Sei sulla pagina 1di 145
Taping Seminar Un testo e un manuale d'uso sui bendaggi funzionali dell’apparato locomotore, la loro funzione, i campi di applicazione e la tecnica di bendaggio consigliata. Di Hans Juergen Montag, Monaco, e Peter D. Asmussen, Amburgo, con un‘introduzione del Dott. Wolf-Dieter Montag, Weilheim. Traduzione italiana dol dottor Antonio Pace Specialista in Ortopedia e Traumatologia - Milano, pel me perimed Fachbuch-Verlagsgesellschaft mbH WeinstraBe 70 D-8520 Erlangen in cooperazione con Belersdorf AG Unnastrafe 48 -2000 Hamburg 20 Prefazione Gans Jurgen Montag, Monaco. Peter D. Asmussen, Amburgo. IN bendaggio funzionale, “taping” in breve, originariamente sviluppato per soddisfare le esigenze di alte prestazion’ da parte dol- lo sportvo, viene ogg) applicato anche nel- la pratica quotidiana per la profilassi, la te- rapia e il recupero post-trattamento dello lasioni o della alterazioni delfapparato lo- comotore. Ole al irattamento dello lesion un bendaggio funzionale permette, ad esempio, la deambulazione ad un paziente afflitto dai sintomi conseguenti ai process! degenerativi tipici deifeta avanzata, risul- tando quindi utile per la circolazione del sangue e la qualita della vita, Un segno delimportanza e diffusione del bendaggio funzionale si ritrova nel Tariffa- rio ufficiale dei Medici tedeschi (GOA), in cui ha un proprio numero ai fattura (206) Un testo ed un manuale duso che deserl- vvesse le basi teoriche, i material, [uso spe- Gifico ¢ la tecnica del bendaggio funzionale non é stato finora pubbiicato. II nostro libro vuole colmare questa lacuna, Si rivalge ai Medici e ai isioterapisti dello sport, ai mas- saggiatori e fisioterapisti, e percié richiede una conoscenza di base di anatomia, fsio: logia e fisiopatologia. Le parti pit importan- ti sono ripetute in forma piu succinta come fipasso @ messe in relazione con il ben: daggio. Le descrizioni dettaglate, tuttavi, non dovrebbero incoraggiare | lettori senza una qualifica medica a fare proprie diagno si e propri trattamenti - la partecipazione dol medico, specialmente per la diagnosi @ la terapia, ¢ assolutamente necessaria In questo libro e nei film abbiamo esposto Targomento dal nostro punto di vista ed abbiamo espresso la nostra conoscenza & la nostra esperienza con parole ed imma- ini. Lesperienza pratica dei consulenti cl- Nici della Belersdor @ stata applicata ad alcuni nuovi bendaggi, inclusi nel testo. Aloune parti, soprattulto quelle riguardant la tecnica di bendaggio, potrebbero solle vare delle crltche, La tecnica descritta non deve rappresentare un dogma, ma - come ‘ogni cosa in medicina - é soggetta a conti- ‘ui cambiamenti ed inoltre potra essere variata individualmente e sviluppata nella pratica quotidiana, a seconda delle richie ste particolari. in questo senso ogni tecni- a di bendaggio @ corretta se da la massi- ‘ma importanza alla funzione, se usa ele- ‘menti di anatomia e di fisiologia came gui- da e se raggiunge Io scopo della “maggio- re stabilta con la maggior mabilta possibi- le" senza causare danni Un libro per uso pratico basato sull'espe- rienza pratica suscita nei suoi lettori una cortica costruttiva e | suggerimenti sono percio sempre gradit ‘A questo punto vogliamo ringraziare in particolare Beiersdort AG, Marketing medi- Cal professional, senza il cui sostegno sa- rebbe stato impossibile pubblicare questo libro con pit di 420 ilustrazioni a color, Voaliamo anche ringraziare le numerose persone che ci hanno aiutato, specialmen- te il disegnatore grafico Robert Darroll, cui difficile compito é stato di creare le iu: strazioni, e il capo del'ulficio editorial, Brigitte Séliner, che ha editatoil testo, Hans-Juergen Mont Poter D. Asmussen, : a ee Introduzione Il libro “Taping Seminar” di Hans Juergen Montag di Monaco e di Peter D. Asmussen ddi Amburgo rappresenta per il momento la fine del lungo processo di sviluppo a cui sono stall soggetti i bendaggi funzional Per circa vent’anni gli autori hanno studiato a fondo la tecnica de! bendaggio funziona- le. Diffuso attraverso numerosi seminari e workshop, il bendaggio funzionale ha as- sunto un posto preminente nella medicina @ nella fisioterapia sportive. Esso fa ora parte delfattrezzatura standard di medici e fisioterapist’ sportivi sia nella protilassi e nel trattamenta medico sportivo che nella Fiabilitazione di disturbi e danni causati da aitivita sportive. Negli Stati Uniti i! bendaggio funzionale, il taping, @ stato introdotto su vasta scala ‘molto tempo prima, E principalmente lo si usava nelfambito della profilassi, In Ger- mania la terapia full campo di applicazione principale allinizio dello sviluppo del ben- daggio funzionale, Poi le due applicazioni seguirono un corso parallelo, Ora in Ger mania si tende ad usarlo sempre pill tre quentemente nella profilassi Le tecniche dei bendaggi funzionali posso- no, senza dubbio, subire delle variazioni in dividual, ma le. caratteristiche principali della tecnica di bendaggio rimangono co munque le stesse. La necessita di scrivere questo libro é sor- ta nel momento in cui si @ davuto combi- rnare una descrizione completa dei ben- ddaggi funzionali con delle informazioni di ‘base, Questo libro rappresenta un manuale distruzioni per la pratica - per quanto riguarda la tecnica & meglio impararla seguenda dei corsi o mediante esercizi pratic. Negli uttimi anni speciaimente la medicina sportiva si é mossa sempre pil verso la te- rapia funzionale. La {unzione come idea dominante oggi influenza maggiormente il corso delfazione medica anche in altre ci scipline, Considerazioni funzionali_ hanno portato alfintroduzione —delfosteosintesi per una rapide mobilizzazione di arti lesi Termini come “motion stable", "exercise stable” ecc. sono entrati nella medicina e naturalmente sono stati adottati immedia- tamente © con sucesso dai medici sporti- vii Alcuni bendaggi aventi caratteristiche cche bloceano il movimento e impediscono gli sforzi sono stati sviluppati tenendo ore Ssenti queste considerazioni. Basti solo ri- cordare le forme e i tipi diversi di tutori del Ginocchio. Limmobilizzazione totale me- diante un bendaggio gessato non era pit necessaria ed in tal modo potevano essere evitate le conseguenze negative di una prolungata immobilta assoluta, Il concetto di “funzionale’ doveva naturalmente tarsi strada tra le tecniche di bendaggio. Mentre prima i bendaggi erano applicati solo con il paziente in posizione distesa, nel tratta- mento mediante bendaggio funzionale, che viene applicato con il paziente in piedi, si tiene conto della forma dei muscoli e dello sforzo normale, Gli stabilizzatori dinamici delfarticolazione vengono attivatt dal ben- daggio funzionale. 11 50% del sucesso di una terapia dipende generalmente dal trattamenta postoperato- fio, La cosa migliore ogg! per un immediato ‘rattamento funzionale @ usare un bendag- ia funzionale, La pratica dimostra che, usando un bendaggio individuale, i proble- ma dei bendaggi circolari anelastici, che solo alcuni anni fa aveva portato ad accese discussioni, & ormal inilevante. Il bendag- gio funzionale ha ottenuto riconascimenti incondizionati non solo in Germania, ma a livella intemnazionale. Nelle pubblicazioni internazionali vi é un numero sempre mag- giore di artical! provenienti dal settore della tecnica di bendaggio. Gi autori sono eminenti esperti della tecni- cca di bendaggio funzionale. Entrambi han- no studiato-@ fondo la materia per circa ventanni e mediante numerosi seminari e Corsi pratici hanno reso questa tecnica di bendaggio accessibile a medici ¢ fisiotera~ pisti sportivi II numero sempre crescente di richieste di iserizione a questi seminari dda addetti di tutte le discipline conferma la ecessita di questo istruzioni pratiche. Mio fratello Hans~Juergen Montag ha con tribuito con la sua pluriennale esperien- za pratica allo sviluppo di questa tecni- ca di bendaggio. Egli & massaggialore e fisioterapista sportivo ed ha lavorato er numerosi rinomati club e varie squa- dre di livella nazionale, internazionale © olimpico. Ha contribuito notevolmente_al- Pintoduzione del titolo “fsioterapista sportive del DSB", Dal 1984 6 fisiotera- pista sportivo della squadra nazionale di calcio tedesca. Peter D. Asmussen ha lavorato pit) sul la- to editoriale dello svilyppo e della diftu- sione dei bendagai funzionali. Le sue prin- Cipali aree di lavoro comprendona tra Faltro la produzione di filmati e ta pubblicazio- ne di libri ed opuscoliillustrativi che so- no ora diflusi in tutto il mondo come ma- teriale informativo e di addestramento. Egli ha anche un tuolo importante nel- Vorganizzazione e nella realizzazione di ‘seminar e di altri avveniment. La collaborazione dei due autori € culmina~ ta infine nella pubblicazione di questo te- sto e manuale diuso ui bendaggi funzio- nal del sistema locomotore, che compren- de la funzione, i campi di applicazione ¢ la tecnica di bendaggio raccomandata. Que~ sto libro, secondo me, fa parte del'airez- zalura standard de! medico sportivo e del fisioterapista sportivo, Contriouira a rende- re pil efieace il tratlamento non solo dei ‘nostri campioni e campionesse sportiv, ma anche di molte persone che praticano gli ‘sport per piacere o per hobby. A parte cid pud mostrare molte nuove vie per ridutre la durata del traitamento e il periodo di ria~ bilitazione del paziente, non solo nel tratia~ mento di traumi specificamente sporti, ma anche nella pratica generale, Dott. Wolt-Dieter Montag Medico artopedico, sspecialista in med. sportivae fisioterapia Consulente del GOTS Membro della Commiss. Medica della IOC Indice Bendaggi Funzionali - Primae adesso . Lafunzione del taping . La pelle e | bendaggi funzionali Reazioni cutanee . Lapparato locomotore ei bendaggi funzionali . Posizione delle articolazioni - Determinazione degli angoli - Posizione funzionale .... Determinazione degli angoli dell'apparato locomotore ‘secondo il metodo dello zero noutrale....... Vantaggi dei bendaggi funzionall . Effetti deltimmobilizzazione ligtaie: Sarin ee grado di immobilizzazione dei vari bendaggi ..............30 Indicazion det bendagal funzionali . Esempi diindicazione ... ‘Campi di applicazione Controindicazioni .... Bendaggi funzionali e apparato vascolare 36 Materiale e bendaggio 37 Bende adesive/Cerot Base e materiale per imbottitura . Materiale ausiliario per bendaggifunzionali ........ 40 ‘Stoccaggio dei mater bendaggio ..... Preparazione e protezione della pelle...... Cura della pelle dopo la rimozione del bendaggio ....... 43 Uso del cerotti anelastict (Leuketape) eager ad Uso delle bende elastiche (Elastopast, Acryastic, Tricoplast) 46 Posizione del paziente Imbottitura per bondaggi ... Regole fondamentali per il taping Informare il paziente 51 ‘Segmenti principal Elementi accessori Tabella riassuntiva dei bendaggi alla caviglia Gruppi di tensione ...... Bendaggio classico della caviglia Bendaggio di scarico della flessione plantare ... 60 | Bendaggio a spiga del piede usando bende adesive elastiche . 63 Bendaggio della caviglia con “3 strisce” Bendaggio “Gesso rapido” Tabella riassuntiva dei bendagg! della caviglia e del piede . Bendaggio di immobilizzazione della sindesmosi Bendaggio deli'articolazione basale delfalluce ened Bendaggio di sostegno e scarico degli archi longitudinale e trasverso del piede ... 76 ‘Tabella riassuntiva det bendaggi del ginocchio e del tendine di Achille .....-..- 78 Bendaggio correttivo della rotula Bendaggio di sostegno per Vinstabilita rotatoria ............82 Bendaggio di sostegno legamenti collaterall laterall . Bendaggio di scarico del tendine di Achille ....... -80 -84 -87 Bendaggi per lesioni dei muscoll delle gambe 90 Bendaggio di scarico dei muscoll ischiofemorall 92 Bendaggio di scarico dei muscoli tibiali -.95; Bendaggio di scarica dei muscoli del polpaccio . Bendaggio di scarico dei muscoli della coscia Tabella riassuntiva dei bendaggi delle dita edel polso ......... 100 Bendaggio delle articolazioni basall delle dita - Limitazione delfestensione ... 104 Bendaggio delle articolazioni bbasali delle dita - Limitazione della flessione .... 105 Cinghia per il pollice . 106 Stecca flessibile pere dita... 107 Bendaggio di scarico dellinterfalangea prossimale .. 108 Bendaggio rapido del pollice .. . 109 Bendaggio di scarico delle articolazioni del pollice e del polso . 110 Bendaggio a cinghia per Farticolazione basale del pollice .... 112 Bendaggio di scarico e sostegno del polso e del pollice 114 Bendaggio del polso .......... 116 Tabella riassuntiva del bendaggi dol gomito «.....2+..0..00006 119 Bendaggio per la limitazione delrestensione del gomito ..... 120 Bendaggio per repicondilite (bendaggio di scarico del polso ‘e del gomito) . Bendaggio per Timmobilizzazione del gomito . . 124 122 Tabollalassuntiva dei bendaggi della spalla Bendaggio per Vimmobilizzazione della spalla (Limitazione della rotazione) ... 128 Bendaggio delfintera spalla .... 130 Bendaggio di scarico delfarticolazione acromio- 126 claveare .... =. 132 Bendaggio compressivo delfarticolazione acromio- Claveare oo... ceeeeees 134 ‘Tabella riassuntiva dei bendaggi del collo e del torace .......... 136 Bendaggio del collo (Collare di Schanz modificato) . . 138 Bendaggio di immobilizzazione della colonna cervicale 140 Semicingolo .... ci tat Bendaggio di stabilizzazione della colonna lombare .. 142 Rimozione del bendaggio ...... 144 Indice analitico = 148 Bendaggi funzionali - Prima e adesso ‘Sopra: da “Vorbandslchro von A. Hoffa’, seconda edizione, Monaco 1900. Sotto: da "Leukoplast-Atlas Nr. IM", ppubblicato intorne al 1930. 10 Le lesioni del'apparato locomotore hanno coinvolta i medic! fin dalfinizio della medi cina. Per quanto ne sappiamo dai piti vec- chi documenti medici conosciuti, i papiri di Edwin Smith ed Eber di oltre 3000 anni fa, in quel tempi strisce ai tela dl lino inzuppa- te diresina, quindi adesive, erano gid usate per la chiusura delle ferite. Bendaggi di lino complessi, come quel che sono stati to- vati sulle mummie, fanno ritenere che simili bendaggi erano usati per il trattamento delle lesioni delfapparato locomotore. In manoseritti di data successiva - come per esempio di Ippocrate - sono date delle isiruzioni per bendare. Considerato alto i- vello di conoscenze mediche di quei tem 6 lecito supporre che anche allora veniss fo effettuati dei tentativi per immobilizzare sistematicamente gli arti dopo determinate lesioni. E noto che | gladiatori delf'antica Roma usavano gia applicare speciali ta scialure come profilassi delle lesioni, an- che se non sempre con sucesso. Solo molto pit tard istruzioni dettagliate per i bendaggi, le cul caratteristiche di base ri- vestano ancora oggi un certo valore, furono Faccolte in importanti pubblicazioni del tem- po. Cosi Lorenz Heisters scrive nel 1787 nel suo “Handbuch der Wundarznoy” (Ma- ruale delle lesioni da fasciare) nel capitolo “Von Verrenkungen insbesondere” (sulle di- storsioni in particolare) che nelle distorsioni leggere in particolare delle mani e del brac~ cio i pazienti dovrebbero essere avvisat: “che possono trequentemente _muovere Gelicatamente arto distorto poiché una rig: dita dei tessuti é causata spesso dall'ecces- sivo riposo e dalla fasciatura stretta.” Le conseguenze dellimmabilizzazione era: no quindi gia sulficientemente conosciute, ma mancaya il materiale appropriato per i bendaggio. Le bende elastiche non erano ancora state inventate, | cerotti conosciuti allora erano fragile non adattial'uso. | cambiamento si ebbe con Tinvenzione del cerotta liscio con supporto di stofta pronto per (uso, - successivamente cono- ssciuto come Leukoplast - da parte di Paul Beiersdorf nel 189211 chirurgo di Now York Virgil Pendleton Gibney (1847-1927) si re- se conto dellimportanza di questa inven ione per una nuova tecnica di bendaggio. La tasciatura di Gibney, come fu chiamata successivamente, pud essere ricordata co- me il primo bendaggio funzionale poiche con questo materiale @ con quesia tecnica fu possibile per la prima volta fimmobiliz- Zazione sistematica. ll bendaggio di Gib- ney, con molte modifiche, non ha perso rulla del suo significata fino ad oggi idea di Gibney si diffuse ben presio in al- tii paesi, In Europa furono messe @ punto motte tecniche per sostenere, scaricare © ‘uidare le articolazioni, mediante uso dol Nuovo Leukoplast Linvenzione della fasciatura elastica in tessulo, I"Idealbinde” di E. Bender not 1897 diede inizio ad unvaltra era per i ben- Muscoli Stiramenti, strappi, contusioni, rot- tura delle fibre, rotture dei fas; in- fiammazioni, rotture parzial*, le~ sioni delia fascia. > Legamenti e capsula Stiramenti, strappi, contusioni, le~ sioni,rotture isolate” > Tendini e peritenonio Strappi, infiammazioni (tenovagini- ti, inttazioni dellinserzione tendi- fea (tenoperiostite, tenopatia in- serzionale), borsit’. > Ossa Fissurazioni,iritazioni e infiamma- Zioni periostee (periostit), alcune {ratture composte* (su mani e pie~ di, > Cartilagine Lesioni leggere”. > Contenzione di sublussazioni e lussazioni*, come sostegno dopo urrimmobilizzazione gessata * Salo alcune localizzazioni Postoperatorie D> Sostituzione 0 riduzione della du- rata della immobilizzazione ad es dopo un intervento chirurgico arti- colare*, D> Trattamento dopo immobitizzezio- ne totale, in seguito ad alouni in- terventi sullapparato locomotore". Processi Degenerativi > Insufficienza capsulo-legamento- sa, D> Atrotia muscolare. D> Artrosiiniziale > Irvtazione permanente causata da sforzi eccessivi su muscoli, tend ni, legamenti, cartilagine e struttu- re capsular D> Alterazioni statiche, specialmente del piede (caduta dei metatarsal, pede piatto) D> Disturbi causati da sollecitazioni eccessive sullapparato locomoto- re. Esempi di indicazione Sinistra Situazione: distorsione con strappo, stira- mento e roltura parziale delle sirutture capsulo-legamentose lateral, soprattutto del leg. tibio-peroneale anteriore e del leg. peroneo-calcaneare. Bendaggio: bandaggio della caviglia tipo | Destra Situazione: rottura dei legament! dellart- ‘colazione acromio-claveare (Tossy I) ¢ rot tura capsulare anteriore dell'ariicolazione scapola-omerale. Bendaggio: bendaggi dell'articolazione AG. Sinistra Situazione: fissurazione o frattura compo- sta de! tl metatarsale Bendaggio: i! bendaggio scarica gli archi longitudinale e trasverso, se necessario associato al bendaggio della caviglia tipo | Destra Situazione: rottura parziale de! muscolo retto fernorale. Bendaggio: bendaggio della coscia, ne! caso di rottura delle fiore muscolari Lil \ \ Zi Wa 33 Campi di applicazione > In tut li sport dove & previsto uno sforzo estremo. Nei casi in oui si prevedono sforzi di grado ditferente su muscoll, tendini, lega- ‘enti, capsule aticolar, come durante il lavoro e il tempo libero. > In-caso di disturb latent da fatica o da sovratfaticamento. > Nel caso di disturbi grav a carico delle articolazioni dei muscofl, come nla in- stabita aticotare 0 nella insufficienza legamentosa, in pazienti che voglono fare sport > Come bendaggio ai protezione, ad es. conto sollecitazioni meccaniche sulla cute della mano" > Sul piede, per correggere o evitare problemi static" Durata: solo peril periodo in cui sié sottoposti allo sforzo, Profilassi Un bendaggio a scopo preventivo ri- duce il rischio della lesione e in part colare evita la recidiva del trauma, > Un bendaggio funzionale standard pud essere applicato solo raramente come trattamento iniziale. || primo e pit. importante trattamento di un trauma contusivo prevede la compressione e il freddo oltre alla immobilizzazione necessaria in taluni casi > Nel caso di un trauma molto lieve, per permettere di continuare ancora lattivta, ad es. per terminare una gara, in questi casi, comunque, deve essere garantito ii trattamento definitivo, Trattamento iniziale |W bendaggio funzionale @ usato come trattamento iniziale per limitare i dan- ni di una lesione appena accaduta, in previsione della terapia definitiva, Durata:limitato ne! tempo - in relazione alla situazione e alfentita det trauma, fino ad Tor. > Come unico metodo di terapia 0 associato al trattamento delle lesion’ e dei di sturbi, che é stato descritto a proposito delle indicazioni, cosi come sara riportato pid avanti nella descrizione del singolo bendaggio; se necessario, viene usato in- sieme a medicamenti e alla fisioterapia. Terapia Un bendaggio funzionale promuove la guarigione, reintegrando la funzio- ne il pil rapidamente possibile, Durata: in relazione allindicazione, al processo di guarigione, pili volte applicato fino ad 8 giorni > Insieme a trattamentiriabltativi, ad es. allenamenti o sforzi limitati nel tempo. > Dopo unimmobilizzazione totale post-traumatica o post-operatoria per scaricare sostenere le strutture che sono divenute insufficient, ad es. i muscoli soggelti ad atrofia > Dopo la riduzione delle sublussazioni e di corte lussazioni D> Nella riabiitazione mediante chinesiterapia. Riabilitazione Il bendaggio funzionale permette la riabiltazione e previene la recidiva del trauma, Durata: in relazione allindicazione e ai trattamenti agaiuntivi * Quest bendagg) non vengono tata in questo libro, 34 Controindicazioni > Muscoli Rottura muscolare completa, rottura muscolare parziale*, contusion! mu- ‘scolari massive, estese miositi, vasti ‘ematomi muscolati, lesion! muscotari ‘con emorragia arteriosa, vaste lesio- ni fasciall, affezioni reumatiche, sin- drome del seito intermuscolare (sin- drome compartimentale). Controindicazioni generall > Legamenti, capsule, tendini Rottura completa dei legamenti as- sociata a rottura della capsula, rottu- fa isolata dei legamenti, rottura dei legamenti con lesione ossea, rottura tendinea, rottura tendinea completa, lussazioni non ridotte, sublussaziori, gotta > Ossa Fratture (incluse le lussazioni anche ‘elle mani @ nel piedi),lesioni este- se del petiostio, sindrome di Mi- kman, roitura det legamenti con le- sione ossea. > Cartilagine Affezioni estese della _cartlagine, fratture della cartlagine, arti, artrosi avanzata, \Vasti emiatomi muscolari e articolar, important lesioni cutanee, dermatosi allergiche, {ulti disturb e le lesioni non precisamente diagnosticat Nota: in caso di rallentamento del flusso venoso o linatico il bendaggio deve comin- Giare dalle articolazioni basali delle diia ed estendersi sulla gamba fino al ginocchio, A livello delfarto superiore, devono essere inclusii metacarpal e, se necessario, an- che le dita. * Solo aloune localzzazion, Bendaggi funzionali e apparato vascolare Disegno semplificato delf'apparato scolare:arterie (in rosso), vene (in biu) vasi linfatici (in verde). 26 Anche se un bendaggio funzionale @ appli ‘ato per agire con precisione sull'apparato locomotore, allo stesso tempo esso.in- fluenza le vene e | vasi linfatici. Questo é ln effetto desiderato, poiché per ogni le- sione dellapparato locomotore viene inte- ressato anche il sistema circolatorio, In questo libro non entreremo nel dettaglio degli effetti dei bencaggi sullapparato vax soolare, piuttosto saranno brevemente de- scfitte solo le interazioni tra il sistema cir- Colatorio e il bendaggio, essenziali per | bendaggi funzionali Un sostegno per la pompa muscolare venosa Un bendaggio della gamiba che includa i piede, in materiale anelastico (Leukotape) © solo leggermente elastico (Tricoplast, Elastoplast", Acrylastic) rappresenta un va- lido supporio per la contrazione muscolare {soprattutto nel polpaccio). Le vene e | vasi lnfatici sono fortemente spremuli sia nelle regioni superficial che profonde, menire nelo stesso tempo il turgore viene aumen- talo. Una forte azione di pompa si sviluppa, allinterno del bendaggio, per Tefetto della contrazione e del rlassamento muscolare. Le tumelazioni causate dal'insufficienza venosa e gli edem post-traumatici diminul sono, Tutlavia, cid significa che il bendag- gio diventera presto largo e dovrebbe es- Sere cambiato poiché la ciconferenza del- Testremita si 8 ridotta, Cosi i bendaggi funzionall di questo tipo ri spondono alla. domanda degli angiologi di Una effttiva rimazione delia congestione poiché ad un'ita pressione di lavoro corr sponde una basa pressione di riposo. * Vedi pag. 38. Ematomi Lo sviluppo degli ematomi ¢ delle tumeta- Zioni pub essere prevenuto o ridotto trai te un bendaggio funzionale compressive (se necessario anche con un effetto rintre- scante) applicato immediatamente dopo il trauma, Gili ematomi che si sono gia sviluppati si riassorbono pit velocemente, perche il ro~ fismo tissutale viene migliorato dal ben- daggio. Lefetlo pud essere inolire accre~ sciulo con un'appropriata associazione di farmaci per uso topico. Associazione di bendaggi Se oltre a disturbi di base sopravvengono del problemi ortopedicl durante una terapia condotta per affezioni venose o linfatiche, in particolare alle gambe, Vassociazione per es. di un bendaggio adesivo elastico on elamenti di bendaggio funzionale, co- me briglie di cerotto non elastica, si @ rive- lata, in certi casi, vantaggiosa nella pratica. Materiale e bendaggio Un materiale di bendaggio di buona qua- lta che risponda ai requisit richiesti é, nei bendaggi funzionali, alrettanto importan- te della stessa tecnica professionale di bendaggio. Senza un materiale di ben- daggio adeguato anche il bendaggio ap- plicato con una tecnica elaborata pud es- sere solo parzialmente efficace. La co- noscenza dettagliata dei vari material @ pertanto indispensabile per un uso ade- uato. Due sono gli scopi fondamentali da rag- Glungere mediante il bendaggio tunzio- Tale: Massima sta Mobilita guidata Quest scopi possono essere meglio rag- unt! mediante un bendaggio che aden ca diretlamente e saldamente alla pele, modo da garantire la massima stabilita utilizzando il minor numero possibile di Stati sovrappost, Gli stati possono sc volare uno sulfaltro, provocando una perdita di stabilta che @ tanto pil consi derevole quanto pi numeresi sono gl strati applicati. Inoltre i bendaggi a pil stati sono pi spessi e rendono difficoltoso l'uso delle scare. Una mobilité quidata pud essere raggiunta mediante Tso di ur'adeguata tecnica di bendaggio e la combinazione di vari material | material base del taping o bendaggio funzionale sono cerotti e/0 bende adesi- ve. Cid significa pezzi di tessuto elastico anelastico di varie larghezze e lunghez- e rivestiti di adesivo. er giudicare la qualita det bendaggl ade- sv Sono important i seguenti crite Capacita adesiva Capacita adesiva istantanea e prolunga- ta anche in condizioni estreme. La capa- cita adesiva necessaria dipende dallin- dicazione, cos! ad esempio per un ben- ‘daggio di scarico del tendine i Achille, rel quale si possono verificare forze Diagn La diagnos’ esatta e univoca del me- dico € owiamente il requisite fonda- mentale. Solo avendo unidentifica- Zione precisa del disturbo funzionale si possono stabilire le modalita de ‘bendaggia funzionale. Non eseguire mai il bendaggio se la diagnosi non @ chiara, wece, si debba proteggere tuna struttura danneggiata con un bendaggio preventivo, senza che vi sia una reale malatia, il bendaggio polra essere applicato in base alla funzione senza bisogno di diagnosi > Indicazione, scope del trattamento Alla diagnosi segue la definizione precisa dello scope del trattamento, ‘che determina il tipo di bendaggio © la scelta de! materiale. >> Posizione durante lapplicazione Si deve stabilire la posizine migliore Per il paziente, che non deve essere sottoposto a sforziinutili e por i terar pista, che deve poter lavorare senza impediment. D> Materiale Si devono avere a portata di mano i ma- teriali appropriati nei quantitativi neces- sat > Trattamento della pelle La palle deve essere preparata a sop- portare il bendaggio ed eventuaimente protetta, > Determinazione della posiziono articolare La determinazione e Teventuale come- zione della posizione dellarticolazio- ne viene effettuata prima delfapplica- Zione del bendaggio in base alla pre- ‘senza 0 meno del dolore. Lo scarico delle sollecitazioni vera. valutato in questi casi sulla base della posi- Zione neutra e della posizione funzio- nnale delle articolazioni. Queste varia no da individuo a individu e si sco- stano notevolmente dagli standard nor- ‘mali negli sportivi sia uomini che don- ne. | bendaggi preventivi vengono ap- plicati secondo T'intensita dello storzo previsto. > Stabilizzazione della posizione articolare La posizione delle anticolazioni viene fissata per ogni bendaggio secondo la situazione del caso. |i paziente deve sforzarsi di mantenere la posizione sta- bilita, eventualmente con Tausilio di un supporto passivo. La posizione deve ri- ‘manere invariata per tutta la durata del- Vapplicazione. | bendaggi che vengono applicati alfnizio in scarico e alla fine sotto sforzo sono eccezionali > Applicazione veloce, precisa Nellapplicare il bendaggio si dovreb- be tenere conto non solo delfaspetto funzionale, ma anche di quello esteti- 0. II bendaggio diventa come un capo di abbiglamento per il pazionte © Quindi i bigliato da visita del terapista. > Controtio del bendaggio Si deve controliare la stabil ¢ la {unzione in catico atvo di ogni ben- daggio, perché é di capitale impor- {anza vercare i livell di sforzo che non provecano nessun dolore. In al- uni casi @ consigliabile far effetiuare un breve sforzo, ad esemoio cammi- nare, e poi rcontoliae i bendaggio. D> Informazioni IN paziente deve conoscere lo scopo del bendaggio, la sua intensita, le pprecauzioni ed i necessari o possibil fastidi o complicazion. > Control Per i bendaggi che devono essere pportati per un lungo periodo di tempo UO essere necessario un contrallo dopo alcuni gion D> Rimozione attenta Ogni imozione del bendaggio prova- cca una trazione pil o meno forte del- la pelle & per questo si dovra proce- ere alla rimozione 0 al cambio del bendaggio con la massima cautela, In caso di pazienti particolarmente sen- sibill il bendaggio pud essere imbe- vvuto di benzina, | residui di sostanze adesive possono essere faciimente ‘asportati con della benzina Informare il paziente La collaborazione del paziente & di fon- damentale importanza per il sucesso dol trattamento con bendaggio funziona- le, come del resto per ogni tipo di te- rapia, I-concetto base ed al tempo stesso uno dei principali vantaggi del taping é la conservazione di gran parte della mobi- Ita. I paziente che porta il bendaggio de- ve quindi assolutamente continuare 2 muoversi, effettuando | movimenti che non provocano dolore. inoltre dovré ov- vviamente avere cura del bendaggio. Anche se il bendaggio é applicato cor rettamente possono sorgere delle com plicazioni ed il paziente dovrebbe sapere ‘cosa fare in questi casi, sebbene rar. Qui a destra é riportato un esempio di scheda informativa per i pazienti, nella quale sono riessunte le informazioni principal. Data dl applicazione Data del controll. Data prevista per a imozione Timbro Informazion! importanti peri pazienti con bendaggi funcional, I bendagaio che portate ha lo scopo ai favorite la quarigione. Deve calzare bene. Non dove cau- serv ulterior problem Per favore leggete attentamente le seguenti Informazioni : . ih . "= lyantaggiodeven- Non indossale ane Proteggete vostro, Quando fat doo: doggie unzionale € con bendoggi al brac- bendaggio unsionsle ea, potele proteggere Sheviene mantencia Sooallamana, "alumi Lebende ‘i bendagglo con on lamabit La guar” poreheincaso ai Bossonoreengers|sacchto plastica gione viene favorita _gonfiori non o perdere la loro ade- datmovimenio, fog equind!sare- shit se baghete.Una pureneingolore. bi bonds elasicaavvolta flor normaiments noel bendsog Op” Seompaione ponendo. pure un benda. arto in posizione pit’ Esmarch proteggeran- elevate Fspettoal” nol bendsggi dalla troneo. Sporeo e darumie, ‘Abit Scerpe Si raccomanda di indossare abi comadi ed in caso i bendaga) al piede o ala gamba portare carpe basse ‘Anche con bendaggi tunzionall appicati correttamente possone sorgere delle complicazion|. I bendaggio deve essere tagliato e rimosso immediatamente in caso di: x ~ Dolore forte in conti-- Gonfiore importante, Colorazione bianca- ‘nuo aumento, Soprattutto alle dita” stra.o bluastra dello elie manie dei pie- ita delle mani e det i,che non diminu- _piedi che non dimi- ‘sce mantenendo far- fuisce in posizione foinposizione solle- di riposo con rarto vata rispetto al tron-_sollevato rispetto al 60. corpo. Un forte prurito pud essere I segnale di una iritazione dolia pale. In questo caso il endaggio eve essere sosttito con un altfo con una maggiore protezione per la pele. © BDF @@@@ Beiersdort SpA Milano l= Intorpiaimento, “or misne esis rovwise imitaziont {el movimento. 51 Segmenti principali Segmento Funzione Materiale Striscia di ancoraggio Le strisce di ancoraggio sono i primi ele ‘enti del bendaggio. Le briglie vengano tis- sale su di esse. Sono appitcate alle estte- ‘mit del bendagalo e senza trazione, La lo- {0 drezione dpende da element! anatomic ‘ funzional Cerotio anelastico (Leukotape), applicato senza trazione. | gin di base sono applicati come bendaggio base quando si desidera un ultrire offetio compressive. Bende adesive elastiche (Elasioplast", Acry- laste Teeopis) per bongaga bese Oot press anpiical con la glustatensione. Briglie Le brgle sono le part principal del bendag- Qo. Esse determinano la funzione det ben- {daggio, Scaricano | muscol, | legamenth, fe struture inlore e le alre parti delaricola- Zione, © quidano i movimenti. Il numero e il ‘ecorso di esse cosi come il tipo di briglie dlipendono dalfanatomia, dal'indicazione © dalla dimensione della zona di applicazione. 'A seconde dela funione del bendegalo bende/eertl adesi eneasti (Leukotpe) © bends adesive slasiche (lasoplas. Renita) con ato potere alesho. Strisce di fissaggio Le briglie che sono sottoposte a grande tre Zione sono tenute sugli ancoraggi mediante Svisce di issaggio, stato dopo strat, in mo- do che le briglie non possano allentarsi. Le strisce di fissaggio sono generalmente ap- plicate in semicerchi e decorrano perpendt Colarmente rispetto alle brgle. Bende/cerott adesivi anelastie’ (Leukotage). 62 IN bendaggio viene fitrito con dele srisce di fivestiments. Esse assicurano che le brglie ‘abbiano una sicura tenuta Tuna sulfaltra © i Dendagglo presenta in tal modo un solidar- vestimento chiuso. ‘Stesso materiale che per le brig. * Vedi pag, 38 | Elementi accessori Elemento Funzione Materiale Adesivo LLuso_delfadesivo migliora_marcatamente Taderenza del materiale di bendaggio lla pollo, lunge da protezione cutanea e riduce la depilazione. Spray adesivo jpoallergenico (Leukospray), LLimbottiura viene usata per riempire cavita € per coprire delle parti prominenti o per proteggerie circondandole con una quantita i materiale suffcjente ad annullare la spor ‘gonza.Essa viene anche usata come veicolo {i medicament atti local, come le pomate aniiiogisticne. ‘Schiuma di atice rivestita su un lato di tes: Suto (Antfoam), benda per imbotitura in bra sintetica (Artie), elt. Base (Protezione cutanea) Una base protegge le pell delicate riduce o pteviene i! contatio ditto con la pelo @ fis- ‘2 material dl impotttura, Base con elleto compressive: benda ade ‘a. becca poalorgnica tricone bendagio enesvo mote sot. (Gaze) Gia faseto ala pole con Io spray ades0), Garza adeswa elation ‘poalrgenica motto Strisce di sicurezza 1 bendagoio pud essere ulteriormente pro- tollo dalle strisce di sicurezza che sono ap- plicate sul bendaggio finto in punt! dl part- Colare trazione meccanica, come ad es, i tallone. Bende/cerctt! adesivi anclasticl (Leukotape ‘© cerott color pele (Leukopias Un bendagalo oi Esmarch usato come co- Pertura protagge i! bendaggio dalle maccnie ‘dalla manipolazione da parte det paziente, ‘Benda elastica tipo Esmarch (Tricot, 53 Tabella riassuntiva dei bendaggi alla caviglia Tipo di bendaggio Bendaggio classico Bendaggio di scarico della caviglia della flessione plantare Pagina Gruppo Pag, 56 wai) Pag. 60 " ditensione Funzione del bendag Stabilizza la caviglia e jl tarso nel loro piano fisiolagico funzionale Possiede un effetio compressive sugli ‘ematomi (prevenzione dello sviluppo e aumento del riassorbimento) Limitazione sistematica della flessione plantare, incluse le articolazioni de! tar- 50 Lieve limitazione della supinazione © ppronazione Indicazioni Materiale Distorsioni di grado medio Stiramento dalle strutture legamentose peroneal LLesioni capsular Insufficienza legamentosa Sublussazione dello scafoide Base: Tricoplast 8 em:2.5 mo Gazofix 8 cm: 4m Cerotto: Leukotape 3,75 om: circa 10.m Arlifoam, Leukospray Distorsioni lievi della caviglia ‘Trauma in flessione Stiramento capsulare Astenia dei muscoli estensori Elastoplast™ 8 om: 25 m Leukotape 3,75 om: 4,5 m Leukospray Ulteriori informazioni ‘Se necessario, farmaci locali come tera~ pia associata Non tirare eccessivamente la briglia dorsale e quella sdoppiata Controllare la trazione dopo § minuti, camminando Durata / Controlli 54 Fino a4 giomi Fino a 4 giorni * Qualohe autore seandinavo deserve uso con successo del bendaggio funzionale nella rottuta completa del legament | Tabella riassuntiva dei bendaggi alla caviglia Bendaggio a spiga del piede usando bende ades. elast. Bendaggio della caviglia con “3 strisce” Bendaggio “gesso rapido” Pag. 63 W Pag. 66 Pag. 67 tM Stabilizzazione elastica della supina- zione Effetto compressive notevole (tratta- mento preventivo per ematomi ed ede- mi) Stabilizzazione della caviglia in generale Limitazione della supinazione in partico- lare Stabilizzazione della caviglia in tutti i piani funzionali Immobilizzazione del tarso Limitazione notevole della flessione plantare Buon effetto compressive Trauma da supinazione, soprattutto le- sioni del leg. peroneo-astragalico ant. Stiramento capsulare Strappo dei legamenti lateral Acrylastic 0 Elastoplast"* 8 cm:2,5 m Leukotape 375 om: 2-3 m circa Leukospray Trauma da supinazione (inversione) Stiramento o strappo dei legamenti late- ral e della capsula, Tricoplast 0 ‘Aarylastic 8 om: 25 m Leukotape 3,75 cm: circa 10-1,5 m Leukospray Gravi distorsioni_ con lesion capsular della caviglia Rottura parziale dei legamenti lateral LLesioni della sindesmosi (grado |) Elastoplast"* 8 cm: 2.5 m Leukotane 3,75 om: circa 5 m Leukospray (se necessario: base) Evitare una pronazione esagerata Includere il caleagno Controllare la trazione dopo 5 minuti, ‘camminando, Non tirare eccessivamente le bende elastiche vit. complic. da pronazione esagerata Controllare la tensione dopo § minut, camminando. Fare attenz. che le articolazioni siano posiz. in modo da non causare dolore Contr la tens. dopo § min, camminando Se necessaro, proteggere la palle con Gazofix e Leukospray Fino a 8 giorni; controllo dopo 2 giorni. Vedi pag. $8 Fino a 14 giorni Controlli dopo 2 e 8 giorni Con la base 10-14 giomi (senza la base fino a 8 giorn) Control dopo 2 € 8 giomi. Gruppi di tensione Nel bendaggio funzionale, mobilité da un lato e stabilta dalfatro, devono essere as- sociale, anche se sembrano caratteristiche opposite fra loro, Entrambi questi pare~ met sono variabil, Per ciascun paziente e ciascuna indicazione I gradi di stabilta 0 ‘mobilita che devono essere raggiunti col bendaggio vanno stabi Per es: mentre in un caso di distorsione della caviglia un bendaggio con relativa bas- sa stabiita é sufficiente per una persona con modesta attivila, per la medesima lesio- ne é necessario un bendaggio con una stabilta ben pit alta se il paziente é uno spor- tivo professionista che vuole riprendere gli allenamenti il pit presto possibile. In rap- porto alindicazione e allo siorzo prevedibile, i bendaggi possono essere divisi in re ‘gruppi di tensione. | tre gruppi di tensione descr qui sotio hanno dei valori standard, ‘che sono raggiuntiutizzando i materiali consigiali e seguendo la tecnica ilustrata, Gruppo ditensione | Gruppo di tensione i (meaioy (rote etre: Materia atrle “bende. adesive lastiche - bendaggi adeshi elastic! - bonda anclasica, applicata Che possono essere par: associa a bende anelastr dvellamanle Sula pall oe Zaimenteinferzate Gon heim roladone ale est necessaro. sostenuia Ga Gerotto anetasticn gerze’ ‘analomo-iniiogr bende adesWve elastiche CEmpi ci eppleazone: ore longtuinl Strament evi dele stut- Campi di applicazione: Campa applicazione: lute logamentose 61 unar- “‘ietorsiont &i meda entta “gra ‘dstorsonl Con par- on eviuppo dlematom’ Sale rotura muscolre 9 + Stappl musesian ematoma “fottura dale bre muscola- -fesone capsule lege- ‘inslenelocalzzacion’_ mentosa : rave contusione aiolare = ost Simuscolare con ematoma { post-operatorio, dopo. im- -fssuraiont 0 ature os Mobitezazionetolale,6opo see" Miduzone diiussazion "= lussazioni e sublussaiont