Sei sulla pagina 1di 36

IL GINOCCHIO

ANATOMIA DEL GINOCCHIO


Il ginocchio formato da tre ossa il femore, la tibia e la rotula che costituiscono due articolazioni femoro tibiale femoro rotulea

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

Larticolazione femorotibiale stabilizzata da 4 legamenti l. crocianto anteriore l. crociato posteriore l. collaterale mediale l. collaterale laterale che forniscono la stabilit antero-posteriore medio-laterale e rotazionale

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

Due strutture cartilaginee a forma di C il menisco mediale il menisco laterale assorbono gli urti nei carichi assiali

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

Larticolazione femororotulea una puleggia. Nei movimenti di flesso estensione del ginocchio la rotula aumenta il braccio di leva del quadricipite aumentando quindi la sua forza

ANATOMIA DEL GINOCCHIO


Il ginocchio normale ha una motilit compresa tra 0-140 in flesso estensione e una minima motilit in varo valgo (3-4). Qualche grado di motilit rotatoria possibile solo con il ginocchio in flessione

ANATOMIA DEL GINOCCHIO


Molteplici borse seguono le strutture ligamentose alla periferia del ginocchio. La pi importante quella prerotulea, che una struttura sottocutanea compresa tra pelle e rotula sulla faccia anteriore del ginocchio.

Il ginocchio unarticolazione sottoposta a carico e pertanto suscettibile a varie condizioni patologiche sia degenerative sia traumatiche

Perch il paziente si rivolge al Medico?


in genere riferisce dolore, rigidit, gonfiore, blocco o debolezza

unanamnesi accurata seguita da un attento esame obiettivo sono fondamentali per decidere quali esami strumentali eseguire per arrivare alla diagnosi corretta

lanamnesi

EVENTO TRAUMATICO ACUTO


contusione
trama diretto trauma indiretto

distorsione

intra-extra rotazione varo-valgo complessa

lanamnesi

PATOLOGIA CRONICA

abitudini di vita attivit professionale e sportiva tempo di insorgenza dei sintomi caratteristiche del disturbo valutare la presenza di malattie sistemiche valutare la presenza di disturbi associati (febbre)

i sintomi

DOLORE ACUTO
contusioni

fratture lesioni meniscali lesioni ligamentose distrazioni muscolo tendinee lesioni dellapparato estensore

i sintomi

DOLORE CRONICO
artrosi

sindromi da sovraccarico borsiti tendiniti malallineamento rotuleo tumori sepsi

i sintomi

SEDE DEL DOLORE


(dolore anteriore di ginocchio)

quadricipitale tendinopatia del rotuleo borsite anteriore rotula bipartita malallineamento rotuleo

tendinopatia

i sintomi

SEDE DEL DOLORE


(dolore mediale)

tendinopatia della zampa doca meniscopatia lesione del legamento collaterale condropatia femoro tibiale

i sintomi

SEDE DEL DOLORE


(dolore laterale)

della bandelletta ileo tibiale meniscopatia esterna lesione del legamento collaterale condropatia femoro tibiale

patologia

i sintomi

SEDE DEL DOLORE


(dolore posteriore)

meniscopatia

mediale

cisti di Baker aneurisma popliteo

i sintomi

INSTABILITA
(femoro-tibiale)

dei legamenti crociati lesione dei legamenti collaterali


difficile valutazione in un ginocchio dolente! spesso il paziente confonde linstabilit con cedimenti da debolezza muscolare

lesione

i sintomi

INSTABILITA
(femoro-rotulea)

laterale della rotula sublussazione della rotula

dislocazione

i sintomi

RIGIDITA
versamento

articolare

artrosi plica sinoviale ipertrofica blocco articolare da rottura meniscale stati infiammatori

i sintomi

GONFIORE
articolare borsite prerotulea cisti di Baker cisti paratendinee
versamento

i sintomi

IPOSTENIA
del tendine quadricipitale rottura del tendine rotuleo frattura della rotula deficit dellestensione da meniscopatia cronica o artrosi
rottura

lesame obiettivo

ISPEZIONE
atteggiamento del ginocchio deviazioni assiali trofismo del quadricipite tumefazioni periarticolari ecchimosi andatura se possibile valutare il paziente in ortostasi valutare larto controlaterale in comparativa

lesame obiettivo

PALPAZIONE
calor

crepitio rotuleo ballottamento rotuleo dolorabilit allemirima articolare dolorabilit alle inserzioni tendinee

lesame obiettivo

ESAME FUNZIONALE
della flessoestensione test muscolari per il quadricipite e gli ischio crurali manovre di stress in varo-valgo (con ginocchio a 30 di flessione!!)
valutazione

lesame obiettivo

TEST SPECIALISTICI
di apprensione per la rotula test di Mc Murray per il menisco test del cassetto, di Lackman, di Jerck, EXTRA per i legamenti crociati
test

QUALI ESAMI STRUMENTALI RICHIEDERE?

RADIOGRAFIA TRADIZIONALE
lesame fondamentale per ogni evento traumatico contusivo o distorsivo
proiezione antero posteriore proiezione latero laterale

RADIOGRAFIA TRADIZIONALE
opportuno eseguire la radiografia anche nel sospetto di patologia artrosica
proiezione antero posteriore proiezione latero laterale proiezione di Rosemberg sottocarico telearti

RADIOGRAFIA TRADIZIONALE
nel sospetto di patologia rotulea da malallineamento devono essere richieste le proiezioni opportune
proiezione antero posteriore proiezione latero laterale proiezioni assiali a 30-60-90

ECOGRAFIA
esame diagnostico nelle lesioni del tendine quadricipitale e rotuleo. Poco significativo nella valutazione delle cisti poich difficilmente ne individua lorigine

TAC
lesame pi utile per studiare le caratteristiche delle fratture intrarticolari e per pianificare la riduzione e losteosintesi

pu essere utilizzata al posto della RMN in pazienti con pace maker o controindicazioni alla RMN

RMN
lesame di prima scelta per valutare i tessuti molli, i menischi e i legamenti. Visualizza bene anche i versamenti, le contusioni ossee e i difetti osteocondrali

SI PUO QUINDI CONCLUDERE CHE E FONDAMENTALE VALUTARE ATTENTAMENTE IL PAZIENTE PER RICHIEDERE GLI ACCERTAMENTI PIU APPROPRIATI AL SINGOLO CASO CLINICO

GRAZIE PER LATTENZIONE