Sei sulla pagina 1di 101

Seconda Universit degli studi di Napoli

Facolt di Medicina e Chirurgia


Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia

CI di Malattie dellApparato Locomotore, Medicina


Fisica e Riabilitazione

LEZIONI DI MEDICINA
FISICA E RIABILITAZIONE
Francesca Gimigliano

Scaricato da SunHope

Medicina Fisica e Riabilitazione


Medicina Fisica

Specialit medica che

Riabilitazione

Il ritorno della funzione

concerne luso di agenti

dopo una malattia o un

fisici, apparati meccanici

trauma, spesso mediante

e manipolazioni con

lassistenza di personale

finalit riabilitative

medico specializzato

Scaricato da SunHope

Strumenti della riabilitazione

Esercizio terapeutico
Terapia fisica
Tecniche complementari
Terapia occupazionale
Tecniche educazionali
Terapia neuropsicologica

Scaricato da SunHope

TERAPIA FISICA
Classificazione

Termoterapia (calore terapeutico, diatermia, US, crioterapia)


Idroterapia
Terapia luminosa (UV, IR, Laser)
Iontoforesi, sonoforesi e correnti interferenziali
Elettroterapia
Magnetoterapia
Tecarterapia
Onde durto
Massoterapia
Manipolazioni
Trazioni
Scaricato da SunHope
Terapie complementari (agopuntura, osteopatia e chiropratica)

Termoterapia
Il calore
Il calore una forma di energia esistente in natura e
pu originare dalla trasformazione di energia
meccanica, chimica, elettrica o luminosa.

Scaricato da SunHope

Termoterapia

Scaricato da SunHope

Elementi di una prescrizione di


termoterapia

Indicazione/diagnosi
Modalit
Sede di applicazione
Intensit
Durata
Frequenza

Scaricato da SunHope

Fattori da considerare nel


selezionare una modalit

Tessuto bersaglio
Profondit desiderata di riscaldamento o raffreddamento
Intensit desiderata di riscaldamento o raffreddamento
Habitus del paziente (es. quota di sottocute)
Comorbidit (cancro, vasculopatia, neuropatia, etc)
Particolarit del paziente (impianti metallici, pacemaker,
intolleranza al freddo, etc)
Et (es. cartilagini di accrescimento fertili)
Sesso (es. gravidanza)

Scaricato da SunHope

Calore terapeutico
Effetti

Emodinamici
Innalzamento soglia del dolore
Incremento metabolismo
Riduzione scarica fusi neuromuscolari
Incremento allungamento plastico delle fibre
collagene (caldo + stretching)

Scaricato da SunHope

Effetti emodinamici del calore

Incremento flusso sanguigno


Riduzione flogosi cronica
Incremento flogosi acuta
Incremento edema
Aumento sanguinamento

Scaricato da SunHope

Effetti emodinamici

Il flusso ematico aumenta a causa della dilatazione


arteriolare e capillare.

aumentato il grado di filtrazione e di diffusione


attraverso le membrane biologiche per maggiore
permeabilit della membrana capillare.
Scaricato da SunHope

Effetti neuromuscolari del calore

Aumento frequenza di scarica delle fibre Ia (fuso


neuromuscolare)
Diminuzione di frequenza di scarica delle fibre II
(fuso neuromuscolare)
Aumento di frequenza di scarica delle fibre Ib
(organo tendineo del Golgi)
Aumento della velocit di conduzione del nervo

Scaricato da SunHope

Effetti neuromuscolari
Lorgano tendineo del
Golgi, quando riscaldato,
aumenta la sua frequenza
di scarica.
Lo spasmo muscolare
ridotto per effetto dei
maggiori impulsi inibitori a
partenza dallorgano
tendineo del Golgi.
Scaricato da SunHope

Effetti del calore sul


tessuto connettivale e articolare

Aumento estensibilit tendinea


Aumento attivit collagenasica
Diminuzione rigidit articolare

Scaricato da SunHope

Altri effetti del calore

Diminuzione dolore

Rilassamento generale

Scaricato da SunHope

Calore terapeutico

Il livello della temperatura tissutale da raggiungere


per ottenere effetti terapeutici compreso in un
range di 40-45 C.
La durata dellaumento della temperatura tissutale
varia per le diverse tipologie di calore terapeutico
da circa 5 a 30 minuti.

Scaricato da SunHope

Calore terapeutico
Indicazioni

Patologie muscolo-scheletriche (tendiniti, tenosinoviti,


borsiti, capsuliti, etc)
Dolore (cervicale, lombare, miofasciale, neuroma,
nevralgia post-erpetica, etc)
Artropatie
Contratture
Rilassamento muscolare
Infiammazione cronica
Scaricato da SunHope

Calore terapeutico
Controindicazioni

Flogosi acuta
Diatesi emorragica e turbe coagulative
Insensibilit cutanea (TVM)
Incapacit a comunicare il dolore (demenza)
Cattiva termoregolazione (uso neurolettici)
Neoplasie maligne
Aree ischemiche (arteriopatia)
Cute atrofica (uso prolungato di cortisonici)
Tessuto cicatriziale immaturo
Gravidanza
Ferite aperte e lesioni cutanee infette
Scaricato da SunHope

Calore terapeutico
Modalit di somministrazione e penetrazione tissutale

Per conduzione (contatto fisico tra superfici)


Per convezione (liquidi e gas)
Per conversione (trasformazione di altre forme
di energia in calore)

Superficiale e
profondo
Scaricato da SunHope

Calore superficiale

Conduzione
Impacchi

caldi
Paraffina

Irradiazione
Lampade

da calore

Convezione
Fluidoterapia
Idroterapia
Scaricato da SunHope

Impacchi caldi
Hydrocollator (biossido di silicio in impacchi di tela
immersi in vasche a 75C e poi applicati su pi
strati di asciugamani isolanti; durata 30 minuti).
Precauzioni: non giacere
sullimpacco (rischio di ustioni
sulle prominenze ossee)

Scaricato da SunHope

Bagni di paraffina
Miscela costituita da cera di paraffina e olio
minerale in rapporto 6:1
Metodi di applicazione: immersione temporanea o
immersione completa; applicazione con
pennello.
Controindicazioni: ferite aperte
e aree infette

Scaricato da SunHope

Paraffin Bath

Agenti Termici Radianti


Infrarossi (calore superficiale)

Distanza lampada-cute : 45-60cm

Durata : 20-30 minuti

Lunghezza donda: 770-12500 nm

Profondit: 2 cm

Scaricato da SunHope

Infrarossi
Indicazioni: postumi di traumi, artrosi cervicodorso-lombare, piaghe da decubito, presenza
di contratture muscolari.
Controindicazioni: stati flogistici acuti,
neoplasie, emartri, idrartri, ipersensibilit,
fotosensibilit, fotoinvecchiamento,
fotocarcinogenesi, xerosi cutanea

Scaricato da SunHope

Lampada a infrarossi

Scaricato da SunHope

Idroterapia

Applicazione esterna di acqua calda o fredda, in


qualsiasi forma, per il trattamento di una patologia
Forme di idroterapia:

Bagni di idromassaggio
Vasca di Hubbard
Carrello da doccia
Bagni di contrasto
Scaricato da SunHope

Idroterapia
Bagni ad idromassaggio e vasche di Hubbard

Lacqua agitata mediante aerazione, la


temperatura controllata. Si disperde energia
termica per convezione.

BAGNI
BagniAD
adIDROMASSAGGIO
idromassaggio
Solo una parte del corpo
immersa.
Indicazioni: lesioni agli arti o
comunque localizzate

VASCHE
DI HUBBARD
Vasche
di Hubbard
In genere immerso tutto il
corpo
Temperatura neutra (3436 C)

Scaricato da SunHope

Idroterapia

Scaricato da SunHope

Idroterapia
Bagni ad idromassaggio e vasche di Hubbard

Meccanismo: il corpo (o parte di esso) immerso


subisce una forza verticale antigravitaria uguale a
quella del volume dacqua spostato, con leffetto di
diminuire gli stress su ossa e articolazioni.
Indicazioni: artrosi, traumi muscolo-scheletrici, ulcere,
infezioni cutanee.

Scaricato da SunHope

Idroterapia
Carrello da doccia
Permette unazione di spruzzo morbido o
unidroterapia a doccia durante il debridement
meccanico di ustioni a superficie estesa ed altre ferite
in condizioni relativamente sterili.
stato creato per ovviare al rischio di contaminazione
che si avrebbe coi tradizionali bagni ad
idromassaggio e vasca di Hubbard.
Vantaggi: quantit notevolmente inferiori di acqua
occupa meno spazio
richiede meno manutenzione rispetto ad
una tradizionale vasca di Hubbard
Scaricato da SunHope

Idroterapia
Bagni di contrasto

Immersione alternata dei segmenti distali degli arti


in acqua calda (42-45 C) e poi fredda (8,5-12,5
C).
In genere si effettuano sessioni di 30 minuti,
iniziando con 10 min in acqua calda seguiti da
immersioni alternate di 1 min in acqua fredda e 4
in acqua calda, terminando con acqua fredda per
limitare ledema.
Scaricato da SunHope

Idroterapia
Bagni di contrasto

Meccanismo: effetti associati alla ciclica


vasocostrizione e vasodilatazione prodotte da
valori estremi di temperatura.

Indicazioni: malattie reumatologiche, dolore


neuropatico, sindromi dolorose croniche (es. distrofia
simpatica riflessa)
Scaricato da SunHope

Calore profondo

Onde corte
Microonde
Ultrasuoni

Scaricato da SunHope

Diatermia ad onde corte (Marconi)

Incremento di T fino a 15 nel grasso sottocutaneo


e da 4 a 6 nel muscolo
Onde radio ( 27.12 MHz)
Durata applicazione: 15-30 min.
Numero sedute: 6-12
Indicazioni: spasmo muscolare, rigidit articolare,
tendinopatie, borsiti
Controindicazioni: generali del calore, pace-maker
ed altri tipi di stimolatori elettrici, impianti
chirurgici, lenti a contatto, utero gravido o
mestruante.
Scaricato da SunHope

Diatermia a microonde
Radarterapia

Applicazione: 15-30 min.


Numero sedute: 6-12
Frequenza 915-2450 MHz
Incremento T fino a 10-12 nel sottocute e 3-4
nel muscolo
Indicazioni e controindicazioni: come le onde
corte, con preferenza per muscoli ed
articolazioni pi superficiali

Scaricato da SunHope

Diatermia a micro-onde

Scaricato da SunHope

Ultrasuoni

Gli ultrasuoni consistono in vibrazioni sonore a


frequenza cos elevata (17000 Cicli/sec) da non
essere percepibili allorecchio umano.
Sfruttano leffetto piezoelettrico reciproco del
quarzo o di altri materiali, cio la propriet di
dilatarsi e di comprimersi (e quindi emettere
vibrazioni) sottoposti allazione di cariche elettriche

Scaricato da SunHope

Ultrasuoni

Gli apparecchi sono costituiti da un generatore di


corrente ad alta frequenza, un cavo schermato e una
testina emittente che di solito viene posta sulla zona da
trattare in maniera fissa o mobile (in questo ultimo caso
tra la cute e la testina stessa deve essere interposta
una sostanza grassa o un gel).
Gli ultrasuoni possono essere usati anche in acqua: la
testina viene immersa nel mezzo idrico a circa 2 cm di
distanza e parallelamente alla porzione da trattare
Scaricato da SunHope

Ultrasuoni

Produce T > 46 nei tessuti profondi (interfaccia


muscolo-osso)
Onde ultrasonore (0,8-1MHz) che si propagano e
vengono assorbite dai tessuti
Dosaggio: 0,5-2 w/cmq per 5-10 min. tutti i giorni
o a giorni alterni per 6-12 sedute.
Tecnica: US 1-2 MHz, intensit 1-3 W/cmq per 5-7
min. una volta al d per 3-4 giorni di seguito per un
totale di 10 sedute
Scaricato da SunHope

Ultrasuoni

Indicazioni: cheloidi, tendinopatie, borsiti, miositi


ossificanti, spasmi muscolari, dolore muscoloscheletrico, nevralgia post-erpetica, rigidit
articolare
Controindicazioni: generali per il calore, cavit con
liquido (occhio, testicoli, utero gravido), cuore,
portatore pace-maker, sede cervicale, cranio, rachide
dopo laminectomia, tromboflebiti, cartilagine di
accrescimento, osteomielite, neoplasie, presenza di
impianti metallici e non.
Scaricato da SunHope

Ultrasuoni

Scaricato da SunHope

Generation of Ultrasound
Pizoelectric effect - generated by pizoelectric crystals
crystals produce + & - charges when they expand or contract
reverse pizoelectric effect
occurs when an electric current is passed through the crystal
crystal expands & contracts at frequencies that produce ultrasound
Wavelength (l)

pizoelectric crystal in transducer head

ultrasound
transducer

sound
pressure
compression

sound
pressure
rarefaction
Scaricato da SunHope

Crioterapia
Risposte fisiologiche allapplicazione di freddo

Diminuzione temperatura cute


Diminuzione temperatura sottocute
Diminuzione temperatura intramuscolare
Pu durare fino a 3 ore dopo la rimozione
dellagente raffreddante se lapplicazione
sufficientemente intensa
Diminuzione temperatura intra-articolare
Pu durare fino a 2 ore dopo la rimozione
dellagente raffreddante se lapplicazione
sufficientemente intensa
Scaricato da SunHope

Tissue Temperature Changes with Ice Pack Application to the Calf


100
90
80
70
60
50
40
30
20
10
0
Application

30 min

60 min

90 min

W ithdrawl

Skin
Subcutaneous Tissue

20 min post

Bierdman and Friedlander,


Arch Phys Ther, 1940

Muscle (at 1.6" tissue depth)

It takes 30 minutes to effect a 6.3 F


temperature reduction in a muscle 1.6"
deep using ice packs

Scaricato da SunHope

Crioterapia

lmpacchi freddi
Massaggio con ghiaccio
Immersione in acqua fredda
Spray raffreddante
Unit di freddo-compressione

Scaricato da SunHope

Cold / Hot Pack

Cold Compression Unit

Scaricato da SunHope

Effetti fisiologici del freddo

Emodinamici
Neuromuscolari
Tessuto connettivo ed articolare
Altri effetti

Scaricato da SunHope

Effetti emodinamici del freddo

Vasocostrizione cutanea immediata


Vasodilatazione reattiva ritardata
Riduzione infiammazione acuta

Scaricato da SunHope

Effetti neuromuscolari del freddo

Rallentamento velocit di conduzione


Blocco della conduzione e degenerazione assonale
per esposizione prolungata
Riduzione frequenza di scarica delle fibre Ia (fusi
neuromuscolari)
Riduzione frequenza di scarica delle fibre II (fusi
neuromuscolari)
Riduzione frequenza di scarica delle fibre Ib
(organo tendineo di Golgi)
Riduzione di ampiezza del riflesso da stiramento
Aumento forza isometrica massima
Riduzione fatica muscolare
Riduzione temporanea della spasticit
Scaricato da SunHope

Effetti del freddo sul


tessuto connettivo ed articolare

Aumento rigidit articolare


Riduzione estensibilit tendinea
Riduzione attivit collagenasica

Scaricato da SunHope

Altri effetti del freddo

Riduzione dolore
Rilassamnento generale

Scaricato da SunHope

Inidicazioni del freddo terapeutico

Patologie muscolo-scheletriche (lesioni traumatiche


capsulo-legamentose, tendiniti, tenosinoviti, borsiti,
capsuliti,etc.)
Dolore miofasciale
Dopo alcune procedure di chirurgia ortopedica
Componente di un protocollo per il trattamento della
spasticit
Trattamento emergente delle ustioni minori
Scaricato da SunHope

Precauzioni per luso del freddo


terapeutico

Intolleranza al freddo
Neuroaprassia/assonotmesi indotta da crioterapia
Insufficienza arteriosa
Disturbo della sensibilit
Deficit cognitivi o comunicativi che precludono la
comunicazione del dolore
Criopatie
Crioglobulinemia
Emoglobinuria parossistica a frigore
Ipersensibilit al freddo
Scaricato da SunHope
Malattia/fenomeno di Raynaud

Altre tecniche

Radiazione ultravioletta
Iontoforesi
Sonoforesi
Laser
Correnti interferenziali
Elettroterapia

Scaricato da SunHope

Radiazione ultravioletta

Vibrazioni elettromagnetiche analoghe a quelle della luce


visibile, dalle quali differiscono per la minor lunghezza donda
Lunghezza donda: 2000-4000 A
Effetti: potere battericida (2537 A), incremento
vascolarizzazione dei margini di ferita, iperplasia ed
esfoliazione cutanea (peeling), incremento sintesi vit D
Indicazioni: ferite (settiche e non), dermopatie (psoriasi, acne
follicoliti, rachitismo, osteomalacia)
Controindicazioni: gravi insufficienze epatiche e renali, lupus,
orticaria, soggetti fotosensibili
Durata: da 2 a 20-30min controllando il grado di eritema
Scaricato da SunHope

Iontoforesi
Migrazione di particelle dotate di carica attraverso
membrane biologiche per effetto di un campo
elettrico imposto (10-30 mA).
Permette la somministrazione transcutanea di
farmac i(anestetici locali, FAS, FANS, antibiotici) per il
trattamento dei disturbi muscolo-scheletrici.
Ben tollerata.

Scaricato da SunHope

Sonoforesi
Utilizzo di ultrasuoni per facilitare la migrazione
trans dermica di farmaci per uso topico (FAS,
anestetici locali) in gel 1%.
I parametri utilizzati sono gli stessi utilizzati
nellapplicazione dellultrasuonoterapia
pulsata(1MHZ, 1-1,5W/cm per 5 min. circa).
Le indicazioni proposte sono: artrosi, borsite,
capsulite, tendinite, distorsioni, fascite, epicondilite,
contratture, neurinomi, aderenze e il tessuto
cicatriziale.

Scaricato da SunHope

Laser
(Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation)

Emissione di fotoni che possono interagire con molecole biologiche


inducendo effetti termici e chimici
In riabilitazione si usano low-power cold laser (He-Ne, Ga-As).
He-Ne: effetto diretto 2-5mm, effetti indiretti 10-15mm
Ga-As: effetto diretto 1-2cm, effetti indiretti fino a 5cm
Effetti: facilitazione guarigione ferite ed ulcere, incremento fagocitosi
leucocitaria, incremento attivit linfoblastica, decremento edema,
riduzione dolore, favorisce callo osseo e rimodellamento cartilagineo
Indicazioni: ulcere, ferite, contusioni, distorsioni, controllo del dolore (nei
punti di agopuntura o combinato con elettroterapia)
Controindicazioni: neoplasie maligne, occhio, primo trimestre di
gravidanza,
Dosaggio: 0,05-0,5 j/cmq in acuto, 0,5-3j/cmq nel cronico per 3-6
trattamenti
Scaricato da SunHope

Laserterapia

Scaricato da SunHope

Correnti interferenziali (IFC)


Questo tipo di terapia utilizza due segnali di corrente
alternata di frequenza lievemente differente tra loro.
Le due onde possono essere:
in

fase (interferenza costruttiva: londa generata di


ampiezza uguale alla somma dellampiezza delle due
onde)
non in fase(interferenza distruttiva: londa risultante di
ampiezza minore poich, a causa dellopposta polarit, si
annullano a vicenda).
Scaricato da SunHope

Correnti interferenziali (IFC)


Le correnti IFC hanno una frequenza di 4000/5000Hz.
La maggior parte delle macchine IFC usano da due a
sei applicatori; questi possono essere disposti sullo
stesso piano, come nella regione lombare, o su piani
diversi, come nel caso della spalla.
Indicazioni: patologie muscolo-scheletriche, neurologiche
e nel management dellincontinenza urinaria.
Controindicazioni: pace-maker, pompe intratecali,
stimolatori midollari, gravidanza, trombosi venosa,
ferite aperte o abrasioni.
Scaricato da SunHope

Elettroterapia
Utilizzo della corrente elettrica a scopo terapeutico:

Elettrostimolazione muscolare

Elettroanalgesia

Scaricato da SunHope

Elettroterapia
Electrical Stimulation
Machine

Scaricato da SunHope

Elettroterapia
Lelettricit terapeutica caratterizzata dalla sua
forma donda, ampiezza, durata e frequenza.
Esistono tre tipi basilari di forma donda:
Corrente continua: flusso unidirezionale della carica
senza alcun cambiamento della forma donda nel
tempo
Corrente alternata: flusso bidirezionale di particelle
cariche simmetriche o asimmetriche
Corrente pulsata: onde bifasiche o monofasiche e
variate o modulate sia in ampiezza, durata e
Scaricato da SunHope
frequenza.

Electric Current Waveforms and Modulations

Scaricato da SunHope

Elettrostimolazione muscolare

Incremento della forza muscolare: una


elettrostimolazione prolungata, continua, a bassa
frequenza ( 10 Hz) determina una trasformazione
delle fibre muscolari a veloce contrazione (tipo II
b) in fibre a lenta contrazione (tipo I)
Incremento della resistenza alla fatica:
cambiamento dellattivit metabolica da
anaerobica con ciclo glicolitico a ciclo aerobico
associato al ciclo di Krebs
Prevenzione dellatrofia muscolare: maggiore
rifornimento capillare al muscolo Scaricato da SunHope

Elettroanalgesia

Agisce attraverso la modulazione del dolore


favorendo il rilascio di polipeptidi e di
neurotrasmettitori: beta-endorfine, dopamina,
encefaline, VIP(polipeptide intestinale vasoattivo),
serotonina.

Inibisce le fibre dolorifiche mediante stimolazione


delle fibre A di grosso calibro
Scaricato da SunHope

Elettroterapia
Altri effetti
Favorisce la guarigione di ferite e
losteogenesi
Determina benefici effetti psicologici in
pazienti tetra-paraplegici
Migliora la funzione respiratoria per
stimolazione del nervo frenico

Scaricato da SunHope

Elettroterapia
Indicazioni

Controllo del dolore


Versamenti articolari
Edemi interstiziali
Contrattura muscolare antalgica
Atrofia muscolare da disuso
Ferite ed ulcere cutanee
Disordini circolatori (insufficienza venosa e disordini
neurovascolari)
Correzione dellincontinenza urinaria
Scaricato da SunHope
Disfunzione delleiaculazione

Elettroterapia
Controindicazioni

Flebiti e tromboflebiti
In prossimit del seno carotideo
In sede cardiaca
Gravidanza
Fratture recenti
Emorragie attive
Neoplasie maligne
Aree con ridotta sensibilit
Scaricato da SunHope

Elettroterapia
Applicazione
1-5

min. per trigger point nel dolore cronico di


origine muscolo-scheletrica;
10-30 min. nel dolore acuto e nei disordini
vascolari
30-60 min. nelle ferite e nelle ulcere
2-4 ore per il trattamento delledema tessutale
2-3 sedute settimanali per un minimo di tre
settimane
Scaricato da SunHope

Corrente diretta

Continua (galvanica):
guarigione ferite ed ulcere cutanee;
ionoforesi: somministrazione di anestetici locali
(lidocaina all1%) in neuriti o borsiti; cortisonici
(idrocortisone o desametazone), salicilato, ialuronidasi
nelle condizioni infiammatorie acute e croniche di
origine muscolo-scheletrica;solfato di magnesio per il
rilassamento muscolare e la vasodilatazione; cloruro
di sodio nelle aderenze cicatriziali; acido acetico nelle
tendinopatie calcifiche.
Durata seduta : 30 min. per una media di 5-10 sedute
Scaricato da SunHope

Corrente diretta alternata

Tempo-modulata: rieducazione muscolare


(elettrostimolazione)
Ampiezza-modulata: ottenuta mescolando
correnti di due sorgenti differenti (correnti
interferenziali o IFC) per il dolore acuto
superficiale o cronico profondo, patologie
vascolari (Raynaud, insuff. venosa) disfunzioni
urogenitali (incontinenza urinaria)
Scaricato da SunHope

Corrente pulsata

Monofasica:
basso voltaggio (diadinamiche):risposta
eccitatoria diretta (obsolete);
alto voltaggio: guarigione ferite,
modulazione dolore (es.. traumi mano),
riduzione spasmi muscolari ed edemi,
rieducazione muscolare e mantenimento
integrit muscolare, prevenzione tvp postoperatoria
Scaricato da SunHope

Corrente pulsata

Bifasica:
asimmetrica (faradica): mal tollerata;
simmetrica: con intervallo di interfase
(intrapulse) utilizzata per stimolazione nervi
periferici e per rigenerazione connettivale e
osteogenesi
Scaricato da SunHope

Classificazione delle correnti su


base neuro-eccitatoria

Microcurrent electrical neuromuscular


stimulation (MENS): bassa frequenza, bassa
intensit sotto la soglia di stimolazione del
nervo; (effetti ed indicazioni controverse);
Transcutaneous electrical nerve stimulation
(TENS): durata 20-30 min. con sollievo dal
dolore per 2-6 ore. Il trattamento domiciliare
ha una durata che va da 30 min. a 2 ore per
seduta continuando per 3 settimane, con
riduzione graduale nelle successive 8-12
settimane utilizzando le frequenze pi idonee
in relazione al tipo di dolore (acuto
o cronico)
Scaricato
da SunHope

Magnetoterapia

La magnetoterapia utilizza lapplicazione di campi


magnetici per modificare le cariche elettriche e la loro
disposizione spaziale (modifica lorientamento di ioni e
molecole)
Durata trattamento: patologie ortopediche 6-8 ore al
giorno
Indicazioni: pseudoartrosi e ritardi di consolidazione,
osteocondrosi, osteoporosi generalizzata e distrettuale,
arteriopatie e flebopatie (?)
Controindicazioni: pace-maker, gravidanza, patologie
psicotiche o nevrotiche
Scaricato da SunHope

Magnetoterapia

Scaricato da SunHope

Tecarterapia

Trasferimento Energetico Capacitivo e Resistivo


Utilizzo di energia endogena attraverso il richiamo
nellarea di trattamento di cariche elettriche
presenti nei tessuti sotto forma di ioni (cariche di
spostamento)

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Meccanismo dazione

Il sistema tecar utilizza un generatore di energia


che emette un segnale di radiofrequenza di 0,5
MHz ad una potenza variabile con un massimo di
300 Watt
Lenergia generata viene veicolata allinterno dei
tessuti tramite un elettrodo capacitivo o resistivo che
consente linteressamento sia degli strati superficiali
che di quelli pi profondi del tessuto biologico
Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Meccanismo dazione
Il sistema costituito da:
un manipolo metallico composto da un elettrodo mobile usato
dalloperatore per trattare la parte interessata, collegato ad
un generatore elettrico
una piastra fissa - anche essa collegata al generatore - che
viene posizionata a contatto con la cute del paziente, in
prossimit della zona da trattare.

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Meccanismo dazione

Il trasferimento energetico pu avvenire attraverso


due modalit:
Capacitiva: mediante elettrodi protetti e quindi
isolati con materiale ceramizzato
Resistivo: mediante elettrodi non protetti e quindi
non isolati
Il trasferimento energetico utilizzato pu essere:
Basso
Medio
Alto
Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Meccanismo dazione
La modalit capacitiva:
Lattrazione e la concentrazione delle cariche si ha
esclusivamente in prossimit dellelettrodo mobile
capacitivo (isolato) per cui si sviluppa solo nella
sede di applicazione; ci consente una specificit
dazione sulle aree da trattare, e una facilit di
controllo dellarea di trattamento

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Modalit capacitiva

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Modalit capacitiva
Effetti a basso livello energetico:
aumento delle trasformazioni energetiche
endocellulari con incremento del consumo di
ossigeno
Effetti a medio livello energetico:
microiperemia capillare, aumento della
temperatura interna
Effetti a alto livello energetico
aumento della velocit di flusso e della perfusione
ematica con accelerazione del drenaggio
linfatico
Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Modalit resistiva

Questa modalit consente di risolvere il danno


biologico in tutte le forme di patologia cronica
caratterizzata da degenerazione e fibrosi
La rivascolarizzazione di queste aree, attraverso
laumento della temperatura interna, ripristina un
metabolismo corretto, che restituisce vitalit ai tessuti
Non produce effetti collaterali di superficie,
lelettrodo resistivo pu essere mantenuto in sede a
lungo ,per raggiungere livelli ottimali di endotermia.
Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Modalit resistiva

Si adoperano elettrodi non isolati, la concentrazione


delle cariche elettriche si verifica nei tessuti a pi
alta resistenza: tendini, articolazioni e tessuto osseo

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Modalit resistiva
Effetti a basso livello energetico:
incremento termico
Effetti a medio livello energetico:
maggiore incremento della temperatura
coinvolgimento dellosso
Effetti a alto livello energetico:
aumento delleffetto endotermico
aumento del flusso emolinfatico
precoce riossigenazione dei tessuti lesi
Scaricato da SunHope
rimozione dei cataboliti tossici

Tecarterapia
Effetti fisiologici

Aumento dell estensibilit del tessuto collagene per


riduzione della viscosit
Riduzione del dolore per liberazione di endorfine
Riduzione degli spasmi e contratture muscolari
Aumento della velocit del riassorbimento delle
raccolte emorragiche

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Indicazioni e controindicazioni
Indicazioni:
Tendiniti
Traumi dellapparato muscolo-scheletrico
Algie croniche a carico del rachide
Coxartrosi
Condropatie di rotula
Pubalgie croniche
Capsuliti adesive
Sperone calcaneare(fasciti plantari)
Controindicazioni:
Portatori di pace-meker
Gravidanza

Scaricato da SunHope

Tecarterapia
Applicazione

Trattamento giornaliero
10-20 sedute alternando la modalit di tipo
resistivo con quella capacitiva combinata con
massaggio

Scaricato da SunHope

Onde durto
(Extracorporeal Shock Wave Therapy)

Onda acustica che si diffonde nei tessuti secondo le


leggi fisiche delle onde, capace di indurre nella
sede anatomica colpita un effetto antalgico, antiinfiammatorio, decontratturante e riattivante i
processi riparativi.

Si esegue un ciclo di terapia di 3-4 sedute con un


Scaricato da SunHope
tempo compreso tra i 5 e 15 minuti.

Onde durto
Meccanismo dazione

Perturbazione transitoria che si


propaga nelle tre dimensioni
dello spazio
Onda acustica caratterizzata
dallavere sul fronte di
avanzamento una pressione che,
in una frazione di nanosecondi
(10-9), si eleva dalla P
atmosferica fino alla sua massima
ampiezza (generalmente fra i 10
e i 100 MegaPascal), per poi
tornare, passando da valori
negativi, alla P atmosferica

Scaricato da SunHope

Onde durto
Meccanismo dazione
Il meccanismo di azione delle onde durto
complesso e, ad oggi, non ancora completamente
chiarito.
Nei suoi principi fondamentali esso pu essere
considerato come la risultante di due tipi di effetti:

Effetti diretti

Effetti cavitazionali
Scaricato da SunHope

Onde durto
Effetti diretti

Sono dovuti allazione meccanica causata dalla


temporanea pressione positiva che si sviluppa
durante la propagazione dellonda pressoria;

Sono strettamente correlati allimpedenza acustica,


evidenziandosi infatti solo allinterfaccia di tessuti
con impedenza acustica differente.

Scaricato da SunHope

Onde durto
Effetti cavitari

Si definisce cavitazione lespansione e loscillazione


di bolle di gas, generate da una onda pressoria,
con successiva loro rottura
Gli effetti cavitazionali si distinguono a loro volta
in: MECCANICI
direttamente correlati alla formazione
dei jet streams cavitazionali
CHIMICI
correlati al rilascio di radicali liberi
conseguente alle alte temperature che
si sviluppano durante la rottura delle
bolle di cavitazione.
Scaricato da SunHope

Onde durto
Indicazioni

Dolore cronico
Borsiti
Tenosinoviti microtraumatiche (tunnel carpale)
Tendinosi calcifica
Tendinite rotulea del ginocchio
Fascite plantare
Achillodinia
Tallonite
Sperone calcaneare
Sindrome da Impingment della spalla Scaricato da SunHope

Onde durto
Indicazioni

Periartrite Scapolo-Omerale (calcifica e non)


Epicondilite
Pseudoartrosi
Ritardo di consolidazione di fratture di segmenti
ossei (dopo linsuccesso del trattamento chirurgico o
delluso di apparecchi gessati)
Induratio Penis Plastica
Contratture e stiramenti muscolari
Pubalgia
Scaricato da SunHope

TECNICHE EDUCAZIONALI
Biofeedback
E unapplicazione terapeutica che utilizza lausilio di alcuni
strumenti ( in primo luogo il computer ) per monitorare le
modificazioni fisiologiche che avvengono nel corpo , prima e
durante il ciclo riabilitativo, assicurandone l informazione (
feedback ) al paziente , al terapista, al fisiatra . Lo scopo
di questa metodica consiste nel rendere il paziente
consapevole di se stesso e di avere il controllo di alcuni
parametri muscolari e neurologici importanti.

Scaricato da SunHope

Biofeedback
La seduta riabilitativa consiste nel posizionare degli elettrodi
sullarto o sulla fascia muscolare da valutare e , attraverso gli
impulsi sonori e visivi che verranno emessi ( determinati dalla
contrazione attiva del paziente ), si riesce a monitorare e
registrare lattivit neuro-muscolare, rendendo quindi il paziente
stesso consapevole del proprio corpo e del suo stato attuale
nelle varie fasi terapeutiche.
Indicazioni: rilassamento, dolore cronico muscolo-scheletrico,
malattia di Raynaud, incontinenza fecale ed urinaria, medicina
dello sport, stroke, SCI, paralisi cerebrale infantile, traumi
cranici, sclerosi multipla, distonie e discinesie, paralisi
periferiche, patologie ortopediche;
Seduta: 30-45 min.. per un training da 3 mesi a 2 anni.
Scaricato da SunHope

Biofeedback

Scaricato da SunHope