Sei sulla pagina 1di 69

FIGURE RETORICHE ED ALTRO Accumulazione L'accumulazione (dal latino tardo accumulato - nis) una figura retorica che consiste

e nel mettere insieme una serie di membri o di termini linguistici accostati in modo pi o meno ordinato o anche in modo caotico e senza un percorso strutturale. L'accumulazione pu comportare anche una rottura degli schemi e dei generi, mescolando per esempio elementi lirici o tragici in un contesto narrativo, per ottenere effetti particolari. Un esempio di accumulazione caotica si trova nel romanzo Il cavaliere inesistente di Italo Calvino: Dovete compatire: si ragazze di campagna... fuor che funzioni religiose, tridui, novene, lavori dei campi, trebbiature, vendemmie, fustigazioni di servi, incesti, incendi, impiccagioni, invasioni d'eserciti, saccheggi, stupri, pestilenze, noi non s' visto niente. Voci correlate Figura retorica Climax Anticlimax Diallage 1. Adynaton

Voci correlate Il contrario dell'aferesi la prstesi. Si vedano inoltre: apcope e sncope, nonch i rispettivi contrari: eptesi (o paragge) ed epntesi. 3. Aforisma

Aforisma: una verit detta in poche parole - epper detta in modo da stupire pi di una menzogna. (Giovanni Papini, Dizionario dell'Omo Selvatico) Un aforisma o aforismo (dal greco aphorisms, definizione) una breve frase che condensa similmente alle antiche locuzioni latine - un principio specifico o un pi generale sapere filosofico o morale. Aforismi per antonomasia furono a lungo quelli medici, prima di Ippocrate e poi della Scuola medica salernitana. Nella seconda met del Novecento con il diffondersi dell'editoria di massa venuta a moltiplicarsi la pubblicazione di libri appositamente dedicati a raccolte di aforismi di autori diversi, spesso suddivise su base tematica. Alcuni autori sostengono che la lunghezza ottimale di un aforisma di otto parole. Quanto al contenuto, Karl Kraus affermava che L'aforisma non coincide mai con la verit; o una mezza verit o una verit e mezza e Un aforisma non ha bisogno di esser vero, ma deve scavalcare la verit. Con un passo solo deve saltarla. Qualche esempio Per vivere con onore bisogna struggersi, turbarsi, battersi, sbagliare, ricominciare da capo e buttare via tutto, e di nuovo ricominciare e lottare e perdere eternamente. La calma una vigliaccheria dell'anima. (Lev Nikolaevic Tolstoj) Due stupidi sono due stupidi. Diecimila stupidi sono una forza storica. (Mao TseTung) L'uomo debole, la donna forte, l'occasione onnipotente. (Ivan Turgenev) La diffidenza verso gli altri nasce anche dalla sfiducia in noi stessi. (Roberto Gervaso) Il mondo in s, non ragionevole: tutto ci che si pu dire. (Albert Camus) Non sempre ci che vien dopo progresso. (Alessandro Manzoni) Una puntura di zanzara prude meno, quando sei riuscito a schiacciare la zanzara. (Marcello Marchesi) Posso resistere a tutto tranne che alle tentazioni. (Oscar Wilde) Al mondo vi sono solo due tragedie: una non ottenere ci che si vuole, l'altra ottenerlo. (Oscar Wilde) La fantasia ha tutto il diritto di gozzovigliare all'ombra dell'albero di cui essa fa un bosco. (Karl Kraus) Qui da noi ci sono dei treni non puntuali che

L'adynaton una figura retorica il cui nome deriva dal greco e significa "impossibile". Esso un metalogismo che consiste nel citare una situazione assolutamente irrealizzabile attraverso il confronto con un'altra, descritta con una perifrasi iperbolica e paradossale. Esempi: pi facile che un cammello passi attraverso la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli. Lo mar potresti arompere, a venti asemenare, l'abere d'esto secolo tuto quanto asembrare: avere me non pteri a esto monno. (Cielo d'Alcamo) S'i' fosse foco, arderei 'l mondo (Cecco Angiolieri) 2. Aferesi

L'afresi un fenomeno di fonetica storica che consiste nella caduta d'una vocale o d'una sillaba all'inizio di parola. 1. narandj (arabo) arancia 2. (lat. cl. luscinia) *lusciniolus usignolo 3. obscurum (lat.) scuro 4. illa apotheca (lat.) la bottega 5. episcopus (lat.) vescovo 6. instrumento (lat.) strumento 7. Pu anche essere una figura retorica che d luogo a forme poetiche: 8. inverno verno (it. ant./poet.)

non sanno abituarsi ad attenersi ai loro ritardi. (Karl Kraus) Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidit umana. ma della prima non sono tanto sicuro. (Albert Einstein) L'uomo l'unico animale che arrossisce. (Mark Twain) Non difficile per un uomo fare qualche buona azione; il difficile agir bene tutta la vita, senza mai far nulla di male. (Mao Zedong) Chi smette di fare pubblicita' per risparmiare soldi come se fermasse l'orologio per risparmiare tempo. (Henry Ford) uoi tenere il talento sotto chiave. Ma il tempo, la chiave, la trover. (Leonid S. Sukhorukov) Le masse sono abbagliate pi facilmente da una grande bugia che da una piccola. (Adolf Hitler)

5.

Allegoria

L'allegoria la figura retorica per cui un concetto astratto viene espresso attraverso un'immagine concreta: in essa, come nella metafora, vi la sostituzione di un oggetto ad un altro ma, a differenza di quella, l'accostamento non basato su qualit evidenti o sul significato comune del termine, bens su un altro concetto che spesso attinge al patrimonio di immagini condivise della societ. Essa opera comunque su un piano superiore rispetto al visibile e al primo significato: spesso l'allegoria si appoggia a convenzioni di livello filosofico o metafisico. Per chiarire, un esempio tratto dalla Divina Commedia di Dante Alighieri: Ed ecco, quasi al cominciar de l'erta, una lonza leggiadra e presta molto, che di pel macolato era coverta; e non mi si partia dinanzi al volto, anzi 'mpediva tanto il mio cammino, ch'i' fui per ritornar pi volte vlto. Temp' era dal principio del mattino, e 'l sol montava 'n s con quelle stelle ch'eran con lui quando l'amor divino mosse di prima quelle cose belle; s ch'a bene sperar m'era cagione di quella fiera a la gaetta pelle l'ora del tempo e la dolce stagione; ma non s che paura non mi desse la vista che m'apparve d'un leone. Questi parea che contra me venisse con la test' alta e con rabbiosa fame, s che parea che l'aere ne tremesse. Ed una lupa, che di tutte brame sembiava carca ne la sua magrezza, e molte genti f gi viver grame, questa mi porse tanto di gravezza con la paura ch'uscia di sua vista, ch'io perdei la speranza de l'altezza. Qui le tre fiere rappresentano tre mali che turbano l'animo dell'uomo: la superbia e la violenza (leone), l'avarizia e la cupidigia (lupa), l'avidit o per alcuni la lussuria (lonza). L'allegoria spesso usata anche in altri campi artistici, dalla pittura alla scultura alle altre arti figurative. Differenza tra simbolo e allegoria Un simbolo qualcosa di pi concreto rispetto all'allegoria: per esempio si pu dire che un'aquila sia simbolo di regalit, di forza, ecc. Anche un'aquila in volo o in un'altra azione generica spesso ha valenza di simbolo, indipendente dal contesto entro il quale viene posta. Quando invece il contesto basilare nell'interpretazione si parla di allegoria: riprendendo lo stesso esempio un'aquila che, all'interno di una narrazione, scenda dal cielo e faccia una serie di azioni significative pu rappresentare un'immagine pi complessa (per esempio essa simboleggiava spesso

Voci correlate Epifonema Sutra Proverbi 4. Agnizione

L'agnizione (dal latino agnitio = riconoscimento) un topos delle opere narrative o drammatiche. Consiste nell'improvviso e inaspettato riconoscimento dell'identit di un personaggio, che determina una svolta decisiva nella vicenda. stata descritta da Aristotele nella sua Poetica. Il caso classico quello del personaggio che, al termine di una serie pi o meno complessa di vicende, viene riconosciuto da altri o si autoriconosce nella sua vera identit. Nella commedia latina, ad esempio, l'agnitio un topos assai sfruttato per dirimere situazioni difficili o scabrose. Il riconoscimento pu riguardare anche i modi e i tempi con cui il lettore scopre la verit, abilmente celata dallo scrittore. Il procedimento tipico del romanzo giallo o avventuroso (cfr. il "colpo di scena", la "scena madre"); ma anche in racconti psicologici lo scrittore pu adottare un punto di vista che strutturalmente mette in ombra o tralascia alcuni fatti relativi a un personaggio e la cui conoscenza ritardata ad arte. La vicenda di Edipo pu costituire l'emblema del riconoscimento nel senso pi profondo del termine: l'eroe prende coscienza del suo vero essere al termine di una inquietante inchiesta, che si conclude con la catastrofe. L'identificazione dell'eroe peraltro una delle funzioni della fiaba di magia studiate da Propp, a riprova del carattere topico e assai generalizzato di questo procedimento narrativo. L'agnizione era usata soprattutto nelle commedie palliate dell'antica Grecia dai commediografi che volevano scioccare positivamente il pubblico con un finale a sorpresa: per esempio Terenzio e Plauto utilizzarono spesso questo espediente nelle loro produzioni letterarie.

l'Impero e in base alle azioni che pu compiere nello specifico si estrapola magari una situazione politica specifica). Spesso l'allegoria, nella sua complessit maggiore, ha un'interpretazione "soggettiva", cio legata al tipo di lettura che se ne fa. In altre parole, si pu dire che il legame tra oggetto significato e immagine significante nell'allegoria sia arbitrario e intenzionale, a differenza che nel simbolo in cui piuttosto convenzionale: esso non pu essere decodificato in maniera intuitiva e immediata, ma necessita di un processo razionale e intellettuale, ed comunque sempre relativo, nel senso che suscettibile di una discussione critica che si sviluppa nella fase di interpretazione. Voci correlate Simbolo Metafora Figura (concetto) 6. Allitterazione

fiesolana", presentano allitterazioni di "f", "s", dei gruppi "fr" e "sc" e la ripetizione-iterazione della "e". Quinto Ennio Quinto Ennio negli Annales fa allitterazione della lettera "t". "Hastati spargunt hastas: fit ferreus imber" fa allitterazione delle lettere "s" e "t". "Africa terribili tremit horrida terra tumulto" fa allitterazione maggiormente della lettera "r", ma anche della"t". "at tuba terribili sonitu taratantara dixit" fa allitterazione della lettera "t". Dante Alighieri In "Tanto Gentile e Tanto Onesta Pare" (la Vita Nuova) vengono proposte diverse allitterazioni dall'autore, cosicch, all'accoppiarsi di suoni nasali (n, gn e m) con quelli dentali (t e d), la lettura venga addolcita: Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia quand 'ella altrui saluta, ch'ogne lingua deven tremando muta, e li occhi no l'ardiscon di guardare. Ella si va, sentendosi laudare, benignamente d'umilta' vestuta; e par che sia una cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare. Mostrasi s' piacente a chi la mira, che da' per li occhi una dolcezza al core, che 'ntender non la puo' chi no la prova; e par che de la sua labbia si mova uno spirito soave pien d'amore, che va dicendo a l'anima: Sospira. Voci correlate Onomatopea Assonanza Consonanza 7. Allusione

L'allitterazione una figura retorica e consiste nella ripetizione di una lettera di una sillaba o piu in generale di un suono all'inizio o all'interno di parole successive. Pone l'attenzione sui rapporti tra le parole fonicamente messe in rilevanza. Allitterazione deriva dal latino adlitterare, che significa appunto "allineare le lettere". Sensazioni Grazie alle allitterazioni vengono evocate diverse sensazioni condizionate dalle lettere che fanno l'allitterazione stessa. Ad esempio: le consonanti dal suono secco (g,c e s) evocano una sensazione di durezza. le consonanti dal suono dolce (v e l) evocano una sensazione di morbidezza, piacere. la vocale a evoca un senso di ampiezza. la vocale u evoca un senso di gravezza. la vocale i evoca un senso di chiarezza. Alcuni Esempi Francesco Petrarca "di me medesmo meco mi vergogno" (Canzoniere) allitterazione della lettera "m". Ugo Foscolo "La madre or sol, suo d tardo traendo," (In morte del fratello Giovanni) vi allitterazione con le lettere "s", "t" e "do". Virgilio "infandum regina iubes renovare dolorem" (Eneide in latino) fa allitterazione la sillaba "re" di "renovare", "regina" e di "dolorem". Gabriele D'Annunzio "Fr/e/sche le mie parole ne la s/erati sien come il frusco che fan le fogliedel gelso ne la man di chi le cogliesilenzioso... Questi versi, che sono d'inizio per la poesia " La sera

L'allusione una figura retorica e consiste nell'uso di un sostantivo, spesso derivato da un fatto storico o comunemente noto, che abbia un rapporto di somiglianza con l'oggetto in questione. Esempi: Allusione mitologica: un labirinto (un intrico di strade) Allusione storica: vittoria di Pirro (un successo ottenuto a caro prezzo) Allusione letteraria: un don Abbondio (un vigliacco) 8. Anadiplosi

L'anadiplosi (dal greco anadplosis, duplicazione) o raddoppiamento, anticamente detta anche

epanastrofe o reduplicatio, una figura retorica e consiste nella ripetizione di uno o pi elementi terminali di un segmento di discorso, all'inizio del segmento successivo. Esempi:

L'analessi o retrospezione o, impropriamente, flashback una figura retorica che consiste nell'evocazione pi o meno ampia di un evento anteriore al punto della storia in cui ci si trova. Analessi Pi precisamente, in un testo, quando l'autore vuole spiegare qualcosa avvenuto in tempo passato rispetto a quello narrativo nel brano, sceglie di interrompere la narrazione nel tempo presente e di retrocedere nel passato, narrando cos eventi passati come se stesse narrando eventi al presente. E in questo caso si parla di analessi. L'analessi di grande effetto nei romanzi. Ad esempio, nell'Iliade, il narratore, dopo aver evocato la contesa fra Achille e Agamennone, punto di partenza del suo racconto, ritorna indietro di una decina di giorni per esporne la causa in una quarantina circa di versi retrospettivi. O ancora, nell'Odissea, quando Ulisse narra le sue avventure. Un racconto quasi interamente basato sull'analessi La cognizione del dolore di Gadda. In quest'opera infatti continuamente la narrazione si interrompe per recuperare episodi del passato. Altri esempi di analessi sono i comunissimi gialli. In questi si ha, spesso, la parte iniziale che viene occupata da un omicidio e, in seguito, la narrazione di ci che accaduto, da parte dell'investigatore. Infatti l'omicidio rappresenta la parte conclusiva dell'intera spiegazione e quindi la spiegazione dei fatti rappresenta un' analessi (o, a seconda dei casi, un flashback). Flashback L'analessi differisce dal flashback, in quanto la prima fa parte dei testi scritti, mentre la seconda propria della cinematografia. Un esempio assai famoso di flahblack rappresentato dal film "La Fiamma del Peccato" di Billy Wilder, del 1944. Il film quasi interamente composto di un flashback, che va a riallacciarsi con la parte iniziale, per poi concludersi in una terza parte. Ma soprattutto Quarto Potere di Orson Welles (1941) rappresenta un esempio palese di flashback, essendo praticamente tutto il lungometraggio una retrospezione. Prolessi Il contrario dell'analessi, cio la narrazione di eventi collocati nel futuro, detto prolessi. Eccelsi esempi di prolessi li troviamo ne I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Altro L'analessi anche la ripetizione delle stesse parole nella parte centrale di pi enunciati. Voci correlate figura retorica prolessi 11. Anastrofe L'anastrofe (dal greco anastroph, inversione) o anteposizione una figura retorica consistente nell'inversione dell'ordine abituale di un gruppo di termini successivi. affine all'iperbato ma, a differenza

ma la gloria non vedo non vedo il lauro e 'l ferro ond'eran carchi (Giacomo Leopardi, Canti, All'Italia, 4-5) il vento, il vento che fa musiche bizzarre (Vittorio Sereni) hic tamen vivit. Vivit? Immo vero etiam in senatum venit. (Cicerone, Prima Catilinaria, I, 2)

Voci correlate Figura retorica Epanadiplosi Epanalessi Epifora Simploche 9. Anafora

L' anafora (dal greco anaphr, riporto, ripeto) una figura retorica che consiste nella ripetizione di una parola o di gruppi di parole all'inizio di frasi o di versi successivi, per sottolineare un'immagine o un concetto. Un esempio nei versi di Dante, "Divina Commedia": Per me si va nella citt dolente, per me si va nell'eterno dolore per me si va tra la perduta gente. (Dante Alighieri, Divina Commedia - Inferno - Canto III, vv 1-3) e ancora, dello stesso poeta: Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende, prese costui de la bella personache mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.Amor, ch'a nullo amato amar perdona,mi prese del costui piacer s forte,che, come vedi, ancor non m'abbandona.Amor condusse noi ad una morte. Caina attende chi a vita ci spense. (Dante Alighieri, Divina Commedia - Inferno - Canto V, vv 100-107) L'anafora altres quella tecnica retorica che consiste nel richiamarsi ad un concetto precedentemente espresso con l'utilizzo di un termine, specialmente di un pronome.Ad esempio "Tutto ci stato causato da lui, questo disdicevole" Voci correlate Figura retorica Catafora 10. Analessi

di esso, non implica l'inserimento di un inciso tra i termini. Ad esempio, in Leopardi: Allor che all'opre femminili intenta sedevi, assai contenta (Canti, A Silvia, 10-11) Nel cinema, il maestro Yoda di Guerre Stellari, parla esclusivamente per anastrofi. Difficile da vedere, il Lato Oscuro . (Yoda) Voci correlate Iperbato Figura retorica 12. Anfibologia L'anfibologia o anfibolia (composto dal greco amphibola, incertezza, e lgos, discorso) un discorso o un'espressione contenente un'ambiguit sintattica e dunque interpretabile in modi diversi a seconda del modo di leggerla. Ad esempio, l'enunciato "posso sollevare un uomo con una mano sola" potrebbe significare sia che si pu sollevare un uomo con l'uso della propria mano, sia che si pu sollevare un uomo che possiede una sola mano. Voci correlate figura retorica 13. Annominazione L'annominazione una figura retorica che consiste nella ripetizione di una stessa radice etimologica in pi vocaboli diversi. un procedimento utilizzato spesso in locuzioni comuni (ad esempio "Vivere la vita") ma presente anche nel linguaggio letterario per sottolineare il significato che la radice etimologica contiene (Ad esempio: "Amor che a nullo amato amar perdona"). 14. Anticlimax L'anticlimax, o gradazione discendente, una figura retorica che consiste in un elenco di termini o locuzioni con intensit decrescente E mi dicono, Dormi!/ mi cantano, Dormi! sussurrano, / Dormi! bisbigliano, Dormi! Nel moderno umorismo l'anticlimax la tipologia di battuta ricavata dall'accostamento di un elemento alto, nobile e universale a uno basso, prosaico e particolare: Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico nel weekend! (Woody Allen) Voci correlate climax figura retorica accumulazione

15. Antfrasi
L'antfrasi (dal greco ant, contro, e phrsis, locuzione) una figura retorica per cui una voce viene usata in senso opposto al suo vero significato. Cos ad esempio i Greci diedero superstiziosamente il nome di Eumenidi (le benevole) alle Erinni. Usata spesso in tempi recenti, si ricorre a questa quando si vuole caricare di ironia un aggettivo attribuendogli il significato opposto di quello che ha solitamente. Ad esempio con l'aggettivo bella si pu comporre l'antifrasi Abbiamo fatto proprio una bella figura! Molte delle espressioni usate nelle lingue per augurare a q.c. la buona riuscita di un'impresa usano l'antifrasi: es. In bocca al lupo. Voci correlate Figura retorica

16. Antilogia
L'antilogia contraddizione l'opposizione ai discorsi altrui,

In retorica L'antilogia una figura retorica come il paradosso o l'endiadi. Si identifica con l'espressione apotegmatica di un enunciato in forma contraddittoria. Da non confondersi con il dilemma. L'antilogia una tecnica utilizzata soprattutto dai sofisti: consiste nel pronunciare sia un discorso di difesa che uno di accusa relativamente alla medesima questione. Questa impostazione consente di mostrare il relativismo delle conoscenze, mentre pu essere usato anche solo a scopo puramente didattico o per mostrare la propria abilit oratoria. In Psicologia Situazione di un paziente che compie azioni illogiche e contradditorie seguendo un impulso inconscio. L'antilogia pertanto la mera sintomatologia (superficiale) di un disagio pi profondo.

17. Antinomia
Le antinomie kantiane sono quattro paradossi logici contenuti nella Critica della ragion pura di Immanuel Kant. Antinomia deriva dal greco , composto di "contro" e un derivato di "legge" Secondo Quintiliano, "la parola antinomia significa propriamente conflitto di leggi", quale ad esempio il paradosso dell'impiccagione. Nel "Dizionario di Filosofia" Nicola Abbagnano scrive che Kant estese il concetto ad indicare il conflitto con s stessa in cui la ragione si trova in virt dei suoi stessi procedimenti. Alla maniera dei ragionamenti dei sofisti, le antinomie kantiane sono affermazioni opposte, ciascuna dimostrabile logicamente ed in modo ineccepibile senza contraddizione nelle ragioni l'una dell'altra. In pratica, sono proposizioni probabilmente vere o false (ossia se ne pu dare prova), ed inconfutabili di per s. Ci in quanto hanno le loro fondamenta in un

presupposto inconoscibile, ossia la realt, o nelle parole di Kant "la vera natura del mondo". Dato che la cosa in s, ossia la realt, per Kant inconoscibile, la ragione non pu dimostrare, n provare certamente e in modo perentorio, alcuna delle quattro antinomie kantiane. 1 antinomia Tesi: il mondo ha un inizio nel tempo e, nello spazio, chiuso dentro limiti. Antitesi: Il mondo infinito sia nel tempo che nello spazio. Nella dimostrazione Kant fa riferimento alla categoria della qualit. Anche nella corrente cosmologia, la tesi vera se accettiamo la teoria del Big Bang, mentre invece l'antitesi vale in alcune altre ipotesi cosmologiche, ad esempio nel modello dello Stato Stazionario. Anche nel caso del Big Bang, il volume dell'Universo puo' essere finito, ma non ci sono n limiti n confini, come sulla superficie di una sfera: come l il confine nella terza dimensione e non sulla superficie, il confine dello spaziotempo nella quarta dimensione e noi non lo percepiamo. 2 antinomia Tesi: ciascuna cosa composta da parti semplici che costituiscono altre cose composte da parti semplici. Antitesi: non esiste nulla di semplice, ogni cosa complessa. Nella dimostrazione Kant fa riferimento alla categoria della quantit. Anche qui notiamo come la fisica delle particelle sia ancora alla ricerca dei costituenti ultimi della materia, e tuttavia anche questi, per via delle propriet della meccanica quantistica, possono essere interpretati come sovrapposizioni di pi stati o particelle. Altri modelli, come la teoria delle stringhe ritornano alla teoria del continuo, ritenendo le particelle "proiezioni" in 3 dimensioni delle stringhe, definite continue, che ne hanno invece 10 o 11. Altre teorie ancora, come la gravitazione quantistica a loop, ritengono invece che esistano granelli indivisibili (quanti) persino dello spaziotempo. 3 antinomia Tesi: La causalit secondo le leggi della natura non la sola da cui possono essere derivati tutti i fenomeni del mondo. necessario ammettere per la spiegazione di essi anche una causalit per la libert. Antitesi: Nel mondo non c nessuna libert, ma tutto accade unicamente secondo leggi della natura. Nella dimostrazione Kant fa riferimento alla categoria della relazione. Anche qui, sebbene la teoria delle variabili nascoste nella meccanica quantistica sia ormai screditata, e quindi varrebbe la tesi, esistono dimostrazioni di come il comportamento quantistico possa emergere da sistemi complessi e non lineari, anche se nessuno sa come darne prova sperimentale. 4 antinomia Tesi: esiste un essere necessario che causa del mondo. Antitesi: non esiste alcun essere necessario, n

nel mondo n fuori dal mondo che sia causa di esso. Nella dimostrazione Kant fa riferimento alla categoria della modalit. Anche qui, i lavori di John Conway sui numeri surreali e la prova ontologica di Kurt Gdel sono esempi di come sia possibile "inserire matematicamente" una causa prima. L'idea di causa prima nelle religioni viene fortemente sminuita. Voci correlate Critica della ragion pura Immanuel Kant

18. Antitesi
L'antitesi una figura retorica che consiste nella contrapposizione di idee, espressa mettendo in corrispondenza parole di significato opposto; conferisce a due immagini consecutive e spesso simmetriche un maggior rilievo, facendo leva sulla loro pi o meno accentuata contrapposizione. Ad esempio: di Francesco Petrarca: "Pace non trovo e non ho da far guerra" di Francesco Petrarca: "di fuor si legge com'io dentro avvampi" Quando due parole in antitesi sono messe strettamente una accanto all'altra - con la risultanza di un curioso risultato linguistico - si davanti ad un ossimoro.

19. Antonimia
L'antonimia in semantica indica la relazione che c' tra due lessemi di significato opposto. Le coppie di termini antonimi sono spesso dette contrari. Pi propriamente, si dicono contrari termini come bianco e nero, o caldo e freddo, che ammettono soluzioni intermedie (grigio per la prima coppia, tiepido per la seconda), mentre si dicono contraddittori termini come vero e falso, vivo e morto, che, a differenza dei termini contrari, non sono graduabili, non ammettono soluzioni intermedie. Voci correlate Sinonimia Significato 20. Antonomsia L'antonomsia la figura retorica che si ha quando ad un nome si sostituisce una denominazione che lo caratterizza. Si pu sostituire un nome comune o una perifrasi ad un nome proprio, per personaggi celebri, o viceversa. Nel primo caso si hanno spesso finalit apologetiche e si possono creare soprannomi o addirittura nomi o cognomi, nel secondo si riassumono sinteticamente intere categorie e si possono creare nuovi nomi comuni. Ad esempio nel primo caso: "il poeta" o "il Poeta" al posto di Dante Alighieri

"Duce" al posto di Benito Mussolini "Avvocato" al posto di Gianni Agnelli "Malpelo" come nome proprio del protagonista del racconto Rosso Malpelo di Giovanni Verga "el pibe de oro" al posto di "Maradona" "il mahatma" al posto di "Gandhi" "l'eroe dei due mondi" al posto di "Garibaldi" "el Che" al posto di Ernesto Guevara Mentre nel secondo caso: "perpetua" per l'assistente personale di un sacerdote (da Perpetua, il personaggio dei Promessi sposi di Alessandro Manzoni) "ercole" o "un Ercole" per un uomo di grande forza (dall'eroe greco Ercole) "caruso" o "un Caruso" per un cantante (dal nome del cantante Enrico Caruso) La parola "antonomasia" utilizzata anche nell'espressione "per antonomasia", che significa "per eccellenza". Antonomasia e gergo In generale le antonomasie sono tali per determinati ambienti, culture e paesi.Alcune antonomasie sono valide solo in ambienti ristretti e rientrano quindi nell'ambito dei gerghi. Ad esempio Gertrude (la "Monaca di Monza", un personaggio dei Promessi Sposi) era "chiamata per antonomasia la signorina" all'interno del suo monastero.

umana, la polemica anti-antropomorfica, gi presente nei filosofi greci, primo fra tutti Senofane, fu approfondita all'interno dell'Islamismo e dell'Ebraismo. Anche nel Cristianesimo vi fu un atteggiamento ostile verso le rappresentazioni fisiche del divino, sfociato nell'iconoclastia, e dal lato spirituale-psicologico un ripudio della pretesa della conoscibilit di Dio, come nella teologia negativa dello Pseudo-Dionigi.Tuttavia proprio nella religione cristiana si attu il superamento dell'aporia insita nel rapporto tra umano e divino nell'epifania del Dio che si fa uomo per la salvezza del genere umano. La polemica positivista moderna rappresentata nel pensiero di Ludwig Feuerbach, che vede nell'antropomorfismo la prova dell'origine umana della religione, in quanto basata esclusivamente sull'interesse da parte dell'uomo di crearsi una divinit a proprio uso e consumo. Antropomorfismo nella cultura L'antropomorfismo non attiene soltanto alla sfera religiosa ma riscontrabile nella cultura popolare a vari livelli. Nella retorica ad esempio si possono trovare vari esempi di personificazione nella creazione di personaggi immaginari che impersonificano astrazioni, come i Quattro cavalieri dell'apocalisse. L'utilizzo di animali antropomorfizzati ha una lunga tradizione nell'arte e nella letteratura, soprattutto nelle favole, come in Esopo, e nella narrativa per ragazzi, come nei libri di C. S. Lewis, Beatrix Potter e Lewis Carroll, nei quali le caratterizzazioni degli animali sono tipicamente umane. Molti dei pi famosi personaggi televisivi per bambini sono animali con comportamenti umani: Mickey Mouse, Kermit, Bugs Bunny e Daffy Duck, per fare solo alcuni esempi. Anche nella fantascienza si riscontrano vari esempi di personaggi non umani antropomorfizzati, come gli androidi. Bibliografia (EN) Lorraine Daston & Gregg Mitman, editors, Thinking with Animals: New Perspectives on Anthropomorphism, Columbia University Press, 2005, ISBN 0231130384 Voci correlate Personificazione Prosopopea

21. Antropomorfismo
L'antropomorfismo l'attribuzione di caratteristiche e qualit umane ad esseri animati o inanimati o a fenomeni naturali o soprannaturali, in particolare divinit. Il termine deriva da due etimi greci, (anthrpos), "umano", e (morph), "forma". Antropomorfismo religioso Il dio romano Apollo raffigurato su un mosaico. Nella religione e nella mitologia l'antropomorfismo si riferisce all'attribuzione ad esseri divini di sembianze umane e/o di peculiarit legate alla sfera dei sentimenti. L'antropomorfismo fisico riscontrabile soprattutto nelle religioni primitive e politeiste e caratterizza in particolar modo la mitologia egizia. Esempi di antropomorfismo spirituale (o antropopatismo) ricorrono sovente nella mitologia greco-romana, nelle quali le divinit mostrano atteggiamenti e provano sentimenti legati alla sfera umana. Non sono mancate nel corso della storia sette antropomorfite, come un gruppo nell'Egitto del IV secolo ed un gruppo nella Chiesa cattolica romana del X secolo, considerate eretiche per la loro interpretazione letterale del passo biblico della Genesi 1,27. Condanna Anche se la tendenza ad una rappresentazione simbolica del divino ha permeato l'esperienza religiosa

22. Apagoge
Apagoge una figura retorica utilizzata in particolare in campo filosofico, logico e giuridico assimilabile alla reductio ad absurdum di Zenone di Elea, anche se pi propriamente la apagoge non una dimostrazione bens la giustificazione della falsit di un'affermazione sottolineando l'assurdit delle conseguenze applicative. Giovanni Tarello (1934-1987) annoverava l'argomento apagogico tra gli argomenti dell'interpretazione giuridica.

A volte questo termine usato invece come sinonimo di abduzione. Voci correlate Prasanga

Voci correlate Il contrario dell'apocope l'eptesi, anche detta paragge. Si vedano inoltre: afresi e sncope, nonch i rispettivi contrari: prstesi ed epntesi.

23. Apallage
L'apallage una figura retorica consistente nell'alterazione dell'ordine logico della successione dei concetti. Viene dal greco (io separo). Esempi Vorrei, ma non possibile, spiegarti la situazione" Ho scordato - ma poi chi se ne importa! l'ombrello L'Italia! Mi hanno accusato di averla chiamata vile! E non ricordarono (se non fosse troppo innocente ed ingenuo appellarsi alla memoria degli avversari) e non ricordarono, per un verso. - (Carducci)

25. Aposiopesi
L'aposiopesi (dal greco aposipsis, derivato da aposip, io taccio), chiamata anche reticenza (dal latino reticere, tacere) o sospensione, una interruzione improvvisa del discorso, per dare l'impressione di non poter o non voler proseguire, ma lasciando intuire al lettore o all'ascoltatore la conclusione, che viene taciuta deliberatamente per creare una particolare impressione. Rispetto all'ellissi, che la semplice soppressione di un elemento della frase, l'aposiopesi ha una maggiore connotazione emotiva. Si perfezion a partire dalla commedia nuova e quindi da Menandro. La commedia arcaica di Aristofane aveva abituato lo spettatore al turpiloquio pi spinto, tendenza contro cui si schierarono gi Platone ed Aristotele: Menandro preferisce sottintendere queste espressioni, lasciando immaginare al pubblico gli scatti d'ira. Esempio: E questo padre Cristoforo, so da certi ragguagli che un uomo che non ha tutta quella prudenza, tutti quei riguardi... (Manzoni, I promessi sposi) Voci correlate Figura retorica

24. Apcope
L'apcope (anche detta troncamento) un fenomeno fonetico che consiste nella caduta della vocale o della sillaba finale della parola. Una parola che ha subto troncamento detta tronca. Spesso una parola tronca anche ossitona, cio una parola che ha l'accento sull'ultima sillaba. Esempi sono parole come "citt" (da "cittade"), "libert" (da "libertade") o quomodo > como (pi tardi come, per fusione con la congiunzione e), mentre parole come "caff" o "trib" non devono la loro ossitonia ad un troncamento. In italiano le parole tronche terminanti per vocale devono obbligatoriamente avere l'accento grafico. Esempi in italiano sono: Qual buon vento Un buon amico Fior di latte Qual ? Sul far della sera Gran bel giorno Nessun altro Un amore come pochi L'apocope differisce dall'elisione, che provoca la caduta della vocale finale di una parola per evitare un accostamento cacofonico con la vocale con cui inizia la parola successiva. In questo caso si segna l'apostrofo. Ad esempio nel dire "un'amica" eliminiamo la a dell'articolo una che richiesto, nel dire "un amico" non vi elisione perch diremmo parimenti "un tavolo". Tra i pochi troncamenti che vogliono l'apostrofo, troviamo po' (per "poco"), imperativi monosillabici: da', di', fa', sta', va'

26. Apstrofe
L'apstrofe (sostantivo femminile dal greco apostroph, da apostrphein, volgere indietro) una figura retorica e si ha quando un personaggio o la voce narrante si rivolge direttamente a un altro personaggio, animale, oggetto o idea astratta. Per esempio, dai versi di Dante, Inferno, canto XXVI: Godi, Fiorenza, poi che se s grandeche per mare e per terra batti l'ali,e per lo nferno tuo nome si spande! O anche, nel canto VI del Purgatorio: Ahi serva Italia, di dolore ostello,nave sanza nocchiere in gran tempesta,non donna di province, ma bordello! Voci correlate Figura retorica Invettiva

27. Asindeto

L'asindeto la figura retorica che consiste in un'elencazione di termini o in una coordinazione di pi proposizioni senza l'uso di congiunzioni. Ad esempio: ... Nell'imo petto, grave, salda, immotaCome colonna adamantina, siede Noia immortale ... (Giacomo Leopardi, canto XIX - Al conte Carlo Pepoli) Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori, le cortesie, l'audaci imprese io canto ... (Ludovico Ariosto, Orlando furioso, canto I) Veni, vidi, vici. (Gaio Giulio Cesare, dopo la battaglia di Zela, 47 AC)

metafora metonimia

30. Catafora La catafora (dal greco kataphr, volgo avanti) una figura retorica e consiste nella collocazione a fine frase di una parola che normalmente sarebbe posta all'inizio perch soggetto. Esempio: "baci la sua petrosa Itaca Ulisse." (Ugo Foscolo, A Zacinto, 10) Voci correlate Figura retorica Anafora 31. Categoria - Fallacie Pagine nella categoria "Fallacie" Questa categoria contiene 16 pagine. Fallacia A Ad autoritatem Ad judicium Affermazione del conseguente Ambiguit A cont. Anfibologia Argumentum ad hominem Argumentum ad ignorantiam B Benaltrismo F Fallacia di brutta china Fallacia naturalistica I Ignoratio elenchi N Negazione dell'antecedente P Petitio principii R Reductio ad Hitlerum T Tu quoque 32. Categoria: Processi mentali Questa categoria contiene 3 sottocategorie. A [+] Apprendimento P [+] Processi cognitivi [+] Processi dinamici Pagine nella categoria "Processi mentali" Questa categoria contiene 7 pagine. A Atteggiamento

28. Assonanza
L'assonanza (da assonare, nel senso di avere suono simile) una figura retorica che consiste nella parziale identit di suoni di due o pi versi. Si distinguono una assonanza semplice, che l'uguale terminazione delle sole vocali dei versi (diffidi = audivi; rasone = colore), una assonanza della sola tonica (pietat = demandava) ed una assonanza atona (limo = toro). Si chiama inoltre consonanza tonica (ma anche assonanza consonantica) l'identit delle consonanti (partire = splendore; colle = elle). Considerata generalmente un arcaismo, l'assonanza praticata soprattutto nei testi popolari e nei proverbi (Aprile, dolce dormire), ma anche nelle opere pi antiche della poesia romanza.Le strofe di cui costituita la Chanson de Roland dette lasse erano spesso assonanzate; Possiamo trovare le assonanze in alcune composizioni dei trovatori e nei pi antichi testi spagnoli. Voci correlate consonanza figura retorica lassa 29. Catacrsi La catacrsi (dal greco katchrsis, abuso, derivato da katachromai, io adopero) o abusio una figura retorica ormai normalizzata, impiegata per designare qualcosa per cui la lingua non offre un termine specifico. Si tratta soprattutto di antiche metafore e metonimie non pi avvertite come tali. Alcuni esempi: "la gamba del tavolo" "il collo della bottiglia" "bere un bicchiere" Voci correlate figura retorica

C Comportamento manifesto C cont. Conflitto (Psicologia) O Opinione P Pensiero positivo S Sensazione T Tropo 33. Cesura La cesura la denominazione che in metrica definisce ogni demarcazione ritmica statisticamente significativa all'interno di un verso sufficientemente lungo, di cui delimita gli emistichi. Etimologia La parola deriva dal sostantivo latino caesura, "taglio", deverbativo da caedo, "taglio". Tale termine traduzione del corrispondente greco , a sua volta deverbativo di . In italiano il termine generico che indica la qualunque demarcazione interna a un verso incisione, la parola "cesura" indica invece le incisioni che la tradizione poetica ha reso statisticamente costanti, o meglio canoniche. Definizione Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura (Dante, Divina Commedia, If, I, 1-2) I due endecasillabi citati esemplificano un caso di verso con cesura: tra le possibili interruzioni della catena sillabica che forma il verso, l'endecasillabo predilige quella dopo l'accento di sesta posizione (primo verso) o di quarta (secondo verso): nel-mz-zo-dl-cam-mn || di-n-stra-v-ta mi-ri-tro-vi || pe-r_u-na sl-va_o-sc-ra Questo esempio evidenzia un'altra caratteristica: la cesura un luogo ritmico, corrispondente a una fine di parola che normalmente ma non obbligatoriamente corrisponde a un qualche tipo di pausa sintattica: nel caso dei versi di esempio per quanto vi sia una finale di parola tra "del" e "cammin", e tra "una" e "selva", la lettura ad alta voce del verso rende conto della natura proclitica di preposizione e articolo togliendo ogni dubbio sulla posizione effettiva delle cesure. Origine La cesura deriva certamente dalla pratica orale e formulare della recitazione poetica: essa permette infatti di suddividere versi lunghi in grado di contenere pensieri compiuti in emistichi facilmente riempibili con forme ricorrenti e funzionali alla recitazione. Se il padre della poesia occidentale Omero i poemi a lui attribuiti non sono certo sua invenzione originale, ma frutto versatile e funzionale di una secolare esperienza di elaborazione di cui il cantore cieco non che il vertice. La metrica classica ha poi codificato in dottrina quanto

la pratica aveva elaborato e nel corso dei secoli, perdendosi gradatamente la produzione orale della poesia, la distinzione tonale dell'accento e la distinzione quantitativa delle vocali e delle sillabe, cristallizz in leggi sempre pi rigide la disposizione delle parole e delle cesure. Il gran numero di versi tramandatici dall'antichit ha comunque permesso di seguire statisticamente tale processo. Classificazione dei versi in base alla cesura I versi possono suddividersi in tre gruppi sulla base del comportamento delle loro incisioni: Versi senza cesura Si tratta di quei versi brevi o semplici che non necessitano di incisioni rilevanti demandando la funzione di cesura al confine tra verso e verso. Versi a cesura fissa SI tratta di quei versi la cui incisione posta sempre nella stessa posizione ritmica, dividendo il verso in due emistichi la cui struttura fissa: il caso del pentametro dattilico, secondo elemento del distico elegiaco, formato da due hemiepes sempre separati da cesura: Odi et amo. Quare id faciam fortasse requiris (esametro dattilico=) ns-c-,/sd-f-/r || sn-t-o_t/x-cr-c/or (pentametro) Nella versificazione italiana hanno cesura fissa i versi doppi, o accoppiati. La produzione poetica in lingua italiana documenta doppi quinari, doppi senari, doppi settenari, doppi ottonari e doppi novenari. All'infuori del doppio settenario tali versi ebbero fortuna principalmente nel XIX secolo. Il settenario doppio era invece noto nel medioevo come Alessandrino, ed documentato dal Contrasto di Cielo d'Alcamo. Con la seconda met del XIII secolo smise per di essere usato in favore dell'endecasillabo. Ricompare nel Settecento come Martelliano (dal nome del poeta Pier Iacopo Martelli che lo adoper nelle sue tragedie riscuotendo un effimero successo in campo teatrale. Versi con cesura mobile 34. Chiasmo Nota disambigua - Se stai cercando il significato legato alla scultura, vedi Chiasmo (scultura). Il chiasmo (letteralmente dal greco "struttura a croce di chi greca") la figura retorica in cui si crea un incrocio immaginario tra due coppie di parole, in versi o in prosa. La disposizione contrapposta delle parole pu essere raffigurata mediante la lettera greca ("chi") dell'alfabeto greco, corrispondente a "ch" aspirata, da cui origina il termine "chiasmo". Un classico esempio il famoso incipit dell'Orlando furioso di Ludovico Ariosto Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori,... (Ludovico Ariosto. L'Orlando furioso) dove le donne sono legate agli amori e i cavalieri alle armi. Si scorge un chiasmo nei celebri versi dell'ode

manzoniana Il cinque maggio: la fuga e la vittoria, la reggia e il tristo esiglio; due volte nella polvere, due volte sull'altar. (Alessandro Manzoni. Il cinque maggio) in cui a "vittoria" e "reggia", momenti di gloria, si contrappongono "fuga" e "tristo esiglio", a delimitare gli estremi nella vita di Napoleone, in una sorta di X. Sempre nel Manzoni: ...sopire e troncare, padre molto reverendo, troncare e sopire... (Alessandro Manzoni. I promessi sposi) Il celeberrimo motto dei Moschettieri, dal romanzo di Alexandre Dumas padre, un altro esempio di chiasmo. Se lo scriviamo in questo modo UNO PER TUTTI TUTTI PER UNO (Alexandre Dumas. I tre moschettieri) si pu notare chiaramente la disposizione a X delle parole: basta infatti tracciare due linee, una che unisca le parole "tutti" e un'altra che unisca le parole "uno", per ottenere una X. 35. Circolo

professione di umilt, di attirarsi le simpatie dell'uditorio. Il nome deriva dal verbo greco chleuazo, che significa "diminuire", "sminuire". Un mirabile esempio di cleuasmo rappresentato dalle Lettere Provinciali di Pascal, opera nella quale l'autore francese interroga i sapienti con simulata umilt. Alcuni esempi: di Blaise Pascal: "Egli si mise a ridere, e mi disse freddamente: Ditemi voi in qual senso lo intendete, e poi vi dir quel che ne penso io. Poich le mie cognizioni non arrivavano a tanto, mi vidi nell'impossibilit di rispondergli" di lvaro de Campos: "Non sono niente. Non sar mai niente. Non posso desiderare che esser niente" di Molire: "Certo, signore, io non ho studiato come voi... ma..." di Giacomo Leopardi: "Uso alcuno, alcun frutto indvinar non so. Ma tu per certo, giovinetta immortal, conosci il tutto" di Denzel Washington dal film Philadelphia: "Potrebbe spiegarmelo come se avessi quattro anni?" "Probabilmente sono l'ultima persona a poter parlare in questa situazione..." "Non credo di avere l'autorit per parlare, ma..." "Io non ne capisco molto, ma..." "A mio modesto parere..."

Il circolo una figura retorica consistente nel terminare un periodo con la stessa parola con cui cominciato. circolo sinonimo di cerchio. circolo sinonimo di associazione, congrega.

36. Clavis aurea La pagina di discussione contiene dei suggerimenti per migliorare la voce: Clavis aurea L'espressione latina Clavis aurea una figura retorica, una metafora per indicare la migliore chiave di lettura nell'interpretazione di un testo. L'espressione viene usata, col significato precedentemente attribuito, nel titolo di un'opera del teologo istriano luterano Mattia Flacio Illirico: Clavis Scripturae Sacrae o Clavis aurea. L'opera viene scritta, nel 1567, per controbattere le tesi sull'esegesi biblica sostenute nel Concilio di Trento, ovvero i quattro modi di interpretazione del testo definiti dalla Scolastica: letterale, allegorico, morale e anagogico. Flacio Illirico sostiene un processo circolare di comprensione del testo biblico, nel quale le Scritture nel loro complesso giustificano e illuminano la comprensione di un singolo passo, e, contemporaneamente, la comprensione del testo biblico nel suo insieme viene resa possibile e rafforzata dalla comprensione delle singole parti. 37. Cleuasmo Il cleuasmo la figura retorica che consiste nell'atto dell'oratore di sminuirsi, cercando cos, con una

Bibliografia Introduzione alla retorica, Olivier Reboul - ed. Il Mulino, 1996 38. Climax La climax (dal greco klmax, scala), detta anche gradazione (gradatio in latino) una figura retorica che consiste nell'usare pi termini o locuzioni con intensit crescente. Se l'intensit decrescente si parla di anticlimax o climax discendente o gradazione discendente. Ne sono esempi: Vai, corri, fuggi. Noi siamo usciti fore del maggior corpo al ciel ch' pura luce: luce intellettual, piena d'amore, amor di vero ben, pien di letizia; letizia che trascende ogne dolzore (Dante) Voci correlate Figura retorica Anticlimax Accumulazione 39. Consonanza e dissonanza Nel linguaggio ordinario con il termine consonanza

(dal latino consonare, "suonare insieme") si indica in genere un insieme di suoni eseguiti simultaneamente e tali che l'effetto complessivo risulti morbido e gradevole, mentre con il termine dissonanza, all'opposto, si indica un agglomerato di suoni dall'effetto aspro e stridente. I due termini possono anche indicare non l'insieme dei suoni, ma il loro effetto stesso; si parla, ad esempio, anche di dissonanza prodotta da un certo accordo. Nel linguaggio tecnico della teoria musicale, e in particolare dell'armonia, le due parole hanno significati ben precisi, e anzi si pu dire che la contrapposizione tra consonanza e dissonanza, insieme al principio della tonalit, rappresenta la base della teoria armonica occidentale. Basi acustiche e fisiologiche Prima di esporre i principi dell'armonia tonale su consonanze e dissonanze consideriamo i principali risultati conseguiti nel tentativo di interpretare i fenomeni attraverso l'acustica e la fisiologia. Galileo, nei Discorsi e dimostrazioni intorno a due nuove scienze, propone una spiegazione molto semplice dei fenomeni di consonanza e dissonanza. Se consideriamo il segnale costituito dalla sovrapposizione dei due suoni del bicordo, in prima approssimazione la lunghezza del suo periodo sar tanto minore quanto pi il rapporto tra le frequenze fondamentali che costituiscono i due suoni sar semplice, ossia espresso da una frazione intera con numeratore e denominatore non troppo grandi. Ebbene, l'idea di Galileo che il grado di consonanza risulti inversamente proporzionale alla lunghezza del periodo del suono complessivo, e analogamente il grado di dissonanza risulti proporzionale a questo periodo. L'orecchio, secondo Galileo, apprezza finemente la maggiore o minore regolarit del suono risultante. Un'obiezione all'idea di Galileo sorge qualora il rapporto tra le frequenze di due suoni sia irrazionale, ma vicinissimo a una frazione molto semplice. Il suono risultante sar ovviamente non periodico, il che rappresenterebbe il massimo grado di dissonanza nell'ottica galileiana, ma sar anche assai prossimo, anzi volendo anche del tutto indistinguibile dall'orecchio, a un suono consonante. Questa obiezione importante, ma non sarebbe difficile complicare leggermente l'idea galileiana, conservandone il nocciolo, al fine di superarla. Vedremo inoltre che tale idea contiene, nella sua semplicit, anche aspetti molto positivi e profondi. Una trattazione sperimentale sistematica dei fenomeni che stiamo considerando dovuta a von Helmholtz. Egli cominci a considerare l'effetto di due suoni puri, cio di frequenze ben precise che non danno origine a ipertoni. L'esperimento base di Helmholtz consisteva nell'emettere due suoni puri simultaneamente, di altezza inizialmente uguale, e poi, tenendo fissa la frequenza di uno di essi, far variare l'altra all'interno di un piccolo intervallo simmetrico su scala logaritmica rispetto alla frequenza di partenza. Si poteva cos notare che i due suoni, per differenze di frequenza molto piccole, producono una consonanza, mentre man mano che la differenza cresce il suono risultante acquista un colore sempre pi aspro fino a un certo limite, per poi tornare ad essere gradualmente sempre

pi cpnsonante. L'ampiezza dell'intervallo tra la frequenza di partenza e la fine della zona dissonante era, nella zona di frequenze corrispondente alla parte centrale della tastiera di un pianoforte, leggermente pi piccola di una terza minore temperata. Helmholtz interpret questi dati immaginando che responsabili della dissonanza fossero i battimenti. Poich essi sono molto lenti quando le frequenze sono molto simili, inizialmente si ha una sensazione generale di consonanza. La massima dissonanza corrisponde alla zona in cui si producono circa 30 battimenti al secondo, mentre per differenze di frequenza ancora superiori i battimenti diventano cos rapidi da non essere percettibili, e il loro contributo alla sensazione di dissonanza diminuisce. Il seguente file sonoro illustra la diminuzione graduale dell'effetto di asprezza e della velocit dei battimenti al procedere dell'intervallo tra due suoni (relativamente puri) da una seconda maggiore all'unisono: L'idea di Helmholtz, in questa forma base, spiega abbastanza bene la fenomenologia relativa ai suoni puri non troppo distanti in frequenza, ma, anche nell'ambito dell'ottava, rimangono dei problemi con i suoni reali dotati di ipertoni. Infatti questi suoni (come ad esempio quelli di un pianoforte) risultano dissonanti, in particolare, anche per il tritono, e anzi tanto pi dissonanti quanto pi il sistema di amplificazione dello strumento usato mette in risalto gli armonici (ad esempio pi nel pianoforte che negli archi). Se , come fece Helmholtz, applichiamo l'idea base sopra descritta, oltre che al suono fondamentale, anche ai suoi armonici pi vicini (e quindi maggiormente percettibili), avremo una teoria che spiega abbastanza bene, in prima approssimazione, il fenomeno della dissonanza del tritono. Infatti il primo armonico della nota superiore del tritono e il secondo della fondamentale cadono proprio nella zona in cui i battimenti sono pi frequenti. Allo stesso modo si spiega la dissonanza di intervalli come sa settima maggiore e la nona minore. Nel prossimo file i due suoni divergono dall'unisono all'ottava; come si noter, intervalli prossimi all'ottava, vicini alla settima minore e maggiore, risultano assai poco dissonanti. Ci dovuto alla relativa purezza dei suoni (eventuali ipertoni possono essere generati dall'apparato di amplificazione usato): L'applicazione dell'idea fondamentale ai suoni armonici giustificata dal fatto che il meccanismo di percezione dei suoni, come ha dimostrato lo stesso Helmholtz, effettua un'analisi spettrale molto simile a quella di Fourier, che applicata alle onde sonore corrisponde proprio alla loro analisi armonica. I suoni che hanno i primi armonici simili e che quindi, secondo la teoria di Helmholtz, sono consonanti poich presentano in genere battimenti molto lenti (o molto deboli, perch provocati da armonici molto lontani dai suoni fondamentali), hanno rapporti di frequenze semplici, e quindi risultano anche consonanti secondo la teoria Galileo, che viene cos ad essere non contraddetta, ma inclusa in quella di Helmholtz. Per analisi pi raffinate del concetto di consonanza, relative anche al caso di pi di due suoni simultanei, si rimanda alla bibliografia.

La teoria armonica tonale In questa sezione verranno trattati gli aspetti pi elementari della teoria armonica tradizionale che si occupano di consonanza e dissonanza. Per maggiore semplicit la trattazione limitata all'armonia tonale che impiega il temperamento equabile, che anche quella studiata di regola nei corsi dei conservatori, e quella cui dedicata la maggior parte della trattatistica classica. Nell'ambito della nona, intervallo in cui con buona approssimazione contenuta la distanza tra voci adiacenti nella scrittura a parti late, gli intervalli consonanti sono l'unisono, l'ottava, la quarta e la quinta giuste, la terza e la sesta maggiori e minori. Sono invece dissonanti la seconda , la settima e la nona maggiori e minori, (si noter qui la coerenza con la teoria di Helmholtz) e tutti gli intervalli aumentati o diminuiti (che includono il tritono, che una quarta aumentata o una quinta diminuita). Un accordo dissonante se contiene un intervallo dissonante; altrimenti consonante. Osserviamo esplicitamente che alcuni intervalli, come ad esempio la sesta minore e la quinta aumentata , possono coincidere enarmonicamente, e tuttavia risultare l'uno consonante e l'altro dissonante. D'altra parte la funzione armonica di un suono della scala cromatica il pi delle volte deducibile dal contesto, e quindi di regola in un accordo che parte di una sequenza armonica non ci dovrebbero essere dubbi sull'identit di un suono enarmonicamente ambiguo. Esistono naturalmente eccezioni a questa constatazione, la pi notevole delle quali l'accordo di settima diminuita, che proprio per questo assai usato come mezzo modulante enarmonico. In generale le dissonanze devono essere preparate; questo vuol dire che uno dei due suoni che producono dissonanza (in generale quello superiore) deve venire sentito, con un valore ritmico almeno pari a quello della dissonanza stessa, nell'accordo che precede quello in cui la dissonanza si verifica, e deve in esso costituire consonanza. La dissonanza deve inoltre essere risolta; ci significa che il suono dissonante che era stato preparato deve procedere per grado congiunto, generalmente discendente, verso una consonanza. Preparazione, dissonanza e risoluzione in una Cadenza d'inganno. La dissonanza la settima minore tra le voci esterne. Questo principio base, che seguito abbastanza fedelmente dalla musica corale tardo-medioevale, rinascimentale e del primo Seicento, serve a smorzare l'effetto di asprezza provocato dalla dissonanza, facendo in modo che essa sia circondata da un ambiente accordale consonante e non troppo dissimile. La principale eccezione a questo principio costituita dalla settima minore, intervallo che, se sentito nell'ambito dell'accordo di settima di prima specie, non necessita di preparazione. Ci in buon accordo con la teoria di Helmholtz, in quanto la settima minore , tra le dissonanze, l'intervallo in cui la nota superiore costituisce l'armonico pi vicino di quella inferiore. Ci si potrebbe chiedere perch questo bisogno di attenuare l'effetto della dissonanza non si sia storicamente risolto nella sua semplice esclusione dalla pratica musicale. La risposta a questa domanda non

semplice, e qui ci si limiter a riportare una sintesi del pensiero di Schoenberg sull'argomento. Si tenga presente, innanzitutto, che per lungo tempo la polifonia vocale medioevale aveva scelto proprio l'eliminazione totale della dissonanza, e anzi, pi o meno fino all'avvento della Scuola di Notre Dame, aveva considerato consonanti solo unisoni, ottave, quarte e quinte. A un certo punto, per, l'esigenza di variet implicita in ogni forma d'arte e l'assuefazione progressiva a suoni armonicamente pi lontani costituirono una componente abbastanza rilevante da far muovere la composizione musicale verso la situazione di equilibrio illustrata dal principio base prima esposto. Tale assuefazione, secondo Schoenberg, fu dovuta in gran parte all'utilizzo sempre pi frequente di note di passaggio nelle voci superiori al cantus firmus, che rispetto all'armonia della nota fondamentale, per il fatto stesso di procedere in genere per grado congiunto, rappresentavano armonici abbastanza lontani. Nell'opera citata in bibliografia Schoenberg definisce questa compresenza di esigenze melodiche e armoniche in contrasto tra di loro una fortunata combinazione. Anche quando la pratica viva dell'arte musicale (soprattutto nella tradizione strumentale) ha pian piano superato la rigidit del principio base che stato enunciato, esso ha continuato a costituire un importante punto di riferimento sia per l'analisi armonica, sia perch rappresenta (anche grazie all'illustre tradizione corale cui si accennava) la formula di base che spesso opera a livello profondo, quasi inconsapevole, nella mente del compositore. La dissonanza nella musica del XX secolo L'armonia wagneriana, che fu di capitale importanza per la storia della musica, port la densit sonora media della trama accordale a un livello nettamente pi alto rispetto alle generazioni precedenti. Mentre l'armonia precedente era cio fondata sulla triade, l'armonia tardoromantica si fonda essenzialmente sulla quadriade. Ci contiene gi intrinsecamente una rivisitazione del concetto di dissonanza, in quanto non esiste una quadriade consonante formata da suoni temperati. Uno dei fenomeni collegati all'aumento di densit sonora (ma difficile su tali questioni trovare il giusto rapporto di causa-effetto) fu l'abbandono sempre pi regolare delle regole classiche di condotta delle parti; nella musica tardoromantica gli accordi, infatti, si trasformano in genere per scivolamento cromatico, basato in gran parte sul principio di sensibilizzazione dei suoni. L'assuefazione ad un universo accordale pi denso port una sempre maggir frequenza di accordi di cinque o pi suoni, che, ad esempio, nell'opera tarda di Aleksandr Skrjabin e nelle composizioni giovanili di Schoenberg costituiscono la norma. Il fenomeno di progressiva liberazione dalla necessit di trattare la dissonanza in modo speciale (attutendone gli effetti) viene chiamato dagli storici della musica emancipazione della dissonanza, ed ha costituito una tappa fondamentale sulla via che ha portato alla musica atonale in genere, e quindi a quella dodecafonica. Per quanto riguarda gli sviluppi successivi alla seconda generazione di compositori dodecafonici (e siamo ormai agli anni '60 del secolo scorso), l'abbandono

delle tecniche compositive tradizionali e l'utilizzo di principi come l'alea e la manipolazione elettronica del suono fanno perdere significato al concetto di condotta delle parti, e quindi, in questi contesti, il trattamento della dissonanza non pi, sostanzialmente, argomento della teoria armonica dal punto di vista tradizionale. Bibliografia Galileo Galilei, Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze (1638); Hermann von Helmholtz, On the sensations of tone (1877) (traduzione inglese di A.J. Ellis), New York, Dover, 1954; R. Plomp, W. J. Levelt, Tonal consonance and critical bandwidth, in Journal of Acoustical Society of America, vol. 38 (1965); Kameoka, M. Kuiyagawa, Consonance theory, first part: consonance of dyads, ibidem vol. 45 (1969); Andrea Frova, Fisica nella musica, Zanichelli, 2003; Arnold Schoenberg, Manuale di armonia, Milano, Il Saggiatore, 1997; Diether de la Motte, Manuale di armonia, La Nuova Italia, 1998. Voci correlate Armonia (musica) Temperamento (musica) Acustica 40. Correctio La correctio (termine latino che significa correzione) definisce in stilistica una variazione o un chiarimento di qualcosa che si gi detto prima. Da non confondere con l'epanortosi, che consiste nell'introdurre volontariamente una correzione per ottenere un determinato effetto retorico. Voci correlate Figura retorica Metanoia 41. Diafora La diafora (dal greco di, attraverso, e phr, porto), detta anche distinctio, una figura retorica che si presenta quando una parola all'interno dello stesso enunciato viene ripetuta assumendo un significato e un valore diverso nei due casi; a volte la parola replicata viene caricata enfaticamente. Esempi: Quell'arte che fa parer uomini gli uomini (Leopardi) Gli affari sono affari. 42. Dialfe

In metrica, la dialfe il conteggio della vocale finale duna parola e della vocale iniziale di quella successiva come appartenenti a due sillabe diverse. che la diritta viaera smarrita. (Dante, Inferno, I ,3) Essa di solito favorita da pause grammaticali o dall'inversione dell'ordine logico delle parole. Nella poesia due-trecentesca molto diffusa dopo la congiunzione "e", soprattutto dopo dopo parole che assorbendo il suono e muterebbero di significato.

d'infantie di femminee di viri (Inf. IV, 30) -Si noti come nel secondo caso il suono assorbito per sinalefe.

Analogamente diffusa la dialefe dopo i monosillabi a, e, o, che, n, se, ma... Inoltre, sempre in poeti quali Dante e Petrarca, probabile incontrare dialefe dopo gli aggettivi mio, tuo, suo e derivati. Voci correlate Il contrario della dialefe la sinalfe. Si vedano inoltre: sinresi e diresi. 43. Dialisi La dialisi (dal greco dialyein, separare) una figura retorica consistente nell'interrompere la continuit del periodo con un inciso.

44. Dillage
La dillage (dal greco diallag, accordo) una figura retorica che consiste nel far convergere molti argomenti diversi su una medesima conclusione. Si chiama diallage anche un tipo di accumulazione in cui almeno uno dei termini costituito da due o pi sinonimi. Esempio: Assenza di senso: distruzione del senso, perdita del senso, constatazione che in nessun momento vi stata traccia, indizio, sintomo di senso.(Giorgio Manganelli, Rumori e voci) Voci correlate Figura retorica Accumulazione 45. Dieresi Dieresi (dal greco , divisione) un termine tecnico tipico della fonosintassi, branca della linguistica comune alla metrica e alla fonologia. Metrica latina e greca Nella metrica classica per dieresi si intende anche una pausa, nella scansione dei versi pi lunghi, che cade tra

un piede e l'altro, Si ha al contrario la cesura quando invece essa cade all'interno del piede. Metrica italiana In metrica italiana, la diresi sidentifica come segno di divisione di un dittongo (ascendente o discendente), in modo che i foni che lo formano siano distribuiti su due sillabe differenti. Nel caso del dittongo ascendente, il primo fono (consonante approssimante o semiconsonante) diventa un vocoide. la somma sapenza e l primo amore. (Dante, Inferno, III, 6) La parola sapienza, secondo la comune sillabazione italiana, un trisillabo (sa-pien-za) /sa'pjn.a/; ma in questo verso computata come quadrisillabo (sa-pi-enza) /sa.pi'n.a/. Il fenomeno ricade nella categoria linguistica detta iato. Il caso di parole come saggio e figlio non si pu parlare correttamente di dieresi, perch la i in questo caso ha il valore di un segno diacritico, che specifica la pronuncia palatale del digramma. Nonostante le critiche di Francesco D'Ovidio, ci sono varie attestazioni di dieresi da i diacritica come, per esempio, in Carducci (cigla, figla). Nel caso di cielo, dove la pronuncia moderna non ha nessuna /i/o /j/ (/'.lo/ la dieresi sarebbe ancora pi inappropriata. Al contrario della dieresi, quando all'interno di parola due (o tre) vocali contigue (non costituenti dittongo ascendente o discendente) vengono contate come un'unica sillaba si ha la sinresi. Questo avviene in particolare con i nessi vocalici formati da due vocali "forti" come ae o ea, che di solito vengono considerati appartenenti a due sillabe distinte, anche se alcuni fonetisti come Luciano Canepari non sono d'accordo. D'Ovidio ha notato come nell'uso poetico, la scelta tra sineresi e dieresi non spesso arbitaria. La dieresi, in particolare comune con le forme latineggianti ed quindi segno di scansione sillabica ispirata alla poesia latina. Nonostante numerosissime eccezioni, dalle origini fino al Novecento, la dieresi generalmente evitata: con i nessi /j/ e /w/, provenienti da e latine; con /j/ che deriva da -l- latina, per esempio /'fju.me/ e/'kjaro/ bisillabi; con /j/ derivante da -ri- latino, per esempio /li.bra.jo/; con /j/ derivante da -i- latina, con raddoppiamento; con /w/ derivante da -u- latina /'pjak.kwi/, generalmente con raddoppiamento; con /w/ derivante da w- germanica /'gwar.da.re/. Viceversa nei latinismi, grecismi e arabismi si ha spessisimo la dieresi. Dieresi e sineresi, quando riguardano i confini di parole contigue si chiamano rispettivamente dialfe e sinalfe. Altri usi Dieresi anche un segno diacritico costituito da due puntini () messi sopra un grafema. Si usa non solo per indicare la dieresi metrica ma anche per altri motivi,

come per esempio la metafonesi del tedesco (Umlaut). Talvolta Umlaut considerato scorrettamente sinonimo di dieresi, in particolare per il diacritico: si noti il codice HTML &euml. 46. Dilogia La dilogia o diloghia (dal greco ds, doppio, e lgos, parola, discorso) una figura retorica che consiste nel ripetere una o pi parole in modo da ottenere maggiore efficacia espressiva. 47. Disfemismo Il disfemismo una figura retorica opposta all'eufemismo, molto comune nell'italiano parlato, per cui una parola normale, spesso gradevole o addirittura affettuosa, viene sostituita da un'altra di per s sgradevole o offensiva, che per acquista nel contesto un valore neutro o positivo. Esempi: ragazze ... tutte in coppietta col lor vigliacco (Pavese) Wojtylaccio! (Benigni) Voci correlate Eufemismo Figura retorica 48. Dittologia La dittologia (dal greco ditts, doppio, e lgos, discorso), consiste nell'usare una coppia di parole dal significato simile collegate da una congiunzione (di norma e), per ottenere un particolare effetto ritmico oltre che semantico. Esempio: forte e robusto. 49. Domanda retorica L'interrogazione retorica o domanda retorica una figura retorica che consiste nel fare una domanda che non rappresenta una vera richiesta di informazione, ma implica invece una risposta predeterminata, e in particolare induce a eliminare tutte le affermazioni che contrasterebbero con l'affermazione implicita nella domanda stessa. tipica della retorica classica, ereditata dal linguaggio giuridico nella conduzione di interrogatori e processi. Esempi: Chi Dio tranne il Signore? (Antico Testamento, Salmi, 18, 32) E tu degnasti assumere questa creata argilla? (Manzoni, Inni sacri, Il Natale, 50-51) Voci correlate Figura retorica

Prolessi

51. Ellissi L'ellissi (dal greco ellep, ometto) una figura retorica che consiste nell'omissione, all'interno di una frase, di uno o pi termini che sia possibile sottintendere. frequente nei proverbi e nelle sentenze (A nemico che fugge, ponti d'oro). Esempio: Sed id alias, nunc quod instat = Ma di ci [tratteremo] altra volta, ora [tratteremo] di quel che preme. Simile all'ellissi la frase nominale, molto ricorrente nel linguaggio giornalistico, che consiste nella soppressione del sintagma verbale e nella trasmissione del suo contenuto e di parte delle sue funzioni ad un sintagma nominale che resta presente nella frase. L'ellissi viene anche usata in matematica, sotto forma di tre puntini "" Voci correlate Figura retorica Metatassi 52. Enallge L'enllage (dal greco enallag, inversione) una figura retorica grammaticale che si basa sullo scambio di una parte del discorso con un'altra. Sono esempi di enallage la sostituzione del passato remoto con il presente narrativo o di un avverbio con un aggettivo. Esempio: E cominciommi a dir soave e piana (Dante, Divina Commedia, I, II, 56) Quando l'enallage consiste nello spostamento di un aggettivo dalla sua posizione grammaticale corretta si identifica con l'ipallage. Voci correlate Figura retorica Ipallage 53. Endiadi L'endiadi (letteralmente dal greco "una parola in due") una figura retorica e consiste nell'utilizzo di due o pi parole per esprimere un unico concetto. Ad esempio, dai versi di Giacomo Leopardi, A s stesso: [...] Amaro e noiaLa vita, altro mai nulla; Un altro noto esempio Far fuoco e fiamme. Sullo stesso meccanismo si basa anche l'endiatri. 54. Endiatri L' endiatri una figura retorica di struttura similare all'endiadi. Derivante dal greco caratterizzata dall'uso di tre lemmi per indicare una stessa cosa. Ad esempio: "il caminetto sputando fuoco, fiamme e vampate alte fin sulle..." Voci correlate Endiadi

50. Elisione L'elisione la caduta di una vocale finale non accentata davanti a una parola che inizia per vocale. Viene indicata graficamente per mezzo dell'apostrofo. Non va confusa col troncamento. In metrica, il conteggio come una sola sillaba della vocale finale d'una parola e della vocale iniziale di quella successiva; anche detta sinalefe. L'elisione grafica e fonica In teoria, molte elisioni sono possibili, ogni volta che due vocali sincontrano ai confini di parole, soprattutto se tali vocali sono uguali, e purch la prima parola abbia poco valore dal punto di vista semantico. Nella pratica odierna, le elisioni tendono a diventare meno frequenti, il che non proprio coerente con l'uso sempre pi frequente che si fa, invece, della cosiddetta d eufonica. Sembra che sia difficile fare a meno di certe elisioni (l'amico e l'amica molto meglio di lo amico e la amica). Altre sembrano ovvie a certi ma la loro assenza non disturba minimamente gli altri (una idea / un'idea). Certe accumulazioni d'elisioni risultano (graficamente!) sgradevoli a certi: d'un'altra casa. Ecco le principali parole che si possono elidere: Lo, la (articoli o pronomi); una e composti; questo, questa; quello, quella: L'albero, l'upupa, l'ho vista; un'antica via, nessun'altra; questorso, questalunna (le forme plurali [li, le, questi], invece, non selidono mai). Di e altri morfemi grammaticali in -i, mi, ti, si, vi: d'andare, d'Italia; mha parlato, mascolti?; talzi presto?; savvi, sudirono; villudono. La preposizione da di norma non selide, tranne in rari sintagmi fissi: d'altronde, d'ora in poi Per ci e gli (anche articolo), ci devessere continuit con la grafia normale dei suoni // e //, rispettivamente: ci, ce, cia, cio, ciu; gli, glie, glia, glio, gliu. Vale a dire che ci selide solo davanti a e- o i-, mentre gli selide unicamente davanti ad altra i-. Cos, cindic la strada, c, cera(no), ceravamo (ma ci and, ci obbligarono , pur sempre /an'd, obbli'garono/, meglio di /ian-, iob-/); gl'Italiani, gl'impedirono (ma gli alberi, gli ultimi, pur sempre /'al-, 'ul-/, meglio di /i'al-, i'ul-/). Anche la particella ne e pure la preposizione su, ma solo davanti ad altra u-: se n'and; suna panca, sun tavolo. Santo, come, senza tra molte altre elisioni possibili: SantAngelo, com, senzaltro. L'elisione in metrica Si veda l'articolo sul troncamento (o apocope).

55. Enfasi L'enfasi (dal greco mphasis, da emphin, esibisco, mostro) una figura retorica che consiste nell'evidenziare e accentuare un termine o una frase, in modo da renderne il significato pregnante e intenso. Nell'affermazione Lui s che un uomo l'enfasi carica il termine uomo di alcuni tra i suoi attributi specifici. Un esempio in Torquato Tasso: Vissi e regnai; non vivo or pi non regno, per rendere pi intensi i concetti di vivere e regnare (Gerusalemme liberata).

56. Enjambement
L'enjambement consiste nell'alterazione tra l'unit del verso e l'unit sintattica ed quindi una frattura a fine verso della sintassi o di un sintagma o anche di una parola causata dall'a a capo come da questo esempio: sol con un legno e con quella compagna picciola da la qual non fui diserto. ( Dante - Inferno, canto XXVI) L'enjambement anche la figura retorica che si ha quando la frase non termina col verso, ma si protrae in quello successivo. Ad esempio nei versi del Manzoni, "Cinque Maggio": Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque;quando, con vece assidua, cadde, risorse e giacque,di mille voci al snito mista la sua non ha: [...] ( Alessandro Manzoni Cinque Maggio) vi sono due enjambements: tra il primo e secondo verso, e tra il penultimo e l'ultimo. Il termine enjambement francese e venne usato da Boileau nel Seicento per condannarne l'uso, mentre in Italia, dove era normalmente utilizzato, non si sentiva la necessit di dargli una precisa definizione. Nel Cinquecento il Tasso, nel suo Discorso dell'Arte poetica, parlava di rompimento o inarcatura, ma malgrado si sia insistito anche nei secoli seguenti su questo termine, si affermato definitivamente quello di enjambement. L'enjambement inizia a comparire gi nel '500 (ne ritenuto inventore Angelo di Costanzo) per poi presentarsi sempre pi spesso nel '800 e nel '900. A fare gran uso dell'enjambement sono gli autori del primo Cinquecento e in seguito anche il Leopardi, il Carducci della metrica barbara e soprattutto il Pascoli. Da ultimo, le terzine di Pasolini sono piene di enjambement cui corrisponde quasi sempre una pausa forte dentro il verso: /tra questi muri il suolo in cui trasuda//altro suolo; questo umido che//ricorda altro umido; e risuonano. Pier Paolo Pasolini Le ceneri di Gramsci 57. Entinema L'Entimema (dal gr. ) nella Retorica di Aristotele un'argomentazione in forma di sillogismo nella quale una delle premesse non certa ma solo probabile. Comunemente, si fa riferimento ad un entimema anche quando si ha un sillogismo incompleto od ellittico, nel quale una o pi premesse sono

volutamente sottintese. L'entimema pu essere dimostrativo o confutativo. Sono entimemi dimostrativi quelli che traggono conclusioni da "premesse sulle quasi esiste accordo". [Aristotele, Retorica II.23]Sono entimemi confutativi quelli che traggono conclusioni "non accolte dall'avversario". [Aristotele, Retorica II.23] Esiste un'ulteriore categoria che quella degli entimemi apparenti o erismi. La Logica di Port-Royal definisce l'enthymme come un sillogismo "perfetto nello spirito ma imperfetto nell'espressione" Esempi: " italiano, dunque ha buon gusto" Voci correlate Figura retorica Logica Aristotele Retorica Semantica 58. Enumerazione L'enumerazione (dal latino enumerato -nis, derivato da enumerre, enumerare, contare) una sequenza di parole o di sintagmi congiunti per coordinazione, sia mediante l'asindeto, sia mediante il polisindeto. Pur ricontrandosi frequentemente in varie forme, quali l'elencazione, l'accumulazione, la ricapitolazione, la descrizione, l'estensione, ha valore retorico soltanto quando produce o aumenta l'efficacia argomentativa, narrativa o espositiva. Una forma di enumerazione l'accumulazione, che consiste nell'accostamento di elementi in una successione ordinata o disordinata (accumulazione caotica), in mancanza di congiunzioni coordinative. La distribuzione invece un'enumerazione a membri distanziati e separati da complementi, apposizioni, attributi.Rispetto alla sua posizione nel testo l'enumerazione pu essere anticipatoria o ricapitolativa (quest'ultimo teipo era il pi frequente nella retorica classica). In poesia da evidenziare l'enumerazione o accumulo nominale, con similitudini, iterazioni, anafore, eccetera. D'Annunzio si serve spesso di questa figura; per esempio, in Maia: O Vita, o Vita, dono terribile del Dio, come una spada fedele, come una ruggente luce, come la Gorgona, come la centaurea veste (Laus Vitae) Anche l'elencazione ellittica un tipo particolare di enumerazione, frequente fra gli altri in Montale, che concentrando l'attenzione sugli oggetti li carica di valenze simboliche. Per esempio: La bufera che sgronda sulle foglie... il lampo che candisce alberi e muri... e poi lo schianto rude, i sistri, il fremere dei tamburelli sulla fossa buia (La Bufera)

Voci correlate Figura retorica Accumulazione

62. Epanortosi L'epanortosi (dal greco epanrthsis, correzione) una figura retorica che consiste nel modificare o anche nel capovolgere un'affermazione precedente (e risponde a calcolati effetti retorici, a differenza della correzione di un lapsus involontario, detta correctio). Esempio: Ma lei, a questa notizia, o dovrei dire sesamo e strenna, (...) oppose un acquiescente, inerte profilo. (Bufalino, Diceria dell'untore) Voci correlate Figura retorica Correctio Metnoia

59. Epanadiplosi
L'epanadiplosi (dal greco epanadplsis, raddoppiamento), detta anche ciclo o inquadramento, una figura retorica che consiste nella ricorrenza di una o pi parole all'inizio e alla fine di una frase o di un verso. Esempio: dov'ero? le campane mi dissero dov'ero. (Giovanni Pascoli, Patria, 18-19) Lo schema base pu risultare leggermente alterato, con la prima occorrenza non esattamente all'inizio del verso (Dolci a voi l'esche [...] / serbi la terra a voi, Marino) o la seconda non alla fine dell'enunciato (le infinite connotazioni d'un infinito catalogo, Gadda). Voci correlate Figura retorica Anadiplosi Anafora Epanalessi Epifora Simploche

63. Epentesi L'epntesi un fenomeno di fonetica storica che consiste nellaggiunta di una vocale o di una sillaba allinterno di una parola. asma ansima biasma biasima medesmo medesimo Voci correlate Il contrario dellepentesi la sncope. Si vedano inoltre prstesi ed eptesi, nonch i rispettivi contrari: afresi e apcope. 64. Epifonema L'epifonema (dal greco epiphonen, esclamare) un altro nome (oggi meno usato) con cui si indica l'aforisma.Talvolta si chiama epifonema anche una figura stilistica che consiste nel chiudere con una massima - ossia con un aforisma - un discorso pi ampio. Esempio: Oh ciechi, e 'l tanto affaticar che giova? Tutti tornate alla gran madre antica, e 'l vostro nome a pena si ritrova (Petrarca, Trionfi, Trionfo della morte, I, 88-90) Voci correlate Figura retorica aforisma 65. Epifora L'epifora (dal greco epiphr, porto in aggiunta), detta anche epistrofe (dal greco epistroph, rivolgimento, conversione), una figura retorica speculare all'anafora che consiste nel ripetere una parola o pi parole alla fine di enunciati.

60. Epanalessi
L'epanalessi (dal greco epanlpsis, ulteriore ripresa) o geminatio una figura retorica che consiste nel ripetere all'inizio, al centro o alla fine di una frase una parola o un'espressione per rafforzarne l'idea. Esempi: Perch, perch restai? (Dante, Divina Commedia, I, II, 1221) Ben son, ben son Beatrice (Dante, Divina Commedia, II, XXX, 73) Voci correlate Figura retorica Anadiplosi Anafora Epanadiplosi Epifora Simploche

61. Epanodo
L'epanodo (dal greco epnodos, "regressione", composto da ep, verso, an indietro, e hods, strada) una figura retorica consistente nel riprendere con aggiunta di particolari una o pi parole enunciate precedentemente.

Esempio: La tua parrucchina, comare Coletta, ti perde il capecchio! E il bel mazzolino, comare Coletta, di fiori assai freschi! (Aldo Palazzeschi, Comare Coletta, 16-19) Anafora ed epifora sono figure caratteristiche della deprecazione, della preghiera e dell'invocazione, in cui il carattere dell'insistenza e dell'iterazione rafforza la domanda. Voci correlate Figura retorica Anadiplosi Anafora Epanadiplosi Epanalessi Simploche 66. Epitesi Leptesi (anche detta paragge) un fenomeno di fonetica storica che consiste nellaggiunta duna vocale o duna sillaba alla fine duna parola. amant (lat.) (*aman) amano David David(d)e In italiano antico era anche frequente dopo vocale: am amoe fu fue Voci correlate Il contrario dellepitesi lapcope. Si vedano inoltre prstesi ed epntesi, nonch i rispettivi contrari: afresi e sncope. 67. Epiteto L'epiteto una figura retorica e consiste nell'accostamento, generalmente al nome, di un elemento che caratterizza un personaggio ma che completamente scollegato dal contesto in cui viene menzionato. Il termine "epiteto" viene dal greco antico , epithtemi, che significa "pongo sopra", nel senso che l'epiteto aggiunto al nome proprio. Gli epiteti sono molto frequenti all'interno della tradizione omerica. Un esempio di epiteto "Achille pi veloce". 68. Esclamazione L'esclamazione (dal latino exclamatio-nis, derivato da exclamre, chiamare distintamente), in stilistica, una figura retorica che consiste nel sottolineare un particolare stato emotivo attraverso l'intonazione data a una parola o a una frase, che viene cos enfatizzata. Alcune parole, come Ahi!, sono tipicamente esclamative. L'esclamazione richiede generalmente il punto esclamativo come proprio segno diacritico.

Esempio: oh felice colui cu' ivi elegge! (Dante, Divina Commedia, I, I, 129) 69. Esercizi di stile... alla ricerca dellimmagine "Territori al sicuro non ne esistono; l'operastessa e dev'essere terreno di lotta". Italo Calvino A differenza di quello che comunemente si pensa, tra il lavoro dello scrittore e quello dell'artista ci sono forti analogie. Sono ovviamente diversi i materiali utilizzati, ma gli atteggiamenti, i gesti, le forme di vita sono molto simili. Lattivit letteraria e quella artistica sono legate ad una tecnica che genera il testo; entrambe seguono sistemi di regole espressive e, soprattutto, sono forme creative di conoscenza. Perci, nell'unit dell'opera d'arte si ritrovano l'abilit di operare manualmente, ma anche gli accenti concettuali, il rigore e la chiarezza formale insieme alla perdita del controllo e alla pi totale libert, la retorica e la stilistica accanto alla poetica. Nella retorica aristotelica sono indicate le qualit del buon retore: pertinenza del contenuto, chiarezza della forma e sapiente uso dei tropi e della metafora. Cos ho pensato di prendere spunto dalla retorica di Aristotele, intesa come capacit di trovare l'espressione pi persuasiva, per sottolineare nel lavoro degli artisti qui presentati, una vera e propria coscienza del linguaggio, che si fonda anche sulla memoria dei processi simbolici e delle figure retoriche. Mattia Della Casa: l'ossimoro (L'ossimoro una figura retorica che consiste nell'accostare due parole di senso opposto e che sembrano escludersi l'un l'altra). Generalmente si crede che l'arte cosiddetta figurativa sia pi facile da capire che non l'arte astratta o aniconica: il fatto di riconoscere in una tela brani di realt o soggetti riconoscibili pu apparire consolatorio, non imbarazzante. Per non parlare del fatto tecnico: quando c' abilit e mestiere, quando vediamo con i nostri occhi la bravura, la mano del pittore, allora possiamo dire di essere di fronte ad un vero artista. Mattia della Casa fa arte iconica, realistica, padrone di una buona tecnica, ma non assolutamente un artista "semplice". Anzi, l'apparente facilit di lettura dei suoi lavori nasconde un tormento, qualcosa di estremamente complesso e straniante. Nelle sue opere troviamo "brandelli" di realt, accostamenti allucinati fra gli oggetti, segnali di un rapporto conflittuale tra il mondo reale e quello immaginario, tra l'esterno e la prospettiva fantastica e maniacale dell'autore. Perch l'artista non vuole risolvere nell'opera lo sdoppiamento tra il piano oggettivo e quello soggettivo: anzi, dislocando semanticamente gli oggetti, costruisce un'immagine nuova, imprevedibile, "altra" rispetto la comune percezione. Sotto un'apparente semplicit - addirittura stupidit, secondo il senso etimologico di oxymoros - nascosta un'acutezza di tipo concettuale, sotto il tradizionalismo della tecnica si cela una nuova poetica dello straniamento. Come un abile romanziere, Mattia Della

Casa accorcia la distanza che divide la finzione dalla realt, e ci convince che il mondo come lo racconta: il risultato finale che l'immaginato diventa verit e l'illusione la pi consistente e solida descrizione del reale. Per questa attrazione dell'artista ad esplorare le zone "oscure" della realt, viene in mente proprio il "Don Chisciotte " di Cervantes, il primo romanzo moderno, in cui l'indimenticabile coppia dei due protagonisti, percorre un reale viaggio nella follia, nella fantasia, nel sogno. Flavio Favelli: la glossa Parlare di glossa a proposito del lavoro di Favelli non del tutto appropriato, perch ci conduce lontano nel tempo, agli amanuensi, ai lettori dei codici che dovevano spiegare le espressioni oscure di un testo. Egli in realt non interpreta termini dotti o desueti, ma inventa una vera e propria scrittura per una lingua, una glossa appunto, che solo lui conosce, incisa non pi nella carta ma nel vetro, nello specchio, nell'ardesia, nella ceramica. Non certamente una novit trovare in un'opera d'arte frammenti di scrittura, intere parole, testi e note: gi gli artisti concettuali, teorizzando la smaterializzazione dell'arte, avevano equiparato l'opera d'arte a una proposizione linguistica, che trovava in se stessa il criterio del proprio valore. Ma a Flavio Favelli non interessa indagare sulla natura del linguaggio dell'arte e, soprattutto, non condivide il fatto che l'opera sia solo l'idea e non il supporto. La matrice concettuale del suo lavoro, che si manifesta per citazioni, prelievi, riferimenti letterari e per l'utilizzo di materiali freddi, si "riscalda" e sulla superficie monocroma appaiono segni, disegni filiformi, andamenti lineari e geometrici che tradiscono una acuta sensibilit. Questa scrittura fragile, ma resiste, si annida tra le cose di casa, scalfisce la pietra, il vetro, va a riempire gli spazi vuoti. Ma registra anche i battiti cardiaci, dato che una "cardioscrittura": l'emozione stessa ci che l'artista vuole trascrivere, il ritmo della vita emotiva, la sua intensificazione e diminuzione. Non si tratta di registrare stati d'animo - Favelli non mai sentimentale - ma il movimento della vita, l'esperienza che la vita fa di s, lasciando intorno tracce di ogni genere. Sono ricordi del passato, visioni, fotografie, architetture, percorsi, attese: un movimento che non ha inizio n fine, un viaggio esposto al rischio dell'interruzione, eternamente sospeso tra la vita e la morte. Come il Cacciatore Gracco, il protagonista del racconto di Kafka, costretto a vagare senza posa, disteso sul fondo della sua barca-culla-bara (posizione utilizzata dall'artista in alcune sue installazioni e performance). Per "leggere" questa lingua, allora, non si deve certo procedere con analisi mentali, ma ci si deve fare trasportare dai sensi poich la scrittura raffinata di Favelli scorre sopra l'esperienza. Giovanni Manfredini: il chiasmo (dalla lettera x, a forma di croce) Gi Tommaso Trini in un testo del 1996, a proposito del procedimento artistico di Giovanni Manfredini, aveva parlato del chiasmo come punto di scambio tra il mondo reale e quello virtuale. In effetti, il lavoro dell'artista, allora, presentava visivamente il chiasmo nella disposizione incrociata e speculare di punte

metalliche che fuoriuscivano dal supporto e, incontrando la luce, proiettavano dietro la parola vivi. Si incontravano sulla superficie, non ancora annerita dal fuoco, l'oggetto appuntito e la sua ombra, la fisicit del chiodo arrugginito e l'immaterialit della sua proiezione. Lo stesso movimento chiasmatico lo ritroviamo negli ultimi lavori, l dove il corpo dell'artista entra in contatto con la superficie opaca del supporto: un vero e proprio scambio tra il corpo vivente, che sottrae particelle di nerofumo, e la figura di luce, che si apre dentro la pittura fuligginosa. L'immagine vive di questo rapporto incrociato, tra l'energia del corpo nudo dell'artista e quella del corpo della pittura, tra la "pagina bianca" (il supporto fatto di perdite e colla vinilica) e l'oscurit (il fumo che la copre successivamente di nero). Tra la luce e l'ombra sta dunque l'immagine, che si allontana dalla figura umana che l'ha generata per diventare una grande natura morta "vivente". Il chiasmo, questo rapporto incrociato tra lo spazio inerte del supporto e il corpo vivo dell'artista, tra il buio pi profondo e drammatico e il bagliore della luce, avvenuto per contatto. E' in questo contatto fisico il punto di tensione, nel preciso momento in cui il corpo dell'artista si stacca dall'opera e lascia la propria impronta, producendo un'immagine carica di energia e di luce. Prendere parte alla luce, entrare in essa significa essere nel mondo. E' coraggioso riconoscere all'uomo qualcosa di pi della sua semplice immagine. Manfredini ri-produce ogni volta il mistero dell'essere, e qualcosa che non propriamente esistenza, ma semmai essenza, rimane catturato nella "trappola" dell'opera. Ha detto una volta Bacon: "Per me si tratta veramente di costruire la trappola che catturi la realt nel suo punto pi vitale . E Giovanni Manfredini ha 'imprigionato' l'uomo per testimoniare la sua permanenza e per opporsi alla sua sparizione dall'orizzonte dell'arte". Ketty Tagliatti: la metonmia (Figura di trasferimento semantico fondata suIla relazione di continuit logica e materiale fra il termine letterale e il termine traslato) Non tutti gli oggetti sono uguali, soprattutto quelli di casa: gli arredamenti, i mobili, le cose che si trovano nelle stanze, possiedono un senso di intimit, di segretezza che ribalta la loro condizione di semplici "cose" funzionali. La poltrona di Ketty Tagliatti in realt sfondata, vecchia, non si pu certamente usare per sedercisi sopra. Si potrebbe buttare via, se ci si limitasse esclusivamente all'uso che se ne pu fare. Portata per nel territorio dell'arte, acquista una diversa dimensione, slitta fuori dal tempo e dallo spazio, per diventare icona dell'assenza, di ci che non c'. Sembrerebbe un paradosso, una poltrona, copiata dal vero, che dovrebbe riflettere un'idea di tempo e di spazio reali, in verit esprime l'idea di atopia, di spazio destabilizzato. La poltrona fluttua nell'aria, non ha punti di appoggio, ed fatta della stessa materia dello spazio intorno: solamente una sottilissima e quasi impercettibile cucitura separa il suo essere dall'esterno, la sua immobilit dal trascorrere del tempo. E' in questo bordo cucito, in questo confine segnato dal filo, che sta il segreto della poltrona di

Ketty Tagliatti. Qui spazio mentale e spazio fisico possono convivere ed interagire. Ma non una convivenza facile, e proprio nella concezione dello spazio si manifesta la tensione tra oggettivit e interiorit. Per questo l'artista sente l'esigenza di intervenire sulla bidimensionalit della tela e, creando delle estroflessioni, d alla poltrona un peso, una fisicit, un ingombro spaziale vero. E' una lotta incessante. Per sfuggire all'affettivit, alla relazione emotiva con il mondo, Ketty Tagliatti cerca di creare una realt oggettiva, dando alla sua poltrona la possibilit di riconquistare un centro come collocazione spaziale. Ma la soggettivit galleggia ai bordi, e nelle cuciture di una vecchia sedia tracciato un percorso esistenziale, la ricerca di un proprio modo di essere e di sentire. Kandinskij parlava di "essere vissuto interiormente", di un interno che non la replica, volta verso il dentro, del mondo esteriore, perch in realt esso l'invisibile, ci che non si lascia vedere. Perci la poltrona metafora di uno stare "in attesa" dello sguardo, che scivolando lungo i bordi e le cuciture, possa penetrare all'interno. Sandra Tomboloni: iperbole (figura che consiste nellusare parole esagerate per esprimere un concettooltre i limiti della verosomiglianza). Sandra Tomboloni, per fare le sue opere, non utilizza pennelli e colori a tubetto, ma mani e pongo. Gi questo sposta il significato del suo lavoro verso l'iperbole, l'esagerazione, il significato enfatico, che sottolineano vistosamente un particolare stato d'animo. Verso l'infanzia, innanzitutto. I bambini pi piccoli non amano usare il pennello perch uno strumento estraneo, una protesi del corpo, ma preferiscono dipingere con le mani. Cos controllano meglio il movimento del braccio e creano una continuit tra il loro corpo e il segno dipinto. Questo loro fare un percorso di conoscenza di se stessi e del mondo circostante. Se poi gli viene messo di fronte del pongo, impazziscono di gioia: gi colorato, non si deve diluire n mischiare, bell'e fatto per inventarsi forme variopinte, dai colori accesi e brillanti. Nello stesso modo agisce Sandra Tomboloni: plasmando con le sue mani pitture e sculture ricoperte interamente di pongo, esclude dal suo universo le sfumature, i mezzi toni, le ombre, l'illusione prospettica. Il pongo le serve come una seconda pelle che applica agli oggetti per restituire al mondo una sorta di verginit. E per inventarsi delle "fiabe". La fiaba propone l'assoluto scardinamento delle dimensioni del tempo e dello spazio, e consente variazioni, metamorfosi e scambi che nella realt non ci possono essere, facendo muovere liberamente l'immaginazione. Ed questo aspetto della fiaba che interessa all'artista: esprimere l'immaginario infantile, per presentarsi davanti al mondo senza "sensi di colpa", e per potere inventare una nuova mitologia. Con questo meccanismo a ritroso, Sandra Tomboloni costruisce un universo immaginario e simbolico, placando ogni esplosione irrazionale ed emotiva grazie al lungo lavoro delle mani che plasmano il pongo. Un vero e proprio rituale, che esprime la voglia di reinventare il proprio essere, di giocare da adulti, di

cercare se stessi negli incantesimi. Perch, "quando un bambino gioca da solo e lo senti parlare e ridere, egli in contatto con quegli spiriti che noi adulti non riusciamo pi a vedere, oppure con gli angeli " (Gian Ruggero Manzoni, dal catalogo della mostra "I giochi e le fiabe "). 70. Eufemismo Noi facciamo quello che dobbiamo, ma gli diamo dei nomi altisonanti. (Ralph Waldo Emerson) L'eufemismo una figura retorica che consiste nell'uso di una parola o di una perifrasi al fine di attenuare il carico espressivo di ci che si intende dire, perch ritenuto o troppo banale, o troppo offensivo, osceno o troppo crudo. Ad esempio: "questo piatto lascia a desiderare" per non dire che ripugnante "Tizio non particolarmente intelligente" per non dire che stupido (anche se in questo caso si parla pi propriamente di litote) "mordere la polvere" per non dire essere in una posizione secondaria "il caro nonno non pi tra noi" per attenuare una proposizione di senso troppo crudo del tipo "il nonno morto" Il termine deriva dal verbo greco euphemo, risuonare bene.

71. Fallacia - Ad autoritatem


L'argomento ad auctoritatem (dell'autorit in latino) una fallacia di consistenza, per la quale si afferma che un argomento sia valido perch sostenuto da una qualsiasi autorit (intellettuale, politica, giudiziaria ecc). Esempi: "Bisogna cacciare gli artisti dallo Stato perch Platone diceva cos (nella Repubblica)." "Il giudice ha sentenziato la colpevolezza di Tizio, dunque Tizio colpevole." un tipo di argomento accettabile solo se entrambe le parti condividono l'autorit della persona chiamata in causa; nel secondo caso ad esempio Tizio potrebbe essere innocente e il giudice della sua causa potrebbe aver sbagliato. Un argomento derivante da ad auctoritatem ad judicium.

72. Fallacia - Ad judicium


L'argomento ad judicium (o del giudizio) un tipo di fallacia di consistenza nella quale si afferma che una tesi sia corretta perch sostenuta da un gran numero di persone. Esempio: "La maggior parte delle persone sostiene quel partito, dunque quel partito ha ragione." Lo si pu considerare una variante dell'argomento ad autoritatem dove l'autorit quella del popolo. stato

anche scherzosamente ridenominato ad hitlerum. Fallacia - Affermazione del conseguente L'affermazione del conseguente una fallacia argomentativa di tipo formale, in cui dall'affermazione di un effetto si evince l'esistenza di una causa. Esempio: "Se piove, allora la strada bagnata. La strada bagnata. Dunque piove." Lo schema logico di questo argomento il seguente: AB B |= A Il passaggio non garantito dalle leggi logiche dell'implicazione: difatti, la strada potrebbe essere bagnata perch qualcuno ci ha gettato una secchiata d'acqua. Voci correlate Negazione dell'antecedente Modus ponens Modus tollens

differenti che per diverse controversie etimologiche sono venuti a coincidere nella loro forma grafica/fonetica. Ambiguit strutturale o sintattica Si ha ambiguit strutturale quando una frase pu avere interpretazioni sintattiche, da cui derivano significati diversi. Ad esempio: Chiara ha visto Luca in giardino con il cannocchiale chi aveva il cannocchiale? Luca o Chiara? Una vecchia legge la regola chi il soggetto? qual il verbo? si tratta di un'anziana signora che legge una norma oppure di una 'situazione', qui sottintesa, regolamentata da un'antica legge? i vari elementi della frase possono assumere diverse funzioni sintattiche alle quali corrispondono vari significati della stessa frase. Ambiguit pragmatica Per ambiguit strutturale si intende quando l'intenzione comunicativa viene recepita dal destinatario secondo una funzione dominante diversa. Siamo in presenza di un fraintendimento relativo alla struttura dominante di un messaggio. Ad esempio la frase " Se Totti non gioca, l'Italia perder il mondiale" pu essere vista sia come emotiva, ovvero la presenza del giocatore fondamentale psicologicamente per i tifosi, sia come referenziale: l'assenza del giocatore rende la nazionale tecnicamente pi debole. Voci correlate Disambiguazione

73. Fallacia - Ambiguit


L'ambiguit, intesa come pluralit di sensi, un fenomeno intrinseco al fatto linguistico, alla testualit e alla comunicazione. La Langue, il patrimonio linguistico di ciascun parlante, diverso da individuo a individuo quindi ogni testo potenzialmente potrebbe essere polisemico. Ovvero il senso che d il mittente potrebbe essere diverso da quello interpretato dal destinatario. L'ambiguit pu verificarsi su tre livelli: Ambiguit fonetica] Il funzionamento del codice linguistico garantito dalla diversit dei significanti, in rapporto tra loro in base al principio di interrelazione oppositiva. Accade per che segnificati diversi coincidano nel medesimo significante. Sono segni linguistici diversi fra loro ma che casualmente si trovano ad avere lo stesso significante: se hanno in comune la grafia, si chiamano omografi, se hanno in comune la realizzazione fonematica (il suono) si dicono omofoni. Un esempio di omonimia/omofonia sole che risulta sia il sostantivo maschile che indica l'astro, sia l'aggettivo femminile plurale che indica due persone senza compagnia (es: due donne sole), oppure, in lingua inglese, two lips (due labbra) e tulips (tulipani), che hanno approssimativamente lo stesso suono. Ambiguit lessicale L'ambiguit lessicale riguarda il contenuto concettuale del singolo lessema: ad esempio la parola acuto indica in italiano sia una persona intelligente che un suono di timbro superiore alla norma. Tipi di ambiguit lessicale semantica sono la cosiddetta ambiguit complementare (o polisemia) e l'ambiguit contrastiva (o omonimia). Nel primo caso, i diversi significati del lessema sono comunque legati, o fanno parte di domini affini, nel caso dell'omonimia invece si tratta di due lessemi

74. Fallacia Argumentum ad hominem


L'argumentum ad hominem o argomento ad hominem consiste nello smentire un'affermazione o un'argomentazione attaccando la persona che ha fatto l'affermazione o l'argomentazione invece di confutare gli argomenti che questa persona ha esposto.Serve frequentemente come elemento della sofistica consistente nello screditare la persona che difende degli argomenti piuttosto che gli argomenti in s.Le affermazioni ad hominem non appartengono necessariamente al registro degli insulti e costituiscono, in ogni caso, una delle tecniche pi utilizzate in retorica. Un argomento ad hominem si costruisce, prevalentemente, nella seguente maniera : A afferma la proposizione B Si pu rinfacciare qualcosa ad A Quindi la proposizione B falsa Sottotipologie Ad personam Circonstanziale Tu quoque (o anche ad hominem tu quoque) Classificazione Le argomentazioni ad hominem fanno parte della tecniche dilatorie chiamate ignoratio elenchi (in

francese chiffon rouge, in inglese red herring, o, in lingua italiana, manovra diversiva). Il metodo chiamato avvelenare il pozzo una sottocategoria di questo tipo di affermazioni. Voci correlate Reductio ad Hitlerum Reductio ad absurdum Ignoratio elenchi

75. Fallacia Argumentum ad ignorantiam


Un argumentum ad ignorantiam una fallacia logica che implica l'affermazione della falsit o verit di una proposizione, basandosi sull'ignoranza esistente sulla proposizione discussa (cio una premessa vera o falsa finch non provato il contrario). Un argumentum ad ignorantiam ha la seguente struttura: si afferma A; non si hanno prove per confermare o confutare A; pertanto A vero. Esempio: A: Gli elefanti verdi esistono. Puoi provare che non esistono? B: No A: Allora esistono (Per smontare l'argumentum B si dovrebbe rispondere: "Puoi provare che esistono? No, allora non possiamo concludere ne che esistano, che non esistano") La fallacia ad ignorantiam si pu avere su argomenti su cui predomina un'ignoranza diffusa su quell'argomento, sulle sue propriet o sulla possibilit di studiarlo. Consiste nell'argomentare che una proposizione falsa perch non si hanno prove del fatto che sia vera, pur non esistendo spesso delle prove che possano affermare sia la verit che la falsit di una proposizione. Questa fallacia si ha specialmente quando qualcuno afferma che qualcosa vero solo perch non si hanno prove del fatto che sia falso, o che qualcosa falso solo perch non lo si pu provare come vero. La verit o falsit di una proposizione dipende dalle prove che la sostengono o la confutano, e non dalla mancanza di esse. Non si pu dimostrare che la teoria della relativit sia corretta, ma questo non vuol dire necessariamente che essa sia falsa. E allo stesso modo, non si pu dimostrare l'esistenza degli extraterrestri, ma questo non vuol dire che gli extraterrestri non possano esistere affatto.

76. Fallacia Benaltrismo


Il benaltrismo un neologismo italiano utilizzato nell'ambito delle scienze politiche e derivante dall'espressione "ci vuole ben altro", ovvero dall'individuare origine o soluzione di un problema in qualcos'altro rispetto all'affermazione dell'interlocutore o a quanto creduto comunemente. Il termine indica un'affermazione (tesi benaltrista)

formulata nel mezzo o alla conclusione di una discussione, in opposizione sia all'individuazione di un problema che di una soluzione allo stesso, sostenendo che i problemi sono ben altri. In questo modo l'autore si sottrae ad ogni valutazione oggettiva delle posizioni e soluzioni altrui, pronunciando de facto un giudizio di inutilit su ogni risultato raggiunto nel campo, come sulla legittimit della discussione, rimandando sine die la questione. Si possono trovare esempi nei campi pi disparati del dibattito politico, scientifico e sociale: un abuso del principio di precauzione quando di fronte a dati di innocuit si invocano altre analisi e controlli fino ad allora non richiesti n ritenuti necessari; in qualsiasi discussione politica relativa a temi solitamente non all'ordine del giorno (esempio: diritti degli animali) qualsiasi intervento, anche rivolto alle persone chiamate ad occuparsene, viene squalificato dal richiamo ai veri problemi della gente; riguardo alcuni tipi di volontariato non tradizionali (esempio: alfabetizzazione informatica nel terzo mondo) o invisi all'interlocutore (esempio:pianificazione familiare, cambiamento climatico) si afferma che i problemi sono ben altri (carestia, globalizzazione, guerra...) e pertanto l'intervento inutile se non dannoso, distraendo dai veri problemi. Un altro significato del termine "benaltrismo", molto usato, riguarda divergenze in ordine ai rapporti di causa ed effetto in relazione a fattori indicati all'origine di un problema, in quanto l'espressione "ben altro", in tale ulteriore accezione, non significa "di pi", o "di meglio", ma "qualcosa di diverso". Si tratta di accezioni in cui si evidenziano soprattutto le divergenze fra posizioni conservatrici e socialitarie; se si vuole il "benaltrismo di destra" e il "benaltrismo di sinistra". Esempi: il rapporto di causa ed effetto fra criminalit e disagio sociale (come la disoccupazione, il sottosviluppo). Se un soggetto conservatore propone l'uso della forza pubblica il soggetto socialitario dice che ci vuole "ben altro", vale a dire che bisogna prima risolvere il disagio sociale il che far diminuire la criminalit di cui causa e permetter lo sviluppo; viceversa se il soggetto socialitario propone la risoluzione del disagio sociale, il soggetto conservatore dice che ci vuole "ben altro", cio la repressione poliziesca perch la criminalit a provocare sottosviluppo impedendo investimenti ed occupazione. il rapporto di causa ed effetto fra evasione fiscale e deficit pubblico con le sue conseguenze (per es. disservizi pubblici). Il soggetto conservatore di fronte alla proposta di accrescere i controlli fiscali dice che ci vuole "ben altro", e cio: spendere meglio i fondi pubblici, controllare gli adempimenti dei pubblici dipendenti, il che indurr il contribuente a non evadere; viceversa il socialitario di fronte ai richiami all'efficienza

risponde che ci vuole "ben altro", e cio aumentare attraverso il controllo fiscale le entrate pubbliche il che permetter di accrescere gli standard di efficienza della gestione pubblica. 77. Fallacia naturalistica Nella filosofia del diritto l'espressione "fallacia naturalistica" indica il vizio di ragionamento commesso dai teorici naturalisti e biasimato dai divisionisti. La confutazione della teoria naturalista poggia su due presupposti: semiotico. Cio la distinzione tra i discorsi descrittivi (indicativi) e quelli prescrittivi (direttivi). Tale tesi detta anche Grande Divisione metaetico. Cio l'impossibilit di transizione con mezzi meramente logici dal discorso descrittivo a quello prescrittivo. Essa detta "legge di Hume" Per fare un esempio pratico, dalla lettura delle leggi che regolano il funzionamento del Parlamento italiano, non si pu desumere il contenuto delle leggi che questo debba approvare, ossia i valori ai quali deve richiamarsi durante la formulazione delle leggi.Con un altro esempio limite, secondo le tesi divisioniste, dal fatto che Tizio abbia pronunciato la sua promessa di far qualcosa (descrizione) non deriva in alcun modo per lui l'obbligo di farla (non-prescrizione). La risposta dei giusnaturalisti fa appello alle nozioni di fatto istituzionale (es. la promessa) e di implicazione pragmatica (le regole di inferenza) che permetterebbero di fare il salto dalla descrizione alla prescrizione. Voci correlate Divisionismo

Voci correlate Argumentum ad hominem Reductio ad Hitlerum

79. Fallacia - Negazione dell'antecedente


La negazione dell'antecedente una fallacia argomentativa di tipo formale, in cui dalla negazione di una premessa si giunge a negare la conclusione. Esempio: "Se il gatto dorme i topi ballano. Il gatto non dorme, quindi i topi non ballano." L'argomento ha il seguente schema logico: AB A |= B Il ragionamento chiaramente invalido: i topi potrebbero ballare anche se il gatto sveglio. Dal punto di vista formale, invece corretto che la negazione della conclusione giunga a negare la premessa (regola di inferenza del modus tollens): "Se il gatto dorme i topi ballano. I topi non ballano, quindi il gatto non dorme." Voci correlate Affermazione del conseguente Modus ponens Modus tollens

80. Fallacia - Petitio principii


In logica, la definizione latina petitio principii indica un ragionamento fallace nel quale la proposizione che deve essere provata supposta implicitamente o esplicitamente nelle premesse. In parole colloquiali: il ragionamento che sta alla base della dimostrazione d per scontato che sia vera l'affermazione che deve essere dimostrata, dopodich si basa su di essa per dimostrare il fatto che essa vera. Spesso, nella petitio principii la conclusione semplicemente una riscrittura d'una parte delle premesse. In casi pi difficili, le premesse sono la conseguenza delle conclusioni. La petitio principii non va confusa con il ragionamento circolare, il quale sempre una petitio principii, mentre l'inverso non sempre vero. Nel linguaggio non scientifico Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la "petitio principii" molto usata nel linguaggio e nei ragionamenti correnti, per esempio: nella pseudo-scienza: "il motivo scientifico che spiega perch non possibile dimostrare scientificamente i poteri paranormali che esiste l'effetto psi-negativo, che si manifesta nel caso degli esperimenti scientifici col paranormale" oppure: "I poteri paranormali sono una verit scientificamente dimostrata, pertanto la scienza mette a nudo la propria

78. Fallacia Ignoratio elenchi


Lignoratio elenchi (conosciuta anche come conclusione irrilevante) quel particolare tipo di fallacia che consiste nel presentare un argomento di per s valido, ma fuori tema (cio a sostegno di qualcosa di diverso da ci che originariamente si cercava di dimostrare). L'espressione "ignoratio elenchi" pu essere approssimativamente tradotta con "ignoranza della questione", o "dellargomentazione"; "elenchus" una latinizzazione del sostantivo greco (lenchos). Aringa rossa Quando questa fallacia logica viene utilizzata nel tentativo intenzionale di confondere o distrarre l'interlocutore, si soliti chiamarla "red herring" ("aringa rossa", dall'usanza di affumicare le aringhe per fuorviare i cani attratti dall'odore), in quanto l'odore penetrante delle aringhe capace di distrarre l'interlocutore e condurlo su una falsa pista. L'espressione talvolta utilizzata nei forum su internet.

fallacia non riuscendo a dimostrare che essi esistono per davvero"; nel pensiero religioso: "I testi religiosi XYZ sono veri in quanto rivelati dalla divinit, che sappiamo esistere in quanto ce lo dicono in modo veritiero i testi religiosi XYZ", oppure: "I testi sacri XYZ dimostrano la verit storica di quanto affermato dalla chiesa X, in base alla cui autorit noi sappiamo che i soli testi sacri che contengono verit storiche sono quelli che concordano con quanto essa insegna". in politica: "Il nostro Paese ama la pace ed quindi sinceramente disponibile ad aprire franche trattative di pace con tutti coloro che avranno dato prova della stessa sincerit smettendo di fargli la guerra"; lo stesso concetto pu essere espresso anche come negazione: "Il nostro Paese non pu aprire trattative di pace con gente priva di morale e terrorista in quanto ci sta facendo la guerra". Basta osservare un pollo arrosto per sapere che i polli non sono esseri viventi (caso della premessa esplicita: un pollo "arrosto" per forza di cose morto). Tutti coloro che hanno confessato il loro crimini sono colpevoli, dunque la giustizia deve condannarli (caso della premessa implicita: la giustizia condanna in base alle confessioni, dunque coloro che confessano sono, per definizione, colpevoli).

di trovare un confronto con i nazisti o con Hitler si avvicina ad 1". Voci correlate Legge di Godwin Leo Strauss Argumentum ad hominem Reductio ad absurdum Ad judicium

82. Fallacia - Tu quoque


L'argomento tu quoque un ragionamento fallace in cui si giustificano le proprie azioni con azioni analoghe compiute da altri. Un esempio di affermazione con risposta contenente la fallacia: "E' sbagliato fare del male agli altri." "Ma anche tu quando sgridi tuo figlio gli fai del male!" L'argomento erroneo poich l'analogia non una forma di ragionamento garantita dalle leggi del sillogismo. 83. Fallacia Una fallacia, nel senso utilizzato nella teoria dell'argomentazione, un ragionamento apparentemente corretto che per viene utilizzato in modo erroneo. detta anche sofisma, in quanto strumento retorico utilizzato in prevalenza dai sofisti. Sofisma deriva dal greco (leggi sphisma, cio: artifizio,abilit), che deriva a sua volta dal verbo (leggi sophzomai, che vuol dire parlare abilmente, scaltramente, in modo astuto). Sofismi Algebrici 1 sofisma algebrico: ogni numero uguale a due volte se stesso Poniamo a e b come due numeri reali diversi da zero e che siano uguali fra loro: a=b Moltiplichiamo entrambi i membri dell'uguaglianza per a e otteniamo: a = ab Togliamo da entrambi i membri b, ottenendo: a - b = ab - b cio, secondo i metodi di scomposizione: (a + b)(a - b) = b(a - b) Ora dividiamo entrambi i membri per (a - b): a+b=b Poich abbiamo posto come condizione iniziale a = b, abbiamo: a + a = a oppure b + b = b ossia: 2a = a oppure 2b = b Ci sarebbe possibile solo se i due numeri a e b fossero uguali a zero, ma li abbiamo considerati "reali diversi da zero". L'errore stato commesso quando abbiamo diviso entrambi i membri dell'uguaglianza per (a - b) e, poich a = b, uguale a zero: e non si pu dividere per zero.

Esempi

Voci correlate Argomento circolare Pseudo-scienza Collegamenti esterni http://www.nizkor.org/features/fallacies/beggi ng-the-question.html http://skepdic.com/begging.html] http://www.datanation.com/fallacies/begging. htm http://www2.sjsu.edu/depts/itl/graphics/adhom /circular.html

81. Fallacia - Reductio ad Hitlerum


La reductio ad Hitlerum un'espressione ironica che designa, sotto forma di falsa citazione latina, una tattica di dialettica politica mirante a squalificare un interlocutore comparandolo ad un personaggio malvagio (idealmente, Adolf Hitler). Questa tattica polemica pu ottenere l'effetto di escludere la persona coinvolta dal campo politico evitando ogni dibattito di sostanza con lei. L'espressione stata coniata negli anni cinquanta dallo studioso Leo Strauss. Si trova una sua estensione su Internet sotto il nome di Legge di Godwin, il cui enunciato recita "Pi si prolunga una discussione su Usenet, pi la probabilit

2 sofisma algebrico: due numeri disuguali sono uguali Consideriamo due numeri a e b disuguali. Supponiamo che a > b e che la loro differenza sia un numero c: a-b=c Moltiplichiamo entrambi i membri dell'uguaglianza per (a - b) e abbiamo: (a - b) = c(a - b) ovvero: a -2ab +b = ac - bc che possibile anche scrivere cos: a - ab -ab + b = ac - bc Trasportando alcuni termini dal primo al secondo membro e viceversa per svolgere alcuni raccoglimenti parziali, abbiamo: a -ab -ac = ab - b - bc Ora raccogliamo e otteniamo: a(a - b - c) = b(a - b - c) Dividiamo entrambi i membri per (a - b - c) e abbiamo: a=b Ci assurdo, visto che abbiamo supposto come condizione a > b. Qui l'errore stato commesso dividendo entrambi i membri per (a - b - c), che uguale a zero e come abbiamo gi detto, non si pu dividere per zero. Il fatto che (a - b - c) sia uguale a zero facilmente ricavabile dalla prima uguaglianza ( a - b = c). 3 sofisma algebrico: 8 uguale a 13 Poniamo due numeri a e b diversi da zero e tali che a : b = 4 : 11 Poich il prodotto dei medi uguale al prodotto degli estremi (propriet fondamentale delle proporzioni), abbiamo: 11a = 4b Moltiplichiamo entrambi i membri dell'uguaglianza per esempio per 5 e otteniamo: 55a = 20b Che si possono scrivere anche cos: 55a = 143a - 88a e 20b = 52b - 32b Cos da avere: 143a - 88a = 52b - 32b Portando alcuni membri dal primo al secondo membro e viceversa, abbiamo: 143a - 52b = 88a - 32b Ora eseguiamo alcuni raccoglimenti parziali: 13(11a - 4b) = 8(11a - 4b) Dividiamo i membri per (11a - 4b) cos da ottenere: 13 = 8 Questa volta l'errore stato commesso nel dividere entrambi i membri dell'uguaglianza per (11a - 4b), che, come deducibile dal secondo passaggio, uguale a zero. Classificazione delle fallacie A seconda di ci che riguardano, le fallacie si possono suddividere in una serie di sottogruppi: fallacie formali, ovvero fallacie riguardanti la forma del sillogismo o la sua validit; fallacie informali, ovvero fallacie riguardanti il contenuto del sillogismo. A sua volta queste si dividono in: fallacie linguistiche: riguardano l'utilizzo

scorretto di forme lessicali e sintattiche; fallacie di pertinenza: riguardano l'omissione di dati rilevanti o l'intrusione di dati irrilevanti in un ragionamento. fallacie di consistenza: riguardano ragionamenti validi il cui fondamento invalido.

Voci correlate Lista delle fallacie Stephen's guide to logical fallacies (in inglese) Fallacie (brevi appunti in italiano)

84. Fallacia di brutta china


La fallacia di brutta china un ragionamento in cui da una tesi si traggono delle conseguenze del tutto arbitrarie, di modo da arrivare ad una conclusione non accettabile e dunque rigettare la tesi. Un esempio: "Se accetti una sottomissione da un tuo superiore arriverai ad accettare la sottomissione da tutti, e se accetti sottomissioni da tutti la tua vita sar interamente sottomessa. Dunque non devi accettare sottomissioni." Il ragionamento sembra corretto perch segue questo schema logico: AB BC CD D |=A (per modus tollens) Ma in realt ogni parte di questo ragionamento non garantita da nulla: ogni implicazione posta in modo assolutamente deliberato e non dunque accettabile.

85. Figura Figura, soprattutto nell'esegesi cristiana medievale, indica un fatto storico, concreto, che ne preannuncia un altro, altrettanto concreto: in altri termini il primo evento pu essere interpretato come prefigurazione del secondo, e il secondo come adempimento del primo. Etimologia Il termine deriva dal latino figura, che all'origine significa "formazione plastica"; esso ha la stessa radice di fingo = "formare, plasmare" (in un secondo tempo anche "raffigurare" e infine "fingere"), figulo = "foggiare, creare" (e figulus infatti il "vasaio"), fictor = "scultore" e "simulatore", effigies: si contrappone in tal senso a forma, dove "forma" sarebbe lo stampo e starebbe a "figura" come la forma cava sta al rilievo plastico che ne esce. Tuttavia ben presto il suo significato si estende, venendo a ricoprire anche quello di "forma" e potendo spaziare dalla sfera visiva a quella acustica (si usa per esempio per le varie forme della flessione di una parola), dal campo filosofico a quello retorico, matematico o architettonico. Si trovano

anche, in molti autori latini, usi del termine figura come "visione di sogno", "copia", "lettera dell'alfabeto", "disegno"... Da Cicerone e soprattutto da Quintiliano in poi il termine entra a far parte del lessico della retorica, ponendo le basi delle moderne figure retoriche. In senso filosofico, invece, molta importanza ebbe l'influenza della cultura greca. L'interpretazione figurale della Bibbia Fu grazie alle opere dei Padri della Chiesa che il termine assunse un nuovo peculiare significato, decisivo per l'evoluzione del concetto: lo troviamo per la prima volta in Tertulliano dove sta a indicare qualcosa di reale, di storico, che rappresenta qualche altra cosa anch'essa reale e storica. Nasce in tal modo l'interpretazione figurale mediante la quale i primi teologi interpretarono le storie narrate nell'Antico Testamento come figure, o profezie reali, del Nuovo: cos, ad esempio, Mos era figura Christi, e la liberazione degli ebrei dall'Egitto era figura della Redenzione, cio della liberazione dell'umanit dal male. In sant'Agostino l'interpretazione si ramifica ulteriormente, sostituendo la contrapposizione di due poli (figura e adempimento) in un'attuazione in tre gradi: l'Antico Testamento s figura profetica della venuta di Cristo, e questa a sua volta adempimento di quello, ma si aggiunge l'attuazione futura di questi avvenimenti come adempimento finale: entrambi, quindi, sono promesse di un adempimento che si realizza nella vita eterna e nel Regno dei Cieli. Nasce cos la dottrina del quadruplice significato della Sacra Scrittura, da interpretare secondo un senso analogico, un senso storico-letterale, un senso figurale e un senso allegorico-morale: In tutti i libri sacri bisogna prestare attenzione a ci che in essi legato alla vita eterna [senso analogico], a ci che i fatti narrano [senso letterale], a ci che annuncia avvenimenti futuri [senso figurale], agli ordini e ai consigli che si possono ricavare circa le nostre azioni [senso morale] (Agostino, De Genesi ad litteram, I 1). La concezione figurale nel Medioevo Essa divenne anche un'importante fondamento della mentalit medievale, e come tale si pu riscontrare nella maggior parte delle opere letterarie e artistiche del periodo, anche legata a procedimenti di tipo allegorico (la distinzione tra i due d'altronde non sempre netta neanche negli autori antichi); in tal senso si pu affermare che la concezione figurale sia alla base, per esempio, della Divina Commedia dantesca (come ha mostrato Erich Auerbach), in cui per esempio Enea e san Paolo sono entrambi figure di Dante in quanto entrambi hanno compiuto un viaggio nell'oltretomba per adempiere una missione loro affidata da Dio , e nella quale ogni personaggio pu essere visto come l'adempimento della propria figura terrena: ogni personaggio storico o mitologico significa qualcosa che ha uno stretto rapporto con quello che l'autore sapeva della sua esistenza, storica o mitica che sia, e questo lo stesso rapporto che c' tra adempimento e figura. Nella Divina Commedia Come ha dimostrato il critico tedesco, ogni individuo

della Commedia dantesca, in base alla concezione figurale, sarebbe sulla terra "prefigurazione" di ci che sar nell'aldil in forma perfectior: dopo il trapasso, cio, egli ricever "adempimento". Auerbach ci offre diversi esempi di questo concetto apparentemente complicato: Innanzitutto, si pensi a Virgilio, guida di Dante nei regni dell'Inferno e del Purgatorio, al quale il poeta si rivolge cos: tu se' solo colui da cu' io tolsi lo bello stilo che m'ha fatto onore (Inferno, I, vv. 86-87); l'autore dell'Eneide dunque un faro nella produzione letteraria di Dante: nell'aldil, il suo ruolo di "duca" si adempie, da guida di stile e scrittura a guida ultramondana. Ma non si pu dimenticare Beatrice, la donna tanto gentile e tanto onesta (Vita Nuova, Tanto gentile e tanto onesta pare) che stata per il poeta l'iniziatrice dell'itinerarium mentis in Deum: Beatrice, donna di salvezza, dopo la morte si muove a compassione verso il poeta perso nella selva oscura e invoca Rachele, simbolo della vita contemplativa, ch chieda alla Vergine di salvarlo (Inferno, II). Ella sar inoltre la guida di Dante nel pi perfetto dei regni, il Paradiso. Esempio ancora pi chiaro quello di Catone Uticense, che compare nel canto I del Purgatorio come guardiano del regno della purificazione: per comprendere perch un pagano, per di pi suicida, non sia stato relegato da Dante nell'Inferno, bisogna ricordare il motivo del gesto estremo di Catone, il quale si uccise ad Utica nel 46 a.C. per non cadere prigioniero di Cesare: dunque la sua morte strettamente legata ad un incondizionato amore per la libert; come adempimento di s stesso, nell'aldil egli guardiano della libert medesima. Auerbach ci tiene inoltre a sottolineare il profondo realismo storico della concezione figurale dantesca: Figura e compimento hanno ambedue, come dicemmo, essenza di fenomeni e di avvenimenti storico-reali (Mimesis). Differenza rispetto a simbolo e allegoria L'interpretazione figurale, dunque, stabilisce fra due fatti o persone un nesso in cui uno di essi non significa soltanto s stesso, ma significa anche l'altro, mentre l'altro comprende o adempie il primo. I due poli della figura sono separati nel tempo, ma si trovano entrambi nel tempo, come fatti [...] reali (Auerbach): in tale concezione la si pu considerare come a met strada tra il simbolo e l'allegoria; in quanto essa pone una cosa che ne rappresenti e significhi un'altra, infatti, pu far parte dell'allegoria considerata nel suo senso pi ampio, ma si discosta dalle altre forme allegoriche in quanto la cosa significante altrettanto concreta della cosa significata. L'ultimo esempio tratto dalla Divina Commedia pu aiutare a chiarire: Dante pone a guardia del Purgatorio Catone Uticense, in quanto essendosi sacrificato per la libert rappresenta la libert nel suo senso pi alto; il Catone storico, dunque, figura del Catone dantesco, che come adempimento completa un

concetto gi adombrato dalla sua figura storica: se il personaggio realmente esistito si suicidato per non perdere la propria libert politica, il guardiano del Purgatorio custodisce quella libert cristiana dal male che permette di accedere al Paradiso; esso non una mera allegoria, come sarebbe stata, per esempio, una fanciulla bellissima, magari vestita di bianco e cinta di ulivo, che avesse dichiarato "io sono la Libert": Catone contiene in s il significato di tale libert, ma rimane sempre legato alla propria condizione concreta e alla storia del personaggio, Marco Porcio Catone morto a Utica in un dato periodo storico. Un altro modo di rappresentare una cosa per mezzo di un'altra il simbolo, in cui viene attribuito in modo immediato e intuitivo un significato a una data immagine: le due forme sono diverse anche perch la figura interpreta un testo, mentre il simbolo interpreta la vita e la natura. Bibliografia Erich Auerbach, Figura, in Studi su Dante, 1929. Id., Mimesis. Il realismo nella letteratura occidentale, 1949. 86. Figura di stile Alcuni dei procedimenti codificati dalla retorica classica occidentale si servono, per ottenere effetti stilistici, di precisi modelli nell'impostazione della sequenza sintattica: Anacoluto Endiadi Ellissi Asindeto Polisindeto Parallelismo Chiasmo Iperbato Zeugma Climax Domanda retorica Voci correlate Figure retoriche Figure del significato 87. Figura etimologica La figura etimologica la figura retorica in cui si ha l'accostamento di due parole che condividono la stessa radice etimologica. Esempi: "selva selvaggia" (Dante Alighieri, "Divina Commedia" Inferno - canto primo, vv 6) 88. Figura retorica

Si indica col termine figura retorica qualsiasi artificio nel discorso, volto a creare un particolare effetto sonoro o di significato. L'identificazione e la catalogazione delle figure ha creato problemi di base agli studiosi di retorica, dall'antichit al Settecento. Tradizionalmente si distinguono le seguenti categorie di figure: figure di dizione per le quali avviene una modifica nella forma delle parole; figure di elocuzione che riguardano le parole pi adatte; figure di ritmo che seguono gli effetti fonici ottenuti mediante la ripetizione di fenomeni, sillabe, parole; figure di costruzioneo di posizione che si riferiscono all'ordine delle parole nella frase; figure di significato o tropi che riguardano il cambiamento del significato delle parole; figure di pensiero che concernono l'idea o l'immagine che appare in una frase. Gli studi tradizionali fatti di retorica sono stati oggetto di analisi in diversi settori della linguistica moderna: semantica, sintassi, stilistica, linguistica testuale, ecc. Inoltre le figure della retorica sono servite come base per varie discipline: la linguistica, la logica, la psicoanalisi, la critica letteraria. Ci sono anche delle classificazioni moderne, condotte con analisi differenti da quelle tradizionali. Per esempio gli studiosi del Gruppo hanno fatto una distinzione tra le modificazioni di parole o di elementi della parola dal punto di vista del significato (metaplasmi), tra le modificazioni che riguardano la struttura delle frasi (metatassi), tra quelle che riguardano il significato delle parole (metasememi) e le modificazioni che riguardano il valore complessivo della frase (metalogismi). Esistono centinaia di figure retoriche, e tra queste, in ordine alfabetico: A

Accumulazione: serie di termini accostati in modo ordinato e/o caotico Adynaton: per evidenziare l'improbabilit di un evento, si sostiene la maggior facilit che ne accada un altro impossibile Aferesi: caduta di una vocale o sillaba a inizio di parola Allegoria: sostituzione di un oggetto ad un altro, con accostamento basato su qualit e significati non comuni del termine e spesso di livello filosofico o metafisico Allitterazione: ripetizione di una lettera o sillaba in parole successive Allusione: consiste nel citare un riferimento pi o meno noto, traformandolo a una realt che lo chiama per alcune caratteristiche (pensa che babilonia di discorsi) Anacoluto: consiste nella rottura della corretta correlazione grammaticale tra due costrutti di uno stesso periodo.

Anadiplosi: ripetizione di uno o pi elementi terminali di un segmento di discorso, all'inizio del segmento successivo. Anafora: ripetizione di una o pi parole a inizio frase/verso, per sottolineare un'immagine o un concetto Analessi: consiste nell'evocare un evento precedente al punto della narrazione in cui ci si trova Anastrofe: Inversione dell'ordine abituale di un gruppo di termini successivi. Anfibologia: Discorso o espressione contenente un'ambiguit sintattica e dunque interpretabile in modi diversi a seconda del modo di leggerla. Annominazione: Ripetizione di una stessa radice etimologica in pi vocaboli diversi. Anticlimax: Elenco di termini o locuzioni con intensit decrescente. Antifrasi: consiste nell'usare un'espressione attribuendole un significato opposto a quello ad essa proprio. Antitesi Antonomasia Apallage: figura retorica consistente nell'alterazione dell'ordine logico della successione dei concetti. Viene dal greco (io separo). Apocope Aposiopesi Apostrofe Asindeto Assonanza Catacresi Catafora Chiasmo Circolo Cleuasmo Climax Costruzione ad sensum Cesura:pausa lunga

Enallage Endiadi Enfasi Entimema sillogismo informale Enjambement Epanadiplosi Epanalessi Epanodo Epanortosi Epifonema Epifora Epistrofe Epiteto Esclamazione Eufemismo

Figura etimologica Figura (concetto)

Hysteron Proteron

Iato: scontro di due vocali. Es: "Tanto gentile e tanto onesta pare" Interrogazione retorica Inversione sintattica consiste nell'invertire l'ordine naturale delle parole. Invettiva Ipallage Iperbato Iperbole: consiste nell'esagerazione nella descrizione della realt tramite espressioni che l'amplifichino. Es. "Ti Amo da morire!" Ipostasi Ipotiposi Ironia Isocolon Isterologia Iterazione

Diafora Dialisi Diallage Dilogia Disfemismo Dittologia

Litote: dare un giudizio negandone il contrario. Es.: "Quell'uomo non un genio". Metafora: la sostituzione di un termine proprio con uno figurato Metalessi: Particolare tipo di Metonimia in cui il termine proprio sostituito non con il suo traslato immediato, ma con una o pi metafore intermedie. Metonimia: Evocare un'idea citando al suo

Ellissi

posto un concetto ad essa relativa. Es. "bere un bicchier d'acqua / l'acqua nel bicchiere" O

Omeottoto Omoteleuto Onomatopea Ossimoro

Sincope Sineresi Sineddoche: evocare un'idea citando solo un suo dettaglio o un insieme a cui appartiene Sinestesia Sospensione

Parabola Paradosso Paragoge Paralessi Paralipsi Paralissi Parallelismo Paraprosdokian: finale inaspettato o troncamento della frase Paretimologia Paromeosi Paronimia Paronomasia Perifrasi: "giro di parole", sequenza di parole per indicare una persona o una cosa (il ghibellin fuggiasco per Dante) Personificazione Pleonasmo: es.: "A me mi piace la marmellata" Polisindeto Poliptoto Premunizione Preterizione Prolessi Prosopopea: si ha quando si attribuiscono qualit o azioni umane ad animali, oggetti, o concetti astratti. Raddoppiamento Reiterazione Reticenza Ripetizione

Tmesi Tropo

Understatement: Ricorso a parole per difetto, oltre i limiti della verosimiglianza e fino alla deformazione del reale. Variatio: Procedimento che consiste nel modificare a livello fonetico, grammaticale, sintattico-morfologico o semantico i meccanismi della ripetizione, soprattutto quando non sono retoricamente motivati. Xamax Linguarum

Zeugma: collegamento di un verbo a due o pi elementi della frase che invece richiederebbero ognuno rispettivamente un verbo specifico. Es. Ho visto colori e suoni inimmaginabli.

89. Frase Una frase (dal greco frase, sentenza, espressione) il massimo segmento in cui pu essere suddiviso il discorso umano. Una frase si compone di pi sintagmi, costituiti a loro volta di fonemi e morfemi, coesi fra loro tramite regole sintattiche. Praticamente ogni enunciato pu essere analizzabile come frase. Struttura della frase Il sintagma l'elemento principale e minimo della frase. La maggioranza delle frasi prodotte nella comunicazione umana consistono in un sintagma verbale e in un sintagma nominale (p.e. io mangio, Gianni dorme), anche se la sola presenza di un sintagma verbale sufficiente per individuare una frase. In alcune lingue, come in italiano, in greco e in latino, il sintagma con funzione di soggetto espresso dalla marca morfologica del verbo e anche nelle lingue in cui il soggetto va sempre espresso esistono frasi formate dal solo sintagma verbale (p.e. tedesco Komm, inglese Come, francese Viens. Non mancano tuttavia frasi in cui il sintagma verbale assente e in cui sono presenti solo sintagmi nominali (p.e. bella giornata!, davvero?, s). Il sintagma verbale pu essere anche sostituito da eventuali altri sintagmi nominali, come nel caso delle

Sillessi: una forma di paronomasia in cui una parola viene usata per alterare il significato di altre due Similitudine: una figura retorica con la quale si chiarisce un concetto paragonandolo a qualcuno o a qualcosa di ben noto Simploche Sinalefe Sinchisi

frasi ellittiche: a Mario piacciono i dolci, a me no. In espressioni cristallizzate le parti mancanti possono essere dedotte dalluso: un saluto come buonasera pu essere esplicitato in una frase completa come p.e. vi auguro di trascorrere una buona sera. In molte lingue si hanno frequentemente frasi nominali quando il previsto sintagma verbale costituito da una copula (latino pulchra puella). In questo caso non si pu parlare di una frase ellittica vera e propria perch il nome o laggettivo in posizione predicativa regolarmente espresso. Per eliminare ambiguit di significato, sono indispensabili segnali non verbali che nella comunicazione orale si esprimono nellintonazione (vedi prosodia) e che nella lingua scritta si esprimono nella punteggiatura (vedi ortografia). Una delle propriet fondamentali di una struttura sintattica quella dellincassamento, per la quale tra due elementi di una frase pu essere sempre introdotto un terzo. Questo fenomeno frequente in tedesco con il nome di (Satzklammerung). Un esempio: i miei amici e i miei cari amici a livello di sintagma e il libro mi piaciuto e il libro che mi hai dato mi piaciuto. Voci correlate Sintagma Strofa 90. Geminazione consonantica Una consonante geminata (o, meno tecnicamente, doppia), dal punto di vista fonetico e indipendentemente dall'ortografia, un suono consonantico la cui durata sia apprezzabilmente pi lunga di quella delle consonanti ordinarie, dette brevi o scempie. La geminazione delle consonanti fricative, approssimanti, nasali, laterali e vibranti consiste in un semplice prolungamento temporale (nel caso delle vibranti, aumenter conseguentemente il numero dei battiti o vibrazioni che costituiscono l'articolazione). Per le occlusive e le affricate, la geminazione implica invece un allungamento della sola fase di tenuta. Alcuni linguisti (fra cui Canepari) propongono una distinzione pi o meno netta fra lunghezza consonantica e geminazione consonantica: quest'ultima etichetta allora riservata ai casi in cui la consonante in questione ripartita fra due sillabe (in senso fonetico e/o fonologico, indipendentemente dalle convenzioni grafiche), chiudendo una sillaba e aprendo la successiva. Nei sistemi linguistici in cui data la possibilit che due parole, fonologicamente identiche per il resto, siano differenziate dalla geminazione d'una consonante, la geminazione stessa detta fonologica o (fonologicamente) distintiva. Nella maggior parte delle lingue del mondo, fra cui anche l'inglese, il francese, lo spagnolo e il tedesco, la geminazione consonantica non fonologicamente distintiva o non esiste affatto. In italiano invece, come in ungherese, in finlandese, in arabo, in giapponese e in numerose altre lingue, la geminazione consonantica distintiva: per esempio, cane /kane/ [kane] in opposizione fonologica con canne /kanne/ [kanne].

Lo stesso latino, che sta all'origine dell'italiano e delle altre lingue romanze, aveva la geminazione consonantica distintiva. Anche fra le lingue regionali o dialetti d'Italia sono largamente presenti idiomi in cui la geminazione consonantica non esiste o non distintiva: il caso (con eccezioni rare e marginali) di tutti i dialetti italiani settentrionali, cio di quelli situati a nord della cosiddetta linea La SpeziaRimini o Massa-Senigallia, mentre la geminazione consonantica distintiva mantenuta dai dialetti italiani centro-meridionali, dai dialetti crsi e dai dialetti sardi. In conseguenza di questa realt dialettale, anche le variet d'italiano parlate nell'Italia settentrionale, soprattutto negli strati socio-culturalmente bassi e nelle aree in cui i dialetti sono ancora vitali, tendono a non avere le geminazioni consonantiche della lingua standard o a rispettarle e riprodurle in modo meno stabile. In particolare, i fenomeni di geminazione al confine di parola (raddoppiamento fonosintattico e fenomeni correlati) sono quasi sconosciuti nel Nord, a causa della mancanza d'una loro rappresentazione nell'ortografia. La trascrizione delle geminate in IPA Nelle trascrizioni fonetiche e fonologiche in Alfabeto Fonetico Internazionale (IPA), le geminate si possono indicare o col raddoppiamento del simbolo della consonante, o con la posposizione del simbolo di lunghezza, (spesso alterato nel pi usuale segno dei due punti, :, per ragioni tipografiche o per trascuratezza). Alcuni autori ritengono preferibile riservare il raddoppiamento del simbolo consonantico alle trascrizioni fonologiche, soprattutto se la consonante lunga effettivamente ripartita fra due sillabe nella fonologia della lingua e non considerata un'entit fonologica autonoma, e lasciare l'uso del simbolo alle sole trascrizioni fonetiche, dal momento che esse rappresentano l'espressione fonica concreta e che in quest'ultima le due parti della consonante lunga non sono solitamente distinguibili. Possiamo dunque avere, per l'esempio canne, le seguenti trascrizioni, a seconda delle convenzioni adottate: /kanne/ [kanne] /kane/ [kane] /kanne/ [kane] Quando adottata la convenzione della ripetizione del simbolo, in trascrizione fonetica corretto e possibile, bench decisamente inusuale, specificare che il primo dei due elementi della geminata non ha rilascio udibile, ricorrendo all'apposito diacritico IPA: [kanne], [pia] o [pita] Pagine correlate Consonante Raddoppiamento fonosintattico Sokuon 91. Hysteron Proteron L'hysteron proteron (locuzione greca, composta da

hsteron, ultimo, e da prteron, [come] primo) una figura retorica che consiste nell'inversione dell'ordine cronologico di una successione di eventi, dei quali si dice per primo quello che successo per ultimo, per dare risalto all'informazione pi importante o per conseguire un particolare effetto espressivo. Un esempio classico di hysteron proteron si trova nell'Eneide (II, V. 353) : Moriamur et in media arma ruamus. Moriamur (moriamo) dovrebbe essere logicamente posposto a ruamus (lanciamoci), in quanto impossibile correre in battaglia dopo essere morti. L'effetto di questo uso apparentemente illogico della frase e quello di anticipare una conseguenza dell'azione descritta in seguito, accentuandone l'enfasi. Altri esempi: Forse in tanto in tanto un quadrel posa e vola e da la noce si dischiava, giunto mi vidi ove mirabil cosa mi torse il viso a s (Dante, Divina Commedia, Pd. II, 23-26) Tu non avresti in tanto tratto e messo nel foco il dito (Dante, Divina Commedia, Pd. XXII, 109-110) Voci correlate Figura retorica Anastrofe 92. Iato Con il termine iato (dal latino hiatus, "apertura") si indica un fenomeno linguistico che consiste nel dividere tra due sillabe due vocali (o meglio: due vocoidi) che altrimenti farebbero parte della stessa sillaba. Pronuncia La pronucia tradizionale di "iato" /i'ato/, trisillabo (i-to)[1]. Tuttavia la questione controversa. Ugo Foscolo scriveva "il iato", Giosue Carducci "gli iati"[2]. Il latinista Alfonso Traina per la pronuncia trisillaba, Luciano Canepari preferisce quella bisillaba /'jato/[3]. Tipi di iato Con iato nella grammatica italiana si intendono due fenomeni letteralmente distinti. In primo luogo, si considera tradizionalmente iato l'incontro di due vocali "forti" /e, , a, , o/, con l'accento sulla prima vocale; in secondo luogo si considera iato l'incontro di due vocali "forti" con l'accento sulla seconda, oppure l'incontro di una vocale forte con una debole, la quale per accentata. Ogni lista ha delle restrizioni date all'inizio: a parte queste, non tutte le possibilit d'incontro sono attualmente realizzate nella lingua italiana; non si considerano pertinenti le parole dialettali n le interiezioni. Nessi vocalici "forti" Il secondo elemento non pu essere /, /; /e, o/ come primo elemento pu ricorrere solo in posizione non accentata:

/ea/ come in beatitudine /eo/ come in eolico /e/ come in europee /a/ come in galilea /o/ come in galateo /ae/ come in aeroplano /aa/ come in Nausicaa /ao/ come in aoristo /e/ come in eroe /a/ come in oasi /o/ come in zoo /oe/ come in coesione /oa/ come in coacervo /oo/ come in oospermia

Nessi vocalici con la prima vocale "debole" Il secondo elemento non pu essere /, /: /ii/ come in aprii /ie/ come in mie /ia/ come in pia /io/ come in biologia /iu/ come in riunire /ui/ come in cui /ue/ come in sue /ua/ come in tua /uo/ come in suo Nessi vocalici con l'accento sulla seconda vocale Il primo elemento non pu essere /, /: /i'i/ come in Riina /i'a/ come in viaggio (pronuncia toscana) /i'/ come in piolo /i'u/ come in Friuli (pronuncia tradizionale) /e'i/ come in reina /e'a/ come in beato /e'/ come in beota /e'o/ come in beone /e'u/ come in reuccio /a'i/ come in Caino /a'e/ come in paese /a'/ come in aereo /a'a/ come in Sahara (pronuncia senza [h]) /a'/ come in Aosta /a'o/ come in kaone (particella subatomica) /a'u/ come in paura /o'i/ come in Coin /o'e/ come in coeso /o'/ come in No /o'a/ come in coana /o'/ come in coopero

/o'u/ come in noumeno /u'i/ come in Luigi /u'/ come in Suello (toponimo lombardo) /u'a/ come in Luana /u'i/ come in Luisa Questa definizione di iato per contestata da Pietro Fiorelli[4] e da Luciano Canepari[5], che ritengono che solo l'ultima lista da considerarsi contenente veri iati: la prima e la seconda conterrebbero dittonghi a tutti gli effetti; anche nella metrica poetica, in effetti, i nessi vocalici "forti" (con l'accento sulla prima vocale) vengono solitamente considerati dittonghi, a meno che il poeta non usi la dieresi, che talvolta viene posta tipograficamente sulla prima vocale grafica. Curiosit La pronuncia oggi prevalente, lo iato /lo'jato/ non contiene iato ma bens un suo opposto, il cosiddetto "dittongo ascendente", la sequenza di una consonante approssimante /j/ e di una vocale /a/, al contrario della pronuncia tradizionale l'iato /li'ato/ che contiene un vero iato. Note

falsa falsa vera vera

falsa vera falsa vera

vera vera falsa vera

^ Bruno Migliorini, Carlo Tagliavini, Pietro Fiorelli. DOP Dizionario d'ortografia e di pronunzia. Roma, ERI. 19992b ^ Aldo Gabrielli, Il piacere dell'italiano (a cura di Paolo Pivetti) Milano, Mondadori. 1999 ^ Luciano Canepari. Il DiPI Dizionario di pronuncia italiana. Bologna, Zanichelli. 19992 ^ Amerindo Camilli, Pietro Fiorelli (a cura di). Pronuncia e grafia dell'italiano. Firenze, Sansoni. 19653 ^ Luciano Canepari. Il MaPI Manuale di pronuncia italiana. Bologna, Zanichelli. 20042b

Voci correlate Dittongo Trittongo 93. Implicazione logica L'implicazione logica un concetto matematico che stabilisce che, data un'affermazione, se ne pu ricavare un'altra. Implicazione Logica L'implicazione logica un'operazione binaria tra proposizioni (o asserzioni) e viene generalmente rappresentata con il simbolo (o connettivo logico) o (). Date quindi 2 proposizioni A e B il valore della nuova proposizione AB (che si legge: A implica B) si pu definire sulla base dei valori delle proposizioni di partenza secondo la seguente tabella di verit: A B AB

Pu essere vista anche come una relazione, due coppie di proposizioni sono in relazione se il risultato dell'implicazione vero, questo aspetto particolarmente evidente nel linguaggio comune dove l'implicazione espressa nella forma se A allora B, cos ad esempio ci risulta naturale la comprensione di: se piove allora ci sono nuvole in cielo e l'unica possibilit che tale affermazione sia falsa quella di verificare che in un dato momento piova ma NON ci siano nuvole in cielo. Supponendo che sia vera AB questa pu anche essere espressa nei seguenti modi: A condizione sufficiente per B; B condizione necessaria per A; applicando tali modi all'esempio precedente rispetto al linguaggio comune possiamo affermare che condizione sufficiente perch in cielo ci siano nuvole che piova, cos come condizione necessaria perch piova che in cielo ci siano nuvole. Uno sguardo pi approfondito alla tabella di verit ci suggerisce tuttavia un modo per esprimere l'implicazione come risultato di espressioni logiche basate sui connettivi logici di congiunzione , disgiunzione e negazione : AB equivalente a: AB (i) ovvero applicando i Teoremi di De Morgan (AB) (ii) da tali notazioni emerge immediatamente che AA una proposizione sempre vera indipendentemente dal valore di A. La notazione quindi di per s superflua, ma giustificata tuttavia dall'uso frequente che ne deriva dall'attivit di deduzione, in questo contesto le proposizioni coinvolte vengono chiamata ipotesi: A, tesi: B, e teorema: AB (si noti che il teorema pu essere posto in altre forme si veda infatti la deduzione un caso particolare di inferenza), provare la veridicit di quest'ultima significa verificare la veridicit della tesi (dimostrare il teorema), la formalizzazione dei teoremi in questo modo ha il nome in logica di modus ponens. Possiamo inoltre notare come si possa riscrivere la (i) cos: (A) (B) (iii) ovvero (B) (A) e quindi per la (i) a B A (iv), questa forma viene chiamata contronominale della AB ed a questa equivalente, e pu essere usata nella dimostrazione dei teoremi in vece di quest'ultima. Tornando all'esempio in linguaggio naturale potremo scrivere la forma contronominale come: se non ci sono nuvole in cielo allora non piove Un'altra strada per la dimostrazione di AB consiste nel tentare di dedurre da (AB) una contraddizione, cio una proposizione C sempre falsa del tipo PP, in tale caso si parla di dimostrazione per assurdo. Se infatti otteniamo la dimostrazione di (AB)C con C sempre falsa e per la (iv) si ha anche C (AB) dove C sempre vera perch negazione di una

contraddizione, ed impone quindi la veridicit di A B. Riguardando la tabella di verit dell'implicazione notiamo che se C sempre falsa AB sempre vera, va quindi posta particolare attenzione alle ipotesi, se sono false la dimostrazione riuscir, ma le deduzioni che ne trarremo potrebbero essere errate. Fin dall'antichit infatti noto come da premesse false si possa dedurre ci che si vuole. L'operazione di Implicazione gode inoltre della seguente propriet: (AB) (B C) (AC) (v) per dimostrarla possiamo usare la regola deduttiva, assumere vera la (AB) (B C) dimostrare la veridicit della (v) e quindi dedurre A C. Abbiamo inoltre bisogno di sapere che: (AB) B = (AB) cos come (AB) B = (AB) (vi) per la dimostrazione delle quali possiamo valutare le rispettive tabelle di verit, o considerare la propriet distributiva della congiunzione e disgiunzione logica e la dualit delle algebre di Boole rispetto a tali connettivi. Tornando alla (v) togliamo dall'espressione il segno di implicazione ed otteniamo: (AB) (BC) (AC) e quindi: (AB) (BC) (AC) ovvero (AB) (BC) (AC) ed ancora (AB) (BC)AC riordinando i termini e tenendo presente la (vi) arriviamo quindi a scrivere: BABC dove la presenza di BB ci dice che sempre vera cio una tautologia e la nostra tesi e dimostrata. Coimplicazione Se accade che valgano contemporaneamente AB e B A cio che sia vera la: (AB) (BA) (iv) allora possiamo esprimere questo fatto con un nuovo connettivo che chiameremo coimplicazione: AB, potremo anche esprimerla dicendo che: A condizione necessaria e sufficiente per B o che A e B sono logicamente equivalenti. La tabella di verit per tale connettivo : A falsa falsa vera vera B falsa vera falsa vera AB vera vera falsa vera B A vera falsa vera vera AB vera falsa falsa vera

per brevit (di dimostrazione), in tale caso si usa la seguente forma: (A1A2) (A2A3) ... (AN-1AN) (ANA1) (vii) che le due espressioni siano equivalenti lo si deduce anche in questo caso dalla propriet (v) dell'implicazione.

94. Invettiva L'invettiva una figura retorica che consiste nel rivolgersi improvvisamente e vivacemente a persona o cosa, presente o assente, con un tono di aspro rimprovero o di accusa. una forma di apostrofe. Esempio: Ahi Pisa, vituperio de le genti del bel paese l dove l s suona, poi che i vicini a te punir son lenti, muovasi la Capraia e la Gorgona, e faccian siepe ad Arno in su la foce, s chelli annieghi in te ogne persona! (Dante, Divina Commedia, I, XXXIII, 79-84) Voci correlate Figura retorica Apostrofe 95. Ipallage L'ipllage (dal greco hypallag, sostituzione, derivato da hypallss, cambio) o enallage dell'aggettivo una figura retorica che consiste nello spostamento grammaticale e semantico di un aggettivo: l'aggettivo viene cio riferito ad un sostantivo diverso da quello a cui dovrebbe essere legato normalmente. Esempi: Altae moenia Romae (le mura dell'alta Roma, invece di le alte mura di Roma) (Virgilio, Eneide, I, 7) Il divino del pian silenzio verde (Carducci, Il bove, 14) ...gemina teguntur / lumina nocte ("gli occhi sono coperti da una doppia notte" al posto di "entrambi gli occhi sono coperti dalla notte") (Catullo, Carme 51, 11-12) Voci correlate Figura retorica Enallage 96. Iperbato L'iperbato (dal greco hyprbaton = "passato oltre") una figura retorica. Affine all'anastrofe che rappresenta un'inversione nell'ordine naturale delle parole all'interno di una frase, l'iperbato si produce quando tale inversione comporta lo spostamento di un segmento di enunciato all'interno di un sintagma.

Come ogni relazione di equivalenza essa gode delle propriet riflessiva commutativa, transitiva: riflessiva perch AA sempre vera come abbiamo visto, commutativa per definizione, transitiva per la (v) al punto precedente. Spesso i teoremi sono impostati su equivalenze logiche per pi di 2 proposizioni: (A1A2) (A2A3) ... (AN-1AN)

Esempi: [...] ma valida venne una man dal cielo, e in pi spirabil aere pietosa il trasport; (Alessandro Manzoni, Il cinque maggio) ...tardo ai fiori ronzo di coleotteri (Eugenio Montale, Derelitte..., 1-3) ...a noi prescrisse il fato illacrimata sepoltura (Foscolo, A Zacinto) 97. Iperbole Con il termine iperbole si intende: iperbole - in geometria, tipo di sezione conica tale per cui costante la differenza delle distanze da due punti fissi, detti fuochi. iperbole - in letteratura, la figura retorica in cui un concetto e espresso in termini volutamente esagerati. 98. Iperbole (figura retorica) L'iperbole (dal greco , hyperbol, eccesso) una figura retorica che consiste nell'esagerazione nella descrizione della realt tramite espressioni che l'amplifichino. Esempi quella macchina, la desidero da morire! il prezzo del petrolio schizzato alle stelle ti amo da morire ti stavo aspettando da una vita perdere quell'amichevole fu per noi una catastrofica sconfitta Dagli studiosi stato messo in luce che l'iperbole presuppone la "buona fede" di chi la usa: non si tratta infatti di un'alterazione della realt al fine di ingannare, ma, al contrario, allo scopo di dare credibilit al messaggio attraverso un eccesso che imprima nel destinatario il concetto che si vuole esprimere. Un'iperbole che ha forma di paradosso l'adynaton. La figura retorica contraria dell'iperbole l'understatement. Troviamo numerose iperboli in Arietta, un poema di Arnaut Daniel: ...Io sono Arnaldo, che corro con il vento, caccio con il bue la lepre e nuoto contro la marea montante... ...Sono io colui che adora la donna pi bella del mondo... 99. Ipnosi

Una seduta ipnotica di fine Ottocento Hypnotisk seans Hypnotic seance Konstnr: Richard Bergh, 1858-1919 Artist: Richard Bergh, 1858-1919 Mlad / painted in 1887 Olja p duk Oil on canvas Nationalmuseum, Stockholm http://www.nationalmuseum.se/ Se per mezzo dell'ipnosi lo spirito cosciente fosse indotto al sonno e fosse al tempo stesso risvegliata la sua parte subcosciente, il problema sarebbe risolto, le carceri della mente spalancherebbero le loro porte e i prigionieri ritornerebbero alla luce del sole. (Jack London) L'ipnosi un fenomeno psicosomatico che coinvolge cio sia la dimensione fisica, sia la dimensione psicologica del soggetto. una condizione particolare di funzionamento dell'individuo che gli consente di influire sulle proprie condizioni sia fisiche, sia psichiche e sia di comportamento.In particolare "oggi sappiamo che l'ipnosi non altro che la manifestazione plastica dell'immaginazione creativa adeguatamente orientata in una precisa rappresentazione mentale, sia autonomamente (autoipnosi), sia con l'aiuto di un operatore con il quale si in relazione". [1] inoltre opportuno differenziare i termini: "ipnosi" e "ipnotismo" intendendo con "ipnosi" lo stato particolare, psicofisiologico (trance) del soggetto e con "ipnotismo" la metodica e le tecniche impiegate dall'ipnotizzatore per realizzare l'ipnosi. Attraverso l'ipnosi o l'autoipnosi possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva del soggetto. In termini scientifici di solito si tende a restringere il campo di definizione dell'ipnosi alla gestione consapevole di tale processo. Attualmente l'ipnosi impiegata scientificamente in ambito terapeutico (ipnoterapia o meglio, ipnositerapia) e nella ricerca clinica. Etimologia Il termine "ipnosi" (dal greco "hypnos", sonno) fu introdotto da James Braid nella prima met del 1800 per le analogie che a quel tempo sembravano esserci fra le manifestazioni del sonno fisiologico e quelle che

si avevano in quella condizione particolare che si pensava creata dai magnetizzatori. Oggi sappiamo che il sonno non ha nulla a che fare con l'ipnosi. Il termine "ipnosi" non certo quello pi adeguato per sintetizzare e descrivere quanto avviene in quella condizione particolare di funzionamento dell'organismo umano detta ipnosi. In detta condizione sono coinvolti aspetti neuro-psico-fisiologici particolari, una relazione interpersonale, e l'impiego di potenzialit specifiche del soggetto (lo stesso Braid nel 1847 sostitu il termine ipnosi con monoideismo. Diverse sono ancora oggi le teorie e le interpretazioni del fenomeno che si confrontano. In termini neurofisiologici l'ipnosi viene interpretata come condizionamento, apprendimento, inibizione ed eccitazione corticale e in termini psicologici, interpretata come rapporto interpersonale, come suggestione, come gioco di ruoli, come regressione e come transfert; e alcuni addirittura sostengono che l'ipnosi non esista in quanto per spiegare i fenomeni osservati non necessario ricorrere al concetto di ipnosi. Tutti punti di vista plausibili e tutti rientranti in ci che oggi sappiamo essere l'ipnosi. L'ipnosi non altro che "la manifestazione plastica dell'immaginazione creativa adeguatamente orientata". Quest'ultima la definizione fatta propria dal CIICS (Centro Italiano di Ipnosi Clinica e Sperimentale). Con la conoscenza sempre pi approfondita del fenomeno, nel tempo, sono stati proposti da autori diversi neologismi sostitutivi del termine "ipnosi", ma nessuno finora ha avuto fortuna come il vecchio termine. Il concetto che si avvicinava di pi a quello che oggi si pensa sia l'ipnosi, forse quello proposto da A. Romero nel 1975 di "eidosi", fatto derivare dal greco idos (aspetto, figura). Un termine pi adeguato a definire il fenomeno certamente geniosi[2], termine composto da "genio" dal latino genius, sanscrito gnya ("forza naturale", dalla radice gn: generare, produrre), e dal suffisso osi che aggiunto a sostantivi o a confissi, forma sostantivi che indicano un processo, una condizione. In sintesi con geniosi viene intesa quella forza naturale dell'immaginazione creativa che produce effetto attraverso un dinamismo che pu essere consapevolmente gestito. Storia Lipnosi intesa come potenzialit della mente umana pare essere impiegata fin dallantichit; C.Muses (1972) scrive di aver trovato un antica registrazione di una seduta ipnotica nella incisione di una stele egiziana risalente al regno di Ramsek Xll della XX Dinastia (circa 3.000 anni fa)[3].Prima delle ricerche di Franz Anton Mesmer (1734 1815) tutti i fenomeni che oggi possono essere fatti rientrare in specifiche potenzialit dell immaginazione erano considerati isolatamente come manifestazioni divine o diaboliche, oppure il risultato di pratiche magiche.Mesmer formul la teoria del magnetismo animale (1779), ma tale teoria fu condannata dallAccademia delle Scienze e dalla Facolt di Medicina di Parigi (1784).Un importante revisione delle teorie di Mesmer fu proposta dal medico inglese J. Braid (1785-1860). J.Braid diede un'interpretazione fisiologica al fenomeno studiato e introdusse il termine ipnosi, derivato dal greco ypns

sonno.Gli sviluppi successivi di interpretazione dellipnosi si devono ai lavori di A.A. Libeault (18231904), un medico di Nancy e di H. Bernheim (18371919) famoso neurologo parigino che insieme fondarono la Scuola di Nancy.La scuola di Nancy si trov a dover opporre studi e teorie sullipnosi, alla scuola di Jean-Martin_Charcot (1825-1893) che operava allOspedale della Salpetrire di Parigi.Mentre per la scuola di Nancy l'ipnosi era un fenomeno psicologico normale e tutti i suoi fenomeni potevano essere spiegati con la suggestione, JeanMartin_Charcot considerava lipnosi un fenomeno patologico, una nevrosi isterica artificiale.Di ipnosi se ne occup anche Sigmund Freud (1856-1939) ma la transitoriet dei risultati terapeutici, la laboriosit dei procedimenti ipnotici; la limitazione delle applicazioni terapeutiche; e forse non ultimo, lindividuazione da parte sua di un misterioso elemento di natura sessuale, spinsero Freud ad abbandonare lipnosi e a creare un nuovo metodo: la psicoanalisi.Con la morte di Jean-Martin_Charcot (1893) e linizio della psicanalisi cominci per lipnosi un periodo di decadenza.Un certo risveglio di interesse per lipnosi si ebbe durante la prima guerra mondiale quando con tale metodo si iniziarono a trattare le nevrosi traumatiche di guerra, ma soltanto dopo la seconda guerra mondiale latteggiamento della scienza ufficiale nei confronti dellipnosi miglior. In particolare in questo periodo il dottor Milton Erickson (Nevada, 5 Dicembre 1901 Arizona, 25 Marzo 1980 ), che fu presidente e fondatore della Societ Americana di Ipnosi Clinica e membro della Associazione Americana di Psichiatria, della Associazione Americana di Psicologia e della Associazione Americana di Psicopatologia, svilupp un'ipnoterapia chiamata ipnosi ericksoniana, che permette di comunicare con l'inconscio del paziente. Questo tipo di ipnosi molto simile ad una normale conversazione ed induce una trance ipnotica nel soggetto (L`ipnosi non esiste, tutto e` ipnosi, affermava).Nel 1949 venne fondata negli USA la Society for Clinical and Experimental Hypnosis; e nel 1959 divenne Societ internazionale.Nel 1957 venne fondata una seconda societ lAmerican Society of Clinical Hypnosis. In particolare nel 1958 I'American Medical Association riconobbe lipnosi come legittimo metodo di cura in medicina e in odontoiatria.Nel 1969 lAmerican Psycological Association cre una sezione di psicologi che si interessavano prevalentemente di ipnosi.In Inghilterra, nel 1955 la British Medical Association riabilit ufficialmente lipnosi. In Italia la prima Associazione scientifica per lo studio e lapplicazione dellipnosi: A.M.I.S.I. (Associazione Medica Italiana per lo Studio dellipnosi), si costitu nellaprile del 1960. Potenzialit Molte sono le potenzialit dellipnosi documentate scientificamente. Il soggetto in ipnosi pu modificare la percezione del mondo esterno; pu percepire stimoli che in realt non ci sono e non percepire quelli che sono presenti; pu distorcere percezioni di stimoli effettivamente esistenti creando illusioni. In ipnosi possibile modificare il vissuto sensoriale; il vissuto di schema corporeo e in particolare possibile un controllo del dolore. Il soggetto in ipnosi pu orientare

con facilit la propria introspezione nei diversi settori del suo organismo, pu ampliare o ridurre le sensazioni che provengono dallinterno del suo corpo, pu alterare i parametri fisiologici avvertibili come il battito cardiaco, il ritmo respiratorio, la temperatura cutanea. Con l'ipnosi possibile entrare nella propria storia e variare i criteri di elaborazione dellinformazione in ingresso; possibile modificare i significati che il soggetto ha dato in passato alle sue esperienze fruendo delle alternative che possedeva. Si possono ottenere dei cambiamenti nella continuit della memoria (amnesie parziali o totali). inoltre possibile accentuare la possibilit di ricordare; possibile che il soggetto ricordi esperienze anche molto remote.I meccanismi psicodinamici regolatori del comportamento sono pi accessibili e le resistenze sono pi facilmente superate. In ipnosi variano i parametri di valutazione spaziotemporali e la valutazione critica. Le emozioni sono una risposta dellorganismo a momenti dell'esistenza. Mentre nello stato di veglia il controllo volontario delle emozioni pare essere un compito particolarmente arduo, in ipnosi queste possono essere modificate sia nella direzione dellaccentuazione sia nella direzione opposta della riduzione; e vi inoltre la possibilit di passare repentinamente da un'emozione allaltra in relazione ai suggerimenti che vengono impartiti dall'ipnotista.Attraverso l'ipnosi il soggetto pu apprendere a smorzare la sua risonanza emotiva. Il senso dellIo pu essere distaccato da un'ampia variet di tipo di informazioni e situazioni ai quali normalmente applicato. In un soggetto in regressione d'et lemergere di un ricordo con tonalit affettiva particolarmente coinvolgente pu essere vissuto non come esperienza propria ma semplicemente come informazione neutra attinta dalla memoria. Il senso dellIo pu anche essere distaccato dal proprio corpo come avviene per la non percezione del dolore.In ipnosi esiste la possibilit di alterare la qualit e la quantit del controllo della muscolatura volontaria, della motilit e in particolare di modificare alcune modalit di funzionare del nostro organismo, credute al di fuori di ogni controllo volontario, quali quelle del sistema neurovegetativo, del sistema neuroendocrino e del sistema immunitario. Tutte le possibilit di comportamento elencate non possono essere ovviamente pensate come realizzabili allo stesso livello da tutti i soggetti, almeno immediatamente, in quanto sono coinvolti predisposizione genetica e tempi di apprendimento. Tecniche Le tecniche di gestione dellipnotismo, specialmente in ambito terapeutico, sono modificate nel tempo in relazione alla maggior conoscenza e ai diversi criteri di interpretazione del fenomeno. Si transitati dai "passi" di F. A. Mesmer, dalle tecniche che cercavano di indurre rilassamento e sonno, dalle suggestioni dirette alla eliminazione dei sintomi, per giungere con Milton Erickson e altri studiosi alle elaborate tecniche di visualizzazioni guidate e di regressioni di et orientate alla definizione e rielaborazione delle dinamiche inconsce per finalit psicoterapeutiche.Le tecniche elaborate nel tempo sono state verbali, gestuali, attive, passive, di tensione, di rilassamento, dirette, indirette, mascherate, esplicite, accompagnate da comunicazioni

visive, tattili, sonore e posturali.Oggi che lipnosi non pi solo interpretata come uno stato rigido da ricercare (trance) per poi inserire suggestioni, ma come un modo di funzionare dinamico caratterizzato dallabilit del soggetto a realizzare ideoplasie (monoideismi plastici) attraverso lorientamento adeguato della propria rappresentazione mentale, si sono ben definiti i criteri per lelaborazione di tecniche efficaci. necessario che lipnotista abbia ben chiaro e ben definito lobiettivo da raggiungere, ossia qual lidea che deve esprimersi plasticamente, qual il comportamento da realizzare e qual la rappresentazione mentale che li definisce in maniera adeguata. Lidea da realizzare deve essere fatta propria dal soggetto con cui si opera perch possa attivarsi il dinamismo atteso.Perch la rappresentazione mentale possa essere espressa in termini fisici e/o di comportamento deve essere "carica della valenza giusta" (credenza, motivazione, aspettative, orientamento e attenzione). Un ulteriore accorgimento, che, ovviamente, lazione definita dallobiettivo deve essere di possibile realizzazione per il soggetto in virt della sua costituzione psicofisica e delle sue potenzialit di apprendimento. Applicazioni Le fonti pi remote, nelle diverse culture, che fanno pensare all'uso dell'ipnosi in ambito terapeutico illustrano tale impiego prevalentemente rivolto al controllo del dolore, quindi come metodica analgesica. Da quando l'ipnosi maggiormente conosciuta come modalit particolare del funzionare umano, che pu essere tecnicamente controllata da esperti professionisti, utilizzata in ambito extraterapeutico nello spettacolo, nello sport e nella ricerca, e in ambito terapeutico nelle diverse specializzazioni della medicina, della psicologia clinica e dell'odontoiatria. Viene sempre pi utilizzata con buoni risultati nel controllo delle emozioni (disturbi d'ansia, attacchi di panico, rabbie, tristezze, e delle dipendenze (alcol, fumo, droghe), attraverso le varie forme di psicoterapia e ipnositerapia. impiegata in ostetricia nella preparazione e nella conduzione del parto, in odontoiatria nelle varie fobie da studio dentistico e come analgesico, in dermatologia nelle diverse forme di malattie psicosomatiche, e negli ultimi anni anche in oncologia come strumento del sostegno psicologico (quando impiegata come tecnica di rilassamento) e nella eliminazione degli effetti collaterali alle diverse terapie quali la nausea, il vomito, l'eccessiva stanchezza e ovviamente nella gestione delle diverse emozioni negative. Ipnoterapia L'utilizzo dell'ipnosi nella terapia detta ipnoterapia, o meglio "ipnositerapia" (per evitare confusioni con la terapia del sonno) ed un lavoro clinico, ossia si tratta di impiegare lo stato e le dinamiche dell'ipnosi in una strategia terapeutica specifica delle diverse specializzazioni della medicina e delle diverse scuole di psicoterapia. Essa pu essere applicata solo da professionisti abilitati (medici, psicologi e odontoiatri). Negli USA e nel Regno Unito vi una specializzazione dedicata esclusivamente all'ipnoterapia. In Italia ci sono delle scuole di formazione post laurea in ipnosi che rilasciano attestati di ipnotista e scuole di

specializzazione in psicoterapia ipnotica. L'ipnositerapia attraverso le sue svariate metodiche, che spaziano dall'intervento diretto sul sintomo a sofisticate strategie di ristrutturazione di credenze e di personalit, pu essere utilizzata da molti specialisti nel contesto delle loro specifiche competenze. Psicoterapeuti e psichiatri possono impiegare l'ipnositerapia per intervenire nelle diverse forme di nevrosi, nei disturbi somatoformi, nelle diverse dipendenze (alcol, tabacco, droga), nei disturbi sessuali di origine psicogena, nei disturbi alimentari.Gli anestesisti nel controllo del dolore, nella preparazione agli interventi chirurgici e nel post operatorio.Gli ostetrici e i ginecologi nella preparazione e nella conduzione del parto e nei disturbi ginecologici psicosomatici.Gli odontoiatri nel controllo delle fobie, delle ansie e del dolore (ipnodontria).Gli oncologi possono impiegare l'ipnositerapia nelle diverse fasi della malattia, in alcuni momenti sar ipnositerapia di chiarificazione e di ristrutturazione psicologica di credenze false, in altri momenti sar ipnositerapia orientata alla gestione delle emozioni, alla realizzazione della calma e al potenziamento del sistema immunitario, in altri momenti ancora sar ipnositerapia di incoraggiamento e orientata al controllo del dolore fisico. Gli studi in psicobiologia ed in psiconeuroendocrinoimmunologia hanno dimostrato che possibile stimolare la risposta immunitaria per la cura di patologie della pelle e di allergie respiratorie. Ricerche scientifiche dimostrano una risposta immunologica anche nei tumori, con l'aumento dei linfociti T e NK, purtroppo in via del tutto temporanea, pertanto inutile ai fini terapeutici. La difficolt dell'ipnosi nel campo della PNEI stata determinata principalmente dalla difficile standardizzazione dei risultati, e da una ricerca con dei criteri applicativi non rigidissimi. Nella fattispecie, i risultati ottenuti si differenziano sia in base alla suggestionabilit del soggetto, che alle capacit del terapeuta. Ci comporta che due campioni differenti in termini di suggestionabilit, e due terapeuti differenti in termini di tecnica di induzione e carisma/capacit intrinseche comunicative-relazionali, potrebbero produrre risultati molto differenti. Ipnosi extraclinica Ipnosipedia L'ipnosipedia l'impiego dell'ipnosi nell'apprendimento. il suo impiego finalizzato ad aumentare la concentrazione, a realizzazione monoideismi che esaltino le capacit intellettuali e, attraverso suggerimenti post-ipnotici, possibile rafforzare la personalit ed aumentare la motivazione allo studio. Ipnosi nello sport Le tecniche ipnotiche sono, e sono state, molto utilizzate per la preparazione psicologica degli atleti in diverse discipline sportive [4].I risultati che si possono ottenere con l'impiego dell'ipnosi con gli atleti sono:1) il raggiungimento di rilassamento sia muscolare che mentale, il che favorisce il controllo del tono muscolare e dello stato emotivo,2) il controllo dell'ansia pre-

agonistica,3) il recupero della fatica fisica e mentale. Ipnosi per scopi militari Ipnosi nei programmi spaziali Ipnosi da palcoscenico Ipnosi nello studio di fenomeni paranormali Ipnosi extraclinica "illegale" Autoipnosi L'autoipnosi la realizzazione dello stato ipnotico su se stessi.In ambito clinico l'ipnotista impartisce al paziente delle istruzioni particolari affinch apprenda a entrare nello stato ipnotico autonomamente. All'inizio dell'apprendimento, per agevolare la realizzazione della trance, possono essere utili delle audiocassette con la voce registrata del terapeuta. Con l'allenamento e l'esperienza migliora sempre pi l'abilit del soggetto a realizzare l'ipnosi. L'autoipnosi pu essere utilizzata per gli stessi obiettivi per i quali impiegata l'ipnosi eterodiretta. Correzione di comportamenti inadeguati (mantenere una dieta, smettere di fumare ecc.), controllare emozioni (ansie varie), realizzare stati di distensione, terapia regressiva, etc.. Regressioni d'et e falsi ricordi Il problema dell'ipermnesia ottenuta tramite ipnosi, un problema dibattuto da molto tempo. L'ipnosi uno strumento in grado di ottenere dei risultati spettacolari, poco credibili ai non addetti ai lavori. possibile ad esempio recuperare ricordi precocissimi risalenti alle esperienze in utero e addirittura memorie che alcuni ricercatori fanno risalire ad esperienze di "vite passate". Sulle regressioni a vite passate, alle quali si accederebbe attraverso un percorso ipnotico a ritroso A.Pacciolla in un suo libro afferma che alcuni ricordi affascinanti delle vite trascorse, in realt sono solo il frutto della fantasia del soggetto in quanto, dopo aver cercato in biblioteche e in antichi documenti non ha trovato corrispondenza fra i racconti dei pazienti e i documenti rilevati n di luoghi, n di nomi, n di famiglie, n di abitazioni con i fatti raccontati. Di opposto parere sono altri ricercatori quali Ian Stevenson (1966), Brian Weiss, (1997] e Angelo Bona (2001), che hanno portato evidenze opposte.[5]Gli avvenimenti che un soggetto sollecitato a ricordare attraverso metodiche di regressione d'et in ipnosi espressione di quanto registrato come proprio vissuto e ci non detto che coincida con fatti "oggettivi", ma pu essere espressione delle sue elaborazioni conscie e inconsce; pertanto in ipnosi un soggetto pu ricordare degli avvenimenti che sono talvolta reali e talvolta frutto della sua fantasia anche se dal soggetto sono affermati come reali. Per tale ragione sul piano giuridico le testimonianze ottenute tramite ipnosi non hanno valore, e per la stessa ragione potrebbero essere di fantasia i ricordi ottenuti con l'ipnosi di rapimenti da parte di extraterrestri e esperienze di vite passate.In Svezia stato creato un reality in cui sono stati sottoposti ad ipnosi da un ipnoterapeuta di fama alcuni personaggi comuni con lo scopo di verificare se le

esperienze delle vite passate vissute dai pazienti sottoposti ad ipnosi fossero immaginarie o reali cercando di verificare quanto pi possibile nelle zone "vissute in altre vite" e se c'erano anche altri dati verificabili. Spesso sono state riscontrate verit sorprendenti con corrispondenze esatte di vecchie chiese e con nomi (marito/sposa) verificati su vecchi registri. La trasmissione/reality si intitolava "Backtrack Sweden" ed stata tradotta anche in Italiano dall'emittente satellitare Sky ("Backtrack Sweden Tracce dal passato"). Pregiudizi Fra i pregiudizi diffusi sull'ipnosi (da cui derivano le riserve di alcuni pazienti) vi quello secondo cui essa consentirebbe il controllo della mente e la perdita di coscienza. Questa idea, che corrisponde all'immagine dell'ipnosi riportata pi frequentemente nella narrativa, nel cinema, nella fiction, e sopratutto in televisione, fuorviante. Pi corretto dire che l'ipnosi fa vivere al soggetto un'esperienza immaginaria o allucinatoria, senza tuttavia modificarne la personalit (e quindi, per esempio, la volont o i principi morali). Giuridicamente sono contemplati i reati con l'ipnosi, intendendo con ci quei casi in cui si induca con la suggestione un soggetto a compiere un illecito. Esempio: un ipnotista suggestiona un individuo in modo da fargli credere che egli nel proprio letto armato di un coltello, e che la persona che ha di fronte un malvivente che ha appena ucciso la sua famiglia e ora vuole uccidere anche lui. La responsabilit di un'azione simile di chi ha indotto la suggestione. Ipnosi sperimentale La fenomenologia ipnotica contribuisce non poco alla conoscenza dello strumento cervello che abbiamo a disposizione e, come avviene notoriamente in medicina, alla quale fa dispetti realizzando fenomeni per questa inspiegabili, altrettanto permette di gettare lumi nelle altre branche del sapere per reinterpretare, correggere o rigettare credenze superate. Innanzitutto lipnosi scopre che i due emisferi cerebrali non ripetono pedissequamente le stesse funzioni psichiche, ma ciascuno ha le sue proprie. Senza questo non sarebbe esistita n la stessa ipnosi (che realizza i fenomeni solo dopo avere messo a riposo lemisfero cerebrale dominante) e n il conseguente uso terapeutico. In trance si lavora servendosi dellesperienza del soggetto. Questa risulta essere registrata nella psiche come parola nellemisfero dominante e come emozione nellaltro. Il terapeuta usando la parola richiama lemozione annessa e utilizza lenergia psicodinamica per realizzare il contenuto delle suggestioni secondo il principio del monoideismo ideoplastico, oppure la riduce mediante catarsi per eliminare i suoi effetti patologici. Il fenomeno del potenziamento della memoria permette di far affiorare dai meandri delle circonvoluzioni cerebrali (l'inconscio) ricordi di ogni tipo, di cui tanti si riferiscono ad esperienze non fatte direttamente dal soggetto. Siccome la scienza ammette che per es. gli istinti sono trasmessi geneticamente, si pu ammettere che altrettanto geneticamente si riceve tutta lesperienza dei nostri avi. Ci spazza via la credenza

della metempsicosi e delle vite precedenti vissute e il famoso mondo iperuranio di Platone; getta luce sullo In interiore hominis habitat veritas di Sant'Agostino d'Ippona e su quei filosofi che attribuivano la forma delle cose alla mente di Dio. I suddetti ricordi remoti affiorano come immagini, visualizzazioni od allucinazioni (tutte site nellemisfero destro). Sia quelle dei sogni che quelle riferite in ipnosi sono registrazioni di esperienze vere (fatte dal soggetto o da chi gliele ha trasmesse). La fantasia usa spezzoni di immagini assemblate dalla funzione creativa della persona. I sogni freudiani pescano nellesperienza di ogni tempo, presente nella memoria. Quando in terapia ipnotica si usano immagini (anche costruite) come suggestioni, queste realizzano il loro contenuto reale in periferia secondo il principio del monoideismo ideoplastico, per cui si pu affermare che non esistono parole o immagini astratte (flatus vocis di Roscellino) ma ognuna di esse rappresenta esperienze vere. Da ci la psiconeurolinguistica ha dedotto che lavorare con la parola equivale a lavorare sulla realt cos come lavorare sulla mappa equivale a lavorare sul territorio. Questa concezione porta a rivedere che cosa scienza e cosa non lo . Il campo della scienza si allarga a ci che non pu essere sperimentato con i sensi e gli strumenti che li aiutano. Sparisce o quasi la metafisica, lepistemologia sostituisce la verificazione (quando impossibile) con la falsificazione di Popper. Adottando il metodo ipotetico-deduttivo si possono impostare e dimostrare validamente molte teorie scientifiche. Gli elementi della tavola di Mendeleev furono prima ipotizzati e poi puntualmente trovati al loro posto. Lo stesso Fermi ipotizz lesistenza del neutrino venti anni prima che fosse scoperto. Oggi i medici dellevidenza negano proprio la fenomenologia ipnotica perch disdegnano il metodo ipotetico-deduttivo utilizzato dai fisici, scienziati per eccellenza, per interpretarla. I filosofi nel tempo si sono divisi il cervello: gli idealisti hanno usato lemisfero destro, gli empiristi quello sinistro. I teologi infine possono intuire lesistenza di Dio e farla oggetto di fede con lemisfero destro, ma quando espongono con la logica dellemisfero sinistro quanto hanno intuito non convincono nessuno o quasi perch lemisfero sinistro semina dubbio. Aspetti psicobiologici dell'Ipnosi Psicobiologia ed ipnosi Nel campo della fenomenologia ipnotica la psicobiologia anche la scienza che si interessa dei rapporti tra psiche e soma mettendo in evidenza vie e mezzi attraverso cui essi si realizzano. Partendo dal dato di fatto che lemisfero cerebrale sinistro lemisfero della logica ed il destro quello dellemozione, lesperienza nellemisfero sinistro registrata preminentemente come parola, nellemisfero destro conservata come emozione. Ci viene descritto ed illustrato da R. Shone nelle pagine 31-33 del libro "La tecnica dell'autoipnosi" - Astrolabio - 1994 riportando un esperimento fatto su un soggetto che aveva subto la resezione dei peduncoli cerebrali del corpo calloso. Il nostro psichismo dispone di una energia vitale complessiva da cui originano le cariche psicodinamiche che esplicano, secondo la loro natura, una azione favorevole o meno sull'organismo. Le

parole, le idee, le immagini, le emozioni, man mano che entrano a far parte del vissuto e quindi dell'esperienza della persona, provocano una eccitazione psichica ed acquisiscono una carica psicodinamica che ne ricalca il significato. Tale carica pu essere utilizzata, secondo il principio dei riflessi condizionati, usando come stimolo suggestivo proprio la parola o l'immagine o l'emozione, che lhanno realizzata. L'idea di benessere utilizza l'energia insita in essa per realizzare la sensazione di benessere. L'idea di paura utilizza la sua energia per realizzare una sindrome fobica. L'idea di levitazione e di trascinamento di un braccio in alto determina il suo alleggerimento e sollevamento verso l'alto. E cos pu dirsi per ciascuna altra idea o immagine o parola suggestiva. Nel momento in cui una persona richiama alla sua mente una idea e la mantiene per un po' di tempo, questa idea realizza il suo contenuto (monoideismo ideoplastico). una legge dellinterazione mente-corpo trasformare in azione le cariche contenute nelle idee. Se si sottopone allattenzione di una persona in trance una idea che richiama una carica psicodinamica da cui ci si aspetta una determinata azione, questa, dopo un tempo di latenza ragionevole, si realizza, come ci si attendeva. Le parole, le idee, le immagini richiamano e mobilitano nel cervello psichico le energie che ricalcano, le quali, a loro volta, danno origine ad eventi a catena per evidenziare unazione a livello periferico. Durante lo stato ipnotico si pu influire su tutte le funzioni dell'organismo abolendole, inibendole, potenziandole o normalizzandole. Le vie di cui la mente si serve per influire sul somatico, sul viscerale o sull'umorale sono le stesse di cui si serve lo stress per provocare i suoi effetti. Dal punto di vista neurofisiologico, la mente comunica col corpo principalmente attraverso il sistema ipotalamo-limbico, centro di affluenza di stimoli provenienti dal talamo e quindi dalla corteccia, dal sistema limbico e dal sistema reticolare. L'ipotalamo poi funziona come un trasformatore di energia perch trasforma l'informazione neuronale (fornita di energia psichica) in informazione neurormonale che mediante messaggeri smistano le informazioni in periferia. Tutte le strutture sono collegate tra loro sia mediante fibre nervose che mediante ormoni, neuropeptidi, neurotrasmettitori, che interagiscono tra loro mediante uno sviluppato comportamento a feedback. Il funzionamento del sistema nervoso autonomo porta in periferia l'informazione in maniera digitale (mentre quella di ormoni, peptidi e mediatori di tipo analogico). Attraverso queste vie si possono ottenere risultati terapeutici significativi. Gli esperimenti condotti in ipnosi tengono conto delle conoscenze scientifiche attuali, in particolar modo di quelle psicobiologiche che riguardano i mediatori che portano i messaggi in periferia. Ci permette di reinterpretare tutta la fenomenologia e le relative risposte terapeutiche, per renderle utilizzabili dalla classe medica. Note ^ Casiglia E.et al.Ipnosi sperimentale e clinica Bassano del Grappa, Editrice Artistica Bassano, 2006, p.42 ISBN 88-85349-26-9. Veneto Ipnosi Atti del Convegno Universit

degli Studi di Padova - Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale e Centro Italiano di Ipnosi Clinica e Sperimentale, Padova, 26-27 gennaio 2007. ^ Tirone G. Il potere della parola nella relazione d'aiuto psicologico. Gniosi e Counseling, Torino, Libreria Editrice Psiche, 2005, p.6 ISBN 88-85142-77-X. ^ Muss C.Trance-induction techniques in ancient Egypt,in Muss C. e Yung A.M. (a cura di)Consciousness and Reality. New York, Outerbridg and Lazard, 1972. pp.9-17 ^ Tamorri S.Neuroscienze e Sport, Torino, UTET, 1999,ISBN 8802055254. ^ Stevenson I.Reincarnazione 20 casi a sostegno,Milano,Armenia,1975.Weiss B. Molte vite un'anima sola, Milano, Mondadori, 2007, EAN 9788804551119.Bona A. Vita nella vita. Ipnosi regressiva e vite precedenti. Roma, Mediterranee, 2001.

Bibliografia Theodore X. Barber. et al. Ipnotismo immaginazione potenzialit umane. Padova, Piccin Editore,1980, ISBN 8821207978 Franco Granone. Trattato di Ipnosi. Torino, UTET, 1989, ISBN 8802042942 Milton H. Erickson. Opere. Roma, AstrolabioUbaldini, 1982, ISBN 8834007352 Giuseppe Tirone. Ipnosi: Un potenziale dell'uomo. Torino, Centro scientifico Torinese, 1983, ISBN 8876400192. Alfonso Siani, "Manuale di Ipnosi", Pavia, Selecta Medica, 2000. Alfonso Siani, "L'Autoipnosi". Milano, Editrice Nuovi Autori, 1997. Alfonso Siani, "Autoipnosi". Pavia, Selecta Medica, 2004. Voci correlate Ipnoterapia Psicoterapia Suggestione trance Collegamenti esterni (EN) Ricerca scientifica sull'ipnosi Associazioni Council of Professional Hypnosis Organizations (Internazionale) European Society of Hypnosis (ESH) International Society of Hypnosis (ISH) Associazioni britanniche British Association Hypnotists Associazioni italiane of Therapeutical

Associazione Italiana di Analisi e Modificazione del Comportamento e Terapia Comportamentale e Cognitiva Associazione Medica Italiana per lo Studio della Ipnosi Centro Italiano di Ipnosi Clinica e Sperimentale

sangue nelle parti pi basse del corpo; si osserva specialmente nei cadaveri. 101. Ipotassi Lipotassi (dal greco hyp, 'sotto' e txis, 'disposizione') la strutturazione sintattica per cui il periodo caratterizzato da diversi livelli di subordinazione. Si contrappone alla paratassi. Esempio di ipotassi dal "Canto notturno di un pastore errante nell'Asia", di Giacomo Leopardi: - Dimmi: perch giacendoa bell'agio, ozioso,s'appaga ogni animale; "Dimmi" la proposizione principale, "perch s'appaga..." una subordinata di primo livello, "giacendo" una subordinata della precedente, quindi di secondo livello. 102. Ipotiposi L'ipotiposi (dal greco hypotpsis, abbozzo, esposizione sommaria, derivato da hypotyp, plasmo, abbozzo), una figura retorica di pensiero che consiste nel descrivere una persona, un oggetto, un avvenimento o una situazione con una tale vivacit e ricchezza di particolari da offrirne quasi una rappresentazione visiva. 103. Ironia L' ironia, a differenza del comico e del riso, contemporaneamente un tema, una struttura discorsiva ed una figura retorica[1][2][3]. In senso freudiano l'ironia consiste nell'esprimere idee che violano la censura dei tab. In alcuni casi consiste nel far intendere una cosa mediante una frase di senso esattamente opposto. Ne sono alcuni esempi: "Che bell'auto!" di fronte ad un catorcio "Hai avuto proprio un'idea geniale!" nel caso in cui una decisione abbia avuto effetti disastrosi. Numerosissimi sono gli utilizzi a cui questa figura retorica, e le sue derivazioni, si prestano nel mondo della comicit e ancor pi specificatamente nella satira. Il termine generalmente viene associato inoltre al sarcasmo, presentando nella mentalit volgare significati affini se non proprio sinonimi. In realt i due termini si differenziano molto tra loro, una distinzione da prendersi in considerazione la propone Stefano Floris nel suo libro. Ironia socratica L'ironia socratica[2] consiste storicamente nella pretesa del filosofo Socrate di mostrarsi ignorante in merito ad ogni questione da affrontare, ci che costringe l'interlocutore a giustificare fin nei minimi dettagli la propria posizione (il che lo conduce sovente a rilevarne l'infondatezza ed il carattere di mera opinione). Ci coerentemente con il metodo socratico, che conduce l'interlocutore a trovare da solo le risposte alle proprie domande piuttosto che affidarsi ad una autorit

Associazioni statunitensi American Board of Medical Hypnosis American Council of Hypnotist Examiners American Hypnosis Board for Clinical Social Work American Psychological Association, Division 30 Psychological Hypnosis American Psychotherapy and Medical Hypnosis Association National Board for Certified Clinical Hypnotherapists National Guild of Hypnotists Society of Clinical and Experimental Hypnosis 100. Ipostasi L'ipostasi (dal greco hypostasis, sostanza, da hypo, sotto, e stasis, stare), nella filosofia neoplatonica e in Plotino, la generazione gerarchica delle diverse dimensioni della realt appartenenti alla stessa sostanza divina, la quale crea ogni cosa per emanazione. Nelle Enneadi, le ipostasi sono le tre sostanze principali del mondo intelligibile: l'Uno; l'Intelletto, che procede dall'Uno; e l'Anima, che procede dall'Intelletto. Nel cristianesimo, il concetto neoplatonico di ipostasi svolse un ruolo fondamentale nella formulazione della dottrina trinitaria: i caratteri specifici di Padre, Figlio e Spirito Santo furono definiti come ipostasi (sostanza personale): il termine ipostasi fu consacrato dal concilio di Calcedonia (451) che afferm l'esistenza in Cristo di un'unica ipostasi-persona in due nature. Nella religione cristiana si pu intendere con ipostasi anche il processo attraverso il quale dal concetto assoluto di Dio si fa derivare necessariamente la sua esistenza sostanziale.Questo concetto si tramand nella filosofia scolastica, dove indic ogni genere di sostanza individuale, in opposizione alla sostanza in generale, ma fu successivamente abbandonato.Nella filosofia moderna il termine indica, in senso negativo, un concetto astratto al quale si conferisce indebitamente una portata ontologica o, pi genericamente, l'assolutizzazione di un principio relativo ("ipostatizzazione"). In linguistica, per estensione, il termine indica il passaggio di una parola da una categoria grammaticale a un'altra. Come figura retorica indica la concretizzazione e personificazione di un concetto astratto. In genetica, l'ipostasi la condizione relativa alla repressione della manifestazione di un gene da parte di un altro non allelico con il primo. In medicina, il termine ipostasi indica il ristagno del

intellettuale in grado di offrire risposte preconfezionate. La parola greca eirnea si riferisce appunto ad una tale dissimulazione, che Socrate eleva a metodo dialettico. Essa implica l'assunzione di una posizione scettica, un atteggiamento di rifiuto del dogma e di ogni convinzione che non basi la sua validit sulla ragione. Curiosit Nel romanzo Il nome della rosa di Umberto Eco viene affrontato il tema dell'ironia definendola figura di pensiero, che si deve sempre usare facendola procedere dalla pronunciatio, che ne costituisce il segnale e la giustificazione. Note

disiunctio, se i membri constano di sinonimi: Chiedeva compassione, invocava piet, supplicava clemenza. La disiunctio un fenomeno della variatio. Se alla sinonimia, cio all'equivalenza dei significati, subentrasse l'uguaglianza dei membri, la disiunctio diventerebbe una forma di repetitio.

Voci correlate figura retorica repetitio variatio 105. Kenning

^ Maria Cerullo, L'ironia, il comico e la sospensione di senso ne 'La Maison Tellier' di Maupassant, Bouquets pour Hlne, 1, 2007-02-05, [1] ^ a b Kierkegaard,Il concetto d'ironia in costante riferimento a Socrate, tesi pubblicata nel 1841 ^ Ph. Hamon, L'Ironie littraire, Paris, Hachette, 1996. 4. Stefano Floris, L'Ironia, ovvero la filosofia del buonumore, Marco Valerio Edizioni 2003

Voci correlate Metodo socratico Socrate Platone Scetticismo Dogma 104. Isocolon L'isocolon (dal greco iskolon, composto da isos, uguale, e klon, membro), detto anche parallelismo o parisosi, una figura retorica che consiste nella perfetta equivalenza della struttura sintattica, dell'ampiezza e del ritmo tra due o pi membri di un periodo. Se i membri sono due, chiamata anche bipartizione. Un esempio lo slogan pubblicitario Compri tre, paghi due, in cui i membri della figura sono disposti secondo un'antitesi. Altre volte i membri possono essere disposti in forma di chiasmo.Un parallelismo di tre membri detto tripartizione o tricolon; quadripartizione o tetracolon se i membri sono quattro, come in D'Annunzio:Era calcina grossa, e poi era terra cotta, e poi pareva bronzo, e ora cosa viva. L'isocolon pu essere classificato in questo modo: subiunctio o subnexio, se i membri coordinati sono frasi intere, sintatticamente autonome: Chi siamo, donde veniamo, dove andiamo? adiunctio, se i membri (coordinati) non sono autonomi sintatticamente. In questo caso la figura un tipo di zeugma: Mi sembra ignobile il proverbiale non vedere, non sentire, non parlare.

In letteratura, e in particolare nella letteratura medioevale norrena, una kenning (plurale: kenningar) una frase poetica che sostituisce, rimpiazzandolo con una metafora, il nome di una persona o di una cosa. Per esempio, il mare veniva spesso indicato nella letteratura inglese antica con frasi come sel-rd ("strada delle vele"), swan-rd ("strada dei cigni"), o hwl-we ("via delle balene"; quest'uso si trova anche in Beowulf, nella forma hronrde, "strada delle balene"). La parola kenning deriva dal norreno kenna eitt vi, "esprimere una cosa in termini di un'altra". La letteratura norrena, anglosassone e celtica fanno larghissimo uso di questo artificio; associate con la pratica dell'allitterazione, molte kenningar sono divenute formule tradizionali riproposte attraverso i secoli da diversi autori. La comprensione delle kenningar spesso molto difficile per il lettore moderno, soprattutto perch lo sviluppo della metafora implica riferimenti anche molto specifici a episodi della mitologia. La poesia degli scaldi particolarmente nota per l'uso frequentissimo di kenningar, talvolta anche combinate in un catene di sostituzioni successive, con risultati spesso ancora pi oscuri per il lettore inesperto. Cos, per esempio, la "danza del verme della rugiada del massacro" la battaglia, perch "la rugiada del massacro" il sangue, "il verme del sangue" la spada, e la "danza delle spade" la battaglia. L'Edda in prosa di Snorri Sturluson mostra chiaramente l'importanza di questo artificio letterario nel mondo norreno: si tratta infatti di un testo inteso come "manuale di riferimento" per aspiranti poeti, e ha lo scopo principale di spiegare l'origine e il significato di molte kenningar tradizionali. Kenningar moderne Sebbene il termine kenning sia usato nel contesto dello studio della letteratura norrena, si pu affermare che lo stesso meccanismo ancora in uso oggi; per esempio, nell'inglese moderno, the devil's dandruff ("la forfora del diavolo") una espressione spesso usata per indicare la cocaina. Voci correlate Sineddoche Metonimia Metafora

106. Lassa Questa voce di letteratura non ancora formattata secondo gli standard: contribuisci a migliorarla seguendo le convenzioni di Wikipedia e del Progetto letteratura. La Lassa una strofa tipica della poesia medievale (in genere tipica della poesia in "lingua d'oc") costituita da un numero variabile di decasillabi, uniti da una medesima rima o, molto pi spesso, assonanzati. In lasse erano composte le Chansons de geste. In Lasse era composta ad esempio la Chanson de Roland: Carles li reis, nostre emper[er]e magnes Set anz tuz pleins ad estet en Espaigne:Tresqu'en la mer cunquist la tere altaigne. N'i ad castel ki devant lui remaigne; ( Chanson de Roland, I, 1-4) La lassa, sul modello francese, ha avuto una discreta fortuna anche da noi nei cantari italiani popolari. 107. Litote La litote una figura retorica che consiste nel dare un giudizio usando il termine contrario preceduto dalla negazione. Ad esempio una litote la frase "Quell'uomo non un genio", per indicare che una persona stupida. La litote pu anche essere per cos dire "positiva": affermare "questa non una pessima idea" significa approvarla. Generalmente per viene usata per rafforzare un giudizio negativo, lasciando in superficie una versione che sembra pi edulcorata. L'esempio tipico di litote probabilmente la definizione che Alessandro Manzoni d di Don Abbondio nei Promessi sposi: Don Abbondio (il lettore se n' gi avveduto) non era nato con un cuor di leone. Oppure un esempio si ha in Foscolo, nel suo sonetto A Zacinto:"...onde non tacque (litote)le tue limpide nubi (ossimoro) e le tue fronde (sineddoche)l'inclito verso di colui che l'acquecant fatali, ed..." A questi si aggiunge Alberto Moravia, che in ogni suo scritto (saggio o romanzo che fosse) ricorre molto spesso a questa figura retorica, tanto da tracciarne particolarmente lo stile compositivo. Voci correlate figura retorica eufemismo perifrasi ossimoro sineddoche 108. Metafora La metafora (dal greco , da metaphr, io trasporto) un tropo (una figura retorica che implica un trasferimento di significato), e si ha quando, al termine che normalmente occuperebbe il posto nella frase, se ne sostituisce un altro la cui "essenza" o

funzione va a sovrapporsi a quella del termine originario creando, cos, immagini di forte carica espressiva. Differisce dalla similitudine per l'assenza di avverbi di paragone o locuzioni avverbiali ("come"). La metafora non totalmente arbitraria: in genere si basa sullo stabilimento di un rapporto di somiglianza tra il termine di partenza e il termine metaforico, ma il potere comunicativo della metafora tanto maggiore quanto pi i termini di cui composta sono lontani nel campo semantico. Esempi di metafora L'Amazzonia il polmone del mondo Voi siete il sale della terra (Vangelo secondo Matteo: 5,13) "Anche un uomo tornava al suo nido" (Giovanni Pascoli, X Agosto) La metafora in semantica In semantica la metafora pi propriamente il processo per cui una parola si arricchisce di nuovi significati, per estensione. Ad esempio, la parola vite indica l'utensile vite per analogia con la pianta vite (per somiglianza tra la filettatura dell'utensile e il viticcio della pianta). Spesso tali meccanismi sono fossilizzati nel lessico e non sono avvertiti dal parlante, ma si possono ricostruire con lo studio dell'etimologia. La metafora in ipnosi La metafora uno strumento eccezionale a disposizione degli ipnositerapeuti per trasmettere all'inconscio le suggestioni (suggestione) terapeutiche. una figura retorica, in particolare un traslato, che consiste nell'usare un vocabolo o un'espressione per intendere un concetto diverso da quello che di solito esprimono: il nocciolo della questione. La metafora una parola che attribuisce ad un soggetto il carattere posseduto da essa. Nella frase "Giovanni una pecora", al soggetto (Giovanni) viene attribuito il carattere indicato dalla parola pecora per significare che inoffensivo. La parola scelta significa letteralmente una cosa ma viene usata per trasferire le sue qualit ad un altro termine. La metafora facilita la comprensione di ci che si vuol dire e semplifica il discorso eliminando un gran numero di parole per illustrare lo stesso concetto. La metafora identifica mediante un linguaggio figurato due cose, per es., tu sei un fiore. Tra il primo ed il secondo termine c' un predicato nominale. Tu sei come un fiore invece una similitudine. Oltre a questo, normalmente si intende per metafora ogni altra forma di espressione artistica, come la favola, la fiaba, il paragone, l'esempio, l'allegoria, il racconto, l'analogia, il paradosso, ecc., mentre tra i traslati, oltre alla metafora si annoverano la metonimia (ho letto Manzoni), la sineddoche, l'antonomasia (il Mantovano, per Virgilio), la perifrasi, l'iperbole (morire dal dispiacere), l'ironia, la litote (non un male, per dire un bene, attenuato). La metafora permette di rendere semplici i concetti complessi perch espressa con linguaggio analogico, pi antico e pi accessibile. per quest'ultimo motivo che essa una ottima via per fornire le suggestioni indirette, perch il suo contenuto viene captato in

maniera privilegiata dall'emisfero destro. La metafora pu essere usata dopo la descrizione logica di un concetto, facilitandone la comprensione. In tal modo su un argomento vengono impegnati entrambi gli emisferi cerebrali con le rispettive funzioni. Un concetto non integrato da una illustrazione metaforica di difficile interpretazione. Al contrario, quando la sola metafora a trasmettere un concetto, essa deve essere interpretata perch, prestandosi a pi di un significato, pu essere difficile imbroccare quello giusto. Una metafora non interpretata, comunque, stimola l'azione creativa dell'inconscio (la mente che conserva tutta l'esperienza). La metafora irrita se ostenta un contenuto moralizzante. In linea generale, il linguaggio una metafora della realt. Questa non n comprensibile e n comunicabile se non attraverso la metafora, di cui il linguaggio la forma principale. Questo, a sua volta, stato regolamentato da regole sintattiche che fanno in modo che le parole ed i gruppi di parole abbiano senso. esperienza acquisita che ad una frase non ben formata (dal significato incerto) corrisponde un modello di comportamento anch'esso non ben strutturato (vedi psiconeurolinguistica). Un terapeuta, lavorando sul linguaggio usato da una persona, ed in particolar modo sull'aspetto che bada a che l'espressione sia logica e completa e non viziata da generalizzazione od incompletezza, riesce a ristrutturare il comportamento della persona stessa. Questo, quando abnorme o viziato, viene espresso con una frase anch'essa sintatticamente abnorme o viziata. Curando la sintassi si cura il comportamento. Il terapeuta, lavorando sul linguaggio, ottiene risultati come se lavorasse sulla realt di cui il linguaggio metafora. Una metafora ben formulata modifica la realt, e ci in terapia consiste nella eliminazione dei sintomi. Quando un paziente ci descrive i suoi sintomi utilizza le metafore. La cosa migliore da fare restituire al paziente le sue stesse metafore reinterpretate (vedi ricalco). Tutto ci rientra nel campo dell'arte. Bibliografia A. Siani "Autoipnosi" - Selecta Medica- 2004 Pavia. Voci correlate Metafora concettuale Figura retorica Allegoria Metasemema Tropo Ipnosi 109. Metafora concettuale Nella linguistica cognitiva la metafora definita come comprensione di un dominio concettuale in termini di un altro dominio concettuale, p. es. l'esperienza di vita di una persona contro quella di un'altra. Un dominio concettuale una qualsiasi organizzazione coerente dell'esperienza.

Quest'idea - ed i suoi processi di fondo - furono esplorati in dettaglio per la prima volta da George Lakoff e Mark Johnson in Metafora e vita quotidiana ("Metaphors We Live By"). Mappature Una metafora concettuale consiste di due domini concettuali, dove un dominio viene compreso in termini di un altro. Le espressioni metaforiche linguistiche sono parole o altre espressioni linguistiche che provengono dalla lingua o dalla terminologia del dominio concettuale pi concreto. Le metafore concettuali sottostanno alle espressioni metaforiche. Tendono ad essere pre-linguistiche e a fare assunzioni fondamentali riguardanti lo spazio, il tempo, il movimento, il conteggio, il controllo, ed altri elementi essenziali dell'esperienza umana. Il dominio concettuale da cui sono tratte le espressioni metaforiche detto dominio sorgente. Il dominio concettuale che si tenta di capire detto dominio obiettivo o dominio bersaglio. Le metafore concettuali impiegano tipicamente un concetto pi astratto come obiettivo e un concetto pi concreto o fisico come sorgente. Ad esempio, metafore quali 'i giorni a venire' oppure 'offrire il proprio tempo' si affidano a concetti pi concreti, esprimendo cos il tempo (il concetto pi astratto o bersaglio) come un (pi concreto) percorso nello spazio fisico o come una sostanza (che pu essere presa o offerta in dono). Metafore concettuali differenti tendono ad essere invocate quando l'oratore tenta di argomentare per un certo punto di vista o condotta di azione. Ad esempio, tendiamo ad associare i 'giorni a venire' pi con la leadership e 'offrire il proprio tempo' pi con la negoziazione (se il tempo una sostanza, chiaramente, dovr essere scambiato con cose di sostanza, e questa metafora chiarisce ci meglio della metafora precedente). La selezione di tali metafore tende ad essere diretta da uno scopo subconscio o implicito, nella mente di chi le sceglie. Il principio di unidirezionalit afferma che il processo metaforico va tipicamente dal pi concreto al pi astratto ma non nella direzione opposta. Di conseguenza, i concetti astratti sono compresi in termini di concetti-campione concreti. Una versione estrema di questa prospettiva espressa nella scienza cognitiva della matematica, dove si propone che la matematica stessa, il mezzo di astrazione pi ampiamente accettato nella comunit umana, risente di una tendenza cognitiva unica agli esseri umani, ed ai processi campione, p. es. il conteggio, il movimento lungo un percorso, che sono compresi da tutti gli esseri umani attraverso le loro esperienze. Una mappatura l'insieme sistematico di corrispondenze che esiste tra gli elementi costituenti dei domini sorgente e bersaglio. Molti elementi dei concetti bersaglio vengono dai domini sorgente e non sono preesistenti. Riconoscere una metafora concettuale significa riconoscere l'insieme di mappature che si applica ad un dato accoppiamento sorgente-bersaglio. La lingua e la cultura come mappature Si presume che tale conoscenza sia largamente inconscia ed emerga nell'acquisizione del linguaggio.

Quine ed altri autorevoli esponenti della pi recente filosofia della matematica hanno sostenuto che ogni linguaggio naturale umano riflette una ontologia data per scontata che facilita l'impiego di certe metafore concettuali e ne rende altre pi difficili o complesse, e pertanto meno convincenti. Se cos , ogni linguaggio naturale diventa una 'mappatura' dall'esperienza concreta della vita umana primitiva al pi astratto e socialmente prescritto 'dominio bersaglio' della cultura. Una conseguenza di questo sarebbero grandi difficolt nell'apprendere un nuovo linguaggio naturale nella vita adulta, come effettivamente sembra verificarsi. Alcune metafore concettuali discusse in (Lakoff, Johnson, 1980): L'AMORE UN VIAGGIO LE ORGANIZZAZIONI SOCIALI SONO PIANTE L'AMORE GUERRA Ognuna di queste invoca certe presunzioni circa l'esperienza concreta e richiede che il lettore o ascoltatore le applichi ai concetti molto pi astratti dell'amore o dell'organizzazione sociale allo scopo di comprendere la frase dove la metafora concettuale usata. Vi sono numerosi modi in cui questo processo di assunzione ed applicazione di metafore manipolerebbe la percezione e la comunicazione umana, soprattutto nei mezzi di comunicazione di massa e nella politica pubblica: Propaganda Noam Chomsky, un altro linguista, ha proposto (con Edward S. Herman) un modello della propaganda consistente di filtri mediatici che impediscono a notizie o opinioni che violano le metafore concettuali fondamentali degli uditori di essere affatto ascoltate nell'arena pubblica. A suo parere, la capacit umana fondamentale di acquisizione linguistica e metaforica viene abusata restringendo, nei mezzi di comunicazione di massa, la gamma ed il tipo di metafore cui esposto il cittadino. Specificamente, mappature che diano rilievo alla stabilit della propriet o alla paura del conflitto con l'autorit tenderebbero ad essere enfatizzate in un mezzo di comunicazione di massa a controllo privatocorporativo, e mappature che tendessero a dar rilievo al rischio di conflitti sulle risorse o di iniquit tenderebbero ad essere de-enfatizzate, o completamente censurate. Etica e ruoli familiari Un'affermazione meno estrema ma simile quella fatta da George Lakoff in 'Moral Politics': l'arena politica pubblica riflette necessariamente una metafora concettuale fondamentale della "famiglia", e di conseguenza ci si possono aspettare figure "paterne", "autoritarie", "di destra" e figure "materne", "allevatrici", "di sinistra", che non possono essere fondamentalmente alterate da alcuna lotta o opposizione diretta. Due prospettive fondamentali dell'economia politica sorgono dal desiderio di vedere lo stato-nazione agire 'pi come un padre' o 'pi come una madre'. L'urbanista teorica ed eticista Jane Jacobs fece questa distinzione in termini meno legati al genere

differenziando tra un'"etica del guardiano" ed un'"etica del commerciante". La custodia ed il commercio erano due attivit concrete che un essere umano tendeva ad imparare ad applicare metaforicamente a tutte le scelte nella vita futura. In una societ dove custodire i bambini era il dovere primario femminile, e commerciare in un'economia di mercato il dovere primario maschile, i due presunti ruoli di Lakoff sarebbero venuti ad essere assegnati alla madre ed al padre rispettivamente, nella cognizione propria del bambino. Entrambe queste teorie suggeriscono che possano esservi grandi condizionamenti sociali e pressioni verso specifiche tendenze cognitive. A prova di ci, gli antropologi osservano che tutte le societ tendono ad avere ruoli assegnati per et e per genere Linguistica e politica Lakoff, Chomsky, e Jacobs dedicano tutti una elevata proporzione del proprio tempo all'attualit ed alla teoria politica, cosa che suggerisce che vi sia almeno una tendenza per teorici della metafora concettuale o linguisti rispettati a mettere in pratica lo loro opinioni da attivisti. In effetti, se le metafore concettuali sono cos fondamentali come tutti loro sembrano pensare, potrebbero non avere letteralmente scelta. I critici di questo approccio etico al linguaggio tendono ad accettare cle le locuzioni idiomatiche riflettono fortemente le metafore concettuali, ma la grammatica effettiva molto meno (affermazione accettata da Chomsky), ed i concetti transculturali pi fondamentali del metodo scientifico e della pratica matematica tendono a minimizzare l'impatto delle metafore (asserzione fermamente respinta da Chomsky). Tali critici tendono a vedere Such Lakoff e Chomsky e Jacobs come 'figure di sinistra', e non accetterebbero la loro politica come qualsiasi tipo di crociata contro un'ontologia radicata nella lingua e nella cultura, ma piuttosto come un peculiare passatempo, n parte della scienza linguistica n di grande utilit. Parzialmente in risposta a critiche del genere, Lakoff e Raphael Nunez, nel 2000, proposero una scienza cognitiva della matematica che spieghi la matematica come conseguenza - e non alternativa - della dipendenza umana verso la metafora concettuale per comprendere l'astrazione in termini di esperienziali concreti fondamentali. Vedere anche amalgama concettuale metafora propaganda ontologia scienza cognitiva della matematica acquisizione del linguaggio filosofia del corpo Bibliografia Lakoff, George & Johnson, Mark (1980) Metaphors We Live By. Chicago: University of Chicago Press. Lakoff, George (1995) Moral Politics.

Chicago: University of Chicago Press. (2nd ed. 2001) Chomsky, Noam & Herman, Edward, S. (1988) Manufacturing Consent (2nd ed. 2002) Chomsky, Noam (1989) Necessary Illusions: Thought Control in Democratic Societies.

Figura retorica Metafora Metonimia Tropo Metalessi narrativa o dell'autore

Collegamenti esterni Metaphor Examples elenca esempi di metafore per categoria esperienziale, comprese metafore spaziali e sensoriali. Conceptual Metaphor Homepage, un catalogo di metafore concettuali ed indicazioni del loro uso nella lingua anglosassone. Center for the Cognitive Science of Metaphor Online una raccolta di numerosi articoli formativi nei campi della metafora concettuale e dell'integrazione concettuale. Tony Veale's Metaphor Page discute l'interpretazione e generazione di metafore e il ragionamento analogico in relazione all'intelligenza artificiale. 2001 Summary of the embodiment hypothesis. Situa la teoria dell' embodiment nella linguistica cognitiva fra altre teorie dell'embodiment in campi che vanno dall'antropologia cognitiva alla neuroscienza cognitiva. 110. Metalessi La metalessi o metalepsi (dal greco metlpsis, trasposizione) una figura retorica molto rara che consiste in un particolare tipo di metonimia in cui il termine proprio sostituito non con il suo traslato immediato, ma attraverso una o pi metafore intermedie. Secondo Lausberg una manifestazione della sinonimia e consiste precisamente nell'utilizzare un sinonimo come tropo. Secondo altri, invece, la metalessi quel fatto retorico che si ha quando, per comprendere il senso o il significato di quanto detto o scritto, bisogna passare attraverso uno o pi anelli intermedi che vengono omessi: Quella donna ha passato molte primavere" > primavere = "stagioni" = anni La metalepsi, rispetto ad un gruppo di parole, pu aversi tramite l'utilizzo di una costatazione di fatto per intendere un giudizio di valore: "Lei dimentica quanto le stato dato" = "lei non riconoscente" Pi in generale, la sostituzione pu avvenire anche con altre figure retoriche come la litote, l'allusione, l'ironia. Esempio: post aliquot aristas (dopo alcune estati, con il passaggio di significato da resta di grano (arista) a raccolto a estate) (Virgilio, Bucoliche, I, 70) Voci correlate

111. Metalessi narrativa o dell'autore Questa voce di letteratura non ancora formattata secondo gli standard: contribuisci a migliorarla seguendo le convenzioni di Wikipedia e del Progetto letteratura. Esiste un tipo particolare di metalessi, detta precisamente metalessi narrativa o dell'autore,ne ha parlato Gerard Genette nel suo saggio Figure III, discorso del racconto. E'un artificio letterario che si ha quando l'autore finge di "operare egli stesso gli effetti che narra", come dire che J.K.Rowling,ha fatto morire il preside di Hogwarts Silente, oppure un pi generico : "mentre i nostri personaggi pergorrono la loro strada per arrivare in citt, noi spostiamoci ad osservare cosa sta facendo..." o per fare un esempio letterario, quando Dante nell'VIII canto del' "Inferno", lasciando sdegnosamente Filippo Argenti, scrive: "Quivi il lasciammo, che pi non ne narro" 112. Metalogismo Il metalogismo (dal greco met, oltre, e lgos, discorso) il tipo di figura retorica che modifica il valore logico complessivo della frase facendone perdere il significato letterale. I diversi tipi di metalogismo violano tutti le regole di veridicit, permettendo di oltrepassare le restrizioni linguistiche: in questo modo possibile creare nuovi significati, a partire da combinazioni di concetti non logicamente correlati. (esempio: bello da morire). I metalogismi fanno appello alla conoscenza che il destinatario ha del referente per contraddirne i dati. Nei discorsi politici e giornalistici facile riconoscere molte di queste figure retoriche. Sono metalogismi l'iperbole, il paradosso, l'ironia, l'eufemismo e la reticenza. Voci correlate Figura retorica Metaplasmo Metasemema Metatassi 113. Metanoia La metnoia (dal greco , metanoein, cambiare il proprio pensiero, cambiare idea) un artificio retorico usato per ritrattare un'affermazione appena fatta, e poi dirla nuovamente in un modo migliore.[1] simile alla correctio. Se la correzione risponde a un calcolato effetto retorico, si parla pi specificamente di epanortosi.

Correctio La metanoia usata per riprendere un'affermazione in due modi: per indebolire la dichiarazione precedente o per rafforzarla. Indebolimento L'uso della metanoia per indebolire un'affermazione serve per mantenere l'affermazione originale, specificandola con una pi qualificante.[2] Per esempio, dicendo Ti uccider. Sarai punito, la forza dell'affermazione originale (Ti uccider) rimane, ma viene presentata un'alternativa pi realistica (Sarai punito). Rafforzamento Quando viene usata per rafforzare una frase, la metanoia serve a far passare il lettore da una posizione moderata a una pi radicale, come in Marco Aurelio[3]: Io ancora non ci riuscir per colpa mia, e per non aver osservato gli ammonimenti degli dei e, potrei quasi dire, le loro istruzioni dirette. (Meditationes, Libro primo.) Qui Marco Aurelio usa la metanoia per passare da un'idea pi leggera (non aver osservato gli ammonimenti degli dei) a una pi intensa (non aver osservato... le loro istruzioni dirette). Riferimenti nella Bibbia Dal greco , composto dalla preposizione (dopo, con) e dal verbo (percepire, pensare, l'effetto del percepire o dell'osservare). Metanoia significa semplicemente "cambiare idea". Nel Cristianesimo, il termine si riferisce alla conversione spirituale. La parola appare spesso nei Vangeli. Viene tradotta in italiano col termine "convertirsi", "ravvedersi", "cambiare vita", "pentirsi" o simili: Il tempo compiuto e il regno di Dio vicino; convertitevi e credete al vangelo. (Bibbia CEI) Il tempo compiuto e il regno di Dio vicino; ravvedetevi e credete al vangelo. (Nuova Riveduta) Il tempo compiuto e il regno di Dio vicino. Ravvedetevi e credete all'evangelo. (Nuova Diodati) Il tempo della salvezza venuto: il regno di Dio vicino. Cambiate vita e credete in questo lieto messaggio! (Bibbia TILC) Il tempo fissato compiuto e il regno di Dio si avvicinato. Pentitevi e abbiate fede nella buona notizia. (TNM) : . (Gothic Bible) (Mc 1,15) Note

Theory., III edizione Penguin Books: New York, 1991. Voci correlate Figura retorica Conversione Correctio Epanortosi 114. Metaplasmo Il metaplasmo (dal greco metaplss, io trasformo) un cambiamento nell'aspetto sonoro o grafico di una parola. In retorica, pu designare l'aggiunta (prostesi, epentesi, epitesi), la soppressione (aferesi, apocope, sincope) o la permutazione (metatesi) di elementi grafici o sonori. Viene talvolta usato come figura retorica per produrre o intensificare particolari effetti (quali l'allitterazione, la paronomasia, la rima, l'assonanza, eccetera). In linguistica, designa il mutamento di categoria morfologica di una parola nel passaggio da una lingua a un'altra. Per esempio, il mutamento dal verbo latino capere "prendere" (III coniugazione, tema in E breve) al verbo italiano capire (IV coniugazione, tema in I lunga), oppure il mutamento dal sostantivo latino laurum (nome femminile del IV gruppo) al sostantivo italiano lauro (nome maschile del II gruppo). Voci correlate Figura retorica Metalogismo Metasemema Metatassi 115. Metasema Il metasemema (dal greco met, che indica trasformazione, e sman, significo) il tipo di figura retorica che modifica il significato di una parola sul piano del contenuto. Le figure pi note di questo tipo sono la sineddoche, la metafora, la metonimia e l'ossimoro. Voci correlate Figura retorica Metalogismo Metaplasmo Metatassi 116. Metatassi La metatassi (dal greco met, oltre, e txis, ordine) il tipo di figura retorica che comporta il cambiamento della struttura sintattica di una frase. Tra le figure retoriche di quest'ambito si possono ricordare l'ellissi, l'asindeto, l'enumerazione, la simmetria, l'anacoluto, il chiasmo e l'iperbato. Queste

^ Silva Rhetoricae (2006). Metanoeia ^ VirtualSalt.com (2006). A Handbook of Rhetorical Devices ^ The Internet Classics Archive (2006). The Meditations

Bibliografia J.A. Cuddon (curatore), The Penguin Dictonary of Literary Terms and Literary

figure sono molto frequenti nel giornalistico, specialmente nei titoli. Voci correlate Figura retorica Metalogismo Metaplasmo Metasemema 117. Metonimia

linguaggio

lingue romanze su rime, accenti e numero delle sillabe. Sempre con il termine metrica si indica anche quella particolare branca della scienza filologica che si occupa dello studio di queste strutture. Voci correlate Metrica italiana Metrica classica Metrica latina 119. Nemosi storica Nella retorica, la locuzione nemesi storica utilizzata, anche in senso relativo, per arricchire di un sintetico commento morale (di cui si presume la condivisibilit) la narrazione di determinati eventi la cui deprecata susseguenza si concluda con inattesi risultati compensatori. Si tratta dunque di un richiamo strumentale, cos condensato, ad un concetto storicoanalitico proprio della cultura della Grecia Antica, per come riflesso in molte delle opere pervenuteci. Nel caso, ad esempio, di una serie di eventi i cui protagonisti si siano condotti in modo considerato riprovevole, detta "nemesi storica" una eventuale conclusione di quegli eventi tale che i soggetti considerati negativamente (prevaricatori, grassatori et similia) ne patiscano - a causa del Fato o per il successo di volont contrarie - uno svantaggio che appaia consolatorio o compensatorio e che possa suscitare una sorta di vendicativa soddisfazione: si sostiene, in breve, che la Storia (o il Fato) abbia compiuto una vendetta in nome di chi abbia patito scorrettezze. Nell'uso politico della retorica, l'espressione stata frequentemente evocata in ambiti dialettici prossimi, se non contigui, al cosiddetto "giustizialismo". Arte in genere Nell'arte in genere, la nemesi storica appare in pi occasioni come il motivo etico caratterizzante un vibrante anelito di giustizia, e per questo stato talvolta tema o soggetto (dichiarato o attribuito dalla critica) di opere di varie discipline; in quanto tale, il concetto sotteso alla locuzione si d per noto nello studio e nella critica dell'arte. Letteratura In letteratura, ad esempio, la locuzione indica propriamente una delle direttrici espressive di Giosu Carducci, che oltre a mostrare, come noto, una appassionata tensione ideale verso il ripristino dello stato di giustizia, con una certa astrazione lirica indag in molte opere (taluno afferma: volendola trovare) la consistenza e il modo di manifestazione della nemesi storica. Non altrettanto condiviso, quantunque spesso suggerito, invece il supposto rintraccio di una ricerca nemetica nel Manzoni. Assai di frequente la locuzione era utilizzata in commentar e saggi sulla letteratura, sebbene correntemente la decrescente consuetudine con cultura della Grecia Antica ne riduca progressivamente la comprensibilit. L'origine della locuzione ovviamente da ricollegarsi

La metonimia (pronunciabile tanto metonima quanto metonmia, dal greco , che esprime trasferimento, e , nome) una figura retorica in cui un dettaglio o un concetto sono usati per evocare unidea o rappresentare un oggetto ad essi correlato, in base a un principio di relazione. Di fatto, nella metonimia la sostituzione dei termini fa s che si scambi: la causa per l'effetto (avere le guance rigate di pianto / di lacrime) l'effetto per la causa (guadagnarsi il pane con il sudore / con la fatica) la materia per l'oggetto (possedere molti ori / monili d'oro) il contenente per il contenuto (bere un bicchier d'acqua / l'acqua nel bicchiere) l'astratto per il concreto (confidare nell'amicizia / negli amici) il concreto per l'astratto (ascoltare il proprio cuore / i sentimenti) In tutti questi casi il termine usato indica comunque il concetto da esprimere malgrado la mancanza del termine proprio, in quanto tra le due parole c' una connessione diretta o indiretta. Quando tale connessione di tipo quantitativo, ad esempio la parte per il tutto, la metonimia prende il nome di sineddoche. Voci correlate Figura retorica Sineddoche Metasemema 118. Metrica Nota disambigua - Se stai cercando l'accezione matematica, vedi Distanza (matematica). La metrica la struttura letteraria di un componimento poetico, che ne determina il ritmo e l'andamento generale: la critica letteraria, analizzando una parte significativa della produzione poetica di una certa cultura stabilisce dei canoni, delle categorie ricorrenti e significative, che classificano la composizione dei versi e delle strofe. In greco ed in latino era fondata sulla quantit (brevit o lunghezza) delle sillabe (metrica quantitativa); nelle moderne lingue anglosassoni si basa su rima e alternanza degli accenti (metrica accentuativa); nelle

alla Nemesi della mitologia greca, delegata dagli dei a punire l'arroganza dell'uomo che crede di poter travalicare certi limiti, ristabilendo il giusto equilibrio. Napoleone La campagna di Russia, ad esempio, definita la nemesi storica di Napoleone, e cio ci che fren la sua arroganza e il suo desiderio di onnipotenza, rivelando i suoi errori e i suoi limiti di uomo. Asburgo Celeberrimo il caso di supposta nemesi storica che afflisse gli ultimi anni della Casa d'Asburgo come famiglia regnante. Se giusto essere scettici a riguardo di un'interpretazione moralistica della storia, senz'altro impressionante la seguente serie di lutti che colpirono gli Asburgo nel giro di pochi anni, costituendo, apparentemente, il doloroso prologo al disfacimento dell'impero austriaco (in esito alla Prima guerra mondiale, 1918): fucilazione di Massimiliano d'Asburgo a Queretaro nel 1867 suicidi (?) di Mayerling nel 1889, che coinvolsero l'Arciduca Rodolfo d'AsburgoLorena e la sua amante, la baronessa Mary von Vetsera omicidio di Elisabetta d'Austria sul Lago di Ginevra nel 1898 attentato di Sarajevo, in cui persero la vita l'Arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo e la moglie contessa Sofia Chotek, avvenuto nel 1914, causa scatenante del conflitto mondiale.

pi parole, poste in maniera simmetrica tra loro, terminano alla stessa maniera. Ci si chiama "omoteleuto" quando nel verso, "rima" o "assonanza" quando si trova alla fine di esso. Ad esempio: Dai versi di Giacomo Leopardi, "L'infinito": "Ma sedendo e mirando, interminatiSpazi di l da quella, [...]" Oppure, "Vinco seu vincor, semper ego maculor " (che io vinca o sia vinto, sempre mi sporco) Voci correlate allitterazione 123. Onomatopea L'onomatopea una parola che imita, attraverso i suoni linguistici di una determinata lingua, il rumore o il suono associato a un oggetto o a un soggetto cui si vuole fare riferimento. Si usa distinguere le onomatopee primarie, o vere e proprie, che sono per l'appunto parole che hanno l'unica capacit di evocare l'impressione di un suono e non portatrici di un proprio significato; sono cos onomatopee del genere quelle imitano il verso di un animale, come bau o miao, oppure particolari suoni umani come brr o ecci, ma anche rumori tipici di oggetti o di azioni, come il perepep o i il bum della deflagrazione. Derivano poi solitamente da queste, o indirettamente attraverso un processo onomatopeico, le onomatopee secondarie, o artificiali, che sono invece parole portatrici di un particolare significato: come possono essere il verbi che indicano appunto il verseggiare di un animale : miagolare, abbaiare. ecc. Le onomatopee pi comuni tendono a consolidarsi in una lingua, talvolta venendo persino registrate dai dizionari, e acquisendo anche una forma scritta ben precisa e riconoscibile da tutti i parlanti; generalmente le onomatopee possono variare da lingua a lingua anche di molto, pur prendendo spunto dalla medesimo suono. 124. Onomatopea retorica L' onomatopea una figura retorica e consiste nell'uso di una parola la cui pronuncia assomiglia al suono o rumore che si intende riprodurre, mediante un procedimento iconico tipico del fonosimbolismo. Ne sono esempi: "Bau bau, crak, ding, brooom, ecc.". Da tali parole vengono derivati termini di uso comune come miagolare dal verso del gatto. Esistono onomatopee naturali che consistono nell'imitazione del suono di qualcosa, come gli esempi sopra citati. Le onomatopee artificiali sono invece quelle parole che contengono suoni che si riferiscono a un suono: ne esempio la parola fruscio, ticchettio, rimbombo, ciak, etc.; queste parole sono dunque dette onomatopeiche. Celebri esempi di onomatopea sono riscontrabili nelle poesie La pioggia nel pineto di Gabriele d'Annunzio o nella "La fontana malata" di Aldo Palazzeschi.

120. Omeoarco
L' omeoarco una figura retorica che consiste nell'accostamento di due parole di senso diverso che iniziano con la stessa sillaba Esempio:Euclio: Heu me misere miserum, perii! Male perditus, ... (Commedia "Aulularia" di Plauto)

121. Omeotto
L'omeottoto (dal greco homoiptoton, simile nei casi), una figura retorica propria delle lingue flessive (come l'italiano o il latino, ma non l'inglese) che consiste nel far terminare le ultime parole di singoli membri del discorso con gli stessi casi: per esempio, in latino, due frasi consecutive e correlate che terminano entrambe con un accusativo. "Hominem laudem egentem virtutis, abundantem felicitates" ("Devo lodare un uomo di buona fortuna abbondante, ma di virt carente?") Voci correlate figura retorica polittoto

122. Omoteleuto
L'omoteleuto una figura retorica e si ha quando due o

:Clof, clop, clock, cloffete,cloppete,clocchete,chchch... gi,nel cortile,la poverafontana malata; [...] (La fontana malata, Aldo Palazzeschi) 125. Ossimoro L'ossimoro (pronunciabile tanto ossimro quanto ossmoro, dal greco , composto da acuto e sciocco) una figura retorica e consiste nell'accostamento di due termini in forte antitesi tra loro. Si tratta di una combinazione scelta deliberatamente o comunque significativa, tale da creare un originale contrasto, ottenendo spesso sorprendenti effetti stilistici. Esempi: brivido caldo, lucida follia, urlo silenzioso, disgustoso piacere, l'uomo nudo con le mani in tasca, ghiaccio bollente, attimo infinito. Se alcuni ossimori sono stati immaginati per attirare l'attenzione del lettore o dell'interlocutore, altri nascono per indicare una realt che non possiede nome. Questo pu accadere perch una parola non mai stata creata, oppure perch il codice della lingua, in virt di alcuni limiti formali, deve contraddire se stesso per poter indicare alcuni concetti particolarmente profondi. Ci accade spesso in poesia (si riportano qui due versi di S'amor non , un sonetto di Petrarca): O viva morte, o dilectoso male, come puoi tanto in me, sio nol consento? Oppure anche nell'Infinito di Giacomo Leopardi: E 'l naufragar m' dolce in questo mare. E ancora nella canzone Alla Primavera o della favole antiche di Leopardi: La bella et, cui la sciagura e l'atra face del ver consunse Innanzi tempo. Comunque, la notevole incisivit e forza delle espressioni basate su ossimori stata ampiamente sfruttata in tutta una serie di forme di arte per produrre, fra le altre cose, titoli a effetto: L'insostenibile leggerezza dell'essere, notissimo romanzo di Milan Kundera; Orlando furioso (Orlando era personaggio tradizionalmente associato alla saggezza); Eyes Wide Shut, l'intraducibile titolo del film di Stanley Kubrick, unisce la particella wide, generalmente usata nell'espressione wide open, come in eyes wide open, "occhi spalancati" al participio opposto shut ("chiusi"). Anche nel romanzo 1984 di George Orwell gli slogan ripetuti ossessivamente dal regime del Grande Fratello sono basati su ossimori, quali: La guerra pace, la libert schiavit, l'ignoranza forza. Voci correlate Figura retorica Metasemema 126. Ossimoro figura retorica Ossimoro: figura retorica consistente nel porre vicino due parole di significato opposto. Spesso

l'accostamento diviene umoristico: 1. Angelo teppista 2. Assistenza governativa. 3. Assistenza pubblica 4. Attesa paziente 5. BASIC avanzato 6. Birra americana 7. Birra analcoolica 8. Bomba intelligente 9. Bombardamento chirurgico 10. Brivido caldo 11. Buon avvocato. 12. Buona suocera 13. Burocrazia efficiente. 14. Cattivo dolcissimo 15. Chiaramente malinterpretato 16. Cibo dietetico. 17. Cibo ospedaliero 18. Colazione da McDonalds. 19. Combattere per la Pace. 20. Comitato responsabile. 21. Competizione amichevole 22. Computer security 23. Comune buon senso. 24. Comunita' europea 25. Convergenze parallele 26. Copia originale 27. Cristalli liquidi. 28. Critica costruttiva 29. Critico televisivo. 30. Cultura albanese 31. Cultura americana. 32. Cultura suburbana. 33. Definite maybe 34. Democratici di Sinistra 35. Difesa nucleare 36. Dilettante esperto 37. Discussione amichevole 38. Divertimento familiare 39. Documentazione di supporto. 40. Documentazione software 41. Economia russa 42. Elaborazione in tempo reale. 43. E-mail privata 44. Espresso postale 45. Etica degli affari 46. Etica legale. 47. Etica medica 48. Fast food 49. Felicemente sposati 50. Forza di pace 51. Fuoco amico. 52. Gas naturale sintetico 53. Gelato dietetico 54. Genitori obiettivi 55. Governo pakistano. 56. Grazia Volgare (Il Gattopardo) 57. Guerra civile 58. Guerra santa 59. IBM compatibile 60. Integrita giornalistica. 61. Intelligenza militare (Groucho Marx) 62. Interpretazione letterale. 63. Just in Time (JIT) 64. La stessa differenza

Libero amore Liberta` condizionata. Limitazione degli armamenti. Limite di velocita' Lotta per la pace Lucida follia Mac veloce. Madre disoccupata Maschio sensibile Microsoft Works Ministero per la famiglia. Moda inglese Musica da discoteca. Nazioni Unite Oceano Pacifico Onorevole Previti Opposizione leale Organizzazione governativa Pari opportunita`. Piccolo grande uomo (riferito ad es. a Paolo Rossi) 85. Politicamente corretto 86. Politico onesto. 87. Pranzo in piedi. 88. Profondamente superficiale 89. Protezione della polizia. 90. Quasi esattamente 91. Realta' virtuale 92. Ricca nicchia di mercato. 93. Riforma economica. 94. Rimborso di tasse. 95. Scienza dei computers. 96. Scienze politiche 97. Scommessa sicura 98. Scuola estiva 99. Servizio postale 100.Sesso sicuro. 101.Sicurezza computerizzata. 102.Sintassi inglese 103.Stima esatta 104.Strategia di mercato. 105.Studente maturo. 106.Temporaneo aumento delle tasse 107.Terribilmente spiacente. 108.Tolleranza Religiosa. 109.Vacanza di lavoro 110.Vero affare. 111.Vita estinta 112.Vita matrimoniale 113.Onorevole Previti. (Aldo Vincent) Altri ossimori in inglese: 48. country music 47. Act naturally 46. Found missing 45. Resident alien 44. Advanced BASIC 43. Genuine imitation 42. Airline Food 41. Good grief 40. Same difference 39. Almost exactly 38. Government organization 37. Sanitary landfill 36. Alone together 35. Legally drunk

65. 66. 67. 68. 69. 70. 71. 72. 73. 74. 75. 76. 77. 78. 79. 80. 81. 82. 83. 84.

34. Silent scream 33. American history 32. Living dead 31. Small crowd 30. Business ethics 29. Soft rock 28. Butt Head 27. Military Intelligence 26. Software documentation 25. New York culture 24. New classic 23. Sweet sorrow 22. Childproof 21. "Now, then ..." 20. Synthetic natural gas 19. Passive aggression 18. Taped live 17. Clearly misunderstood 16. Peace force 15. Extinct Life 14. Temporary tax increase 13. Computer jock 12. Plastic glasses 11. Terribly pleased 10. Computer security 09. Political science 08. Tight slacks 07. Definite maybe 06. Pretty ugly 05. Twelve-ounce pound cake 04. Diet ice cream Working vacation Exact estimate Microsoft Works 127. Pandemonio Lo scrittore John Milton La parola pandemonio, "tutti i demoni", composta dai termini greci pn (tutto) e daimnion (demonio). Il termine (in inglese pandmonium, pandemonium) fu creato dal poeta inglese John Milton, (9 dicembre 1608 -8 novembre 1674) che, parafrasando pantheon (tutti gli di), lo utilizz nel primo libro del Paradiso perduto per indentificare il palazzo edificato da Satana. In effetti la riunione del "Camera del Consiglio" dei demoni nel "Pandmonium". L'epica, protestante, del Paradise Lost pone il protagonista, l'Angelo caduto, in una prospettiva moderna e quasi simpatica, come un essere ambizioso e orgoglioso che si batte contro il suo creatore dipinto come un tiranno. Sconfitto raduna i suoi seguaci nel Pandmonium e con l'aiuto di Mammone, di Belzeb e della propria arte retorica li riorganizza. Of Sovran power, with awful Ceremony / And Trumpets sound throughout the Host proclaim / A solemn Councel forthwith to be held / At Pandmonium, the high Capital (J. Milton, Paradise Lost, Paradiso perduto, I,753-756) Espansione del significato Un altro significato di pandemonio, derivatone per associazione, "riunione di persone per scopi malvagi".

Ma l'allargamento del significato aumenta col tempo e prende anche il valore di "raggruppamento rumoroso e senza controllo" come si suppone sia un gruppo infernale, ovviamente senza legge. Sempre seguendo questa linea logica il "Dizionario De Mauro" (ed. Paravia) pone queste definizioni: frastuono, insieme di rumori assordanti e confusi: (alla sua festa cera un pandemonio) | grande confusione, disordine tremendo; insieme di reazioni e proteste molto vivaci, spec. accompagnate da espressioni di collera violenta. La prima definizione viene presa a prestito, per esempio, da alcuni gruppi musicali che col nome vogliono porre l'accento su un tipo di musica non propriamente delicata e sognante. La seconda si riallaccia al concetto di rumorosit e di assenza di legge in raggruppamenti umani o un azioni di massa. 128. Parabola

Parabola - una curva geometrica Parabola - un genere letterario Parabole di Ges - famose parabole raccolte nei Vangeli Parabola - un'antenna per la ricezione di trasmissioni via satellite Parabola - un singolo e DVD della band statunitense Tool Parabola - un CD di Roberto Vecchioni

"una conclusione apparentemente inaccettabile, che deriva da premesse apparentemente accettabili per mezzo di un ragionamento apparentemente accettabile". In filosofia ed economia il termine paradosso usato come sinonimo di antinomia. In matematica si tende a distinguere il concetto di paradosso, che consiste in una proposizione perfettamente dimostrata, ma lontana dall'intuizione, dal concetto di antinomia, che consiste in una vera e propria contraddizione logica. Il paradosso un potente stimolo per la riflessione. Ci rivela sia la debolezza della nostra capacit di discernimento sia i limiti di alcuni strumenti intellettuali per il ragionamento. stato cos che paradossi basati su concetti semplici hanno spesso portato a grandi progressi intellettuali. Talvolta si trattato di scoprire nuove regole matematiche o nuove leggi fisiche per rendere accettabili le conclusioni che allinizio erano apparentemente inaccettabili. Altre volte si sono individuati i sottili motivi per cui erano fallaci le premesse o i ragionamenti apparentemente accettabili. Sin dall'inizio della storia scritta, si hanno riferimenti ai paradossi: dai paradossi di Zenone alle antinomie kantiane, fino a giungere ai paradossi della meccanica quantistica e della teoria della relativit generale, l'umanit si sempre interessata ai paradossi. Un'intera corrente filosifico-religiosa, il buddhismo zen, affida l'insegnamento della sua dottrina ai koan, indovinelli paradossali. Paradossi nella vita comune Molti sono i paradossi in senso letterale, ossia contro l'opinione comune. Ad esempio, si parla molto del riscaldamento globale e dell'effetto serra. Secondo i modelli climatologici accettati, il riscaldamento dell'Artico, con il conseguente scioglimento dei ghiacci, causa il raffreddamento dell'Europa. Quindi pi fa caldo (globalmente) pi fa freddo (localmente). Questo noto come paradosso dell'Artico. Molti paradossi sono alla base di trame di film famosi, ad esempio nel secondo Terminator, scopriamo che le macchine hanno origine dai resti del primo terminator inviato, una versione del classico paradosso del nonno. Meno noto il paradosso del Comma 22 del codice di guerra dei Klingon, desunto quasi letteralmente dal romanzo Comma 22. I paradossi dei sensi Nelle neuroscienze sono noti molti paradossi dovuti all'imperfezione dei sensi, o all'elaborazione dei dati da parte della mente. Ad esempio, possibile creare un suono che sembra crescere sempre, mentre in realt ciclico. Per il tatto, basta provare con un compasso a due punte: sul polpastrello si percepiscono due punte separate di pochi millimetri, mentre sulla schiena se ne percepisce solo una anche a qualche centimetro. Oppure si immergono le mani in due bacinelle di acqua una calda ed una fredda; dopo un paio di minuti si immergono entrambe in una bacinella tiepida, e si avranno sensazioni contrastanti: fredda e calda. Le illusioni ottiche sono un altro esempio di paradossi sensoriali.

Voci correlate Traiettoria parabolica 129. Paradosso Questa voce contiene almeno un errore Il titolo di questo box evidenzia il Paradosso dell'introduzione di David Makinson: se il testo seguente fosse totalmente corretto, quanto (falsamente) affermato sarebbe comunque vero, poich l'errore consisterebbe nell'affermazione stessa. Cio l'affermazione falsa sarebbe vera... A scanso di equivoci, l'errore non sussiste nel testo presente nella voce. Ma se quest'ultima affermazione ("l'errore non sussiste nel testo presente nella voce") fosse l'errore, allora l'articolo conterrebbe un errore. Quindi non credete ciecamente a quello che leggete, a meno che l'errore non sia questo consiglio (e cos via...). Doc: Ci troveremo in un paradosso! Martin: Paradosso? Intendi una di quelle cose che distruggono l'universo? Doc: Precisamente. (Doc a Martin, Ritorno al futuro parte II) Un paradosso, dal greco par (contro) e doxa (opinione), qualcosa che sfida l'opinione comune: si tratta, infatti (secondo la definizione che ne d Mark Sainsbury) di

I paradossi pi antichi Il pi antico paradosso si ritiene essere il paradosso di Epimenide, in cui il Cretese Epimenide afferma: "Tutti i cretesi sono bugiardi". Poich Epimenide era originario di Creta, la frase paradossale. A rigor di logica, moderna ovviamente, questo non un vero paradosso: detta p la frase di Epimenide, o vera p o vera non p. Il contrario di p Non tutti i cretesi sono bugiardi, ossia Qualche cretese dice la verit, Epimenide non uno di quelli, e la frase falsa. Tuttavia la negazione dei quantificatori non era ben chiara nella logica degli antichi greci. Subito dopo troviamo i paradossi di Zenone. Un altro famoso paradosso dell'antichit, questo s irresolubile, il paradosso di Protagora, pi o meno contemporaneo di Zenone di Elea. Alcuni paradossi, poi, hanno preceduto di secoli la loro risoluzione: prendiamo ad esempio il paradosso di Zenone della freccia: "Il terzo argomento quello della freccia. Essa infatti appare in movimento ma, in realt, immobile: in ogni istante di fatti occuper solo uno spazio che pari a quello della sua lunghezza; e poich il tempo in cui la freccia si muove fatta di infiniti istanti, essa sar immobile in ognuno di essi." Come si pu distinguere la freccia in movimento da quella ferma, e smentire il paradosso? Oggi sappiamo che, secondo il principio della relativit ristretta, una freccia in moto rispetto all'osservatore appare a questi pi corta della stessa freccia ferma rispetto all'osservatore. Tra Zenone e la relativit ristretta intercorrono ben 24 secoli! Classificazione dei paradossi logici Esistono varie forme di classificazione dei paradossi. Secondo le loro implicazioni, i paradossi si dividono in Positivi od ontologici Nulli o retorici Negativi o logici a seconda delle loro implicazioni. Un paradosso si dice positivo se attraverso un ragionamento paradossale rafforza le conclusioni a cui si arriva: un esempio ne la teoria della relativit ristretta. Un paradosso nullo o retorico deriva dal tipico ragionamento sofista, che dimostra una cosa ed il suo contrario, come i gi citati paradossi di Zenone. Infine, i paradossi negativi portano il ragionamento a partire da un'ipotesi alla negazione della stessa, e sono in pratica una dimostrazione per assurdo della falsit dell'ipotesi di partenza. Di quest'ultimo tipo sono molti teoremi matematici e fisici, come ad esempio il teorema dell'infinit dei numeri primi o il teorema di Church. Se invece categorizziamo che cosa ci appare paradossale secondo i nostri sensi, abbiamo i paradossi visivi, auditivi, tattili, gustativi e olfattivi, pi spesso indicati come anomalie o ambiguit, e i paradossi logici e matematici che sono categoria a s. Paradossi dell'induzione Molti ritengono David Hume responsabile di aver introdotto il problema dell'induzione. In realt, nella versione del paradosso del sorite, tale problema era noto sin dai tempi di Zenone, vero padre del pensiero paradossale. Il paradosso del sorite afferma:

"Un granello di sabbia che cade non fa rumore, quindi nemmeno due, e nemmeno tre, e cos via. Quindi nemmeno un mucchio di sabbia che cade fa rumore". Oppure il suo inverso: se tolgo un granello di sabbia ad un mucchio, ancora un mucchio, cos se ne tolgo due e cos via. Tuttavia 10 granelli non fanno un mucchio. Qual allora il granello che fa passare da un mucchio ad un non-mucchio? Anche se questo problema pu essere risolto con la logica fuzzy, ponendo una funzione che al variare dei granelli restituisca un valore compreso tra 0 e 1, ben pi difficile la risoluzione del seguente paradosso: sia 1 un numero piccolo sia n un numero piccolo se la somma di due numeri piccoli ancora un numero piccolo ed un numero minore di un numero piccolo un numero piccolo allora, per l'assioma dell'induzione, ogni numero naturale piccolo Questi problemi sono i principali argomenti di discussione dell'epistemologia moderna, che fondamentalmente si riassumono in Quando si pu definire vera una teoria?. Non tutto vero quello che sembra (solito). A volte il buon senso, anche il buon senso matematico, pu farci prendere degli abbagli. Un esempio lo troviamo nella storiella del tacchino induttivista: un tacchino (americano) aveva imparato che ogni mattina, pi o meno alla stessa ora, il padrone gli portava da mangiare. Diligentemente memorizzava tutte le piccole differenze, finch, dopo giorni e giorni, pote' essere soddisfatto di aver trovato una regola infallibile: tra le nove e le dieci di mattina arrivava inevitabillmente il cibo. Al passare delle settimane e dei mesi la regola trov sempre conferme... fino al giorno del Ringraziamento, quando il tacchino fu calorosamente invitato sulla tavola della famiglia, come protagonista dell'arrosto tradizionale. Esempi pi matematici, li troviamo nella teoria dei numeri, nello studio della distribuzione dei numeri primi. Dopo la sconfitta dell'ultimo teorema di Fermat, resta aperta la Congettura di Riemann sulla sua funzione zeta, che collega la distribuzione dei numeri primi con gli zeri di tale funzione. Finora se ne sono trovati miliardi (letteralmente) che giacciono sulla retta x=1/2, e la congettura che tutti gli zeri giacciano su questa linea potrebbe essere dunque accettata come vera. Ma smentite di quello che sembrerebbe evidente sono famose in matematica, e una riguarda proprio i numeri primi. La quantit di numeri primi inferiori ad un certo numero, diciamo n, solitamente indicata con (n), pu essere approssimata dalla funzione logaritmo integrale, o Li(n), di Gauss, definita come: . Questo valore sembra essere sempre maggiore della vera distribuzione dei numeri primi, fino a numeri di centinaia di cifre.Tuttavia nel 1914 John Littlewood ha dimostrato invece che (x) - Li(x) per x intero cambia di segno infinite volte. Nel 1986 Herman te Riele ha dimostrato addirittura che esistono pi 10180 interi consecutivi per cui (x) - Li(x) non mai minore di 6,6210370. Quindi, nonostante miliardi di esempi a favore, la verit o falsit della congettura (o ipotesi, visto che si

pensa generalmente che sia vera) di Riemann tuttora in discussione. Altra paradossale situazione il teorema di Goodstein: si definisce una particolare funzione iterativa su numeri interi che inizialmente presenta una crescita esponenziale ma, venendo ridotta ad ogni iterazione di un semplice 1, dopo innumerevoli iterazioni ritorna a 0. Il che dimostra, per inciso, come Ercole avrebbe potuto uccidere l'Idra di Lerna da solo, senza aiuti per cicatrizzarne le teste tagliate, anche se le teste dell'Idra fossero rispuntate con la velocit prevista dalla funzione di Goodstein. Tornando al teorema, esso ha la caratteristica di non poter essere provato all'interno degli assiomi di base della teoria dei numeri (Assiomi di Zermelo - Fraenkel), e come previsto dal teorema di incompletezza di Gdel, per la sua dimostrazione occorre aggiungere un assioma: l'esistenza dei cardinali transfiniti. Il paradosso della chiaroveggenza Uno dei paradossi pi intriganti della teoria dei giochi il paradosso di Newcomb, che riguarda il principio di dominanza, ed il seguente. Supponiamo che esista un oracolo, che sappia in anticipo quali saranno le mie decisioni. Egli mette in una busta 1.000.000 , ma solo se sceglier solo questa, altrimenti la lascia vuota. Poi mi vengono presentate due buste, una con sicuramente 1.000 , e l'altra quella dell'oracolo. Posso scegliere se prendere una sola busta o tutte e due. Se applico il principio di massima utilit, mi conviene prendere solo la seconda, e mi fido dell'oracolo. Se applico il principio di minima perdita, mi conviene sceglierle entrambe: se l'oracolo ha ragione, prendo almeno 1.000 , se sbaglia 1.001.000 . Il paradosso nasce dalla visione delle cose: se la scelta dell'oracolo si considera gi effettuata al momento della scelta, applichiamo il principio di dominanza, e conviene prendere sempre entrambe le buste. Se invece ammettiamo che il comportamento dell'oracolo sia influenzato dalla nostra scelta, ammettiamo il principio di utilit e conviene prendere solo la prima. Uno dei due principi non quindi razionale, oppure non esiste la preveggenza. Si possono trovare argomenti a favore di tutte e tre le ipotesi. Tra l'altro, basta che l'oracolo indovini pi del 50% delle volte. Ancora peggio, la chiaroveggenza potrebbe essere dannosa: supponiamo che ci sia una gara automobilistica della specie "Perde chi sterza per primo", in cui due macchine sono lanciate l'una contro l'altra. Se uno dei due chiaroveggente, la strategia migliore per l'altro non sterzare: il veggente lo sa, e quindi sterzer per primo, se non vuole lasciarci le penne. Lista dei paradossi pi noti Per una lista dei paradossi pi noti, vedere la voce "Elenco di paradossi". I paradossi che sono trattati in Wikipedia possono essere trovati nella relativa categoria. Questi sono alcuni paradossi fondamentali: Paradossi di Zenone (esiste il movimento? : Achille e la tartaruga - La freccia) Paradosso del mentitore (che cosa la "verit"?)

Paradosso di Moore (che cosa significa "sapere"?) Paradossi dell'infinito Paradosso dei gemelli (dalla teoria della relativit) Paradosso di Russell (o del barbiere) Antinomie kantiane

Bibliografia Odifreddi, P., C'era una volta un paradosso storie di illusioni e verit rovesciate, Einaudi, 2001, ISBN 8806150901 te Riele, H.J.J., On the sign of the difference pi(x) - li(x), Math. Comp. 48, 1987 pp. 323328 R. M. Sainsbury (1988). Paradoxes. Cambridge Voci correlate Logica Matematica Ossimoro Categoria:Paradossi 130. Parafrasi La parafrasi (parola prestata dal greco: , letto parphrasis e traducibile con riformulazione) indica la transcodificazione di un testo scritto nella propria lingua ma in un registro linguistico distante (sia esso arcaico, elevato o poetico). Il processo di parafrasi prevede dunque operazioni come la ricostruzione sintattica, la sostituzione degli arcaismi, l'esplicitazione delle figure retoriche e la riscrittura in prosa del testo poetico. Possono anche essere operati dei chiarimenti di alcuni punti del testo. Una buona parafrasi include tutti i dettagli e rende il testo originale pi semplice da comprendere: dato che il testo risultante normalmente pi ampio del testo di partenza questa operazione si oppone a quella del riassunto. Come necessaria effetto collaterale della parafrasi, finisce normalmente sacrificato il profondo rapporto tra significante e significato, tipico della comunicazione letteraria e fulcro dei testi poetici. Lo scopo della parafrasi la verifica simultanea sia della comprensione della lingua arcaica, o poetica, che della propria competenza di riformulazione lessicale e sintattica, pertanto la parafrasi generalmente usata come esercizio scolastico. Dal manuale di Elio Teone (I d.C.) sappiamo che gi in epoca antica la creazione di una parafrasi costituiva uno degli esercizi preparatorii (progymnasmata) allo studio della retorica. La creazione di una parafrasi era usata come esercizio anche nella retorica medioevale: agli studenti veniva richiesto di scrivere parafrasi di poesie del periodo classico. Musica In musica, la parafrasi una generica rielaborazione di

una composizione originale, sempre ben nota, effettuata da un autore diverso. In parte tale concetto si sovrappone a quello di parodia (parola che in origine nulla ha a che fare con una riproposizione in chiave ironica, bens significa semplicemente "cantare di nuovo"). Caratteristica della parafrasi tuttavia la sua funzione divulgativa. In questo senso, come la parafrasi letteraria, anche quella musicale costituisce una sorta di transcodificazione a beneficio di un destinatario diverso dall'originale. Storia Nel medioevo e nel rinascimento questo procedimento fu applicato soprattutto alla musica liturgica, in quanto basata su melodie codificate. Particolare fortuna ebbe la parafrasi dei corali luterani. Nel corso dell'Ottocento il genere della parafrasi di composizioni famose si svilupp nei due sottogeneri, entrambi destinati a grande successo, della parafrasi da camera, normalmente per strumento solista, e della parafrasi per banda. Le parafrasi da camera pi note sono quelle per pianoforte composte da Franz Liszt su motivi tratti da opere liriche. Altrettanto celebri, nell'Ottocento, furono le parafrasi pianistiche di Sigismund Thalberg D'altronde quasi tutti i grandi virtuosi dell'epoca composero parafrasi destinate al proprio strumento: dal violinista Niccol Paganini al contrabbassista Giovanni Bottesini. La parafrasi per banda ebbe particolare fortuna in Italia e in Francia, dove consent di divulgare la musica fuori dai teatri e dalle sale. La forma generalmente usata fu quella del pot-pourri, anche se le composizioni possono risultare variamente intitolate (fantasia, ricordanza, reminiscenza). Uno dei pi prolifici autori di parafrasi per banda fu il giovane Ponchielli. Sia pure di malavoglia, spinto da necessit economiche, persino Wagner dovette dedicarsi alla parafrasi operistica, adattando su commissione dell'editore Schlesinger La favorita di Donizetti per diversi organici strumentali e vocali. La parafrasi delle Institutiones Nella cultura giuridica ebbe grande fortuna la parafrasi delle Institutiones che costituivano il primo libro del Corpus Juris. Come autore viene ricordato Teofilo Antecessor. 131. Parallelismo Il parallelismo la figura retorica in cui si accosta una propriet o un'azione tipica di un oggetto ad un altro, per esprimere efficacemente la condizione o l'azione di quest'ultimo. A differenza della similitudine, il paragone fa uso di costrutti quali "come...cos..." o "quali...cotali...". D'esempio i versi del Manzoni, "Cinque Maggio": Come sul capo al naufragol'onda s'avvolve e pesa, l'onda su cui del misero,alta pur dianzi e tesa,scorrea la vista a scernereprode remote invan; tal su quell'alma il cumulodelle memorie scese. O di Dante, "Divina Commedia": Quali colombe dal disio chiamate con l'ali alzate e ferme al dolce nidovegnon per l'aere, dal voler portate; cotali uscir de la schiera ov' Dido, a noi

venendo per l'aere maligno,s forte fu l'affettoso grido.

132. Paratassi
La paratassi, che deriva dal greco par = accanto; tasso = ordinare, un modo di costruire il periodo (frase complessa) caratterizzato dall'accostamento di diverse frasi allo stesso livello, ossia coordinate tra loro. Si contrappone all'ipotassi. Inoltre, quando si scrive un testo paratattico, si intende lasciare la suspence che induce il lettore a saperne di pi sul testo letto. un testo accessibile a tutti. Esempio di paratassi: Anche un uomo tornava al suo nido:l'uccisero: disse: Perdono;e rest negli aperti occhi un grido:portava due bambole in dono. Qui tutte le proposizioni sono coordinate tra loro per asindeto, cio attraverso l'uso di segni di interpunzione deboli (in questo caso la virgola). 133. Paretimologia In linguistica, s'intende per paretimologia o pseudoetimologia un'etimologia errata o falsa. In pratica, viene indicato come paretimologia o pseudoetimologia , ogni tentativo non linguisticamente fondato di stabilire relazioni di parentela fra voci di una stessa lingua, o di lingue diverse, sia a fini di carattere (pseudo)scientifico (illustrare l'origine di una parola o avallare una forma di parentela linguistica e culturale), sia a fini espressivi (in quest'ultimo caso la paretimologia diviene una vera e propria figura retorica, sconfinando nel bisticcio). Con lo stesso significato, a volte, si adopera l'espressione etimologia popolare, in quanto gran parte degli etimi diffusi per via popolare sono fantasiosi tentativi di ricostruzione a posteriori. Un classico esempio la leggenda della fondazione di Roma da parte dell'eroe eponimo Romolo, quando in realt il nome di quest'ultimo a derivare da Roma. Origine del termine La parola un composto di tre termini greci: tymon, ("vero significato di una parola") e logos (da cui l'elemento compositivo -loga) avevano gi dato origine al greco etymologa ("scienza del vero significato delle parole"); in epoca moderna si aggiunto il prefisso pseudo- (dal tema del verbo greco psudein, dire il falso) per indicare quelle ipotesi su un'origine della parola che non corrispondano alla verit, per un errore deliberato o inconsapevole da parte di chi le avanza. Retorica Col termine pseudoetimologia o paretimologia, o pi propriamente bisticcio si indica anche, in retorica, il procedimento con cui nel discorso si accostano parole che abbiano una somiglianza formale, ma una radice diversa. Per esempio, nel verso di Torquato Tasso Gir tre volte a l'orente il vlto (Gerusalemme liberata, XIII) la parola vlto richiama il participio del verbo volgere,

sinonimo di girare, anche se in realt un sostantivo maschile con una radice etimologica ben diversa. Tale procedimento stilistico caro ai poeti sin dal tempo dei greci. Un esempio di paretimologia e di bisticcio a fini espressivi infatti dato gi dai nomi (il cui reale etimo incerto) degli eroi omerici Akhillus (Achille) ricondotto artificiosamente alla parola khos, "angoscia, sofferenza" (Achille come eroe della sofferenza, per l'onore leso e per il compagno caduto) e Odyssus (Ulisse, Odisseo) - ricondotto artificiosamente al verbo odssomai "odiare" (Ulisse, Odisseo, cio l'eroe "odiato" dagli di, e in particolare da Poseidone) e odromai, "gemere di dolore", poich Odisseo l'eroe afflitto dalla lontananza. Un altro esempio dato dalle false etimologie proposte da Esiodo e da Eschilo per il nome del dio supremo Zeus. Esiodo collega l'accusativo di Zeus, cio Dia alla preposizione di, per mezzo di, poich tutto avviene per mezzo di (di) Zeus; Eschilo collega l'accusativo dialettale ( ionico) di Zeus, cio Zen o Zena, al verbo greco Zen, vivere, poich Zen il dio principio di ogni vita. Sempre Esiodo, nella Teogonia, collega il nome dei Titani al verbo greco titaino, tendere (le braccia), poich "avrebbero tese le braccia a compiere un grande delitto". Il padre, il grande Urano, chiamava col nome di Titani I figli che aveva generati egli stesso, cos insultandoli; e soleva dire che protendendosi per follia avrebbero compiuto un delitto grande, di cui poi sarebbe venuta la pena (Teogonia vv. 207-210) Pseudoetimologie del pionierismo e del dilettantismo linguistico Le paretimologie di carattere pseudolinguistico caratterizzano invece il metodo proprio dello studio prescientifico del linguaggio, concepito come entit immutabile e astorica e portatrice di simbologie al limite dell'oracolare, in base a una visione che tipica dell' et antica e ancor pi dell'enciclopedismo rozzo dell'alto Medioevo, ed in ogni caso anteriore allo studio controllabile e sistematico (inaugurato dalla linguistica comparativa fra la met dell'Ottocento e l'inizio del Novecento) della regolarit dei mutamenti fonetici e morfosintattici e all'analisi della distribuzione geografica delle varianti dialettali. Il pionierismo linguistico del tardo rinascimento e dell'et barocca produsse paretimologie in quantit. Ad esempio l'espressione "A bizzeffe" secondo l'umanista Paolo Minucci (1688) sarebbe derivata dal latino Bis F ("due volte effe"); in realt proveniva dall'arabo bizzf. Nella cultura italiana contemporanea, un linguista eterodosso, il cui metodo fondato sulla pseudoetimologia ed contrario al metodo scientifico della linguistica moderna, Giovanni Semerano. Un caso analogo sono le paretimologie di Martin Bernal, nel suo libro Atena nera. Voci correlate Linguistica Etimologia Figura retorica

134. Paromeosi La paromesi (dal greco paromisis, quasi uguaglianza), una figura retorica consistente in una forma complessa di isocolon, che combina l'omoteleuto (parole che terminano nello stesso modo) e l'omeottoto (parole che terminano negli stessi casi) con la paronomasia (parole con suono simile e significato diverso) o il polittoto (parole ripetute con diversa funzione sintattica). Esempio: "Straziami, ma di baci saziami ... Femmine || dalle labbra tumide || dalle bocche languide" Molti esempi moderni di paronomasia sarebbero classificabili pi correttamente come paromeosi, come in questi versi di Corneille: "et l'on peut me rduire vivre sans bonneur, mais non pas me rsoudre vivre sans honneur." ("mi si pu ridurre a vivere senza felicit, ma non convincermi a vivere senza onore". Le Cid, II, 1, 395). Voci correlate figura retorica paronomasia 135. Paronimia La paronimia (dal greco par, vicino, e nyma, variante di noma, nome), chiamata anche malapropismo (dal nome del personaggio di una commedia di Richard Sheridan, Mrs. Malaprop) lo scambio accidentale di parole somiglianti nella forma, ma diverse nel significato: spiccicare-spiaccicare, infettare-infestare, eccetera. L'uso della paronimia diffuso nei testi comici. Un esempio si ha in Gomito, un personaggio dell'opera shakespeariana Misura per misura. 136. Paronomasia La paronomsia (dal greco paronomasa, composto da par, vicino, e onomasa, denominazione), una figura retorica consistente nell'accostare due o pi parole che abbiano suono molto simile (differendo per una o due lettere) e significato diverso. Pu essere usata per rendere perentoria l'associazione tra due concetti, per esaltare la musicalit di un verso o per scopi umoristici (gioco di parole). Esempi di proverbi ed espressioni idiomatiche: "Carta canta" "Dalle stelle alle stalle" "Chi non risica non rosica" "Senza arte n parte" "Volente o nolente" "Chi dice donna dice danno" Esempi di poesia: "...e non mi si partia dinanzi al volto

anzi 'mpediva tanto il mio cammino ch'i' fui per ritornar pi volte volto." (Dante) "Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono di quei sospiri ond'io nudriva il core in sul mio primo giovenile errore quand'era in parte altr'uom da quel ch'io sono...". (Petrarca) "Talor, mentre cammino solo al sole e guardo coi miei occhi chiari il mondo..." (Sbarbaro)

Voci correlate figura retorica paromeosi 137. Perifrasi La perifrasi una [figura retorica] dove il significato di una parola o di una frase espresso dalla descrizione dei rapporti di quel concetto con altri elementi: si ottiene cos una serie diversa di parole o frasi, in genere pi lunga. La parola perifrasi deriva dal greco, per, intorno, phrzo, dire, mentre l'equivalente termine circumlocuzione viene dal latino. Entrambe significano "fare una frase attorno". Le perifrasi possono essere usate nel linguaggio formale per evitare una ripetizione ravvicinata dello stesso termine, per rendere meglio comprensibile un concetto complicato dal punto di vista tecnico, oppure per evitare termini che possono essere percepiti come non rispettosi (eufemismi), ma anche per dare varie sfumature all'oggetto (con tono celebrativo, ridicolizzante o quant'altro). Esempi: il romanziere milanese sta per "Alessandro Manzoni"; and a ricevere il premio della sua carit eufemismo per dire "mor" (Alessandro Manzoni, I Promessi Sposi); 'l tristo sacco / che merda fa di quel che si trangugia per indicare lo stomaco in maniera dispregiativa e triviale (Dante Alighieri, Inf. XXVIII, 26-27) Forza oh penisola bagnata dal mare Tirreno e dal mare Adriatico per dire "Forza Italia" (Roberto Benigni) 138. Periodo In grammatica il periodo (o frase complessa) un'unit complessa del discorso, composta da pi frasi semplici (o proposizioni) combinate in una sola struttura di senso compiuto. Ogni periodo grammaticale termina con un segno di interpunzione forte. Periodo e proposizioni Cappuccetto Rosso, ignorando gli avvertimenti che la madre le aveva rivolto, decise di seguire i consigli del lupo e di fermarsi a raccogliere fiori per la nonna. In questa frase complessa possibile distinguere

cinque proposizioni (in pratica tante quante i predicati): a) Cappuccetto Rosso decise b) ignorando gli avvertimenti c) che la madre le aveva rivolto d) di seguire i consigli del lupo e) e di fermarsi a raccogliere fiori per la nonna La prima di queste proposizioni in questo caso la pi importante, e viene chiamata proposizione principale. Essa costituisce la struttura portante del periodo: tutte le altre proposizioni dipendono da essa (e sono pertanto chiamate proposizioni subordinate. Nota bene: la proposizione principale non necessariamente la prima. Inoltre nel periodo a volte le proposizioni si presentano incastonate l'una nell'altra ( il caso delle proposizioni b e c, inserite nel mezzo della a, tra il soggetto (Cappuccetto Rosso) e il predicato (decise). Le proposizioni subordinate possono dipendere dalla proposizione principale ( il caso di b e d, che dipendono direttamete da a) o da un'altra proposizione subordinata. Nel nostro esempio, la proposizione c (che la madre le aveva rivolto) non dipende dalla principale, ma da b (ignorando gli avvertimenti). Per questo motivo possiamo dire che b una proposizione subordinata di primo grado, mentre c subordinata di secondo grado. Questo tipo di collegamento gerarchico tra le proposizioni di un periodo chiamato subordinazione o ipotassi. Le proposizioni non sono necessariamente subordinate tra loro: esse possono anche essere giustapposte mediante un segno d'interpunzione debole (di solito la virgola) o una congiunzione coordinante: questo tipo di collegamento chiamato coordinazione o paratassi. Nel nostro esempio, d ed e sono due proposizioni coordinate tra loro mediante la congiunzione "e" (esse sono per anche subordinate di primo grado rispetto ad a). Anche la proposizione principale pu avere una sua coordinata. Voci correlate Sintassi Sintagma Testo Analisi del periodo 139. Personificazione La personificazione consiste nell'attribuzione di fattezze, comportamenti, pensieri, tratti (anche psicologici e comportamentali) umani a qualcosa che umano non . Oggetto di personificazione pu ben essere un oggetto inanimato, un animale, ma anche un concetto astratto, come ad esempio la pace, la giustizia, la vendetta etc. Religione e mitologia

Il procedimento di attribuzione di qualit umane frequente in alcune religioni e mitologie. Voci correlate Antropomorfismo Prosopopea 140. Pleonasmo Il pleonasmo (dal greco : pleonasms) la figura retorica per cui si ha un'aggiunta di parole o elementi grammaticali esplicativi a un'espressione gi compiuta dal punto di vista sintattico. A tale accorgimento, il cui effetto un'evidente ridondanza, si ricorre per ragioni stilistiche, al fine di dare alla frase una maggiore chiarezza o efficacia. Esempi: "Io il mare l'ho sempre immaginato come un cielo sereno visto dietro dell'acqua" (Cesare Pavese, Feria d'agosto). "A me mi par di s: potete domandare nel primo paese che troverete andando a diritta. E glielo nomin."" Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi, capitolo XVI. "A noi monache ci piace di sentir certe storie..." Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi "Non me ne importa nulla di questa storia!" Negli esempi riportati, la ripetizione del componente della frase ha a che vedere con l'ordine della frase ed dovuta ad un'anteposizione del complemento dislocazione a sinistra, ma non deve necessariamente essere sempre cos: "Ecco la spiaggia dove ci vado ogni anno." "Bevete XXY, il caff caff." "Si volt poi a don Abbondio, e gli disse: signor curato, se mai desiderasse di portar lass qualche libro, per passare il tempo, da pover'uomo posso servirla (...) ma per..." (Promessi Sposi, Capitolo XXIX) "Dai Marco, scendi gi!" Al di l della figura stilistica, il pleonasmo viene il pi delle volte considerato come un errore grammaticale. Voci correlate Dislocazione a sinistra (a me mi) Tautologia 141. Polisindeto Il polisindeto la figura retorica in cui si ha l'elencazione di termini o la una coordinazione di pi proposizioni con la ripetizione della congiunzione. io quello infinito silenzio a questa vocevo comparando: e mi sovvien l'eterno,e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. (Giacomo Leopardi, L'infinito)

linquenda tellus et domum et placens uxor (Orazio, Carmina II, 14) 142. Polittoto Il polittto o poliptto (dal greco polptton, con molti casi) una figura retorica in cui una parola ripetuta a breve distanza all'interno di un enunciato, pur essendo la stessa, assume una funzione sintattica diversa. Per esempio lo stesso verbo coniugato (in tempi, modi, persone, diatesi) diverse o un medesimo sostantivo in casi diversi. Il polittoto pu occupare qualsiasi posizione all'interno della frase, ed frequente nelle situazioni comunicative che presentano le figure della ripetizione. detto anche variazione. Esempi "Soles occidere et redire possunt; nobis cum semel occidit brevis lux,..." (Catullo) "Staphyla: Nam cur me miseram verberas? "Euclio: Ut misera sis, atque ut te dignam mala malam aetatem exigas..." (Plauto, "Aulularia") "Sono ambo stretti al palo stesso; e vlto il tergo al tergo e 'l volto ascoso al volto." (Torquato Tasso, Gerusalemme liberata, II, 32) Voci correlate Figura retorica Omeottoto Ripetizione Variatio

143. Premunizione La premunizione (dal latino prae-munitio, fortificare in anticipo) la figura retorica consistente nel controbattere preventivamente alle possibili obiezioni dell'interlocutore. Esempio: e se qualcuno pensasse che io parlo per interesse risponder chiaro e tondo che non ho vantaggi personali da queste mie affermazioni! A volte ci si riferisce a questa figura retorica anche con il termine prolessi, che per ha un significato pi ampio. 144. Preterizione La preterizione, nota anche come paralessi, paralissi o paralipsi, la figura retorica in cui si finge di non voler dir nulla di ci di cui si sta parlando. Ad esempio: "Non ti dico cosa mi successo..." Cesare taccio dalla Canzone all'Italia di

Francesco Petrarca Od anche, dalla bocca di Don Abbondio, nei "Promessi sposi" di Alessandro Manzoni: "Quando dico niente, o niente, o cosa che non posso dire." anche la formula di negare per affermare: "Non voglio dire che sei il peggiore ma...".

145. Prolessi La prolessi (dal greco prlpsis, derivato da prolambn, prendo prima) una figura retorica di tipo sintattico che consiste nell'anticipazione di una parte della proposizione o del periodo che nella costruzione normale andrebbe dopo, per mettere in evidenza un concetto o una parola. In ambito narrativo, consiste nell'evocazione pi o meno ampia di un evento successivo al tempo della storia in cui ci si trova, ed detta anche flash-forward. Prolessi sintattica Esempio: La morte quello che di cotanta speme oggi m'avanza (Leopardi, Canti, Le ricordanze, 91-92) Quando riguarda un periodo (come ipotassi e paratassi) e non una singola parola, una figura retorica impropria. Si verifica questo caso quando una subordinata viene collocata prima della sovraordinata nella costruzione del periodo per porre in evidenza la subordinata stessa o la frase principale. Esempi: Quello che volevo dire questo, che.. La subordinata "quello che volevo dire" anticipa la principale " questo". In tale caso per evidenziare ci che verr detto dopo, in modo ridondante. Anche "questo" in funzione prolettica: si poteva tranquillamente dire "volevo dire che..." invece che "volevo dire questo, che..." Poich ne avevo voglia, iniziai a leggere. La subordinata causale anticipa la principale "iniziai a leggere", in questo caso per porre in risalto non ci che segue (come nell'esempio di prima con la relativa) ma la causa dell'azione, ossia la subordinata causale stessa. Prolessi narrativa l'opposto dell'analessi o flashback. Un esempio di una narrazione basata sulla prolessi La morte di Ivan Il'i di Lev Tolstoj: il primo capitolo di quest'ultimo racconto si apre annunciando la morte del protagonista, l'epilogo cio della storia. Voci correlate Figura retorica Ipotassi Paratassi 146. Prosopopea La prosopopea, o personificazione, una figura retorica e si ha quando si attribuiscono qualit o azioni umane ad animali, oggetti, o concetti astratti. Spesso

questi parlano come se fossero persone. una prosopopea anche il discorso di un defunto. Nel mondo greco la pi celebre prosopopea fu nel Critone di Platone quando le Leggi di Atene parlano a Socrate e pretendono che ad esse sia dovuta obbedienza anche quando sono sfavorevoli Un esempio di prosopopea si ha nelle "Catilinarie" di Cicerone in cui egli immagina che la Patria sdegnata rimproveri Catilina, reo di aver organizzato una congiura contro di essa. Nel linguaggio comune sinonimo di arroganza, pomposit, boria. Voci correlate Personificazione Antropomorfismo 147. Prostesi La prstesi o prtesi (dal greco prthesis, derivato da protithnai, porre avanti) un fenomeno di fonetica storica che consiste nell'aggiunta di un elemento non etimologico, una vocale o una sillaba, all'inizio di una parola. laurum (lat.) alloro vulturium (lat.) avvoltoio I prostetica La i prostetica o protetica o eufonica un fenomeno della lingua italiana apparso attorno al XIV secolo e caduto in disuso nel primo XX secolo: strada istrada (it. ant.) Spagna Ispagna (it. ant.) gnocco ignocco (it. ant., XV secolo) - Dove vanno tutti gli altri? Prima di tutto, anderemo in istrada [...] (I promessi sposi, Capitolo XXIX) E pens subito a mettere, non solo questa, ma anche la valle, in istato di difesa (I promessi sposi, Capitolo XXIX) L'ho messo per iscritto e prevede appunto l'aggiunta di una i eufonica davanti a parole che iniziano per s complicata (comunemente definita impura, ovvero seguita da consonante) precedute da una parola che finisce per consonante (in istrada, per ischerzo, non isbaglia). Anticamente si consideravano tutte le consonanti seguite da consonante. L'uso di una vocale in questa funzione si pu anche trovare nello spagnolo e nel francese, ma con il suono di una vocale centrale atona []: tale fenomeno ha luogo nell'evoluzione dal latino alle lingue romanze occidentali ((FR, OC, CA, ES, GL, PT)), in cui le parole latine inizianti con nessi consonantici giudicati difficili da pronunciare, formati da s + consonante (per esempio st- o sp-) si appoggiano a una vocale chiamata, appunto, vocale di appoggio; per esempio it. stella, fr. toile, sp. estrella, pt. estrela. Tale fenomeno, come si vede, ha ripercussioni anche in italiano. Il fenomeno pu avere anche una motivazione di ordine fonologico: contrariamente alla convenzione

ortografica, la s impura, cos viene chiamata la S che precede un'altra consonante, non fa fonologicamente parte della sillaba che segue ma di quella che precede, il che farebbe nascere la necessit di introdurre una vocale di appoggio, quale nucleo sillabico, per rendere la pronuncia pi fluida; un po' la stessa cosa che accade con l'articolo un: davanti a parole inizianti con "S impura", deve essere trasformato in uno per questioni eufoniche. Voci correlate Il contrario della prostesi lafresi.Vedi anche: eptesi (o paragge) epntesi nonch i rispettivi contrari: apcope sncope Metaplasmo 148. Raddoppiamento Il termine Raddoppiamento pu riferirsi a: Anadiplosi o raddoppiamento - figura retorica Raddoppiamento o geminazione consonantica - fenomeno linguistico Raddoppiamento fonosintattico - fenomeno linguistico italiano e romanzo 149. Reductio ab absurdo Ab absurdo (in latino, dall'assurdo; anche reductio ad absurdum) un'argomentazione filosofica volta, secondo la scolastica, a dimostrare la verit di una proposizione, attraverso gli assurdi che deriverebbero ammettendo la contraria. La sua teorizzazione giunta molto pi tardi dell'uso massiccio che ne facevano i pensatori antichi per dimostrare le loro tesi (Zenone, Euclide e altri); il metodo classico dell'esaustione esplorava tutti i casi possibili, ma era poco fecondo di nuove scoperte che avvenivano per altra via per poi essere teorizzate dai loro scopritori: fu perci abbandonato in epoca moderna. Utilizzata anche in matematica (dimostrazione per assurdo, che si consegue provando le conseguenze false che derivano da ipotesi o premesse erronee). 150. Reiterazione La reiterazione una figura retorica consistente nel ripetere uno stesso concetto con altre parole. Spesso viene introdotta da formule come in altre parole..., cio..., in parole povere..., in soldoni..., eccetera. 151. Rima

Rima (linguistica) Rima (esogeologia) Rima - frazione di Rima San Giuseppe (VC) Rima San Giuseppe - comune della Provincia di Vercelli Rima Wakarua - giocatore di rugby italiano

152. Ripetizione La ripetizione (dal latino repetto, -nis, derivato da repetre, composto di re-- con valore iterativo e di petre, chiedere) una figura retorica che produce una successione di membri uguali o solo leggermente variati nella forma, nella funzione sintattica o nel senso. Sul meccanismo della ripetizione si fondano numerose figure di parola, come l'anafora, l'anadiplosi, l'epanalessi, l'epifora, il climax, ma anche un procedimento linguistico comune nell'uso sia dotto sia quotidiano di lingue come il tedesco e l'inglese, o di linguaggi letterari come quello biblico. Inoltre la ripetizione una costante del discorso poetico, alla quale spingono le rime, assonanze, cadenze ritmiche, allitterazioni e tutte le altre forme di parallelismo caratteristiche della composizione lirica. Voci correlate Figura retorica Anadiplosi Anafora Epanalessi Climax Epifora Paromeosi Paronomasia Polittoto Sinonimia Variatio

153. Sacripanza Una sacripanza una figura retorica. Consiste in un'ovviet non richiesta che incute timore. Correzione Secondo gli esperti dell'Enciclopedia Treccani la Sacripanza non esiste come istituto retorico; esiste, nella forma sacripanta, come sostantivo astratto di uso letterario, attestato raramente col significato di 'atteggiamento caratterizzato da ostentazione di anticonformismo provocatorio in mbito culturale' (Riccardo Bacchelli). 154. Sarcasmo Il sarcasmo una figura retorica usata per mostrare la

presa in giro, la canzonatura o la burla di una persona, una situazione o una cosa. spesso usato in maniera umoristica o ironica, e pu essere sottolineato anche attraverso particolari intonazioni della voce per enfatizzare particolari parole o parti dell'affermazione. Origini La parola deriva dal tardo latino, sarcasmus, che a sua volta deriva dal greco antico sarkasmos, da sarkazein mordersi le labbra per la rabbia-. A sua volta il termine una derivazione di sarx, carne. Sarcasmo letteralmente pu essere reso con "tagliare un pezzo di carne da qualcuno". proverbialmente nota come la "pi bassa forma di arguzia" (una frase a volte attribuita erroneamente a Oscar Wilde, ma di cui non nota la provenienza). Nel 1983, Leonard Rossiter ha pubblicato un libro dal titolo The Lowest Form of Wit (ISBN 0722175132) che include la storia e le regole del sarcasmo, nonch numerosi commenti sarcastici da parte di personaggi famosi. Uso Il termine spesso usato a sproposito come sinonimo di ironia. L'ironia si riferisce per allo stravolgimento del significato letterale delle parole, mentre il sarcasmo denotato dell'intento volontariamente beffardo dell'affermazione. possibile essere ironici senza essere sarcastici, e viceversa: dipende da quale valore si attribuisce alle parole usate. Il sarcasmo anche confuso con il cinismo: mentre il secondo caratterizzato da una visione nichilistica della vita e delle persone, il sarcasmo pu avere connotazione positiva. Sarcasmo nella comunicazione scritta Poich basato sulla comunicazione vocale, il sarcasmo pu essere difficile da comprendere in forma scritta, e pu essere male interpretato. In letteratura, una delle espressioni pi difficili da descrivere, per cui alle volte ci si aiuta mettendo la parola o la frase tra virgolette (""), ma sta alla bravura dello scrittore poter rendere l'esatta misura del sarcasmo. Nella comunicazione moderna, resa pi svelta da Internet, l'intonazione della voce spesso sostituita con l'aggiunta di una emoticon, per dare una valenza particolare alla frase. Altri metodi sono l'evidenziazione delle parole con grassetto, corsivo o sottolineature, o con caratteri speciali come *asterischi* o <freccette>. In alcuni casi, come forum internet o Usenet diffuso anche il metodo di utilizzare palesi errori di scrittura o espressioni dialettali per mostrare una falsa ignoranza. Nel Regno Unito, i DVD e i programmi televisivi sono sottotitolati per i non udenti con l'uso di (!) (un punto esclamativo tra parentesi) che segue la frase e indica un evidente intento ironico o sarcastico percettibile col tono di voce. 155. Senhal Il senhal una figura retorica impiegata per la prima volta nella poesia trobadorica. Era un termine riservato

generalmente alla donna amata ma anche ad amici o altri personaggi. Successivamente, il termine ha assunto un significato dispregiativo. Nel XIX secolo, nella Francia del Sud, per limitare l'uso della lingua provenzale e imporre maggiormente il francese, nelle scuole ai ragazzi che parlavano questa lingua veniva consegnato un medaglione (il senhal, appunto, che chi portava doveva legare al collo o anche stringere fra i denti) che potevano cedere a qualcun altro solo se lo trovavano a parlare il provenzale. 156. Significato Noi non sappiamo che cosa significano le parole pi semplici, tranne quando amiamo e desideriamo. (Ralph Waldo Emerson)

Il triangolo semiotico Secondo il linguista ginevrino Ferdinand de Saussure, il segno linguistico costituito dall'unione di un significato (un concetto) con un significante (cio una forma sonora, o un'immagine uditiva). Perci, ad esempio, la parola italiana albero un segno linguistico che unisce il concetto di "albero" alla catena fonica /'albero/. In semantica il significato un modo di indicare una porzione di realt per mezzo di una o pi espressioni linguistiche (significante). Per quanto riguarda la porzione di realt indicata, si distingue in genere tra: denotazione, ovvero ci che una parola indica in quanto tale (uomo, e il suo significato di animale razionale); riferimento, ovvero ci che una parola indica in una frase determinata (quell'uomo alto). Dello studio del significato si occupano la semiotica, la semantica e la filosofia. In semiotica, il significato uno dei vertici del triangolo semiotico postulato da Charles Peirce, come mostrato nella figura accanto. Bibliografia Ferdinand de Saussure, Corso di linguistica generale, Bari, Laterza, 1970 Giorgio Graffi; Sergio Scalise, Le lingue e il linguaggio. Bologna, Il Mulino, 2002. ISBN 88-15-090579-9 C. K. Ogden, I. A. Richards, Il significato del significato - Studio dell'influsso del linguaggio sul pensiero e della scienza del

simbolismo, con saggi in appendice di B. Malinowski e F. G. Crookshank, trad. Luca Pavolini, Milano, Il Saggiatore, 1966 (orig.: The Meaning of Meaning. A Study of the Influence of Language upon Thought and of the Science of Symbolism, London, Routledge & Kegan Paul, 1923) Collegamenti esterni Significato Il lemma "significato" Teorie del significato 157. Sillessi La Sillessi (anche detta costruzione ad sensum o concordanza ad sensum) la concordanza grammaticale a senso, ovvero concordanza non alla forma grammaticale, ma con l'idea che essa contiene. Etimologia Il termine viene dal greco syllepsis che vuol dire "presa insieme". Tipologia Sintassi Dal punto di vista sintattico, una figura sintattica che consiste nel far concordare due o pi elementi di una frase, secondo un senso logico e non grammaticale, attraverso la quale, si fa concepire un senso completamente diverso da quello che le parole dovrebbero significare, o per cui le parole messe insieme fanno percepire un significato che materialmente non esprimono. Esempi

Ci sono un sacco di macchine per la strada. Un centinaio di soldati cantavano. Borea e Zefiro, che soffiano nella Tracia (ma soltanto Borea soffia nella Tracia).

Retorica Dal punto di vista retorico, una figura retorica che consiste nell'attribuire contemporaneamente al medesimo termine, un senso proprio e uno figurato. Esempi Una casa piena di cose e di ricordi. Voci correlate Sillepsi 158. Sillogismo Tutti gli uomini sono mortali Socrate un uomo Pertanto, Socrate mortale Il sillogismo (dal greco , sullogisms ragionamento concatenato, formato da "insieme" e "calcolo") un tipo di ragionamento

dimostrativo che fu teorizzato per la prima volta da Aristotele, il quale, partendo dai tre tipi di termine "maggiore" (che funge da soggetto nella conclusione), "medio" e "minore" (che nella conclusione funge da predicato) classificati in base al rapporto contenente contenuto, giunge ad una conclusione collegando i suddetti termini attraverso brevi enunciati (premesse). La forma di sillogismo pi comune il sillogismo categorico (solitamente per sillogismo si intende sillogismo categorico). Le proposizioni che compongono un sillogismo categorico possono essere universali affermative ("Tutti gli A sono B"), universali negative ("Nessun A B"), particolari affermative ("Qualche A B"), particolari negative ("Qualche A non B"). La posizione del termine medio nelle due premesse determina la figura del sillogismo: Aristotele ne classific tre, gli scolastici ne aggiunsero una quarta. La forma delle proposizioni contenute nel sillogismo ne determina il modo; la filosofia scolastica classific i modi del sillogismo adoperando la prima o la seconda vocale (rispettivamente se universale o particolare) dei verbi affirmo e nego. Per fare un esempio pratico: (premessa maggiore) Tutti i gli uomini sono mortali (premessa minore) Tutti i greci sono uomini (conclusione) Tutti i greci sono mortali Nell'esempio in questione, uomo, mortale e greco sono termini (rispettivamente minore, maggiore e medio) Un sillogismo considerato valido se un qualsiasi ragionamento di quella forma sempre valido. Quindi il silllogismo: Alcuni uomini sono italiani Qualche uomo biondo Quindi qualche italiano biondo, non valido anche se tutte le sue proposizioni sono vere, perch il corrispondente sillogismo, diverso ma della stessa forma: alcuni esseri viventi sono uomini alcuni esseri viventi sono elefanti quindi alcuni uomini sono elefanti, non conclude correttamente. Combinatoriamente, i modi dei sillogismi possibili sono 64: ci sono infatti tre proposizioni indipendenti ciascuna delle quali pu assumere quattro forme diverse, per un totale di 444 combinazioni. Quelli validi per sono soltanto 14, cio i quattro modi (Barbara, Celarent, Darii, Ferio) perfetti (che Aristotele defin autoevidenti) del sillogismo di prima figura ed altri 10 di cui possibile dimostrare la validit tramite le tre regole di conversione o la reductio ad impossibile. La teoria della Distribuzione dei termini permette di decidere se un sillogismo valido. Voci correlate Inferenza Regole di inferenza Elenco di regole di inferenza Sillogismo disgiuntivo Sillogismo ipotetico Modus ponens Modus tollens

Sillogismi categorici in forma normale Validit

159. Simbolo Il simbolo un elemento della comunicazione rappresentante un concetto o quantit (per es. un'idea, un oggetto, una qualit). Il simbolo un tipo di segno: convenzionale, tale in virt di una convenzione sociale; analogico, cio capace di evocare una relazione tra un oggetto concreto e unimmagine mentale. Ad es. il linguaggio parlato consiste di elementi uditivi distinti per rappresentare concetti simbolici (parole), disposti in un ordine che precisa ulteriormente il loro significato. I simboli possiedono un forte carattere intersoggettivo in quanto sono condivisi da un gruppo sociale. In particolare i simboli sono diversi dai segnali, che hanno un puro valore informativo e non evocativo. Inoltre i simboli sono diversi anche dai marchi, che hanno un valore solamente soggettivo. Etimologia La parola simbolo deriva dal latino Symbolum ed a sua volta dal greco smbolon dalle radici (sym-, "insieme") e (bol, "un lancio"), avente il significato approssimativo di mettere insieme due parti distinte. Nella lingua corrente della Grecia antica, il termine simbolo () aveva il significato di tessera di riconoscimento o tessera ospitale, secondo lusanza per cui due individui, due famiglie o anche due citt spezzavano una tessera, di solito di terracotta, e ne conservavano ognuno una delle due parti a conclusione di un accordo o di unalleanza, da cui anche il significato di patto o di accordo che il termine greco assume per traslato. Il perfetto combaciare delle due parti della tessera provava lesistenza dellaccordo. Nel '500 il simbolo nella Repubblica di Venezia era in uso come abbreviazione dell'anfora. Bibliografia L. Gattamorta, Teorie del simbolo. Studio sulla sociologia fenomenologica, FrancoAngeli, Milano, 2005. C. Gentili, Il simbolo tra mito e segno. Statuto ambiguo di una nozione nella cultura greca, in idem, Ermeneutica e metodica. Studi sulla metodologia del comprendere, Marietti, Genova, 1996. Omraam Mikhal Avanhov, Linguaggio simbolico, linguaggio della natura, Edizioni Prosveta, 1999. Voci correlate Alchimia Comunicazione Icona Interpretazione dei sogni

Lettera Logo Panoramica storica delle notazioni matematiche Parola Rappresentazione Semiotica Segno Simbolismo religioso Simbolismo numerico Tavola delle principali notazioni simboliche matematiche Libido

160. Similitudine (figura retorica)


La similitudine la figura retorica in cui si paragona un oggetto ad un altro le cui propriet sono ben note. Ad esempio: bianca come la neve rosso come il fuoco Differisce dalla metafora per la presenza di avverbi di paragone o locuzioni avverbiali ("come") e per le conseguenze nella struttura della frase che questo comporta. Differisce dal parallelismo per l'assenza di "come...cos..." o costrutti analoghi. Esempio nel Manzoni, Il cinque maggio: "Come sul capo al naufragol'onda s'avvolve e pesa l'onda su cui del misero,alta pur dianzi e tesaScorrea la vista a scernere prode remote invan;Tal su quell'alma il cumulo delle memorie scese..."

161. Simploche
La simploche (dal greco symplok, intreccio), detta anche complexio o intreccio, una figura retorica che combina l'anafora con l'epifora, ripetendo parole o gruppi di parole sia all'inizio sia alla fine di ogni frase di una serie. Esempi: Quis eos postulavit? Appius; quis produxit? Appius. (Cicerone). Gurdate da l'odorato, lo qual ne sciordenato, ca 'l Segnor lo t'ha vetato: guarda! Gurdate dal toccamento, lo qual a Deo spiacemento, al tuo corpo strugimento: guarda! (Jacopone da Todi, Laudi, VI, 10-13) Anafora, epifora e simploche sono figure del parallelismo, che la collocazione "in parallelo" di suoni, di parole, di forme grammaticali, di strutture sintattiche, di cadenze ritmiche: dei componenti, insomma, del discorso a tutti i livelli della sua

organizzazione. Voci correlate Figura retorica Anadiplosi Anafora Epanadiplosi Epanalessi Epifora 162. Sinalefe La sinalfe quella figura metrica in cui nel computo delle sillabe di un verso sono unificate in una sola posizione la vocale finale duna parola e quella iniziale della parola successiva. Un primo esempio lo si pu notare nel verso mi ritrovai per una selva oscura (Dante, Inferno I, 2) Il suo schema metrico, in cui si evidenzia la sinalefe, il seguente
Sill 1 Sill 2 Sill 3 Sill 4 Sill 5 Sill 6 Sill 7 Sill 8 Sill 9 va o Sill 10 Sill 11

mi

ri

tro

vai

pe

ru

na

sel

scu

ra.

Nella scrittura della lingua italiana vi sono elisioni obbligatorie: "l'amico" piuttosto di un agrammaticale "lo amico" Elisioni facoltative: "una enorme occasione" che pu essere scritta come "un'enorme occasione" improponibilit di elisione: "di quel vago avvenir che in mente avevi" non pu certo essere n letto n scritto "di quel vag'avvenir ch'in ment'avevi" La sinalefe invece non solo considerabile un antecedente fonetico dell'elisione, ma anzi in poesia adoperata costantemente, coinvolgendo anche quelle vocali ai confini di parola che non accetterebbero l'elisione: come esempio si colga il seguente: Questaisoletta intornoad imoad imo (Purgatorio I, 100) Nella lettura il nesso "Questa isoletta pu anche essere eseguito "quest'isoletta", mentre nel computo delle sillabe le ultime parole richiedono la sinalefe proprio laddove l'elisione appare improponibile. N.B.: Nel seguente verso dellAriosto, tecnicamente abusivo parlare di sinalefe o delisione dato che la i ha solo valore diacritico (per indicare il suono //): Le donne, i cavallier, larme, gliamori, (L. Ariosto, Orlando Furioso, I, 1) /'larme a'mori/ con gli a- /a-/ = una sola sillaba, che non andrebbe pronunciata /ia'mori/. Voci correlate Il fenomeno contrario alla sinalefe la dialfe: il caso eccezionale in cui in un verso due vocali confinanti di parola costituiscano sillabe distinte. Si vedano inoltre: sinresi e diresi. 163. Sinchisi La sinchisi (dal greco synkhin mescolare), o mixtura verborum, una figura retorica consistente in una modificazione dell'ordine sintattico normale di una frase, costituita dalla combinazione di anastrofe e di iperbato. le dal sol percosse del suo fiotto inegual spume d'argento. (Saverio Bettinelli) Voci correlate Figura retorica Anastrofe Iperbato 164. Sincope La sncope un fenomeno di fonetica storica che consiste nelleliminazione duna lettera o duna sillaba allinterno della parola. calidus (lat.) caldo verecundia (lat.) vergogna vetulus (lat.) (*veclus) vecchio

Tale fenomeno costante nella metrica italiana, e ogni deviazione da esso infatti eccezionale, tant' vero che la sinalefe avviene anche in presenza di segni di interpunzione tra le vocali confinanti di parola: Tale divaricazione tra metrica e sintassi stata progressivamente esasperata nella poesia postromantica con il risultato di mettere in discussione e poi demolire gli istituti secolari della versificazione italiana: si noti ad esempio il verso pascoliano tra me dico, a voce alta. - In bocca al lupo! (G. Pascoli, Canti di Castelvecchio, "The Hammerless Gun", 16)

Sill 1

Sill 2

Sill 3

Sill 4

Sill 5

Sill 6

Sill 7

Sill 8

Sill 9

Sill 10

Sill 11

Tra

me

di

co,^ a

vo

c e^al

ta.^ In

boc

c a^al

lu

po

Da questo esempio si deduce che la sinalefe non implica nella lettura ad alta voce la caduta della prima vocale n una velocit denunciato maggiore,il verso pu essere letto con ritmo e pause determinati in base alle implicazioni semantiche. Sinalefe ed elisione Mentre la sinalefe una figura metrica, l'elisione invece una figura fonosintattica, che rappresenta con un apostrofo la completa sparizione di una vocale finale di parola rispetto a quella iniziale della parola successiva. Quest'ultima per non coinvolge qualunque incontro tra vocali confinanti di parola:

domina (lat.) donna Pu anche essere una figura retorica che d luogo a forme poetiche: opera opra (it. ant./poet.) spirito spirto (it. ant./poet.) Voci correlate Il contrario della sincope lepntesi. Si vedano inoltre: afresi e apcope, nonch i rispettivi contrari: prstesi ed eptesi (o paragge). 165. Sineddoche La sinddoche (dal greco , ricevere insieme) una figura retorica che consiste nell'uso in senso figurato di una parola al posto di un'altra, mediante l'ampliamento o la restrizione del senso. La sostituzione pu essere: della parte per il tutto ("la vela" al posto di "nave"); di una qualit/caratteristica per il tutto ("il ferro" al posto della "spada") del tutto per la parte ("una borsa di serpente" al posto di "una borsa di pelle di serpente"); del singolare per il plurale e viceversa ("l'Italiano" -inteso come persona- "all'estero" per "gli Italiani all'estero"); del genere per la specie e viceversa ("il mortale" per "l'uomo"). Si distingue dalla metonimia perch si basa su relazioni di tipo quantitativo. Voci correlate Figura retorica Metonimia Metasemema 166. Sineresi In metrica, la sinresi il conteggio come appartenenti a ununica sillaba di due vocali che la grammatica descrive come appartenenti a due. La sineresi implica che un nesso vocalico, tradizionalmente considerato iato, venga invece considerato come dittongo. Questi parea che contra me venisse (Dante, Inferno I, 46) Parea, secondo la grammatica, ha tre sillabe, in questo verso ne ha due soltanto. All'interno di un verso due vocali di solito sono considerate facenti parti di una stessa sillaba, quindi o sono dittonghi o sono iati (nel senso di due "vocali forti", non nel senso di due vocali separate da un accento) che formano sineresi; se c' un caso di dieresi si pu segnalare con l'apposito segno diacritico. Viceversa, in fine di verso, due vocali formano sempre due sillabe metriche. Voci correlate

Diresi Dialfe Sinalfe

167. Sinestesia La sinestesia una figura retorica. un tipo particolare di metafora che prevede l'accostamento di due sfere sensoriali diverse. Essa ricorre anche nella lingua parlata di tutti i giorni (esempio "Giallo squillante"). Ha largo uso in poesia: Dolcezza si rispecchia ampio e quieto Il divino del pian silenzio verde (Giosu Carducci, il bove) a poco a poco mi ripigneva l dove 'l sol tace. (Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno Canto I) M'illumino d'immenso. (Giuseppe Ungaretti, Mattina, tratta da Naufragi) Fu prediletta dai poeti simbolisti di fine '800, che ne fecero un largo uso, coerente alla loro visione del mondo. 168. Sinonimia La sinonima (dal greco synnyma, comunanza di nome) in semantica indica la relazione che c' tra due lessemi che hanno lo stesso significato. dunque la relazione opposta all'antonimia. Il riconoscimento di sinonimi pu essere guidato dal criterio della sostituibilit, ma la sostituibilit assoluta di due parole non accettabile. Il rapporto significato, significante e referente extralinguistico unico e irripetibile singolarmente solo per ogni parola. La sinonimia come figura retorica La 'sinonimia anche una figura retorica di ripetizione che consiste nell'esprimere una stessa idea con pi parole di senso affine, che possono essere sinonimi veri e propri oppure tropi. Naturalmente, si tratta in genere di equivalenza, non di identit perfetta di senso; anzi, proprio la possibilit di variare leggermente il significato che spiega l'uso retorico della sinonimia: vedere e guardare, viso e volto. La sinonimia si trova spesso in figure come la perifrasi, l'iperbole e l'enfasi e nelle varie forme della ripetizione, ed caratteristica importante della climax e dell'anticlimax, in cui i membri in successione sono frequentemente sinonimi. Si unisce anche alla correctio. Esempi: In forma di epifora: populus Romanus Numantiam delevit, Karthaginem sustulit, Corinthum disiecit, Fregellas evertit. In forma di climax: Veloce? un razzo, una scheggia, un fulmine! Una forma particolare e diffusissima di ripetizione sinonimica la dittologia, unione di due parole complementari e simili per significato: congiunge e unisce (Dante), a passi tardi e lenti (Petrarca). Ci sono dittologie rese fisse dall'uso e spesso memorizzabili

grazie all'allitterazione: grandi e grossi, come mi pare e piace. Un'altra forma particolare di sinonimia l'interpretazione (interpretatio) o glossa: con uno o pi sinonimi si chiarisce un'espressione ritenuta oscura, difficile o equivoca. Esempio: Un grosso volume non basterebbe a registrare tutte le spadellate (colpi messi fuori del bersaglio, voce toscana) dei poeti dell'Ottocento Voci correlate Antonimia Significato Figura retorica Dittologia Interpretazione Ripetizione Variatio Bibliografia Giorgio Graffi; Sergio Scalise, Le lingue e il linguaggio. Bologna, Il Mulino, 2002. ISBN 88-15-090579-9 169. Sintagma La struttura in cui si dispongono i significati all'interno dell'enunciato chiamato catena sintattica. Il sintagma l'unit minima di questa catena sintattica e costituisce una stringa di suoni dotati della stessa funzione logica all'interno dell'enunciato. Per esempio, nelle frasi Pierino ha mangiato la mela e L'ha mangiata Pierino, la e mela hanno la stessa funzione logica di complemento oggetto. Struttura del sintagma La parola fondamentale di un sintagma, senza la quale questo non sussisterebbe, chiamato testa. Gli altri elementi sono detti modificatori. Nella frase: il mio gatto ha fatto indigestione di sgombro, il sintagma che indica il soggetto della frase "il mio gatto". In questo sintagma la testa gatto, mentre il e mio sono modificatori.I sintagmi vengono classificati a seconda della categoria grammaticale a cui appartiene la parola che funge da testa: "Il mio gatto" sar un sintagma nominale, in quanto gatto, un nome, la testa "ha fatto indigestione" un sintagma verbale, poich la testa in questo caso ha fatto "di sgombro" un sintagma preposizionale, in quanto la testa "di". Il sintagma non una struttura rigida, in quanto pu essere scisso o raggruppato in unit logiche maggiori o minori a seconda del riferimento logico. Pu essere scisso o raggruppato in unit logiche maggiori o minori, a seconda del punto di riferimento logico da cui parte l'analisi dell'enunciato. Le parole che costituiscono un sintagma possono anche trovarsi in posizione non contigua nella sequenza della frase, e in tal caso si parla di sintagmi discontinui. Un

esempio dell'italiano l'enunciato me ne resi subito conto, dove il sintagma "me ne resi conto" in sequenza discontinua. Questa sequenza frequente in varie lingue, come in inglese: she takes her coat off, in tedesco: ich rufe morgen wieder an , in latino: adgnosco veteris vestigia flammae. Tra i sintagmi sussistono inoltre diversi legami logici, che ne denunciano l'accordo o la reggenza. Tra due sintagmi sussiste spesso un rapporto di dipendenza sintattica, in quanto uno dei due non potrebbe esistere senza l'altro. Il sintagma indispensabile viene chiamato dominante: nel sintagma il mio amico di Genova arrivato ieri, il sintagma il mio amico dominante rispetto a di Genova. Alcuni sintagmi, al contrario, appaiono slegati da qualsiasi connessione logica e denunciano solo una connessione "a senso", come il genitivo assoluto in greco o l'ablativo assoluto in latino. Esempi di sintagmi connessi a senso in italiano sono per esempio le costruzioni cosiddette "implicite" con il gerundio e gli anacoluti. Abbreviazioni correnti per i tipi di sintagmi In inglese al termine sintagma corrisponde la parola phrase. Ecco perch anche le abbreviazioni, redatte dalla scuola americana del XX secolo, si riferiscono proprio a questo termine: NP Noun phrase = sintagma nominale (SN) VP Verb phrase = sintagma verbale (SV) PP Preposition phrase = sintagma preposizionale (SP) AP Adjective phrase = sintagma aggettivale (SA) CP Complementizer phrase = sintagma di complementazione (SC) IP Inflection phrase = sintagma di flessione (SF) DP Determiner phrase = sintagma determinante (SD) AdvP Adverbial phrase = sintagma avverbiale (SAdv) Altre abbreviazioni, sviluppate nel quadro della Grammatica generativa dalla Teoria dei principi e dei parametri, a partire dagli anni '80 del XX secolo: TP Tense phrase = sintagma del tempo AspP Aspect phrase = sintagma dell'aspetto FocP Focus phrase = sintagma del Focus TopP Topic phrase = sintagma del Topic QP Quantifier phrase = sintagma del quantificatore ForceP Force phrase = sintagma della forza (frasale) FinP Finiteness phrase = sintagma della finitezza Sintagmi verbali Il sintagma verbale quello che ricorre con maggior frequenza. Pu essere formato da un verbo coniugato o da un verbo unito ad altri modificatori. Questi possono essere nomi, aggettivi, avverbi oppure sintagmi

preposizionali strettamente dipendenti da quello verbale. In un enunciato come arrivato il mio amico, il sintagma arrivato si trova in posizione predicativa, in quanto indica una qualit o unazione inerente al soggetto intorno al quale viene effettuata la comunicazione. Normalmente allenunciato possono essere aggiunti altri sintagmi che fungono da completamento, o altri modificatori. Quando il sintagma composto dal solo verbo, esso corrisponde al predicato verbale: Gianni corre, oggi nata una stella. Nel sintagma verbale pu essere compreso anche l oggetto dellazione. Cos, nellenunciato Pierino mangia la mela, avremo due sintagmi: il primo, nominale, che comprende "Pierino", il secondo, verbale, che comprende "mangia la mela". ugualmente un sintagma il costrutto copulativo, formato generalmente dal verbo essere (ma in tedesco p.e. sono verbi copulativi anche werden (diventare) e bleiben (restare).Presentano dunque sintagmi verbali gli enunciati bello, non sembra facile o, in latino, pulchrum pro patria mori e in arabo ha jaml. Il sintagma verbale pu essere formato da una testa verbale e da modificatori avverbiali, come in espressioni come vado via o nel caso dei verbi idiomatici inglesi (to take off) o tedeschi in alcuni contesti (anrufen anzich ich rufe wieder an). Allo stesso modo il significato del sintagma verbale pu essere integrato da sintagmi determinanti la cui testa una preposizione, che pu essere quindi accessoria e funzionale al contesto, come in lauto sta andando al massimo, dove il sintagma preposizionale funge da modificatore avverbiale rispetto al sintagma verbale, nel quale il verbo mantiene il significato fondamentale. In altri casi invece i sintagmi possono essere legati inscindibilmente: p.e. quel prodotto andato a ruba, dove il sintagma preposizionale parte integrante del sintagma verbale, che nel suo complesso assume un significato preciso e diverso da andare. Ogni enunciato deve comunque sempre tenere conto del contesto in cui viene formulato. Sintagmi nominali Oltre all'azione o allo stato descritti dal verbo, l'elemento centrale del messaggio veicolato da un enunciato pu essere costituito da uno dei protagonisti. Soggetto e oggetto sono costituiti da sintagmi nominali, la cui testa costituita da un sostantivo, da un pronome o dai suoi modificatori. Un sintagma nominale pu a sua volta essere compreso allinterno di un sintagma verbale, sia quando questo ha forma predicativa che quando questo ha forma copulativa. Nell'enunciato Piero e Gianni sono i miei amici di Genova, per esempio, il sintagma verbale propriamente costituito da sono i miei amici di Genova, che a sua volta scomponibile in un nuovo sintagma verbale (copula sono) e in un sintagma nominale, i miei amici di Genova; questultimo pu essere a sua volta scomposto in un sintagma nominale (i miei amici) e in uno preposizionale (di Genova). All'interno dei sintagmi nominali la testa a determinare l'accordo morfologico dei suoi eventuali modificatori (il mio amico genovese - i miei amici

genovesi) o di eventuali sintagmi aggettivali (p.e. i miei amici sono genovesi). Nelle lingue dal sistema flessivo ridotto, come l'inglese, i modificatori sono invariabili. Voci correlate Lingue flessive Frase Periodo Testo Sintassi 170. Tmesi La tmesi (letteralmente dal greco tmsis, taglio) una figura retorica che consiste nel separare due parti di una frase o di una parola inserendo altri elementi tra di loro. Esempio: N i mesti della dea Pallade studi (Giuseppe Parini, Il mattino, 24) In metrica la tmesi consiste nella divisione di una parola in due parti, delle quali una conclude un verso, l'altra inizia quello successivo. Esempio: Tra gli argini su cui mucche tranquilla mente pascono (Giovanni Pascoli, La via della ferrata, 1.2) Voci correlate Figura retorica Metrica 171. Tropo Il tropo (al plurale tropi), dal greco trpos, derivato da trp, volgo, trasferisco, un termine che ricorre in ambiti disciplinari differenti, ciascuno connotato da una differente portata semantica. Retorica Il tropo indica qualsiasi figura retorica in cui un'espressione: trasferita dal significato che le si riconosce come proprio ad un altro figurato, o destinata a rivestire, per estensione, un contenuto diverso da quello originario e letterale. Nella retorica classica, secondo Lausberg, sono classificati come tropi la sineddoche, l'antonomasia, l'enfasi, la litote, l'iperbole, la metonimia, la metafora, la perifrasi, l'ironia, la metalessi. Filosofia Il termine stato introdotto, nell'ambito della tradizione scettica, per riferirsi e classificare situazioni contraddittorie, o anche solo controverse, in cui le difformit di opinione comportano la sospensione del giudizio. Pi propriamente, con il termine tropi sono indicati i percorsi (modi) confutativi che conducono a situazioni,

come quelle citate, in cui praticabile unicamente la sospensione. L'elencazione dei tropi ci riportata da Sesto Empirico, che arriva ad enumerarne diciassette, di cui i primi dieci derivanti dalla classificazione proposta da Enesidemo. Ad essi ne aggiunge cinque integrati ad opera di Agrippa e ne menziona infine ulteriori due, attribuiti ad altri scettici (Schizzi pirroniani, I, 178), che sussumono tutti gli altri. 172. Truismo Un truismo una dichiarazione cos ovvia o autoevidente da essere difficilmente degna di nota, eccetto come promemoria o come strumento retorico o letterario. Nella logica, una proposizione pu essere un truismo anche se non una tautologia, una riformulazione di una definizione, o un teorema derivato da assiomi che sono generalmente ritenuti veri. Infatti, alcuni sostengono che tali proposizioni analitiche non devono essere considerate come truismi. In filosofia, una sentenza che asserisce condizioni di verit incomplete per una proposizione pu essere considerata un truismo. Un esempio di questo tipo di sentenza potrebbe essere: "In condizioni appropriate, il sole sorge". Senza supporto contestuale -una spiegazione di quali siano queste condizioni appropriate- la sentenza vera ma priva di contesto. Spesso il termine viene usato per mascherare il fatto che una proposizione in realt una mezza verit o un opinione, specialmente in retorica. Esempi

173. Understatement Understatement un termine della lingua inglese e indica una figura retorica che consiste nel ricorso a parole per difetto, oltre i limiti della verosimiglianza e fino alla deformazione del reale. In lingua italiana understatement pu essere tradotto con il significato di sottostima. Il termine stato introdotto nel panorama linguistico dagli studi di linguistica cognitiva. usato con ironia o per ridurre un effetto reale; pu essere considerato l'esatto contrario della figura retorica nota come iperbole. Esempio d'uso dell'understatement: Mi sento un po' affamato - non mangio da tre giorni. In questo caso un po' sottostima l'essere molto affamato. Eventi realmente accaduti Il 28 gennaio 1986 lo Space Shuttle Challenger dopo 73 secondi dal lancio ebbe un disastroso incidente che lo disintegr in una enorme palla di fuoco. Il commento di Steve Nisbett, commentatore al Controllo Missione NASA fu:

(EN) Obviously a major malfunction...

(IT) Evidentemente un grave malfunzionamento...

Nella logica: "A AND NOT A una contraddizione". Nella teorie degli insiemi: una branca della matematica astratta, "l'intersezione di un insieme e del suo complemento l'insieme vuoto". In italiano: " un truismo che la prevenzione meglio della cura."

Tuttavia, in quell'istante egli stava osservando la telemetria al computer, e non le immagini reali, quindi non stato intenzionale L'ammiraglio inglese David Beatty dopo aver osservato due incrociatori da battaglia inglesi (EN) (IT) Chatfield, there Chatfield, sembra che seems to be something oggi ci sia qualcosa che wrong with our bloody non va con le nostre ships today. maledette navi... esplodere sotto i colpi dei tedeschi nella battaglia dello Jutland il 31 marzo 1916 si rivolse all'ufficiale Alfred Ernie Montacute Chatfield commentando cos:

Voci correlate Tautologia Contraddizione Proposizione sintetica Aforisma Assioma Banalit Clich Luogo comune Dictum Fatto Massima Morale Jacques de La Palice Lapalissiano

Il 24 giugno 1982 Eric Moody era al comando di un Boeing 747 nel volo 9 della British Airways diretto ad Auckland. Dopo aver attraversato un pennacchio di ceneri vulcaniche sprigionate dall'eruzione del vulcano Galunggung nell'isola di Giava in Indonesia, tutti i 4 motori si spensero. L'aereo inizi a planare e perdere rapidamente quota. Il comandante si rivolse ai passeggeri cos:

(EN) Ladies and Gentlemen, this is your Captain speaking. We have a small problem. All four engines have stopped. We are doing our damnedest to get them going again. I trust you are not in too much distress.

(IT) Signore e Signori, qui il capitano che parla. Abbiamo un piccolo problema. Tutti i quattro motori si sono fermati. Stiamo facendo tutto il possibile per farli ripartire. Confido che non siate troppo stressati.

adatta a lagrimar ma non a parlare. Un altro esempio: "fuori sgorgando lacrime e sospiri"

Altri usi Il termine understatement viene inoltre utilizzato per indicare l'atteggiamento di chi rifiuta di palesare il proprio status sociale attraverso oggetti costosi o comunque appariscenti, tendendo a nascondere in maniera sobria e discreta le proprie facolt economiche. Questo modus vivendi diffuso soprattutto nei paesi anglosassoni e del nord Europa. 174. Varatio La variatio (voce latina derivata da variare, variare) un procedimento che consiste nel modificare a livello fonetico, grammaticale, sintattico-morfologico o semantico i meccanismi della ripetizione, soprattutto quando non sono retoricamente motivati. Forme di variatio sono la sinonimia, la paronomasia e il polittoto. Un esempio pu essere De divinis humanisque discendum est, de praeteritis de futuris, de caducis de aeternis, de tempore. (Lucio Anneo Seneca, ep. 88,3)) Voci correlate Figura retorica Paronomasia Polittoto Ripetizione Sinonimia 175. Zeugma (grammatica) Lo zeugma (dal greco / zeugma, legame, unione ) una figura retorica in cui si ha il collegamento di un verbo a due o pi elementi della frase che invece richiederebbero ognuno rispettivamente un verbo specifico. In altre parole consiste in un termine (molto frequentemente un verbo) che governa due o pi elementi semanticamente non omogenei (ciascuno dei quali dovrebbe essere retto da un termine specifico). Quindi si tratta di pi costruzioni coordinate, messe insieme facendo un'ellissi. una figura particolarmente elegante che d un senso di straniamento. Ne un esempio il verso dantesco Parlare e lagrimar vedrai insieme (Inferno, XXXIII 9), in cui vedrai si

Potrebbero piacerti anche