Sei sulla pagina 1di 9

Estorsione allex Una donna condannata a 4 anni

A pagina quindici www.libertasicilia.com

FONDaTO NEL 1987 Da GIUSEPPE BIaNCa

CRONACA

Falso e truffa: Reati prescritti per ex consigliere


i A pagina sette e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

Orgoglio Siracusa
EDITORIALE

marted 11 marzo marzo 2012 2014 Anno N. 64 56 DIREZIONE DIREZIONE Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 51 0931 46.21.11 - Fax 0931/ sabato 17 Anno XXVII XXV N. 51 Tel. Tel. 0931 0931 46.21.11 46.21.11 -- FAX FAX0931 0931//60.006 60.006--PUbbLICIT: PUbbLICIT:Poligrafica PoligraficaS.r.l. S.r.l.via viaMosco Mosco 51Tel. Tel. 0931 46.21.11 - Fax 093160.006 / 60.006 0, 50 0,50

QUotidiaNo dELLA ProViNCia Di DI SiraCUsa SIRACUSA

ECONOMIA

Scoppia il caso, la conduttrice costretta a chiarire lincidente

A proposito della gaffe su Domenica Live


Barbara lirriguardosa terrona
di Giuseppe Bianca

Non

La

signora Maria Carmela d'Urso, napoletana di 57 anni, in arte Barbara DUrso conduttrice televisiva ha completato ieri su canale 5 in Pomeriggio cinque la fiction della querelle scoppiata domenica scorsa nel programma domenica live, perseverando in quello che ha detto facendo credere al contrario, con astuzia, che se cera malafede quella non era la sua. In buona sostanza non ha chiesto scusa ai siracusani o comunque averlo fatto capire. E il sindaco colto di sorpresa dalle spettacolarit delle parole dalla signora caduto nella fiction della DUrso e dei suoi autori che la sostengono. Una cosa chiara la DUrso disinformata sulla visita del premier Renzi.
A pagina tre

ho da chiedere scusa a nessuno perch conoscono bene Siracusa dove ho anche recitato. Lunico mio errore avere creduto che la scuola di cui si parlato per la canzoncina a Matteo Renzi si trovasse in un paesino vicino Siracusa. In questi termini anche piccati, la replica della conduttrice Barbara DUrso, autrice di una gaffe che stata riportata da tutti gli organi di stampa a livello nazionale. Ha scelto la propria trasmissione del pomeriggio la DUrso, per replicare a quanti (ed erano davvero tanti).
A pagina cinque

POLITICA

Brogli E guerra aperta tra deputati


A pagina quattro

Le direttrici Cgil dello sviluppo

Si chiude questa sera con lelezione del segretario generale, il

congresso provinciale della Cgil siracusana. La giornata di ieri stata caratterizzata dalla relazione del segretario generale uscente, Paolo Zappulla, che in parte pubblichiamo qui di seguito. In questi 4 anni la situazione del territorio si profondamente modificata, la provincia si impoverita, non solo economicamente. Abbiamo la sensazione che il territorio stia arretrando anche dal
a pagina otto

11 maRZO 2014, MARTED

di Arturo Messina Ci son tante persone che presumono di sapersi esprimere da grandi artisti con il pennello (e non lo sono!) e c invece chi sa dipingere egregiamente paesaggi, fatti e personaggi con le parole. Ha dimostro ancora una volta di essere una di queste la prof.ssa Elvira Siringo, docente di Storia e Filosofia, con il suo ultimo libro: Una seconda occasione, pubblicato nel gennaio scorso dalla Di Felice/Edizione dopo di aver vinto la V Edizione del Premio Letterario Internazionale Citt di Martinsicuro, a coronamento della non comune valenza gi dimostrata con altre sua pregevoli opere, quali Per le vie del mondo, Sogno dindipendenza, lopera teatrale Il passaggio anomalo dellonda, La zia di Lampedusa, da cui ha tratto anche unaltra opera teatrale, Zucchero in tasca. Questo, a distanza di diversi anni, il punto di partenza del suo ultimo romanzo, da cui ben si evince la notevole potenza ascensionale del suo stile, che ritengo sia la componente pi rilevante dellinsolita vena creatrice. Questa trova la sua polla di ispirazione s, sicuramente, dalla notevole dote di fantasia, ma anche, anzi soprattutto, dalla ancor pi straordinaria inclinazione e applicazione allosservazione e alla riflessione, dalla formazione culturale orientata appunto alla Storia e alla Filosofia, dallesperienza didattica e giornalistica, ma in modo ancor pi particolare dallideale connubio di palpitazioni emozionali e sensibilit con la razionalit, che fa di lei effettivamente un eccellente artista che si distingue da tanti altri per la felice capacit di enucleare e sviluppare le pi avvincenti descrizioni di episodi e sentimenti che riescono agevolmente a coinvolgere ed avvincere il lettore in una sfera surreale eppur cos pregna della realt effettuale e potenziale insieme. Stupisce, infatti, fin dalle prime pagine la descrizione affascinante delle visioni paesaggistiche come pure degli aspetti caratteriali e somatici insie-

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

11 maRZO 2014 maRTED

Barbara DUrso irriguardosa con la citt


La
signora Maria Carmela d'Urso, napoletana di 57 anni, in arte Barbara DUrso conduttrice televisiva ha completato ieri su canale 5 in Pomeriggio cinque la fiction della querelle scoppiata domenica scorsa nel programma domenica live, perseverando in quello che ha detto facendo credere al contrario, con astuzia, che se cera malafede quella non era la sua. In buona sostanza non ha chiesto scusa ai siracusani o comunque averlo fatto capire. E il sindaco colto di sorpresa dalle spettacolarit delle parole dalla signora caduto nella fiction della DUrso e dei suoi autori che la sostengono. Una cosa chiara la DUrso disinformata sulla visita del premier Renzi a Siracusa altrimenti non avrebbe detto quella frase incriminata. Non ho da chiedere scusa a nessuno perch conoscono bene Siracusa dove ho anche recitato. Lunico mio errore avere creduto che la scuola di cui si parlato per la canzoncina a Matteo Renzi si trovasse in un paesino vicino Siracusa. Successivamente ha detto di aver recitato anche a Segesta. Un dato certo che questa banalit della DUrso frutto della non conoscenza della cronaca e che il suo entourage non lha tenuta informata. Comunque rimane in piedi loffesa della conduttrice e dei suoi autori correi di sostenere quella tesi, anzi

EDITORIALE. La conduttrice

Esaltato un epsiodio del tutto incidentale rispetto ai grandi temi economici e di rilancio del territorio emersi dallincontro

Nel salone della Camera di Commercio stato presentato dalla dott.ssa Simona Lo Iacono lultimo libro della prof.ssa Elvira Siringo
me, degli impasti stilistici ed aggettivali inusitati, cos da dare limpressione di meravigliosi quadri dipinti non con tocchi magistrali di pennello, bens con frasi che si snodano e modellano prodigiosamente scaturendo e snodandosi da un fantastico gomitolo misteriosamente riposto tra la mente e il cuore della scrittrice, per cui non sai se ammirare di pi ci che racconta oppure il modo con cui racconta. Non uno dei soliti romanzi gialli che avvincono il lettore semplicemente con la trama, la cui soluzione non si arriva lora di trovarla con la scoperta dellassassino, per cui non si ha cura delle descrizioni approfondite, sia da parte del romanziere che del lettore, che una volta soddisfatto di essere giunto alla soluzione dellenigma, alla scoperta dellassassino, andando in quarta con la lettura, rimane appagato e lo ripone in un angolo definitivamente La soluzione che il romanzo giallo offre alla fine della sua lettura come contentino qui la troviamo, e in sintesi, addirittura alla quarta di copertina: Un giovane carabiniere torna in Sicilia per scagionare una ragazza anticonformista e ribelle dallaccusa davere ucciso il padre etc. E un autentico biglietto di presentazione, ad ammonire il lettore che il romanzo non affatto un romanzo giallo da leggi rapidamente e getta. N un romanzo di costume quello di Elvira Siringo: non appaga tanto la curiosit quanto lo spirito del lettore, che non lo assapora leggendolo tutto dun fiato, ma ha bisogno di tempo per masticarlo, digerirlo, assimilarlo e ci prova tanto pi gusto, quanto pi ne interrompe la lettura e si sofferma a riflettere su quanto ha letto: unoriginale cronaca letteraria formativa, che produce soprattutto un doppio bene: quello di soddisfare il senso estetico e di corroborare la carica spirituale. Anche se i fatti narrati non sono documentati in se stessi da alcun giornale o da processi giudiziari, n tampoco da pagine di storia del passato o dei nostri giorni. Che sia, invece, un romanzo che ha scaturigini profonde e remote dal tessuto connettivo psicologico culturale, ripeto, della scrittrice, si evince sin dalle prime battute, a sottolinearne la sua personalit, dalla sua attivit di educatrice, di formatrice, pertanto di persona ben consapevole che la propria funzione non di semplice informatrice- ch i ragazzi doggi hanno modo dinformarsi con tanto di computer e ingegnosi aggeggi simili a portata di tutti!- e in ci ritengo sia il valore e il merito del romanzo. La posizione sociale dellautrice spicca anche subito dalla figura centrale, che potremmo dire da sottofondo, o meglio, esemplificativamente da leit motiv, del barone che descritta chiaramente da anticonformista: padre e

Una seconda occasione

patriarca che, non avendo avuto che un solo figlio legittimo dalla prima moglie (Vincenzino), e ununica figlia dal secondo matrimonio, se ne era procurati fuori letto, diversi altri e tutti aveva trattato con lo stesso affetto: cosa insolita ancora oggi, anzi soprattutto oggi, con tutte separazioni, i divorzi, le convivenze, le adozioni che ci sono: croce e delizia degli avvocati daccusa e difesa, nonch dei magistrati per i tantissimi processi che da ci scaturiscono quotidianamente! E ha presentato il libro un magistrato: la dott.ssa Simona Lo Iacono, ben nota e ammirata figura di giovane giurista nonch di scrittrice e letterata, gi autrice di diverse pregevoli opere, nonch di forbita presentatrice, come in questo caso, che si fatta ammirare oltre che per la sostanza dei contenuti della sua culturale arringa, con a fianco Rita Rossitto, anche per loriginale modo di condurla: scegliendo a sorte, come per i numeri della tombola o del sotto- novanta chi veniva invitato a recitare brani del romanzo, tra i tantissimi giovani studenti che erano venuti ad assistere. Brani che sono stati intercalati dal bravo tastierista-chitarrista cantante Corrado Neri e da Giulia Mazzara, giovane promessa del bel canto.

In foto, Barbara DUrso.

bravi a far mascherare la gaffe: "Siracusa un paesino della Sicilia"

scatenando i siracusani, e non solo, sparsi per il web.

La conduttrice ha facendo vedere uno esordito nellannun- dei tanti titoli che ciare la trasmissione riguardavano la gaffe

commessa domenica scorsa su Domenica live. Ha poi rimandato i telespettatori allinizio della trasmissione annunciando: Posso aver detto mai una cosa simile?. Collegato in diretta con il palazzo Vermexio era il sindaco Giancarlo Garozzo, che ha rimarcato la gaffe commessa dalla conduttrice, la quale,m facendo risentire il pezzo incriminato, ha chiarito che non ha mai parlato di Siracusa e che si guardava bene dal paragonarla ad un paesino della Sicilia. Lunica mota positiva di tutto questo pateracchio televisivo dato dal senso di reazione dal popolo siracusano, ferito nellorgoglio e nellamor proprio per una frase infelice della conduttrice di Canale cinque. Questo stesso moto di ribellione vorremmo cehj accadesse in tutte le circostanze negtive non soltanto per una situazione tutto sommato veniale. E ci sarebbe da protestare.... Giuseppe Bianca Sono una donna del

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

Yaris Hybrid Lounge E 15.950. Prezzo promozionale chiavi in mano (esclusi I.P.T. e Contributo Pneumatici Fuori Uso PFU ex DM n. 82/2011) con il contributo della Casa e dei Concessionari Toyota. Auris Hybrid Active ECO prezzo di listino 23.450 E (inclusa IVA, esclusi I.P.T. e Contributo Pneumatici Fuori Uso PFU ex DM n. 82/2011). Ecoincentivo Toyota senza rottamazione o permuta: 4.000 E inclusa IVA con il contributo della Casa e del concessionario. Prezzo promozionale E 19.450. Offerta valida fino al 28/02/2014. Immagine vettura indicativa. Valori massimi: consumo combinato 27 km/l, emissioni CO2 85 g/km.

11 maRZO 2014 maRTED

11 maRZO 2014 maRTED

Decadenza dei deputati aretusei Pippo Gennuso fa ricorso al Tar


capitolo nellintricata vicenda relativa ai brogli alle elezioni regionale del 2012 a Pachino e Rosolini. Lex deputato regionale Pippo Gennuso ha annunciato un suo ricorso al Tar. Se il Cga di Palermo con una sentenza depositata il 5 febbario scorso, ha annullato la proclamazione dei deputati eletti in provincia di Siracusa, tutti gli atti del Parlamento siciliano dopo quella data, sono illegittimi dice Gennuso Lo denuncer in un ricorso al Tar, informando anche il commissario dello Stato in Sicilia, il prefetto Carmelo Aronica. Significa che il voto degli articoli approvati dallArs sul disegno di legge per la Riforma delle Province nullo. Cos come sono nulli tutti i provvedimenti approvati dallAssemblea dopo il deposito della sentenza. Su questa vicenda ci sono responsabilit sia del presidente della Regione, Rosario Crocetta, che del presidente dellArs, Giovanni Ardizzone. Pippo Gennuso, in questa vicenda della ripetizione del voto, che definisce assurda e incomprensibile, considera fuori luogo anche le affermazioni degli onorevoli Vincenzo Vinciullo e Bruno Marziano, in merito alla sentenza emessa dal Cga di Palermo, che ordina nuove elezioni per le Regionali del 2012 in tre sezioni di Rosolini e sei di Pachino. La legge siciliana in materia di processi amministrativi chiara a tutti, ma non agli onorevoli Vinciullo e Marziano, i quali continuano a citare leggi superate da decenni e ignorano il codice del processo amministrativo entrato in vigore nel 2010 afferma lex deputato del Mpa-Pds e nella loro analisi approssimativa delle leggi, fanno riferimento ad un comma di un articolo di una legge, degli Anni 50, che regolamentava il cosiddetto reclamo allAssemblea Regionale Siciliana, che, ai tempi, era lunico strumento utilizzabile in caso di irregolarit nelle operazioni di voto per le elezioni dei parlamentari regionali. Laffermazione dellon. Vinciullo, secondo il quale la sentenza del Cgapresenterebbe una serie di criticit e sarebbe innovativa, e, quindi di nuova e dubbia interpretazione e applicazione, non corrispon-

Nuova iniziativa di protesta da parte dellex parlamentare regionale rosolinese

La conduttrice di Camale Cinque ha chiarito la gaffe cui incorsa domenica scorsa

E attacca nuovamente Marziano e Vinciullo sostenendo che vi sono nuove normative che consentono di applicare sentenze amministrative
Nuovo

Batti e ribatti ieri sera in diretta tra la conduttrice di "Pomeriggio sul 5 e il sindaco Garozzo. Credevo che la scuola si trovasse vicino a Siracusa
Non
ho da chiedere scusa a nessuno perch conoscono bene Siracusa dove ho anche recitato. Lunico mio errore avere creduto che la scuola di cui si parlato per la canzoncina a Matteo Renzi si trovasse in un paesino vicino Siracusa. In questi termini anche piccati, la replica della conduttrice Barbara DUrso, autrice di una gaffe che stata riportata da tutti gli organi di stampa a livello nazionale. Ha scelto la propria trasmissione del pomeriggio la DUrso, per replicare a quanti (ed erano davvero tanti) si sono sentiti offesi dalla definizione che la DUrso ha dato di Siracusa. La conduttrice ha esordito nellannunciare la trasmissione facendo vedere uno dei tanti titoli che riguardavano la gaffe commessa domenica scorsa su Domenica live. Ha poi rimandato i telespettatori allinizio della trasmissione annunciando: Posso aver detto mai una cosa simile? e suscitando in questo modo la curiosit di chi stava guardando la trasmissione di ieri sera. Collegato in diretta con il palazzo Vermexio era il sindaco Giancarlo Garozzo, che ha rimarcato la gaffe commessa dalla conduttrice, la quale,m facendo risentire il pezzo incriminato, ha chiarito che non ha mai parlato di Siracusa e che si guardava bene dal paragonarla ad un paesino della Sicilia. Sono una donna del Sud, una terrona, amo troppo questa terra. Non chiedo scusa ai siracusani ha detto perch li amo troppo. Semmai devo scusarmi e chiedo perdono per avere capito che la scuola si trovasse in un paesino di Siracusa. La DUrso ha poi letto un brano della lettera che il vice preside dellistituto Raiti di Siracusa, Paolo Genovese, domenica scorsa ospite della trasmissione e della DUrso, con la quale si rammaricato per le polemiche scaturite allindomani della trasmissione definendole montate sul nulla. Tanto rumore per nulla? Se non altro tutta questa vicenda servita per fare parlare di Siracusa sui giornali nazionali, e su Canale cinque: operazione involontaria di marketing che altrimenti sarebbe costata decine di migliaia di euro.

Barbara DUrso: Non era Siracusa il paesino a cui mi riferivo

In foto, la protesta di Gennuso al palazzo di Giustizia di Siracusa.

de al vero, in quanto, gi in pi occasioni, non da ultimo nel Molise, il tribunale amministrativo ha disposto nuove elezioni le cui regole, con riferimento allelettorato attivo e passivo, sono gi conosciute. E comunque, listanza depositata dallAvvocatura di-

strettuale dello Stato, che difende ex lege lAssemblea Regionale Siciliana e la Presidenza della Regione, tendente ad ottenere chiarimenti da parte del Cga di Palermo, avr riscontro al massimo nellarco di una settimana. Non esiste una Legge Sicilia-

Marziano replica a Gulino Tutti diventano giuristi

SOLIDARIETA

Bisogna rispettare i criteri di applicazione della sentenza: Tony Gulino stia sereno e non abbia fretta. Il presidente della Terza commissione Attivit produttive dellAssemblea regionale siciliana, Bruno Marziano, ha risposto alle provocazioni di Tony Gulino, esponente del Pd siracusano che ha sollecitato il ritorno alle urne per le 9 sezioni di Pachino e Rosolini. Lesponente dellarea Foti e Garozzo ha dichiarato il deputato regionale, Bruno Marziano ha ritenuto di improvvisarsi giurista dopo la stessa dichiarazione fatta dal senatore Giuseppe Lumia, dicendo che se c una sentenza va rispettata. Quindi bisognerebbe votare al pi presto. Il mio messaggio a Tony Gulino di stare sereno, perch le cose non stanno propriamente in questo modo. Infatti, dopo la sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa con cui stato decretato che si dovrebbe ritornare alle urne in 9 sezioni, 6 a Pachino e 3 a Rosolini, lavvocatura dello Stato chiedendo al Cga le modalit con cui ottemperare alla sentenza ha fatto rilevare una serie di criticit, nella sentenza stessa, che la rendono di difficilissima applicazione. E le pi importanti criticit fatte emergere riguardano lelettorato attivo e quello passivo. Riguardo a quello attivo, agli elettori, non ancora stato chiarito, se mai lo sar, chi potr esercitare il diritto di voto. Se chi lo ha gi fatto nel 2012, oppure anche chi, nel frattempo, ha compiuto il 18esimo anno o ha trasferito la propria residenza cambiando sezione elettorale.

na in materia di processi amministrativi e ci chiaro a tutti, anche ai bambini, tranne a chi stamattina replica a un mio intervento sullargomento. Lo dichiara lOn. Vincenzo Vinciullo - Certo, non ho le conoscenze giuridiche dellOn. Gennuso, ma non ignoro il Codice del Processo Amministrativo. Le leggi, bene ricordare, non hanno et, come dimostra il fatto che, ancora oggi, abbiamo in vigore Regi Decreti. La Legge Regionale 29/51 ancora, con buona pace degli illustri avvocati dellOn. Gennuso, in vigore, non stata abrogata, se ne facciano una ragione di vita. E del resto stata lAvvocatura dello Stato a sollevare le difficolt e le perplessit che sono sorte nellapplicazione della sentenza, chiedendo al CGA di dirci come fare. Anche gli sprovveduti sanno che non possibile paragonare la regione Molise alla Sicilia, in quanto la Regione Siciliana una regione a statuto speciale, il cui statuto, bene ricordarlo, parte integrante della Costituzione Italiana. Sono del parere, come lOn. Gennuso, che il presidente Crocetta la causa di tutti i mali del mondo, ma cosa centra in questa vicenda se non per il fatto che il consulente del presidente Crocetta uno degli avvocati di coloro che hanno fatto ricorso? .

In foto, la conduttrice di Domenica live, Barbara DUrso.

Lindignazione corre sul web e sui giornali Reazione dei siracusani dallorgoglio ferito
Lindignazione corre sul web e dilaga nei bar
e nei crocicchi. E bastato poco per risvegliare il senso di appartenza, lorgoglio dei siracusani, trafitti nellonore per avere subito lonta del declassamento della citt loro a rango di paesino. E per un giorno e mezzo il tam tam ha sparato contro la conduttrice che non comunaque nuova a gaffe del genere. E di gaffe dobiamo parlare anche in questa circostanza. Se vero che non si riferiva a Siracusa anche vero, come ha fatto notare ieri in trasmissione il sindaco Garozo, che anche i bambini sapevano che la canzoncina cantata a Renzi era degli alunni di una scuola di Siracusa, perch il presidente del Consiglio dei ministri non stato in tour per la provincia ma venuto solo nel capoluogo. Ma facciamo un passo indietro e vediamo che cosa succeso non appena scattata la sigla finale della trasmissione di domenica scorsa, anzi, anche prima. Il sindaco Garozzo ha affidato ad una nota diffusa dallAnsa la sua replica e la sua indignazione. Mi viene davvero assai difficile anche solo immaginare come si possa seriamente rispondere a chi ha definito Siracusa un paesino della Sicilia, un centro dimenticato del Sud Italia, talmente abnorme la portata di questa affermazione. Sono davvero indignato e lunica cosa che penso che la signora DUrso debba chiedere pubblicamente scusa a Siracusa ed ai siracusani. Siracusa, sia detto per inciso, la quarta citt darte dItalia dopo Roma, Venezia e Firenze per beni culturali presenti sul proprio territorio ha aggiunto Garozzo E per sapere questo, ed evitare soprattutto una cosi clamorosa gaffe davanti a milioni di telespettatori cosa che ne ha ampliato la portata, non serviva consultare chiss quali polverosi volumi ma bastava dare una sbirciatina a wikipedia. Lamministrazione comunale invia in giornata una nota di protesta a Domenica Live ed a Mediaset ma invieremo anche una copia della nostra pubblicazione istituzionale alla stessa DUrso cos che potr verificare, anche sfogliandola appena, cosa sia in effetti questa citt. Avr pure piacere di invitare la stessa signora DUrso a Siracusa ha concluso sempre ammesso che abbia piacere di visitare un centro dimenticato del Sud Italia. Invitiamola a visitare la nostra citt. Se la conduttrice televisiva Barbara DUrso, per sua sfortuna, non ha ancora avuto modo di conoscere Siracusa, non serve lasciarsi prendere la mano ed insultarla come ha fatto il sindaco Garozzo: dobbiamo invece invitarla affinch, conoscendola ed innamorandosi della nostra citt, in futuro possa tornarci e, magari, parlarne in maniera migliore. Il parlamentare regionale siracusano Pippo Gianni

LANTEFATTO

La sentenza emessa dal giudice monocratico del tribunale di Siracusa

11 maRZO 2014 maRTED

11 maRZO 2014 maRTED

Estorceva denaro allex Donna condannata a 4 anni


reato di estorsione nei confronti di un uomo, con il quale in precedenza aveva avuto un rapporto sentimentale e al quale chiedeva dietro minacce periodicamente somme di denaro per il soddisfacimento delle proprie esigenze personali. Il giudice monocartico del tribunale di Siracusa, Giovanna Scibilia, ha inflitto la condanna a 4 anni di reclusione oltre al pagamento di 900 euro di multa, a carico di Milena Tommasello, catanese di 41 anni, che stata assistita dallavvocato Sebastiano Blamcato. Il processo scaturito a seguito della denuncia sporta dalla presunta vittima delle estorsioni, un uomo residente ad Augiusta con la quale limputata tra il 1999 ed il 2000 ha avuto un rapporto sentimentale. Terminato lidillio amoroso, tra i fdue rimasto comunque un buon rapporto. La donna, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, che hanno eseguito le imndagini, coordinate dalla Procura della

La vicenda accaduta ad Augusta dove la vittima ha denunciato di avere subito pressioni dallimputata alla quale avrebbe dato la somma di 10 mila euro
Si sarebbe resa responsabile del

Truffa e falso: reati prescritti per un ex consigliere comunale


La vicenda era legata al ricovero di un anziano presso una casa di riposo di Melilli, contestato dalla Procura di
Il
tribunale penale collegiale di Siracusa ha emesso sentenza di non doversi procedere per sopraggiunta prescrizione dei reati al processo a carico dellex consigliere comunale di Siracusa, Vincenzo Reale, accusato, in concorso con Salvatore Tarantello di 65 anni siracusano e a vari titolo dei reati di truffa ai danni del Comune di Siracusa e di falso. Alle stesse conclusioni erano arrivati il rappresentante della pubblica accusa e i legali difensori dei due imputati, avvocati Giuseppe Vaccaro e Massimo Milazzo. I fatti dei quali i due sono stati processati risalgono al 19 aprile 2006, quando Reale, in qualit di consigliere comuna-

La sentenza stata emessa dal tribunale penale di Siracusa

Augustano condannato per droga


Deteneva 250

Aggred vice sindaco Sandalo Arrestato

PALAZZOLO

Efinito in manette lautore dellaggtressione ai danni del vice sindaco di Palazzolo ACreide, Sandalo. Sono stati i carabinieri della Stazione di Palazzolo A. ad arrestare per violenza apubblico ufficiale Sebastiano Vacirca, 30enne di Palazzolo, gi noto per reati contro la persona. I militari sono intervenuti in Piazza del Popolo dove larrestato, a seguito di una discussione dovuta a futili motivi, aveva appena aggredito il vice Sindaco del Comune montano mentre era impegnato in unattivit di promozione del territorio. Proprio domenica scorsa si tenuta la sfilata dei carri di Carnevale In ragione del comportamento tenuto Vacirca stato tradotto ai domiciliari in attesa della convalida dellarresto.

In foto, il palazzo di Giustizia. Repubblica di Siracusa, la donna, ricoverata in ospedale, avrebbe contattato il 17 aprile 2009 il suo ex al quale avrebbe chiesto una piccola somma di denaro per effettuare una ricarica telefonica. Sarebbe stato linizio di una srie insistente di richieste e di pretese di soldi, che hanno costretto il malcapitato a sborsare nel giro di poco tempo qualcosa come 10 mila euro. Spesso le telefonate o

gli sms erano di minacce pi o meno velate prospettando lintervento di non meglio speficicati personaggi che avrebbero potuto mettere a repentaglio la propria incolumit personale. Stanco di subire pressanti richieste di natura economiche, luomo ha deciso di denunciare laccaduto anche perch aveva compreso che di tutto il denaro prestatole non un centesimo gli sarebbe sta-

to restituito. La donna stata condannata anche al pagamento di una provvisionale di 3 mila euro, oltre al risarcimento dei danni alla parte civile costituita con il patrocinio dellavvocato Luca Leone. Il pubblico ministero, a conclusione della sua requisitoria, aveva invocato a carico dellimputata la condanna a 4 anni di reclusione. R.L.

le, avrebbe apposto una firma falsa ad una delibera della dirigente dellassessorato comunale alle Politiche sociali con la quale veniva disposto il ricovero

In foto, plazzo Vermexio.

di un anziano presso una casa di riposo di Melilli, gestita dalla cooperativa Emmaus, con il contributo del Comune capoluogo senza averne diritto. A sol-

lecitare il ricovero dellanziano sarebbe stato il Tarantello, per un vantaggio economico ricevuto a danno del Comune di Siracusa che stato quantificato in

15 mila euro. Al processo si era costituita parte civile la cooperativa Emmaus, che si riteneva lesa da tutta la vicenda accaduta. R.L.

grammi di marijuana nascosta nel vano scala del palazzo in cui abita. La scopta da parte delle forze dellordine ha fatto scaturire il relativo processo a cariuco di un catanese residente ad Augusta, hne stato condannato a 2 mesi di reclusione e 3 mila euro di multa. La sentenza stata emessa dal giudice monocratico del tribunale di Siracusa, Giovanna Scibilia a carico di Carmelo Salvo di 32 anni, assistito dallavvocato Puccio Forestiere. Lepisodio si riferisce al 2 giugno 2010, quando nel corso di un blitz, le forze dellordine sono riuscite a recuperare e sequestrare un contenitore dentro al quale luomno custodiva la droga. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna dellimputato a 1 anno.

Tenta di aprire conto corrente utilizzando una carta didentit falsa: condannato
Avrebbe
tentato di aprire un conto corrente e di farsi, quindi, dare un carnet dassegni presentando al direttore della filiale una carta didentit falsa. La denuncia prima e la condanna poi hanno accertato che luomo si era reso responsabile del reato di falso. Il giudice monocratico del tribunale di Siracusa, a conclusione del processo, lo ha condannato a 2 anni e 4 mesi di reclusione. Protagonista della vicenda Giuseppe Bellafiore di 54 anni, difeso dallavvocato Salvatore Grande. Lepisodio oggetto della contestazione si verificato il 16 ottobre 2007 quando il Bellafiore si presentato presso lufficio del direttore della filiale dellAntonveneta di Avola, chiedendo di aprire un conto corrente e di volere canalizzare lo stipendio. Il direttore ha notato lanomalia del nella carta didentit intestata ad una persona del tutto inesistente, alla quale aveva applicato l sua foto. Non cinvinto, lo ha rimandato. Luomo si quindi rivolto poco dopo alla filiale Antonveneta di Noto, dove per, il direttore era stato avvertito di questa possibile visita dal suo collega avolese. E scattata, quindi, la denuncia e a conclusione del relativo processo, luomo stato condannato

AVOLA

Sono stati conva-

Droga Il Gip convalida

lidati gli arresti dei siracusani Francesco Cassia e del diciassettenne, arrestati la scorsa settimana perch custodivano nel garage di via Italia 103 diversi piccoli involucri contenenti trenta grammi di marijuana. Assistito dallavvocato Junio Celssti, il maggiorenne comparso dinanzi al Gip Patricia Di Marco, che ha comvalidato larresto, disponendo a suo carico la misura dellobbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

RAV4 2WD 2.0 D-4D 124CV. Prezzo promozionale chiavi in mano (esclusa I.P.T. E Contributo Pneumatici Fuori Uso, PFU, ex DM n. 82/2011 E 5,40 + IVA) con il contributo dei Concessionari Toyota aderenti all'iniziativa. Offerta valida anche senza rottamazione o permuta. La versione raffigurata del modello RAV4 puramente indicativa. Offerta valida fino al 31/01/2014. Valori massimi: consumo combinato 13.9 km/l, emissioni CO2 176 g/km

i chiude questa sera con lelezione del segretario generale, il congresso provinciale della Cgil siracusana. La giornata di ieri stata caratterizzata dalla relazione del segretario generale uscente, Paolo Zappulla, che in parte pubblichiamo qui di seguito. In questi 4 anni la situazione del territorio si profondamente modificata, la provincia si impoverita, non solo economicamente. Abbiamo la sensazione che il territorio stia arretrando anche dal punto di vista culturale e sociale, e mostri pericolosi cedimenti anche sul piano della legalit. In questi ultimi anni emerso un intreccio tra pezzi della politica e della pubblica amministrazione, il mondo dell'impresa e ambienti malavitosi e mafiosi; situazioni di illegalit che hanno portato allo scioglimento del consiglio comunale di Augusta e che hanno gettato ombre anche sull'immagine di pezzi importanti della magistratura siracusana. A rendere pi grave la situazione si sono aggiunti i recenti episodi di estorsione, che hanno interessato una importante impresa che lavora da anni con le pubbliche amministrazioni nel campo della raccolta rifiuti. In questi anni siamo stati espropriati dei centri decisionali, credo che abbiamo stabilito un record in termini di gestioni commissariali: tralasciando la Provincia, dove si alternano ormai commissari ogni 3 giorni, abbiamo fatto il pieno di commissari all'ASP, all'INDA, all'IAS, all'Autorita' Portuale di Augusta, al comune di Augusta. La Politica di questo territorio ha perso la sua capacit di proporsi come classe dirigente, abdicando al ruolo che gli elettori e il territorio ha assegnato loro. Ne uscita fortemente indebolita l'autorevolezza e la stessa credibilit dell'intera classe dirigente. Non sar un caso che Siracusa stata esclusa anche dalle zone franche urbane. Il territorio si impoverito anche dal punto di vista culturale, in quattro anni siamo passati dal rivendicare il 4 polo universitario, che l'on Prestigiacomo aveva dato per certo, alla difesa dell'autonomia del Liceo classico Gargallo dal liceo scientifico Corbino, promesso dall'Ass. Sgarlata. La vicenda si chiusa con 2 sconfitte, che danno il segno dell'abbassamento del livello del dibattito e della perdita di aspettative di questa citt, che aspetta ancora l'apertura del suo teatro comunale. Tutto questo mentre i dati economici e occupazionali del territorio sono diventati sempre pi drammatici: 160 mila persone, su un totale di 400 mila, vivono di pensione, che mediamente non supera le 700 euro. E' peggiorata la qualit della

11 maRZO 2014 maRTED

La relazione del segretario generale uscente della Cgil

Siracusa in crisi ma pu risollevarsi

vita di Quartiere

11 maRZO 2014, maRTED

Per voce di Michele Buonomo e di Sandro Di Vincenzo il comitato per Siracusa chiede che si faccia chiarezza in merito alle condizioni ed alle competenze sulla struttura del Pippo Di Natale Una schietta tradizione aretusea legata a diversi tipi di sport e di discipline agonistiche

Oggi prevista lelezione del nuovo segretario provinciale generale della Camera del Lavoro
sociali possono dialogare e confrontarsi per dare vita ad un nuovo progetto di sviluppo condiviso per la Provincia di Siracusa. Quali sono i punti di forza del nostro territorio ? Primo, Siracusa dispone di una agricoltura di qualit, con produzioni di eccellenza, e con la presenza di grandi e moderne imprese che esportano in tutta Europa. Secondo, a Siracusa c anche il pi grande petrolchimico del paese, che ancora oggi d lavoro a circa 8 mila lavoratori tra diretti e indotto, con un patrimonio di competenze e di professionalit che non ha pari nel resto del Paese. Terzo, Siracusa dispone di un patrimonio di beni archeologici, monumentali, naturalistici e paesaggistici, di inestimabile valore storico e di grande attrazione turistica che, aggiunto alle favorevoli condizioni climatiche e al fatto di essere esposta per tutta la sua estensione al mare, ne fanno una meta tra le pi ambite per il turismo estivo, culturale e non. Se il neo ministro Franceschini vuole puntare sulla bellezza e sulla storia, allora deve puntare per forza su Siracusa e il suo territorio. Agroalimentare, industria e turismo: con questi punti di forza noi pensiamo che il territorio abbia tutte le possibilit per uscire dalla crisi prima e meglio di altri. Le direttrici per il consolidamento e il rilancio dell'economia provinciale: realizzazione delle grandi opere infrastrutturali per la modernizzazione dell'area della Sicilia sud orientale, a partire dai collegamenti stradali, autostradali e ferroviari con gli aeroporti di Catania e Comiso e con il porto commerciale di Augusta. Su questo punto salutiamo come un fatto positivo la sottoscrizione dell'accordo che istituisce il Distretto del Sud Est Sicilia. Che potr costituire un proficuo strumento di lavoro per la crescita del settore turistico e agroalimentare per le province di Catania, Siracusa e Ragusa. Occorre puntare anche sul rilancio del polo industriale, attraverso due direttrici. Realizzazione di un piano di risanamento ambientale aggiornato rispetto a quello del '95 e avvio delle bonifiche nella zona industriale e nella rada di Augusta.

Sopra e a lato, le attuali condizioni del tensostatico.

Nelle foto, Paolo Zappulla.

scuola, abbiamo perso circa 2000 posti di lavoro, tra insegnanti e personale ATA, vi una forte carenza nel numero degli insegnanti di sostegno. La situazione dell'edilizia scolastica mediamente inadeguata. In questo quadro cos negativo, non ci sembrata una grande idea far visitare a Renzi una delle scuole meno disastrate. Per ottenere finanziamenti bisognava fargli visitare una scuola che stava male e non una che stava tutto sommato bene. Via via ci siamo visti cancellare gli ospedali, i treni, i servizi per gli anziani e per le fasce pi deboli della popolazione. Abbiamo un numero di senza lavoro molto pi numeroso dei circa 34 mila che risultano iscritti ai centri per l'impiego. Infatti almeno altrettanti rinunciano a iscriversi perch sfiduciati; questo fenomeno si concentra sopratuttto tra i giovani al di sotto dei 30 anni e, cosa ancora pi grave, tra le donne che restano sempre di pi ai margini del mondo del lavoro. Nel 2013 tra imprese che nascono e quelle che chiudono abbiamo un saldo decisamente negativo nei settori strategici dal punto di vista economico ed occupazionale: -154 imprese agroalimentari; -80 manifatturiere; -161 costruzioni; -180 attivit commerciali; -76 settori alloggi e ristorazione: nel frattempo solo nella citt di Siracusa sono stati eseguiti 500

sfratti, e altri 1360 sono in via di esecuzione 10500 persone vivono di disoccupazione agricola; 500 in meno rispetto al 2012 crollata la richiesta di cassa integrazione ordinaria, da 1 milione e 614 mila ore del 2012 a 426 mila ore del 2013; crolla anche la cassa in deroga, da 1 milione e 400 mila ore del 2012 a 460 mila del 2013. questi dati sono una ulteriore conferma che le imprese chiudono i battenti, che il ricorso agli ammortizzatori sociali si sta gradualmente esaurendo. Al territorio rimarranno le saracinesche abbassate e le persone senza lavoro e senza reddito. il settore a pi alta densit occupazionale, che quello del terziario, che rappresenta il 55 % del totale degli occupati, fatto di lavoratori stagionali, precari, con poche ore giornaliere di impiego e bassissima retribuzione, che spesso non supera le 500 euro mensili. A queste situazioni, per lo pi note, si aggiunta l'emergenza immigrazione che in 10 mesi ha portato circa 18.000 persone, di cui 1500 minori non accompagnati, sulle banchine del porto di SR prima e di Augusta dopo. n una fase in cui sono venute meno le sedi istituzionali di confronto, il Tavolo del Lavoro ha rappresentato e pu ancora rappresentare il luogo in cui le forze produttive e

l Comitato per Siracusa chiede di fare luce sulle condizioni e sulle competenze del pallone tensostatico della Cittadella dello Sport. . In tal senso Michele Buonomo, Coordinatore dello stesso Comitato per Siracusa, osserva quanto segue. E a tutti nota, in questa citta, la difficolta della gestione sull impiantistica sportiva pubblica Cittadella dello Sport e Campo Scuola Pippo Di Natale, oltre allo stadio Nicola De Simone, vivono di affidamenti a societa sportive, consorzi, o sono in attesa di sviluppi al vaglio dellAmministrazione. Unimportantissima realta passa pero da tempo inosservata, o forse sembrerebbe essere stata accantonata data lesistenza della Palestra Acradina. Parliamo del Pallone Tensostatico

Neapolis: Fare luce sul caso del tensostatico


frapposto nellarea tra PalaLoBello e Istituto Comprensivo Karol Woytila di via Tucidide. Con piu precisione la storica struttura tensostatica ricade allinterno dello spazio delimitato dalla scuola. A tornare sulla vicenda e il Comitato Per Siracusa evidenziando lo stato di pietoso abbandono del tensostatico, sempre piu sottoposto al vandalismo e alle intemperie atmosferiche. A prendere parola e anche il Responsabile Settore Sport del Comitato Sandro Di Vincenzo : Piange davvero il cuore rileva lex bandiera della storica Ortigia di pallamano- vedere una struttura che ha vissuto sudore e fatiche della storia sportiva della citta versare in queste condizioni. Chiaro che il pallone tensostatico ha per decenni tamponato la lunghissima tempistica del completamento del Palazzetto dello Sport. Negli anni scorsi ha pero continuato ad essere utilizzato e crediamo non sia opportuno abbandonarlo al proprio destino. Questo e stato - le conclusioni di Sandro Di Vincenzo - il tempio delle gesta dellOrtigia di pallamano. Nel giugno 2017 ricade il trentesimo anniversario del primo storico scudetto conquistato dalla societa bianco verde. Il nostro desiderio e la riabilitazione della struttura , sicuramente in vista di un momento rievocativo di quellimpresa , ma ancora prima per renderla costantemente disponibile a societa sportive, scuole e associazioni cittadine. Della stessa linea di pensiero anche Michele Buonomo, coordinatore del Comitato Per Siracusa. Abbiamo inviato - commenta Buonomo - a Sindaco e Assessore allo Sport una semplice richiesta : poter fare luce sulle competenze e sulle prospettive del pallone tensostatico. Struttura da mettere a disposizione di giovani e piccole societa sportive. Nel contempo e stata espressa la proposta di studiare, insieme alla stessa Amministrazione, un percorso che nel giugno del 2017 quindi con tempi ragionevoli, possa portare in citta , a distanza di trentanni, le vecchie glorie protagoniste di quello storico primo dei tre scudetti. Il sogno e di festeggiarlo proprio dentro il tensostatico. Cos si esprime il Comitato per Siracusa chiede di fare luce sulle condizioni e sulle competenze del pallone tensostatico della Cittadello dello Sport.

l principale impianto sportivo di Siracusa il centro polivalente situato in zona Tisia. Attorno alla struttura portante del palasport Concetto Lo Bello, vi sono situati diversi impianti sportivi destinati a svariate attivit: una piscina, un campo da basket e pallamano, una pista per il pattinaggio di velocit e un campo da tennis. Un po' pi lontano sorge il campo scuola Pippo Di Natale, struttura adibita all'atletica. Lo stadio "Nicola De Simone" invece il principale impianto calcistico della citt. Altri impianti sportivi sono: Il centro sportivo Erg; il centro sportivo Fortuna; il campo sportivo Franco Bianchino; centro sportivo Pantanelli; il polivalente Giorgio Di Bari. La citt dispone inoltre di un circuito adibito all'automobilismo e al motociclismo. Localizzato a sud di Siracusa in passato ha ospitato anche gare di Formula Uno. Sono attualmente in corso i lavori per renderlo nuovamente operativo ed aperto al pubblico. Essendo l'ippica una disciplina molto praticata sul territorio siracusano, stato costruito nei pressi di Cassibile un ippodromo dove si svolgono regolarmente corse di cavalli sia a livello nazionale che internazionale. Siracusa stessa, del resto, ha una propria tradizione legata a diversi tipi di sport. Tra gli avvenimenti sportivi pi importanti avvenuti in citt da annoverare il passaggio della torcia olimpica diretta nella capitale d'Italia durante le Olimpiadi di Roma nel 1960; Il 18 agosto di quell'anno la nave scuola Amerigo Vespucci giunse a Siracusa, arrivava dalla Grecia, da dove aveva prelevato il fuoco olimpico, fece tappa nei pressi della Fonte Aretusa, qui, dopo la cerimonia d'arrivo, venne consegnata la fiaccola olimpica al primo tedoforo italiano, che fu il siracusano Concetto Lo Bello, il quale apr la staffetta che dalla Sicilia sarebbe giunta fino a Roma.

10

11 maRZO 2014, maRTED

S. Lucia: La fauna propria degli Iblei


Sopra, esemplare maschio di Tarabusino. n agenda per la data di domani, mercoled 12 marzo 2014, dietro iniziative dellassociazione Natura Sicula, l'incontro dal titolo la fauna vertebrata degli Iblei; conferenza in agenda per le 18:30 presso la sede della stessa associazione Natura Sicula presso la sede di Siracusa, p.zza S. Lucia 24/BC. Relatore Fabio Morreale. Si parler di anfibi, uccelli, mammiferi e rettili che riescono a vivere malgrado le alterazioni agli ecosistemi causate dalluomo. I Monti Iblei sono un altopiano collinare localizzato nella parte sud-orientale della Sicilia, compresa tra

Incontro in agenda per la data di domani alle 18,30 in piazza Santa Lucia

le province di Ragusa, Siracusa e Catania. Monte Lauro la cima pi alta, con un'altezza di 1010 metri sul livello medio marino stando alla recente misurazione effettuata dal Club Alpino Italiano. Altre cime della catena sono Monte Casale (910 m) e Monte Arcibessi (906 m). Il complesso montuoso dei M. Iblei costituito da un massiccio calcareo-marnoso bianco conchiglifero del Miocene (Plateau degli Iblei) in cui, nonostante il sollevamento tettonico che lo ha portato in emersione, gli strati rocciosi si sono mantenuti orizzontali. L'altopiano stato

inciso da numerosi fiumi e torrenti che hanno scavato profonde forre e gole a volte con andamento meandriforme. Antiche condotte freatiche fossili ed antri evidenziano la maturit del fenomeno carsico profondo dell'area. Nelle zone costiere, nei pressi del mare, si trova una roccia sedimentaria pi recente (Pleistocene), una arenaria calcarea che nel sud-est della Sicilia viene denominata "giuggiulena" ("semi di sesamo" in lingua siciliana), perch facile si sgretoli in granuli di dimensioni simili al sesamo. La stessa roccia altrove in Sicilia chiamata

"tufo". Alcune estese aree dei Monti Iblei presentano rocce di origine vulcanica. Si tratta di basalti a cuscino, lave a "pillow", risultato di espandimenti lavici sottomarini del Miocene. Affiorano nei pressi di Monte Lauro, e soprattutto nella porzione settentrionale dell'altopiano ibleo. Il nome Iblei si fa risalire al leggendario re siculo Hyblon che regnava in questi luoghi e che concesse una porzione di territorio costiero ai primi coloni greci per erigere Megara Iblea. La fauna selvatica di questi luoghi non viene di solito, presa molto in considerazione. Nelle nostre scuole se ne parla ben poco e anche chi si occupa di narrare le bellezze dei luoghi molte volte la considera ben poco. Il territorio di natura molto varia , nasconde delle notevoli attrattive . Se si ha un po' di pazienza e di fortuna, verso le ore crepuscolari , si pu incontrare la volpe in visita a qualche casolare di campagna in cerca di cibo e acqua (fenomeno di urbanizzazione della fauna selvatica ). Andando in giro nelle ore propizie facile incontrare esemplari di ricci, tartarughe, lepri e numerose specie di uccelli. In un tempo non tanto lontano la cava era la sede di numerose coppie di Corvi Reali, ora la specie si attesta a una o due coppie. Non di rado capita di imbattersi in esemplari di uccelli non stanziali per il nostro territorio, questi , a causa del cambiamento che ha subito la fascia costiera seguono altre rotte per raggiungere il posto in cui nidificare o svernare.

enerd 14 marzo alle 18,00, dietro iniziativa dellAssociazione culturale Italotedesca di Siracusa, presso l'aula magna dell'Istituto Alessandro Rizza, il Prof. Domenico Ligresti, ordinario di storia moderna presso il Dipartimento di Studi Politici dell'Universit di Catania, presenter la sua ultima pubblicazione Le armi dei Siciliani. Cavalleria, guerra e moneta nella Sicilia spagnola (secoli XV-XVII), edizione Mediterranea. Al termine della conferenza, per gli amici, che vorranno parteciparvi, prevista una riunione conviviale con il Relatore presso il ristorante Il Porto Grande, sito in via dei Mille n. 37/41. Il vice-regno spagnolo in Sicilia inizi il 23 gennaio 1516, con l'ascesa al trono di Spagna di Carlo V, e si concluse il 10 giugno 1713, con la firma della pace di Utrecht, che sanc il passaggio dell'isola da Filippo V a Vittorio Amedeo II di Savoia. La dominazione catalana (nominalmente aragonese) della dinastia Trastmara si concluse (formalmente, perch la Sicilia pass sotto la diretta dominazione castigliano, nominalmente spagnola) il 23 gennaio 1516, con la morte del re Ferdinando II di Aragona. La Sicilia e il regno di Napoli furono incorporati nella corona di Castiglia ereditata dal giovane nipote Carlo V d'Asburgo. Dal punto di vista culturale e politico non vi fu una profonda cesura con il precedente periodo del dominio catalano-aragonese. Dal punto di vista dinastico, dal 1516 in poi la Sicilia e l'Italia meridionale furono cos rette dalla dinastia degli Asburgo. I due regni furono realmente amministrati da distinti vicer con sede a Napoli e Palermo. Tra i vicer di Sicilia durante il XVI ed il XVII secolo troviamo personalit importanti come Ferrante I Gonzaga, Juan de Vega, Juan de la Cerda, Emanuele Filiberto di Savoia. Dall'imperatore Carlo, i regni dell'Italia meridionale furono ceduti al figlio Filippo nel 1556, due anni prima della propria morte. Successivamente, la Sicilia appartenne al regno di Filippo III (1598-1621), Filippo IV (1621-1665) e Carlo II (1665-1700). Uno degli elementi costanti durante questo periodo della storia siciliana fu il latente o palese stato di guerra contro i turchi e la necessit di difesa dalle incursioni dei corsari barbareschi con base nei porti del Nord Africa. Il governo spagnolo spese molte energie nel rafforzare le difese dei porti e delle coste, riconoscendo alla Sicilia il ruolo fondamentale di baluardo strategico nel Mediterraneo. I ceti cittadini avevano avuto un forte progresso tra XV e XVI secolo, rinnovando la struttura sociale urbana anche con una classe di funzionari, commercianti e professionisti (giurisperiti, medici, ingegneri, contabili, artisti, ecc.) che si affianc alla nobilt, ampliando le citt e costruendo palazzi e cappelle gentilizie. Si assistette ad un processo di formazione di un sottoproletariato urbano che caus la forte crescita della popolazione delle grandi citt, mentre quella rurale diminuiva in proporzione. La struttura sociale rimase feudale, ma i baroni siciliani erano di fatto esautorati dal potere politico (l'ultima importante congiura di cui furono protagonisti fu quella del 1516-1517, nel momento delicato della successione tra il Cattolico e Carlo V). Il sistema feudale nel suo complesso era tra i pi fragili d'Europa, essendo gi da tempo scomparsa la servit della gleba, e sino alla fine del XVI secolo erano pochissimi i feudi abitati in cui il signore avesse ottenuto dal re il diritto di esercitare la giustizia finale. Salvatore Rizza

Citt: Il 14 conferenza sulla Sicilia det spagnola

Che non avremmo avuto licenza di parlare alla riunione con il Premier spiega il presidente dellunione consumatori Luigi Giarratana Lo pensavamo.

11 maRZO 2014, maRTED

11

UNC: Le cose che avremmo voluto dire a Matteo Renzi


al Presidente dellUnione nazionale Consumatori di Siracusa, Luigi Giarratana, riceviamo e pubblichiamo quanto segue. Che non avremmo avuto licenza di parlare alla riunione con il Presidente del Consiglio dei Ministri Renzi , lo pensavamo. La Camera di Commercio, tutti ha scelto; rappresentanti dei Sindacati, rappresentanti delle cooperative, ma i Consumatori no! Chi sono questi difensori dei Consumatori; degli utenti. Ma certo, loro devono pagare e basta. I consumi sono bassi, le cause civili durano anni . E chi ci pensa? Il Presidente dell Unione Nazionale Consumatori di Siracusa Luigi Giarratana, no (anche se l Unc dentro il Consiglio Camerale in rappresentanza di tutte le Associazioni Consumatori della Provincia di Siracusa). Ma noi, appena eletto Renzi abbiamo: mandato una email dettagliata di ci che necessario per gli utenti, ed in sintesi anche via twitter. Infine ne abbiamo consegnata una copia durante l appuntamento al Vermexio, al Sottosegretario Del Rio per Renzi. Non

si richiedono nuove risorse economiche da parte dello Stato. Principalmente: lobbiettivo della Conciliazione per tutti i servizi al cittadino, sia da parte degli Enti privati che pubblici. Iniziare facendo poche cose per creare fiducia nel Consumatore, facendogli capire che lo Stato pensa pure a lui. Alleghiamo di seguito la copia dell email inviata al premier il 24/ febbraio scorso che recita: Signor Presidente, da persona anziana (85 anni) e dalla lunga esperienza nel sociale da Presidente Provinciale dell Unione Nazionale Consumatori di Siracusa, nonch prima da Presidente Provinciale delle Acli, mi permetto di darle dei piccoli consigli terra terraper venire incontro alla gente. Oggi l utente non ha fiducia nei politici e quindi nelle Pubbliche Amministrazioni a tutti i livelli, perch non si sente tutelato, cosa che fa venir meno la speranza in un miglioramento della Societ. Quindi bisogna aumentare le strutture di tutela per poter fare nascere un minimo di speranza. Io ritengo che questo pu realizzarsi

con poche risorse, se non addirittura con un migliore utilizzo delle attualissime risorse utilizzate. Per esempio: la realizzazione della conciliazione per legge obbligatoria prima di ogni azione legale, come per la telefonia. Applicarla ad ogni Ente o Societ pubblica o privata che presta un servizio. Cos facendo si evitano lunghe azioni legali, costose e spesso impossibili per il cittadino. Oggi, poche conciliazioni, vengono svolte gratuitamente dalle

Associazioni dei Consumatori ai propri soci. Tali Associazioni potrebbero svolgere azioni di tutela ai cittadini con la creazione di Sportelli anche nel settore turistico. Potrebbero altres creare insieme ad Enti pubblici ( Camere di Commercio, Comuni ecc..) dei marchi di qualit, a garanzia di ci che il cittadino consuma; potrebbero fare un azione calmieratrice dei prezzi con progetti ad hoc. Penso non sfugga, altres, il valore , anche sul piano dello sviluppo turistico. Queste azioni, affidate alle Associazioni dei Consumatori, alle quali ancora i cittadini prestano fiducia, creerebbe speranza, ridurrebbe le spese che Stato e cittadini sprecano in lunghe cause, ridurrebbero la conflittualit sociale favorendo i Cittadini e, creando fiducia, aumenterebbero i consumi ; facendogli spendere meglio quelle poche risorse che il consumatore ha ancora nelle sue disponibilit. Col Marchio valorizzerebbe la qualit del prodotto locale e dei nostri servizi. Con una eventuale riconferma dei vecchi Comitati Provinciali Prezzi, si potrebbe riequilibrare il costo della vita, in questo caso favorendo anche il turismo. Poche cose: Obbligatoriet della Conciliazione, affidata alle Associazioni dei Consumatori (nessuna risorsa). Precedenza nellapprovazione dei progetti di Servizio Civile presentati dalle Associazioni dei Consumatori per le questioni predette (risorse gi esistenti). Formazione preferenziale delle figure professionali utili al caso attraverso gli Enti di formazione professionale finanziati dallo Stato ( risorse gi esistenti). Contributi dello Stato o delle Regioni alle Associazioni dei Consumatori per creare o potenziare sportelli necessari. ( se ne spendono molti inutilmente).Questo si pu fare presto e senza spreco di ulteriori risorse. Grazie del sicuro ascolto; gradirei cortese risposta. N.B. : Molti mi hanno detto che il mio tutto tempo inutile perch i politici non ascoltano la povera gente. Io ho risposto che ho la speranza che lei sentir la voce dei Consumatori. La prego, non mi tolga anche questa speranza! Cos si esprime il Presidente dellUnione nazionale Consumatori di Siracusa, Luigi Giarratana.

Merkel, la linea del dialogo Napoli, consigliere Pdl arrestato adesso segna il passo per voto di scambio Naufragato il piano per convincere
il Cremlino a frenare
Ieri sera hanno inaugurato insieme la fiera-monstre della tecnologia a Hannover, il Cebit, con paroloni sulle sfide del millennio, ma per Angela Merkel e David Cameron stata lennesima giornata frustrante della crisi pi novecentesca del nuovo secolo, quella ucraina. Ieri mattina, in una telefonata con Vladimir Putin, lennesima, la cancelliera ha definito illegale il referendum in Crimea previsto per domenica prossima e ha ricordato al presidente russo che il voto del 16 marzo contrario alla Costituzione ucraina e al diritto internazionale, secondo quanto riferito dal suo portavoce, Steffen Seibert. Merkel ha espresso anche rammarico per la mancanza di progressi nel tentativo di costruire un gruppo di contatto, molto caldeggiato da Berlino. Ma Putin le ha replicato chiaro tondo che il referendum legittimo e che i passi presi dalle autorit della Crimea sono basati sul diritto internazionale e mirano a proteggere i legittimi interessi della popolazione in Crimea. La telefonata, secondo indiscrezioni, sarebbe avvenuta a fianco di Cameron e nel pomeriggio il Cremlino e Downing Street hanno confermato anche un dialogo tra Putin e il premier britannico. Al di l degli impegni per trovare una soluzione diplomatica che secondo gli inglesi sarebbero stati espressi anche da Mosca, la situazione rimane tesissima. E

12

10 MARZO 2014, MARTED

Gressoney, bimba di 3 anni Aereo sparito, le ricerche continuano travolta e uccisa sulle piste
mentita la notizia del ritrovamento di alcuni frammenti del Boeing 777.

10 MARZO 2014, maRTED

13

arriva dopo una settimana in cui la Germania riuscita sia a frenare i falchi che volevano sanzioni pi dure in Europa sia ad ammansire gli americani. Tuttavia, se da qui a domenica prossima e al fatidico appuntamento con il referendum non arriveranno segnali di distensione da Mosca, per Berlino e la sua linea del dialogo a oltranza, rischia di essere una settimana pesantissima. Ieri si sono sentiti di nuovo al telefono anche i capi delle due diplomazie, FrankWalter Steinmeier e Sergej Lavrov. Ma secondo ricostruzioni varie, i rapporti sono al minimo storico. Il faccia a faccia dellinizio della scorsa settimana stato il pi disastroso da quando si conoscono, oltre dieci anni. A fronte dei tentativi di Berlino di limitare al massimo le incursioni

Esplosione in un palazzo in periferia: bimbo estratto vivo dalle macerie


Nessun morto, alcuni feriti sono stati portati in ospedale. Una trentina di alloggi evacuati
sicate per il fumo e un uomo, che ha riportato lievi ustioni, stato portato al Cto di Torino. Un centinaio gli evacuati. Sono in tutto 36 gli alloggi evacuati. Lesplosione sarebbe avvenuta in un appartamento dove vive una persona anziana. Sul posto stanno lavorando i vigili del fuoco, la protezione civile e la polizia, con gli uomini della scientifica che cercheranno di capire cosa ha provocato lesplosione e lincendio. Stiamo cercando di capire quali sono le cause - ha detto il presidente della Atc Elvi Rossi giunto sul posto: la caldaia murale intatta e la persona anziana che viveva al secondo piano, quello dove si originato lo scoppio, non aveva bombole. Pare, almeno. Dobbiamo capire cosa abbia originato la fuga di gas. A volte ci sono persone che cos si tolgono la vita. Qui vietato usare bombole perch c il metano. Lobiettivo primario - ha concluso - la messa in sicurezza. Il secondo rendere agibili gli alloggi per garantire a brevissimo a tutti di poter entrare. Invece negli alloggi colpiti dalla deflagrazione non rientreranno subito. Alle 9.30 arrivato il sindaco di Torino Piero Fassino. La priorit - ha detto - pensare di trovare una sistemazione per tutti gi oggi e poi provvedere al ripristino nel minor tempo possibile.

degli americani nella delicatissima trattativa, il tedesco sperava in un cenno da parte di Mosca in direzione di una de-escalation. Che non mai arrivato, n la sera della cena a Ginevra, n nei giorni successivi. Anzi, la tensione sta crescendo. In sostanza, dopo aver annunciato nei mesi scorsi al mondo un cambio di passo nella politica internazionale, la Germania ha trovato subito un banco di prova terrificante: la pi grave crisi europea dalla caduta del Muro di Berlino, come lha definita Steinmeier. E gli occhi di tutto il mondo sono puntati sulla Merkel e su di lui, per sbrogliare la matassa ucraina. I prossimi giorni, saranno cruciali. Non solo per lUcraina, anche per la nuova Berlino.

Il consigliere comunale di Napoli, Gennaro Castiello, del Popolo delle Libert, e il consigliere municipale, Mario Maggio, sono tra i destinatari delle ordinanze agli arresti domiciliari eseguite dai carabinieri nellambito dellinchiesta sul voto di scambio nel 2013. Castiello stato candidato alla Camera dei Deputati nella lista del Mir di Samor anche non se fu eletto e avrebbe in quella veste compiuto il reato del quale oggi accusato. Oltre a Castiello e Maggio, le altre due persone che si trovano agli arresti domiciliari nellambito dellinchiesta sul voto di scambio sono Domenico De Santis e Ciro Manna. Dalle indagini emerso che Castiello, candidato al Parlamento per il Mir, metteva a disposizione degli altri tre indagati somme di denaro affinch fossero distribuite tra le persone disposte a votarlo. Agli atti dellinchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso DAvino e dal sostituto Giancarlo Novelli, ci sono in particolare intercettazioni telefoniche e ambientali. Maggio, De Santis e Manna avevano a disposizione e promettevano, dal canto loro, denaro ma anche futuri favori, a chi era disponibile a votare secondo la loro indicazione nel turno elettorale delle politiche dl 24 e 25 febbraio di un anno fa.

Identificato uno dei passeggeri sospetti


Aereo sparito, le ricerche continuano Identificato uno dei passeggeri sospetti Smentita la notizia del ritrovamento di alcuni frammenti del Boeing 777. Si stringe il cerchio intorno alle persone salite a bordo con passaporto rubato La Malaysia ha identificato uno dei due uomini saliti a bordo del volo scomparso della Malaysia Airlines con un passaporto rubato. Lo ha reso noto il capo della polizia del Paese. Lunico altro indizio che il capo della polizia, Khalid Abu Bakar, ha rivelato che si tratta di un cittadino che non era malese. Le autorit sono state in grado di identificarlo grazie le telecamere di videosorveglianza dellaeroporto. Questo tutto quel che possiamo rivelare, ha aggiunto. Stiamo ancora cercando di accertare se (i due sospettati di aver utilizzato false identit) fossero entrati legalmente o illegalmente. La scomparsa dellaereo di linea delle Malaysia Airlines un mistero senza precedenti nella storia dellaviazione ha spiegato il capo della authority dellaviazione civile malese ha confermato la mancanza assoluta al momento di tracce del relitto del Boeing 777 sparito nella notte tra venerd e sabato scorso. A ormai quasi tre giorni dal decollo del velivolo, purtroppo non abbiamo trovato nulla che possa sembrare un oggetto che gli appartenesse, figuriamoci laereo, ha detto nel corso di una conferenza stampa, Azharuddin Abdul Rahman, responsabile dellauthority malese. In particolare Azharuddin ha smentito le informazioni arrivate nella serata di domenica dal Vietnam secondo cui un aereo locale aveva avvistato a 93 chilometri dallisola vietnamita di Tho Chu quelli che sembravano i frammenti di una coda e di un porta interna dellaereo. Azharuddin ha aggiunto che un dirottamento o un attentato terroristico non possono essere esclusi e che comunque gli inquirenti esplorano tutte le teorie possibili; e inoltre che varie tracce oleose raccolte in mare sono state inviate in laboratorio per verificare se possano appartenere al Boeing 777 sparito mentre era in rotta tra Kuala Lumpur e Pechino. Per quanto riguarda alcune persone salite a bordo con

Alba di paura luned a Torino per uno scoppio, dovuto a una fuga di gas, in una palazzina alla periferia del capoluogo piemontese, in via della Verna al 20. La palazzina, cos come altri due edifici attigui, sono stati evacuati per precauzione. Sul posto sono intervenuti 118, Vigili del fuoco e carabinieri. Sarebbero complessivamente 13 le persone rimaste ferite, in particolare una donna e due ragazzini di 10 e 14 anni; un altro bambino, che era dato per disperso, stato estratto poi dalle macerie e portato allospedale Regina Margherita con un trauma cranico. Altre persone sono state lievemente intos-

NellIran di Hassan Rohani raccogliere denaro sul Web pu servire a salvare la vita ad un condannato a morte. Nella nazione che ha eletto Rohani presidente le esecuzioni continuano ad essere numerose - fra 500 e 625 nel 2013, il secondo dato pi alto in assoluto dopo la Cina - ma gli oppositori per la prima volta si organizzano, sfruttando la legge islamica che prevede la scarcerazione del condannato se la famiglia della vittima riceve un adeguato risarcimento per la perdita subita.

Iran, sui social network le collette per salvare i condannati a morte


Questo hanno fatto un gruppo di studenti riuniti nella Societ popolare intitolata allImam Al, debuttando con una raccolta che ha fruttato quasi 50mila dollari per ottenere la liberazione di Safar Anghouti, 24 anni, responsabile di omicidio. La sovrapposizione fra la mobilitazione via Internet e le donazioni dei singoli cittadini ha dato vita ad una tipologia nuova di crowdfinding, il cui successo lascia ora intendere che qualcosa si sta muovendo nella societ iraniana con-

documenti contraffatti nessun controllo stato effettuato sui passaporti rubati allitaliano Luigi Maraldi e allaustriaco Christian Kozel, dal momento della denuncia del loro furto e del loro inserimento nel database dellInterpol al momento in cui decollato il volo della Malaysia Airlines scomparso ieri. Lo riferisce la stessa Interpol in un comunicato Anche se troppo presto per speculare su un possibile collegamento tra i passaporti rubati e laereo scomparso, molto preoccupante che dei passeggeri siano stati in grado di imbarcarsi su un volo internazionale con un passaporto rubato e registrato nella banca dati dellInterpol, ha detto il segretario generale dellorganizzazione, Ronal Noble.

Una bimba di 3 anni morta dopo essere stata travolta da uno sciatore sulle piste di Gressoney-St-Jean, in Valle dAosta. La bambina, di Milano, stava scendendo con un gruppo di otto coetanei insieme a un maestro quando uno sciatore, un ragazzo di 16 anni di Chieri (Torino) la cui famiglia frequenta Gressoney da 40 anni, li ha centrati in pieno sulla pista blu Weissmatten, la celebre Leo David intitolata al campione gressonaro scomparso. Lincidente accaduto allaltezza della stazione intermedia della seggiovia, secondo i primi accertamenti il gruppi di bimbi e il maestro erano lungo una stradina dietro un dosso segnalato da un cartello che invita gli sciatori a rallentare. stato in quel punto che i bimbi sono stati travolti. Il ragazzo di Chieri stava scendendo con un amico - questultimo riuscito per a evitare il gruppo - e sul dosso ha fatto un salto finendo

addosso alla bimba colpendola su un fianco. In un primo momento, secondo quanto ha raccontato il maestro di sci, era cosciente, poi svenuta e non si pi ripresa. stata subito soccorsa dai pisteurs e anche da due medici, un rianimatore e un ortopedico, che stavano sciando nella zona, poi intervenuto da Aosta il personale del Soccorso alpino con lelicottero e lquipe medica. I sanitari hanno rianimato a lungo la bimba anche in ospedale, ma stato tutti inutile. La piccola, arrivata alle 13 in Pronto soccorso, morta alle 15,40 per le conseguenze dei traumi da impatto riportati nel violentissimo scontro sugli sci e nonostante la lunga rianimazione cardiopolmonare. Sul posto ora sono al lavoro gli agenti della Forestale di Gaby per ricostruire la dinamica dellincidente e ascoltare le testimonianze delle persone presenti al momento dello scontro.

tro lapplicazione massiccia della pena di morte. Un ulteriore elemento di novit da Teheran arriva con il pronunciamento proprio di Rohani contro la recente chiusura di due giornali riformatori: Aseman e Bahar. Le autorit giudiziarie della Repubblica Islamica avevano disposto la fine della pubblicazione a causa di alcuni articoli giudicati in contrasto con i principi islamici ma Rohani, con un discorso trasmesso in diretta da radio e tv, ha parlato di

decisioni errate. Chiudere un giornale deve essere lultima decisione possibile, non la prima ha detto Rohani, chiedendosi perch alcuni mez-

zi di informazione sono del tutto liberi mentre altri non possono esserlo. E in particolare Rohani ha lamentato il fatto che ad essere del tutto liberi sono

coloro che mi criticano mentre a trovare ostacoli chi mi sostiene. Ovvero, i giornali riformatori sono stati puniti da chi si oppone al presidente.

Allestita presso la galleria Roma di piazza San Giuseppe in onore del Gentil sesso rester aperta al pubblico e visitabile dagli interessati fino al prossimo 21 marzo

14

11 maRZO 2014, maRTED

Ortigia: Un rassegna espositiva dedicata alluniverso donna

Riceviamo

e pubblichiamo quanto segue. L'8 marzo, giornata delle donne, ma anche degli uomini essendo un connubio inscindibile per ovvi motivi. La ricorrenza ricorda un'assurda tragedia americana avvenuta a New York il 25 marzo 1911. Ancora oggi considerato il pi grave incedente industriale della storia di New York, per i morti che provoc 146 (123 donne e 23 uomini). Per l'occasione la Galleria Roma ha inaugurato nei propri locali espositivi di Piazza San Giuseppe 2, una collettiva d'arte intitolata Donna, curata da Laura Alessi, persona molto sensibile e ben conosciuta per la sua passione alla pittura

G.d.F: Bando di concorso per gli allievi marescialli


uardia di Finanza: pubblicato il bando di concorso, per titoli ed esami, per larruolamento di 237 allievi marescialli presso la scuola ispettori e sovrintendenti dellAquila. Infatti sulla Gazzetta Ufficiale - IV Serie Speciale n. 14 del 18 febbraio 2014 - stato pubblicato il bando di concorso per lammissione di 237 Allievi Marescialli all86 corso - Anno Accademico 2014-2015 - della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza. Al concorso possono partecipare i cittadini italiani che abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, et non inferiore ad anni 18 e non superiore ad anni 26; siano in possesso del diploma di istruzione di secondo grado che consenta liscrizione ai corsi di laurea previsti dal decreto ministeriale 16 marzo 2007 o, non essendo in possesso del citato diploma alla data di scadenza per la presentazione

e per aver organizzato numerose mostre sia in ambito locale che regionale. In questa performance la Alessi riuscita a mettere insieme ben 33 artisti provenienti dalla provincia aretusea allestendo due mostre. Quella inaugurata l' 8 marzo si chiuder il 14. A presentare l'evento stata chiamata Adriana Falcone, giovane critico d'arte di spiccata sensibilit e competenza la quale si soffermata sul valore delle donne che hanno scritto pagine di storia come Rita Levi Moltalcino, Madre Teresa di Calcutta, Maria Montessori ed altre. Inoltre ha evidenziato la peculiarit artistica dei partecipanti che hanno ben saputo cogliere nel

simbolo femminile il senso di assoluta rappresentativit di bellezza che dagli occhi arriva direttamente al cuore del visitatore per il senso di pace e di armonia che ogni figura riesce a trasmettere: La vanit femminile, la sua fragilit, l'amore per i propri figli, il profumo dei fiori, la carezza di un compagno, la ballerina che sembra lievitare nel vuoto, le nudit femminili, lo sguardo accattivante, visi gioiosi e pensierosi, un raggio di luce per la vita, quelle sculture tanto armoniose quanto romantiche sono il completamento di uno sforzo che la brava Laura Alessi riuscita a realizzare nello spazio espositivo di piazza

della domanda, lo conseguano entro lanno scolastico 2013/2014. La domanda di partecipazione va compilata esclusivamente mediante la procedura informatica disponibile sul sito www.gdf.gov.it - area Concorsi Online - entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale, con scadenza 20 marzo 2014. Sul sito internet possibile acquisire ulteriori e pi complete informazioni di dettaglio sui concorsi. Il Corpo della Guardia di Finanza una delle cinque forze di polizia italiane, avente per ordinamento militare, dipendente direttamente dal Ministro dell'Economia e delle Finanze. Data la sua doppia identit quale forza di polizia e corpo militare dello Stato, il corpo ha la particolarit di essere parte integrante delle forze armate italiane, pur non essendo inquadrato logisticamente nel Ministero della Difesa.

San Giuseppe n.2. Un intermezzo musicale molto apprezzato eseguito al pianoforte da Stefania Aglieco che ha accompagnato Cristine Giusto nelle due esibizioni di danze hawaiane e tahitiane. Una piacevole sorpresa stata la poesia scritta e recitata da Giorgia Bottaro di anni otto dedicata alla donna, donna/ madre e amica coraggiosa che risolve ogni cosa... Questa esibizione ha contribuito notevolmente a creare un'atmosfera di serenit accompagnata da un lancio di palloncini gialli fatti librare simbolicamente in cielo portando con s un ramoscello di mimosa come messaggio di pace nel mondo. Il vice presidente della Galleria Enzo Monica ha portato i saluti dell'associazione Nuova Galleria Roma e annunciato i prossimi programmi gi in calendario. Laura Alessi, instancabile animatrice, ha coordinato la scaletta degli interventi e letto una sua poesia sulle donne parlando anche degli uomini che sono l'altro ingranaggio della vita. Subito dopo e prima di rompere le righe, ha ringraziato quanti hanno contribuito al successo della serata un pubblico attento e numeroso al quale stato offerto un assaggio di prelibatezze artigianali e casarecce preparate da tutti gli espositori. La seconda parte della mostra sar visitabile dal 15 al 21 marzo prossimo. Questi i nomi degli artisti partecipanti alla collettiva d'arte dedicata alla Donna : Santina Laura Alessi, Maria Teresa Asaro, Stefania Barbagallo, Danila Bazzano, Silvana Belfiore, Zelinda Borella, Flavia Bravetti, Adele Caruso, Marika Cassone, Paolo Cucurullo, Antonio Ciaffaglione, Marco Ciaffaglione, Margherita Dav, Francesca Floridia, Sebastiano Garofalo,Vincenzo Grancagnolo, Rosario Greco, Rita Guastella, Monica Italia, Federica Livia, Carmen Monaco, Cetty Midolo, Giusy Musso, Armando Nigro, Vincenzo Nitto, Silvia Orecchia, Patrizia Pannuzzo, Francesco Pira, Vincenzo Rossitto, Donata Tropiano, Lucia Salerno, Francesca Tarantello, Giusy Zivillica. Gli orari di apertura della Galleria sono: tutti i giorni dalle 17,30 alle 20.30 tranne il luned. Concetto Gil

SPORT Siracusa
Fossimo al posto di Cutrufo scriveremmo una bella lettera al Corriere dei Piccoli preannunciando il ritiro del Siracusa dal campionato . Non per protesta nei confronti del Rosolini che ha legittimamente portato via un punto dal De Simone, bens contro il direttore di gara, reo di aver negato un rigore semisacrosanto agli azzurri e di avere espulso Palmiteri. Non contenti di tutto questo can-can, lindomani, dopo aver preavvisato il presidente di Lega Sicula, Morgana e secondo un rituale inaugurato da qualche settimana, ci saremmo portati in corpo e deputazione a Palermo per chiedere rispetto per questo

11 maRZO 2014,maRTED

15

Imprevista frenata di un Siracusa senza idee E il caso di ricordare che non si vinto ancora niente e che serve un bagno di umilt
La pagella di Libert Siracusa-Rosolini 1-1
Far 6 Lombardo 6 Diop 6 Matinella 6 Liistro 6 Bufalino 6 (Carbonaro) 5 Visone 6 Figura 6 Garrasi 6 (Scarano) n.g. Frittitta 6 Palmiteri 5 Strano 5 der nulla di tutto questo perch i sostenitori aretusei hanno occhi per vedere e buonsenso per giudicare. E da quello che si visto una cosa certa : n la squadra schierata in campo, n il suo allenatore hanno capito qualcosa di questo Rosolini che pur non mostrando nulla di trascendentale riuscito lo stesso a mettere il bavaglio allattacco mitraglia degli azzurri e a contrattaccare pericolosamente, sfruttando la tattica del fuorigioco e le ripartenze di Implatini e di Livia. Purtroppo. giocando a palla fai tu difficilmente si viene a capo di una partita diventata improvvisamente tutta in salita dopo essere apparsa inizialmente tutta in discesa e in cui ,alla fine, non si capito bene dove finissero i demeriti del Siracusa e dove cominciassero i meriti degli ospiti. Quel che si sa di certo che la squadra di Pippo Strano ha mancato una buona occasione sia per tenere il passo dellimplacabile Tiger, ormai sicuramente in D con quattro giornate di anticipo sulla fine del campionato, che per distanziare ancora la quinta squadra in classifica e usufruire cos del beneficio di un turno in meno dei play-off. A proposito dei quali sono riemersi i vecchi fantasmi che, in sede di spareggi-promozione, ci perseguitano. Scacciarli si pu, ma occorre che la squadra presti meno ascolto ai trionfalistici proclami che in queste ultime settimane ci hanno deliziato e che, quasi certamente, hanno contribuito a creare la sensazione che per vincere le partite basta aspettare, tanto il gol della vittoria, prima o poi, arriva, Salvo quando, accade il contrario, com avvenuto domenica scorsa al De Simone, costringendoci a ricordare alla squadra e al suo tecnico che ancora il Siracusa non ha vinto un bel niente e che se si vuol raggiungere qualche buon risultato serve un salutare bagno di umilt Armando Galea

Giocando a palla fai tu gli azzurri regalano un punto al Rosolini

Siracusa, fermato sul pi bello in corsia di sorpasso. Ma quasi certamente non succe-

Rugby. La Syrako vince soffrendo ai quarti di finale play out


La pioggia non ha avuto clemenza neanche questo finesettimana e ha continuato a cadere fino a pochi minuti prima del fischio d'inizio dell'arbitro Cappello di Ragusa. Il campo delle Aquile Enna, trasformato in un pantano, stato lo scenario su cui la Syrako Rugby Club ha giocato i quarti di finale play-out: un campo pesante, difficile, che non ha permesso alle due squadre di dare il meglio e di fare del rugby lo spettacolo di sempre. Una partita sofferta, come testimonia il risultato finale, giocata sul filo del rasoio, in bilico fino al fischio finale. Buono il lavoro delle difese, siracusana ed ennese: entrambe hanno impedito allavversaria di realizzare punti. I numerosi errori, commessi da entrambe le squadre, hanno fram-

Calcio a 5/A1. Per le Formiche una vittoria senza fatica

mentato la partita con numerose mischie e touche che non hanno comunque fornito munizioni valide ai due attacchi.In questo bailamme, nonostante la formazione rimaneggiata e la non perfetta condizione fisica di alcuni, la Syrako tornavincitrice ed interrompe la serie di sconfitte che durava ormai da 4 giornate: una punizione di Fazzino ed

una meta di Saraceno (trasformata da Fazzino), nel primo tempo, hanno avuto la meglio sulle tre punizioni de Le Aquile Enna, realizzate dal mediano di mischia una nel primo e due nel secondo tempo. La stagione non ancora finita: prossimo appuntamento a Siracusa, domenica 23 marzo al Campo Pippo Di Natale, per la partita di ritorno.

Ventidue giornate disputate nella massima serie del calcio a cinque femminile e quattro al termine della stagione regolare. Questa domenica le Formiche non sono scese materialmente in campo, come era noto che sarebbe accaduto per il ritiro della societ del Five Molfetta dal campionato ed hanno conquistato a tavolino altri tre punti che le portano a quota 33, a cinque punti dalla quinta posizione, lultima valida per i playoff, obiettivo tuttavia veramente difficile da raggiungere ormai. Pur essendo dalla quinta allottava piazza tutte racchiuse in un fazzoletto di punti (Cus Palermo 38, Castellana Grotte 37, Catanzaro 35, Le Formiche Siracusa 33), le aretusee sembrano spacciate fuori dalla concreta possibilit di raggiungere questo obiettivo. Domenica prossima previsto un turno di riposo per la concomitante serie di gare delle final eight di Coppa Italia, per cui il campionato delle ragazze guidate da Angelo Randazzo riprender tra quattordici giorni, quando al Palalobello ospiteranno il Rionero.:

16

11 MARZO 2014 MARTED

Autosport S.r.l. C.da Targia 18

autosport.toyota.it

Siracusa Tel.0931 759918

Aygo Edition 1.0 3P MY13. Prezzo promozionale chiavi in mano 8.350 (esclusi I.P.T. e Contributo Pneumatici Fuori Uso PFU ex DM n. 82/2011 di 5,40 + IVA) con il contributo della Casa e del Concessionario. Valori massimi: consumo combinato 22,2 km/l, emissioni CO2 104 g/km. Solo per vetture disponibili in stock. Yaris Active 1.0 3P. Prezzo promozionale chiavi in mano 9.950 (esclusi I.P.T. e Contributo Pneumatici Fuori Uso PFU ex DM n. 82/2011 di 5,40 +IVA) con il contributo della Casa e del Concessionario. Valori massimi: consumo combinato 18,2 km/l, emissioni CO2 127 g/km. Solo per vetture disponibili in stock. Immagini vetture indicative.

Interessi correlati