Sei sulla pagina 1di 12

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

ENCICL OPEDIA

SCUOL A

REPETITA

W EB TV

MAGAZINE

COMMUNITY

ISTITUTO

CATAL OGO

Enciclopedia

Vocabolario

Sinonimi

Dizionario Biografico degli Italiani

Home

Enciclopedia

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi


CO N DI VI DI

CELESTINO III
Enciclopedia dei Papi (2000) di Volkert Pfaff Celestino III Giacinto (Hyacinthus) nacque a Roma all'inizio del sec. XII da Pietro Bobone, capostipite della nobile famiglia che assumer il nome Orsini. Abbracci la carriera ecclesiastica e divent gi nel 1126 "prior subdiaconorum" della basilica di S. Giovanni in Laterano che era officiata dai Canonici Regolari secondo la Regola di s. Frediano di Lucca. Studi dialettica e teologia con Abelardo a Parigi, come Arnaldo da Brescia e, secondo una fonte contemporanea, con il cardinale prete di S. Marco Guido de Castello. Insieme con Arnaldo egli difese il maestro al concilio di Sens (1140) contro gli attacchi di Bernardo di Chiaravalle, il quale per riusc a far condannare alcune dottrine del teologo parigino. L'ostilit del potente abate non port tuttavia svantaggio a Giacinto. Guido de Castello, divenuto nell'anno 1143 pontefice con il nome di Celestino II, nomin Giacinto nel 1144 cardinale diacono di S. Maria in Cosmedin ("in schola graeca"). Durante gli anni del suo cardinalato i Cosmati eseguirono, certamente con la sua collaborazione e con il suo consenso, gli splendidi pavimenti di marmo e le altre opere di scultura in questa chiesa. Ormai Giacinto si era conquistato la stima di tutti. Papa Anastasio IV nel 1154 lo mand come legato in Spagna con l'incarico di predicare la guerra contro i Saraceni, di comporre le liti tra i principi e i vescovi e di migliorare la disciplina del clero. Nel 1155 Giacinto attacc personalmente alle proprie vesti il "signum crucis" per la crociata e organizz le truppe. Dopo che alla Dieta di Besanon, nel 1157, era esploso il conflitto tra la Curia e l'imperatore Federico Barbarossa, Adriano IV lo mand, insieme con un cardinale prete, alla corte imperiale per tentare una mediazione. Giacinto era considerato infatti uomo di assoluta integrit e di grande abilit diplomatica, e disponibile anche al compromesso. Il cronista dell'imperatore lo ritiene particolarmente adatto a difendere la causa papale ed esalta la sua esperienza nelle cose temporali. Negli anni 1161-1165 segu papa Alessandro III e la Curia nell'esilio in Francia. Questo soggiorno gli procur una conoscenza profonda della situazione francese sia sul piano politico che su quello ecclesiastico, e lo convinse della necessit di collaborare con quella monarchia. Ma soprattutto rimase colpito dall'indigenza materiale della Curia dovuta alla mancanza di una sicura documentazione relativa ai suoi diritti e alle sue rivendicazioni finanziarie. L'assassinio nel 1170 di Tommaso Becket, il quale era stato un suo estimatore e si era rivolto varie volte a

1 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

lui nel corso del conflitto con il re Enrico II d'Inghilterra, lo dovette rattristare profondamente. Nel 1172-1174 una nuova legazione lo condusse per la seconda volta in Spagna. Nel corso di essa acquis una tale familiarit con i problemi della penisola iberica da poter essere considerato da allora un esperto delle cose spagnole in Curia. Si adoper soprattutto per trovare un compromesso nella lite tra gli arcivescovi di Braga e di Toledo. Era stimato anche dall'imperatore Federico I che apprezzava la sua disponibilit al compromesso. Giacinto contribu infatti a realizzare la pace di Venezia (1177) e fece parte delle commissioni ivi create per esaminare questioni relative all'Italia centrale. Ormai quasi novantenne, ma stimatissimo da tutti, Giacinto, dopo sessantacinque anni spesi al servizio della Chiesa, il 10 aprile 1191 fu eletto papa, immediatamente dopo la morte di Clemente III. Si trattava di una soluzione di compromesso per evitare uno scisma nel Collegio cardinalizio. Il 13 aprile venne ordinato prete, il 14 consacrato papa e assunse il nome di Celestino III in ricordo dell'amico Guido de Castello, papa Celestino II. Il nome e il suo motto: "Perfice gressus meos in semitis tuis" indicano la sua volont di riformare la Chiesa nel senso dell'amico, ma rivelano anche la preoccupazione di conservare, alla fine della vita, quello che era stato compiuto. Date queste premesse, la sua posizione nei confronti del Collegio cardinalizio non fu facile. Il Collegio si dimostr poco maneggevole e pi di una volta neg al papa, che del resto non sempre prendeva le decisioni pi opportune, il suo consenso. In molte importanti questioni di politica interna ed estera si formarono fazioni che si ostacolavano a vicenda e minacciavano di bloccare tutta l'attivit della Curia, legando molto spesso le mani al pontefice. Ma C. non poteva fare a meno dei cardinali bench avesse sicuramente gravi riserve nei confronti di parecchi di loro, contro i quali erano state mosse pubbliche accuse di simonia e di nepotismo. C. cerc di ovviare a questo inconveniente creando nuovi cardinali di sicura integrit morale. Nel 1193 ne nomin, a quanto pare, sei, tra i quali probabilmente due parenti. Il quasi sconosciuto Bobone fu nominato cardinale diacono di S. Teodoro, il monaco cluniacense Giovanni di S. Paolo cardinale diacono senza titolo (egli non era un Colonna come stato sostenuto in passato), Pietro Capuano dell'antica famiglia amalfitana cardinale diacono di S. Maria in Via Lata e il romano Cencio cardinale diacono di S. Lucia in Orphea (v. Onorio III). Il cardinale pisano Soffredo, "virtus Curiae" e noto per la sua lotta contro la corruzione della Curia al tempo di Clemente III, fu promosso cardinale prete di S. Prassede; Bernardo, in precedenza canonico di S. Frediano a Lucca, cardinale prete di S. Pietro in Vincoli. Quest'ultimo si acquist pi tardi grandi meriti per la restaurazione della disciplina ecclesiastica nella Francia meridionale. Al gi menzionato Giovanni di S. Paolo fu poi assegnato il titolo presbiterale di S. Prisca. Egli divent uno dei pi stretti collaboratori di C. e infine, al tempo di papa Innocenzo III, primo penitenziere della Curia. Erano tutte personalit di indubbia probit. Tuttavia non fu facile per il pontefice mettere d'accordo i ventinove cardinali residenti in Curia oltre ai cinque che risiedevano fuori Roma, a Benevento, Montecassino, Verona, Magonza e Reims. Fu dunque della massima importanza per lui avere presso di s successivamente Cencio, il suo cubiculario al tempo del cardinalato e dal 1188 anche camerario della Chiesa, che pi tardi, eletto papa con il nome di Onorio III, avrebbe ripreso anche il suo motto. Insieme con lui egli riorganizz le finanze pontificie, facendo compilare, sulla base di vecchi documenti, un elenco di tutte le rivendicazioni finanziarie della Curia, il Liber censuum Ecclesiae Romanae. Nel 1192 era pronto un elenco "eterno" dei censi. Ordinato secondo paesi e vescovati, vi erano registrati tutti i monasteri e le diocesi che erano tenuti a pagare

2 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

il censo alla Curia romana, i Regni e i signori sui quali la Chiesa vantava la sovranit feudale, come la Sicilia, l'Aragona e il Portogallo, infine i Regni soggetti al pagamento dell'obolo di S. Pietro come l'Inghilterra, la Polonia e i Paesi scandinavi. A questa lista fu aggiunta negli anni fino al 1195 anche la documentazione pi importante, soprattutto la donazione di Costantino e i diplomi imperiali sui quali il papato basava le sue rivendicazioni sull'Italia e su tutte le isole. Furono inclusi inoltre un elenco pi antico delle abbazie di S. Pietro, cio delle abbazie di propriet del papa, esenti dal pagamento, gli "ordines" delle incoronazioni imperiali, le "consuetudines Curiae", le formule per il giuramento dei sudditi, i "Mirabilia Urbis Romae". Ma oltre al Liber censuum erano a disposizione della Cancelleria e della Camera anche singoli registri, un provinciale romano, elenchi con le regole della Cancelleria, formulari per la redazione dei documenti, un "Catalogus sanctorum". Le entrate regolari della Curia registrate nel Liber censuum erano piuttosto modeste. Le superavano di parecchio quelle provenienti da donazioni di singoli fedeli e dalle tasse riscosse per il rilascio di documenti, ecc. Da quando il papato era tornato a Roma nel 1188, vi fu un fiume ininterrotto di visitatori e pellegrini e gli uffici della Curia riuscivano solo con difficolt a far fronte al lavoro. I tributi si pagavano in oro ("aurei", "marabotini") oppure in altra moneta, se cos era stato stabilito nei rispettivi documenti, ed in questo caso venivano pagati secondo la quotazione del giorno, che si basava probabilmente sul prezzo dell'oro. I registri di Cencio cominciarono a dare il loro frutto: la situazione finanziaria miglior. Nel 1195 fu possibile ricomprare beni che ancora al tempo di Innocenzo II erano stati impegnati ad alcuni nobili romani. Accanto all'organizzazione papale esisteva anche una Camera dei cardinali dove confluivano non solo le entrate delle loro chiese ma anche una parte delle entrate complessive papali, che veniva divisa secondo gli "ordini" cardinalizi. Con tutto ci la riorganizzazione delle finanze pontificie aveva raggiunto uno dei suoi obiettivi pi importanti. L'incremento dell'attivit della Curia testimoniato anche dai circa millesettecento documenti conservati, ai quali vanno aggiunti altri cinquecento circa, cui si fa cenno nelle bolle dei papi successivi. I documenti venivano datati nella Cancelleria stabilitasi definitivamente nel Laterano prima del 1195. Il datario fu, fino al novembre 1194, Egidio cardinale diacono di S. Nicola in Carcere Tulliano, che apparteneva probabilmente alla famiglia dei Pierleoni, e dopo questa data Cencio, munito ormai di grandi poteri come camerario e cancelliere del papa, senza peraltro portare quest'ultimo titolo. Nella datazione erano indicati gli anni del pontificato a partire dal 14 aprile 1191; si usava l'indizione greca, l'incarnatio dominica cadeva il 25 marzo. Per ordine del papa tutti i privilegi venivano trascritti nel registro di C. oggi perduto e, se lo desideravano i postulanti, anche altri documenti. Il sorgere di una centrale di falsari a Roma costrinse la Curia a controllare rigorosamente l'autenticit dei documenti presentati. A tale scopo si esaminava lo stile, la bolla e si confrontava il documento con la copia conservata in archivio. Esisteva dunque gi allora qualcosa come un rudimentale sistema burocratico nel senso moderno. La situazione era tale che il papa si vide costretto ad occuparsi non tanto di problemi spirituali quanto di suppliche riguardanti i possedimenti e i diritti dei monasteri, di decisioni in controversie annose, di questioni di diritto canonico. Per poter far fronte a questa mole di lavoro deleg, probabilmente per la prima volta

3 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

nella storia del papato, ai cardinali l'audizione e l'esame delle cause portate davanti alla Curia. Questi "auditori" gli riferivano, ma talvolta decidevano autonomamente. Con tutta probabilit esisteva gi allora l'"audientia Ecclesiae Romanae", una istanza di appello presieduta dal papa. Le controversie irrisolte erano affidate per lo pi a ecclesiastici provenienti dai territori vicini a quelli interessati e perci bene addentro nelle situazioni locali. Nelle sue decisioni nel campo del diritto canonico C. si basava prevalentemente sul decreto di Graziano, senza per respingere le dottrine dei canonisti contemporanei come Uguccione. Ma proprio da questo lato gli furono mosse parecchie critiche, specie per quel che riguardava la legislazione matrimoniale, nonostante che proprio in questo campo, come in quello economico, avesse esteso in modo sostanziale i diritti della Curia nei confronti dei laici, pubblicando vari decreti in questo senso. Tuttavia non fu molto fortunato con i suoi interventi nelle questioni matrimoniali di Filippo II Augusto di Francia e di Alfonso IX di Len, anche perch per altre ragioni non voleva prendere misure severe nei confronti della Francia. All'interno della Chiesa cerc di imporre, contro molte resistenze, il celibato dei suddiaconi. Fu uno dei primi a rivendicare per il papa la "plenitudo potestatis" e uno dei suoi obiettivi principali fu la realizzazione della "uniformitas fidei et doctrinae" in tutta la vita della Chiesa. A questo scopo servivano anche le legazioni dei cardinali in quasi tutti i paesi della cristianit. Ma in un'epoca di grande discordia all'interno e all'esterno della Chiesa, in un momento di violente accuse pubbliche contro la mondanit del clero e il suo potere temporale basato sul denaro, mentre i movimenti eretici esercitavano un'attrazione sempre maggiore, tutto ci poneva problemi insormontabili per il vecchio pontefice. Il quale, d'altro canto, non risparmi n le scomuniche n i mezzi della grazia. Vanno aggiunte le canonizzazioni di Pietro di Tarantasia (1191), di Ubaldo da Gubbio (1192), di Berardo di Hildesheim, di Gualberto di Vallombrosa (1193), di Rosendo di Dumio e nel 1197 quella di Geraldo di Sauvemajeur. Nel 1197 fu aperto anche il processo di canonizzazione dell'imperatrice Cunegonda. Il pontefice continu dunque a costruire sulle vecchie fondamenta, aggiungendo nuove pietre per fortificare l'edificio della Chiesa. Era un uomo molto pio, tutto compreso della dignit del suo ufficio, espertissimo degli affari della Curia, delle sue finanze e dei suoi diritti. Ma la diminuzione delle sue energie e della memoria e l'indebolimento della salute negli ultimi anni del suo pontificato, e soprattutto nel 1197, lo resero sempre pi dipendente dal suo entourage nonostante la sua caparbiet. Fin per essere a volte oggetto di scherno dei visitatori e di certi cardinali. Fu probabilmente una disgrazia che C., dotato pi per i problemi della politica interna che di quella estera e perci destinato a portare avanti la riforma della Chiesa, fosse invece costretto a confrontarsi con i grandi problemi della politica estera. Di importanza fondamentale per ogni politica verso l'esterno erano necessariamente i rapporti della Curia con la citt di Roma. Quest'ultima da molto tempo era dominata dai contrasti tra le singole fazioni nobiliari (FrangipanePierleoni, Orsini-Conti) e dal conflitto tra la nobilt e il popolo. Un accordo abbastanza vantaggioso del maggio 1191 con la magistratura nobiliare del Senato dei cinquantasei garant al papa, dopo la consegna di Tuscolo, un breve periodo di relativa tranquillit. Ma gi alla fine dello stesso anno la citt pass sotto il dominio del capo dei popolani Benedetto Carushomo, il quale restrinse la libert di movimento del papa e si impadron di una parte dello Stato della Chiesa (Marittima e Sabina). La sua caduta ad opera di Giovanni Capocci allent un poco questa stretta e nell'anno 1195 C. pot conferire a varie chiese cardinalizie i beni

4 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

tuscolani recuperati nel 1191. L'anno 1196 port nuovi sconvolgimenti con l'ascesa di Giovanni Pierleoni alla dignit di primo senatore che conserv fino alla fine del 1197, quando, in seguito ad avvenimenti non del tutto chiari, fu sostituito dal Senato dei cinquantasei. I contrasti romani si ripercuotevano fino all'interno del Collegio cardinalizio dove sedevano i fautori dei singoli raggruppamenti politici e ci spiega l'atteggiamento ambiguo assunto dal papa in varie circostanze. Quando C. sal al trono pontificio, il re di Germania Enrico VI era accampato gi da tempo davanti alle mura di Roma chiedendo di essere incoronato imperatore come gli era stato promesso da Clemente III. L'elezione pontificia aveva ritardato la cerimonia, che ebbe luogo il luned di Pasqua, 15 aprile 1191. Gi in quest'occasione si manifestarono i primi screzi: Enrico VI si era presentato con un esercito per conquistare l'eredit della moglie Costanza, il Regno di Sicilia. Ma con l'appoggio del papato, che temeva di restare completamente accerchiato nel caso dell'unione della Sicilia con l'Impero, il Regno era passato nelle mani di Tancredi di Lecce. Il fallimento della spedizione imperiale e la cattura dell'imperatrice procurarono un certo respiro alla Curia; con la scomunica di Montecassino, che fu revocata solo dopo la protesta dei cardinali benedettini e dell'imperatore, il papa pot intervenire nuovamente a favore di Tancredi. Una contemporanea offerta del papa di tentare una mediazione tra l'imperatore e Tancredi era destinata a fallire. Dopo la liberazione di Costanza ottenuta da C., la Curia concluse con Tancredi il concordato di Gravina nel quale il re concesse al papato pi di quanto mai avessero concesso in precedenza i re siciliani. Tancredi divent vassallo del papa e pag, come era consuetudine gi prima, il censo. L'ostilit nei confronti dell'imperatore fu sottolineata anche dalla consacrazione del nuovo vescovo di Liegi Alberto, che era stato cacciato dalla sua sede da Enrico VI. Il conflitto era manifesto. L'assassinio del vescovo che ricord al papa, e non soltanto a lui, quello di Tommaso Becket, e la cattura del re inglese Riccardo, crociato in Terrasanta, da parte di Leopoldo d'Austria che consegn il prigioniero all'imperatore, aumentarono la tensione. Il vescovo insediato da Enrico fu scomunicato e venne ordinato a lui e al duca Leopoldo di giustificarsi. Con tutto ci C. non os affrontare in modo diretto l'imperatore, anche perch una parte del Collegio cardinalizio glielo sconsigliava. Tuttavia il giuramento di fedelt che Riccardo Cuor di Leone prest all'imperatore per l'Inghilterra, dopo aver pagato una grossa somma per la sua liberazione, costitu un grave colpo per la Curia, tanto pi che la morte di Tancredi, avvenuta nel febbraio del 1194, aveva contemporaneamente aperto ad Enrico e a Costanza la strada della Sicilia. L'"unio Regni ad Imperium" divent realt alla fine del 1194. Il contrasto in fondo insanabile tra papa e imperatore si concluse provvisoriamente nel 1195 quando Enrico VI prese la croce pregando il pontefice di mandargli dei cardinali per predicare la crociata. Solo con grande esitazione il papa accolse la richiesta e la predicazione ebbe grande successo. In seguito il cardinale prete di S. Cecilia Pietro Diani da Piacenza si rec come legato particolare del papa alla corte dell'imperatore per tentare di raggiungere una soluzione durevole del conflitto. Ma mentre erano ancora in corso le trattative, C., con atto provocatorio, cerc di intervenire nelle faccende interne della Chiesa siciliana: un atteggiamento contraddittorio che si spiega probabilmente con le divisioni all'interno del Collegio cardinalizio. Costanza protest energicamente contro questa ingerenza. Ma il conflitto esplose in tutta la sua violenza e le trattative con il cardinale Pietro, ormai bene avviate, furono bruscamente interrotte quando il papa, alla nuova discesa di Enrico VI in Italia, protest violentemente contro certi abusi commessi ai danni dello Stato della Chiesa e di persone ecclesiastiche, non lasciando pi alcuna speranza di poter giungere ad una soluzione pacifica del conflitto. L'imperatore respinse duramente i rimproveri

5 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

mossigli, accusando a sua volta il papato di aver sempre fatto fallire i tentativi di pace promossi dagli imperatori. Le trattative finali ebbero luogo, in un'atmosfera meno tesa, tra l'ottobre e il novembre nei pressi di Roma, ma non giunsero ad alcun risultato. Varie cause contribuirono al loro fallimento. Ma erano soprattutto due i punti sui quali Enrico VI non era assolutamente disposto a cedere, e neanche a discutere: la restituzione al papato dell'Italia centrale e dei beni della contessa Matilde e il riconoscimento della sovranit feudale della Chiesa sulla Sicilia. Pare comunque che Enrico VI abbia fatto una controproposta ispirata forse dall'esperto delle finanze Cencio, il massimo cui fosse disposto per venir incontro al papa, almeno per quello che riguardava il primo punto: in cambio della rinuncia pontificia ai territori contesi l'imperatore avrebbe garantito al papa entrate fisse e sicure dai proventi di tutte le Chiese. La proposta, considerando realisticamente solo l'aspetto economico e finanziario della faccenda, trascurava per i valori tradizionali e sentimentali, e le vere pretese di dominio del papato; ma se fosse stata accolta, avrebbe certamente liberato la Chiesa dalle accuse mossele cos spesso di sfruttare i propri sudditi e i fedeli. Altre richieste inaccettabili della Curia, frequenti malattie del pontefice, la repressione della rivolta contro il dominio tedesco nel Regno, che C. aveva appoggiato per lo meno sul piano propagandistico, infine i preparativi per la crociata impedirono nel 1197 ogni altro tentativo di pacificazione. Quando l'imperatore mor il 28 settembre 1197, gli uomini che pi contavano in Curia, basandosi sul Liber censuum, predisposero immediatamente il recupero dei territori contesi nell'Italia centrale e la riconquista delle terre di Matilde, con la conclusione di un'alleanza con la lega tusca. In una delle sue ultime lettere C. invit la popolazione a liberarsi dalla tirannia tedesca. In confronto ai rapporti con l'Impero, quelli con gli altri paesi passarono necessariamente in seconda linea. Il papa aveva accolto sotto la sua protezione i re di Francia e d'Inghilterra quando avevano preso la croce e si erano recati in Terrasanta, ma fu anche coinvolto nel conflitto anglofrancese che si riaccese con rinnovata violenza quando Filippo II Augusto, tornato dalla crociata, cominci a minacciare seriamente i possedimenti inglesi in Francia. Le proteste di C., il quale invi due cardinali legati, rimasero inascoltate, e il giuramento di fedelt all'imperatore di Riccardo Cuor di Leone peggior la situazione. Quando infine il re di Francia divorzi dalla moglie senza ricorrere al papa e respinse con irritazione ogni intervento di C., questi si vide cos privato anche di uno dei pi antichi sostegni del papato. Tutti i tentativi di mediazione tra la Francia e l'Inghilterra ebbero scarso successo. In Inghilterra poi si attir l'ostilit dell'alto clero quando il suo legato, il vescovo Guglielmo di Ely, si impegn troppo zelantemente e in modo poco diplomatico a salvaguardare i diritti regi. Il paese pi vicino al cuore del pontefice era naturalmente la Spagna, ma C. si dovette rendere conto che non era possibile superare l'egoismo dei principi. Pur adottando un mezzo finora sconosciuto nei confronti del re di Len, la concessione cio a quelli che lo combattevano di un'indulgenza concessa normalmente solo ai crociati, non imped tuttavia la sconfitta del re di Castiglia da parte dei Mori nei pressi di Alarcos, che costitu un grave colpo per la "reconquista". Fu invece un certo successo il passaggio di Cipro alla Chiesa cattolica verificatosi in seguito alla crociata (1195). In politica estera C. non ebbe successo. Purtuttavia persistette nei suoi tentennamenti, nel rinviare le decisioni, nella sua irresolutezza. Quando infine la morte lo liber del suo antagonista Enrico VI, non si sent pi capace di affrontare la nuova situazione. Alla fine del 1197 rivel ai cardinali l'intenzione di abdicare a

6 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

condizione che avessero eletto come successore il suo stretto collaboratore Giovanni di S. Paolo. Ma i cardinali non gli risparmiarono insulti e invettive e respinsero la proposta per motivi sia canonici sia personali. A C. rimanevano oramai poche settimane di vita. Mor l'8 gennaio 1198 a Roma e fu sepolto in S. Giovanni in Laterano "iuxta S. Mariam de Reposo". Lo stesso giorno i cardinali elessero papa, dopo qualche esitazione, il trentasettenne cardinale diacono dei SS. Sergio e Bacco, Lotario, che assunse il nome di Innocenzo III. Ricordano C. le porte di bronzo da lui donate per la cappella di S. Giovanni Evangelista nel battistero del Laterano (1196), l'iscrizione relativa alla consacrazione della chiesa di S. Giovanni a Porta Latina (10 maggio 1191), le tavole di marmo relative alla consacrazione di S. Salvatore alle Coppelle (26 novembre 1195), S. Eustachio (12 maggio 1196), S. Lorenzo in Lucina (26 maggio 1196). I numerosi ritratti del papa nel manoscritto del De rebus Siculis Carmen di Pietro da Eboli, suo contemporaneo, non sono il frutto di una conoscenza personale.

FONTI E BIBLIOGRAFIA
Bolle: Coelestini papae III Epistolae et Privilegia, in P.L., CCVI, coll. 864-1304. Altro materiale stato raccolto nell'ambito del "Papsturkundenwerk" della Piusstiftung di Gottinga e pubblicato in "Nachrichten von der Gesellschaft der Wissenschaften zu Gttingen", Phil.-hist. Klasse, 1896-1905, 1908, 1912, 1924, 1962 (P.F. Kehr, Papsturkunden in Italien); 1902, 1904 (A. Brackmann, Papsturkunden in Deutschland); Supplem. 1906, 1907, 1911, 1913 (W. Wiederhold, Papsturkunden in Frankreich); in "Abhandlungen der Gesellschaft der Wissenschaften zu Gttingen", Phil.-hist. Klasse, n. ser., 1927, nr. 18; 1928, nr. 22 (P.F. Kehr, Papsturkunden in Spanien); 1927, nr. 20 (C. Erdmann, Papsturkunden in Portugal); 1930, nr. 25 (W. Holtzmann, Papsturkunden in England); ser. III, 1932, nr. 3 (H. Meinert, Papsturkunden in Frankreich ); 1933, nr. 8 (J. Ramackers, Papsturkunden in den Niederlanden); 1935, nr. 14 (W. Holtzmann, Papsturkunden in England); 1937, nr. 21; 1940, nr. 22; 1942, nr. 27; 1951, nr. 35; 1958, nr. 41 (J. Ramackers, Papsturkunden in Frankreich), 1976, nr. 95 (D. Lohrmann, Papsturkunden in Frankreich); 1952, nr. 33 (W. Holtzmann, Papsturkunden in England); 1972, nr. 77 (R. Hiestand, Papsturkunden fr die Templer); F. Bartoloni, Additiones Kehrianae, "Quellen und Forschungen aus Italienischen Archiven und Bibliotheken", 34, 1954, pp. 59-63. W. Holtzmann, Papst-, Kaiser- und Normannenurkunden aus Unteritalien, ibid., 35, 1955, pp. 60-4. R. Volpini, Additiones Kehrianae, "Rivista di Storia della Chiesa in Italia", 22, 1968, pp. 415-24. W. Koudelka, Neue aufgefundene Papsturkunden, "Rmische Historische Mitteilungen", 3, 1960, p. 128. Regesti: Regesta Pontificum Romanorum, a cura di Ph. Jaff-G. Wattenbach-S. Loewenfeld-F. Kaltenbrunner-P. Ewald, II, Lipsiae 1888, nrr. 577-644. Italia pontificia, a cura di P.F. Kehr-W. Holtzmann, I-X, Berolini 1906-75, passim.

7 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

Germania pontificia, I-III, a cura di A. Brackmann, ivi 1910-35, passim. V. Pfaff, Verbesserungen zu Jaff-Lwenfeld fr Coelestin III., "Historisches Jahrbuch", 78, 1959, pp. 137-41. Id., Nachtrge zu den Urkundenregesten Coelestins III. bei Jaff-Loewenfeld, "Archiv fr Diplomatik", 18, 1972, pp. 367-98; "Zeitschrift der Savigny-Stiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 60, 1975, pp. 157-67. Decretali: Corpus Iuris Canonici, a cura di E. Friedberg, II, Leipzig 1881, col. XIV; Compilatio secunda, in E. Friedberg, Quinque compilationes antiquae, ivi 1882, pp. 66-104. W. Holtzmann, La "Collectio Seguntina" et les Dcretales de Clment III et de Clestin III, "Revue d'Histoire Ecclsiastique", 50, 1955, pp. 400-53. Id., Kanonistische Ergnzungen zur Italia Pontificia, "Quellen und Forschungen aus Italienischen Archiven und Bibliotheken", 37, 1957. Liber censuum: Le Liber Censuum de l'glise Romaine, a cura di P. Fabre-L. Duchesne-P. Fabre-G. Mollat, Paris 1889-1952. V. Pfaff, Der Liber Censuum von 1192 (Die im Jahre 1192 der Kurie Zinspflichtigen), "Vierteljahrsschrift fr Sozial- und Wirtschaftsgeschi-chte", 44, 1957, pp. 78-96, 105-20, 220-48, 325-51. Id., Sankt Peters Abteien im 12. Jahrhundert, "Zeitschrift der Savigny-Stiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 57, 1971, pp. 150-95. Ritratti: G.B. Ladner, Die Papstbildnisse des Altertums und des Mittelalters, II, 2, Citt del Vaticano 1970, pp. 46-52, tavv. VII-VIII (Coelestin III.). Bibliografia: J. Caro, Die Beziehungen Heinrichs VI. zur rmischen Kurie whrend der Jahre 1190-1197, diss., Rostock 1902. J. Leineweber, Studien zur Geschichte Papst Coelestins III., diss., Jena 1905. J.M. Brixius, Die Mitglieder des Kardinalskollegiums von 1130-1181, Berlin 1912, pp. 52, 104. O. Thielepape, Das Verhltnis Coelestins III. zu den Klstern, diss., Greifswald 1914. J. Haller, Kaiser Heinrich VI. und die rmische Kurie, "Mitteilungen des Instituts fr sterreichische Geschichtsforschung", 35, 1914, pp. 555-669. H. Tillmann, Die ppstlichen Legaten in England bis 1218, diss., Bonn 1920, passim. E. Jordan, Henri VI a-t-il offert a Clestin III de lui faire hommage pour l'Empire?, in Mlanges ddis F. Lot, Paris 1925, pp. 303 ss.

8 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

K. Wenck, Die rmischen Ppste zwischen Alexander III. und Innozenz III., in Papsttum und Kaisertum. Forschungen fr Paul Kehr zum 65. Geburtstag dargebracht, a cura di A. Brackmann, Mnchen 1926, pp. 442-74. V. Pfaff, Kaiser Heinrichs VI. hchstes Angebot an die rmische Kurie, Heidelberg 1927 (Heidelberger Abhandlungen zur mittleren und neueren Geschichte, 55). J. Friedlnder, Die ppstlichen Legaten in Deutschland und Italien [...] (1181-98), Berlin 1928, passim. G. Sbekow, Die ppstlichen Legaten nach Spanien und Portugal bis zum Ausgang des 12. Jahrhunderts, diss., ivi 1931, pp. 48-51, 53-61. V. Laurent, Rome et Byzance sous le pontificat de Clestin III, "chos d'Orient", 39, 1940, pp. 26-58. P. Brezzi, Roma e l'Impero medioevale, Bologna 1947, pp. 377-81. E. Kartusch, Das Kardinalskollegium 1181-1227, diss., Wien 1948, passim. W. Holtzmann, Das Ende des Bischofs Heinrich II. von Chur, "Zeitschrift fr Schweizerische Geschichte", 29, 1949, pp. 145-94. Id., Sozial- und Wirtschaftsgeschichtliches aus Dekretalen, "Rheinische Vierteljahrsbltter", 15-16, 1950-51, pp. 258-63. Ch. Perrin, Les ngotiations de 1196 , in Mlanges d'histoire du Moyen ge ddis la mmoire de L. Halphen, Paris 1951, pp. 567-72. J. Haller, Das Papsttum, III, Stuttgart 1952, pp. 237-99, 522-53. R. Foreville-J. Rousset de Pina, in Histoire de l'glise, a cura di A. Fliche-V. Martin, IX, 2, Paris 1953, pp. 216-31, 247 ss. V. Pfaff, Die Einnahmen der rmischen Kurie am Ende des 12. Jahrhunderts, "Vierteljahrschrift fr Sozial- und Wirtschaftsgeschichte", 40, 1953, pp. 97-118. P. Zerbi, Un momento oscuro nella coronazione romana di Enrico VI (1191), in Miscellanea Belvederi, Roma 1954, pp. 517-28. Id., Papato, Impero e "Respublica Christiana" dal 1187 al 1198, "Pubblicazioni dell'Universit Cattolica del S. Cuore", n. ser., 50, 1955, pp. 58-94. V. Pfaff, Die Kardinle unter Papst Coelestin III., I, "Zeitschrift der SavignyStiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 41, 1955, pp. 58-94. F.X. Seppelt, Geschichte der Ppste, III, Mnchen 1956, pp. 307-10, 609. E. Jamison, Eine Urkunde Coelestins III. fr S. Crisanto di Filetto, "Quellen und Forschungen aus Italienischen Archiven und Bibliotheken", 36, 1956, pp. 321-23. V. Pfaff, Aufgaben und Probleme der ppstlichen Finanzverwaltung am Ende des XII. Jahrhunderts, "Mitteilungen des Instituts fr sterreichische Geschichtsforschung", 64, 1956, pp. 1-24. Id., Pro Posse Nostro. Die Ausbung der Kirchengewalt durch Coelestin III., "Zeitschrift der Savigny-Stiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 43, 1957, pp. 89-131. R. Elze, Der Liber Censuum des Cencius, "Bullettino dell'Archivio Paleografico

9 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

Italiano", n. ser., 2-3, 1956-57, nr. 1, pp. 251-70. V. Pfaff, Feststellungen zu den Urkunden und dem Itinerar Coelestins III., "Historisches Jahrbuch", 78, 1959, pp. 110-36. W. Janssen, Die ppstlichen Legaten in Frankreich (1130-1198), "Klner Historische Abhandlungen", 6, 1961, pp. 138-50. V. Pfaff, Papst Coelestin III., Eine Studie, "Zeitschrift der Savigny-Stiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 47, 1961, pp. 109-28. K. Ganzer, Die Entwicklung des auswrtigen Kardinalats im hohen Mittelalter, Tbingen 1963, pp. 104-13, 125-30, 136-49, 195-98. V. Pfaff, Die Kardinle unter Papst Coelestin III, II, "Zeitschrift der SavignyStiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 52, 1966, pp. 332-69. H. Wolter, Hochmittelalter, in Handbuch der Kirchengeschichte, III, 2, Freiburg 1968, pp. 104-06, 110-13. A. Garca y Garca, propos de la canonisation des saints au XIIe sicle, "Revue de Droit Canonique", 18, 1968, pp. 3-15. G. Baaken, Die Verhandlungen Kaiser Heinrichs VI. und Papst Coelestins III., "Deutsches Archiv", 27, 1970, pp. 479-513. J. Der, Papsttum und Normannen, Kln-Wien 1972, pp. 256, 260-62. V. Pfaff, Die innere Verwaltung der Kirche unter Papst Coelestin III., "Archiv fr Diplomatik", 18, 1972, pp. 342-66. Id., Der Vorgnger, Das Wirken Coelestins III. aus der Sicht Innozenz III., "Zeitschrift der Savigny-Stiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 60, 1974, pp. 121-57. Id., Das Papsttum in der Weltpolitik des endenden 12. Jahrhunderts, "Mitteilungen des Instituts fr sterreichische Geschichtsforschung", 82, 1974, pp. 338-75. Id., Das kirchliche Eherecht am Ende des 12. Jahrhunderts, "Zeitschrift der Savigny-Stiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 63, 1977, pp. 73-117. R. Mols, Clestin III, in D.H.G.E., XII, coll. 62-77. Lexikon fr Theologie und Kirche, II, Freiburg 1958, s.v., coll. 1254 s. Opere recenti: K. Jordan, Papst Clestin III. und die Welfen zu Beginn seines Pontifikats, in Aus Geschichte und ihren Hilfswissenschaften. Festschrift fr Walter Heinemeyer zum 65. Geburtstag, a cura di H. Bannasch-H.P. Lachmann, Marburg 1979, pp. 242-56. Id., Das Papsttum und die Freiheit der Bischofsstdte im 12. Jahrhundert, "Archiv fr Diplomatik", 25, 1979, pp. 59-104. Die Regesten des Kaiserreiches unter Heinrich VI. 1165 (1190) - 1197, a cura di K. Baaken-G. Baaken, Kln 1979, ad indicem. J. Fried, Der ppstliche Schutz fr Laienfrsten, Heidelberg 1980, pp. 117 ss., 204

10 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

ss., 339 ss. K. Dolista, Einige Urkunden aus dem Brandenburger Domstiftsarchiv, "Analecta Praemonstratensia", 57, 1981, pp. 157-72. Tancredi et Willelmi III regum diplomata, a cura di H. Zielinski, Kln 1982, ad indicem. Constantiae imperatricis et reginae Siciliae diplomata (1195-1198), a cura di Th. Klzer, ivi 1983, ad indicem. F. Ferfers, Het bullezegel van paus Celestinus III (1191-1198), "De Leiegouw", 25, 1983, pp. 139-42. W. Maleczek, Papst und Kardinalskolleg von 1191 bis 1216. Die Kardinle unter Coelestin III. und Innocenz III., Wien 1984. T. Montecchi Palazzi, Cencius Camerarius et la formation du "Liber Censuum" de 1192, "Mlanges de l'cole Franaise de Rome. Moyen ge", 96, 1984, pp. 49-93. K. Baaken, Zur Wahl, Weihe und Krnung Papst Clestins III., "Deutsches Archiv", 41, 1985, pp. 203-11. V. Pfaff, Analekten zur Geschichte Papst Coelestins III., "Historisches Jahrbuch", 109, 1989, pp. 191-205. Id., Die Kardinle unter Papst Coelestin III. (1191-1198), "Zeitschrift der SavignyStiftung fr Rechtsgeschichte", Kanonistische Abteilung, 106, 1989, pp. 401-07. I. Boserup, L'abb Vilhelm demande conseil au pape Clestin III, "Fund og Forskning", 1992, pp. 9-28. P. Lw, X 1, 6, 14 "Electio debet esse in libertate eligentium", Baden-Baden 1992. Ch. Reisinger, Tankred von Lecce. Normannischer Knig von Sizilien 1190-1194, Kln 1992. O. Rey Castelao, El voto de Santiago. Claves de un conflicto, "Compostellanum", 37, 1992, pp. 657-701. P. Daz Bodegas, La dicesis de Calahorra y la Calzada en el siglo XII, Logroo 1995, pp. 106-14. Gli ottocento anni della bolla del 24 novembre 1192 di Celestino III: riconoscimento al capitolo di Santa Maria di Cividale del Friuli della giurisdizione sulle chiese del territorio. Incontro di studio, Cividale del Friuli, 20 novembre 1993, a cura di G.M. Del Basso-C. Moro, Trieste 1995. Lexikon des Mittelalters, III, Mnchen-Zrich 1986, s.v., coll. 4-7. R. Aubert, Hyacinthe, "Iacinthus Bobonis", in D.H.G.E., XXV, col. 504. Lexikon fr Theologie und Kirche, II, Freiburg 1994, s.v., col. 1247. Dizionario storico del Papato, a cura di Ph. Levillain, I, Milano 1996, s.v., pp. 290-93.

11 di 12

29/09/2013 0.07

Celestino Iii in Enciclopedia dei Papi Treccani

http://www.treccani.it/enciclopedia/celestino-iii_(Enciclopedia-dei-Papi)/

Invia articolo

Pubblica sul tuo blog o sito

Segnala alla redazione

APPROFONDIMENTI
CELESTINO III > FEDERICIANA (2005)
CELESTINO III. - Per tre aspetti, di grande importanza, la figura di C. acquista notevole rilievo in un contesto riferito a Federico II: il suo collegamento con quel clero romano che proprio nel sec. XII va assumendo un'autonomia di funzioni e una co... Leggi

CELESTINO III > ENCICLOPEDIA ITALIANA (1931)


CELESTINO III papa. - Morto Clemente III, nel marzo 1191, il 30 fu eletto a succedergli Giacinto di Pietro Bobo romano, cardinal diacono di S. Maria in Cosmedin, vecchio di 85 anni. C. coron imperatore Enrico VI, insieme con la moglie Costanza, il 1... Leggi

12 di 12

29/09/2013 0.07