suo Vede che bella predica, ma la scrivo per farla a me
(serie V 97).
Lettera alla Caritas di Bologna, 31 gennaio 1983 (in Italia, per curarsi): Questo tempo mi
serve per pensare, per pregare ed accettare anche il dono della malattia dalle mani di Dio.
E un po linsuccesso amato (per amore di Dio) di De Foucauld. E certo pi facile dirlo a
parole e per questo vi chiedo una preghiera perch veramente possa accettare tutto
ringraziando il Signore proprio per ci che contrario alla nostra volont (serie V 118).
Lettera alla Caritas di Bologna, 19 novembre 1983: Mi pare di stare abbastanza bene e
spero che i reni resistano alla ripresa, sia pure parziale, del lavoro. Ad ogni modo
dobbiamo guardare in alto e pensare che in qualunque modo il nostro vero bene nella
volont di Dio e non nel successo limitato delle nostre intenzioni. Questo ci d anche un
senso di serenit e gioia che purtroppo mancano in molti nostri fratelli in cui scarseggia la
fede. E solo una constatazione, ma non dobbiamo vantarcene perch dono di Dio
(serie V 119).
Lettera alla Caritas di Bologna, 12 maggio 1985: E proprio vero che il valore delle nostre
azioni non dato dalla quantit e bont esteriore, ma dal quantum di amore per Dio e per
i fratelli che ci mettiamo (serie V 121).
Lettera alla Caritas di Bologna, 1 maggio 1986: Siamo da poco usciti da una brutta
guerra che ci ha fatto vivere un periodo di tensioni e preoccupazioni. LUganda ne esce
impoverita fisicamente e moralmente. C tutto da ricostruire e non sappiamo come sar il
futuro. Meno male che sar sempe come Dio lo vorr per noi e quindi per il nostro meglio.
Siamo nel centenario dei martiri dUganda e ci aspettiamo da loro lintercessione per
19
questo paese. Tutti questi sconvolgimenti poi ci aiutano a sentire tutta la nostra
debolezza, la nullit delle nostre sicurezze umane e quindi capire che solo in Dio
dobbiamo porre le nostre speranze (serie V 122).
Lettera alle suore del monastero delle Carmelitane scalze di Parma, 7 settembre 1986:
Passano gli anni e ci che vale quello che abbiamo fatto per il Signore ed in
proporzione allamore con cui labbiamo fatto. In febbraio ho compiuto 30 anni di
missione. Prego il Signore di avere misericordia per tutte le mie mancanze di questi anni e
per tutte le volte in cui ho cercato me stesso invece che Lui. Chiedo a loro una preghiera
perch questa pianta tanto storta possa raddrizzarsi un po almeno verso la fine (serie V
128).
Lettera testimonianza di padre Palmiro Donini, novembre 1986: Utilizza [] tutti i ritagli
di tempo (salvo la prima osservanza dei tempi dedicati alle pratiche di piet) per pregare.
Ai tempi prescritti dalla congregazione alla preghiera, molto spesso, almeno in questi
ultimi anni, passa parecchio tempo la sera dopo cena in chiesa presso laltare del
Santissimo. Dove starebbe anche di pi se lesigenza che gli urge di offrite la sua ambita
presenza ai colleghi non gli rubasse del tempo. []
Penso alla sua stima della pregiera: vi riserva i tempi consigliati dalla Congregazione
comboniana ai suoi religiosi e appena pu ne aggiunge degli altri. In macchina al volante,
tolto il dovere di rispondere a qualcuno che gli parla, prega. Se sentito il segnale di andare
a mensa si accorge poi che manca qualche minuto per mettersi a tavola, non si perde in
chiacchiere, prega passeggiando in cortile. (serie VII 2).
Lettera testimonianza di padre Palmiro Donini, novembre 1986: Una suora mi disse []
che al comando di chiudere Kalongo, chi fra tutti e tutte mantenne un atteggiamento
calmo e di padronanza della situazione fu proprio lui. [] Non esito ad interpretare la sua
apparente fredda reazione pensando allottica con cui guardava gli avvenimenti tristi:
lottica della fede, quindi al modo sovrannaturale di giudicare gli avvenimenti. Ne prova
quanto mi scrisse circa un mese dopo: il futuro veramente nelle mani di Dio, e noi
dovremmo sapere sfruttare tutto a nostra crescita nel suo amore (serie VII 2).
Testimonainza di padre Vittorino Cona, 28 marzo 1987: Come religioso era esemplare;
pregava molto, specilamente alla sera finite le ore di lavoro, prima di cena passava
spesso unora e pi in chiesa nel silenzio, a colloquio personale con Dio; dopo cena tutte
20
le sere prima di andare a letto di nuovo era in chiesa a pregare. Le sue messe erano la
fonte della sua forza, della sua serenit. Scrupoloso nella povert, lui che riceveva milioni
ogni anno dai suoi fratelli e benefattori, non sprecava nulla; [] la sua stanza era
poverissima e intasata di libri, di medicine, di tutto per gli altri. Amava il ministero ed
era sempre disponibile per le confessioni, per messe domenicali, anche per safari,
quando il lavoro non era troppo allospedasle; soprattutto amava dire la messa
domenicale per i suoi ammalati nel cortile dellospedale: l si sentiva davvero realizzato
come medico delle anime oltre che medico dei corpi (serie VII 7).
Lettera-testimonianza di padre Simone Zanoner a padre Lorenzo Gaiga, 5 aprile 1987: ti
scrivo [] per unirmi anchio al coro di Cristo che ha detto: Non sono venuto al mondo
per farmi servire, ma a servire e Non sono venuto a fare la mia volont, ma la volont
del Padre che mi ha mandato. Credo che queste parole evangeliche riassumino molto
bene la immagine spirirtuale che ci possiamo fare di padre Ambrosoli (serei VII 39).
21