Sei sulla pagina 1di 3

I protocolli Fisiotecnik - Giampaolo Mazzucco

Copyright 2009 www.fisiotecnik.it


Tutti I Diritti Sono Riservati

La Sindrome Piramidale
Anatomia essenziale
Il muscolo Piramidale (o Piriforme) origina dal Sacro (faccia anteriore, lateralmente ai forami),
passa attraverso il grande forame ischiatico e si inserisce all apice del Gran Trocantere, si
trova cos ad essere ricoperto dal muscolo Grande Gluteo.
Il Piramidale ha relazioni con nervi del plesso lombo-sacrale.

Fisiologia essenziale
Esso ruota il Femore esternamente e lo abduce.
Il Piramidale ha quasi esclusivamente un azione tonica ed sinergico/antagonista dell
Ileopsoas sia in relazione al Femore che al Sacro, durante la contrazione dello Psoas:
- si contrappone alla sua componente intrarotatoria femorale
- controlla i micromovimenti di lateralit impedendo linclinazione omolaterale del Sacro
In qualsiasi lesione della coxo-femorale vi unalterazione del rapporto con il Piramidale.
I Piramidali si oppongono, invano, ad un Sacro orizzontale (indotto a ruotare dal peso, dalle
retrazioni posteriori e dalla contrazione degli Psoas).
Il Piramidale viene coinvolto anche quando una distribuzione del carico asimmetrica provoca
una posizione anomala di L5 che porta il Sacro in lesione di torsione (inclinazione laterale +
rotazione).
Anche nelle lesioni Ileo-Sacrali (malposizioni dell Iliaco rispetto al Sacro, l Iliaco ruota per
variare la lunghezza funzionale dellarto inferiore o a causa della retrazione della catena
posteriore- inferiore), che provocano sempre dolore allarticolazione Sacroiliaca, vi
coinvolgimento del Piramidale.

I protocolli Fisiotecnik - Giampaolo Mazzucco


Copyright 2009 www.fisiotecnik.it
Tutti I Diritti Sono Riservati
Indicazione patologica
Possiamo pensare di trovarci di fronte ad una Sindrome Piramidale quando una Sciatalgia
(dolore irradiato lungo il decorso del nervo Sciatico dovuto alla sua compressione e/o alla sua
infiammazione) non sono provocate da Ernia del disco, Artrosi della colonna vertebrale,
Malformazioni congenite della colonna vertebrale, Processi infiammatori, Disturbi dei vasi
sanguigni, Tumori localizzati allosso.
(Tratto da Enciclopedia della Medicina De Agostini)
Quindi, dopo che gli opportuni accertamenti prescritti dallo specialista (RX, RMN, TAC ecc...)
hanno escluso le sopracitate situazioni patologiche, opportuna una valutazione del muscolo
Piramidale. proprio dopo aver visionato TAC o RMN negative che la sciatalgia comincia ad
essere atipica e inspiegabile, allora con molta probabilit siamo di fronte a Sindrome
Piramidale. E data la frequentissima presenza di questo disturbo, vale sempre la pena di
sondare lo stato del muscolo Piramidale anche quando TAC e RMN sono positive e rilevano una
protrusione discale (magari non a carattere irritativi nei confronti dei tessuti nervosi).
Sintomatologia
Una disfunzione del Piramidale pu creare irritazione nervosa e conseguente stato algico.
Allinizio c dolore riferito al gluteo, in corrispondenza del sottostante Piramidale. Se esso
viene ignorato a lungo, si creano i presupposti per una neuropatia da intrappolamento, il
dolore conseguente potr irradiarsi ai glutei, alla coscia posteriore e nei casi cronici allinguine,
oltrepassare il ginocchio e interessare tutto il territorio dello Sciatico. Il dolore spesso non
cambia al variare della posizione.
Test
Il Piramidale non va mai sottovalutato nellapproccio riabilitativo delle sciatalgie, il quadro
clinico e soprattutto la valutazione funzionale permettono di confermare la sua responsabilit
in tantissime forme di sciatalgia.
- Vanno ricercati punti dolorosi in corrispondenza della inserzione all apice del Gran
Trocantere e nellarticolazione Sacro-Iliaca.
- Palpando le ultime vertebre lombari non si trovano punti dolorosi (come invece si
verifica nelle patologie discali).
- Una contrattura, accorciamento, retrazione del Piramidale e quindi un suo
coinvolgimento viene confermato valutando in modo passivo bilateralmente e
simultaneamente l intrarotazione delle anche con paziente supino, il lato colpito avr il
movimento ridotto.
- Un ulteriore conferma si ha quando, eseguendo il test di Lasque (flessione dellarto
esteso da supino), compare o si accentua il dolore quando vi si associa anche una
adduzione, mentre associando una extrarotazione si ha una regressione per la
detenzione del muscolo.

I protocolli Fisiotecnik - Giampaolo Mazzucco


Copyright 2009 www.fisiotecnik.it
Tutti I Diritti Sono Riservati
Proposta di Trattamento
Il trattamento rivolto ad allungare e decontrarre il muscolo e a riequilibrare la biomeccanica
dei distretti articolari che causano la disfunzione.
1. Il primo trattamento sintomatico, indipendentemente dalle cause, bisogna allungare e
risolvere la contrattura del Piramidale. Quindi le tecniche da usare per risolvere la
contrattura e allungare sono:
- massaggio di frizione profonda che raggiunga il indirettamente il Piramidale
- pompage
- inibizioni in energia muscolare (di F. Mitchell)
- manovre miotensive
2. Quindi occorre poi cercare la causa che ha portato a iperattivit il muscolo, ricercando
lesioni nei seguenti distretti:
- tratto lombare della colonna
- articolazione Ileosacrale
- bacino
- articolazione dellAnca
A questo punto vanno risolte le malposizioni individuate
3. Una ottima tecnica la Rieducazione Posturale Globale, individuando le posture (una
alla volta) pi adatte al paziente, considerando la catena muscolare a cui appartiene il
Piramidale che quella posterioreinferiore.