Sei sulla pagina 1di 56

ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI

REGIONE LAZIO

A.I.FI.
Corso di

MASSAGGIO
CONNETTIVALE
MARIA GIULIANA BRUTTI

PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Origine del metodo


Il Massaggio Connettivale nasce, in modo empirico, dall'osservazione di E. Dicke che, in
occasione di una sua grave patologia (endoangite obliterante), prov su se stessa
l'efficacia delle manovre di trazione nelle zone sacrale e della cresta pelvica.
Queste manovre le provocavano una netta sensazione di taglio ma contemporaneamente,
all'arto malato, avvertiva formicolio accompagnato da ondate di calore. Estendendo questo
tipo di manovre anche alla zona del trocantere, la situazione miglior ulteriormente.
All'universit di Friburgo fu studiata la possibilit terapeutica di queste osservazioni dal
prof. Kolraus e dalla dott.ssa Teirich-Leube che misero a punto una tecnica, tuttoggi
applicata con successo.
Per quanto riguarda la diagnostica, sono da rilevare le osservazioni fatte da Head, il quale
not che, in caso di una malattia degli organi interni, alcune zone del tronco diventavano
ipersensibili al contatto, alla pressione, al calore e al freddo. Nello stesso periodo, Me
Kenzie divulg le sue osservazioni sulle zone muscolari, mettendo in evidenza come, in
caso di patologie infiammatorie acute, la tensione muscolare aumentasse nella zona di
proiezione cutanea dell'organo interessato.
Inizialmente le zone cutanee e muscolari rivestivano esclusivamente importanza
diagnostica, in seguito, mediante l'elaborazione dei vari studi sui rapporti tra cute (Head),
muscoli (Mc Kenzie) e organi interni, le stesse zone riflesse poterono fornire indicazioni
neurotipiche.
In numerosi casi di malattia e di disturbi funzionali, fu costatato come le zone riflesse
interessate rimangono evidenti nella mappatura del dorso.

2
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Schema del sistema nervoso autonomo


Il sistema nervoso, soprattutto dal punto di vista funzionale, diviso in una componente
somatica e in una componente autonoma; la prima controlla per lo pi le attivit
volontarie, la seconda regola le funzioni involontarie.
Queste due componenti non sono entit separate, si sviluppano dalle stesse cellule
primordiali, comprendono parti centrali periferiche che strettamente collegate entrambe
sono costituite da neuroni afferenti, efferenti e internuciali fra loro connessi formando cos
vie ascendenti e discendenti, nonch archi riflessi similari.
Le componenti autonome centrali sono parti intrinseche del sistema nervoso centrale,
sono

localizzate

nell'area

premotoria

frontale,

nel

talamo,

nell'ipotalamo,

nell'ippocampo,nel cervelletto nel tronco encefalico e nel midollo spinale; questi livelli
superiori ed inferiori sono fra loro correlati da vie ascendenti e discendenti.
Le componenti periferiche del sistema nervoso autonomo comprendono le due catene dei
gangli del simpatico o tronchi del simpatico paravertebrale che si estendono dalla base del
cranio al sacro-coccige; i gangli della regione cefalica, quali il ciliare, lo pterigo-palatino,
l'otico, il sottomandibolare e il carotico. I plessi e i gangli prevertebrali, quali i cardiaci, il
celiaco, il mesenterico, l'intermesenterico e l'ipogastrico; i plessi localizzati al di sopra o
all'interno delle pareti dei visceri e vasi; i gangli annessi alle ghiandole (epatici e surrenali).
I gruppi cranici e sacrali sono definiti come PARASIMPATICI e i pi numerosi gruppi
toraco-lombari come SIMPATICI.
Sebbene le fibre (assoni) simpatiche e parasimpatiche trasmettano impulsi che inducono
effetti differenti i loro neuroni sono morfologicamente simili.
Le fibre pregangliari sono poste prima dei gangli e sono MIELINICHE; le fibre postgangliari
sono poste dopo il ganglio sono AMIELICHE ed hanno un colore rosa-grigiastro.
Le fibre pregangliari parasimpatiche della porzione cranica contraggono sinapsi nei gangli
ciliari, pterigo-palatino,otico, sottomandibolare, cardiaci e celiaci, nonch in gangli pi
piccoli posti nella parete della trachea, dei bronchi e del canale gastro-intestinale.
Le corrispondenti fibre sacrali formano sinapsi nei plessi ipogastrici inferiori (pelvici), in
3
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

microscopici gangli dei plessi enterici della parte distale del colon e dell'intestino retto o
delle pareti della vescica e degli altri visceri pelvici.
La maggior parte delle fibre simpatiche toraco-lombari terminano contraendo sinapsi nei
gangli dei tronchi del simpatico, mentre altre fibre li oltrepassano per portarsi a formare
sinapsi in gangli come i celiaci mesenterici e i renali.
I gangli di sinapsi parasimpatici sono localizzati in prossimit delle strutture che innervano
o addirittura all'interno delle pareti o del parenchima dei visceri, in modo che le fibre
postgangliari parasimpatiche risultano essere relativamente corte.
I gangli di sinapsi simpatici generalmente sono pi lontani dagli organi innervati e di
conseguenza

le

fibre

post-gangliari

simpatiche

sono

spesso

pi

lunghe

delle

parasimpatiche.

4
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Nervi adrenergici e colinergici


I termini" adrenergici " e " colinergici " furono introdotti da Dale nel 1933 che supponeva
che l'impulso si trasmettesse tramite mediatori di tipo chimico.
L'ADRENALINA e la NORADRENALINA sono i principali neurotrasmettitori; a livello delle
terminazioni simpatiche periferiche di tipo ADRENERGICO, mentre acetilcolina per lo pi
associata agli effetti parasimpatici o COLINERGICI. Comunque l'acetilcolina un
importante neurotrasmettitore nelle sinapsi sia simpatiche che parasimpatiche.
Altre sostanze chimiche sono state ritenute come agenti trasmettitori quali l'adenosinatrifosfato (ATP), l'acido gamma-amino-butirrico (GABA), un polipeptide chiamato sostanza
P, l'istamina, l'acido glutammico e le prostaglandine.
Tab. 1 Azione del Simpatico e Parasimpatico sugli organi interni.
ORGANI
STIM. SIMP
STIM. PARAS.
_______________________________________________________________
CUORE
Aumento frequenza
Diminuzione frequenza
VASI
Costrizione
Dilatazione
BRONCHI
ESOFAGO

Dilatazione
Rilassamento

Costrizione
Contrazione

STOMACO
INTESTINO

Inibizione peristalsi
Inibizione peristalsi

Eccitamento peristalsi
Eccitamento peristalsi

VESCICA

Ritenzione urine
(inibizione del detrusore)
Vasocostrizione

Emissione urine
(contraz. del detrusore)
Vasodilataz. (erezione)

Dilatazione

Restringimento

Salivazione scarsa

Salivazione

e densa

e fluida

Sudorazione scarsa e densa


(sudorazione fredda)
Esoftalmo

Sudoraz. abbondante
e fluida
Enoftalmo

GENITALI
PUPILLE
E RIMA DELLE PALPEBRE
GHIANDOLE SALIVARI
abbondante
GHIAND. SUDORIPARE
MUSC. DI MULLER

Sistema nervoso autonomo


5
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Il Sistema Nervoso Autonomo addetto al mantenimento della Stabilit dellAmbiente


Interno. Le funzioni che esso governa si svolgono di norma senza interessamento della
coscienza.
Si compone di 2 settori distinti PARASIMPATICO e SIMPATICO. Entrambi hanno i loro
centri Superiori dellEncefalo.

La

stimolazione

generale

del

Parasimpatico

promuove

le

funzioni

vegetative

dellorganismo.
Stimolazione del Parasimpatico e inibizione del Simpatico producono, in complesso, gli
stessi effetti.

6
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Sistema nervoso autonomo


I Sistemi Simpatico e Parasimpatico agiscono, di norma, in modo da bilanciarsi
reciprocamente. Lattivit di un organo . in ogni momento, regolata dalle due opposte
influenze.

La stimolazione generale del Simpatico porta ad una mobilitazione delle risorse corporee
oonde porre lorganismo in condizione di affrontare stati di emergenza. Stimolazione del
Simpatico e inibizione del Parasimpatico producono, in complesso, gli stessi effetti.

7
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Riflessi del Sistema autonomo


CENTRI del SISTEMA AUTONOMO situati nellENCEFALO e nel MIDOLLO SPINALE ricevono
AFFERENZE SENSITIVE dai VISCERI (le conoscenze relative al loro percorso sono meno
precise di quelle riguardanti le EFFERENZE MOTORIE del Sistema). Tra i NEURONI
SEN5ITIVI alcuni recano informazioni riguardanti eventi svolgentisi nei visceri ai CENTRI
VEGETATIVI SUPERIORI che emettono impulsi atti a modificare lattivit di CENTRI
VEGETATIVI INFERIORI nel TRONCO dellENCEFALO e MIDOLLO SPINALE.

LArco Riflesso Autonomo differisce dallArco Riflesso Somatico soprattutto per il fatto di
avere 2 Neuroni efferenti. La trasmissione dellimpulso della branca Afferente a quella
Efferente comporta, probabilmente, lintervento di uno o pi Neuroni connettori.

8
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Trasmissione chimica alle terminazioni nervose


Quando un impulso si propaga lungo una fibra nervosa, sodio entra in questa e potassio
ne esce. Allorch tale processo raggiunge la sinapsi tra neurone e neurone, o quelle tra
neurone ed organo effettore. si ha la liberazione di una speciale sostanza. Questultima
valica la discontinuit e costituisce lo stimolo atto ad alterare il potenziale di membrana
del successivo neurone (o dell'effettore) ivi suscitando quell'onda di depolarizzazione e
quell'alterazione della permeabilit di membrana, con conseguente scambio ionico, che si
traduce nell' impulso trasmesso.
Alcune fibre nervose, quando vengono eccitate, liberano una sostanza acetilcolino-simile.
Ad esse si da il nome di COLINERGICHE. Altre liberano noradrenalina. In tal caso vengono
dette ADRENERGICHE.

Si pensa che esistano anche altre sostanze che. secrete da neuroni. possano agire come
MEDIATORI SINAPTICI destinati a regolare certi aspetti dellattivit cerebrale. Tra queste
figurano la SEROTONINA ed altre AMINE SIMPATICOMIMETICHE.

9
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Rappresentazione dei limiti estremi dei dermatomeri (dalle osservazioni cliniche di


Djerine, Foerster, Purves-Stewart, Hansen e Schliack, ecc.).

10
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

11
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Massaggio Connettivale
Il massaggio connettivale consta in due manovre principali:
Manovra di aggancia mento
Manovra di stiramento (manovre lunghe e semi lunghe).
Qualsiasi di queste due manovre deve sempre dare al paziente la sensazione di taglio.
Se questo non avviene vuoi dire che:
si "fuori" dermatomero;
non si agganciata bene la fascia;
Nel caso non si avesse la "giusta risposta", interrompere il trattamento e iniziare di nuovo
dalla prima manovra. Continuare il lavoro non seguendo il decorso del dermatoma
controindicato, in quanto si possono provocare al paziente reazioni spiacevoli (vertigini,
senso di nausea, etc.). E consigliabile eseguire il Massaggio Connettivale in un ambiente
idoneo (tranquillo e senza interruzioni, in modo da poter dosare le manovre).

Valutazione
Paziente seduto con i piedi in appoggio, schiena dritta e ben illuminata. Si vanno a
valutare tutte le zone della schiena come da schmi allegati,
si valutano palpando la schiena le eventuali differenze termiche del tessuto, le zone
ri~onfie e le zone retratte. Le prime indicano una patologia recente o tuttora in corso; le
seconde una patologia passata ma che non detto si sia risolta. Ci sono poi le zone mute,
che fanno sospettare una patologia di cui per il paziente afferma di non aver mai sofferto
(potrebbe essere un retaggio genetico di patologie di cui hanno sofferto i familiari). Si
deve parlare molto con il paziente e chiedere il maggior numero di informazioni per evitare
reazioni spiacevoli. Le zone mute devono essere tenute in considerazione in quanto
debbono far sorgere dei dubbi che, per quanto possibile, andrebbero risolti.

12
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

13
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

14
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Indicazioni
Arteriopatie di qualsiasi natura (morbo di Burger 1 0_2 o stadio);
Morbo di Reynauld;
Osteoporosi da non uso e da menopausa;
Dismenorrea funzionale (escludere neoformazioni);
Disturbi da stress;
Emicrania vasomotoria;
Asma branchia le;
Ipertensione;
Problemi minzionali quando dobbiamo aiutare la minzione (ritenzione urinaria) o la
chiusura degli sfinteri in caso di piccole perdite;
Lombalgie;
Zone gonfie delle mestruazioni e della testa;
Algoneurodistrafie ( ... ma non tratto gli arti!).

15
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Contraindicazioni
Tumori e/o metastasi;
Litiasi renale e biliare;
Primi 4 mesi di gravidanza;
2 o e 3 o giorno di mestruazioni;
Malattie acute in atto (attenzione alle zone rigonfie);
... attenzione agli ipocondriaci;
Tutte le patologie infiammatorie;
Ipotesi patologiche;
Distrofie cutanee;
Diatesi emorragiche;
Arteriopatia diabetica e altre patologie dismetaboliche che danno problemi di trafismo
cutaneo;
Morbo di Burger 30-4 o stadio (presenza di escare alle dita, segno che comincia la
cancrena e potrebbero partire degli emboli);
Zona del cuore gonfia;
Zona dell'intestino gonfia;
Zona del fegato gonfia;
Epilessia;
Ipotensione (non fisiologica);
Nefrosi;
Epatosi.

16
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Piccola costruzione

Nel Massaggio Connettivale le manovre si fanno con il 3 o e 4 o dito molto vicini e


leggermente flessi, importante tirare con la spalla e non con il polso; il 2 o dito si usa
come riferimento.
Dopo la prima manovra sulla piega anale, si continua con piccoli agganciamenti a due cm.
dal sacro, tirando verso questo, fino ad arrivare sotto l'ala i1iaca (n.b. se si inizia a dx,
tutte le altre manovre partono da dx) qui proseguo, in direzione esterna, con
agganciamenti verso l'alto.
I punti di reazione (che sono dei rinforzi), possono essere stimolati in qualsiasi momento
del trattamento, a discrezione del terapista, ma devono essere "toccati" una volta sola in
tutta la seduta.
Dopo aver completato entrambi i lati "traccio" una manovra lunga partendo dalla base del
sacro fino alla spina i1iaca antero-superiore, passando sopra lala iliaca. Per "riempimento
del sacro" si intende, agganciamenti sparsi verso la sua base. Pu capitare che il paziente
stia male (es. lobi delle orecchie diafani, eccessiva sudorazione, sensazione di malessere
crescente ..... etc.), nel caso, sospendere subito e riequilibrare il tutto con 3 o 4 chiusure
del sacro, sempre molto lente e .... ricominciare dall'inizio.

Riassumendo:
1.Agganciamento sulla piega anale verso l'alto (si fa una sola volta);
2.bordo del sacro + agganciamenti ala iliaca;
3.riempimento del sacro
4.punti di reazione iliaco e ischiatico
5.chiusura del sacro (per trovare il punto d'inizio mettere le mani sopra le creste iliache e
lasciar cadere i pollici).

17
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE piccola costruzione

18
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Costruzione del gran trocantere

Metodo LEUBE

(durata 30 minuti circa)


Paziente in decubito laterale, cuscino tra le gambe
1. bordo del sacro;
2. riempimento del sacro;
3. chiusura del sacro;
4. punti di reazione;
costruzione gran trocantere:
5. agganciamenti verso il trocantere nella porzione superiore,
6. chiusura da una met verso l'alto, chiusura dell'altra met verso l'alto;
7. manovre lunghe verso il sacro (S1);
8. verso la base del sacro;
9. verso l'ala iliaca posteriore;
10. verso l'ala iliaca anteriore;
11. verso la "zona inguinale";
12. verso il basso (lungo il tensore, per capire);
13. bordo del sacro;
14. chiusura del sacro.
N.B. Far attendere il paziente per circa 30 min., tenendo sotto controllo eventuali reazioni
postume. La reazione paradossa si manifesta sempre al primo trattamento, nel caso
riequilibrare con alcune chiusure del sacro.
Il primo incontro un "assaggio" alla reazione del paziente al M.C.; le successive avranno
frequenza trisettimanale, per le prime due settimane, poi, fino alla sesta settimana,
frequenza

bisettimanale.

Dall'ottava

all'undicesima

settimana

una

volta

sola;

dall'undicesima fino ai 4 mesi e mezzo una volta ogni 8-10 giorni. Il Paziente non va mai
lasciato di colpo ma seguito costantemente, anche quando sta molto bene, fare almeno
una seduta al mese!

19
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Prevenzione alla dismenorrea

Metodo LEUBE

Si parte a met del ciclo mestruale ( ... e si interrompe ad ogni inizio), con bordo sacro e
chiusura del sacro fatta due volte, per tre volte a settimana (mai tutti i giorni). Alla
seconda settimana comincio a riempire il sacro con qualche manovra sparsa, chiudo e
ripeto la chiusura 3 o 4 volte a seconda del soggetto. Alla 5 - 6 o seduta (terza
settimana), riempimento completo del sacro e relative chiusure con due sedute settimanali
per circa un mese; infine, per un altro periodo, da valutare, una volta ogni 8-10 giorni.
Dopo tre mesi circa si pu procedere con una seduta settimanale.

Patologia circolatoria non diabetica


(vedi piccola costruzione Leube con due chiusure)
Dopo aver tolto tutte le cause di restringimento del lume (fumo) si tratta il sacro: bordo
sacro, riempimento sacro, punti di reazione, chiusura del sacro due volte, ripetendo i punti
sottolineati per tre o quattro volte (controllare le reazioni del paziente, se reagisce bene,
gi al secondo o al terzo incontro posso aggiungere la costruzione del gran trocantere),
sempre tre volte a settimana. Dopo un paio di mesi ( ... non ha pi i piedi freddi, cammina
pi a lungo e senza dolore ... ) il paziente va rimandato dall'angiologo per un eco-doppler.
Se le cose vanno bene si passa a due volte alla settimana; se l'eco-doppler riscontra che
c' stato un aumento del flusso sanguigno si continua per due, tre mesi con due sedute
settimanali. Quando la situazione migliora si possono diminuire i farmaci (in accordo con
l'angiologo). E' un paziente che non va abbandonato e quando non c' pi il sostegno dei
farmaci si fanno dei richiami una volta al mese. Non importante trattare gli arti, ma fare
bene il sacro e i trocanteri. Il trattamento valido anche per osteoporosi e Sudek.

Piaghe da decubito
Il M. C. pu aiutare facendo piccoli agganciamenti intorno alla piaga

20
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE costruzione del gran trocantere

21
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Grande costruzione

1. bordo sacro;
2. chiusura sacro;
3. agganciamenti sui bordi esterni del grande dorsale fino all'angolo inferiore della scapola
sia a dx che a sn;
4. agganciamenti verso l'alto ai lati della colonna sia a dx che a sn;
manovre semilunghe alternando dx e sn come segue:
5. semilunghe esterne dx (met emitorace esterno);
6. semilunghe esterne sn (met emitorace esterno);
7. semilunghe interne dx (da met emitorace alla colonna);
8. semilunghe interne sn (da met emitorace alla colonna);
9. chiusura dell'albero partendo da T10 fino ad andare leggermente davanti passando
sotto l'arcata costale;
10. chiusura sacro;
11. bordo sacro;
12. chiusura sacro.

22
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE grande costruzione

23
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Emicranie vasomotorie
(zona della testa gonfia)

Si parte dalla grande costruzione (in corsivo le varianti):


1. bordo sacro;
2. chiusura sacro;
3. agganciamenti gran dorsale dx;
4. agganciamenti gran dorsale sn;
5. agganciamenti paravertebrali dx;
6. aggancia menti paravertebrali sn;
7. riempimento della zona della testa con agganciamenti verso l'alto,
Si inizia trattando una met, dall'esterno verso l'interno, poi l'altra met, sempre
dall'esterno verso l'interno, facendo attenzione ad incominciare dalla stessa parte che si
scelta per l'inizio del massaggio. Se durante il trattamento il rigonfiamento
diminuisce, ad ogni seduta si aumenta il numero degli agganciamenti fino a riempire la
zona della testa;
8. chiusura albero;
9. chiusura sacro;
10. bordo sacro;
11. chiusura sacro.

24
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE emicranie vasomotorie

25
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Trattamento organi interni


(asma branchia le, intestino,
stomaco, esofago, polmoni)

Se nella costruzione di base incontro la zona venosa, intestinale o del cuore gonfie, non si
fa M.C. Se trovo altre zone rigonfie, le salto.
La zona della testa e delle mestruazioni, invece, si trattano sempre (seguendo le
indicazioni).
1. bordo sacro (poche manovre);
2. chiusura sacro;
3. agg. gran dorsale dx;
4. agg. gran dorsale sn;
5. agg. paravertebrali dx;
6. agg. paravertebrali sn;
7. manovre semilunghe bilaterali a partire dalla fine dell'agganciamento con il gran
dorsale, fino all'angolo inferiore della scapola;
8. manovre semilunghe bilaterali a partire dalla fine degli aggancia menti appena fatti,
per arrivare ai paravertebrali, fino all'angolo inferiore della scapola;
9. punto di reazione del telefono, bilaterali (manovra a semiluna sotto l'angolo inferiore
della scapola che deve dare la sensazione di taglio sia in andata che al ritorno);
10. chiusura albero;
11. chiusura sacro;
12. bordo sacro;
13. chiusura sacro.

26
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE trattamento organi interni

27
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Trattamento testa e
preparazione arti superiori

1. bordo sacro;
2. chiusura sacro;
3. agg. gran dorsale dx e sn;
4. agg. paravertebrali dx e sn;
5. piramidi (rafforzamento) dx e sn: agganciamenti verso l'alto a partire dalla s.i.a.s. fino
a met dell'ala iliaca, passando sopra l'ala, continuando a salire verso l'alto diminuendo
man mano il numero degli agganciamenti fino a livello dell'angolo inferiore della
scapola (vedi fig.);
6. riempimento della prima zona testa;
7. punti di reazione del telefono;
8. agganciamenti (dx e sn) verso il bordo interno della scapola;
9. agganciamenti (dx e sn) verso l'alto sul bordo superiore della scapola (da non
confondere con la spina);
10. costruzione del sole intorno alla C6 C7 (senza andare sulle sporgenze ossee), con
piccoli agganciamenti intorno e verso la vertebra, poi chiusura intorno alla stessa,
divisa in 4 a causa delle sporgenze;
raggi lunghi bilaterali:
11. verso la linea nuca le;
12. verso la mastoide;
13. verso le fibre superiori del trapezio;
14. verso l'angolo supero-interno della scapola;
15. verso i paravertebrali;
16. punto di reazione bilaterale della spalla: nella fossa dove c' l'incontro acromion clavicola;
17. linea nucale: agganciamenti dell'occipite verso l'alto, bilaterali, dalla depressione dei
fori occipitali fino alla mastoide;
18. chiusura dell'albero;
19. chiusura sacro;
20. bordo sacro;
21. chiusura sacro.
28
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

29
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE trattamento testa e preparazione arti superiori


TUTTE LE MANOVRE
SONO BILATERALI

30
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Arti superiori

Dalla preparazione agli arti superiori, continuare con


1. agganciamenti bilaterali del deltoide (ai lati) partendo dal centro verso l'alto e dal
centro verso il basso;
2. chiusura ai lati, sempre bilaterali e partendo dal centro verso l'alto e dal centro verso il
basso;
3. Il gomito va trattato con agganciamenti verso l'articolazione e successive chiusure;
4. Si passa alla membrana interossea con agganciamenti dalla met dell'avambraccio in
alto (sempre verso il centro), bilaterali e dalla met in basso, sempre bilaterali;
5. Successivamente si fa un'unica chiusura dalla met in alto e poi un'altra dalla met in
basso;
6. Il polso va trattato sempre con piccoli aggancia menti verso l'articolazione e con
successive chiusure;
7. Per finire si fanno manovre sparse sul palmo della mano fino alle eminenze, sempre
agganciando verso l'articolazione.

31
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE arti superiori

32
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo LEUBE

Arti inferiori
(paziente supino)

1. Fascia esterna: si inizia dai bordi del T.F.L., procedendo da met muscolo verso "alto e
da met muscolo verso il ginocchio e successive chiusure (fig. 1);
2. si passa poi alla parte interna della coscia. Anche qui stesso procedimento ma
stimoliamo anche il punto di reazione nel canale di Hunter (fig. 2) (stare lontani dalla
zona inguinale!);
N.H. In caso di algoneurodistrofie, non si trattano gli arti inferiori, perch rischiamo di
provocare escare essendo il tessuto denutrito
3. Il ginocchio si tratta con aggancia menti che convergono verso l'articolazione sia
anteriormente che posteriormente; si fanno poi 4 chiusure intorno all'articolazione sia
anteriormente che posteriormente prestando attenzione alle sporgenze ossee e ai
canali linfatico-venosi nella parte posteriore del ginocchio (figg. 3-4);
4. Il polpaccio si tratta come la coscia seguendo per i profili dei gemelli e del tendine
achilleo fino alla zona retromalleolare + le due chiusure (fig. 5);
5. si stimola anche il punto di reazione posto all'incrocio dei gemelli.
Il piede viene trattato con la costruzione di piramidi retromalleolari sia laterali che
mediali, con agganciamenti che diminuiscono d numero man mano che ci si avvicina
al malleolo e poi ai bordi esterni ed interni del piede sempre con agganciamenti verso
l'alto (fig. 6);
6. Piramide esterna + bordo esterno;
7. Piramide interna + bordo interno;
8. Si prosegue con agganciamenti sulla parte dorsale dell'articolazione tibiotarsica,che
convergono sempre verso l'articolazione (tibia e mesopiede - fig. 7);
9. si passa poi ad agganciamenti sparsi, verso l'articolazione, sui metatarsi e sulle
metatarso-falangee;
10. si conclude con manovre sparse sulla parte piantare del piede (verso le dita) e con la
stimolazione di un punto di reazione situato nell'incontro tra le due eminenze (fig.8).

33
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

LEUBE arti inferiori

34
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Costruzione di base o piccola costruzione

Il metodo Dicke composto principalmente da strie lunghe e le manovre di aggancia


mento diventano secondarie.
1. due strie lunghe paravertebrali bilaterali dalla base del sacro alla linea nucale;
2. erbetta: sono tre piccole manovre verso l'angolo sacro-iliaco, la prima pi vicina
all'ala, la seconda intermedia, la terza pi vicina alla colonna (bilatera/e);
3. stria lunga partendo dall'angolo sacro-iliaco e passando sopra l'ala iliaca ;
4. losanga sacra le: stria dalla fossetta laterale al sacro fino alla base del sacro, e stria
dalla fossetta all'apice del sacro (bilaterale);
5. stria lunga da sotto l'ala iliaca, che costeggia i bordi dei glutei per arrivare in
prossimit della piega anale (bilaterale);
6. altra stria lunga, analoga alla precedente ma pi interna, parte lateralmente alla
piega anale e finisce sotto l'ala iliaca sul bordo sacrale (bilaterale);
7. manovre complementari bilaterali con piccoli agganciamenti dalla piega anale fin sotto
l'ala iliaca, costeggiando i bordi dei glutei;
8. manovre trasversali bilaterali sui glutei, partendo con una manovra verso l'interno,
e finendo con una manovra verso l'esterno;
9. chiusura da D12 con una stria lunga che passa sotto l'arcata costale (bilatera/e) ;
10. consigliabile una chiusura del sacro per riequilibrare.

35
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE piccola costruzione

36
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Vi sono altre manovre bilaterali, sempre inerenti alla piccola costruzione, da usare quando
non si pu usare la costruzione completa per varie ragioni. E' meno invasiva ma d anche
meno risposte.
E' indicata per gli emiplegici o nella lombalgia dolorosa.
1. strie paravertebrali bilaterali;
2. erbetta;
3. strie lunghe sopra le ali iliache;
4. losanga sacrale;
5. manovra dalla fossetta verso l'esterno e verso l'alto;
6. manovra dal sacro verso l'esterno e verso il basso passando sotto l'ala iliaca;
7. manovra laterale alla piega anale verso l'esterno e verso l'alto seguendo il bordo gluteo
in basso;
8. piccole strie sui bordi laterali del sacro verso l'interno del sacro, oblique verso l'alto
(perch da l si agisce sulla massa comune);
9. chiusura a D12;
10. chiusura sacro.

37
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE piccola costruzione


ALTRE MANOVRE

38
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Costruzione gran trocantere

1. strie dal trocantere verso l'alto sulla sua porzione superiore;


2. manovre alterne dal bordo del sacro fino all'ala iliaca anteriore e viceversa sempre
nella zona sopra al trocantere;
3. manovre orizzontali sotto il trocantere (la cui direzione non importante, ma se si
comincia in un verso, si continua in quel verso);
4. manovre verticali che partono dalla porzione superiore del trocantere, lo costeggiano e
si dirigono in basso (possono essere aumentate di numero se ci sono delle zone
cellulalgiche) (N.B. se la zona molto algica si possono utilizzare delle manovre corte
dal tensore della fascia lata fino al bicipite femorale);
5. manovra dal foro ischiatico fino al centro della coscia, poco prima del cavo popliteo,
dove inizia "il disegno" della losanga poplitea (pu essere utilizzata al di fuori della
costruzione quando ci siano problemi agli arti inferiori senza avere una lombalgia).

39
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE costruzione del gran trocantere

40
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Arto inferiore

Metodo DICKE

(decubito prono, ginocchio leggermente flesso)


1. si chiude la losanga poplitea con due manovre sotto il cavo popliteo e una stria fino
all'incontro dei gemelli (fig. 1);
2. piccole manovre che contornano il cavo popliteo in alto e in basso, tutte con la stessa
direzione verso il piede;
3. piccole manovre verso la stria che ha chiuso la losanga;
4. manovre lunghe esterne ai gemelli fin dietro i mal/eoli;
5. manovre retro e sotto mal/eolari tutte con la stessa direzione verso le dita del piede
(fig. 2);
6. manovre lungo i bordi del piede verso le dita;
7. manovre sulla pianta dell'avampiede verso le dita (fig. 3);
8. giriamo il paziente supino e facciamo delle piccole manovre sopra il ginocchio verso il
piede (fig. 4);
9. piccole manovre sull'avampiede sempre verso le dita; 10. E' sempre consigliabile una
chiusura di sacro.

41
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE arto inferiore

42
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Grande costruzione

Metodo DICKE

(organi interni, asma e mal di testa)


I punti da 1 a 8 (vedi disegno), sono ricavati dalla Piccola costruzione. Manovre essenziali:
9. strie lunghe continue dal gran dorsale alla colonna vertebrale bilaterali, salendo fino
all'angolo inferiore della scapola;
Manovre complementari (che diventano essenziali):
10. piccole trazioni paravertebrali bilaterali fino all'angolo inferiore della scapola;
11. svirgolamenti (molto utili per lombalgie dorsalgie cervicalgie) dalla trasversa passando
allo spazio intertrasversario superiore, bilaterali (non sono essenziali);
12. piccola via lattea (stria lunga; da T5 si va sotto l'angolo inferiore della scapola e si
prosegue fino al cavo ascellare);
13. grande via lattea (stria lunga; da T3 si scende fin sotto le ultime coste si passa sotto
l'arcata costale e si raggiunge la xifoide. E' una manovra che pu essere fatta
indipendentemente dal trattamento);
14. manovra del "sole" sulle due vertebre;
15. chiusura sacro.

43
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE grande costruzione

44
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Spalla e testa

Dopo aver fatto la costruzione fino alla piccola via lattea:


1. trazioni lunghe nello spazio interscapolare di andata e ritorno;
2. trazioni_ dalla colonna verso il bordo mediale della scapola con
andamento obliquo;
3. trazioni sulla scapola in direzione della spalla;
4. trazione sul bordo mediale della scapola verso l'alto;
5. trazione sul bordo superiore della scapola verso la spalla;
6. fra le manovre accessorie si continuano le trazioni paravertebrali o gli svirgolamenti;
7. trazioni dalla zona costale sotto la clavicola verso la spalla;
La grande costruzione termina con le manovre attorno alla spalla.
8. A livello di C7 il sole uguale alla Leube ma gli agganciamenti sotto la linea nucale
diventano piccole trazioni.
Per finire il trattamento si pu fare la grande via lattea, che altro non che una chiusura
dell'albero, e poi una chiusura di sacro.

45
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE spalla e testa

46
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Arto superiore

1. Stria lunga dalla mastoide alla clavicola dietro il bordo esterno dello scom;
2. strie lun_ghe verso i lati dello sterno, dal pilastro anteriore sotto la clavicola (no
sulle ghiandole mammarie);
3. stria dall'ascella a contornare l'articolazione della spalla fino alla clavicola e ritorno;
4. 3 strie sulla parte ventrale del braccio verso la mano;
5.piccoli stiramenti sopra l'articolazione del gomito verso l'articolazione stessa;
6. strie nella parte ventrale dell'avambraccio verso la mano;
7. piccoli stiramenti sulla parte ventrale del polso verso le dita;
8. piccoli stiramenti sul palmo della mano verso le dita.

47
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE arto superiore

48
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Lombalgie

Metodo DICKE

(Tutte le manovre sono blIatera!i se non diversamente specificato)


Per il dolore si utilizza la piccola costruzione della Oicke, nella versione pi breve, per poi
fare una chiusura di sacro (per sicurezza).
1. Si inizia-sempre con due strie paravertebrali dal sacro all'occipite;
2. chiusura sacro;
3. chiusura dell'albero a D12;
4. strie lungo il bordo mediale della scapola dall'alto in basso;
da D7 si fa mezza via lattea;
5. stria dall'occipite fino al trapezio;
6. si completa la via lattea partendo da D5 ( ... e non da D3!...);
7. stria dall'angolo esterno della scapola fino al bordo mediale;
8. si ridiscende con una via lattea;
9. stria lunga dalla colonna ancora un po' pi in basso fin sotto l'arcata costale;
10. "svirgolamenti" paravertebrali da sopra il sacro fino alle dorsali;
(se si trova una contrattura si fanno dei piccoli stira menti a 45 o verso la colonna
partendo dal basso);
11. manovre trasversali di andata e ritorno sui glutei;
12. agganciamenti verso la colonna (dove troviamo contratture);
13. strie paravertebrali sacro-nuca;
14. chiusura sacro.

Cervicalgie

strie paravertebrali sacro-occipite;

per togliere il dolore si possono fare: sole, strie sui trapezi, sugli
angolari della scapola, e romboidei;

Rolfing sull'inserzione scapolare dell'elevatore della scapola;

si scende con delle strie sul gran dorsale;

se si trovano i paravertebrali contratti si fanno dei piccoli stiramenti, (per dolori al


sacro si pu fare la piccola costruzione della Dicke);

si torna verso l'alto ripetendo le manovre fatte per scendere.


49

PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE lombalgie

50
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Spalla

1. tre manovre sopra la scapola dal bordo mediale al trapezio, (se ci sono contratture si
possono fare delle strie perpendicolari alle fibre del trapezio sulla contrattura);
2. strie longitudinali sul sopraspinoso, sottospinoso, e piccolo rotondo;
3. stria sul trapezio fibre superiori;
4. tre manovre anteriori verso la spalla, controllando se ci sono contratture;
5. strie intorno alla capsula dalla clavicola al cavo ascellare;
6. aggancia mento del tendine del bicipite;
7. svirgolamenti sul tendine e sulla testa omerale;
8. pompage del pettorale;
9. strie lunghe sul braccio (asse longitudinale);
10. manovre trasverse profonde sul bicipite;
11. strie lunghe sui bordi esterni del deltoide;
12. frizioni tipo "telefono" sulle eventuali contratture e sull'inserzione distale del deltoide.

51
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE spalla

52
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Mano

La tecnica si pu utilizzare nel caso di patologie come il Tunnel Carpale e Dupuytren al 1


stadio.
1. manovre semilunghe sulla parte volare dell'avambraccio verso la mano fino a tutta la
zona carpale;
2. manovre dall'eminenza tenare fino alle metacarpo falangee;
3. pompage della fascia trasversa profonda della mano;
4. agganciamenti delle eminenze della mano lavorando trasversalmente alla fascia;
5. piccole trazioni trasversali alla fascia.
Nel caso ci sia la cicatrice a zeta del Dupuytren, dopo aver tolto i punti, si possono fare
degli agganciamenti intorno al cordone per scollarlo.

53
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE mano

54
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

Metodo DICKE

Viso

1. Partendo dalla fossetta mentoniera si contorna la mandibola esternamente fino alla


temporo-mandibolare, bilateralmente
2. agganciamenti sulla fronte allattaccatura dei capelli verso lalto
3. manovre dalla met inferiore del labbro verso lalto
4. manovre dalla met superiore del labbro verso lo zigomo
5. piccole manovre dalla radice del naso in gi
6. manovre sotto locchio dallinterno verso lesterno
7. manovre sopra la palpebra partendo da sotto il sopracciglio verso lesterno
manovre accessorie:
8. piccole manovre sullo zigomo verso lavanti
9. strie sulla fronte verso lo zigomo
10. piccole manovre ai lati del naso verso la punta (serve per il facciale).

55
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com

DICKE viso

56
PDF created with pdfFactory trial version www.pdffactory.com