Sei sulla pagina 1di 9

Un premio ricorda il giornalista Pino Filippelli

A pagina due www.libertasicilia.com

fondato nel 1987 da Giuseppe Bianca

CRONACA

Rapinano gioielliere Acciuffati dai vigili urbani


A pagina sei e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

sabato 17 16 marzo 2012 2013 Anno XXVI N. 64 62 Direzione Direzione Amministrazione Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - Fax 0931/ 0,50 sabato XXV N. Tel. 0931 0931 46.21.11 46.21.11 -- FAX FAX 0931 0931//60.006 60.006--Pubblicit: Pubblicit:Poligrafica PoligraficaS.r.l. S.r.l.via viaMosco Mosco51 51Tel. Tel. 0931 46.21.11 - Fax 093160.006 / 60.006 0,50

Quotidiano dELLA provincia Di DI Siracusa SIRACUSA

Trasportava sullauto sette chili e mezzo di marijuana

Corriere catanese preso dalla Polstrada


Un
corriere della droga stato arrestato dagli agenti della Polstrada di Lentini. Le unit operative dislocate sulla statale 114 arteria stradale, la quale dallinaugurazione della nuova autostrada SiracusaCatania risultava poco trafficata e pertanto facile preda del passaggio di individui e veicoli verosimilmente dediti a traffici di natura illecita. Alla luce di quanto anzi detto si riferisce che personale dellindicato Distaccamento Polizia Stradale di Lentini operante, in servizio di vigilanza stradale, nelle ore serali dellaltro ieri sera.
A pagina sette

Maxi sequestro di droga

Sindacato

Pioggia di emendamenti al di-

Province Pioggia di emendamenti

REGIONE

segno di legge approvato dalla Giunta Crocetta con particolare riferimento alla riforma delle Province regionali siciliane Sono in tutto 282 gli emendamenti al disegno di legge sulle Province presentati in commissione Affari istituzionali entro il limite previsto era stato fissato per la giornata di ieri alle ore 18. Un numero tale da prevedere, secondo il presidente della commissione Marco Forzese, "un percorso ad ostacoli in Aula". Sul ddl Province, a cui tutta Italia guarda, c' il rischio di pantano perch a partire da luned toccher proprio all'organismo guidato da Forzese vagliare gli emendamenti presentati.
A pagina tre

ascondevano la droga in ovuli, parte dei quali ingeriti da uno dei presunti spacciatori di stupefacenti, finiti in manette la sera di mercoled.
A pagina otto

Cocaina addosso Restano in cella due cugini

Cassintegrati In 500 in corteo


L

a nostra iniziativa ha avuto il riscontro sperato. Sono stati circa 500 i lavoratori che hanno preso parte al corteo, che partito dalla sede dell'Inps in corso Gelone per arrivare sotto alla Prefettura. Questo il commento da parte di Enzo Vaccaro della segreteria della Cgil siracusana, a proposito della manifestazione dei cassintegrati con sit in all'Inps ed in Prefettura. Dopo una delegazione stata ricevuto dal prefetto Gradone.
A pagina quattro

16 marzo 2013, sabato

na proposta di alto significato storico elaborata da insigni personalit della cultura italiana che costituisce la sintesi della pi progredita politologia essendo la pi valida attuazione del principio costituzionale della sovranit popolare. Lesperienza storica ha rettificato la famosa frase di Churchill la democrazia il peggior sistema tranne tutti gli altri nel senso che la democrazia il miglior regime se rettamente gestito. In altri termini la democrazia apparente la rovina della vera democrazia. ed apparente quel sistema che non consente ai cittadini la piena libert di scelta individuale dei loro rappresentanti. E la condizione attuale del nostro Paese. Nessuna libert di diretta scelta personale, ma voto ad esito predeterminato. Da queste condizioni anomale derivano drammatiche conseguenze : il rifiuto della scheda elettorale, il grillismo, lastensionismo dalla politica e quindi il logoramento delle pubbliche istituzioni, la decadenza del senso dello Stato, la corruzione diffusa e indomabile. E la triste realt del nostro tempo. E altres da osservare. Con il sistema elettorale imposto dalle oligarchie partitiche si vota contro qualcuno. Le esperienze deludenti sono di comune cognizione. Con il sistema proposto dalla migliore cultura italiana si vota per qualcuno. La differenza sostanziale. Molti cittadini pensosi del bene pubblico propongono la classica domanda : che fare ? Si risponde con risolutezza : abbiamo bisogno di nuove leggi pi giuste e pi severe, costruire pubbliche amministrazioni fondate sulla competenza, sul dovere, sulla responsabilit con correlative sanzioni repressive di accertate illegalit. Sul grave problema della pubblica amministrazione da richiamare una dimenticata tradizione italiana : quella che sancisce il diritto del cittadino alla legittimit dei provvedimenti amministrativi di rilevanza collettiva. Su queste basi cambie-

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

16 marzo 2013, sabato

Pioggia di emendamenti sul ddl delle Province


Pioggia di emenda-

Quasi trecento i provvedimenti di modifica al disegno di legge approvato dal Governo regionale siciliano

Non

Lombardo e Cuffaro a giudizio

Governo e Parlamento eletti dal popolo


rebbe il volto del nostro Paese. La sovranit popolare non sarebbe come attualmente una locuzione retorica e priva di contenuti operativi. In sintesi : la democrazia diventer una realt seria ed operante se sar restituita la pienezza dei pubblici poteri alla sovranit popolare, se si avr il coraggio di realizzare radicali innovazioni costituzionali, anzitutto affidando al popolo la elezione diretta del governo e del parlamento, a durata determinata e con pienezza di poteri sotto il controllo del capo dello Stato e della corte costituzionale. Andr soppresso quel ridicolo minuetto dei compromessi delle intese occulte, delle appartenenze mobili fungibili che servono soltanto per

Piero Calamandrei

La proposta alla Costituente di Piero Calamandrei, Leo Valiani, Egidio Tosato

Una borsa di studio in memoria di Pino Filippelli


I giornalisti siracusani, la Provincia Regionale, la Camera di Commercio, lUfficio scolastico provinciale, i familiari e gli amici, hanno voluto ricordare, ad un anno dalla sua scomparsa, il giornalista Pino Filippelli, gi caposervizio del quotidiano La Sicilia, presentando la prima edizione del Premio di Eccellenza a lui intitolato e riservato agli studenti dellultimo anno degli istituti superiori di Siracusa, presso la Sala degli Stemmi del Palazzo del Governo ad Ortigia. Pino Filippelli, che ha raccontato oltre sessantanni di storia della citt, ed stato tra i protagonisti del dibattito culturale siracusano, stato raccontato dal presidente della Provincia regionale Nicola Bono, dal giornalista Salvatore Maiorca che per oltre trentanni ha lavorato a fianco di Pino Filippelli, e dal segretario provinciale dellAssostampa, Aldo Mantineo. Attraverso gli scritti ed i tanti aneddoti, hanno parlato del giornalista e delluomo, di come nelle cronache di Pino Filippelli ci sia stata la storia di questa provincia. Infatti Pino Filippelli oltre ad essere, sino alla met degli anni 90, caposervizio della redazione di Siracusa de La Sicilia, e, in precedenza, corrispondente da Siracusa per Rai e Ansa, stato anche il fondatore del settimanale La Domenica.

costituire governi provvisori e quasi sempre inetti. Bisogna avere il virile coraggio di costruire un futuro migliore dellignobile presente, un futuro che potr segnare una nuova aurora politica per il popolo italiano. Avv. Corrado Piccione

Il segretario generale della Camera di Commercio il dottore Roberto Cappellani si soffermato sullimportanza del premio di eccellenza dedicato a Pino Filippelli, mentre i familiari, il figlio Carlo ed il genero Mimmo Contestabile, hanno tratteggiato alcuni aspetti sia umani che professionali, di chi per tanti anni ha impersonato lessenza del giornalismo a Siracusa.

menti al disegno di legge approvato dalla Giunta Crocetta con particolare riferimento alla riforma delle Province regionali siciliane Sono in tutto 282 gli emendamenti al disegno di legge sulle Province presentati in commissione Affari istituzionali entro il limite previsto era stato fissato per la giornata di ieri alle ore 18. Un numero tale da prevedere, secondo il presidente della commissione Marco Forzese, "un percorso ad ostacoli in Aula". Sul ddl Province, a cui tutta Italia guarda, c' il rischio di pantano perch a partire da luned toccher proprio all'organismo guidato da Forzese vagliare gli emendamenti presentati. "C' il rischio concreto - ammette il deputato regionale - di stravolgere la norma che prevede la mera soppressione delle Province in luogo di nuovi consorzi tra Comuni. Mi auguro - continua Forzese - che gi luned, nel vertice di maggioranza, si trovi la quadra attorno a questa riforma ed auspico che a Sala d'Ercole il governo Crocetta si presenti con un maxiemendamento condiviso". Forzese auspica che la presidenza dell'Ars renda pi agevole il lavoro della commissione sul parere obbligato-

In foto, palazzo dei Normanni.

rio, con una scrematura sugli emendamenti stessi capace di mantenere solo quelli che riguarda-

no i nuovi consorzi tra Comuni. "Altrimenti ci troveremo in un vicolo senza uscita che porta ad

una riforma mancata" conclude il presidente della Commissione Affari istituzionali. Insom-

ma, si continua a discutere della questione che potrebbe dilungarsi ancora per molto tempo.

avrebbero adottato i provvedimenti necessari a limitare la diffusione dello smog. Con l'accusa di omissione d'atti d' ufficio il gup del Tribunale di Palermo, Marina Petruzzella, ha rinviato a giudizio l'ex presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, il suo predecessore Salvatore Cuffaro e quattro assessori regionali all'Ambiente. Coinvolti nel processo, che si aprir il prossimo 3 giugno gli ex assessori Francesco Cascio, Rossana Interlandi, Giuseppe Sorbello e Giovanni Di Mauro. Secondo l'accusa gli amministratori non avrebbero adottato misure per contrastare lo smog, anche nella citt di Siracusa.

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

Il concentramento dei lavoratori stato presso gli uffici dellInps in corso Gelone da dove si mosso per raggiungere la Prefetto
a nostra iniziativa ha avuto il riscontro sperato. Sono stati circa 500 i lavoratori che hanno preso parte al corteo, che partito dalla sede dell'Inps in corso Gelone per arrivare sotto alla Prefettura. Questo il commento da parte di Enzo Vaccaro della segreteria della Cgil siracusana, a proposito della manifestazione dei cassintegrati con sit in all'Inps ed in Prefettura. Dopo una delegazione stata ricevuto dal prefetto Gradone a cui ha esposto le difficolt dei lavoratori, ormai con l'acqua alla gola per la mancata erogazione degli ammortizzatori sociali. Il prefetto ci ha riferito che sono in corso alcune iniziative della Prefettura che fanno sperare bene e che comunque la questione ha il suo massimo impegno. Per quanto ci riguarda, se entro la prossima settimana non cambier lo stato di cose, daremo vita ad altre e pi incisive azioni di protesta". Pi di 350 lavoratori infatti sono in gravi difficolt economiche per non aver ancora percepito le spettanze dovute relative agli ammortizzatori sociali che lINPS avrebbe gi dovuto pagare. Di questi lavoratori circa 80 hanno avviato e concluso le pratiche previste dalla legge nel 2012, ma per imprecisati motivi tecnici lINPS di Siracusa non riuscita a mettersi in contatto telematicamente con i servizi dellUfficio provinciale del lavoro per cui non ha dato il via ai pagamenti. Tutti gli altri hanno avviato le pratiche a partire da gennaio ma nel frattempo una disposizione del Ministero del lavoro ha dato indicazioni allINPS di pagare solo due mesi del 2012 per tutte le pratiche arrivate dopo il 31 dicembre scorso per cui al danno della perdita del lavoro si aggiunta anche la beffa. La CGIL ha gi rappresentato ai vertici dellINPS di Siracusa la gravit della situazione chiedendo che per nessun motivo possono essere i lavoratori a pagare per un ritardo dovuto a problemi tecnici dei due uffici visto che i decreti di concessione risalgono, come da legge, al 2012. Stessa richiesta stata reiterata subito dopo, in un incontro, ancora una volta con i vertici dellINPS ma questa volta alla presenza del Prefetto

500 lavoratori in corteo per gli ammortizzatori

16 marzo 2013, sabato

16 marzo 2013, sabato

Appello per una nuova politica che rispetti la citt di Siracusa


In foto, un momento della manifestazione di ieri allInps.

In foto, Carlo Gradenigo nel corso di una recente manifestazione alla Pillirina.

di Siracusa. Nonostante le rassicurazioni e gli impegni presi dallINPS fino ad oggi non abbiamo notizia che il problema sia stato risolto; anzi abbiamo il

sospetto che lINPS stia affrontando la vicenda in modo troppo burocratico e poco efficace per far si che ai lavoratori arrivino i soldi in tasca nel pi breve tem-

po possibile. Vogliamo sottolineare che i lavoratori interessati non percepiscono stipendi da mesi, alcuni da pi di un anno e che vivono un disagio.

CISL. Iintervento dell'istituto nazionale di previdenza sociale

Il

Comitato Provinciale dellInps di Siracusa ritiene pregiudizievole ai diritti maturati dei lavoratori lapplicazione delle linee di indirizzo ministeriali, e delle disposizioni previste dal messaggio INPS.HERMES.15/02/2013.002925, riferite ai provvedimenti concessori regionali aventi competenza 2012 e pervenuti allInps dal 1 gennaio 2013, con pagamento di due mensilit anzich dellintero periodo richiesto. Questo si legge in un documento, approvato allunanimit dai Componenti del Comitato Provinciale di Siracusa, con la sola astensione del Direttore Provinciale Nellordine del giorno in questione si legge, tra le altre cose, testualmente: reputa pregiudizievole per i lavoratori beneficiari degli ammortizzatori sociali in deroga, attingere al pagamento di solo

Per il comitato provinciale dellInps pregiudizievole le disposizioni ministeriali

due mensilit per i provvedimenti concessori regionali del 2013 di competenza 2012, in considerazione della disponibilit di risorse finanziarie per tale finalit da parte della Regione Sicilia; Il Comitato provinciale dellInps, invita i soggetti, destinatari dellordine del giorn (presidente e direttore del comitato regionale Inps, assessorato regionale del Lavoro, dirigente generale del dipartimento del lavoro, presidente della Regione, ma anche prefetto di Siracusa e organizzazioni sindacali, , ad assumere qualsiasi iniziativa tendente a risolvere il problema e, se necessario, a farsi promotori di un incontro con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e con lINPS al fine di chiedere una deroga allapplicazione delle disposizioni contenute nel messaggio INPS.HERMES. 15/02/2013.002925.

e ultime consultazioni elettorali, regionali e politiche hanno sancito laffermarsi di unesigenza che da molto tempo era evidente nellanimo della popolazione italiana. Non pu essere pi rimandata la necessit di una forte presa di coscienza nel nostro territorio. Il bisogno di cambiamento, di una politica nuova, la necessit di partecipazione, sono esigenze comuni che troppo a lungo sono rimaste celate ed oggi sono emerse in tutta la loro forza. Urge la necessit di coinvolgere in maniera partecipativa la cittadinanza nelle scelte che la riguardano svecchiando quellapparato politico amministrativo che non riesce pi ad interpretare le esigenze della popolazione. Mentre nella quotidianit i cittadini esigono risposte le nostre classi politiche restano in un miope e sconcertante immobilismo. Non ammissibile, per le istituzioni locali, perseverare nel consueto limbo di indecisione e staticit. In queste settimane si molto discusso, in tutti gli ambienti della cittadinanza, di quale dovr essere il percorso, e lobiettivo, che si vuole perseguire in vista delle prossime elezioni amministrative. I progetti per la citt hanno ceduto il posto ai nomi di quanti pensano che la loro sia la giusta candidatura. Dopo esser-

Gli ambientalisti tornano in campo per spendere energie a sostegno di una politica eco compatibile per la citt
mi lungamente consultato con le persone, le realt sociali che mi circondano, con amici e collaboratori; dopo aver assistito a numerosi incontri di quelle aree politiche pi vicine al mio impegno per il territorio; ho deciso di offrire la mia disponibilit, le mie energie, le mie competenze, ad un progetto di cambiamento nel quale voglio credere. Questa presa di posizione vuole essere una sfida, un appello a quelle stesse forze con le quali spero di essere artefice del risveglio di Siracusa. I risultati elettorali impongono un rinnovamen-

to non solo nei volti ma anche nelle idee e nei programmi, un processo che partito gi da qualche anno sul nostro territorio e che non pu essere arrestato. La nostra realt quotidiana ci impone di mettere a disposizione dei siracusani le nostre chiare e concrete proposte. Chi ha seguito le iniziative di tutela dellambiente, di promozione della mobilit, di rivalutazione delle risorse di cui mi sono, ci siamo, resi protagonisti pu comprenderlo. La mia vuole essere una riflessione positiva rivolta sia alle forze del

Domani la passeggiata in bici a un anno del naufragio

Era il 10 marzo 2012 quando la petroliera Gelso M, dopo avere tentato inutilmente di attraccare nel porto di Augusta, ormai con il motore in avaria, sospinta alla deriva dalla furia del mare in tempesta, .... Domenica prossima con inizio alle ore 10 ritorna "Archeobike", ritornano le escursioni in bicicletta di Legambiente Siracusa alla scoperta dei tesori nascosti di Siracusa. Per celebrare l'anniversario del naufragio della petroliera Gelso M, da un anno incagliata sulla costa di Mazzarona, e sollecitare linizio dei lavori di rimozione, Legambiente propone una passeggiata in bicicletta lungo la pista ciclabile. Programma: Ore 10.00 appuntamento al rifornimento Agip di V.le S. Panagia. Visita guidata alla Tonnara di S. Panagia. Itinerario guidato lungo le emergenze archeologiche della pista ciclabile. Conferenza stampa davanti alla petroliera incagliata.

centro-sinistra siracusano che temporeggiano nellesprimere una collocazione chiara e decisa, sia a chi si pone come il nuovo pur avendo gi ricoperto diversi incarichi nella pubblica amministrazione di Siracusa. Mi voglio mettere a disposizione di quanti in queste settimane hanno visto nel mio progetto una forza di idee capaci di unire e non di dividere. Vogliamo offrire alla politica loccasione di un rinnovamento ideologico, anagrafico e di metodo. Vogliamo essere il nuovo, raccogliendo il meglio delle esperienze che ci circondano senza cadere nel solito rito delle mille candidature che frammentano il panorama politico siracusano. Non vogliamo che la sfiducia condanni il territorio allantipolitica e al caos. La nostra citt ha bisogno di una politica capace di dare risposte e non solo critiche. Che sia fatta di gente che senza demagogia ed utopie in questi anni ha dimostrato di saper fare, di saper agire nel concreto della realt che ci circonda, affrontando le problematiche tangibili che riguardano la nostra citt. Per questo rispondiamo al chiasso e alla rabbia con la chiarezza, con lonest, con i fatti. Come finora abbiamo sempre fatto. Rifiutiamo la logica di un modello virtuale di democrazia nel quale tutto si riduce ad unaccondiscendenza acritica nei confronti del leader. Quanti per lungo tempo hanno perso voce e sudore per la loro citt non possono accettare chi salendo su un palco vuole spiegare come fare ad uscire dal letargo. Da molti anni lottiamo per un modello di democrazia diretta, reale e partecipativa, facendo partire le nostre idee dal basso, dalle piazze, dalle assemblee. Siracusa abitata da gente forte, intelligente e propositiva che attende solo che gli sia data una possibilit. Vogliamo offrire alle istituzioni le nostre proposte, le nostre idee, sperando di trovare posto in una coalizione che prenda sul serio le nostre energie. Perch Siracusa ha bisogno anche di forze giovani, ed ora che le nuove generazioni si assumano le loro responsabilit. Chiediamo che ci venga passato il testimone, che ci sia data la possibilit di accedere alle scelte che riguardano la nostra citt. Pensiamo che a noi tocchi il primo passo, nella speranza che altri possano abbandonare i tatticismi e la vecchia politica per seguirci nel sogno di fare davvero. Pertanto, a chi non ha saputo garantirci un futuro, diciamo che ci lasci partecipare alla gestione del nostro presente. Carlo Gradenigo Sos Siracusa

16 marzo 2013, sabato

Rapinano un gioielliere Acciuffati dai vigili urbani

In manette sono finiti quattro lentinesi, entrati in azione la sera di gioved scorso in una gioielleria dove si sono appropriati di preziosi e di una banconota da 50 euro

Loperazione portata a termine dagli agenti della Polstrada di Lentini che hanno fermato un catanese allo svincolo per Agnone Bagni.
n corriere della droga stato arrestato dagli agenti della Polstrada di Lentini. Le unit operative dislocate sulla statale 114 arteria stradale, la quale dallinaugurazione della nuova autostrada Siracusa-Catania risultava poco trafficata e pertanto facile preda del passaggio di individui e veicoli verosimilmente dediti a traffici di natura illecita. Alla luce di quanto anzi detto si riferisce che personale dellindicato Distaccamento Polizia Stradale di Lentini operante, in servizio di vigilanza stradale, nelle ore serali dellaltro ieri sera sulla strada statale 114 in corrispondenza del bivio di Agnone Bagni, notava unautovettura Renault Twingo che alla vista del veicolo di servizio si dava a precipitosa fuga, percorrendo la citata arteria stradale in direzione di Catania. Dopo un breve inseguimento, ed avendo ricevuto lausilio di altra pattuglia di Polizia Stradale, il veicolo veniva intercettato e bloccato allaltezza del bivio denominato Marina di Lentini. In considerazione del tentativo di fuga del conducente venivano adoperati tutti gli accorgimenti professionali da parte del personale di Polizia che procedeva ad effettuare una perquisizione personale del conducente e del suo veicolo. Tale attivit di ricerca dava le sue proficue risultanze, infatti allinterno del cofano posteriore dellauto-

Corriere della droga preso con 7 chili e mezzo di marijuana

16 marzo 2013, sabato

Christian Romano, Sebastiano Buremi, Adelfio Pulia e Giuseppe Pilade. uattro rapinatori sono stati arrestati laltro ieri sera a Lentini durante una rapina in una gioielleria di Via Cesare Battisti. E accaduto poco dopo le 19.10. I malviventi, armati di un fucile con le canne mozzate, dopo aver fatto irruzione nel negozio, hanno malmenato il titolare e si sono impossessati di monili in oro ed orologi e di 50 euro in contanti per poi tentare di fuggire con il bottino. Ma i rapinatori non hanno fatto i conti con la tempestivit dellintervento ma anche la perizia di alcuni vigili urbani, che sono intervenuti riuscendo a bloccare la fuga dei presunti autori del colpo. Infatti, a bloccare un bandito armato sono stati alcuni agenti della Polizia Municipale, intervenuti in seguito ad una segnalazione di un passante. Nel frattempo sono arrivati gli agenti del locale commissariato di pubblica sicurezza, che hanno rintracciato ed arrestato gli altri tre. Gli indagati, con l'accusa di rapina aggravata in concorso e porto illegale di arma clandestina, sono Christian Romano, di 33 anni, Sebastiano Buremi, di 19, Adelfio Pulia, di 26, e Giuseppe Pilade, di 22, i quali sono stati tradotti nel carcere di Cavadonna in attesa di comparire dinanzi al Gip del tribunale per ludienza di convalida.

CRONACA. 282 gli automezzi controllati, 12 quelli sequestrati

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di

Controlli a largo raggio dei carabinieri su tutto il territorio provinciale

Siracusa, Col. Mauro Perdichizzi, al fine di assicurare un pi energico impulso allattivit di prevenzione e controllo del territorio e garantire, quindi, un incremento dellazione di contrasto ai fenomeni di criminalit, ha disposto servizi straordinari di controllo del territorio nella provincia di Siracusa dalle ore 09,00 alle ore 13,00 del 14 marzo 2013, con la proiezione esterna del maggior numero di personale e mezzi. I servizi sono stati svolti con lausilio della perlustrazione aerea del 12 Nucleo Elicotteri Carabinieri di Catania ed il concorso delle unit navali del Comando Provinciale. Nel corso delloperazione, eseguita a largo raggio mediante limpiego coordinato delle Compagnie e delle Stazioni Carabinieri della provincia, sono state controllate in maniera incisiva le zone di aggregazione ed interesse della criminalit, al fine di infondere sicurezza

nella popolazione. Sulle principali strade statali e provinciali della provincia sono stati attuati articolati posti di controllo nei punti nevralgici, al fine di verificare il rispetto delle norme di sicurezza alla guida di autovetture, motocicli e ciclomotori, da parte degli utenti della strada. Si proceduto, inoltre, al controllo di persone sottoposte a misure cautelari alternative alla detenzione ed a misure di prevenzione personali di Pubblica Sicurezza, per verificare losservanza delle prescrizioni imposte agli stessi. 34 le persone denunciate in stato di libert; 33 le perquisizioni eseguite dai militari dellArma. Ben 282 i mezzi contrllati lungo le artgerie principali della provincia, 12 quelli sequestrati. 37 le contravvenzioni al codice della strada, mentre hanno sequestrato 12 grammi di marijuana, un grammo di eroina e due grammi di hascisc. Cinque le persone segnalate alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti.

La droga sequestrata dalla Polstrada. vettura, celata dentro complessivo di 7 chili un sacco in plastica e mezzo. Allevidendel tipo usato per il za di ci, anche se in conferimento di rifiu- un primo momento ti, venivano rinvenuti il conducente tale dei panetti di sostanza ZAPPALAGiuseppe stupefacente del tipo di anni 38 residente Marjuana per il peso a Catania cercava di

tergiversare diverse proprie versioni, delle pi svariate e fantasiose, ai fini di uno scarico delle proprie responsabilit, lo stesso veniva tratto in arresto in flagranza di

reato accompagnandolo presso gli uffici della Sezione Polizia Stradale di Siracusa per la contestuale redazione degli atti di Polizia Giudiziaria susseguenti al fatto

criminoso. Lo sviluppo della predetta attivit richiedeva ulteriori perquisizioni domiciliari effettuate nel centro abitato di Catania con il dispiegamento di ulteriore personale della Polizia Stradale unitamente al personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Catania che consentiva la denuncia allAutorit Giudiziaria di tale A.E. di anni 30 residente a Catania per il reato di favoreggiamento reale del traffico di sostanza stupefacente poich dava la disponibilit della propria autovettura cedendola in uso al Giuseppe Zappal per il trasporto dellingente quantitativo di sostanza stupefacente sequestrata. R.L.

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

16 marzo sabato

Sorpresi con diversi ovuli di cocaina, erano stati arrestati dai carabinieri e ieri mattina sono comparsi dinanzi al Gip del tribunale per ludienza di convalida

vita di Quartiere

16 marzo 2013, sabato

ascondevano la droga in ovuli, parte dei quali ingeriti da uno dei presunti spacciatori di stupefacenti, finiti in manette la sera di mercoled scorso a Pachino. Ieri mattina i tre indagati sono comparsi dinanzi al Gip del tribunale di Siracusa, Alessandra Gigli, che ha convalidato gli arresti soltanto a carico di Salvatore Mizzi, 54enne di Pachino, gi noto per violazione della normativa sugli stupefacenti e per il cugino Corrado Mizzi, 44enne di Pachino, difesi dagli avvocati Salvatore Nunzio, Gabriella Garofalo e Luigi Caruso Verso. I due indagati rimarranno detenuti in carcere, perch il Gip ha confermato per entrambi la misura cautelare. Il Gip ha, invece, rimesso immediatamente in libert il terzo indagato, Giuseppe Cannarella di 24 anni (difeso dagli avvocati Massimo Corsaro ed Antonino Cicciarella), ritenendolo assolutamente estraneo alla vicenda. I tre uomini, come si ricorder, fermati a bordo di una Mini Cooper, sono stati trovati in possesso, a seguito di perquisizione, di 40 ovuli di cocaina nascosti allinterno di una valigia mentre ulteriori 15 ovuli sono stati recuperati, da personale medico, dallo stomaco di Mizzi Salvatore che li aveva ingoiati per garantirne il trasporto. Il mirato servizio di repressione ha consentito dintercettare il consistente carico di stupefacente che, diretto sulla zona di Pachino, dopo essere stato ulteriormente tagliato, avrebbe fruttato circa 70 mila euro. Lattivit dai militari stata pianificata a seguito di una serie di riscontri informativi che confermavano larrivo in Pachino di alcune partite di cocaina di qualit particolarmente elevata provenienti quindi da flussi di approvvigionamento differenti da quelli locali. Tali informazioni, unite alla consapevolezza che il Salvatore Mizzi bench residente a Pachino fosse in realt domiciliato nella Repubblica Dominicana, hanno consentito di effettuare una serie di mirati servizi di controllo e pedinamento sui sospettati che ieri pomeriggio hanno finalmente condotto al sequestro dei 55 ovuli di cocaina, del peso complessivo di 380 grammi circa.

Restano in cella due cugini Terzo indagato scarcerato

Levento, promosso dal Rotary Club, si terr nel pomeriggio di oggi alle 18,00 nella sala Amorelli della fondazione Inda di corso Matteotti

In foto, Salvatore Mizzi, Corrado Mizzi e Giuseppe Cannarella.

CRONACA. chiesta una visita ispettiva da parte dell'asp

Condizioni igieniche precarie presso il centro di distribuzione delle Poste


Il Centro di Distribuzione Master ubicato in
viale Santa Panagia 129 a Siracusa, nel quale svolgono la loro attivit un centinaio di risorse, nei vari turni, carente di servizi igienici adeguati La denuncia di Alessandro Plumeri R.L.S. di Poste Italiane S.P.A. per lunit produttiva di Siracusa. Nello specifico: il bagno adoperato degli uomini ha gli orinatoi inutilizzabili. Due dei quattro gabinetti trasudano liquami tra il pavimento e la tazza . la pressione idrica nei lavandini non sufficiente, non si possono aprire due rubinetti contemporaneamente, i restanti non sono utilizzabili. le mattonelle di rivestimento del muro e quelle della pavimentazione di due dei quattro bagni sono in parte mancanti. solo il 13 marzo stato sistemato il galleggiante di un servizio che da tempo faceva perdere acqua in modo ininterrotto. I bagni utilizzati delle don-

ne: in alcuni dei servizi non possibile effettuare lo scarico dellacqua. Non possibile chiudere una porta dingresso di un servizio igienico. La pensilina che ricade sul prospetto anteriore dellimmobile, ha diverse doghe in alluminio, divelte dal vento che infiltrandosi adesso in quegli spazi produce ulteriori distacchi, con conseguenze immaginabili. La collocazione avvenuta di due viti probabilmente non mette in sicurezza tale immobile. La mancanza di dette doghe, ha creato anfratti in cui dei volatili stazionano e gli escrementi che producono ricadono su alcuni passamano di scalette, che servono al passaggio sia della clientela che dei lavoratori del centro. Il restante materiale fecale, non viene rimosso dalla pavimentazione sottostante la pensilina, dando unimmagine di questa Azienda ,veramente indecorosa, oltre alle derivanti possibili conseguenze igieniche. La R.L.S. chiede visita ispettiva dellAsp per verificare ligiene e la sicurezza del centro.

el pomeriggio di oggi, sabato 16 marzo 2013, alle 18,00 presso la Sala Amorelli - Fondazione Inda in corso Matteotti n. 29, il Rotaract di Siracusa, insieme al Rotary Club di Siracusa, al Rotary Club di Palazzolo ed all'associazione culturale Arkaios, organizza un convegno su "Il Ginnasio Romano di Siracusa". Dopi i saluti introduttivi del presidente del Rotaract Maria Giudice, del presidente del Ro-

Ortigia: il ginnasio romano illustrato presso palazzo Greco


tary Club di Palazzolo Paolo Puglisi e del presidente del Rotary Club di Siracusa Giuseppe Piccione, le relazioni saranno tenute dal prof. Francesco Tomasello dell'Universit di Catania e dall'archeologa dott. ssa Enrica De Melio mentre le conclusioni saranno affidate alla dott.ssa Maria Amalia Mastelloni, direttrice del Parco Archeologio di Siracusa. E' l'occasione per rivalutare e fare conoscere un sito archeologico importante e tra i meno conosciuti e valorizzati della citt. Percorrendo la via Elorina, si incontra un altro sito archeologico, noto come "Ginnasio romano". Risalente al I secolo, il complesso presentava un quadriportico, con al centro un tempio di ordine corinzio. Erano presenti anche un teatro e due vasche d'acqua. Oggi rimangono solo resti del quadriportico, il teatro e la vasca d'acqua interna. Lungo la via Elorina, quindi (vicino al Foro Siracusano) ancor oggi sorge questo complesso monumentale che si pu datare attorno alla fine del I secolo a.C.. Questa struttura romana comprendeva un portico, un quadriportico, un tempio ed un teatro. Oggi rimangono visibili i primi gradini del teatro, formato da una piccola cavea e da una scena, e parti del muro del solo quadriportico, conservato solo nella parte Nord ed Est. L'orchestra sempre piena d'acqua in quanto si trova sotto il livello del mare. Il palcoscenico aderiva alla fronte del tempio, che sorgeva al centro del quadriportico. Tutte queste caratteristiche dell'edificio fanno pensare ad un vero e proprio santuario dei culti orientali. Inoltre recentemente stata ritrovata una iscrizione dedicata a Serapide ed ancora prima una serie di statue di cittadini romani di elevato ceto sociale.

n importante confronto sul rapporto tra donna e diversabilit stato promosso nella sala Archimede di piazza Minerva dal Coprodis, il coordinamento provinciale delle associazioni di tutela delle persone con disabilit di Siracusa. Dopo l'introduzione della presidente Lisa Rubino, sono intervenuti Carmela Carbonaro, responsabile delle politiche per la disabilit, che ha esposto la sua esperienza di dirigente medico disabile e Salvo Sorbello, delegato nazionale dei Comuni italiani per la famiglia, che ha specificamente evidenziato come le donne con disabilit subiscano una doppia discriminazione, come disabili e come donne. Sono poi seguiti gli interventi di Carla Orecchia, dell'associazione sclerosi multipla, della coordinatrice regionale delle donne delle Acli Angela Grasso e della consigliera provinciale di parit Valeria Tranchina. Particolarmente emozionanti ed appassionate le testimoninanze di alcune donne che vivono la disabilit su di s o che sono vissute accanto a persone care disabili. La concezione sociale di disabilit cambiata nel tempo: essa non pi solo un attributo della persona, ma un insieme di condizioni potenzialmente restrittive derivanti da un fallimento della societ nel soddisfare i bisogni delle persone e nel consentire loro di mettere a frutto le proprie capacit.

Importante confronto sul rapporto fra donna e condizione di disabilit in Italia

10

16 marzo 2013, sabato

presso la sala Costanza Bruno della Provincia Regionale di Siracusa ha avuto luogo il consueto appuntamento di riflessione promosso dal Cif, il Centro Italiano Femminile di Siracusa, guidato in ambito comunale dalla presidente Annalia Maniscalco. Con pensieri e voci diverse siracusane hanno animato lincontro; unisono per stato il richiamo ad una consapevole partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica e sociale del paese. Quest'anno il tema scelto dall'Associazione "Cif - Donne insieme per il rinnovamento del Paese nella democrazia e nella responsabilit". Tema che bene si colloca nel difficile momento sociale e politico che attraversiamo. Il pensiero del Cif, espresso dalla presidente Pro-

Ultimamente,

Riflessioni in chiave femminile

In occasione del consueto appuntamento promosso ancora dal Cif

Oggi e domani campionato catamarani al porto grande


I

Un social day in agenda per il 19 marzo


16 marzo 2013, sabato

11

In foto, un momento dellevento. vinciale Tanina Mot- impropriamente per ta quello che come indicare forse un mecittadine della nostra todo, ma non pi un Italia e donne cre- progetto di societ a denti, siamo chiama- servizio della persote, oggi pi che mai, na a cominciare dalla a dare e a infondere pi debole. Lassesfiducia e speranza sore Pari opportunit al necessario cam- della Provincia Rebiamento di cultura gionale di Siracusa, morale e politica del Giorgia Giallongo ha paese, proponendo e focalizzato lattenalimentando la parte- zione sulla richiesta cipazione responsa- alla societ di dare bile e la formazione impulsi alleconomia della cittadinanza de- che nel contesto del mocratica nellunico mondo globalizzato e interesse del bene dei vincoli dellUniocomune. Solo cos ne Europea presenta si potr restituire va- situazioni di grave lore e significato al criticit, attraverso la termine democrazia, riforma del mercato che troppo spesso del lavoro, lalleggeviene pronunciato rimento della fiscalit

che grava sulle famiglie e sullimpresa, nonch incoraggiare e promuovere leconomia affinch sia finalmente superato il divario tra nord e sud. Michele Mangiafico, presidente della Provincia Regionale, ha messo in luce come nellattuale momento storico sia essenziale, per contribuire alla prosperit della democrazia, lesercizio della cittadinanza attiva, cio mettere in atto alla luce i principi costituzionali di uguaglianza, solidariet, equit, indicando alcune linee dazione su questioni inderogabili per il futuro dellItalia: una politica amica della famiglia, affrontare il problema delloccupazione, dare impulso alleconomia. La deputata Regionale Marika Cirone Di Marco ha sottolineato il valore della parola insieme , della necessit di individuazione di un percorso organico di cambiamento dellagire politico in vista del bene comune. Occorre lavorare, a garanzia della democrazia paritaria e in maniera trasversale su norme e principi idonei perch le donne possano trovare accesso ai luoghi decisionali della politica, della cultura e delleconomia ed ha sottolineato come sia necessario per la politica arricchire la consapevolezza dei cittadini che le obbligazioni richieste dallU.E. concorrono ad ununit pi solida in una visione dellEuropa degli Stati che coniughi e promuova insieme diversit e unit. Il Cif sottolinea dunque la necessit rispetto al passato di una inversione di tendenza nel costruire e portare avanti lagenda del Paese nel rispetto del bene comune.

Lappuntamento con il 3 settore presso la sala degli stemmi di via Roma della provincia regionale

a Capitaneria di Porto comunica di aver pubblicato sul sito istituzionale le Ordinanze nr. 26/2013 e nr. 27/2013, rendendo noto che la prima (ordinanza nr. 26/2013 Campionato Europeo Catamarani Classe A) impone che dalle ore 12.30 alle ore 15.00 del giorno 16 marzo 2013 e dalle ore 10.30 alle ore 15.00 del giorno 17 marzo 2013 la zona di mare antistante la sede del Circolo Velico Ortigia, situata sul lato sud-ovest del Porto Grande di Siracusa, sar interessata da n 2 (due) regate veliche denominate 1^ Selezione Nazionale 2013 per il Campionato Europeo Catamarani Classe A. Le unit partecipanti alla regata opereranno allinterno di un campo di gara segnalato con boe di colore arancione, poste ai vertici del quadrilatero delimitato dai punti individuati dalle coordinate evidenziate dalla posa in mare di boe nello specchio dacqua interessato. Interdizione del campo di gara. A decorrere dalle 12.30 alle 15.00 della giornata odierna, 16 marzo 2013, e dalle 10.30 alle 15.00 del giorno 17 marzo 2013, nella zona di mare antistante la sede del Circolo Velico Ortigia, situato sul lato sud-ovest del Porto Grande di Siracusa, segnalata da n 4 (quattro) boe di colore arancione poste ai vertici del quadrilatero delimitato dai punti individuati dalle coordinate di cui in premessa, vietato: navigare, ancorare e sostare con qualunque unit sia da diporto che ad uso professionale; praticare la balneazione, effettuare attivit di immersione con qualunque tecnica; svolgere attivit di pesca di qualunque natura. Lordinanza precisa anche la condotta delle unit in prossimit del campo di gara. In tal senso le unit in navigazione a distanza inferiore a 300 mt. dai limiti esterni del campo di gara dovranno procedere a velocit ridotta, prestando particolare attenzione alla navigazione delle unit partecipanti alla manifestazione , in considerazione della loro tipologia e valutando leventuale adozione di misure aggiuntive suggerite dalla buona perizia marinaresca al fine di prevenire situazioni di potenziale pericolo. Lordinanza nr. 27/2013 1^ Giornata del Bambino Pescatore dispone invece che giorno 17 marzo 2013 dalle 9:00 alle 12:00 la banchina S. Lucia del Porto Grande di Siracusa, sar interessata da una gara di pesca sportiva con canna denominata 1^ Giornata del Bambino Pescatore, organizzata dallAsd Siracusa in Movimento. Dalle 9:00 alle 12:00 del giorno 17 marzo 2013, i primi 120 metri della banchina S. Lucia del Porto Grande di Siracusa in direzione Fonte Aretusa e relativo specchio acqueo antistante, sono riservati allo svolgimento della manifestazione sopra citata. Per qualunque emergenza in mare possibile contattare la Guardia Costiera telefonicamente al numero blu 1530 o chiamare direttamente al numero telefonico 0931.481011 o 0931.481004. Per qualunque informazione attinente le attivit della Capitaneria di Porto di Siracusa, compresa la visione dellOrdinanza in questione, gli utenti possono visitare il sito "www. guardiacostierasiracusa.it.

l 19 marzo in Provincia si celebra il Social Work Day. Alle 10,30 apposita conferenza stampa presso la sala degli Stemmi. Infatti il prossimo marted 19 marzo presso la Sala degli Stemmi di via Roma 31, alle 10,30, il presidente del Consiglio provinciale di Siracusa, Michele Mangiafico e la consigliera nazionale dellOrdine degli assistenti sociali, Maria Concetta Storaci, accolgono linvito dellIfsw (Federazione Internazionale degli Assistenti Sociali ) a coinvolgere tutti gli operatori sociali per celebrare la Giornata Mondiale del Lavoro Sociale, sotto la bandiera del Global Agenda. Tema di quest'anno la "Promozione della parit sociale ed economica", argomento quanto mai importante in un momento di grande insicurezza sociale e di grandi cambiamenti. Il Work Day l'occasione annuale per so-

Con il patrocinio la promozione della federazione internazionale fra gli assistenti sociali
Durante la conferenza stampa, si dar avvio alla raccolta a sostegno della ricostruzione della Cittadella della Scienza di Napoli, distrutta in un incendio doloso e luogo dove insisteva un grande spazio interamente dedicato ai pi piccoli, in cui giocare con i sensi, apprendere divertendosi, emozionarsi con luci, suoni, colori in compagnia di tanti altri bambini. Una intera sezione espositiva di oltre 700 mq era dedicata esclusivamente ai bambini da 0 a 9 anni, ricca di laboratori per progettare e realizzare oggetti artigianali impiegando metodi di lavorazione rispettosi dellambiente; tutto il percorso espositivo era finalizzato a fornire ai pi piccoli una mappa della memoria della cultura materiale attraverso giochi senso-motori, atelier del colore, laboratori su materiali, narrazione e canto.

stenere un punto di vista sociale, di lavoro nei sistemi politici che producono il benessere dei popoli e per celebrare il contributo sociale, il lavoro per le societ. Si tratter di un incontro di riflessione a cui possono gi sentirsi invitate a partecipare

tutte le organizzazioni, tutti gli operatori del territorio che a vario titolo si occupano di sociale per ricordare l'importanza del lavoro sociale e della costruzione di citt solidali, tendenti alla parit sociale ed economica ed all'eguaglianza.

Inoltre,vi era un grande exhibit interattivo: La casa in costruzione, ovvero un cantiere a misura di bambino; con mantelline, caschetti, carriole, gru e secchi i bambini si divertivano a costruire i muri e il tetto di una grande casa, nel rispetto delle norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Infine, un grande spazio dedicato soltanto ai bambini da 0 a 3 anni. In Italia la figura dellassistente socialenon aveva mai avuto un pieno riconoscimento giuridico: infatti gli assistenti sociali erano essenzialmente dei privati. Inoltre non erano previsti particolari titoli n competenze. Con l'emanazione del Decreto del Presidente della Repubblica 15 gennaio 1987 n. 14, a partire da quello stesso anno divenne obbligatorio conseguire apposita abilitazione mediante il superamento di un esame.

XVIII Grande Accoglienza 24 Premi di 258,23 Ecco come devono partecipare alliniziativa i Collaboratori di tutte le aziende del settore
La Confesercenti Provinciale di Siracusa presentata la XVIII^ edizione di Grande Accoglienza con la collaborazione, dellAccademia Italiana della Cucina, la manifestazione, unica nel suo genere, come ha sottolineato Arturo Linguanti, vuole valorizzare e mettere in evidenza, il contributo di professionalit e cortesia dei dipendenti e dei collaboratori delle strutture ricettive e degli esercizi pubblici della citt, per far crescere le loro aziende, ma anche laccoglienza a Siracusa. Le premiazioni previste da questa edizione della Grande Accoglienza prevedono tre sezioni e riguardano: Professionalit e Cortesia premier 16 dipendenti da aziende del commercio, del turismo, dellartigianato e dei servizi, che si siano contraddistinti per la loro professionalit e

commerciale e del terziario in genere. 24 Targhe ai Titolari dazienda dei dipendenti premiati
cortesia nei rapporti con lutenza. Nellambito della manifestazione Grande accoglienza saranno selezionate ricette tipiche del territorio Obiettivi generali della iniziativa: Riscoprire antiche ricette del territorio e riproporle nella ristorazione commerciale. Valorizzare i prodotti tipici del territorio. Individuare nel presente legami col passato, ricercare le radici storiche dei fenomeni presi in esame; Promuovere la consapevolezza della molteplicit delle culture; Favorire la vendita e la commercializzazione delle nostre tipicit. Fissare un legame fra cultura gastronomica e offerta ristorativa Tema Il tema del concorso la produzione di ricette della cucina Siracusana e della sua Provincia, sia autentica che rivisitata , in tutte le sue espressioni e articolazioni, dallantipasto al dolce. Complessivamente saranno assegnati 24 premi di E. 258,23 a dipendenti prescelti sulla base di segnalazioni fatte direttamente dai consumatori e da unapposita commissione di valutazione. In ogni edizione di Grande Accoglienza sono state promosse iniziative tese a valorizzare e ad incentivare il consumo di alimenti e bevande di qualit della terra di Sicilia. Il rilancio delle arance, i limoni, il moscato di Siracusa, la dolceria tipica siracusana e dellolio di oliva, componente essenziale nella nostra gastronomia. Liniziativa Si concluder il 30 marzo 2013. Premiati i dipendenti meritevoli ritagliando la scheda pubblicata da Libert a mezzo lettera o fax al seguente indirizzo: Segreteria Consulta Provinciale per il Rilancio del Commercio Siracusano Via Ticino, 8 - Siracusa Tel/Fax 0931/22001. EMail: provinciale @ confesercenti.sr.it Siracusa Patrimonio dellUmanit

Accademia Italiana della Cucina

9 18

Delegazione Siracusa

Siracusa 16-03-2013

13

12

Ce lha raccontata larchitetto Mauro Terranova che fu lartefice della sua strutturazione fin dallinizio
di Arturo Messina Chi dei Siracusani non conosce quella caratteristica figura di gentleman da decenni e decenni in perenne papillon qual stato ed tuttora larchitetto Mauro Terranova? Egli, infatti, stato uno dei pi stimati docenti della Scuola dArte, in via Mirabella, divenuta poi Istituto dArte, dove i suoi allievi non avevano affatto un burbero professore, sia pure dalla pi rara cultura nella sua disciplina, bens un educatore modello, che non si limitava allinformazione ma tendeva soprattutto alla formazione dei cittadini e artisti autentici del domani. Non ce n uno, dei suoi tantissimi allievi, che non ne ricordi lo stile, il garbo, il dar credito e comprensione ai suoi allievi. E stato pure uno dei pi noti e stimati professionisti. Pur con la sua venerabile et, che ha superato la quarta et e si avvia baldanzosamente alla quinta, egli meraviglia tutti, non solo per la sua lucidit mentale e leleganza, ma anche e soprattutto per la sua genialit architettonica. Una tra le tantissime sue opere darchitettura che il cittadino siracusano ricorda o dovrebbe ricordare, e se non la ricorda gliela ricordiamo noi, la strutturazione della chiesa di Santa Rita, a Corso Gelone, fin da quando la parrocchia venne affidata al compianto reverendo Don Alfio Inserra. Cogliamo pertanto loccasione di ripercorrere le tappe principali della storia della chiesa per onorare la memoria di quel grande prete, che maggiormente spicca e viene vivamente rimpianto adesso che pi non c e tutti i siracusani, oltre che i suoi parrocchiani, sono istintivamente portati al confronto, in quanto che egli era, tra laltro, il fondatore e il direttore del periodico diocesano Cammino, che gli dava modo di essere conosciuto e apprezzato anche da chi nome adesso non mi viene in mente: era come il palazzo della Provincia, in via Malta; oltretutto anche pi complesso, per cui il buon prelato pensava di poterlo realizzare modificandolo a suo modo. Leggendo la mia lettera, si rese conto che in effetti doveva chiedere aiuto a chi era pi competente. Fu cos che subito mi incaric di studiare lesterno dellabside della chiesa: cosa piuttosto insolita, quella Tuttavia non mi scoraggiai: impiegai alcuni mesi per studiare il modo di risolvere il problema propostomi, in modo da raccordare tale opera col complesso di tutta la chiesa, considerando che essa doveva raccordarsi anche con lassieme degli edifici dello stesso ambiente edilizio, architettonicamente insignificante, che ritenevo non dovesse essere ulteriormente avvilito con una costruzione sacra imponente, facendo emergere la chiesa in modo pomposo Mi trovai, insomma, tra lincudine e il martello nel dovere risolvere un raccordo veramente difficile. Realizzai, quindi, labside esterno che doveva essere la chiave di volta per procedere alla realizzazione adeguata di tutto il resto. Il che non fu affatto facile. Tuttavia riuscii a realizzare un modello che poteva essere adoperato adeguatamente, sia per i lati che per il fronte della chiesa. - A proposito del frontale, come avvenne e chi stabil di metterci quella statua sopra? Esso fu realizzato dopo che io feci il progetto. La statua il reverendo la fece fare da un ferraiolo: nessuno ritiene che sia unopera darte non diciamo da ammirare oltre che da venerare. Io gli feci capire che lassieme del frontale erauna mostruosit, dal punto di vista artistico; egli tuttavia non se ne rese mai conto!

Santa Rita e la sua storia

16 marzo 2013, sabato

16 marzo 2013, sabato

Linsigne figura del compianto parroco don Alfio Inserra legata strettamente allinaugurazione della chiesa

13

non lo conosceva personalmente. Ci siamo rivolti pertanto proprio allarchitetto Terranova che come al solito ha aderito con la massima disponibilit a rispondere alle nostre domande che gli abbiamo rivolto a riguardo: Fu lui a pensare per primo- ha cominciato a raccontarci- come sistemare la chiesa, sia allinterno che allesterno. Egli per se, da un canto aveva tanto fervore nel compiere da solo lopera, non aveva competenza di architettura,

Larchitetto Mauro Terranova.

secondo il mio parere. Io, mi resi subito conto che alla sua presunzione non corrispondeva affatto la sua competenza. Pertanto gli scrissi una lettera, ben sapendo che lo scrivere la propria opinione la pi comprensibile e chiara maniera per farsi capire senza essere interrotto. Gli feci capire che il suo programma architettonico era totalmente errato. - In che senso? Nel senso che egli ricordava, s, di aver visto presso altri ambienti reli-

giosi e solo per questo era convinto di essere capace di realizzare da solo la difficile opera che affrontava: certo che un po di presunzione ce lha ogni uomo - In pratica, in che riguardavano i lavori? Egli aveva ricevuto lambiente alla stato grezzo, tanto che sembrava un magazzino piuttosto che un luogo di culto, essendo interamente in pietra nuda. Mi fece vedere il progetto che aveva fatto gi un ingegnere, il cui

- E i lavori dellinterno? Gli altari? Ci ho dovuto molto lavorare, a pensare come dovevo rivestire le pareti interne, i pilastri, come fare gli altari, perch, ripeto, non cera nulla in quella specie di magazzino, di capannone! - Con te stato sempre daccordo il reverendo parroco? Con me stato sempre daccordo: ogni volta per mi toccava fargli una lezione darchitettura; per alla fine si convinceva che io avevo ragione - Qual la parte di cui tu sei rimasto pi soddisfatto? Ti posso dire che non c stata una cosa che mi piaciuta di meno o che mi piaciuta di pi. Tutto stato ununiformit di concetto, ununiformit di poesia; c stata sempre una rigorosa armonia, sicch la chiesa non offende lambiente pur non declassandosi larchitettura, perch stata molto studiata per tale scopo. -E i dipinti, i quadri che vi sono dentro? I quadri sono di pittori compiacenti; se non sono pregevoli, sono almeno decenti, decorosi - Ogni chiesa ha una sua cantoria e lorgano a canne; ci sono a Santa Rita,

visto che tu sei amatore di musica e possiedi anche un pianoforte meccanico di oltre un secolo addietro? La cantoria stata studiata ma non stata definita perch egli non mi ha mai dato il via per definirla. Se lorgano non c per non sacrificare la grande vetrata che illumina la chiesa; del resto, in una chiesa nuova non ritengo essenziale lorgano a canne, visto che oggi ce ne sono ottimi elettrici!. - Per da qualche anno non c stato fatto un dipinto

di considerevole dimensione? Di considerevole dimensione, s; ma non di considerevole pregio: stata una cosa pensata dal parroco stesso: direi che sia una cosa da togliere, non da valorizzare. Lha fatta fare lui senza rendersi conto che non si accorda con il semplice decoro dellassieme. - Che ne pensi dellaltare maggiore? Quelle sono cose che sono state fatte sotto la mia direzione: non sono

fastose perch il fasto non si addice allassieme, ma sono dignitose e significative. I vari ingressi erano nel progetto iniziale e io ho ritenuto di mantenerli, per la comodit che offrono. - E la porta dingresso? E il grezzo di quella che avevo progettato io! Bisognava rivestirla, con lastre di rame, che io avevo fatto studiare da un mio collega che insegnava alla Scuola dArte, che ne fece unopera veramente pregevole. Il parroco, per, non aveva a genio gli artisti locali, per cui boicott in tutti i modi la realizzazione di questa porta, che era bellissima Sto pensando che, dopo tanti decenni, egli poco prima che morire, venne a dirmi che voleva quella porta e mi preg di studiarne la realizzazione; ma non mi diede il tempo di realizzarla chebuss alla porta del paradiso! Se non si potuta realizzare perch chi gli succeduto ha affermato di non avere i soldi per farla: ritengo che non possieda lo spirito diniziativa e il carisma del dinamico compianto parroco. - Visto che a Siracusa c tanto di patrimonio darte e di sacro, esiste una commissione darte sacra che stabilisca se unopera, anche se donata- forse pi per farsi pubblicit che per devozione- si adatti (non diciamo se sia pregevole) allambiente dove deve essere posta? In effetti una grave omissione non averla mai formata, per cui i Sacerdoti si trovano a decidere essi su cose che

Larch. Mauro Terranova.

vanno al di l delle loro competenze Si evince ci da certe scelte che fanno nel mettere nei luoghi sacri opere assolutamente inadeguate. Sono incoerenze di cui, magari, il cittadino comune non si rende conto; ma ci sono Siracusani, e turisti che se ne intendono e in effetti disapprovano. - Sei soddisfatto delle opere darte che ci sono nella chiesa di Santa Rita? Dal punto di vista artistico non posso essere soddisfatto! Le decisioni che prese allora don Alfio Inserra per arredare lambiente interno non sono stare da me convalidate. Ha deciso esclusivamente lui e ha fatto quello che ha voluto!. - Ma per far questo, se ne intendeva darte il compianto parroco? No! Egli diceva che se ne intendeva perch gi conosceva e aveva girato il mondo; ma in effetti ci vuole ben altro per potersi rendere conto di architettura, di pittura, darte in genere! -Da chi dovrebbe essere formata questa Commissione ? Dovrebbe essere formata dai migliori artisti siracusani in tutti i sensi: pittura, scultura, architettura, storia darte; da persone, insomma, di grande competenza specifica, che possano veramente dare un parere, un indirizzo come si conviene. Ricordo di avere avuto un dialogo in questo senso dal ben emerito arcivescovo Costanzo, il quale ebbe a domandarmi se facessi la proposta perch avevo intenzione di far parte io di quella commissione: non conosceva la mia onest, che superiore ad ogni insinuazione! - Tu hai parlato del modo di intendere lattivit di un professore di oggi che, secondo te, non tanto quella di informatore quanto di formatore, visto che dici che per linformazione i ragazzi doggi hanno i mass media, soprattutto linformatica; ricordi qualche alunno che si sia formato secondo il tuo indirizzo? Ce ne sono tanti! Di tutti, basti citarne uno solo: il dr. Giuseppe Bianca, il tuo direttore; un modello di correttezza e capacit. E detto questo si alza e se ne va.

Ci sono ambiti in cui il dialogo tra questi due mondi necessario. il caso delle separazioni coniugali, per esempio, o della difesa di minori abusati e maltrattati.

14

16 marzo 2013, sabato

Psicologia e Giustizia, convegno organizzato dallistituto di Gestalt HCC Italy


Psicologia
e giustizia hanno linguaggi diversi, a volte perfino opposti: gli individui pensano alla giustizia quando desiderano sentirsi riconosciuti nelle loro buone intenzioni o essere difesi da chi fa un sopruso. Ma il mondo giuridico non si occupa del sentire individuale, piuttosto ha lo scopo di fare rispettare la legge, che una cosa molto diversa. Lo stretto legame che dovrebbe esserci tra individuo e norma sociale spezzato nella nostra societ: la giustizia percepita inefficace o persecutoria e lindividuo perde la speranza e il senso di protezione nel gruppo sociale. Eppure ci sono ambiti in cui il dialogo tra questi due mondi necessario. il caso delle separazioni coniugali, per esempio, o della difesa di minori abusati e maltrattati. Di questo argomento, cos attuale nella vita quotidiana, si occuper il convengo che si svolger al palazzo Vermexio di Siracusa, oggi pomeriggio alle 16, organizzato dallIstituto di Gestalt HCC Italy (Direttore Dott.ssa Margherita Spagnuolo Lobb). Studiosi di psicologia, come il professore Santo Di Nuovo e la prof. ssa Angela Maria Di Vita, e di diritto penale e criminologia, come il Prof. Salvatore Aleo, dialogheranno assieme al presidente e allex-presidente dellOrdine degli Avvocati, Troja e Grimaldi, sullimportanza di integrare i due

linguaggi, quello giuridico e quello psicologico, per gestire situazioni drammatiche, come quella dellaffidamento dei figli nelle separazioni o dellabuso sui minori, con

Con laugurio che il mare ortigiano resti dei siracusani


iceviamo e pubblichiamo quanto segue. Lattenzione posta in svariati comunicati da amministratori locali riguardo la possibilit di usufruire del mare di Ortigia mi impone una riflessione che parte dal principio generale che i tre siti individuati dallamministrazione comunale (Forte Vigliena, Spiaggetta Fonte Aretusa e Spiaggetta Cala Rossa) devono mantenere la loro vocazione iniziale ad uso pubblico ancor pi oggi che la crisi economica impone una particolare attenzione ai bilanci delle famiglie. Infatti, proprio il loro uso pubblico limita il costo annuo della concessione demaniale a soli 583 euro, 83 centesimi che il Comune paga allo Stato. Ritengo che il sistema di siti dislocati attorno all'isolotto, oltre ad offrire svago ed accoglienza ai Siracusani ed ai tanti turisti che visitano la citt, garantisce con la spiaggetta di Fonte Aretusa laccesso anche ai diversamente abili. Lulteriore presenza di solarium in Ortigia serve a completare lofferta ai tanti utilizzatori, che a questo punto non possono che essere di iniziativa privata. Con la speranza che laccesso pubblico della scala di Cala Rossa sia realizzata dal Comune prima dellinizio della stagione estiva voglio infine invitare tutti i miei concittadini a frequentare il mare di Ortigia ed evitare le lunghe code sulle strade per il mare, che oltre ad inquinare anzich concedere qualche ora di svago caricano di tensione e stress gli automobilisti. Salvo Scarso (consigliere del quartiere Ortigia)

il massimo rispetto per lintegrit dellesperienza umana. Il convegno apre la strada al Master di Psicologia Forense (aperto a psicologi, avvocati, medici e periti), che ha lo scopo di integrare appunto i due linguaggi nel lavoro peritale con i minori. infatti per loro, i bambini che soffrono, che la psicologia e la giustizia devono innanzitutto incontrarsi. Il convegno curricolare per gli allievi del quarto anno della Scuola di Specializzazione in psicoterapia dellIstituto di Gestalt HCC Italy, sede di Siracusa. inoltre rivolto a: avvocati, psicologi, psichiatri, periti, giudici onorari, laureati e laureandi in psicologia, giurisprudenza, medicina, scienze delleducazione, e a tutti gli interessati al lavoro peritale in casi di separazioni e abusi sui minori. Accreditamenti: Liniziativa accreditata dallOrdine degli Avvocati e d diritto a crediti formativi (uno per ora frequentata) ed patrocinato dall'Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia. Programma (scarica la locandina) Avv. Giuseppe Alvise Troja, Presidente dellOrdine degli Avvocati di Siracusa Saluti iniziali Dott.ssa Margherita Spagnuolo Lobb, Direttore Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Siracusa, Palermo, Milano Introduzione al convegno: pu la prospettiva fenomenologica e relazionale aiutare il giudice? Prof. Santo Di Nuovo Professore Ordinario di Psicologia e Presidente Corsi di laurea di Psicologia, Universit degli Studi di Catania Categorie giuridiche e psicologiche, un possibile incontro Prof. Salvatore Aleo Professore Ordinario di Diritto Penale e Criminologia dellUniversit degli Studi di Catania Infermit di mente e pericolosit sociale Prof.ssa Angela Maria Di Vita gi Professore Ordinario di Psicologia Dinamica dellUniversit degli Studi di Palermo Le ferite dell'amore. Una lettura psicogiuridica dello stalking Avv. Sebastiano Grimaldi gi Presidente dellOrdine degli Avvocati di Siracusa Norme deontologiche e psicologia forense Dott.ssa Jlenia Baldacchino Psicologa Psicoterapeuta Presentazione del MASTER IN PSICOLOGIA FORENSE ad orientamento fenomenologico-relazionale. Tecniche e Strumenti per la Consulenza in Ambito Civile e Penale.

Presentata, mercoled 13 marzo, nella sala Ciane del Grand Hotel di via dei Mille a Siracusa,i dettagli della campagna Adotta anche tu la Trogylos
Nuovo successo per la Isab Energy Priolo che nel recupero della sesta giornata di ritorno, batte di misura Orvieto con il punteggio di 61- 60. Un incontro condotto sostanzialmente alla pari dalle biancoverdi guidate da Santino Coppa, che hanno dimostrato ancora una volta di tenere a fare bella figura all'appuntamento con i play off, meta ormai raggiunta, con il consolidamento del sesto posto in classifica ad una giornata dalla fine della stagione regolare. Assodato il dato positivo in ambito puramente sportivo, lo stesso non si pu ancora dire per quanto riguarda l'ambito amministrativo. Su questo fronte fervono le "manovre" in casa Trogylos per riuscire a sensibilizla campagna "Adotta anche tu la Trogylos". Partner d'eccezione la Camera di Commercio, che ha gi manifestato l'intenzione di aderire alla campagna, l'iniziativa nasce per consentire alla storica squadra di serie A1 femminile di concludere il campionato e partecipare ai playoff. In questo senso la Banca di Siracusa ha raccolto l'appello lanciato dall'ex presidente, Paolo Giuliano, e ha aperto un conto corrente bancario attraverso il quale sar possibile sostenere la formazione biancoverde allenata da Santino Coppa. La Banca di Siracusa diventa un tramite per fare in modo che tanti possano aderire alla sottoscrizione, anche con un supporto minimo. L'obiettivo quello di avere una partecipazione dell'intero territorio. Alla conferenza stampa interverranno l'avv. Paolo Giuliano, ex presidente Trogylos; l'avv. Marco De Benedictis di Banca di Siracusa, la capitana delle biancoverdi Susanna Bonfiglio e il presidente della Trogylos, Nicol Natoli. Gi diversi imprenditori hanno manifestato il proprio interesse e parteciperanno alla conferenza stampa per testimoniare la loro adesione all'iniziativa, alla quale sar possibile contribuire in diversi modi, anche tramite internet. Per quanto riguarda infine lo sport giocato, l Isab Energy Priolo, venerd al Palaminardi di Ragusa ha disputato una amichevole con le cugine della Passalacqua Trasporti, neopromosse in A1.

Basket A1/F. LIsab Energy Priolo vince nel recupero contro Orvieto

SPORT Siracusa

16 marzo 2013 sabato

15

zare l'opinione pubblica ed in particolare i settori produttivi del territorio per aiutare la societ a programmare economicamente il finale di stagione. A questo proposito si va concretizzando la proposta lanciata dall'ex presidente biancoverde Paolo Giuliano di avviare

una sottoscrizione in favore della Trogylos. L'iniziativa v stata presentata, mercoled 13 marzo, alle ore 10.30 nella sala Ciane del Grand Hotel di via dei Mille a Siracusa. Trogylos Priolo e Banca di Siracusa, Banca di Credito Cooperativo, dove sono stati annunciati i dettagli del-

Pallanuoto A1/M. Per l'Ortigia di mister Baio Calcio a 5. Al PalaLoBello arriva da qui in avanti ogni match una finale per lImbr Meraco la capolista
Si ferma a sedici vittorie consecutive il filotto della capolista AN Brescia che pareggia in casa 10-10 con la RN Florentia, nel posticipo della sesta di ritorno. I toscani hanno tentato il colpaccio andando per la prima volta in vantaggio con l'ex di turno, il bomber spagnolo Guillermo Molina ad un minuto dalla fine. Poi ci ha pensato l'esperienza di Roberto Calcaterra che ha pareggiato a 30 secondi dalla fine, mantenendo l'imbattibilit dei biancazzurri dopo diciassette turni. Rondinelle che tra due giorni scendono a Napoli contro la Carpisa Yamamay Acquachiara nell'anticipo tv della settima di ritorno alle 19, in differita su Rai Sport 2 alle 10.30 di sabato 16 marzo. Per lOrtigia di mister Baio arriva il Bogliasco. Per loro da qui in avanti vietato sbagliare ed ogni partita sar una finale .Il Bogliasco settimo ed il loro obiettivo quello di vincere per mantenere una buona posizione, la migliore per affrontare la fase dei playoff. Il capitano della formazione ligure ha dichiarato: Siamo reduci da una settimana impegnativa che per conferma che siamo una squadra coesa, consci della nostra forza e sicuri della possibilit di concludere il nostro campionato nel migliore dei modi. Quella contro lOrtigia una partita fondamentale per continuare il nostro percorso positivo e dimostrare di che pasta siamo fatti. LOrtigia una squadra che in casa ci ha messo in difficolt e che ha in Napolitano lindividualit pi importante. E un giocatore dotato fisicamente e tecnicamente, pu dare fastidio perch gioca centroboa ed esterno ed in entrambi i casi con ottimo rendimento. Il resto molto organizzato, in panchina un allenatore giovane e preparato che riesce a tirare fuori il meglio dai suoi ragazzi. S.C. Penultima giornata di campionato per lImbr Meraco, che ospita sabato al PalaLobello la Trinacria Gela, capolista del campionato insieme con la Nbi Misterbianco. Gara di straordinaria importanza per entrambe le squadre. Quella siracusana, quarta in classifica a quota 45 punti, insieme al Kamarina, deve vincere per conservare almeno un punto di vantaggio sullIblea Ragusa, sesta ma ospite sabato dello Sporting Gela, che deve difendere il terzo posto in graduatoria (4 punti di margine sulle due quarte). Situazione intricata, dunque, anche perch nellultima giornata di campionato, ci sar lo scontro diretto a Ragusa tra lIblea

e lImbr Meraco. Uno scontro diretto che diventerebbe ininfluente ai fini della qualificazione se i siracusani batteranno in questo turno di campionato la Trinacria e i ragusani perderanno contro laltra squadra di Gela. Tutto dunque potrebbe essere pi chiaro al termine della gare di questo sabato. LImbr Meraco reduce dalla sconfitta di Caltagirone (5-4) contro I Calatini a conferma di unincredibile altalena di risultati tra le gare interne e quelle esterne Tutti a disposizione per mister Trotolo, che ha curato nei dettagli la preparazione in vista del match di sabato che dovrebbe richiamare al PalaLobello il pubblico delle grandi occasioni.

16

16 marzo 2013, sabato

Autosport S.r.l. C.da Targia 18

Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it