Sei sulla pagina 1di 12

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO

Via Leonardo Da Vinci, n. 18 50053 EMPOLI (FI) - tel. 0571 72320 - fax 0571 73299
C.F. 82004490486
www.circolo1empoli.gov.it e-mail:FIEE20000L@istruzione.it pec:FIEE20000L@pec.istruzione.it

SCHEDA DI PROGETTO PER LANNO SCOLASTICO 2014 - 2015

A SCUOLA DI BENESSERE: IO E LAMBIENTE

- Responsabile del progetto


Cristina Viti

Destinatari

Tutte le scuola dellinfanzia e primarie del Circolo

Finalit e obiettivi

Finalit
1. Porre la scuola come soggetto portatore di educazione permanente nei confronti delle famiglie e dei
bambini
2. Favorire linstaurarsi di una relazione educativa proficua e profonda, al centro della quale ci siano i
bisogni del bambino
3. Promuovere lidea di scuola come luogo di benessere, in cui sono accolte le istanze legate
allapprendimento e alla vita emotiva degli alunni, in una concezione dellessere umano come unit
psicofisica
4. Promuovere la partecipazione e la responsabilizzazione degli alunni.
5. Stimolare il piacere della scoperta e della conoscenza
6. Sviluppare la capacit critica e di scelta
7. Incrementare la familiarit dei bambini con il linguaggio dellarte
8. Favorire la cultura del rispetto di s, degli altri e del proprio ambiente (cittadinanza attiva).

Obiettivi
1. Capacit di leggere e interpretare la cultura del territorio
2. Capacit di elaborare un atteggiamento creativo alieno da stereotipi e conformismi
3. Capacit di assumere atteggiamenti e comportamenti corretti verso i temi della salute e della
solidariet
4. Capacit di rispettare lambiente privato e pubblico in cui si vive
5. Capacit di osservazione, riflessione, comprensione, confronto
6. Capacit di registrare, ordinare e correlare dati
7. Capacit di considerare le opere darte una testimonianza del passato e una fonte storica
8. Capacit di leggere le immagini darte

Contenuti

Il presente progetto si configura come la prosecuzione del percorso iniziato due anni fa sul tema Scuola e
Salute e fondato sulla convinzione che la scuola possa offrire un contributo significativo alla salute e al
benessere degli studenti. Un progetto pluriennale, dunque, che si propone di sottoporre allattenzione e alla
riflessione degli studenti e delle loro famiglie tutte quelle variabili significative che concorrono al benessere
della persona. Questanno la volta dellAMBIENTE, inteso in senso lato, cio come contesto di vita.
Uno studio pubblicato su Science e durato 15 anni mette in evidenza la relazione strettissima fra la salute e le
condizioni dell ambiente in cui viviamo, soprattutto dal punto di vista dei fattori psicologici. L'influsso che
l'ambiente pu avere sulla nostra vita quotidiana e sulla percezione della felicit notevole ed ormai da
anni oggetto di studio della psicologia ambientale che si occupa proprio di studiare il comportamento umano e
il benessere delle persone in relazione alle caratteristiche fisiche e sociali dei luoghi della vita quotidiana"
(Mirilia Bonnes, direttore del Centro Interuniversitario di Ricerca in Psicologia Ambientale , presso l'Universit di Roma la
Sapienza).
Il tema dellambiente pu essere analizzato da diversi punti di vista.
1. In una PROSPETTIVA ECOLOGICA
in quanto necessario che i bambini maturino una visione del mondo e della natura come realt
portatrice di valore, a prescindere dagli usi che ne possono fare gli uomini e prendano coscienza della
relazione che lega la loro vita a quella degli altri esseri viventi.
2. In una PROSPETTIVA EDUCATIVA
Limportanza educativa dell'ambiente enorme perch esso contribuisce a strutturare la personalit
dei soggetti che ci vivono.
Ognuno infatti porta in s tracce dell'ambiente in cui vissuto: sapere dove si nati, dove si vive, aiuta
a proiettarci fuori, fornisce un punto di riferimento stabile dal quale muovere verso il mondo pi vasto e
al quale ritornare arricchiti da nuove esperienze. L'ambiente, in questa accezione, costituisce una
fonte di sicurezza da cui deriva la forza e la voglia di affrontare ci che non conosciamo
3. In una PROSPETTIVA DIDATTICA
Lincontro dei bambini con il mondo vivente rappresenta di per s una ricca fonte di stimoli.
Si possono programmare percorsi in cui la realt, i materiali a disposizione e la creativit mettano i
bambini nelle condizioni migliori per comunicare le proprie esperienze e conoscenze, per esprimere le
proprie aspettative ed emozioni.
4. In una PROSPETTIVA ESTETICA
Per realizzare una efficace educazione ambientale necessario costruire un forte legame affettivo con
l'oggetto di indagine, senza che ci pregiudichi la formazione di una conoscenza vera e affidabile della
realt. Per questo fondamentale una forma di esperienza in cui il bambino incontri la natura in modo
per lui significativo sotto ogni aspetto: emotivo affettivo, percettivo, cognitivo, estetico.
Laspetto estetico ha proprio il merito di rafforzare il legame emotivo, in quanto lartista che
rappresenta il paesaggio trasmette fondamentalmente unemozione.
Nellattivit didattica, potranno essere presi in considerazione diversi tipi di ambiente naturale (il prato, il bosco,
la collina, il fiume) e di ambiente strutturato dalluomo (la citt, le aree coltivate, le zone industriali),
privilegiando sempre la scoperta della realt vicina alla scuola per un confronto ampio con realt lontane e
diverse.
Le immagini darte sono lo strumento appassionante per capire il rapporto che luomo ha con lambiente, in
una prospettiva storica e antropologica. Pertanto, partendo dallarte del territorio nei suoi luoghi pi significativi,
si potranno confrontare le rappresentazioni dambiente del nostro patrimonio con altre, anche pi
emblematiche e significative, pitture di paesaggio. Si potr cos capire, anche dalla scelta di cosa i vari artisti
decidono di rappresentare, il loro rapporto con lambiente, gli elementi che ritengono essenziali, la capacit di
coglierne la bellezza o al contrario di denunciare aspetti che reputano negativi. Nel confronto, larte del
territorio, radice e fondamento della cultura di appartenenza, sar compresa e valorizzata e i luoghi di questa

diventeranno conosciuti e familiari, da frequentare nelle ore di scuola e nel tempo libero, anche con le famiglie.
I contenuti che emergeranno dalla ricerca saranno declinati nei vari settori della conoscenza, in modo da
perseguire una formazione a tutto tondo, che, mentre si interessa di arte veicola apprendimenti che riguardano
la sfera del benessere ma non trascura gli obiettivi prescrittivi delle singole discipline.
Nella fase iniziale, prevista una formazione per i docenti, al fine di offrire loro la possibilit di considerare
lambiente di apprendimento come il primo requisito importante per fondare una didattica efficace e stimolante
e di fornire una serie di riferimenti culturali per potersi muovere agevolmente nel mondo dellarte.

Metodologia

Il progetto si avvale di un corso di formazione per i docenti cos strutturato:


2 incontri di 4 ore con la dr.ssa Penny Ristcher sul tema Slow school- La scuola della lentezza per il
benessere
1 incontro con la dr.ssa
l'apprendimento spontaneo

Ornella

Piccini

sul

tema

Esperienza

emozioni:

come

favorire

1 incontro con la dr.ssa Maria Cristina Masdea sul tema Uno sguardo sulla pittura di paesaggio in Italia
1 incontro con la dr.ssa Maria Grazia Trenti Antonelli sul tema Uno sguardo sulla pittura di paesaggio in
Europa
1 incontro con la dr.ssa Cristina Gelli sul tema Uno sguardo sulla pittura di paesaggio nellarte del nostro
territorio
Nella realizzazione del progetto la metodologia prevista la seguente:

Ricerche dambiente attraverso visite guidate e utilizzo degli spazi urbani ed extraurbani come aule
decentrate
Ricerche darchivio e in biblioteca
Utilizzo di strumenti multimediali per la registrazione dei dati e la documentazione
Conversazione e confronto
Organizzazione degli spazi scolastici secondo il criterio della flessibilit
Allestimento di laboratori
Utilizzo delle risorse del territorio (Sezione didattica dei Beni Culturali del Comune, Bilblioteca, esperti,
ecc.)

Durata

Ottobre 2014 Giugno 2015


Ogni scuola organizza il progetto secondo una propria scansione temporale, che prevede un momento di
documentazione e rendicontazione alle famiglie

-Verifica e Valutazione

Osservazione degli alunni secondo i seguenti parametri:

Partecipazione e motivazione
Elaborazione di riflessioni personali
Osservazione dei comportamenti corretti
Ricerca di soluzioni originali e creative

Alla fine dellanno i risultati saranno socializzati alle famiglie e al territorio attraverso mostre e manifestazioni
varie.
Lefficacia del progetto e il gradimento da parte dei docenti saranno valutati tramite la compilazione degli
appostiti modelli in dotazione nel nostro circolo.

- Risorse umane
I docenti delle scuole dellinfanzia e primaria nelle ore di servizio
Gli esperti esterni nel corso di formazione sopracitato
Gli eventuali esperti che interverranno presso le singole scuole

-Beni e servizi

Materiale didattico di vario tipo, carta, cancelleria, stampati, pubblicazioni


Materiale tecnico artistico: terracotta, colori a engobbio, colori speciali per materiali diversi, altro
Materiale multimediale: macchine fotografiche, videocamere, videoproiettore, computer
Materiale informatico: computer, internet, cartucce per stampanti, ecc.
Mezzi di trasporto (scuolabus)

- Costi stimati
Per il corso di formazione prevista una spesa di 800,00
Per lacquisto di materiale e il pagamento degli esperti la spesa prevista di 10.000,00

Empoli, 23 luglio 2014


La referente del progetto
F.to

Il dirigente scolastico
F.to Barbara Zari

Cristina Viti

Direzione Didattica Statale Empoli 2 Circolo


Via Torricelli, 58/A Empoli (FI) Tel 0571.960158/926612
Cod.Mecc. FIEE210007
fiee210007@istruzione.it
www.secondocircoloempoli.it

PROGETTO LETTURA ALIMENTAZIONE & SALUTE

Lappetito vien leggendo!


Nellanno scolastico 2014/15 con il Progetto Lettura sar affrontato il tema
alimentazione, proposto per lExpo 2015 con il titolo
Nutrire il pianeta, Energia per la vita
Descrizione
Il tempo per leggere dilata il tempo per vivere
In un momento in cui si assiste alla crescente perdita del valore libro, la frase di Pennac
rimanda alla centralit della lettura considerata come uno dei principali obiettivi formativi
della scuola; supera gli ambiti specifici delleducazione linguistica per connotarsi come
obiettivo che mira alla formazione della persona. Ci implica landare oltre il concetto di
lettura come dovere scolastico per un traguardo pi ampio che coinvolga emozioni,
sentimenti, esperienze affettivo-relazionali e sociali attraverso cui il libro possa trasformarsi
in strumento di arricchimento del pensiero e sviluppo di potenzialit espressive e creative.
Il progetto ha lo scopo di rafforzare promuovere leducazione al gusto sia estetico sia
alimentare per avvicinare lalunno a uno stile di vita sano.
A tale scopo facciamo nostri alcuni dei temi principali che ruotano intorno allExpo di
Milano:
Rafforzare la qualit e la sicurezza dellalimentazione, cio limportanza di
consumare cibo sano e acqua potabile.
Educare a una corretta alimentazione per favorire nuovi stili di vita.
Valorizzare la conoscenza delle tradizioni alimentari, come elementi culturali ed
etnici.
Destinatari
Scuola dellInfanzia e Scuola Primaria.
Finalit

Promuovere un atteggiamento positivo e divertente nei confronti della lettura.

Favorire lavvicinamento affettivo ed emozionale degli alunni al libro.


Fornire le competenze necessarie per realizzare un rapporto attivo-creativo-costruttivo con
il libro.
Educare allascolto e alla comunicazione.
Potenziare lacquisizione di tecniche per la comprensione del testo.
Utilizzare gli organi di senso per scoprire il gusto.
Riflettere sui propri gusti e sulle proprie abitudini alimentari.
Sviluppare atteggiamenti di curiosit verso il cibo e una sana alimentazione.
Conoscere come il cibo abbia influenzato lo sviluppo socio-economico di un territorio.
Conoscere le trasformazioni del linguaggio visivo dallarte alla pubblicit, in riferimento al
cibo.
Fornire strumenti di conoscenza e lettura del mondo contemporaneo con riferimento anche
a particolari culture storiche presenti nella nostra societ.

Metodologie utilizzate
Le strategie metodologiche saranno improntate sulla valorizzazione delle potenzialit di tutti gli
alunni; sulla creazione di situazioni motivanti allascolto, alla lettura, alla produzione.
Nella scuola dellinfanzia lattivit ludica sar il mezzo privilegiato per lattivazione e sviluppo dei
processi cognitivi e di apprendimento.
I docenti individueranno momenti, spazi, luoghi per favorire e stimolare lascolto regolandone
gradatamente i tempi, creando atmosfere di aspettativa, proponendo testi graduati e adeguati
allet degli alunni con lutilizzo di mediatori iconici, simbolici e multimediali.
Modalit organizzative
Durante lanno scolastico saranno attivati:
Laboratori di lettura (biblioteca di plesso)
Prestiti da parte della Biblioteca Comunale di Empoli ?
Laboratori sugli alimenti e sulla loro importanza per la salute, anche con il contributo delle
varie agenzie territoriali
Realizzazione di orti a scuola
Progetto di classe e/o di plesso scegliendo un tema o un testo inerente lalimentazione e
svolgimento di attivit multidisciplinari.
Momenti di lettura animata con personale esterno: nonni, genitori e/o operatori specialisti
nel settore.
Attivit finale di plesso e/o classi con mostre, rappresentazioni musicali o teatrali.
Rapporti con altre istituzioni

Comune di Empoli
Farmacie Comunali
Biblioteca di Empoli
Associazioni teatrali e musicali
Promocultura Scuole al cinema Perla
Centro al consumo consapevole Unicoop
ASL 11
Associazioni culturali
Sezione Soci Coop
Arci - ragazzi

Verifica
Sar possibile valutare lesperienza attraverso:


osservazioni sistematiche, prove oggettive e specifiche per discipline

schede di rilevazione sul gradimento del cibo e sui comportamenti salutari

schede di recensione dei libri letti

rilevazione del rapporto fra tempo di lettura e il numero dei libri letti.
Lefficacia del Progetto sar verificata anche in base alla risposta dellutenza circa interesse,
partecipazione e arricchimento culturale.

SCHEDA FINANZIARIA
Le attivit sopra esposte necessitano delle seguenti spese e acquisti :
- preparazione e mantenimento degli orti
scolastici
- intervento di esperti che integrino lintervento
degli insegnanti attraverso diversi approcci
(teatrali, musicali, artisitici, )
- acquisto di libri relativi agli argomenti trattati
in particolare sullalimentazione,sulla
coltivazione e sui prodotti dellorto e sulla
diversit, per la biblioteca della scuola;
- acquisto di materiale di consumo per la
realizzazione delle attivit
- acquisto di materiale e attrezzi per lorto

TOT. EURO 3.000

Empoli, 11/11/14

La Dirigente Scolastica
Dott.ssa Marina Andal

Scuola Secondaria Statale di 1 Grado F. B. Busoni G. Vanghetti


Via Liguria, 1 50053 Empoli Tel.0571993282/993538 Fax 0571993914 C. F. 91017130484
E-mail: fimm55200v@istruzione.it PEC: fimm55200v@pec.istruzione.it

Progetto Lorto e le piante Aromatiche e Officinali


in continuit
Responsabili del progetto:

Prof.ssa Maria Della Rocca (Sede Vanghetti)


Prof. Mauro Saccoccio (Sede Busoni)

Personale docente coinvolto:


Sede Busoni: Docenti delle classi 2H 2I
Sede Vanghetti: Docenti delle classi 1A 1B 1C 1R
Personale ATA coinvolto:
Collaboratori Scolastici: Andrea Falagiani Renza Frangioni Luigi Gioia
Classi coinvolte:
1A 1B 1C 1R: orto
2H 2I: piante aromatiche e officinali
Obiettivi del progetto:
risaputo che quella in cui viviamo la societ dei consumi. Lidea di questo progetto di
avvicinare i ragazzi alla terra facendo loro coltivare dei frutti e delle verdure e piante
aromatiche e officinali. Questo un modo per educarli alla variet, alla stagionalit, ai metodi
di coltivazione biologici e biodinamici, al rispetto della natura e di tutte le creature viventi, ad
incuriosirli per ci che diverso e ad assaggiare ci che essi stessi coltivano. Il piccolo
consumatore diventa, tramite lorto, un coproduttore, cio un cittadino consapevole.
Introdurre una didattica multidisciplinare in cui lorto diventa lo strumento per le attivit
di educazione alimentare, ma anche per quelle di educazione ambientale.
Far diventare i piccoli consumatori dei coproduttori, cittadini consapevoli delle proprie
scelte dacquisto: educare allo sviluppo sostenibile e al consumo consapevole.
Acquisire una metodologia induttiva nellapproccio alleducazione alimentare e
ambientale sviluppando esperienze didattiche in classe e in orto.
Imparare a leggere la realt come un insieme di fenomeni percepiti attraverso i sensi,
accrescere la propria memoria e capacit di percezione sensoriale, appropriarsi di un
lessico e di una grammatica del gusto.
Maturare la consapevolezza che lalimentazione un fatto culturale, il cui significato
trascende laspetto nutrizionale.
Conoscere il territorio, i suoi prodotti e le ricette attivando occasioni di incontro con
esperti per creare una pluralit di rapporti con gli attori del settore agroalimentare e
gastronomico della comunit locale in modo da destare curiosit e la conoscenza della
realt circostante
Acquisire principi di orticoltura biologica
Traguardi delle competenze per le scienze (dalle indicazioni nazionali)
Il progetto Lorto si inserisce pienamente nel quadro dei traguardi delle competenze per le
scienze:
Lalunno esplora e sperimenta, in laboratorio e allaperto, lo svolgersi dei pi comuni
fenomeni; ricerca soluzioni ai problemi, utilizzando le conoscenze acquisite.
Sviluppa semplici schematizzazioni e modellizzazioni di fatti e fenomeni.

Ha una visione della complessit del sistema dei viventi; riconosce nella loro diversit i
bisogni fondamentali di animali e piante, e i modi di soddisfarli negli specifici contesti
ambientali.
consapevole del ruolo della comunit umana sulla Terra, del carattere finito delle
risorse, nonch dellineguaglianza dellaccesso a esse, e adotta modi di vita
ecologicamente responsabili.

Ore di coordinamento e realizzazione:


N. 2 docenti per un totale di 30 ore
Ore 30 x 17,50

Importo 525,00

Manutenzione del sistema per la raccolta dellacqua piovana:


N. 2 collaboratori scolastici per un totale di 40 ore
Ore 40 x 12,50

Importo 500,00

Ore per la realizzazione e gestione del progetto:


N. 3 collaboratori scolastici per un totale di 69 ore
Ore 69 x 12,50

Importo 862,50

Materiale da acquistare:
Stallatico per concimazione, attrezzi vari da lavoro, sementi, piantine,
bidone per raccolta acqua piovana, tubi di gomma, innaffiatori,
materiale per recinzione area

Importo 510,00

Oneri a carico dellamministrazione:

Importo 617,22
Totale complessivo

3.014,72

Empoli, 17 novembre 2014

F.to Il Dirigente Scolastico


Grazia Mazzoni

SCIROPPO DI NOTE
La musica e le arti medicine del cuore

Premessa
Il progetto nasce dalla necessit di sostenere quelle realt
scolastiche in cui sono presenti alunni con difficolt di controllo
emotivo.
Il riconoscere, esternare e controllare le emozioni una competenza
che si impara e pu aiutare a implementare la salute ed il benessere
psico-fisico degli alunni.
Tale intervento si inserisce nel progetto del nostro POF:
Cittadini consapevoli: la formazione integrale del bambino nei progetti di
educazione alla salute e cittadinanza.

Finalit
Per la realizzazione di tale progetto si privilegiano le arti in genere

e la musica in particolare in quanto svolgono un ruolo preciso,


direi quasi terapeutico, nel suscitare, esternare, emozioni.
L'esperienza artistica pu aiutare il bambino ad esprimere le
proprie emozioni a dare nome, suono, voce, colore a ci che
prova , in positivo ed in negativo e a interagire consapevolmente
con esse.
Pu mettere in relazione positiva bambini ed adulti fra loro
allentando tensioni e favorendo un clima positivo, disteso, ...di
benessere e prevenzione del disagio entrando in relazione con la
dimensione affettiva ed emozionale dei bambini stessi.
Obiettivi
Sviluppare la creativit per promuovere salute e benessere
Saper dialogare nel rispetto reciproco cos da reagire in modo
costruttivo nei conflitti.
Progettare e realizzare interventi sul benessere degli alunni
anche sperimentando la metodologia delle life skills, appresa
dagli insegnanti con la formazione a cura di operatori della USL
11, per un potenziamento delle competenze emotive e
relazionali.

Saper riconoscere, verbalizzare e controllare le emozioni


Imparare ad incanalare le emozioni, utilizzando le arti
( musica, poesia, teatro )
Formare insegnanti consapevoli dell'importanza dell'educazione
emotiva
Metodologia
Incontri con operatori specialisti in riferimento agli obiettivi
Laboratori e lavori di gruppo
Attivit

Utilizzazione e Realizzazione di storie, poesie, filastrocche che


esorcizzino le emozioni meno piacevoli: paura, tristezza, rabbia,
anche con la creazione di appositi farmaci .
Tempi di attuazione

A.s. 2014-15 II quadrimestre

A.s. 2015-16 I quadrimestre


Documentazione

Elaborati dei bambini

Fotografie
Valutazione/verifica

Osservazioni degli insegnanti

Fotografie

Video

elaborati dei bambini